Rivista telematica (www.statoechiese.it)
Online dal gennaio 2007
Menu

Articoli in

Libertà di scelta della terapia e violenza medica. Brevi considerazioni sul rifiuto delle trasfusioni di sangue dei Testimoni di Geova - di Pierluigi Consorti

SOMMARIO: 1. - Il “caso Oneda” - 2. -Evoluzione successiva e stato attuale - 3. - La violenza medica - 4. Conclusioni - Appendice.

Freedom of choice of therapy and medical violence. Brief Considerations on the Refusal of Blood Transfusions by Jehovah's Witnesses

ABSTRACT: This short essay considers the change in the jurisprudential orientation on the matter in the light of the recent regulatory and healthcare evolution. In Italy the debate began with the Oneda case, which saw the conviction of two parents who opposed the transfusions of their daughter - at the time the only known therapy to combat a severe form of anemia. Nowadays, this question must be contextualized in the light both of the principle of health self-determination and the possibility of the "bloodless" treatment. Therefore, the Court of Tivoli (the sentence is attached in appendix) recently convicted a doctor who transfused a dissenting patient for “private violence”.

Scarica il testo completo in PDF

Il problema della vulnerabilità nelle Raccomandazioni SIAARTI e nelle linee guida SIAARTI-SIMLA - di Camilla Della Giustina

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. La tutela della salute nell’emergenza sanitaria: le raccomandazioni e linee guida delle società scientifiche quali sintomi della crisi delle fonti del diritto - 3. Il concetto di vulnerabilità - 4. Le Raccomandazioni di etica clinica della SIAARTI del 6 marzo 2020: criticità - 5. Le linee guida SIAARTI-SIMLA: nulla di nuovo nelle scelte di triage – 6. Conclusioni.

The problem of vulnerability in the SIAARTI Recommendations and in the SIAARTI-SIMLA guidelines

ABSTRACT: During the health emergency from Covid-19 a situation of scarcity of health resources has been realized that has induced the SIAARTI to elaborate of the recommendations of clinical ethics. The latter are subject to multiple criticism because of the choice of criteria for allocation of resources because one of the criteria used is the chronological criteria. From this it was decided to analyze the condition of a category of vulnerable people, namely the elderly, during the health emergency. Subsequently, the position these subjects possess within the recommendations of clinical ethics of SIAARTI and the guidelines elaborated by SIAARTI and SIMLA was analyzed.

Scarica il testo completo in PDF

Identità religiosa e diritto alla salute. Interazioni classiche ed emergenti - di Gaetano Marcaccio

Sommario: PARTE I: LE INTERAZIONI CLASSICHE - 1. Salute e religione, un tema tradizionale in evoluzione - 2. La “religione” come cura. Santoni e guaritori - 3. Libertà religiosa versus tutela della salute. Le pratiche di mutilazione genitale femminile - 4. (segue) La circoncisione maschile - PARTE II: LE INTERAZIONI EMERGENTI - 5. Il dissenso religioso al trattamento sanitario. Il caso dei testimoni di Geova, e non solo - 6. Le nuove frontiere di tutela della salute nella legge n. 219 del 2017. Gli effetti sull’identità religiosa del paziente-fedele - 7. (segue) Gli spazi di obiezione di coscienza del personale medico sanitario.

Religious identity and right to health. Classic and emerging interactions

ABSTRACT: The relationship existing between health and religion is innate. Legal systems started dealing with it since the first formulations about freedom of religion and right to health, in order to take care of the individual and collective needs. Taking this premise into account, the first part of the essay analyzes the classic interactions between health and religion, in which the latter replaces official medicine or prescribes harmful conduct. Consequently, legal systems have developed resolutive dialectics which can be applied to new specific cases brought by multiculturalism, like infibulation. In the second part, the essay examines the emerging interactions caused by a third party - the medical health personnel - owner of the duty of care and freedom of conscience, recreating the solutions offered by doctrine and law. Lastly, it focuses on the objections which can be moved by the medical health personnel, which are connected to early end-of-life dispositions (law n. 219/2017), proposing solutions to the lack of regulation left by the law.

Scarica il testo completo in PDF

Svizzera e Italia: soluzioni di triage e medicina intensiva a confronto - di Federica Botti

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La strategia elvetica per fare fronte alla pandemia e le osservazioni da parte della Conferenza Episcopale Svizzera - 3. La situazione italiana di fronte alla pandemia e le scelte in campo medico. I limiti all’autodeterminazione attraverso la proposta di introdurre l’obiezione di coscienza - 4. Conclusioni.

Switzerland and Italy: triage and intensive medicine solutions in comparison

ABSTRACT: Italy and Switzerland are two very different countries. This diversity is particularly evident in the health sector, not only in terms of its organization and management, but above all in the different approach that each country has with regard to the health of its members. The exaltation of therapeutic self-determination by Switzerland clashes with the medical paternalism to which Italy remains nostalgically linked, despite the fact that the needs of Italian society have changed profoundly. However, the dramatic choices to which the spread of Covid-19 has led have created the conditions for an inevitable reversal of the trend on the part of Italy and its approach to Swiss policies in terms of defending the freedom of choice of the individual.

Scarica il testo completo in PDF

Scienza e coscienza ai tempi dell’emergenza sanitaria da Covid-19 - di Maria d'Arienzo

SOMMARIO: 1. Il dilemma etico ai tempi della pandemia da Covid-19 -2. Le Raccomandazioni di etica clinica della SIIARTI del 6 marzo 2020 - 3. I criteri selettivi di accesso ai reparti di terapia intensiva in Svizzera, Quebec (Canada) e Alabama (USA) - 4. Triage in emergenza pandemica. Possibile contrasto di alcuni criteri selettivi con i valori religiosi ed etici del personale sanitario -5. Emergenza sanitaria e “clausola di coscienza” in Italia.

Science and conscience at the time of the Covid-19 health emergency

ABASTRACT: The Covid-19 pandemic crisis and the saturation of the intensive care wards have made it necessary to prepare patient selection criteria in case of lack of available places. The spread of various "selective criteria", in different regulatory realities, starting in Italy from the Ethical Recommendations of the SIIARTI (Italian Society of Anaesthesia, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care) of March 6, 2020, as well as for reasons of distributive justice and appropriate allocation of limited health resources, was also necessary to relieve medical staff from part of the responsibility in the choices to be made, sometimes particularly onerous. The rationale behind the "medicine of catastrophes" documents, however, may conflict with the ethical values of medical personnel, undoubtedly capable of influencing their professional choices. The present contribution aims to verify the configurability of a space within which to give prominence, even in emergency conditions, to the ethical-religious beliefs of health personnel, in accordance with the rules of medical and nursing ethics that allow the individual operator to invoke the "conscience clause" to justify the refusal of services considered contrary to their conscience or their technical-scientific beliefs, even in cases not recognized by laws that expressly provide for "conscientious objection".

Scarica il testo completo in PDF

L’interazione fra esenzioni religiose e diritti LGBT sul luogo di lavoro: nuove traiettorie giudiziarie al crocevia fra narrative plurali - di Adelaide Madera

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Il frammentato quadro normativo in materia di LGBT rights - 3. Il caso Bostock v. Clayton County, Georgia - 4. L’impatto della pronunzia Bostock sulle istituzioni religiose - 5. La tutela offerta dal Title VII all’esercizio della libertà religiosa - 6. La Section 702(a) del Title VII e le questioni interpretative irrisolte - 7. Nuove letture giurisprudenziali della Section 702(a) - 8. L’interazione fra esenzioni religiose ex Section 702(a) e sex discrimination: possibili futuri scenari alla luce del caso Bostock - 9. La specificità delle istituzioni impegnate nel settore dell’istruzione - 10. La ministerial exception e i limiti della sua applicabilità - 11. Il RFRA - 12. I rischi derivanti da un utilizzo over-expansive del RFRA - 13. La Free Exercise Clause - 14. Le vie percorribili per recepire nuove prospettive valoriali - 15. Il mancato intervento del Congresso - 16. Principio di non discriminazione ed esercizio della libertà religiosa: un binomio incompatibile? - 17. L’esempio della legislazione sui same-sex marriages - 18. La tutela dell’istituzionalismo religioso e i suoi “ragionevoli” limiti - 19. Conclusioni.

The interplay between religious exemptions and LGBT rights in the workplace: new judicial trajectories at the crossroads of plural narratives

ABSTRACT: A recent U.S. Supreme Court judgement found that Title VII of the Civil Rights Act covers discriminations founded on gender identity and sexual orientation. The present paper analyses the effect of this judgement on the exercise of religious freedom of faith-based organizations and investigates the possibility of finding ways to reconcile competing interests.

Scarica il testo completo in PDF

Il rifiuto delle vaccinazioni obbligatorie per motivi di coscienza. Spunti di comparazione - di Maria Luisa Lo Giacco

SOMMARIO: 1. Le “nuove” obiezioni di coscienza nelle società multiculturali. Il rifiuto dell’obbligo vaccinale - 2. Religioni e vaccini - 3. La situazione negli altri Paesi, in particolare il caso degli USA - 4. L’obbligo vaccinale in Italia - 5. È configurabile il diritto all’obiezione di coscienza rispetto alle vaccinazioni obbligatorie?

The Refusal of Mandatory Vaccinations for Conscientious Reasons. A Comparative Overlook

ABSTRACT: The paper analyzes the possibility to design a new shape of conscientious objection : the refusal of mandatory vaccinations due to religious or ideological reasons. Some religions are against vaccines because of the ingredients they contain. In other cases the refusal to be vaccinated is based on the idea that only God can protect health. The legislatures of some Countries recognize the conscientious objection to mandatory vaccinations. The paper focuses the topic in a comparative perspective, paying attention to the italian and european context.

Scarica il testo completo in PDF

“It is (not) a piece of cake”: libertà di espressione e politiche antidiscriminatorie in America. Note a margine del caso Masterpiece Cakeshop, Ltd. v. Colorado Civil Rights Commission - di Luca P. Vanoni

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Tra free speech e free exercise clauses: la libertà di coscienza nella giurisprudenza della Corte suprema (cenni) - 3. Una discriminazione nella discriminazione? Una decisione che non risolve il dilemma - 4. Kicking the can down the road: l’arte di non decidere e le dissenting/concurring opinions del caso Masterpiece Cakeshop - 5. (segue) a) l’opinion del giudice Thomas - 6. (segue) b) uno sguardo sul futuro: due (ipotetici) orientamenti prevalenti - 7. Dal saluto alla bandiera alle torte nuziali: libertà e tolleranza nella società plurale contemporanea.

ABSTRACT: The paper examines the clash between public accommodations laws and freedoms of speech and religion in America at the light of the recent decision of the U.S. Supreme Court Masterpiece Cakeshop Ltd., v. Colorado Civil Rights Commission. The case deals with the refusal of a Colorado’s bakery to provide a wedding cake to a gay couple based on the owner's religious beliefs. After explaining the decision of the Court and the position of the U.S. Supreme Court Justices in their dissenting and concurring opinions, the paper addresses the claim of freedom of speech and of the tolerance principle in the pluralistic age.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e cittadinanza integrativa. Alcune note sul ‘vivere assieme’ in una società plurale - di Antonio Angelucci

SOMMARIO: 1. Cittadinanza e identità religiosa - 2. Cittadinanza e pluralismo religioso - 3. “Cittadinanza integrativa” e libertà religiosa - 4. La Risoluzione 2076 (2015) e la Raccomandazione 2080 (2015).

Religious Freedom and Integrative Citizenship. Some Notes on 'Living Together' in a Plural Society

ABSTRACT: Circumcision concerns the religious identity of Jews and Muslims. In addition to these circumcisions which can be defined as "confessional-religious" there are also those related to local customs. These types deserve renewed attention after Resolution 1952 (2013) and Recommendation 2023 (2013) of the Parliamentary Assembly of the Council of Europe, both concerning "the right of children to physical integrity", and subsequent resolutions 2076 (2015) and Recommendation 2080 (2015) devoted to "(R) Religion and Living together in a Democratic Society". Citizenship is, in fact, the much broader horizon to be found behind circumcision. While the first two documents tend to consider non-therapeutic circumcision as a possible assault to the physical integrity of children without, therefore, focusing on the profiles inherent the right to religious freedom and the possible inclusive value of its "recognition" for the purposes of universal citizenship, the latter two, focusing on the freedom of 'living together' according to the practices of each religion, seem to be more aware of the need to move towards the realization of a European, inclusive and plural citizenship. However, the category of 'living together', evanescent and ambiguous for its correlation with the principle of majority (as is evident from the most recent case law of the ECHR), requires a new approach that gives it greater objectivity. Concepts such as those of pluralism and plural citizenship, in which civic belonging and religious affiliation can live together, help to go in that direction, renewing, in the end, the membership of a Europe of peoples and not just of economies.

Scarica il testo completo in PDF

Dalla laicità dello Stato alla laicità per lo Stato. Il paradigma laico tra principio e valore - di Stefano Montesano

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Valori e principi: une necessaria distinzione - 3. La “supremazia” del metodo laico. Il problema del valore - 4. La laicità come mezzo e come fine: alcune considerazioni - 5. Dalla laicità dello Stato alla laicità per lo Stato - Segue: il caso dell’obiezione di coscienza nell’IVG. Le assolutezze dei fini alla prova dell’indipendenza etica - 6. Il valore della laicità come principio per la libertà.

From the secular State to secularism for the State. The lay paradigm between principle and value.

ABSTRACT: In the essay, the concept of secularity is examined both as a legal paradigm and as a value. The identified legal and philosophical perspectives represent potential reading keys that can guide the interpretative and implementing paradigm of laicity in a more coherent way with its historical-value reason.

Scarica il testo completo in PDF

Nuove forme di obiezione di coscienza fra oneri a carico della libertà religiosa e third-party burdens. Un’analisi comparativa della giurisprudenza della Corte Suprema U.S.A. e della Corte di Strasburgo - di Adelaide Madera

SOMMARIO: 1. Nuove rivendicazioni di differenze negli U.S.A. e in Europa: un tentativo di comparazione - 2. I conflitti generati dal Contraception Mandate negli U.S.A. – 3. Il caso Zubik v. Burwell – 4. La difficile definizione del concetto di substantial burden – 5. La soluzione di compromesso adottata dalla Corte Suprema - 6. Accomodazionismo religioso e nuove “battaglie culturali” - 7. Prerogative dei soggetti confessionalmente connotati e “costi sociali” del loro riconoscimento - 8. Il fenomeno delle nuove conscience claims - 9. La valutazione dei third-party burdens - 10. Il diritto all’obiezione di coscienza dinanzi alla Corte di Strasburgo - 11. La decisione Eweida and others v. United Kingdom e l’ampliamento della portata dell’art. 9 CEDU - 12. Il rilievo attribuito al principio di non discriminazione - 13. La valorizzazione del margine di apprezzamento - 14. Annotazioni riepilogative.

New forms of Conscientious Objection between Burdens on Religious Freedom and Third-Party Burdens. A Comparative Analysis of the Supreme Court USA and of the Court of Strasbourg Case Law

Abstract: This paper analyzes the emerging tension between new complicity-based conscience claims of accommodation and the costs associated with them, in the ambit of the current national constitutional and international law frameworks. In a comparative perspective, recent decisions of the U.S. Supreme Court and of the European Court of Human Rights will be examined. The U.S. Supreme Court is moving towards a greater recognition of religious freedom in its collective dimension in the ambit of a common law framework; the European Court of Human Rights is entrusted with the delicate balance between unity and diversity, without unduly interfering with the national identities and legal regimes recognized to the Churches.

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” - Editoriali • Il concorso per medici non obiettori all’IVG e il signor Traps (di Nicola Colaianni) - di Nicola Colaianni

1 - Un concorso “scomodo” quello bandito dall’ospedale “San Camillo” di Roma per l’assunzione di due medici da dedicare specificamente alle prestazioni assistenziali di interruzione volontaria della gravidanza (hinc: IVG) rese in attuazione della legge n. 194 del 1978. Di quelli che suscitano immediate reazioni emotive e ideologiche, ma spesso perciò giuridicamente banali e superficiali, tra favorevoli e contrari. Non è una patologia italiana, beninteso: in America essere pregiudizialmente pro life o pro choise, a prescindere da ogni valutazione di contesto, può determinare l’esito delle elezioni presidenziali. Le conseguenze dell’analoga contrapposizione, emersa dalla gran messe di interventi sulla stampa italiana nei giorni scorsi, sono molto meno preoccupanti ma nondimeno da non trascurare per la tenuta del principio di laicità dello Stato. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Il Comitato europeo dei diritti sociali, lo stato di attuazione della legge italiana sulla tutela sociale della maternità e sull’interruzione volontaria della gravidanza e la sostenibilità pubblica dell’obiezione di coscienza - di Fabio Cembriani

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. I diritti sociali in Europa e il Comitato europeo sui diritti sociali (CEDS) - 3. Le decisioni di merito del Comitato europeo dei diritti sociali sull’attuazione nel nostro Paese della legge n. 194 del 1978 - 4. L’obiezione di coscienza e l’interruzione volontaria della gravidanza in Italia - 5. Le strade possibili per dare una sostenibilità pubblica all’obiezione di coscienza - 6. Alcune brevi considerazioni di sintesi.

ABSTRACT : The Author examines the decision of the European Committee of Social Rights (CEDS), which once again condemned Italy had not taken our country, compared to the large number of doctors objectors, no organizational measures to ensure the reproductive rights of women and the right to work of non-objectors. He thus addresses the issue of social rights in Europe and the role of guarantor of the CEDS to focus eventually on conscientious objection, which considers a fundamental right, which must, however, know how to give, not interfere collectability of other rights. Moreover, it indicates, finally, what are the possible ways to give concrete and practical sustainability of conscientious objection.

Scarica il testo completo in PDF

Tutela della coscienza, tra freedom to resign e indeclinabilità delle funzioni pubbliche - di Vera Valente

SOMMARIO: 1. Freedom to act. Ammissibilità e limiti all’esercizio dell’obiezione di coscienza - 2. Convincimenti religiosi e prestazioni lavorative - 3. Il principio di laicità nella ponderazione tra valori. Note a margine dell’affaire Ebrahimian c. France - 4. La giurisprudenza di Strasburgo: freedom to resign e limiti all’obiezione di coscienza a partire dalla sentenza Eweida - 5. I labili confini dell’agere licere, tra indeclinabilità delle funzioni pubbliche e tutela dei diritti altrui - 6. Un’osservazione conclusiva.

Scarica il testo completo in PDF

Conscientious Objection and the Treaty with the Holy See and other registered Churches - di David Durisotto


I would like to focus on two connected points on the legal framework for conscientious objection. First, the peculiarity which concerns the effective exercise of that right, and second, the particular instrument regulating the relations between churches and State, concerning the system of agreements with the various denominations present in the State.
1 - Religious objection can lead to a refusal to comply with obligations imposed by State laws, which are deemed conflicting with higher
imperatives that the objector cannot waive. Such refusal may be based on religious grounds, but also ethical or ideological. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Matrimonio omosessuale e pubblico ufficiale: una nuova forma di obiezione di coscienza? - di Ludovica Decimo

SOMMARIO: 1. La difesa dei valori culturali e religiosi attraverso il diritto all’obiezione di coscienza - 2. I casi di obiezione di coscienza sulle unioni omosessuali: uno sguardo d’insieme oltre i confini nazionali - 3. Il matrimonio omosessuale e il pubblico ufficiale nell’ordinamento giuridico italiano - 4. Lo scudo dell’obiezione di coscienza: un’opzione possibile per il pubblico ufficiale?

Scarica il testo completo in PDF

Riflessioni di diritto comparato e canonico sull’obiezione di coscienza del pubblico funzionario - di Maria Chiara Ruscazio

SOMMARIO: I. Premessa - I I. L’obiezione di coscienza del pubblico funzionario nel diritto statale: - 1. Il conflitto fra i doveri di status e i diritti costituzionalmente garantiti. Il modello francese: la preminenza del principio di neutralità – 2. Il conflitto fra i doveri di status e i diritti costituzionalmente garantiti. Il modello italiano: la molteplicità dei principi e delle interpretazioni - 3. Il riconoscimento difficile del diritto di obiezione del pubblico funzionario. La chiusura positiva del modello francese - 4. Il riconoscimento difficile del diritto di obiezione del pubblico funzionario. L’apertura incerta del modello italiano – III. L’obiezione di coscienza del pubblico funzionario e il diritto canonico: 1. Pertinenza delle diverse tecniche di flessibilità del diritto ecclesiale - 2. Per una applicabilità concreta della tolleranza alle ipotesi di conflitto di coscienza del funzionario.

The conscientious objection of the public official. Considerations in comparative law and canon law

We witness nowadays a wave of judicial cases concerning the problem of the possible right to conscientious objection of those who exert public functions. The problem’s elements are two: on one hand, the existence of juridical principles and obligations incident to the civil service, which are able to lie more heavily on the public official’s freedom of conscience; on the other hand, the acknowledgement or the denial, by the legal order, of the right to object as specific content of freedom of conscience. In this perspective, the comparison between the French and the Italian legal orders can be useful to highlight which consequences come from different approaches. In another perspective, where State law does not recognize the conscientious objection of the public official, we can ask ourselves whether canon law can solve the conscientious conflict of catholic public officials, softening their canonical obligations.

Scarica il testo completo in PDF

Obiezione di coscienza e interruzione volontaria della gravidanza: la prevalenza di un’interpretazione restrittiva - di Simona Attollino

SOMMARIO: 1. La disciplina costituzionale del fenomeno religioso alla prova dell’obiezione di coscienza e l’obbligo della negoziazione - 2. L’obiezione di coscienza fra interpretazione estensiva “in uscita” (Cass. Sez. pen., n. 14979 del 2013), … - 3. (segue) … interpretazione restrittiva “in entrata” (Tar Puglia, n. 3477 del 2010) ... – 4. (segue) … e orientamento trasversale (ordinanza Trib. Spoleto, n. 60 del 2012). Ovvero, quali limiti all’obiezione del giudice? – 5. Prime considerazioni conclusive.

ABSTRACT: This paper analyzes the phenomenon of conscientious objection, with particular reference to the voluntary interruption of pregnancy. The author analyzes the different legal interpretations, concluding that the prevalence of a restrictive interpretation of the institute, which permits only objection to the interruption of pregnancy and excludes, therefore, all preparatory and subsequent surgery.

Scarica il testo completo in PDF

Quando l’interruzione volontaria della gravidanza solleva ancora discussioni nello Stato e nella Chiesa - di Daniela Milani

SOMMARIO: 1. Obiezione di coscienza e aborto fra diritti riconosciuti e negati in attuazione della legge n. 194 del 1978. - 2. La Chiesa cattolica di fronte alla soppressione del concepito: foro interno e peccato. - 3. (segue) … foro esterno e delitto. - 4. Apparenti (?) divergenze di opinione tra Chiesa universale e locale di fronte all'aborto di una “madre-bambina”. - 5. (segue) … il diritto alla vita: una legge naturale obiettiva non derogabile in sede civile.

Scarica il testo completo in PDF

I cattolici tra obbedienza religiosa e bisogno di libertà. - di Luciano Zannotti

SOMMARIO: 1. Cattolici e appartenenza religiosa - 2. Cattolici e politica - 3. Il cattolicesimo democratico – 4. Cattolici e libertà di coscienza – 5. Amare le contraddizioni.

ABSTRACT: The reality of the Italian Catholicism presents itself contradictory about religious belonging, relation between faith and policy, relation between faith and culture. The object of the work is to reconstruct the essential elements of this question and to verify the compatibilities of some positions of the progressist Catholicism as regards present orientations of the ecclesiastic authority.
 

Scarica il testo completo in PDF

L’objection de conscience dans la post-modernité - di Fabio Macioce

SOMMARIO: 1. Avant propos – 2. Le concept de l’objection de conscience – 3. L’objection de conscience dans la modernité – 4. L’objection comme témoignage.

ABSTRACT – In pluralistic societies there’s a very strong conflict between legal universalism and moral particularism. In this context, the conscientious objection tends to change its meaning: it is no longer the opposition to a specific rule, but it becomes a form of a radical opposition to the law. This paper, with an analysis of the objection, its forms and its meaning, tries to show how it should be again a chance to witness the truth. This possibility, which is essential for religious people, should be pursued regardless of any legal recognition.

Scarica il testo completo in PDF

Liberté de religion (Art. 9 CEDH) : Reconnaissance conventionnelle du droit à l’objection de conscience - di Nicolas Hervieu

SOMMAIRE: 1. Introduction. Sur l’existence d’un droit à l’objection de conscience – 2. La consécration du droit à l’objection de conscience: entre revirement de jurisprudence et correction tardive d’une interprétation passée – 3. Les implications du droit à l’objection de conscience: entre souhait d’effectivité et souci d’encadrement – 4. Conclusion.

ABSTRACT: In the Bayatyan v. Armenia case, the Grand Chamber of the European Court of Human Rights has decided to reverse the solution previously adopted by the Chamber and devote a right to conscientious objection. Obviously, this result is remarkable because totally new and against the grain of earlier decisions, particularly the decisions of the former European Commission of Human Rights. To find a breach of Article 9 (Freedom of thought, conscience and religion), the Grand Chamber has used – again – a dynamic and evolutive approach, and has “reiterated (…) that the Convention is a living instrument which must be interpreted in the light of present-day conditions and of the ideas prevailing in democratic States today” (§ 102).

Scarica il testo completo in PDF

Medici obiettori e consultori pubblici. Nota a T.A.R. Puglia (Bari), sez. II, 14 settembre 2010, n. 3477 - di Davide Paris

SOMMARIO: 1. Introduzione – 2. La ratio decidendi: l’(inaccettabile) interpretazione restrittiva dell’ambito di applicazione dell’obiezione di coscienza – 3. La contraddittorietà della pronuncia – 4. Una vittoria per gli obiettori di coscienza?

Scarica il testo completo in PDF

Liberté de religion (art. 9 CEDH): droit de ne pas être contraint de révéler ses convictions religieuses et prélèvement à la source de l’impôt cultuel. L’affaire Wasmuth c. Allemagne - di Nicolas Hervieu

Avec une certaine obstination contentieuse, un salarié a régulièrement cherché, depuis 1996, à remettre en cause le système de prélèvement à la source de l’impôt cultuel tel qu’il existe en Allemagne. Dans cet Etat, en effet, les employés doivent remettre à leur employeur respectif “une carte d’impôt sur le salaire" sur  laquelle, entre autres informations, figure  “l’appartenance à une Eglise ou une société religieuse habilitée à lever l’impôt cultuel”. Si le salarié use de son droit de refuser le paiement d’un tel impôt, la mention «--» sera portée dans la case dédiée à l’appartenance religieuse. Dès lors, l’employeur ne retiendra pas sur le salaire la fraction correspondant à cet impôt et ne la transmettra pas au Trésor Public. (Continua)
 

Scarica il testo completo in PDF

Nuove forme di obiezione di coscienza - di Vincenzo Turchi

SOMMARIO: 1. Nuove forme di obiezione di coscienza e nuove modalità di obiezioni di coscienza “tradizionali”. Casi dubbi di obiezione di coscienza - 2. Nuove prospettive dell’obiezione di coscienza al servizio militare - 3. L’obiezione di coscienza all’aborto farmacologico - 4. L’obiezione di coscienza in materia bioetica: procreazione medicalmente assistita; eutanasia; interventi di modificazione del sesso; codici di deontologia medica, infermieristica e ostetrica; sperimentazione su animali; leggi regionali in materia di metodiche diagnostiche e terapeutiche; “voto di coscienza” e questioni di bioetica - 5. Multiculturalismo e obiezione di coscienza. - 6. Unioni omosessuali e obiezione di coscienza - 7. Casi dubbi di obiezione di coscienza: astensione dal voto e obiezione di coscienza; “obiezione ecologica” e “obiezione ai consumi”; simboli religiosi e obiezione di coscienza; mendicità, stili di vita e obiezione di coscienza; delibazione delle sentenze canoniche di nullità matrimoniale versus divorzio come ipotesi di obiezione di coscienza - 8. Riflessioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Libertad de conciencia y derecho a la asistencia sanitaria pública (Particular conflicto en el caso de los testigos de Jehová) - di Mercedes Vidal Gallardo

SUMARIO: 1. Introducción - 2. Fundamento de los derechos que asisten al paciente de los servicios públicos de sanidad – 3. Libertad de conciencia versus asistencia sanitaria pública - 4. ¿Tiene el Testigo de Jehová derecho al reintegro de los gastos médicos? – 4.a. La asistencia sanitaria concebida como un servicio público esencial – 4.b. Delimitación conceptual de la “denegación injustificada de asistencia sanitaria” – 4.c. La denegación injustificada de asistencia en el ordenamiento jurídico español - 4.d. La situación de los Testigos de Jehová: ¿un supuesto de denegación injustificada de asistencia médica? - 5. Valoración jurisprudencial del conflicto de derechos – 5.a. Resolución del conflicto por el Tribunal Constitucional – 5.b. Resolución del conflicto por el Tribunal Supremo – 5.c. Posicionamiento de los Tribunales Superiores de Justicia - 6. Conclusiones.

Scarica il testo completo in PDF

Tra il diritto e la morale. Obiezione di coscienza e legge - di Carlo Cardia

SOMMARIO: 1. Premessa. La moltiplicazione delle obiezioni di coscienza. Criteri ricostruttivi - 2. La questione del “valore” legittimante l’obiezione di coscienza - 3. Dai conflitti di valore ai contrasti di opinioni, e di orientamenti. Le obiezioni di coscienza “minori” - 4. La “prova di coerenza” richiesta dall’ordinamento - 5. Etica e diritto. Un rapporto dialettico - 6. Il ruolo dinamico e sociale dell’obiezione di coscienza, con particolare riguardo alla materia bioetica - 7. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

La Cassazione fra coscienza e incoscienza - di Giovanni Di Cosimo

Come si stabilisce quali sono le convinzioni di coscienza di una persona in stato di incoscienza? Lo spinoso interrogativo accomuna due recenti decisioni della Corte di Cassazione relative a persone in stato di incoscienza che, prima di cadere in tale condizione, hanno manifestato contrarietà per motivi di coscienza al trattamento medico cui sono attualmente sottoposte. L’opposizione assume forme diverse: precedenti dichiarazioni orali nel caso di una persona in stato vegetativo permanente che viene sottoposta a idratazione e alimentazione artificiali; possesso di un cartellino con la scritta “niente sangue” nel caso di una persona in stato di incoscienza che viene sottoposta a trasfusione sanguigna. In entrambi i casi il trattamento medico consente di evitare la morte della persona; tuttavia, nel primo serve più precisamente a tenerla «in vita biologica non cognitiva»; nell’altro serve «a salvare la vita del paziente». (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Il progetto di accordo tra la Santa Sede e la Slovacchia per l’esercizio dell’obiezione di coscienza e le valutazioni della E.U. Network of Indipendent Experts On Fundamental Rights - di David Durisotto

SOMMARIO: 1. Il Progetto di Accordo tra la Repubblica slovacca e la Santa Sede in materia di obiezione di coscienza - 2. Le valutazioni della E.U. Network of Indipendent Experts on Fundamental Rights in ordine all’esercizio dell’obiezione di coscienza - 3. Osservazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Il rifiuto di prescrivere la c.d. “pillola del giorno dopo” tra obiezione di coscienza e responsabilità penale - di Emanuele La Rosa

SOMMARIO: 1. Definizione del tema – 2. Il rifiuto del medico di prescrivere la c.d. “pillola del giorno dopo” come omissione tipica ex art. 328 c.p. – 2.1. Il carattere “indebito” del rifiuto – 3. L’obiezione di coscienza del medico: presupposti, limiti e riflessi penali – 3.1. Segue: applicazione diretta dell’art. 9 l. 194/1978? – 3.2. Segue: applicazione analogica dell’art. 9 l. 194/1978? – 4. L’efficacia “attenuante” dell’obiezione di coscienza – 5. Prospettive de iure condendo.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà di coscienza e di religione - di Giuseppe Dalla Torre

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Il quadro costituzionale di riferimento - 3. Libertà religiosa o libertà di coscienza? - 4. La questione dell’obiezione di coscienza - 5. La libertà religiosa individuale, collettiva e istituzionale - 6. Contenuti del diritto di libertà religiosa - 7. L’autonomia delle confessioni religiose - 8. Limiti costituzionali al diritto di libertà religiosa - 9. Conclusioni: ragione ed ambiti di una legge ordinaria sulla libertà religiosa.

Scarica il testo completo in PDF

“Uso” ed “abuso” del simbolo religioso: profili di responsabilità penale - di Emanuele La Rosa

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Il rifiuto e l’omissione motivati dalla presenza del Crocifisso. La vicenda Montagnana – 2.1. Segue: il caso Tosti – 3. Il problema della presenza del crocifisso nei locali pubblici – 4. Il rifiuto motivato dalla presenza del crocifisso come ipotesi “peculiare” di “obiezione di coscienza” – 4.1. Il rifiuto per ragioni di coscienza come causa di esclusione della colpevolezza – 4.2. L’obiezione di coscienza come diritto scriminante: contenuto e limiti – 4.3. L’obiezione di coscienza come “motivo di particolare valore morale e sociale” ex art. 62 c.p. – 5. È ammissibile una tutela penale dell’obbligo di esposizione del simbolo religioso? – 6. Il simbolo sul corpo: il velo islamico tra istanze di libertà ed esigenze di sicurezza.

Scarica il testo completo in PDF

Roma locuta, causa (quasi) finita. La controversia Roma – Conferenza episcopale tedesca in merito ai consultori per le gestanti - di Stefano Testa Bappenheim

Anni addietro, l’allora cardinal Ratzinger segnalava, a proposito delle conferenze episcopali, la possibilità che le posizioni di minoranze intraprendenti, determinate ad andare verso direzioni precise, potessero riuscire a condizionare l’assemblea. Che dire, però, quando non d’una minoranza si tratti, bensì della metà esatta d’una conferenza episcopale? Nel 1976 venne introdotta, in Germania, una legge che depenalizzava l’IVG a condizione che la gestante si trovasse in determinate condizioni, accertate da un medico, e si fosse preventivamente rivolta ad un centro di consulenza (gestito direttamente da un Land, od anche da organizzazioni private autorizzate), il quale era obbligato a rilasciare un certificato d’avvenuta consulenza (il Beratungsschein), che era, perciò, indispensabile per potersi rivolgere ad una struttura sanitaria per l’intervento. (Continua)
 

Scarica il testo completo in PDF

I vincoli etici nell’esperienza giuridica contemporanea. Alcune riflessioni introduttive - di Salvatore Berlingò

1. - Esattamente dieci anni fa, sempre in un Convegno nazionale dei giuristi cattolici, nello svolgere una relazione dal titolo: “Ordine etico e legge civile: complementarità e distinzione”, avanzavo un’ipotesi ricostruttiva, che ritenevo potesse risultare utile, in coincidenza con l’impetuoso ritorno all’etica e delle etiche sulla ribalta dello spazio pubblico, socialmente e giuridicamente rilevante. Proposi, in quell’assise, il ricorso all’uso di alcuni paradigmi canonico-ecclesiasticisti  - come il principio della distinzione degli ordini e dell’eguale libertà di tutte le convinzioni etico-religiose –  desumibili da una rappresentazione aggiornata, inclusiva e pluriversa del dualismo giurisdizionale (proto)cristiano, laicamente intesa a propiziare il convergere nella polis di credenti, non credenti, diversamente credenti e dei loro apporti allo sviluppo di una positività dinamica dell’etica sociale. (continua)

L’Unione europea ed i diritti fondamentali: l’accordo tra la Santa Sede e la Slovacchia sull’obiezione di coscienza al vaglio del Parlamento europeo - di Natascia Marchei

SOMMARIO: 1. La bozza di accordo tra la Santa Sede e la Slovacchia in materia di obiezione di coscienza e l’intervento del Parlamento europeo - 2. La “competenza” dell’Unione europea in materia di diritti fondamentali: brevi cenni - 3. Il parere redatto dal gruppo di esperti: il diritto di accesso effettivo all’aborto - 4. Segue. L’indicazione di dettaglio dei limiti a cui deve essere sottoposto il diritto all’obiezione di coscienza - 5. La posizione privilegiata della Chiesa cattolica e la protezione del diritto fondamentale di libertà religiosa.