Rivista telematica (www.statoechiese.it)
Online dal gennaio 2007
Menu

Articoli in

Ordine pubblico “internazionale” e ordine pubblico così detto “concordatario”: il contenuto del limite alla luce della recente giurisprudenza di legittimità - di Natascia Marchei

SOMMARIO: 1. La clausola generale di ordine pubblico nei rapporti con l’ordinamento matrimoniale canonico: luci e ombre di un percorso tortuoso e accidentato - 2. Il contenuto del limite nella recente giurisprudenza di legittimità in materia di riconoscimento di sentenze e provvedimenti stranieri - 3. Brevi considerazioni conclusive: ordine pubblico e principi confessionali.

‘International’ public order and so-called ‘concordatarian’ public order: the content of the limit in the light of the recent jurisprudence of legitimacy

ABSTRACT: The limit of public order at the entry of judgments and provisions of external legal orders is interpreted by the jurisprudence of legitimacy with an increasingly attentive meaning to the subjective interests of the people involved. Thus, the clause is regressively oriented towards the protection of the internal harmony of the legal order, whilst it is progressively oriented towards guaranteeing the rights of individuals, recognized by the Constitutional Charter and the European Charters. This orientation leads to a subjectivized public order, the operation of which is often left to the availability of the parties.

Scarica il testo completo in PDF

Diversità e diritto internazionale privato: il ripudio islamico e la sua rilevanza nell’ordinamento giuridico italiano alla luce di due recenti pronunce della Corte di Cassazione - di Daniela Milani

SOMMARIO: 1. Dal riconoscimento degli effetti civili delle sentenze ecclesiastiche di nullità matrimoniale alla trascrizione del ripudio islamico - 2. Le specificità dell’istituto del ripudio - 3. I dubbi di compatibilità sollevati dal ripudio alla prova della recente giurisprudenza di legittimità - 4. La sentenza n. 16804 del 7 agosto 2020 e l’intrascrivibilità di un ripudio sciaraitico pronunciato in Palestina - 5. L’ordinanza n. 17170 del 14 agosto 2020 sulla trascrivibilità di un divorzio unilaterale pronunciato in Iran - 6. Annotazioni conclusive: ordine pubblico e diversità religiosa alla prova degli effetti generati dalla trascrizione.

Diversity and Private International Law: Islamic repudiation and its relevance into the Italian legal system in the light of two recent judgments of the Court of Cassation

ABSTRACT: Two recent judgments of the Court of Cassation lead to the center of attention the issue of recognition in Italy of repudiation orders issued abroad by Sharia courts. The general clause of international public order becomes thus the filter to measure the degree of openness of our legal system to other values, clearly foreign to the Italian and European legal horizon.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà e responsabilità nella convivenza coniugale: la stabilità dell’assegno divorzile a seguito di ‘delibazione’ della nullità canonica - di Andrea Cesarini

SOMMARIO: 1. Premessa. La solidarietà tra i coniugi nello svolgersi ‘effettivo’ della loro convivenza: traiettorie convergenti nella recente giurisprudenza di legittimità - 2. Il ‘conflitto’ tra i giudicati di divorzio e di ‘delibazione’ e la progressiva emersione della loro alterità - 3. Diritto all’assegno divorzile, (in)validità del matrimonio-atto e loro reciproca indifferenza nelle motivazioni delle Sezioni unite - 4. L’assegno come specificazione del dovere di solidarietà post-coniugale. La ratio ‘assistenzialistica’ dell’istituto secondo la giurisprudenza più risalente - 5. (segue) e la sua successiva rilettura in chiave di ‘autoresponsabilità’- 6. Libertà e reciproca responsabilità nella cornice solidaristica della convivenza - 7. La tutela del coniuge ‘debole’ come interesse irrinunciabile dell'ordinamento secolare - 8. Conclusioni.

Freedom and responsibility in the conjugal cohabitation: the stability of the divorce allowance after the exequatur of canonical nullity

ABSTRACT: In the recent ruling no. 9004 of 2021, the United Sections affirmed that the exequatur of the ecclesiastical judgment of nullity does not paralyze the trial on the economic effects of divorce, if the latter has already become unappealable. The ruling reveals a close link with the precedents of the Court no. 16379 of 2014 and no. 18287 of 2018, with a view to enhancing the effectiveness of conjugal cohabitation and the mutual responsibilities that are connected to it.

Scarica il testo completo in PDF

Le Sezioni unite e l’‘indifferenza’ del giudizio sull’assegno divorzile al riconoscimento delle nullità canoniche: la tutela del “coniuge debole” nell’ordine matrimoniale dello Stato - di Jlia Pasquali Cerioli

1 - E' indiscutibile il ruolo crescente del diritto di matrice giurisprudenziale nel difficile percorso di armonizzazione dell'ordinamento ai principi di vertice della nostra democrazia, laica e pluralista. Tra le giurisdizioni superiori, la Corte di Cassazione ha raggiunto uno standing centrale, dimostrandosi interlocutore sensibile e attento nel 'dialogo silenzioso' con la dottrina. Gli ultimi anni contano numerosi provvedimenti che hanno segnato le tappe di un cammino di transizione verso traguardi di maturità sistematica, e coerenza assiologica, dell'ordine giuridico della Repubblica. Mi riferisco, per limitarmi ai casi più dibattuti, alle Sezioni unite civili del 2013 sull'obbligo (poi negato dal giudice delle leggi nella controversa sentenza n. 52 del 2016) di apertura per il Governo delle trattative con le confessioni religiose richiedenti; del 2014 sul carattere ostativo della convivenza ultratriennale al riconoscimento civile delle pronunce ecclesiastiche di nullità matrimoniale; del 2017 in materia di interpretazione rispettosa dell'art. 7, primo comma, Cost. del divieto di "ogni ingerenza" statale sugli enti centrali della Chiesa cattolica. Ancora, più recenti, spiccano l'ordinanza della prima sezione civile su diritto alla propaganda ateistica e divieto di discriminazioni e, a fine 2020, la sentenza della terza sezione civile su diritto all'autodeterminazione in materia di (rifiuto del testimone di Geova al) trattamento sanitario e libertà di professione della fede. (segue)

Scarica il testo completo in PDF

Forme e pratiche del pluralismo religioso nello Stato di Israele. L’eredità ottomana e la tutela dei rapporti familiari - di Stefania Dazzetti

SOMMARIO: 1. Israele, uno Stato ‘ebraico’ e multiculturale? - 2. Il sistema degli statuti personali e la tutela delle relazioni familiari - 3. Matrimoni, divorzi e Corti religiose - 4. Pluralismo, multiconfessionismo e dinamiche demografiche. Prime conclusioni e prospettive di ricerca.

Forms and practices of the religious pluralism in the State of Israel. The Ottoman inheritance and the protection of family relationships.

ABSTRACT: The essay aims to explore, also in a historical perspective, the general characteristics, peculiarities and limits of the differentiated protection of family relationships in force in the legal system of (State of Israel), still based on the millet system. It allows the application of the personal statutes of the various ethnic-religious communities (Jewish, Muslim, Druze, Christian) present on the territory, not only to regulate the legal institutions typical of family law - especially marriage and divorce -, but also for the resolution of disputes on the matter that are devolved to the jurisdiction of the religious Courts of several religions. In examining the effectiveness and functionality of this model of religious and cultural pluralism, the study highlights the delicate problems of relevance and coexistence of the different religious normative complexes in the Israeli state system.

Scarica il testo completo in PDF

L’evoluzione del concetto di ordine pubblico nel giudizio di delibazione - di Paolo Cavana

SOMMARIO: 1. Alle origini del concetto di ordine pubblico nel giudizio di delibazione (Corte cost., sent. n. 18 del 1982) - 2. L’interpretazione giurisprudenziale: il criterio della “maggiore disponibilità” verso l’ordinamento canonico e il principio di tutela dell’affidamento incolpevole (Cass. civ., S.U., sent. 1° ottobre 1982, n. 5026) - 3. La delibazione nella nuova disciplina concordataria del 1984 e l’autonomia delle parti - 4. Il decorso del tempo, la convivenza dei coniugi e le esigenze di riforma del regime degli effetti patrimoniali della delibazione (Cass. civ., S.U., sent. 20 luglio 1988, n. 4700) - 5. L’evoluzione dell’ordinamento italiano e la sua incidenza sul concetto di ordine pubblico - 6. La tipicità dei vizi di nullità come espressione dell’accresciuta rilevanza del rapporto coniugale nella disciplina civilistica del matrimonio. La convivenza dei coniugi come elemento ostativo alla delibazione (Cass. civ., S.U., sent. 18 luglio 2008, n. 19809) - 7. Le successive oscillazioni della giurisprudenza: verso la pronuncia delle Sezioni Unite del 2014 - 8. Ragioni del progressivo allontanamento dell’ordine pubblico italiano dal sistema matrimoniale canonico - 9. Le esigenze di protezione della persona e il principio della parità dei coniugi alla base della rilevanza assunta dal rapporto coniugale nell’evoluzione dell’ordine pubblico in materia matrimoniale - 10. Criticità delle pronunce delle Sezioni Unite del 2014 - 11. Il superamento della pregiudiziale economica e i suoi effetti sul processo canonico - 12. Osservazioni conclusive.

The development of the concept of public order in the judicial proceeding of exequatur for ecclesiastical judgements of marriage nullity in Italy

ABSTRACT: This paper examines the controversial development of the concept of public order in the judicial proceeding of exequatur in the decisions of the Italian Supreme Court. Under the current Concordat between Italy and the Holy See (1984) the concept of public order represents a limit for the civil recognition (“delibazione”) of a declaration of marriage nullity. The paper then focuses on the effects of the latest judgements issued by the United Sections of the Supreme Court (2014), banning the exequatur of ecclesiastical nullity sentences for marriages lasting over three years. It provides a critical view of this restrictive move in the light of the deep transformations undergone by Italian family law in the last decades.

Scarica il testo completo in PDF

Un nuevo proyecto de ley de reconocimiento del matrimonio de creencia en Inglaterra: el Marriage (Approved Organisations) Bill - di José Ramón Polo Sabau

SUMARIO: 1. Introducción - 2. Caracteres generales del proyecto de ley: el reconocimiento del matrimonio de creencia - 3. Algunas claves jurídicas de esta nueva propuesta normativa.

A New Bill to Recognize the Belief Marriage in England: the Marriage (Approved Organisations) Bill

ABSTRACT: In this paper the author briefly examines the content of the Marriage (Approved Organisations) Bill, a proposal recently introduced in the House of Lords, which is aimed to amend the wedding law in England and Wales in order to recognise al last the humanist marriages and, more widely, the marriages of the so called belief bodies that have already been introduced in almost every other jurisdiction in the British Islands, so these new belief marriages can be granted an equivalent status to the one currently conferred to religious marriages.

Scarica il testo completo in PDF

La delibazione delle sentenze di nullità matrimoniale: orientamenti giurisprudenziali e nuove questioni - di Marco Canonico

SOMMARIO: 1. Il riconoscimento delle nullità matrimoniali canoniche nel Concordato lateranense - 2. L’efficacia civile delle sentenze ecclesiastiche di nullità matrimoniale nell’Accordo di Villa Madama - 3. Il requisito del mancato contrasto con l’ordine pubblico e l’evoluzione giurisprudenziale in materia: l’introduzione del criterio della buona fede - 4. La distinzione tra incompatibilità assolute e relative - 5. La rilevanza attribuita alla prolungata convivenza coniugale - 6. Le nuove questioni - 7. Considerazioni conclusive.

The exequatur of the judgments of nullity of marriage: jurisprudential orienttions and new issues

ABSTRACT: The study examines the exequatur of the judgments of nullity of marriage, highlighting the orientations of the jurisprudence and the new issues posed by the doctrine in the light of the reform of the canonical marriage process.

Scarica il testo completo in PDF

Forme di pluralismo nel settore matrimoniale: le nuove sfide delle “overlapping jurisdictions” - di Adelaide Madera

SOMMARIO: 1. Le sfide del nuovo multiculturalismo in materia matrimoniale - 2. La riforma del processo matrimoniale canonico e le sue potenziali ricadute sul giudizio di delibazione - 3. Il processus brevior - 4. La crisi della bilateralità - 5. Il “mite” pluralismo statunitense e le nuove “anti-sharia laws” - 6. L’esperienza del pluralismo “forte” israeliano e i suoi effetti sulle minoranze - 7. Modelli di pluralismo a confronto.

Pluralism in Marriage: the New Challenges of the “Overlapping Jurisdictions”

ABSTRACT: The challenges of the “new multiculturalism” in the field of marriage law regard not only which forms of marriage should be recognized by the State but also the forums in which marriage cases can be adjudicated and the role of faith-based laws and religious courts in democratic and secular legal systems. Religious groups increasingly ask for accommodation of their cultural identities; however, a growing skepticism concerning forms of religious jurisdiction is developing in regimes devoted to individual liberties, which employ public policy as grounds to vacate religious rulings. The present paper highlights the need for Western States to update and exploit the full potential of their legal instruments in order to prevent restrictions on collective and individual religious freedom in matters of marriage.

Scarica il testo completo in PDF

La proposta di legge in materia di libertà religiosa nei lavori del gruppo di studio Astrid. Le scelte operate in materia matrimoniale e per la stipulazione delle intese - di Sara Domianello

Tenterò di rispondere a due interrogativi: Perché un intervento legislativo in materia di matrimonio e di intese? E quale intervento potrebbe offrire garanzie costituzionalmente adeguate alle istanze di tutela registrate oggi in tali particolari materie? La risposta alla prima domanda coincide, in parte, con le ragioni per le quali ho accettato l’invito a partecipare al gruppo di lavoro che la Fondazione Astrid ha costituito, sotto il coordinamento del prof. Zaccaria, in vista della promozione di un completo, ossia più esaustivo adeguamento a Costituzione della disciplina nazionale in materia di libertà di coscienza e religione. A giudizio largamente condiviso, infatti, la normativa vigente registra criticità costituzionalmente rilevanti almeno su due fronti. Uno è quello dell’applicazione, pur residuale, della legge sui culti ammessi, vecchia, prima e oltre che anagraficamente, nei suoi contenuti normativi e nel suo DNA, incompatibili con la forma costituzionale dell’Italia repubblicana. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

I ministri di culto delle confessioni religiose di minoranza: problematiche attuali - di Matteo Carnì

SOMMARIO : 1. I ministri di culto nell’ordinamento giuridico italiano - 2. I ministri di culto delle confessioni religiose dotate di intesa - 2.1. (segue) L’individuazione dei ministri di culto - 2.2. (segue) L’assistenza spirituale nelle strutture segreganti - 2.3. (segue) Il matrimonio celebrato dai ministri di culto - 2.4 (segue) Problematiche attinenti ai ministri di culto buddhisti – 3. I ministri di culto delle confessioni prive di intesa - 3.1. (segue) In attesa della legge di approvazione: i ministri di culto della Congregazione cristiana dei Testimoni di Geova - 3.2. (segue) Islam e ministri di culto - 4. Osservazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Cosa intendo per “Disciplina democratica della libertà di pensiero e di religione” - di Valerio Tozzi

SOMMARIO: 1- Esigenza di nuova lettura del “progetto costituzionale” in materia di diritti di libertà di pensiero e di religione - 2. Gli articoli 8 e 7 della Costituzione, disciplinando il fenomeno delle confessioni religiose, sono un sotto-sistema nel Progetto generale di disciplina dei fenomeni religiosi - 3. Il ri-pensamento del Progetto costituzionale nella nostra materia postula l’emanazione di una legge di sua attuazione qui e oggi, alla luce dell’evoluzione dei tempi e della formulazione aperta dei principi costituzionali - 4. Anche i contenuti della disciplina contrattata fra confessioni religiose e Stato devono rientrare nei margini della “legalità costituzionale” -5. Garanzie minime per le organizzazioni delle collettività religiose e di pensiero. La legge generale auspicata deve eliminare ogni forma di discrezionalità politica nella tutela delle forme organizzate della religiosità - 6. Il ri-pensamento che proponiamo dovrà anche riguardare il rapporto che deve intercorrere fra tutela delle libertà di tutte le forme associative filosofiche o della religiosità e la tutela delle libertà individuali, ripensando anche il rilievo giuridico civile dell’appartenenza soggettiva all'organizzazione della collettività - 7. Il metodo democratico richiede una rivisitazione di molte delle principali discipline di merito vigenti nella ns. materia, da operarsi ove possibile, operando con modalità consentite al legislatore ordinario, che non inciampino nella incostituzionalità per violazione delle norme di derivazione pattizia, ma fungendo anche da parametro della corretta applicazione del "progetto costituzionale", per evidenziare gli effetti distorsivi di alcune parti della normazione contrattata con le confessioni religiose; a) Celebrazione di matrimonio religioso con effetti civili; b) La disciplina giuridica delle organizzazioni della religiosità collettiva; c) Il finanziamento pubblico del fenomeno religioso; d) la bioetica.

Scarica il testo completo in PDF

L’inopportunità di provvedimenti mirati e per singoli temi in prospettiva di riforma dei limiti della legislazione vigente in materia di libertà religiose - di Valerio Tozzi

SOMMARIO: 1. L'approvazione parziale delle intese già sottoscritte con i precedenti Governi e la proposta politica di Alessandro Albisetti – 2. Le perplessità sulla proposta di una legge di settore – 3. Specifica assenza di giustificazioni giuridiche al mantenimento di regimi differenziati dei matrimoni religiosi – 4. Necessità di perseguire un metodo generale e unitario di disciplina dei fenomeni religiosi da applicare a ogni settore – 5. La impraticabilità di una politica legislativa costituzionalmente adeguata e le sue cause.

Scarica il testo completo in PDF

Le intese fantasma (a metà) - di Alessandro Albisetti

SOMMARIO: 1. La questione - 2. Qualche riflessione in materia matrimoniale – 3. La conferma di una proposta.

Scarica il testo completo in PDF

Le intese fantasma - di Alessandro Albisetti

SOMMARIO: Le intese del 2007: la disciplina matrimoniale - 2. Quali prospettive per il matrimonio religioso civilmente valido

Scarica il testo completo in PDF

Le prospettive della dottrina e dello studio del regime giuridico civile della religione - di Valerio Tozzi

SOMMARIO: 1. Il compito della dottrina – 2. Necessità di un’evoluzione nel metodo di approccio ai problemi della religiosità sociale – 3. Esempi di sussistenza del metodo criticato nella dottrina e nella legislazione: a) l’otto per mille; b) il riconoscimento degli effetti civili al matrimonio religioso; c) l’insegnamento scolastico della religione – 4. Le materie eticamente sensibili: a) l’interruzione volontaria della gravidanza; b) la procreazione assistita; c) accanimento terapeutico ed eutanasia - il testamento biologico – 5. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Il riconoscimento delle sentenze ecclesiastiche di nullità matrimoniale - di Marco Canonico

SOMMARIO: 1. Il riconoscimento del matrimonio canonico nel Concordato lateranense - 2. Il processo di revisione concordataria e le innovazioni in tema di efficacia civile delle sentenze ecclesiastiche - 3. L’efficacia civile delle sentenze ecclesiastiche nell’Accordo di Villa Madama - 4. La questione dell’applicabilità della L. 218/95 alle sentenze ecclesiastiche - 5. Le previsioni degli artt. 796 e 797 c.p.c. - 6. Il requisito del mancato contrasto con l’ordine pubblico - 7. I provvedimenti economici provvisori - 8. Considerazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e riserva di giurisdizione della Chiesa sui matrimoni concordatari: sentenze canoniche e ordinamento civile - di Ombretta Fumagalli Carulli

INDICE: Premessa - 1. Giurisdizione ecclesiastica e sovranità dello Stato italiano: una storia di contrasti - 2. L’art. 34 del Concordato lateranense - 3. La discussione politica sul matrimonio concordatario in età democratica - 4. La controversia sul divorzio - 5. L’incidenza della giurisprudenza costituzionale - 6. L’art. 8 dell’Accordo di revisione ed il silenzio sulla riserva di giurisdizione - 7. Irrazionalità ed incoerenza di sistema dopo la riforma del diritto internazionale privato - 8. Osservazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

L’esperienza delle riviste di “diritto matrimoniale” in Italia (1934-1968) e la partecipazione degli ecclesiasticisti e canonisti - di Maria d'Arienzo

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. La “Rivista di diritto matrimoniale italiano e dei rapporti di famiglia” (1934-1954) – 3. La “Rivista del diritto matrimoniale e dello stato delle persone” (1958-1968) – 4. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Pacchetto sicurezza e fattore religioso - di Pierluigi Consorti

SOMMARIO: 1. Cos’è il pacchetto sicurezza - 2. Alcune considerazioni preliminari - 3. Il visto per “motivi religiosi” - 4. I Centri di identificazione ed espulsione ed i CARA -5. Il matrimonio degli stranieri.

Scarica il testo completo in PDF

La nuova disciplina del matrimonio degli stranieri alla luce del pacchetto sicurezza. I suoi riflessi sul matrimonio concordatario - di Pierluigi Consorti

SOMMARIO: 1. La capacità matrimoniale dello straniero prima del pacchetto sicurezza - 2. La novella dell’art. 116 c.c. - 3. Il diritto al matrimonio nel pacchetto sicurezza - 4. Art. 116 c.c. e matrimonio concordatario - 5. Pubblicazioni civili e matrimonio concordatario - 6. Trascrivibilità del matrimonio concordatario di cittadino straniero che non documenta la regolarità del soggiorno - 7. Matrimonio concordatario degli stranieri non cattolici - 8. Conclusione

Scarica il testo completo in PDF

Il matrimonio religioso nella Repubblica di San Marino - di Luca Iannaccone

SOMMARIO: 1. La secolarizzazione del matrimonio nella Serenissima Repubblica di San Marino - 2. La legge 26 aprile 1986, n. 49: un codice del matrimonio e della famiglia - 3. La trascrizione del matrimonio religioso - 4. La riserva di giurisdizione e la questione delle “gite sul Titano” - 5. L'exequatur delle sentenze di nullità matrimoniali pronunciate dai Tribunali ecclesiastici.

Scarica il testo completo in PDF

Matrimoni “religiosi” ed effetti civili - di Natascia Marchei

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La pluralità delle forme di celebrazione del matrimonio nella legislazione del 1929 - 3. Il matrimonio canonico trascritto nell’Accordo del 1984 - 4. La “disciplina comune” risultante dalle intese - 5. Brevi considerazioni conclusive: la legge sulla libertà religiosa.

Scarica il testo completo in PDF

Brevi riflessioni sulla recente giurisprudenza “apicale” in ambito ecclesiasticistico - di Andrea Bettetini

SOMMARIO: 1. Premessa. Stasi normativa e diritto giurisprudenziale in ambito ecclesiasticistico - 2. Il valore pubblico e giuridicamente rilevante della religione. Per un corretto principio di laicità dello Stato – 3. Autoreferenzialità e principio di effettività nella giurisprudenza del Consiglio di Stato - 4. La giurisprudenza della Cassazione sul matrimonio canonico trascritto, tra consolidamento di principi elaborati in via giurisprudenziale e nuove letture di rottura del sistema.

Scarica il testo completo in PDF

I nuovi confini del diritto matrimoniale tra istanze religiose e secolarizzazione: la giurisdizione - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Matrimonio religioso e giurisdizione - 2. Giurisdizioni alternative nelle società multiculturali? – 3. Spazi aperti dalle giurisprudenze europeee – 4. Arbitrato e globalizzazione – 5. Secolarizzazione e interposizioni religiose – 6. Rischi per i diritti fondamentali – 7. Sul retroterra multiculturalista - 8. Incursus: Kelsen e la Corte costituzionale austriaca – 9. Esperienza italiana e prospettive – 10. Conclusione: per un globalismo ben temperato.

Scarica il testo completo in PDF

Il coma, le nozze in periculo mortis, il mancato consenso e, comunque, la trascrizione (brevi osservazioni al decreto 23 gennaio 2009 del G.U.P. Como) - di Jlia Pasquali Cerioli

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La vicenda – 3. I profili canonistici: la “insostituibilità” e la “attualità” del consenso matrimoniale – 3.1. segue…il matrimonio in pericolo di morte – 3.2. segue…l’inesistenza del matrimonio - 4. I profili ecclesiasticistici: “l’atto di scelta” e la volontà di attribuzione degli effetti civili nel sistema matrimoniale concordatario – 4.1. segue…l’insussistenza dell’”atto di scelta” – 4.2. segue…l’inesistenza del vincolo civile - 5. Brevi conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” - Editoriali • Mogli e compagne: disuguali anche nella morte (di g. c.) - di Giuseppe Casuscelli

Molti, forse tutti, hanno provato un sentimento di pietà per la vicenda del tenente Lorenzo D’Auria, ferito gravemente in Afghanistan, riportato in Italia e ricoverato in stato di coma irreversibile presso l’ospedale militare del Celio, dove è stato tenuto in vita per mezzo di un respiratore artificiale. Su sollecitazione di un componente del Governo, stando alle notizie di stampa, e con il supporto di un generalizzato favore mediatico, un cappellano ospedaliero ha celebrato il matrimonio del D’Auria con la compagna Francesca, dalla quale, nel corso di una lunga e stabile convivenza, aveva avuto tre figli. La trascrizione del matrimonio “concordatario” nei registri dello stato civile ha consentito di “regolarizzare” la loro situazione dando luogo alla formazione di una “famiglia legittima”, con tutti gli effetti anche di ordine successorio conseguiti alla morte del tenente, sopravvenuta dopo poco. (Continua)
 

Scarica il testo completo in PDF

Perché temere una disciplina della libertà religiosa conforme a Costituzione? - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. Premessa: l’utilità di due riletture – 2. Le proposte di legge del 2006 (On. Boato e On. Spini) ed il testo unificato (On. Zaccaria) – 3. I rilievi del Segretario generale della Conferenza Episcopale Italiana – 4. Lo “status paritario” delle confessioni e la loro diversità secondo “natura” – 5. L’uguale godimento dei diritti di libertà – 6. Il principio di laicità ed il diritto di libertà religiosa – 7. La disciplina del matrimonio religioso e la specificità del riconoscimento – 8. Il luogo comune della laicità “francese” – 9. Il sistema pubblico radiotelevisivo e l’edilizia di culto – 10. Per una laicità e una libertà religiosa “conformi a Costituzione”: libertà dalla intransigenza, non libertà della intransigenza.

Scarica il testo completo in PDF

La rilevanza civile dei matrimoni religiosi in Italia in una prospettiva comparatistica - di Adelaide Madera

SOMMARIO: 1. L’evoluzione del matrimonio in senso secolaristico – 2. Le riforme legislative in materia matrimoniale in Spagna – 3. La disciplina matrimoniale adottata in Italia – 4. La tutela delle esigenze confessionali: a) in Italia – 5. …b) in Spagna – 6. Le peculiarità della rilevanza civile accordata al matrimonio islamico in Spagna – 7. L’esigenza di una legge aggiornata in materia di libertà religiosa in Italia – 8. Il riconoscimento di forme di autonomia in materia matrimoniale – 9. Possibili forme di riconoscimento delle esigenze confessionali mediante il diritto comune – 10. Il covenant marriage negli U.S.A. – 11. Ammissibilità (o no) del covenant marriage negli ordinamenti di tipo concordatario – 12. Problematiche relative all’assenza di una normativa di attuazione in materia matrimoniale in Italia – 13. Verso la realizzazione di un sistema matrimoniale europeo? – 14. Gli orientamenti rinvenibili nel Regolamento n. 2201 del 2003.

Scarica il testo completo in PDF

Tra discriminazione religiosa e libertà matrimoniale: il contrasto agli sham marriages nell’ordinamento giuridico britannico - di Gennaro Luca Giordano

SOMMARIO: 1. Brevi cenni sull’immigrazione verso il Regno Unito - 2. Gli sham marriages e la pronuncia di illegittimità dell’Asylum and Immigration (Treatment of Claimants, etc.) Act del 2004 - 3. Riflessioni conclusive.

Per un diritto di libertà di religione costituzionalmente orientato - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Premessa: legge e intese - 2. Insufficienze della p.d.l. – 3. L’obiettivo da perseguire - 4. La libertà di religione e i suoi limiti – 5. La laicità – 6. La libertà di religione negativa: ateismo e agnosticismo – 7. Le organizzazioni filosofiche e non confessionali – 8. Norme finanziarie (deduzioni offerte ed otto per mille) – 9. Confessioni con intesa e senza intesa: illegittimità della distinzione – 10. La personalità giuridica – 11. Il matrimonio - 12. Le classi religiosamente omogenee - 13. Simboli religiosi - 14. L’architettura della p.d.l.- 15. Conclusione.

Scarica il testo completo in PDF