Rivista telematica (www.statoechiese.it)
Online dal gennaio 2007
Menu

Articoli in

Ritual Circumcisions of Minors: Civil and Criminal Perspectives - di Agustín Motilla

SUMMARY: 1. Introduction - 2. Parental authority and the inherent rights of the minor. The best interests of the minor - 2.1. Conflicting rights. The current understanding of parental authority - 2.2. Limits to parental authority. Personality rights - 2.3. The minor’s consent in surgical procedures - 2.4. Circumcision and the best interests of the minor. An act which falls within parental authority? - 3. Criminal responsibility in acts of circumcision for religious motives - 3.1. The criminal approximation to female genital mutilation - 3.2. Circumcision in criminal jurisprudence - 4. Concluding remarks. De iure condendo contributions.

Scarica il testo completo in PDF

Le nuove frontiere del crimine religiosamente motivato: sul metodo interculturale di prevenzione e contrasto - di Simona Attollino

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Spazio giuridico europeo e rilevanza penale della condotta - 3. Appartenenza cultural-religiosa e consapevolezza dell’agire - 4. Cultural defense e opzioni di diritto penale laico: il caso delle MGF come reato di genere - 5. Il terrorismo di ispirazione religiosa: un approccio multisettoriale per la lotta al fenomeno - 6. Brevi notazioni conclusive: mediazione interculturale e metodi di trasformative accomodation.

New Frontiers of Culturally Motivated Crimes. The Intercultural Method-Approach as a Tool to Prevent and Counter Religion-Inspired Crimes

ABSTRACT: This paper analyses the so-called culturally motivated crimes, focusing the attention on legal measures that may prevent and counter such misconducts. The Author points out some methods, such as those referring to the transformative accommodation, which may be able to solve conflicts between the need to safeguard human rights, including those related to religious freedom, and the Government's priority to protect public safety. From here stems the investigation on the so-called Islamic terrorism that, under some aspects, can be seen as a new frontier of religion-inspired crimes. This, on the other hand, suggests a multisectoral approach, which is important in order to deal with very serious threats while promoting intercultural and inter-religious integration.

Scarica il testo completo in PDF

Le mutilazioni genitali femminili tra misure di prevenzione e di contrasto: prospettive per l’eradicazione del fenomeno in Italia - di Tiziana Di Iorio

SOMMARIO: 1. Brevi considerazioni introduttive - 2. Mutilazioni genitali femminili: una questione anche italiana - 3. Profili risarcitori e misure repressive: il quadro normativo italiano - 4. Art. 583 bis c.p.: riflessioni sulla formulazione della norma - 5. Strategie integrate, approccio globale e multisettoriale nella lotta al fenomeno - 6. Inclusione sociale, sensibilizzazione delle coscienze e metamorfosi delle condotte nella strada maestra della prevenzione - 7. Politiche assistenziali e misure di protezione delle donne a rischio e delle vittime nelle strategie di prevenzione.

FGM between prevention and contrast measures: eradication perspectives of the phenomenon in Italy.

ABSTRACT: FGM includes practices of total or partial cutting or external genital lesions of women for no therapeutic reason. They are carried aut for socio-cultural or hygienic-prophylactic causes. Moreover, these rituals are also practiced by some religious communities despite the lack of impositive precepts in sacred texts. FGM is also widespread in Italy and it is constitute a violation of women’s human rights and child abuse. The Italian State fights the phenomenon with external and internal actions, through strategic measures of prevention, protection and assistance for victims. FGM does not exclude compensation for damage to the health of the women involved. In Italy, a new type of crime has been introduced with the art. 583 bis c.p. However, the rule has not been widely applied. This issue needs to faced up on a global level. Above all, it is necessary to persuade those who follow the practice to be the main actors of their own change.

Scarica il testo completo in PDF

Identità negate. Mutilazioni genitali femminili: la lotta dell’Europa contro una silenziosa violenza - di Tiziana Di Iorio

SOMMARIO: 1. Le pratiche di manipolazioni degli organi genitali femminili - 2. Procedura esercutiva e conseguenze degli atti di alterazione dei caratteri sessuali delle donne - 3. Radici socio-culturali delle pratiche di MGF - 4. Fattore religioso e atti modificativi dei genitali femminili - 5. Le strategie di prevenzione e di contrasto delle MGF nell’Unione europea - 6. Politiche legislative nella lotta contro le MGF - 7. Conclusioni.

Denied identities. Female genital mutilation: the fight of Europe against a silent violence

ABSTRACT: FGM refers to rituals of manipulation female genitalia and other procedures against female genital organs for non-medical reasons. Usually the practice is carried out on young girls, from childhood to teenagers. These rituals are carried out for cultural, religious and social reasons in the mistaken belief that they will produce a benefit to the girl (to safeguard her virginity, to prepare for marriage, etc.). No religious text prescribes the practice, but is rooted in the culture and beliefs of the communities that practice it. However some religious communities practice the FGM. Rituals do not help the health of the girl subjected, but they can lead to serious health complications or even to death of victim. So FGM is recognised a form of child abuse and a violation of women’s human rights. The EU is committed to eliminating FGM through strategic actions and legislative measures, but mainly changes in attitudes and beliefs among relevant communities are important to ensure FGM is abandoned. It is also important to fight FGM with direct involvement of the religious and political leaders of the communities where the rituals are diffuse. European States are called to cooperate with each other with strategic internal and external actions.

Scarica il testo completo in PDF

Le mutilazioni genitali femminili come reato di genere? Un’analisi delle norme europee alla luce del concetto di violenza - di Lucia Bellucci

SOMMARIO: 1. Introduzione – 2. Le mutilazioni genitali femminili come atto di violenza nelle norme e nei documenti europei degli anni 2000 – 3. Escissione e abuso/brutalità/violenza: binomi appropriati e inevitabili? – 4. L’escissione, il dolore e la sua reinterpretazione – 5. Il rapporto dell’escissione con la comunità, la famiglia e il matrimonio – 6. La Convenzione di Istanbul, le norme francesi e i rischi per la libertà religiosa – 7. Considerazioni conclusive.

Female Genital Mutilation as a Gender-Based Crime? (An Analysis of the European Norms in Light of the Concepts of Violence and Religious Freedom)

ABSTRACT: Female genital mutilations (FGM) are ancient practices, which are widespread in several geographical areas, and particularly in Africa. The conflict between customary norms and state legal systems, which arises because FGM violate fundamental rights like the right to physical integrity, health, and non-discrimination based on gender/ethnicity/culture, discloses the dialectic between two normative universes; these universes are conceptually distant with regard to the priority given to the individual and the group. Focusing on the reasons related to female genital cutting (FGC), which consists of the ablation, to differing degrees, of female genital organs, this article, argues that the link that European norms establish between FGM and violence, abuse or brutality comes into conflict with the reasons why migrants perpetuate FGC. Therefore, the way gender is mainstreamed into European norms on FGM can have negative effects, which concern courts’ implementation of these norms and migrants’ social inclusion. Furthermore, this article claims that focusing on health instead of gender equality may prove more effective for the eradication of FGM. Through an analysis of French law, it also suggests that the way the national law is adapted to conform to the Istanbul Convention, may represent a danger to religious freedom.

Scarica il testo completo in PDF

L’impatto culturale dell’immigrazione islamica sull’ordinamento giudiziario italiano: alcune riflessioni - di Elena Falletti

Sommario : 1. Introduzione - 2. Libertà di religione ed espressione dell'identità culturale - 3. La costruzione delle moschee - 4. La vestizione del velo - 5. La pratica sommersa delle mutilazioni genitali femminili - 6. Il diritto di famiglia - 7. Il matrimonio - 8. I matrimoni poligamici - 9. I matrimoni forzati - 10. I diritti successori - 11. Ripudio e divorzio - 12. Kafalah e adozione - 13. Conclusioni. La necessaria unitarietà dell'ordinamento giuridico contro la discriminazione. Il caso delle giurisdizioni speciali shariaitiche: un’esperienza da non imitare.

The Cultural Impact of Islamic Mass Immigration on the Italian Legal System

ABSTRACT: Although Italy has been a country with a strong tradition of emigration, only in the last twenty-five years Italians have had to face the social, juridical and cultural problems related to high immigration hosted by this country. The majority of immigrants come from areas with Islamic religious tradition such as Northern and Central Africa and the Middle East. The cultural impact between the Italian Catholic tradition and the newcomers' faith and customs has been very strong, often problematic. The aim of this paper is to investigate the most relevant issues between the cultural and legal aspects of Islamic culture pertaining to immigrants living in Italy with the Italian legal system. The legal areas proposed for the investigation are related to self-determination, personal integrity and family law, especially for analyzing the impact of cultural differences on public policies and social behavior. The methodology used regards a comparative and a multidisciplinary approach.

Scarica il testo completo in PDF

Segni sul corpo e ferite nell’anima. Manipolazione degli organi genitali dei minori e diritti violati - di Tiziana Di Iorio

SOMMARIO: 1. Le pratiche di manipolazioni degli organi genitali femminili – 2. L’art. 583 bis c.p. nella prassi applicativa – 3. La lotta alle mutilazioni e/o lesioni degli organi genitali femminili: strumenti adeguati o perfettibili? – 4. La circoncisione rituale maschile nell’ordinamento italiano – 5. Il differente trattamento giuridico della circoncisione maschile e femminile - 6. La circoncisione rituale maschile tra modalità di esecuzione e aspetti sanitari - 7. Funzione genitoriale, scelte educative e prassi circoncisoria maschile - 8. Conclusioni.

Marks on the body and wounds in the soul. The manipulation of the children's genital organs and violated rights

ABSTRACT : Females’ genital mutilation (FGM) comprises any alteration of the external female genitalia , for non-medical reasons. The practice has negative effects on the health and is a violation of human rights of girls and women. In Italy, according to the art. 583 bis Penal Code, any form of FGM is forbidden, including clitoridectomy, excision, infibulation and any other practice causing similar effects, or causing physical or mental disease. Conversely, male ritual circumcision is allowed. According to the author of this paper, genital manipulation practices on both sexes should be explicitly fought and they should be replaced with symbolic actions, in order to protect the minor’s body and soul.

Scarica il testo completo in PDF

Il reato di “pratiche di mutilazione degli organi genitali femminili” alla prova della giurisprudenza: un commento alla prima (e finora unica) applicazione giurisprudenziale dell’art. 583 bis c.p. - di Fabio Basile

SOMMARIO: 1. I casi di specie e la sentenza di primo grado - 2. I motivi di appello proposti dagli imputati - 3. In particolare, i motivi di appello concernenti la “malattia” e il “tentativo” - 4. In particolare, il motivo di appello concernente il “dolo specifico” nelle sue implicazioni con le motivazioni culturali della aruè degli Edo-bini nigeriani - 5. In particolare, il motivo di appello concernente l’“ignorantia legis” - 6. Alcune considerazioni conclusive: quando punire non basta.

Scarica il testo completo in PDF

Nuovi razzismi e diritto interculturale. Dei principi generali e dei regolamenti condominiali nella società multiculturale - di Pierluigi Consorti

SOMMARIO: 1. Identità e multicultura - 2. Differenza tra multiculturalità e multiculturalismo - 3. L’ipotesi interculturale - 4. Diritto multiculturalista e diritto interculturale - 5. a) La legislazione sull’immigrazione; b) Le limitazioni al soggiorno dei cittadini comunitari; c) La Consulta per l’islam italiano; d) La «Carta dei valori della cittadinanza e dell’integrazione» e la «Dichiarazione d’intenti per la federazione dell’Islam italiano»; e) Il disegno di legge sulla libertà religiosa; f) Il divieto di mutilazioni dei genitali, solo femminili; g) delibere comunali e regolamenti condominiali - 6. Brevissima conclusione.

Scarica il testo completo in PDF

Panorama di giurisprudenza europea sui c.d. reati culturalmente motivati - di Fabio Basile

SOMMARIO: Introduzione: la rilevanza prasseologica dei reati culturalmente motivati in Europa - 1. Violenze in famiglia: a) maltrattamenti e sequestri di persona a danno di familiari - 2. Violenze in famiglia (segue): b) sequestri di giovani donne, finalizzati ad imporre un matrimonio combinato - 3. Violenze in famiglia (segue): c) ‘soppressione’ dei familiari che si ribellano alle regole e al codice etico della famiglia d’origine - 4. Reati a difesa dell’onore: a) la vendetta di sangue - 5. Reati a difesa dell’onore (segue): b) omicidi a difesa dell’onore sessuale - 6. Reati a difesa dell’onore (segue): c) reati a difesa dell’onore personale (autostima) - 7. Reati di riduzione in schiavitù. - 8. Reati contro la libertà sessuale: a) violenze sessuali su ragazze minorenni - 9. Reati contro la libertà sessuale (segue): b) violenze sessuali su donne maggiorenni - 10. Mutilazioni genitali e tatuaggi ornamentali ‘a cicatrici’ (c.d. scarificazioni) - 11. Reati in materia di sostanze stupefacenti - 12. Inadempimento dell’obbligo scolastico - 13. Reati di terrorismo internazionale - 14. Altri reati commessi dall’immigrato in una situazione di errore sul fatto che costituisce il reato ovvero di errore sulla legge che prevede il fatto come reato - 15. “Pane e cioccolata”: quando l’imputato è un immigrato italiano - Chiusa.

Scarica il testo completo in PDF

Dai principi alle regole? Brevi note critiche al testo unificato delle proposte di legge in materia di libertà religiosa - di Vincenzo Pacillo

SOMMARIO: 1. Il testo unificato delle proposte di legge C. 36 e C. 134 di fronte al principio di laicità – 2. La questione della libertà di propaganda - 3. Libertà religiosa e mutilazioni rituali - 4. Brevi note in tema di tutela della libertà religiosa dei lavoratori, di otto per mille e di crocifissi nelle aule - 5. Considerazioni conclusive - Nota bibliografica.

Scarica il testo completo in PDF

Società multiculturali, immigrazione e reati culturalmente motivati (comprese le mutilazioni genitali femminili) - di Fabio Basile

SOMMARIO: 1. Precisazioni terminologiche e delimitazione del campo d’indagine - 1.1. I nuovi concetti di “società multiculturale”, “cultural defense” e “reato culturalmente motivato” - 1.2. La definizione etnicamente qualificata di cultura. Prima delimitazione di campo della nostra indagine - 1.3. La distinzione tra società multiculturale di tipo multinazionale e società multiculturale di tipo polietnico. Seconda delimitazione di campo della nostra indagine - 2. Come gli Stati europei gestiscono la diversità culturale ‘importata’ dagli immigrati - 2.1. Modello “assimilazionista” versus modello “multiculturalista” - 2.2. Il modello “assimilazionista” alla francese - 2.3. Il modello “multiculturalista” all’inglese. - 2.4. Quale modello preferire? - 2.5. La tolleranza ed i suoi limiti (all’interno del modello multiculturalista). - 2.6. Ancora sui limiti alla tolleranza: la distinzione tra “restrizioni interne” e “tutele esterne” - 3. I reati culturalmente motivati commessi dagli immigrati. - 3.1. La nozione di reato culturalmente motivato - 3.2. La reazione ai reati culturalmente motivati nel diritto penale dei Paesi europei (con cenni alle cultural defenses nell’esperienza statunitense) - 3.2.1. In particolare, nel diritto penale dei Paesi europei “assimilazionisti” - 3.2.2. In particolare, nel diritto penale dei Paesi europei “multiculturalisti” - 3.2.3. In particolare, nel diritto penale italiano - 4. Le mutilazioni genitali femminili quale reato culturalmente motivato - 5. La reazione del diritto penale alle mutilazioni genitali femminili - 5.1. Nei Paesi europei - 5.2. In Italia - 6. Alcune conclusioni provvisorie.

Scarica il testo completo in PDF

Mutilazioni genitali femminili. La risposta giudiziaria e le questioni connesse - di Andrea Gentilomo

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Il quadro normativo extra-europeo - 3. L’Europa - 4. L’Italia - 5. Qualche considerazione conclusiva.

Scarica il testo completo in PDF