Rivista telematica (www.statoechiese.it)
Online dal gennaio 2007
Menu

Articoli in Diritto canonico (Storia del)

“Confirma fratres tuos”. Alle origini del magistero autoritativo del vescovo di Roma - di Vittorio Parlato

SOMMARIO: 1. Il tema - 2. La data di celebrazione della Pasqua - 3. I lapsi e il re-battesimo - 4. La Chiesa di Roma custos fidei et unitatatis; giustificazione storica e dottrinale - 5. Le stesse fonti patristiche nella valutazione di teologi ortodossi contemporanei - 6. Una riflessione conclusiva.

“Confirma fratres tuos”. At the origins of the authoritative magisterium of the bishop of Rome

ABSTRACT: The essay deals with the historical and doctrinal justification of the Church of Rome custos fidei et unitatatis in the sub-apostolic age, about the doctrine of the faith through its positions in about the date for the celebration of Easter, to readmission to the Church of the lapsi, to the re-baptism. The importance of these patristic sources is also given by being held present in the theses of contemporary orthodox theologians.

Scarica il testo completo in PDF

North Atlantic Catholic Communities in Rome in the 19th Century: Appointment and Ecclesiastical Policies of the First Irish-, American- and Canadian-Born Cardinals - di Rossella Bottoni

SUMMARY: 1. Introduction - 2. Cardinals and the Internationalization of the Sacred College - 3. The Internationalization of the Catholic Church, the Irish Diaspora and the Transnational Network of North Atlantic Catholic Communities - 4. Appointment and Ecclesiastical Policy of Paul Cullen, the First Irish-Born Cardinal - 5. Appointment and Ecclesiastical Policy of John McCloskey, the First American-Born Cardinal - 6. The First Vatican Council - 7. The 1878 Conclave - 8. Appointment and Ecclesiastical Policy of Elzéar-Alexandre Taschereau, the First Canadian-Born Cardinal - 9. Final Remarks.

ABSTRACT: In the second half of the 19th century, when the Roman Curia was still a monopoly held by Italians and few other European nationalities, the first Irish-, American- and Canadian-born cardinals were appointed within the time span of twenty years - respectively in 1866, 1875 and 1886. In the subsequent decades, other Irish-, American- and Canadian-born cardinals were appointed. This development - in a crucial time characterized by the end of the pope’s temporal power - raises important questions: to what extent did the concerned cardinals became ‘Romanized’ and to what extent did they rather contribute to the development of a new vision of their role in the Catholic Church? Also, to what extent did they pursue the interests of their respective national Catholic community, and to what extent did they rather share the same preoccupations and put forward the same demands? In order to answer these questions, this essay will focus on Paul Cullen, John McCloskey and Elzéar-Alexandre Taschereau.

Scarica il testo completo in PDF

Il De gemitu Columbae del cardinale Roberto Bellarmino e lo jus publicum ecclesiasticum - di Alex Borghi

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Rilevanza del De gemitu per una “teologia politica” - 3. Il problema dell’appartenenza all’Ecclesia: il canto della “Colomba” - 4. Il can. I della Distinctio XCII del Decretum di Graziano - 5. Osservazioni conclusive.

De gemitu Columbae by Cardinal Roberto Bellarmino and the jus publicum ecclesiasticum

ABSTRACT: One of the minor works of cardinal Roberto Bellarmino, De Gemitu Columbae sive De Bono lacrymarum (1617) is composed of three books: the first is dedicated to the "need for moans"; the second and third, respectively, to the sources and the fruits of the "tears". In investigating the origin of the moan, after quoting Isaiah and Nahum, the Author insists on a verse, particularly evocative, taken from the Song of Songs (6, 9). Therefore, the moan is not referred only to the animal in itself, but also to the whole Church: the work in question seems to be more connected to the textures of a "political theology" than to the classic counter-reformed edification readings. The present contribution aims to examine the relationships between De gemitu and the jus publicum ecclesiasticum, not only externum but also - and above all - internum. And, by this way, the highly debated theme of belonging to the Ecclesia, faced by the great Counter-reform theorist through the images of the dove and the chant.

Scarica il testo completo in PDF

La scienza costituzionale canonica nella codificazione del 1917 - di Massimo del Pozzo

SOMMARIO: 1. Panoramica della scienza costituzionale agli albori del secolo - 2. L’impronta costituzionalistica insita nel metodo codiciale - 3. La prospettiva materiale o oggettiva della “idea costituzionale” soggiacente al CIC 17 - 4. La prospettiva formale della strutturazione societaria emergente dal CIC - 5. Il centralismo - 6. L’autoritarismo - 7. Il clericalismo - 8. Valutazione di sintesi dell’ottica costituzionalistica codiciale.

The canonical constitutional science in the didification of 1917

ABSTRACT: Presuming a panoramic summary of constitutional science within canonical thought in the period immediately prior to the Pio-Benedictine Code, this author’s contribution seeks to delineate the material and formal perspectives of the cornerstones of the canonical system that have been assumed by the Legislator. The method of a Code entails, first of all, a complete and organic systematization of the law of the Church. The “constitutional idea” underlying the CIC appears, though, to be firmly anchored to the Church’s hierarchical constitution. As we know, the common figure of the faithful; the active role of the laity; the communal structure of the People of God; the original nature of the episcopacy and the effects of collegiality; the significance of the particular Church; etc. (which will overwhelmingly emerge in the Vatican Council II), are considerably obscured, if not altogether absent, in the prior structure of the Code. This contribution demonstrates the manner in which centralism, authoritarism and clericalism emerge as critical points of orientation in the “positivation” of the canonical system, taking into consideration its logical and conceptual structure without descending into a specific analysis of canons and institutions. While the limitations examined reflect the state of theological and canonical speculation of the time, the new legislative form has ensured the presence of order and balance in the system, heralding its maturation and development.

Scarica il testo completo in PDF

Paolo VI il più grande Papa riformatore della modernità - di Carlo Cardia

SOMMARIO: 1. Premessa. Lo sguardo verso l’alto. Il Papa più italiano e più universale della modernità - 2. Paolo VI e l’amore per l’Italia. Storia, Risorgimento, Repubblica - 3. Il programma dell’Ecclesiam Suam del 1964. Dialogo con i non credenti e dialogo interreligioso - 4. Ebraismo ed ecumenismo, per l’unione del ceppo ebraico-cristiano - 5. Fede e ragione. L’universalità della Chiesa e dell’ONU - 6. Collegialità e unità nel governo della Chiesa. Coscienza della funzione petrina - 7. Un fremito lo prende, una vertigine, talora una follia, lo invade. Ma Paolo VI chiude le ferite della storia - 8. Profezia e storicità del magistero di Papa Montini. Sacerdozio, celibato, i tempi della storia - 9. Etica, famiglia, sessualità. Paolo VI, l’antropologia solidale, contro il nichilismo della dissoluzione - 10. Conclusioni. Paolo VI, uomo della fede e della sapienza.

Scarica il testo completo in PDF

“Credo quia absurdum” [Indimostrabilità-Inconfutabilità delle “Verità di Fede”] - di Piero Bellini

SOMMARIO: Parte prima: Primato del “pietas erga Deum” - Parte seconda: Concorso della “ratio ratiocinans”.

Scarica il testo completo in PDF

Ipse Episcopus iudex: ritorno alla tradizione canonica? - di Gianluca Rabino

SOMMARIO. 1. Premessa - 2. L’episcopalis audientia. Riconoscimento, evoluzione e problematiche - 3. L’età medievale e la nascita degli officiali. I tribunali “guardiani del vincolo” - 4. Dal Concilio di Trento alla prima codificazione - 5. Dal Codex del 1983 all’Istruzione Dignitas connubii - 6. Conclusioni.

Ipse Episcopus iudex: return to the canonical tradition?

ABSTRACT: The new procedural norms for marriage nullity approved by Pope Francis invested the diocesan Bishop with a peculiar role, adding to his previous duties in the judicial sphere that to judge personally in the new processus brevior. Bishops have always been considered the “natural judges” in their dioceses, but this task was previously exercised by appointing the tribunal staff and supervising the judicial activity. Some Authors have affirmed - referring, for example, to the ancient episcopalis audientia - that with this reform a longtime practice of the Church was restored. However, a more accurate study of the evolution of the episcopal potestas iudicandi through the centuries reveals a progressive and conscious devolution of its daily exercise to specialized clerics and colleges, exclusively dedicated to their functions. This trend, transposed in the 1917 Code of Canon Law and confirmed in the present Code promulgated after the Second Vatican Council, has been lastly strengthened in the Instruction Dignitas connubii approved by John Paul II.

Scarica il testo completo in PDF

Tra città di Dio e società “perfette”. Il linguaggio del diritto pubblico ecclesiastico come cifra ricostruttiva della transizione cattolica dal mito alla modernità - di Francesco Zanchini

Sommario: 1. Preambolo - 2. Il diritto romano nell’esperienza cristiana - 3. Chiese e diritto romano nella “civiltà cristiana” - 4. Tra una giurisprudenza e l’altra: la mediazione medievale del diritto comune - 5. La civiltà del diritto nell’età del potere. Quale dogmatica? - 6. Lo jus publicum europaeum: verso una riduzione della Santa Sede a pura “potenza” religiosa - 7. Il retroterra politico di un nuovo diritto pubblico ecclesiastico - 8. (segue) La fondazione teorica di un nuovo diritto costituzionale - 9. Profili di una nuova costituzione materiale - 10. Posizioni di principio e di metodo vincenti a partire dalle dottrine del Bouix - 11. (segue) Dal conflitto alla stabilizzazione dell’emergenza- 12 Il tramonto dei diritti nel nuovo, e nel nuovissimo “jus populi Dei” - 13. (segue) La fine, di fatto e di principio, dell’attuazione giudiziaria del diritto.

Scarica il testo completo in PDF

Considerazioni propedeutiche circa il dinamismo storico delle religioni positive - di Piero Bellini

SOMMARIO: 1. Posizione del problema quanto al primo Cristianesimo – 2. Conseguenti condizionamenti del relativo approccio storiografico – 3. Concorso nel primo Cristianesimo di molteplici fattori mistici – 4. Conseguenti varietà espressive del primo Cristianesimo – 5. Concomitante complessa varietà di attestazioni scritturistiche – 6. Ricerche storiografiche di orientamento fideistico – 7. Tesi di riguardosa ortodossia – 8. Ricerche storiografiche d’altro orientamento – 9. Rappresentazioni storiografiche fondate sul primato del “movimento cristiano principale” o sul rapporto dialettico “ortodossia-eterodossia” – 10. Note caratterizzatrici d’un approccio storiografico di tipo “curialistico” – 11. Limiti d’un tal approccio storiografico – 12. Approccio storiografico fondato sul “vissuto storico” – 13. Valore del Messaggio del Cristo Redentore siccome inteso dai suoi destinatari – 14. Valore d’una tal impostazione storiografica.

Scarica il testo completo in PDF

“Amor virtutis” – “timor disciplinae” [Vocazione etica e precettività disciplinare] - di Piero Bellini

SOMMARIO: 1. «Deus summus Legislator: summus Iudex» - 2. « Bene facere: bonum facere» - 3. «Lex divina ad hoc ordinat hominem ut sit totaliter subditus Deo» - 4. «Opus operantis: opus operatum» - 5. « Sine dilectione boni nullus Deo placere potest » - 6. «Sollicitudo sacerdotalis: sollicitudo praelatitia» - 7. «A Deo omnia, et in Deum»: «nulla vita est quae non sit a Deo» - 8. «Sine dilectione boni nullus Deo placere potest» - 9. «Voluntas facit opus meritorium, non opus voluntatem» - 10. «Deus agit in homines per homines» - 11. «Homines vident ea quae parent: Deus autem intuetur cor» - 12. «Quodlibet factum vel dictum potest esse scandalum» - 13. «Non sunt mali cogendi ad bonum» - 14. «Animus non est cogendus, sed cogenda est actio» - 15. «Coacta servitia Deo non placent» - 16. «Quicumque ad bonum cogitur solo timore non amore ducitur» - 17. «quies fidelium: ordo constitutus» - 18. «Discrimen soporis animae» .

Scarica il testo completo in PDF

Note intorno al sigillo sacramentale. Legislazione e dottrina dal Concilio Lateranense IV alla codificazione del diritto canonico - di Daniela Tarantino

SOMMARIO: 1. Le premesse del Concilio e le peculiarità dei Canoni conciliari – 2. Costituzione 21: fonti, caratteristiche e finalità – 3. La recezione della disciplina conciliare in materia di sigillum confessionis.

Scarica il testo completo in PDF

Los retos estructurales de la Iglesia católica en la sociedad del siglo XXI. Reflexiones sobre los modelos eclesiales y la evolución de la Tradición, el Magisterio y el Derecho de la Iglesia católica - di Gloria M. Morán García

SUMARIO: 1. Presupuestos teológicos y jurídicos esenciales en la estructura institucional de la Iglesia católica: Vertientes estática y dinámica de la Tradición, el Magisterio y el Derecho – 2. Transformación histórica de los modelos eclesiales y sus consecuencias en el desarrollo de la estructura institucional de la Iglesia católica – 3. El Concilio Vaticano II y la crisis de la Iglesia postconciliar: Dilemas entre restauración y renovación – 4. Evolución del magisterio eclesial de Benedicto XVI a Francisco. De la ortodoxia a la ortopráctica y las consecuencias del cambio de orientación magisterial desde la Encíclica Lumen Fidei de Francisco: a) Propuestas de reforma lege ferenda para un diálogo sobre la renovación eclesial; b) Revisiones en el CIC 1983 y en la estructura jurídica de la Iglesia católica; c) Las reformas más reclamadas y rechazadas en el ámbito personal.

Structural Challenges of the Catholic Church in the 21st Century. Reflections on church models and the evolution of the Tradition, the Magisterium, and the Law of the Catholic Church

CONTENT: 1. Theological and legal elements essential in the institutional structure of the Catholic Church: static and dynamic aspects of the Tradition, the Magisterium, and the Law – 2. Historical transformation of ecclesial models and their consequences for the development of the institutional structure of the Catholic Church – 3. The II Vatican Council and the post-council Church crisis: Dilemmas between restoration and renovation – 4. Evolution of the Magisterium from Benedict XVI to Francis. From Orthodoxy to Orthopraxis and the new teaching orientations since the Encyclical Lumen Fidei of Pope Francis: a) Suggested Lege ferenda reforms for a dialogue on the renovation of the Church; b) Suggested revisions in the CIC 1983 and the legal structure of the Catholic Church; c) Most reclaimed and rejected reforms in the personal sphere.

Scarica il testo completo in PDF

Renuntiatio Papae. Alcune riflessioni storico-canonistiche - di Walter Brandmüller

1 - L’annuncio con cui l’11 febbraio 2013 Papa Benedetto XVI rese nota la propria intenzione di rinunciare al Ministero di Sommo Pontefice il 28 febbraio dello stesso anno fu del tutto inaspettato e ha posto diverse questioni da allora oggetto di discussione. In questo contesto si è richiamata l’attenzione su accadimenti simili nella storia del Papato Romano, in cui si crede di riconoscere dei precedenti. In primo luogo è stato menzionato Papa Ponziano che nell’anno 235 rinunciò alla propria carica dopo essere stato condannato sotto i consoli Severo e Quintiniano ai lavori forzati nelle miniere della Sardegna. Non potendo sperare in un ritorno a Roma, rinunciò alla carica, per non lasciare la Chiesa senza Pastore Supremo. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Il Sacro Collegio cardinalizio vigente il Codex Iuris Canonici del 1917 - di Fabio Blasigh

SOMMARIO: 1. Premessa: il Senatus Romani Pontificis – 2. Il Collegio Cardinalizio quale persona moralis – 3. La composizione del Sacro Collegio – 4. La mancanza di una disciplina propria per i Concistori – 5. Requisiti , privilegia e obblighi dei Cardinali nel Codex piano-benedettino – 6. Le deroghe alla disciplina del Collegio Cardinalizio precedenti alla promulgazione del Codex Iuris Canonici 1983 – 6.1 Le modifiche al Sacro Collegio apportate da San Giovanni XXIII – 6.2 Le innovazioni al Collegio dei Cardinali introdotte dal Beato Paolo VI – 7. Conclusione: la persistente centralità del Senatus Papae a seguito dell’istituzione del Sinodo dei Vescovi.

The Sacred College of Cardinals during the Codex Iuris Canonici of 1917

ABSTRACT: The present study aims to analyze nature, characteristics and functions of the Sacred College during the Code of Canon Law of 1917. The can. 230 CIC defines the College of Cardinals as Senatus Pontificis Romans. This organism, led back by canonical figure of the moral person, assists the Roman Pontiff in governing the universal Church. This work also analyzes the innovations introduced at the Sacred College by St. John XXIII and blessed Paul VI.

Scarica il testo completo in PDF

Centocinquant’anni di diritto canonico ed ecclesiastico nelle Università italiane. Prefazione - di Enrico Vitali

SOMMARIO: 1. I perché di una ricognizione storica – 2. Alcune indicazioni – 3. Alcune date importanti – 4. Dal Concordato del 1929 alla Costituzione repubblicana – 5. I nuovi indirizzi costituzionalistici – 6. La denominazione e le sorti del diritto ecclesiastico.

Scarica il testo completo in PDF

Riflessioni sull’evoluzione metodologica delle discipline Diritto ecclesiastico e Diritto canonico, dal 1929 a oggi - di Vittorio Parlato

SOMMARIO: 1. La metodologia internazionalista e storicista: rilevanza del diritto canonico - 2. Il metodo pubblicistico e la legislatio libertatis - 3. La metodologia comparatista in campo statale e religioso - 4. Le nuove tematiche legate a principî confessionali.

Scarica il testo completo in PDF

Pio X e l’avvio del processo di codificazione - di Chiara Minelli

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Pio X e l’avvio della stagione codificatrice – 3. Collezione o codificazione? – 4. La questione sistematica – 5. Il problema dei canoni preliminari e del trattato De sacramentis.

ABSTRACT: The celebrations in the hundredth anniversary of the death of Pope Pio X, follow after a short time the thirtieth anniversary of the current Code. With this paper the Author has the aim to clarify the law thought of Pio X. His influence in the beginning of the codification process is analyzed pointing out the choice of model, collection or codex, which should assume the reformatio iuris and the framework of the his work, by the means of a critical examination of the debates among the cardinals and the councilors during the preparation of the Codex iuris canonici. The comparison among the different working groups shows the originality of the idea of the developing work and moreover of the law, especially in relation to the opportunity of planning a general part in the Code and to set systematically the treatise de sacramentis. The deep syntony between the pastoral concern of Pio X and John Paul II is clear looking at the publication of the post-Conciliar Code.

Scarica il testo completo in PDF

Le ragioni dell’ordinamento canonico come contributo critico alla scienza giuridica laica - di Domenico Bilotti

SOMMARIO: 1. Ineliminabile interesse del diritto canonico nella riflessione ius-religiosa del post-moderno - 2. L’ermeneutica del rinnovamento nella continuità e la metodologia suggerita dal Concilio Vaticano II: pregi e difetti di una transizione permanente - 3. La richiesta di riconsiderazione delle istanze poste dall’umana coscienza - 4. Una proposta alternativa rispetto a canoni e confini delle (presunte) leggi di mercato - 5. Prime conclusioni: verso un approccio assiologico e razionale sull’analisi degli istituti.

ABSTRACT: The fundamental reasons of Canon Law to be considered as theoretical contribution to the secular juridical science The aim of this article is to underline how secular Law surprisingly shows a great influence on Canon Law’s theories and how doctrines and disciplines introjected from ecclesiastical Orders have moulded and modified civil institutions. The most controversial points, in the last decade, still seem the interpretation and the application of the Second Vatican Council, properly because many scholars are daily arguing about inner aftermath of the event, if in consistent behaviour, or in an unpredicted disagreement, with Roman Catholic Church and generally Christianity’s history. Anyhow, current debates, concerning the crisis of liberal politics and the decline of a meaningful conception of sovereignty, should be cleared up by considering how controversies about jurisdiction, power and its legitimacy were composed during the past.

Scarica il testo completo in PDF

Osservazioni sul principio di legalità come idea e come metodo nell’esperienza giuridica della Chiesa - di Beatrice Serra

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. La struttura essenziale del concetto di legalità e la sua realizzazione radicale nel diritto della Chiesa. - 3. L’idea di legalità come “regola che sta prima” nel ius commune e la sua coesistenza con un approccio empirico, essenzialmente giurisprudenziale e dottrinale, di costruzione del diritto. Il principio di legalità come metodo di produzione del diritto nel pensiero giuridico moderno - 4. Il legame storico-concettuale fra il principio di legalità e i Codici moderni - 5. Il Codex iuris canonici del 1917 e il principio di legalità come metodo di costruzione del ius ecclesiae in funzione della certezza del diritto - 6. (segue) Ulteriori riflessi della prima codificazione canonica sul principio di legalità.:

Scarica il testo completo in PDF

L’attività concordataria di Giovanni Paolo II - di Giuseppe Dalla Torre

SOMMARIO: 1. Una tematica che ha suscitato interesse- 2. Novità formali e sostanziali dell’attività concordataria di Giovanni Paolo II - 3. Ragioni storiche di un fenomeno in espansione - 4. Un Papa giurista o un Papa pastore? - 5. Alcune considerazioni finali.

Scarica il testo completo in PDF

Evangelo, Impero, Cristianità. Ambiguità di un incontro - di Francesco Zanchini

SOMMARIO: 1. Paganesimo e monoteismi mediorientali - 2. Sinagoga e chiesa - 3. Chiesa e regno di Dio. Critiche recenti al sistema costantiniano - 4. I dati biblici. L’orizzonte del regno di Dio - 5 Tutti i popoli e tutte le lingue (Is. 66, 19) - 6 Il regno come escatologia inaugurata - 7. L’ideologia neo-davidica sottostante al regime di cristianità.

Scarica il testo completo in PDF

Esperienze canonistiche nella Università italiana del secolo XX - di Giorgio Feliciani

Negli anni trenta del secolo scorso compare nelle Università italiane una disciplina accademica del tutto nuova: il diritto canonico. Può indubbiamente sorprendere che si possa attribuire tale qualifica a una scienza giuridica che può vantare una storia  plurisecolare, almeno da Graziano in poi, ma per quanto concerne in quel tempo i pubblici atenei del nostro Paese essa appare del tutto giustificata e sotto vari profili. (Continua)
 

Scarica il testo completo in PDF

La soppressione del corso autonomo di Diritto canonico delle Facoltà giuridiche disposta dal ministro Bonghi nel 1875 - di Francesco Falchi

SOMMARIO: 1. Le ragioni di questo scritto – 2. Norme legislative e regolamentari emanate tra il 1859 ed il 1865 – 3. Fonti normative e provvedimenti tendenti alla soppressione del corso autonomo di Diritto canonico riferibili al periodo 1867/1875 – 4. Gli anni 1867/1872: ... a) la vacanza della cattedra di Istituzioni di diritto canonico nelle università di Parma, di Modena e di Siena – 4.b) La riduzione della durata degli studi in giurisprudenza e la distribuzione degli insegnamenti del corso – 4.c) L'ulteriore normativa ministeriale e i suoi riflessi sulle Facoltà giuridiche di Bologna, Palermo e Pisa – 4.d) La vacanza di cattedre di Diritto canonico nelle università di Cagliari e di Sassari e il rispetto delle direttive ministeriali del 1869 e del 1870 – 5. Il periodo 1873/1874: ... a) atti ministeriali ed interventi del Consiglio Superiore della P. I. circa l’affidamento dell’incarico al prof. Pertile – 5.b) La soppressione della cattedra di Diritto canonico proposta dal Consiglio Superiore della P. I. nel 1874 – 6. Il regolamento predisposto dal ministro Bonghi che esclude il corso autonomo di Diritto canonico – 7. La vicenda della cattedra romana – 8. La soppressione del corso di Diritto canonico nel dibattito alla Camera dei Deputati nel 1875 e nel 1876 – 9. Decreti e provvedimenti del ministro Coppino – 10. Osservazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Sul proposto ripristino della elezione dei vescovi. Dal diritto romano alle “cinque piaghe” di Rosmini (idea antiquata o segno dei tempi?) - di Francesco Zanchini

È dai tempi del Vaticano II che ricorre, nel dibattito di area “progressista”, il refrain del ritorno alla elezione dei vescovi, mentre le dinamiche evolutive dell’ordinamento sembrano muoversi in direzione diametralmente opposta. E se n’è fatto cenno, perfino, a proposito della crisi della pedofilia dei preti.
D’altro canto, è comprensibile che l’attuale, tenace insistenza del sistema nella tante volte ribadita direzione del più esasperato centralismo possa dar luogo a reazioni ricorrenti di protesta, e perfino di impaziente riprovazione. Ultimamente, anche in Italia hanno cominciato a diffondersi sul punto le tesi riformatrici vivacemente sostenute dal movimento internazionale WAC (Siamo chiesa, è il nome del ramo italiano di tale organizzazione). (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Il riformismo nell’epoca della codificazione canonica - di Gaetano Lo Castro

SOMMARIO: 1. Finalità empiriche della prima codificazione del diritto canonico del 1917: il riordino dei testi legislativi - 2. (segue) Conseguenze della codificazione: in particolare, la prevalenza della proclamazione normativa del diritto nella formazione dell’esperienza giuridica - 3. La codificazione del 1983 in funzione dell’attuazione del Concilio Vaticano II - 4. La funzione isagogica del codice e l’idea di ricondurre ad esso l’intera esperienza giuridica nella Chiesa - 5. L’intento sistematico del legislatore del 1983.

Scarica il testo completo in PDF

La formazione dell’istituto giuridico dell’usura nella Chiesa latina nel XIII secolo - di Alessandro Bucci

SOMMARIO: 1. Il nuovo clima socio–economico – 2. Gli interventi papali, fino alla svolta di Bonifacio VII e le decretali fino a Clemente V – 3. Usura ecclesiastica e usura commerciale – 4. L’usura nei decretisti: la connessione tra usura e mutuo – 5. Alcune eccezioni proposte dal Teutonico – 6. Alcuni contratti parausurari – 7. L’obbligo della restituzione della sors – 8. “Si quis usuram acceperit, rapinam facit vitam non vivit” (C. XIV, Q. IV, can. 10 Decretum Gratiani) – 9. Contrasto tra norme civili e canoniche in tema d’usura – 10. La condanna di Gregorio IX, Bonifacio VIII e Clemente V: Premessa – 10.1. L’obbligo di restituzione – 10.2. Norme penali e processuali – 10.3. I particolari rapporti con gli ebrei – 10.4. La presa di posizione del Liber Sextus – 10.5. L’istituto dell’usura nelle Clementinae.

Scarica il testo completo in PDF

Lo scioglimento super rato tra fonti normative ed esperienza canonistica medievale - di Alessandro Bucci

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. I vari casi di scioglimento di matrimonio rato e non consumato nelle decretali pontificie - 2.1. Per ingresso in religione: a) Alessandro III; b) Innocenzo III; c) Gregorio IX - 2.2. Per causa d’assenza - 2.3. Per affinitas superveniens: a) Alessandro III; b) Urbano III; c) Innocenzo III - 2.4. Per lepra superveniens - 2.5. Per cognatio spiritualis superveniens: a) Alessandro III; b) Bonifacio VIII - 2.6. Per successivo matrimonio consumato: a) La dottrina di Gregorio IX; b) Alessandro III; c) Lucio III; d) Urbano III; e) Innocenzo III - 3. I vari casi di scioglimento di matrimonio rato e non consumato nella dottrina con riguardo all’ingresso in religione di uno dei due coniugi - 3.1. La dottrina canonistica: a) Gandolfo; b) Stefano Tornacense; c) Bernardo da Pavia; d) Goffredo da Trani; e) Enrico da Susa (Card. Ostiense); f) Abbas Antiquus; g) Egidio da Bellamera; h) Pietro di Ancarano; i) Giovanni d’Andrea; l) Antonio da Butrio; m) Niccolò dè Tedeschi (Panormitano) - 3.2. La dottrina teologica: a) San Bonaventura; b) Sant’Alberto Magno; c) San Tommaso; d) Durando da Saint Pourçain; e) Enrico da Gand; f) Duns Scoto; g) Guglielmo Durante; h) Riccardo da Mediavilla; i) Giovanni da Torquemada.

Scarica il testo completo in PDF

Il mio ricordo di Pio Fedele - di Sergio Lariccia

A Pio Fedele è legato il ricordo dell’inizio della mia attività di insegnamento nell’università di Perugia, a decorrere dal primo novembre del 1974, dopo che l'otto luglio dello stesso anno il professor Fedele era stato chiamato alla cattedra di diritto canonico nella Facoltà di Giurisprudenza nell'Università di Roma La Sapienza. Con Fedele, nei primi sei mesi del 1969, ho condiviso l’esperienza di lavoro nella commissione Gonella per la revisione del  concordato, alla quale partecipammo Fedele come autorevole componente e io come segretario. Ho conosciuto Pio Fedele grazie al mio caro amico Piero Bellini, che ho per la prima volta incontrato, nel 1965, in occasione di un convegno svoltosi a Firenze per il centenario delle leggi amministrative di unificazione; ... (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

“Ursakrament” e “magnum sacramentum”. A quarant’anni dal volume di Francesco Zanchini di Castiglionchio ”La Chiesa come ordinamento sacramentale” - di Salvatore Berlingò

Vi è senza dubbio nella compagine ecclesiastica una progenie che risulta “da subito rapita verso Dio e verso il suo Trono” (Ap 12,5), quale segno indefettibile del permanente richiamo alla tensione escatologica propria dell’ordinamento della Chiesa. Ricorre, tuttavia, una precisa ragione, io credo, se anche questo segno della continua presenza nel tempo e nello spazio di una “regalità” trascendente viene declinato dalla Scrittura secondo le categorie e nei termini propri di un paradigma “familiare” (progenie). Con questa notazione preliminare intendo porre in evidenza quanto precorritrice e feconda sia stata l’intuizione che – secondo le stesse parole di Zanchini – “ha retto fin dall’inizio” la sua indagine, e cioè l’intuizione che ben si compendia in questo asserto: “Non potersi comprendere l’essenza della Chiesa, se non nel mistero nuziale; non potersi comprendere l’essenza del matrimonio, se non nel mistero della Chiesa”. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Ordinamento canonico - di Salvatore Berlingò

SOMMARIO: 1. La Chiesa e l’ordinamento - 2. La tipicità dell’ordinamento canonico – 3. La positività dinamica del diritto ecclesiale – 4. L’economia canonica - 5. Il modello «familiare» e l’ordinamento dei canoni - 6. I codici domestici e la «capitalità» pastorale - 7. L’ordinamento in quanto «deductibile in praxim» - 8. La tradizione latina le codificazioni - 9. Verso una nuova dinamica ordinamentale?

Scarica il testo completo in PDF

Qualche considerazione metodologica in fatto di storiografia ecclesiastica - di Piero Bellini

SOMMARIO: 1. Considerazioni propedeutiche circa il dinamismo storico delle Religioni Positive – 2. Conseguenti condizionamenti del relativo approccio storiografico – 3. Concorso nel primo Cristianesimo di molteplici fattori mistici – 4. Conseguenti varietà espressive del primo Cristianesimo – 5. Concomitante complessa varietà di attestazioni scritturistiche – 6. Ricerche storiografiche di orientamento fideistico – 7. Tesi di riguardosa ortodossia – 8. Contrapporsi di tesi storiografiche di diverso orientamento fideistico – 9. Ricostruzioni storiografiche fondate sul primato del “movimento cristiano principale” o sul rapporto dialettico “ortodossia-eterodossia” – 10. Note caratterizzatrici d’un approccio storiografico di tipo “curialistico” – 11. Critica d’un tal approccio storiografico – 12. Approccio storiografico fondato sul “vissuto storico” – 13. Valore del Messaggio cristico siccome inteso dai suoi destinatari – 14. Vantaggi d’una tal impostazione storiografica.

Scarica il testo completo in PDF

MARE HIBERICUM. Considerazioni canonistiche sulla spartizione alessandrina dell’Oceano Atlantico - di Piero Bellini

SOMMARIO: Premessa - 1. Ratificazione pontificia della espansione atlantica dei Potentati iberici: la Bolla Inter caetera di Papa Alessandro VI - 2. Insufficienza, in fatto di vicende atlantiche, del potere eminente della Autorità cesarea - 3. Intervento suppletorio della Autorità ecclesiastica: «Imperium in tantum protenditur in quantum christianitas extenditur» - 4. Affinità e difformità fra «negotium crucis» e «negotium barbarorum» - 5. Intendimento rigoristico del teocratismo pontificio: il Papa «dominus et monarcha totius mundi»: conseguente delegittimazione dei «principatus infidelium» - 6. La investitura pontificia tratta a fondamento del «dominium Regum Hispaniae super indios» - 7. Contestazione, all’inizio della Età Moderna, del teocratismo pontificio - 8. Conseguente contestazione politica e giuridica del fondamento ierocratico del dominato coloniale iberico - 9. Necessità di riportare, non più alla «auctoritas sacrata pontificum», ma a una ragione di «ius humanum», il titolo fondante del dominato coloniale iberico: il contributo determinante di Francisco de Vitoria - 10. Consolidato encomio dell’opera del «sapientisimo Vitoria» - 11. Adesione del Vitoria alla tesi aristotelico-tomistica della «naturalità» del fenomeno sociale: «infidelitas non impedit quominus aliquis sit verus dominus» - 12. Incerta applicazione del principio agli autoctoni di America in quanto giudicati inetti «ad constituendam vel administrandam legitimam rempublicam»: resta comunque negata la rappresentabilità delle loro terre come «res nullius», appropriabili «per inventionem» o «per ocupationem» - 13. Ricorso del Vitoria a una ragione acquisitiva fondata sul «ius bellicum»: conseguente rappresentazione degli indios come «bellatores iniusti» - 14. Riferimento al «titulus naturalis societatis et communicationis»: sua trasgressione per opera degli indios - 15. Riferimento al «titulus religionis christianae propagandae» - 16. Colpevolizzazione degli indigeni per il loro «impedire hispanos quominus libere annuntient evangelium» - 17. Opposizione del «titulus religionis christianae propagandae» agli altri Principi cristiani - 18. Mandato missionario conferito in via esclusiva ai Principi di Spagna: sua giustificazione in chiave di «convenientia ad finem spiritualem» - 19. Riferimento alla «ratio pacis» ad evitare intralci alla «conversio barbarorum» - 20. Contestazione della «divisio oceani» e della conseguente «divisio mundi - Conclusione.

Scarica il testo completo in PDF