Je suis Charlie, mais il faut réfléchir

"A CHIARE LETTERE" - CONFRONTI

Salvatore Prisco
(ordinario di Istituzioni di Diritto pubblico nell'Università di Napoli
“Federico II”, Facoltà di Giurisprudenza)

Je suis Charlie, mais il faut réfléchir

Nei giorni scorsi ho firmato un appello di questa Rivista dopo i fatti di Parigi (non fra i primi, anzi il mio nome chiude l’elenco degli aderenti, venendo dopo quello di tanti autorevoli colleghi e colleghe, ma unicamente perché ne ho letto il testo e ho quindi inviato la mia adesione solo quando esso recava già molte firme in calce a suo corredo).
Spero che la benevolenza del Direttore - tante volte dimostratami in passato, al di là dei miei reali meriti - mi consenta una breve postilla personale, non già perché debba pentirmi di quanto ho fatto (e di cui resto convinto), ma unicamente per circostanziare il senso di una sottoscrizione, che da sola non può riassumere un giudizio articolato; né chiederei un piccolo spazio ulteriore di attenzione, se non fossi convinto che il tema che sollevo merita un più ampio dibattito.
Per quanto mi riguarda, devo in primo luogo e soltanto confessare che ho contravvenuto nell’occasione a un impegno che avevo preso da tempo con me stesso e manifestato ai colleghi e collaboratori che mi sono più vicini.

pdf pdf Scarica il testo completo dell'articolo

 

 
Ultimi contributi pubblicati
Lariccia Sergio Costituzione e fenomeno religioso
Parlato Vittorio Il dialogo con l’Ortodossia e la comune presa di posizione sui conflitti odierni (nota alla Dichiarazione comune di Francesco e Bartolomeo I del 30 novembre 2014, al Fanar)
Vitali Enrico L’eredità della scienza ecclesiasticistica
Bellini Piero Tre scritti su laicità, pluralismo, sentimento religioso
Decimo Ludovica La partecipazione degli enti ecclesiastici cattolici alle società di capitali
Codevilla Giovanni Dallo scontro all’incontro. 1917-1997: ottanta anni di politica ecclesiastica russa
Contributi 1 - 6 di 676  -  Tutti i contributi