Je suis Charlie, mais il faut réfléchir

"A CHIARE LETTERE" - CONFRONTI

Salvatore Prisco
(ordinario di Istituzioni di Diritto pubblico nell'Università di Napoli
“Federico II”, Facoltà di Giurisprudenza)

Je suis Charlie, mais il faut réfléchir

Nei giorni scorsi ho firmato un appello di questa Rivista dopo i fatti di Parigi (non fra i primi, anzi il mio nome chiude l’elenco degli aderenti, venendo dopo quello di tanti autorevoli colleghi e colleghe, ma unicamente perché ne ho letto il testo e ho quindi inviato la mia adesione solo quando esso recava già molte firme in calce a suo corredo).
Spero che la benevolenza del Direttore - tante volte dimostratami in passato, al di là dei miei reali meriti - mi consenta una breve postilla personale, non già perché debba pentirmi di quanto ho fatto (e di cui resto convinto), ma unicamente per circostanziare il senso di una sottoscrizione, che da sola non può riassumere un giudizio articolato; né chiederei un piccolo spazio ulteriore di attenzione, se non fossi convinto che il tema che sollevo merita un più ampio dibattito.
Per quanto mi riguarda, devo in primo luogo e soltanto confessare che ho contravvenuto nell’occasione a un impegno che avevo preso da tempo con me stesso e manifestato ai colleghi e collaboratori che mi sono più vicini.

pdf pdf Scarica il testo completo dell'articolo

 

 
Ultimi contributi pubblicati
Balsamo Fabio Enti religiosi e tutela dell’ambiente
Belgiorno de Stefano Maria Gabriella Le comunità albanesi in Italia: libertà di lingua e di religione
Romeo Andrea Religion contributions nella sfera pubblica: uno sguardo critico alla lettura di Jeremy Waldron
Tira Alessandro Stefano Castagnola, giurista e politico dell’Italia liberale alla ricerca di un modello separatista di relazioni tra Stato e Chiesa
Ivaldi Maria Cristina Discriminazione e propaganda religiosa nel diritto calcistico
Leozappa Antonio Maria Enti ecclesiastici e procedure concorsuali
Contributi 1 - 6 di 682  -  Tutti i contributi