Rivista telematica (www.statoechiese.it)
Online dal gennaio 2007
Menu

Articoli in

“La sfera e la croce”, ovvero i feti abortiti come rifiuto da distruggere o come resti mortali da onorare - di Abramo Dentilli

SOMMARIO: 1. L’art. 7 del d.p.r. n. 285 del 1990 - 2. Parti anatomiche amputate e rifiuti infettivi - 3. Riflessioni sul trattamento dei feti abortiti - 4. Qualche precisazione su temi connessi - 5. A mo’ di conclusione.

“The Ball and the Cross”: the fetuses aborted as medical waste to be destroyed or as mortal remains to be honoured

ABSTRACT: Is there an obligation for Italian hospitals to destroy aborted fetuses as infectious waste? Yes, for a recently published paper. On the contrary, we’ll se that, even without an explicit application of the mother, the hospital has the right not to destroy the aborted fetus, proceeding to its burial or cremation. In fact, it is necessary to interpret correctly the article 7 of the Decree of the President of the Republic n. 285 of 1990, also applying the rules on the treatment of medical waste. So it will be clear that the same regulations for the treatment of recognizable body parts must be applied to the treatment of aborted fetuses.

Scarica il testo completo in PDF

Il crocifisso e i diritti del lavoratore nell’ambiente scolastico (aspettando le Sezioni Unite della Cassazione) - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. Un nuovo tipo di approccio alla vexata quaestio della legittimità dell’esposizione del crocifisso nelle aule scolastiche italiane - 2. L’ordinanza della Cassazione 18 settembre 2020, n. 19618: i fatti di causa e lo svolgimento del giudizio di merito - 3. I diritti nell’ambiente scolastico rivendicati dal ricorrente e l’inquadramento della vicenda operato dalla Cassazione - 4. L’(ingiustificata) esclusione dalla sfera applicativa del regio decreto n. 965 del 1924 delle scuole secondarie superiori - 5. I presupposti per far valere una discriminazione indiretta ai danni del lavoratore - 6. L’incongruenza della tesi che desume l’esistenza di una “finalità legittima” del trattamento differenziato dall’esigenza del rispetto della “coscienza morale e civile degli alunni” come declinata dalla “volontà della maggioranza” dei medesimi - 7. La diversa ipotesi della “finalità legittima” del trattamento differenziato dipendente da una decisione rientrante nelle competenze degli organi di autogoverno della scuola - 8. Gli scenari futuribili.

Crucifix and workers’ rights in the school environment (waiting for the United Sections of the Court of Cassation)

ABSTRACT: This paper examines the question of whether the display of crucifixes in public school classrooms is compatible with workers’ rights, in particular the right of teachers not to be discriminated against. To do so, it takes as its starting point a recent ruling by the Court of Cassation, which referred the matter to the United Sections of the same Court for a decision.

Scarica il testo completo in PDF

Suiza y el veto al burqa - di Agustín Motilla

El pasado 7 de marzo se celebró en Suiza un referéndum, propiciado por un partido de la derecha del país, a fin de prohibir el uso del burqa y el niqab islámico en los espacios públicos; aunque encubierta bajo la propuesta, aparentemente neutral, del veto a toda indumentaria que oculte el rostro de la persona. Los resultados arrojan la victoria de los partidarios del sí por una exigua mayoría (el 52% de los votos); lo cual refleja la división social existente. Ahora deberá ser el Gobierno suizo el que presente una ley en este sentido para su aprobación parlamentaria. Los carteles de propaganda del partido Unión Democrática de Centro, propugnador de la consulta, reflejan bien la motivación del veto. La cara de una mujer con el niqab a la que solo se ven los ojos se acompaña con un pie de cartel con la siguiente leyenda: “Paremos el extremismo. Sí a la prohibición”. Lo más llamativo es la expresión de la escasa zona del rostro de la mujer que se ve: el entrecejo fruncido, las cejas curvadas hacia el centro enmarcan unos ojos coléricos. Se diría que está amenazando al espectador. El cartel de propaganda es revelador del mensaje que se intenta transmitir, el mensaje del miedo; o, más allá, la identificación del musulmán con el violento, el terrorista. (segue)

Scarica il testo completo in PDF

L’antinomia del reato culturalmente motivato. Ipotesi giusfilosofiche per un ripensamento - di Rosaria Pirosa

SOMMARIO: 1. La figura del “reato culturalmente motivato” e l’idea di multiculturalismo - 2. L’eterogeneità della categoria dei reati culturalmente motivati. Il principio di offensività come canone ermeneutico e veicolo di un approccio interdisciplinare - 3. Il “porto” del kirpan: l’approccio ‘fonografico’ del giudice di legittimità nell’ordinamento italiano - 4. La reasonable accomodation nell’interpretazione pluralista della Corte Suprema Canadese attraverso il caso Multani. Spunti per una comparazione - 5. L’„accomodation” alla prova del paradigma sicuritario. La vicenda del riconoscimento della personalità giuridica della comunità sikh in Italia.

Rethinking the antinomy of the cultural offence. Hypotheses from a legal-philosophical perspective

ABSTRACT: The essay is intends to problematize the epistemological perspective which, in the Italian system, upholds the judicial interpretation related to the cases that can be ascribed to the category of the so-called cultural offence. In this regard, t he article is focused on the case-law concerning the religious practices of the sikh believer and on the legal recognition affair of Sikhism in Italy, identifying this empirical field as a privileged observatory. The topic of the analysis, through the Canadian approach, makes it possible to assess the canons of the prevailing hermeneutics in matter and to envisage hypotheses toward a rethinking of the theoretical assumptions underlying the criminal law enforcement, especially considering non offensive conduct of a religious nature.

Scarica il testo completo in PDF

Culturally Motivated Crimes: the Cultural Test in the Italian Jurisprudence. A Comparative Study - di Sophie Charlotte Monachini

SUMMARY: 1. Key terms and definitions - 2. Two ways to look at culturally motivated crimes: the case of the kirpan in the Italian and in the Canadian jurisprudence - 3. Moving forward: the Italian Court of Cassation n. 29613/2018 - 3.1. Cultural tests: a comparative insight - 3.2. The cultural test in the Italian judgment of 2018 - 4. Final remarks.

ABSTRACT: The aim of this article is to analyze culturally motivated crimes with a comparative focus and a case law approach. First of all, a set of definitions is given to have a common and shared understanding of the topic at stake. What is culture and what do we mean by culturally motivated crimes? Secondly, a comparative case-law study helps to focus the possible different solutions given to the cultural factor in criminal law. In fact, some legal systems -such as the Canadian one - appear to be more willing than others to make concrete accommodations of cultural differences. Lastly, the latest Italian Court of Cassation suggests a possible direction to be taken to better treat culturally motivated crimes in today’s multicultural society. What does it mean for criminal law to be culturally sensitive? How can courts take into consideration cultural factors through a proper legal method? These are the main questions on which criminal doctrine has focused its attention trying to reshape a criminal model which can be responsive to those different cultural values, needs and interests.

Scarica il testo completo in PDF

Accomodamenti ragionevoli basati sulla religione tra diritto antidiscriminatorio e diversity management - di Barbara G. Bello

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Premessa teorica: la funzione di orientamento sociale del diritto - 2.1. Chiarezza dei messaggi normativi (a monte) - 2.2. Chiarezza dei messaggi normativi (a valle) - 3. Accomodamenti ragionevoli nel diritto antidiscriminatorio dell’Unione europea - 3.1. Perché manca una disposizione sugli accomodamenti ragionevoli basati su tutti i fattori? - 3.2. Perché ampliare la norma sugli accomodamenti ragionevoli? - 4. Dalla norma inderogabile al diversity management - 5. Ripensare il diritto antidiscriminatorio e il diversity management in una prospettiva interculturale - 6. Considerazioni conclusive.

Reasonable Accommodation Based on Religion in Law and Diversity Management

ABSTRACT: The ban on discrimination against workers grounded on religion is a fundamental principle enshrined in the European Union’s primary legislation and anti-discrimination law. However, currently, there is no binding provision at this level of legislation which imposes on employers to adopt reasonable accommodation based on this category. Many scholars promote the adoption of this measure based on religion. Still, the recent jurisprudence of the Court of Justice does not seem encouraging in this sense. In light of this situation, the article aims to investigate the reasons underlying the limitations of the hard law provisions and the implications of the shift from the level of the mandatory norm to that of policy and diversity management in accommodating religious diversity at work, with particular regard to Muslim women working in the private sector. European institutions seem to delegate the law-related function of social orientation to policy and diversity management. Various critical issues emerge from this process of de-juridification, although diversity management generates some good practices, also within the so-called Diversity Charters. With the aim to support the implementation of reasonable religion-based accommodation, this article suggests rethinking the anti-discrimination law and diversity management from an intercultural perspective.

Scarica il testo completo in PDF

Turkish secularism’s ordeal with lucifer at Strasbourg: reflexions inspired by the Işik v. Turkey case - di Emre Öktem


SUMMARY: 1. Preliminary remark - 2. The Işık v. Turkey case before the European Court of Human Rights and its background - 3. The previous case-law of the ECtHR in connection with the Işık case - 4. A new protagonist on the Strasbourg stage: The Religious Affairs Directorate - 5. Follow-up cases and subsequent developments – 5.1. ECtHR’s case law – 5.2. Domestic law - 6. Instead of a conclusion: trying to analyse an identity crisis.


 

Scarica il testo completo in PDF

La delibera ʻanti-veloʼ della Giunta lombarda e il nuovo paradigma della pubblica sicurezza - di Andrea Cesarini

Sommario: 1. Società democratica e simboli religiosi - 2. La delibera di Giunta e l’ordinanza del Tribunale. La delicata sovrapposizione delle esigenze di riconoscibilità e di identificazione - 3. La sentenza di secondo grado. Il primato assiologico della pubblica sicurezza - 4. Sicurezza percepita e insicurezza dei diritti - 5. Conclusioni.

The ʻAnti-veilʼ Ruling of Lombardy Executive Committee and the New Paradigm of Public Security

ABSTRACT: On 10 December 2015, Lombardy Executive Committee approved a ruling which forbids the access to some public facilities to people who wear types of clothing aimed at covering the face. This ruling, whose object is to prevent any dangers that could affect public security, risks to discriminate Muslim women who wear an integral veil for religious reasons. With a controversial judgement, the Milan Court of Appeal confirmed the legitimacy of the provision. Contrarily to the opinion of the Court, this essay aims at proving that the Regional ruling couldn’t effectively get through a proportionality test, given the excessive intensity of the prohibition. In addition, other doubts are risen by the meaning of public security expressed by the provision.

Scarica il testo completo in PDF

Il porto di simboli religiosi nel contesto giudiziario - di Adelaide Madera

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Simboli religiosi e sfera pubblica - 3. Il ruolo della giurisprudenza e il difficile rapporto con l’Islam - 4. Il porto di simboli religiosi nel contesto giudiziario - 5. Le pronunzie Hamidović v. Bosnia and Herzegovina e Lachiri v. Belgium - 6. Presenza o no di una base normativa che valga a giustificare la restrizione della libertà religiosa - 7. La tensione fra il test di proporzionalità e il margine di apprezzamento - 8. La connessione fra posizione individuale e istituzione pubblica …- a) … nel caso Hamidović - b) … nel caso Lachiri - 9. Disamina breve delle pronunzie in materia di porto di simboli e della loro ratio - 10. L’analisi del limite “dei diritti e delle libertà altrui” - 11. Una svolta a favore delle minoranze? - 12. La questione irrisolta di forme religiosamente motivate di face covering in ambito europeo - 13. L’uso di abbigliamento religiosamente caratterizzato nell’ambito delle aule giudiziarie in Canada: l’opinione di maggioranza nella pronunzia R. v. NS. - 14. La concurring opinion del giudice LeBel - 15. La dissenting opinion del giudice Abella - 16. Le potenziali ricadute della pronunzia canadese sulla libertà religiosa individuale e su quella del gruppo di appartenenza - 17. La giurisprudenza canadese successiva - 18. Il porto di simboli religiosi nelle aule giudiziarie negli U.S.A. – 19. Il porto del niqab nelle aule giudiziarie negli U.S.A. - 20. La questione del niqab nelle aule giudiziarie in Australia - 21. Le corti e le minoranze: un tentativo di comparazione fra la giurisprudenza dei giudici extraeuropei di common law … - 22. … e la giurisprudenza della Corte europea - 23. Lo strumento dell’„accomodamento ragionevole” negli ordinamenti extraeuropei di common law - 24. La possibilità del “trapianto” dell’accomodamento ragionevole in ambito comunitario. Il caso Eweida - 25. La conciliabilità del parametro dell’accomodamento ragionevole con gli standard della Corte europea - 26. La garanzia di propozionalità in ambito europeo e i suoi limiti - 27. Il limite del margine di apprezzamento - 28. La necessità di un più rigoroso bilanciamento fra margine di apprezzamento e principio di proporzionalità - 29 Le potenzialità del “ragionevole accomodamento” nell’ambito convenzionale europeo - 30. Una valutazione comparativa del rapporto fra libertà di espressione religiosa “privata” e spazio “pubblico” - 31. La libertà di manifestazione religiosa dei privati nelle aule giudiziarie … - a) … in ambito europeo - b) ... in ambito extraeuropeo - 32) Annotazioni riepilogative.

Religious Garb in the Courtroom

ABSTRACT: The present essay analyses the crucial issue of the freedom to wear religious garments in the courtroom. It provides a comparative survey of European, U.S., Canadian and Australian case law, investigating how they are facing the question concerning the place of religious expression in the public square, and taking into consideration different legal frameworks and their recent developments.

Scarica il testo completo in PDF

Mercificazione e strumentalizzazione dei simboli religiosi nello stato laico - di Gianfranco Macrì

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Fattore religioso e società multiculturale: alla ricerca di uno spazio giuridico dai contorni flessibili - 3. Crisi della rappresentanza e “resilienza laica” - 4. La politica a favore (o contro) i simboli e la funzione dello stato laico - 5. Uso patologico dei simboli religiosi e nuove “mappe giuridiche” (… oltre il diritto pattizio) - 6. Conclusioni.

Commodification and instrumentalization of religious symbols in the secular State

ABSTRACT: The article deals with religious symbols and their use in the public and legal sphere by political actors. Following some recent events, the author shows that the (mis)use of symbols in political life generates disorientation in both social and electoral dynamics. Such (mis)use is also relevant to positive and secular law, insofar this latter is called to regain its natural flexibility, to meet new needs of individuals and collective formations, induced by social changes of multicultural society.

Scarica il testo completo in PDF

La prohibición del velo integral en Italia y España: el caso lombardo y el catalán - di Rafael Valencia Candalija

SUMARIO: 1. Introducción - 2. Planteamiento del problema y antecedentes en Europa - 3. El velo integral en la legislación italiana - 4. La sentencia del Consiglio di Stato italiano núm. 3076, de 19 de junio de 2008 - 5. La Delibera 4553, de 10 de diciembre de 2015, de la Giunta Regionale de Lombardía - 6. La sentencia del Tribunal de Milán de 20 de abril de 2017 – 7. La valoración de la Corte di Appello di Milano: la sentencia de 28 de octubre de 2019 - 8. El velo integral en el ordenamiento jurídico español – 9. La Ordenanza Municipal de Civismo y Convivencia de Lleida y su interpretación por el Tribunal Superior de Justicia de Cataluña - 10. La anulación de la Ordenanza Municipal de Civismo y Convivencia de Lleida por el Tribunal Supremo: la sentencia núm. 693 de 2013, de 14 de febrero - 11. La Ordenanza de Civismo de la ciudad de Reus y los autos del Tribunal Superior de Justicia de Cataluña - 12. Síntesis conclusiva: estudio comparativo de las realidades lombarda y catalana.

The ban on the integral veil in Italy and Spain: the Lombard and Catalan cases

ABSTRACT: In recent years we have been able to appreciate how phenomena such as immigration and globalization have transformed the religious decoration of European countries. Italy and Spain do not represent any exception, because in the streets of their towns and villages there is a growing religious diversity that every day does not stop increasing. That this means people who have arrived to Italy and Spain searching of better prospects for the future but without forgetting their customs, traditions and religion. The problems arise when in use of religious freedom, this people try that the host society admits or tolerates certain religious practices, foreign to the European Judeo-Christian tradition, which could collide with the European legal order. One of those controversial practices has to do with religious symbology, specifically, with the integral veil that Islamic women carry, mainly because of the security problems. By this reason, this article tries to describe the legal situation of the integral veil, analyzing and comparing the ways in which have been regulated in Italy (Lombardy) and Spain (some Catalonian municipalities like Lleida or Reus). The jurisprudential solutions emanating from the courts of both countries are also studied.

Scarica il testo completo in PDF

La libertà religiosa nella giurisprudenza delle Corti europee - di Natascia Marchei

SOMMARIO: 1. - La fisionomia del diritto di libertà religiosa nello spazio europeo: due sistemi a confronto - 2. La giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo in materia di libertà religiosa individuale: le nuove prospettive sul divieto di porto di simboli religiosi - 3. La Corte di giustizia e la libertà religiosa: l’(apparente) risvegliato interesse - 4. Brevi considerazioni conclusive.

Freedom of religion before European Courts

ABSTRACT: This essay aims to investigate the content of the right to religious freedom in the European Court of Human Rights’ and the EU Court of Justice’s case law. As a matter of fact, the approach of these courts appears to be very different. While in the Strasbourg Court’s case law this right is gradually recognized more and more clearly and the legitimate restrictions foreseen in the Convention are interpreted with increasing restraint, the Court of Luxembourg rarely applies the right recognized by art. 10 of the EU Charter of Fundamental Rights in a direct way and often decides the cases through the lenses of an extensive interpretation of the EU anti-discrimination law.

Scarica il testo completo in PDF

Freedom of expression and the desecration of flags and religious books in Israeli law - di Natti Perelman

SUMMARY: 1. Introduction - 2. Flag Protection. Legislation - 3. Flag Protection. Jurisprudence - 4. Foreign Flags - 5. Desecration of Religious Books - 6. Conclusions.

ABSTRACT: Freedom of expression is axiomatic to liberal democracy. However, extremely divergent paradigms about when it must be curbed are manifest in the legal systems of different countries, especially concerning hate speech and speech offensive to religious or patriotic feelings. The United States is more protective of freedom of expression even at the cost of deliberately ignoring the need - especially in culturally diverse societies common in democratic countries nowadays - for dialogue rather than confrontation and for a pluralistic respect of the dignity and integrity of others and that which they cherish. In contrast, the European paradigm willingly sacrifices freedom of expression for the sake of protecting the sensibilities of the different segments of society. The theoretical question of the proper perimeters of such infringements upon freedom of expression aside, legislation prohibiting the desecration of national symbols on the one hand, and of religiously venerated objects on the other hand, can be seen as a measure of the emphasis ascribed in a jurisdiction to tolerance and pluralism as a justification for limiting democratic rights. This paper is a critical review of the legislation and case-law of flag burning statutes, and statutes outlawing the desecration of religious books, in Israel.

Scarica il testo completo in PDF

Sulla libertà di manifestare le proprie opinioni religiose nel luogo di lavoro: brevi note in merito ai casi Achbita e Bougnaoui - di Alex Borghi

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La pregiudiziale belga: causa C-157/15, G4S Secure Solution - 3. La pregiudiziale francese: causa C-188/15, Bougnaoui e ADDH - 4. Le pronunce “gemelle” della Grande Sezione della Corte di giustizia: la sentenza 14 marzo 2017, Achbita, EU:C:2017:203 e la sentenza 14 marzo 2017, Bougnaoui, EU:C:2017:204 - 5. Uno sguardo alla più recente dottrina ecclesiasticistica - 6. La giurisprudenza della Corte Edu: la sentenza Eweida e altri c. Regno Unito del 15 gennaio 2013 (ricorsi nn. 48420/10, 59842/10, 51671/10 e 36516/10) - 7. Osservazioni conclusive.

Freedom to express religious beliefs in the workplace: brief notes on the Achbita and Bougnaoui cases

ABSTRACT: This paper seek to address the delicate issue of religious freedom, from a juridical perspective, analyzing the Achbita and Bougnaoui cases and comparing it with the Eweida one. It intends to elaborate some of the key question of the doctrinal debate on the links between the expression of one's religious beliefs and the workplace. Can neutrality be a valid defense against discriminations? To what extent can the religious freedom of the worker be sacrificed in favor of the business freedom? These are just some of the questions that are posed to the interpreter and to the scholar of ecclesiastical law. They require a careful evaluation of the values involved and the search for solutions of high balance and responsibility.

Scarica il testo completo in PDF

Religious freedom and inviolable lines in pluralist societies: the case of cultural crimes - di Alessandro Negri

SOMMARIO: 1. Multicultural societies and conflicts of loyalty: cultural crimes - 2. The Italian reaction to cultural crimes - 3. The case of kirpan: the recent judgment of the Court of Cassation - 4. A questionable decision: the fundamental role of pluralism in Western societies - 5. Conclusions: the centrality of human dignity.

ABSTRACT: Pluralist societies pose new challenges to legal systems, having to find trade-offs between accommodating the necessities of minorities and security concerns. Religions often impose prescriptive rules on the behaviour of their believers, leading to moral internal conflicts when these lead to break State laws. In Italy, this subject was already discussed between legal scholars, before it received large public attention in 2017, where a judgement of the Cassation Court has upheld the conviction of a Sikh indian for withholding a kirpan, a ritual dagger central to his faith. This work provides an overview of the debate raised by the ruling, with particular emphasis on the challenges in devising policies that address security concerns without sacrificing religious freedom and pluralism. The Italian answer to cultural crimes will be analysed in depth, given the distinctive element of positive laicità in 1948 Constitution that characterizes its context. In the conclusion, a possible solution focused on human dignity is suggested.

Scarica il testo completo in PDF

Brevi considerazioni a margine della proposta di legge n. 387 del 2018 “Disposizioni concernenti l’esposizione del Crocifisso nelle scuole e nelle pubbliche amministrazioni” - di Silvia Baldassarre

SOMMARIO: 1. Premessa − 2. Quadro normativo di riferimento ­− 3. Sulla valenza culturale del crocifisso − 4. Laicità, imparzialità, neutralità dei luoghi pubblici - 5. La rimozione dei crocifissi: una condotta da sanzionare? - 6. Osservazioni conclusive.

Draft law n. 387/18, “Provisions concerning the crucifix exhibition in schools and public administrations”: brief reflections.

ABSTRACT: The draft law n. 387 of March 26, 2018, (obligation to expose the Crucifix in schools and public administrations), is part of a complex legal-constitutional context of relations between state and religious phenomenon, characterized by multiple unresolved issues and problematic profiles. The law refers to the theory of cultural and identity value of the symbol, sustained with continuity by the administrative jurisprudence in disputes concerning the regulations governing the exposure of the crucifix. The questionability of this hermeneutical perspective, largely outdated, is clear and evident if we consider the most current judgments on the subject. The most critical issues of the current proposal will be examined.

Scarica il testo completo in PDF

Appunti sulla circoncisione rituale nel diritto ecclesiastico e delle religioni - di Alex Borghi

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La giurisprudenza della Suprema Corte - 3. L’introduzione del § 1631, lett. d, nel BGB tedesco e la giurisprudenza di Colonia - 4. Risoluzioni e raccomandazioni del Consiglio d’Europa - 5. Il recente dibattito islandese - 6. Prospettive per l’Italia: necessità o ultroneità di una legge ad hoc? - 7. Osservazioni conclusive.

Notes on ritual circumcision in Ecclesiastical and Religious Law.

ABSTRACT: This paper deals with the delicate issue of ritual circumcision in Ecclesiastical and Religious Law. After having investigated the etymological origin of the word and reconstructed the history of the practice in question – distinguishing between circumcisions: a) therapeutic or prophylactic, b) ritual, c) cultural or ethnic – the focus is on the jurisprudential orientations of the Italian Court of Cassation. The solution proposed by the judgment of 24 November 2011, n. 43646, is carefully read and compared with the EU's law, the German legislation and the results of the recent Icelandic debate. Nevertheless, the absence of an ad hoc law on circumcision does not represent a vulnus in the Italian legal system, since the discipline can be found in the positive law in force, and even before in constitutional principles, as interpreted by the jurisprudence of merit and legitimacy. On the contrary, the essay raises the question that the introduction of a law on circumcision would not only be superfluous (for ethical and cultural reasons, even before legal ones), but also late".

Scarica il testo completo in PDF

Pluralismo religioso e integrazione europea: le nuove sfide - di AA. VV. (Angelucci e altri) Antonio Angelucci Maria Ilia Bianco Wojciech Brozowski Marco Croce Lucia Giannuzzo Sina Haydn-Quindeau Corinne Maioni Francesca Mauri Joshua Moir Stefano Montesano Costanza Nardocci Alessandro Negri Marcello Toscano Alessia Tranfo Julia Wagner Giovanni Zaccaroni Marco Parisi Filippo Croci Rosa Geraci

Il 28 settembre 2018, presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca, si è tenuto un convegno internazionale co-finanziato dall’Unione Europea, che ha visto la partecipazione di giovani studiosi delle più diverse discipline giuridiche, italiani e stranieri. I relatori, selezionati in seguito ad una “call for papers”, cui è stata data ampia pubblicità in Italia e all’estero, si sono confrontati sul tema del pluralismo religioso nel sistema europeo e, soprattutto, nella recente giurisprudenza delle Corti sovranazionali. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Neutralidad, diversidad y celebración de las festividades religiosas en la escuela pública - di Silvia Meseguer Velasco

SUMARIO: 1. Introducción - 2. Libertad religiosa y celebración de las festividades religiosas - 3. La neutralidad ideológico-religiosa de los centros educativos públicos - 4. Celebración de festividades religiosas en la escuela de titularidad pública - 4.1. Celebración de festividades que presentan un significado religioso y una tradición cultural - 4.2. La respuesta de los Tribunales de Justicia en materia de celebraciones religiosas - 4.3. Algunas claves para la solución de estos conflictos - 5. Celebración de las festividades religiosas en el horario escolar - 5.1. Marco jurídico de las festividades en el ámbito escolar - 5.2.  Discriminación de los grupos religiosos minoritarios - 6. Consideraciones finales: la acomodación razonable de las creencias religiosas.

Neutrality, diversity and celebration of religious festivities in public schools

Abstract: This paper analyzes some legal conflicts derived from the celebration of religious festivities in ​​the public school. On the one hand, the celebration of certain festivals that, while showing a cultural tradition, at the same time, present a religious meaning, mainly of Christian inspiration. On the other, when permission is requested to celebrate and commemorate such festivities during school hours. Beyond the concrete problem, it is important to start from the position of inclusive neutrality that public authorities must adopt to manage the religious diversity that manifests itself in this specific area and which, in turn, is the best way to guarantee the right of parents to choose the education they wish for their children.

Scarica il testo completo in PDF

Símbolos religiosos y paradojas del franquismo a la luz de la Ley de Memoria Histórica - di Manuel Alenda Salinas Matilde Pineda Marcos

SUMARIO: 1. Planteamiento de la cuestión - 2. El catolicismo-nacionalista de ciertos símbolos evocadores de lo religioso - 3. ¿Los símbolos religioso-franquistas pueden permanecer en ámbitos públicos? - 3.1. Supuesto en que el símbolo religioso no ha de tenerse por vestigio franquista - 3.2. Supuesto en que el símbolo ha de tenerse por vestigio franquista - 4. Consideraciones conclusivas.

ABSTRACT: The present article argues if, under the interpretation and application of the so-called Historical Memory Law, Franco’s regimen would have set the basis to divest itself as part of the Catholicism that characterized it, in terms of having some symbols that originally would have been considered religious and now they cease to be so, historically and inevitably, at least in a retrospective point of view. In other terms, for the current time to impose a type of victim, although final of Franco’s regimen in the manner of, as a paradox, for some religious symbols to cease to be, without any other possibility for its political use as far as ‘semel francoist semper francoist’ can no longer recover that religious value. This matter, whether it refers, principally to the “Cruces de los Caídos” it can also be argued for it to attain the crucifix and the Virgin Mary located in public places by order of the dictatorial regimen.

Scarica il testo completo in PDF

Modes of neutrality in the ECtHR jurisprudence related to religious matters: some critical remarks - di Alice Ollino

SUMMARY: 1. Introduction - 2. The meaning of State neutrality: some conceptual clarifications - 3. State’s neutrality vis-à-vis religious organizations: neutrality as absence of interference - 4. State’s neutrality vis-à-vis public education: neutrality as objectivity - 5. State neutrality vis-à-vis religious symbols in the public sphere: neutrality as exclusion of religion - 6. ‘Reversed’ patters of neutrality: the disruptive effect of Lautsi v. Italy - 7. Concluding remarks: decoding the patterns of State neutrality in the jurisprudence of the ECtHR.

ABSTRACT: This contribution discusses the notion of State neutrality in the jurisprudence of the European Court of Human Rights. State neutrality has become increasingly relevant in the rulings of the ECtHR concerning religious freedom, with the Court explicitly resorting to the idea that States should act as neutral and impartial organizers of religious life within their community. Yet, the conception of State neutrality developed by the Court is inconsistent and often gives rise to criticism. By exploring the Court’s main jurisprudence in the context of religious disputes, religious education in public education, and the display of religious symbols in public spaces, this contribution seeks to disentangle the different understandings of neutrality employed by the Court and to critically engage with them.

Scarica il testo completo in PDF

Security and Religious Radicalization. Securitization of Islam in Europe - di Agustín Motilla

SUMMARY: 1. Introduction - 2. General measures of the anti-terrorist laws; social surveillance and immigration control - 3. Antiterrorist laws and Islam: the securitization of Muslims in western countries - 4. The enforcement of measures affecting Muslim population not directly related to security: the vague criminalization of Islam - 5. Effects of the measures direct or indirectly justified on security reasons in religious freedom; specially related to Muslim population - 6. Closing remarks; positive statements in the construction of the European Union framework.

Scarica il testo completo in PDF

“A ognuno la sua croce”. Notazioni sparse in tema di ostensione istituzionale dei simboli cristiani nella sfera pubblica europea (con particolare riferimento all’art. 28 della legge francese di separazione) - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. Delimitazione del tema d’indagine - 2. Gli epigoni giurisprudenziali del caso Lautsi in una recente sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale per la Sardegna - 3. L’art. 28 della legge francese di separazione del 9 dicembre 1905 - 4. Il banco di prova dei monumenti ai caduti edificati dopo la legge del 1905 - 5. Le oscillazioni interpretative della giurisprudenza amministrativa in materia di esposizione dei presepi - 6. I dubbi sulla “riscrittura” dell’art. 28 operata dal Conseil d’État - 7. Le sorti della statua “fuorilegge” di papa Giovanni Paolo II - 8. La “prova di forza” della Slovacchia nella vicenda della moneta commemorativa dei Santi Cirillo e Metodio - 9. Conclusioni: trasfigurazione dei simboli o della laicità?

To each his own cross”. Disparate remarks concerning the public display of Christian symbols in the European public sphere (with specific regard to Article 28 of the French Separation Law)

ABSTRACT: The present essay takes as a starting point some recent case law on the so-called “institutional” display of religious symbols (and in particular Christian symbols), in Italy and other European countries. The analysis focuses on both the French legal system and some recent rulings of the administrative jurisprudence, which seems to mark a shift from the more consolidated and traditional reading keys of the “secularism”.

Scarica il testo completo in PDF

Il governo locale del pluralismo religioso - di Letizia Mancini

Sono molto grata all’amico Giuseppe Casuscelli per avermi invitato a partecipare a questo incontro. Stato, Chiese e pluralismo confessionale è una rivista che seguo con grandissimo interesse fin dalla sua fondazione. È uno strumento prezioso, del quale ho sempre apprezzato in particolare la vocazione trasversale e interdisciplinare. Questa qualità non deriva solo dal fatto che il pluralismo è questione che si presta appunto ad analisi trasversali e interdisciplinari, ma è frutto di una precisa scelta editoriale, quella cioè di accogliere punti di vista differenti, approfondimenti e riflessioni di studiosi di discipline e di generazioni diverse. Come sociologa del diritto mi sono occupata di pluralismo culturale e religioso soprattutto in riferimento ai movimenti migratori che di tale pluralismo costituiscono il principale fattore nella società italiana. A partire dal titolo di questo incontro, mi sono allora chiesta se in questi dieci anni abbiamo assistito a un progressivo riconoscimento del pluralismo religioso e, di conseguenza, del godimento di diritti legati alla libertà religiosa e al suo esercizio.

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere - Transizioni” • Il divieto di indossare il niqab del codice penale belga all’esame della Corte europea dei diritti dell’uomo: un passo in avanti per la formazione del “precedente“ che mette a rischio il pluralismo religioso - di Giuseppe Casuscelli

Pochi giorni or sono la Corte europea dei diritti dell’uomo, con la pronuncia relativa al caso Belcacemi et Oussar c. Belgique, ha ritenuto che l’art. 653bis del codice penale belga, introdotto dalla legge 1° giugno 2011 - punendo quanti "sauf dispositions légales contraires, se présentent dans les lieux accessibles au public le visage masqué ou dissimulé en tout ou en partie, de manière telle qu’ils ne soient pas identifiables" con la pena "d’une amende de quinze euros à vingt-cinq euros (lire: de 120 à 200 euros) et d’un emprisonnement d’un jour à sept jours ou d’une de ces peines seulement" – non viola gli artt. 8, 9 e 14 della Convenzione. La Corte ha ritenuto di mettere l’accento in special modo sull’art. 9, poiché il divieto di indossare nello spazio pubblico un capo d’abbigliamento destinato a nascondere, in tutto o in parte, il viso pone degli interrogativi sia in ordine al rispetto della vita privata delle donne che desiderano portare il velo integrale per motivi legati ai loro convincimenti, sia in ordine alla loro libertà di manifestare questi convincimenti. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Oltre il muro dell’intolleranza. Luci e ombre della benedizione nella scuola tra libertà religiosa e laicità dello Stato - di Tiziana Di Iorio

SOMMARIO: - 1. La libertà religiosa: brevi cenni - 2. Libertà di coscienza e libera formazione delle coscienze - 3. Istanze identitarie, libertà religiosa e principio di uguaglianza - 4. Fattore religioso e semantiche radici della laicità dello Stato - 5. Attività religiose e pratiche di culto nella scuola pubblica: il quadro normativo - 6. Il rito di benedizione nella scuola pubblica: revirement giurisprudenziale - 7. La recente sentenza del Consiglio di Stato, 27 marzo 2017, n. 1388 - 8. Atti di culto nello spazio pubblico e finalità formativa della scuola - 9. Conclusioni.

Breaking through the wall of intolerance. Lights and shadows of Easter blessing in State schools between religious freedom and laical nature of the State

ABSTRACT: Religious freedom is a fundamental human right protected by Italian Constitution. Which are the limits to be respected in case of religious practices inside Italian State schools? This paper examines the meaning of “religious freedom” and the essence of State “secular” nature; then focuses on a recent case, which caused a debate on the boundaries between Church and State, about Easter blessing rite in State schools. The Court of first instance argued that blessing is a religious rite and it cannot be held in State schools; the Supreme Administrative Court rejected this ruling, claiming that Easter blessing in State schools is to be permitted, it being an exercise of religious freedom not violating State secular nature. Religious symbols and rites in public places are not to be considered a violation of the State secular nature. The Italian State does not hold any religious belief of any religion, but can create conditions conducive to religions.

Scarica il testo completo in PDF

Quale tutela delle libertà fondamentali per i simboli religiosi? Considerazioni sulla decisione del Consiglio di Stato francese sul caso burkini - di Lavinia Anello

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Luoghi pubblici e simboli religiosi - 3. Rispetto del dialogo e delle diversità interculturali - 4. L’evoluzione della laicità in Europa - 5. Osservazioni conclusive.

Which protection for the fundamental freedom of religious symbols?

Abstract: Starting from the analysis of the French Council of State’s decision on the case “burkini” (August 26th 2016), this paper examines the issues on the interaction between the acceptance of the religious minority’s symbols by the majority and the acceptance of the dialogue and cultural diversity. Taken into account is the process of secularism-neutrality of public space and the interference of the civil judiciary in the religious sphere declined in different models of secularism of the French, Italian and European jurisdictions.

Scarica il testo completo in PDF

Lavoro, discriminazioni religiose e politiche d’integrazione - di Livia Saporito Francesco Sorvillo Ludovica Decimo

SOMMARIO: 1. La forza sociale delle religioni negli attuali scenari geopolitici - 2. Libertà religiosa, selezione lavorativa e integrazione nel mondo del lavoro - 3. La tutela della libertà religiosa nel rapporto di lavoro -3.1 Le discriminazioni religiose nei rapporti di lavoro nel quadro del diritto primario dell’Unione europea - 3.2 La giurisprudenza comunitaria - 3.3 L’incidenza del precetto religioso sul rapporto di lavoro - 3.4 La “presenza” delle religioni nei luoghi di lavoro: profili simbologici - 4. Istanze religiose e diritto negoziato nelle politiche d’integrazione - 5. Diritto, religione e sfide dell’integrazione.

Scarica il testo completo in PDF

Natività e laicità: i presepi in Francia tra religione e secolarizzazione - di Daniele Ferrari

SOMMARIO: 1. La legge del 1905 e la sua applicazione: osservazioni introduttive - 2. Edifici pubblici e presepi: l’argomento religioso - 3. Edifici pubblici e presepi: l’argomento culturale-secolarizzato - 4. Simboli religiosi e laicità: l’imporsi di un proselitismo civile?

ABSTRACT: In France, the principle of separation between State and religious denominations, established in reference to public buildings by Article 28 of Law 1905, does not prohibit the presence of a Christmas crib within a municipal building. The Nativity scene is authorized provided that, in general, this facility does not express any form of religious proselytism or recognition of a cult, but a cultural, artistic or festive event forming part of the celebrations planned for Christmas; if the building in question is the headquarters of a territorial organization or a public service, representation, in order to be authorized, must meet particular requirements, for example, in local historical traditions.

Scarica il testo completo in PDF

Le droit européen de liberté religieuse au temps de l’islam - di Alessandro Ferrari

SOMMARIO: 1. Introduction - 2. Une nouvelle modernité: le chameau musulman et le trou Westphalien - 3. Tensions contemporaines: ce que la "question musulmane" révèle - 4. Vers un ordre westphalien-méditerranéen - 5. Le rouleau compresseur de la contemporanéité: vers un nouveau paradigme.

Scarica il testo completo in PDF

Il velo delle donne musulmane tra libertà di religione e libertà d’impresa. Prime osservazioni alla sentenza della Corte di giustizia sul divieto di indossare il velo sul luogo di lavoro - di Nicola Colaianni

Si può essere uguali e diversi? Il porto del velo da parte delle donne musulmane è da anni, nel comune sentire, l’emblema di tale questione, decisiva per le democrazie occidentali sempre più tentate d’interpretare l’uguaglianza come indifferenziazione, che spoglia le persone delle loro qualità peculiari per ridurle a unità numeriche. Eppure, non c’è dubbio che la libertà di abbigliamento sia un tratto caratteristico, e anzi il più evidente, dell’identità personale, che si configura quale “diritto ad essere se stesso (…) con le convinzioni ideologiche, religiose, morali e sociali che differenziano, e al tempo stesso qualificano, l’individuo“. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e scuola pubblica. La piccola querelle delle benedizioni pasquali - di Paolo Cavana

SOMMARIO: 1. Un problema pratico di libertà religiosa: le benedizioni pasquali nella scuola pubblica - 2. Le benedizioni pasquali a scuola nella recente giurisprudenza - 3. La laicità inclusiva della scuola pubblica italiana - 4. La benedizione pasquale in orario extrascolastico e la funzione della scuola come centro di promozione culturale, sociale e civile - 5. Fattore religioso e scuola pubblica nella legislazione scolastica - 6. La garanzia della libertà religiosa nelle comunità segreganti.

Religious freedom in public schools. The little querelle over Easter Blessings

ABSTRACT : This paper examines the current issue concerning the Easter Blessings imparted by a catholic priest in public schools in Italy. According to an old tradition dating back to the past but still followed by many parents, in some schools, especially primary ones, this brief rite usually takes place before Eastern. The majority of parents must agree on having it and it must be scheduled out of lessons time. Moreover, participation is very free for pupils, parents and teachers. A recent case law has challenged this practice, claiming that it would infringe the principle of secularism proper to public schools. This paper deals with the issue in the light of constitutional principles and the Italian legal framework. It focuses on the importance to keep a balance between secularism and religious freedom in public schools, where nowadays an increasing number of children stay for the whole day when both parents are at work.

Scarica il testo completo in PDF

Il motivo religioso non giustifica il porto fuori dell’abitazione del kirpan da parte del fedele sikh (considerazioni in margine alle sentenze n. 24739 e n. 25163 del 2016 della Cassazione penale) - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. Il principio di diritto affermato dalla Cassazione – 2. Cenni sulla problematica generale del conflitto tra libertà religiosa e norme penali – 3. Il “giustificato motivo” quale elemento della fattispecie di cui all’articolo 4, secondo comma, legge n. 110 del 1975 – 4. I limiti della libertà religiosa derivanti dalle esigenze di salvaguardia della “pacifica convivenza” e della “sicurezza pubblica” – 5. Gli spazi di operatività dell’efficacia “scriminante” della libertà religiosa – 6. Gli “accomodamenti” possibili e le prospettive future di soluzione del problema – 7. Appendice.

Scarica il testo completo in PDF

L’impatto culturale dell’immigrazione islamica sull’ordinamento giudiziario italiano: alcune riflessioni - di Elena Falletti

Sommario : 1. Introduzione - 2. Libertà di religione ed espressione dell'identità culturale - 3. La costruzione delle moschee - 4. La vestizione del velo - 5. La pratica sommersa delle mutilazioni genitali femminili - 6. Il diritto di famiglia - 7. Il matrimonio - 8. I matrimoni poligamici - 9. I matrimoni forzati - 10. I diritti successori - 11. Ripudio e divorzio - 12. Kafalah e adozione - 13. Conclusioni. La necessaria unitarietà dell'ordinamento giuridico contro la discriminazione. Il caso delle giurisdizioni speciali shariaitiche: un’esperienza da non imitare.

The Cultural Impact of Islamic Mass Immigration on the Italian Legal System

ABSTRACT: Although Italy has been a country with a strong tradition of emigration, only in the last twenty-five years Italians have had to face the social, juridical and cultural problems related to high immigration hosted by this country. The majority of immigrants come from areas with Islamic religious tradition such as Northern and Central Africa and the Middle East. The cultural impact between the Italian Catholic tradition and the newcomers' faith and customs has been very strong, often problematic. The aim of this paper is to investigate the most relevant issues between the cultural and legal aspects of Islamic culture pertaining to immigrants living in Italy with the Italian legal system. The legal areas proposed for the investigation are related to self-determination, personal integrity and family law, especially for analyzing the impact of cultural differences on public policies and social behavior. The methodology used regards a comparative and a multidisciplinary approach.

Scarica il testo completo in PDF

I sindaci francesi contro il “burkini”: la laicità a ferragosto? A prima lettura di alcuni recenti orientamenti giurisprudenziali - di Daniele Ferrari

SOMMARIO: 1. Introduzione – 2. I codici vestimentari sulla spiaggia: il caso del “burkini”: a) La condotta punita; b) La nozione di ordine pubblico; c) La “laicità di emergenza”; d) Il service public balnéaire – 3. Le ordinanze “anti-burkini” davanti al Tribunale amministrativo di Nizza: l’affermarsi di una “laicità di emergenza” – 4. Il Consiglio di Stato riforma l’ordinanza del Tribunale di Nizza – 5. Conclusioni: laicità liberale vs . laicità di emergenza.

ABSTRACT: The paper proposes a reflection on the relationship between religious freedom, laicity and terrorism. The reflection regards France, a country where, after the tragic attacks of Islamist matrix, some mayors have banned the use of burkinis on beaches. Starting from an examination of these measures and some rulings that have concerned them, the analysis focuses on the relationship between laicity, religious freedom and terrorism.

Scarica il testo completo in PDF

Il dubbio di una “velata” discriminazione: il diritto di indossare l’hijab sul luogo di lavoro privato nei pareri resi dall’Avvocato generale alla Corte di giustizia dell’Unione europea - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. La novità e la rilevanza della questione pregiudiziale relativa all’uso del velo islamico in azienda sollevata davanti alla Corte di giustizia – 2. I termini della vicenda esaminata dalla Cassazione belga – 3. Il rinvio operato dalla pronunzia “gemella” della Cassazione francese – 4. Il profilarsi della questione pregiudiziale in controversie riguardanti lavoratori del settore pubblico – 5. Le conclusioni dell’Avvocato generale nella causa C-157/15: a ) l’approccio “onnicomprensivo” nell’analisi della fattispecie – 6. (segue): b ) discriminazione diretta o indiretta? – 7. (segue): c ) la giustificazione del trattamento differenziato – 8. (segue): d ) la salvaguardia dell’”identità nazionale” degli Stati – 9. Le conclusioni dell’Avvocato generale nella causa C-188/15 – 10. La querelle sulla mise da spiaggia per le donne islamiche (breve divagazione, in attesa della decisione della Corte di giustizia).

The doubt on a “veiled” discrimination: the right to wear an Islamic headscarf at work in the opinions given by the Advocate General to the European Court of Justice

Scarica il testo completo in PDF

Gli enti locali e le limitazioni del diritto alla libertà religiosa: il divieto di indossare il velo integrale - di Giovanni Cavaggion

SOMMARIO: 1. Introduzione: il velo nello Stato multiculturale - 2. La “prima ondata” di ordinanze anti-velo e la sentenza n. 3076 del 2008 del Consiglio di Stato - 3. I casi di compressione legittima del diritto alla libertà religiosa individuati dalla sentenza n. 3076 del 2008 - 4. La “seconda ondata” di ordinanze anti-velo e la proposta di modifica della legge n. 152 del 1975 – 5. La “terza ondata” di provvedimenti anti-velo in seguito agli attentati di Parigi del novembre 2015 - 6. Conclusioni: quale margine per un divieto di indossare il velo integrale nell’ordinamento italiano?

Local government bodies and the compression of freedom of religion: the ban on the face veil.

ABSTRACT: During the last decade several Italian local government bodies (and especially Municipalities) attempted to introduce a general ban on the so called “face veil” ( niqab or burqa ) through secondary law, in the absence of a national comprehensive policy on the matter. The aforementioned attempts were, without fail, found illegal by the Council of State and the Constitutional Court. Nonetheless, following the rekindling of the anti-Islamic sentiment in Europe in the aftermath of the 2015 terrorist attacks in Paris, we are currently witnessing a “new wave” of local regulation trying to impose a ban on the face veil, based on the claim that, in order to answer the exacerbation of the so called “clash of cultures”, a different balancing of the fundamental rights involved is needed. The author challenges the legality of the new local bans, as well as the compatibility of a general ban on the face veil with the Italian constitutional system.

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” – Transizioni • La farsa del burqini: ma c’è un giudice a Parigi! (di g.c.) - di Giuseppe Casuscelli

Nei giorni dello sgomento, del lutto per le atrocità degli attentati terroristici, le ordinanze sindacali sul divieto d’indossare il burqini sulle spiagge francesi hanno avuto il sapore penoso di una farsa fuori luogo, che ha alimentato un “dibattito surrealista” sulla laicità “balneare”. Quei divieti di carattere assoluto sono parsi una ripicca inappropriata, inutile se non dannosa: in questi casi, certo, non era in gioco la necessità di salvaguardare le esigenze fondamentali del “vivre ensemble”, regola derogatoria della libertà di abbigliamento individuata dalla Corte europea dei diritti dell’uomo nella decisione della Grande Chambre nel caso S.A.S. c. France del 1° luglio 2014 con riferimento all’uso nello spazio pubblico del burqa, che copre l’intero volto. Quei divieti, si legge in un comunicato dell’Onu, “non rafforzano la sicurezza ma, al contrario, alimentano intolleranza religiosa e discriminazione dei musulmani in Francia, in particolare le donne. La parità di genere non si ottiene regolamentando i vestiti che le donne decidono di portare”.

Scarica il testo completo in PDF

La libertà religiosa tra ascesa e crisi dei diritti umani - di Carlo Cardia

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Il cammino verso la laicità dello Stato – 3. La rivoluzione della laicità, i totalitarismi, la terra promessa dei diritti umani – 4. Le nuove sfide. il secolarismo senza etica – 5. Altri segni di regresso: antisemitismo, guerra ai simboli religiosi – 6. Il mischiarsi della storia, il confondersi di religioni, popoli, culture – 7. La bestemmia della violenza religiosa.

Scarica il testo completo in PDF

La tutela della libertà religiosa nelle carceri - di Sara Igina Capasso

SOMMARIO: 1. L'assistenza spirituale negli istituti di detenzione – 2. Segue: ministri di culto, simbolismo religioso e testi sacri – 3. Il diritto a un’alimentazione “religiosamente orientata” – 4. Uno sguardo all’Europa – 5. Brevi conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Non solo per gioco: la religione nell’ordinamento sportivo - di Nicola Fiorita

SOMMARIO: 1. Considerazioni introduttive - 2. Dalla neutralità alla pluralità: come cambiano le regole del gioco - 3. Divisa da gioco, abbigliamento e simboli religiosi - 4. Il digiuno - 5. L’autonomia contrattuale - 6. Come un time-out: qualche indicazione provvisoria.

Scarica il testo completo in PDF

Quando è l’abito a fare il lavoratore. La questione del velo islamico, tra libertà di manifestazione della religione ed esigenze dell’impresa - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. Simboli religiosi e competenze dell’Unione europea – 2. Il divieto di discriminazione del lavoratore e l’ammissibilità di regimi derogatori – 3. La problematica delimitazione della portata dell’art. 4, par. 1, della direttiva 2000/78/CE – 4. Il rinvio pregiudiziale davanti alla Corte di giustizia della questione del velo islamico – 5. ( segue ) I dubbi sull’eccessiva concretezza del quesito – 6. Gli orientamenti della giurisprudenza francese – 7. La libertà religiosa nell’impresa privata e le deroghe al diritto antidiscriminatorio: tre notazioni generali – 8. ( segue ) Il problema della rilevanza del requisito professionale “negativo” – 9. ( segue ) Gli spazi di operatività della discriminazione indiretta – 10. Divieto di discriminazione ed esigenze dell’impresa. Una conclusione provvisoria in attesa della pronunzia della Corte di giustizia.

ABSTRACT: An employer refusing to hire an applicant (or discharging an employee) wearing an Islamic headscarf, because of the individual’s religious practice, could be seen as a case of discrimination based on religion and therefore contrary to Council Directive 78/2000/EC of 27 November 2000, establishing a general framework for equal treatment in employment and occupation . However, Article 4(1) of this Directive provides that a difference in treatment based on a characteristic related to the listed grounds of discrimination may not be discriminatory if a particular religion or belief is a genuine occupational requirements for the post. The article examines the question referred at the Court of Justice of the European Union from the Cour de cassation (France) on 24 April 2015: “Must Article 4(1) … be interpreted as meaning that the wish of a customer of an information technology consulting company no longer to have the information technology services of that company provided by an employee, a design engineer, wearing an Islamic headscarf, is a genuine and determining occupational requirement, by reason of the nature of the particular occupational activities concerned or of the context in which they are carried out?”

Scarica il testo completo in PDF

Le osservazioni di Slavoj Žižek sulla condizione femminile nel diritto islamico - di Domenico Bilotti

SOMMARIO: 1. Il divieto del velo islamico come “proibizione delle proibizioni”. Elementi parzialmente convalidabili nell’interpretazione giuridica – 2. Agar e Khadīja. Due espressioni fondative non strettamente equiparabili – 3. La condizione femminile come criterio guida nell’interpretazione delle diverse consuetudini islamiche – 4. I possibili riflessi della questione di genere sulla comunità politica. Critiche alle impostazioni fondamentalistiche.

Slavoj Žižek’s reliefs about female conditions in Islamic legal systems

ABSTRACT: This essay tries to analyze a recent Slavoj Žižek’s pamphlet about Islamic law and culture. The Slovenian philosopher intentionally uses an ironical and sardonic style, mixing elements from sociology, literature and psychology. His thoughts still seem not always agreeable, but Slavoj Žižek’s perspective can share some points helpful and useful for a first look at Islamic minorities in Western societies. pdf

Scarica il testo completo in PDF

Discriminazione e propaganda religiosa nel diritto calcistico - di Maria Cristina Ivaldi

SOMMARIO: 1. Cenni introduttivi a proposito degli ordinamenti sportivi – 2. La rilevanza del fattore religioso nel diritto sportivo – 3. La FIFA tra divieto di discriminazione e assenza di ulteriori norme specifiche di rilevanza religiosa – 4. La neutralità UEFA. La previsione congiunta dei divieti di discriminazione e propaganda anche religiosa – 5. La FIGC e le statuizioni nella materia de qua . La punizione della blasfemia – 6. Conclusioni interlocutorie. La regola 4 delle Laws of the Game tra divieto di propaganda e permesso di indosso di copricapi religiosi.

Discrimination and religious propaganda in football law

ABSTRACT : After a brief review over sport legal system, the paper deals with the relationship between religion and sport, in a juridical perspective. First in general and then with regards of football at international, supranational and national level (FIFA; UEFA and FIGC), focusing on the ban of religious discrimination and the most recently interdiction of religious propaganda. Before concluding with some regards on the almost changed rules 4 of the “Laws of the Game” – that concurrently on the one hand allows head covers (hijab and turban) and on the other prohibits to reveal undergarments that show also religious slogans, statements or images, or advertising other than the manufacturer logo – the essay focuses on the peculiarity FIGC prescription to punish the use of blasphemy since 2010.

Scarica il testo completo in PDF

I mille splendidi volti della giurisprudenza della Corte di Strasburgo: “guardarsi in faccia” è condizione minima del “vivere insieme” - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. Introduzione – 2. Il velo integrale davanti alla Corte di Strasburgo – 3. I profili procedurali e la sussidiarietà – 4. La ratio della legge francese sul divieto di occultamento del viso – 5. La questione del margine di apprezzamento – 6. Il limite alla libertà di manifestare la religione derivante dalla “protezione dei diritti e delle libertà altrui” – 7. La Corte di Strasburgo “dietro” il velo: la “laïcité” e il suo riverberarsi sulla tutela del diritto di libertà di religione.

ABSTRACT: The French Law no. 2010-1192 of 11 October 2010, introduced the ban on wearing clothing designed to conceal one’s face in public places. Muslim women do not have the possibility of wearing the full-face veil ( burqa / niqab ) in public. The present article explores the question concerning whether the burqa ban is compatible with the democratic society in Europe and particularly with Article 9 of the European Convention of Human Rights, which guarantees the exercise of freedom of thought, conscience and religion. To do so, the paper critically analyzes a recent decision of the Strasbourg Court, S.A.S. v. France of July, the 1 st 2014. The Court held that the barrier raised against others by a veil concealing the face can be perceived as breaching the right of others to live in a space of socialisation which makes living together easier. The Author examines the issue considering various features of secularism and their effects on the different points of view regarding religious freedom.

Scarica il testo completo in PDF

Islamic Symbols in Europe: the European Court of Human Rights and the European Institutions - di Sara Tonolo

SUMMARY: 1. Preliminary Remarks - 2. The veil before the European Court of Human Rights – 3. Religious Symbols in Article 9 ECHR case law and women’s religious freedom in Europe – 4. Islamic Symbols and European Institutions. Indirect Discrimination? – 5. Conclusive Remarks.

ABSTRACT: Religious freedom within Europe and the place of Islam within Europe are of particular contemporary interest. The focus of recent case law developed by the European Court of Human Rights (ECtHR) has been on national laws which proscribe the wearing of religious symbols in certain aspects of the public sphere, and on the claims more generally to religious and cultural freedom of Muslim minorities in European states. Stepping back from these cases, this Article aims at a theoretical analysis of the subject, involving the contrast between value pluralism as a basis for religious freedom in international law, and other fundamental rights, i.e. women’s or children’s rights. By recognizing the intrinsic connection between individual rights and communal goods, value pluralism opens new pathways for enforcing human rights.

Scarica il testo completo in PDF

Simboli religiosi e processo di mediazione - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Le nuove “guerre di religione”: tra credenti e noncredenti – 2. Lo spazio pubblico urbano: a) la posizione di simboli religiosi – 3. (segue:) b) la rimozione di simboli preesistenti – 4. Lo spazio pubblico istituzionale: rimozione e posizione di simboli religiosi - 5. Dal processo conflittuale a quello mediatorio – 6. Riflessi del processo di mediazione sui simboli religiosi.

Religious Symbols and Alternative Proceedings

ABSTRACT: Religious symbols are becoming the object of a new forum of the ancient religious wars: those between believers and nonbelievers instead of between different organized religions like in the past. The Author describes the numerous judgements that were passed in the last years by U.S. and European Courts with particular reference to two kinds of public space: roads, parks, ecc. and public buildings. But he points out that the the ordinary trial is ineffective for resolution of cultural and religious conflicts and holds the utility of an alternative proceeding: the mediation between believers and nonbelievers, always in respect of liberty of conscience for everyone.

Scarica il testo completo in PDF

Il simbolismo religioso sul luogo di lavoro nella più recente giurisprudenza europea - di Salvatore Taranto

SOMMARIO: 1. Il problema del simbolismo religioso sul luogo di lavoro – 2. La soluzione per la Giurisprudenza francese – 3. La soluzione per la Corte EDU – 4. Considerazioni conclusive.

ABSTRACT: The author of this paper comments some recent judgments of the French Cour de Cassation and of the European Court of Human Rights concerns the exercise of religious freedom in the workplace. The examination shows some critic aspects of this right in Europe .

Scarica il testo completo in PDF

Il ruolo delle organizzazioni religiose in Italia e in Europa tra rappresentanza degli interessi e attività di lobbying - di Gianfranco Macrì

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Il ruolo peculiare delle “confessioni” religiose – 3. Modalità distorsive di rilevazione degli interessi religiosi – 4. Particolarismo confessionale vs pluralismo religioso – 5. Il carattere “lobbistico” dello strumento pattizio – 6. Europa, governance e fattore religioso: il lobbying delle chiese e delle altre comunità di fede – 7. Il caso Lautsi c. Italia – 8. Conclusioni.

ABSTRACT: This article analyzes the role of religious groups in the national and European public spaces with a particular focus on their contribution to the new transformation taking place in the field of individual and collective participation to the common good. The main focus of the article deals with the legal and political condition under which religious groups try to advance their lobbying activities in Italy and in Europe.

Scarica il testo completo in PDF

Un nouvel équilibre européen dans l’appréhension des convictions religieuses au travail - di Nicolas Hervieu

SOMMAIRE: 1. Introduction – 2. Une évolution conceptuelle favorable aux employés: d’une logique d’exclusion à une logique de mise en balance – 3. Se vêtir au travail conformément à ses convictions religieuses: Un renforcement du droit des employés de manifester leur religion – 4. Agir au travail conformément à ses convictions religieux: Les oscillations européennes face à l’objection de conscience – 5. Conclusion – 6. Appendice. Jurisprudence liée.

ABSTRACT: In a landmark decision impatiently awaited across the Channel, the European Court of Human Rights provided clarifications on the employee right to manifest religious beliefs at work. The balance between employee rights and requirements of employers is not completely upset. But there has been an important new trend in the european reasoning, in regard to the free expression of religious belief. This will not be without consequence, especially in France where many contemporary debate echo the european solution.

Scarica il testo completo in PDF

The wearing of Christian baptismal crosses - di Philip Ryabykh Igor V. Ponkin

SUMMARY: 1. On the religious significance of baptismal crosses and grounds for the need for Orthodox Christian believers to wear them – 2. On the illegitimate nature of the ban imposed by the state on the wearing of baptismal symbols of Christian religious affiliation – 3. Absence of any grounds for assessing the religious rite of wearing Christian baptismal crosses as a threat to public safety, public order, health or morals or the rights and freedoms of others – 4. The groundless emasculation, denial and reduction of the religious meaning and importance of Christian baptismal crosses.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e libertà di educazione di fronte alla Corte di Strasburgo - di Vincenzo Turchi

SOMMARIO: 1. Libertà religiosa e libertà di educazione: note preliminari – 2. Consiglio d’Europa ed Unione Europea: la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali – 3. La Corte europea dei diritti dell’uomo – 4. La funzione interpretativa della Corte nel diritto interno. In particolare, quale fonte integratrice del parametro interposto di costituzionalità ex art. 117, comma 1° Cost. – 5. Educazione e religione nella giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo. I rapporti familiari – 6. Libertà religiosa e libertà di educazione nel prisma della struttura scolastica. Le scuole confessionalmente orientate – 7. Gli insegnamenti obbligatori di religione – 8. I simboli religiosi – 9. In particolare, la “questione” del crocifisso (caso Lautsi c. Italia) – 10. Sintesi conclusiva.

ABSTRACT: The purpose of the paper consists in examining the cases submitted to the European Court of Human Rights in which religious freedom (art. 9 of European Convention of Human Rights) is, in a specific way, related to the right to education (art. 1 of Protocol 1). The fields where arise most important problems are as follows: family relationship, denominational Schools, compulsory denominational (confessional) instruction in Schools, religious symbols in State Schools. From the latest judgments at Strasbourg Court, it seems to emerge a new perspective of the principle of laicità, clearly open to social pluralism. As the Court stated concerning educative pluralism: “the possibility of pluralism in education […] is essential for the preservation of the “democratic society” as conceived by the Convention”.

Scarica il testo completo in PDF

I simboli religiosi nello spazio pubblico nella recente esperienza europea - di Paolo Cavana

SOMMARIO: 1. Premessa: alle origini del dibattito attuale - 2. La giurisprudenza della CEDU sui simboli religiosi - 3. La sentenza Lautsi e la sua ratio decidendi: a) Il crocifisso come simbolo passivo - 4. (segue) b) Il margine di apprezzamento dello Stato e le tradizioni nazionali - 5. (segue) c) La garanzia di un contesto pluralista e l’evoluzione del principio di laicità - 6. Gli effetti della  sentenza Lautsi sulla giurisprudenza della CEDU - 7. Gli effetti della sentenza Lautsi in Europa. a) Francia. b) Turchia. c) Germania. d) Paesi di tradizione ortodossa. e) Spagna - 8. Il caso italiano e il ruolo dello Stato nel sostegno ai simboli religiosi della tradizione - 9. La soluzione legislativa: pro e contro - 10. Osservazioni conclusive.

ABSTRACT: This paper examines the issue of religious symbols in the public spaces in the recent European experience. After some preliminary remarks about the origins of the present debate, comparing the American and European religious models, it focuses on the line of decisions of the ECHR in matters of religious symbols. In particular it takes the contents of the Lautsi judgement (2011) into consideration and evaluates its possible effects on the future decisions of the ECHR and of national courts of European countries like France, Turkey, Germany, countries of Orthodox tradition and Spain. In the end it makes some conclusive remarks about the Italian case and the role of the State in supporting the religious symbols of the tradition, examining the advantages and disadvantages of the legislative solution.

Scarica il testo completo in PDF

Interculturalità, libertà religiosa, abbigliamento. La questione del burqa - di Giulia Bassetti

SOMMARIO. 1. Multiculturalità e compatibilità ordinamentali. - 2. Abbigliamento e prescrizioni religiose: i simboli dei Sikh.- 3. La questione del velo islamico. - 4. La giurisprudenza europea e il velo islamico. - 5. Il burqa e la specificità del problema. - 6. Le normative nazionali e il burqa. - 7. Orientamenti delle istituzioni europee. - 8. Normativa applicabile e prospettive future in Italia.

Scarica il testo completo in PDF

Il simbolo religioso e culturale - di Carlo Cardia

SOMMARIO. 1. Semantica delle controversie sui simboli religiosi. Linguaggio di guerra ed esclusivismo - 2. Linguaggio plurale dei diritti umani che legittima ogni simbologia religiosa - 3. Coerenze e incoerenze. Religione, cultura, deserto delle identità - 4. Pluralità e differenze nella visione globale e positiva dei simboli - 5. Simbologia religiosa e multiculturalità. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Note su religione e sfera pubblica tra Costituzione italiana e Convenzione europea “dei diritti dell’uomo” - di Filippo Vari

Il tema del ruolo della religione nella società e del rapporto tra potere pubblico e religione o, per riprendere una terminologia antica, tra imperium e sacerdotium, oggetto di una poderosa riflessione scientifica, è stato riproposto con forza dalla decisione della seconda sezione della Corte europea dei diritti dell’uomo nel caso Lautsi v. Italia. (Continua)
 

Scarica il testo completo in PDF

Il caso Lautsi contro l’Italia - di Grégor Puppinck

SOMMARIO: 1. Premesse – 2. Il ragionamento della Seconda Sezione – 2.1. La ridefinizione dalla finalità del sistema educativo pubblico – 2.2. Il pluralismo educativo come finalità – 2.3. Sintesi del ragionamento della Sezione – 2.4. Una sentenza contestata - 3. Il ragionamento sviluppato dalla Grande Camera - 3.1. La sussidiarietà e il margine di apprezzamento – 3.2. Il laicismo è una convinzione filosofica non neutra – 3.3. La neutralità si applica all’ “agire” e non all’ “essere” dello Stato – 3.4. Democrazia, neutralità confessionale e laicità – 3.5. L’educazione pubblica nel senso della Grande Camera – 3.6. Il crocefisso: un simbolo passivo – 3.7. L’assenza d’ingerenza dello Stato - 4. Gli sviluppi supplementari alla sentenza della Grande Camera – 4.1. Il crocefisso e il velo islamico – 4.2. La libertà negativa di religione dei non credenti – 4.3. La falsa soluzione bavarese – 4.4. La  tradizione – 4.5. La religione maggioritaria – 4.6. Il dibattito religioso e politico – 4.7. Le conseguenze del caso Lautsi.
 

Scarica il testo completo in PDF

La sentenza Lautsi e altri c. Italia della Corte europea dei Diritti dell’Uomo - di Marcello Toscano

SOMMARIO: 1. Premessa: uno strano silenzio – 2. Il ricorso governativo e il suo seguito – 3. La sentenza della Grande Camera – 4. La “fuga“ dalla laicità e la regressione del principio di neutralità – 5. Simboli “forti” e simboli “passivi” – 6. Considerazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

La pronuncia della Grande Chambre della Corte di Strasburgo sul caso Lautsi C. Italia: post nubila Phoebus - di Vincenzo Turchi

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La giurisdizione domestica sul caso Lautsi - 3. La sentenza della Seconda Sezione della Corte - 4. La sentenza della Grande Chambre - 5. Laicità al plurale - 6. Metagiuridica del crocifisso.

Scarica il testo completo in PDF

Giudici e legislatori di fronte alla multiculturalità - di Elisa Olivito

SOMMARIO: 1. A mo' di introduzione: diritto giudiziario e diritto legislativo - 2. Legislazione e giurisdizione nelle società pluraliste - 3. Giudici e legislatori alla prova della multiculturalità - 4. Segue: il caso dei simboli religiosi - 5. Giudici-antropologi e legislatori paternalisti: cultural defense, leggi manifesto, eguaglianza di genere - 6. Chi decide delle culture?

Scarica il testo completo in PDF

L’“Affaire Lautsi c. Italie”: la vicenda giudiziaria dell’esposizione del crocifisso nelle aule scolastiche - di Alessia Leoni

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Precisazione preliminare: l’efficacia nel diritto interno delle sentenze della Corte Europea dei diritti dell’uomo - 3. Il percorso giudiziario innanzi ai giudici amministrativi dello Stato - 4. La sentenza della Seconda Sezione della Corte di Strasburgo del 3 novembre 2009 - 5. La decisione del “panel” della Corte EDU del 2 marzo 2010 - 6. L'udienza della Grande Chambre del 30 giugno 2010 – 7. La sentenza della GC del 18 marzo 2011 - 8. Le “opinioni separate” dei giudici della GC nel caso Lautsi.

Scarica il testo completo in PDF

Il crocifisso nelle aule scolastiche in Italia. Una condanna revocata, ma condizionata, dalla Corte Europea dei Diritti Umani - di Maria Gabriella Belgiorno de Stefano

SOMMARIO: La prima sentenza della Corte Europea dei Diritti Umani del 3 novembre 2009 - Le reazioni in Italia dopo la prima sentenza della Corte di Strasburgo - La sentenza di riesame davanti alla Grande Camera della Corte Europea dei Diritti Umani del 18 marzo 2011 - Le condizioni per mantenere la legittimità dell’esposizione del crocifisso nella scuola statale.

Scarica il testo completo in PDF

Droit à l’instruction et liberté de religion (art. 2 du Protocole n° 1 etart. 9 CEDH): Conventionalité de la présence des crucifix dans les salles de classe d’écoles publiques. - di Nicolas Hervieu

SOMMAIRE: 1. Introduction – 2. Les contraintes de conventionalité et la liberté étatique dans l’organisation de l’environnement scolaire: une articulation délicate pour les symboles religieux – 2.1. La soumission de l’aménagement de l’environnement scolaire à un minimum de contraintes de conventionalité – 2.2. La diversité européenne, source d’une large marge d’appréciation au profit des États – 3. Le principe conventionnel de neutralité: entre acrobaties jurisprudentielles et affaiblissement substantiel – 3.1. La minoration contestable de l’impact des crucifix exposés dans les salles de classe – 3.2. Que reste-t-il du principe de neutralité religieuse en matière scolaire? – 4. La portée du revirement.

ABSTRACT: In a particularly sensitive context, the Grand Chamber of the European Court of Human Rights has finally decided to reverse the solution adopted by the Chamber about the famous case Lautsi v. Italy (ECtHR, 2nd Sect. November 3, 2009, Lautsi v. Italy , Appl. No. 30814/06 – ADL’s November 3, 2009). By a majority of fifteen votes against two, the Grand Chamber refuses to condemn Italy for the presence of crucifixes in classrooms of its schools. Receptive to criticism of the solution in 2009, the Court decided to grant broad freedom to States regarding the presence of religious symbols in the school environment. But doing so, she carries out some acrobatics reasoning and reduces principle of neutrality. Lautsi v. Italy , Appl. No. 30814/06 – ADL’s November 3, 2009). By a majority of fifteen votes against two, the Grand Chamber refuses to condemn Italy for the presence of crucifixes in classrooms of its schools. Receptive to criticism of the solution in 2009, the Court decided to grant broad freedom to States regarding the presence of religious symbols in the school environment. But doing so, she carries out some acrobatics reasoning and reduces principle of neutrality.

Scarica il testo completo in PDF

La tutela della libertà religiosa nella Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo - di Jlia Pasquali Cerioli

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. CEDU e sistema delle fonti (brevissimi cenni in prospettiva di diritto interno e di diritto dell’Unione europea) – 3. L’interpretazione “per valori” della Convenzione e il margine di apprezzamento statuale – 4. Lo sviluppo degli indirizzi giurisprudenziali della Corte europea in materia di libertà di religione e di convinzione individuale – 5. (segue…) e nella dimensione “organizzata” – 6. Laicità a presidio della libertà religiosa: pluralismo educativo e società democratica v. obbligo del crocifisso nelle aule (Lautsi c. Italia) – 7. Laicità a sacrificio della libertà religiosa: eccessi di difesa dell’ordine interno v. manifestazione dell’appartenenza confessionale nella pubblica via (Ahmet Arslan c. Turchia) – 8. Conclusioni: identità personale v. identità nazionale.

Scarica il testo completo in PDF

Le confessioni prive di intesa non esistono - di Valerio Tozzi

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Confessioni religiose e culti ammessi - 3. Confessioni religiose e culti non sono la stessa categoria di soggettività religiose collettive - 4. Istituti dei culti ammessi, istituti ecclesiastici ed enti di culto - 5. Oltre alle confessioni religiose la Costituzione ha previsto e ampiamente garantito le … istituzioni o associazioni a carattere ecclesiastico e con fine di religione e di culto - 6. Se non c’è l’intesa con lo Stato italiano, non c’è confessione religiosa.

Scarica il testo completo in PDF

I simboli religiosi nell’ordinamento penitenziario italiano - di Raffaele Santoro

SOMMARIO: 1. La libertà religiosa del detenuto nella società multiculturale – 2. L’esposizione dei simboli religiosi nei luoghi di detenzione – 3. I simboli religiosi sul corpo.

Scarica il testo completo in PDF

Il crocifisso in giro per l’Europa: da Roma a Strasburgo (e ritorno) - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Il contesto – 2. Le sentenze di Roma … – 3. … e quella di Strasburgo – 4. Il “margine di apprezzamento”: Roma o Strasburgo? – 5. (Segue): ipotesi e prospettive – 6. Roma e Strasburgo hand in hand.

Scarica il testo completo in PDF

Il diritto ecclesiastico oggi: la territorializzazione dei diritti di libertà religiosa - di Giovanni Cimbalo

SOMMARIO: 1. La mutata presenza delle religioni sul territorio - 1.1. L’appartenenza a un’area cultural-religiosa come fattore identitario - 1.2. La nascita, il matrimonio, la sepoltura, le abitudini alimentari, l’etica e la bioetica come tematiche riconducibili all’area sociologica di afferenza religiosa - 1.3. Le feste religiose, la celebrazione del culto e l’edificio di culto come strumenti e luoghi di aggregazione della comunità - 1.4. Crocefisso e simboli religiosi come marcatori culturali del territorio - 2. I mutamenti nella composizione dei gruppi religiosi in Italia - 2.1. L’aumento della componente ortodossa e la presenza dei greco-cattolici - 2.2. I mussulmani dell’Est Europa - 2.3. I mussulmani di origine araba e quelli provenienti dall’oriente - 2.4. I culti d’oriente - 3. Pluralismo religioso: forme organizzate e condivise della laicità.

Scarica il testo completo in PDF

Simboli religiosi e laicità a partire dal caso Lautsi v. Italy - di Angela Scerbo

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. In breve: sulle circostanze del caso Lautsi – 3. Per un’analisi ponderata delle argomentazioni svolte dalla Seconda Sezione della Corte di Strasburgo … - 4. … (continua) alla luce del pregresso orientamento giurisprudenziale dei giudici europei … - 5. … (continua) e alla ricerca di una possibile convergenza con la giurisprudenza nazionale in tema di laicità e con il prevalente orientamento dottrinario in materia.

Scarica il testo completo in PDF

Le ultime tendenze giurisprudenziali del Consiglio di Stato in materia ecclesiastica - di Paolo Moneta

SOMMARIO: 1. Gli insegnanti di religione nella scuola pubblica – 2. I docenti dell’Università cattolica – 3. Cerimonie ed attività di ispirazione religiosa nelle scuole – 4. Il crocifisso nelle aule scolastiche – 5. L’edilizia di culto – 6. Gli enti ecclesiastici – 7. L’accesso a documenti sanitari nelle cause di nullità di matrimonio – 8. Altri interventi del Consiglio di Stato: cappellani militari, velo islamico, finanziamento alle scuole non statali – 9. Osservazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Is the glass half empty or half full? Lautsi v Italy before the European Court of Human Rights - di Pasquale Annicchino

SUMMARY: 1. PART I. Introduction – 2. National proceedings – 3. The case before the ECtHR – 4. The decision of the court – 5. The reaction to the decision – Part II. A BRIEF ANALYSIS OF THE JUDGMENT. - 6. The composition of the court – 7. The meaning of the crucifix – 8. The holding of the case: did the court reach the right decision? – 9. The concept of neutrality – 10. Conclusion.

Scarica il testo completo in PDF

Il crocifisso tra Roma e Strasburgo - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Una norma senza legge – 2. Le sentenze di Roma … – 3. … e quella di Strasburgo – 4. La prospettiva della legge.

Scarica il testo completo in PDF

Nuovi segnali di crisi: i casi Lombardi Vallauri e Lautsi davanti alla Corte europea dei diritti dell’uomo - di Marcello Toscano

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Il caso Lombardi Vallauri c. Italia: la vicenda - 3. L’analisi della Corte: diritto alla libertà d’espressione e diritto a un processo equo - 4. Università confessionali, procès équitable e principio supremo di tutela giurisdizionale-– 5. Tutela giurisdizionale, principio supremo di laicità e distinzione degli ordini - 6. La sentenza Lautsi c. Italia: i fatti - 7. La decisione della Corte - 8. Alcune osservazioni - 9. L’epilogo europeo di una vicenda tutta italiana - 10. Conclusioni … - 11. … e qualche (disillusa) previsione di breve periodo.

Scarica il testo completo in PDF

Il crocifisso nelle aule scolastiche in Italia. Una condanna annunciata della Corte Europea dei Diritti Umani - di Maria Gabriella Belgiorno de Stefano

SOMMARIO: 1. I simboli di appartenenza religiosa – 2. La sentenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo del 3 novembre 2009, sul caso Lautsi c. Italia (ricorso n° 30814/06) – 3. Conclusioni sul caso Lautsi c. Italia – 4. Le reazioni in Italia dopo la sentenza della Corte di Strasburgo – 5. Le conseguenze in Italia dell’eventuale definitività della sentenza della Corte europea del 3 novembre 2009 – 6. Dopo l’entrata in vigore del Trattato di Lisbona, nell’ambito dell’Unione Europea.

Scarica il testo completo in PDF

La questione del velo nella legislazione dei Länder tedeschi a seguito del “caso Ludin” - di Leonardo Betti

SOMMARIO: 1. La sentenza del Tribunale Costituzionale federale del 24 settembre 2003 - 2. Neutralität e Bekentnissfreiheit; brevi considerazioni a partire dal caso Ludin - 3. Le prospettive di attuazione dei principi costituzionali: il ruolo dei Länder - 4. Le singole risposte legislative dei Länder - 5. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Qu’est ce que la liberté de conscience? Réflexions d’un publiciste à travers l’exemple du service public de l’Éducation nationale - di Stéphane Guérard

SOMMAIRE: 1. Qu’est-ce que la liberté de conscience? – 2. La définition étroite – 3. La définition large – 4. La variabilité de la liberté de conscience – 5. Un mariage de «raisons» (ou les raisons d’un mariage) – 5.a. L’affirmation du statut des enseignés - 5.b. Le devoir de réserves des enseignants - 6. Les déraisons d’un mariage – 6.a. La question du port du foulard islamique – 6.b. Le caractère propre des établissements privés sous contrats.

Scarica il testo completo in PDF

Chi vuole il crocifisso? Domande semplici, democrazia interculturale, fede personale - di Mario Ricca

SOMMARIO: 1. Il crocifisso bicipite — 2. Storia, costituzione e polifonia delle tradizioni — 3. Cultura in libertà. I simboli religiosi come veicolo di informazione civica — 4. La laicità «sana». Dall’aggettivo al verbo per una deangolazione non solo sintattica.

Brevi riflessioni sulla recente giurisprudenza “apicale” in ambito ecclesiasticistico - di Andrea Bettetini

SOMMARIO: 1. Premessa. Stasi normativa e diritto giurisprudenziale in ambito ecclesiasticistico - 2. Il valore pubblico e giuridicamente rilevante della religione. Per un corretto principio di laicità dello Stato – 3. Autoreferenzialità e principio di effettività nella giurisprudenza del Consiglio di Stato - 4. La giurisprudenza della Cassazione sul matrimonio canonico trascritto, tra consolidamento di principi elaborati in via giurisprudenziale e nuove letture di rottura del sistema.

Scarica il testo completo in PDF

Islam, abbigliamento religioso, diritto e processo penale: brevi note a margine di due casi giurisprudenziali - di Gian Luigi Gatta

SOMMARIO: 1. La libertà di abbigliamento religioso tra diritto e processo penale: due casi giurisprudenziali - 2. Primo caso: una musulmana accede a un’aula di tribunale indossando il burqa, per assistere al processo penale a carico del marito. Denunciata per il reato di cui all’art. 5 l. 152/1975, viene assolta. – 3. Secondo caso: un musulmano accede a un’aula di tribunale, quale imputato in un processo penale, indossando un copricapo. Invitato dal giudice a toglierlo, rifiuta affermando che si tratta di un simbolo religioso e, per protesta, si allontana dall’aula.

Scarica il testo completo in PDF

La laicità nella giurisprudenza amministrativa: da principio supremo a “simbolo religioso” - di Jlia Pasquali Cerioli

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. L’apertura: l’ordinanza n. 56 del 2004 del Tar Veneto – 3. La chiusura: la sentenza n. 1110 del 2005 del Tar Veneto – 4. La conferma: la sentenza n. 556 del 2006 del Consiglio di Stato – 5. La sorpresa: l’orientamento della g.a. al di fuori della questione dei simboli religiosi – 6. Brevi conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

La laicità contesa. Aspetti della crisi politica turca nella prospettiva del diritto ecclesiastico europeo - di Matteo Prandi

SOMMARIO: 1. Introduzione – 2. Per una prima ricostruzione fattuale della crisi politica turca nel biennio 2007-2008 – 3. Il giudizio sullo scioglimento del partito AKP: le argomentazioni delle parti – 4. La sentenza della Corte costituzionale del 30 luglio 2008. La Corte tra funzione di equilibrio e difesa del laicismo – 5. Cenni conclusivi, nella prospettiva del diritto ecclesiastico europeo.

Scarica il testo completo in PDF

Le laicità - di Barbara Randazzo

SOMMARIO: Sezione I. LE PREMESSE: 1. Limiti e condizioni di un discorso sulla laicità: un concetto da declinare al plurale - 2. La “rivincita di Dio” e le sue ragioni. - 3. Il patrimonio comune dei diritti umani - 4. La distinzione essenziale tra istituzioni religiose e religione - 5. La consanguineità tra laicità e religione: il paradosso giuridico del crocifisso simbolo di laicità - Sezione II. I CONTENUTI: 1. Dalla laicità liberale alla laicità positiva e oltre - 2. La laicità all’italiana: un principio supremo - 2.1 Le applicazioni del principio nella giurisprudenza costituzionale - 2.2 Il nucleo essenziale del principio di laicità e i suoi riflessi sul rapporto tra gli artt. 7 e 8 della Costituzione - 3. La laicità europea - 3.1 Laicità e Unione Europea - 3.2 Laicità e Convenzione europea dei diritti dell’uomo - 4. Uno sguardo oltre oceano: le Religions clauses.

Scarica il testo completo in PDF

Simbologia religiosa e crimine organizzato: uno storico equivoco - di Domenico Bilotti

Due diverse ed erronee visioni di studio si sono confrontate nell’analisi dei fenomeni mafiosi: quanti sostenevano lo stretto ancoraggio degli stessi alla simbologia religiosa sino a una piena identificazione tra detta simbologia e criminalità e quanti hanno colpevolmente deprezzato l’uno e l’altro profilo problematico. La multinazionalizzazione della delinquenza organizzata e la contemporanea ramificazione degli studi e delle tendenze in materia religiosa possono fungere da elementi chiarificatori per ricostruire rapporti così intricati.

Scarica il testo completo in PDF

Simbolismo religioso e nuove prospettive per lo studio del diritto ecclesiastico dello Stato - di Raffaele Coppola

SOMMARIO: 1. L'occasione – 2. I suggerimenti – 3. Le prospettive in senso proprio.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e società multiculturali: il caso del velo islamico - di Nicola Fiorita

SOMMARIO: 1. Il velo islamico: un simbolo religioso? – 2. Il velo islamico e gli ordinamenti giuridici europei – 3. Il velo islamico e l’ordinamento giuridico italiano – 4. Oltre il velo: appunti e suggerimenti per società plurali in cerca di percorsi praticabili.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e multiculturalismo - di Carlo Cardia

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Identità e simboli religiosi – 3. Eguaglianza di diritti e di doveri – 4. Evoluzione e ottimismo antropologico – 5. Evoluzione e religione.

Scarica il testo completo in PDF

“Uso” ed “abuso” del simbolo religioso: profili di responsabilità penale - di Emanuele La Rosa

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Il rifiuto e l’omissione motivati dalla presenza del Crocifisso. La vicenda Montagnana – 2.1. Segue: il caso Tosti – 3. Il problema della presenza del crocifisso nei locali pubblici – 4. Il rifiuto motivato dalla presenza del crocifisso come ipotesi “peculiare” di “obiezione di coscienza” – 4.1. Il rifiuto per ragioni di coscienza come causa di esclusione della colpevolezza – 4.2. L’obiezione di coscienza come diritto scriminante: contenuto e limiti – 4.3. L’obiezione di coscienza come “motivo di particolare valore morale e sociale” ex art. 62 c.p. – 5. È ammissibile una tutela penale dell’obbligo di esposizione del simbolo religioso? – 6. Il simbolo sul corpo: il velo islamico tra istanze di libertà ed esigenze di sicurezza.

Scarica il testo completo in PDF

Dai principi alle regole? Brevi note critiche al testo unificato delle proposte di legge in materia di libertà religiosa - di Vincenzo Pacillo

SOMMARIO: 1. Il testo unificato delle proposte di legge C. 36 e C. 134 di fronte al principio di laicità – 2. La questione della libertà di propaganda - 3. Libertà religiosa e mutilazioni rituali - 4. Brevi note in tema di tutela della libertà religiosa dei lavoratori, di otto per mille e di crocifissi nelle aule - 5. Considerazioni conclusive - Nota bibliografica.

Scarica il testo completo in PDF

Onore, sentimento religioso e libertà di ricerca scientifica - di Emanuele La Rosa

SOMMARIO: 1. Considerazioni introduttive – 2. Libertà di manifestazione del pensiero e tutela dell’onore: un equilibrio difficile – 3. La critica scientifica: nozione – 4. segue: fondamento costituzionale – 5. La corretta ricostruzione dei fatti oggetto del giudizio come requisito di legittimità della critica scientifica – 6. Le questioni connesse alla pertinenza e alla continenza espressiva – 7. Sentimento religioso collettivo e tutela dell’onore – 8. Verso una limitazione della libertà di ricerca in materia religiosa o socio-religiosa?

Scarica il testo completo in PDF

Laicità e simboli religiosi - di Paolo Cavana

SOMMARIO: 1. Le origini. Laicità dello Stato e cristianesimo - 2. L’ideologia dello Stato laico nella crisi dello spirito europeo - 3. L’affermazione del regime di laicità in Francia - 4. L’evoluzione del principio di laicità nell’esperienza francese - 5. La laicità dello Stato nell’esperienza italiana. I dibattiti in Assemblea costituente - 6. Il principio di laicità dello Stato nella giurisprudenza costituzionale - 7. Le nuove sfide alla laicità dello Stato.

Scarica il testo completo in PDF

Cittadinanze immaginarie - di Claudio Luzzati

SOMMARIO: 1. La posta in gioco - 2. La vana ricerca delle radici - 3. Una via d’uscita dall’ossessione simbolica.

Scarica il testo completo in PDF

Educazione religiosa e tutela del minore nella famiglia - di Maria Luisa Lo Giacco

SOMMARIO: 1. Educazione religiosa e diritti dei genitori: le norme costituzionali e le richieste delle religioni - 2. Educazione religiosa del minore, crisi della famiglia ed affidamento dei figli - 3. Ipotesi di conflitto tra diritto-dovere dei genitori all’educazione religiosa dei propri figli e tutela del diritto alla salute dei minori: i trattamenti sanitari - 4. Educazione religiosa familiare e tutela della libertà religiosa dei minori nelle scuole: la questione dei simboli religiosi.

Scarica il testo completo in PDF

Per un diritto di libertà di religione costituzionalmente orientato - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Premessa: legge e intese - 2. Insufficienze della p.d.l. – 3. L’obiettivo da perseguire - 4. La libertà di religione e i suoi limiti – 5. La laicità – 6. La libertà di religione negativa: ateismo e agnosticismo – 7. Le organizzazioni filosofiche e non confessionali – 8. Norme finanziarie (deduzioni offerte ed otto per mille) – 9. Confessioni con intesa e senza intesa: illegittimità della distinzione – 10. La personalità giuridica – 11. Il matrimonio - 12. Le classi religiosamente omogenee - 13. Simboli religiosi - 14. L’architettura della p.d.l.- 15. Conclusione.

Scarica il testo completo in PDF

Laicità relativa - di Raffaele Coppola

SOMMARIO: 1. La laicità «relativa» come laicità necessaria - 2. Rilevanza costituzionale del sentimento religioso e principio di laicità statuale - 3. Laicità e dimensione della libertà - 4. Eguale libertà delle confessioni - 5. Eguaglianza giuridica, libertà e laicità - 6. Superamento del nodo del Crocifisso.

Scarica il testo completo in PDF