"A CHIARE LETTERE - CONFRONTI" • I CARE: anche gli ecclesiasticisti nel loro piccolo s’oppongano (di Nicola Colaianni)
 
 
 Per la terza volta in questi primi tre lustri del nuovo secolo saremo chiamati a pronunciarci sull’ennesima riforma costituzionale omnibus: 40 articoli su 85 della seconda parte della Costituzione. Il carattere puntuale delle revisioni è ormai una pagina sbiadita dei manuali universitari: infatti, nel linguaggio corrente si parla senz’altro di riforma, non di revisione, della Costituzione. E quello sul referendum oppositivo, il 138, è un altro articolo vintage, dal momento che a chiedere il referendum sono anche gli stessi parlamentari che hanno approvato la “riforma”: per ottenerne una conferma dal corpo elettorale, formalmente non necessaria (dato che se chi si oppone alla revisione non chiede il referendum quella s’intende tacitamente approvata dal corpo elettorale) ma politicamente utile a dimostrare che il popolo è con il governo.

 

pdf  pdf Scarica il testo completo dell'articolo

 
Ultimi contributi pubblicati
Tigano Marta Brevi riflessioni sul principio di legalità in un ordinamento “a misura d’uomo”
Capasso Sara Igina La tutela della libertà religiosa nelle carceri
Bellini Piero Le radici culturali e religiose della identità europea
Fuccillo Antonio Diritto e religioni nelle scelte alimentari
Attollino Simona Nuovi modelli familiari. Considerazioni in ordine a Consiglio di Stato n. 4899 del 2015 sulla trascrivibilità del matrimonio omosessuale
Blasigh Fabio Il Sacro Collegio cardinalizio vigente il Codex Iuris Canonici del 1917
Contributi 1 - 6 di 762  -  Tutti i contributi