Rivista telematica (www.statoechiese.it)
Online dal gennaio 2007
Menu

Articoli in Enti religiosi

Il Codice del terzo settore: punto di arrivo o di partenza per la palingenesi degli enti religiosi? - di Antonino Mantineo

SOMMARIO: 1. Riordino o riforma del Terzo Settore? - 2. Il contributo che possono offrire gli ecclesiasticisti e i canonisti alla riflessione - 3. La traiettoria: dalla legislazione bilaterale sugli enti cattolici al diritto comune sugli enti religiosi - 4. L’art. 20 Cost.: una lettura rinnovata in una prospettiva sistemica - 5. La legge n. 222 del 1985 rimane apripista della legislazione statale in ottica promozionale e pluralista - 6. Intese dello Stato con le confessioni e collegamento/coincidenza tra le attività di religione o di culto e le attività “diverse” - 7. Superamento “di fatto” della specialità della legislazione bilaterale sugli enti religiosi - 8. Alcune osservazioni critiche sul Codice del Terzo Settore - 9. Un diritto comune sugli enti religiosi nell’ottica dell’interesse generale? - 10. Una nuova mission per gli enti cattolici sollecitata dalla Chiesa di Papa Francesco.

The Third Sector Code: arrival point or starting point for the religious bodies’ palingenesis?

ABSTRACT: Adopted on July 2017, the Third Sector Code promotes social groups to guarantee the constitutional principles of pluralism, participation, social solidarity, substantial equality. The essay analyses what are the most important innovations and the critical issues of Third Sector’s reform, in the law and religion’s perspective and in the canon law’s perspective. Indeed, this legal reform raises fundamental questions, involving Third Sector bodies, that are, at the same time, religious bodies, such as the importance to have in our legal system a general law for religious bodies. Furthermore, Pope Francis’ teaching recalls an ethic dimension in the economic activities for the Catholic bodies.

Scarica il testo completo in PDF

Enti ecclesiastici e riforma del Terzo settore. Profili canonistici - di Paolo Cavana

SOMMARIO: 1. Riforma del Terzo settore e servizio della carità nella Chiesa - 2. La riforma del Terzo settore e le nuove sfide per gli enti ecclesiastici - 3. Il Motu proprio “Intima Ecclesiae natura” e l’evoluzione dell’ordinamento canonico - 4. Il Codice del Terzo settore e la sua applicazione agli enti ecclesiastici - 5. Implicazioni per gli enti della Chiesa: l’esigenza di trasparenza - 6. Il principio della trasparenza nella dottrina canonistica - 7. Il “patrimonio destinato”: implicazioni nell’ordinamento canonico - 8. Attività diverse e controlli canonici: la sfida della governance e della gestione in un contesto concordatario - 9. Osservazioni conclusive.

Catholic Church entities and the reform of the Third sector in Italian legislation. Canonical implications

ABSTRACT: This paper deals with the canonical implications of Italy’s recent Third sector reform in Italian legislation (d. lgs n. 117/2017) for Catholic Church entities and/or agencies for charitable purposes. It starts with some preliminary remarks on the recent evolution of Canon Law concerning the discipline of charitable organizations and agencies that followed the Motu proprio Intima Ecclesiae natura, issued by Pope Benedict XVI in December 2012. It then examines the general framework of the new regulation of non profit organizations in Italian law, emphasizing the pros and cons (opportunities and risks) of its application to religious entities, particularly those connected to the Catholic Church, which in Italy traditionally enjoy a special discipline safeguarding their canonical structure and purposes. The paper then focuses on the impact of the new civil regulation that allows a wide range of charitable initiatives on behalf of religious organizations, on the governance of Catholic Church entities, which are submitted to the directives and authorizations of ecclesiastical authorities. Finally, it draws some conclusive remarks on the need to update and reform some administrative rules and praxis concerning the administration and finance of charitable institutions in Canon Law.

Scarica il testo completo in PDF

Riflessi canonistici della riforma del Terzo settore - di Andrea Bettetini

SOMMARIO: 1. Premessa. Specificità dell’ente ecclesiastico e diritto comune - 2. Lo scopo di religione o di culto. Finalità canoniche e finalità “pattuite”: antinomie e analogie - 3. Attività di interesse generale” di cui all’art. 5 d.lgs. n. 117 del 2017, missione caritativa e sociale della Chiesa e regolamentazione delle attività “diverse” da quelle di culto e religione - 4. Gli enti religiosi civilmente riconosciuti e la novella disciplina sugli enti del Terzo settore e dell’Impresa sociale: adempimenti canonici (regolamento, licenza scritta dell’ordinario e creazione di un patrimonio destinato) - 5. L’identificazione dei beni dell’ente canonico funzionali all’esercizio dell’attività di Terzo settore o di Impresa sociale: il bilancio separato. Conclusioni.

Canonistic Reflections of the Reform of the Third Sector

ABSTRACT: Third sector reform started with the delegation law n. 106 of 6 June 2016 undoubtedly involves canon law in its form and substance. The new legislation on the Third sector allows in a certain sense to "recover" many of the typically canonical activities of the religious entity within its "civil" structure in a way more coherent with the religious and canonical nature of the institution itself with respect to the law 222 of 1985. If we look at the activities that Legislative Decree 117 of 2017 calls (Article 5) "Activities of general interest", we highlight how many of them are specific and characterizing religious bodies of the Catholic tradition. The Author in particular highlights how the civilly recognized religious bodies, if they want to regulate some of their activities according to the new discipline on Third sector bodies and the Social enterprise, must undergo some canonical obligations (drafting of a regulation, written license of the Ordinary and creation of destined assets).

Scarica il testo completo in PDF

Enti ecclesiastici e Terzo settore. Annotazioni prospettiche - di Giuseppe Dalla Torre

SOMMARIO: 1. 1. Nuovi orizzonti - 2. Un caso positivo di secolarizzazione - 3. Codice del Terzo settore e iniziative caritative della comunità ecclesiale - 4. Opportunità aperte da un’alternativa - 5. L’azione caritativa tra diritto speciale e diritto comune.

ABSTRACT: Except for the matter of the clergy sustenance, the current discipline of the Concordat on ecclesiastical institutions is still affected, in spite of everything, by the conditioning deriving from juridical schemes dating back in time, which sacrifice and make precarious their solidarity activities. The fall of the diffidence of the Italian legal system towards the initiatives between the State and the Market, and therefore the recent reform of the Third sector with the enhancement of the non-profit organization’s activities, represent a precious opportunity for the charitable initiatives of the ecclesial communities.

Scarica il testo completo in PDF

Enti della Chiesa e diritto secolare - di Paolo Cavana

SOMMARIO – I. Parte descrittiva: 1. Gli enti della Chiesa: varietà e distinzioni - 2. Enti ecclesiastici e ordinamenti secolari tra dimensione istituzionale e associativa - 3. La disciplina degli enti nelle due codificazioni canoniche - 4. Gli enti della Chiesa tra concordati e diritto comune - 4.1. Sistemi concordatari o di collaborazione - 4.1.1. Area tedesca - 4.1.2. Area latina - 4.2. Sistemi separatisti - 4.2.1. Area francofona - 4.2.2. Paesi di tradizione anglosassone - 4.2.3. Modelli a confronto - II. Parte ricostruttiva: - 5. Elementi di novità nel regime degli enti nel diritto secolare - 5.1. Pluralismo, libertà religiosa e laicità dello Stato - 5.2. Gruppi religiosi e appartenenza confessionale - 5.3. Crisi del sistema delle fonti - 5.4. Evoluzione del concetto di persona giuridica - 5.5. Crisi della distinzione tra enti pubblici ed enti privati - 5.6. Sviluppo del Terzo settore - 5.7. Effetti ulteriori della globalizzazione - 6. Fattori evolutivi nell’ordinamento ecclesiale ed enti ecclesiastici - 6.1. Forme organizzative e modello codificatorio - 6.2. Persone giuridiche ed enti nella Chiesa - 6.3. Modelli di amministrazione interna - 6.4. Istituti religiosi - 6.5. Riforma delle strutture ecclesiali: le diocesi e le parrocchie - 6.6. Riforma delle strutture ecclesiali e autonomia statutaria - 6.7. Attività svolte in forma commerciale e finanziarie - 7. Osservazioni conclusive.

Entities of the Church and Secular Law

ABSTRACT: This paper deals with the complex relationship between Catholic Church entities and secular law, which has always had great relevance and impact on the canonical discipline of such institutions. After some preliminary remarks about the juridical status of Church institutions in canon law across the centuries, from the ius vetus to the 1917 Codex and the current Code of Canon Law (1983), the paper compares their current regulation in secular law within the most important legal traditions in the West, emphasizing pros and cons of each legal system. In the second part, it focuses on the impact of some recent trends that emerge from the evolution of both secular and canonical legal systems and concern the regulation of Church institutions and of Church-related institutions. It then draws some conclusive remarks on the need to update their inner structure and administrative rules.

Scarica il testo completo in PDF

Il Sovrano Militare Ordine di Malta dalla crisi del 2016-2017 alla riforma costituzionale - di Alberto Tomer

SOMMARIO: 1. La recente crisi istituzionale dell’Ordine di Malta. Una premessa - 2. La sospensione del Gran Cancelliere: tre versioni a confronto - 3. Dall’intervento della Sede Apostolica alle dimissioni del Gran Maestro - 4. La nomina del Delegato Speciale e l’elezione del Luogotenente di Gran Maestro - 5. Possibili esiti della riforma: il rapporto con la Santa Sede e l’assetto istituzionale dell’Ordine - 6. I Cavalieri melitensi tra professione religiosa e requisiti nobiliari - 7. Verso un esercizio più collegiale della funzione di governo? - 8. Una riforma complessa in un equilibrio delicato.

From the 2016-2017 crisis to the constitutional reform of the Sovereign Military Order of Malta

ABSTRACT: The paper attempts to examine the recent events surrounding the Sovereign Military Order of Malta and their consequences. On one hand it gives an account of the institutional crisis unfolded since December 2016, which started with the suspension of the Grand Chancellor decreed by the Grand Master. However, following a direct intervention on the matter from the Holy See, the Grand Master resigned from his office and a new Lieutenant was elected in his place. On the other hand it points out the most predictable outcomes of the constitutional reform process launched after the resolution of this crisis, with a particular consideration for the role of the professed Knights in the government of the Order - an aspect which is strictly linked to the relation with the Holy See - and for the balance of powers between the Grand Magistry and the other executive bodies, especially the Sovereign Council.

Scarica il testo completo in PDF

Soggettività tributaria e tassabilità delle attività d’impresa nei luoghi religiosi - di Laura Sabrina Martucci

SOMMARIO: 1. Attività d’impresa degli enti religiosi: il contenzioso come indicatore di performance del sistema italiano delle esenzioni - 2. L’endiadi ente/attività nella giurisprudenza: un caso recente - 3. I centri culturali islamici e i Gurdwara sikh: dalla indefinibilità alle soggettività del terzo settore - 4. Segue: La particolare difficoltà di qualificazione delle attività d’impresa nei luoghi di culto islamici - 5. Attività e accesso alle agevolazioni tributarie: la non discriminazione attraverso il Codice del Terzo settore (CTS) - 6. Segue: Le APS islamiche: la positiva esperienza nel Comune di Torino rispetto alla riconoscibilità dei soggettivi passivi tributari - 7. L’autonomia imperfetta, o secondo diritto comune, degli enti delle religioni prive di intesa.

Tax subjectivity and taxability of business activities held in religious places

ABSTRACT: The activities of ecclesiastical institutions, different from those of worship and religion and carried out by entrepreneurial method and rules of the free market, are subject to ordinary taxation. Otherwise, according to our Supreme Court and the European Court of Justice, they would go against the ban of so called incompatible state aid (art. 107, § 1, TFEU), as the status that every national law acknowledges to a artificial person is irrelevant. The Islamic cultural centers, the Sikh Gurdwara are generally in a limbo with a possible discrimination in the enforcement of the regulation under art. 8 of the Constitution. This paper, however, points out a few associative models, that the ecclesiastical institutions could implement so that their religious places can enjoy at least the common exemptions.

Scarica il testo completo in PDF

L’impatto del nuovo Codice del Terzo settore sulla disciplina degli “enti religiosi” - di Pierluigi Consorti

SOMMARIO: 1. Gli “enti ecclesiastici” fra legge delega e decreto legislativo - 2. Questioni di nome - 3. Questioni di sostanza - 4. Gli enti ecclesiastici civilmente riconosciuti sono enti del Terzo settore? - 5. Cenni alla disciplina tributaria.

The impact of the new “Third Sector Code” on the regulation of “religious bodies”.

ABSTRACT: Italian Law regulates in a special way “ecclesiastical bodies”, the entities that have been recognized as “legal person” by the Law of the State according to the bilateral agreements signed in conformity with Italian Constitution. Nevertheless, these entities are regulated as well by other laws regarding their “not religious” activities, such as social assistance, education (as schools and universities), health care (as hospitals and retirement communities). On July 2017 has been adopted a new Law on the so called “Third Sector”, that impacts on the current legislation in several points. In this essay, I discuss the legitimacy of the adopted denomination of “religious bodies” instead of “ecclesiastical bodies”, that it is not a mere nominalist issue, because it changes many rules. Then I examine the practical implications related to this new legal expression, wondering if those religious/ecclesiastical bodies are “Third Sector entities”. In my opinion, the answer is negative. In the last paragraph, I address the consequences of the new “Third Sector Code” on tax aspects.

Scarica il testo completo in PDF

Enti religiosi e riforma del Terzo settore: verso nuove partizioni nella disciplina degli enti religiosi - di Pierangela Floris

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Gli enti religiosi nelle leggi speciali sul non profit. Le presenze e le assenze consolidate - 3. Gli enti religiosi nella riforma del Terzo settore. Le nuove assenze - 4. Gli “enti religiosi civilmente riconosciuti”, i loro rami sociali e gli assestamenti nella disciplina degli enti religiosi.

Religious Organizations and Third Sector Reform Act: new distinctions among Religious Organizations

ABSTRACT: This essay recalls the intertwining between religious organizations and third sector organizations hitherto well-established in Italian law. Then it examines the Third Sector Reform Act recently approved in Italy, which in its turn subjects religious organizations, under certain terms, to third sector regulations. The essay focuses on the fresh distinctions introduced by the said Reform among various types of religious organizations and underlines the new, consequent discrepancies in the overall regulation of these organizations.

Scarica il testo completo in PDF

Le fabbricerie, esempio di intesa tra autorità civile e autorità religiosa - di Paolo Moneta

SOMMARIO: 1. Crescente attenzione verso le fabbricerie e il loro organo di amministrazione - 2. Una recente sentenza del TAR Toscana sul consiglio di amministrazione delle fabbricerie - 3. La posizione del vescovo diocesano nei riguardi delle fabbricerie.

Scarica il testo completo in PDF

Giurisdizione italiana ed “enti centrali della Chiesa Cattolica”: tra immunità della Santa Sede e (intatta) sovranità dello Stato in re temporali - di Jlia Pasquali Cerioli

SOMMARIO: 1. Sulla nozione di “entri centrali della Chiesa Cattolica” - 2. L’esenzione da “ogni ingerenza” statale - 3. Annotazioni generali sulla immunità della Santa Sede e dei suoi organi - 4. ( … segue) gli orientamenti giurisprudenziali - 5. Il caso della Pontificia Università Lateranense (PUL) e l’ord. n. 21541 del 2017 delle sezioni unite della Corte di Cassazione - 6. Brevi annotazioni finali.

Scarica il testo completo in PDF

Diritto concordatario versus diritto eurounitario: a chi spetta la primauté? (a margine della pronunzia della Corte di Giustizia del 27 giugno 2017, C-74/16, in tema di agevolazioni fiscali per le “attività economiche” della Chiesa) - di Angelo Licastro Antonio Ruggeri

SOMMARIO: 1. La riproposizione da parte della Corte di Giustizia dello schema collaudato dell’“assorbimento” delle forme di rilevanza del fenomeno religioso nelle regole (e nelle logiche) del libero mercato - 2. La vicenda oggetto del rinvio pregiudiziale - 3. Le valutazioni di merito operate dalla Corte - 4. Le analogie con la vicenda italiana riguardante l’esenzione ICI/IMU degli immobili degli enti ecclesiastici cattolici non esclusivamente destinati a fini di culto - 5. I riflessi della sentenza sulla fiscalità agevolata degli enti ecclesiastici prevista dall’ordinamento italiano - 6. La questione dell’incidenza di tale tipo di controversie sulla clausola di salvaguardia dello status riconosciuto dal diritto nazionale alle Confessioni religiose (art. 17 TFUE) - 7. La “copertura” costituzionale della normativa di derivazione concordataria e il principio del primato del diritto dell’Unione - 8. Struttura internamente composita dell’identità dell’Unione, in seno alla quale si dà il principio del primato del diritto eurounitario come pure quello della salvaguardia dei principi fondamentali degli ordinamenti nazionali, e necessità che, caso per caso (e con la tecnica del bilanciamento), si raggiunga e tenga fermo l’equilibrio tra gli stessi - 9. Struttura parimenti composita dell’identità costituzionale dello Stato e modi di farla valere al momento (e per effetto) dell’ingresso in ambito interno di norme di origine esterna, alla luce del bisogno di affermazione di tutti i principi fondamentali (in ispecie, di quelli espressivi della coppia assiologica fondamentale di libertà e uguaglianza) - 10. Diritto concordatario versus diritto eurounitario: conflitto reale o apparente? - 11. Il significato della decisione qui annotata al piano delle relazioni istituzionali: verso una rimessa a punto del rinvio pregiudiziale e dell’equilibrio per il suo tramite raggiungibile tra la Corte dell’Unione e il giudice nazionale?

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere – Transizioni” • Esenzioni fiscali a favore delle confessioni e aiuti di stato: le quattro condizioni ex art. 107, paragrafo 1, TFUE e il tetto massimo di 200.00 euro - di Giuseppe Casuscelli

Il trattamento fiscale preferenziale previsto in molti Paesi dell’Unione Europea per le confessioni religiose e per gli enti religiosi e, più in generale, il finanziamento pubblico, diretto o indiretto, di cui essi possono godere – in forza di speciali discipline concordatarie o di diritto comune - deve misurarsi con la previsione del primo comma dell’art. 107 TFUE che dispone essere “incompatibili con il mercato interno, nella misura in cui incidano sugli scambi tra Stati membri, gli aiuti concessi dagli Stati, ovvero mediante risorse statali, sotto qualsiasi forma che, favorendo talune imprese o talune produzioni, falsino o minaccino di falsare la concorrenza”. L’Italia ha già sperimentato quanto spinoso sia il problema sollevato dall’interpretazione della norma con specifico riferimento al (mancato) pagamento dell’imposta comunale sugli immobili (ICI) da parte di enti ecclesiastici che svolgevano (anche) attività imprenditoriale nel settore alberghiero e in quello scolastico.

Scarica il testo completo in PDF

Brief reflections on Burwell v. Hobby Lobby, inc. (Supreme Court of the United States, June 30, 2014) from an Italian Corporate Law Scholar’s perspective - di Andrea Tina

SUMMARY: 1. Foreword - 2. The issue(s) raised by Burwell v. Hobby Lobby, inc. - 3. Burwell v. Hobby Lobby, inc. main arguments - 4. Conclusions.

Scarica il testo completo in PDF

The Institute for Religious Works: key features of financial intermediation - di Francesca Arnaboldi Bruno Rossignoli

SUMMARY: 1. Introduction – 2. Background to anti-money laundering – 3. Financial intermediation, 2011–2014 – 4. Conclusion.

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” - Transizioni • La fine della sublimazione del lucro (scuole paritarie ed enti ecclesiastici), di Nicola Colaianni - di Nicola Colaianni

La giustizia amministrativa in materia scolastica ha una storia ultradecennale d'interpretazioni, talvolta anche acrobatiche, pro domo ecclesiae: dalle sentenze di fine anni ottanta – per cassare le quali bisognò scomodare la Corte Costituzionale – sulla trasformazione del diritto degli studenti di non avvalersi dell’insegnamento di religione cattolica in obbligo di svolgimento di un’attività alternativa a quelle più recenti sull’ammissibilità di un credito scolastico riservato ai soli avvalentisi e sul carattere culturale delle visite pastorali dei vescovi alle scuole. In questi, e in altri, casi il senso “fatto palese dal significato proprio delle parole secondo la connessione di esse” (diritto non può essere un obbligo, la scelta di non avvalersi non può avere effetti discriminanti, pastorale è la cura dei fedeli e quindi attiene alla religione e al culto non alla cultura) non ha orientato l’interpretazione della legge nuova. A orientarla è stato il, sempre più mitico a uno sguardo spassionato della più recente legislazione, criterio di specialità, ... (continua).

Scarica il testo completo in PDF

Enti ecclesiastici cattolici e procedure concorsuali. La rilevanza del “patrimonio stabile” nella gestione della crisi - di Cesare Edoardo Varalda

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Le attività degli enti ecclesiastici. - 3. Il problema dell’applicabilità delle procedure concorsuali - 4. L’evoluzione della giurisprudenza domestica - 5. Il patrimonio stabile tra dato normativo e realtà giuridica - 6. Termini e garanzie di trasparenza dell’utilizzo del concetto di “patrimonio stabile”: i controlli canonici nell’ordinamento italiano - 7. Riflessioni conclusive.

Ecclesiastical institutions in financial crisis. The role of “stable patrimony”

ABSTRACT : Within the economic framework coming from the 2008 financial downturn, many ecclesiastical institutions involved in commercial activities found themselves in severe financial crises, sometimes leading them to not be able to reimburse their debts. The enforcement of a classical bankruptcy law however does not seem to be fully tailored on these ecclesiastical institutions specificities. Indeed the current Italian bankruptcy law puts the ecclesiastical institutions assets under an indiscriminate attack that can seriously affect their survival and thus to ensure the satisfaction of the "religious" needs they exist for. In such a context, given the statement of the article 7.3, Law 121/1985 which emphasizes that the common law should be applied paying particular attention to the structure and the purpose of religious institutions, the present work attempt at developing a fist reflection on a specific canon law regulatory scheme, i.e. the "stable patrimony", which aim is to guarantee and protect a minimum assets useful to the survival of the ecclesiastical organization. After a first description and analysis of the "stable patrimony" profiles in a canon law perspective, the issue will be also addressed from the relevant point of view of the Church and State relations treaties.

Scarica il testo completo in PDF

Gli enti ecclesiastici nell’Italia liberale: strategie politiche e normativa tra “escalation” e tentativi di “riconciliazione” - di Francesco Campobello

SOMMARIO: 1. Il tema – 2. Premesse storiche pre-risorgimentali: la politica sabauda tra ragion di Stato e devozione religiosa – 3. L’avvento di Cavour e dei liberali al governo – 4 La legislazione liberale nel Regno Sardo: la legge di espulsione dei Gesuiti e le leggi Siccardi – 5. La legge Rattazzi – 6. La “legislazione eversiva” dell’Italia unita: p rimi interventi – 7. Un biennio fondamentale: le leggi del 1866 - 1867 – 8. La riconciliazione mancata – 9. La “legislazione eversiva” di fine secolo: la legge Crispi sulle istituzioni pubbliche di beneficenza – 10. La fine del conflitto nell’Italia post-liberale: il Concordato del 1929.

Scarica il testo completo in PDF

Enti religiosi e tutela dell’ambiente - di Fabio Balsamo

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Verso una concreta assunzione di responsabilità della Chiesa cattolica in materia ambientale – 3. L’impegno delle Diocesi in materia di tutela ambientale – 4. L’impegno della Chiesa cattolica nella tutela dell’ambiente come espressione del principio di collaborazione con lo Stato per il bene del Paese e per la promozione dell’uomo – 5. La partecipazione degli enti religiosi alla costruzione di una “democrazia ambientale” – 6. Enti religiosi e diritto di accesso alle informazioni ambientali – 7. Enti religiosi e tutela giurisdizionale degli interessi diffusi in materia ambientale – 8. Riflessioni conclusive. Confessioni religiose e accesso alla giustizia ambientale.

Religious institutions and environmental protection

ABSTRACT: The article underlines the importance of religions in the global ecological crisis. It also analyzes all the hidden potential of the religious institutions, that can represent an important and useful actor in the necessary ecological commitment. In fact their contribution for the protection of nature can become a really concrete action according to Aarhus Convention, ratified by Italy in 2001. It’s possible to observe that in Aarhus Convention there are no obstacles to the recognition of an active rule on these religiously inspired institutions. That’s why it becomes necessary to study all the consequences, in order to identify powers and limits of this contribution, according to Italian legal system.

Scarica il testo completo in PDF

Enti ecclesiastici e procedure concorsuali - di Antonio Maria Leozappa

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. L’assoggettabilità dell’ente ecclesiastico alle procedure concorsuali negli indirizzi giurisprudenziali – 3. La normativa in materia di enti ecclesiastici nell’ambito degli accordi tra la Repubblica Italiana e la Santa Sede. La nozione di “ente ecclesiastico” – 4. L’art. 7 della legge 25 marzo 1985, n. 121 – 5. La compatibilità della normativa concorsuale ai sensi dell’art. 7 della legge n. 121 del 2013 Il fallimento e l’amministrazione straordinaria – 5.1 (segue): il fallimento dell’associazione/società di fatto che esercita l’attività di impresa nell’ambito dell’ente ecclesiastico – 5.2 (segue): il concordato preventivo e la composizione delle crisi da sovraindebitamento – 5.3 (segue): la liquidazione coatta amministrativa e il d.lsg. 24 marzo 2006, n. 155, di disciplina dell’impresa sociale.

Scarica il testo completo in PDF

La partecipazione degli enti ecclesiastici cattolici alle società di capitali - di Ludovica Decimo

SOMMARIO : 1. Valutazioni preliminari e nuove prospettive d’indagine – 2. L’attività negoziale degli enti ecclesiastici: le autorizzazioni canoniche – 3. La rilevanza dei controlli canonici nell’ordinamento italiano – 4. L’omissione delle autorizzazioni canoniche nella fase costitutiva della s.p.a. e della s.r.l. – 5. I controlli canonici e la circolazione delle azioni della s.p.a. – 6. La cessione di quote di s.r.l. in assenza delle autorizzazioni canoniche – 7. L’invalidità delle delibere peggiorative della situazione patrimoniale dell’ente ecclesiastico (l’aumento reale di capitale, la fusione, la trasformazione regressiva) – 8. La partecipazione dell’ente ecclesiastico socio all’assemblea societaria: brevi cenni sulla rappresentanza delle persone giuridiche canoniche – 9. Il falsus procurator dell’ente ecclesiastico socio in assemblea ordinaria – 10. Ipotesi concrete di partecipazione degli enti ecclesiastici cattolici alle società di capitali, in particolare, alle s.r.l. – 11. L’assenza delle autorizzazioni canoniche nell’atto costitutivo della società “Tabor S.r.l.” – 12. L’errata individuazione delle autorizzazioni canoniche necessarie nell’atto costitutivo della società “G.M.G. E.R. Rinnovabili S.r.l. Unipersonale”.

Scarica il testo completo in PDF

Enti ecclesiastici e ammissibilità alle procedure concorsuali: profili interordinamentali - di Giuseppe Rivetti

Sommario : 1. Enti ecclesiastici e stato di insolvenza: presupposti giuridici e conseguenze economiche. La rilevanza dei controlli canonici. 2. La disciplina giuridica delle «attività diverse». Specialità di regime tra sistema concordatario e ius commune . 3. Le categorie giuridiche dell’ente ecclesiastico-imprenditore, in rapporto a recenti orientamenti giurisprudenziali. 4. Attività religiose e attività diverse: criteri di coesistenza strutturale.

Scarica il testo completo in PDF

Enti ecclesiastici e doveri di solidarietà - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. Come orientarsi - 2. Alcuni interrogativi sottesi al tema - 3. Il declino del carattere non lucrativo del "fine di culto e di religione", e l’emergente rilievo del "fine di profitto indiretto" - 4. Cenni sul patrimonio ecclesiastico e la koinonía materiale evangelica: pauperismo e/o solidarietà - 5. Il dovere inderogabile di solidarietà politica, economica e sociale: una categoria aperta - 6. Cenni sul bene comune nella Costituzione pastorale Gaudium et Spes - 7. I principi sanciti dalla Costituzione e le dichiarazioni del Concilio Ecumenico Vaticano II quali fondamento e fine-valore dell'Accordo del 1984 - 8. Una ri-lettura dell'impegno alla collaborazione reciproca per "il bene del Paese" – 9. Gli specifici doveri di solidarietà che gravano sulle Chiese e sui loro enti. I doveri "nominati" ... - 10. (segue) ...e i doveri "innominati"- 11. Il dovere di conformare i rapporti con i pubblici poteri al principio della buona fede oggettiva - 12. Solidarietà doverosa e solidarietà responsabile - 13. Indipendenza delle Chiese nel loro ordine e solidarietà: il bilanciamento dei principi - 14. Laicità, pluralismo e impegno alla collaborazione per la “promozione dell’uomo”: l’obbligo di facere quale aspetto del dovere di solidarietà - 15. Solidarietà in crisi o solidarietà inattuata? Verso una nuova "stagione" - 16. La necessità di disciplinare i doveri di solidarietà e il legislatore “reticente” - 17. La sfida di una "nuova progettazione" - 18. Un auspicio.

Scarica il testo completo in PDF

Associazioni ed enti in una solidarietà in crisi: le risposte del diritto canonico e del diritto ecclesiastico - di Giuseppe Casuscelli

Intenderò la solidarietà non come carità d’intonazione religiosa, né come liberalità d’intonazione laica, ma quale dovere giuridico secondo la prescrizione dell’art. 2 Cost.: un dovere inderogabile che conforma l’agire nelle sfere della politica, del sociale, dell’economia, e che vincola all’adempimento persone fisiche, formazioni sociali, istituzioni di ogni tipo e livello, per il rifiuto opposto dai costituenti a ogni concezione individualista o corporativa della società. (Continua)
 

Scarica il testo completo in PDF

Gli obblighi contabili degli enti ecclesiastici tra attività non profit e for profit - di Patrizia Piccolo

SOMMARIO: 1. L’ente ecclesiastico quale ente non commerciale – 2. Gli adempimenti contabili dell’ente ecclesiastico tra attività non profit e attività for profit – 3. Modalità di tenuta e conservazione delle scritture contabili – 4. Il "ramo Onlus" dell’ente ecclesiastico ed i relativi adempimenti contabili – 5. Gli obblighi contabili per il "ramo impresa sociale" dell’ente ecclesiastico – 6. Considerazioni conclusive.

The accounting obligations of ecclesiastical organizations between ‘non profit’ and ‘for profit’ activities

ABSTRACT: Despite not having any obligations, it is appropriate for the ecclesiastical organization to have at least elementary accounting, even if it is not required for its institutional activity regarding religion or cult. These obligations are required instead for any further commercial activity. In this case, it will remain as a non profit organization only if a ‘no distribution constraint’ is established. There are specific accounting obligations for the ‘Onlus branch’ and the ‘social enterprise branch’, if instituted.

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” - Editoriali • Lo IOR e le occasioni sprecate (di g.c.) - di Giuseppe Casuscelli

I rapporti tra lo Stato italiano e la Chiesa cattolica sono stati segnati in passato, e lo sono ancora, a uno sguardo d’insieme, da occasioni mancate e interventi manchevoli. Le vicende dell'Istituto per le Opere di Religione (IOR), in particolare, sono state segnate da occasioni sprecate - da ambedue le parti - fin da quando era apparso incontrovertibile che l'Istituto, a dispetto della denominazione e diversamente da quanto previsto dallo Statuto, era dedito all'esercizio improprio di attività bancaria.
La disinvolta gestione dello IOR (protrattasi anche dopo gli anni della “gestione Marcinkus”), ostacolando volontà e tentativi di riforma, ha alimentato anch'essa quelle “divisioni nel corpo ecclesiale” che - almeno a fare data dagli avvenimenti che hanno condotto al fallimento del Banco Ambrosiano - hanno contribuito a deturpare il volto della Chiesa (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Riappare un “déjà vu” nella giurisprudenza: la responsabilità oggettiva del vescovo per gli atti illeciti dei suoi sacerdoti - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. La “novità” dell’ordinanza del Tribunale di Lecce 8 ottobre 2012 – 2. Il precedente belga – 3. Uno sguardo sulla dottrina civilistica del respondeat superior nell’esperienza americana – 4. La fattispecie esaminata dai giudici salentini e la questione della soggettività della Curia arcivescovile – 5. (segue) Il riconoscimento della responsabilità indiretta ex art. 2049 c.c. – 6. Le ragioni della non configurabilità di una posizione di responsabilità del vescovo ex art. 2049 c.c. - Appendice.

It’s “Déjà vu” in Case Law: Vicarious Liability of the Diocesan Bishopfor the Intentional Torts committed by his Priests

ABSTRACT: This Article addresses the issue of a Diocesan Curia’s liability for the intentional torts (sexual assault) committed by his parish priest. The paper takes as a starting point a recent Italian ruling that found a master-servant relationship between the Diocesan Curia and parish priest. The Court also held that a parish priest who committed a intentional tort (sexual assault), causally connected to the relationship, is acting within the scope of employment, so that the Diocesan Curia is vicariously liable. The Author suggests a comparative approach to the guidelines of Belgian and American case law on the subject of sexual abuse committed by clergy and examines the legal aspects of the topic as they are ruled by Italian law, which should lead to reject the conclusion of imputing a vicarious liability upon the Diocesan Curia.

Scarica il testo completo in PDF

Responsabilità “amministrativa” ex d. lgs. n. 231 del 2001 ed enti ecclesiastici civilmente riconosciuti - di Désirée Fondaroli Annamaria Astrologo Giuseppe Silvestri

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Gli enti ecclesiastici civilmente riconosciuti - 3. (segue) Natura giuridica. Le attività di “religione o di culto” e le “attività diverse” – 4. (segue) L’ente ecclesiastico civilmente riconosciuto che svolge attività d’impresa – 5. Brevi riflessioni in ordine alla riconducibilità degli enti ecclesiastici al novero dei “soggetti” di cui all’art. 1 d.lgs. n. 231 del 2001 - 6. (segue) Gli enti ecclesiastici e la disciplina della responsabilità “amministrativa” dei soggetti collettivi: i reati-presupposto commessi all’estero.

ABSTRACT: This research is focused on bodies’ administrative liability ex d. lgs. n. 231 del 2001 and ecclesiastical boards which are civilly recognized. In particular we examine Italian regulations suitable for the mentioned boards. As a consequence we try to find the limits of d. lgs. n. 231 del 2001 application’s. This legislative decree regulates bodies’ liability for unlawful administrative (but substantial penal) acts relating to offences. The provisions set out therein apply to corporate entities and companies and associations including those which are not bodies corporate. However, the decree do not mention any ecclesiastical boards which are civilly recognized.

Scarica il testo completo in PDF

Enti religiosi e fund raising: un binomio possibile (anzi, necessario) - di Fabio Franceschi

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Il fund raising: inquadramento concettuale - 3. (segue) Strategie, strumenti e tecniche di fund raising - 4. Il fund raising come fattore di potenziale sviluppo delle organizzazioni non profit - 5. Enti religiosi e fund raising: un binomio che necessita di essere consolidato (e potenziato) - 6. Peculiarità dell’azione di fund raising degli enti religiosi - 7. Fund raising e aspetti economici e gestionali degli enti religiosi - 8. Considerazioni conclusive.

ABSTRACT: Religious organizations and fundraising: a possible combination (indeed necessary) Fund-raising activities represent the principal livelihood and sources of growth and development for non-profit organisations. Fund-raising is, also, an increasingly important part of religious organizations life. Almost each of them engages in some kind of fund-raising activity, with the purpose of generating income to sustain the organization’s programs and activities. The present study analyzes the relationship between religious organizations and fund-raising activities: a correlation that always existed, but now calls for consolidation and improvement in order to allow religious organizations to achieve economic sustainability. Therefore, religious organizations should develop competency and capacity to design and implement fund-raising activities, through appropriate policies, tools and methodologies. In this perspective, the author examines all the facets of fund-raising activities related to the religious organizations sector and, more in general, the possible applications of business administration principles to the management of religious bodies (so-called “church management”).

Scarica il testo completo in PDF

Le modalità di erogazione delle liberalità agli enti religiosi in relazione alla normativa antiriciclaggio ed al decreto cd. “salva Italia” - di Antonio Fuccillo

SOMMARIO: 1. Il finanziamento privato alle organizzazioni religiose alla luce della recente normativa antiriciclaggio – 2. Le operazioni “sospette” ed il rischio di selettività delle confessioni destinatarie delle attribuzioni liberali – 3. Gli interventi positivi della Chiesa cattolica in materia di antiriciclaggio – 4. La trasparenza gestionale delle confessioni come contributo allo sviluppo finanziario della società.

Scarica il testo completo in PDF

Le Sezioni Unite della Cassazione e l’art. 11 del Trattato lateranense - di Paolo Cavana

SOMMARIO: 1. Una fattispecie semplice - 2. La nozione di enti centrali della Chiesa cattolica - 3. Il contenuto della garanzia pattizia - 4. La teoria dell’immunità ristretta nella giurisprudenza (caso Cermis) - 5. I limiti alla teoria dell’immunità ristretta (caso Calipari e caso Ferrini) - 6. La teoria dell’immunità ristretta e la sua applicazione agli enti centrali della Chiesa - 7. Immunità ristretta e limiti all’efficacia civile dei provvedimenti confessionali - 8. La portata attuale della garanzia pattizia - 9. (segue) La recente Convenzione monetaria tra lo Stato della Città del Vaticano e l’Unione Europea.

ABSTRACT: This essay examines the more recent judgements of the United Sections of the italian Court of Cassation on Article 11 of the Lateran Treaty, in the context of the vibrant juridical debate on this matter. It highlights how the United Sections of the Court defines this legal guarantee, granted by lateran Treaty to the central entities of the Catholic Church, in terms of “functional or restricted immunity” according to international law, so that - the Court adds - its basic foundation in the Italian constitution lies both in Article 7 (State-Church relations) and in Art. 10, concerning the automatic effect of the general international norms in the Italian system of law. Furthermore, the paper makes some relevant remarks about the main aspects and actual evolution of the doctrine of sovereign “immunity” through some recent judgements of italian law Courts. Then it underlines some emerging differences in its application - through Art. 11, Lat. Treaty - to the central entities of the Catholic Church, deriving from the special recognition of the “sovereignty of the Holy See in international matters” (Art. 2, Lat. Treaty). Finally it makes some concluding remarks about the actual meaning of this legal guarantee, taking the 2009 Monetary Agreement between the European Union and the Vatican City State into consideration too.

Scarica il testo completo in PDF

L’ospedale ecclesiastico: un’economia civile - di Simona Attollino

SOMMARIO: 1. Premessa: l’attualità del tema – 2. Il Welfare State e le “nuove” protezioni sociali – 3. La laicità alla prova: sussidiarietà e cooperazione – 4. L’ente ecclesiastico ospedale classificato – 5. Libertà religiosa e associazionismo.

ABSTRACT: With this essay the Author analyses the way hospitals, managed by religious organizations (from here stems the Italian notion of so-called “ecclesiastical hospitals”), act in respect to the health care system, which in Italy is informed by the principle stated in article 32 of the Constitution: this principle affirms that “the Republic safeguards health as a fundamental right of the individual as a collective interest”. In particular, the Author is able to demonstrate that the integration process concerning the ecclesiastical hospitals can be considered either a result of the principle of “Subsidiarity” (in the horizontal sense of the term) or a product of the important role that, in Italian legal system, has been traditionally recognised to the religious groups, in primis to the Catholic ones. Despite a legal context more and more secularised, in Italy religion still plays a crucial role, especially in fields related to the common wealth. In this manner, with their organizations, religious groups can help the State in affirming and protecting the constitutional “values”, including those values which were stemmed from to secular roots.

Scarica il testo completo in PDF

L’art. 27 ultimo capoverso del Concordato lateranense e la sua applicazione al Santuario della B. Vergine delle Grazie in Brescia - di Maria Vismara Missiroli

SOMMARIO: 1. Problemi interpretativi dell’art. 27.3 del Concordato Lateranense - 2. L'Istruzione della Congregazione del Concilio del 1930. - 3. La qualificazione di una chiesa come Santuario - 4. Requisiti per l’applicazione ai santuari dell’art. 27.3 - 4.1. Amministrazione civile - 4.2. Personalità giuridica - 5. La questione dei santuari di proprietà di persone fisiche o giuridiche - 6. Il Santuario della Beata Vergine delle Grazie di Brescia. Brevi cenni storici - 7. L’applicazione dell’art. 27.3 del Concordato lateranense al Santuario di S. Maria delle Grazie - 8. Conclusione.

Scarica il testo completo in PDF

Il volontariato religioso nell’ordinamento giuridico italiano (l’incompiuta integrazione tra società civile e società religiosa) - di Fabiano Di Prima

SOMMARIO: 1. Identikit d’una fattispecie “ibrida” sconosciuta al diritto positivo italiano - 2. L’assenza di una normativa ad hoc pattizia: alcune ragioni ipotizzabili – 3. Le fonti unilaterali: dall’indifferenza per il fenomeno della Legge-quadro del ’91 all’indirizzo restrittivo delle Linee-guida del 2010 - 4. Il problema a monte - 5. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

“Frate sole” e il fotovoltaico. Il ruolo della parrocchia e la tutela dell’ambiente tra normativa statale e Magistero della Chiesa cattolica - di Angela Patrizia Tavani

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. L’ente religioso imprenditore – 3. Rinnovata centralità di “frate sole” nel III millennio: le parrocchie e il fotovoltaico – 4. Il Magistero della Chiesa cattolica in tema di salvaguardia dell’ambiente – 5. Considerazioni conclusive.

"Brother Sun" and photovoltaic. The role of the parish and the environmental protection between State regulations and the Magisterium of the Catholic Church

The establishment of a social enterprise for the production and sale of electricity through the creation of a photovoltaic system by imposing some parishes of Mantua shows that there is no conflict between the specific nature of ecclesiastical entity and the exercise by this socially useful economic activity, because the economic activity in order to provide the capital resources required to achieve the purpose of religion or belief, does not change the nature of ecclesiastical entity, because it does not absorb or blur the religious or of worship but rather reinforces the essence, as related and instrumental to this The invitation to promote renewable energy to protect the environment, has been the subject of interventions at various levels by both the Italian state and by the European Community, also Magisterium of the Catholic Church has often called for a real ecological conversion and an ecumenical commitment to that effect Associated Parishes are an example of civil economy, characterized by human sociality and reciprocity, as opposed to a utilitarian vision of the market based on the logic of exchange of equivalents.
 

Scarica il testo completo in PDF

Rassegna ricostruttiva della legislazione in materia di Onlus di ispirazione religiosa - di Angela Patrizia Tavani

SOMMARIO: 1. Natura giuridica e requisiti normativi delle Onlus - 2. Le Onlus parziali: gli enti religiosi destinatari della normativa di favore - 3. L’esclusione degli enti religiosi delle confessioni non convenzionate con lo Stato - 4. Le deroghe riservate agli enti ecclesiastici.

Reconstructive Review of legislation on non-profit organization of religious inspiration

Article 10 of Legislative Decree No 460/97 sets out the criteria for the classification of non-profit organization providing for the respect of both objective and subjective elements. They are autonomous and distinct category relevant only for tax purposes. The Legislative Decree no. 460/97 newly introduced tax legislation concerning non-profit organization, to which are assimilated some of the religious institutions agreements with the state, limited to the conduct of activities related to the "Third sector". Excluded from the rules pertaining to special religious bodies denominations without agreement with the State which may take place if the status of a non-profit organization, however, limited to, the activities of social significance, subject to compliance with other requirements for non-profit organization toutcourt. Among the most significant fiscal benefits for the religious institutions become significant no commercialization of institutional activities carried out for purposes of social solidarity and the promotion of donations to the non-profit organization, working in solidarity with purpose areas specified by the decree. The tax relief provided by the state legislature based on those already introduced by the international agreement that must be intertwined with those of Legislative Decree No 460/97.

Scarica il testo completo in PDF

L’attività socio-sanitaria della Onlus Colonia Hanseniana Ente Ecclesiastico Ospedale “Miulli” - di Angela Patrizia Tavani

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La vicenda storico-giuridica dell’Ente ecclesiastico Ospedale “Miulli” e l’attività svolta dal ramo Onlus Colonia Hanseniana – 3. Attuazione del principio di conformità confessionale e adeguamento alla prassi vigente in materia di Onlus.

ABSTRACT: The Law no. 6972/1890 transformed charities in public institutions of charity, then IPAB, no longer the prerogative of the Catholic charity. Fascism took shape a public system of social protection, then inherited by the state Republican. With regard to the development of non-profit sector are important rule no. 2 Cost. and the Law no. 266/1991, Law no. 381/1991, Legislative Decree no. 460/1997 and Legislative Decree no. 155/2006. With regard to Apulian reality is important Onlus Hospital’s Miulli in Acquaviva delle Fonti, civilly recognized ecclesiastical body, which carries out hospital and manages, through its own branch of non-profit organization, the activities of social and health care of lepers. We must remember the bishop's decree of establishing the non-profit organization on January 15, 1998, and additional regulation adopted by the next bishop's decree of October 31, 2003. Both Episcopal decrees are a tangible example of modern ecclesiastical standards, evidence of the Catholic Church's ability to use tools designed by the legislature to carry out charitable activities, in terms of collaboration with the State.

Scarica il testo completo in PDF

Enti non profit e diritto dell’Unione Europea - di Andrea Perrone

SOMMARIO: 1. Diritto dell’Unione Europea e disciplina degli enti non profit - 2. Principio di non discriminazione, libera circolazione dei capitali e disposizioni nazionali in materia di fiscalità degli enti non profit - 2.1. Alcune implicazioni sistematiche della recente giurisprudenza della Corte di Giustizia - 2.2. Le ricadute operative e le conseguenze per le confessioni religiose - 3. Agevolazioni fiscali per gli enti non profit come aiuti di Stato? - 3.1. Le conseguenze della giurisprudenza della Corte di Giustizia su una dibattuta questione italiana - 3.2. Uno spunto finale di riflessione.

Scarica il testo completo in PDF

Le istituzioni ecclesiastiche nel Settecento in Italia tra potere spirituale e potere secolare - di Fabio Franceschi

SOMMARIO: 1. Le istituzioni ecclesiastiche in Italia nei primi decenni del XVIII secolo: uno sguardo d’assieme - 2. L’avvio di una politica riformista da parte dei principi della penisola e l’affermarsi del giurisdizionalismo di matrice confessionista quale sistema di rapporto tra gli Stati italiani e la Chiesa - 3. La svolta di metà secolo. Aumento dell’ingerenza delle autorità civili nell’organizzazione e nell’attività delle Chiese locali. Assunzione da parte delle stesse di autonome competenze normative in materia di istituzioni e di patrimonio della Chiesa. Parziale inquadramento delle istituzioni ecclesiastiche in seno alle organizzazioni statuali - 4. I principali provvedimenti adottati negli Stati della penisola nel campo delle istituzioni e del patrimonio ecclesiastico - 5. Provvedimenti soppressivi di istituzioni esistenti - 6. (segue) Misure dirette a cancellare i privilegi e le immunità delle istituzioni ecclesiastiche ed a contrastare il fenomeno della manomorta - 7. (segue) Misure dirette a riformare l’organizzazione e l’attività della Chiesa in sede locale e a sottoporre le istituzioni ecclesiastiche al controllo dell’autorità civile - 8. (segue) Misure dirette a secolarizzare le funzioni assistenziali ed educative. Sottrazione dei relativi ambiti di attività alla Chiesa ed alle sue istituzioni - 9. (segue) Rivendicazioni statali in tema di creazione delle istituzioni ecclesiastiche. Tentativi volti ad affermare la necessità e il carattere essenziale del riconoscimento o della confirmatio imperantis dei corpi morali in genere, e delle istituzioni ecclesiastiche in particolare - 10. Istituzioni secolari ed istituzioni regolari. Incidenza dell’azione degli Stati sull’assetto della ripartizione fra le due componenti dell’organizzazione ecclesiastica. L’ostilità dei sovrani riformatori nei confronti dell’organizzazione regolare e della Compagnia di Gesù in particolare. Soppressione di conventi e monasteri - 11. Le istituzioni del clero secolare. Rafforzamento degli episcopati locali e delle strutture organizzative diocesane come effetto della politica ecclesiastica riformista degli Stati italiani. Parziale riorganizzazione, territoriale e funzionale, delle parrocchie e dei seminari - 12. Considerazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Enti e beni - di Mauro Rivella

SOMMARIO: 1. Enti e beni delle confessioni religiose … – 2. (segue) e della Chiesa cattolica – 3. La disciplina pattizia dopo l’Accordo di revisione del 1984 – 4. La prassi e il ruolo della Commissione paritetica – 5. Il raffronto con la disciplina dell’Unione europea: gli asseriti “privilegi fiscali” – 6. L’esenzione dall’imposta comunale sull’immobili – 7. La qualifica di ente non commerciale – 8. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

L’incidenza del diritto comunitario sulla fiscalità degli enti e delle confessioni religiose - di Marco Miccinesi

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Agevolazioni fiscali e divieto comunitario di aiuti di Stato – 2.1. I singoli presupposti applicativi della disciplina sugli aiuti: impresa e mercato, selettività, potenziale anticoncorrenzialità - 2.2. I presupposti degli aiuti nella dimensione delle agevolazioni fiscali agli enti religiosi. - 3. Le singole agevolazioni previste dal diritto tributario italiano - 3.1. L’esenzione ICI. - 3.2. Le altre misure agevolative a favore degli enti ecclesiastici - 4. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

“Diritto della Unione Europea e status delle confessioni religiose”. Apertura dei lavori - di Giorgio Feliciani

Il presente incontro costituisce la continuazione e lo sviluppo della riflessione iniziata con il Convegno, svoltosi in Università Cattolica nel maggio 1999, su “Chiese, associazioni, comunità religiose e organizzazioni non confessionali nell’Unione Europea”. Su tale problematica si confrontarono allora non solo qualificati esperti e autorevoli esponenti della Commissione europea, ma anche rappresentanti di organismi confessionali e ideologici accreditati presso la stessa. Tra le tante significative acquisizioni dei lavori merita ricordare quanto ebbe ad avvertire Thomas Jansen, presidente della “Cellule de prospective” allora incaricata di assicurare il dialogo dell’Unione con le “communautés de foi et de conviction”. Egli ebbe infatti a rilevare che l’interesse della Commissione nei confronti di questi “partenaires” non derivava tanto dal loro pur rilevante ruolo quali attori della società civile, ma soprattutto dall’apporto che essi potevano offrire sotto il profilo etico alla identificazione e definizione dell’identità e del significato della Unione. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

L’evoluzione del diritto comune in materia religiosa nella legislazione nazionale - di Paolo Moneta

Sommario: 1. Premessa – 2. La legislazione sulle confessioni religiose – 3. I beni culturali – 4. Gli enti ecclesiastici e gli enti di utilità sociale – 5. La tutela penale – 6. La bioetica – 7. Gli insegnanti di religione e la tutela della riservatezza – 8. Osservazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Le ultime tendenze giurisprudenziali del Consiglio di Stato in materia ecclesiastica - di Paolo Moneta

SOMMARIO: 1. Gli insegnanti di religione nella scuola pubblica – 2. I docenti dell’Università cattolica – 3. Cerimonie ed attività di ispirazione religiosa nelle scuole – 4. Il crocifisso nelle aule scolastiche – 5. L’edilizia di culto – 6. Gli enti ecclesiastici – 7. L’accesso a documenti sanitari nelle cause di nullità di matrimonio – 8. Altri interventi del Consiglio di Stato: cappellani militari, velo islamico, finanziamento alle scuole non statali – 9. Osservazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Le minoranze religiose tra normativa penale e diritti di libertà: rilievi a margine di una recente sentenza su Scientology - di Germana Carobene

SOMMARIO: 1. Una recente condanna dell’Associazione di Scientology in Francia - 2. Problematiche sollevate dalla decisione - 3. Il reato di escroquerie/truffa e le persone giuridiche - 4. Il principio di laicità e il diritto penale - 5. Modello liberale e normative penali.

Scarica il testo completo in PDF

Danno e responsabilità da esercizio del ministero pastorale - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. L’interesse episodico degli studi tradizionali di diritto ecclesiastico per le tematiche legate all’istituto della responsabilità – 2. Il sistema della responsabilità civile e la tipica apertura interdisciplinare della moderna disciplina del diritto ecclesiastico – 3. L’avvio della riflessione dottrinale sul danno «esistenziale» da lesione del diritto di libertà religiosa – 4. La particolare «responsabilità» dell’agire per la Confessione religiosa e la definizione della sfera tipica delle funzioni ministeriali – 5. I caratteri della responsabilità da atti illeciti connessi con l’esercizio del ministero pastorale – 6. Il caso degli abusi sessuali su minori all’interno delle istituzioni ecclesiali – 7. Gli orientamenti della giurisprudenza statunitense – 8. Gli sviluppi più recenti in ordine alla questione della proponibilità di azioni legali direttamente nei confronti (della Santa Sede e) dello Stato della Città del Vaticano – 9. I peculiari doveri di vigilanza attribuiti al Vescovo dal diritto canonico e il problema della loro rilevanza civile nell’ordinamento italiano – 10. L’inesistenza di una «posizione di garanzia» del Vescovo nei confronti delle condotte abusive dei sacerdoti – 11. L’esclusione di una responsabilità (indiretta) del Vescovo per fatto altrui – 12. Le ipotesi di responsabilità per «fatto proprio» – 13. I limiti di estensione della responsabilità all’ente ecclesiastico – 14. La responsabilità civile da inesatto adempimento delle modalità estrinseche di esercizio delle funzioni ministeriali.

Scarica il testo completo in PDF

Sull’estinzione e modificazione della persona giuridica nel diritto canonico moderno. Spunti ricostruttivi per una teoria dei soggetti di diritto - di Beatrice Serra

SOMMARIO: 1. Profili introduttivi - 2. Le disposizioni generali sull’estinzione e modificazione della persona giuridica: a) nei lavori preparatori del Codice del 1983 - 3.(segue): b) nei lavori preparatori del Codice dei canoni delle Chiese orientali - 4. (segue): c) nel diritto vigente della Chiesa universale - 5. Problemi interpretativi: a) sul significato del rinvio alle disposizioni statutarie – 6. (segue): b) sul nucleo costitutivo della personalità giuridica privata.

Scarica il testo completo in PDF

La «supremazia» del principio di laicità nei percorsi giurisprudenziali: il giudice ordinario - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. I «perché» della ricerca – 2. I «come» della ricerca – 3. I «dati» della ricerca – 4. Il principio di laicità, l’interpretazione adeguatrice ed il diritto ecclesiastico positivo – 5. I rischi dell’interpretazione adeguatrice – 6. L’interpretazione adeguatrice e la discrezionalità del giudice – 7. I vincoli nell’attuazione del principio – 8. Le linee generali degli interventi della Corte di cassazione civile e dei giudici di merito – 9. L’ossequio formale al principio – 10. L’applicazione giurisprudenziale fatta dalle sezioni unite civili della Corte di cassazione … – 10.a) Il divieto di ingerenza nell’organizzazione delle confessioni religiose - 10.b) Libertà fondamentali, diritti assoluti e riparto della giurisdizione - 10.c) Pubblico, religioso e profili etici - 10.d) La potestà organizzatoria non conformata della Pubblica Amministrazione - 10.e) Ordine pubblico e delibazione - 11. (segue) … e dalle sezioni semplici – 11.a) La personalità giuridica privata degli enti di culto - 11.b) L’insegnamento della religione nella scuola pubblica e gli insegnanti - 11.c) Il lavoro dei religiosi presso l’associazione di appartenenza - 11.d) I diritti delle scuole confessionali e i diritti degli insegnanti - 11.e) Il riconoscimento del figlio naturale - 11.f) Il giuramento - 12. Uno sguardo riassuntivo.

Scarica il testo completo in PDF

Enti ecclesiastici – Enti delle Confessioni religiose - di Salvatore Berlingò

SOMMARIO: 1. L’ente ecclesiastico – 2. L’ente ecclesiastico civilmente riconosciuto - 3. Gli enti confessionali - 4. Normativa unilaterale comune e normativa di derivazione bilaterale sugli enti confessionali - 5. Enti riconosciuti dalle Confessioni - 6. Figure soggettive ‘border-line’ di enti confessionali - 7. Le attività non cultuali - 8. Il fine di religione o di culto - 9. La coerenza istituzionale dell’ente confessionale – 10. Autonomia confessionale e fine-struttura degli enti - 11. ‘Ecclesiasticità’ o ‘confessionalità’ e regime del no-profit e delle ‘imprese sociali’ - 12. Esenzioni e agevolazioni fiscali per gli enti confessionali - 13. Rapporti di lavoro e imprese di tendenza presso gli enti delle Confessioni – 14. Evoluzione della disciplina degli enti ecclesiastici e confessionali.

Scarica il testo completo in PDF

Per un diritto di libertà di religione costituzionalmente orientato - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Premessa: legge e intese - 2. Insufficienze della p.d.l. – 3. L’obiettivo da perseguire - 4. La libertà di religione e i suoi limiti – 5. La laicità – 6. La libertà di religione negativa: ateismo e agnosticismo – 7. Le organizzazioni filosofiche e non confessionali – 8. Norme finanziarie (deduzioni offerte ed otto per mille) – 9. Confessioni con intesa e senza intesa: illegittimità della distinzione – 10. La personalità giuridica – 11. Il matrimonio - 12. Le classi religiosamente omogenee - 13. Simboli religiosi - 14. L’architettura della p.d.l.- 15. Conclusione.

Scarica il testo completo in PDF

Nuove prospettive nella disciplina delle confraternite - di Alberto Roccella

SOMMARIO: 1. Le confraternite tra disciplina unilaterale dello Stato e disciplina pattizia – 2. La distinzione delle confraternite in due specie – 3. Le confraternite con scopo esclusivo o prevalente di culto – 4. La competenza all’accertamento dello scopo esclusivo o prevalente di culto – 5. Il procedimento per l’accertamento dello scopo esclusivo o prevalente di culto – 6. Il termine per la conclusione del procedimento – 7. Le confraternite con scopo esclusivo o prevalente di culto come enti ecclesiastici speciali – 8. Le confraternite con scopo esclusivo o prevalente diverso da quello di culto.

Gli articoli 9 e 10 della legge 222/85: piani paralleli per diverse tipologie giuridiche di associazioni cattoliche - di Alberto Fabbri

SOMMARIO: 1. Nota introduttiva - 2. Il ruolo dei principi elaborati in sede di commissione paritetica - 3. Gli articoli 9 e 10 come piani paralleli - 4. La normativa di riconoscimento della personalità giuridica; strumenti diversi per regolamentare situazioni distinte – 4.1. Norme procedurali - 5. La normativa sostanziale – 5.1. Gli enti di cui all’art. 10 - 6. La giusta collocazione giuridica nell’incertezza tra disciplina speciale e settore particolare - 7. Il ruolo della Regione per un riconoscimento locale.

Scarica il testo completo in PDF

Registration of Religious Organizations in the European Union Member States - di Silvio Ferrari

SOMMARIO: 1. Introduction - 2. The first level or the larger circle – 3. The second level(s) or the inner circle(s).

Scarica il testo completo in PDF