Rivista telematica (www.statoechiese.it)
Online dal gennaio 2007
Menu

Articoli in

“A chiare lettere - Editoriali” • La Santa Sede e il d.d.l. Zan sulla tutela di LGBTQ - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Una “nota verbale” non senza precedenti - 2. Le garanzie offerte dal diritto interno - 3. La preferenza ecclesiastica per la via diplomatica - 4. L’ingerenza secondo il trattato lateranense - 5. L’art. 4 del d.d.l. - 6. L’art. 7 del d.d.l. - 7. Il self-restraint sulle criticità della tutela dell’identità di genere - 8. Cause ed effetti della “nota verbale” - Appendice.

The Holy See and the Zan Bill on the subject of LGBTQ Defence

ABSTRACT: The diplomatic “parol note” by which the Holy See participated on the Zan bill is a formally incorrect deed but substantially reduced the protest only to the freedom interests of the Church, without interfering more in the full legislative power of the State in order to give also penal importance to the LGBTQ antidiscriminatory defence.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà e responsabilità nella convivenza coniugale: la stabilità dell’assegno divorzile a seguito di ‘delibazione’ della nullità canonica - di Andrea Cesarini

SOMMARIO: 1. Premessa. La solidarietà tra i coniugi nello svolgersi ‘effettivo’ della loro convivenza: traiettorie convergenti nella recente giurisprudenza di legittimità - 2. Il ‘conflitto’ tra i giudicati di divorzio e di ‘delibazione’ e la progressiva emersione della loro alterità - 3. Diritto all’assegno divorzile, (in)validità del matrimonio-atto e loro reciproca indifferenza nelle motivazioni delle Sezioni unite - 4. L’assegno come specificazione del dovere di solidarietà post-coniugale. La ratio ‘assistenzialistica’ dell’istituto secondo la giurisprudenza più risalente - 5. (segue) e la sua successiva rilettura in chiave di ‘autoresponsabilità’- 6. Libertà e reciproca responsabilità nella cornice solidaristica della convivenza - 7. La tutela del coniuge ‘debole’ come interesse irrinunciabile dell'ordinamento secolare - 8. Conclusioni.

Freedom and responsibility in the conjugal cohabitation: the stability of the divorce allowance after the exequatur of canonical nullity

ABSTRACT: In the recent ruling no. 9004 of 2021, the United Sections affirmed that the exequatur of the ecclesiastical judgment of nullity does not paralyze the trial on the economic effects of divorce, if the latter has already become unappealable. The ruling reveals a close link with the precedents of the Court no. 16379 of 2014 and no. 18287 of 2018, with a view to enhancing the effectiveness of conjugal cohabitation and the mutual responsibilities that are connected to it.

Scarica il testo completo in PDF

Il Regno dell’Imperatore: tipicità e contraddizioni del modello istituzionale giapponese di regolazione dei culti - di Domenico Bilotti

SOMMARIO: 1. Le ragioni di rinnovata attualità di una ricerca storica, religiosa e normativa sulla spiritualità giapponese - 2. Riflessi di natura costituzionale: la costruzione giuridica di un ordinamento nuovo, tra vestigia imperiali e modernità internazionale - 3. Le religioni tradizionali, tra continuità ed elaborazione progressiva - 4. Uno sguardo alle condizioni materiali dei culti di minoranza: problemi e prospettive per un nuovo sincretismo diffuso - 5. I segni di una precisa spiritualità collettiva nel disposto costituzionale e nella legislazione recente: possibili aperture per nuovi studi - 6. Conclusioni in progress: il paradigma nipponico come modello extra-regionale.

The Kingdom of the Emperor. Typicality and contradictions in the Japanese institutional paradigm of religious regulation

ABSTRACT: The history of Japanese legal institutions has probably known in recent years a lack of attention due to the affirmation of other legal paradigms in the same Asian continent. It could seem a plausible underestimation because Japan has usually reached a leading role in the constant evolution of constitutional rules and concrete everyday praxes. An important aspect of this tradition certainly consists in the peculiar Japanese religious approach: a form of customary culture and not only a specific regulation, crossing many spiritual teachings and belongings (Confucianism, Buddhism and Shintoism, with a more recent but truly significant monotheistic nationwide proselytism). The main purpose of this analysis is to notice how this objectively composite religious framework has surprisingly influenced the shape and the implementation of constitutional principles, still offering an interesting overview able to clear up misunderstandings in the intercultural debate between the Western constitutionalism and the Eastern mentality.

Scarica il testo completo in PDF

L’interazione fra esenzioni religiose e diritti LGBT sul luogo di lavoro: nuove traiettorie giudiziarie al crocevia fra narrative plurali - di Adelaide Madera

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Il frammentato quadro normativo in materia di LGBT rights - 3. Il caso Bostock v. Clayton County, Georgia - 4. L’impatto della pronunzia Bostock sulle istituzioni religiose - 5. La tutela offerta dal Title VII all’esercizio della libertà religiosa - 6. La Section 702(a) del Title VII e le questioni interpretative irrisolte - 7. Nuove letture giurisprudenziali della Section 702(a) - 8. L’interazione fra esenzioni religiose ex Section 702(a) e sex discrimination: possibili futuri scenari alla luce del caso Bostock - 9. La specificità delle istituzioni impegnate nel settore dell’istruzione - 10. La ministerial exception e i limiti della sua applicabilità - 11. Il RFRA - 12. I rischi derivanti da un utilizzo over-expansive del RFRA - 13. La Free Exercise Clause - 14. Le vie percorribili per recepire nuove prospettive valoriali - 15. Il mancato intervento del Congresso - 16. Principio di non discriminazione ed esercizio della libertà religiosa: un binomio incompatibile? - 17. L’esempio della legislazione sui same-sex marriages - 18. La tutela dell’istituzionalismo religioso e i suoi “ragionevoli” limiti - 19. Conclusioni.

The interplay between religious exemptions and LGBT rights in the workplace: new judicial trajectories at the crossroads of plural narratives

ABSTRACT: A recent U.S. Supreme Court judgement found that Title VII of the Civil Rights Act covers discriminations founded on gender identity and sexual orientation. The present paper analyses the effect of this judgement on the exercise of religious freedom of faith-based organizations and investigates the possibility of finding ways to reconcile competing interests.

Scarica il testo completo in PDF

Costituzione e religione in Italia al tempo della pandemia - di Francesco Alicino

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Libertà di culto e pandemia - 3. Logica deontica e bilancia costituzionale - 4. Le critiche agli interventi governativi - 5. Logica giuscostituzionale - 6. Libertas ecclesiae e pandemia - 7. Conclusioni e prospettive.

Constitution and Religion in Italy in a Time of Pandemic

ABSTRACT: In the first half of 2020, in Italy the coronavirus (Covid-19) has spread quickly, putting the country in an unprecedented emergency. From here stemmed the Government’s measures, which were (and are) without parallel in the history of the Italian State. These measures have led to an animated debate, especially when associated to the limitations imposed on the public liturgical life of the Catholic Church. That was also incorporated into the discussion concerning the long-standing principle-method of bilateralism, as established in Articles 7.2 and 8.3 of the Italian Constitution. With this article the Author analyses this debate in the light of the constitutional duty to protect human health, in the individual and collective sense of the terms.

Scarica il testo completo in PDF

I “nuovi accordi” Stato-confessioni in Italia tra bilateralità necessaria e diffusa - di Fortunato Freni

SOMMARIO: 1. La bilateralità “necessaria” e i suoi limiti - 2. Le intese apicali e il generale regime di libertà religiosa - 3. Le intese paraconcordatarie e la delegificazione - 4. La bilateralità “diffusa” e le intese ulteriori - 5. Le differenti bilateralità: una questione di metodo?

The "new agreements" State - religious denominations between necessary bilateralism and broad bilateralism

ABSTRACT: The paper analyzes the system of sources of Italian ecclesiastical law in its two pillars of agreed rules and unilateral rules. The former are necessarily the result of an agreement between different legal systems because they govern the specific relations between the State and individual religious denominations, that is, between sovereign and autonomous entities in their respective orders. The unilateral rules, on the other hand, fall under State jurisdiction because they aim to regulate rights and procedures relating to the generic freedom of conscience of believers, non-believers and other believers. Nevertheless, even in this second area, bilateralism between the State and ethical-religious groups is increasingly being practiced. However, this must not strictly condition State autonomy in the political order, but must aim to enhance the democratic tool of dialogue, as broad as possible, between institutions and intermediate bodies. The two forms of bilateralism (the necessary one and the broad one) are in fact structured within the processes which grant ethical-religious issues varied legal forms and give rise to different types of sources. It is essential that institutional practice does not artfully confuse the two described "bilateralisms", ending up surreptitiously managing all the heterogeneous and plural ethical-religious factor through a single, heavy and comfortable, bureaucratic method based on mere political discretionality.

Scarica il testo completo in PDF

“A CHIARE LETTERE” - CONFRONTI” • I “Protocolli per la ripresa delle celebrazioni delle confessioni diverse dalla cattolica”: una nuova stagione nella politica ecclesiastica italiana - di Maria Luisa Lo Giacco

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La cronaca: come sono nati i protocolli - 3. Un metodo laico.

The "Protocols for the resumption of religious ceremonies": the first signal of a new season in the Italian ecclesiastical politics

ABSTRACT: In Italy the religions have signed with the Government some protocols for the resumption of religious ceremonies after the lockdown for the Covid-19 emergency. Those protocols are an important step in the way of an effective protection of religious freedom in a pluralistic society. The protocols inaugurate a new season in the relationships between the religions and the state in Italy.

Scarica il testo completo in PDF

La religion dans les constitutions africaines: l’Afrique francophone entre héritage laïque et traditions religieuses - di Guy Bucumi

SUMMAIRE: 1. Introduction - 2. La démocratisation et l’héritage laïque - 2.1. La constitutionnalisation de la laïcité - 2.2. Une laïcité aux contours flous - 3. Ruptures et résurgence des spécificités africaines - 3.2. Réinvestissement du religieux dans l’espace public - 3.3. Références religieuses dans les nouvelles constitutions - 4. Conclusion - Références bibliographiques.

RÉSUMÉ: Alors que l’importance croissante de la religion en Afrique est un phénomène bien connu, les références religieuses dans les révisions constitutionnelles de ces dernières années est, en revanche, moins soulignée. L’héritage laïque greffé dans toutes les Constitutions d’Afrique francophone est à l’épreuve de pressantes revendications religieuses. Cette légitimation du religieux dans les chartes constitutionnelles donne lieu à son instrumentalisation par le politique et met en péril l’équilibre des forces sociales, juridiques et institutionnelles dans les pays francophones. Cette situation soulève ainsi la récurrente problématique de la réception, en Afrique, de modèles constitutionnels étrangers et plus généralement celle du statut des sources du droit en Afrique. Le rejet des modèles importés qu’on observe, sous le signe de l’authenticité africaine permettra-t-il de fonder l’État de droit sur des valeurs endogènes? Les dynamismes internes des sociétés africaines peuvent constituer des facteurs sur lesquels l’État africain peut s’appuyer pour, espérons-le, produire un modèle constitutionnel favorisant une gestion cultuelle beaucoup plus stable.

Scarica il testo completo in PDF

La quarantena dell’anima del civis-fidelis. L’esercizio del culto nell’emergenza sanitaria da Covid-19 in Italia - di Tiziana Di Iorio

SOMMARIO: - Parte Prima. Un virus tra Stato e Chiesa cattolica - 1. Brevi considerazioni introduttive - 2. Misure di contenimento della diffusione della malattia da Covid-19 in Italia: il quadro normativo - 3. Le (cogenti) misure restrittive sull’esercizio del culto - 4. Limiti alla libertà della missione pastorale ed alla libera organizzazione del pubblico esercizio del culto, del magistero e del ministero spirituale della Chiesa cattolica - 5. Un virus nei principi di bilateralità e degli ordini distinti - Parte Seconda. Limiti alla libertà religiosa ed all’esercizio del culto nell’emergenza sanitaria - 6. Strumenti normativi per fronteggiare la crisi sanitaria e questioni di legittimità: brevi cenni - 7. Libertà religiosa e diritto alla salute: bilanciamento tra diritti fondamentali - 8. L’anima dei cives-fideles ai tempi del coronavirus.

Souls quarantine of the cives-fideles. The exercise of worship in the health emergency from Covid-19 in Italy

ABSTRACT: The Italian government has issued regulatory provisions during the lockdown due to health emergency from Covid-19, in order to prevent the spread of epidemiological outbreaks. These new rules have not fulfilled the agreements made with Catholic Church, specificly article 2 of Agreement 1984, especially about the freedom of management and organization of pastoral activities, and they have imposed serious restrictions on the right to religious freedom too. In particular, in order to avoid gatherings, the emergency rules have suppressed the religious ceremonies, as well as masses and last rites. Only recently the right to exercise worship was partially allowed and on May 7th, 2020, a Protocol was signed with Italian Episcopal Conference for the gradual reopening of the celebrations coram populo. The issue concerns the balance between the right to health and the rights of freedom. The question is whether this balance of rights was correctly applied.

Scarica il testo completo in PDF

Bagattelle per una pandemia - di Federica Botti

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La democrazia in pericolo? - 3. La libertà religiosa tra Costituzione e Concordato - 4. Sulla libertas Ecclesiae e sulle regole del diritto internazionale - 5. Le trattative diplomatiche de facto tra la CEI e il Governo e il dibattito pubblico - 6. Il FEC e il (mancato) trasferimento della proprietà delle chiese con personalità giuridica in favore dell’autorità ecclesiastica: un case study.

Trifles for a pandemic

ABSTRACT: The emergency regulations for the containment of Covid-19 as well as affecting religious freedom (art. 19 of the Italian Constitution) can also be relevant from the point of view of the bilaterality of the pact between the Italian State and the Holy See by opening up to the principles of international law and the Vienna Convention the entrance to the list of instruments that can be applied for the solution of the problem, alongside the usual pragmatic instruments of realpolitik.

Scarica il testo completo in PDF

L’Unione delle Comunità ebraiche italiane tra adesione all’ebraismo ortodosso e rappresentanza di tutti gli ebrei italiani: l’Intesa del 1987 è ancora attuale? - di Giorgio Sacerdoti

SOMMARIO: 1 - Introduzione - 2. Il quadro pluralistico dell’ebraismo diasporico e delle sue organizzazioni - 3. Peculiarità dell’organizzazione dell’ebraismo italiano - 4. Pluralismo interno e tensioni nel contesto unitario delle Comunità - 5. Le origini storiche del peculiare assetto organizzativo dell’ebraismo italiano: l’assenza del movimento riformato in Italia e la normativa statualistica del 1930-31 - 6. La struttura unitaria e l’adesione delle Comunità all’ortodossia nello Statuto e nell’Intesa - 7. Conclusioni: la necessaria conciliazione tra pluralismo e unitarietà tra le varie anime dell’ebraismo italiano.

The Union of Italian Jewish Communities between adherence to Orthodox Judaism and representation of all Jew in Italy: Is the constitutional Agreement of 1987 with the Italian State still adequate?

ABSTRACT: Relations between Italian Judaism and the Italian State are governed legally by the Agreement (“Intesa”) concluded in 1987 pursuant to Article 8 of the Italian Constitution, enforced by Law No. 101 of 1989.The organization of the Italian Jewish communities and their central “Union” is governed by the By-Laws (“Statuto”) adopted by them at that time, which reflect the Intesa. In conformity also with the tradition of Italian Judaism local communities take care of all Jewish activities, religious, social or educational, and the Unione officially represents all Jews and Jewish groups. Since 1987 however, there has been an explosion of various Jewish groups and denominations in Italy, from the Lubavitch to Reformed groups, which organize themselves autonomously. These groups considers themselves part of Italian Judaism and recognize more or less the central role of the local communities and Unione. However they increasingly ask a say in the latter management.. The issue discussed in the paper is whether the unitary structure of Italian Judaism, as enshrined in Intesa and recognized by Italian public authorities, is still adequate to cope with this evolution, and whether a plurality of independent Jewish organizations, separately recognized by Italian authorities would be compatible with Article 8 of the Constitution and preferable in practice.

Scarica il testo completo in PDF

La libertà di culto al tempo del coronavirus - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. La decretazione senza legge sul coronavirus - 2. Le disposizioni sulla libertà di culto - 3. Il limite della tutela della salute e l’inconferenza delle discipline pattizie - 4. Il bilanciamento delle specifiche misure - 5. Il rapporto laico tra Stato e confessioni religiose: un’icona.

The freedom of worship in coronavirus times

ABSTRACT: The state of emergency by coronavirus drove the italian government to legislate by means of decrees without law, that provided strong limits to constitutional rights as, among others, the freedom of worship. Particularly they banned masses coram populo in the churches and on occasion of funeral service in order to safeguard the health care. This paper aims to demonstrate that the Concordat beetween State and Church, well as the accords with other fellowships,  is another matter with regard to a higher collective interest, constitutionally protected, like the halth care. The paper points out, moreover, how the adopted measures are reasonable and proportionate and, finally, the new leadership, respecting the secular order, held in this aspect by the italian Church, following the prints of pope Francis.

Scarica il testo completo in PDF

Aporie e opacità dell’otto per mille: tra interesse pubblico a un pluralismo aperto e interessi specifici alla rigidità del mercato religioso - di Sara Domianello Jlia Pasquali Cerioli

SOMMARIO: 1. Il problema del conflitto di interessi nel diritto ecclesiastico dell’Italia repubblicana. - 2. Conflitto di interessi e finanziamento pubblico delle religioni. - 3. L’ombra del conflitto di interessi che accompagna nel suo cammino l’«invenzione» dell’otto per mille. - 4. Note di discussione.

Contradictions and unclarities of “otto per mille”: between public interest in an open pluralism and individual interests in the rigidity of the religious market

ABSTRACT: Religion, like politics and economics, risks fueling various forms of conflict of interest in the State. The constitutional choice to affirm a pluralist (or open) laicità aims precisely at avoiding and contrasting potential conflicts of interest caused by religious influences. The contradictions and the unclarities detected by several voices about the "otto per mille" economic support system could be read as indicators that Italy failed to implement a management of the public interest which should guarantee the exclusion of favoritism towards individual interests. The original fault of "otto per mille" system lies in the negotiated nature of the legislation that provides for it; the choice of a bilateral source makes clear the will of the State to operate, for purposes of its political consolidation, a substantial connection with the specific interests of some religious denominations in the acquisition and preservation of advantageous positions. It is therefore hoped an unilateral work of reform by the State, in particular the repeal of the fascist legislation about admitted cults and the promulgation of a general law on religious freedom.

Scarica il testo completo in PDF

Furbizie e ambiguità nella giurisprudenza costituzionale in materia religiosa - di Sergio Lariccia

SOMMARIO: 1. Premessa. La morte di Piero Calamandrei (27 settembre 1956) e il suo funerale - 2. L’oggetto del giudizio della Corte costituzionale. La sentenza della Corte costituzionale del n. 1 del 23 aprile 1956 - 3. 7 aprile 1957 : la relazione di Paolo Barile nel convegno degli Amici del Mondo su Stato e Chiesa in Italia al teatro Eliseo di Roma - 4. Le sentenze della Corte costituzionale nn. 30, 31 e 32 del 1971: il parametro della tutela dei principi supremi dell’ordinamento costituzionale italiano. Il principio costituzionale di eguaglianza non è un principio supremo dell’ordinamento costituzionale? - 5. Il convegno di Siena dal 30 novembre al 2 dicembre 1972. Due mondi diversi? - 6. La sentenza n. 195 del 1972 sul caso Cordero. Professori delle università cattoliche senza garanzie di rispetto della loro libertà di insegnamento? - 7. La sentenza n. 18 del 1982: un giudice e un giudizio pur sempre ci sono (?) - 8. La sentenza n. 203 del 1989. Insegnamenti diversi per bambini e ragazzi “credenti” cattolici e “non credenti”? - 9. Fu vera gloria? No, essa fu accolta in una parte del mondo della scuola con la dolorosa sensazione che si prova quando si è vittima di un inganno.

Cunning and ambiguity in constitutional jurisprudence on religious matters

ABSTRACT: A journey to Florence for the funeral of Piero Calamandrei (September 27, 1956). A project for a secular and democratic Italy: dreams, hopes, illusions and disappointments. Religion jurisprudence in the decisions of the Constitutional Court no. 1 of 1956, 30, 31 and 32 of 1971, 195 of 1972, 18 of 182, 203 of 1989. The judicial remedy in school matters and the academic disappointment for a constitutional decision that introduced the supreme principle of secularism but at the same time confirmed as compliant to the Constitution the coexistence, in public schools, of separate classes for believers (in the catholic religion) and nonbelievers.

Scarica il testo completo in PDF

El argumento de la tradición histórica en el juicio de constitucionalidad en materia de relaciones Iglesia-Estado: el caso del Derecho norteamericano - di José Ramón Polo Sabau

SUMARIO: 1. Introducción - 2. El significado esencial de las cláusulas religiosas de la Primera enmienda de la Constitución federal - 3. El argumento de la tradición histórica en la interpretación judicial de la Establishment Clause - 4. La tradición histórica como excepción a la aplicabilidad de los normales parámetros jurídicos de validez en materia de aconfesionalidad.

The Supreme Court of the United States and the use or historical tradition in Establishment Clause jurisprudence

ABSTRACT: This paper deals with the study of the use of history and tradition that has been made by the Supreme Court of the United States when deciding certain cases concerning the First Amendment’s Establishment Clause. It explores the way in which, when confronted with certain practices that are in appearance clearly inconsistent with the Establishment Clause, sometimes the Supreme Court has simply ignored the different tests commonly settled for constitutional adjudication in this particular field such as the Lemon test, and has relied on historical tradition as the governing principle for that purpose. This circumstance leading to the setting of a controversial carve-out in Establishment Clause adjudication that might be better explained as a result of politics and political and social pressures rather than as a product of principled constitutional interpretation.

Scarica il testo completo in PDF

Pour une agora politique partagée autour de la méditerranée - di Alessandro Ferrari

SOMMARIO : 1. Liminaire - 2. Les transformations du droit de liberté religieuse - 3. Transformations européennes, circulation de modelés et “universalisme modeste” - 4 Pour une “saine osmose” entre sphère séculière étatique et sphère religieuse.

For a shared political agora around the Mediterranean

ABSTRACT: The right to religious freedom is in profound transformation on both sides of the Mediterranean. While the Muslim presence shows European difficulties in the treatment of the collective dimensions of this right, the southern shore is confronted with the demands connected to the individualization of beliefs. On both sides, the challenge of freedom of conscience and religion and of the construction of pluralist constitutional democracies proposes ancient questions in renewed terms, soliciting a new rediscovery of the answers given by the universalistic constitutionalism of the second post-war period.

Scarica il testo completo in PDF

Indipendenti e sovrani: considerazioni attorno all’art. 7, primo comma, Cost. a partire dalla ricerca delle pressioni Chiesa-Stato - di Matteo Carrer

SOMMARIO: 1. Coordinate definitorie - 1.1. Aspetti metodologici - 1.2. Aspetti terminologici: pressioni, interferenze, ingerenze - 1.3. Direzione e verso - 2. Elementi generali e strutturali - 2.1. Chiesa: missione universale, laicità e sovranità - 2.2. Le divisioni (anche mediatiche) del Papa (e della CEI) - 3. Rassegna di casi - 3.1. Immigrazione - 3.2. Unioni civili - 3.3. Le elezioni politiche del 2018 e il governo Conte - 3.4. Ambientalismo - 3.5. Le elezioni europee del 2019 e l’europeismo - 4. Declinazioni giuridiche nell’analisi dell’art. 7, primo comma, Cost. - 5. Considerazioni conclusive.

Independent and sovereign: considerations about art. 7, I of the Italian Constitution from the point of view of Catholic Church thrusts on Italian Republic

ABSTRACT: The article deals with the separation of Church and State in the frame of the Italian Constitution. It compasses various examples from the last years, and in particular during the pontificate of pope Francis, where the Catholic Church expressed strong opinions about any issue above the Parliament or the Government or tried to influence public opinion in Italy. It discusses how these episodes influence the relationships between State and Church.

Scarica il testo completo in PDF

L’assetto giuridico delle comunità israelitiche italiane nel primo decennio post-unitario - di Stefania Dazzetti

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Il congresso israelitico di Ferrara (1863) - 3. Il disegno di legge Vacca del 1865 - 4. Il congresso israelitico di Firenze (1867) - 5. Conclusioni.

The legal framework of the italian Jewish communities in the first decade of Italy’s unification

ABSTRACT: The essay deals with the unification of the normative structures of the Italian Jewish communities after the Unity, by reconstructing the extensive debate that took place in the Jewish context. It then analyzes the legislative proposal of extending Rattazzi's law of 1857 to the entire national territory, which was presented by the Italian government to the Parliament in 1865. Finally, it gives an account, through a vast and largely unpublished archival documentation, both of the choice of individual communities to maintain the legal systems in force in the pre-unitary italian States, and of the attempts, advanced in the parliamentary center between the end of the nineteenth and the beginning of the twentieth century, of abrogation of the Rattazzi's law, considered, due to its jurisdictional traits, in contrast to the principles of the liberal State.

Scarica il testo completo in PDF

La laicità come esigenza della ragione: rileggendo Dietrich Bonhoeffer - di Paola Chiarella

SOMMARIO: 1. Laicità necessaria - 2. Il Cristianesimo: una fede scandalosa - 3. La maggiore età del mondo - 4. Ritrovare Dio da adulti - 5. Provvisorietà dell’etica cristiana - 6. Führer e Verführer: lo scambio delle vesti e la fragilità del male.

Secularism as requirement of reason: the actuality of Dietrich Bonhoeffer

ABSTRACT: Dietrich Bonhoeffer is a very significant figure of the Protestant theology. Having experienced the most dramatic period of the German history he is well remembered as “resistant” to the National Socialism, but he deserves also to be reconsidered because of his defense, as believer, of the value of “secularism”, necessary to safeguard an authentic profession of faith.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa collettiva e principio di non discriminazione nel sistema ‘costituzionale’ dell’Unione europea - di Maria Elena Gennusa

SOMMARIO: 1. Autonomia delle organizzazioni religiose e diritti dei singoli: il problema ‘classico’ del contemperamento - 2. Il problema del contemperamento dinanzi alla Corte di giustizia. I casi Vera Egenberger e JQ: stessa narrativa per due gemelli (in parte) diversi? - 3. Il profilo sostanziale delle decisioni: le dimensioni della libertà religiosa e il principio di non discriminazione - 4. Il profilo ordinamentale: Carta dei diritti e principi generali del diritto dell’Unione europea nel rapporto fra sistemi.

Collective religious freedom and principle of non-discrimination in the ‘constitutional’ system of the European Union

ABSTRACT: In the two recently handed down Judgments in the cases Vera Egenberger and JQ, the Court of Justice of the European Union for the first time interpreted Article 4, par. 2 of the Anti-discrimination Framework Directive (Directive 2000/78/EC) admitting a ‘religious exemption’ in favour of Churches and other religious organisation, and ruled on the horizontal application of the right not to be discriminated against in situations coming within the scope of EU law. The paper explores the substantive implications of those Judgments for the collective religious freedom and their contribution in clarifying the horizontal direct effect of the fundamental rights and principles enshrined in the Charter of Fundamental Rights of the European Union.

Scarica il testo completo in PDF

Poteri disciplinari della gerarchia ecclesiastica e diritto penale dello Stato (a proposito del rinvio a giudizio del Vescovo di Prato) - di Piero Bellini

SOMMARIO: I. Premessa. - 2, 3, 4, 5. Concorrenza del diritto dello Stato e della Chiesa a qualificare i medesimi comportamenti: possibili conflitti. - 6, 7, 8, 9. Valutazione canonistica del problema. Illiceità del matrimonio civile fra cattolici. Questione dei limiti concordatari ai poteri punitivi dei superiori ecclesiastici in Italia. Valutazione della questione sotto il profilo dell’opportunità canonica. - 10, 11, 12, 13. Sua valutazione statualistica. Posizione del diritto della Chiesa rispetto a quello dello Stato. Natura del rapporto fra fedele e superiore ecclesiastico pel nostro ordinamento. Conseguenze. - 14, 15, 16, 17. Delimitazione del jus libertatis Ecclesiae. Limiti funzionali. - 18. Limiti obiettivi. - 19. Conclusione.

Scarica il testo completo in PDF

Riflessi canonistici della riforma del Terzo settore - di Andrea Bettetini

SOMMARIO: 1. Premessa. Specificità dell’ente ecclesiastico e diritto comune - 2. Lo scopo di religione o di culto. Finalità canoniche e finalità “pattuite”: antinomie e analogie - 3. Attività di interesse generale” di cui all’art. 5 d.lgs. n. 117 del 2017, missione caritativa e sociale della Chiesa e regolamentazione delle attività “diverse” da quelle di culto e religione - 4. Gli enti religiosi civilmente riconosciuti e la novella disciplina sugli enti del Terzo settore e dell’Impresa sociale: adempimenti canonici (regolamento, licenza scritta dell’ordinario e creazione di un patrimonio destinato) - 5. L’identificazione dei beni dell’ente canonico funzionali all’esercizio dell’attività di Terzo settore o di Impresa sociale: il bilancio separato. Conclusioni.

Canonistic Reflections of the Reform of the Third Sector

ABSTRACT: Third sector reform started with the delegation law n. 106 of 6 June 2016 undoubtedly involves canon law in its form and substance. The new legislation on the Third sector allows in a certain sense to "recover" many of the typically canonical activities of the religious entity within its "civil" structure in a way more coherent with the religious and canonical nature of the institution itself with respect to the law 222 of 1985. If we look at the activities that Legislative Decree 117 of 2017 calls (Article 5) "Activities of general interest", we highlight how many of them are specific and characterizing religious bodies of the Catholic tradition. The Author in particular highlights how the civilly recognized religious bodies, if they want to regulate some of their activities according to the new discipline on Third sector bodies and the Social enterprise, must undergo some canonical obligations (drafting of a regulation, written license of the Ordinary and creation of destined assets).

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e cittadinanza integrativa. Alcune note sul ‘vivere assieme’ in una società plurale - di Antonio Angelucci

SOMMARIO: 1. Cittadinanza e identità religiosa - 2. Cittadinanza e pluralismo religioso - 3. “Cittadinanza integrativa” e libertà religiosa - 4. La Risoluzione 2076 (2015) e la Raccomandazione 2080 (2015).

Religious Freedom and Integrative Citizenship. Some Notes on 'Living Together' in a Plural Society

ABSTRACT: Circumcision concerns the religious identity of Jews and Muslims. In addition to these circumcisions which can be defined as "confessional-religious" there are also those related to local customs. These types deserve renewed attention after Resolution 1952 (2013) and Recommendation 2023 (2013) of the Parliamentary Assembly of the Council of Europe, both concerning "the right of children to physical integrity", and subsequent resolutions 2076 (2015) and Recommendation 2080 (2015) devoted to "(R) Religion and Living together in a Democratic Society". Citizenship is, in fact, the much broader horizon to be found behind circumcision. While the first two documents tend to consider non-therapeutic circumcision as a possible assault to the physical integrity of children without, therefore, focusing on the profiles inherent the right to religious freedom and the possible inclusive value of its "recognition" for the purposes of universal citizenship, the latter two, focusing on the freedom of 'living together' according to the practices of each religion, seem to be more aware of the need to move towards the realization of a European, inclusive and plural citizenship. However, the category of 'living together', evanescent and ambiguous for its correlation with the principle of majority (as is evident from the most recent case law of the ECHR), requires a new approach that gives it greater objectivity. Concepts such as those of pluralism and plural citizenship, in which civic belonging and religious affiliation can live together, help to go in that direction, renewing, in the end, the membership of a Europe of peoples and not just of economies.

Scarica il testo completo in PDF

Le fabbricerie, esempio di intesa tra autorità civile e autorità religiosa - di Paolo Moneta

SOMMARIO: 1. Crescente attenzione verso le fabbricerie e il loro organo di amministrazione - 2. Una recente sentenza del TAR Toscana sul consiglio di amministrazione delle fabbricerie - 3. La posizione del vescovo diocesano nei riguardi delle fabbricerie.

Scarica il testo completo in PDF

Jean Bodin: dalla tolleranza alla libertà religiosa - di Leone Melillo

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Dalla tolleranza alla possibilità di “riconoscere nel cuore un Dio incorporeo e altissimo” - 3. La libertà religiosa aconfessionale nella definizione della sovranità assoluta - 4. La potestà aconfessionale della sovranità statale e il separatismo - 5. Dalla ragion di Stato della “suprema potestà statale” alla libertà religiosa nell’esercizio della giurisdizione - 6. Conclusione.

Jean Bodin from Tolerance to Religious Freedom

ABSTRACT: Absolutism, in France, rises also in order to resolve religious conflicts, affirming the national community and the interests of the State. This is an evaluation that leads to thinking, above all, about J. Bodin and Les le livres de la Republique and to “read” the relationship between "tolerance" and "religious liberty". Bodin indicates the limits of religious tolerance - that is based on the dogma of the exclusive confessional salvation - that reveals to religious freedom in the theorization of the absolute State. The freedom to manifest own religious conviction does not undergo to any presumption of exclusive salvation because it intends to proclaim publicly, but also privately, what the individual perceives in consciousness. A dimension of secularism really particular, that reveals the difficult political condition of the wars of religion. The coexistence of the only God, which divine laws sanction in the definition of sovereignty, suggests an overcoming of the confessionism. The civil legal significance of religious confessions lives the confessional dimension of interreligious dialogue for an understanding of the "incorporeal and supreme" God of the "Colloquium Heptaplomeres".

Scarica il testo completo in PDF

Giurisdizione italiana ed “enti centrali della Chiesa Cattolica”: tra immunità della Santa Sede e (intatta) sovranità dello Stato in re temporali - di Jlia Pasquali Cerioli

SOMMARIO: 1. Sulla nozione di “entri centrali della Chiesa Cattolica” - 2. L’esenzione da “ogni ingerenza” statale - 3. Annotazioni generali sulla immunità della Santa Sede e dei suoi organi - 4. ( … segue) gli orientamenti giurisprudenziali - 5. Il caso della Pontificia Università Lateranense (PUL) e l’ord. n. 21541 del 2017 delle sezioni unite della Corte di Cassazione - 6. Brevi annotazioni finali.

Scarica il testo completo in PDF

Forme di pluralismo nel settore matrimoniale: le nuove sfide delle “overlapping jurisdictions” - di Adelaide Madera

SOMMARIO: 1. Le sfide del nuovo multiculturalismo in materia matrimoniale - 2. La riforma del processo matrimoniale canonico e le sue potenziali ricadute sul giudizio di delibazione - 3. Il processus brevior - 4. La crisi della bilateralità - 5. Il “mite” pluralismo statunitense e le nuove “anti-sharia laws” - 6. L’esperienza del pluralismo “forte” israeliano e i suoi effetti sulle minoranze - 7. Modelli di pluralismo a confronto.

Pluralism in Marriage: the New Challenges of the “Overlapping Jurisdictions”

ABSTRACT: The challenges of the “new multiculturalism” in the field of marriage law regard not only which forms of marriage should be recognized by the State but also the forums in which marriage cases can be adjudicated and the role of faith-based laws and religious courts in democratic and secular legal systems. Religious groups increasingly ask for accommodation of their cultural identities; however, a growing skepticism concerning forms of religious jurisdiction is developing in regimes devoted to individual liberties, which employ public policy as grounds to vacate religious rulings. The present paper highlights the need for Western States to update and exploit the full potential of their legal instruments in order to prevent restrictions on collective and individual religious freedom in matters of marriage.

Scarica il testo completo in PDF

Ordine temporale e ordine spirituale nella riflessione di Aldo Moro: una lezione sottratta all’oblio - di Luigi Barbieri

SOMMARIO: 1. Le carte e la storia – 2. Frammenti di una lezione: schemi di rapporti tra Stato e Chiesa – 3. Influenze sturziane sulla costruzione giusfilosofica di Aldo Moro – 4. Storia e memoria per una ricerca in progress - Appendice.

Scarica il testo completo in PDF

Pluralismo giuridico e libertà confessionali - di Pasquale Lillo

Sommario : 1. Il fattore religioso nell’art. 2 della Costituzione italiana – 2. Pluralismo partecipativo e principio di bilateralità – 3. Le libertà costituzionali delle confessioni religiose – 4. Le restrizioni dell’art. 2 della Costituzione alle libertà confessionali.

Scarica il testo completo in PDF

Bioetica, biodiritto e il contributo scientificamente legittimato, en juriste, dell’ecclesiasticista - di Salvatore Berlingò

SOMMARIO : 1. Il giurista e la bioetica – 2. Le antinomie della bioetica odierna e la funzione del diritto - 3. Le peculiari competenze ed esperienze dell’ecclesiasticista al confine col non-diritto - 4. Oltre gli schemi del diritto " razionale-formale " - 5. I modelli procedurali della "complementarità/distinzione" e la loro apertura al valore della dignità di ogni singola umana esistenza.

The contribution of an ecclesiastical law scholar scientifically justified, en juriste, to the elaboration of bio-law

ABSTRACT : The contribution of an ecclesiastical law scholar to the elaboration of bio-law is legitimated by his study and experiences at the border with not-law and in relations with the laws-other ( religious and cultural ) distinct from that of the polis. The pattern of complementarity/distinction , that the scholar of ecclesiastical law draws from this kind of experience, can contribute at the articulation of bio-law according to procedural-justice , which facilitate the substantial concretization of the fundamental value of the dignity of every human reality .

Scarica il testo completo in PDF

Potestà punitiva della Chiesa Cattolica e illeciti finanziari: la pena canonica in ausilio agli ordinamenti civili - di Antonio Fuccillo

SOMMARIO: 1. Economia, finanza e religione: le ragioni di un indefettibile rapporto - 2. Il diritto nativo della Chiesa Cattolica di esprimere il proprio giudizio sulle questioni sociali nel campo economico e finanziario - 3. La rilevanza del settimo comandamento nel contesto delle attività finanziarie - 4. La funzione di deterrenza delle sanzioni canoniche in ambito economico e finanziario e la possibile applicazione del can. 1399 c.j.c. - 5. L’impatto dei precetti religiosi nel mercato finanziario: i riflessi sui sistemi.

Scarica il testo completo in PDF

La salute del civis-fidelis nei distinti ordini dello Stato e della Chiesa cattolica. Le aspettative ascetiche della persona nella connotazione del bene salute - di Tiziana Di Iorio

Sommario : 1. Autonomia confessionale e sovranità dello Stato: la distinzione tra ordini “distinti” – 2. Il principio di laicità e la valorizzazione delle differenze, nell’inderogabile esigenza di salvaguardia dei diritti della persona – 3. Tutela della salute: diritto fondamentale della Costituzione italiana – 4. La dimensione ascetica dell’individuo nella concezione giuridica del bene salute – 5. La salute nell’ordinamento canonico: connotazione di un bene con valore relativo – 6. La realizzazione “responsabile” della salute e la sua intrinseca connessione con la salvezza nella Chiesa – 7. La sana cooperatio tra Stato e Chiesa nella tutela della salute del civis-fidelis – 8. Conclusioni.

Health of the civis-fidelis in the different systems of the Italian State and the Catholic Church. The spiritual needs of the individual as included in th e meaning of health

ABSTRACT: The meaning of "health" in a legal system depends upon its culture and social development, so that time and space influence the way protection is offered. Nowadays the idea of “health” has enlarged. In the past the meaning of health was intended as a mental-physical well-being; it has now gradually developed to a larger meaning, including a complete physical, mental and social well-being and not merely the absence of disease. Along with Italian constitution, Italy has to pursue and protect the health of any individual, not just citizens. Health is also protected by the Church as a precious gift given by God to man and is closely linked with salvation. Man is called to protect the value of this gift in its widest configuration. Therefore the integral protection of health requires to take into account all the dimensions of the individual, both as civis and fidelis. In order to reach this target it is necessary an open dialogue between civil authorities and religious institution; its importance relies on the primacy of the individual and includes the care of his dignity and the respect of his rights, in mutual respect for the autonomy of the two orders, whose relations are to be seen as a single track and a vital bulwark, a vision inspired by the liberal-democratic system.

Scarica il testo completo in PDF

Costituzione e fenomeno religioso - di Sergio Lariccia

SOMMARIO: Premessa - 1. I primi anni dell’Italia democratica - 2. La costituzione italiana del 1948. Attuazione/inattuazione della carta costituzionale - 3. Poteri e libertà della chiesa cattolica in Italia: dal riconoscimento dei poteri alla garanzia delle libertà. Principio di relatività delle valutazioni giuridiche. Indipendenza e sovranità dello stato nell’ordine civile - 4. La revisione concordataria del 1984 – 5. Potere civile e potere religioso nel secolo XXI. Il perseguimento dell’obiettivo di una più compiuta democrazia negli ordinamenti statali. Per il superamento del concordato in Italia - 6. Una proposta di revisione della costituzione.

ABSTRACT: The Author evaluates the consequences resulting from the confirmation, at the assembly of 1946-7, of the intangibility of the Lateran Pacts of 1929; specifies the reasons that, after the constitution of 1948 came into effects, have caused the failure of the reform of the legislation concerning the relations between the state and religious confessions; proposes the approval of a law of constitutional revision composed of four articles.

Scarica il testo completo in PDF

Ordine pubblico e sovranità della Repubblica nel proprio ordine (matrimoniale): le Sezioni unite e la convivenza coniugale triennale come limite alla “delibazione” delle sentenze ecclesiastiche - di Jlia Pasquali Cerioli

SOMMARIO: 1. Premessa: prove di laicità nel diritto ecclesiastico vivente - 2. Ordine pubblico e sovranità laica della Repubblica nel suo ordine: dall’affermazione all’attuazione del principio (oltre trent’anni dopo) - 3. “Maggiore disponibilità” e “specificità” del diritto canonico matrimoniale: il definitivo tramonto di una formula “ellittica” - 4. Convivenza coniugale, matrimonio rapporto e identità aperta della “vita familiare” in re temporali - 5. Note critiche: il criterio temporale dei “tre anni” di convivenza quale limite di ordine pubblico - 6. (… segue) un’individuazione incompleta del principio: l’assenza di riferimenti alla tutela del coniuge debole – 7. (… segue) l’operatività “facoltativa” del limite - 8. Sintesi conclusiva

Scarica il testo completo in PDF

Enti ecclesiastici e doveri di solidarietà - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. Come orientarsi - 2. Alcuni interrogativi sottesi al tema - 3. Il declino del carattere non lucrativo del "fine di culto e di religione", e l’emergente rilievo del "fine di profitto indiretto" - 4. Cenni sul patrimonio ecclesiastico e la koinonía materiale evangelica: pauperismo e/o solidarietà - 5. Il dovere inderogabile di solidarietà politica, economica e sociale: una categoria aperta - 6. Cenni sul bene comune nella Costituzione pastorale Gaudium et Spes - 7. I principi sanciti dalla Costituzione e le dichiarazioni del Concilio Ecumenico Vaticano II quali fondamento e fine-valore dell'Accordo del 1984 - 8. Una ri-lettura dell'impegno alla collaborazione reciproca per "il bene del Paese" – 9. Gli specifici doveri di solidarietà che gravano sulle Chiese e sui loro enti. I doveri "nominati" ... - 10. (segue) ...e i doveri "innominati"- 11. Il dovere di conformare i rapporti con i pubblici poteri al principio della buona fede oggettiva - 12. Solidarietà doverosa e solidarietà responsabile - 13. Indipendenza delle Chiese nel loro ordine e solidarietà: il bilanciamento dei principi - 14. Laicità, pluralismo e impegno alla collaborazione per la “promozione dell’uomo”: l’obbligo di facere quale aspetto del dovere di solidarietà - 15. Solidarietà in crisi o solidarietà inattuata? Verso una nuova "stagione" - 16. La necessità di disciplinare i doveri di solidarietà e il legislatore “reticente” - 17. La sfida di una "nuova progettazione" - 18. Un auspicio.

Scarica il testo completo in PDF

Lo Stato italiano e la Chiesa cattolica: indipendenza, sovranità e reciproca collaborazione (a proposito dell’art. 1 Accordo di revisione concordataria) - di Ombretta Fumagalli Carulli

SOMMARIO : Premessa - 1. Alle radici della duplice sovranità: il dualismo cristiano - 2. La questione della sovranità della Chiesa - 3. La sana cooperatio nell’Accordo di revisione concordataria - 4. Dialettica con gli Episcopati e Ecclesia Communio - 5. Sana cooperatio e res mixtae : in particolare 8 per mille e matrimonio - 6. Nuove sfide alla sovranità della Chiesa?

ABSTRACT: In the article the Author takes stock of the situation regarding the sana cooperatio between State and Catholic Church 30 years after revision of the Italian Concordat. After dealing with the concept of Christian dualism and its historical development, the essay pays attention to the sovereignty of Catholic Church and highlights how in last years the CEI (Italian Conference of Catholic Bishops) - in conjunction with the Holy See - has taken on particular importance in the relationship between State and Catholic Church. Then there is a comparison between two issues which have had unexpected results: the Eight per thousand and the marriage. With regard to the Eight per thousand, in consideration of the economic crisis, the Author proposes that Catholic Church may accept a temporary reduction of the sums devolved to her or may use such sums in order to strengthen the projects in favor of the common good. With regard to the marriage, in consideration of the violation of religious marriage freedom, the Author hopes for a clarification by the State or, otherwise, the adoption of the personal statutes .

Scarica il testo completo in PDF

Laicità: finitezza degli ordini e governo delle differenze - di Nicola Colaianni

 SOMMARIO: 1. La laicità dei giudici – 2. La laicità dei giuristi – 3. Né regola né valore: un principio – 4. La finitezza degli ordini distinti: dalle materie miste alla sfera dell’indecidibile – 5. L’aconfessionalità sostanziale: a) ex parte ecclesiae – 6. (segue): b) ex parte status – 7. La laicità come governance delle differenze.

Scarica il testo completo in PDF

Quattro notazioni sulla laicità - di Raffaele Coppola

SOMMARIO: 1. Laicità e dualità del potere – 2. Geopolitica della laicità, suoi significati – 3. L'elemento popolare – 4. Il ruolo del civis-fidelis della tradizione classica nei regimi democratici - 5. Distinzione degli ordini e neutralità religiosa.

Four Annotations Concerning the Principle of Secularism (laicità): General Conclusions

Both at national and international level, the lowest common denominator of various principles of secularization (in French laïcité) is the separation - distinction between State law and religious law, which includes the distinction between different assignments of  these two spheres. That is in reality the central-essential aspect of the principle of secularization, which also represents the solid ground for every normative models as well as geographic horizon in what is called the Western legal system. One could identify the historical roots of that principle in a specific period – that lasted form the I to IV centuries – from which the “sinfonia” (symphony) between sacerdotium and imperium developed (especially until the 1054 a.C.). Given these roots, from time to time the concrete life of nations and their laws have been able to affirm the famous conceptions – we all know – identifying the crucial characteristics of  secularization. And this also gives us the solid basis for understanding the future conceptions of secularization. Nowadays, in the context of European Union the religious nomoi groups, the philosophical organizations as well as all human categories (like women) – that in the past era were subjected to gender and racial discriminations – hold the right to freedom of thought, conscience and  religion; which includes freedom to change religion or belief . In this sense, we may identify an “European principle of  secularization”, also understanding its evolution.
 

Scarica il testo completo in PDF

La tutela dei beni culturali di interesse religioso tra Costituzione e convenzioni con le confessioni religiose - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. La Costituzione culturale – 2. L’Accordo culturale - 3. Dalle esigenze di culto alle esigenze religiose – 4. L’armonizzazione della tutela – 5. La legificazione delle disposizioni armonizzate – 6. Il modulo procedimentale dell’accordo – 7. La differenza con gli accordi della p.a. con altri soggetti – 8. Implicazioni e limiti: a) delle esigenze religiose – 9. (Segue): b) delle esigenze di conservazione del patrimonio artistico – 10. Il principio di laicità come criterio di ripartizione delle competenze.

The preservation of the cultural goods of religious interest according to the Italian Constitution and the Conventions with a few religious denominations

ABSTRACT: According to the Italian Constitution the preservation of the cultural goods falls within the authority of the State. Yet, when these goods assume a religious importance, according to the conventions with a few religious denominations – among witch mainly the Catholic Church –, the competence is also of those Organizations. This paper aims to demonstrate that the notion of “religious reasons” is broader than “cult reasons” and therefore the authority of the State is more limited than in the past time. The Author maintains that the constitutional principle of laicity must act as guide-line about the competence disposition and illustrates this theory with particular reference to a leading case of liturgical modification of a cathedral.

Scarica il testo completo in PDF

Sulla responsabilità civile del giudice canonico. Profili giurisdizionali - di Beatrice Serra

SOMMARIO: 1. Una nuova questione di giurisdizione – 2. La vicenda che ha condotto al ricorso - 3. Due opposte chiavi di lettura: a) La violazione delle norme canoniche da parte del giudice ecclesiastico quale causa di un danno ingiusto ex art. 2043 c.c. Le confessioni religiose come formazioni sociali ex art. 2 Cost. e la garanzia del diritto al giusto procedimento quale limite dell’autonomia confessionale - 4. La Chiesa cattolica quale ordinamento giuridico originario e primario. Insindacabilità dell’azione del giudice canonico quale svolgimento di un potere espressione della libertà ed autonomia riconosciuta alla Chiesa nel suo ordine- 5. I principi a fondamento della decisione delle Sezioni Unite: a) Il processo canonico sulla nullità di un matrimonio concordatario è una realtà esterna ed estranea all’ordinamento statale - 6. Non ogni soggetto che svolge la funzione giudiziale canonica è ministro di culto in senso civilistico. Il sindacato statale sull’applicazione delle norme confessionali quale atto fortemente invasivo dell’autonomia confessionale. Il profilo positivo e negativo del criterio della funzionalità e il controllo del rispetto della legge penale italiana quale causa di deroga al principio di non ingerenza nell’ordine confessionale. La risoluzione del problema della “competenza delle competenze” in prospettiva canonistica - 7. Rilievi conclusivi.

Scarica il testo completo in PDF

La partecipazione dei fedeli laici alla vita pubblica. Testimonianza cristiana, etica pubblica e bene comune nell’insegnamento di Benedetto XVI - di Fabio Franceschi

SOMMARIO: 1. Considerazioni introduttive. Natura essenzialmente laicale della responsabilità politica - 2. L’intervento della Chiesa nel dibattito pubblico su questioni inerenti alla vita sociale e politica. I principi c.d. non negoziabili - 3. Fondamentale libertà dei fedeli rispetto alle indicazioni della gerarchia in materia temporale – 4. La funzione di orientamento dei pastori della comunità ecclesiale e i confini dell’intervento della stessa – 5. I limiti alla libertà dei fedeli in materia temporale: il rapporto tra libertà e verità e la salvaguardia delle esigenze etiche fondamentali e irrinunciabili per il bene comune e della società – 6. Benedetto XVI e l’invito a una nuova generazione di cattolici impegnati in politica. La difesa della centralità della persona umana come compito primario dei credenti impegnati nel governo della città terrena – 7. (segue) L’impegno a favore della promozione di un concetto positivo di laicità, aperto alla Trascendenza − 8. (segue) La politica come forma singolare di realizzazione della carità – 9. (segue) La dottrina sociale della Chiesa come strumento di formazione essenziale e guida sicura per i fedeli laici impegnati nell’ambito socio-politico – 10. Considerazioni conclusive. Doveri, rispettivi, dello Stato e della Chiesa affinché si conservino, o se necessario si creino le condizioni esterne idonee e necessarie allo svolgimento dei compiti dei christifideles laici nella polis.

Scarica il testo completo in PDF

La crisi economica e la reciproca collaborazione tra le Chiese e lo Stato per “il bene del Paese” - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. I principi in gioco – 2. I trattamenti preferenziali e le situazioni di vantaggio selettivo: ICI e otto per mille – 3. Per una lettura costituzionalmente orientata delle norme pattizie - 4. Il peculiare impegno della Chiesa cattolica e dello Stato alla reciproca collaborazione … – 5. (segue) … per “il bene del Paese” – 6. Il finanziamento pubblico delle Chiese nei nuovi accordi … - 7. (segue) e le “eventuali modifiche” dell’otto per mille – 8. Le vicende delle festività religiose "concordatarie" – 9. Il pluralismo confessionale, la laicità e l’uso controllato delle azioni positive – 10. Il magistero e la “profonda liberazione della Chiesa da forme di mondanità”.

Scarica il testo completo in PDF

Osservazioni sulla laicità quale tecnica metodologica di produzione del “diritto giurisprudenziale” - di Sara Domianello

SOMMARIO: 1. Dove siamo – 2. Chi ha interesse e perché a screditare: a) il valore dell’assunzione dell’impegno al rispetto di regole del gioco stabilite ed accettate ex ante – 3. Segue: b) il valore dell’affermazione ed attuazione dell’indipendenza reciproca di politica e religione – 4. Segue: c) il valore della rimessione della tutela sostanziale dei diritti all’esercizio, da parte dei titolari degli stessi, di un potere indiretto di controllo sulla corretta applicazione delle regole preliminari relative al come della produzione giuridica – 5. L’incidenza della crisi in atto sulla laicità del diritto italiano repubblicano – 6. Il “momento” della laicità giuridica: la fase giurisprudenziale, in senso lato, del processo di produzione del diritto – 7. Il “funzionamento” della laicità giuridica: a) le istruzioni per l’uso – 8. Segue: b) la tecnica di lavorazione da padroneggiare – 9. Il “bilancio” della laicità giuridica in Italia: un Rapporto nazionale che evidenzi sia gli effetti positivi della coincidenza sia le cause del divario registrabili tra laicità di partenza e laicità di risultato.

Scarica il testo completo in PDF

Matrimonio e famiglia. Limiti di competenza e profili di rilevanza dell’ordinamento comunitario - di Venerando Marano

SOMMARIO: 1. Unione europea e famiglia, ovvero la suggestione di un paradosso – 2. Gli interventi dell’Unione: a) strumenti a carattere normativo – 3. … b) interventi giuridicamente non vincolanti – 4. … c) indici giurisprudenziali – 5. Limiti di competenza e profili di rilevanza dell’ordinamento comunitario. Il contributo delle Chiese.

Scarica il testo completo in PDF

Il principio di laicità in Spagna - di Miguel Rodríguez Blanco

SOMMARIO: 1. Il punto di partenza: la Costituzione del 1978 - 2. Aspetti di novità introdotti dalla Costituzione del 1978. Brevi osservazioni sui modelli storici di relazioni Stato-Chiesa nel costituzionalismo spagnolo - 3. Il principio di laicità nella giurisprudenza costituzionale. A. Dimensione negativa della laicità: la neutralità dei poteri pubblici di fronte al fenomeno religioso. B. Dimensione positiva della laicità: la cooperazione tra Stato e confessioni religiose - 4. A mo’ di conclusione: alcune sfide attuali del principio di laicità in Spagna.

Scarica il testo completo in PDF

Legge generale sulla libertà religiosa e distinzione degli ordini - di Jlia Pasquali Cerioli

SOMMARIO: 1. Introduzione – 2. Democrazia, laicità, pluralismo, sovranità dello Stato nel proprio ordine: il dovere promozionale - 3. Distinzione degli ordini e sistema delle fonti: la legge unilaterale sulla libertà religiosa – 4. Distinzione degli ordini e ambiti di disciplina: il “diritto comune” delle intese – 5. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Fonti pattizie nella metamorfosi della sovranità - di Gaetano Lo Castro

La stipula dei Patti lateranensi fra lo Stato e la Santa Sede nel 1929 segna un momento assai importante nella vita e nella organizzazione della società civile italiana sotto molteplici aspetti; alcuni dei quali assai conosciuti e studiati; altri meno noti, o sui quali non è stata fermata una sufficiente attenzione da parte della scienza giuridica, pur presentando un significato di grande rilievo per l’assetto istituzionale del nostro ordinamento giuridico.
È ben noto che i Patti del Laterano posero fine a un lungo e doloroso capitolo della storia politica e civile della nostra nazione; un capitolo che si era aperto nel periodo risorgimentale per un verso con l’aspirazione dei politici sardo piemontesi a costituire un unico Stato, sotto la guida del regno sabaudo, al posto dei molteplici Stati (fra i quali il più antico di tutti era appunto lo Stato pontificio) presenti in quell’unità geografica che da secoli era denominata Italia; (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Ancora qualche riflessione sull’art. 7.1 della costituzione italiana per fare un po’ di chiarezza - di Giovanni Barberini

SOMMARIO: Premesse – 1. Stato, Chiesa cattolica e Santa Sede – 2. Significato generale della norma – 3. Indipendenza e sovranità della Chiesa cattolica – 4. Ordine dello Stato e ordine della Chiesa – 5. Interferenze e ingerenze – 6. Questioni con carattere etico e religioso – 7. Possibile ingerenza dello Stato e possibile ingerenza della Chiesa – 8. La Chiesa cattolica nell’art. 7.1 – 9. Per una corretta interpretazione e applicazione della norma costituzionale – 10. Chi negozia con lo Stato – 11. La prassi in altri Stati.

Scarica il testo completo in PDF

La «supremazia» del principio di laicità nei percorsi giurisprudenziali: il giudice ordinario - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. I «perché» della ricerca – 2. I «come» della ricerca – 3. I «dati» della ricerca – 4. Il principio di laicità, l’interpretazione adeguatrice ed il diritto ecclesiastico positivo – 5. I rischi dell’interpretazione adeguatrice – 6. L’interpretazione adeguatrice e la discrezionalità del giudice – 7. I vincoli nell’attuazione del principio – 8. Le linee generali degli interventi della Corte di cassazione civile e dei giudici di merito – 9. L’ossequio formale al principio – 10. L’applicazione giurisprudenziale fatta dalle sezioni unite civili della Corte di cassazione … – 10.a) Il divieto di ingerenza nell’organizzazione delle confessioni religiose - 10.b) Libertà fondamentali, diritti assoluti e riparto della giurisdizione - 10.c) Pubblico, religioso e profili etici - 10.d) La potestà organizzatoria non conformata della Pubblica Amministrazione - 10.e) Ordine pubblico e delibazione - 11. (segue) … e dalle sezioni semplici – 11.a) La personalità giuridica privata degli enti di culto - 11.b) L’insegnamento della religione nella scuola pubblica e gli insegnanti - 11.c) Il lavoro dei religiosi presso l’associazione di appartenenza - 11.d) I diritti delle scuole confessionali e i diritti degli insegnanti - 11.e) Il riconoscimento del figlio naturale - 11.f) Il giuramento - 12. Uno sguardo riassuntivo.

Scarica il testo completo in PDF

Le rôle international du Saint-Siège et la défense de la liberté religieuse et des droits humains - di Paolo Cavana

SOMMAIRE: 1. Le rôle international du Saint-Siège: objectifs et modalités d’action - 2. Les principes qui soutiennent l’action du Saint-Siège au niveau international: a) autonomie et laïcité; b) libertas Ecclesiae; c) principe de collaboration; d) renonce aux privilèges et principe d’egalité ; e) neutralité à l’égard des compétitions temporelles - 3. La défense du droit à la liberté religieuse - 4. La défense des droits fondamentaux de l’homme.

Scarica il testo completo in PDF

In utroque iure: i Tribunali ecclesiastici e l’esimente ex art. 598 c.p. - di Stefano Testa Bappenheim

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. La giurisdizione dei tribunali ecclesiastici - 3. L’analogia - 4. L’esercizio d’un diritto.

Scarica il testo completo in PDF

La laicità dello Stato e le nuove interrelazioni tra etica e diritto - di Valentina Valentini

SOMMARIO: 1. Il principio di laicità dello Stato. Cenni storico-comparatistici - 2. Segue: dallo Stato liberale allo Stato laico sociale - 3. La laicità dello Stato e l’indipendenza delle Chiese - 4. Le istituzioni democratiche e la pluralità delle scelte etiche - 5. Il ruolo della riflessione etica nel diritto - 6. Laicità e biodiritto - 7. Le questioni bioetiche ed il principio di laicità.

Scarica il testo completo in PDF

Laicità, radici cristiane e regolamentazione del fenomeno religioso nella dimensione dell’U.E. - di Giovanni B. Varnier

SOMMARIO: 1. L’Europa tra laicità e laicismo – 2. Distinzione e collaborazione tra Stato e confessioni religiose – 3. La disciplina del fenomeno religioso a livello europeo – 4. Il fronte islamico – 5. La dimensione universale della Chiesa cattolica – 6. Considerazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Questioni semantiche e disegno costituzionale di disciplina del fenomeno religioso - di Valerio Tozzi

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Il ricorso generalizzato alla categoria delle … confessioni religiose - 3. Individuazione della categoria costituzionale delle … confessioni religiose - 4. Le … istituzioni o associazioni a carattere ecclesiastico o con fine di religione o di culto - 5. La categoria delle … formazioni sociali … a carattere religioso - 6. I rapporti Stato-confessioni religiose come sotto-sistema normativo nel più vasto ambito della tutela delle libertà delle formazioni sociali a carattere religioso - 7. Strumentalità del richiamo indifferenziato alle confessioni religiose per attuare un continuismo politico col sistema dei diritti riflessi.

Scarica il testo completo in PDF

Poteri pubblici e laicità delle istituzioni: i giudici - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. A Sergio Lariccia - 2. Come eravamo - 3. Gli anni ’50 e ’60: la notte fonda della laicità come eguaglianza - 4. La svolta divorzista: la laicità come distinzione degli ordini - 5. Il regressus degli anni ’70 - 6. In vista della revisione concordataria degli anni ’80 – 7. La risalita degli anni ’90: la laicità come non confessionalità - 8. P.M. e C.S.M.: la laicità nell’amministrazione della giustizia – 9. L’ultima giurisprudenza e le prospettive della laicità.

Scarica il testo completo in PDF

I diritti “contesi” fra laicità e fondamentalismi - di Marilisa D'Amico

Nel mio intervento vorrei svolgere un ragionamento partendo da una constatazione. In Italia, ormai quotidianamente, siamo vittime di quello che si può definire un “fondamentalismo” interno – fenomeno connotato dall’ingresso pesante delle gerarchie ecclesiastiche nelle questioni non morali, né sociali, ma politiche -; ingresso sostenuto e incoraggiato da forze politiche che saldano la propria identità (debole) a quella del Vaticano e, di fatto, tollerato da altre forze politiche che non reagiscono, o lo fanno in modo molto debole, in nome della tolleranza, della mediazione, del pluralismo. Tutti si appellano ai valori, ma in modo profondamente diverso. Non è chiaro di chi sia la responsabilità: se è stata la politica, debole sui valori, ad aver sollecitato l’intervento e il sostegno di una parte  della Chiesa cattolica, o se, viceversa, è stata la Chiesa stessa ad aver occupato la scena, di fronte all’indifferenza generale. Forse non è così importante, o forse sono vere entrambe le cose. (Continua).
.
 

Scarica il testo completo in PDF

Esercizi di laicità. Ovvero de-finire (giuridicamente) lo Stato laico - di Francesco Alicino

SOMMARIO: 1. Il perché dello Stato laico: la matrice liberal-democratica – 2. Le “definizioni” giuridiche – 2.1. È lingua artificiale il diritto – 3. Il mos italicus dello Stato laico – 3.1. Genesi della laicità all’italiana – 3.2. 1929: conciliati in nome della SS.MA Trinità ... – 3.3. ... ovvero il ritorno a “un’antica espressione medioevale” – 4. De-finire (giuridicamente) la laicità nell’ordinamento repubblicano – 5. Il ruolo della giurisprudenza costituzionale – 5.1 L’operazione definitoria della Corte – 5.2. Una lettura laica dell’art. 3 Cost. – 5.3. Laicità = aconfessionalità – 5.4. Il côté “neutrale” dello Stato laico – 6. Laicità fluida e modellabile ad oggetto disponibile –7. Le “autentiche” e “sane” laicità ... – 8. ... e l’idioma laico della Corte.

Scarica il testo completo in PDF

Date a Dio anche quello che è di Cesare - di Luciano Zannotti

Sconsigliano i Maestri di intitolare gli scritti in modo che esplicitamente dichiarino le intenzioni dell’autore. Contravvengo alla regola per chiarire subito ciò che voglio dire, escludendo con consapevolezza quell’effetto sorpresa che sembra utile per mantenere desta l’attenzione. Spero di recuperarlo cercando di limitare al minimo i tempi del mio intervento. 1 - Il senso della mia relazione è dunque già espresso nel titolo. Quello che vorrei infatti dimostrare è che la famosa frase evangelica, da cui prende spunto anche il nostro convegno, date a Cesare ciò che è di Cesare e a Dio ciò che è di Dio (Mt. 22, 15-22; Mc. 12, 13-17; Lc. 20, 20-26), finisce per avere nel pensiero della Chiesa un significato del tutto diverso rispetto a quanto comunemente attribuito e addirittura opposto a quello assegnato da certa letteratura di carattere apologetico, trasformandosi, in realtà, da enunciazione del principio di separazione della Chiesa dallo Stato, che troverebbe origine nel patrimonio culturale cristiano, ad affermazione del principio di dipendenza dello Stato dalla legislazione religiosa e dalla volontà della gerarchia ecclesiastica (con tutto ciò che ne consegue sul piano della democrazia laica): la distinzione tra ciò che è di Cesare e ciò che è di Dio appartiene alla struttura fondamentale del cristianesimo, politica e fede sono ordini distinti ma sempre in reciproca relazione ... (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Giurisdizione matrimoniale ecclesiastica e poteri autoritativi della magistratura italiana - di Geraldina Boni

SOMMARIO: 1. La sentenza n. 22827 del 2004 della Cassazione penale italiana - 2. Il segreto “professionale” del ministro di culto/giudice ecclesiastico - 3. Indipendenza e sovranità della Chiesa nel suo ordine e attività dei tribunali ecclesiastici in materia matrimoniale. La libertà della giurisdizione della Chiesa e la repressione dei reati da parte dello Stato - 4. Il ricorso al giudice italiano in ambito giudiziario matrimoniale canonico. Fisionomia e caratteri del processo canonico di nullità del vincolo e illeciti penali in esso perpetrabili - 5. Quali i possibili effetti delle “interferenze” della giustizia italiana sul processo canonico? - 6. Giurisdizione della Chiesa e giurisdizione dello Stato nell’ottica della reciproca collaborazione tra Stato italiano e Chiesa cattolica per la promozione dell’uomo e il bene del paese.

Scarica il testo completo in PDF

Disciplinarità confessionale e stato di diritto - di Piero Bellini

È “dato reale di esperienza” che – nel vivo della fenomenologia comunitaria – le Confessioni religiose [quali prendono corpo e si consolidano dintorno a un Credo unificante] vengono in campo con una «entità effettuale loro propria». Esse – nella loro puntuale concretezza – presentano il carattere oggettivo (diremmo “morfologico”) di «formazioni sociali auto-sufficienti»: qualificate – per come ci si parano dinanzi – dall’essere «espressione di forze aggregative ingenite». È dato reale di esperienza che – nella ordinarietà dei casi – in questa o in quella Confessione [in questa o in quella Religione] non «si entra» per atto associativo di propria autonoma elezione: in grazia d’una qualche “determinazione di tipo negoziale”. Piuttosto «ci si nasce»: «ci si trova incardinati ». E se ne avverte il non eludibile richiamo. Se ne avverte il fascino, come d’un che di arcano, di «assoluto»: ricco di tanta suggestione numinosa (di tanta forza d’attrazione) da trascendere la nostra capacità dispositiva. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” - Editoriali • “Una lotta religiosa è da evitare ad ogni costo”: ”equilibrio e prudenza” o “fermezza, prudenza e coraggio”? (di g.c.) - di Giuseppe Casuscelli

Finalmente sembrano stemperarsi le voci che negli ultimi mesi, in vista della presentazione alle Camere del disegno di legge per la regolamentazione delle convivenze di fatto, hanno acceso e alimentato il dibattito politico e mediatico sul problema “pregiudiziale” dei rapporti tra religione e politica, fede e diritto, valori religiosi e libertà civili, Chiesa cattolica e Stato italiano. I sostenitori del carattere laico della Repubblica democratica e i sostenitori del carattere irrinunciabile della famiglia fondata sul matrimonio hanno trovato compagni di viaggio di cui si immagina che avrebbero fatto volentieri a meno. Sul primo versante si sono levate voci scomposte di ritorsioni d’ordine economico o addirittura di denuncia dell’Accordo “craxiano” del 1984, come se la Costituzione nulla prevedesse in materia di rapporti dello Stato con la Chiesa cattolica. Sul secondo versante, un’insolita manifestazione di piazza ha reso palese la tentazione mal repressa di quest’ultima di entrare apertamente nell’agone della politica, anch’essa poco attenta a quel che la Costituzione dice in materia di distinzione degli ordini.

Scarica il testo completo in PDF

Roma locuta, causa (quasi) finita. La controversia Roma – Conferenza episcopale tedesca in merito ai consultori per le gestanti - di Stefano Testa Bappenheim

Anni addietro, l’allora cardinal Ratzinger segnalava, a proposito delle conferenze episcopali, la possibilità che le posizioni di minoranze intraprendenti, determinate ad andare verso direzioni precise, potessero riuscire a condizionare l’assemblea. Che dire, però, quando non d’una minoranza si tratti, bensì della metà esatta d’una conferenza episcopale? Nel 1976 venne introdotta, in Germania, una legge che depenalizzava l’IVG a condizione che la gestante si trovasse in determinate condizioni, accertate da un medico, e si fosse preventivamente rivolta ad un centro di consulenza (gestito direttamente da un Land, od anche da organizzazioni private autorizzate), il quale era obbligato a rilasciare un certificato d’avvenuta consulenza (il Beratungsschein), che era, perciò, indispensabile per potersi rivolgere ad una struttura sanitaria per l’intervento. (Continua)
 

Scarica il testo completo in PDF

Fasi e mezzi per l’attuazione del disegno costituzionale di disciplina giuridica del fenomeno religioso - di Valerio Tozzi

SOMMARIO: 1. La nuova fase politica di iniziativa parlamentare sul fenomeno religioso – 2. Necessità di ripensare la politica ecclesiastica rileggendo il disegno costituzionale in materia – 3. Quale è il progetto di politica ecclesiastica della Costituzione? – 4. L’effettiva politica ecclesiastica dei Governi italiani: a) Il potenziamento degli Uffici della Presidenza del Consiglio dei Ministri con competenze in materia ecclesiastica; b) Confusione terminologica ed abuso della denominazione di confessione religiosa; c) L’utilizzo della categoria legale di “confessioni con intesa” per la partecipazione ai benefici dell’interventismo statale in materia religiosa; d) Utilizzazione della categoria giuridiche dei “ministri di culto”, empiricamente modulata dal diritto statale sull’esperienza del cristianesimo, applicandola a fenomeni che non vi si adattano – 5. Permanenza della gerarchia discriminante fra gruppi religiosi riconosciuti o misconosciuti dall’ordinamento; a) L’impiego di concetti e categorie propri di alcune esperienze religiose, non trasferibili ad altri - Impossibilità di qualificare “confessione religiosa” alcuni gruppi religiosi privi di apparati gerarchici; b) Mantenimento della discriminazione fra religioni più favorite e altri gruppi religiosi – 6. Il rapporto fra legge generale sulla libertà religiosa e normazioni contrattate con le confessioni.

Scarica il testo completo in PDF

Laicità e diritto privato - di Guido Alpa

SOMMARIO: 1. Laicità: definizioni - 2. Il problema della laicità nel diritto privato – 3. Laicità e rapporti di diritto privato – 4. Giurisprudenza recente – 4.1. Procreazione artificiale – 4.2. Esposizione dei simboli religiosi – 4.3. Licenziamento del dipendente per contrasto con la tendenza dell’impresa datoriale - 5. Congedo - 6. Appendice – 6.1. Lo statuto dell’embrione tra libertà, responsabilità, divieti – 6.1.1. Spetta al giurista definire lo statuto dell’embrione? – 6.1.2. La risposta del giurista è condizionata dal metodo? – 6.1.3. Il dibattito apertosi in Europa tra studiosi di diverse discipline ha segnato percorsi fruibili dal legislatore? – 6.1.4. Quali proposte si erano formulate nell’esperienza italiana? – 6.1.5. Il diritto europeo e il diritto comunitario possono soccorrere il giurista italiano? – 6.1.6. Il modello inglese può costituire un’alternativa possibile? – 6.1.7. Si può costruire lo statuto dell’embrione soltanto su regole che impongano divieti? – 6.1.8. Da dove ripartire per definire un modello accettabile? – 6.2. Il danno da procreazione e il diritto a nascere sani – 6.3. Il principio di autodeterminazione e le direttive anticipate sulle cure mediche – 6.3.1. Premessa – 6.3.2. La prima fase del dibattito. Accanimento terapeutico e diritti dei malati e dei morenti – 6.3.3. La seconda fase del dibattito. Il “testamento biologico” – 6.3.4. La terza fase del dibattito. La dignità del morente – 6.3.5. La situazione attuale. Utilità dell’intervento legislativo – 6.3.6. Conclusione.

Scarica il testo completo in PDF

Alle radici della laicità civile e della libertà confessionale - di Sara Domianello Alessandro Morelli

Il libro di Luciano Zannotti affronta tematiche fra le più dibattute, non da oggi e meno che mai dai soli studi del diritto canonico o del diritto ecclesiastico civile, accettando il rischio di proporre ai lettori un’analisi inevitabilmente quanto forse intenzionalmente predestinata essa stessa a quella imperfezione ed incompiutezza di cui l’A. mira senza infingimenti a tessere l’elogio, persuaso com’è del valore positivo da attribuire al fatto che tali caratteristiche consentono ad ogni discorso di restare perennemente aperto ed imprimono un moto di perpetua tensione ad ogni sforzo ordinatore volto a ridurre ad unità globale le infinite possibilità e l’inesauribile varietà di sfumature dell’esperienza umana.  L’operazione azzardata dall’A. è quella di applicare al campo della politipìa dei sistemi normativi l’idea del musiliano anello di Clarisse, ossia di una ricerca continua svolta sull’orlo della bocca di un vulcano, stimolata dalla consapevolezza, acquisita con l’esperienza, che lo scarto di un intero “mondo delle possibilità” operato dall’agire necessitato dell’uomo non può avanzare alcuna realistica pretesa di rendere “quel” mondo eternamente impossibile, potendo vantare al più la forza di relegarlo provvisoriamente al di là dell’orizzonte visibile di “questo” mondo ... (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Indipendenza degli “ordini” di Stato e Chiesa e ruolo del Presidente della Repubblica - di Antonio Ruggeri

Assai opportuno l’invito rivolto da G. Casuscelli a discutere del ruolo del Capo dello Stato sul piano dei rapporti tra Stato e Chiesa, specie nella presente congiuntura segnata – come si sa – da gravi tensioni ma, direi, anche in una prospettiva di più ampio respiro e – si spera – di una ritrovata o rinnovata quiete sociale ed istituzionale, di cui nondimeno si fatica a rinvenire ad oggi il seme da cui potrebbe alimentarsi e, in un tempo ragionevole, crescere ed affermarsi. Gli interrogativi posti da chi sollecita il confronto toccano, da un peculiare e, almeno in parte, inusuale angolo visuale (quello dei poteri-doveri e, in breve, del ruolo del Presidente), antichi punti di snodo di una inesausta riflessione teorica, che nondimeno oggi assume nuova colorazione, proprio a motivo delle vicende in corso e dei loro possibili, ulteriori svolgimenti. (Continua)
 

Scarica il testo completo in PDF

Le laicità e le democrazie: la laicità della “Repubblica democratica” secondo la Costituzione italiana - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Laicità e democrazia nell’Unione europea (nella giurisprudenza della Corte europea dei Diritti dell’Uomo) - 3. La laicità della Repubblica italiana e le sue specificità (nella giurisprudenza della Corte costituzionale) - 4. Gli interventi per la promozione della libertà religiosa - 5. La distinzione degli ordini - 6. La laicità nella Costituzione tra “bilancio” e “progetto” - 7. Tra passato e presente: ratione peccati … - 8. Il “pieno rispetto” dell’indipendenza di Stato e Chiesa, ciascuno nel proprio ordine - 9. La “reciproca collaborazione” - 10. Il divieto di ingerenza e lo Stato - 11. Il divieto di ingerenza e la Chiesa cattolica - 12. L’esecuzione dell’Accordo del 1984 - 13. L’Unione Europea ed il timore di ingerenze - 14. La tutela della coscienza ed il “relativismo etico” - 15. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

I vincoli etici nell’esperienza giuridica contemporanea. Alcune riflessioni introduttive - di Salvatore Berlingò

1. - Esattamente dieci anni fa, sempre in un Convegno nazionale dei giuristi cattolici, nello svolgere una relazione dal titolo: “Ordine etico e legge civile: complementarità e distinzione”, avanzavo un’ipotesi ricostruttiva, che ritenevo potesse risultare utile, in coincidenza con l’impetuoso ritorno all’etica e delle etiche sulla ribalta dello spazio pubblico, socialmente e giuridicamente rilevante. Proposi, in quell’assise, il ricorso all’uso di alcuni paradigmi canonico-ecclesiasticisti  - come il principio della distinzione degli ordini e dell’eguale libertà di tutte le convinzioni etico-religiose –  desumibili da una rappresentazione aggiornata, inclusiva e pluriversa del dualismo giurisdizionale (proto)cristiano, laicamente intesa a propiziare il convergere nella polis di credenti, non credenti, diversamente credenti e dei loro apporti allo sviluppo di una positività dinamica dell’etica sociale. (continua)

“A chiare lettere” - Editoriali • Il ruolo del Presidente della Repubblica (di g.c.) - di Giuseppe Casuscelli

Mentre la scienza costituzionalistica si interroga da qualche tempo sul cambiamento del ruolo del Capo dello Stato nel nostro ordinamento costituzionale - specie da quando il settennato presidenziale si svolge “all’interno di una dinamica bipolare e maggioritaria nella forma di governo parlamentare” - la dottrina ecclesiasticistica non ha avuto motivo di approfondire in modo particolare se, nel campo di ricerca proprio, vi fosse un ruolo specifico del Presidente della Repubblica, sia per l’aspetto della tutela dei diritti inviolabili della persona interessati dal fattore religioso, sia nei profili delle relazioni e della disciplina dei rapporti Stato–confessioni, e se possa ritenersi in parte mutato. Il passaggio dalla monarchia alla Repubblica, è noto, ha ridotto di molto le di lui competenze nella materia “ecclesiastica”, e una svolta determinante a questo processo storico è stata impressa dalla Costituzione. Quel processo, si è detto in passato, “non ha ancora esaurito il suo iter”; e, più di recente, si è potuto sottolineare che, nella nostra materia, “rimane in ogni caso estranea alla figura costituzionale del Capo dello Stato … la titolarità di una qualsiasi funzione di indirizzo politico in senso stretto”, restando il suo compito limitato a quello più generale di rappresentante dell’unità nazionale e di “custode” della Carta e a quelli, di ridotta valenza, concernenti alcuni profili amministrativi connessi all’attività normativa del Governo. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF