Rivista telematica (www.statoechiese.it)
Online dal gennaio 2007
Menu

Articoli in Minoranze religiose

I rapporti con l’Islam italiano: dalle proposte d’intesa al Patto nazionale - di Claudia Morucci

SOMMARIO: 1. Breve premessa - 2. L’ininterrotto dialogo tra il Governo e le comunità islamiche italiane - 3. Il “Patto di condivisione” della Città di Torino e il “Patto nazionale per un Islam italiano” - 4. L’Italia e le misure di contrasto al terrorismo - 5. Conclusione.

The relationship with Italian Islam: from the proposals of ‘Intesa’ to the ‘Patto nazionale

ABSTRACT: According to statistics, Muslims living in Italy are currently just over 1.6 million. However, despite this significant presence of Muslims on the national territory, the vast world of Islamic associations has not yet managed to sign an Intesa, an agreement that religious minorities can establish to regulate their relations with the Italian state. The reasons why Islam does not have an agreement are mainly two: the absence of an authoritative subject, representative of Italian Islam, able to act as an interlocutor with state institutions and the incompatibility between Islamic cultural values and those of a secular state. Nevertheless, covering all the stages of dialogue between the Italian government and the Islamic associations from the nineties until the conclusion of the Patto nazionale (2017), this work aims to show that the condition of legal vacuum depends on unfounded prejudices towards Islamic culture and on the lack of political will to come to terms with Islam.

Scarica il testo completo in PDF

Ordinamento statuale e confessioni religiose. La politica delle fonti di diritto in Italia - di Roberto Mazzola

SOMMARIO: 1. Primo quadro: magazzino normativo – 2. - Secondo quadro: analisi storico-giuridica – 3. Terzo quadro: il futuro.

State and religious organisations. The Politics of the sources of law

ABSTRACT: The paper intends to verify if religious freedom in the Italian legal system is undergoing a crisis. In particular, is the concept of religious freedom of the Constituent Assembly still good? Is it necessary to reform the regulation of religious freedom? Similar questions are posed with regard to the current relationship between State and religions.

Scarica il testo completo in PDF

L’iter delle intese sui rapporti Stato-confessioni ristretto fra discrezionalità politica e insicurezza presunta - di Fortunato Freni

SOMMARIO: 1. Il ruolo di Parlamento e Governo nella modifica del Concordato lateranense e nell’elaborazione delle intese con le confessioni acattoliche - 2. La prassi instaurata per l’iter di stipulazione delle intese - 3. La discrezionalità del Governo all’avvio delle trattative e il caso dell’UAAR - 4. Il concetto di confessione religiosa parte di un’intesa - 5. I limiti e le garanzie costituzionali nell’uso delle intese - 6. Anomalie tra normativa bilaterale e normativa unilaterale: intese-fotocopia e diritto comune “para-pattizio” - 7. La differenza fra le trattative per un’intesa e la negoziazione normativa - 8. La presunta minaccia del fondamentalismo religioso e il senso d’insicurezza instillato a fini politici.

The proceding of agreements on relations between State and religious denominations is restricted between political discretion and alleged insecurity

ABSTRACT: The present essay analyzes the procedure aimed at stipulating agreements on relations between the state and religious denominations considering the new elements introduced by the UAAR case. The Italian Union of Atheists and Agnostics is the protagonist of a long-standing case law case, because the Government has rejected the request for access to negotiations that allow to verify in concrete whether the conditions exist for concluding an agreement pursuant to in the third paragraph of the article 8 of the Constitution

Scarica il testo completo in PDF

Libertà di culto e diversità religiosa nelle carceri inglesi - di Jacopo Paffarini

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La disciplina dell’esercizio della fede nei penitenziari inglesi - 3. La diversità delle fedi in carcere e il ruolo delle community chaplaincies - 4. Il carcere come spazio multi-religioso e i nodi irrisolti dall’Equality Act del 2010 - 5. La discriminazione per motivi religiosi nella giurisprudenza inglese e gli obblighi di prestazione a carico della pubblica amministrazione.

Freedom of worship and Religious Diversity in English Prisons

ABSTRACT: This article aims to highlight different aspects of the practice of faith in the British prison system. While the 1952 Prison Act gave a preeminent position to the chaplains of the Church of England, in the last decades multi-faith spaces of worship and spiritual-care groups have multiplied. Furthermore, ‘community chaplaincies’ and volunteers are active players in rehabilitation programs, especially in preventing recidivism, which is higher among ethnic and religious minorities. Both the Human Rights Act of 1998 and the Equality Act of 2010 have contributed to promote an ‘inclusive’ approach to religion pluralism, granting access to spiritual assistance and equal treatment among prison inmates. However, it is worth to consider if a State-centred management of religious diversity is a sustainable choice before the growing judicial litigation related to prisoners’ freedom of worship.

Scarica il testo completo in PDF

La tutela dell’identità delle minoranze religiose deve potersi avvalere di “un giudice e un giudizio” (ancora sulla sentenza della Corte costituzionale n. 52 del 2016) - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1- La qualificazione giuridica è attribuzione costituzionale esclusiva del potere giudiziario - 2. La qualificazione giuridica delle confessioni religiose … - 3. (segue) e il loro diritto all’identità - 4. L’espediente del “doppio binario” - 5. L’insopprimibile garanzia della tutela giurisdizionale dei diritti è (ancora) principio supremo dell’ordinamento costituzionale - 6. Il petitum del ricorso per conflitto di attribuzioni tra poteri dello Stato, e l’obbligo di attenersi al thema decidendum - 7. I poteri del Governo nell’esame dell’istanza di accesso all’intesa - 8. Le improvvide conseguenze dell’avere ritenuto il diniego governativo “atto politico”: dal “pluralismo aperto” al “pluralismo discrezionalmente regolamentato”.

For the protection of their identity, religious minorities should have “a judge and a judgment” at their disposal (again on the judgment of the Constitutional Court no. 52 of 2016)

ABSTRACT: The article links the theme of the legal qualification of an association that calls itself a “religious confession” in order to have relationships with the State, according to the provisions laid down in the third paragraph of art. 8 of the Constitution, with the theme of the right of religious minorities to have an identity. It intends to prove that the document that the government issues in order to deny such a qualification is not a “political action” exempt from the control of the judicial authority, contrary to ruling no. 52 of 2016 of the Constitutional Court. The identity of religious minorities is protected by the guarantees offered by art. 24 of the Constitution, from which the Constitutional Court draws the supreme principle of jurisdictional protection of rights, the foundation of any democratic system, that guarantees to all, for any dispute, “a judge and a judgment”.

Scarica il testo completo in PDF

Uguaglianza nella diversità. Identità religiose e democrazia costituzionale - di Marco Parisi

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Disegno costituzionale e rigidità politico-normative: quale strada per una equilibrata disciplina del fenomeno religioso? - 3. Conclusioni.

Equality in diversity. Religious identities and constitutional democracy

ABSTRACT: The entry into force of the new system after the fall of fascism did not constitute the resolutive element to mark a decisive turning point in the Italian ecclesiastical politics, with the implementation of a system of reforms in religious matters consistent with the innovative will of the institutional change that occurred in the Country. The consequence is that, seventy years after the adoption of the Republican Constitutional Charter, many normative provisions still conform to the inspiring principles of the fascist system, and there are many impediments to the concrete realization of the principles of freedom and democracy, with serious damage for the enjoyment of constitutional guarantees by spiritual minorities. With the approval of a general legislation on religious interests, the equal enjoyment of the fundamental rights could be achieved, both for individuals and for groups, within a framework of definitive overcoming of the fascist penalizing legislation and of fixation of the regulatory law criteria of the various treatments to protect spiritual specificities.

Scarica il testo completo in PDF

Una “nuova stagione” per l’atto politico? Alcune riflessioni tra teoria e prassi costituzionale - di Paolo Zicchittu

SOMMARIO: 1. Il “ritorno” dell’atto politico: la stipulazione delle intese con le confessioni religiose - 2. Le origini dell’atto politico tra acte de gouvernement, act of State, political question e acto de gobierno - 3. Gli sviluppi dell’istituto nell’Italia liberale - 4. L’atto politico alla prova della Costituzione - 5. Il ruolo del giudice delle leggi: alcuni casi paradigmatici - 6. Un consuntivo della giurisprudenza costituzionale in tema di atto politico: l’atto di governo come tecnica di giudizio.

Is there a “new era” for the act of State in Italy? Some remarks between constitutional theory and practice

ABSTRACT: The act of State in the Italian legal system seems now to be heading for a kind of “second drawing”. Starting from the recent judgment n. 52/2016, adopted by the Italian constitutional Court with reference to the agreement between Government and the so-called UAAR, the essay scrutinises the evolution of the act of State in Italy compared to the principles of the constitutional “rule of law”. The analysis deals with both theory and practice, focusing in particular on the approach adopted by the Italian constitutional jurisprudence in order to address political questions.

Scarica il testo completo in PDF

Osservazioni sulla proposta di legge “Norme in materia di libertà di coscienza e di religione” elaborata dal gruppo di lavoro coordinato dalla Fondazione ASTRID - di Gianfranco Macrì

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Crisi e persistenza del modello pattizio. Riscrivere la trama della libertà religiosa in Italia - 3. Una proposta “flessibile” orientata alle differenze e all’interazione - 4. I nuovi confini della libertà religiosa della persona - 5. La libertà di coscienze e di religione del minore - 6. Scuola pubblica, libertà religiosa e “nuovi spazi” di confronto per tutti: quello che serve e quello che la proposta non dice - 7. L’integrazione attraverso il lavoro - 8. Assistenza spirituale e libertà di manifestazione del pensiero - 9. Gli spazi della libertà religiosa e i “luoghi della memoria” - 10. Ministri di culto e non solo - 11. Per una libertà religiosa collettiva veramente democratica: rilievi critici - 12. La società cambia, la legge dello Stato arranca, il matrimonio “canonico” resta - 13. Intese per tutti? - 14. Quello che manca nella proposta di legge – 15. Conclusioni.

Remarks on the Bill Proposal "Norms on Freedom of Conscience and Religion" Made by the Working Group Coordinated by the Astrid Association

ABSTRACT: This contribution is a comment on the draft law on religious freedom proposed by some scholars of the ASTRID Foundation. The law is proposed in the context of a national and European political environment, which is constantly changing and evolving. This analysis is focused on some specific aspects of the proposal, by assessing their limits and their potential offers some theoretical reflections with the aim of contributing to a scholarly and intellectual debate, which should offer arguments, aimed at promoting and protecting fundamental freedoms and rights as envisaged by the Constitution.

Scarica il testo completo in PDF

La libertà religiosa, i diritti delle comunità islamiche. Alcune considerazioni critiche su due progetti di legge in materia di moschee e imam - di Gianfranco Macrì

SOMMARIO: 1. Introduzione: per un pluralismo “ragionevole” di fronte ai mutamenti sociali - 2. Dalla teoria alla pratica: alcuni aspetti della “questione” islamica nelle contraddizioni politiche e giuridiche del presente - 3. Una premessa di metodo: la libertà religiosa nel modello democratico costituzionale. Aporie persistenti e spunti di riforma (ma siamo ancora agli inizi) - 4. Diritto fondamentale alla moschea vs “Registro pubblico delle moschee” - 5. Un Albo per gli imam (e altre cose) - 6. Conclusioni.

Religious Freedom and the right of Muslim communities. Some critical remarks on two recent draft laws on mosques and imams

ABSTRACT: This contribution starts from the proposal of two draft laws on Islam in Italy (one on the legal status of mosques and the other on imams), which deal with concrete issues that the country faces, taking into consideration the multicultural context of Italy. So far, the approach of the Italian political class has been quite conservative and not willing to take into account possible solutions offered by the Constitution, such as the protection of basic human rights. The solutions have been more focused on the potential lack of trust towards Muslim communities and on legal solutions not fully integrated within a wider European approach. The proposed solutions appear therefore to be more the result of ad hoc approaches, influenced by considerations of real politik, than tools fully in line with the requirements of the Constitutional protection of human rights.

Scarica il testo completo in PDF

Le proposte di legge Santanchè-Palmizio sul registro delle moschee e l’albo degli imam: un tentativo di refurbishment della legge n. 1159/1929? - di Antonello De Oto

SOMMARIO: 1. Il contenuto delle proposte di legge c. 2976 e c. 3421 (Garnero Santanchè e Palmizio) e i profili di incostituzionalità - 2. La necessità politico-normativa di un altro approccio agli Islam. Rivitalizzazione dello strumento delle Intese e legge generale sulla libertà religiosa come antidoti alla lenta deriva del riassetto normativo della legge sui culti ammessi - 3. Allegati.

The law Santanchè-Palmizio proposals about the Mosques and Imams register: a refurbishment attempt of the law n.1159 / 1929?

ABSTRACT: The article examines and comments the contents of the legislative proposals c. 2976 and c. 3421 (Garnero-Santanchè and Palmizio) and their unconstitutionality profiles . At the end of this parliamentary term, this examination is also the basis for thinking about political and normative necessity of another approach to Islam and, at the same time, revitalizing the Agreements instrument and the general law of religious freedom, so that they can constitute a concrete antidote to the slow and creeping drift of the normative reorganization of the law on the admitted cults.

Scarica il testo completo in PDF

Le Sharia Court in Gran Bretagna. Storia ed evoluzione dei tribunali islamici nel Regno Unito - di Alessandro Negri

SOMMARIO: 1. Le Sharia court: origini, attività e scopi - 2. Alcuni dati statistici - 3. Un’ulteriore evoluzione: l’Arbitration Act e il Muslim Arbitration Tribunal - 4. Il discorso dell’arcivescovo di Canterbury e reazioni - 5. Il Private Members’ Bill della baronessa Cox - 6. La risposta dell’Islamic Sharia Council - 7. Un dibattito ancora in corso: Friend or Foe?

Sharia Courts. History and evolution of Muslim courts in the United Kingdom

ABSTRACT: In the last thirty years the United Kingdom has experienced the formation and surge of so-called Sharia courts or councils, unrecognised Muslim tribunals with purpose of settling disputes using Islamic religious law. Their stated objectives include providing advice and assistance in the operation of Muslim family life, establishing a bench of scholars to operate as a council, making decisions on matters of Muslim family law, and promoting an enlightened practice of the Muslim faith by Muslims living in the UK.

This paper analyses the origins, evolution and functioning of these councils, with emphasis on the lively public debate initiated in 2008 following the Archbishop of Canterbury’s remarks and followed with the bill proposed by Baroness Cox. An overview of the relations between Sharia councils and the State is presented, while providing insight on future scenarios.

Scarica il testo completo in PDF

Intendersi sulle intese - di Fulvia Abbondante Salvatore Prisco

SOMMARIO: 1. Premessa: la richiesta di intesa con lo Stato dell’Unione degli Atei, Agnostici e Razionalisti - 2. Le tappe successive di una emblematica vicenda giudiziaria - 3. L’eticizzazione del diritto tra riconoscimento costituzionale dei “valori”, sviluppi della tecnologia, circolazione transnazionale dei diritti e ruolo supplente della giurisprudenza - 4. Dalle religioni tradizionali ai “nuovi culti”: un breve panorama socio-culturale del fenomeno e dei suoi riflessi giuridici - 5. Le confessioni religiose tra politica e diritto: un approccio problematico al caso italiano - 6. Politica e giurisdizione nelle intese di cui all’art. 8, terzo comma, e in quelle di cui all’art. 116, terzo comma, della Carta costituzionale.

The agreements with State of organized religious groups as juridical problem

The paper, starting from the recent decision of Italian Constitutional Court no 52/2016 which denies the obligation of the Government to begin a negotiation with an atheistic group which wanted to reach an agreement with state according to art. 8, 3, of the Italian Constitution, examines the Italian Constitutional jurisprudence and doctrinal debate about the definition of organized religious group and about the political nature of the governmental power in starting agreement with the State.

Scarica il testo completo in PDF

Moyens modernes, buts traditionnels: le discours constitutionnel de l’Église de Grèce - di Kaidatzis Akritas

SOMMAIRE: 1 - Introduction - 2. L’État et l’Église en Grèce. Le cadre constitutionnel - 3 - L’Église de Grèce comme institution de l’État grec - 4. Le discours constitutionnel de l’Église. Des éléments de constitutionnalisme populiste - Pluralisme constitutionnel et droits de la majorité - 6. Les droits en tant qu’identité - 7. Conclusion - Bibliographie.

ABSTRACT: The invocation of the people, the constitution and the rights occupies an important place in the public discourse of the Church of Greece. Its constitutional discourse exhibits two main characteristics. Firstly, it is a populist discourse. The church talks in the name of “its” people, which it identifies with the Greek nation, and as the voice of the people’s will against its rulers. Moreover, it is a rights-laden discourse. The church talks as the protector of the rights of the majority, which it identifies with the rights of its believers. Its constitutional discourse and practice shows that the church manages to exploit the institutions, achievements and discourses of modernity, if only for the promotion of apparently pre-modern ends: the preservation of its privileges against the other religions; the prolongation of its role in the public sphere; its reproduction as an ideological mechanism of the nation-state.

Scarica il testo completo in PDF

Security and Religious Radicalization. Securitization of Islam in Europe - di Agustín Motilla

SUMMARY: 1. Introduction - 2. General measures of the anti-terrorist laws; social surveillance and immigration control - 3. Antiterrorist laws and Islam: the securitization of Muslims in western countries - 4. The enforcement of measures affecting Muslim population not directly related to security: the vague criminalization of Islam - 5. Effects of the measures direct or indirectly justified on security reasons in religious freedom; specially related to Muslim population - 6. Closing remarks; positive statements in the construction of the European Union framework.

Scarica il testo completo in PDF

Lo status di rifugiato religioso nelle fonti del diritto internazionale: le nuove frontiere delle libertà dello spirito - di Daniele Ferrari

SOMMARIO: 1. Libertà religiosa e protezione internazionale: note introduttive e di metodo - 2. La nozione di religione perseguitata - 3. I contenuti di tutela della libertà religiosa dei perseguitati - 4. Le condizioni di riconoscimento dello status di rifugiato religioso - 5. La procedura di valutazione delle domande - 6. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Misure di prevenzione e de-radicalizzazione religiosa alla prova della laicità (a margine di taluni provvedimenti del Tribunale di Bari) - di Vera Valente

SOMMARIO: 1. Terrorismo e fenomeno religioso - 2. Politiche della sicurezza e diritti fondamentali - 3. La legislazione italiana contro il terrorismo nell’interpretazione giurisprudenziale - 4. Misure di prevenzione. Ampliamento delle categorie di pericolosità qualificata e prescrizioni atipiche - 5. Misure di prevenzione e libertà religiosa - 6. Best practice. Il provvedimento del Tribunale di Bari, Misure di Prevenzione, n. 71 del 2017 - 7. Il percorso di de-radicalizzazione.

Religious prevention and de-radicalization measures to the test of secularity (at the margin of some of the Court’s measures of Bari).

The article examines how the terrorist emergence of Islamic matrix has reproached the issue of reconciliation between the need for security and the protection of the rights of liberty, in particular religious freedom. It highlights the need to accompany, to purely punitive nature rules, the spread of a novel paradigm, covering preventive interventions, educational and formative, in order to promote intercultural and inter-religious integration. The decree of the court, which, in accordance with the principle of secularism, has prescribed, in view of the social recovery of the subject proposed for the application of the prevention measure, a process of de-radicalization, through the involvement of an intercultural mediator, on the basis of Guide-lines developed by the University of Bari.

Scarica il testo completo in PDF

Il governo locale del pluralismo religioso - di Letizia Mancini

Sono molto grata all’amico Giuseppe Casuscelli per avermi invitato a partecipare a questo incontro. Stato, Chiese e pluralismo confessionale è una rivista che seguo con grandissimo interesse fin dalla sua fondazione. È uno strumento prezioso, del quale ho sempre apprezzato in particolare la vocazione trasversale e interdisciplinare. Questa qualità non deriva solo dal fatto che il pluralismo è questione che si presta appunto ad analisi trasversali e interdisciplinari, ma è frutto di una precisa scelta editoriale, quella cioè di accogliere punti di vista differenti, approfondimenti e riflessioni di studiosi di discipline e di generazioni diverse. Come sociologa del diritto mi sono occupata di pluralismo culturale e religioso soprattutto in riferimento ai movimenti migratori che di tale pluralismo costituiscono il principale fattore nella società italiana. A partire dal titolo di questo incontro, mi sono allora chiesta se in questi dieci anni abbiamo assistito a un progressivo riconoscimento del pluralismo religioso e, di conseguenza, del godimento di diritti legati alla libertà religiosa e al suo esercizio.

Scarica il testo completo in PDF

Religious education in Italian public schools: what room for Islam? - di Stella Coglievina

SOMMARIO: 1. Introduction - 2. Religious education in Italian public schools: general framework - 3. Religious education in public schools: the situation of Islam - 3.1. Some data about the Islamic presence in Italy - 3.2. Religious education and Islam - 4. The religious education in plural Italy: challenges and gaps - 5 - Muslims at school and Religious Education: which solutions? - 5.1 Alternative 1: private schools - 5.2 Alternative 1-bis: Homeschooling - 5.3 Alternative 2: introduction of lessons about religion - 5.4 Alternative 3: Muslim pupils and their participation in the Catholic religion lessons - 6. Conclusions: challenges, problems and future perspectives.

Scarica il testo completo in PDF

La libertà di religione in Italia dieci anni dopo - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Indivisibilità delle libertà – 2. Imprescindibilità della giurisdizione – 3. Libertà negativa: a) legislazione – 4. (segue:) b) giurisdizione – 5. Libertà positiva – 6. Pluralismo – 7. Diritto ecclesiastico futuro.

Scarica il testo completo in PDF

La formazione dei ministri di culto di recente insediamento in Italia - di Federica Botti

SOMMARIO: 1. Nuovi compiti del Diritto ecclesiastico - 2. L’attività dei ministri di culto stranieri in Italia - 3. Un nuovo orientamento nelle politiche governative - 4. Un Corso di formazione e di educazione al rispetto dei valori costituzionali – 5. Caratteristiche e limiti dell’attività di formazione.

ABSTRACT: The article addresses the issue of the formation of religious ministers and members of religious communities as stakeholders and at the same time opinion leaders of migrant communities, placing this activity among the new tasks of Ecclesiastical Law. Considering the rules governing the activity of the foreign religious ministers in Italy, the government policies adopted to promote the inclusion of migrants are re-established, highlighting the new strategies adopted by the Italian Ministry of Interior to educate to an active citizenship the population of the new settlements on national territory. The article explains in detail the didactic methodologies adopted, motivates the use of interdisciplinary and a dialogic didactic to deal with the value themes subject to a training course aimed at education and respect for constitutional values. The article ends with a critical reflection on the characteristics and limits of this training activity.

Scarica il testo completo in PDF

Una disciplina-quadro delle libertà di religione: perché, oggi più di prima, urge “provare e riprovare” a mettere al sicuro la pace religiosa - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. “Provare e riprovare” - 2. Le ragioni dell’odierna urgenza. I quattro macro fenomeni: sicurezza, crisi economica, migrazioni e populismi - 3. Di alcuni effetti dei macro fenomeni - 4. Avanzando verso la disuguaglianza graduata. Selezione degli interlocutori, margine d’apprezzamento, e limiti della “democrazia costituzionale” - 5. Le scelte di Astrid, e alcuni punti fermi - 6. Una considerazione ancora.

A Framework of Freedom of Religion: for today, it urges "to try and try again" to secure religious peace
ABSTRACT: This article analyzes the theme of the continuing lack of a law on religious freedom in Italy, despite the fact that seventy years have passed since the Republican Constitution was approved. According to the Author, the combination of four macro-phenomena (security, economic crisis, immigration, populism) nowadays urges the Italian Parliament to start debating how to implement the rights guaranteed under art. 19 Cost. - irrespective of the nationality of the person - and to regulate the procedures for reaching the agreements provided for in the third paragraph of art. 8 Cost. using the well-articulated bill proposed by the Astrid study group. The Author, finally, identifies a number of firm points necessary in his view to ensure respect for religious pluralism, secularism of the state and “religious peace”.

Scarica il testo completo in PDF

Principio pattizio e garanzia dell’eguaglianza tra le confessioni religiose: il punto di vista della Consulta nella sentenza n. 52 del 2016 - di Marco Parisi

Sommario: 1. Introduzione - 2. L’attuazione del principio pattizio tra esigenze politiche del Governo e tutela giurisdizionale dei diritti - 3. Diniego di avvio delle trattative, qualificazione religiosa dei soggetti istanti e uguale libertà: i nodi problematici e le soluzioni.

ABSTRACT: The judgment no. 52/16 of the Constitutional Court has related to a conflict of powers between branches of State, in particular between the Council of Ministers and the Supreme Court, canceling the judgment of the Supreme Court (judgment no. 16305, June 28, 2013) with which it was established the syndicatability to the courts of the government resolution which had been denied to the Union of Atheists and Rationalist Agnostics the opening of negotiations for the signing of the agreement, in accordance with Article 8, third paragraph, of the Constitution. In reaching that conclusion, the Constitutional Court considered necessary some considerations relating to the nature and the meaning that, in our constitutional system, assume the agreement for the regulation of relations between the state and the non-Catholic religious denominations. At the same time, the Judge of the Laws has also been called upon to interpret the first paragraph of Article 8, which, in stating that all religions are equally free before the law, exclude that the State can foster the expansion of a religious group compared to the others.

Scarica il testo completo in PDF

La garanzia dell’«intesa» nell’art. 8 Cost., terzo comma - di Vincenzo Cocozza

SOMMARIO: 1. Alcuni significativi interventi dei Giudici sul procedimento previsto dall'art. 8, terzo comma, Cost. - 2. La sentenza della Corte costituzionale 10 marzo 2016, n. 52 - 3. Le motivazioni a sostegno di differenti conclusioni - 4. Intesa, libertà, eguaglianza fra confessioni.

Scarica il testo completo in PDF

Sicurezza nazionale e diritto di libertà religiosa. Alcune considerazioni alla luce della recente esperienza statunitense - di Pasquale Annicchino

Sommario : 1. Introduzione – 2. La sorveglianza di massa alla luce del caso “Snowden” – 3. Il caso del New York Police Department – 4. Primo emendamento costituzionale e nuove tecnologie – 5. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” - Transizioni • Nel primo anniversario della “Dichiarazione sui diritti delle minoranze religiose nei Paesi a maggioranza musulmana” (g. c.)* - di Giuseppe Casuscelli

Tra pochi giorni sarà trascorso un anno da quel 27 gennaio 2016 in cui 250 eminenti studiosi islamici , riuniti a Marrakech e provenienti da oltre 120 nazioni, hanno sottoscritto una “ Dichiarazione sui diritti delle minoranze religiose nei Paesi a maggioranza musulmana” rivolgendo l’appello a sviluppare una giurisprudenza islamica sul concetto di cittadinanza inclusiva di tutti i gruppi religiosi. L’incontro si era tenuto su invito del Ministero della Promozione e degli Affari Islamici del Regno del Marocco e del Forum per la Promozione della Pace nelle società islamiche , con sede negli Emirati Arabi Uniti. All’evento avevano partecipato cinquanta leader di altre religioni e rappresentanti delle organizzazioni islamiche e internazionali. L’incontro proseguiva lungo il cammino tracciato ad Abu Dhabi nel 2014 con la nascita del Forum for peace , inteso a mostrare al mondo che l’Islam “is a religion of peace and justice”, cui aveva fatto seguito nel 2015 un secondo Forum inteso a ristabilire “ the priorities of Muslim societies by rehabilitating hearts and intellects to a more thorough understanding of the salience of peace in Islam, the shariah, and our tradition”.

Scarica il testo completo in PDF

I ministri di culto non possono essere puniti per avere rifiutato di rivelare informazioni di natura privata apprese durante lo svolgimento dei propri doveri spirituali - di Giovanni Cavallo Valerio Borghesani

La Corte ha stabilito che un ministro di culto Testimone di Geova non può essere punito per avere rifiutato di rivelare informazioni di natura privata apprese mentre esercitava il proprio ruolo di ministro di culto. L’imputato, un ministro di culto (“anziano”) appartenente alla Congregazione Cristiana dei Testimoni di Geova, viene incriminato per reticenza in quanto, citato in qualità di testimone all'udienza dibattimentale nell'ambito di un procedimento penale per maltrattamenti in famiglia che vedeva coinvolta una coppia di coniugi ai quali egli aveva prestato assistenza spirituale, si rifiuta di rispondere ex art. 200 c.p.p., invocando a tale fine la rivestita qualifica di ministro di culto della Congregazione Cristiana dei Testimoni di Geova e la stretta connessione funzionale tra l'esercizio del proprio mistero religioso e l'avvenuta conoscenza dei fatti oggetto dell'esame testimoniale. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Le intese tra conferme e ritocchi della Consulta e prospettive per il futuro - di Pierangela Floris

SOMMARIO: 1. Introduzione – 2. Uguale libertà e intese – 3. Il riconoscimento di una confessione tra accertamento in via incidentale e in via principale – 4. L’avvio del procedimento d’intesa e la discrezionalità politica.

Scarica il testo completo in PDF

La Corte costituzionale torna protagonista dei processi di transizione della politica ecclesiastica italiana? - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. Due sentenze che rompono un silenzio durato un decennio – 2. La portata del principio affermato dalla sentenza n. 52 del 2016: dal riconoscimento del “diritto a negoziare” l’intesa alla (ribadita) insindacabilità dell’atto di avvio delle trattative – 3. Le ragioni poste a base della decisione della Corte – 4. La libertà di culto di fronte alla rinnovata attenzione per le esigenze di “sicurezza” della collettività nella sentenza 63 del 2016 – 5. “Eguale libertà” vs “libertà diversamente graduata” – 6. I riflessi della pronunzia n. 52 del 2016 sul problema della qualificazione del gruppo come “confessione religiosa” – 7. Le oscillazioni della Corte in tema di “laicità” e le criticità emergenti del diritto ecclesiastico italiano.

The Constitutional Court once again the leading character of the transition processes of the Italian ecclesiastical politics?

ABSTRACT: The present essay analyses the impact of the 2016 Constitutional Court judgements n. 52 and n. 63 on the very “identity”of Italian Ecclesiastical Law, which is characterized by the principles of secularism, equal freedom of religious denominations and by a system of agreements aimed at regulating the specifities of the different religious groups. According to the Author, because of the inactivity of the Legislator, the Constitutional Court is compelled to play a substitute role in searching a satisfactory balance between all these elements and the very settlement of some basic trends in Ecclesiastical Law, as such a subject has to face increasingly new challenges and emerging problems in the management of the religious factor.

Scarica il testo completo in PDF

Prospettive di un’intesa con le comunità islamiche in Italia - di Paolo Cavana

Sommario : 1. Premessa - 2. L’Islam in Italia: una confessione religiosa non riconosciuta. - 3. La preliminare questione dei diritti - 4. Islam e questione immigratoria - 5. Natura delle comunità islamiche e laicità dello Stato - 6. Alcuni problemi sui contenuti di un’eventuale intesa - 7. Il pericolo di fughe in avanti - 8. Ostacoli da superare. Il problema dei luoghi di culto - 9. Una piccola proposta: le associazioni con finalità (o oggetto) mista - 10. La questione della rappresentatività. La proposta di una consulta dell’Islam italiano - 11. Il dialogo e la collaborazione a livello locale - 12. Osservazioni conclusive.

Muslim Organisations in Italy: perspectives on an Agreement with the State

ABSTRACT: This paper examines the legal framework of Muslim communities in Italy in order to check the requirements needed to reach an agreement with the State, as envisaged by the Italian Constitution for denominations other than Catholicism, whose relations with the State “are regulated by law, based on agreements with their respective representatives” (Art. 8, co. 3, Const.). Nowadays the problem is a key issue in current political debates both in Italy and in most European countries. This type of agreement could not only promote the social and cultural integration of Muslim communities into society, but also help isolate Islamic terrorists and their supporters in immigrate communities and fight them better. Given that in Italy Muslim communities and their members, including foreign ones, already enjoy all the civil and social rights that are granted by the Constitution to citizens and social groups, the analysis maintains that reaching such an agreement would be for the moment premature, on the basis of a number of reasons. Among these are the following: the deep divisions existing both within and among these communities, due to different ethnic and religious origins and settlement periods in Italy; the difficulty on behalf of the State to identify a reliable negotiating partner (or more than one) who really represents such communities and does not depend from foreign States. Last but not least the very nature of such an agreement appears to be questionable. In fact, on one hand it would bring relevant advantages and public funding but on the other it would also need an unconditional acceptance of human rights and of the fundamental principles of the Italian law system - among which the equality between men and women and State secularism - which still has to be fully acknowledged within these communities.

Scarica il testo completo in PDF

Un passo indietro sul fronte dei diritti di libertà e di eguaglianza in materia religiosa [?] - di Sergio Lariccia

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. La corte ritiene ammissibile l’intervento, nel giudizio costituzionale, dell’associazione privata degli atei e degli agnostici razionalisti. Funzione e importanza dei gruppi sociali organizzati per l’affermazione dei diritti verso e contro le religioni – 3. L’uaar può essere considerata una confessione religiosa? – 4. Non è ammesso un controllo giurisdizionale sulle decisioni del consiglio dei ministri riguardanti l’avvio delle trattative per la stipulazione di eventuali intese tra una confessione religiosa e lo Stato. Ma “ci sarà pure un giudice a Berlino!” – 5. Potere politico, potere amministrativo e potere giurisdizionale in tema di diritti dei gruppi religiosi in Italia – 6. Ragioni della politica e ragioni del diritto: una scelta metodologica . Dubbi, nella fattispecie, sul ruolo del parlamento come organo di garanzia che esercita il controllo sul governo – 7. 2 aprile 1966: il ricordo di una giornata particolare di cinquant’anni fa.

Scarica il testo completo in PDF

Denominazione della persona e appartenenza religiosa. Il nome arabo dei credenti musulmani - di Giovanni Cimbalo

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La scelta del nome nella religione e nella tradizione islamica - 3. L’assunzione di un nome in lingua araba da parte dei convertiti - 4. Il divieto di nome islamico e il suo abbandono forzoso come strumento di “integrazione-assimilazione” - 5. L’assunzione del nome nel diritto civile italiano e la possibilità di mutarlo - 6. Diritto internazionale privato e diritto al nome.

Name of the person and religious affiliation . The Arabic name of Muslims

ABSTRACT: The structure of the name is a set of an element of identity and religious need for the people converted to different religion, who taking in touch with a new religious belief feel the need to reborn in the new faith. Furthermore, for Muslims, possession of Arabic name is prerequisite in order that Allah can recognize them as faithful. Author reconstructs Islamic traditions related to the choice of the name and makes a reference to the obstacles placed between some States for possession of an Arabic name by Muslims to destroy its identity. Finally reports the rules of the Italian civil law on the subject and in those concerned with private international law.

Scarica il testo completo in PDF

A chiare lettere: Transizioni • L’otto per mille nella nuova relazione della Corte dei Conti: spunti per una riforma (di g.c.) - di Giuseppe Casuscelli

La Corte dei Conti - organo neutrale, autonomo e indipendente sia dal Governo sia dal Parlamento, con il compito istituzionale di sottoporre a controllo la gestione delle risorse pubbliche allo scopo di “perseguire l’utilizzo appropriato ed efficace dei fondi pubblici, la ricerca di una gestione finanziaria rigorosa, la regolarità dell’azione amministrativa e l’informazione dei poteri pubblici e della popolazione tramite la pubblicazione di relazioni obiettive” -, per la seconda volta ha reso pubblica, di agevole accesso e di piana comprensione la «Relazione concernente la “ Destinazione e gestione dell'8 per mille: le misure consequenziali finalizzate alla rimozione delle disfunzioni rilevate ”» . Così facendo, la Corte ha osservato in concreto la regola dell’efficienza e della trasparenza amministrativa, e ha proseguito nell'intento informativo avviato con la pubblicazione della relazione dello scorso anno, confermandolo e rafforzandolo ... (continua)

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” – Editoriali • Una Prefazione nel contesto del 13 novembre (di Nicola Colaianni) - di Nicola Colaianni

Come regolarsi verso le minoranze, ordinarsi coesi nelle società multiculturali e multireligiose dei giorni nostri? Domanda angosciosa e drammatica al cospetto dell’orrenda strage di Parigi, che ho negli occhi mentre scrivo. Come gli altri di cui continua la scia sanguinosa, da Charlie Hebdo fino all’11 settembre di New York, quest’ultimo atto terroristico mira a distruggere i valori fondamentali delle nostre società: la dignità della vita, la libertà, la solidarietà, la pace. Guerra, infatti, è la parola che si sente risuonare. “Siamo in guerra”, s’ode da ogni angolo dell’Occidente. “Guerra!”, allora, dev’essere la risposta, innanzitutto nei territori dominati dalle organizzazioni terroristiche: come se dopo la seconda guerra mondiale con la Carta delle Nazioni Unite non avessimo attributo al Consiglio di sicurezza l’azione di polizia internazionale proprio per evitare il “flagello della guerra”. E un atteggiamento bellico anche sul piano interno: tolleranza zero, chiusura dei confini, legislazione dell’emergenza e misure estreme di polizia nei nostri paesi, dove attraverso le comunità d'immigrati, magari ormai di seconda o terza generazione, s'infiltrano i terroristi. La casa brucia: e allora basta con l’accoglienza e il diritto promozionale delle minoranze! (continua)

Scarica il testo completo in PDF

I ministri di culto delle confessioni religiose di minoranza: problematiche attuali - di Matteo Carnì

SOMMARIO : 1. I ministri di culto nell’ordinamento giuridico italiano - 2. I ministri di culto delle confessioni religiose dotate di intesa - 2.1. (segue) L’individuazione dei ministri di culto - 2.2. (segue) L’assistenza spirituale nelle strutture segreganti - 2.3. (segue) Il matrimonio celebrato dai ministri di culto - 2.4 (segue) Problematiche attinenti ai ministri di culto buddhisti – 3. I ministri di culto delle confessioni prive di intesa - 3.1. (segue) In attesa della legge di approvazione: i ministri di culto della Congregazione cristiana dei Testimoni di Geova - 3.2. (segue) Islam e ministri di culto - 4. Osservazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

La nuova legge regionale lombarda sull’edilizia di culto: di male in peggio - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. Alla Corte! – 2. L’orientamento di politica ecclesiastica della Regione Lombardia nella più recente legislazione - 3. Un caso di abuso dell’autonomia regionale – 4. Le disposizioni della legge n. 20 del 1992 in materia di edifici di culto e il vaglio della Corte costituzionale - 5. Il fattore religioso nello Statuto regionale lombardo del 2008 - 6. Le molteplici violazioni della Carta costituzionale - 7. La necessità di sospendere la legge regionale.

Scarica il testo completo in PDF

Le comunità albanesi in Italia: libertà di lingua e di religione - di Maria Gabriella Belgiorno de Stefano

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Le minoranze storico-linguistiche - 3. Le minoranze storico-linguistiche in Italia - 4. La nascita delle comunità italo-albanesi - 5. La libertà di culto e di religione per le minoranze arbëresche in Italia - 6. Le Eparchie di Lungro e di Piana degli Albanesi – 7. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Dallo scontro all’incontro. 1917-1997: ottanta anni di politica ecclesiastica russa - di Giovanni Codevilla

SOMMARIO: 1. L’inizio della lotta contro la Chiesa. Il Tribunale rivoluzionario e la nascita della ČK - 2. La profanazione delle reliquie - 3. La requisizione dei preziosi - 4. Il movimento degli innovatori - 5. I processi per opposizione alla requisizione dei preziosi - 6. La Dichiarazione del metropolita Sergij - 7. La Nep religiosa staliniana. L’elezione di Sergij a patriarca - 8. Il Concilio della Chiesa Ortodossa Russa del 1945 - 9. L’attività internazionale della Chiesa Ortodossa Russa. La nuova sinfonia tra bolscevismo e Ortodossia - 10. La campagna contro la Chiesa cattolica. L’idea di convocare un Concilio in funzione anticattolica - 11. La svolta antiecclesiastica del 1947 - 12. La ripresa della campagna ateistica e la politica antireligiosa chruščëviana - 13. Il Concilio del 1961 - 14 Il Concilio del 1971 e la politica ecclesiastica postchruščeviana - 15. Il Rapporto Furov e l’asservimento della Chiesa - 16. Michail Gorbačëv - 17. Il ritorno al passato della nuova Russia.

Scarica il testo completo in PDF

La costruzione di una moschea: l’esempio di Colle Val d’Elsa - di Luciano Zannotti

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Il diritto della minoranza musulmana a disporre di luoghi di culto - 3. La realizzazione e la gestione della moschea.

Scarica il testo completo in PDF

Le “confessioni religiose” possono essere atee? Alcune considerazioni su un tema antico alla luce di vicende nuove - di Emanuele Rossi

1 - Il tema del rapporto tra Costituzione e fenomeno religioso può essere analizzato e sviluppato in almeno due direzioni fondamentali: la Costituzione e la libertà religiosa da un lato; la Costituzione e le confessioni religiose dall’altro. In questa sede mi limiterò a ragionare sulle difficoltà di definire cosa sia una “confessione religiosa”, ribadendo peraltro preliminarmente quanto questo apparentemente limitato tema - relativo alla dimensione collettiva della libertà religiosa - sia strettamente connesso al profilo della libertà individuale. (segue)

Scarica il testo completo in PDF

Dove va la libertà religiosa: percorsi comuni tra le due sponde del Mediterraneo - di Alessandro Ferrari

Sommario : 1. Premessa. Un paradigma per la “libertà religiosa mediterranea” – 2. La libertà religiosa come “prima libertà” – 2.1. La sponda nord – 2.2. La sponda sud – 3. La libertà religiosa nell’età contemporanea: apogeo e declino? – 4. Libertà religiosa e pluralismo musulmano in Europa – 5. Libertà religiosa e pluralismo musulmano in terra d’islam – 6. Alcune osservazioni conclusive.

Where religious freedom is heading: common paths on both sides of the Mediterranean

ABSTRACT : The paper aims to investigate the path of religious freedom on the two sides of the Mediterranean. Assuming the possibility of a synoptic history, the paper observes this synopsis from three different perspectives: historical, political and pluralistic. Taking the Declaration of Universal Human Rights as a common parameter for the two sides, the paper analyzes the contemporary process of politicization of the right of religious freedom both in Europe and in the MENA countries. Stressing the fact that the core of this right has to be individuated into the autonomy from the state of both (religious) individuals and communities, the paper advocates a defense of religious freedom as an autonomous and specific right, not completely merged with the generic protection of freedom of conscience and with the goals of the states. This kind of conflation, in fact, could subvert the fundamental distinction between religious and civil spheres, with harmful consequences for both the state and religious communities.

Scarica il testo completo in PDF

Problematiche normative della presenza islamica nello spazio sociale italiano ed europeo. Le difficoltà del pluralismo culturale nel modello di laicità contemporaneo - di Marco Parisi

SOMMARIO: 1. Introduzione. 2. Laicità dello Stato, libertà religiosa e comunità islamiche nella società italiana: tra diritto comune e legislazione pattizia. 3. I nodi giuridici di maggior rilievo in Italia e in Europa. 4. Conclusioni.

ABSTRACT: The constitution in the European legal space of a stable islamic community has given rise to a series of repercussions in the legal regulations of all countries of the European Union. Governments, Parliaments and civil society have been called to assess the requests made by the muslim associations, in order to give recognition to a specific set of rules and habits, which is variably understood by Muslims themselves as necessary to live in a manner consistent with religion. This, however, on the one hand, has imposed to the State institutions to reflect on the coexistence of concepts such as the universality of rights, the respect for cultural distinctiveness and the centrality of the principle of secularism in all the national legal orders, and, on the other side, has urged the muslim communities - considered as a complex and articulated whole - to put in place an attitude of moderation and adaptation towards the foundational principles of the Western legal world .
 

Scarica il testo completo in PDF

Accesso alle intese e pluralismo religioso: convergenze apicali di giurisprudenza sulla “uguale libertà” di avviare trattative ex art. 8 Cost., terzo comma - di Jlia Pasquali Cerioli

SOMMARIO: 1. La sentenza n. 16305 del 2013 delle Sezioni Unite: un caso di “eccezionale novità” – 2. Atto politico e materia religiosa – 3. Accesso agli status promozionali e giurisprudenza di Strasburgo – 4. Apertura delle trattative e assenza di legislazione “specifica” – 5. Laicità, pluralismo e bilateralità pattizia: le intese come strumenti di “attuazione” dell’uguale libertà – 6. I limiti alla discrezionalità governativa nell’individuazione delle confessioni religiose e la ”pretesa” della trattativa – 7. Lo svolgimento della bilateralità: apertura delle trattative, loro (eventuale) conclusione e (eventuale) approvazione delle intese – 8. Note di chiusura (in attesa del giudizio merito …) - 9. Appendice.

Scarica il testo completo in PDF

Une progression sans révolution dans l’appréhension européenne des persécutions religieuses - di Nicolas Hervieu

SOMMAIRE: 1. Introduction - 2. Une issue retentissante: la concrétisation d’une protection conventionnelle contre les persécutions religieuses - 3. Un raisonnement parcellaire: les apories de l’analyse européenne à l’aune de la liberté de religion - 4. Conclusion - 5. Jurisprudence liée - 6. Appendice .

ABSTRACT : By banning deporting of a coptic christian by France to Egypt, where he might suffer persecution, European court of human rights has made an important contribution to the protection of foreigners against measures involving expulsion. The European solution is important because it deals with a complex, but crucial, concept: religious persecution. Unfortunatly, the opportunity offered by this case hase not been fully exploited. Freedom of religion was at the heart of this case, but European court did’nt use it enough.

Scarica il testo completo in PDF

Multiculturalità, “diritti” e differenziazioni giuridiche: il caso dei trattamenti sanitari - di Giancarlo Anello

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Multiculturalità, “diritti” e trattamenti sanitari - 3. Alcune problematiche del cd. testamento biologico in una prospettiva interculturale - 4. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Alcune note sulla Chiesa Greco-Cattolica Romena - di Giovanni Codevilla

SOMMARIO: 1. L’unione con Roma degli ortodossi della Transilvania – 2. La Chiesa cattolica di rito greco nel Regno di Romania - 3. Le direttive sovietiche sulla soppressione della Chiesa cattolica di rito greco - 4. Il ruolo dell’Ortodossia romena nella soppressione della Chiesa greco-cattolica - 5. L’arresto dei vescovi greco-cattolici - 6. Il decreto sulla liquidazione della Chiesa Greco-Cattolica Romena - 7. La fine del regime comunista e il riconoscimento della Chiesa Greco-Cattolica Romena - 8. Il problema della restituzione dei beni ecclesiastici. L’evoluzione della normativa - 9. La giurisprudenza in materia - 10. La resistenza dell’Ortodossia romena - 11. La situazione attuale.

ABSTRACT: This paper deals with the birth of the Greek Catholic Church of Transylvania at the end of the 17th century, its full legal recognition in the Kingdom of Romania and its suppression implemented by the Communist regime in 1948. The process of the Greek Catholic Church liquidation, decreed by Moscow, has been implemented through the collaboration between the Romanian Government authorities and the leaders of the Romanian and Russian Orthodox Churches. With the fall of the Romanian Communist regime and the recognition of religious freedom, the Greek Catholic Church regains the right to exist and operate. The main problem which remains non resolved concerns the restitution of the ecclesiastical properties expropriated in 1948 and then assigned to the State and above all to the Orthodox Church: the latter, in the great majority of cases, rejects the requests put forward by the Greek Catholic Church, which thus is forced to seek justice through the courts. For many years the refusal of the Orthodox Church to return the property once belonging to the Greek Catholic Church was supported by an ambiguous legislation and by the influence wielded by the Orthodox Church. At present, following international pressure, the Courts of Romania seem determined to render the Greek Catholic Church justice, but they meet with resistance from local authorities linked with the Orthodox Church.
 

Scarica il testo completo in PDF

La religione nell’ordinamento algerino tra previsioni costituzionali e normativa ordinaria in materia di esercizio dei culti diversi dal musulmano - di Maria Cristina Ivaldi


SOMMARIO: 1. Rilievi introduttivi – 2. Il trattamento riservato alla religione nelle costituzioni algerine postcoloniali – 3. La disciplina in materia di esercizio dei culti diversi dal musulmano varata nel 2006 – 4. I decreti di esecuzione della normativa de qua – 5. Tendenze evolutive.
 

Scarica il testo completo in PDF

La presenza islamica in Italia: forme di organizzazione, profili problematici e rapporti con le Istituzioni - di Sveva Anna Mancuso

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. L’immigrazione islamica in Italia - 3. L’Islam come religione e le sue peculiarità - 4. I tentativi di intesa con lo Stato italiano e le iniziative dello Stato per conoscere l’Islam italiano - 5. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Conclusions présentées le 19 avril 2012 [Affaires jointes C-71/11 et C-99/11 Bundesrepublik Deutschland contre Y (C-71/11), Z (C-99/11) - di Yves Bot

SOMMARIO: Directive 2004/83/CE – Normes minimales relatives aux conditions que doivent remplir les ressortissants des pays tiers ou les apatrides pour pouvoir prétendre au statut de réfugié – Conditions de l’octroi du statut de réfugié – Article 9 – Notion d’ «actes de persécution» – Existence d’une crainte fondée d’être persécuté – Atteinte grave à la liberté de religion – Ressortissants pakistanais membres de la communauté religieuse Ahmadiyya – Actes des autorités pakistanaises visant à limiter le droit de manifester sa religion en public.

Scarica il testo completo in PDF

Le intese nella società multireligiosa: verso nuove disuguaglianze? - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Il contributo di Giorgio Peyrot alla definizione delle intese – 2. Il suo impegno per l’attuazione delle intese – 3. La crisi dell’istituto … – 4. … e le sue ragioni: a) il passaggio alla società multi religiosa – 5. (Segue): b) la noncuranza della Costituzione – 6. Limiti e attualità del pensiero di Giorgio Peyrot sulle intese.

ABSTRAC: Giorgio Peyrot, one of the most eminent scholars of law and religions in Italy, was very committed, also as representative of the waldensian Church – therefore they called him “the jurist of the minorities” -, in the long struggle for the implementation of the “intese”, i.e. of the conventions between the state and the various religious fellowships different from the catholic Church. Yet, after the aim was acheaved at least in respect of a few communities, then the crisis of this legal institution began: first of all, for the transition to a multicultural and multireligious society, that faces the West with new and not traditional communities, and moreover for the disregard for the Constitution and its institutions, that especially, but not only, the italian Center-Right is spreading throughout Italy. This paper shows the limits and nevertheless the topicality of the legal thought of Peyrot about the “intese” in the context of these times.

Scarica il testo completo in PDF

Le intese fantasma - di Alessandro Albisetti

SOMMARIO: Le intese del 2007: la disciplina matrimoniale - 2. Quali prospettive per il matrimonio religioso civilmente valido

Scarica il testo completo in PDF

Anti-Semitism and Islamofobia in Bulgaria. Actual legal and sociological aspects - di Irena Ilieva

SOMMARIO: 1. Introduction – 2. Statistical data – 3. The Muslim community – 4. The Jewish community – 5. General overview of the relevant law provisions in Bulgaria – 6. Anti-Semitism and Islamophobia and the political rights according to the domestic legislation – 7. The Law on Protection against Discrimination, the concept of “positive” discrimination and some new case-laws - 8. Religious Rights and Freedoms – 9. Criminal Law – 10. Some conclusions.

ABSTRACT: The article is aimed at presenting briefly the actual legal regulation of protection of the religious rights of the individuals belonging to the Muslim and the Jewish communities in Bulgaria. The author has tried to combine the legal issues with some recent sociological studies on Anti-Semitism and Islamophobia and the related violence and crimes. The phenomena Anti-Semitism and Islamophobia are based on the presence of Muslim and Jewish communities in Bulgaria. The article gives some recent statistical data on Turks (Muslims) and Jews in the country according to the last census in 2011. The focus of the study is on the domestic legislation, especially the political rights, the protection against discrimination, the notion of “positive discrimination”, the religious rights and freedoms and the relevant Bulgarian criminal law. This legal regulation is analyzed in the light of Art. 5, Para. 4 of the Bulgarian Constitution which stipulates the primacy of the obligations under the International Public Law. Some relevant case-law is quoted. The legal analysis demonstrates the fact that there are no legal definitions of “Anti-Semitism” and “Islamophobia”. A general conclusion is drawn about the compatibility of the Bulgarian system for protection of individuals that belong to minorities with the international obligations.

Scarica il testo completo in PDF

Laicità e dimensione pubblica del fattore religioso. Stato attuale e prospettive. Relazione di sintesi - di Enrico Vitali

SOMMARIO: 1. Introduzione ai temi del Convegno (Giovanni Varnier) – 2. Profili costituzionali - 2.a) Il sistema di accordi con la Chiesa cattolica e l’incidenza delle fonti unilaterali statuali (Giuseppe Dalla Torre) - 2.b) Laicità e prevalenza delle fonti di diritto unilaterale sugli accordi con la Chiesa Cattolica (Nicola Colaianni) – 3. La situazione delle minoranze religiose tra autonomia e immobilismo del legislatore - 3.a) Le minoranze religiose tra autonomia e immobilismo del legislatore (Mario Tedeschi) - 3.b) Le minoranze religiose (Silvio Ferrari) - 4. – Il diritto regionale e il diritto locale - 4.a) Laicità e collaborazione a livello locale. Gli equilibri tra fonti centrali e periferiche nella disciplina del fenomeno religioso (Pierangela Floris) - 4.b) Laicità e spazi urbani. Il fenomeno religioso tra governo municipale e giustizia amministrativa (Roberto Mazzola) - 5. La giurisdizione - 5.a) Il diritto “vivente” nella giurisprudenza della Corte di Cassazione (Raffaele Botta) - 5.b) Le ultime tendenze giurisprudenziali del Consiglio di Stato (Paolo Moneta).

Scarica il testo completo in PDF

L’immigrazione islamica ed i conflitti con l’ordinamento giuridico spagnolo - di José Antonio Rodriguez Garcia

SOMMARIO: 1. Premessa: il sistema spagnolo di relazioni tra Stato e confessioni religiose - 1.1. La libertà di coscienza - 2. Uguaglianza nella libertà - 3. Laicità - 4. La cooperazione dello Stato con le confessioni religiose- 5. Gli accordi con la Chiesa cattolica - 6. Gli accordi con le minoranze religiose - 7. L’immigrazione islamica ed i conflitti con l’ordinamento giuridico spagnolo - 8. Educazione e immigrati islamici - 9. Diritto di famiglia e gli immigrati islamici - 10. Altri conflitti: libertà religiosa e l’immigrazione islamica - 11. Proposta di soluzioni.

Scarica il testo completo in PDF

L’appartenenza religiosa tra apostasia, divieto di proselitismo e ricerca d’identità - di Giovanni Cimbalo

SOMMARIO: 1. Globalizzazione e difesa dell’identità religiosa - 2. L’apostasia in Italia da atto individuale a comportamento  collettivo - 3. Proselitismo aggressivo e apostasia - 4. La “difesa dello spazio territoriale” nell’ortodossia e il proselitismo tra le confessioni cristiane. Il “modello greco” - 5. La CEDU di fronte al divieto di proselitismo e a tutela della libertà di coscienza - 6. La libertà di non credere nello spazio giuridico dell’Unione Europea.
 

Scarica il testo completo in PDF

Oltre i culti ammessi. Prime note sulla gestione giuridica del pluralismo religioso nella legislazione coloniale italiana - di Federica Botti

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Dimensione unitaria e settoriale del diritto ecclesiastico italiano nella gestione della libertà religiosa nelle colonie italiane – 3. I primi provvedimenti di tutela della libertà religiosa e dei culti nella legislazione coloniale - 4. Le linee comuni del “diritto ecclesiastico coloniale” - 5. L’avventura coloniale e la ricomposizione del conflitto tra stato e Chiesa cattolica - 6.– Alcune prime sommarie considerazioni.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e nuove presenze confessionali (ortodossi e islamici): tra cieca deregulation e super-specialità, ovvero del difficile spazio per la differenza religiosa - di Alessandro Ferrari

SOMMARIO: 1. Preambolo: una (inevitabile) questione di termini – 2. Le minoranze religiose in Italia nell’età federalista – 3. L’associazionismo religioso: il forzato della sussidiarietà orizzontale? – 4. Mimetismo a cascata e processi di istituzionalizzazione - 5 Alcune osservazioni conclusive: riacquistare la vista.

Scarica il testo completo in PDF

Le fonti CSCE/OSCE sulle minoranze nazionali - di Giovanni Barberini

1 - La protezione delle minoranze nazionali è stato certamente un tema caro alla Conferenza sulla Sicurezza e la Cooperazione in Europa (CSCE) e ora all'Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE); e i dibattiti, i negoziati, i documenti, gli interventi che si sono registrati dall'avvio dei lavori della Conferenza di Helsinki costituiscono un elemento particolarmente significativo della sua storia. (continua)

ABSTRACT: The problem of the protection of national minorities was considered in the Helsinki Final Act of the Conference on Security and Co-operation in Europe (CSCE) in the 1975 from point of view of the individual rights; the VII principle of the decalogue that enacted the respect for human rights and fundamental freedoms for all the persons, including those belonging to national minorities, had to be read in the logic of the principles of the inviolability of frontiers and the territorial integrity of States. The difficulties met by the doctrine to give a definition of national minorities also explain him with the history, with the tradition and with the political and war stories that Europe has crossed making to record so many deeply different situations among them and also potential cause of conflicts. In 1989 the problem of the protection of the minorities started to earn in the sensibility of the international community and they resulted a great deal meaningful the contained forecasts in the conclusive documents of three CSCE Meetings: Copenhagen, 1990; Geneva, 1991 and Helsinki 2 in the 1992. The international community takings action that the matter of the national minorities was connected with the security system and of stability in the European continent. Also for this reason the participating States to the CSCE decided to found the office of the High Commissioner on national minorities which a great discretionary competence is recognized for assuring the early warning and a early action and political interventions regarding tensions involving the national minorities that can degenerate in conflicts. The CSCE and now the OSCE, has intended to give life to a pacific system of “internationalization” of the problems concerning the national minorities.

Scarica il testo completo in PDF

L’ultima lezione romana di Giorgio Peyrot - di Nicoletta De Luca

Molto è stato detto in queste due giornate che abbiamo voluto dedicare a Giorgio Peyrot. Vorrei però esprimere, e mi si consenta, un sentimento personale. Per me Peyrot era un nome senza volto, ma solo “Il Prof. Peyrot” perché lui prima di tutto fa parte dei ricordi della mia infanzia quando mio padre in casa parlava delle varie vicende universitarie e ovviamente il suo nome faceva parte di queste. Solo successivamente, dedicandomi agli studi del Diritto ecclesiastico, ho avuto occasione di incontrarlo nell’Istituto di Diritto pubblico della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Roma dove lui, nonostante l’insegnamento nell’Università di Perugia, continuava a svolgere alcuni corsi. Fu da allora che finalmente non solo gli diedi un volto, ma soprattutto cominciai ad apprezzarne il valore attraverso i suoi scritti. (Continua)
 

Scarica il testo completo in PDF

La difficile posizione giuridica dei Testimoni di Geova in Russia di fronte alla Corte di Strasburgo - di Chiara Lapi

SOMMARIO: 1. Il fatto - 2. Il ruolo dei Testimoni di Geova e delle altre religioni in Russia dal 1891 a oggi - 3. Il merito - 4. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

The Universal Constitutionalism in an Age of Religious Diversity. Western Secularism Tested by “New” Cultural Conflicts - di Francesco Alicino

SUMMARY: 1. Introduction – 2. Relation-Collaboration between the State and Churches in Constitutional Democracies – 3. The laicité à la française Tested by a Deprivatised Religious Process – 3.1. The French Rigid Secularism. Freedom (of Religion) through the State – 4. Canada’s Open Secularism. The Question of Religious-Based Family Law Disputes – 4.1 Reasonable Accommodation and “New” Religious Nomoi Groups – 5. Collaboration-Relation between the State and Churches in Italy – 5.1. The Italian Secularism Tested by the New “Religious Geography” – 6. Conclusion.

ABSTRACT: Under the pressing process of immigration and globalisation many Western constitutional democracies have moved from a number of religions, sharing a common culture, to today's age of diversity. As opposed to the past, the current democracies are facing the lack of overlapping consensus over the basic constitutional laws: namely, the meaning and the scope of freedom of religion, secularism, the separation Church-State, equal treatment and the rule of law. This is because individuals often come to adopt their basic values by very different ways. The nature, scope and force of such values are likely to be affected by competing and, sometimes, contested fundamental values and worldviews. From here stems the pressing tension – or dilemma – between “unity” and “diversity”. This essay starts with general considerations about the freedom of religion principle, strictly related with the “separation” as well as “collaboration” between secular States and Churches; then the author analyses three case-studies (France, Canada and Italy), pointing out some specific legal approaches. In particular he focuses the analyses over the French “droit commun”, the Italian ecclesiastic law and the Canadian arbitral tribunals that, especially in family law, allow disputes to be arbitrated using religious jurisdictions.

Scarica il testo completo in PDF

Dialogo, tolleranza e libertà religiosa in Nigeria - di Simona Attollino

SOMMARIO: 1. Considerazioni introduttive – 2. Luci ed ombre in materia di tolleranza e libertà religiosa – 3. La religione in Nigeria come strumento di integrazione nazionale – 4. Attuazione e inattuazione della libertà religiosa nel contesto sociale – 5. La reintroduzione della Shari’a: un problema aperto – 6. Le “sfide” democratiche.

ABSTRACT: With this essay the Author analyses the characteristics of religious freedom in Nigerian legal system, which is considered part of a wider legal phenomenon, what is called the African legal system. Considering the issues related to the religious attitude of the African peoples, and in particular that of the Nigerian ones, the Author underlines the influence exercised by the various religious creeds on other spheres of public life. Besides, in this context one has to take into account the fact that both traditional cultures and political framework have been deeply influenced by the British colonial power. Finally, in this essay the Author also analyses some aspects concerning the fundamental rights in Nigeria, including the religious rights: the way these rights have been recognised and implemented in Nigerian legal system.

Scarica il testo completo in PDF

Principio di cooperazione, rapporti con le confessioni minoritarie e problemi di rappresentanza. Uno sguardo all’esperienza latinoamericana - di Antonio Ingoglia

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La condizione dei culti minoritari in America Latina: cambiamenti in corso - 3. I rapporti con le confessioni religiose non registrate o non ammesse alla concertazione. Normative nazionali a confronto – 4. Il problema dei culti “ancestrali” – 5. Alcune conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Il diritto ecclesiastico oggi: la territorializzazione dei diritti di libertà religiosa - di Giovanni Cimbalo

SOMMARIO: 1. La mutata presenza delle religioni sul territorio - 1.1. L’appartenenza a un’area cultural-religiosa come fattore identitario - 1.2. La nascita, il matrimonio, la sepoltura, le abitudini alimentari, l’etica e la bioetica come tematiche riconducibili all’area sociologica di afferenza religiosa - 1.3. Le feste religiose, la celebrazione del culto e l’edificio di culto come strumenti e luoghi di aggregazione della comunità - 1.4. Crocefisso e simboli religiosi come marcatori culturali del territorio - 2. I mutamenti nella composizione dei gruppi religiosi in Italia - 2.1. L’aumento della componente ortodossa e la presenza dei greco-cattolici - 2.2. I mussulmani dell’Est Europa - 2.3. I mussulmani di origine araba e quelli provenienti dall’oriente - 2.4. I culti d’oriente - 3. Pluralismo religioso: forme organizzate e condivise della laicità.

Scarica il testo completo in PDF

Matrimoni “religiosi” ed effetti civili - di Natascia Marchei

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La pluralità delle forme di celebrazione del matrimonio nella legislazione del 1929 - 3. Il matrimonio canonico trascritto nell’Accordo del 1984 - 4. La “disciplina comune” risultante dalle intese - 5. Brevi considerazioni conclusive: la legge sulla libertà religiosa.

Scarica il testo completo in PDF

Il concetto e il contenuto dell’istituto della libertà di coscienza e di religione nella tradizione giuridica russa - di Ekaterina Lagoda

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. I prerequisiti per la regolamentazione legale della religione come realtà sociale – 3. "Professione di fede" come categoria della legislazione ed elemento obbligatorio dello status personale durante la monarchia – 4. La libertà di coscienza come risultato positivo nei primi anni dell’istituzione del potere sovietico – 5. Il modello autoritario della regolamentazione dei rapporti con le confessioni negli anni ‘60 – 6. La Legge RSFSR "Della libertà delle confessioni religiose" (25 dicembre 1990): un passo verso la disciplina legislativa dell'istituto della libertà di coscienza e di religione – 7. La Costituzione del 1993 come base giuridica per la regolamentazione della libertà di coscienza e di religione nella Federazione Russa – 8. La violazione del principio costituzionale di laicità dello Stato nel tentativo di trovare una nuova ideologia per rafforzare e unire il paese.

Scarica il testo completo in PDF

Idee per la ricostruzione della vita democratica. La libertà delle minoranze religiose nella tesi di laurea di Carlo Azeglio Ciampi (luglio 1946) - di Giovanni B. Varnier

Recentemente, con opportuno inquadramento storico, è stata pubblicata la tesi di laurea di Carlo Azeglio Ciampi, un elaborato che nasce tra guerra e studi giuridici e che condusse alla laurea nella Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Pisa nell’anno accademico 1945-1946 e, soprattutto, che svolge un tema ancora di attualità, come si ricava dal titolo: La libertà delle minoranze religiose nel diritto ecclesiastico italiano. Discussa il 23 luglio 1946 ebbe come relatore Costantino Jannaccone (1883-1962), studioso - secondo il Margiotta Broglio - di “larghissima cultura giuridica”, il quale propose e ottenne per il candidato il massimo dei voti e la lode. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Le minoranze religiose tra normativa penale e diritti di libertà: rilievi a margine di una recente sentenza su Scientology - di Germana Carobene

SOMMARIO: 1. Una recente condanna dell’Associazione di Scientology in Francia - 2. Problematiche sollevate dalla decisione - 3. Il reato di escroquerie/truffa e le persone giuridiche - 4. Il principio di laicità e il diritto penale - 5. Modello liberale e normative penali.

Scarica il testo completo in PDF

I rapporti tra lo Stato e le Comunità religiose in Albania - di Giovanni Cimbalo

SOMMARIO: Premessa -- 1.1. - La nascita dello Stato albanese - 1.2. Il riconoscimento della libertà di organizzazione dei culti – 1.3. La monarchia Zoghista e la stabilizzazione delle Comunità religiose - 1.4. La politica di Zog verso la Chiesa Cattolica - 1.5. La legislazione della repubblica socialista d’Albania in materia di Comunità religiose- 1 6. La nuova legge sulle Comunità religiose: verso l’ateismo di Stato – 1-6.1. La Comunità Mussulmana - 1.6.2. La Comunità bektashi - 1.6.3. La Comunità ortodossa - 1.6.4. Lo Statuto della Comunità Cattolica 1.7. La rinascita della libertà religiosa, di coscienza e del pluralismo confessionale - 1.8. L’originalità del modello albanese - 1.9. La stagione degli Accordi: l’Albania torna alle origini.

Scarica il testo completo in PDF

Le minoranze religiose tra autonomia e immobilismo del legislatore - di Mario Tedeschi

Nel ringraziare il direttivo dell’Associazione, della quale sono stato uno dei fondatori, per il cortese invito, non privo di coraggio, mi sia consentito ricordare con nostalgia il suo primo presidente, prof. Luigi De Luca, il cui tratto e la cui intelligenza e competenza non sono facilmente eguagliabili. Debbo rilevare altresì che il tema affidato alla mia attenzione e a quella del prof. Ferrari, può prestarsi, così come formulato, a una lettura classica non particolarmente in linea con l’argomento generale del Convegno, che riguarda la laicità e la dimensione pubblica del fattore religioso, e nemmeno attuale, anche alla luce della negoziazione bilaterale aperta instauratasi dopo il 1984 che, fortunatamente, è stata trattata dai professori Colaianni e Dalla Torre. Cosa non mi piace di questo titolo? Innanzi tutto l’inciso “minoranze religiose”, che presuppone una maggioranza diversamente riguardata, come di fatto è; in secondo luogo, il riferimento al concetto di autonomia in una dimensione pubblica, dal momento che per me l’autonomia nasce come concetto privatistico, come insegnavano Pugliatti e Cesarini Sforza, e come autonomia negoziale ... (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Immigrazione e reati culturalmente motivati. Il diritto penale nelle società multiculturali - di Fabio Basile

SOMMARIO: Premessa. – 1. Immigrazione e pluralità di culture: nuove sfide per il diritto penale. – 2. Localismo e non-neutralità culturale del diritto penale ‘sotto tensione’ per effetto dell’immigrazione. – 3. Panorama di giurisprudenza europea sui reati culturalmente motivati. – 4. Teoria e prassi della c.d. cultural defense nell’ordinamento statunitense. – 5. Quale rilevanza penale per la ‘motivazione culturale’?

Scarica il testo completo in PDF

L’attuazione dell’art. 8.3 della Costituzione. Un bilancio dei risultati raggiunti e alcune osservazioni critiche - di Sveva Anna Mancuso

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Le sei intese concluse dal 1984 al 1995 - 3. La politica ecclesiastica italiana nei confronti delle confessioni di minoranza dal 1995 al 2006 - 4. Le intese del 2007 - 5. I problemi suscitati dalla mancata approvazione delle intese - 6. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

L’évolution de la protection de la liberté de conscience en Italie à travers la jurisprudence de la Cour constitutionnelle - di Christine Pauti

SOMMAIRE: 1. Introduction – 2- La jurisprudence des années 1960: reflet de l’empreinte confessionnelle de la société italienne – 3. Vers une application effective de la Constitution par une égalisation de la protection des différents cultes dans la jurisprudence des années 1970-1980 – 4. Le renforcement de la liberté de conscience à la lumière du principe de laïcité à partir des années 1990 – 5. Conclusion.

Scarica il testo completo in PDF

Associazioni religiose e “nuovi movimenti” religiosi alla prova del diritto comune in Italia e del diritto comunitario - di Antonino Mantineo

SOMMARIO: 1. La difficile nozione di Confessione religiosa - 2. L’espansione del fenomeno religioso e i nodi problematici emergenti - 3. Qualche spunto e prospettiva per un diritto comunitario sulla libertà religiosa.

Scarica il testo completo in PDF

I nuovi confini del diritto matrimoniale tra istanze religiose e secolarizzazione: la giurisdizione - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Matrimonio religioso e giurisdizione - 2. Giurisdizioni alternative nelle società multiculturali? – 3. Spazi aperti dalle giurisprudenze europeee – 4. Arbitrato e globalizzazione – 5. Secolarizzazione e interposizioni religiose – 6. Rischi per i diritti fondamentali – 7. Sul retroterra multiculturalista - 8. Incursus: Kelsen e la Corte costituzionale austriaca – 9. Esperienza italiana e prospettive – 10. Conclusione: per un globalismo ben temperato.

Scarica il testo completo in PDF

Diritto penale e multiculturalismo: teoria e prassi della c.d. cultural defense nell’ordinamento statunitense - di Fabio Basile

SOMMARIO: PARTE PRIMA: CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE - 1. Premessa. - 2. La società multiculturale degli Stati Uniti. - 3. La cultural defense. - 3.1. Una definizione ‘di massima’ di cultural defense. - 3.2. La funzione della cultural defense: la spiegazione della motivazione culturale della condotta dell’imputato. - 3.3. Cultural defense e reati culturalmente motivati. - 3.4. L’esistenza di alcuni risalenti casi giurisprudenziali coinvolgenti una cultural defense “ante litteram”. - 3.5. La cultural defense dal 1985 ad oggi, nella giurisprudenza e nella dottrina. - PARTE SECONDA: RASSEGNA DI GIURISPRUDENZA - 4. Premessa: riconduzione dei reati rispetto ai quali è stata invocata una cultural defense a (poche) categorie tipologiche. - 4.1. Omicidio dei figli e tentativo di suicidio da parte del coniuge tradito. - 4.2. Reati di sangue a difesa dell’onore. - 4.2.1. Uxoricidi per causa d’onore sessuale. - 4.2.2. Altri omicidi per causa d’onore sessuale. - 4.2.3. Omicidi a difesa dell’onore personale (autostima/reputazione). - 4.3. Altri fatti di sangue culturalmente motivati. - 4.4. Reati contro la libertà sessuale. - 4.4.1. Abusi sessuali a danno di minori. - 4.4.1.1. Rapporti sessuali con spose-bambine. - 4.4.1.2. Baci, carezze e toccamenti alle parti intime di fanciulli. - 4.4.2. Altre violenze sessuali. - 4.5. Reati in materia di sostanze stupefacenti. - 4.6. Reato di porto abusivo di armi.- 4.7. Altro. - PARTE TERZA: UN BILANCIO DELLA PRASSI E DELLA DOTTRINA AMERICANA - 5. I vari canali attraverso i quali può assumere rilievo la motivazione culturale. - 5.1. Rilevanza della motivazione culturale in sede di plea bargaining. - 5.2. Rilevanza della motivazione culturale in sede dibattimentale al fine del riconoscimento di una criminal defense tradizionale. - 5.3. Rilevanza della motivazione culturale in sede di sentencing. - 6. La prova culturale. - 6.1. Le modalità con le quali può essere fornita la prova culturale. - 6.2. Ammissibilità e rilevanza della prova culturale. - 6.2.1. I requisiti di ammissibilità e di rilevanza della prova culturale concernenti la persona dell’imputato. - 6.2.2. I requisiti di ammissibilità e di rilevanza della prova culturale concernenti la relazione tra cultura d’origine e fatto commesso. - 7. Il dibattito dottrinale sulla opportunità di riconoscere rilevanza alla cultural defense. - 7.1. Argomenti della dottrina a sostegno della cultural defense. - 7.1.1. Colpevolezza e individualized justice. - 7.1.2. Pluralismo culturale e diritto alla cultura. - 7.1.3. Mancanza di esigenze preventive. - 7.2. Argomenti della dottrina contraria alla cultural defense. - 7.2.1. Violazione del principio di uguaglianza a vantaggio degli autori e a discapito delle vittime dei reati culturalmente motivati. - 7.2.2. Rischio di pregiudizi per le donne appartenenti ai gruppi culturali di minoranza. - 7.2.3. Difficoltà concettuali ed applicative poste dal concetto di “cultura”. - 7.2.4. Rafforzamento e diffusione di stereotipi culturali negativi sui gruppi di minoranza. - 7.2.5. Pregiudizio per la funzione di prevenzione generale del diritto penale. - 7.2.6. Effetti negativi sul processo di integrazione degli immigrati. - 8. Il dibattito dottrinale sulla opportunità di formalizzare la cultural defense come nuova ed autonoma defense. - 8.1. Argomenti a sostegno della formalizzazione della cultural defense. - 8.2. Argomenti contrari alla formalizzazione della cultural defense. - 9. Conclusioni. Alcune indicazioni per l’osservatore italiano.

Scarica il testo completo in PDF

Libertad de conciencia y derecho a la asistencia sanitaria pública (Particular conflicto en el caso de los testigos de Jehová) - di Mercedes Vidal Gallardo

SUMARIO: 1. Introducción - 2. Fundamento de los derechos que asisten al paciente de los servicios públicos de sanidad – 3. Libertad de conciencia versus asistencia sanitaria pública - 4. ¿Tiene el Testigo de Jehová derecho al reintegro de los gastos médicos? – 4.a. La asistencia sanitaria concebida como un servicio público esencial – 4.b. Delimitación conceptual de la “denegación injustificada de asistencia sanitaria” – 4.c. La denegación injustificada de asistencia en el ordenamiento jurídico español - 4.d. La situación de los Testigos de Jehová: ¿un supuesto de denegación injustificada de asistencia médica? - 5. Valoración jurisprudencial del conflicto de derechos – 5.a. Resolución del conflicto por el Tribunal Constitucional – 5.b. Resolución del conflicto por el Tribunal Supremo – 5.c. Posicionamiento de los Tribunales Superiores de Justicia - 6. Conclusiones.

Scarica il testo completo in PDF

Islam, abbigliamento religioso, diritto e processo penale: brevi note a margine di due casi giurisprudenziali - di Gian Luigi Gatta

SOMMARIO: 1. La libertà di abbigliamento religioso tra diritto e processo penale: due casi giurisprudenziali - 2. Primo caso: una musulmana accede a un’aula di tribunale indossando il burqa, per assistere al processo penale a carico del marito. Denunciata per il reato di cui all’art. 5 l. 152/1975, viene assolta. – 3. Secondo caso: un musulmano accede a un’aula di tribunale, quale imputato in un processo penale, indossando un copricapo. Invitato dal giudice a toglierlo, rifiuta affermando che si tratta di un simbolo religioso e, per protesta, si allontana dall’aula.

Scarica il testo completo in PDF

I reati culturalmente motivati: la cultural defense in alcune sentenze statunitensi - di Carlo Sorio

SOMMARIO: 1. Cenni preliminari sulla c.d. cultural defense - 2. Sentenze in cui si dà rilievo alla cultural defense - 2.1. Assoluzione - 2.1.1. People v. Metallides (1974) - 2.1.2. State v. Kargar (1993) - 2.1.3. State v. Krasniqi (1989-1992) - 2.2. Derubricazione del reato e/o riduzione della pena - 2.2.1. People v. Kimura (1975) - 2.2.2. People v. Poddar (1969-1974) - 2.2.3. People v. Moua (1985) - 2.2.4. People v. Chen (1987) - 3. Sentenze in cui si nega rilievo alla cultural defense - 3.1. People v. Romero (1999) - 3.2. People v. Rhines (1982) - 3.3. People v. Aphaylath (1986) - 3.4. Siripongs v. Calderon (1994) - 4. Riflessioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Direito Eclesiástico no Brasil? Uma sugestão - di Lidyane Maria Ferreira de Souza

SOMMARIO: 1. Laicidade, secularização e dessecularização - 2. Religiões de matriz africana: liberdade religiosa ou patrimônio cultural brasileiro? - 3. Direito Eclesiástico no Brasil? - 4.Considerações finais.

Scarica il testo completo in PDF

Il consociativismo olandese alla prova della globalizzazione - di Giovanni Cimbalo

SOMMARIO: 1. Nascita e sviluppo del sistema consociativo - 2. La società olandese e la presenza organizzata del culto mussulmano nel Paese - 3. Alcune considerazioni generali sul sistema di relazioni tra Confessioni religiose e Stato in Olanda: il nuovo consociativismo olandese.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e società multiculturali: il caso del velo islamico - di Nicola Fiorita

SOMMARIO: 1. Il velo islamico: un simbolo religioso? – 2. Il velo islamico e gli ordinamenti giuridici europei – 3. Il velo islamico e l’ordinamento giuridico italiano – 4. Oltre il velo: appunti e suggerimenti per società plurali in cerca di percorsi praticabili.

Scarica il testo completo in PDF

La nuova intesa con l’Unione Buddhista Italiana: una doppia conforme per il Sangha italiano - di Silvia Angeletti

SOMMARIO: 1. Nuovi accordi e aggiornamenti nel quadro delle intese - 2. Le novità in tema di obbligatorietà del servizio militare - 3. L’insegnamento religioso nella scuola pubblica - 4. Il diritto di istituire scuole e istituti di educazione - 5. L’interesse all’intesa, tra tempi della politica ed esigenze confessionali.

Scarica il testo completo in PDF

La “rivoluzione discreta”. A centosessant’anni dalle Lettere Patenti - di Francesco Spano

SOMMARIO: 1. 17 febbraio 1848: l’emancipazione dei Valdesi e l’ambiguità della politica ecclesiastica sabauda: una rivoluzione annunciata? - 2. Il patriottismo liberale ed il «Reveil» protestante: due rivoluzioni concorrenti? - 3. La disillusione: una rivoluzione mancata? 4. Il portato storico e giuridico del ’48: una rivoluzione discreta?

Scarica il testo completo in PDF

Le confessioni religiose a Trieste: un confronto tra esperienze diverse - di Valentina Frezza

SOMMARIO: 1. Osservazioni in merito ad un recente convegno - 2. Il contesto culturale e religioso nella città di Trieste - 3. La testimonianza della Chiesa Cristiana Avventista del Settimo Giorno - 4. La Comunità Evangelica Luterana triestina - 5. La Comunità Ebraica nell’esperienza delle città di Trieste e Lubiana - 6. Il Centro Buddhista tibetano “Sakya” - 7. L’Islam a Trieste – 8. La realtà cattolica - 9. Le Chiese ortodosse nella realtà locale.

Scarica il testo completo in PDF

L’affaire di Scientology. La qualificazione in via giudiziaria di una confessione nel contesto ‘europeo’ della libertà di religione - di Germana Carobene

SOMMARIO: 1. Il caso della Chiesa di Scientology davanti alla Corte Europea dei diritti dell’uomo - 2. La particolare evoluzione dei rapporti potere politico - fenomeno religioso nella storia russa - 3. Scientology e le problematiche di identificazione di una ‘confessione religiosa’ - 4. I rilievi dei giudici europei: violazione della libertà religiosa e necessità di intervento nella domestic jurisdiction.

Scarica il testo completo in PDF

Religiosità umana, fenomeno religioso collettivo e Costituzione italiana - di Valerio Tozzi

SOMMARIO: 1. Introduzione – 2. Il fenomeno religioso nella Assemblea costituente e nella applicazione pratica dei principi costituzionali – 3. I rapporti Stato-confessioni religiose come sotto-sistema normativo nel più vasto ambito delle libertà delle formazioni sociali a carattere religioso – 4. Politicità dell’attribuzione della qualifica di confessione religiosa – 5. Le … associazioni o istituzioni, a carattere ecclesiastico o con fine di religione e di culto … - 6. La categoria delle … formazioni sociali … a carattere religioso – 7. Erroneità del richiamo indifferenziato alla categoria delle confessioni religiose per riferirsi a generi diversi e più vasti di soggetti collettivi a carattere religioso – 8. La legge quadro sulle libertà religiose.

Scarica il testo completo in PDF

Sui contenuti di una possibile Intesa con la Chiesa Ortodossa Romena in Italia - di Federica Botti

SOMMARIO: Premessa - 1. 1. La presenza organizzata della Chiesa Ortodossa Romena in Italia - 1. 2. Sui requisiti e le procedure per la stipula delle Intese - 1.3. Lo status giuridico del clero della COR in Italia e le altre norme di garanzia - 1.3.1. Le parrocchie e gli edifici di culto.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa collettiva, e nuove intese con le minoranze confessionali - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. Una volta ancora – 2. Una cronaca impietosa – 3. Un pluralismo confessionale “a mezzo busto” – 4. L’uguale diritto alla laicità “positiva” – 5. Un’impostazione “riduzionistica” – 6. I problemi irrisolti, i problemi nuovi, il caos delle fonti, le regole della collaborazione – 7. Il quadro dei valori: dalla Costituzione al Trattato di Lisbona – 8. Uguali libertà e “clausola delle religioni più favorite” – 9. “Provare e riprovare”: non basta confidare nella Corte - 10. Effettività delle tutele e ricorso diretto alla Corte delle confessioni religiose – 11. Costituzione materiale e pace religiosa – 12. Principio di equivalenza, di effettività, di adeguatezza e proporzionalità.

Scarica il testo completo in PDF

Panorama di giurisprudenza europea sui c.d. reati culturalmente motivati - di Fabio Basile

SOMMARIO: Introduzione: la rilevanza prasseologica dei reati culturalmente motivati in Europa - 1. Violenze in famiglia: a) maltrattamenti e sequestri di persona a danno di familiari - 2. Violenze in famiglia (segue): b) sequestri di giovani donne, finalizzati ad imporre un matrimonio combinato - 3. Violenze in famiglia (segue): c) ‘soppressione’ dei familiari che si ribellano alle regole e al codice etico della famiglia d’origine - 4. Reati a difesa dell’onore: a) la vendetta di sangue - 5. Reati a difesa dell’onore (segue): b) omicidi a difesa dell’onore sessuale - 6. Reati a difesa dell’onore (segue): c) reati a difesa dell’onore personale (autostima) - 7. Reati di riduzione in schiavitù. - 8. Reati contro la libertà sessuale: a) violenze sessuali su ragazze minorenni - 9. Reati contro la libertà sessuale (segue): b) violenze sessuali su donne maggiorenni - 10. Mutilazioni genitali e tatuaggi ornamentali ‘a cicatrici’ (c.d. scarificazioni) - 11. Reati in materia di sostanze stupefacenti - 12. Inadempimento dell’obbligo scolastico - 13. Reati di terrorismo internazionale - 14. Altri reati commessi dall’immigrato in una situazione di errore sul fatto che costituisce il reato ovvero di errore sulla legge che prevede il fatto come reato - 15. “Pane e cioccolata”: quando l’imputato è un immigrato italiano - Chiusa.

Scarica il testo completo in PDF

Islam, rappresentanza degli interessi religiosi e diritto comune europeo - di Gianfranco Macrì

SOMMARIO: Premessa - 1. La società «reticolare» europea: sistema di governance e valori unificanti - 2. Europa e fenomeno religioso - 3. La sostanza del Trattato di Lisbona e il ruolo delle organizzazioni religiose - 4. Il dibattito interno all’Islam europeo - 5. La Carta dei musulmani d’Europa - 6. La rappresentanza degli interessi religiosi dell’Islam in Europa - Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Sui requisiti «morali» per l’approvazione della nomina dei ministri dei «culti ammessi» (osservazioni a TAR Sicilia – Catania, Sez. II, 28 settembre 2007, n. 1505) - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. Il caso, il dato normativo e i profili giuridici controversi – 2. Le condanne riportate e la dubbia sopravvivenza dei loro effetti penali – 3. Le contrapposte argomentazioni sulla discrezionalità del provvedimento – 4. La (corretta) interpretazione dei precedenti – 5. L’originaria valenza politica e i limiti della compatibilità costituzionale dell’atto – 6. I postulati fondamentali del dibattito dottrinale – 7. L’analogia con i requisiti di capacità per l’esercizio delle pubbliche funzioni – 8. La natura di atto discrezionale o vincolato – 9. I margini per una interpretazione costituzionalmente orientata della legge n. 1159 – 10. Una «speciale moralità» per il ministro di culto?

Scarica il testo completo in PDF

Fenotipi della laicità costituzionale in Turchia (Türkiye Cumhuriyeti) - di Stefano Testa Bappenheim

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Fenotipo storico - 3. Fenotipi della laicità turca nei confronti della maggioranza islamica - 4. Fenotipo della laicità turca nei confronti delle minoranze religiose non musulmane.

ALLEGATI: I) Decreto attuativo sull’acquisizione ed il godimento di beni immobili da parte di fondazioni comunitarie, e sulla registrazione dei beni immobili a disposizione di queste ultime. Progetto di legge sulle fondazioni comunitarie (del Prof. Hüseyin Hatemi, autunno 2003). II) Memorandum del 5 luglio 2002, della Segreteria di Stato vaticana, agli ambasciatori dei Paesi dell’UE: «La situazione della Chiesa cattolica in Turchia». III) Memorandum della Segreteria di Stato vaticana, del 21 settembre 2002, agli ambasciatori dei Paesi dell’UE: «La questione della libertà religiosa ed il riconoscimento delle minoranze non musulmane». IV) Memorandum del Ministro degli Esteri della Repubblica di Turchia, del 20 dicembre 2002, alla Segreteria di Stato vaticana. V) Lettera aperta, del 23 settembre 2003, delle Chiese alla Commissione del Parlamento turco per i diritti dell’uomo, “Le necessità religiose delle minoranze cristiane e non musulmane in Turchia”. VI) Memorandum della Conferenza episcopale cattolica turca, del 10 giugno 2004.

Scarica il testo completo in PDF

Perché temere una disciplina della libertà religiosa conforme a Costituzione? - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. Premessa: l’utilità di due riletture – 2. Le proposte di legge del 2006 (On. Boato e On. Spini) ed il testo unificato (On. Zaccaria) – 3. I rilievi del Segretario generale della Conferenza Episcopale Italiana – 4. Lo “status paritario” delle confessioni e la loro diversità secondo “natura” – 5. L’uguale godimento dei diritti di libertà – 6. Il principio di laicità ed il diritto di libertà religiosa – 7. La disciplina del matrimonio religioso e la specificità del riconoscimento – 8. Il luogo comune della laicità “francese” – 9. Il sistema pubblico radiotelevisivo e l’edilizia di culto – 10. Per una laicità e una libertà religiosa “conformi a Costituzione”: libertà dalla intransigenza, non libertà della intransigenza.

Scarica il testo completo in PDF

Società multiculturali, immigrazione e reati culturalmente motivati (comprese le mutilazioni genitali femminili) - di Fabio Basile

SOMMARIO: 1. Precisazioni terminologiche e delimitazione del campo d’indagine - 1.1. I nuovi concetti di “società multiculturale”, “cultural defense” e “reato culturalmente motivato” - 1.2. La definizione etnicamente qualificata di cultura. Prima delimitazione di campo della nostra indagine - 1.3. La distinzione tra società multiculturale di tipo multinazionale e società multiculturale di tipo polietnico. Seconda delimitazione di campo della nostra indagine - 2. Come gli Stati europei gestiscono la diversità culturale ‘importata’ dagli immigrati - 2.1. Modello “assimilazionista” versus modello “multiculturalista” - 2.2. Il modello “assimilazionista” alla francese - 2.3. Il modello “multiculturalista” all’inglese. - 2.4. Quale modello preferire? - 2.5. La tolleranza ed i suoi limiti (all’interno del modello multiculturalista). - 2.6. Ancora sui limiti alla tolleranza: la distinzione tra “restrizioni interne” e “tutele esterne” - 3. I reati culturalmente motivati commessi dagli immigrati. - 3.1. La nozione di reato culturalmente motivato - 3.2. La reazione ai reati culturalmente motivati nel diritto penale dei Paesi europei (con cenni alle cultural defenses nell’esperienza statunitense) - 3.2.1. In particolare, nel diritto penale dei Paesi europei “assimilazionisti” - 3.2.2. In particolare, nel diritto penale dei Paesi europei “multiculturalisti” - 3.2.3. In particolare, nel diritto penale italiano - 4. Le mutilazioni genitali femminili quale reato culturalmente motivato - 5. La reazione del diritto penale alle mutilazioni genitali femminili - 5.1. Nei Paesi europei - 5.2. In Italia - 6. Alcune conclusioni provvisorie.

Scarica il testo completo in PDF

Le moschee ed i ministri di culto - di Valerio Tozzi

SOMMARIO: 1. Immigrazione e religione - 2. Luoghi di culto e moschee - 3. Ministri di culto - 4. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Essere minoranza religiosa in Italia - di Guido Fubini

"Essere minoranza religiosa in Italia". Quando mi è stato prospettato il titolo di questo incontro sono stato assalito da una grossa perplessità: esistono minoranze religiose in Italia? Indubbiamente esistono minoranze linguistiche. Ne parla l'articolo 6 della Costituzione : "La Repubblica tutela con apposite norme le minoranze linguistiche". Esistono maggioranze e minoranze politiche. Ne parla l'articolo 64 della Costituzione: "Ciascuna Camera adotta il suo regolamento a maggioranza assoluta dei suoi componenti …". Ma di minoranze religiose nella Costituzione non si parla. Delle confessioni religiose si parla nel 1° comma dell'articolo 8: "Tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge". Non ha nessun rilievo giuridico il fatto che siano di maggioranza o di minoranza. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Le minoranze islamiche nella Bulgaria post-comunista: ingerenze statali e libertà confessionale - di Paola Fantelli

SOMMARIO: 1. Profili istituzionali delle relazioni tra Stato e confessioni religiose nella Bulgaria post-comunista: la posizione dell’Islam - 2. Le ingerenze del Governo bulgaro nell’organizzazione interna delle rappresentanze islamiche secondo la Corte di Strasburgo - 3. Alcune osservazioni sull’ingresso della Bulgaria nell’U.E. e sulle problematiche dell’Islam bulgaro-balcanico.

Scarica il testo completo in PDF

Il difficile percorso verso una legge organica sui culti in Venezuela - di Antonio Ingoglia

SOMMARIO: 1. Presupposti storico-giuridici - 2. Contenuti generali del progetto di Legge Organica “De Religiòn y Culto” all’esame dell’Assemblea Nazionale - 3. Il dibattito politico e i rilievi dei culti minoritari - 4. La posizione dell’episcopato cattolico e la questione relativa all’estensione della legislazione organica alla Chiesa Cattolica - 5. Perdurante tendenza giurisdizionalista del diritto ecclesiastico venezuelano. Due esempi: le disposizioni della “Ley Organica de Immigraciòn” e del disegno di “Ley Organica de Educaciòn” circa le funzioni ispettive e di controllo dello Stato sull’attività dei culti.

Scarica il testo completo in PDF

Dal pluralismo confessionale alla multireligiosità: il diritto ecclesiastico e le sue fonti nel guado del post-confessionismo - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. Premesse – 2. Pluralismo e multireligiosità: un tema che viene da lontano - 3. La reazione giuridica e i segni premonitori. - 4. Le fonti e i paradossi del diritto ecclesiastico – 5. Il concorso libero delle fonti e il loro camuffamento. - 6. Una “reazione” conforme a Costituzione è possibile? – 7. Il ruolo dei principi di settore.

Scarica il testo completo in PDF

Dalla tutela della religione di Stato alla difesa della libertà dei culti: la svolta liberale del codice Zanardelli - di Loredana Garlati

Non è semplice disegnare con pochi tratti di penna il lungo cammino intrapreso dal diritto verso la laicità. Non lo è neppure se si voglia assumere quale momento specifico di riflessione il solo ambito penale, come mi propongo di fare in questo mio intervento. Tramontata l’ossessione medievale della reductio ad unum, l’età moderna, con la definitiva frantumazione dell’universalismo, politico e religioso, avvia un processo di separazione tra sfera morale e giuridica, che troverà i suoi momenti di massima teorizzazione dottrinale nel giusnaturalismo, prima, e nell’illuminismo poi. Di fronte alla rottura dell’unità cristiana, all’emersione, sul proscenio di un mondo dai confini allargati, di civiltà fino ad allora sconosciute, si afferma una visione antropocentrica che solleva questioni nodali, interessanti al tempo stesso etica e diritto. E se le dottrine della Seconda scolastica, come è stato osservato, “con le loro aperture poterono delineare spazi che la secolarizzazione avrebbe poi occupato”, la desacralizzazione vera e propria si avvia con il giusnaturalismo “moderno”, laico, perché incentrato sull’uomo e rivolto esclusivamente a configurare le norme per la società civile. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF