Rivista telematica (www.statoechiese.it)
Online dal gennaio 2007
Menu

Articoli in Santa Sede e Curia romana

Il Giudice italiano e le Università Pontificie: un “rapporto” controverso - di Settimio Carmignani Caridi

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Significatio verborum - 3. Dove ha la propria sede la PUL? - 4. Che rapporto c’è tra la PUL e la Santa Sede? - 5. La docenza universitaria ecclesiastica è funzione ecclesiale? - 6. La Santa Sede si è vista riconoscere in sede internazionale la sua competenza sulle università ecclesiastiche e pontificie? - 7. Inquadramento della materia così ricostruita nella normativa pattizia - 8. Conclusioni.

The Italian judge and the Pontifical Universities: a controversial relationship

ABSTRACT: The article examines the juridical status of the Roman Pontifical Universities and the jurisprudence of the Supreme Court of Cassation regarding employment relationships with institutions dependent on the Holy See.

Scarica il testo completo in PDF

Le dinamiche concordatarie tra Santa Sede e Stati islamici - di Raffaele Santoro

SOMMARIO: 1. Il concordato nelle dinamiche delle relazioni tra Chiesa cattolica e Stati islamici - 2. Concordato e libertà religiosa nei Paesi islamici - 3. Gli accordi bilaterali sottoscritti dalla Santa Sede in questi speciali “territori di missione” - 4. La tutela delle minoranze religiose nella Dichiarazione di Al-Azhar e la possibile apertura di nuove frontiere delle dinamiche concordatarie.

The concordat dynamics between Holy See and Islamic State

ABSTRACT: The article analyzes the concordat dynamics between Holy See and Islamic States developed after the Second Vatican Council. The concordat, in its various forms, is the main instrument through which is regulated the system of relations between States and Catholic Church. Its use has been tested successfully in various Islamic States, and sometimes even with heterogeneous formulas, because of differences that distinguish the individual systems, trying to translate the concepts of autonomous of Church and collaboration with States in forms legal acceptable to Muslim tradition countries. The exhortations in the Al-Azhar Declaration are directly connected with the possible development of bilateral activities between Holy See and other Islamic countries and this can also strengthen the peace among peoples and the interfaith dialogue.

Scarica il testo completo in PDF

Il Sovrano Militare Ordine di Malta dalla crisi del 2016-2017 alla riforma costituzionale - di Alberto Tomer

SOMMARIO: 1. La recente crisi istituzionale dell’Ordine di Malta. Una premessa - 2. La sospensione del Gran Cancelliere: tre versioni a confronto - 3. Dall’intervento della Sede Apostolica alle dimissioni del Gran Maestro - 4. La nomina del Delegato Speciale e l’elezione del Luogotenente di Gran Maestro - 5. Possibili esiti della riforma: il rapporto con la Santa Sede e l’assetto istituzionale dell’Ordine - 6. I Cavalieri melitensi tra professione religiosa e requisiti nobiliari - 7. Verso un esercizio più collegiale della funzione di governo? - 8. Una riforma complessa in un equilibrio delicato.

From the 2016-2017 crisis to the constitutional reform of the Sovereign Military Order of Malta

ABSTRACT: The paper attempts to examine the recent events surrounding the Sovereign Military Order of Malta and their consequences. On one hand it gives an account of the institutional crisis unfolded since December 2016, which started with the suspension of the Grand Chancellor decreed by the Grand Master. However, following a direct intervention on the matter from the Holy See, the Grand Master resigned from his office and a new Lieutenant was elected in his place. On the other hand it points out the most predictable outcomes of the constitutional reform process launched after the resolution of this crisis, with a particular consideration for the role of the professed Knights in the government of the Order - an aspect which is strictly linked to the relation with the Holy See - and for the balance of powers between the Grand Magistry and the other executive bodies, especially the Sovereign Council.

Scarica il testo completo in PDF

North Atlantic Catholic Communities in Rome in the 19th Century: Appointment and Ecclesiastical Policies of the First Irish-, American- and Canadian-Born Cardinals - di Rossella Bottoni

SUMMARY: 1. Introduction - 2. Cardinals and the Internationalization of the Sacred College - 3. The Internationalization of the Catholic Church, the Irish Diaspora and the Transnational Network of North Atlantic Catholic Communities - 4. Appointment and Ecclesiastical Policy of Paul Cullen, the First Irish-Born Cardinal - 5. Appointment and Ecclesiastical Policy of John McCloskey, the First American-Born Cardinal - 6. The First Vatican Council - 7. The 1878 Conclave - 8. Appointment and Ecclesiastical Policy of Elzéar-Alexandre Taschereau, the First Canadian-Born Cardinal - 9. Final Remarks.

ABSTRACT: In the second half of the 19th century, when the Roman Curia was still a monopoly held by Italians and few other European nationalities, the first Irish-, American- and Canadian-born cardinals were appointed within the time span of twenty years - respectively in 1866, 1875 and 1886. In the subsequent decades, other Irish-, American- and Canadian-born cardinals were appointed. This development - in a crucial time characterized by the end of the pope’s temporal power - raises important questions: to what extent did the concerned cardinals became ‘Romanized’ and to what extent did they rather contribute to the development of a new vision of their role in the Catholic Church? Also, to what extent did they pursue the interests of their respective national Catholic community, and to what extent did they rather share the same preoccupations and put forward the same demands? In order to answer these questions, this essay will focus on Paul Cullen, John McCloskey and Elzéar-Alexandre Taschereau.

Scarica il testo completo in PDF

La riforma del processo canonico di nullità matrimoniale: il complicarsi progressivo del quadro delle fonti normative (parte terza) - di Geraldina Boni

SOMMARIO: PARTE I: DAI SINODI DEI VESCOVI SU MATRIMONIO E FAMIGLIA AI DUE ‘MOTU PROPRIO’ DI PAPA FRANCESCO - 1. I Sinodi dei Vescovi del 2014 e del 2015 quali ‘contesti interpretativi’ delle leggi pontificie. Alcune riflessioni sull’ermeneutica delle norme relative alle procedure di nullità matrimoniale - 2. Le Litterae Apostolicae Motu Proprio datae Mitis iudex dominus Iesus e il diritto processuale codiciale - 3. La scelta dello strumento formale - 4. ‘Singolarità’ della pubblicazione/promulgazione … - 5. (segue) … e della stessa fase preparatoria - 6. Il proemio e la Ratio procedendi - PARTE II: IL COMPLICARSI PROGRESSIVO DEL QUADRO DELLE FONTI - 1. Il dilemma interpretativo circa l’abrogazione ovvero la deroga del Motu Proprio Qua cura e circa la ‘sopravvivenza’ dei tribunali regionali italiani. Le Risposte particolari del Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi e le ‘indicazioni’ del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica - 2. (segue) La dichiarazione della mens legislatoris del 4 novembre 2015 - 3. (segue) Il Rescritto pontificio (ex audientia SS.mi?) del 7 dicembre 2015 - 4. (segue) Il ‘tavolo di lavoro’ Santa Sede-Conferenza Episcopale Italiana istituito da Papa Francesco il 1° giugno 2016. La mens legislatoris del 12 marzo 2016 - 5. Vademecum applicativi (?) - 5.1. L’Istruzione Dignitas connubii - 5.2. Il «Sussidio applicativo del Motu pr. Mitis Iudex Dominus Iesus» della Rota Romana del gennaio 2016 (e il Rescriptum ex audientia SS.mi del 22 gennaio 2016) - 5.3. Un’appendice: la Lettera Circolare della Segnatura Apostolica Inter munera del 30 luglio 2016 - PARTE III: PROSPETTIVE DI RAZIONALIZZAZIONE - 1. Verso una soluzione quanto più possibile rapida delle questioni interpretative aperte: l’approdo a una tendenzialmente stabile ‘conclusione’ della riforma del processo e dell’ordinamento giudiziario ecclesiale - 2. La produzione di norme nella Chiesa: una ponderata ars legiferandi e una garantista distinzione delle funzioni quali essenziali esigenze di legalità e non di mero legalismo. Pubblicazione, promulgazione e divulgazione: una necessaria revisione.

The reform of the process for the declaration of nullity of marriage: the progressive complication of the regulatory sources

ABSTRACT: The essay examines, first of all, the anomalous ways in which the Pope Francis’s reform about the process of declaration of nullity of marriage was prepared, published and finally promulgated in 2015. Even the legal configuration of the document issued is atypical. Inevitably, many interpretative doubts have arisen in these two years. Consequently, a number of regulatory measures have been issued to resolve this situation. The present work examines their very problematic qualification and the consequent uncertainties about their legal value. Currently the situation is chaotic: in reference, above all, to the framework of the normative sources and to the various application problems of the new reform. An incisive intervention of overall clarification is necessary, concludes the article.

Scarica il testo completo in PDF

La riforma del processo canonico di nullità matrimoniale: il complicarsi progressivo del quadro delle fonti normative (parte seconda) - di Geraldina Boni

SOMMARIO: PARTE I: DAI SINODI DEI VESCOVI SU MATRIMONIO E FAMIGLIA AI DUE ‘MOTU PROPRIO’ DI PAPA FRANCESCO - 1. I Sinodi dei Vescovi del 2014 e del 2015 quali ‘contesti interpretativi’ delle leggi pontificie. Alcune riflessioni sull’ermeneutica delle norme relative alle procedure di nullità matrimoniale - 2. Le Litterae Apostolicae Motu Proprio datae Mitis iudex dominus Iesus e il diritto processuale codiciale - 3. La scelta dello strumento formale - 4. ‘Singolarità’ della pubblicazione/promulgazione … - 5. (segue) … e della stessa fase preparatoria - 6. Il proemio e la Ratio procedendi - PARTE II: IL COMPLICARSI PROGRESSIVO DEL QUADRO DELLE FONTI - 1. Il dilemma interpretativo circa l’abrogazione ovvero la deroga del Motu Proprio Qua cura e circa la ‘sopravvivenza’ dei tribunali regionali italiani. Le Risposte particolari del Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi e le ‘indicazioni’ del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica - 2. (segue) La dichiarazione della mens legislatoris del 4 novembre 2015 - 3. (segue) Il Rescritto pontificio (ex audientia SS.mi?) del 7 dicembre 2015 - 4. (segue) Il ‘tavolo di lavoro’ Santa Sede-Conferenza Episcopale Italiana istituito da Papa Francesco il 1° giugno 2016. La mens legislatoris del 12 marzo 2016 - 5. Vademecum applicativi (?) - 5.1. L’Istruzione Dignitas connubii - 5.2. Il «Sussidio applicativo del Motu pr. Mitis Iudex Dominus Iesus» della Rota Romana del gennaio 2016 (e il Rescriptum ex audientia SS.mi del 22 gennaio 2016) - 5.3. Un’appendice: la Lettera Circolare della Segnatura Apostolica Inter munera del 30 luglio 2016 - PARTE III: PROSPETTIVE DI RAZIONALIZZAZIONE - 1. Verso una soluzione quanto più possibile rapida delle questioni interpretative aperte: l’approdo a una tendenzialmente stabile ‘conclusione’ della riforma del processo e dell’ordinamento giudiziario ecclesiale - 2. La produzione di norme nella Chiesa: una ponderata ars legiferandi e una garantista distinzione delle funzioni quali essenziali esigenze di legalità e non di mero legalismo. Pubblicazione, promulgazione e divulgazione: una necessaria revisione.

ABSTRACT: The essay examines, first of all, the anomalous ways in which the Pope Francis’s reform about the process of declaration of nullity of marriage was prepared, published and finally promulgated in 2015. Even the legal configuration of the document issued is atypical. Inevitably, many interpretative doubts have arisen in these two years. Consequently, a number of regulatory measures have been issued to resolve this situation. The present work examines their very problematic qualification and the consequent uncertainties about their legal value. Currently the situation is chaotic: in reference, above all, to the framework of the normative sources and to the various application problems of the new reform. An incisive intervention of overall clarification is necessary, concludes the article

Scarica il testo completo in PDF

La riforma del processo canonico di nullità matrimoniale: il complicarsi progressivo del quadro delle fonti normative (parte prima) - di Geraldina Boni

SOMMARIO: PARTE I: DAI SINODI DEI VESCOVI SU MATRIMONIO E FAMIGLIA AI DUE ‘MOTU PROPRIO’ DI PAPA FRANCESCO - 1. I Sinodi dei Vescovi del 2014 e del 2015 quali ‘contesti interpretativi’ delle leggi pontificie. Alcune riflessioni sull’ermeneutica delle norme relative alle procedure di nullità matrimoniale - 2. Le Litterae Apostolicae Motu Proprio datae Mitis iudex dominus Iesus e il diritto processuale codiciale - 3. La scelta dello strumento formale - 4. ‘Singolarità’ della pubblicazione/promulgazione … - 5. (segue) … e della stessa fase preparatoria - 6. Il proemio e la Ratio procedendi - PARTE II: IL COMPLICARSI PROGRESSIVO DEL QUADRO DELLE FONTI - 1. Il dilemma interpretativo circa l’abrogazione ovvero la deroga del Motu Proprio Qua cura e circa la ‘sopravvivenza’ dei tribunali regionali italiani. Le Risposte particolari del Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi e le ‘indicazioni’ del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica - 2. (segue) La dichiarazione della mens legislatoris del 4 novembre 2015 - 3. (segue) Il Rescritto pontificio (ex audientia SS.mi?) del 7 dicembre 2015 - 4. (segue) Il ‘tavolo di lavoro’ Santa Sede-Conferenza Episcopale Italiana istituito da Papa Francesco il 1° giugno 2016. La mens legislatoris del 12 marzo 2016 - 5. Vademecum applicativi (?) - 5.1. L’Istruzione Dignitas connubii - 5.2. Il «Sussidio applicativo del Motu pr. Mitis Iudex Dominus Iesus» della Rota Romana del gennaio 2016 (e il Rescriptum ex audientia SS.mi del 22 gennaio 2016) - 5.3. Un’appendice: la Lettera Circolare della Segnatura Apostolica Inter munera del 30 luglio 2016 - PARTE III: PROSPETTIVE DI RAZIONALIZZAZIONE - 1. Verso una soluzione quanto più possibile rapida delle questioni interpretative aperte: l’approdo a una tendenzialmente stabile ‘conclusione’ della riforma del processo e dell’ordinamento giudiziario ecclesiale - 2. La produzione di norme nella Chiesa: una ponderata ars legiferandi e una garantista distinzione delle funzioni quali essenziali esigenze di legalità e non di mero legalismo. Pubblicazione, promulgazione e divulgazione: una necessaria revisione.

The reform of the process for the declaration of nullity of marriage: the progressive complication of the regulatory sources

ABSTRACT: The essay examines, first of all, the anomalous ways in which the Pope Francis’s reform about the process of declaration of nullity of marriage was prepared, published and finally promulgated in 2015. Even the legal configuration of the document issued is atypical. Inevitably, many interpretative doubts have arisen in these two years. Consequently, a number of regulatory measures have been issued to resolve this situation. The present work examines their very problematic qualification and the consequent uncertainties about their legal value. Currently the situation is chaotic: in reference, above all, to the framework of the normative sources and to the various application problems of the new reform. An incisive intervention of overall clarification is necessary, concludes the article.

Scarica il testo completo in PDF

L’impegno della Conferenza Episcopale Spagnola in favore della trasparenza: il Portale di Trasparenza e l’Accordo con Transparency International España - di Juan González Ayesta

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Misure di trasparenza adottate nell’ambito della Santa Sede- 3. Legislazione spagnola in materia di trasparenza- 4. Il nuovo Portale di Trasparenza della CEE- 5. L’Accordo tra la CEE e TIE: profilo soggettivo- 6. L’Accordo tra la CEE e TIE: profilo sostanziale - 7. Riflessioni conclusive - 8. Appendice: Testo integro dell’Accordo tra la CEE e TIE.

The commitment of the Spanish Bishops' Conference in favor of Transparency: the Transparency Portal and the Agreement with Transparency International España

ABSTRACT: This paper analyzes two recent measures adopted by the Spanish Bishops' Conference to increase its level of transparency. The first of these measures is the creation of a new Transparency Portal in which a great deal of information is collected on institutional, legal and economic aspects related both to the Spanish Bishops' Conference itself and to other entities of the Catholic Church in Spain. As the present article shows, it is possible to establish a parallelism between the information provided on that website and some of the active publicity obligations established by Spanish Transparency Act. The second of the measures analyzed is the Agreement signed by the Spanish Bishops' Conference and Transparency International España. Through this Agreement, the Spanish Episcopal Conference is committed to adopt measures to increase its levels of Transparency.

Scarica il testo completo in PDF

Giurisdizione italiana ed “enti centrali della Chiesa Cattolica”: tra immunità della Santa Sede e (intatta) sovranità dello Stato in re temporali - di Jlia Pasquali Cerioli

SOMMARIO: 1. Sulla nozione di “entri centrali della Chiesa Cattolica” - 2. L’esenzione da “ogni ingerenza” statale - 3. Annotazioni generali sulla immunità della Santa Sede e dei suoi organi - 4. ( … segue) gli orientamenti giurisprudenziali - 5. Il caso della Pontificia Università Lateranense (PUL) e l’ord. n. 21541 del 2017 delle sezioni unite della Corte di Cassazione - 6. Brevi annotazioni finali.

Scarica il testo completo in PDF

I rapporti internazionali dello Stato Città del Vaticano alla luce degli interventi normativi in materia finanziaria - di David Durisotto

SOMMARIO: 1. Stato Città del Vaticano e Unione europea. La Convenzione monetaria - 2. Lo sviluppo della SCV del Vaticano. Il dilatamento della giurisdizione vaticana e i rapporti di giurisdizione con l’Italia - 3. La normativa vaticana e il processo di valutazione MONEYVAL. Approccio collaborativo delle autorità vaticane e rapporti internazionali - 4. Gli sviluppi più recenti.

International Relations of Vatican City State and measures in financial law

ABSTRACT: After having outlined the peculiarities of Vatican City State's nature, this paper examines the development of its financial law, starting with the Monetary Convention with European Union. The Holy See from 2009 makes a serious effort to adjust its law to the current needs of an increasingly globalised market. This results in a profound change in the Vatican international relations, which were previously mainly addressing Italy, in order to satisfy the territorial and material needs of a small State. Today Vatican City State has agreed to be subject to periodic controls on its financial system by international bodies. It has developed a system of international relations and it integrates into the global financial market transparency system.

Scarica il testo completo in PDF

Heri dicebamus. Cause remote (e recenti) di un dialogo difficile sulle prospettive metodologiche di una canonistica non più subalterna al centralismo della Curia romana - di Francesco Zanchini

Avvicinamento morbido, epperò rilevantissimo all’assoluto kantiano dell’imperativo categorico, è senza dubbio l’idea su cui poggia il ripudio del fondamentalismo, e con esso la graduale ricezione di una prassi di tolleranza (tendente a orizzonti sempre più ampi) nell’etica cattolica contemporanea: “norma prossima dell’azione non è la coscienza retta ma è la coscienza certa, anche se per caso erronea”; idea, mediante la quale distinguere tra foro interno e esterno è azione che si carica di un significato decisivo. Chi la rifiuta, non è cattolico. E che questa elasticità sia condizione per l’evangelicità di ogni cristianesimo storico lo mostra la tolleranza autorizzata agli albori del concilio, seppure in peculiari situazioni (dal S. Uffizio o dalla Penitenzieria, poco importa) alla presenza di credenti granitici nel comitato centrale di partiti dichiaratamente atei.

Scarica il testo completo in PDF

Ancora considerazioni sull’emeritato di Benedetto XVI - di Luigi Mariano Guzzo

SOMMARIO: 1. La rinuncia di Benedetto XVI all’ufficio di Romano Pontefice - 2. Una nuova situazione soggettiva nel diritto ecclesiale: il Papa emerito.


ABSTRACT: Ratzinger’s resignation is an important event for the history of Catholic Church. Probably, it had a huge social impact and this kind of public reaction obscured the juridical elements involved in the event. But the controversial aspects are not limited only to the public image of Roman Catholic Church and obviously need a typical Canon Law approach. The aim of this essay is to analyse what exactly means a resignation in the  history of ecclesiastical institutions and to offer some suggestions about the most precise answers to many problems still not unclear.
 

Scarica il testo completo in PDF

La Lettera dei 138 (2006). Bilancio di un tentativo di dialogo non (del tutto) riuscito - di Antonio Guerrieri

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La nascita della Lettera - 3. Contenuto della Lettera e commenti - 4. La (flebile) risposta della Santa Sede - 5. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Il Sacro Collegio cardinalizio vigente il Codex Iuris Canonici del 1917 - di Fabio Blasigh

SOMMARIO: 1. Premessa: il Senatus Romani Pontificis – 2. Il Collegio Cardinalizio quale persona moralis – 3. La composizione del Sacro Collegio – 4. La mancanza di una disciplina propria per i Concistori – 5. Requisiti , privilegia e obblighi dei Cardinali nel Codex piano-benedettino – 6. Le deroghe alla disciplina del Collegio Cardinalizio precedenti alla promulgazione del Codex Iuris Canonici 1983 – 6.1 Le modifiche al Sacro Collegio apportate da San Giovanni XXIII – 6.2 Le innovazioni al Collegio dei Cardinali introdotte dal Beato Paolo VI – 7. Conclusione: la persistente centralità del Senatus Papae a seguito dell’istituzione del Sinodo dei Vescovi.

The Sacred College of Cardinals during the Codex Iuris Canonici of 1917

ABSTRACT: The present study aims to analyze nature, characteristics and functions of the Sacred College during the Code of Canon Law of 1917. The can. 230 CIC defines the College of Cardinals as Senatus Pontificis Romans. This organism, led back by canonical figure of the moral person, assists the Roman Pontiff in governing the universal Church. This work also analyzes the innovations introduced at the Sacred College by St. John XXIII and blessed Paul VI.

Scarica il testo completo in PDF

The Institute for Religious Works: key features of financial intermediation - di Francesca Arnaboldi Bruno Rossignoli

SUMMARY: 1. Introduction – 2. Background to anti-money laundering – 3. Financial intermediation, 2011–2014 – 4. Conclusion.

Scarica il testo completo in PDF

Due papi a Roma? - di Geraldina Boni


SOMMARIO: 1. Preambolo. La rinuncia di papa Benedetto XVI e il diritto canonico vigente - 2. Ordine e giurisdizione, consacrazione episcopale e accettazione dell’elezione - 3. Il convitato di pietra: la causa dal punto di vista giuridico - 4. Qualche nota cursoria sulla ingravescens aetas. Ancora sulla stella polare del bonum commune Ecclesiae - 5. Perfezionamento, libertà ed efficacia della rinuncia: equivoci da evitare - 6. ... anche sulla non accettazione e ricettizietà della medesima - 7. Suo carattere comunque straordinario (di fatto, non di diritto) - 8. Status e qualifica di Joseph Ratzinger - 9. Rinuncia al ministerium e conservazione del munus? Dalla nebulosità di terminologia e immagini alla fumosità concettuale - 10. Critica ad alcune recenti ricostruzioni dottrinali. Munus, ministerium, officium. La "singolarità" del successore di Pietro - 11. Preminenza ecclesiologica o eccellenza escatologica della rinuncia? La monocraticità dell’ufficio di romano pontefice.
 

Scarica il testo completo in PDF

Il ruolo dei Cardinali nella Costituzione Apostolica Pastor Bonus sulla Curia Romana - di Fabio Blasigh

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. I Cardinali nelle Congregazioni Romane – 3. Le “Riunioni di Cardinali” nella Curia Romana – 3.1 Il rapporto tra i Concistori e la Curia Romana – 3.2 Le Riunioni Interdicasteriali – 3.3 Il Consiglio di Cardinali per lo studio dei problemi organizzativi ed economici della Santa Sede – 4. Il Cardinale Segretario di Stato – 5. I Cardinali nei Pontifici Consigli e negli Uffici della Curia Romana – 6. I Cardinali nei Tribunali – 7. Conclusione.

The role of the Cardinals in the Apostolic Constitution Pastor Bonus on the Roman Curia

ABSTRACT : The Cardinals are the main collaborators of the Roman Pontiff in governing the universal Church. This collaboration takes place both at the collegiate level in consistories and individually within the Roman Curia. The Apostolic Constitution Pastor Bonus promulgated in 1988 by St. John Paul II devotes ample space to the service offered by the Cardinals in the departments. The author of this article will attempt to analyze the tasks entrusted to the Cardinals in the various Dicasteri, in particular at Congregations and the Secretariat of State, and pointing out the differences with the previous discipline of Regimini Ecclesiae Universae . Special attention will be devoted to the activity of coordination curial left to the Meeting of Cardinals and finally the relationship and discipline posed by Pastor Bonus to the relationship between the Roman Curia and the Consistories.

Scarica il testo completo in PDF

Etica cattolica, debito e giustizia sociale in vista di un nuovo assetto internazionale - di Raffaele Coppola

SOMMARIO: 1. Preambolo – 2. Valore teologico e valore giuridico dei pronunciati del Magistero ecclesiastico – 3. La lectio magistralis del 12 maggio 2003 di Giovanni Paolo II – 4. La Carta di Sant’Agata de’ Goti del 29 settembre 1997 e la legge italiana 25 luglio 2000 n. 209 – 5. La sfida dei Pontificati di Benedetto XVI e di Francesco – 6. Autorità politica mondiale e giustizia sociale – 7. L’umanesimo cristiano oggi – 8. Sintesi conclusiva.

Catholic Ethics, Debt and Social Justice in the Light of a New International Order

ABSTRACT: Since twenty years a group of scholars, including the Author of this essay, has been fighting for the reconstruction of the legal framework of the international debt. The Charter of Sant’Agata de’Goti (September 29, 1997), which is the result of the passionate work by a Commission on usury and international debt, has virtually been travelling around the world, including the Latin American Parliament and the Vatican City, finally landed in the Italian Parliament with the 25 July 2009 Italian Act (n. 209). Besides the legal relevance, this essay is the testimony of a significant part of the service that the Author has carried out in the interest of the Holy See and the Catholic Church; this is in fact a summary of his twenty-year commitment on the (public-private-international) debt, in view of the forthcoming visit of the Holy Father Francis in the United States (September 2015), on the eve of the 2015-2016 Extraordinary Jubilee Year (called the “Holy Year of Mercy”), which again will underline the principle of natural order for all the goods on earth. This papal journey assumes considerable importance, especially when related to the Pope’s speech, which will be held at the Congress and at the General Assembly of the United Nations in New York. The Author of this essay hopes that, in the context of those venerable international institutions, together with the Italian government, the Holy Father – under his personal commitment which is recognized in the world – will propose to the UN Assembly the start of the procedures for requesting the opinion of the AIA Court of Justice about the consistency between the rules governing the developing Countries’ foreign debt (but today you might be referring to the international debt tout court ) and the framework of human rights principles, which includes the rights of peoples. We must also keep in mind that, in order to better understand the frame of reference, a deputy of the Italian Chamber, Salvatore Cherchi, together with other proponents of the mentioned 2000 Act (n. 209) – whose Article 7 remained unfulfilled – have been directly inspired by the mentioned Charter of Sant’Agata de’Goti on usury and international debt.

Scarica il testo completo in PDF

Il Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi nell’assetto istituzionale della Curia Romana tra diritto vigente e prospettive di riforma - di Manuel Ganarin

SOMMARIO: 1. La svolta conciliare e l’aggiornamento degli ordini dei Dicasteri della Curia Romana: la comparsa dei Consilia quali enti precipuamente consultivi e marginalmente giurisdizionali – 2. Le attribuzioni del Dicastero de Legum Textibus : una potenziale ‘anomalia’ nell’ordine dei Pontifici Consigli? – 3. L’‘eclissi’ parziale del munus interpretandi e la tripartizione funzionale individuata da Papa Benedetto XVI. Il Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi quale promotore, garante e interprete dell’ unitas disciplinae – 4. La revisio Curiae avviata da Papa Francesco. Brevi considerazioni alla luce di un’imminente riforma della cost. ap. Pastor Bonus – 5. Il possibile riposizionamento del Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi nell’ordine dicasteriale degli Officia – 6. La ridefinizione delle competenze dell’ Officium (o Secreteria ) pro Legum Textibus . Alcune proposte, de iure condendo , di modificazione e di integrazione della legislazione vigente – a) Norma introduttiva – b) Funzioni di garanzia – c) Funzioni di interpretazione – d) Funzioni promozionali e di studio – e) Funzione consultiva – 7. Conclusione.

The Pontifical Council for Legislative Texts in the institutional framework of the Roman Curia between existing law and prospects of reform

ABSTRACT: The reforms of the Roman Curia that followed the Second Vatican Council have established the institution of a new category of Dicasteries that help the Roman Pontiff in governing of the universal Church, that is, the Pontifical Councils. They are characterized to exercise functions mainly promotional, using only marginally the potestas regiminis . This contribution shows that there is an ‘anomaly’ between the Pontifical Councils, represented by the Pontifical Council for Legislative Texts. In fact, it is a Dicastery which exercises especially the functions of government, partially described in articles 154-158 of the apostolic constitution Pastor Bonus promulgated by Pope John Paul II on 28 June 1988. In light of the reform process of such constitution initiated by Pope Francis, the present work offers to place the Council in the category of the Offices of the Roman Curia and drafts the rules that would illustrate the competences of the new Officium (or Secreteria ) pro Legum Textibus .

Scarica il testo completo in PDF

La Santa Sede e la Conferenza di Helsinki per la sicurezza e la cooperazione in Europa - di Giovanni Barberini

“La Conferenza di Helsinki sulla Sicurezza e la Cooperazione in Europa" - è stato autorevolmente affermato dal card. Achille Silvestrini – "ha rappresentato un’esperienza unica nel suo valore. Era la prima volta, dopo il Congresso di Vienna del 1825, che la S. Sede partecipava come full member in un Consesso di Stati (… ). La presenza della S. Sede ad Helsinki ha rappresentato un segno concreto della concezione della pace fra le nazioni come valore morale prima ancora che come questione politica, e una occasione per rivendicare la libertà religiosa come una delle libertà fondamentali di ogni persona e come valore di correlazione nei rapporti fra i popoli”. La Conferenza di Helsinki, che vide ovest ed est uniti sulla via della distensione, costituisce l’esito di una serie di fattori - storici, politici e diplomatici – che hanno infine condotto i soggetti interessati a incontrarsi per discutere di temi di comune interesse, nonostante la forte contrapposizione all’epoca esistente fra i diversi schieramenti a livello mondiale ed europeo. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

La grande Europa di Giovanni Paolo II - di Giovanni Barberini

SOMMARIO: 1. I confini dell’Europa nel pensiero di Karol Wojtyła - 2. Il Cristianesimo e l’ Europa - 3. La comune origine religiosa del continente europeo - 4. Un obiettivo caro a Giovanni Paolo II.

Scarica il testo completo in PDF

Il ruolo dell’attività consultiva nell’avvio del pontificato di papa Francesco - di Cesare Edoardo Varalda

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Le origini della funzione consultiva nella vita della Chiesa - 3. Il Concilio Vaticano II e il rinnovato vigore della funzione consultiva - 4. Concistoro cardinalizio e Sinodo dei vescovi: esempi istituzionali dell’incidenza della funzione consultiva nella vita della Chiesa - 5. La dimensione consultiva al servizio del Successore di Pietro - 6. Conclusioni: per un “ricupero” degli elementi originali della funzione consultiva nella vita della Chiesa.

ABSTRACT: The aim of this paper is to examine the role played by the consultation principle in the life of the Church. Indeed, Pope Francesco underlined the importance of this concept and – from the beginning of his pontificate – widely used this “decision-making model”. Moreover, he based the ecclesiastical reform on this principle, in particular with the creation of the new council of cardinals, with the task to assist the holy father in the government of the Universal Church and to study possible revision of the apostolic constitution “Pastor Bonus” on the Roman Curia. Through a reflection that moves from the origins of the principle and its renewed strength during the Second Vatican Council, the paper allows concluding that the consultative principle plays a central role in the life of the church, even greater than that assumed within the jurisdiction of the states. This belief opens up further studies, able to deepen the original elements of the ecclesiastical consultation practice, with the aim of developing this model of government.

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” - Editoriali • “La prima Sede non è giudicata da nessuno” (can. 1404 c.j.c.): verso il tramonto di un’utopia (di g. c.) - di Giuseppe Casuscelli

Il tenore delle " osservazioni conclusive sul secondo rapporto periodico della Santa Sede", adottato dal Comitato preposto al controllo sull'attuazione della Convenzione sui Diritti del Fanciullo che opera presso l'ONU, è davvero inconsueto. Il Comitato, infatti, dopo avere lamentato un considerevole ritardo nella presentazione del rapporto, ha formulato sia apprezzamenti per le misure legislative e organizzative adottate dalla Santa Sede nel corso del 2013, sia esplicite richieste di modifica delle leggi canoniche e dello stesso insegnamento della Chiesa sui temi eticamente sensibili dell'aborto, della famiglia, dell'omosessualità, al fine di assicurare una garanzia più ampia ed efficace dei diritti del fanciullo garantiti dalla relativa Convenzione. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Privilegio petrino e “legge suprema”: considerazioni minime sul can. 1752 del CIC - di Francesco Zanchini

SOMMARIO: 1. Giurisdizione contenziosa e giurisdizione volontaria in materia matrimoniale - 2. Un intervento del Decano della Rota - 3. Alcune considerazioni prospettiche - 4. Riflessioni finali

Scarica il testo completo in PDF

Note preliminari sui protocolli concordatari - di Pasquale Lillo

SOMMARIO: 1 . Chiesa cattolica e ordinamento internazionale – 2 Forme di stipulazione concordataria – 3. I protocolli concordatari – 4. Natura giuridica dei protocolli – 5. Nessi esistenziali dei protocolli ecclesiastici ‒ 6. Casi particolari di protocolli concordatari ‒ 7. Il Protocollo italiano del 1984.

Scarica il testo completo in PDF

La legislazione vaticana in materia finanziaria: un banco di prova dell’art. 17 del TUE e dei principi di collaborazione e cooperazione tra Chiese, Stato e Unione Europea - di Maria Cristina Folliero

SOMMARIO : 1. Premessa – 2. Antefatti e pre-condizioni della legislazione finanziaria vaticana più recente - 3. Il nuovo corso della legislazione finanziaria vaticana: ruolo e funzione dell’art. 17 del Trattato di Lisbona - 4. Chiese e processo di integrazione valoriale europeo - 5. Chiese e processo mercatista di integrazione economica europea - 6. Il processo di integrazione al modello europeo della legislazione finanziaria vaticana - 7. Un processo che continua.

Scarica il testo completo in PDF

Una legge eguale per tutti in Vaticano: segnali di innesto di moderni principii di civiltà giuridica in un sistema a statuto feudale? - di Francesco Zanchini

L’ordinamento giudiziario dello Stato della Città del Vaticano, nelle incarnazioni seguite alla prima legge sulle fonti del diritto del 1929, ha sempre, sostanzialmente, lasciata impregiudicata la questione se gli illeciti commessi dagli addetti ai dicasteri di Curia potessero essere perseguiti dagli organi della giustizia penale vaticana. Non è un caso che la corte di Cassazione abbia affrontato talora questo tema delicato (senza per altro risolverlo con la dovuta chiarezza) nei termini di un discrimine supremo tra la giurisdizione del minuscolo Stato e il sistema parallelo della giustizia canonica in spiritualibus; cioè delle magistrature istituite a norma dei cann. 1404 ss. CJC (cfr. cann. 1556 ss. del vecchio codice Gasparri) e regolate dai cann. 1717 ss. CJC (cfr. cann. 1933 ss. del vecchio codice). (Continua)
 

Scarica il testo completo in PDF

Stato Città del Vaticano, Santa Sede e normativa antiriciclaggio. Produzione legislativa tra specificità funzionali e complessità strutturali - di Giuseppe Rivetti

SOMMARIO: 1. Interventi legislativi fondati sulle applicazioni giuridiche dei moderni principi dell’etica sociale. Lo Stato della Città del Vaticano da “enclave” dell’Italia a “enclave” dell’Unione europea - 2. Fonti. Rapporti tra ordinamento vaticano e ordinamento canonico - 3. Normativa antiriciclaggio: quadro legislativo di riferimento in continua evoluzione, in ragione di specificità strutturali. Analogie e differenze con la disciplina italiana - 4. Rapporto Moneyval: revisioni normative, in relazione alle Raccomandazioni Gafi (2012).

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” - Editoriali • Lo IOR e le occasioni sprecate (di g.c.) - di Giuseppe Casuscelli

I rapporti tra lo Stato italiano e la Chiesa cattolica sono stati segnati in passato, e lo sono ancora, a uno sguardo d’insieme, da occasioni mancate e interventi manchevoli. Le vicende dell'Istituto per le Opere di Religione (IOR), in particolare, sono state segnate da occasioni sprecate - da ambedue le parti - fin da quando era apparso incontrovertibile che l'Istituto, a dispetto della denominazione e diversamente da quanto previsto dallo Statuto, era dedito all'esercizio improprio di attività bancaria.
La disinvolta gestione dello IOR (protrattasi anche dopo gli anni della “gestione Marcinkus”), ostacolando volontà e tentativi di riforma, ha alimentato anch'essa quelle “divisioni nel corpo ecclesiale” che - almeno a fare data dagli avvenimenti che hanno condotto al fallimento del Banco Ambrosiano - hanno contribuito a deturpare il volto della Chiesa (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Aspetti della Giustizia Vaticana - di Giuseppe Dalla Torre

SOMMARIO: 1. Un nuovo interesse per la Giustizia Vaticana – 2. Ordinamento vaticano e ordinamento canonico – 3. Peculiarità dell’ordinamento giudiziario – 4. La questione dell’interpretazione – 5. Un caso particolare nel diritto penale – 6. La nuova normativa in materia di antiriciclaggio e lotta al terrorismo – 7. Cenni di conclusione.

Scarica il testo completo in PDF

Verso una riforma costituente del Papato? Buonasera Francesco, vescovo di Roma! - di Francesco Zanchini

Epifenomeno di una reazione culturale di base, ormai sempre più estesa in Occidente, al processo in atto da parte di centri, neppure troppo oscuri, di un liberismo selvaggiamente predatorio, operante a dar luogo a un drastico ridimensionamento, tramite appropriazione privatistica, delle risorse dei popoli del pianeta (processo che non risparmia le economie produttive più potenti, coinvolgendone sensibilmente gli organismi di alimentazione della crescita), l’elezione di un vescovo di Roma proveniente da un’area marginale, oggetto del primo esperimento aggressivo che si ricordi prima dello scatenamento globale del processo appena ricordato, è un indice tempestivo della rinnovata sensibilità ai segni dei tempi da parte del vertice della Chiesa cattolica. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

La legislazione antiriciclaggio dello Stato della Città del Vaticano: una comparazione con il sistema italiano - di Filippo Sgubbi Désirée Fondaroli Annamaria Astrologo Giuseppe Silvestri

SOMMARIO: 1. Il peso del diritto penale nel “fardello temporale” – 2. La Legge 24 aprile 2012, N. CLXVI dello Stato della Città del Vaticano nel sistema delle fonti del diritto - 3. (segue) “Persona giuridica” e “Autorità pubblica” ai sensi della Legge N. CLXVI – 4. Le misure di prevenzione e contrasto introdotte dalla Legge N. CLXVI del 2012, con particolare riferimento al delitto di riciclaggio – 5. L’art. 42 bis Legge N. CLXVI. Analogie e differenze rispetto al nucleo della disciplina italiana in materia di responsabilità degli enti.

ABSTRACT: This research is focused on anti-money laundering regulations in Vatican City State (Legge 24 aprile 2012 N. CLXVI). In particular, one compare it with italian set of rules and one analyze the system of vatican legal sources.

Scarica il testo completo in PDF

I “bancomat” vaticani e la nuova “questione romana” in materia finanziaria - di Antonio Fuccillo

SOMMARIO: 1. La recente vicenda dei “bancomat” vaticani bloccati dalla Procura della Repubblica di Roma - 2. Trasparenza finanziaria Vs. indipendenza della Santa Sede - 3. La normativa in materia di misure per il contrasto al riciclaggio e i riflessi sulla libertà religiosa dei fedeli nello Stato Città del Vaticano.

Scarica il testo completo in PDF

Identità storica del papato e crisi del regime di cristianità tra i patti lateranensi e il postconcilio. Forme e strategie di esercizio del ”potere spirituale” nel declino dell’occidente. - di Francesco Zanchini

SOMMARIO: 1. Preambolo - 2. La questione (e il travaglio) del potere temporale dei papi – 3. L’ordinamento vaticano creato nel ’29 dai Patti del Laterano – 4. I rapporti della Santa Sede con Berlino prima dell’aggressione alla Polonia – 5. La cautela politica di Pio XII durante la seconda guerra mondiale - 6. L’invasione tedesca, la guerra civile, la nuova Italia - 7. Giovanni XXIII, un innovatore libero ed eccentrico - 8. Paolo VI, un legislatore costituente - 9. Dai trenta giorni di papa Luciani ai trent’anni di papa Wojtila - 10. L’accentramento autoreferenziale del tardo postconcilio. Una via senza uscita?

Scarica il testo completo in PDF

Personal data protection in the Vatican City State: Views on the applicability and enforceability of Italian data protection legislation - di Dario Morelli

SUMMARY: 1. General framework of the applicability of Italian legislation within the Vatican City State - 2. The right to privacy under European and canon law - 3. Applicability and enforceability of the Italian Data Protection Code within the Vatican City State.

ABSTRACT: In the Vatican City State no specific laws have been adopted either by the Supreme Pontiff, the Pontifical Commission, or other legitimate Vatican City State authorities in relation to the fundamental right to privacy of natural and legal persons. Canon 220 of the Code of Canon Law refers to the protection of a good reputation and of intimitas, but does not provide for specific or self-contained rules related to personal data protection; it contains only general principles that can (and should) be articulated in more specific regulations. Therefore, it seems feasible that the provisions of the Italian Data Protection Code concerning the processing of personal data and the protection of privacy in the telecommunications sector - as well as any other provision concerning the sector of telecommunications and relevant services, both of landline and mobile networks, in their entirety - should be automatically applicable within the Vatican City State, pursuant to Article 12.1.a.5 of Law no. LXXI on the sources of law of the Vatican City State.

Scarica il testo completo in PDF

Le Sezioni Unite della Cassazione e l’art. 11 del Trattato lateranense - di Paolo Cavana

SOMMARIO: 1. Una fattispecie semplice - 2. La nozione di enti centrali della Chiesa cattolica - 3. Il contenuto della garanzia pattizia - 4. La teoria dell’immunità ristretta nella giurisprudenza (caso Cermis) - 5. I limiti alla teoria dell’immunità ristretta (caso Calipari e caso Ferrini) - 6. La teoria dell’immunità ristretta e la sua applicazione agli enti centrali della Chiesa - 7. Immunità ristretta e limiti all’efficacia civile dei provvedimenti confessionali - 8. La portata attuale della garanzia pattizia - 9. (segue) La recente Convenzione monetaria tra lo Stato della Città del Vaticano e l’Unione Europea.

ABSTRACT: This essay examines the more recent judgements of the United Sections of the italian Court of Cassation on Article 11 of the Lateran Treaty, in the context of the vibrant juridical debate on this matter. It highlights how the United Sections of the Court defines this legal guarantee, granted by lateran Treaty to the central entities of the Catholic Church, in terms of “functional or restricted immunity” according to international law, so that - the Court adds - its basic foundation in the Italian constitution lies both in Article 7 (State-Church relations) and in Art. 10, concerning the automatic effect of the general international norms in the Italian system of law. Furthermore, the paper makes some relevant remarks about the main aspects and actual evolution of the doctrine of sovereign “immunity” through some recent judgements of italian law Courts. Then it underlines some emerging differences in its application - through Art. 11, Lat. Treaty - to the central entities of the Catholic Church, deriving from the special recognition of the “sovereignty of the Holy See in international matters” (Art. 2, Lat. Treaty). Finally it makes some concluding remarks about the actual meaning of this legal guarantee, taking the 2009 Monetary Agreement between the European Union and the Vatican City State into consideration too.

Scarica il testo completo in PDF

Riflessioni sull’origine e sul significato dell’art. 24 del trattato lateranense - di Giovanni Barberini

SOMMARIO: 1. I negoziati – 2. Il significato dell’art. 24 – 3. La neutralità e l’inviolabilità del territorio vaticano – 4. La partecipazione della Santa Sede alla Conferenza di Helsinki – 5. La Santa Sede, Potenza non politica, svolge attività politica nella comunità internazionale.

Scarica il testo completo in PDF

Russia zarista, Unione Sovietica comunista e Santa Sede - di Giovanni Barberini

SOMMARIO: 1. Premesse - 2. La Russia zarista e Leone XIII - 2.1. Il mancato invito alla Santa Sede per la Conferenza della pace nel 1899 - 2.2. Conclusioni - 3. L’Unione Sovietica e la Santa Sede - 3.1. Il coinvolgimento della Santa Sede per la Conferenza di Helsinki - 3.2. L’adesione della Santa Sede al trattato di non proliferazione delle armi nucleari - 3.3. L’èra di Gorbaciov - 3.4. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Il riformismo legislativo in diritto ecclesiastico e canonico: aspetti internazionalistici - di Luciano Musselli

SOMMARIO: 1. L’oggetto di indagine ed i suoi limiti. L’argomento ed i suoi problemi di fondo - 2. Il matrimonio canonico e concordatario nel quadro del diritto internazionale privato – 2.1. La rilevanza del matrimonio canonico – 2.2. Le decisioni ecclesiastiche di nullità, il Concordato ed il diritto internazionale privato – 2.3. Problematiche attinenti la dimensione giuridica europea - 3. Il problema delle sentenze straniere di divorzio a connotazione religiosa - 4. I beni culturali religiosi ed il diritto internazionale – 5. Organi ed enti della Santa Sede e della Chiesa cattolica e problematiche di diritto internazionale – 6. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Profili problematici della legge vaticana n. LXXI/2008 sulle fonti del diritto - di Simona Attollino

SOMMARIO: 1. Considerazioni introduttive - 2. L’analisi del provvedimento - 3. Lo strumento del rinvio - 4. Riflessioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Lotta alla sovversione comunista all’interno della Chiesa Cattolica: il piano del “Sint Unum”. Da un memorandum di Henry Kissinger al presidente Nixon - di Alice Arduini

Nei primi mesi del 1970 un dossier preparato dall’organizzazione clandestina “Sint Unum” fu tradotto dal francese all’inglese dalla Central Intelligence Agency (CIA) e venne inoltrato dal Consigliere per la sicurezza nazionale Henry Kissinger al presidente degli Stati Uniti, Richard Nixon, in allegato a un memorandum intitolato “Studio sulla sovversione nella Chiesa Cattolica”. Per meglio valutare l’importanza del documento, è opportuno fornire alcune coordinate indispensabili per comprendere le ragioni dell’arrivo del dossier ai vertici dell’amministrazione americana e le conseguenze che ne derivarono. Una prima coordinata è costituita dall’andamento delle relazioni tra gli Stati Uniti e la Santa Sede, che proprio all’inizio degli anni Settanta attraversarono un momento di svolta. L’intenzione del presidente di superare la tradizione, ormai consolidata, di non intrattenere relazioni diplomatiche con la Santa Sede era infatti divenuta sempre più chiara a partire dal suo primo viaggio in Europa, in particolare ai primi del marzo 1969, in occasione del primo incontro di Nixon con Paolo VI. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Ancora qualche riflessione sull’art. 7.1 della costituzione italiana per fare un po’ di chiarezza - di Giovanni Barberini

SOMMARIO: Premesse – 1. Stato, Chiesa cattolica e Santa Sede – 2. Significato generale della norma – 3. Indipendenza e sovranità della Chiesa cattolica – 4. Ordine dello Stato e ordine della Chiesa – 5. Interferenze e ingerenze – 6. Questioni con carattere etico e religioso – 7. Possibile ingerenza dello Stato e possibile ingerenza della Chiesa – 8. La Chiesa cattolica nell’art. 7.1 – 9. Per una corretta interpretazione e applicazione della norma costituzionale – 10. Chi negozia con lo Stato – 11. La prassi in altri Stati.

Scarica il testo completo in PDF

Mons. Casaroli nella politica internazionale - di Giovanni Barberini

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Adesione al Trattato di non proliferazione delle armi nucleari - 3. La Santa Sede e la pace - 4. La Santa Sede e l’Europa - 5. La Santa Sede e i problemi del disarmo - 6. La Santa Sede e l’Europa orientale - 7. La Santa Sede e la comunità internazionale - 8. La sicurezza e la cooperazione in Europa e la Santa Sede - 9. La Santa Sede fra tensioni e distensione - 10. La Santa Sede e i problemi dell’Europa contemporanea - 11. No alla violenza, sì alla pace - 12. The Holy See and Peace - 13. La Santa Sede e le sfide del mondo moderno - 14. Tra bipolarismo e responsabilità di tutti gli Stati - 15. La Santa Sede e il rispetto dei diritti dell’uomo.

Scarica il testo completo in PDF

Brevi note in tema di vigenza delle leggi italiane nello Stato della Città del Vaticano - di Pasquale Colella

La creazione dello Stato della Città del Vaticano, come organismo autonomo, indipendente e sovrano e come tale distinto dalla Santa Sede, non subentrato al vecchio Stato della Chiesa, estinto per “debellatio” dopo l’occupazione di Roma avvenuta nel 1870; esso nasce in conseguenza dei Patti del Laterano dell’11 febbraio 1929 e costituisce uno stato “unicum” nel suo genere per garantire, anche territorialmente, l’indipendenza e la sovranità della Chiesa cattolica. Tale Stato è regolato dal 7 giugno 1929 da sei leggi organiche emanate dal Governatorato della Città del Vaticano, di cui la seconda legge riguarda le fonti del diritto di questo nuovo Stato; infatti la II legge organica dispone che le fonti del diritto dello Stato della Città del Vaticano siano “in primis” “leggi fondamentali” costituite da una “costituzione” pubblicata negli Acta Apostolicae Sedis (e successivamente modificata dal “motu-proprio” di Giovanni Paolo II del 26 novembre 2000), dal Codex juris canonici e, in via suppletiva per le materie non disciplinate dalle leggi vaticane, dalle leggi e dai codici vigenti in Italia l’8 giugno 1929 ed anche dalle consuetudini vigenti alla stessa data recepite come oggetto di rinvio materiale o recettizio dal legislatore Vaticano. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Il ruolo di Betlemme nella storia cristiana e nella posizione della Santa Sede - di Raffaele Coppola

SOMMARIO: 1. Osservazioni introduttive e metodologiche - 2. Betlemme nella Bibbia - 3. Politica, cultura e religione: dalla dominazione romana alla disfatta dei mamelucchi - 4. Dall'occupazione turca ai nostri giorni; il predominio della storia politica - 5. La “nouvelle histoire” e la posizione della Santa Sede - 6. L'assedio israeliano alla Basilica della Natività - 7. Il “paradosso cristiano” e la città nascosta. Il muro della vergogna.

Scarica il testo completo in PDF

Lo Stato della Città del Vaticano rifiuta le leggi italiane - di Valerio Tozzi

La stampa quotidiana ci informa di un provvedimento vaticano, esecutivo dal 1° gennaio del 2009, per cui le leggi italiane non avrebbero più un’applicazione all’interno del territorio di quello Stato. Si tratterebbe della rinuncia ad un “rinvio di produzione normativa” per cui, quel soggetto sovrano rinuncia ad esercitare nel merito la funzione nomopoietica, esercitandola solo sul piano formale con l’assumere come regola propria la regola creata da altro ordinamento. Se si è bene inteso, ciò dipenderebbe dall’eccessiva distanza fra i contenuti della legislazione italiana ed i valori non negoziabili  della fede cattolica. Presa astrattamente, cioè senza riferimenti al contesto specifico di riferimento, la notizia non dovrebbe destare sorpresa e si manifesterebbe come perfettamente logica. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Le rôle international du Saint-Siège et la défense de la liberté religieuse et des droits humains - di Paolo Cavana

SOMMAIRE: 1. Le rôle international du Saint-Siège: objectifs et modalités d’action - 2. Les principes qui soutiennent l’action du Saint-Siège au niveau international: a) autonomie et laïcité; b) libertas Ecclesiae; c) principe de collaboration; d) renonce aux privilèges et principe d’egalité ; e) neutralité à l’égard des compétitions temporelles - 3. La défense du droit à la liberté religieuse - 4. La défense des droits fondamentaux de l’homme.

Scarica il testo completo in PDF

Chiesa cattolica, libertà di religione e pace nel mondo - di Raffaele Coppola

SOMMARIO: 1. Premessa, Chiesa cattolica e libertà di religione – 2. Ruolo della suggestione di Assisi e degli altri incontri mondiali per la pace – 3. La libertà religiosa come strumento al servizio della pace ed il principio di non ingerenza. La pace nella visione dell’ONU e della Chiesa cattolica (brevi cenni) – 4. Lo status della Terra Santa e l’incerto processo di pace fra israeliani e palestinesi - 5. Bilancio dell’attività della Conférence permanente des Villes historiques de la Méditerranée nell’area israelo-palestinese con particolare riferimento alla città di Betlemme.

Scarica il testo completo in PDF