Rivista telematica (www.statoechiese.it)
Online dal gennaio 2007
Menu

Articoli in Ebraismo

The legal status of Jerusalem in the State of Israel - di Myriam Lucia Di Marco

SUMMARY: 1. Introduction - 2. Background and Laws - 3. Legal Issues - 4. Future outlook.

Abstract: Jerusalem is the most important city in the world, the Centre of the three greatest religions. It is the Capital of the State of Israel for some, the capital of the State of Palestine for others and for others still a corpus separatum under international control. Everyone wants Jerusalem, and so they contest it, creating political and legislative unrest. These disturbances give rise to violence from both groups of people that live there. In this brief dissertation, we retrace the key historical points and problems associated with the legal status of this city, from the first decades of the twentieth century, to understand that the problem lies in the claim of ownership of this City.

Scarica il testo completo in PDF

Alcuni spunti di comparazione tra diritto italiano e diritto ebraico in tema di maternità surrogata - di Enrica Martinelli

SOMMARIO: 1. Il divieto di maternità surrogata nell’ordinamento italiano - 2. Diritto ebraico e bioetica - 3. “Crescete e moltiplicatevi”. Il precetto divino di procreare e la maternità surrogata nel diritto ebraico - 4. Conclusioni.

Some starting points for comparison between Italian law and Jewish law on surrogate motherhood

ABSTRACT: Recent scientific progress in reproductive biotechnologies implies significant transformations in terms of the value and culture of the concept of maternity, which is no longer attributable to the legal definition of “mother” offered by Italian civil legislation. Assisted reproductive technologies separate the reproductive aspect and sexual union of the couple, finally leading to the metamorphosis of the relational dynamics underlying the “family identity” and the birth of new types of biolegal contracts. The study sets out to compare the approach that the Italian legal system reserves for the phenomenon of surrogacy with that which has developed at the heart of Jewish law. The interesting variety of opinions of the rabbinical authorities, which express both the Orthodox positions and the more progressive ones, show how Jewish speculation around bioethical reproductive issues has led to a respectful comparison of knowledge and judgements of the minority opinions that enter, with equal dignity, into the legal debate and are enhanced by the absence of a superior interpretation.

Scarica il testo completo in PDF

La fatale attrazione tra diritto sacro e diritto secolare nel modello israeliano: la giurisdizione dei tribunali rabbinici in materia di matrimonio e divorzio - di Livia Saporito

SOMMARIO: 1. La giurisdizione dei tribunali rabbinici in materia di status personale: il matrimonio e il divorzio nel diritto halachico e nei più recenti orientamenti giurisprudenziali - 2. Diritto, stato e religione nel modello giuridico israeliano: religious law vs. secular law? - 3. L’incorporazione diretta del diritto ebraico nel modello israeliano: law as religion, religion as law - 4. Beis Din, identità religiosa e risoluzione alternativa delle controversie.

The fatal attraction between religious law and secular law in the Israeli legal system: the jurisdiction of the rabbinical courts in matters of marriage and divorce

ABSTRACT: This article explores a unique case study of privatized family law in a liberal democratic state in the Western world: Israel. The complex relationship among law, religion and state presents characters quite peculiar in the Israeli experience. Due to historical and cultural reasons, among the systems belonging to western legal tradition, there is no other country that experiences more intensely the problem of religion’s place. In matters of marriage and right to divorce, the Israeli system nominally adheres to exclusive religious law and jurisdiction, by means of rabbinical courts, but religious and civil systems interact profoundly, shaping its family law as a hybrid creature of civil and religious legal elements. Unlike what happens in other countries, such as Canada, United Kingdom or United States, the Supreme Court of Israel has not yet undertaken a detailed policy analysis of the balance between the rights and obligations of the husband and wife in the process of enforcing divorce judgments, but sanctions against recalcitrant spouses in Rabbinical courts in Israel have been addressed in light of the principles of Jewish and constitutional law. The implementation of fundamental rights in family law matters, specifically the one of equality between spouses, is a prerogative of the jurisprudence of secular courts.

Scarica il testo completo in PDF

Paolo VI il più grande Papa riformatore della modernità - di Carlo Cardia

SOMMARIO: 1. Premessa. Lo sguardo verso l’alto. Il Papa più italiano e più universale della modernità - 2. Paolo VI e l’amore per l’Italia. Storia, Risorgimento, Repubblica - 3. Il programma dell’Ecclesiam Suam del 1964. Dialogo con i non credenti e dialogo interreligioso - 4. Ebraismo ed ecumenismo, per l’unione del ceppo ebraico-cristiano - 5. Fede e ragione. L’universalità della Chiesa e dell’ONU - 6. Collegialità e unità nel governo della Chiesa. Coscienza della funzione petrina - 7. Un fremito lo prende, una vertigine, talora una follia, lo invade. Ma Paolo VI chiude le ferite della storia - 8. Profezia e storicità del magistero di Papa Montini. Sacerdozio, celibato, i tempi della storia - 9. Etica, famiglia, sessualità. Paolo VI, l’antropologia solidale, contro il nichilismo della dissoluzione - 10. Conclusioni. Paolo VI, uomo della fede e della sapienza.

Scarica il testo completo in PDF

Le leggi antiebraiche del 1938 e la loro applicazione nella Facoltà giuridica della R. Università degli Studi di Roma - di Fabio Franceschi

Sommario : 1. Le leggi antiebraiche e il mondo accademico italiano. La R. Università degli Studi di Roma e, al suo interno, la Facoltà giuridica – 2. Una necessaria premessa: la penetrazione del fascismo all’interno della Facoltà giuridica romana – 3. Le leggi razziali del 1938. La questione della diversità giuridica dell’ebreo e il mondo dei giuristi – 4. L’applicazione della legislazione antiebraica nella Facoltà giuridica romana: la sospensione e la successiva dispensa dal servizio per “motivi razziali” di Giorgio Del Vecchio e di Gino Arias. Le vicende relative alla sostituzione delle cattedre vacanti nei verbali della Facoltà – 5. I docenti della Facoltà giuridica romana di fronte all’allontanamento dei colleghi di razza ebraica – 6. (segue) … e al problema rappresentato, sul piano giuridico, dalle leggi antiebraiche. Antisemitismo e questione della “diversità giuridica” degli ebrei nel pensiero e negli scritti degli accademici romani - 7. Le ripercussioni delle misure persecutorie sulla vita e sul pensiero dei docenti allontanati. Il caso specifico di Giorgio Del Vecchio – 8. L’abrogazione delle leggi antiebraiche. La Facoltà giuridica romana tra epurazioni e ritorni. Le (tormentate) vicende della reintegrazione di Giorgio Del Vecchio - 9. Un bilancio conclusivo.

Scarica il testo completo in PDF

Anti-Semitism and Islamofobia in Bulgaria. Actual legal and sociological aspects - di Irena Ilieva

SOMMARIO: 1. Introduction – 2. Statistical data – 3. The Muslim community – 4. The Jewish community – 5. General overview of the relevant law provisions in Bulgaria – 6. Anti-Semitism and Islamophobia and the political rights according to the domestic legislation – 7. The Law on Protection against Discrimination, the concept of “positive” discrimination and some new case-laws - 8. Religious Rights and Freedoms – 9. Criminal Law – 10. Some conclusions.

ABSTRACT: The article is aimed at presenting briefly the actual legal regulation of protection of the religious rights of the individuals belonging to the Muslim and the Jewish communities in Bulgaria. The author has tried to combine the legal issues with some recent sociological studies on Anti-Semitism and Islamophobia and the related violence and crimes. The phenomena Anti-Semitism and Islamophobia are based on the presence of Muslim and Jewish communities in Bulgaria. The article gives some recent statistical data on Turks (Muslims) and Jews in the country according to the last census in 2011. The focus of the study is on the domestic legislation, especially the political rights, the protection against discrimination, the notion of “positive discrimination”, the religious rights and freedoms and the relevant Bulgarian criminal law. This legal regulation is analyzed in the light of Art. 5, Para. 4 of the Bulgarian Constitution which stipulates the primacy of the obligations under the International Public Law. Some relevant case-law is quoted. The legal analysis demonstrates the fact that there are no legal definitions of “Anti-Semitism” and “Islamophobia”. A general conclusion is drawn about the compatibility of the Bulgarian system for protection of individuals that belong to minorities with the international obligations.

Scarica il testo completo in PDF

Tra necessità e diffidenza: prime tracce degli ebrei a San Marino allo schiudersi dell’età moderna (1400-1600) - di Alessia Legnani

SOMMARIO: 1. Banchieri ebrei e condotte sul Titano – 2. La collettività e gli ebrei: testimonianze di diffidenza – 3. Osservazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Intesa ebraica e pluralismo religioso in Italia - di Carlo Cardia

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Elementi originali dell’Intesa, suo contributo allo sviluppo del pluralismo religioso in Italia - 3. Limiti da superare nella diffusione della cultura religiosa, ebraica in particolare - 4. Pluralismo e multiculturalità. Aspettative, delusioni, scelte da compiere - 5. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

A 70 anni dalla promulgazione della legislazione detta razziale - di Guido Fubini

Nel mese di novembre 2008 si compiono 70 anni dalla emanazione della principale norma antiebraica del regime fascista italiano, contenuta nel regio decreto legge 17 novembre 1938. Nello stesso mese di novembre 1938 in Germania la “Notte dei Cristalli” segnò quella svolta delle misure antiebraiche che avrebbe poi portato alla “soluzione finale”. Forse, a settanta anni di distanza, alcuni hanno dimenticato, o non hanno mai saputo, che cosa è stata la “Notte dei Cristalli”: in realtà è una notte, nel novembre 1938, che fatto seguito a un attentato, da parte di un ebreo tedesco emigrato, contro un funzionario dell’ambasciata tedesca a Parigi, il partito nazista scatenò una serie di attacchi contro le proprietà di ebrei in Germania, uccidendo circa 200 persone, distruggendo le vetrine e dando fuoco alle sinagoghe. Attacchi molto simili a quelli che si sono recentemente verificati in Italia contro i campi di nomadi. Ordine era stato dato ai vigili del fuoco di non intervenire a spegnere il fuoco dalle sinagoghe ma solo a difesa delle proprietà vicine. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Le confessioni religiose a Trieste: un confronto tra esperienze diverse - di Valentina Frezza

SOMMARIO: 1. Osservazioni in merito ad un recente convegno - 2. Il contesto culturale e religioso nella città di Trieste - 3. La testimonianza della Chiesa Cristiana Avventista del Settimo Giorno - 4. La Comunità Evangelica Luterana triestina - 5. La Comunità Ebraica nell’esperienza delle città di Trieste e Lubiana - 6. Il Centro Buddhista tibetano “Sakya” - 7. L’Islam a Trieste – 8. La realtà cattolica - 9. Le Chiese ortodosse nella realtà locale.

Scarica il testo completo in PDF

Ebraismo e Contratto - di Guido Fubini

SOMMARIO: Elementi comuni e differenze fra la codificazione ebraica e quella romana nei primi cinque secoli specie con riferimento alla normativa sui contratti, sulle obbligazioni, sul consenso.

Scarica il testo completo in PDF

Musulmani d’Italia, unitevi? Islàm e democrazia pluralista nell’esperienza recente - di Paolo Sassi

SOMMARIO. 1. Post-secolarismo – 2. Il coacervo anonimo e indistinto dei musulmani – 3. Islàm e modernità – 4. Gestire la complessità – 5. Consulta islamica e pluralismo – 6. Ebrei separati – 7. Quali interlocutori? – 8. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Essere minoranza religiosa in Italia - di Guido Fubini

"Essere minoranza religiosa in Italia". Quando mi è stato prospettato il titolo di questo incontro sono stato assalito da una grossa perplessità: esistono minoranze religiose in Italia? Indubbiamente esistono minoranze linguistiche. Ne parla l'articolo 6 della Costituzione : "La Repubblica tutela con apposite norme le minoranze linguistiche". Esistono maggioranze e minoranze politiche. Ne parla l'articolo 64 della Costituzione: "Ciascuna Camera adotta il suo regolamento a maggioranza assoluta dei suoi componenti …". Ma di minoranze religiose nella Costituzione non si parla. Delle confessioni religiose si parla nel 1° comma dell'articolo 8: "Tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge". Non ha nessun rilievo giuridico il fatto che siano di maggioranza o di minoranza. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF