Rivista telematica (www.statoechiese.it)
Online dal gennaio 2007
Menu

Articoli in

A come aborto: la “lettera scarlatta” del XXI secolo nel Giardino degli angeli - di Silvia Baldassarre

SOMMARIO: 1. Il caso - 2. La normativa di riferimento - 3. Interruzione di gravidanza e diritto alla privacy - 4. Nel nome della madre e del figlio mai nato - 5. I cimiteri dei feti - 6. Osservazioni conclusive.

A for abortion: The Scarlet Letter in XXI century in the “Garden of angels”.

ABSTRACT: The work analyzes in a juridical key the story of the burial of an abortive product, in the "garden of the angels" (Flaminio cemetery in Rome). The burial, which took place without the mother's consent, is marked by a cross with the woman's personal data. This circumstance raises several critical profiles, examined in the article, regarding the right to privacy, the right to self-determination and freedom of conscience.

Scarica il testo completo in PDF

Internet, culture e religioni. Spunti di riflessione per un web interculturale - di Raffaele Santoro Federico Gravino

SOMMARIO: 1. Sviluppo tecnologico, internet e dinamiche interculturali - 2. I nuovi mezzi di comunicazione sociale nel magistero della Chiesa cattolica - 3. Strategie confessionali e prospettive interculturali: il caso delle app religiose - 4. Il download di una app tra tutela della privacy e sicurezza sociale.

Internet, Cultures, Religions. Some insights for an intercultural web.

ABSTRACT: The article aims to investigate the relationship between the Internet and religions. Technological evolution has produced important consequences on society and relationships between people, also involving religious denominations. The latter have defined new ways of professing and excercizing their belief: creation of Christian communities on line, Internet as window of knowledge of monastic life or proselytizing tools, propaganda through religious videogames, app for smartphones and tablets. Such tools can contribute to the formation of an intercultural web. The use of the Internet and of modern technologies questions jurists about the protection of sensitive data of religious interest and of social security. Downloading an app on smatphones and tablets allows the provider to access even the user’s sensitive data, including their religious affiliation. This requires the intervention of Italian Data Protection Authority, whose task is to check whether the processing of sensitive data is carried out in compliance with the applicable regulations. The improper use of the Internet can also involve the protection of social security, through the denigration of a particularly weak social group and as a tool of spreading and inciting hatred (hate speech). The legislator is therefore called upon to define the sanctioning capacity of the existing legal systems.

Scarica il testo completo in PDF

La privacy della mente: alcune riflessioni sul rapporto tra protezione dei dati personali e libertà di pensiero - di Gianmarco Gometz

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Riservatezza psichica, profilazione e neurotecnologie - 3. Il valore della riservatezza psichica - 4. Privacy e libertà di pensiero.

Psychoprivacy: Some Remarks on the Relation between Protection of Personal Data and Freedom of Thought

ABSTRACT: This essay maintains that the same normative reasons that lead to ascribe to individuals a fundamental right to privacy imply a fortiori a certain degree of legal protection against the unwanted detection and disclosure of their ideas, beliefs, opinions, preferences, tastes, feelings, moods, dispositions, memories, aspirations, action plans and other conscious or unconscious products of their mind. This aspect of the right to privacy referred to the mental (cognitive, doxastic, intentional, mnemonic and emotional) dimension of individuals will be called psychoprivacy and examined in its relationship with freedom of thought. It will be concluded that the psychoprivacy of individuals conflicts with freedom of thought only if the latter is considered from the perspective of the speaking subject, that is, the one who claims the freedom to express their thoughts without any legal restrictions whatsoever. If, on the other hand, freedom of thought is centered on the thinking subject, and understood as the right to cultivate one's thoughts and purposes regardless of any expression or translation in practice, then there is no conflict with psychoprivacy, but rather harmony.

Scarica il testo completo in PDF

Le Autorizzazioni Generali al trattamento dei dati sensibili da parte delle confessioni religiose. Osservazioni alla luce delle recenti riforme in materia di privacy - di Giulia Mazzoni

SOMMARIO: 1. Il Regolamento UE 2016/679 e i dati di natura religiosa: un nuovo percorso normativo da analizzare - 2. Dalla legge n. 675 del 1996 al d.lgs. n. 196 del 2003: l’affermarsi delle “autorizzazioni generali” per il trattamento dei dati sensibili da parte delle confessioni religiose - 3. Le novità introdotte dal Regolamento europeo n. 679 del 2016 per il trattamento dei dati di natura religiosa e il mancato riferimento alle “autorizzazioni generali” - 4. Il d.lgs. n. 101 del 2018 e l’adeguamento italiano alla normativa comunitaria del 2016: il recupero delle “autorizzazioni generali” - 5. Il ruolo del Garante e la conferma parziale della legittimità dell’autorizzazione generale n. 3 - 6. Un nuovo ruolo per i responsabili del trattamento dei dati di natura religiosa: privacy by design, compliance normativa e tutela dell’autonomia delle confessioni religiose.

General Authorizations to process of sensitive data by churches. Considerations on recent reforms in theme of privacy

ABSTRACT: The Regulation (EU) 2016/679 – so-called GDPR - has resulted in a significant reform of the Italian system for the protection of personal data and crystallized in Legislative Decree no. 196 of 30 June 2003. The GDPR, which focuses on principle of accountability and the concepts of privacy by design and privacy by default, has rethought, in particular, the category of data in which those of a religious nature were inserted basing their discipline on a general prohibition of treatment and provided that churches, associations or religious communities can dictate and apply their own internal legislation in this field, provided that it complies with the community provisions of the regulation. Before entry into force of the GDPR, the processing of religious data was mainly linked to the provision by the Guarantor Authority for the protection of personal data of a General Authorization - No. 3 - which allowed religious confessions to process the data of their members. This system has been questioned in part by the GDPR and then re-read by Legislative Decree no. 101/2018, which confirmed the value of the General Authorization n.3 in the framework of a peculiar system of guarantees.

Scarica il testo completo in PDF

Salvaguardia dei dati sensibili di natura religiosa e autonomia confessionale. Spunti per un’interpretazione secundum Constitutionem del regolamento europeo n. 2016/679 - di Manuel Ganarin

SOMMARIO: 1. Esigenze di uniformazione delle fonti europee di diritto derivato e protezione del principio di favor religionis nella Carta costituzionale italiana. Alla ricerca di un punto di equilibrio - 2. Possibilità e limiti di esenzione dalla normativa europea circa il trattamento dei dati personali intraconfessionali - 3. Ammissibilità di soluzioni normative confessionali ‘complete’ e ‘conformi’ al regolamento europeo ... - 4. … e di un intervento dello Stato volto al ripristino della legalità costituzionale - 5. Gli strumenti di tutela: il ruolo dell’autorità di controllo nazionale e di un’ipotetica authority confessionale nella prospettiva di un coordinamento interordinamentale necessitato.

Protection of sensitive religious data and confessional autonomy. Reflections for an interpretation secundum Constitutionem of the European regulation n. 2016/679

ABSTRACT: The contribution proposes an interpretation in conformity with the Italian Constitution of the European regulation n. 2016/679 on the protection of individuals with regard to the processing of personal data, which will be applied in the Member States from 25 May 2018. An interpretation that protects the constitutional principle of confessional autonomy and the fundamental rights and freedoms of the person, reconciling them when necessary.

Scarica il testo completo in PDF

Lo ‘sbattezzo’, tra libertà religiosa e norme implicite. Spunti di diritto comparato - di Maria Chiara Ruscazio

SOMMARIO: 1. Considerazioni introduttive - 2. Il quadro normativo - 3. Le soluzioni giurisprudenziali - 4. Riflessioni conclusive.

The ‘debaptism’, between religious freedom and implicit rules. Hints of comparative law

ABSTRACT: The problem of cancellation from baptismal registers seems to have come to a final solution, thus being no more interesting. Nonetheless, it can still be useful to analyse it from a comparative point of view. The study of the various solutions proposed by the different legal systems allows finding out ‘implicit’ juridical principles, which condition the interpretation and the implementation of positive rules. It can be especially remarked a convergence of arguments and results between legal systems formally inspired to distinct models of State-religions’ relationship - such as the French and the Italian legal systems. This convergence highlights the existence, at a latent level, of common cultural conceptions of the religious experience, fashioned by the Christian religious paradigm; these conceptions tend to shape the concrete contents of both the right to religious freedom, and the right to personal identity, protected by personal data laws.

Scarica il testo completo in PDF

Convinzioni religiose, riservatezza e prestazioni sanitarie - di Beatrice Serra

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Un controllo a iniziativa di parte: la prassi segnalata al Garante - 3. Il quadro normativo e concettuale d’immediato riferimento: a) la speciale qualità del dato raccolto - 4. (segue): b) la natura pubblica del titolare e i principi di finalità e indispensabilità - 5. I risultati dell’istruttoria - 6. La decisione dell’Autorità - 7. Osservazioni conclusive.

Religious beliefs, privacy and healthcare

ABSTRACT : The paper analyzes a decision of the Italian Data Protection Authority on the relationship between religious freedom and privacy in the healthcare context.

Scarica il testo completo in PDF

Cattolicesimo “di frangia”, religiosità popolare e pubblicazione di rivelazioni private. Un caso siciliano - di Antonio Guerrieri

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Le fonti e i documenti ecclesiali sulla pubblicazione di rivelazioni private - 3. Carismi, profetismo, superstizione. I rapporti tra il mondo delle associazioni e dei movimenti e l’autorità ecclesiastica - 4. Dissidio insanabile: intervento pastorale e rimedi canonistici - 5 . Religiosità popolare e cattolicesimo di frangia: le ragioni di un fenomeno.

Scarica il testo completo in PDF

Perché non possiamo non dirci tracciati: analisi ecclesiasticistica della pubblicità comportamentale on-line - di Dario Morelli

SOMMARIO. 1. Introduzione – 2. Cos’è la pubblicità comportamentale – 3. Perché e come la normativa sulla protezione dei dati personali si applica alla pubblicità comportamentale – 4. Le informazioni idonee a rivelare le convinzioni religiose e filosofiche degli interessati nella normativa sulla protezione dei dati personali – 5. La pubblicità comportamentale che usa dati personali idonei a rivelare convinzioni religiose e filosofiche degli interessati e quella che usa dati personali comuni – 6. La pubblicità comportamentale sensibile (a contenuto di proselitismo e a contenuto commerciale) – 7. La pubblicità comportamentale comune (a contenuto di proselitismo e a contenuto commerciale)

Scarica il testo completo in PDF

Accesso a internet, libertà religiosa informatica e buon costume - di Luca Pedullà

SOMMARIO: 1. Accesso a internet: nuove libertà e nuovi pericoli – 2. La formazione individuale del sentire religioso, oggi, nel nuovo contesto che potremmo definire di "libertà religiosa informatica" – 3. L'attuale senso della nozione di "buon costume" al vaglio del cyberspace e ipotesi de jure condendo.

Scarica il testo completo in PDF

Personal data protection in the Vatican City State: Views on the applicability and enforceability of Italian data protection legislation - di Dario Morelli

SUMMARY: 1. General framework of the applicability of Italian legislation within the Vatican City State - 2. The right to privacy under European and canon law - 3. Applicability and enforceability of the Italian Data Protection Code within the Vatican City State.

ABSTRACT: In the Vatican City State no specific laws have been adopted either by the Supreme Pontiff, the Pontifical Commission, or other legitimate Vatican City State authorities in relation to the fundamental right to privacy of natural and legal persons. Canon 220 of the Code of Canon Law refers to the protection of a good reputation and of intimitas, but does not provide for specific or self-contained rules related to personal data protection; it contains only general principles that can (and should) be articulated in more specific regulations. Therefore, it seems feasible that the provisions of the Italian Data Protection Code concerning the processing of personal data and the protection of privacy in the telecommunications sector - as well as any other provision concerning the sector of telecommunications and relevant services, both of landline and mobile networks, in their entirety - should be automatically applicable within the Vatican City State, pursuant to Article 12.1.a.5 of Law no. LXXI on the sources of law of the Vatican City State.

Scarica il testo completo in PDF

Liberté de religion (art. 9 CEDH): droit de ne pas être contraint de révéler ses convictions religieuses et prélèvement à la source de l’impôt cultuel. L’affaire Wasmuth c. Allemagne - di Nicolas Hervieu

Avec une certaine obstination contentieuse, un salarié a régulièrement cherché, depuis 1996, à remettre en cause le système de prélèvement à la source de l’impôt cultuel tel qu’il existe en Allemagne. Dans cet Etat, en effet, les employés doivent remettre à leur employeur respectif “une carte d’impôt sur le salaire" sur  laquelle, entre autres informations, figure  “l’appartenance à une Eglise ou une société religieuse habilitée à lever l’impôt cultuel”. Si le salarié use de son droit de refuser le paiement d’un tel impôt, la mention «--» sera portée dans la case dédiée à l’appartenance religieuse. Dès lors, l’employeur ne retiendra pas sur le salaire la fraction correspondant à cet impôt et ne la transmettra pas au Trésor Public. (Continua)
 

Scarica il testo completo in PDF

I “nuovi” diritti - di Marta Cartabia

SOMMARIO: 1. L’età dei “nuovi” diritti in Europa - 2. Nuovi assetti istituzionali dell’Europa dei diritti – 3. Due casi esemplari: il diritto al figlio e il diritto al matrimonio omosessuale - 4. I “nuovi” diritti come espressione della privacy e del principio di non discriminazione - 5. “Nuovi” diritti senza limiti - 6. A conclusione: alcuni spunti problematici.

Scarica il testo completo in PDF

L’evoluzione del diritto comune in materia religiosa nella legislazione nazionale - di Paolo Moneta

Sommario: 1. Premessa – 2. La legislazione sulle confessioni religiose – 3. I beni culturali – 4. Gli enti ecclesiastici e gli enti di utilità sociale – 5. La tutela penale – 6. La bioetica – 7. Gli insegnanti di religione e la tutela della riservatezza – 8. Osservazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Le ultime tendenze giurisprudenziali del Consiglio di Stato in materia ecclesiastica - di Paolo Moneta

SOMMARIO: 1. Gli insegnanti di religione nella scuola pubblica – 2. I docenti dell’Università cattolica – 3. Cerimonie ed attività di ispirazione religiosa nelle scuole – 4. Il crocifisso nelle aule scolastiche – 5. L’edilizia di culto – 6. Gli enti ecclesiastici – 7. L’accesso a documenti sanitari nelle cause di nullità di matrimonio – 8. Altri interventi del Consiglio di Stato: cappellani militari, velo islamico, finanziamento alle scuole non statali – 9. Osservazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Kosteski v. FYRM: spunti di riflessione sulla religiosità individuale nella giurisprudenza della Corte europea dei diritti umani - di Silvia Angeletti

SOMMARIO: 1. La dimensione individuale e collettiva della religione e l’intervento dello Stato - 2. Il caso Kosteski c. FYRM: l’onere della «prova pubblica» sugli orientamenti confessionali – 3. Religiosità individuale e appartenenza confessionale, tra manifestazioni legittime e riservatezza del forum internum - 3.1. Gli «atti motivati da ragioni religiose» nell’interpretazione della Corte europea. Effetti restrittivi nell’applicazione dell’art. 9 - 3.2. Recenti tendenze nella giurisprudenza dei giudici di Strasburgo: individual approach o state-oriented approach?

Scarica il testo completo in PDF

Profili giuridici collegabili alla carta di identità elettronica. Aspetti ecclesiasticistici connessi all’introduzione della carta di identità elettronica - di Settimio Carmignani Caridi

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Funzione della Carta di identità – 3. Appartenenza religiosa ed identificazione del soggetto – 4. Funzione della fotografia – 5. Conclusione.

Scarica il testo completo in PDF

Laicità e diritto privato - di Guido Alpa

SOMMARIO: 1. Laicità: definizioni - 2. Il problema della laicità nel diritto privato – 3. Laicità e rapporti di diritto privato – 4. Giurisprudenza recente – 4.1. Procreazione artificiale – 4.2. Esposizione dei simboli religiosi – 4.3. Licenziamento del dipendente per contrasto con la tendenza dell’impresa datoriale - 5. Congedo - 6. Appendice – 6.1. Lo statuto dell’embrione tra libertà, responsabilità, divieti – 6.1.1. Spetta al giurista definire lo statuto dell’embrione? – 6.1.2. La risposta del giurista è condizionata dal metodo? – 6.1.3. Il dibattito apertosi in Europa tra studiosi di diverse discipline ha segnato percorsi fruibili dal legislatore? – 6.1.4. Quali proposte si erano formulate nell’esperienza italiana? – 6.1.5. Il diritto europeo e il diritto comunitario possono soccorrere il giurista italiano? – 6.1.6. Il modello inglese può costituire un’alternativa possibile? – 6.1.7. Si può costruire lo statuto dell’embrione soltanto su regole che impongano divieti? – 6.1.8. Da dove ripartire per definire un modello accettabile? – 6.2. Il danno da procreazione e il diritto a nascere sani – 6.3. Il principio di autodeterminazione e le direttive anticipate sulle cure mediche – 6.3.1. Premessa – 6.3.2. La prima fase del dibattito. Accanimento terapeutico e diritti dei malati e dei morenti – 6.3.3. La seconda fase del dibattito. Il “testamento biologico” – 6.3.4. La terza fase del dibattito. La dignità del morente – 6.3.5. La situazione attuale. Utilità dell’intervento legislativo – 6.3.6. Conclusione.

Scarica il testo completo in PDF