Online journal (www.statoechiese.it)
Online from january 2007
Menu

Gli “effetti secondari” (ma non troppo) della pandemia sul diritto ecclesiastico italiano e le sue fonti - ​ Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. Un contrasto “accademico” - 2. Sulla possibilità di porre restrizioni all’effettivo esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione: condizioni e limiti - 3. La necessità del ricorso al principio e al test di proporzionalità - 4. L’occasione mancata di un proficuo confronto - 5. Gli effetti secondari (ma non troppo) della pandemia: “fratture” e “passaggi” - 6. Alla declinante bilateralità in senso stretto si affianca la concertazione in ascesa: prospettive e vuoti – 7. I rischi della bilateralità “diffusa” – 8. Un cenno finale.

The "secondary” (yet not unimportant) effects of the pandemic on the Italian law and religion and its sources.

The author explains the reasons why the limitations of freedom of worship have been an issue of secondary interest to him during the pandemic. He stresses how the topic should be examined indipendently, as the limitations have affected all the democratic freedoms. The pandemic has made it clear that religious freedom cannot be considered as a “special right”. As other foundamental rights, this should also be subject to reasonable accommodation. The pandemic has also allowed the scholars to consider using new types of administrative arrangements to replace the “classic” agreements between the State and the religious organisations (“concordati” and “intese”).

Download in PDF format

Identità religiosa e diritto alla salute. Interazioni classiche ed emergenti - ​ Gaetano Marcaccio

Sommario: PARTE I: LE INTERAZIONI CLASSICHE - 1. Salute e religione, un tema tradizionale in evoluzione - 2. La “religione” come cura. Santoni e guaritori - 3. Libertà religiosa versus tutela della salute. Le pratiche di mutilazione genitale femminile - 4. (segue) La circoncisione maschile - PARTE II: LE INTERAZIONI EMERGENTI - 5. Il dissenso religioso al trattamento sanitario. Il caso dei testimoni di Geova, e non solo - 6. Le nuove frontiere di tutela della salute nella legge n. 219 del 2017. Gli effetti sull’identità religiosa del paziente-fedele - 7. (segue) Gli spazi di obiezione di coscienza del personale medico sanitario.

Religious identity and right to health. Classic and emerging interactions

ABSTRACT: The relationship existing between health and religion is innate. Legal systems started dealing with it since the first formulations about freedom of religion and right to health, in order to take care of the individual and collective needs. Taking this premise into account, the first part of the essay analyzes the classic interactions between health and religion, in which the latter replaces official medicine or prescribes harmful conduct. Consequently, legal systems have developed resolutive dialectics which can be applied to new specific cases brought by multiculturalism, like infibulation. In the second part, the essay examines the emerging interactions caused by a third party - the medical health personnel - owner of the duty of care and freedom of conscience, recreating the solutions offered by doctrine and law. Lastly, it focuses on the objections which can be moved by the medical health personnel, which are connected to early end-of-life dispositions (law n. 219/2017), proposing solutions to the lack of regulation left by the law.

Download in PDF format

On the legal, bioethical, and moral assessment of commercial “surrogacy” - ​ Igor V. Ponkin, Alexandra A. Ponkina

SUMMARY: 1. Problem description - 2. Business based on commercial “surrogacy” is immoral and inhuman in nature, can be defined as the organisation and implementation of hidden child trafficking and mediation in such trade - 3. Illegal presumption and positioning of a child (whose birth “surrogacy” is aimed at) as an object of a commercial transaction, which is endowed with the characteristics of a product and consumer commodity properties, in “surrogacy” transactions - 4. Ideologically motivated, manipulative substitution of the concepts of the mother of the child and a woman-donor of an ovum, claiming to have a child born as a result of the “surrogacy” technologies use - 5. The practice of “surrogacy” is a gross violation of the child's rights, first of all, the child's right to his/her natural mother - 6. Legal and actual inconsistency and defectiveness of classifying commercially motivated “surrogacy” as an assisted reproductive technology and a form of high-tech or other medical care - 7. Reduction of the value and role of a woman as the mother to the value and role of a paid, commercially exploited living “human incubator”, a means of production by technology and the industry of “surrogacy” - 8. Risks of using children “obtained” as a result of “surrogacy” for criminal purposes - 9. Conclusions.

ABSTRACT: This article presents a critical legal and bioethical analysis of the legal framework and practice of using the technology of commercial surrogacy («surrogate motherhood») - as a paid service provided in the interests of a third party (customers, third parties) with the subsequent transfer ("alienation") of this child to the customer of such a service. In conclusion a moral assessment of such actions is given.

Download in PDF format

Da homo erectus a homo Deus. Breve riflessione sulle nuove religioni scientifico-tecnologiche: il Transumanesimo - ​ Maria Elena Ruggiano

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Definizione di Transumanesimo e i suoi principi – 3. Criticità e limiti del Transumanesimo - 4. Considerazioni conclusive.

From homo erectus to homo Deus. Brief reflection on the new scientific-technological religions: Transhumanism

ABSTRACT: The contribution aims to be a brief reflection on a new way of conceiving man and the future of humanity, no longer linked to physical-psychological decay but capable of becoming immortal. The Transhumanists, so called those who share this new ideology, are convinced that, thanks to technological development, by 2030 it will be possible to achieve objectives that today may seem surreal but which will give us, instead of man made of flesh, bones and passions, a cyborg able to think and live like a man but with much more developed and lasting potential.

Download in PDF format

Dialogo interculturale e minoranze religiose in Europa al tempo del Covid-19. L’apporto degli ecclesiasticisti - ​ Salvatore Berlingò

SOMMARIO: 1. Il cambio di paradigma indotto dalla pandemia - 2. Complessità sociali e complessità giuridiche: le loro scansioni temporali - 3. L’obiettivo di “vivere insieme in una società democratica” - 4. L’esemplare negativo della pronunzia S.A.S. c. Francia - 5. La critica alla “cecità interculturale” del secolarismo - 6. La “laicità all’europea” e il principio del “dualismo giurisdizionale” - 7. L’apporto degli ecclesiasticisti: il contributo dell’ ‘accademia’ a una politica del diritto più inclusiva - 8. Il ritorno in auge dei paradigmi euro-mediterranei e gli sviluppi delle democrazie pluraliste.

Cross-cultural Dialogue and Religious Minority in Europe at the COVID-19's time. The Contribution of the Ecclesiasticists.

ABSTRACT: The spread of the pandemic COVID-19, together with the measures of social distance and lockdown, paradoxically have contributed to making the need to recognize what is in common between the most diverse realities increasingly felt. Europe has greater legal resources than other regions of the world to ensure genuine cross-cultural and pluralistic development of the democratic systems.

Download in PDF format

Il fondamento etico del diritto - ​ Carlo Cardia

SOMMARIO: 1. Premessa. I confini del diritto - 2. La dimensione etica, prima base dell’Ordinamento - 3. Il rapporto pubblico-privato, la stagione delle Riforme. Le nuove relazioni ecclesiastiche - 4. La laicità, fonte delle leggi, coerente con la dignità della persona.

Download in PDF format

Le Sezioni unite e l’‘indifferenza’ del giudizio sull’assegno divorzile al riconoscimento delle nullità canoniche: la tutela del “coniuge debole” nell’ordine matrimoniale dello Stato - ​ Jlia Pasquali Cerioli

1 - E' indiscutibile il ruolo crescente del diritto di matrice giurisprudenziale nel difficile percorso di armonizzazione dell'ordinamento ai principi di vertice della nostra democrazia, laica e pluralista. Tra le giurisdizioni superiori, la Corte di Cassazione ha raggiunto uno standing centrale, dimostrandosi interlocutore sensibile e attento nel 'dialogo silenzioso' con la dottrina. Gli ultimi anni contano numerosi provvedimenti che hanno segnato le tappe di un cammino di transizione verso traguardi di maturità sistematica, e coerenza assiologica, dell'ordine giuridico della Repubblica. Mi riferisco, per limitarmi ai casi più dibattuti, alle Sezioni unite civili del 2013 sull'obbligo (poi negato dal giudice delle leggi nella controversa sentenza n. 52 del 2016) di apertura per il Governo delle trattative con le confessioni religiose richiedenti; del 2014 sul carattere ostativo della convivenza ultratriennale al riconoscimento civile delle pronunce ecclesiastiche di nullità matrimoniale; del 2017 in materia di interpretazione rispettosa dell'art. 7, primo comma, Cost. del divieto di "ogni ingerenza" statale sugli enti centrali della Chiesa cattolica. Ancora, più recenti, spiccano l'ordinanza della prima sezione civile su diritto alla propaganda ateistica e divieto di discriminazioni e, a fine 2020, la sentenza della terza sezione civile su diritto all'autodeterminazione in materia di (rifiuto del testimone di Geova al) trattamento sanitario e libertà di professione della fede. (segue)

Download in PDF format

Anamnesi del mito primordiale e sua mimesi nel ‘teatro’ del sacro. Tradizione e invenzione nel protagonismo del culto: nuovi dubbi sulla ‘legge’ del celibato (e sulla disciplina del matrimonio) - ​ Francesco Zanchini

SOMMARIO: Avvertenza - 1. Preambolo - 2. Materiali per una ricerca antropologica sulla genesi dell’obbligo del celibato - 3 (segue) Perplessità su un simbolismo che incorpori dati costrittivi evidenti.

Download in PDF format

Il crocifisso e i diritti del lavoratore nell’ambiente scolastico (aspettando le Sezioni Unite della Cassazione) - ​ Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. Un nuovo tipo di approccio alla vexata quaestio della legittimità dell’esposizione del crocifisso nelle aule scolastiche italiane - 2. L’ordinanza della Cassazione 18 settembre 2020, n. 19618: i fatti di causa e lo svolgimento del giudizio di merito - 3. I diritti nell’ambiente scolastico rivendicati dal ricorrente e l’inquadramento della vicenda operato dalla Cassazione - 4. L’(ingiustificata) esclusione dalla sfera applicativa del regio decreto n. 965 del 1924 delle scuole secondarie superiori - 5. I presupposti per far valere una discriminazione indiretta ai danni del lavoratore - 6. L’incongruenza della tesi che desume l’esistenza di una “finalità legittima” del trattamento differenziato dall’esigenza del rispetto della “coscienza morale e civile degli alunni” come declinata dalla “volontà della maggioranza” dei medesimi - 7. La diversa ipotesi della “finalità legittima” del trattamento differenziato dipendente da una decisione rientrante nelle competenze degli organi di autogoverno della scuola - 8. Gli scenari futuribili.

Crucifix and workers’ rights in the school environment (waiting for the United Sections of the Court of Cassation)

ABSTRACT: This paper examines the question of whether the display of crucifixes in public school classrooms is compatible with workers’ rights, in particular the right of teachers not to be discriminated against. To do so, it takes as its starting point a recent ruling by the Court of Cassation, which referred the matter to the United Sections of the same Court for a decision.

Download in PDF format

A come aborto: la “lettera scarlatta” del XXI secolo nel Giardino degli angeli - ​ Silvia Baldassarre

SOMMARIO: 1. Il caso - 2. La normativa di riferimento - 3. Interruzione di gravidanza e diritto alla privacy - 4. Nel nome della madre e del figlio mai nato - 5. I cimiteri dei feti - 6. Osservazioni conclusive.

A for abortion: The Scarlet Letter in XXI century in the “Garden of angels”.

ABSTRACT: The work analyzes in a juridical key the story of the burial of an abortive product, in the "garden of the angels" (Flaminio cemetery in Rome). The burial, which took place without the mother's consent, is marked by a cross with the woman's personal data. This circumstance raises several critical profiles, examined in the article, regarding the right to privacy, the right to self-determination and freedom of conscience.

Download in PDF format