Rivista telematica (www.statoechiese.it)
Online dal gennaio 2007
Menu

Articoli in Chiesa cattolica

Il Giudice italiano e le Università Pontificie: un “rapporto” controverso - di Settimio Carmignani Caridi

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Significatio verborum - 3. Dove ha la propria sede la PUL? - 4. Che rapporto c’è tra la PUL e la Santa Sede? - 5. La docenza universitaria ecclesiastica è funzione ecclesiale? - 6. La Santa Sede si è vista riconoscere in sede internazionale la sua competenza sulle università ecclesiastiche e pontificie? - 7. Inquadramento della materia così ricostruita nella normativa pattizia - 8. Conclusioni.

The Italian judge and the Pontifical Universities: a controversial relationship

ABSTRACT: The article examines the juridical status of the Roman Pontifical Universities and the jurisprudence of the Supreme Court of Cassation regarding employment relationships with institutions dependent on the Holy See.

Scarica il testo completo in PDF

L’esercizio della potestà giudiziaria del fedele laico attraverso il prisma della Potestas gubernandi in Ecclesia. Sollecitazioni teologiche e canonistiche per una “Chiesa in uscita” - di Francesco Rea

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Fondamenti teorici della posizione del fedele laico nella Chiesa - 3. Riflessioni teologiche sulla potestas sacra nella Chiesa. Il concetto di ministerialità come spazio di inserimento per il Christifidelis nella missione ecclesiale - 4. Risvolti giuridici nell’ottica di una complementarietà tra munus e potestas - 5. Mitis Iudex Dominus Iesus e aperture a una più effettiva partecipazione del fedele laico alla potestà giudiziaria - 6. Giudice unico laico e collegio di laici: prospettive de iure condendo per un’esegesi evolutiva del can. 1421, § 2, C.i.c. - 7. Rilievi conclusivi: alcune potenzialità inespresse del Mitis Iudex Dominus Iesus?

The exercise of the judicial power by the lay faithful through the prism of Potestas gubernandi in Ecclesia. Theological and canonical solicitations for an “outgoing Church”

ABSTRACT: The more than thirty years since the II Vatican Council and the recent procedural reforms initiated by Pope Francis make very topical a reflection on the actual role that lay faithful can exercise within the Church. In particular, by virtue of the Sacrament of Baptism, that makes everyone “sons in the Son”, it seems ecclesiologically inconceivable that lay faithful can still suffer limitations from the point of view of participation in judicial power, especially in perspective of a now-acquired theory of potestas sacra, which, altough it all comes from God, does not require, for each office, the Sacrament of holy Order. The requirements of technical preparation and knowledge of law, the only parameters on which the ecclesiastical authority must be based on the choiche of the judges, impose a re-updating of the can. 1421, § 2, C.i.c. This norm is the only one that deals, in a very limited way, with the figure of the lay judge. Just the recent reform of Mitis Iudex Dominus Iesus, also considering the synodal context in which it has born, would be well matched with an inclusive re-evaluation of the lay faithful in exercise of a ministeriality which is nothing but a concrete expression of the participation to the only mission of the which all the People of God must become executor through the times.

Scarica il testo completo in PDF

OGM e ostie a basso contenuto di glutine. La comunione dei fedeli celiaci: una questione ancora aperta - di Tiziana Di Iorio

SOMMARIO: 1. Le norme sulla Santa comunione dei fedeli celiaci - 2. Le recenti linee guida emanate su richiesta di Papa Francesco - 3. Il pane mere triticeus come insostituibile elemento dell’Eucarestia - 4. La fonte della liturgia cattolica sul divieto dell’uso di ostie gluten free come materia eucaristica: il pane dell’ultima cena - 5. Il glutine come parte del pane eucaristico - 6. Il fedele celiaco e la Santa comunione tra ostie a basso contenuto di glutine, comunione sub sola specie vini e comunione spirituale - 7. L’uso di organismi geneticamente modificati (OGM) nell’Eucarestia e la genuinità della materia eucaristica - 8. Conclusioni.

GMO and low gluten host. The communion of the celiacs faithful: an open question

ABSTRACT: Celiac disease is an autoimmune disorder triggered by gluten in susceptible individuals. Currently, there is no specific medical treatment for celiac disease. The only treatment for this disorder is lifelong adherence to a gluten-free diet. Catholic Church affirmed that bread, to be valid material for the Eucharist, must be made of wheat, must contain enough gluten for breadmaking and must be free of foreign matter. In order to meet the needs of those who suffer from the celiac disease, it has introduced the validity of low gluten. The Circular Letter issued at the request of Pope Francis has not changed the Holy Communion of the celiac faithful. Nevertheless, the document also decided that Eucharistic matter made with OGM could be considered valid matter. The Roman rite finds its theological source in the elements of Eucarist by Jesus instituted in the Last Easter Supper. The sources, however, do not indicate the matter of the bread offered at the Last Supper. So can we say that it was really made of wheat? The solution to this enigma is very important. In fact, it could open up new horizons on Eucharistic matter and on the validity of the gluten free hosts.

Scarica il testo completo in PDF

La convinzione della nullità del proprio matrimonio: riflessi sull’ordinamento processuale - di Salvatore Berlingò

SOMMARIO: 1. I precedenti e le premesse per un cambio di prospettiva - 2. Il “discernimento” delle convinzioni dei soggetti sulla nullità del proprio matrimonio alla luce del paradigma della discontinuità nella continuità - 3. L’indagine giuridico-pastorale propedeutica all’introduzione dei giudizi sulla nullità del matrimonio - 4. La predisposizione di un ambiente processuale favorevole al vaglio delle “prove di coscienza” - 5. Gli apparati giudiziari al servizio delle convinzioni di coscienza delle parti - 6. L’intento di non turbare le convinzioni di coscienza dei conviventi in buona fede e il ruolo delle direttive extra-giudiziali sul possibile ricorso a soluzioni epicheietiche.

The convictions of the spouses on the validity of marriage: incidences on the process

ABSTRACT: The trial reforms introduced by the present Pontificate and the emanation of the Apostolic Exhortation ‘Amoris Laetitia’, in respect of the criterion of “graduality” that inspires the itinerary of the “Church in exit” traced by Pope Francis, do not bring substantial novelty about how “to discern” the convictions of the parties on the validity of marriage. They put into effect, nevertheless, a change of perspective, or rather a different point of view from which to consider these convictions, while still respecting the declarative nature of the nullity judgments, as distinct from legal and pastoral directives on possible epikeia solutions.

Scarica il testo completo in PDF

Le dinamiche concordatarie tra Santa Sede e Stati islamici - di Raffaele Santoro

SOMMARIO: 1. Il concordato nelle dinamiche delle relazioni tra Chiesa cattolica e Stati islamici - 2. Concordato e libertà religiosa nei Paesi islamici - 3. Gli accordi bilaterali sottoscritti dalla Santa Sede in questi speciali “territori di missione” - 4. La tutela delle minoranze religiose nella Dichiarazione di Al-Azhar e la possibile apertura di nuove frontiere delle dinamiche concordatarie.

The concordat dynamics between Holy See and Islamic State

ABSTRACT: The article analyzes the concordat dynamics between Holy See and Islamic States developed after the Second Vatican Council. The concordat, in its various forms, is the main instrument through which is regulated the system of relations between States and Catholic Church. Its use has been tested successfully in various Islamic States, and sometimes even with heterogeneous formulas, because of differences that distinguish the individual systems, trying to translate the concepts of autonomous of Church and collaboration with States in forms legal acceptable to Muslim tradition countries. The exhortations in the Al-Azhar Declaration are directly connected with the possible development of bilateral activities between Holy See and other Islamic countries and this can also strengthen the peace among peoples and the interfaith dialogue.

Scarica il testo completo in PDF

Ordinamento giuridico e Diritto canonico: il contributo strutturante di Santi Romano - di Paolo Gherri

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Il Diritto come legittimazione - 3. La corrispondenza tra istituzione e ordinamento - 4. La terzietà del Diritto - 5. La non-necessarietà del legislatore affinché si abbia vero Diritto - 6. Per concludere.

Legal Order and Canon law: The Structuring Contribution of Santi Romano

ABSTRACT: The contribution of the State’s System Theory of Santi Romano is decisive for illustrating and protecting the singularities of Canon Law without jeopardizing its intrinsic juridical nature, rather, by confirming it precisely because of the “institutional” nature of the Church. The substantial contributions that "L’ordinamento giuridico" offers to the systematic and dogmatic understanding of Canon Law are four: law as legitimacy, the conformity between institution and legal system, the neutrality of the law, the non-necessity of the Legislator in order to have true law.

Scarica il testo completo in PDF

Il cammino della Chiesa per una rinnovata dottrina sociale: dal diritto di proprietà ai diritti sacri alla terra, alla casa, al lavoro - di Antonino Mantineo

SOMMARIO: 1. La storia della dottrina sociale nella storia della Chiesa – 2. Dal diritto (esclusivo) di proprietà al riconoscimento dei diritti del lavoratore – 3. La questione sociale diventa questione universale – 4. Contatti tra la dottrina sociale e le teorie politiche del lavoro – 5. I tre diritti “sacri” per (re)inventare una nuova dottrina sociale.

The Church’s path for an updated social doctrine: from the right to property to the sacred rights to land, housing and work

ABSTRACT: The essay analyzes the historical and juridical development of the Catholic Church’s social doctrine, from the teaching of Pope Leo XIII to the teaching of Pope Francis. Paying attention to the fundamental issues of the social justice is at the core of the existence and the mission of the Church. Nowdays, Pope Francis changed the emphasis of the official social doctrine, calling for a poor Church at the service of the poor and the Earth. This updated social doctrine is founded on the joyful announcement of the Gospel.

Scarica il testo completo in PDF

Un “modello Unesco” per la gestione, in chiave economica, dei beni culturali di interesse religioso? - di Marta Tigano

SOMMARIO: 1. Considerazioni introduttive - 2. Premesse a una ricostruzione dello statuto dei beni culturali - 3. Il passaggio da una tutela “statica” a una valorizzazione “in chiave dinamica” - 4. Inquadramento dell’attività di valorizzazione nell’ambito dei “servizi pubblici” - 5. La possibile estensione dei processi di gestione (e di valorizzazione) ideati per i beni culturali “laici” - e ispirati a criteri economici - anche ai beni culturali di interesse religioso: la necessità dell’accordo - 6. L’organizzazione di un “servizio alla cultura” ispirato a criteri di natura economica - 7. Tentativo di individuazione dei beni culturali di interesse religioso e possibile compatibilità della gestione secondo criteri economici con la natura di questi ultimi - 8. Beni culturali religiosi e “mistero” di salvezza - 9. La programmazione e la pianificazione delle attività relative ai beni culturali (di appartenenza pubblica e non) ed esempi di modelli “condivisi”.

An "UNESCO model" for the economic management of cultural heritage of religious interest?

ABSTRACT: The article is intended to verify if the "UNESCO" management model is applicable to the management of cultural heritage of religious interest, tout court, or if, otherwise, special arrangement are required. Indeed, the UNESCO one is a model not only of dualistic management, (which implies a bilateral agreement), but moreover is inspired by purely economic management criteria. The question is whether a model created for secular cultural heritage can be assumed as a management model also for cultural heritage of religious interest, whose purpose would seem to be incompatible with the characteristics of purely economic management. The author tries to give an answer identifying the common features between the two categories of heritage.

Scarica il testo completo in PDF

Enti ecclesiastici e riforma del Terzo settore. Profili canonistici - di Paolo Cavana

SOMMARIO: 1. Riforma del Terzo settore e servizio della carità nella Chiesa - 2. La riforma del Terzo settore e le nuove sfide per gli enti ecclesiastici - 3. Il Motu proprio “Intima Ecclesiae natura” e l’evoluzione dell’ordinamento canonico - 4. Il Codice del Terzo settore e la sua applicazione agli enti ecclesiastici - 5. Implicazioni per gli enti della Chiesa: l’esigenza di trasparenza - 6. Il principio della trasparenza nella dottrina canonistica - 7. Il “patrimonio destinato”: implicazioni nell’ordinamento canonico - 8. Attività diverse e controlli canonici: la sfida della governance e della gestione in un contesto concordatario - 9. Osservazioni conclusive.

Catholic Church entities and the reform of the Third sector in Italian legislation. Canonical implications

ABSTRACT: This paper deals with the canonical implications of Italy’s recent Third sector reform in Italian legislation (d. lgs n. 117/2017) for Catholic Church entities and/or agencies for charitable purposes. It starts with some preliminary remarks on the recent evolution of Canon Law concerning the discipline of charitable organizations and agencies that followed the Motu proprio Intima Ecclesiae natura, issued by Pope Benedict XVI in December 2012. It then examines the general framework of the new regulation of non profit organizations in Italian law, emphasizing the pros and cons (opportunities and risks) of its application to religious entities, particularly those connected to the Catholic Church, which in Italy traditionally enjoy a special discipline safeguarding their canonical structure and purposes. The paper then focuses on the impact of the new civil regulation that allows a wide range of charitable initiatives on behalf of religious organizations, on the governance of Catholic Church entities, which are submitted to the directives and authorizations of ecclesiastical authorities. Finally, it draws some conclusive remarks on the need to update and reform some administrative rules and praxis concerning the administration and finance of charitable institutions in Canon Law.

Scarica il testo completo in PDF

Matrimonio e famiglia tra laicità e libertà religiosa - di Giuseppe Dalla Torre

SOMMARIO: 1. Premessa: la necessaria precedenza della libertà religiosa sulla laicità - 2. Radici etico-religiose del matrimonio, libertà religiosa e origini del matrimonio civile - 3. Il matrimonio civile: tra neutralità e ideologia - 4. Ritorno del fenomeno religioso nell’età della secolarizzazione: ricadute in materia matrimoniale - 5. La restituzione di matrimonio e famiglia alla società civile e alla religione - 6. La (ri)conquista di spazi di “diritto personale” e ritorno alla disciplina religiosa del matrimonio - 7. Diritto alla tutela dell’identità e “princìpi non negoziabili” dello Stato democratico. Conclusioni.

Marriage and family between secularism and religious freedom

Abstract: Given that between secularism and religious freedom there is a relationship of instrumentality of the first compared to the second, in the essay there’s a recall to the ethical-religious roots of the marriage’s legislation, which, starting from the Protestant Reformation and then from the French Revolution has undergone a process of secularization and secularism with the birth of the civil marriage. It is a process that has been motivated (also) by reasons of religious freedom, but which has led, by the State, to the subtraction of the marriage’s subject from the society. Today there is a substantial return from the state to the society of the discipline about the various forms of life and family communions, and this, in a religiously pluralistic society, involves (also) the return of the marriage to the religion.

Scarica il testo completo in PDF

Riflessi canonistici della riforma del Terzo settore - di Andrea Bettetini

SOMMARIO: 1. Premessa. Specificità dell’ente ecclesiastico e diritto comune - 2. Lo scopo di religione o di culto. Finalità canoniche e finalità “pattuite”: antinomie e analogie - 3. Attività di interesse generale” di cui all’art. 5 d.lgs. n. 117 del 2017, missione caritativa e sociale della Chiesa e regolamentazione delle attività “diverse” da quelle di culto e religione - 4. Gli enti religiosi civilmente riconosciuti e la novella disciplina sugli enti del Terzo settore e dell’Impresa sociale: adempimenti canonici (regolamento, licenza scritta dell’ordinario e creazione di un patrimonio destinato) - 5. L’identificazione dei beni dell’ente canonico funzionali all’esercizio dell’attività di Terzo settore o di Impresa sociale: il bilancio separato. Conclusioni.

Canonistic Reflections of the Reform of the Third Sector

ABSTRACT: Third sector reform started with the delegation law n. 106 of 6 June 2016 undoubtedly involves canon law in its form and substance. The new legislation on the Third sector allows in a certain sense to "recover" many of the typically canonical activities of the religious entity within its "civil" structure in a way more coherent with the religious and canonical nature of the institution itself with respect to the law 222 of 1985. If we look at the activities that Legislative Decree 117 of 2017 calls (Article 5) "Activities of general interest", we highlight how many of them are specific and characterizing religious bodies of the Catholic tradition. The Author in particular highlights how the civilly recognized religious bodies, if they want to regulate some of their activities according to the new discipline on Third sector bodies and the Social enterprise, must undergo some canonical obligations (drafting of a regulation, written license of the Ordinary and creation of destined assets).

Scarica il testo completo in PDF

Enti ecclesiastici e Terzo settore. Annotazioni prospettiche - di Giuseppe Dalla Torre

SOMMARIO: 1. 1. Nuovi orizzonti - 2. Un caso positivo di secolarizzazione - 3. Codice del Terzo settore e iniziative caritative della comunità ecclesiale - 4. Opportunità aperte da un’alternativa - 5. L’azione caritativa tra diritto speciale e diritto comune.

ABSTRACT: Except for the matter of the clergy sustenance, the current discipline of the Concordat on ecclesiastical institutions is still affected, in spite of everything, by the conditioning deriving from juridical schemes dating back in time, which sacrifice and make precarious their solidarity activities. The fall of the diffidence of the Italian legal system towards the initiatives between the State and the Market, and therefore the recent reform of the Third sector with the enhancement of the non-profit organization’s activities, represent a precious opportunity for the charitable initiatives of the ecclesial communities.

Scarica il testo completo in PDF

“Confirma fratres tuos”. Alle origini del magistero autoritativo del vescovo di Roma - di Vittorio Parlato

SOMMARIO: 1. Il tema - 2. La data di celebrazione della Pasqua - 3. I lapsi e il re-battesimo - 4. La Chiesa di Roma custos fidei et unitatatis; giustificazione storica e dottrinale - 5. Le stesse fonti patristiche nella valutazione di teologi ortodossi contemporanei - 6. Una riflessione conclusiva.

“Confirma fratres tuos”. At the origins of the authoritative magisterium of the bishop of Rome

ABSTRACT: The essay deals with the historical and doctrinal justification of the Church of Rome custos fidei et unitatatis in the sub-apostolic age, about the doctrine of the faith through its positions in about the date for the celebration of Easter, to readmission to the Church of the lapsi, to the re-baptism. The importance of these patristic sources is also given by being held present in the theses of contemporary orthodox theologians.

Scarica il testo completo in PDF

Enti della Chiesa e diritto secolare - di Paolo Cavana

SOMMARIO – I. Parte descrittiva: 1. Gli enti della Chiesa: varietà e distinzioni - 2. Enti ecclesiastici e ordinamenti secolari tra dimensione istituzionale e associativa - 3. La disciplina degli enti nelle due codificazioni canoniche - 4. Gli enti della Chiesa tra concordati e diritto comune - 4.1. Sistemi concordatari o di collaborazione - 4.1.1. Area tedesca - 4.1.2. Area latina - 4.2. Sistemi separatisti - 4.2.1. Area francofona - 4.2.2. Paesi di tradizione anglosassone - 4.2.3. Modelli a confronto - II. Parte ricostruttiva: - 5. Elementi di novità nel regime degli enti nel diritto secolare - 5.1. Pluralismo, libertà religiosa e laicità dello Stato - 5.2. Gruppi religiosi e appartenenza confessionale - 5.3. Crisi del sistema delle fonti - 5.4. Evoluzione del concetto di persona giuridica - 5.5. Crisi della distinzione tra enti pubblici ed enti privati - 5.6. Sviluppo del Terzo settore - 5.7. Effetti ulteriori della globalizzazione - 6. Fattori evolutivi nell’ordinamento ecclesiale ed enti ecclesiastici - 6.1. Forme organizzative e modello codificatorio - 6.2. Persone giuridiche ed enti nella Chiesa - 6.3. Modelli di amministrazione interna - 6.4. Istituti religiosi - 6.5. Riforma delle strutture ecclesiali: le diocesi e le parrocchie - 6.6. Riforma delle strutture ecclesiali e autonomia statutaria - 6.7. Attività svolte in forma commerciale e finanziarie - 7. Osservazioni conclusive.

Entities of the Church and Secular Law

ABSTRACT: This paper deals with the complex relationship between Catholic Church entities and secular law, which has always had great relevance and impact on the canonical discipline of such institutions. After some preliminary remarks about the juridical status of Church institutions in canon law across the centuries, from the ius vetus to the 1917 Codex and the current Code of Canon Law (1983), the paper compares their current regulation in secular law within the most important legal traditions in the West, emphasizing pros and cons of each legal system. In the second part, it focuses on the impact of some recent trends that emerge from the evolution of both secular and canonical legal systems and concern the regulation of Church institutions and of Church-related institutions. It then draws some conclusive remarks on the need to update their inner structure and administrative rules.

Scarica il testo completo in PDF

Lavoro, retribuzione e diritti nell’opera di Charles Péguy: suggestioni e riflessioni per il canonista - di Vincenzo Pacillo

SOMMARIO: 1. Mistica dell’uguaglianza e mistica del lavoro - 2. La città armoniosa - 3. Il denaro - 4. Anticapitalismo mistico e tradimento della fraternità.

Labor, remuneration and rights in the writings of Charles Péguy: suggestions and reflections for the canonist

ABSTRACT: Both in "Marcel: premier dialogue de la cité harmonieuse" and in "L'argent", Charles Péguy creates an aesthetic of work that emphasizes the fundamental relationship between the creative activity of man, spirituality and fraternity. Manual labor is at the same time an instrument of creation of the social bond and the fulcrum of the connection between the temporal element and the spiritual one. At the same time, Péguy appears very critical of the commodification of labor in capitalist society, where money is not a mere tool for exchange but an economic goal in itself. The dignity of work and respect for the principle of fraternity are today in question following the recent reforms of the Italian labor legislation; reforms that seem far removed from the perspective outlined in the writings of Charles Péguy.

Scarica il testo completo in PDF

Il Sovrano Militare Ordine di Malta dalla crisi del 2016-2017 alla riforma costituzionale - di Alberto Tomer

SOMMARIO: 1. La recente crisi istituzionale dell’Ordine di Malta. Una premessa - 2. La sospensione del Gran Cancelliere: tre versioni a confronto - 3. Dall’intervento della Sede Apostolica alle dimissioni del Gran Maestro - 4. La nomina del Delegato Speciale e l’elezione del Luogotenente di Gran Maestro - 5. Possibili esiti della riforma: il rapporto con la Santa Sede e l’assetto istituzionale dell’Ordine - 6. I Cavalieri melitensi tra professione religiosa e requisiti nobiliari - 7. Verso un esercizio più collegiale della funzione di governo? - 8. Una riforma complessa in un equilibrio delicato.

From the 2016-2017 crisis to the constitutional reform of the Sovereign Military Order of Malta

ABSTRACT: The paper attempts to examine the recent events surrounding the Sovereign Military Order of Malta and their consequences. On one hand it gives an account of the institutional crisis unfolded since December 2016, which started with the suspension of the Grand Chancellor decreed by the Grand Master. However, following a direct intervention on the matter from the Holy See, the Grand Master resigned from his office and a new Lieutenant was elected in his place. On the other hand it points out the most predictable outcomes of the constitutional reform process launched after the resolution of this crisis, with a particular consideration for the role of the professed Knights in the government of the Order - an aspect which is strictly linked to the relation with the Holy See - and for the balance of powers between the Grand Magistry and the other executive bodies, especially the Sovereign Council.

Scarica il testo completo in PDF

North Atlantic Catholic Communities in Rome in the 19th Century: Appointment and Ecclesiastical Policies of the First Irish-, American- and Canadian-Born Cardinals - di Rossella Bottoni

SUMMARY: 1. Introduction - 2. Cardinals and the Internationalization of the Sacred College - 3. The Internationalization of the Catholic Church, the Irish Diaspora and the Transnational Network of North Atlantic Catholic Communities - 4. Appointment and Ecclesiastical Policy of Paul Cullen, the First Irish-Born Cardinal - 5. Appointment and Ecclesiastical Policy of John McCloskey, the First American-Born Cardinal - 6. The First Vatican Council - 7. The 1878 Conclave - 8. Appointment and Ecclesiastical Policy of Elzéar-Alexandre Taschereau, the First Canadian-Born Cardinal - 9. Final Remarks.

ABSTRACT: In the second half of the 19th century, when the Roman Curia was still a monopoly held by Italians and few other European nationalities, the first Irish-, American- and Canadian-born cardinals were appointed within the time span of twenty years - respectively in 1866, 1875 and 1886. In the subsequent decades, other Irish-, American- and Canadian-born cardinals were appointed. This development - in a crucial time characterized by the end of the pope’s temporal power - raises important questions: to what extent did the concerned cardinals became ‘Romanized’ and to what extent did they rather contribute to the development of a new vision of their role in the Catholic Church? Also, to what extent did they pursue the interests of their respective national Catholic community, and to what extent did they rather share the same preoccupations and put forward the same demands? In order to answer these questions, this essay will focus on Paul Cullen, John McCloskey and Elzéar-Alexandre Taschereau.

Scarica il testo completo in PDF

Due matrimoni alle origini dello scisma anglicano? - di Mario Ferrante

SOMMARIO: 1. Il contesto storico e politico della Riforma anglicana - 2. Il precedente storico: la dichiarazione di nullità del matrimonio tra Edoardo IV ed Elizabeth Woodville - 3. Il Titulus Regius - 4. Fondamento giuridico del Titulus Regius in base al diritto canonico - 4.1 (segue) Aspetti sostanziali - 4.2 (segue) Profili procedurali - 5. Sui motivi di nullità del matrimonio tra Enrico VIII e Caterina d’Aragona - 6. Il processo di nullità matrimoniale e lo scisma - 7. Conclusioni.

Did two marriages cause the Anglican Schism?

ABSTRACT: The Anglican schism, solemnized by the Act of Supremacy in 1534 emerged from the European Protestant Reformation that at its beginning was a movement of dissent against the Roman Church. It spread throughout Europe thanks to political and economic support of many princes who transformed it into State religion. Movement’s success is strictly linked to the intention of individual States to claim their autonomy, unfettering themselves from external influences, such as the papacy, and thus creating State’s territorial Churches. The Church of England’s schism originates from this peculiar historical and religious scenario, and has its roots in a general process to claim sovereignty of the Kingdom against any external influence. Nevertheless, someone – especially English literature, still believes that the real reason behind Anglican schism is Pope Clement VII’s refusal to declare null the marriage of Henry VIII with Catherine of Aragon and consequently preventing him from marrying Anne of Boleyn. We deemed it necessary a critical examination of the matter concerning the refusal to grant nullity to Henry VIII’s marriage, in order to determine whether the underlying cause of the Act of Supremacy was a love story that turned out badly, or other more ordinary reasons. For this purpose, we have analysed an equally resounded, but lesser known trial. It regards the declaration of nullity of the marriage between Edward IV and Elizabeth Woodville, granted few decades earlier, as it represents a significant legal/matrimonial precedent of schismatic nature. We tried to evaluate the legal legitimacy, according to matrimonial canon law, in force at that time, to evaluate whether or not justice was done.

Scarica il testo completo in PDF

Dallo “scisma sommerso” all’era di Papa Francesco - di Leone Melillo

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Dall’ “aggiornamento” alla “società aperta” - 3. Prospettive di una riflessione - 4. Il superamento della “dicotomia bioetica” nell’era di Papa Francesco - 5. Conclusione.

From the "submerged schism" to the era of Pope Francis

ABSTRACT: “The submerged schism” by Pietro Prini appears as a new research perspective that seems to overwhelm the distinction between “Catholic bioethics and lay bioethics” and, so, the existence of “two ethical models or paradigms”. From the “upgrading”, through the “open society”, it is achieved to the “overcoming” of the “closed society” and to “the era of Pope Francis” on which the reflection does not seem to be focused yet.

Scarica il testo completo in PDF

Il defectus discretionis iudicii nel sistema matrimoniale canonico. Parte seconda. Caratteristiche e peculiarità della discretio iudicii - di Enrica Martinelli

SOMMARIO: 1. Discretio iudicii abituale e attuale - 2. Gravità del defectus iudicii - 3. L’influsso del defectus iudicii sugli iura et officia matrimonialia essentialia mutuo tradenda et acceptanda.

Discretio iudicii, mental disease, iura et officia matrimonialia essentialia, nullity of marriage, psychic ability to marry.

ABSTRACT: The present essay, starting from the legal regulation of the discretio iudicii in the canon law system, tries to specify its conceptual essence and its peculiar characteristics relatively to the matrimonial institution. Particular attention has been paid to the attempt to clarify the connection between the defectus discretionis iudicii and the iura et officia matrimonialia essentialia and also the incidence of the different kinds of mental diseases on the expression of a valid matrimonial consent.
 


 

Scarica il testo completo in PDF

Ipse Episcopus iudex: ritorno alla tradizione canonica? - di Gianluca Rabino

SOMMARIO. 1. Premessa - 2. L’episcopalis audientia. Riconoscimento, evoluzione e problematiche - 3. L’età medievale e la nascita degli officiali. I tribunali “guardiani del vincolo” - 4. Dal Concilio di Trento alla prima codificazione - 5. Dal Codex del 1983 all’Istruzione Dignitas connubii - 6. Conclusioni.

Ipse Episcopus iudex: return to the canonical tradition?

ABSTRACT: The new procedural norms for marriage nullity approved by Pope Francis invested the diocesan Bishop with a peculiar role, adding to his previous duties in the judicial sphere that to judge personally in the new processus brevior. Bishops have always been considered the “natural judges” in their dioceses, but this task was previously exercised by appointing the tribunal staff and supervising the judicial activity. Some Authors have affirmed - referring, for example, to the ancient episcopalis audientia - that with this reform a longtime practice of the Church was restored. However, a more accurate study of the evolution of the episcopal potestas iudicandi through the centuries reveals a progressive and conscious devolution of its daily exercise to specialized clerics and colleges, exclusively dedicated to their functions. This trend, transposed in the 1917 Code of Canon Law and confirmed in the present Code promulgated after the Second Vatican Council, has been lastly strengthened in the Instruction Dignitas connubii approved by John Paul II.

Scarica il testo completo in PDF

Aperture eutanasiche e aporie nel documento del Cortile dei Gentili “Linee propositive per un diritto della relazione di cura e delle decisioni di fine vita” - di Tommaso Scandroglio

SOMMARIO: 1. L’oggetto del presente contributo - 2. Bene vita e ordinamento giuridico - 3. Il Cortile dei Gentili apre all’eutanasia - 4. Pianificazione condivisa di cure e Dichiarazioni anticipate - 5. Profili di criticità delle D.a.t.

Scarica il testo completo in PDF

Per una riflessione critica sul “Vero” e sul “vissuto storico” - di Piero Bellini

1 - Vi sono tematiche impegnanti [così quelle che investono “valori d’ordine sacrale” nei quali si ripone per davvero fede: «toto corde»: «toto pectore»: «toto animo»] che - segnatamente coinvolgenti - vanno affrontate perché «meritano d’esser affrontate», e vanno meditate perché «meritano d’esser meditate»: anche se poi [in un ambiente umano viepiù venuto accomodandosi, nel tempo, a una grigia secolarizzazione dei propri moduli di vita] a presentarsi - in pro d’un così attento impegno fideistico - non siano fondate aspettative di buon esito. Si tratta [per quanti se ne sentano presi nel profondo] di fare - in quel composito contesto - ciascuno la sua parte: quella che gli si riveli spiritualmente doverosa: cercando - così - di assicurare alle grandezze mistiche [in cui ripone fede: e in cui nutre speranza] lo spazio vitale che loro si compete: e questo quale il Credo cui ciascuno senta nell’intimo d’esser tenuto a conformare [nella vivente concretezza dell’«hic mundus»] la propria vicenda esistenziale.

Scarica il testo completo in PDF

Tra città di Dio e società “perfette”. Il linguaggio del diritto pubblico ecclesiastico come cifra ricostruttiva della transizione cattolica dal mito alla modernità - di Francesco Zanchini

Sommario: 1. Preambolo - 2. Il diritto romano nell’esperienza cristiana - 3. Chiese e diritto romano nella “civiltà cristiana” - 4. Tra una giurisprudenza e l’altra: la mediazione medievale del diritto comune - 5. La civiltà del diritto nell’età del potere. Quale dogmatica? - 6. Lo jus publicum europaeum: verso una riduzione della Santa Sede a pura “potenza” religiosa - 7. Il retroterra politico di un nuovo diritto pubblico ecclesiastico - 8. (segue) La fondazione teorica di un nuovo diritto costituzionale - 9. Profili di una nuova costituzione materiale - 10. Posizioni di principio e di metodo vincenti a partire dalle dottrine del Bouix - 11. (segue) Dal conflitto alla stabilizzazione dell’emergenza- 12 Il tramonto dei diritti nel nuovo, e nel nuovissimo “jus populi Dei” - 13. (segue) La fine, di fatto e di principio, dell’attuazione giudiziaria del diritto.

Scarica il testo completo in PDF

Considerazioni propedeutiche circa il dinamismo storico delle religioni positive - di Piero Bellini

SOMMARIO: 1. Posizione del problema quanto al primo Cristianesimo – 2. Conseguenti condizionamenti del relativo approccio storiografico – 3. Concorso nel primo Cristianesimo di molteplici fattori mistici – 4. Conseguenti varietà espressive del primo Cristianesimo – 5. Concomitante complessa varietà di attestazioni scritturistiche – 6. Ricerche storiografiche di orientamento fideistico – 7. Tesi di riguardosa ortodossia – 8. Ricerche storiografiche d’altro orientamento – 9. Rappresentazioni storiografiche fondate sul primato del “movimento cristiano principale” o sul rapporto dialettico “ortodossia-eterodossia” – 10. Note caratterizzatrici d’un approccio storiografico di tipo “curialistico” – 11. Limiti d’un tal approccio storiografico – 12. Approccio storiografico fondato sul “vissuto storico” – 13. Valore del Messaggio del Cristo Redentore siccome inteso dai suoi destinatari – 14. Valore d’una tal impostazione storiografica.

Scarica il testo completo in PDF

Pubblica sicurezza e tutela dell’autonomia confessionale. Riflessioni a partire dalla negazione delle pubbliche esequie per i mafiosi - di Fabio Balsamo

Sommario : 1. La costante applicazione degli artt. 26-27 T.U.L.P.S. alle ipotesi di funerali di mafiosi – 2. Il caso dei funerali pubblici negati al boss Giuseppe Barbaro e la “protesta” del Parroco di Platì. Un’ipotesi di lesione dell’autonomia confessionale? – 3. L’imposizione di funerali in forma privata e la dimensione essenzialmente comunitaria del rito delle esequie nel diritto canonico – 4. La privazione delle esequie ecclesiastiche tra tutela dell’autonomia confessionale e potere di intervento dell’autorità di pubblica sicurezza – 5. La rilettura del dovere di reciproca collaborazione tra Stato e Chiesa alla luce del comune impegno contro le mafie. Alcune attuali criticità – 6. Verso nuovi confini del dovere di collaborazione: l’assunzione di un impegno comune di Stato e confessioni religiose contro il crimine organizzato.

Public safety and protection of confessional autonomy. Reflections from the denial of public funerals for mobsters.

ABSTRACT: Measures taken by Italian Quaestors in order to prohibit public funerals for mobsters have an impact also on decision-making autonomy recognized at the ecclesiastical authority by canon 1184 C.i.c. on the same field. The recent Catholic Church’s commitment against mafias requires that what is decided by public authorities to ensure the public policy and public safety must be observed together to the measures laid down by Canon Law, with the aim to avoid the risk of a conflict between Italian and Canon Law. That’s why it’s necessary to give new meaning to the cooperation principle that State and Catholic Church have decided to carry on since 1984. Lastly, it would be appreciated if a similar principle could be extended to all religious faiths in Italy, in order to improve the potential contribution of all religions in combating and preventing organized crime.

Scarica il testo completo in PDF

Laudato si’: per un’ecologia autenticamente cristiana - di Laura De Gregorio

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Tra novità e continuità - 3. Laudato si’ e la cura della casa comune - 4. Relazioni fondamentali ed equilibrio ecologico – 5. Il dono della creazione - 6. L’ordine nella creazione e le relazioni tra le creature - 7. L’uomo e la creazione - 8. Crisi ecologica, crisi umana, crisi sociale - 9. Il tempo superiore allo spazio – 10. Il cammino dell’uomo - 11. Linee di orientamento e di azione: la politica - 12. Linee di orientamento e di azione: l’economia - 13. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Renuntiatio Papae. Alcune riflessioni storico-canonistiche - di Walter Brandmüller

1 - L’annuncio con cui l’11 febbraio 2013 Papa Benedetto XVI rese nota la propria intenzione di rinunciare al Ministero di Sommo Pontefice il 28 febbraio dello stesso anno fu del tutto inaspettato e ha posto diverse questioni da allora oggetto di discussione. In questo contesto si è richiamata l’attenzione su accadimenti simili nella storia del Papato Romano, in cui si crede di riconoscere dei precedenti. In primo luogo è stato menzionato Papa Ponziano che nell’anno 235 rinunciò alla propria carica dopo essere stato condannato sotto i consoli Severo e Quintiniano ai lavori forzati nelle miniere della Sardegna. Non potendo sperare in un ritorno a Roma, rinunciò alla carica, per non lasciare la Chiesa senza Pastore Supremo. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

L’Esortazione apostolica Amoris Laetitia. Osservazioni a prima lettura - di Domenico Bilotti

SOMMARIO: 1. Considerazioni preliminari. Le possibilità della lettura secondo il Magistero – 2. L’inquadramento pastorale: le molteplici opzioni dell’Episcopato – 3. L’inquadramento giuridico: il raccordo (ricercato) con le riforme ecclesiali – 4. Gli spunti di riflessione riguardo agli istituti civili – 5. Le molteplici fattispecie della crisi matrimoniale – 6. La conferma di una scelta metodologica importante: il contributo delle Conferenze episcopali – 7. Conclusioni (soltanto) provvisorie: gli “appunti di viaggio” per una Chiesa in cammino.


ABSTRACT: The post-synodal apostolic Exhortation by Pope Francis, Amoris Laetitia, represents a relevant document to understand the current interest in Canon Law’s studies about the legal condition of marriages and human families. Though the Exhortation obviously has a deep view about theological perspectives, juridical elements seem even more important and suggestive. The aim of this essay is to underline what the Exhortation could mean in terms of reforming positive rules, not only considering the legal status of marriage.
 

Scarica il testo completo in PDF

Il Sacro Collegio cardinalizio vigente il Codex Iuris Canonici del 1917 - di Fabio Blasigh

SOMMARIO: 1. Premessa: il Senatus Romani Pontificis – 2. Il Collegio Cardinalizio quale persona moralis – 3. La composizione del Sacro Collegio – 4. La mancanza di una disciplina propria per i Concistori – 5. Requisiti , privilegia e obblighi dei Cardinali nel Codex piano-benedettino – 6. Le deroghe alla disciplina del Collegio Cardinalizio precedenti alla promulgazione del Codex Iuris Canonici 1983 – 6.1 Le modifiche al Sacro Collegio apportate da San Giovanni XXIII – 6.2 Le innovazioni al Collegio dei Cardinali introdotte dal Beato Paolo VI – 7. Conclusione: la persistente centralità del Senatus Papae a seguito dell’istituzione del Sinodo dei Vescovi.

The Sacred College of Cardinals during the Codex Iuris Canonici of 1917

ABSTRACT: The present study aims to analyze nature, characteristics and functions of the Sacred College during the Code of Canon Law of 1917. The can. 230 CIC defines the College of Cardinals as Senatus Pontificis Romans. This organism, led back by canonical figure of the moral person, assists the Roman Pontiff in governing the universal Church. This work also analyzes the innovations introduced at the Sacred College by St. John XXIII and blessed Paul VI.

Scarica il testo completo in PDF

Economia della spiritualità – economia della politicità (Benedetto XVI: quali riflessi sul post-Concilio?) - di Piero Bellini

Come di prammatica – nei nostri ultimi incontri – è prendere l’avvio (vuoi che la si elogi, vuoi che la si critichi) dalla solita lectio magistralis tenuta a Ratisbona da Papa Benedetto XVI. Soprattutto ha impressionato il drastico giudizio pronunciato – per bocca d’un tardo Imperatore bizantino – sulla negatività senza rimedio della esperienza storica dell’Islam guidata da una píetas disumana. Avrebbe potuto il Papa preferire richiamarsi a qualche testimonial culturalmente più qualificato: a un San Bernardo – per esempio – se non fosse che il De laude novae militiae neppur esso grandeggia in fatto di riguardoso  rispetto verso gli altri. E avrebbe potuto riferirsi alle innumerevoli denuncie prelatizie della smodata ferocia saracena, tese peraltro a confortare a loro volta i milites christiani nell’esercizio meticoloso d’altrettanta efferatezza. Ma forse il Papa avrebbe fatto meglio a richiamarsi a testimonianze cristiane d’altro segno. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Due papi a Roma? - di Geraldina Boni


SOMMARIO: 1. Preambolo. La rinuncia di papa Benedetto XVI e il diritto canonico vigente - 2. Ordine e giurisdizione, consacrazione episcopale e accettazione dell’elezione - 3. Il convitato di pietra: la causa dal punto di vista giuridico - 4. Qualche nota cursoria sulla ingravescens aetas. Ancora sulla stella polare del bonum commune Ecclesiae - 5. Perfezionamento, libertà ed efficacia della rinuncia: equivoci da evitare - 6. ... anche sulla non accettazione e ricettizietà della medesima - 7. Suo carattere comunque straordinario (di fatto, non di diritto) - 8. Status e qualifica di Joseph Ratzinger - 9. Rinuncia al ministerium e conservazione del munus? Dalla nebulosità di terminologia e immagini alla fumosità concettuale - 10. Critica ad alcune recenti ricostruzioni dottrinali. Munus, ministerium, officium. La "singolarità" del successore di Pietro - 11. Preminenza ecclesiologica o eccellenza escatologica della rinuncia? La monocraticità dell’ufficio di romano pontefice.
 

Scarica il testo completo in PDF

Il ruolo dei Cardinali nella Costituzione Apostolica Pastor Bonus sulla Curia Romana - di Fabio Blasigh

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. I Cardinali nelle Congregazioni Romane – 3. Le “Riunioni di Cardinali” nella Curia Romana – 3.1 Il rapporto tra i Concistori e la Curia Romana – 3.2 Le Riunioni Interdicasteriali – 3.3 Il Consiglio di Cardinali per lo studio dei problemi organizzativi ed economici della Santa Sede – 4. Il Cardinale Segretario di Stato – 5. I Cardinali nei Pontifici Consigli e negli Uffici della Curia Romana – 6. I Cardinali nei Tribunali – 7. Conclusione.

The role of the Cardinals in the Apostolic Constitution Pastor Bonus on the Roman Curia

ABSTRACT : The Cardinals are the main collaborators of the Roman Pontiff in governing the universal Church. This collaboration takes place both at the collegiate level in consistories and individually within the Roman Curia. The Apostolic Constitution Pastor Bonus promulgated in 1988 by St. John Paul II devotes ample space to the service offered by the Cardinals in the departments. The author of this article will attempt to analyze the tasks entrusted to the Cardinals in the various Dicasteri, in particular at Congregations and the Secretariat of State, and pointing out the differences with the previous discipline of Regimini Ecclesiae Universae . Special attention will be devoted to the activity of coordination curial left to the Meeting of Cardinals and finally the relationship and discipline posed by Pastor Bonus to the relationship between the Roman Curia and the Consistories.

Scarica il testo completo in PDF

Etica cattolica, debito e giustizia sociale in vista di un nuovo assetto internazionale - di Raffaele Coppola

SOMMARIO: 1. Preambolo – 2. Valore teologico e valore giuridico dei pronunciati del Magistero ecclesiastico – 3. La lectio magistralis del 12 maggio 2003 di Giovanni Paolo II – 4. La Carta di Sant’Agata de’ Goti del 29 settembre 1997 e la legge italiana 25 luglio 2000 n. 209 – 5. La sfida dei Pontificati di Benedetto XVI e di Francesco – 6. Autorità politica mondiale e giustizia sociale – 7. L’umanesimo cristiano oggi – 8. Sintesi conclusiva.

Catholic Ethics, Debt and Social Justice in the Light of a New International Order

ABSTRACT: Since twenty years a group of scholars, including the Author of this essay, has been fighting for the reconstruction of the legal framework of the international debt. The Charter of Sant’Agata de’Goti (September 29, 1997), which is the result of the passionate work by a Commission on usury and international debt, has virtually been travelling around the world, including the Latin American Parliament and the Vatican City, finally landed in the Italian Parliament with the 25 July 2009 Italian Act (n. 209). Besides the legal relevance, this essay is the testimony of a significant part of the service that the Author has carried out in the interest of the Holy See and the Catholic Church; this is in fact a summary of his twenty-year commitment on the (public-private-international) debt, in view of the forthcoming visit of the Holy Father Francis in the United States (September 2015), on the eve of the 2015-2016 Extraordinary Jubilee Year (called the “Holy Year of Mercy”), which again will underline the principle of natural order for all the goods on earth. This papal journey assumes considerable importance, especially when related to the Pope’s speech, which will be held at the Congress and at the General Assembly of the United Nations in New York. The Author of this essay hopes that, in the context of those venerable international institutions, together with the Italian government, the Holy Father – under his personal commitment which is recognized in the world – will propose to the UN Assembly the start of the procedures for requesting the opinion of the AIA Court of Justice about the consistency between the rules governing the developing Countries’ foreign debt (but today you might be referring to the international debt tout court ) and the framework of human rights principles, which includes the rights of peoples. We must also keep in mind that, in order to better understand the frame of reference, a deputy of the Italian Chamber, Salvatore Cherchi, together with other proponents of the mentioned 2000 Act (n. 209) – whose Article 7 remained unfulfilled – have been directly inspired by the mentioned Charter of Sant’Agata de’Goti on usury and international debt.

Scarica il testo completo in PDF

Potestà punitiva della Chiesa Cattolica e illeciti finanziari: la pena canonica in ausilio agli ordinamenti civili - di Antonio Fuccillo

SOMMARIO: 1. Economia, finanza e religione: le ragioni di un indefettibile rapporto - 2. Il diritto nativo della Chiesa Cattolica di esprimere il proprio giudizio sulle questioni sociali nel campo economico e finanziario - 3. La rilevanza del settimo comandamento nel contesto delle attività finanziarie - 4. La funzione di deterrenza delle sanzioni canoniche in ambito economico e finanziario e la possibile applicazione del can. 1399 c.j.c. - 5. L’impatto dei precetti religiosi nel mercato finanziario: i riflessi sui sistemi.

Scarica il testo completo in PDF

Sul dibattito scientifico e religioso in tema di “fine vita”: accanimento terapeutico, stato vegetativo ed eutanasia - di Germana Carobene

SOMMARIO: 1. Il problema dell'eutanasia e il diritto alla salute - 2. Profilo medico-scientifico: definizione di morte, stato vegetativo; 3. Posizioni dottrinarie della Chiesa Cattolica - 4. Etica protestante - 5. Considerazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

La Santa Sede e la Conferenza di Helsinki per la sicurezza e la cooperazione in Europa - di Giovanni Barberini

“La Conferenza di Helsinki sulla Sicurezza e la Cooperazione in Europa" - è stato autorevolmente affermato dal card. Achille Silvestrini – "ha rappresentato un’esperienza unica nel suo valore. Era la prima volta, dopo il Congresso di Vienna del 1825, che la S. Sede partecipava come full member in un Consesso di Stati (… ). La presenza della S. Sede ad Helsinki ha rappresentato un segno concreto della concezione della pace fra le nazioni come valore morale prima ancora che come questione politica, e una occasione per rivendicare la libertà religiosa come una delle libertà fondamentali di ogni persona e come valore di correlazione nei rapporti fra i popoli”. La Conferenza di Helsinki, che vide ovest ed est uniti sulla via della distensione, costituisce l’esito di una serie di fattori - storici, politici e diplomatici – che hanno infine condotto i soggetti interessati a incontrarsi per discutere di temi di comune interesse, nonostante la forte contrapposizione all’epoca esistente fra i diversi schieramenti a livello mondiale ed europeo. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Cattolicesimo al bivio - Interrogativi preliminari all’adozione di un processo orale di rapido accertamento dei casi di “pseudomatrimoni cristiani” - di Francesco Zanchini

La questione in oggetto si situa nella odierna temperie di approccio pastorale al fenomeno dello sradicarsi di massa delle società occidentali dalla “sana” dottrina dell’indissolubilità delle nozze e, a monte, della perdita soggettiva di senso del viverle nell’orizzonte della tradizione biblica: e ciò da parte di chi, oramai, ritiene la sua condotta normata piuttosto dalle abitudini di una società consumista quietisticamente accettata, e nel nostro Occidente intrisa di quella che l’attuale  pontefice definisce la “cultura dello scarto”. (Continua)
 

Scarica il testo completo in PDF

La grande Europa di Giovanni Paolo II - di Giovanni Barberini

SOMMARIO: 1. I confini dell’Europa nel pensiero di Karol Wojtyła - 2. Il Cristianesimo e l’ Europa - 3. La comune origine religiosa del continente europeo - 4. Un obiettivo caro a Giovanni Paolo II.

Scarica il testo completo in PDF

Note preliminari sui protocolli concordatari - di Pasquale Lillo

SOMMARIO: 1 . Chiesa cattolica e ordinamento internazionale – 2 Forme di stipulazione concordataria – 3. I protocolli concordatari – 4. Natura giuridica dei protocolli – 5. Nessi esistenziali dei protocolli ecclesiastici ‒ 6. Casi particolari di protocolli concordatari ‒ 7. Il Protocollo italiano del 1984.

Scarica il testo completo in PDF

Il diritto penale canonico: tra potere coercitivo e carità pastorale - di Paola Fantelli

SOMMARIO: 1. Il diritto penale canonico: una disciplina oggetto di contestazioni - 2. La dimensione pastorale del sistema penale canonico - 3. Principio di legalità ed aequitas canonica - 4. Il delitto: profili generali - 5. Le recenti riforme in materia di delicta graviora - 6. I delicta graviora contro la fede - 7. I delicta graviora contro i sacramenti - 8. Il delitto di tentata ordinazione di una donna – 9. I delicta graviora contro la morale: il delitto di abuso di minore e il delitto di pedopornografia - 10. Considerazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Riappare un “déjà vu” nella giurisprudenza: la responsabilità oggettiva del vescovo per gli atti illeciti dei suoi sacerdoti - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. La “novità” dell’ordinanza del Tribunale di Lecce 8 ottobre 2012 – 2. Il precedente belga – 3. Uno sguardo sulla dottrina civilistica del respondeat superior nell’esperienza americana – 4. La fattispecie esaminata dai giudici salentini e la questione della soggettività della Curia arcivescovile – 5. (segue) Il riconoscimento della responsabilità indiretta ex art. 2049 c.c. – 6. Le ragioni della non configurabilità di una posizione di responsabilità del vescovo ex art. 2049 c.c. - Appendice.

It’s “Déjà vu” in Case Law: Vicarious Liability of the Diocesan Bishopfor the Intentional Torts committed by his Priests

ABSTRACT: This Article addresses the issue of a Diocesan Curia’s liability for the intentional torts (sexual assault) committed by his parish priest. The paper takes as a starting point a recent Italian ruling that found a master-servant relationship between the Diocesan Curia and parish priest. The Court also held that a parish priest who committed a intentional tort (sexual assault), causally connected to the relationship, is acting within the scope of employment, so that the Diocesan Curia is vicariously liable. The Author suggests a comparative approach to the guidelines of Belgian and American case law on the subject of sexual abuse committed by clergy and examines the legal aspects of the topic as they are ruled by Italian law, which should lead to reject the conclusion of imputing a vicarious liability upon the Diocesan Curia.

Scarica il testo completo in PDF

Sui principi non negoziabili della Chiesa - di Luciano Zannotti

SOMMARIO: 1. Il significato dell’espressione – 2. Il rifiuto del compromesso – 3. La distinzione fra principi e valori.


ABSTRACT: The expression “not negotiable principles”, related for the Catholic Church to categorys of the natural right, induces to reflect about the meaning which the refusal of mediation and the difference between principles and valours have in a democratic system.
 

Scarica il testo completo in PDF

Il capitalismo non è un termine evangelico. Una breve riflessione “sturziana” rileggendo l’Enciclica Caritas in veritate di Benedetto XVI - di Luigi Barbieri

SOMMARIO: 1. Economia e religione - 2. L’etica protestante e lo spirito del capitalismo - 3. L’etica cattolica e il capitalismo - 4. Il capitalismo buono e l’umanizzazione dell’economia - 5. Il capitalismo cattivo - 6. La riflessione di Luigi Sturzo.Brevi cenni.

ABSTRACT: The Encyclical Caritas in veritate, promulgated by Pope Benedict XVI in June 29th, 2009, omits faithfull the term capitalism, also used in the social doctrine of the Church by Pope Leo XIII in Rerum Novarum untill Centesimus Annus of John Paul II. Analysing the Encyclical and because of this omission, in the teaching of Pope Ratzinger may be felt appreciation for the market economy, different from the capitalist economy. This distinction had already made and proposed in the last century by Luigi Sturzo, sociologist and Catholic thinker, enlightened and free.
 

Scarica il testo completo in PDF

Mafie e Chiesa - di Nicola Fiorita

SOMMARIO: 1. I termini di un rapporto controverso – 2. Mafia e consenso sociale – 3. Ritardi e ambiguità dell’antimafia ecclesiale – 4. Da don Puglisi a mons. Bregantini: la sofferta nascita di una pastorale antimafiosa - 5. Dai singoli casi ai documenti ufficiali: la posizione della Chiesa-istituzione – 6. Vincere la mafia con la Chiesa e grazie alla Chiesa.

Scarica il testo completo in PDF

L’attività concordataria di Giovanni Paolo II - di Giuseppe Dalla Torre

SOMMARIO: 1. Una tematica che ha suscitato interesse- 2. Novità formali e sostanziali dell’attività concordataria di Giovanni Paolo II - 3. Ragioni storiche di un fenomeno in espansione - 4. Un Papa giurista o un Papa pastore? - 5. Alcune considerazioni finali.

Scarica il testo completo in PDF

Dimensione “pubblica” del magistero pontificio: frammenti di dottrina sociale sull’economia mondiale - di Pasquale Lillo

SOMMARIO: 1. Trasformazioni economiche e dinamiche sociali − 2. Centralità della persona umana nella dottrina sociale cattolica − 3. Luci ed ombre del sistema economico contemporaneo − 4. Esigenze di regolamentazione dei mercati internazionali − 5. Il primato del “bene comune” sugli interessi particolari.

Size "public" of the papal magisterium: fragments of social teaching on the world economy

ABSTRACT: The Catholic Church for several years devoted particular attention to the economic processes of the world, drawing on ideas that enrich the overall picture of its "social doctrine". In this case, the papal teaching proved to be quite sensitive to the phenomena of globalization that are investing also global economic system. This paper intends to analyze some key points of the papal reflection on the subject, highlighting the relevance "public", which is gradually to assume the contribution of Catholic social teaching around the overall dynamics of the global economy.

Scarica il testo completo in PDF

Principi di diritto internazionale nella teologia cattolica - di Giovanni Barberini

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. S. Agostino - 3. S. Tommaso d’Aquino - 4. Francisco de Vitoria - 5. Francisco Suarez - 6. Problemi attuali.

ABSTRACT: At the present time, the complexity of international relations make us to reflect on ideologies that in past centuries, opening the modern history, helped to organize the international life and the relations between peoples and between States. Especially Hugo Grotius, Samuel von Pufendorf and Emmer de Vattel are to be regarded as founders of modern international law, but it would be a serious shortcoming for the scholar the oversight of the work of some spanish theologians and jurists, such as the dominican Francisco de Vitoria and the jesuit Francisco Suarez which, starting from the 16th century, have developed principles that are fundamental results in international law. The universal character of the christian message has had many applications in the social and legal sphere, requires that the human race constitutes one family and that the spirit of christianity is directed toward each institution aimed to prevent disputes between States and between the peoples become violent clashes, destruction or massacres. In ancient period the most important contributions that have enriched the catholic doctrine as well as its teaching in these matters were those of St. Augustine and St. Thomas Aquinas. In augustinian and thomistic doctrine the war must be regarded as a last resort to which it is not used that after having verified the impossibility to safeguard the good right; again, that the legitimate end of the war is not the victory, but the peace in justice, namely that is the restoration lasting public order in which everything is repositioned in the right place. The affirmative answer to the question if you can give a just war is the key element that is remained a fundamental basis in catholic morality. The war can be considered lawful under certain conditions; but it is nevertheless a profound injustice, as a result of the sins of humanity against the virtue of charity. An important part of the teaching of the spanish theologian Francisco de Vitoria, was especially concerned by the problems created in Spain by the conquest and colonization of Latin America. He was considered the true founder of international law from many specialists. He put in question the conviction then widespread that indigenous not enjoyed human rights, i.e. rights brought from civilization. The dominican theologian rejected these views because he was inspired by the natural law, which must regardless of profession of the true religion which regards the guidelines toward the personal spiritual salvation. Reflecting on the thought of the spanish jesuit Suarez, we are devoting, in particular, our attention to the “jus gentium”. The expression is not related to the international relations between peoples and between nations, what happened in the evolution that subsequently took the expression. Originally the expression jus gentium was referring to some of the rules common to all peoples; in some way a natural right, which led to consider the community of nations as forming a great social community, governed by a set of rules, principles, morals, rights, and duties, according to the needs or opportunities or indications of human nature that is the work of a single Creator. This concept has opened the way to the idea of international law understood as complex rules in relations between nations. In the contemporary era the concept of just war must be considered in a different way and must take account of two considerable elements: the lawfulness of the just war should be read today in harmony and with the observance of an “jus cogens” which goes beyond the respect for the territorial integrity and political independence of a State and then the use in war of deadly weapons, even for the civilian population, which upset the reflection on just cause for a war. We believe that this has fostered a rethinking of catholic doctrine and the positions of the Pope John Paul II who undertook very on the theme of peace and war: he had shown himself absolutely contrary to the war and, again, he seemed to want to overcome the doctrine of the just war. There are those who in the catholic world believes that today it is no longer possible to speak of just war and that the war can no longer be regarded as a means of resolving disputes between States. But before humanity some questions remain.

Scarica il testo completo in PDF

De Mammona iniquitatis. Spiritually poor: the Sturzian roots of the Encyclical “Caritas in veritate” of Benedict XVI - di Luigi Barbieri

SUMMARY: The spirit of the present contribution: “the economics as if the person would count” – 1. Essential notes on the “popular capitalism” in the thought of Luigi Sturzo - 2. The economical liberty and the rules’ liberalism – 3. Synthesis considerations.

ABSTRACT: Without any claim of exhaustiveness, these brief notes seem to give a key of reading to individuate the links between the Sturzian thought and the teaching of the Encyclical Caritas in veritate: maybe between the ecclesiastical law and economics. For a more detailed and complete analysis, it will be necessary that the analyst considers that the Caritas in veritate does not want to be an economics treaty, rather a theological-pastoral document whose argumentations are in the point of conjunction between the social sciences and the Christian anthropology that judges and connects them

Scarica il testo completo in PDF

La Chiesa tra politica e religiosità popolare nei primi decenni del XX secolo. Alcune suggestioni - di Domenico Bilotti

SOMMARIO: 1. Apparente desuetudine dell’analisi - 2. La Prima Guerra Mondiale e le sue conseguenze nella società italiana. Questioni irrisolte – 3. Il contributo cattolico prima e dopo il Fascismo. Alcune ipotesi di continuità?

ABSTRACT: The period, directly following up the consolidation of the Italian situation, between the end of the XIX Century and the first half of the XX  Century, is not less problematical [than the previous ones]. It is fundamental to try to respond to unclear historical issues and, if it is necessary, to risk the opening of new questions.
 

Scarica il testo completo in PDF

La partecipazione dei fedeli laici alla vita pubblica. Testimonianza cristiana, etica pubblica e bene comune nell’insegnamento di Benedetto XVI - di Fabio Franceschi

SOMMARIO: 1. Considerazioni introduttive. Natura essenzialmente laicale della responsabilità politica - 2. L’intervento della Chiesa nel dibattito pubblico su questioni inerenti alla vita sociale e politica. I principi c.d. non negoziabili - 3. Fondamentale libertà dei fedeli rispetto alle indicazioni della gerarchia in materia temporale – 4. La funzione di orientamento dei pastori della comunità ecclesiale e i confini dell’intervento della stessa – 5. I limiti alla libertà dei fedeli in materia temporale: il rapporto tra libertà e verità e la salvaguardia delle esigenze etiche fondamentali e irrinunciabili per il bene comune e della società – 6. Benedetto XVI e l’invito a una nuova generazione di cattolici impegnati in politica. La difesa della centralità della persona umana come compito primario dei credenti impegnati nel governo della città terrena – 7. (segue) L’impegno a favore della promozione di un concetto positivo di laicità, aperto alla Trascendenza − 8. (segue) La politica come forma singolare di realizzazione della carità – 9. (segue) La dottrina sociale della Chiesa come strumento di formazione essenziale e guida sicura per i fedeli laici impegnati nell’ambito socio-politico – 10. Considerazioni conclusive. Doveri, rispettivi, dello Stato e della Chiesa affinché si conservino, o se necessario si creino le condizioni esterne idonee e necessarie allo svolgimento dei compiti dei christifideles laici nella polis.

Scarica il testo completo in PDF

I prodromi della questione cattolica in Italia. Note intorno al difficile dialogo tra la Chiesa cattolica e lo Stato unitario in Italia . - di Antonino Mantineo

SOMMARIO: 1. Il punto sulla storiografia - 2. Vocazione anti-unitaria del Papato e della Chiesa - 3. I cattolici e il lento cammino verso la democrazia.

Scarica il testo completo in PDF

Su alcuni episodi ricorrenti di infiltrazione criminale a margine di espressioni collettive della pietà popolare nel mezzogiorno - di Francesco Zanchini

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Gli anni ’70 a Gioiosa Jonica e la mafia di Africo - 3. Recenti pressioni mafiose sul nuovo parroco di S. Rocco a Gioiosa - 4. Un nuovo caso sospetto nella Sicilia meridionale – 5. Una vittoria delle cosche?
 

Scarica il testo completo in PDF

Verso nuove prospettive del pluralismo religioso nel Magistero della Chiesa cattolica? - di Antonino Mantineo

SOMMARIO: 1. Il Concilio Vaticano II e le aperture al dialogo interreligioso - 2. Il concorso offerto dalle nuove piste teologiche del post-Concilio - 3. Alcune valutazioni del magistero di papa Benedetto XVI - 4. Laicità dello Stato e pluralismo religioso - 5. Per una ripresa del dialogo interreligioso.

conci

Scarica il testo completo in PDF

La laicità dello Stato negli insegnamenti di Benedetto XVI - di Giorgio Feliciani

SOMMARIO: 1. Da Giovanni Paolo II a Benedetto XVI – 2. Il principio di laicità – 3. Laicità e libertà - 4. Le degenerazioni del principio – 5. Laicità sana e laicità positiva – 6. Chiesa e Stato – 7. Riflessioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Le unità pastorali: tipologie e valenza giuridica. Una prima analisi - di Alberto Fabbri

SOMMARIO: 1. Le esigenze pastorali che le hanno determinate e le prospettive per l’azione futura - 2. I diversi modelli adottati - 2.1 Le unità pastorali nell’Arcidiocesi di Torino - 2.2 L’esperienza nell’Arcidiocesi di Milano - 2.3 Il progetto della Diocesi di Cesena-Sarsina - 2.4 La Diocesi di Piacenza-Bobbio - 2.5 Il modello della Diocesi di Brescia - 2.6 La Diocesi di Arezzo-Cortona-Sansepolcro - 2.7 La Diocesi di Lodi - 3. Alcuni dati sull’adesione al modello di unità pastorale - 4. La valenza giuridica - 5. Le figure contemplate dal Codice - 6. L’analisi della realtà - 7. Un confronto delle unità pastorali con i vicariati foranei - 8. Prime conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Il diritto pontificio nell’impasse della attuazione del concilio Vaticano II. Tensioni e dinamiche di un travaglio non risolto - di Francesco Zanchini

SOMMARIO: 1. Il vero significato (politico) del “dogma” vaticano del 1870 – 2. La lezione della historia conciliorum e le ambiguità moderne - 3. Il superamento della lista dei concili del Bellarmino - 4. Il problema del concilio di Costanza: sovrano è chi decide sullo stato di eccezione- 5. Le tecniche di attuazione del Tridentino e del Vaticano II - 6. Il dictatus di papa Mastai e l’opposizione dei vescovi tedeschi – 7. La resistenza della curia al Vaticano II: il quinquennio iniziale - 8. La svolta restauratrice di Giovanni Paolo II – 9. Riflessioni conclusive - 10 - Postilla. Quale orizzonte per il futuro?

Scarica il testo completo in PDF

Quale Chiesa - di Giuseppe Leziroli

Riprendendo il filo di considerazioni svolte anni or sono sulla realtà e attualità della Chiesa, balza evidente agli occhi come sia venuto meno attualmente, ovvero si sia fortemente attenuato il fine primario proprio della comunità dei fedeli e quindi della Ecclesia e cioè la pervicace, ossessiva volontà di salvezza dopo il transito terreno. Volontà di salvezza intimamente legata alla certezza di una nuova vita oltre la morte in comunione con Dio. Da tale certezza discendeva la conseguenza che tutto l’arco della vita terrena doveva essere impregnato dal fervore religioso che prevedeva come necessaria la valutazione negativa delle vicende terrene in totale subordine rispetto ai valori dello spirito cristiano. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Le tematiche trattate dal Consiglio delle Conferenze Episcopali d’Europa. I settori di interesse - di Alberto Fabbri

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Le novità introdotte nello Statuto del 1995 - 2. Gli avvenimenti storici incidenti; i fatti del 1989 - 3. La struttura organica del CCEE e gli ambiti di lavoro - 4. Relazione tra le finalità del CCEE e i campi di interesse – 5. Considerazioni e valutazioni.

Scarica il testo completo in PDF

Il riformismo nell’epoca della codificazione canonica - di Gaetano Lo Castro

SOMMARIO: 1. Finalità empiriche della prima codificazione del diritto canonico del 1917: il riordino dei testi legislativi - 2. (segue) Conseguenze della codificazione: in particolare, la prevalenza della proclamazione normativa del diritto nella formazione dell’esperienza giuridica - 3. La codificazione del 1983 in funzione dell’attuazione del Concilio Vaticano II - 4. La funzione isagogica del codice e l’idea di ricondurre ad esso l’intera esperienza giuridica nella Chiesa - 5. L’intento sistematico del legislatore del 1983.

Scarica il testo completo in PDF

La Chiesa e la laicità - di Raffaele Coppola

SOMMARIO: 1. Il metodo – 2. Il dualismo cristiano – 3. Le laicità – 4. La religione o coscienza del popolo – 5. La democrazia.

Scarica il testo completo in PDF

Lotta alla sovversione comunista all’interno della Chiesa Cattolica: il piano del “Sint Unum”. Da un memorandum di Henry Kissinger al presidente Nixon - di Alice Arduini

Nei primi mesi del 1970 un dossier preparato dall’organizzazione clandestina “Sint Unum” fu tradotto dal francese all’inglese dalla Central Intelligence Agency (CIA) e venne inoltrato dal Consigliere per la sicurezza nazionale Henry Kissinger al presidente degli Stati Uniti, Richard Nixon, in allegato a un memorandum intitolato “Studio sulla sovversione nella Chiesa Cattolica”. Per meglio valutare l’importanza del documento, è opportuno fornire alcune coordinate indispensabili per comprendere le ragioni dell’arrivo del dossier ai vertici dell’amministrazione americana e le conseguenze che ne derivarono. Una prima coordinata è costituita dall’andamento delle relazioni tra gli Stati Uniti e la Santa Sede, che proprio all’inizio degli anni Settanta attraversarono un momento di svolta. L’intenzione del presidente di superare la tradizione, ormai consolidata, di non intrattenere relazioni diplomatiche con la Santa Sede era infatti divenuta sempre più chiara a partire dal suo primo viaggio in Europa, in particolare ai primi del marzo 1969, in occasione del primo incontro di Nixon con Paolo VI. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

La chiesa e il diritto (agli albori del ventunesimo secolo) - di Salvatore Berlingò

SOMMARIO: 1. La Chiesa e il diritto nella realtà contemporanea - 2. Le note tipiche dell’ordinamento canonico - 3. La positività dinamica del diritto ecclesiale - 4. Un ritorno alla “Revelatio-Dispensatio Ecclesiae”? - 5. I paradigmi offerti dal “cristianesimo familiare” - 6. I codici domestici e la “capitalità” pastorale - 7. I canoni ed il “diritto vivente” della Chiesa - 8. La tradizione latina e le più recenti novità extra-codiciali - 9. Verso una nuova dinamica ordinamentale?

Scarica il testo completo in PDF

La dimensione giuridica della Chiesa - di Nicola Colaianni

Notevole distanza di tempo – quarant’anni – per riflettere sui temi posti da un libro. Ma non sufficiente a creare il doveroso distacco dell’animo e l’esercizio pacato della ragione quando esso appartiene alla biografia personale e accademica di chi è chiamato a riflettere. È questo il mio caso di fronte al libro di Francesco Zanchini. Il quale è stato correlatore, insieme al prof. Renato Baccari, della mia tesi di laurea presso l’Università di Bari. Forse sono stato il primo studente laureatosi con lui, che aveva conseguito da poco la libera docenza. Era il 1969, lo stesso anno di edizione de La Chiesa come ordinamento sacramentale. Zanchini aveva seguito per mesi lo svolgimento della mia tesi su un tema vicino alla sua sensibilità (Il magistero ecclesiastico in materia politica e sue ripercussioni nel diritto dello Stato), incaricandosi di arginare un torrente di parole in capitoli e paragrafi, che provvide ad intitolare da solo. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

La Chiesa e il sociale - di Andrea Zanotti

SOMMARIO: 1. La divaricazione tra soggetto e potere: nascita degli Stati assoluti - 2. Princeps imago Dei: la progressiva sottrazione del sociale alla Chiesa - 3. La risposta della Chiesa fino alle soglie della contemporaneità - 4. Il Concilio Vaticano II e la caratterizzante dimensione sociale della Chiesa - 5. Il Concordato, la sussidiarietà, il volontariato - 6. Persona imago Dei: l’atomizzazione, nell’età della tecnica, della dimensione sociale e la sua ridefinizione - 7. Quale Chiesa per quale futuro?

Scarica il testo completo in PDF

La Chiesa e gli altri culti - di Mario Tedeschi

Inutilmente un cultore di diritto canonico cercherebbe nel Codex una qualche disposizione che affronti l’argomento, e ciò nonostante la sua attualità ed importanza e il fatto che sia stato promulgato dopo il Concilio Vaticano II, dal momento che tale corpo di norme riguarda la vita interna della Chiesa, la sua costituzione ed organizzazione, i mezzi di cui si avvale.
Qualcosa di più si rinviene nei Documenti del Concilio Vaticano II, in particolare nella “Lumen Gentium” ove - dopo avere accennato al patto istituito da Cristo con Israele e Giuda, dal momento che tutti i credenti in Cristo costituiscono il nuovo Popolo di Dio, una stirpe eletta, che “ha per condizione la dignità e libertà dei figli di Dio […] per legge il nuovo precetto di amare come lo stesso Cristo ci ha amati […] e per fine il Regno di Dio” (L. G. n. 9) – parla dei rapporti con i cristiani non cattolici, ai quali la Chiesa si sente congiunta sotto un solo Pastore (L. G. n. 15), e di quelli con i non cristiani che, pur non avendo ancora ricevuto il Vangelo, fanno parte del Popolo di Dio, in particolare i musulmani che professano la fede in Abramo, adorano un solo Dio e che “senza colpa ignorano il Vangelo di Cristo” (L. G. n. 16). (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

La Chiesa e la politica - di Piero Bellini

È dato di esperienza – del quale ci tocca prender atto – che la nostra vicenda nazionale si mostra segnata come da un curioso paradosso. È un fatto che [pur essendo l’italiana una società largamente “secolarizzata”] essa al contempo ben poco si presenta “laica”. È un fatto che l’Italia [quanto si voglia sorda ai richiami d’una sentita religiosità: quanto che sia ridotta, s’è sin detto, a «terra di missione»] è Paese in cui la Gerarchia cattolica romana tuttavia mantiene una sua pregnante egemonia: la quale va ben oltre ciò che si riscontra nella generalità delle altre comunità politiche di professione religiosa cattolica. Sicché – di faccia a questa singolare situazione – non ci si può non domandare come mai ciò accada: come mai una «società secolarizzata» non sappia «essere laica», ma seguiti a concedersi all’alta manus della Chiesa. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Chiesa ed economia - di Maria d'Arienzo

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Il magistero sociale della Chiesa e il movimento cattolico - 3. Dimensione orizzontale e verticale della carità - 4. Chiesa e politica economico-sociale in Italia – 5 - In conclusione: una riproposizione del sistema costantiniano?

Scarica il testo completo in PDF

Ancora qualche riflessione sull’art. 7.1 della costituzione italiana per fare un po’ di chiarezza - di Giovanni Barberini

SOMMARIO: Premesse – 1. Stato, Chiesa cattolica e Santa Sede – 2. Significato generale della norma – 3. Indipendenza e sovranità della Chiesa cattolica – 4. Ordine dello Stato e ordine della Chiesa – 5. Interferenze e ingerenze – 6. Questioni con carattere etico e religioso – 7. Possibile ingerenza dello Stato e possibile ingerenza della Chiesa – 8. La Chiesa cattolica nell’art. 7.1 – 9. Per una corretta interpretazione e applicazione della norma costituzionale – 10. Chi negozia con lo Stato – 11. La prassi in altri Stati.

Scarica il testo completo in PDF

Una “teologia scomoda” - di Domenico Bilotti

SOMMARIO: 1. Una premessa: la Notificatio del 26 Novembre 2006 contro il gesuita Jon Sobrino - 2. Una “teologia scomoda”: temi, prospettive, percorsi - 3. Prime conclusioni: il Concilio Vaticano II e le posizioni pluralistiche all’interno della Chiesa.

Scarica il testo completo in PDF

Mons. Casaroli nella politica internazionale - di Giovanni Barberini

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Adesione al Trattato di non proliferazione delle armi nucleari - 3. La Santa Sede e la pace - 4. La Santa Sede e l’Europa - 5. La Santa Sede e i problemi del disarmo - 6. La Santa Sede e l’Europa orientale - 7. La Santa Sede e la comunità internazionale - 8. La sicurezza e la cooperazione in Europa e la Santa Sede - 9. La Santa Sede fra tensioni e distensione - 10. La Santa Sede e i problemi dell’Europa contemporanea - 11. No alla violenza, sì alla pace - 12. The Holy See and Peace - 13. La Santa Sede e le sfide del mondo moderno - 14. Tra bipolarismo e responsabilità di tutti gli Stati - 15. La Santa Sede e il rispetto dei diritti dell’uomo.

Scarica il testo completo in PDF

Ma i laici come stanno attuando il Concilio Vaticano II? Riflessioni a margine di un saggio di Fulvio De Giorgi - di Antonino Mantineo

Il saggio di Fulvio De Giorgi analizza una tematica sulla quale da tempo diversi studiosi si interrogano se e in che misura i cattolici in Italia danno quella testimonianza e quel contributo che si rendono necessari per vitalizzare la Chiesa del nostro Paese e renderla idonea alla sua missione evangelizzatrice, nonché per essere nella comunità civile quel lievito e quella lucerna che rinnova la società e la illumina anche nella notte buia che stiamo attraversando. Intento del contributo sembra essere racchiuso nella stessa titolazione: i laici come la Chiesa appaiono come un anatroccolo brutto, sgraziato che potrà diventare cigno solo se saprà coltivare ed alimentare tutti gli elementi non certo somatici, ma sostanziali - di essenza e di natura - che potranno restituire sia alla Chiesa che ai laici stessi il loro vero volto. La constatazione di avvio dell’A. è che oggi il laicato è inadeguato e la Chiesa si presenta come casta meretrix, “un ossimoro che la dice lunga sul «mistero» celato nella Chiesa di tutti i tempi, dalle origini fino a oggi”. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Lazzaro Maria de Bernardis (1909-1996): elementi per contributo bio-bibliografico a cento anni dalla nascita - di Giovanni B. Varnier

È con sentimenti di gratitudine che mi associo agli indirizzi di saluto poc’anzi espressi per questa iniziativa promossa in ricordo di Lazzaro Maria de Bernardis, che reputo, oltre che uno dei primi e convinti europeisti genovesi, una delle personalità più capaci e oneste espresse dall’allora ricco cattolicesimo politico della nostra città. Si tratta di un ricordo che cade a cento anni dalla nascita e a tredici dalla morte; ricordo che si deve in primo luogo all’iniziativa della collega Daniela Preda, che tutti conosciamo come dinamico autore e promotore di ricerche sull’europeismo in Liguria, ma che si alimenta del contributo e della testimonianza di tante persone amiche, in primo luogo dei professori Francesco Margiotta Broglio e Vito Piergiovanni, presenti a questo tavolo e che ringraziamo per la loro partecipazione. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Eutanasia e testamento biologico nel magistero della Chiesa cattolica - di Marco Canonico

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Il fondamento naturale del diritto canonico e l’indisponibilità dei relativi contenuti - 3. La concezione cristiana della vita - 4. Il precetto di non uccidere - 5. L’eutanasia come violazione del divieto di uccidere - 6. La posizione della Chiesa cattolica riguardo all’accanimento terapeutico ed alle cure palliative - 7. L’applicabilità dei principi in tema di eutanasia alla prospettiva del cd. testamento biologico - 8. Riflessioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

“Ursakrament” e “magnum sacramentum”. A quarant’anni dal volume di Francesco Zanchini di Castiglionchio ”La Chiesa come ordinamento sacramentale” - di Salvatore Berlingò

Vi è senza dubbio nella compagine ecclesiastica una progenie che risulta “da subito rapita verso Dio e verso il suo Trono” (Ap 12,5), quale segno indefettibile del permanente richiamo alla tensione escatologica propria dell’ordinamento della Chiesa. Ricorre, tuttavia, una precisa ragione, io credo, se anche questo segno della continua presenza nel tempo e nello spazio di una “regalità” trascendente viene declinato dalla Scrittura secondo le categorie e nei termini propri di un paradigma “familiare” (progenie). Con questa notazione preliminare intendo porre in evidenza quanto precorritrice e feconda sia stata l’intuizione che – secondo le stesse parole di Zanchini – “ha retto fin dall’inizio” la sua indagine, e cioè l’intuizione che ben si compendia in questo asserto: “Non potersi comprendere l’essenza della Chiesa, se non nel mistero nuziale; non potersi comprendere l’essenza del matrimonio, se non nel mistero della Chiesa”. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Il ’68 dei cattolici - di Stefano Picciaredda

SOMMARIO: 1- Premessa – 2. Il ’68 cattolico – 3. Il caso di Roma – 4. Alcune caratteristiche delle comunità di base – 5. La risposta della Chiesa – 6. - Un’esperienza originale di questi anni fecondi.

Scarica il testo completo in PDF

Il Concordato lateranense: libertà della Chiesa e dei cattolici - di Ombretta Fumagalli Carulli

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Il Concordato lateranense nel quadro della politica concordataria di Pio XI - 3. Lo Stato-etico - 4. I contrasti tra concezione cristiana e concezione fascista - 5. Il conflitto con l’Azione Cattolica - 6. Bilancio finale.

Scarica il testo completo in PDF

Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo e Magistero ecclesiastico - di Maria d'Arienzo

SOMMARIO: 1. Autorità e libertà in ambito religioso e civile - 2. L’art. 18 della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo del 1948 - 3. La libertà di pensiero, di coscienza e di religione nell’ambito internazionale - 4. La libertà religiosa nella tradizione occidentale cristiana - 5. La libertà religiosa nel magistero ecclesiastico - 6. Magistero pontificio e Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo.

Scarica il testo completo in PDF

Hic sunt leones: la Chiesa in Africa e in Europa - di Luciano Zannotti

SOMMARIO: 1. La paura e la speranza – 2. La Chiesa e l’identità europea – 3. La Chiesa e l’inculturazione in Africa.

Scarica il testo completo in PDF

Non è la fine ma solo l’inizio: la dimensione cristiana del tempo - di Luciano Zannotti

Nel cristianesimo il tempo ha un’importanza fondamentale. Cristo è il signore del tempo: è il suo principio e la sua conclusione, ha scritto Giovanni Paolo II nella Lettera apostolica Tertio millennio adveniente. In effetti una delle idee forti che la religione cristiana ha sempre nutrito è quella di conferire un senso al tempo, di sottrarlo all’insignificanza del suo fluire istituendolo come storia che intercorre tra la salvezza promessa da Cristo e la sua compiuta attuazione, trasformandolo in spazio decisivo della prova in cui si giudica la risposta umana all’appello divino. Il tempo viene ridotto a  concetto lineare, con un inizio e con una fine, e la suggestione apocalittica, declinata come evento terribile e catastrofico, assume per la Chiesa il significato di svelare (la parola Apocalisse deriva appunto dal greco apocalypsis, rivelazione) che il mondo potrà salvarsi da se stesso e dalla propria finitudine. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Simbologia religiosa e crimine organizzato: uno storico equivoco - di Domenico Bilotti

Due diverse ed erronee visioni di studio si sono confrontate nell’analisi dei fenomeni mafiosi: quanti sostenevano lo stretto ancoraggio degli stessi alla simbologia religiosa sino a una piena identificazione tra detta simbologia e criminalità e quanti hanno colpevolmente deprezzato l’uno e l’altro profilo problematico. La multinazionalizzazione della delinquenza organizzata e la contemporanea ramificazione degli studi e delle tendenze in materia religiosa possono fungere da elementi chiarificatori per ricostruire rapporti così intricati.

Scarica il testo completo in PDF

Il Vaticano II: spunti di ermeneutica «altra» - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Il Concilio: rottura o continuità? - 2. Un’ermeneutica manichea - 3. Il mutamento dei paradigmi culturali - 4. Paradigmi conciliari inattuali e correzioni: a) ex auctoritate - 5. (Segue): b) ex opinione Doctoris - 6. I principi supremi - 7. Spunti applicativi: liturgia, collegialità, laicità - 8. Spunti prospettivi: la riforma incompiuta.

Scarica il testo completo in PDF

Se Dio lo vuole. L’insospettabile modernità della guerra “religiosamente corretta” - di Nicola Fiorita

SOMMARIO: 1. Le religioni e l'uso della forza: un rapporto controverso ed instabile - 2. Il lungo cammino della Chiesa cattolica tra ricorrente tentazione della crociata e opzione pacifista - 3. Gli sviluppi più recenti: l'ingerenza umanitaria e la riemersione della guerra giusta - 4. L'Islam e la guerra tra contraddizioni secolari e nuove frammentazioni - 5. Le declinazioni della guerra nel tempo dello scontro di civiltà: guerra santa, guerra giusta, guerra globale.

Scarica il testo completo in PDF

Salus animarum e atti contra ius del sacerdote che impartisce un sacramento - di Paolo Pruneti

SOMMARIO: - 1. Premessa - 2. La salus animarum come fine della Chiesa e fondamento dell’ordinamento canonico: il munus sanctificandi, natura ed essenza dei sacramenti - 3. Rilevanza nell’ordinamento civile degli atti del ministro di culto cattolico in adempimento del dovere canonico di impartire i sacramenti - 4. Rilevanza delle scriminanti nella condotta del ministro di culto volta all’amministrazione del sacramento dell’unzione degli infermi: la sentenza n. 96/07 del giudice di pace di Foligno.

Scarica il testo completo in PDF

Ordinamento canonico - di Salvatore Berlingò

SOMMARIO: 1. La Chiesa e l’ordinamento - 2. La tipicità dell’ordinamento canonico – 3. La positività dinamica del diritto ecclesiale – 4. L’economia canonica - 5. Il modello «familiare» e l’ordinamento dei canoni - 6. I codici domestici e la «capitalità» pastorale - 7. L’ordinamento in quanto «deductibile in praxim» - 8. La tradizione latina le codificazioni - 9. Verso una nuova dinamica ordinamentale?

Scarica il testo completo in PDF

Teologia e diritto nel mistero della Chiesa: spunti di riflessione - di Stefano Violi

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. La precomprensione moderna del diritto e la sua conseguente inconciliabilità con la Chiesa - 3. Il rifiuto della Riforma e la risposta cattolica - 4. Impossibilità per la Chiesa di rinunciare al diritto - 5. Tentativi di un superamento della precomprensione moderna del fenomeno giuridico. Klaus Mörsdorf e la così detta “Scuola di Monaco” - 6. Il fondamento paolino del “canone” - 7. Un diritto restituito alla comunità, radicato nei suoi valori - 8. Un diritto restituito alla fede - 9. La lex come ordinatio e la visione ordinamentale del diritto - 10. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Vicende interconfessionali e laicità civile - di Piero Bellini

SOMMARIO: 1. Caratterizzazione dogmatica puntuale delle Religioni positive – 2. Compresenza nella comunità nazionale d’una pluralità di “militanze religiose”: crescente presenza islamica – 3. Tendenza alla “razionalizzazione del fatto religioso”: sua capacità di risolversi a detrimento d’uno stabilimento societario laico – 4. Improbabile ridimensionamento dogmatico delle Religioni positive: conseguente riduzione della “religio” a “ethica” – 5. L’esperienza del Cristianesimo veduto come “religio naturalis” – 6. Conseguente allentamento della “identità del Cristianesimo”: conseguente suo indebolimento nel confronto dialettico con l’Islam – 7. Più probabile arroccarsi della esperienza fideistiche dei Monoteismi concorrenti – 8. Conseguenti risultanze d’ordine politico.

Scarica il testo completo in PDF

Qualche considerazione metodologica in fatto di storiografia ecclesiastica - di Piero Bellini

SOMMARIO: 1. Considerazioni propedeutiche circa il dinamismo storico delle Religioni Positive – 2. Conseguenti condizionamenti del relativo approccio storiografico – 3. Concorso nel primo Cristianesimo di molteplici fattori mistici – 4. Conseguenti varietà espressive del primo Cristianesimo – 5. Concomitante complessa varietà di attestazioni scritturistiche – 6. Ricerche storiografiche di orientamento fideistico – 7. Tesi di riguardosa ortodossia – 8. Contrapporsi di tesi storiografiche di diverso orientamento fideistico – 9. Ricostruzioni storiografiche fondate sul primato del “movimento cristiano principale” o sul rapporto dialettico “ortodossia-eterodossia” – 10. Note caratterizzatrici d’un approccio storiografico di tipo “curialistico” – 11. Critica d’un tal approccio storiografico – 12. Approccio storiografico fondato sul “vissuto storico” – 13. Valore del Messaggio cristico siccome inteso dai suoi destinatari – 14. Vantaggi d’una tal impostazione storiografica.

Scarica il testo completo in PDF

MARE HIBERICUM. Considerazioni canonistiche sulla spartizione alessandrina dell’Oceano Atlantico - di Piero Bellini

SOMMARIO: Premessa - 1. Ratificazione pontificia della espansione atlantica dei Potentati iberici: la Bolla Inter caetera di Papa Alessandro VI - 2. Insufficienza, in fatto di vicende atlantiche, del potere eminente della Autorità cesarea - 3. Intervento suppletorio della Autorità ecclesiastica: «Imperium in tantum protenditur in quantum christianitas extenditur» - 4. Affinità e difformità fra «negotium crucis» e «negotium barbarorum» - 5. Intendimento rigoristico del teocratismo pontificio: il Papa «dominus et monarcha totius mundi»: conseguente delegittimazione dei «principatus infidelium» - 6. La investitura pontificia tratta a fondamento del «dominium Regum Hispaniae super indios» - 7. Contestazione, all’inizio della Età Moderna, del teocratismo pontificio - 8. Conseguente contestazione politica e giuridica del fondamento ierocratico del dominato coloniale iberico - 9. Necessità di riportare, non più alla «auctoritas sacrata pontificum», ma a una ragione di «ius humanum», il titolo fondante del dominato coloniale iberico: il contributo determinante di Francisco de Vitoria - 10. Consolidato encomio dell’opera del «sapientisimo Vitoria» - 11. Adesione del Vitoria alla tesi aristotelico-tomistica della «naturalità» del fenomeno sociale: «infidelitas non impedit quominus aliquis sit verus dominus» - 12. Incerta applicazione del principio agli autoctoni di America in quanto giudicati inetti «ad constituendam vel administrandam legitimam rempublicam»: resta comunque negata la rappresentabilità delle loro terre come «res nullius», appropriabili «per inventionem» o «per ocupationem» - 13. Ricorso del Vitoria a una ragione acquisitiva fondata sul «ius bellicum»: conseguente rappresentazione degli indios come «bellatores iniusti» - 14. Riferimento al «titulus naturalis societatis et communicationis»: sua trasgressione per opera degli indios - 15. Riferimento al «titulus religionis christianae propagandae» - 16. Colpevolizzazione degli indigeni per il loro «impedire hispanos quominus libere annuntient evangelium» - 17. Opposizione del «titulus religionis christianae propagandae» agli altri Principi cristiani - 18. Mandato missionario conferito in via esclusiva ai Principi di Spagna: sua giustificazione in chiave di «convenientia ad finem spiritualem» - 19. Riferimento alla «ratio pacis» ad evitare intralci alla «conversio barbarorum» - 20. Contestazione della «divisio oceani» e della conseguente «divisio mundi - Conclusione.

Scarica il testo completo in PDF

Il ministero pastorale di governo: titolari e contenuto - di Salvatore Berlingò

1 - Per quanto paradossale possa sembrare, scelgo di non essere “prudente” proprio nell’accostarmi al tema dell’incontro che connette il momento prudenziale con l’atto amministrativo singolare del diritto canonico, in una prospettiva di equilibrio fra esigenze pastorali e dovere di governo. Per definizione, chi non è prudente si espone a rischi; e il rischio che ritengo di dover correre in questo caso consiste nel privilegiare, accingendomi alla ricerca dell’equilibrio suddetto, il paradigma della diligentia diligentis o boni patris familiae. (continua)

Alle radici della laicità civile e della libertà confessionale - di Sara Domianello Alessandro Morelli

Il libro di Luciano Zannotti affronta tematiche fra le più dibattute, non da oggi e meno che mai dai soli studi del diritto canonico o del diritto ecclesiastico civile, accettando il rischio di proporre ai lettori un’analisi inevitabilmente quanto forse intenzionalmente predestinata essa stessa a quella imperfezione ed incompiutezza di cui l’A. mira senza infingimenti a tessere l’elogio, persuaso com’è del valore positivo da attribuire al fatto che tali caratteristiche consentono ad ogni discorso di restare perennemente aperto ed imprimono un moto di perpetua tensione ad ogni sforzo ordinatore volto a ridurre ad unità globale le infinite possibilità e l’inesauribile varietà di sfumature dell’esperienza umana.  L’operazione azzardata dall’A. è quella di applicare al campo della politipìa dei sistemi normativi l’idea del musiliano anello di Clarisse, ossia di una ricerca continua svolta sull’orlo della bocca di un vulcano, stimolata dalla consapevolezza, acquisita con l’esperienza, che lo scarto di un intero “mondo delle possibilità” operato dall’agire necessitato dell’uomo non può avanzare alcuna realistica pretesa di rendere “quel” mondo eternamente impossibile, potendo vantare al più la forza di relegarlo provvisoriamente al di là dell’orizzonte visibile di “questo” mondo ... (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Dell’impossibile incontro tra fede e ragione. Anatomia del discorso di Ratisbona. - di Nicola Fasciano

SOMMARIO: 1. Ragione – 2. Numerologia – 3. Teodicea – 4. Politica – 5. Fede.

Scarica il testo completo in PDF

Chiesa cattolica, libertà di religione e pace nel mondo - di Raffaele Coppola

SOMMARIO: 1. Premessa, Chiesa cattolica e libertà di religione – 2. Ruolo della suggestione di Assisi e degli altri incontri mondiali per la pace – 3. La libertà religiosa come strumento al servizio della pace ed il principio di non ingerenza. La pace nella visione dell’ONU e della Chiesa cattolica (brevi cenni) – 4. Lo status della Terra Santa e l’incerto processo di pace fra israeliani e palestinesi - 5. Bilancio dell’attività della Conférence permanente des Villes historiques de la Méditerranée nell’area israelo-palestinese con particolare riferimento alla città di Betlemme.

Scarica il testo completo in PDF