Rivista telematica (www.statoechiese.it)
Online dal gennaio 2007
Menu

Articoli in

Ritual Circumcisions of Minors: Civil and Criminal Perspectives - di Agustín Motilla

SUMMARY: 1. Introduction - 2. Parental authority and the inherent rights of the minor. The best interests of the minor - 2.1. Conflicting rights. The current understanding of parental authority - 2.2. Limits to parental authority. Personality rights - 2.3. The minor’s consent in surgical procedures - 2.4. Circumcision and the best interests of the minor. An act which falls within parental authority? - 3. Criminal responsibility in acts of circumcision for religious motives - 3.1. The criminal approximation to female genital mutilation - 3.2. Circumcision in criminal jurisprudence - 4. Concluding remarks. De iure condendo contributions.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà di scelta della terapia e violenza medica. Brevi considerazioni sul rifiuto delle trasfusioni di sangue dei Testimoni di Geova - di Pierluigi Consorti

SOMMARIO: 1. - Il “caso Oneda” - 2. -Evoluzione successiva e stato attuale - 3. - La violenza medica - 4. Conclusioni - Appendice.

Freedom of choice of therapy and medical violence. Brief Considerations on the Refusal of Blood Transfusions by Jehovah's Witnesses

ABSTRACT: This short essay considers the change in the jurisprudential orientation on the matter in the light of the recent regulatory and healthcare evolution. In Italy the debate began with the Oneda case, which saw the conviction of two parents who opposed the transfusions of their daughter - at the time the only known therapy to combat a severe form of anemia. Nowadays, this question must be contextualized in the light both of the principle of health self-determination and the possibility of the "bloodless" treatment. Therefore, the Court of Tivoli (the sentence is attached in appendix) recently convicted a doctor who transfused a dissenting patient for “private violence”.

Scarica il testo completo in PDF

Il problema della vulnerabilità nelle Raccomandazioni SIAARTI e nelle linee guida SIAARTI-SIMLA - di Camilla Della Giustina

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. La tutela della salute nell’emergenza sanitaria: le raccomandazioni e linee guida delle società scientifiche quali sintomi della crisi delle fonti del diritto - 3. Il concetto di vulnerabilità - 4. Le Raccomandazioni di etica clinica della SIAARTI del 6 marzo 2020: criticità - 5. Le linee guida SIAARTI-SIMLA: nulla di nuovo nelle scelte di triage – 6. Conclusioni.

The problem of vulnerability in the SIAARTI Recommendations and in the SIAARTI-SIMLA guidelines

ABSTRACT: During the health emergency from Covid-19 a situation of scarcity of health resources has been realized that has induced the SIAARTI to elaborate of the recommendations of clinical ethics. The latter are subject to multiple criticism because of the choice of criteria for allocation of resources because one of the criteria used is the chronological criteria. From this it was decided to analyze the condition of a category of vulnerable people, namely the elderly, during the health emergency. Subsequently, the position these subjects possess within the recommendations of clinical ethics of SIAARTI and the guidelines elaborated by SIAARTI and SIMLA was analyzed.

Scarica il testo completo in PDF

“La sfera e la croce”, ovvero i feti abortiti come rifiuto da distruggere o come resti mortali da onorare - di Abramo Dentilli

SOMMARIO: 1. L’art. 7 del d.p.r. n. 285 del 1990 - 2. Parti anatomiche amputate e rifiuti infettivi - 3. Riflessioni sul trattamento dei feti abortiti - 4. Qualche precisazione su temi connessi - 5. A mo’ di conclusione.

“The Ball and the Cross”: the fetuses aborted as medical waste to be destroyed or as mortal remains to be honoured

ABSTRACT: Is there an obligation for Italian hospitals to destroy aborted fetuses as infectious waste? Yes, for a recently published paper. On the contrary, we’ll se that, even without an explicit application of the mother, the hospital has the right not to destroy the aborted fetus, proceeding to its burial or cremation. In fact, it is necessary to interpret correctly the article 7 of the Decree of the President of the Republic n. 285 of 1990, also applying the rules on the treatment of medical waste. So it will be clear that the same regulations for the treatment of recognizable body parts must be applied to the treatment of aborted fetuses.

Scarica il testo completo in PDF

Gli “effetti secondari” (ma non troppo) della pandemia sul diritto ecclesiastico italiano e le sue fonti - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. Un contrasto “accademico” - 2. Sulla possibilità di porre restrizioni all’effettivo esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione: condizioni e limiti - 3. La necessità del ricorso al principio e al test di proporzionalità - 4. L’occasione mancata di un proficuo confronto - 5. Gli effetti secondari (ma non troppo) della pandemia: “fratture” e “passaggi” - 6. Alla declinante bilateralità in senso stretto si affianca la concertazione in ascesa: prospettive e vuoti – 7. I rischi della bilateralità “diffusa” – 8. Un cenno finale.

The "secondary” (yet not unimportant) effects of the pandemic on the Italian law and religion and its sources.

The author explains the reasons why the limitations of freedom of worship have been an issue of secondary interest to him during the pandemic. He stresses how the topic should be examined indipendently, as the limitations have affected all the democratic freedoms. The pandemic has made it clear that religious freedom cannot be considered as a “special right”. As other foundamental rights, this should also be subject to reasonable accommodation. The pandemic has also allowed the scholars to consider using new types of administrative arrangements to replace the “classic” agreements between the State and the religious organisations (“concordati” and “intese”).

Scarica il testo completo in PDF

Identità religiosa e diritto alla salute. Interazioni classiche ed emergenti - di Gaetano Marcaccio

Sommario: PARTE I: LE INTERAZIONI CLASSICHE - 1. Salute e religione, un tema tradizionale in evoluzione - 2. La “religione” come cura. Santoni e guaritori - 3. Libertà religiosa versus tutela della salute. Le pratiche di mutilazione genitale femminile - 4. (segue) La circoncisione maschile - PARTE II: LE INTERAZIONI EMERGENTI - 5. Il dissenso religioso al trattamento sanitario. Il caso dei testimoni di Geova, e non solo - 6. Le nuove frontiere di tutela della salute nella legge n. 219 del 2017. Gli effetti sull’identità religiosa del paziente-fedele - 7. (segue) Gli spazi di obiezione di coscienza del personale medico sanitario.

Religious identity and right to health. Classic and emerging interactions

ABSTRACT: The relationship existing between health and religion is innate. Legal systems started dealing with it since the first formulations about freedom of religion and right to health, in order to take care of the individual and collective needs. Taking this premise into account, the first part of the essay analyzes the classic interactions between health and religion, in which the latter replaces official medicine or prescribes harmful conduct. Consequently, legal systems have developed resolutive dialectics which can be applied to new specific cases brought by multiculturalism, like infibulation. In the second part, the essay examines the emerging interactions caused by a third party - the medical health personnel - owner of the duty of care and freedom of conscience, recreating the solutions offered by doctrine and law. Lastly, it focuses on the objections which can be moved by the medical health personnel, which are connected to early end-of-life dispositions (law n. 219/2017), proposing solutions to the lack of regulation left by the law.

Scarica il testo completo in PDF

Minoranze etnico-religiose in tempi di Covid-19: la Cina e la minoranza uigura, tra violazioni dei diritti umani e (mancata) tutela del diritto alla salute - di Silvia Angioi

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Il caso della minoranza uigura come caso studio, tra identità etnico-religiosa, violazioni dei diritti umani e misure di contrasto all’epidemia di Covid-19 - 3. (segue) in particolare, il problema dei campi d’internamento nello Xinjiang e l’epidemia di Covid-19 - 4. Il contrasto tra le norme internazionali sui diritti umani e le misure adottate nei confronti della minoranza uigura: in particolare, il problema dei campi d’internamento - 5. Il contrasto tra le norme internazionali in materia di diritto alla salute e lotta alle pandemie e le misure adottate nello Xinjiang in tempi di Covid-19 - 6. Conclusioni.

Ethnic-religious minorities in times of Covid-19: China and the Uighur minority, between violations of human rights and violations of the right to health

ABSTRACT: The recent outbreak of Covid-19 that originated in China, has brought the matter of state sponsored persecution of the Uighur minority in Xinjiang to the attention of the international community. The problem of discrimination and persecution of such ethno-religious minority is not new. However, the spread of epidemic, has represented an opportunity for the Chinese national authorities to tighten the measures which have long been adopted against the Uighur minority. This paper aims at highlighting the great impact Covid-19 has had on the repression of Uighur minority since it has led to a dramatic escalation of the systematic violation of human rights which includes not only mass detention in internment camps but also the violation of other fundamental human rights such as the right to health and to access healthcare

Scarica il testo completo in PDF

Svizzera e Italia: soluzioni di triage e medicina intensiva a confronto - di Federica Botti

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La strategia elvetica per fare fronte alla pandemia e le osservazioni da parte della Conferenza Episcopale Svizzera - 3. La situazione italiana di fronte alla pandemia e le scelte in campo medico. I limiti all’autodeterminazione attraverso la proposta di introdurre l’obiezione di coscienza - 4. Conclusioni.

Switzerland and Italy: triage and intensive medicine solutions in comparison

ABSTRACT: Italy and Switzerland are two very different countries. This diversity is particularly evident in the health sector, not only in terms of its organization and management, but above all in the different approach that each country has with regard to the health of its members. The exaltation of therapeutic self-determination by Switzerland clashes with the medical paternalism to which Italy remains nostalgically linked, despite the fact that the needs of Italian society have changed profoundly. However, the dramatic choices to which the spread of Covid-19 has led have created the conditions for an inevitable reversal of the trend on the part of Italy and its approach to Swiss policies in terms of defending the freedom of choice of the individual.

Scarica il testo completo in PDF

Il rifiuto delle vaccinazioni obbligatorie per motivi di coscienza. Spunti di comparazione - di Maria Luisa Lo Giacco

SOMMARIO: 1. Le “nuove” obiezioni di coscienza nelle società multiculturali. Il rifiuto dell’obbligo vaccinale - 2. Religioni e vaccini - 3. La situazione negli altri Paesi, in particolare il caso degli USA - 4. L’obbligo vaccinale in Italia - 5. È configurabile il diritto all’obiezione di coscienza rispetto alle vaccinazioni obbligatorie?

The Refusal of Mandatory Vaccinations for Conscientious Reasons. A Comparative Overlook

ABSTRACT: The paper analyzes the possibility to design a new shape of conscientious objection : the refusal of mandatory vaccinations due to religious or ideological reasons. Some religions are against vaccines because of the ingredients they contain. In other cases the refusal to be vaccinated is based on the idea that only God can protect health. The legislatures of some Countries recognize the conscientious objection to mandatory vaccinations. The paper focuses the topic in a comparative perspective, paying attention to the italian and european context.

Scarica il testo completo in PDF

The Alabama Human Life Protection Act: criticità giuridiche, contraddizioni assiologiche e dinamiche politiche evolutive - di Tommaso Scandroglio

SOMMARIO: 1. Oggetto del presente contributo e metodologia di ricerca - 2. Analisi giuridica e rilievi critici - 3. Il paradigma morale interno - 4. La dinamica evolutiva - 5. Conclusioni.

The Alabama Human Life Protection Act: juridical criticisms, moral contradictions and policy implications

ABSTRACT: The paper aims at analyzing and highlighting potential juridical criticism of the recent abortion law referred to as The Alabama Human Life Protection Act and verifying if the positive judgments, expressed by the international pro-life movement, and the potential legal, social and policy developments, triggered by this legislation, are consistent with the moral principles of the movement itself.

Scarica il testo completo in PDF

La questione della liceità della circoncisione “rituale” tra tutela dell’identità religiosa del gruppo e salvaguardia del diritto individuale alla integrità fisica - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. Notazioni introduttive - 2. La circoncisione “terapeutica” e quella “profilattica” - 3. La circoncisione “tradizionale” e quella (propriamente) “rituale” - 4. L’orientamento che giudica la pratica contraria ai diritti fondamentali del minore - 5. La circoncisione rituale ebraica e la legge 8 marzo 1989, n. 101 - 6. La circoncisione rituale tra libertà religiosa, diritto alla salute e diritto all’integrità fisica - 7. Osservazioni conclusive.

The issue of lawfulness of “ritual” circumcision: protection of collective religious identity versus violation of individual’s right to physical integrity

ABSTRACT: The present essay deals with the issue regarding the lawfulness of male “ritual” circumcision, that is performed for non-therapeutic reasons. Female genital mutilation (FGM) is considered as a violation of human rights in the Western world; on the contrary, male circumcision for non-therapeutic reasons is currently tolerated. However, in many Countries experts hightlighted the permanent effect of circumcision on bodily integrity and the special importance of the right to self-determination. The Author stresses problems that the circumcision poses in the Italian legal system, considering special legislation related to Jewis (law No. 101/1989) and case law that assesses the practice lawful in case it is performed with the parents’ consent and according to the rules of medical art.

Scarica il testo completo in PDF

Religione e guarigione: libertà religiosa e principio di autodeterminazione in materia di salute mentale (salus aegroti suprema lex o voluntas aegroti suprema lex) - di Cristiana Maria Pettinato

SOMMARIO: 1. Linee di lettura - 2. La guarigione forzata: i fatti di Vilnius - 3. Il percorso giudiziario che conduce alla decisione di Strasburgo - 4. La dissenting opinion: brevi appunti sul metodo -5. Il sofferto cammino della libertà religiosa tra fede, stregoneria e follia - 6. La forza terapeutica della libertà religiosa: “capacità-libertà” di credere e diritto di guarire - 7. La funzione politica della religione in terra lituana: semi di neo-confessionismo - 8. La sfida dell’inclusione dell’altro da sé: scelte etero-spirituali e prudentia iuris.

Religion and healing: religious freedom and the principle of self-determination in matters of mental health (Salus aegroti suprema lex o voluntas aegroti suprema

ABSTRACT: The case before the Court of Strasbourg, projects us into the most sacred and private dimension of the life of the human being: that of religious options. In the present case, a young woman with behavioral disorders, manifested even before joining the group close to the Movement founded by the Indian Master Osho, following undergoes a series of medical treatments obligatory that force her to the suspension of the religious practices to which she usually devotes for her own psychophysical well-being. But according to the opinion of the doctors these practices compromised the applicant's mental health status, representing a serious and ascertained danger. The doctor becoming the promoter of his patient's health, ends up interfering in the personal sphere of the girl's religious sentiment, trying to modify the choices deemed to be non-conforming to tradition and prejudicial to health, without scientific evidence and, exclusively, on basis of presumptions and religious prejudices. The facts give rise to some considerations on the methods and criteria for balancing the protection of the right to health, and self-determination in therapeutic choices, and the exercise of religious freedom in conditions of compromised mental health, and the risk of a reviving confessional in Lithuania.

Scarica il testo completo in PDF

Identità negate. Mutilazioni genitali femminili: la lotta dell’Europa contro una silenziosa violenza - di Tiziana Di Iorio

SOMMARIO: 1. Le pratiche di manipolazioni degli organi genitali femminili - 2. Procedura esercutiva e conseguenze degli atti di alterazione dei caratteri sessuali delle donne - 3. Radici socio-culturali delle pratiche di MGF - 4. Fattore religioso e atti modificativi dei genitali femminili - 5. Le strategie di prevenzione e di contrasto delle MGF nell’Unione europea - 6. Politiche legislative nella lotta contro le MGF - 7. Conclusioni.

Denied identities. Female genital mutilation: the fight of Europe against a silent violence

ABSTRACT: FGM refers to rituals of manipulation female genitalia and other procedures against female genital organs for non-medical reasons. Usually the practice is carried out on young girls, from childhood to teenagers. These rituals are carried out for cultural, religious and social reasons in the mistaken belief that they will produce a benefit to the girl (to safeguard her virginity, to prepare for marriage, etc.). No religious text prescribes the practice, but is rooted in the culture and beliefs of the communities that practice it. However some religious communities practice the FGM. Rituals do not help the health of the girl subjected, but they can lead to serious health complications or even to death of victim. So FGM is recognised a form of child abuse and a violation of women’s human rights. The EU is committed to eliminating FGM through strategic actions and legislative measures, but mainly changes in attitudes and beliefs among relevant communities are important to ensure FGM is abandoned. It is also important to fight FGM with direct involvement of the religious and political leaders of the communities where the rituals are diffuse. European States are called to cooperate with each other with strategic internal and external actions.

Scarica il testo completo in PDF

Dalla laicità dello Stato alla laicità per lo Stato. Il paradigma laico tra principio e valore - di Stefano Montesano

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Valori e principi: une necessaria distinzione - 3. La “supremazia” del metodo laico. Il problema del valore - 4. La laicità come mezzo e come fine: alcune considerazioni - 5. Dalla laicità dello Stato alla laicità per lo Stato - Segue: il caso dell’obiezione di coscienza nell’IVG. Le assolutezze dei fini alla prova dell’indipendenza etica - 6. Il valore della laicità come principio per la libertà.

From the secular State to secularism for the State. The lay paradigm between principle and value.

ABSTRACT: In the essay, the concept of secularity is examined both as a legal paradigm and as a value. The identified legal and philosophical perspectives represent potential reading keys that can guide the interpretative and implementing paradigm of laicity in a more coherent way with its historical-value reason.

Scarica il testo completo in PDF

Medicina di frontiera nel Mediterraneo multietnico, tra pluralismo etico, culturale e normativo - di Alberto Marchese

SOMMARIO: 1. Premessa: flussi migratori e problematiche sanitarie, una nuova sfida per la pacifica convivenza nel Mare nostrum - 2. Tutela della salute e normativa di riferimento: profili etico-giuridici - 3. Stranieri regolari e irregolari - 4. L’assistenza sanitaria per i “richiedenti asilo” - 5. Gli stranieri temporaneamente presenti (S.T.P.) - 6. Gli apolidi e i rifugiati per motivi politici - 7. Alcune notazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” - Editoriali • Il concorso per medici non obiettori all’IVG e il signor Traps (di Nicola Colaianni) - di Nicola Colaianni

1 - Un concorso “scomodo” quello bandito dall’ospedale “San Camillo” di Roma per l’assunzione di due medici da dedicare specificamente alle prestazioni assistenziali di interruzione volontaria della gravidanza (hinc: IVG) rese in attuazione della legge n. 194 del 1978. Di quelli che suscitano immediate reazioni emotive e ideologiche, ma spesso perciò giuridicamente banali e superficiali, tra favorevoli e contrari. Non è una patologia italiana, beninteso: in America essere pregiudizialmente pro life o pro choise, a prescindere da ogni valutazione di contesto, può determinare l’esito delle elezioni presidenziali. Le conseguenze dell’analoga contrapposizione, emersa dalla gran messe di interventi sulla stampa italiana nei giorni scorsi, sono molto meno preoccupanti ma nondimeno da non trascurare per la tenuta del principio di laicità dello Stato. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e circoncisione in Italia: una questione di specialità confessionale - di Antonio Angelucci

SOMMARIO: 1. Note introduttive - 2. La rilevanza sociale del fenomeno - 3. I principi costituzionali di riferimento - 4. La tutela pattizia ( segue ) - 5. ( segue ) e giurisprudenziale - 6. Circoncisione e sanità pubblica - 7. Riflessioni conclusive e prospettive.

Scarica il testo completo in PDF

Sanità, religione, immigrazione. Appunti per una realizzazione equa e sostenibile del diritto alla salute - di Beatrice Serra

SOMMARIO: 1. Considerazioni introduttive - 2. Incidenza delle categorie religiose e culturali sulla performance dei servizi sanitari: a) barriere comunicative e inefficacia delle prestazioni erogate - 3. ( segue ): b) un possibile esito: l’incremento della “medicina difensiva” - 4. ( segue ): c) consenso informato, distanza culturale e responsabilità medica - 5. ( segue ): d) diritto all’autodeterminazione terapeutica, cure non convenzionali e trattamenti sanitari culturalmente qualificati - 6. Per un’attuazione differenziata del diritto alla salute.

ABSTRACT: The paper analyzes the impact of religious and cultural factor in the therapeutic relationship and the performance of health services, highlighting the need for management policies of religious and cultural diversity to achieve strategies and approaches to fair and efficient health care.
 

Scarica il testo completo in PDF

Free to become martyrs? The right to refuse medical treatment on religious grounds in a comparative perspective - di Vincenzo Pacillo

SUMMARY: 1. Aim of the study - 2. Defining medical treatment- 3. Treatment, consent and “religious grounds” - 4. The right to express one’s religion and medical consent - 5. The legitimate limitations on the right to refuse a treatment on religious grounds - 6. Capacity to refuse a treatment - 7. The genuineness of consent - 8. Refusal and children’s best interest – 9. Conclusive remarks.


ABSTRACT: This study focuses on the right of patients to refuse medical treatments on religious grounds and on the (supposed) right to the parents to refuse medical treatments on behalf of their children, emphasizing the links and connections between the freedom of religion, the right to self - determination and the right to refuse medical treatment based on religious motivations. After a comparison between the norms devoted to rule the exercise of these rights in the English (and Welsh) and Italian legal systems, the article suggests that the approach of medical staff towards a Refusal of Medical Treatment on Religious Grounds ought to start an intercultural process. This process ought to be a cross - cultural dialogue devoted not only to translate medical language in a language which can be fully
understood by the patient, but also to create a reciprocal comprehension between the (mainstream) ethnocultural communication codes and instances of the staff and the (nondominant) ethnocultural (and religious) communication codes and instances of the patient (or of his/her parents).
 

Scarica il testo completo in PDF

Il Comitato europeo dei diritti sociali, lo stato di attuazione della legge italiana sulla tutela sociale della maternità e sull’interruzione volontaria della gravidanza e la sostenibilità pubblica dell’obiezione di coscienza - di Fabio Cembriani

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. I diritti sociali in Europa e il Comitato europeo sui diritti sociali (CEDS) - 3. Le decisioni di merito del Comitato europeo dei diritti sociali sull’attuazione nel nostro Paese della legge n. 194 del 1978 - 4. L’obiezione di coscienza e l’interruzione volontaria della gravidanza in Italia - 5. Le strade possibili per dare una sostenibilità pubblica all’obiezione di coscienza - 6. Alcune brevi considerazioni di sintesi.

ABSTRACT : The Author examines the decision of the European Committee of Social Rights (CEDS), which once again condemned Italy had not taken our country, compared to the large number of doctors objectors, no organizational measures to ensure the reproductive rights of women and the right to work of non-objectors. He thus addresses the issue of social rights in Europe and the role of guarantor of the CEDS to focus eventually on conscientious objection, which considers a fundamental right, which must, however, know how to give, not interfere collectability of other rights. Moreover, it indicates, finally, what are the possible ways to give concrete and practical sustainability of conscientious objection.

Scarica il testo completo in PDF

Segni sul corpo e ferite nell’anima. Manipolazione degli organi genitali dei minori e diritti violati - di Tiziana Di Iorio

SOMMARIO: 1. Le pratiche di manipolazioni degli organi genitali femminili – 2. L’art. 583 bis c.p. nella prassi applicativa – 3. La lotta alle mutilazioni e/o lesioni degli organi genitali femminili: strumenti adeguati o perfettibili? – 4. La circoncisione rituale maschile nell’ordinamento italiano – 5. Il differente trattamento giuridico della circoncisione maschile e femminile - 6. La circoncisione rituale maschile tra modalità di esecuzione e aspetti sanitari - 7. Funzione genitoriale, scelte educative e prassi circoncisoria maschile - 8. Conclusioni.

Marks on the body and wounds in the soul. The manipulation of the children's genital organs and violated rights

ABSTRACT : Females’ genital mutilation (FGM) comprises any alteration of the external female genitalia , for non-medical reasons. The practice has negative effects on the health and is a violation of human rights of girls and women. In Italy, according to the art. 583 bis Penal Code, any form of FGM is forbidden, including clitoridectomy, excision, infibulation and any other practice causing similar effects, or causing physical or mental disease. Conversely, male ritual circumcision is allowed. According to the author of this paper, genital manipulation practices on both sexes should be explicitly fought and they should be replaced with symbolic actions, in order to protect the minor’s body and soul.

Scarica il testo completo in PDF

Convinzioni religiose, riservatezza e prestazioni sanitarie - di Beatrice Serra

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Un controllo a iniziativa di parte: la prassi segnalata al Garante - 3. Il quadro normativo e concettuale d’immediato riferimento: a) la speciale qualità del dato raccolto - 4. (segue): b) la natura pubblica del titolare e i principi di finalità e indispensabilità - 5. I risultati dell’istruttoria - 6. La decisione dell’Autorità - 7. Osservazioni conclusive.

Religious beliefs, privacy and healthcare

ABSTRACT : The paper analyzes a decision of the Italian Data Protection Authority on the relationship between religious freedom and privacy in the healthcare context.

Scarica il testo completo in PDF

La salute del civis-fidelis nei distinti ordini dello Stato e della Chiesa cattolica. Le aspettative ascetiche della persona nella connotazione del bene salute - di Tiziana Di Iorio

Sommario : 1. Autonomia confessionale e sovranità dello Stato: la distinzione tra ordini “distinti” – 2. Il principio di laicità e la valorizzazione delle differenze, nell’inderogabile esigenza di salvaguardia dei diritti della persona – 3. Tutela della salute: diritto fondamentale della Costituzione italiana – 4. La dimensione ascetica dell’individuo nella concezione giuridica del bene salute – 5. La salute nell’ordinamento canonico: connotazione di un bene con valore relativo – 6. La realizzazione “responsabile” della salute e la sua intrinseca connessione con la salvezza nella Chiesa – 7. La sana cooperatio tra Stato e Chiesa nella tutela della salute del civis-fidelis – 8. Conclusioni.

Health of the civis-fidelis in the different systems of the Italian State and the Catholic Church. The spiritual needs of the individual as included in th e meaning of health

ABSTRACT: The meaning of "health" in a legal system depends upon its culture and social development, so that time and space influence the way protection is offered. Nowadays the idea of “health” has enlarged. In the past the meaning of health was intended as a mental-physical well-being; it has now gradually developed to a larger meaning, including a complete physical, mental and social well-being and not merely the absence of disease. Along with Italian constitution, Italy has to pursue and protect the health of any individual, not just citizens. Health is also protected by the Church as a precious gift given by God to man and is closely linked with salvation. Man is called to protect the value of this gift in its widest configuration. Therefore the integral protection of health requires to take into account all the dimensions of the individual, both as civis and fidelis. In order to reach this target it is necessary an open dialogue between civil authorities and religious institution; its importance relies on the primacy of the individual and includes the care of his dignity and the respect of his rights, in mutual respect for the autonomy of the two orders, whose relations are to be seen as a single track and a vital bulwark, a vision inspired by the liberal-democratic system.

Scarica il testo completo in PDF

La laicità della cura (a margine della sentenza del Consiglio di Stato n. 4460 del 2014 sulle direttive anticipate di trattamento) - di Simona Attollino

SOMMARIO: 1. L’assenza di una disciplina legislativa - 2. Un servizio pubblico laico. Il dictum del Consiglio di Stato - 3. Definire la “cura” in un contesto multireligioso - 4. Una soluzione eticamente sostenibile - 5. Riflessioni conclusive.

ABSTRACT : This paper examines a recent decision of the Italian State Council relating to the life-sustaining treatment and advance directives. This decision - which is notable for having shared a secular notion of "health care" - does not fail to emphasize the need for an incisive intervention of the national law that aims at regulating the so-called "good death".

Scarica il testo completo in PDF

Legal guarantees for the protection of the rights to life and to health care of the child extracted alive as a result of abortion - di Alexandra A. Ponkina Igor V. Ponkin

SUMMARY: 1. Problem description - 2. State of Russian Legislation regulating of the legal status of the child extracted alive as a result of abortion - 3. Legal basis for the recognition of human dignity and the right to life of the child extracted alive as a result of abortion - 4. Legal guarantees of recognition of the right to life and human dignity of the child extracted alive as a result of abortion and emergency medical care in foreign legislation - 5. Conclusions.

Scarica il testo completo in PDF

Sul dibattito scientifico e religioso in tema di “fine vita”: accanimento terapeutico, stato vegetativo ed eutanasia - di Germana Carobene

SOMMARIO: 1. Il problema dell'eutanasia e il diritto alla salute - 2. Profilo medico-scientifico: definizione di morte, stato vegetativo; 3. Posizioni dottrinarie della Chiesa Cattolica - 4. Etica protestante - 5. Considerazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Brevi riflessioni in tema di procreazione medicalmente assistita a partire dalla sentenza n. 162 del 2014 della Corte costituzionale - di Cristina Dalla Villa

SOMMARIO: 1. La fine del divieto di fecondazione eterologa in Italia – 2. Dignità umana e tradizione dottrinale in ordine alla procreazione – 3. La logica della donazione nel Magistero della Chiesa – 4. Duttilità disciplinare e opportune cautele: le tematiche aperte dalla Consulta.

Scarica il testo completo in PDF

Obiezione di coscienza e interruzione volontaria della gravidanza: la prevalenza di un’interpretazione restrittiva - di Simona Attollino

SOMMARIO: 1. La disciplina costituzionale del fenomeno religioso alla prova dell’obiezione di coscienza e l’obbligo della negoziazione - 2. L’obiezione di coscienza fra interpretazione estensiva “in uscita” (Cass. Sez. pen., n. 14979 del 2013), … - 3. (segue) … interpretazione restrittiva “in entrata” (Tar Puglia, n. 3477 del 2010) ... – 4. (segue) … e orientamento trasversale (ordinanza Trib. Spoleto, n. 60 del 2012). Ovvero, quali limiti all’obiezione del giudice? – 5. Prime considerazioni conclusive.

ABSTRACT: This paper analyzes the phenomenon of conscientious objection, with particular reference to the voluntary interruption of pregnancy. The author analyzes the different legal interpretations, concluding that the prevalence of a restrictive interpretation of the institute, which permits only objection to the interruption of pregnancy and excludes, therefore, all preparatory and subsequent surgery.

Scarica il testo completo in PDF

Quando il legislatore predilige un punto di vista etico/religioso: il caso del divieto di donazione dei gameti - di Giovanni Di Cosimo

SOMMARIO: 1. Laicità – 2. Eguaglianza e pluralismo – 3. La questione – 4. Strategie: riformulazione – 5. Parallelo – 6. Strategie: minimizzazione – 7. Controvertibilità – 8. Norme – 9. Paternalismo.
 

Scarica il testo completo in PDF

Multiculturalità, “diritti” e differenziazioni giuridiche: il caso dei trattamenti sanitari - di Giancarlo Anello

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Multiculturalità, “diritti” e trattamenti sanitari - 3. Alcune problematiche del cd. testamento biologico in una prospettiva interculturale - 4. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Quando l’interruzione volontaria della gravidanza solleva ancora discussioni nello Stato e nella Chiesa - di Daniela Milani

SOMMARIO: 1. Obiezione di coscienza e aborto fra diritti riconosciuti e negati in attuazione della legge n. 194 del 1978. - 2. La Chiesa cattolica di fronte alla soppressione del concepito: foro interno e peccato. - 3. (segue) … foro esterno e delitto. - 4. Apparenti (?) divergenze di opinione tra Chiesa universale e locale di fronte all'aborto di una “madre-bambina”. - 5. (segue) … il diritto alla vita: una legge naturale obiettiva non derogabile in sede civile.

Scarica il testo completo in PDF

Medici obiettori e consultori pubblici. Nota a T.A.R. Puglia (Bari), sez. II, 14 settembre 2010, n. 3477 - di Davide Paris

SOMMARIO: 1. Introduzione – 2. La ratio decidendi: l’(inaccettabile) interpretazione restrittiva dell’ambito di applicazione dell’obiezione di coscienza – 3. La contraddittorietà della pronuncia – 4. Una vittoria per gli obiettori di coscienza?

Scarica il testo completo in PDF

Libertad de conciencia y derecho a la asistencia sanitaria pública (Particular conflicto en el caso de los testigos de Jehová) - di Mercedes Vidal Gallardo

SUMARIO: 1. Introducción - 2. Fundamento de los derechos que asisten al paciente de los servicios públicos de sanidad – 3. Libertad de conciencia versus asistencia sanitaria pública - 4. ¿Tiene el Testigo de Jehová derecho al reintegro de los gastos médicos? – 4.a. La asistencia sanitaria concebida como un servicio público esencial – 4.b. Delimitación conceptual de la “denegación injustificada de asistencia sanitaria” – 4.c. La denegación injustificada de asistencia en el ordenamiento jurídico español - 4.d. La situación de los Testigos de Jehová: ¿un supuesto de denegación injustificada de asistencia médica? - 5. Valoración jurisprudencial del conflicto de derechos – 5.a. Resolución del conflicto por el Tribunal Constitucional – 5.b. Resolución del conflicto por el Tribunal Supremo – 5.c. Posicionamiento de los Tribunales Superiores de Justicia - 6. Conclusiones.

Scarica il testo completo in PDF

Il valore del dissenso al trattamento sanitario nell’ordinamento giuridico. Un difficile bilanciamento di principi - di David Durisotto

SOMMARIO: 1. Il ruolo del consenso del paziente per l’esecuzione di un trattamento sanitario - 2. Il consenso informato: contenuto dell’obbligo informativo - 3. Titolarità del consenso. Il ruolo del minorenne - 4. Attualità del consenso e incoscienza del paziente: lo stato di necessità - 5. Revocabilità del consenso. La revoca del consenso per l’accesso alle tecniche di fecondazione medicalmente assistita - 6. Il principio di autodeterminazione e le direttive anticipate sulle cure mediche - 7. Amministrazione di sostegno e testamento biologico -  8. Il rifiuto delle cure nelle vicende di fine vita. Il caso Welby - 9. segue: lo stato vegetativo cd. persistente e la vicenda Englaro. Un difficile bilanciamento di principi.:

Scarica il testo completo in PDF

Eutanasia e testamento biologico nel magistero della Chiesa cattolica - di Marco Canonico

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Il fondamento naturale del diritto canonico e l’indisponibilità dei relativi contenuti - 3. La concezione cristiana della vita - 4. Il precetto di non uccidere - 5. L’eutanasia come violazione del divieto di uccidere - 6. La posizione della Chiesa cattolica riguardo all’accanimento terapeutico ed alle cure palliative - 7. L’applicabilità dei principi in tema di eutanasia alla prospettiva del cd. testamento biologico - 8. Riflessioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

La Cassazione fra coscienza e incoscienza - di Giovanni Di Cosimo

Come si stabilisce quali sono le convinzioni di coscienza di una persona in stato di incoscienza? Lo spinoso interrogativo accomuna due recenti decisioni della Corte di Cassazione relative a persone in stato di incoscienza che, prima di cadere in tale condizione, hanno manifestato contrarietà per motivi di coscienza al trattamento medico cui sono attualmente sottoposte. L’opposizione assume forme diverse: precedenti dichiarazioni orali nel caso di una persona in stato vegetativo permanente che viene sottoposta a idratazione e alimentazione artificiali; possesso di un cartellino con la scritta “niente sangue” nel caso di una persona in stato di incoscienza che viene sottoposta a trasfusione sanguigna. In entrambi i casi il trattamento medico consente di evitare la morte della persona; tuttavia, nel primo serve più precisamente a tenerla «in vita biologica non cognitiva»; nell’altro serve «a salvare la vita del paziente». (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Roma locuta, causa (quasi) finita. La controversia Roma – Conferenza episcopale tedesca in merito ai consultori per le gestanti - di Stefano Testa Bappenheim

Anni addietro, l’allora cardinal Ratzinger segnalava, a proposito delle conferenze episcopali, la possibilità che le posizioni di minoranze intraprendenti, determinate ad andare verso direzioni precise, potessero riuscire a condizionare l’assemblea. Che dire, però, quando non d’una minoranza si tratti, bensì della metà esatta d’una conferenza episcopale? Nel 1976 venne introdotta, in Germania, una legge che depenalizzava l’IVG a condizione che la gestante si trovasse in determinate condizioni, accertate da un medico, e si fosse preventivamente rivolta ad un centro di consulenza (gestito direttamente da un Land, od anche da organizzazioni private autorizzate), il quale era obbligato a rilasciare un certificato d’avvenuta consulenza (il Beratungsschein), che era, perciò, indispensabile per potersi rivolgere ad una struttura sanitaria per l’intervento. (Continua)
 

Scarica il testo completo in PDF

Laicità e diritto privato - di Guido Alpa

SOMMARIO: 1. Laicità: definizioni - 2. Il problema della laicità nel diritto privato – 3. Laicità e rapporti di diritto privato – 4. Giurisprudenza recente – 4.1. Procreazione artificiale – 4.2. Esposizione dei simboli religiosi – 4.3. Licenziamento del dipendente per contrasto con la tendenza dell’impresa datoriale - 5. Congedo - 6. Appendice – 6.1. Lo statuto dell’embrione tra libertà, responsabilità, divieti – 6.1.1. Spetta al giurista definire lo statuto dell’embrione? – 6.1.2. La risposta del giurista è condizionata dal metodo? – 6.1.3. Il dibattito apertosi in Europa tra studiosi di diverse discipline ha segnato percorsi fruibili dal legislatore? – 6.1.4. Quali proposte si erano formulate nell’esperienza italiana? – 6.1.5. Il diritto europeo e il diritto comunitario possono soccorrere il giurista italiano? – 6.1.6. Il modello inglese può costituire un’alternativa possibile? – 6.1.7. Si può costruire lo statuto dell’embrione soltanto su regole che impongano divieti? – 6.1.8. Da dove ripartire per definire un modello accettabile? – 6.2. Il danno da procreazione e il diritto a nascere sani – 6.3. Il principio di autodeterminazione e le direttive anticipate sulle cure mediche – 6.3.1. Premessa – 6.3.2. La prima fase del dibattito. Accanimento terapeutico e diritti dei malati e dei morenti – 6.3.3. La seconda fase del dibattito. Il “testamento biologico” – 6.3.4. La terza fase del dibattito. La dignità del morente – 6.3.5. La situazione attuale. Utilità dell’intervento legislativo – 6.3.6. Conclusione.

Scarica il testo completo in PDF

Educazione religiosa e tutela del minore nella famiglia - di Maria Luisa Lo Giacco

SOMMARIO: 1. Educazione religiosa e diritti dei genitori: le norme costituzionali e le richieste delle religioni - 2. Educazione religiosa del minore, crisi della famiglia ed affidamento dei figli - 3. Ipotesi di conflitto tra diritto-dovere dei genitori all’educazione religiosa dei propri figli e tutela del diritto alla salute dei minori: i trattamenti sanitari - 4. Educazione religiosa familiare e tutela della libertà religiosa dei minori nelle scuole: la questione dei simboli religiosi.

Scarica il testo completo in PDF

L’Unione europea ed i diritti fondamentali: l’accordo tra la Santa Sede e la Slovacchia sull’obiezione di coscienza al vaglio del Parlamento europeo - di Natascia Marchei

SOMMARIO: 1. La bozza di accordo tra la Santa Sede e la Slovacchia in materia di obiezione di coscienza e l’intervento del Parlamento europeo - 2. La “competenza” dell’Unione europea in materia di diritti fondamentali: brevi cenni - 3. Il parere redatto dal gruppo di esperti: il diritto di accesso effettivo all’aborto - 4. Segue. L’indicazione di dettaglio dei limiti a cui deve essere sottoposto il diritto all’obiezione di coscienza - 5. La posizione privilegiata della Chiesa cattolica e la protezione del diritto fondamentale di libertà religiosa.