"A CHIARE LETTERE” - TRANSIZIONI" • La fine della sublimazione del lucro (scuole paritarie ed enti ecclesiastici), di Nicola Colaianni
La giustizia amministrativa in materia scolastica ha una storia ultradecennale d'interpretazioni, talvolta anche acrobatiche, pro domo ecclesiae: dalle sentenze di fine anni ottanta – per cassare le quali bisognò scomodare la Corte Costituzionale – sulla trasformazione del diritto degli studenti di non avvalersi dell’insegnamento di religione cattolica in obbligo di svolgimento di un’attività alternativa a quelle più recenti sull’ammissibilità di un credito scolastico riservato ai soli avvalentisi e sul carattere culturale delle visite pastorali dei vescovi alle scuole. In questi, e in altri, casi il senso “fatto palese dal significato proprio delle parole secondo la connessione di esse” (diritto non può essere un obbligo, la scelta di non avvalersi non può avere effetti discriminanti, pastorale è la cura dei fedeli e quindi attiene alla religione e al culto non alla cultura) non ha orientato l’interpretazione della legge nuova. A orientarla è stato il, sempre più mitico a uno sguardo spassionato della più recente legislazione, criterio di specialità, ...

pdf pdf Scarica il testo completo dell'articolo

 
Ultimi contributi pubblicati
Ferrari Alessandro Cibo, diritto, religione. Problemi di libertà religiosa in una società plurale
Cimbalo Giovanni Il ritorno del waqf
Tina Andrea Brief reflections on Burwell v. Hobby Lobby, inc. (Supreme Court of the United States, June 30, 2014) from an Italian Corporate Law Scholar’s perspective
Arnaboldi Francesca Rossignoli Bruno The Institute for Religious Works: key features of financial intermediation
Zannotti Luciano L’insegnamento, l’insegnamento del diritto, l’insegnamento del diritto ecclesiastico. La lezione del Maestro e altre lezioni
Ganarin Manuel I tribunali interdiocesani secondo il m.p. Mitis Iudex Dominus Iesus. Riflessioni circa la "sorte" del m.p. Qua cura di Papa Pio XI
Contributi 1 - 6 di 755  -  Tutti i contributi