Rivista telematica (www.statoechiese.it)
Online dal gennaio 2007
Menu

Articoli in

Tradizione, identità nazionale, etnosimbolismo e discriminazione in Ungheria: sfidare i diritti fondamentali con le loro stesse “armi” - di Lucia Bellucci

SOMMARIO. 1. Introduzione - 2. Sfera privata, narrative politiche e diritto: famiglia e nazione nel Programma di cooperazione nazionale e nella nuova Costituzione ungherese - 3. La discriminazione delle minoranze: il divieto di registrazione del cambiamento di genere adottato durante la pandemia da COVID-19 - 4. Spazio pubblico, tradizione, identità nazionale e radici cristiane - 5. Etnosimbolismo e malessere sociale tra rifiuto del linguaggio politico centrato sui diritti fondamentali e sfruttamento delle aspettative che questi ingenerano - 6. Conclusioni.

Tradition, National Identity, Ethnosymbolism and Discrimination in Hungary: Challenging Fundamental Rights with their Own Weapons

Abstract: The ruling coalition in Hungary values tradition, retrieving it in areas that affect both the private sphere of citizens and the public sphere of institutions through political narratives that are implemented by law. Although the "recovered" and interpreted tradition shapes a collective imagination and a normative framework that, according to current language, could be described as extremely conservative, political narratives and normative interventions contribute to social change in an illiberal sense. They intercept widespread malaise and increase discrimination against minorities already at risk. Moving from a unique model of social regulation based on the family, the ruling coalition establishes a link between the latter and the nation, introduces bans on the registration of gender change and the promotion of LGBT contents. Within migration policy, it also constructs the target of migrants and uses Christianity as an ethno-identity component, meanwhile adopting measures that prevent the implementation of Christian values. Moreover, Hungarian narratives, while rejecting the fundamental rights-centered narrative of the liberal tradition, are able to politically "exploit" the expectations it creates among citizens. Following a populist logic, the ruling coalition openly rejects the liberal fundamental rights narrative, but at the same time fully utilizes it.

Scarica il testo completo in PDF

Identity, Technology, and Religion: Sources of a legal culture for the global age - di Joseph P. Garske

SUMMARY: 1. The Medieval Age - 2. Becoming Modern - 3. Anglophone and Civilian - 4. Empire and Nation - 5. Global and Postmodern.

ABSTRACT: There are many ways to understand the project of globalization as it unfolds in the twenty-first century. It is often viewed in terms of technological advance, finance and trade, or travel and communication. Each of these describe aspects of the project, yet none of its parts is more important than the legal basis upon which a regimen of global governance is being constructed. It is a legal regime of two parts, the coercive, or adjudicative and the persuasive, or educative. It involves the ordering of persons and things on a global scale as well as shaping the mind and thought of a global public. But the sources of this expansive framework of authority are neither recent nor modern. Instead, they are derived from two historic legal traditions, Anglophone and Civilian, as those traditions carry forward many accoutrements of the legal past. Among these are techniques and instruments for shaping human identity and human understanding in ways that fulfill the requirements of legal rule. In fact, the global project follows on a long tradition of employing religion as the educative instrument of governance. However, the new project of global rule is unprecedented in that it is intended to include all peoples in all regions of the earth. The project is also taking on a unique character, becoming Anglicized as the adaptability of Anglophone law subsumes many features of Civilian practice. But the great challenge is not only to impose judicial authority, it is also to instill attitudes of acceptance and habits of compliance among a global public. The purpose of what follows is to provide perspective on the project of globalization in both its adjudicative and educative aspects, with a special emphasis both on the use of technology to shape human understanding, and the use of religion as an instrument of legal rule. To do so this paper will focus on a broad historical context and on continuing historical themes in the development of a twenty-first century global law.

Scarica il testo completo in PDF

Alcune riflessioni sull’ordinamento vaticano. Ricordando il Maestro - di Pasquale Lillo

SOMMARIO: 1. Momenti di destino - 2. Lezioni sul diritto vaticano - 3. Stato pontificio e Stato della Città del Vaticano - 4. Diritto canonico e ordinamento vaticano - 5. Riflessioni conclusive.

Some reflections on the Vatican system. Remembering the Master.

ABSTRACT: In recalling the life and work of prof. Giuseppe Dalla Torre, the author highlights some key areas in which the interests and personal commitment of the late Maestro are most focused. The essay intends to highlight that prof. Dalla Torre, also on the basis of his immense scientific production, was not only a brilliant and highly original scholar of canon law and ecclesiastical law, but he was also a refined constitutionalist, a careful scholar of public law and constitutional law. in relation to the various state systems, as well as in relation to the very unique system of the Vatican City State. The paper makes a specific reflection on some aspects of the current Vatican legal system, to which Dalla Torre has dedicated significant personal energies, especially in recent years. The essay indicates that the Vatican system was not only an important object of study and legal interest on the part of Giuseppe Dalla Torre. But it also represented an important field of action in which he sowed with copious abundance: both as a consultant for various departments of the Apostolic See; both from a jurisprudential point of view, in the years in which he held prestigious positions as a Vatican magistrate and, most recently, as President of the same Court of the Vatican City State; and, again, from the point of view of the care of new generation of jurists - trained through a prestigious School led by himself - with the relevant purpose of providing them with the tools suitable to operate, even at a professional level, within the "walls" Vatican system. It follows that Giuseppe Dalla Torre not only represents an illustrious ecclesiastic and canonist of our times, but also an esteemed legal practitioner, as well as an appreciated "Vatican jurist".

Scarica il testo completo in PDF

David Lazzaretti: heretic, rebel, or mentally insane? A cold case in Post-Unification Italy - di Emilia Musumeci

TABLE OF CONTENTS: 1. Introduction - 2. The life and works of David Lazzaretti, the “Second Christ” from Arcidosso - 3. The ‘Prophet’ on the stand: the criminal trials in the State Courts - 4. Lazzaretti before the Tribunal of the Roman Holy Office - 5. Life after Death: Different interpretations of the Lazzaretti case - 6. The Prophet and the Alienists - 7. Conclusion: a prismatic figure.

ABSTRACT: The aim of this paper is to retrace a peculiar case occurred in the complex context of the decades after Italian Risorgimento and the Italian unification (1861). In particular, it will be analysed the case of David Lazzaretti a poor carter from Tuscany, self-proclaimed “Christ, Duce, Judge” and “the Second Son of God come to earth”, considered a heretic and excommunicated from the Catholic Church due his blasphemous writing. He founded the “Giurisdavidic Church” based on a sort of mystical and utopian socialism (his motto was: “The Republic is the kingdom of God”). His figure has given rise to lively controversy between those who considered him a martyr and who reputed him a mad visionary or a charlatan. In any case, Lazzaretti’s movements are emphasized above all for his tragic end: on the morning of August 18, 1878, while he was driving a peaceful procession from Monte Labbro to Arcidosso, a little town in Tuscany, he was killed by Italian carabinieri during a religious ceremony. After his death, medical science and in particular positivist psychiatry, also called “alienists”, described Lazzaretti not as a sacrilegious impostor but as a mentally ill person, who would have benefitted more from treatment than prosecution.

Scarica il testo completo in PDF

Giustizia e riparazione per le vittime delle contemporanee forme di schiavitù. Una valuzione alla luce del diritto internazionale consuetudinario, del diritto internazionale privato europeo e dell’agenda delle Nazioni Unite 2030 (parte seconda) - di Nerina Boschiero

SOMMARIO: parte prima. Introduzione - 1. Dalle più antiche forme di schiavitù a quelle contemporanee: definizioni - 1.1. L’impostazione tradizionale e il suo progressivo superamento: dal concetto di “proprietà” alle diverse forme di “controllo” - 1.2. Le definizioni convenzionali delle diverse e moderne “istituzioni e pratiche” schiaviste - 2. I numeri e le cause della schiavitù, nelle sue forme contemporanee - 2.1. I numeri - 2.2. I fattori di rischio - 3. Jus cogens e obblighi erga omnes. Lo status del divieto di schiavitù - 3.1. La classificazione dei diritti umani “fondamentali”. La nozione di jus cogens - 3.2. La nozione di obblighi erga omnes e l’emersione di valori collettivi della comunità internazionale. La responsabilità (aggravata) degli Stati per violazione di questi obblighi - 3.3. Il ruolo delle sanzioni/contromisure (specifiche o globali) come efficace deterrente rispetto a gravi violazioni e abusi dei diritti umani - 3.4. Dal Rwanda al Myanmar e oltre: recenti e incoraggianti dati della prassi relativi alla repressione giudiziale dei crimini internazionali nelle controversie tra Stati - 4. Il diritto delle vittime all’accesso alla giustizia e a rimedi effettivi - 4.1. Due diritti distinti o due facce della stessa medaglia? La loro evoluzione - 4.2. Riparazione individuale v. riparazione collettiva - 4.3. Il diritto a “effective remedies” negli strumenti di soft law da far valere nei confronti di attori non-statali - 5. La più recente prassi giudiziale internazionale in materia di accesso alla giustizia riguardo al crimine di schiavitù - 5.1. La giurisprudenza della Corte Edu - 5.2. La giurisprudenza di altre Corti e Istituzioni internazionali in materia di schiavitù e pratiche contemporanee assimilabili: il sistema interamericano - 5.3. Il sistema africano - 5.4 Le decisioni rese dai Tribunali penali internazionali - parte seconda. 6. I limiti alla protezione giudiziaria delle vittime di crimini: il problema della competenza universale (penale e civile) nella prassi giudiziale internazionale e interna, in particolare a fronte dell’immunità garantita dal diritto internazionale generale - 6.1. Competenza universale (civile e penale) e crimini: una sintetica valutazione della giurisprudenza della Corte internazionale di giustizia e della Corte europea dei diritti dell’uomo - 6.2. Una possibile evoluzione della prassi in materia di competenza civile universale per crimini? - 6.3. La giurisprudenza americana in materia di competenza civile universale basata sull’Alien Tort Act e la sua recente evoluzione - 6.4. Da Kiobel a Nevsun: un nuovo ATS? - 6.5. Un “effetto orizzontale” dei diritti umani nella sfera delle relazioni tra “privati”? - 6.6. Qualche breve considerazione di carattere metodologico - 6.7 Il ruolo propulsivo delle legislazioni nazionali in tema di responsabilità d’impresa - 7. Un possibile, rinnovato ruolo per il diritto internazionale privato europeo in materia di accesso alla giustizia - 7.1. La posizione della Commissione europea rispetto all’applicazione extraterritoriale dell’Alien Tort Act statunitense alle multinazionali straniere ai tempi della sentenza Kiobel - 7.2. Il nuovo quadro normativo europeo sulla responsabilità d’impresa e l’obbligo di diligenza presentato dalla Commissione Europea nel 2020 - 7.3. La proposta di una nuova direttiva europea in materia di due diligence d’impresa. Una prima valutazione - 7.4. L’auspicabile revisione internazionalprivatistica del regolamento Bruxelles I bis: il criterio del forum necessitatis e la sua distinzione rispetto alla competenza civile universale e al forum non conveniens - 7.5. (segue) La riforma del regolamento Roma II: la legge applicabile “astrattamente” più adatta a garantire rimedi effettivi nei procedimenti relativi al risarcimento dei danni derivanti dal crimine di schiavitù - 8. Il target 8.7 dei sustainable development goal dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite - 8.1. I persistenti trend socio-economici alla base delle persistenti forme delle moderne schiavitù - 8.2. Le difficoltà relative all’attuazione del Target 8.7 dell’Agenda 2030 - 9. Considerazioni conclusive. Le azioni della comunità internazionale necessarie nell’immediato futuro per assicurare giustizia e riparazione alle vittime delle moderne forme di schiavitù - 9.1. Le azioni necessarie: aggiornare le vecchie convenzioni ONU del secolo scorso sulla schiavitù dotandole di strumenti che consentano alle vittime di usufruire di speciali “complaint procedures” - 9.2. (segue) Attuare le Risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite - 9.3. (segue) Adottare sanzioni unilaterali come contromisure “legittime” ai sensi del diritto internazionale contemporaneo nei confronti degli Stati che ancora praticano o tollerano forme di schiavitù - 9.4. (segue) Utilizzare al meglio tutti gli strumenti messi a disposizione del diritto internazionale privato e processuale. La necessità di una nuova convenzione sulla responsabilità internazionale d’impresa che consenta agli Stati di dotarsi di criteri di giurisdizione civile universale. In via sussidiaria, la necessità per gli Stati di dotarsi di un forum necessitatis e criteri di collegamento per la legge applicabile idonei a meglio soddisfare i diritti delle vittime - 9.5. (segue) Adottare una prospettiva realmente “victim-centred and human rights-based”.

Justice and Reparation for the Victims of Contemporary Forms of Slavery. An Evaluation in the Light of the Evolving Nature of Public and Private International Law, European Law and the United Nations’ Agenda 2030

ABSTRACT: The Article enlighten the emergence in the twentieth century, through a rigorous exam of the fundamental elements constituting international custom, of a new enlarged notion of slavery which, under the umbrella’s definition of contemporary forms of slaveries, brings together the most heinous forms of  this pervasive and everlasting crime against the humanity. All these new institutions and practices share the same peremptory status and erga omnes nature of the original prohibition, as well as all the (aggravated) consequences that the current apparatus of international law provides for the protection of fundamental interests of the international community as a whole. The Article also explores the way the major limitations to the fundamental right to access to justice and effective reparation for the victims (especially, immunity from foreign courts’ civil jurisdiction) have been recently implemented by national, international and supranational courts. It also prospects the  progressive rise of a human rights’ horizontal effect in the private sphere,  underlying the fundamental role that private international law might have in letting States to exercise extra-territorial jurisdiction in order to guarantee fundamental human rights obligations; thus, reflecting the growing recognition that a pure State-sovereignty-oriented approach has already been gradually supplanted by a human-being-oriented approach. Many concrete suggestions have been advanced in order to put an end in the near future to the crime of slavery, in whatever way declined.

Scarica il testo completo in PDF

Giustizia e riparazione per le vittime delle contemporanee forme di schiavitù. Una valutazione alla luce del diritto internazionale consuetudinario, del diritto internazionale privato europeo e dell’agenda delle Nazioni Unite 2030 (parte prima) - di Nerina Boschiero

SOMMARIO: PARTE PRIMA. Introduzione - 1. Dalle più antiche forme di schiavitù a quelle contemporanee: definizioni - 1.1. L’impostazione tradizionale e il suo progressivo superamento: dal concetto di “proprietà” alle diverse forme di “controllo” - 1.2. Le definizioni convenzionali delle diverse e moderne “istituzioni e pratiche” schiaviste - 2. I numeri e le cause della schiavitù, nelle sue forme contemporanee - 2.1. I numeri - 2.2. I fattori di rischio - 3. Jus cogens e obblighi erga omnes. Lo status del divieto di schiavitù - 3.1. La classificazione dei diritti umani “fondamentali”. La nozione di jus cogens - 3.2. La nozione di obblighi erga omnes e l’emersione di valori collettivi della comunità internazionale. La responsabilità (aggravata) degli Stati per violazione di questi obblighi - 3.3. Il ruolo delle sanzioni/contromisure (specifiche o globali) come efficace deterrente rispetto a gravi violazioni e abusi dei diritti umani - 3.4. Dal Rwanda al Myanmar e oltre: recenti e incoraggianti dati della prassi relativi alla repressione giudiziale dei crimini internazionali nelle controversie tra Stati - 4. Il diritto delle vittime all’accesso alla giustizia e a rimedi effettivi - 4.1. Due diritti distinti o due facce della stessa medaglia? La loro evoluzione - 4.2. Riparazione individuale v. riparazione collettiva - 4.3. Il diritto a “effective remedies” negli strumenti di soft law da far valere nei confronti di attori non-statali - 5. La più recente prassi giudiziale internazionale in materia di accesso alla giustizia riguardo al crimine di schiavitù - 5.1. La giurisprudenza della Corte Edu - 5.2. La giurisprudenza di altre Corti e Istituzioni internazionali in materia di schiavitù e pratiche contemporanee assimilabili: il sistema interamericano - 5.3. Il sistema africano - 5.4 Le decisioni rese dai Tribunali penali internazionali – PARTE SECONDA. 6. I limiti alla protezione giudiziaria delle vittime di crimini: il problema della competenza universale (penale e civile) nella prassi giudiziale internazionale e interna, in particolare a fronte dell’immunità garantita dal diritto internazionale generale - 6.1. Competenza universale (civile e penale) e crimini: una sintetica valutazione della giurisprudenza della Corte internazionale di giustizia e della Corte europea dei diritti dell’uomo - 6.2. Una possibile evoluzione della prassi in materia di competenza civile universale per crimini? - 6.3. (segue) L’effetto orizzontale dei diritti umani nella sfera delle relazioni tra privati - 6.4. La giurisprudenza americana in materia di competenza civile universale basata sull’Alien Tort Act e la sua recente evoluzione - 6.5 (segue) Da Kiobel a Nevsun: un nuovo ATS canadese? - 6.6. (segue) Qualche breve considerazione di carattere metodologico - 6.7 Il ruolo propulsivo delle legislazioni nazionali in tema di responsabilità d’impresa - 7. Un possibile, rinnovato, ruolo per il diritto internazionale privato europeo in materia di accesso alla giustizia - 7.1. La posizione della Commissione europea rispetto all’applicazione extraterritoriale dell’Alien Tort Act statunitense alle multinazionali straniere ai tempi della sentenza Kiobel - 7.2. Il nuovo quadro normativo europeo sulla responsabilità d’impresa e l’obbligo di diligenza presentato dalla Commissione Europea nel 2020 - 7.3. La proposta di una nuova direttiva europea in materia di due diligence d’impresa. Una prima valutazione - 7.4. L’auspicabile revisione internazionalprivatistica del regolamento Bruxelles I bis: il criterio del forum necessitatis e la sua distinzione rispetto alla competenza civile universale e al forum non conveniens - 7.5. (segue) La riforma del regolamento Roma II: la legge applicabile “astrattamente” più adatta a garantire rimedi effettivi nei procedimenti relativi al risarcimento dei danni derivanti dal crimine di schiavitù -  8. Il target 8.7 dei sustainable development goal dell’agenda 2030 delle Nazioni Unite - 8.1. I persistenti trend socio-economici alla base delle persistenti forme delle moderne schiavitù - 8.2. Le difficoltà relative all’attuazione del Target 8.7 dell’Agenda 2030 - 9. Considerazioni conclusive. Le azioni della comunità internazionale necessarie nell’immediato futuro per assicurare giustizia e riparazione alle vittime delle moderne forme di schiavitù - 9.1. Le azioni necessarie: aggiornare le vecchie convenzioni ONU del secolo scorso sulla schiavitù dotandole di strumenti che consentano alle vittime di usufruire di speciali “complaint procedures” - 9.2 Attuare le Risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite - 9.3 (segue) Adottare sanzioni unilaterali come contromisure “legittime” ai sensi del diritto internazionale contemporaneo nei confronti degli Stati che ancora praticano o tollerano forme di schiavitù - 9.4 Utilizzare al meglio tutti gli strumenti messi a disposizione del diritto internazionale privato e processuale. La necessità di una nuova convenzione sulla responsabilità internazionale d’impresa che consenta agli Stati di dotarsi di criteri di giurisdizione civile universale. In via sussidiaria, la necessità per gli Stati di dotarsi di un forum necessitatis e criteri di collegamento per la legge applicabile idonei a meglio soddisfare i diritti delle vittime - 9.5 Adottare una prospettiva realmente “victim-centred and human rights-based”.

Justice and Reparation for the Victims of Contemporary Forms of Slavery. An Evaluation in the Light of the Evolving Nature of Public and Private International Law, European Law and the United Nations’ Agenda 2030

ABSTRACT: The Article enlighten the emergence in the twentieth century, through a rigorous exam of the fundamental elements constituting international custom, of a new enlarged notion of slavery which, under the umbrella’s definition of contemporary forms of slaveries, brings together the most heinous forms of  this pervasive and everlasting crime against the humanity. All these new institutions and practices share the same peremptory status and erga omnes nature of the original prohibition, as well as all the (aggravated) consequences that the current apparatus of international law provides for the protection of fundamental interests of the international community as a whole. The Article also explores the way the major limitations to the fundamental right to access to justice and effective reparation for the victims (especially, immunity from foreign courts’ civil jurisdiction) have been recently implemented by national, international and supranational courts. It also prospects the  progressive rise of a human rights’ horizontal effect in the private sphere,  underlying the fundamental role that private international law might have in letting States to exercise extra-territorial jurisdiction in order to guarantee fundamental human rights obligations; thus, reflecting the growing recognition that a pure State-sovereignty-oriented approach has already been gradually supplanted by a human-being-oriented approach. Many concrete suggestions have been advanced in order to put an end in the near future to the crime of slavery, in whatever way declined.

Scarica il testo completo in PDF

Internet, culture e religioni. Spunti di riflessione per un web interculturale - di Raffaele Santoro Federico Gravino

SOMMARIO: 1. Sviluppo tecnologico, internet e dinamiche interculturali - 2. I nuovi mezzi di comunicazione sociale nel magistero della Chiesa cattolica - 3. Strategie confessionali e prospettive interculturali: il caso delle app religiose - 4. Il download di una app tra tutela della privacy e sicurezza sociale.

Internet, Cultures, Religions. Some insights for an intercultural web.

ABSTRACT: The article aims to investigate the relationship between the Internet and religions. Technological evolution has produced important consequences on society and relationships between people, also involving religious denominations. The latter have defined new ways of professing and excercizing their belief: creation of Christian communities on line, Internet as window of knowledge of monastic life or proselytizing tools, propaganda through religious videogames, app for smartphones and tablets. Such tools can contribute to the formation of an intercultural web. The use of the Internet and of modern technologies questions jurists about the protection of sensitive data of religious interest and of social security. Downloading an app on smatphones and tablets allows the provider to access even the user’s sensitive data, including their religious affiliation. This requires the intervention of Italian Data Protection Authority, whose task is to check whether the processing of sensitive data is carried out in compliance with the applicable regulations. The improper use of the Internet can also involve the protection of social security, through the denigration of a particularly weak social group and as a tool of spreading and inciting hatred (hate speech). The legislator is therefore called upon to define the sanctioning capacity of the existing legal systems.

Scarica il testo completo in PDF

Il fine non giustifica i mezzi. In tema di “violenza o discriminazione per motivi di orientamento sessuale o identità di genere” - di Filippo Vari

SOMMARIO: 1. L’estensione degli artt. 604-bis e 604-ter del codice penale - 2. La disciplina attualmente in vigore - 3. La mancanza di determinatezza di alcune fattispecie previste nel Testo unificato - 4. Il fine di sanzionare la violenza e altri fatti criminosi - 5. Il fine di prevenire la violenza, le manifestazioni di un pensiero discriminatorio e la discriminazione come tale - 6. Sull’equilibrio tra libertà ed eguaglianza.

The Ends Do Not Justify the Means. Considerations on The Bill on “Violence or Discrimination on Grounds of Gender or Sexual Orientation”

ABSTRACT: This article analyzes the legislative proposal on “violence or discrimination on grounds of gender or sexual orientation” currently under examination by the Italian Parliament. It exposes how, according to the bill, three types of behaviour would be punished under penal law: violent acts or incitements to violence, discriminatory acts, expression of discriminatory thoughts. The author shows why the new law would infringe the Italian Constitution in so far as it forbids the expression of ideas or punishes acts that have no link with violence. This would contrast with several fundamental freedoms such as the freedoms of expression, of assembly and of religion.

Scarica il testo completo in PDF

(Sor)ridere al tempo del COVID 19 - di Laura De Gregorio

SOMMARIO: 1. Ironia 2.0: la vignetta in tempo di pandemia - 2. Satira vs libertà religiosa? - 3. Gioia e umorismo virtù anche cristiane - 4. Nota conclusiva.

Smiling and laughing during pandemic time

ABSTRACT: Are smiling and laughing ethically acceptable in times of Covid-Crisis? The paper tries to suggest an answer by taking into account a selection of comic strips posted on the WEB during the pandemic. The issue is addressed through two major points of view: the balance between the freedom of religion and the freedom of expression and the (possible) expressions of humor in the religious - particularly in the Catholic - tradition.

Scarica il testo completo in PDF

La privacy della mente: alcune riflessioni sul rapporto tra protezione dei dati personali e libertà di pensiero - di Gianmarco Gometz

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Riservatezza psichica, profilazione e neurotecnologie - 3. Il valore della riservatezza psichica - 4. Privacy e libertà di pensiero.

Psychoprivacy: Some Remarks on the Relation between Protection of Personal Data and Freedom of Thought

ABSTRACT: This essay maintains that the same normative reasons that lead to ascribe to individuals a fundamental right to privacy imply a fortiori a certain degree of legal protection against the unwanted detection and disclosure of their ideas, beliefs, opinions, preferences, tastes, feelings, moods, dispositions, memories, aspirations, action plans and other conscious or unconscious products of their mind. This aspect of the right to privacy referred to the mental (cognitive, doxastic, intentional, mnemonic and emotional) dimension of individuals will be called psychoprivacy and examined in its relationship with freedom of thought. It will be concluded that the psychoprivacy of individuals conflicts with freedom of thought only if the latter is considered from the perspective of the speaking subject, that is, the one who claims the freedom to express their thoughts without any legal restrictions whatsoever. If, on the other hand, freedom of thought is centered on the thinking subject, and understood as the right to cultivate one's thoughts and purposes regardless of any expression or translation in practice, then there is no conflict with psychoprivacy, but rather harmony.

Scarica il testo completo in PDF

I lavori di codificazione del Titolo “De matrimonio” nel Codice di diritto canonico. Studio introduttivo - di Francesco Catozzella

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Valore interpretativo dei lavori di codificazione - 3. La costituzione del Coetus de matrimonio e la prima fase del lavoro - 4. Le diciassette sessioni del Coetus de matrimonio - 5. L’invio dello Schema de sacramentis agli organi di consultazione e l’esame delle osservazioni pervenute - 6. Le cinque sessioni del parvus Coetus de matrimonio - 7. Le modifiche apportate nella Relatio complectens synthesim animadversionum (1981) - 8. La quinta Plenaria della Commissione di revisione del Codice (20-29 ottobre 1981) - 9. L’ultima revisione da parte di Giovanni Paolo II - 10. La comunicazione dei lavori del Coetus de matrimonio e il dibattito dottrinale - 11. Le fonti alla base della riforma del diritto matrimoniale - 12. Conclusione.

Scarica il testo completo in PDF

Legge versus giurisprudenza (con speciale riguardo alla materia giusfamiliare) - di Arturo Maniaci

SOMMARIO: 1. Premessa: lo Stato di diritto e alcuni suoi corollari - 2. La ‘rivoluzione clandestina’ conseguente al recente fenomeno dell’espansionismo giurisprudenziale - 3. La giurisprudenza italiana in materia giusfamiliare: un esempio eloquente di giurisprudenza creativa - 4. L’affidamento condiviso e il diritto alla bigenitorialità secondo i giudici italiani - 5. L’assegnazione e la perdita della casa coniugale secondo i giudici italiani - 6. L’affidamento dei minori a soggetti terzi e la responsabilità genitoriale secondo i giudici italiani - 7. Il mantenimento diretto secondo i giudici italiani - 8. L’ordine di distrazione di somme dovute da terzi a uno dei coniugi secondo i giudici italiani - 9. Conclusioni.

Legislation versus Case Law (with special regard to Family Law).

ABSTRACT: Starting from historical analysis of the knowledge of ‘Rechtstaat’, the following essay is dedicated to the evolution of domestic juridical system, particularly with reference to the attitude of the Italian courts towards legislation. That’s like attending a kind of ‘clandestine revolution’: case law does not seem anymore submitted to statutory legislation, but statutory rules are neglected and manipulated by judicial order. This is particularly clear in family law; that means that judges make law against legislation by the use of general clauses. This essay outlines the necessity of adherence to positive law as guarantee of certitude and defence against arbitrariness and judicial excess, contrary to the authors who claim that law-making is essential to the jurisdictional role.

Scarica il testo completo in PDF

Tra economia della religione ed economia religiosa. Spigolature italiane di storia e teoria economica - di Sergio Noto

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Una rivoluzione contraddittoria - 3. Chiesa e denaro: la questione del prestito a interesse - 4. La svolta della Rerum Novarum: associazionismo e cooperazione - 5. Cattolicesimo e corporativismo - 6. Gli anni ’30 e l’eclissi dell’economia liberale - 7. Il dopoguerra italiano: un miracolo a metà - 8. Gli effetti negativi dei cattolici in politica, Giovanni Paolo II e il dialogo con il mercato.

Between the Economics of Religion and Religious Economics. Tangent Questions Regarding Italian History and Economic Theory.

ABSTRACT: The paper discusses the most important points of the relationship between social Christian thought and economic facts and how they developed in Italy, with particular reference to the application of competitive market principles. Starting with the second half of the 1800s, it is possible to argue that both the social doctrine and market theories had scarse impact on each other and more importantly, that they did not interact in a way which would have been useful. The author covers the main and most significant contributions that economists, sociologists, philosophers and politicians tried to bring to this missing debate between economic science and religious principles. In view of the creation of a society which responds to mankind’s real needs, we feel the lack of such a debate even though today we are witnessing a certain awakening.

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere - Confronti” • Quando l’etica è intolleranza - di Nicola Colaianni

L’ultimo numero della Rivista ha ospitato un singolare intervento ad personam: la mia. Non intendo discutere nel merito le critiche mossemi, la cui consistenza, come lo stesso prof. Pacillo ammette, è affidata al dibattito, che, del resto, su questo tema si sta sviluppando in maniera virale. Sì, invece, la premessa - un intero paragrafo - sulla “necessità etica”, dalla quale egli si dice essere stato mosso in conseguenza del mio approccio, asseritamente privo di “forme rispettose e sempre dubitative” laddove Nanni Moretti ci ha parlato dell’importanza delle parole e Pacillo stesso di quella dei toni. (segue)

Scarica il testo completo in PDF

Brevi note su contratto, impresa e mercato nella dottrina sociale della Chiesa - di Emiliano Marchisio

SOMMARIO: 1. La dottrina sociale della Chiesa. Considerazioni introduttive e selezione degli argomenti oggetto di esame - 2. Una lettura tecnicamente “laica” (o laicamente “tecnica”) della storicità della Dottrina Sociale della Chiesa - 3. Il contratto - 4. L’impresa - 5. La concorrenza - 6. Conclusioni di sintesi. Dalla scelta “del modello” alla selezione “dai modelli”.

Social Doctrine of the Church, contract, firm, competition

ABSTRACT: The Social Doctrine of the Church consists of the set of principles, theories, teachings and directives of the Catholic Church in social and economic matters. It is based on the principle that the human being, created in the likeness of God, is the end and not the means of social institutions, both as an individual and in his family dimension. This principle is examined, in this research, in its applications in the fields of contract, business and competition

Scarica il testo completo in PDF

La rettifica anagrafica del genere in una pronuncia del Tribunale di Tunisi: il rispetto della vita privata, tra comparazione giuridica, diritto internazionale e fiqh - di Wisam Zreg

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. I precedenti giurisprudenziali - 3. Un nuovo ruolo per i giudici tunisini? - 4. La tutela dei diritti e delle libertà: tra comparazione e fiqh - 5. Profili comparatistici. Il processo di rettifica del genere in una pronuncia della Corte d’appello di Beirut - 6. Considerazioni conclusive.

A landmark decision concerning gender rectification in Tunisia: the right to a private life between comparative law, international law and fiqh

ABSTRACT: The decision of the Tribunal of Tunis, concerning gender rectification in public registries of a transgender FtM person who underwent sex reassignment treatment, is an example of innovative case law. The judgment, changing the previous case law, is characterized by the use of the comparative method, so that, in the grounds for ruling, legal principles from different foreign jurisdictions and the fiqh coexist. Specifically, the Tribunal of Tunis, showing an open and dialogical approach to other jurisdictions and legislations of the globe, has consecrated the fundamental human right of gender rectification in public registries, rarely recognized in other Arab countries.

Scarica il testo completo in PDF

Benedetto XV e la questione romana negli anni della Grande Guerra - di Fabio Franceschi

SOMMARIO: 1. L’avvio del pontificato di Benedetto XV e il nuovo corso vaticano - 2. Il nodo irrisolto della questione romana - 3. Il problema della condizione giuridica della Santa Sede alla luce della legge n. 214 del 1871 - 4. La “Grande Guerra” e le sue ricadute sulle relazioni tra l’Italia e la Sede Apostolica - 5. Il conflitto europeo come possibile occasione per la riproposizione della questione romana. L’interesse vaticano per una “internazionalizzazione” della medesima - 6. L’azione della Santa Sede in campo internazionale negli anni del conflitto, tra imparzialità e attivismo diplomatico - 7. L’oscillazione, nei primi anni della guerra, delle posizioni vaticane sulla via da seguire per la soluzione della questione romana e la “svolta conciliatorista” di Benedetto XV - 8. La (ritenuta) maggiore affidabilità della soluzione interna. L’imprescindibilità di una soluzione territoriale come base di partenza nelle trattative con il Governo italiano - 9. L’azione per la pace di Benedetto XV e le sue connessioni con l’interesse per una soluzione della questione romana - 10. La posizione italiana. I rapporti tra il Regio Governo e la Santa Sede negli anni del conflitto - 11. Propositi e tentativi di soluzione della questione romana durante il periodo bellico. Dalle proposte germaniche ai progetti vaticani. Lo schema di Trattato fra la Santa Sede e l’Italia del marzo 1917 - 12. Il fallimento del tentativo pontificio di legare le vicende del conflitto con quelle relative alla soluzione della questione romana. L’impossibilità di addivenire a una sistemazione dei rapporti fra le parti nel corso della guerra e al termine della medesima - 13. “Non tutto fu inutile”: Benedetto XV e la strada aperta per la Conciliazione.

Benedict XV, the Kingdom of Italy, the "Great War". The Roman Question in the years of the First World War

ABSTRACT: The paper analyses the role of Pope Benedict XV during the First World War: his political and humanitarian positions, his renewed conception of relations with the Kingdom of Italy, above all his attitude towards the definitive solution of the Roman Question. More in detail, it explains the operations of Vatican diplomacy to put an end to the anomalous position of the Holy See, deprived of the needed surietes and signs of independence of human powers due to the so-called Law of Guarantees (dated May 13, 1871), as well as the reasons of the failure of this action during the Great War and after its end. However, it concludes considering the long-term positive consequences of this action, which can be considered the first phase of that process of revision of the ecclesiastical legislation of the Kingdom of Italy which would then culminate, over a decade after the end of the Great War, in the stipulation of the Lateran Pacts of 1929.

Scarica il testo completo in PDF

Scienza giuridica italiana e Status Civitatis Vaticanae (1929-2019). Riflessioni sull’autonomia scientifica e didattica del diritto vaticano - di Matteo Carnì

SOMMARIO: 1. Premesse e linee di ricerca - 2. Un peculiare osservatorio: i manuali giuridici italiani e lo studio del diritto vaticano - 3. I manuali di diritto ecclesiastico - 4. I manuali di diritto canonico - 5. I manuali di diritto internazionale - 6. Monografie e saggi giusvaticanisti. La fioritura di studi (1929-1939) - 7. Giuristi ebrei e diritto vaticano: Federico Cammeo; Donato Donati e Mario Falco - 8. Gli altri Maestri e il diritto vaticano - 9. Il diritto vaticano tra oblio e studi elitari (1940-1999) - 10. Dal 2000 a oggi: la rinascita del diritto vaticano - 11. Il diritto vaticano nel quadro delle scienze giuridiche - 12. L’autonomia scientifica del diritto vaticano - 13. Autonomia didattica e insegnamento del diritto vaticano nelle università - 14. Verso un’autonomia scientifica e didattica del diritto vaticano, oltre il diritto ecclesiastico?

Italian legal science and Vatican City State (1929-2019). Some reflections on Vatican law and his scientific and didactic autonomy

ABSTRACT: This paper aims to clarify the history of the Vatican City State through the works of Italian jurists. A special attention is given to the scientific and didactic autonomy of Vatican law.

Scarica il testo completo in PDF

Dalle tradizioni costituzionali comuni all’identità costituzionale il passo è breve? Riflessioni introduttive - di Stefania Ninatti

SOMMARIO: 1. L’identità costituzionale: un crocevia nel rapporto fra ordinamenti - 2. Un’istantanea del dibattito - 3. Visto da Lussemburgo: la prospettiva della Corte di giustizia.

From common constitutional traditions to constitutional identity: is it a short road? A critical introduction

ABSTRACT: Constitutional identity has lately emerged as the most relevant argument underlying the dialogue between the national constitutional courts and the European Court of Justice nowadays. As a matter of fact, this new identitarian seam of the constitutional discourse represents the real battlefield between the national constitutional dimension and the European one. In order to analyse the main features of the EU legal landscape upon which this discussion takes place, this essay investigates the gradual development of the use of the common constitutional traditions as well as the progressive emergence of the concept of constitutional identity as a fundamental element of the whole EU integration process up to including in the Lisbon Treaty a specific provision on this matter, i.e. Art. 4, 2 TEU.

Scarica il testo completo in PDF

Martini di fronte all’immigrazione e agli stranieri: prospettive per le istituzioni e la convivenza di tutti - di Paolo Bonetti

SOMMARIO: 1. Il contesto socio-politico-ecclesiale del magistero del cardinale Martini circa l’immigrazione e gli stranieri: allargamento dell’UE, caduta delle divisioni in Europa, costruzione della nuova UE, crescente immigrazione extraUE - 2. La prospettiva ideale: il personalismo cristiano e il processo di unificazione europea - 3. La presenza degli stranieri privi di sicurezza giuridica e in cerca di lavoro e di ospitalità interpella i cittadini e i cristiani nel sostegno e nell’accoglienza: l’immigrazione come forma di povertà - 4. Non ignorare, né reprimere il fenomeno migratorio, ma accogliere ogni persona come tale: l’esigenza di norme condivise improntate all’eguaglianza nella tutela dei diritti fondamentali per regolare in modo ordinario l’immigrazione e la convivenza. Risolvere i problemi degli stranieri contribuisce a risolvere anche i problemi degli italiani - 5. Non generalizzare, ma discernere i diversi tipi di migrazione in base agli effetti positivi per la persona migrante e nell’ambito di un nuovo ordine economico globale: gli Stati di origine e quelli di immigrazione contengano le cause economiche e politiche che rendono insostenibile vivere e costringono a emigrare e favoriscano l’emigrazione come libera scelta derivante da interdipendenza e da desiderio di miglioramento culturale ed economico - 6. I diritti fondamentali di ogni persona umana da riconoscere a tutti, cittadini e stranieri: occorre prevedere un cammino graduale e progressivo verso la concreta realizzazione di una “carta dei diritti del migrante” - 7. L’immigrazione non come minaccia, ma come occasione profetica di rigenerazione e cambiamento per ogni società e per ogni Stato: nei rapporti tra nord e sud del mondo superare ogni forma di razzismo e imparare a convivere pacificamente in una società multiculturale, a superare le frontiere, ad accogliere, a educare al rispetto delle differenze e a rispettare norme comuni improntate all’eguaglianza e al rispetto dei diritti fondamentali della persona - 8. Condizione per una integrabilità che non introduca germi di scontri razziali e sociali è assicurare l’accettazione e l’assimilazione da parte di tutti di un nucleo minimo di valori: il principio di eguaglianza senza discriminazioni e la dichiarazione universale dei diritti dell’uomo. Conseguenze di tali principi: l’impossibilità di importare istituti giuridici fondati su discriminazioni o contrarie alla laicità dello Stato e di adottare politiche migratorie disumane o liberticide - 9. Occorrono atteggiamenti più solidi e maturi di fronte all’immigrazione: con azioni culturali ed educative aiutare a formare la società multiculturale; evitare chiusure e ripiegamenti su sé stessi e disciplinare con leggi il processo migratorio - 10. Imparare a conoscersi e a accettarsi reciprocamente e a convivere tra diversi in una società multiculturale e multireligiosa e di immigrazione: prospettive e dilemmi del pluralismo nei rapporti interpersonali e sociali, nella comunicazione, nell’educazione interculturale e nell’integrazione sociale - 11. Le prospettive del dialogo islamo-cristiano nella vita quotidiana: educare bambini e ragazzi a conoscere e rispettare le diversità religiose e convivere pacificamente rispettando le leggi senza chiedere trattamenti speciali e senza rinnegare la propria identità - 12. Una Chiesa da genti diverse, accogliente, aperta agli stranieri, un esempio per tutti di fraternità che favorisce la convivenza: il sogno della Chiesa di Ambrogio e il sogno della Chiesa di Martini - 13. A fondamento di tutto la visione dello straniero e delle migrazioni nella Bibbia: l’uomo migrante e i tre motivi (carismatico, cristologico, escatologico) per l’accoglienza dello straniero - 14. L’eredità del magistero di Martini su immigrazione e stranieri.

ABSTRACT: The paper analyses the relevance of the thought of Carlo Maria Martini, Cardinal and Archbishop of Milano from 1979 to 2003, with regard to the legal and political choices that national and European institutions must make in order to regulate both immigration and a multicultural and multireligious coexistence. After recalling the background of Christian personalism and of European unification, the paper focuses on the institutional and legal aspects of Martini’s thinking which is founded on the biblical message as well as on a true commitment to constitutional, international and European provisions. According to Martini, migration is an ordinary phenomenon and it should be managed in an ordinary way, also as a chance to improve everyone’s conditions and to renew all States. We must therefore both prepare ourselves and educate to coexistence among people of different cultures and religions: such a coexistence will be peaceful only if everyone respects the principle of equality, the secularity of the State and the fundamental rights of each person.

Scarica il testo completo in PDF

«Il Diritto Ecclesiastico» e la Spagna (1890-1948) - di Maria del Mar Moreno Mozos

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. La «Rivista di Diritto Ecclesiastico» / «Il Diritto Ecclesiastico» e la Spagna - 3. Ricerche sulla Spagna - 3.1. Di autore spagnolo - 3.2. Di autore non spagnolo - 3.3. Di autore sconosciuto - 3.4. Citazioni di ricerche sulla Spagna - 3.4.1. Di autore spagnolo - 3.4.1.1. Intorno a questioni relative alla Spagna - 3.4.1.2. Intorno a questioni di Diritto canonico - 3.4.1.3. Intorno a questioni di carattere generale - 3.4.1.4. Intorno a questioni relative ad altri paesi/ordinamenti giuridici - 3.4.2. Di autore non spagnolo - 3.4.3. Di autore sconosciuto - 3.4.4. Autore spagnolo citato, senza l’opera - 4. Recensioni - 4.1. Di autore (dell’opera) spagnolo e autore della recensione conosciuto - 4.1.1. Intorno a questioni relative alla Spagna - 4.1.2. Intorno a questioni di Diritto canonico - 4.1.3. Intorno a questioni relative ad altri paesi/ordinamenti giuridici - 4.2. Di autore (dell’opera) spagnolo e autore della recensione sconosciuto - 4.2.1. Intorno a questioni relative alla Spagna - 4.2.2. Intorno a questioni di Diritto canonico - 4.2.3. Intorno a questioni di carattere generale - 4.3. Di autore (dell’opera) non spagnolo - 5. Riferimenti bibliografici - 5.1. Libri - 5.1.1. Autore spagnolo - 5.1.1.1. Intorno a questioni relative alla Spagna - 5.1.1.2. Intorno a questioni di Diritto canonico - 5.1.1.3. Intorno a questioni di carattere generale - 5.1.1.4. Intorno a questioni di altri paesi/ordinamenti giuridici - 5.1.2. Autore straniero su questioni relative alla Spagna - 5.2. Pubblicazioni periodiche - 5.2.1. Autore spagnolo - 5.2.1.1. Intorno a questioni relative alla Spagna - 5.2.1.2. Intorno a questioni di Diritto canonico - 5.2.1.3. Intorno a questioni di carattere generale - 5.2.1.4. Intorno a questioni di altri paesi/ordinamenti giuridici - 5.2.2. Autore straniero - 5.2.2.1. Intorno a questioni relative alla Spagna - 5.2.2.2. Intorno a questioni di Diritto canonico trattate su riviste spagnole - 5.2.2.3. Intorno a questioni relative ad altri paesi/ordinamenti giuridici trattate su riviste spagnole - 5.2.3. Autore sconosciuto - 5.2.3.1. Intorno a questioni relative alla Spagna - 5.2.3.2. Intorno a questioni di altri paesi/ordinamenti giuridici trattate su riviste spagnole - 5.3. Citazioni di riviste spagnole - 6. Notizie giuridiche e di politica ecclesiastica - 7. Considerazioni conclusive.

«Il Diritto Ecclesiastico» and Spain (1890-1948)

ABSTRACT: The contribution refers to the study of the presence of Spanish authors in the oldest Italian magazine referring to ecclesiastical law and canon law, in the period from 1890 to 1948.

Scarica il testo completo in PDF

La disciplina giuridica del terziario esoterico - di Raffaele Caterina

SOMMARIO: 1. Il terziario esoterico - 2. Il divieto di ciarlataneria - 3. Il terziario esoterico e la tutela del contraente/consumatore - 4. La disciplina del terziario esoterico tra pluralismo culturale e tutela del consumatore.

The Law Regulating Esoteric Services

ABSTRACT: The essay focuses on the law regulating esoteric services (fortune telling, selling of talismans, etc.). While in several legal systems the professional practice of magic was once clearly forbidden, nowadays its status is uncertain: such practices are seen as not necessarily illicit but highly suspicious from the point of view of consumer law. The essay explores the inherent tension between repression of fraud and unfair commercial practices and freedom of belief, particularly focusing on Italian case law and administrative practice.

Scarica il testo completo in PDF

Integrazione europea, nuove generazioni e dottrina sociale della Chiesa cattolica - di Filippo Vari

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. L’obiettivo dell’integrazione e le nuove generazioni - 3. L’appannamento dell’obiettivo - 4. La via per uscire dalla crisi … - 5. … e i giovani - 6. Osservazioni finali: la stella polare.

European Integration, Youth and the Social Doctrine of the Catholic Church

ABSTRACT: This article deals with the topic of European integration from the point of view of the Social Doctrine of the Catholic Church, that is the part of the Teaching that focuses on the res publica. With a particular regard to the relationship between youth and European Union the article gives an analysis of the goals the European integration and the legitimation crisis of the Union’s institutions. As a possible way out of this crisis it suggests a re-focalisation of the “federalizing process” on the centrality of the human person and a valorisation of the fraternitas principle.

Scarica il testo completo in PDF

I diritti umani, questi (s)conosciuti - di Ilario Belloni

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Nominare i diritti umani - 3. La questione del fondamento - 4. Rileggendo Bobbio - 5. Considerazioni conclusive.

Human Rights, these (un)known

ABSTRACT: This paper intends to relaunch the Italian legal and philosophical debate on human rights by taking inspiration from the issue of migrants. The author proposes to reconsider the question of the theoretical foundation as crucial for the future development of the theory and practice of human rights.

Scarica il testo completo in PDF

Una lettura dell’istruzione Cor Orans sulla vita contemplativa femminile: sfide e prospettive - di Réginald-Marie Rivoire

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Natura del documento - 3. I destinatari della CO - 4. L’autonomia giuridica dei monasteri - 5. L’obbligo di aderire a una federazione - 6. La formazione comune obbligatoria - 7. Il rilassamento della clausura - 8. Qual è la mens legislatoris?

An Analysis of the Instruction Cor Orans on Women's Contemplative Life: Challenges and Perspectives

ABSTRACT: This article is a commentary of Cor Orans, the Implementing Instruction of the Apostolic Constitution “Vultum Dei Quaerere” on Women’s Contemplative Life, published in 2018 by the Congregation for Institutes of Consecrated Life and Societies of Apostolic Life. This Instruction has the character of a real pontifical law, in many aspects disrupting the law which hitherto governed enclosed nuns. By constraining every Monastery to be part of a federation, which although presented as a communion structure, in fact resembles a genuine structure of government, the Instruction harms the autonomy of Monasteries. This mandatory federal setup goes hand in hand with a slackening of the enclosure, and will give rise to a decrease in religious observance. The article further proceeds to outline the mens legislatoris, found between the pursuit of communion and shortage management, and underlines the reductive and materialistic view of contemplative life exhibited by the document. Finally, the article underlines the determination with which the Dicastery intends to apply the new norms, a determination which shows little consideration for the principle of legality.

Scarica il testo completo in PDF

Vulnerabilità, morte e pietas. L’atto della sepoltura e le sue implicazioni giuridiche - di Serena Vantin

SOMMARIO: 1. Una chiarificazione concettuale - 2. Vulnerabilità e diritto - 3. L’atto della sepoltura - 4. Il diritto alla sepoltura - 5. Conclusioni.

Vulnerability, Death and Pietas. The Act of Burial and its Legal Implications

ABSTRACT: This paper offers a conceptual clarification of the concept “vulnerability”, focusing in particular on the legal meanings it has recently assumed. Considering the cultural legacy relative to the act of burial, the reflection will also lead to put at stake, through the vulnerability’s perspective, the need for a harmonization and an updating of the legislation referred to cemeteries and sepulchres.

Scarica il testo completo in PDF

Quo vadis. Narrazione del tempo di Nerone. Ovvero la potenza delle parole - di Francesco Alicino

SOMMARIO: 1. Preambolo - 2. La potenza delle parole - 3. La forza di un sentimento - 4. Inventarsi la verità - 5. La desacralizzazione di Dio - 6. La sacralizzazione dell’uomo - 7. Epilogo.

Quo Vadis: A Narrative of the Time of Nero. The Power of the Words

ABSTRACT: Set during the reign of the emperor Nero, Quo Vadis tells the story of the love that develops between a young Christian woman and a Roman officer who, after meeting her fellow Christians, converts to her religion. Underlying their relationship, the novel becomes a good stratagem to emphasize the contrast between the worldly opulence of the Roman Empire and the poverty and spiritual power of the Christians, whose concepts would play a crucial role during the long history of the Western Legal System. With this paper the Author tries to explain how important a novel like Quo Vadis could be in order to better understand the strong impact of the Christian tradition on the history of Western constitutionalism.

Scarica il testo completo in PDF

Verso un nuovo dialogo filosofico tra profano e religioso - di Patrick Nerhot

SOMMARIO: 1. Il “suono”: fenomeno comuno al metodo religioso e profano - 2. Tempo e trascendenza - 3. Sapere e non saputo, medesimo e indicibile - 4. Presenza assenza - 5. Il prima dopo.

Towards a new philosophical dialogue between profane and religious

ABSTRACT: Christian religious philosophy builts itself from a very precise idea of the mortality whose time cannot as such manifest the truth of human being. Profane philosophy, we are in the eighteenth century, Enlightenment, asserts itself as the antithesis of such construction. Truth of human being belongs exclusively to his mortality, that is to say a determination of time. Everything becomes “history”, in other words, truth of a temporality of which the Reason is reappropriated. Here is the primary sense of the Reason of Enlightenment. This article is a critical interrogation about this pure methodological question.

Scarica il testo completo in PDF

Diritto, religione e letteratura. Alcune suggestioni su Chiesa e ministero petrino a partire da The Young Pope di Paolo Sorrentino - di Luigi Mariano Guzzo

SOMMARIO: 1. Una premessa epistemologica: “Diritto e letteratura” vs. “Diritto, religione e letteratura” - 2. The Young Pope, ovvero l’ordinamento ecclesiale tra dimensione narrativa e dimensione normativa - 3. La Chiesa come teatro: il vescovo di Stendhal e il Papa di Sorrentino - 4. Chiesa e potere, tra concezione giuspositivistica ed etica utilitaristica - 5. Prime conclusioni: la tensione tra ortodossia e ortoprassi nell’istituzione ecclesiale.

Law, Religion and Literature. Some notes on Ecclesial legal order and Petrine ministry from The Young Pope by Paolo Sorrentino

ABSTRACT: This paper is divided in two main parts. In the first part, I propose an epistemological analysis on the features of the field of “Law and Literature”, in which we can construct the specific category of “Law, Religion and Literature”. In the second part, I do a “Law, Religion and Literature” analysis about Ecclesial legal order and Petrine ministry starting from The Young Pope, the movie created and directed by Paolo Sorrentino.

Scarica il testo completo in PDF

La religione atea di Dworkin e la divinizzazione del valore - di Andrea Porciello

SOMMARIO: 1. Ateismo religioso e valori - 2. Ateismo moderato, neo-ateismo e ateismo religioso - 3. Alcune considerazioni su indipendenza e inevitabilità dei valori - 4. Conclusioni.

Dworkin’s Atheistic Religion and the Divinization of Value

ABSTRACT: This essay critically discusses some of the central ideas of Ronald Dworkin’s last book, Religion Without God. In particular, it will be argued that the idea of “religion without God” is not a form of atheism, as Dworkin claims, but a pure religious attitude in which the idea of “theistic entity” of traditional religion is replaced by a new and not less problematic entity, the idea of “value”.

Scarica il testo completo in PDF

La laicità come esigenza della ragione: rileggendo Dietrich Bonhoeffer - di Paola Chiarella

SOMMARIO: 1. Laicità necessaria - 2. Il Cristianesimo: una fede scandalosa - 3. La maggiore età del mondo - 4. Ritrovare Dio da adulti - 5. Provvisorietà dell’etica cristiana - 6. Führer e Verführer: lo scambio delle vesti e la fragilità del male.

Secularism as requirement of reason: the actuality of Dietrich Bonhoeffer

ABSTRACT: Dietrich Bonhoeffer is a very significant figure of the Protestant theology. Having experienced the most dramatic period of the German history he is well remembered as “resistant” to the National Socialism, but he deserves also to be reconsidered because of his defense, as believer, of the value of “secularism”, necessary to safeguard an authentic profession of faith.

Scarica il testo completo in PDF

Pietro I di Russia e la tentazione del Protestantesimo - di Giovanni Codevilla

SOMMARIO: 1. L’infanzia di Pietro - 2. Il rione degli stranieri - 3. La Grande Ambasciata - 4. L’inizio delle riforme - 5. Pietro e il monachesimo - 6. Il manifesto sulla tolleranza religiosa - 7. Pietro e la religione - 8. La subordinazione della Chiesa - 9. Feofan Prokopovyč e il suo ruolo determinante - 10. L’abolizione del Patriarcato - 11. Il Santo Sinodo governante e la paralisi della Chiesa.

The Protestant Influence on the Church Reform of Peter the Great

ABSTRACT: Peter the Great first comes into contact with the outside world through long familiarity with the German Quarter, a fluctuating Muscovite community of foreigners with its Lutheran and Calvinist churches, and with subsequent and extensive travel in the Protestant Lands (1697-1698), where he has ample time to appraise the role of sovereign as head of the church. The relationship of the tsar to his church is paradoxical; on the one hand, it emanates laws contrary to the principles sanctioned by the Church's Councils and organizes blasphemous parodies with The All-Joking, All-Drunken Synod of Fools and Jesters; conversely, he imposes rigidly traditional religious behaviors on the military. Rejecting his role and duty as Servant of the Salvation of Souls, he assumes a secular stance: Protector of the wellbeing of the community, (Vsenarodnaja pol’za). This swerve subordinating Church to sovereign undergoes elaborate scrutiny by Feofan Prokopovyč, apologist and theologian with Protestant leanings, who, in light of the abolition of the Patriarchate and the institution of the Holy Synod, affirms the principle of cuius regio eius et religio, openly challenging the position of the locum tenens Stefan Javors’kyj.

Scarica il testo completo in PDF

Il diritto come mediazione fra saperi distinti. Perché il diritto non ha fatto un passo indietro di fronte alla scienza - di Lucia Corso

SOMMARIO: 1. Il diritto resiste alla scienza - 2. La scienza come criterio di legittimazione della norma giuridica - 3. Diritto come fenomeno normativo: incommensurabilità fra diritto e scienza - 4. Il diritto come super scienza - 4.1. Voracità processuale - 4.2. Verità giuridica e legittimazione dell’organo decidente - 4.3. Verità giuridica e falsificazione - 4.4. Margini del sindacato giudiziario - 5. Diritto come mediazione fra saperi distinti - 6. Conclusioni: diritto, scienza e gestione dell’incertezza.

Law as system which incorporates distinct epistemological methods. Why legal reasoning did not retreat before scientific knowledge

ABSTRACT: The central claim of this Article is that, despite the frequent references by legal acts to scientific knowledge, the scientific method has not supplanted or overshadowed the proper features of legal reasoning arising from the idea of law as an autonomous system of knowledge. In fact, just the opposite has occurred. It will be argued that the resistance of the legal at the scientific method can be explained on the basis of three distinct theories of law and legal reasoning: a) the first claims that law is a normative system which is incommensurable with science; b) the second qualifies law as a kind of superscience which grounds legitimacy to science itself; c) the third defines law as a normative system which accepts and incorporates forms of knowledges which the scientific method normally rejects.

Scarica il testo completo in PDF

Violenza organizzata e appartenenza religiosa. Il caso dell’Isis - di Roberto Cornelli

SOMMARIO: 1. La religione c’entra? Una premessa culturalista - 2. La violenza organizzata nel mondo e la centralità della guerra siriana - 3. L’ISIS: dall’Iraq alla Siria e recenti sviluppi - 4. Potere o religione? - 5. Chi sono i militanti jihadisti occidentali - 6. Attratti dall’ISIS - 7. Conclusioni.

Organized violence and religious affiliation: the case of Isis

ABSTRACT: This paper seeks to address the crucial issue of organized violence from a cultural perspective analyzing the case of ISIS, tipically considered as religious group. It intends to elaborate some of the key questions of the debate on the links between religion and violence. The religious nature of ISIS will be disputed throughout its birth and expansion during the U.S. invasion of Iraq and the Syrian conflict: more specifically, the paper aims to shed some lights on the grounds underlying the decision of western foreign fighters and Jihadists to join with or refer to a group of fanatics fighting in the faraway land of Syria. The research methodology is based on an interactionist approach on violence in order to avoid focusing on psychopathological (‘they are violent because they are mad’) or ethical-religious aspects (‘they are violent because they are driven by a bad religion’): on the contrary this paper aims to investigate Jihadist violence in its relational and symbolic aspects, as part of a socio-cultural way of life. In the end, the impact of this approach on possible prevention programs will be touched on briefly.

Scarica il testo completo in PDF

OGM e ostie a basso contenuto di glutine. La comunione dei fedeli celiaci: una questione ancora aperta - di Tiziana Di Iorio

SOMMARIO: 1. Le norme sulla Santa comunione dei fedeli celiaci - 2. Le recenti linee guida emanate su richiesta di Papa Francesco - 3. Il pane mere triticeus come insostituibile elemento dell’Eucarestia - 4. La fonte della liturgia cattolica sul divieto dell’uso di ostie gluten free come materia eucaristica: il pane dell’ultima cena - 5. Il glutine come parte del pane eucaristico - 6. Il fedele celiaco e la Santa comunione tra ostie a basso contenuto di glutine, comunione sub sola specie vini e comunione spirituale - 7. L’uso di organismi geneticamente modificati (OGM) nell’Eucarestia e la genuinità della materia eucaristica - 8. Conclusioni.

GMO and low gluten host. The communion of the celiacs faithful: an open question

ABSTRACT: Celiac disease is an autoimmune disorder triggered by gluten in susceptible individuals. Currently, there is no specific medical treatment for celiac disease. The only treatment for this disorder is lifelong adherence to a gluten-free diet. Catholic Church affirmed that bread, to be valid material for the Eucharist, must be made of wheat, must contain enough gluten for breadmaking and must be free of foreign matter. In order to meet the needs of those who suffer from the celiac disease, it has introduced the validity of low gluten. The Circular Letter issued at the request of Pope Francis has not changed the Holy Communion of the celiac faithful. Nevertheless, the document also decided that Eucharistic matter made with OGM could be considered valid matter. The Roman rite finds its theological source in the elements of Eucarist by Jesus instituted in the Last Easter Supper. The sources, however, do not indicate the matter of the bread offered at the Last Supper. So can we say that it was really made of wheat? The solution to this enigma is very important. In fact, it could open up new horizons on Eucharistic matter and on the validity of the gluten free hosts.

Scarica il testo completo in PDF

Diritto ed estrema ingiustizia. Una riflessione a partire dalle pagine di Fred Uhlman - di Leonardo Mellace

SOMMARIO: 1. Introduzione: Il problema dell’estrema ingiustizia ne La Trilogia del ritorno – 2. La deferenza al diritto nella prospettiva di Uhlman – 3. Tortura: brevi riflessioni a partire dalle pagine de La trilogia.

Law and extreme injustice. A reflection starting from Fred Uhlman’s pages

ABSTRACT: This article adopts the perspective of the “Law and Literature” studies in order to focus on the terrible experience of the Holocaust that wracked Europe during the first half of the twentieth century. The theoretical and legal analysis is developed starting from the pages written by Fred Uhlman. Literature can help to move on to an in-depth debate that – from the issue of the violation of human rights – is to be carried out into the relationship between law and morality. The extreme injustice, the banality of evil and the radicalism of fascist ideologies represent the main themes this article starts from.

Scarica il testo completo in PDF

Ordinamento giuridico e Diritto canonico: il contributo strutturante di Santi Romano - di Paolo Gherri

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Il Diritto come legittimazione - 3. La corrispondenza tra istituzione e ordinamento - 4. La terzietà del Diritto - 5. La non-necessarietà del legislatore affinché si abbia vero Diritto - 6. Per concludere.

Legal Order and Canon law: The Structuring Contribution of Santi Romano

ABSTRACT: The contribution of the State’s System Theory of Santi Romano is decisive for illustrating and protecting the singularities of Canon Law without jeopardizing its intrinsic juridical nature, rather, by confirming it precisely because of the “institutional” nature of the Church. The substantial contributions that "L’ordinamento giuridico" offers to the systematic and dogmatic understanding of Canon Law are four: law as legitimacy, the conformity between institution and legal system, the neutrality of the law, the non-necessity of the Legislator in order to have true law.

Scarica il testo completo in PDF

Il cammino della Chiesa per una rinnovata dottrina sociale: dal diritto di proprietà ai diritti sacri alla terra, alla casa, al lavoro - di Antonino Mantineo

SOMMARIO: 1. La storia della dottrina sociale nella storia della Chiesa – 2. Dal diritto (esclusivo) di proprietà al riconoscimento dei diritti del lavoratore – 3. La questione sociale diventa questione universale – 4. Contatti tra la dottrina sociale e le teorie politiche del lavoro – 5. I tre diritti “sacri” per (re)inventare una nuova dottrina sociale.

The Church’s path for an updated social doctrine: from the right to property to the sacred rights to land, housing and work

ABSTRACT: The essay analyzes the historical and juridical development of the Catholic Church’s social doctrine, from the teaching of Pope Leo XIII to the teaching of Pope Francis. Paying attention to the fundamental issues of the social justice is at the core of the existence and the mission of the Church. Nowdays, Pope Francis changed the emphasis of the official social doctrine, calling for a poor Church at the service of the poor and the Earth. This updated social doctrine is founded on the joyful announcement of the Gospel.

Scarica il testo completo in PDF

The legal status of Jerusalem in the State of Israel - di Myriam Lucia Di Marco

SUMMARY: 1. Introduction - 2. Background and Laws - 3. Legal Issues - 4. Future outlook.

Abstract: Jerusalem is the most important city in the world, the Centre of the three greatest religions. It is the Capital of the State of Israel for some, the capital of the State of Palestine for others and for others still a corpus separatum under international control. Everyone wants Jerusalem, and so they contest it, creating political and legislative unrest. These disturbances give rise to violence from both groups of people that live there. In this brief dissertation, we retrace the key historical points and problems associated with the legal status of this city, from the first decades of the twentieth century, to understand that the problem lies in the claim of ownership of this City.

Scarica il testo completo in PDF

Postfazione alla seconda edizione del volume di Piero Bellini, Principi di diritto ecclesiastico - di Sergio Lariccia

SOMMARIO: 1. Un piccolo volume destinato a uso degli studenti universitari e dei candidati ai concorsi pubblici (carriera direttiva) - 2. Il diritto ecclesiastico negli anni settanta - 3. Sette capitoli, inseriti in due parti e un’Appendice, sulla Natura dei Patti lateranensi.

Scarica il testo completo in PDF

Fondamento, logica e contenuto dell’obbligo della partecipazione eucaristica festiva - di Massimo del Pozzo

SOMMARIO: 1. La celebrazione del giorno del Signore - 2. L’ascendenza e lo sviluppo dell’obbligo - 3. Dalle origini del cristianesimo alle prime disposizioni canoniche - 4. La concezione del precetto nella canonistica classica - 5. Dalla disciplina tridentina alla codificazione piano benedettina - 6. L’attuale regolamentazione normativa - 7. La genesi dei canoni - 8. Il contenuto delle disposizioni codiciali - 9. Gli sviluppi e le indicazioni successive - 10. Il fondamento e la logica della partecipazione eucaristica - 11. La “sostanzialità” della prescrizione celebrativa - 12. L’incentivo e la riscoperta della pratica domenicale.

The Foundation, Logic and Content of the Eucharistic Observance of the Precept Regarding Sundays and Holy Days of Obligation

Abstract: This article examines the foundation and ratio of the eucharistic observance of the precept regarding Sundays and holy days of obligation, beginning with an overview of the question within both canonical tradition and current normative logic The historical-conceptual excursus highlights the maine phases of the formation of ecclesiastical discipline, while the analysis of current regulations demonstrates the continuity of normative provisions and eventual refinements. The dimension of justice manifests, above all, the social and institutional value of the precept, while the essential and particular characteristics of Christian holidays are also related to the communal and sacramental nature of the celebration. The logic behind the precept corresponds, then, to the solidarity, historicity, rationality and humanity of its observance. The regard for the “centrality of the Mass” leads to a respect for the substantiality and integrity of the good that is due. The incentive for and rediscovery of the Sunday practice depend primarily on catechetical and formative activity, but cannot be separated from juridical and directive contributions or the responsibility of members of the faithful and pastors.

Scarica il testo completo in PDF

“Rigore e curiosità. Scritti in memoria di Maria Cristina Folliero”. Motivazioni e contenuti - di Giuseppe D'Angelo

1 - Avendo il compito di presentare gli Scritti, debbo provare ad andare oltre l’affetto, oltre la commozione. Anche perché proprio la professoressa Folliero non mi avrebbe certo perdonato smarginamenti.

E allora, desidero anzitutto ringraziarvi, ringraziare questa Università, i Colleghi di questa Università e ringraziare in particolar modo l’ADEC nella persona del Presidente e dei componenti del Direttivo per avere pensato a questo Atto accademico in memoria della professoressa Folliero e avervi incluso, affidandomela, la presentazione degli Scritti a Lei dedicati. Ringrazio Gianni Cimbalo, per la ricostruzione puntuale e avvertita del profilo scientifico della studiosa, il toccante ricordo della persona e per le emozioni che ha rinnovato, credo non soltanto a me.

Scarica il testo completo in PDF

Lavoro, retribuzione e diritti nell’opera di Charles Péguy: suggestioni e riflessioni per il canonista - di Vincenzo Pacillo

SOMMARIO: 1. Mistica dell’uguaglianza e mistica del lavoro - 2. La città armoniosa - 3. Il denaro - 4. Anticapitalismo mistico e tradimento della fraternità.

Labor, remuneration and rights in the writings of Charles Péguy: suggestions and reflections for the canonist

ABSTRACT: Both in "Marcel: premier dialogue de la cité harmonieuse" and in "L'argent", Charles Péguy creates an aesthetic of work that emphasizes the fundamental relationship between the creative activity of man, spirituality and fraternity. Manual labor is at the same time an instrument of creation of the social bond and the fulcrum of the connection between the temporal element and the spiritual one. At the same time, Péguy appears very critical of the commodification of labor in capitalist society, where money is not a mere tool for exchange but an economic goal in itself. The dignity of work and respect for the principle of fraternity are today in question following the recent reforms of the Italian labor legislation; reforms that seem far removed from the perspective outlined in the writings of Charles Péguy.

Scarica il testo completo in PDF

Riflessioni su diritto e religione a margine del Martin Luther King Day - di Giancarlo Anello

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Advocate of the social Gospel: Martin Luther King e il percorso americano di riforma della legislazione sui diritti civili - 3. Post-colonialismo e terzomondismo: Martin Luther King e i percorsi di liberazione su scala globale - 4. Martin Luther King e Gandhi, Cesar Chavez e Sayyed Qutb - 5. Conclusioni: diritti religiosi, giustizia globale e stato di diritto.

Remarks about Law & Religion for the Martin Luther King Day

ABSTRACT: April 4, 2018 commemorates the fiftieth anniversary of the death of Martin Luther King jr., in Memphis-Tennessee. The importance of Martin Luther King’s personality goes far beyond the borders of United States and spreads on the global scale. The present paper concerns the universality and the present impact of Martin Luther King’s legacy, considering also the European context. The paper analyses in brief the history of Martin Luther King, taking into account both his activism in the US and his international criticism against global issues such as post-colonialism and third-worldism; a second part is dedicated to the so called religious “global left” of the 50s and 70s. Conclusions show how and why the global religions have still to be considered a critical background for the rule of law, its inequalities and its injustices.

Scarica il testo completo in PDF

Note su religione e Gestalt politica nel primo Hegel - di Carlo Sabbatini

SOMMARIO: 1. “La grande tragedia del popolo ebraico” - 2. Il superamento della scissione tra religione, filosofia e politica - 3. La “terza forma di religione” e la ricostruzione dell’ethos pubblico.

Notes on religion and political Gestalt in the young Hegel

ABSTRACT: The young Hegel identifies in the Jewish theocracy a model based on the split between divine and human, finite and infinite which confines man in an irrecoverable subordination and separation from nature and the rest of mankind. Hegel contrasts it with the idea of the Greek polis and its religion as a strengthening of ethical and political unity. Christ hasn’t succeeded in bridging the rift which marks not only the Jewish culture but also reproduces itself in modern intellectualism, which proceeds by separations and oppositions and culminates in the abstractness of modern law. Christ founded a community of love, renouncing the confrontation with reality, supinely accepted; nevertheless, the Christian idea of incarnation, together with the Greek suggestion of the unity of the being as a whole, seems to be decisive for the Hegelian attempt to think of the philosophical unity of opposites, indicating a way that is also religious (as visible union of the community in the cult) and political (as sacrificing of that which is particular and egoistic). In the transition from the Frankfurt to Jena, Christianity is recovered by Hegel as a premise for a new religion that ought to overcome the oppositions of modern intellectualism and rediscover the unity of the popular ethos.

Scarica il testo completo in PDF

Su un rapporto armonico tra uomo e natura: una riflessione etico-giuridica - di Giovanni Tarantino

SOMMARIO: 1. Valore intrinseco della natura ed economia umana - 2. Caratteristiche e implicazioni delle teorie antropocentriche - 3. Sull’approccio antropocentrico dell’attuale declinazione giuridica della sostenibilità dell’agire scientifico nei confronti dell’ambiente e della vita, e sui suoi limiti - 4. Il principio dello sviluppo sostenibile - 5. Limitare lo sviluppo non significa impedirlo - 6. Sulla necessità di limiti per l’autonomia tecnocratica.


On a harmonious relationship between man and nature: an ethical-juridical reflection

ABSTRACT: The break in the harmonious relationship between man and nature has been evident for some decades now. This break is the consequence of the use of science and technology in the interest of only some, an approach that led to an exploitation of nature not respectful of its intrinsic value. Hence the technocracy. In fact, today we are witnessing the domination of the technocratic power, which has as its purpose the utility for those who manage it, in the absence of consideration of the damage that derives from the realization of profit. This latter position marries the anthropocentric conception in the relationship between man and nature and blows both the religious vision of this relationship, which entrusts man with power over nature, but also the duty to guard it, and the natural-evolutionary vision. Hence the need for a limitation of the autonomy of scientific action to effectively protect the ecosystem.

Scarica il testo completo in PDF

Due matrimoni alle origini dello scisma anglicano? - di Mario Ferrante

SOMMARIO: 1. Il contesto storico e politico della Riforma anglicana - 2. Il precedente storico: la dichiarazione di nullità del matrimonio tra Edoardo IV ed Elizabeth Woodville - 3. Il Titulus Regius - 4. Fondamento giuridico del Titulus Regius in base al diritto canonico - 4.1 (segue) Aspetti sostanziali - 4.2 (segue) Profili procedurali - 5. Sui motivi di nullità del matrimonio tra Enrico VIII e Caterina d’Aragona - 6. Il processo di nullità matrimoniale e lo scisma - 7. Conclusioni.

Did two marriages cause the Anglican Schism?

ABSTRACT: The Anglican schism, solemnized by the Act of Supremacy in 1534 emerged from the European Protestant Reformation that at its beginning was a movement of dissent against the Roman Church. It spread throughout Europe thanks to political and economic support of many princes who transformed it into State religion. Movement’s success is strictly linked to the intention of individual States to claim their autonomy, unfettering themselves from external influences, such as the papacy, and thus creating State’s territorial Churches. The Church of England’s schism originates from this peculiar historical and religious scenario, and has its roots in a general process to claim sovereignty of the Kingdom against any external influence. Nevertheless, someone – especially English literature, still believes that the real reason behind Anglican schism is Pope Clement VII’s refusal to declare null the marriage of Henry VIII with Catherine of Aragon and consequently preventing him from marrying Anne of Boleyn. We deemed it necessary a critical examination of the matter concerning the refusal to grant nullity to Henry VIII’s marriage, in order to determine whether the underlying cause of the Act of Supremacy was a love story that turned out badly, or other more ordinary reasons. For this purpose, we have analysed an equally resounded, but lesser known trial. It regards the declaration of nullity of the marriage between Edward IV and Elizabeth Woodville, granted few decades earlier, as it represents a significant legal/matrimonial precedent of schismatic nature. We tried to evaluate the legal legitimacy, according to matrimonial canon law, in force at that time, to evaluate whether or not justice was done.

Scarica il testo completo in PDF

Vittorio Emanuele Orlando e la “questione romana” - di Leone Melillo

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Dalle “condizioni svariate e complesse della coscienza giuridica del popolo” alla “sovranità dello Stato” – 3. Il mancato accordo politico – 4. Conclusione.

Vittorio Emanuele Orlando and the "Roman question"

ABSTRACT: The motivation that leads Orlando to negotiate the solution of the “Roman Question” with Monsignor Bonaventura Cerretti, that he “met” in Paris, as “sent” by Benedict XV, focuses on the work of political agreement, on the “crisis” of the “Orlando ministry” and, therefore, on the Lateran Pacts of 11th February 1929, which mark the overcoming of a politics, founded on the “law of guarantees”, and give a “not very different text from that of Orlando - Cerretti’s one”.

Scarica il testo completo in PDF

Il De gemitu Columbae del cardinale Roberto Bellarmino e lo jus publicum ecclesiasticum - di Alex Borghi

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Rilevanza del De gemitu per una “teologia politica” - 3. Il problema dell’appartenenza all’Ecclesia: il canto della “Colomba” - 4. Il can. I della Distinctio XCII del Decretum di Graziano - 5. Osservazioni conclusive.

De gemitu Columbae by Cardinal Roberto Bellarmino and the jus publicum ecclesiasticum

ABSTRACT: One of the minor works of cardinal Roberto Bellarmino, De Gemitu Columbae sive De Bono lacrymarum (1617) is composed of three books: the first is dedicated to the "need for moans"; the second and third, respectively, to the sources and the fruits of the "tears". In investigating the origin of the moan, after quoting Isaiah and Nahum, the Author insists on a verse, particularly evocative, taken from the Song of Songs (6, 9). Therefore, the moan is not referred only to the animal in itself, but also to the whole Church: the work in question seems to be more connected to the textures of a "political theology" than to the classic counter-reformed edification readings. The present contribution aims to examine the relationships between De gemitu and the jus publicum ecclesiasticum, not only externum but also - and above all - internum. And, by this way, the highly debated theme of belonging to the Ecclesia, faced by the great Counter-reform theorist through the images of the dove and the chant.

Scarica il testo completo in PDF

Diritto ecclesiastico e ius canonicum nel “Digesto italiano” Utet (1884-1921) - di Matteo Carnì

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Il “Digesto Italiano” Utet - 3. I lemmi ecclesiasticistici e canonistici nel “Digesto Italiano” Utet - 4. Osservazioni conclusive.

State law on religion and canon law in the “Digesto italiano” published by Utet (1884-1921).

ABSTRACT: This paper aims to clarify the history of “Digesto Italiano”, a famous legal encyclopedia published by “Utet”, Italian publishing house in Turin. A special attention is given to the vocabulary words relating to the canon law and State law on religion.

Scarica il testo completo in PDF

Paolo VI il più grande Papa riformatore della modernità - di Carlo Cardia

SOMMARIO: 1. Premessa. Lo sguardo verso l’alto. Il Papa più italiano e più universale della modernità - 2. Paolo VI e l’amore per l’Italia. Storia, Risorgimento, Repubblica - 3. Il programma dell’Ecclesiam Suam del 1964. Dialogo con i non credenti e dialogo interreligioso - 4. Ebraismo ed ecumenismo, per l’unione del ceppo ebraico-cristiano - 5. Fede e ragione. L’universalità della Chiesa e dell’ONU - 6. Collegialità e unità nel governo della Chiesa. Coscienza della funzione petrina - 7. Un fremito lo prende, una vertigine, talora una follia, lo invade. Ma Paolo VI chiude le ferite della storia - 8. Profezia e storicità del magistero di Papa Montini. Sacerdozio, celibato, i tempi della storia - 9. Etica, famiglia, sessualità. Paolo VI, l’antropologia solidale, contro il nichilismo della dissoluzione - 10. Conclusioni. Paolo VI, uomo della fede e della sapienza.

Scarica il testo completo in PDF

Dallo “scisma sommerso” all’era di Papa Francesco - di Leone Melillo

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Dall’ “aggiornamento” alla “società aperta” - 3. Prospettive di una riflessione - 4. Il superamento della “dicotomia bioetica” nell’era di Papa Francesco - 5. Conclusione.

From the "submerged schism" to the era of Pope Francis

ABSTRACT: “The submerged schism” by Pietro Prini appears as a new research perspective that seems to overwhelm the distinction between “Catholic bioethics and lay bioethics” and, so, the existence of “two ethical models or paradigms”. From the “upgrading”, through the “open society”, it is achieved to the “overcoming” of the “closed society” and to “the era of Pope Francis” on which the reflection does not seem to be focused yet.

Scarica il testo completo in PDF

Il diritto alla identità di genere: preoccupazioni per la decisione della Corte costituzionale nella sentenza n. 180 del 2017 - di Maria Elena Ruggiano

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Identità di genere ovvero la cultura che sovrasta la natura - 3. Presupposti antropologici in tema di sessualità - 4. Il potere decisionale del giudice 5. Il diritto alla identità di genere così inteso esiste davvero? 6. Considerazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Responsabilità giuridica e scienze sperimentali sul vivente - di Patrick Nerhot

SOMMARIO: 1. Il "vivente": inoperosità dei concetti della filosofia profana dei Lumi - 2. La ricerca-costruzione di una infinita-fine - 3. Le scienze "sperimentali" come la non distinzione tra "causa" e "effetto" - 4. La nuova questione di metodo posta al "vivente" - 5. La sfida di una etica come adeguazione tra etica e metodo.

ABSTRACT: "Living beings". Irrelevancy of the concept by philosophers of Enlightenment. Research-creation as endless end of living beings. "Experimental" sciences constraint to elaborate an adequacy between ethics and methodological approach.

Scarica il testo completo in PDF

L’„eretico” Piero Gobetti e le tre “dimensioni” della storia del Risorgimento - di Leone Melillo

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La dimensione “teorica” - 3. La dimensione “pratica” - 4. La dimensione “personale” - 5. Conclusione.

The “heretic” Piero Gobetti and the three “dimensions” of the history of the Risorgimento

ABSTRACT: Piero Gobetti’s “the heresy of the Risorgimento” allows to distinguish three “points of view” of the political and cultural experience of the “heretical” Gobetti, the “theoretical” one, the “practical” one and “personal” one. Three “profiles” that realized a systematic dimension, in the relationship of the Risorgimento with the “Liberal Revolution”, according to a research perspective that has never been fully analyzed. A reflection that highlights the “drama of the Risorgimento”, the “programmatic formulas” of “The Liberal Revolution” and Piero Gobetti's “clarity of authentic feelings” which moves on the “ground of heresy” with his “choice” of life.

Scarica il testo completo in PDF

Ancora sulla certezza - di Claudio Luzzati

Sommario: 1. Una volta la certezza era un dogma – 2. La prospettiva dinamica – 3. La certezza come valore ideale e la realtà del diritto – 4. L’orizzonte odierno: il tramonto dello scienziato. – 5. Regole vs. princìpi: una contrapposizione sviante – 6. Gli argomenti dell’interprete – 7. La necessità di dotarsi di strumenti nuovi sullo sfondo di una rappresentanza politica in crisi.

Scarica il testo completo in PDF

Intellectual property rights and public health: an impediment to access to medicines and health technology innovation? - di Nerina Boschiero

Summary: 1. Pharmaceutical patents, the access to essential medicines and the question of innovation - 2. The actual and/or potential between the rights of inventors, international human rights law, trade rules and public health. The everlasting controversy on the allegedly adverse impact of intellectual property protection on access to medicines and health technologies - 3. Are human rights and intellectual property law really in conflict? A relation of interpretation, not of conflict - 4. Conclusions.

Scarica il testo completo in PDF

La “morte digitale”, le nuove forme di commemorazione del lutto online e il ripensamento delle idee di morte e d’immortalità - di Giovanni Ziccardi

SOMMARIO: 1. Premessa: la “morte digitale” - 2. Le piattaforme tecnologiche, il diritto e la gestione degli utenti defunti - 3. La morte “in diretta” e la condivisione online del lutto - 4. Il fenomeno dei selfie funerari - 5. Le cerimonie funebri trasmesse in live streaming - 6. L’evoluzione del lutto: da offline a online - 7. Il ripensamento collettivo in corso - 8. L’immortalità tecnologica - 9. Il problema della “dipendenza” e della “confusione” - 10. Alcune considerazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Per una riflessione critica sul “Vero” e sul “vissuto storico” - di Piero Bellini

1 - Vi sono tematiche impegnanti [così quelle che investono “valori d’ordine sacrale” nei quali si ripone per davvero fede: «toto corde»: «toto pectore»: «toto animo»] che - segnatamente coinvolgenti - vanno affrontate perché «meritano d’esser affrontate», e vanno meditate perché «meritano d’esser meditate»: anche se poi [in un ambiente umano viepiù venuto accomodandosi, nel tempo, a una grigia secolarizzazione dei propri moduli di vita] a presentarsi - in pro d’un così attento impegno fideistico - non siano fondate aspettative di buon esito. Si tratta [per quanti se ne sentano presi nel profondo] di fare - in quel composito contesto - ciascuno la sua parte: quella che gli si riveli spiritualmente doverosa: cercando - così - di assicurare alle grandezze mistiche [in cui ripone fede: e in cui nutre speranza] lo spazio vitale che loro si compete: e questo quale il Credo cui ciascuno senta nell’intimo d’esser tenuto a conformare [nella vivente concretezza dell’«hic mundus»] la propria vicenda esistenziale.

Scarica il testo completo in PDF

Il cammino delle libertà e del pluralismo, dieci anni dopo - di Natascia Marchei

Il titolo di questo incontro mi riporta, per un verso, e in prima battuta, al momento in cui, dieci anni fa, il Professore Giuseppe Casuscelli comunicò a tutti i suoi allievi l’idea (che forse nutriva già da qualche tempo) di realizzare una rivista telematica sui temi della libertà religiosa e del pluralismo confessionale. A quel tempo, benché non così lontano in termini cronologici, le riviste telematiche - nell’ambiente accademico e forse non solo in questo - erano ancora considerate una ‘bizzarria’ e, certamente, ritenute dai più una soluzione editoriale di rilievo scientifico quantomeno non primario.
La carta era ancora la carta, insomma, e le cose serie, scientificamente serie intendo, non si scrivevano sul web ma sulla carta, anche se i tempi di pubblicazione erano sempre più lunghi, i costi dell’editoria molto elevati e la divulgazione degli scritti difficile in quanto limitata a un piccolo circolo di persone. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Alcuni “malintesi” di Wilhelm Röpke sull’ordo iuris ecclesiae - di Domenico Bilotti

SOMMARIO: 1. Una giustificazione morale del liberalismo economico – 2. Il rifiuto della coercizione e la riscoperta della buona fede contrattuale – 3. Libertà economica come presupposto delle libertà fondamentali – 4. L’inavveduta equivalenza tra socialismo e socialdemocrazia – 5. Una ricostruzione suggestiva, ancorché limitativa, dei rapporti tra Cristianesimo, antichità classica e diritto occidentale – 6. Contro l’adesione del clero e dei cristiani poveri alle dottrine socialiste – 7. Note sulla dottrina sociale, tra dogmatismo e problemi concreti – 8. Possibili conclusioni: la necessità di un’analisi dei rapporti tra fedi religiose ed economia.

ABSTRACT: In spite of being widely regarded as a typical liberal conservative scholar, Wilhelm Röpke has shown a sincere interest on Canon Law’s history and social doctrine of the Church during his career and studies. The aim of this essay is to consider how Röpke tried to link this cultural and philosophical perspective to a strong adhesion to economics and liberalism. His theses maybe had an apologetic argumentative limit, just in order to justify his devotion to the Christian roots of European Law, but it does not mean that Röpke has not expressed any interesting issues, still useful in current juridical and confessional debate.

Scarica il testo completo in PDF

Laudato si’: per un’ecologia autenticamente cristiana - di Laura De Gregorio

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Tra novità e continuità - 3. Laudato si’ e la cura della casa comune - 4. Relazioni fondamentali ed equilibrio ecologico – 5. Il dono della creazione - 6. L’ordine nella creazione e le relazioni tra le creature - 7. L’uomo e la creazione - 8. Crisi ecologica, crisi umana, crisi sociale - 9. Il tempo superiore allo spazio – 10. Il cammino dell’uomo - 11. Linee di orientamento e di azione: la politica - 12. Linee di orientamento e di azione: l’economia - 13. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

La definizione giuridica di genocidio e il problema dei punti di osservazione: alcune considerazioni in merito a una proposta di David Luban - di Andrea Porciello

Sommario : 1. Premessa2. Breve analisi del problema dei punti di osservazione nell’attività conoscitiva - 3. I punti di osservazione e l’“evento genocidio” – 4. Conclusione: il punto di osservazione giuridico.

The Legal Definition of Genocide and the Problem of the Observation Points : Some Considerations about David Luban’s Perspective

ABSTRACT : This brief paper concerns with the question of the legal definition of genocide , ie, and in more practical terms , with the problem about the opportunity of modifying “The Convention on the Prevention and Punishment of the Crime of Genocide” adopted by United Nations General Assembly in 1951 , which is still today the standard legal definition of genocide . What I propose here, is to join and support the conclusions expressed by Professor Luban the 2006 article Calling Genocide by Its Rightful Name , but following a different line of argumentation. To this end, I intend to divide the paper in two parts: 1) in the first one I will carry out some general considerations about the problem of knowledge , as a matter of definition. And in particular I will try to offer some guidance on the complex issue of the “ observation points”, such as central elements of the activity of knowing and defining a particular object of knowledge . 2) In the second part I will try to apply these results to the question of “ genocide” as a possible object of knowledge and definition .

Scarica il testo completo in PDF

Per un’equa mondializzazione delle periferie nelle società plurali: un ‘nuovo’ Corso di laurea sull’interculturalità - di Salvatore Berlingò

SOMMARIO: 1. Il vortice iperbolico del bacino euromediterraneo e il ‘bergamotto dell’interculturalità’ - 2. Il ‘made in Italy’ dantesco e il doppio registro delle Università per stranieri nel “bel paese là dove ‘l sì suona“ - 3. Il ‘bisogno di mondo’ e la rifrazione in alto dell’identità plurale della Calabria - 4. L’imperativo del ‘Mare Amoroso’ e gli ‘ottativi categorici’ mirati a una sostanziale e concreta giustizia - 5. Dante prima e oltre Kant: dalla ‘giustizia della carità’ alla ‘carità della giustizia’ - 6. Ancora: di un’inedita sperimentazione accademica e civile.

For a fair globalization of the suburbs in plural societies: a 'new' Bachelor's Degree in Interculturality .

ABSTRACT: With this essay the author, actually Rector of the University for Foreigners "Dante Alighieri" of Reggio Calabria, is to illustrate the steps that have led to the activation of a Bachelor's Degree (in some respects) innovative, induced by contemporary issues of migration flows and by the dynamics of international mobility, become remarkably more rapid and pressing in conjunction with the related phenomena of globalization. They impose, even to the higher education institutes, a timely and in-depth rethinking and an accurate taking of responsibility, with the respect to their relevant areas of teaching and training program. The trial that is intended to give through the above-mentioned Degree was modeled on the basis of some previous initiatives, taken by the University for Foreigners of Reggio Calabria, even if the model now proposed benefits from the innovative results induced by synergies with other Universities for Foreigners, in particular that of Siena, as well as the consultation put in place with the Ministry of Education, the Interior Ministry and the EU, and the cooperation with civil society organizations, primarily the Community of Sant'Egidio.

Scarica il testo completo in PDF

Note intorno all’attuazione dei diritti - di Anna Pintore

SOMMARIO: 1. Il migliore dei mondi possibili – 2. Inattuazione e violazione dei diritti – 3. Attuazione e determinazione dei diritti – 4. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Le radici culturali e religiose della identità europea - di Piero Bellini

Vi sono temi tanto variamente articolati da porre in condizione chi sia chiamato a discorrerne in linea generale (e in termini sintetici) di non poter sottrarsi a una catena di audaci semplicizzazioni (e forzature) delle quali non gli resta che scusarsi anticipatamente con i suoi interlocutori. Difficile sfuggire a questo rischio quando s’ha che fare con un argomento come il nostro: specie se poco disposti a condiscendere al consueto privilegiamento [spesso di stampo apologetico] d’un singolo fattore ideale (quanto che sia significante) della «identità europea»: laddove è forza tener conto – nel parlarne – della convergenza operativa di una pluralità di co-fattori, i quali [svolgendo ciascuno un proprio ruolo] hanno concorso («in termini dialettici») a fare della nostra Europa ciò che l’Europa è adesso: ciò che ha saputo faticosamente diventare – lungo i secoli – in fatto di cultura, di sensibilità, di civiltà. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” - Confronti • I CARE: anche gli ecclesiasticisti nel loro piccolo s’oppongano (di Nicola Colaianni) - di Nicola Colaianni

Per la terza volta in questi primi tre lustri del nuovo secolo saremo chiamati a pronunciarci sull’ennesima riforma costituzionale omnibus: 40 articoli su 85 della seconda parte della Costituzione. Il carattere puntuale delle revisioni è ormai una pagina sbiadita dei manuali universitari: infatti, nel linguaggio corrente si parla senz’altro di riforma, non di revisione, della Costituzione. E quello sul referendum oppositivo, il 138, è un altro articolo vintage , dal momento che a chiedere il referendum sono anche gli stessi parlamentari che hanno approvato la “riforma”: per ottenerne una conferma dal corpo elettorale, formalmente non necessaria (dato che se chi si oppone alla revisione non chiede il referendum quella s’intende tacitamente approvata dal corpo elettorale) ma politicamente utile a dimostrare che il popolo è con il governo.

Scarica il testo completo in PDF

L’insegnamento, l’insegnamento del diritto, l’insegnamento del diritto ecclesiastico. La lezione del Maestro e altre lezioni - di Luciano Zannotti

SOMMARIO: 1. La lezione del Maestro – 2. … e altre lezioni.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e principi costituzionali. Un breve itinerario di lettura nella dottrina di Arturo Carlo Jemolo - di Michele Madonna

SOMMARIO : 1. Premessa - 2. La libertà religiosa: definizione e profili storico-giuridici - 3. I “problemi pratici” della libertà - 4. La libertà religiosa nell’ordinamento italiano e gli articoli 19 e 8 della Carta costituzionale del 1948 - 5. Dalla mancata attuazione dei principi costituzionali nei primi anni del dopoguerra alla loro prima applicazione a opera della Corte Costituzionale - 6. Osservazioni conclusive.

Religious freedom and constitutional principles. Brief remarks on the doctrine of Arturo Carlo Jemolo

ABSTRACT: The first part of the article reconstructs the thought of Jemolo on religious freedom from a historical perspective . The second part is devoted to the doctrine of Jemolo on the religious freedom into Italian legal system with particular reference to the principles of the Constitution of 1948.

Scarica il testo completo in PDF

Economia della spiritualità – economia della politicità (Benedetto XVI: quali riflessi sul post-Concilio?) - di Piero Bellini

Come di prammatica – nei nostri ultimi incontri – è prendere l’avvio (vuoi che la si elogi, vuoi che la si critichi) dalla solita lectio magistralis tenuta a Ratisbona da Papa Benedetto XVI. Soprattutto ha impressionato il drastico giudizio pronunciato – per bocca d’un tardo Imperatore bizantino – sulla negatività senza rimedio della esperienza storica dell’Islam guidata da una píetas disumana. Avrebbe potuto il Papa preferire richiamarsi a qualche testimonial culturalmente più qualificato: a un San Bernardo – per esempio – se non fosse che il De laude novae militiae neppur esso grandeggia in fatto di riguardoso  rispetto verso gli altri. E avrebbe potuto riferirsi alle innumerevoli denuncie prelatizie della smodata ferocia saracena, tese peraltro a confortare a loro volta i milites christiani nell’esercizio meticoloso d’altrettanta efferatezza. Ma forse il Papa avrebbe fatto meglio a richiamarsi a testimonianze cristiane d’altro segno. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

L’istituto della responsabilità in regime di pluralismo giuridico - di Sara Domianello

SOMMARIO: 1. La prova di sostenibilità/insostenibilità delle differenze – 2. Le indicazioni ricavabili dalla casistica emergente: a) in merito al rilievo civile da assegnare alla qualifica confessionale dell’agente – 3. Segue: b) in merito al rispetto da parte dello Stato laico della specificità del “diritto della responsabilità canonica” – 4. Breve elogio della responsabilità “dimezzata”.

Scarica il testo completo in PDF

Potestà punitiva della Chiesa Cattolica e illeciti finanziari: la pena canonica in ausilio agli ordinamenti civili - di Antonio Fuccillo

SOMMARIO: 1. Economia, finanza e religione: le ragioni di un indefettibile rapporto - 2. Il diritto nativo della Chiesa Cattolica di esprimere il proprio giudizio sulle questioni sociali nel campo economico e finanziario - 3. La rilevanza del settimo comandamento nel contesto delle attività finanziarie - 4. La funzione di deterrenza delle sanzioni canoniche in ambito economico e finanziario e la possibile applicazione del can. 1399 c.j.c. - 5. L’impatto dei precetti religiosi nel mercato finanziario: i riflessi sui sistemi.

Scarica il testo completo in PDF

La salute del civis-fidelis nei distinti ordini dello Stato e della Chiesa cattolica. Le aspettative ascetiche della persona nella connotazione del bene salute - di Tiziana Di Iorio

Sommario : 1. Autonomia confessionale e sovranità dello Stato: la distinzione tra ordini “distinti” – 2. Il principio di laicità e la valorizzazione delle differenze, nell’inderogabile esigenza di salvaguardia dei diritti della persona – 3. Tutela della salute: diritto fondamentale della Costituzione italiana – 4. La dimensione ascetica dell’individuo nella concezione giuridica del bene salute – 5. La salute nell’ordinamento canonico: connotazione di un bene con valore relativo – 6. La realizzazione “responsabile” della salute e la sua intrinseca connessione con la salvezza nella Chiesa – 7. La sana cooperatio tra Stato e Chiesa nella tutela della salute del civis-fidelis – 8. Conclusioni.

Health of the civis-fidelis in the different systems of the Italian State and the Catholic Church. The spiritual needs of the individual as included in th e meaning of health

ABSTRACT: The meaning of "health" in a legal system depends upon its culture and social development, so that time and space influence the way protection is offered. Nowadays the idea of “health” has enlarged. In the past the meaning of health was intended as a mental-physical well-being; it has now gradually developed to a larger meaning, including a complete physical, mental and social well-being and not merely the absence of disease. Along with Italian constitution, Italy has to pursue and protect the health of any individual, not just citizens. Health is also protected by the Church as a precious gift given by God to man and is closely linked with salvation. Man is called to protect the value of this gift in its widest configuration. Therefore the integral protection of health requires to take into account all the dimensions of the individual, both as civis and fidelis. In order to reach this target it is necessary an open dialogue between civil authorities and religious institution; its importance relies on the primacy of the individual and includes the care of his dignity and the respect of his rights, in mutual respect for the autonomy of the two orders, whose relations are to be seen as a single track and a vital bulwark, a vision inspired by the liberal-democratic system.

Scarica il testo completo in PDF

Introduzione al volume Arturo Carlo Jemolo. Un giurista nell’Italia del Novecento - di Sergio Lariccia

Con la pubblicazione di questo volume mi propongo di contribuire alla conoscenza del pensiero e dell’azione di Arturo Carlo Jemolo. Per ottenere questo risultato ho ritenuto opportuno pubblicare in appendice i verbali di una commissione di studio della quale Jemolo è stato senza dubbio il principale protagonista: la commissione governativa per la revisione del Concordato lateranense. Tale commissione era composta dal presidente Gonella, da sei professori universitari, che cito in ordine di anzianità (Gaspare Ambrosini, Arturo Carlo Jemolo, Franco Valsecchi, Roberto Ago, Pio Fedele e Paolo Rossi), e da quattro segretari: oltre a me, Vito Librando, Giuseppe Rossini e Arnaldo Squillante. Dopo la morte di quest’ultimo, nel 2002, sono l’unico superstite di quanti parteciparono ai lavori di quella commissione (continua).
 

Scarica il testo completo in PDF

“To talk with a mockingbird”. I cittadini religiosi nel modello della convergenza di Gerald Gaus: alcuni aspetti critici - di Andrea Romeo

SOMMARIO: 1. Due forme di giustificazionismo: inclusivo ed esclusivo - 2. Il giustificazionismo moderato di Gerald Gaus - 3. Il principio di motivazione secolare e le problematiche operative - 4. Due modelli a confronto: convergenza vs. consensus - 5. Verso una formulazione minimal del proviso di giustificazione - 6. Alcune notazioni critiche: la sovrapposizione tra i concetti di motivo e ragione e il fraintendimento sull’overlapping consensus - 7. Giustificazionismo e accomodation : possibili implicazioni?


Abstract: According to the justificatory liberalism view, to respect each citizen as free and equal requires that no one simply be forced to submit to the judgments of others; then is necessary laws must be justified to those subject by reasons that everyone could share. There are two different perspectives: justificatory liberalism inclusive and justificatory liberalism exclusive; only for the second view is not binding to expunge religious-based reasoning from political justification. Gerald Gaus claims that the model of consensus is based on a misleading intepretation of the overlapping consensus conception: "because we cannot reasonably expect all members of the public to actually endorse religious reasons as good reasons, they are not justificatory reasons". Gaus define a conceptual political system inspired to the possibilities of convergence and also try to challenge the standard formulation of the liberal proviso by offering a miminalist reformulation of the translation clause. The paper analize and criticize this inclusive model of justificatory liberalism.
 

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” – Transizioni • La trascrizione nei registri dello stato civile del matrimonio tra persone dello stesso sesso celebrato all’estero (di g. c.) - di Giuseppe Casuscelli

 La trascuratezza del legislatore - incurante dei moniti della Corte costituzionale di assolvere "con la massima sollecitudine" (sentenza n. 170 del 2014) il compito di disciplinare le unioni civili tra persone dello steso sesso - affida alla supplenza dei giudici e alla solerzia dei sindaci, quali ufficiali dello stato civile, l'incombenza di risolvere in modo occasionale il problema della trascrivibilità nei registri dello stato civile dei matrimoni tra persone dello stesso sesso celebrati all’estero. Il numero accresciuto di ordinamenti nazionali (europei ed extra-europei) che hanno disciplinato le nozze tra omosessuali, la facilità degli spostamenti delle persone, il favore verso la circolazione degli status che caratterizza la riforma del sistema italiano di diritto internazionale privato, l’allentamento delle barriere dell’ordine pubblico ostative alla trascrizione di atti formati all’estero, mettono a dura prova l'ostinazione a resistere al cambiamento e mostrano la fallacia della pretesa di disporre per via di circolari ministeriali la cancellazione d’ufficio, a istanza dei prefetti, delle trascrizioni eventualmente eseguite.  (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

La deontologia dell’avvocato matrimonialista - di Marco Canonico

SOMMARIO: 1. Le peculiarità del diritto di famiglia e le connesse esigenze deontologiche - 2. Le indicazioni contenute nel nuovo Codice deontologico forense - 3. Le norme deontologiche nell’ordinamento canonico.

Scarica il testo completo in PDF

La salute del christifidelis celiaco tra dieta gluten free e invalidità delle ostie quibus glutinum ablatum est - di Tiziana Di Iorio

SOMMARIO : 1. L’Eucarestia: “augusto” strumento per la salute dei christifideles nell’economia della salvezza - 2. La transustanziazione - 3. La malattia celiaca e l’unico rimedio terapeutico: la dieta gluten free - 4. Il christifidelis affetto dalla sprue celiaca tra dieta gluten free e pane mere triticeus - 5. Prime disposizioni sul divieto dell’uso di ostie quibus glutinum ablatum est - 6. La particola con “una minima quantità di glutine” - 7. Le vigenti prescrizioni sulla validità della materia eucaristica e l’uso di ostie a basso contenuto di glutine - 8. La normativa sulla comunione dei celiaci tra sospetti e apprezzamenti - 9. Ultime precisazioni sull’uso del pane con poca quantità di glutine - 10. Conclusioni.

The health of the christifidelis celiac between diet gluten free and invalidity of the hosts quibus glutinum ablatum est

ABSTRACT: The communion of celiac has aroused the attention of the Congregation for the Doctrine of the Faith for the direct connection between gluten, cause of the disease, and bread mere triticeus, precious element of the Eucharist. The complex matter concerns the impelling urgency to allow the christifidelis celiac to follow a super stricte gluten free diet, necessary way to the protection of his mental and physical health, without expelling him from the eucharistic banquet, indispensable instrument of salvation of his own soul. Therefore, in the saving mission of the Church called to the salus animarum of every man, without discriminating exclusions, direct specific norms are emanated to harmonize the dogmatic demands, connected to the Eucharestic, and the therapeutic needs related to mental and physical health of the faithful with the disease. Such norms have faced the validity of the eucharistic matter sealing the invalidity of the hosts quibus glutinum ablatum est , with a meaningful evolution, during the time. It stays, nevertheless, the suspect of an exhaustive solution of the question that induces to wish new interventions.

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” - Charlie Hebdo - di Giuseppe Casuscelli

La rivista Charlie Hebdo è familiare agli studiosi dei rapporti tra Stato e confessioni religiose da quando nel 2005 decise di ripubblicare le vignette su Maometto con un coraggioso gesto di solidarietà verso i colleghi del quotidiano danese “Jyllands-Posten”, che per quella pubblicazione avevano subito un attentato incendiario della loro sede. D’allora non ha mancato di levarsi qualche voce ammonitrice sui pericoli dell’imprudenza e anche di una qualche islamofobia, che si andava ravvisando nella linea del giornale. Ma, al di là di alcune scompostezze tipiche della satira (che non hanno risparmiato neppure il papa), emblematica di quella linea è la recente vignetta, in cui Dio punta con il dito un musulmano armato di bastone, ricordandogli che “ Allah est assez grand pour défendre Mahomet tout seul … Compris? ”: ecco, espresso nel genere letterario della satira, ciò che in termini giuridici insegniamo nelle nostre università sui fondamentalismi religiosi che, all’insegna di un Dio che è solo con noi, minano alla base la convivenza pluralistica delle nostre società. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Le leggi antiebraiche del 1938 e la loro applicazione nella Facoltà giuridica della R. Università degli Studi di Roma - di Fabio Franceschi

Sommario : 1. Le leggi antiebraiche e il mondo accademico italiano. La R. Università degli Studi di Roma e, al suo interno, la Facoltà giuridica – 2. Una necessaria premessa: la penetrazione del fascismo all’interno della Facoltà giuridica romana – 3. Le leggi razziali del 1938. La questione della diversità giuridica dell’ebreo e il mondo dei giuristi – 4. L’applicazione della legislazione antiebraica nella Facoltà giuridica romana: la sospensione e la successiva dispensa dal servizio per “motivi razziali” di Giorgio Del Vecchio e di Gino Arias. Le vicende relative alla sostituzione delle cattedre vacanti nei verbali della Facoltà – 5. I docenti della Facoltà giuridica romana di fronte all’allontanamento dei colleghi di razza ebraica – 6. (segue) … e al problema rappresentato, sul piano giuridico, dalle leggi antiebraiche. Antisemitismo e questione della “diversità giuridica” degli ebrei nel pensiero e negli scritti degli accademici romani - 7. Le ripercussioni delle misure persecutorie sulla vita e sul pensiero dei docenti allontanati. Il caso specifico di Giorgio Del Vecchio – 8. L’abrogazione delle leggi antiebraiche. La Facoltà giuridica romana tra epurazioni e ritorni. Le (tormentate) vicende della reintegrazione di Giorgio Del Vecchio - 9. Un bilancio conclusivo.

Scarica il testo completo in PDF

Crisi della legge e aporie della scienza del diritto positivo: il dialogo fra Giorgio Del Vecchio e Arturo Carlo Jemolo tra le due Guerre - di Beatrice Serra

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Il rapporto fra i due Maestri- 3. Sulla crisi del diritto- 4. Sulla relatività dei concetti giuridici - 5. Postilla conclusiva.

Crisis of the law and contradictions of science of positive law : the dialogue of Giorgio Del Vecchio and Arturo Carlo Jemolo between the two world Wars.

ABSTRACT : The article analyzes the crisis of the law and the science of positive law in the dialogue between Giorgio Del Vecchio and Arturo Carlo Jemolo in the period between the two world Wars.

Scarica il testo completo in PDF

Centocinquant’anni di diritto canonico ed ecclesiastico nelle Università italiane. Prefazione - di Enrico Vitali

SOMMARIO: 1. I perché di una ricognizione storica – 2. Alcune indicazioni – 3. Alcune date importanti – 4. Dal Concordato del 1929 alla Costituzione repubblicana – 5. I nuovi indirizzi costituzionalistici – 6. La denominazione e le sorti del diritto ecclesiastico.

Scarica il testo completo in PDF

La grande Europa di Giovanni Paolo II - di Giovanni Barberini

SOMMARIO: 1. I confini dell’Europa nel pensiero di Karol Wojtyła - 2. Il Cristianesimo e l’ Europa - 3. La comune origine religiosa del continente europeo - 4. Un obiettivo caro a Giovanni Paolo II.

Scarica il testo completo in PDF

Il grido di Abacuc. La questione ecologica alla luce delle istanze del giusnaturalismo cristiano contemporaneo - di Cristiana Maria Pettinato

SOMMARIO: 1. Ecologia e religioni. Il rapporto uomo-natura nella visione escatologica dell’unità tra creazione e storia. Critiche all’antropocentrismo cristiano e derive panteistiche - 2. Chiesa cattolica e questione ecologica. Il nuovo imperativo categorico: l’ecologia umana nel Magistero pontificio post-conciliare - 3. L’ecologia umana come preoccupazione comune alle principali Chiese cristiane- 4. Riflessioni sulla causa del disastro ecologico umano-ambientale: la soluzione del problema nella natura giuridica della persona umana.

ABSTRACT: In the present work – based on a suggestion coming from the Scriptures- we investigated the relashionship between human disobedience to the commands of God and the revolt of the creation that manifests in the natural upheavals. Become one of the most challenging cultural issues for the modern world, even the religious faiths reflect on the ecological question, because it regards the deep relashionship between man and all over the world created. But the ebraic-christian monotheism develops an ontological doctrine of creation purposeful orientated toward redemption. The christian revolution is that man is the centre of the universe and ontological different from the others creatures, in respect of which is vested of responsability. But humanity power has become limitless, consequently new methaphisic and religious tendences offer a vision of nature deified (Deep ecology-Gaia), in which man depersonalized is privated of moral and legal responsibility. In post-conciliar magisterium Catholic Church addresses the ecological problem interpreting it as an anthropological question. It’s useless taking care of the environment without priority to the human rights. This is one of the most important principle of Social Doctrine of Catholic Church. The ecological disaster is an human fault, and the solution of this emergency is a revaluation of natural law, a duty for the common man and the jurist.

Scarica il testo completo in PDF

Sulla “democrazia liquida”. La segretezza del voto tra autonomia politica e bene comune - di Gianmarco Gometz

SOMMARIO: 1. La democrazia elettronica e il Problem of Scale – 2. La democrazia liquida – 3. Democrazia liquida e autonomia – 4. Segretezza del voto e autonomia – 5. Segretezza del voto e bene comune – 6. Conclusione

Scarica il testo completo in PDF

Giorgio Del Vecchio e Arturo Carlo Jemolo (frammenti di un carteggio) - di Beatrice Serra

SOMMARIO: 1. Introduzione – 2. Il rapporto scientifico: a) Il confronto sui rispettivi scritti - 3 - (segue): b) il lavoro per l‘Archivio Giuridico “Filippo Serafini” - 4. Il rapporto accademico. Il trasferimento di Jemolo alla Regia Università di Roma. Il valore formativo del diritto canonico. La recensione a Lezioni di filosofia del diritto (1930) – 5 . Un’amicizia.

Giorgio Del Vecchio and Arturo Carlo Jemolo (Fragments of correspondence)

ABSTRACT: The paper reconstructs the relationship between Giorgio Del Vecchio and Arturo Carlo Jemolo in the light of the correspondence kept in the Archive “Giorgio Del Vecchio” of the Philosophy of Law Library of the La Sapienza University of Rome.

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” - Editoriali • Abilitazioni e imparzialità dei commissari: polemiche, aspirazioni e realismo, tra idealità e dimenticanze (di g.c.) - di Giuseppe Casuscelli


SOMMARIO: 1. I fatti – 2. L’avvio della querelle – 3. La replica, le perplessità e le conseguenti decisioni - 4. Il fardello delle ideologie e le dimenticanze del passato – 5. Appartenenze dei commissari, imparzialità e neutralità dei giudizi – 6. Quali “controlli di neutralità”?
 

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” - O Roma quanta fuit! Tra scenate e svarioni dell’odierno S. Uffizio. Riflessioni sul can. 1378, § 2, a proposito del caso di Martha Heizer (di Francesco Zanchini di Castiglionchio) - di Francesco Zanchini


SOMMARIO : 1. Preambolo - 2. Qualificazione della fattispecie da parte del Dicastero ai fini della censura (che si asserisce irrogata “latae sententiae”) - 3. Comparazione del testo legale con l’anteriore disciplina (cfr. can. 2322, 1°, del codice Gasparri). Assurdità del suo inserimento tra i delicta graviora ... - 4. Tornare a un approccio pastorale delle questioni di fondo ... (il metodo è già conclusione!).
 

Scarica il testo completo in PDF

Libertà della scienza come premessa della libertà di insegnamento - di Piero Bellini

1 - È dato per scontato – negli anni in cui viviamo – che la “libertà del sapere” costituisca il necessario presupposto perché si possa vivere una esperienza culturale edificante: e si possa poi trasmettere le nostre acquisizioni, ponendo coloro che ci leggono e ci ascoltano non solo in condizione di apprendere, e di far proprio ciò che è consegnato alla loro attenzione e comprensione, sí anche in condizione di ripensare criticamente quanto appreso e spingersi oltre verso orizzonti più spazianti. Ciò diamo per pacifico. C’è lo garantisce la Costituzione democratica: «L’arte e la scienza sono libere e libero ne è l’insegnamento». E di conforto [per chi riponga la sua fede nella religione dominante] è la Costituzione pastorale Gaudium et Spes là dove attesta essere «proprio della persona umana il non poter raggiungere un livello di vita veramente e pienamente umano se non mediante la cultura». (continua)

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” - Editoriali • La pretesa del silenzio (di Giuseppe Dalla Torre) - di Giuseppe Dalla Torre

Incredibile: sull’ultimo numero di questa rivista appare l’articolo di un collega docente universitario che insinua la tesi per cui i docenti dell’Università Cattolica del Sacro Cuore non dovrebbero far parte, come invece previsto dalla legge, delle commissioni di concorso pubblico per il reclutamento della docenza universitaria. La ragione è presto detta: la loro appartenenza religiosa e l’obbligo di mantenerla, che qualifica il loro inserimento in un Ateneo cattolico, farebbe dubitare della loro imparzialità, principio essenziale nell’esercizio di pubblici uffici, in particolare in uno Stato laico. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Etica civile e beatitudini evangeliche - di Nicola Colaianni


SOMMARIO: 1. L’etica civile come etica costituzionale – 2. L’etica evangelica – 3. Irriducibilità? – 4. La promessa e il terzo – 5. La libertà – 6. Il tratto di cammino insieme.

ABSTRACT: The differences between civil ethic and religious ethic, that the Author defines as constitutional principles and evangelic Beatitudes, are well known: it’s common knowledge that the ones are effective in the earthly life while the others are oriented to the eternal life. Nevertheless the Author argues that they both have a common feature before that last analysis: they cross as principles of continuing opposition to unjust society, to “unlawful law”, to spreading apart between the constitutional and evangelic must be and the legislative being of positive law.
 

Scarica il testo completo in PDF

La transizione dell’Est Europa verso la libertà religiosa - di Federica Botti

SOMMARIO: 1. Stati a democrazia socialista, ateismo di Stato e libertà religiosa - 2. Dalla pentarchia patriarcale all’evoluzione della nozione di territorio canonico - 3. Sulla restituzione dei beni confiscati: vecchi conflitti e nuove prospettive - 4. Le Conferenze ecumeniche e la pacificazione tra le Chiese cristiane - 5. I problemi aperti: il rapporto della Chiesa cattolica con la Chiesa ortodossa del patriarcato di Mosca - 6. Le prospettive di azione comune delle Chiese nella difesa dei valori etici.

Scarica il testo completo in PDF

Raccomandazioni - di Francesco Onida

Par d’essere in Italia, una Repubblica fondata sulla raccomandazione. Dalla cultura cattolica della raccomandazione alla cultura criminale della corruzione. Fondamenti culturali di un percorso evolutivo e prospettive di superamento. (Continua)
 

Scarica il testo completo in PDF

Arturo Carlo Jemolo: una voce di “coscienza laica” nella società italiana del Novecento - di Sergio Lariccia

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La vita e l'opera di Jemolo negli anni 1905-1943 - 3. Oltre il 1944. Il contributo di Jemolo allo sviluppo della vita democratica in Italia - 4. Il principio di separazione tra stato e chiese. Il "dominio" delle chiese sulle coscienze - 5. La voce della coscienza: la "coscienza laica". Rassegna sulla laicità in Italia - 6. La partecipazione di Jemolo al "tentativo di revisione del concordato". Un motto spesso evocato: "Fa quel che devi, avvenga quel che può" - 7. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Eresie, povertà e potere nel monachesimo russo alla fine del XV secolo e all’inizio del XVI - di Giovanni Codevilla

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Il contrasto delle eresie: Iosif di Volok e Nil della Sora – 3. Le proprietà dei monasteri e della Chiesa – 4. Il Concilio del 1503: il clero vedovato, i diritti di stola e lo scontro tra non possessori e iosifljane – 5. Gli eredi spirituali di Nil della Sora – 6. Il fondamento divino del potere nel pensiero di Iosif di Volok – 7. Le conseguenze della vittoria dei seguaci di Iosif - 8. L’assolutismo autocratico - 9. Nota conclusiva.

The attitude of 15th and 16th century’s Muscovite monasticism towards heresy, poverty and power

ABSTRACT: The article analyzes the position of two rival monastic trends, the first represented by Nil from Sora and the latter by Iosif from Volok. The decision taken by the 1503 Moscow Church Council in favour of Iosif had important consequences for the future of Muscovy and Russia. Most important was strengthening the power of the czar vis a vis the metropolitan, hence the submission of the Church to the state, which was generated by an incorrect interpretation of Iosif’s thought.

Scarica il testo completo in PDF

Jurisdictional Immunities of the State and Exequatur of Foreign Judgments: a private International Law Evaluation of the Recent ICJ Judgment in Germany v. Italy - di Nerina Boschiero

SUMMARY: - 1. Introduction - 1.1. Historical and factual background of the ICJ’s decision in relation to proceedings involving Greek nationals - 2. The arguments of the Court on the private international law issue of jurisdictional immunity in exequatur proceedings - 2.1. Evaluation of the Court’s reasoning: its correctness and weakness in the light of the preliminary unconvincing solution given in respect to the violation of Germany’s jurisdictional immunity in proceedings brought before the Italian courts by Italian claimants - 2.2. The external private international law context of the ICJ’s judgment: the ECJ’s Lechouritou judgment - 2.3. The problematic role of secondary European legislation (in the field of judicial cooperation in civil matters) on human rights claims against a State - 3. The negative impact of the ICJ’s decision on the role of the national/international public order exception; critical assessment of the formalistic “procedure/substance” distinction with regard to criminal and civil proceedings - 3.1 The consequences for the fundamental individual right to have access to justice and the right to an effective remedy - 4. Conclusion.

Scarica il testo completo in PDF

Perché non possiamo non dirci tracciati: analisi ecclesiasticistica della pubblicità comportamentale on-line - di Dario Morelli

SOMMARIO. 1. Introduzione – 2. Cos’è la pubblicità comportamentale – 3. Perché e come la normativa sulla protezione dei dati personali si applica alla pubblicità comportamentale – 4. Le informazioni idonee a rivelare le convinzioni religiose e filosofiche degli interessati nella normativa sulla protezione dei dati personali – 5. La pubblicità comportamentale che usa dati personali idonei a rivelare convinzioni religiose e filosofiche degli interessati e quella che usa dati personali comuni – 6. La pubblicità comportamentale sensibile (a contenuto di proselitismo e a contenuto commerciale) – 7. La pubblicità comportamentale comune (a contenuto di proselitismo e a contenuto commerciale)

Scarica il testo completo in PDF

Accesso a internet, libertà religiosa informatica e buon costume - di Luca Pedullà

SOMMARIO: 1. Accesso a internet: nuove libertà e nuovi pericoli – 2. La formazione individuale del sentire religioso, oggi, nel nuovo contesto che potremmo definire di "libertà religiosa informatica" – 3. L'attuale senso della nozione di "buon costume" al vaglio del cyberspace e ipotesi de jure condendo.

Scarica il testo completo in PDF

Il capitalismo non è un termine evangelico. Una breve riflessione “sturziana” rileggendo l’Enciclica Caritas in veritate di Benedetto XVI - di Luigi Barbieri

SOMMARIO: 1. Economia e religione - 2. L’etica protestante e lo spirito del capitalismo - 3. L’etica cattolica e il capitalismo - 4. Il capitalismo buono e l’umanizzazione dell’economia - 5. Il capitalismo cattivo - 6. La riflessione di Luigi Sturzo.Brevi cenni.

ABSTRACT: The Encyclical Caritas in veritate, promulgated by Pope Benedict XVI in June 29th, 2009, omits faithfull the term capitalism, also used in the social doctrine of the Church by Pope Leo XIII in Rerum Novarum untill Centesimus Annus of John Paul II. Analysing the Encyclical and because of this omission, in the teaching of Pope Ratzinger may be felt appreciation for the market economy, different from the capitalist economy. This distinction had already made and proposed in the last century by Luigi Sturzo, sociologist and Catholic thinker, enlightened and free.
 

Scarica il testo completo in PDF

Mafie e Chiesa - di Nicola Fiorita

SOMMARIO: 1. I termini di un rapporto controverso – 2. Mafia e consenso sociale – 3. Ritardi e ambiguità dell’antimafia ecclesiale – 4. Da don Puglisi a mons. Bregantini: la sofferta nascita di una pastorale antimafiosa - 5. Dai singoli casi ai documenti ufficiali: la posizione della Chiesa-istituzione – 6. Vincere la mafia con la Chiesa e grazie alla Chiesa.

Scarica il testo completo in PDF