Rivista telematica (www.statoechiese.it)
Online dal gennaio 2007
Menu

Diritto, religione e letteratura. Alcune suggestioni su Chiesa e ministero petrino a partire da The Young Pope di Paolo Sorrentino - di Luigi Mariano Guzzo

SOMMARIO: 1. Una premessa epistemologica: “Diritto e letteratura” vs. “Diritto, religione e letteratura” - 2. The Young Pope, ovvero l’ordinamento ecclesiale tra dimensione narrativa e dimensione normativa - 3. La Chiesa come teatro: il vescovo di Stendhal e il Papa di Sorrentino - 4. Chiesa e potere, tra concezione giuspositivistica ed etica utilitaristica - 5. Prime conclusioni: la tensione tra ortodossia e ortoprassi nell’istituzione ecclesiale.

Law, Religion and Literature. Some notes on Ecclesial legal order and Petrine ministry from The Young Pope by Paolo Sorrentino

ABSTRACT: This paper is divided in two main parts. In the first part, I propose an epistemological analysis on the features of the field of “Law and Literature”, in which we can construct the specific category of “Law, Religion and Literature”. In the second part, I do a “Law, Religion and Literature” analysis about Ecclesial legal order and Petrine ministry starting from The Young Pope, the movie created and directed by Paolo Sorrentino.

Scarica il testo completo in PDF

La religione atea di Dworkin e la divinizzazione del valore - di Andrea Porciello

SOMMARIO: 1. Ateismo religioso e valori - 2. Ateismo moderato, neo-ateismo e ateismo religioso - 3. Alcune considerazioni su indipendenza e inevitabilità dei valori - 4. Conclusioni.

Dworkin’s Atheistic Religion and the Divinization of Value

ABSTRACT: This essay critically discusses some of the central ideas of Ronald Dworkin’s last book, Religion Without God. In particular, it will be argued that the idea of “religion without God” is not a form of atheism, as Dworkin claims, but a pure religious attitude in which the idea of “theistic entity” of traditional religion is replaced by a new and not less problematic entity, the idea of “value”.

Scarica il testo completo in PDF

L’Europa di chi non crede - di Nicola Colaianni

Son passati quasi trent’anni dacché tra le varie dichiarazioni apposte in calce al trattato di Maastricht comparve abbastanza inaspettatamente quella che impegna l’Unione Europea al “dialogo trasparente, costante e regolare” con “le chiese e le associazioni o comunità religiose” non più e non meno, tuttavia, che con le “organizzazioni filosofiche e non confessionali”. Dichiarazione apparentemente innocua, giacché espressamente si esclude che da essa possa essere pregiudicato lo status a quelle organizzazioni assegnato dai diritti nazionali, ma politicamente impegnativa per l’Unione, tanto che fece strada e si riversò nell’art. 17 del TFUE, assumendo così un carattere anche giuridicamente impegnativo. (segue)

Non-believer’s Europe

ABSTRACT: In spite of the Treaty on the Functioning of the European Union, which puts on the same footing the status of the churches and of the humanist organizations, the status  of believers and non-believers is not the same in each state, regardless its model (the paper quotes briefly the features of United Kingdom, France, Belgium, Italy, Germany  and Malta). The reason lies in a kind of mass religious tradition, which at present is even more hard to defeat because of the rampant populism, which takes advantage also of the religion. The antidote stays in the pluralistic – not monist and excluding the differences -  secularism in order to grant the same dignity of believers also to both differently believers and non-believers.

Scarica il testo completo in PDF

A 170 anni dalla costituzione della repubblica romana del 3 luglio 1849 - di Sergio Lariccia

SOMMARIO: 1. - Premessa - 2. Costituzione della repubblica romana e costituzione della repubblica italiana: interesse di una comparazione - 3. L’assemblea costituente - 4. I principi fondamentali - 5.  Diritti e doveri dei cittadini - 6.  L’organizzazione della repubblica romana - 7. Natura e peculiarità della carta costituzionale della repubblica romana. In particolare, la procedura di revisione e la rigidezza della costituzione -  8. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Contributi precedenti

Andrea Borroni - A Comparative Survey on Islamic Riba and Western Usury

Paola Chiarella - La laicità come esigenza della ragione: rileggendo Dietrich Bonhoeffer

Francesco Zanchini - Fra Dante e Lutero. Centralità culturale della riflessione di Emilio Betti sull’interpretazione teologica nella tradizione occidentale