Rivista telematica (www.statoechiese.it)
Online dal gennaio 2007
Menu

Articoli in

“A chiare lettere – Confronti” • L’Inquisizione come tipo di giudice immune da intuitus personae (papale, o episcopale). Un’alternativa per il superamento dell’attuale crisi dell’udienza penale diocesana e di quella della giustizia amministrativa - di Francesco Zanchini

SOMMARIO: 1. Preambolo - 2. Si autem peccaverit in te frater tuus. Un caso di sviluppo esorbitante di un brano scritturale? - 3. Istituzione e metanoia; ovvero della irriducibile individualità del soggetto - 4. Su una ipotesi “diffusa” di episkopé. Dislocazione dell’azione penale a livello collegiale? - 5. (segue) Verso un rinnovamento radicale del processo penale (e non solo).

The inquisition as model for a papal or episcopal magistrature exempt from intuitus personae. Towards an alternative to overcome the current crisis of penal and administrative justice

ABSTRACT: The purpose of this article is to highlight the remains of absolutism that still permeate the legal codes of the Catholic Church (1917 and 1983), as traceable in and hierarchical relationship existing between the udienza diocesana (diocesian audience) and the udienza pontificia (Papal audience) and the individualistic nature of both. The author highlights dramatic elements of inefficiency and anti-historical prejudice in these institutions, which contrast with the hegemonic collegial ethos that has emerged from Vatican II. In proposing the inquisition as archetypal model for a transversal concentration of the judicial districts of different dioceses - as already implemented since 1938 in regard to judgements of matrimonial annulment - the article supports the overcoming of the limits that canon 1423 imposes on the collegial autonomy of bishops. These limits - the author concludes - can be surmounted only by a gradual recentering a collegial strategy on a recognizable unitary fulcrum of penal jurisdiction and the institutionalization of that “tribunal administrativum” that had been promised by canon 1400, § 2, of the current code, but has remained buried between indolence and oblivion in the Papal Curia.

Scarica il testo completo in PDF

Tra conversione del peccatore e punizione del reo. Le contraddizioni del processo penale canonico, oggi - di Francesco Zanchini

SOMMARIO: 1. Le ascendenze remote di un moderno pasticcio legislativo - 2. (segue) Per una politica della pena opposta a quella del libro VI del CIC - 3. (segue) Inefficacia sanzionatoria voluta, o pseudo-riforma? – 4. Su alcune urgenze contestuali di graduale riforma vera, non simulata.

Scarica il testo completo in PDF

Le novità normative nella lotta agli abusi sessuali a un anno dall’incontro in Vaticano del 2019 - di Claudio Gentile

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. I provvedimenti del 26 marzo 2019 - 3. Il Motu Proprio Vos estis lux mundi - 4. I rescritti del dicembre 2019 - 5. Conclusioni.

The new regulations in the fight against sexual abuse one year after meeting in the Vatican in 2019

ABSTRACT: In February 2019, Pope Francis chaired a meeting with bishops from all over the world at the Vatican to listen to the victims, reflect and seek increasingly suitable solutions in the fight against crimes of abuse of minors and vulnerable people. This text examines the norms issued by the Pope following that meeting for the Church, the Roman Curia and the Vatican City State and offers some food for thought for any future interventions.

Scarica il testo completo in PDF

Frammenti sospesi tra cielo e terra. La disciplina delle reliquie tra diritto canonico e diritti secolari - di Nico Tonti

SOMMARIO: 1. Considerazioni introduttive - 2. Le radici della disciplina canonica sulle reliquie e la fenomenologia dei furta sacra - 3. Il periodo aureo della legislazione in tema di reliquie: la riforma di Urbano VIII e la sistematizzazione di Benedetto XIV - 4. Il Codex del 1917: un supporto moderno per una normativa antica - 5. Il can. 1190 del Codice giovanneo-paolino: un frammento superstite di una esigua storia giuridica - 6. Dedicatio altaris: a cavallo tra obbligo e raccomandazione - 7. Autenticità e conservazione delle reliquie: la competenza della Congregazione delle cause dei santi - 8. La competenza della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti sul legittimo regime cultuale - 9. Le peculiarità proprie del Codex Canonum Ecclesiarum Orientalium - 10. Il Catechismo della Chiesa cattolica e le indicazioni della CEI: disposizioni a completamento del quadro normativo - 11. È lecito parlare di compravendita di reliquie all’interno dell’ordinamento ecclesiale? - 12. La nuova primavera del commercio delle reliquie: profili civilistici - 13. Riflessioni sull’applicazione della legge penale: provocazioni e nuovi orizzonti d’esplorazione.

Fragments between heaven and earth. The discipline of relics between canon law and the secular one

ABSTRACT: The aim of this study is to give an account of relics and in order to achieve it the paper examines three different perspectives. The first section charts the origin of the reliquary cult through an historical and systematic reconstruction, starting from the early Christianity until the 1917 Code of canon law. The second segment looks in more detail at the demanding objective to examine Church’s law in force on relics as well as relics worship. The normative to be analysed is contained in many different legislative sources, which have been object of little interest in terms of canonistic doctrine. The third and last section of this study points out the rising of the market of relics in our contemporary society. In particular, this point will be analysed through the eyes of the jurist who deals with religious matters, taking into account the complexity that links the canonical system to the national one, underlying the significant difficulties that the secular judiciary has to face when it comes to express themselves about subjects of “different order”.

Scarica il testo completo in PDF

La tutela dei minori nell’ordinamento vaticano - di Claudio Gentile

Sommario: 1. Introduzione - 2. La normativa precedente alla Legge n. VIII - 3. Il Titolo II della Legge n. VIII del 2013 - 4. I provvedimenti del 26 marzo 2019 - 5. Conclusioni.

The protection of minors in the Vatican legal system

ABSTRACT: In recent decades, the sensitivity of public opinion and governments on the subject has increased considerably, new and more restrictive rules have been issued all over the world regarding the protection of minors and the most vulnerable people. Even the Vatican City State has proceeded to integrate its own legal system integrating it with specific new crimes that now allow to offer complete protection of the victims. The contribution analyzes the rules in the penal code and those recently introduced in 2013 and 2019, trying to give an overview of the various measures taken.

Scarica il testo completo in PDF

Conflitti di interessi e corruzione: annotazioni sparse sul nuovo assetto normativo previsto dal Motu proprio su “trasparenza, controllo e concorrenza nelle procedure di aggiudicazione” - di Remo Trezza

SOMMARIO: 1. Breve premessa – 2. Le rationes che hanno portato alla cristallizzazione di una normativa anti-corruzione e all’implementazione della Convenzione di Merida – 3. I principi fondamentali del nuovo Motu proprio – 4. La nozione di conflitto di interesse e strumenti “preventivi” – 5. Segue. Le cause di incompatibilità – 6. Le tipologie di procedure aggiudicatorie e documentazione – 7. L’esecuzione del contratto oggetto della procedura di aggiudicazione: risvolti civilistici – 8. La lotta alla corruzione – 9. I rimedi giurisdizionali previsti.

Conflicts of interest and corruption: scattered notes on the new regulatory framework envisaged by the Motu Proprio on “transparency, control and competition in the award procedures”

ABSTRACT: This contribution expresses the first notes on the fight against corruption, but even before the fight against conflicts of interest in the Vatican City State and the Holy See a few days after the adoption of the Apostolic Letter in the form of a Motu Proprio adopted by the Supreme Pope Francis for transparency, control and competition in award procedures. Far from wanting to be a decisive contribution, given the novelty of the discipline, surely the paper investigates the reasons that led to the adoption of such legislation, the founding principles that must permeate the entire discipline, the different types of award procedures and the “preventive” tools set as a “bulwark” of the fight against corruption and, even before, its so-called phase “prodromal”, represented by conflicts of interest. The contribution also focuses on the exquisitely civil aspects (good faith, correctness, exactness of the fulfillment) regarding the execution of the contract to be awarded and on the procedural aspects.

Scarica il testo completo in PDF

La funzione della pena nel magistero di Papa Francesco - di Nicola Fiorita Luigi Mariano Guzzo

SOMMARIO: 1. Premessa: ambiti e obiettivi della ricerca - 2. Il diritto penale nel paradigma dell’ecologia integrale quale espressione del principio della misericordia - 3. La funzione della pena secondo Papa Francesco: i principi generali - 4. La pena di morte e la sua inconciliabilità con il Vangelo - 5. L’ergastolo come “pena di morte nascosta” e la tortura come “peccato mortale” - 6. Conclusioni.

The Function of Punishment in the Teachings of Pope Francis

ABSTRACT: This article analyses the doctrine about the function of punishment and the criminal justice system in the teachings of Pope Francis. The reflection about punishment is understood in the light of the principles of the Mercy of God and the Integral ecology. The central idea is represented by the concept of reparative justice. Particularly, it will be take in consideration the questions of death penalty, life sentence and torture, and - in the conclusions - a brief comparative analysis with the Italian legal justice system.

Scarica il testo completo in PDF

Sigillo sacramentale e segreto ministeriale. La tutela tra diritto canonico e diritto secolare - di Geraldina Boni

SOMMARIO: 1. Sigillum confessionis, secretum, intimitas, segreto, riservatezza, privacy - 2. Nuove questioni alla luce di recenti sviluppi sullo scenario nazionale e mondiale - 3. La disciplina del ‘segreto ministeriale’ in Italia nella normativa unilaterale e in quella bilaterale - 4. Gli interessi tutelati, tra ordinamento canonico e ordinamento italiano - 5. Un problematico arresto della Corte di Cassazione - 6. La lotta alla ‘piaga della pedofilia’ - 7. Le risposte del diritto canonico universale, in particolare l’obbligo di denuncia - 8. Le Linee guida della Conferenza Episcopale Italiana - 9. Incidenze sul tema trattato. La Nota della Penitenzieria Apostolica sull’importanza del foro interno e l’inviolabilità del sigillo sacramentale del 29 giugno 2019 - 10. Le ragioni e le strategie della protezione del segreto ministeriale. La giusta tutela della libertà religiosa.

The safeguard of the sacramental seal and the priest-penitent privilege between Canon law and Secular law

ABSTRACT: The essay analyzes the interferences between - on one hand - recent developments in Canonical Penal law and in some State laws in order to strengthen the prevention and the repression of child sexual abuse committed by clerics and religious, and - on the other hand - the safeguard of the secrecy of the sacred ministers with regard to the informations that the faithful confide to them precisely because of their quality. In fact, there are currently tendencies in legislation and jurisprudence which tend to compress - if not to deny - the safeguard of the secrecy of such relations, risking to call into question the protection of an extremely important aspect of freedom of conscience and of religion, which is an outcome of a protracted historical evolution that has been safeguarded - at least in Italy - satisfactorily and effectively until now. The aim of the paper is to clarify the reasons underlying the involved juridical institutions, both in Canon law and in State law, in order to suggest solutions which - by preserving and promoting them - conform to justice.

Scarica il testo completo in PDF

Il whistleblowing e la denuncia degli abusi sessuali a danno dei minori nella Chiesa - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. Una premessa sul possibile accostamento tra whistleblowing e gli attuali strumenti ecclesiali volti ad assicurare l’emersione degli abusi sessuali del clero - 2. Cenni sulla tipica fattispecie di whistleblowing disciplinata dalla normativa anticorruzione vaticana - 3. Gli errori della gerarchia ecclesiastica nella gestione della crisi degli abusi sessuali del clero sui minori - 4. Il mutamento di approccio al problema e la normativa canonica “emergenziale” degli ultimi anni - 5. Le analogie tra la posizione di soggezione del sacerdote autore della denuncia e quella del whistleblower - 6. La permanente assenza di un obbligo “giuridico”, di fronte al significato del ribadito obbligo “morale”, di denuncia all’autorità giudiziaria statale - 7. Il conflitto tra la rivelazione della notizia di reato e l’obbligo di conservazione del segreto - 8. Rilievi conclusivi.

Italian Regulation of “Whistleblowing” and Reporting of Child Sexual Abuses in the Church

ABSTRACT: The paper deals with new rules of Catholic Church which provide whistleblower protections for all members of clergy who report clergy sexual abuse to the local Ordinary: this conduct shall not constitute a violation of office confidentiality; furthermore, prejudice, retaliation or discrimination as a consequence of having submitted a report is prohibited. On the contrary, new church law doesn’t mandate reporting of sex abuse to police. The essay faces these topics by comparing canon law with Italian regulation on “whistleblowing” as provided for by law n. 179/2017.

Scarica il testo completo in PDF

Giusto processo e “amministrativizzazione” della procedura penale canonica - di Joaquín Llobell

Sommario: 1. Premessa - 2. L’accentramento ecclesiale della triplice potestà di governo - legislativa, amministrativa e giudiziale - nella persona del Vescovo diocesano e del Romano Pontefice - 3. La discrezionalità quale elemento tipico della potestà amministrativa - 4. I lavori del Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi per la riforma del diritto sostantivo e procedurale amministrativo penale del “Codex Iuris Canonici” del 1983 - 5. L’equiparazione fra il “giusto processo” e il “processo giudiziale” è assoluta nella Chiesa? Sui “Principi” del 1967 per la riforma del “Codex Iuris Canonici” del 1917 e l’attuale annunciata riforma del diritto penale sostantivo e processuale - 6. Il diritto di difesa come mezzo per conoscere la verità e rendere giustizia: la conoscenza dell’accusa e delle prove contrarie, la possibilità di contrastarle con l’aiuto di un avvocato e l’obbligo di colui che decide di motivare il proprio provvedimento - 7. L’identità sostanziale fra colui che promuove l’azione penale e colui che decide la causa in prima istanza nella procedura penale canonica e il rispetto del diritto di difesa delle vittime, della comunità e dell’accusato. Sul Promotore di giustizia - 8. La conoscenza dei parametri del provvedimento giusto da parte di colui che deve decidere una causa e la necessità della certezza morale per la decisione di condanna in via amministrativa - 9. La frequente precaria stabilità dell’ufficio di giudice e la possibilità della delega “ad casum” come manifestazione dell’“amministrativizzazione” del sistema - 10. Il diritto al doppio grado di giurisdizione e la tutela della terzietà dell’organo predisposto per l’ultima istanza del ricorso amministrativo condizioni del giusto processo penale extragiudiziale (il Rescritto “ex audientia Sanctissimi” del 3 novembre 2014) - 11. Appendice. Cenni sull’iter di una causa sui “delicta graviora” riservati alla CDF. Verso un rafforzamento dell’indipendenza della “Feria IV” nei confronti del Congresso - 11.1. Sulla (innovativa) competenza assoluta della CDF per decidere i “delicta graviora” in “prima istanza” giudiziale e amministrativa - 11.2. Sul momento e sull’oggetto dell’obbligo dell’Autorità locale d’informare la CDF e sulle diverse possibili risposte del Dicastero - 11.3. I membri del Congresso della CDF - 11.4. I provvedimenti del Congresso sull’indagine previa dell’Autorità locale e la decisione dell’“Incaricato” del Congresso sul merito della causa - 11.5. L’iter nel processo giudiziale - 11.6. L’iter nella procedura extragiudiziale - 11.7. La competenza della “Feria IV” secondo la giurisprudenza della CDF precedente il Rescritto “ex audientia Sanctissimi”, 3 novembre 2014 - 11.8. Il nuovo Collegio, all’interno della CDF, per l’esame dei ricorsi di ecclesiastici per i “delicta graviora” creato con un Rescritto “ex audientia Sanctissimi”, 3 novembre 2014 - 11.9. Sulla competenza in via amministrativa del nuovo “Collegio” - 11.10. Sulla competenza in via giudiziale del nuovo “Collegio” - 12. Conclusioni.

The just process and the “administrativation” of the penal canonical procedure

ABSTRACT: The threefold power of governance proper to Diocesan Bishops and the Pope: legislative, judicial and administrative. Problems proposed and possible solutions. Common and distinctive elements of a just administrative and judicial procedure. Moral certitude as the prerequisite for every punitive decision. The right of access to a twofold level of jurisdiction in causes related to the common good. The impartiality of the deciding authority with respect to the parties and the authors of the challenged decisions. Equality between public and private parties. The right to know and to contradict the evidence. The “judicialization” of administrative power and the “administrativization” of judicial power. From the “matrimonialization” to the “penalization” of canonical procedure. The complexity of the equitable use of the supreme power of the Pope. From the right of a pontifical organ to call to itself a cause in first instance (judicial or aministrative) ad casum to the legislative centralization of such a competence in favor of the Roman Dicasteries, such that the Diocesan Bishop and his Tribunal are competent only when they receive such competence ad casum? The new deliberative College internal to the “Feria IV” of the Congregation for the Doctrine of the Faith

Scarica il testo completo in PDF

Principio di legalità e ordinamento canonico e suoi riflessi nel diritto penale - di Giuseppe Sciacca

1 - Se taluni istituti giuridici, quali l’aequitas e l’epicheia, son peculiarissimi del diritto canonico sino a indurre qualche studioso a escluderne ogni derivazione concettuale e financo ogni tangenza - per quanto ai più manifesta e acclarata - con gli analoghi istituti rinvenibili in ambito civilistico, viceversa il principio di legalità, “suapte natura”, appare essenziale a ogni ordinamento giuridico civile proprio di uno stato democratico o, meglio, proprio di ogni tipo di stato di diritto, principalmente quello di origine democratica. (segue)

The Principle of Legality in the Canonical System and the Approach to Penal Law

In this article, the Author examines the principle of legality and its expression in the canonical system and in canonical penal law in particular. Opening with a reflection on the origins of the principle of legality in its ecclesiological context of the Church as a community of the faithful, the article then treats the principle of legality in its relation to the three powers of governance - administrative, legislative, judicial - and an essential aspect inherent to the exercise of each, namely discretionality, rationality, and moral certitude, in light of canonical penal law. The article closes with a brief mention of the principle of episcopal collegiality in light of the principle of legality.

Scarica il testo completo in PDF

Poteri disciplinari della gerarchia ecclesiastica e diritto penale dello Stato (a proposito del rinvio a giudizio del Vescovo di Prato) - di Piero Bellini

SOMMARIO: I. Premessa. - 2, 3, 4, 5. Concorrenza del diritto dello Stato e della Chiesa a qualificare i medesimi comportamenti: possibili conflitti. - 6, 7, 8, 9. Valutazione canonistica del problema. Illiceità del matrimonio civile fra cattolici. Questione dei limiti concordatari ai poteri punitivi dei superiori ecclesiastici in Italia. Valutazione della questione sotto il profilo dell’opportunità canonica. - 10, 11, 12, 13. Sua valutazione statualistica. Posizione del diritto della Chiesa rispetto a quello dello Stato. Natura del rapporto fra fedele e superiore ecclesiastico pel nostro ordinamento. Conseguenze. - 14, 15, 16, 17. Delimitazione del jus libertatis Ecclesiae. Limiti funzionali. - 18. Limiti obiettivi. - 19. Conclusione.

Scarica il testo completo in PDF

Pene canoniche, sanzioni islamiche e modelli economico-speculativi: i diritti religiosi a sostegno della finanza etica - di Francesco Sorvillo

SOMMARIO: 1. Elementi distorsivi caratterizzanti ed effetti collaterali dei modelli economico-speculativi – 2. Il ruolo delle religioni nell’ammortamento delle devianze dei sistemi di mercato – 3. Pene canoniche e sanzioni islamiche: i diritti religiosi a sostegno della finanza etica.

Scarica il testo completo in PDF

Responsabilità giuridica e riparazione del danno nel sistema sanzionatorio canonico - di Maria d'Arienzo

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Responsabilità, imputabilitas , colpevolezza - 3. Responsabilità e riparazione del danno - 4. Sanzione e riparazione del danno - 5. Responsabilità, sanzione e riparazione dei danni e dello scandalo - 6. Riflessioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Peculiarità della funzione cautelare nel diritto canonico alla luce dei provvedimenti ex can. 1722 CIC - di Mariangela Galluccio

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Natura e tipologia dei provvedimenti cautelari ex can. 1722 CIC - 3. Le esigenze cautelari contemplate dalla disposizione del can. 1722 CIC - 4. Questioni interpretative sulle misure analizzate - 5. Funzione cautelare e diritto canonico.

Specificity of the precautionary function in canon law in the light of the canon 1722 CIC measures

ABSTRACT: In canon law, the existence of a precautionary function, under the competence of the Ordinary, can be deduced from an analysis of the measures mentioned in can. 1722 CIC. Such a function is specifically aimed at protecting the peculiar requirements of canon law, and it is strictly connected with the ultimate goal of the salus animarum. It also takes on unique characteristics as a result of the relationship which binds the faithful of the ecclesial community; such a relationship is due, in turn, to the divine origin of a legal system which members of a religious group participate in because of a sacramental investiture.

Scarica il testo completo in PDF

Potestà punitiva della Chiesa Cattolica e illeciti finanziari: la pena canonica in ausilio agli ordinamenti civili - di Antonio Fuccillo

SOMMARIO: 1. Economia, finanza e religione: le ragioni di un indefettibile rapporto - 2. Il diritto nativo della Chiesa Cattolica di esprimere il proprio giudizio sulle questioni sociali nel campo economico e finanziario - 3. La rilevanza del settimo comandamento nel contesto delle attività finanziarie - 4. La funzione di deterrenza delle sanzioni canoniche in ambito economico e finanziario e la possibile applicazione del can. 1399 c.j.c. - 5. L’impatto dei precetti religiosi nel mercato finanziario: i riflessi sui sistemi.

Scarica il testo completo in PDF

Actus humanus e principio di responsabilità - di Andrea Zanotti

SOMMARIO: 1. Peccato e libertà - 2. Distinzione e contiguità tra foro interno e foro esterno: responsabilità morale e giuridica nel diritto canonico - 3. La teoria dell'actus humanus e la centralità ineludibile della responsabilità personale - 4. Il diritto canonico come ordinamento giuspubblico e la composizione armonica tra responsabilità attiva e passiva: qualche riflesso peculiare nella sfera privatistica - 5. La responsabilità nel diritto penale canonico - 6. Derivazione del potere e responsabilità nello ius Ecclesiae - 7. Responsabilità e collegialità - 8. Il dislocarsi atopico delle decisionalità e l’obsolescenza del principio di responsabilità.

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” - O Roma quanta fuit! Tra scenate e svarioni dell’odierno S. Uffizio. Riflessioni sul can. 1378, § 2, a proposito del caso di Martha Heizer (di Francesco Zanchini di Castiglionchio) - di Francesco Zanchini


SOMMARIO : 1. Preambolo - 2. Qualificazione della fattispecie da parte del Dicastero ai fini della censura (che si asserisce irrogata “latae sententiae”) - 3. Comparazione del testo legale con l’anteriore disciplina (cfr. can. 2322, 1°, del codice Gasparri). Assurdità del suo inserimento tra i delicta graviora ... - 4. Tornare a un approccio pastorale delle questioni di fondo ... (il metodo è già conclusione!).
 

Scarica il testo completo in PDF

Spazio pubblico e coscienza individuale: l’espansione del penalmente rilevante nel diritto canonico e nel diritto ecclesiastico - di Salvatore Berlingò

Sommario : 1. Privata libertà di coscienza ed ethos sociale collettivo - 2. La libertà di formazione della coscienza - 3. Gli indirizzi giurisprudenziali a sostegno del pluralismo culturale e religioso. - 4. Il penalmente rilevante nel diritto canonico - 5. Salus animarum e sanzioni penali canoniche - 6. La normativa penale vaticana e i suoi riflessi nell’ordinamento della Chiesa - 7. Il processo di riforma del diritto penale canonico - 8. Il principio di legalità e la tutela dell’umana dignità di tutti i fedeli - 9. Per una lettura il più possibile sostanziale e dinamica della legalità in ambito canonico e in ambito civile.

Public space and the individual conscience: the expansion of the act criminally considerable in canon and ecclesiastical law

ABSTRACT : The autonomous existence of religious groups is an essential and constitutive element of public space as an irreplaceable sustenance for the pluralism in a democratic society and for the empowerment of a synthesis of values shared by all and continually in progress. It is necessary, however, that all groups use a legal language or, like this one rationally understandable; and therein the Catholic Church can take advantage of the tools offered by the canonistic tradition. Therefore, the comparison between the most recent developments of the canonical law in criminal matters and those recorded in parallel by the criminal law of the State, may be useful, especially in respect of a reading of the principle of legality as much as possible significant and dynamic.

Scarica il testo completo in PDF

Convergenze “parallele”, nonostante Pio IX, nel nuovo diritto penale vaticano - di Francesco Zanchini


SOMMARIO: 1. Preambolo - 2. (segue) L’impatto sulla visione cattolica dell’ermeneutica moderna - 3. Diritto naturale ed ermeneutica dei valori - 3. La questione dell’ordinamento vaticano - 4. Verso un adeguamento a principii internazionalistici generali dell’ordinamento vaticano?


 

Scarica il testo completo in PDF

La legislazione vaticana in materia finanziaria: un banco di prova dell’art. 17 del TUE e dei principi di collaborazione e cooperazione tra Chiese, Stato e Unione Europea - di Maria Cristina Folliero

SOMMARIO : 1. Premessa – 2. Antefatti e pre-condizioni della legislazione finanziaria vaticana più recente - 3. Il nuovo corso della legislazione finanziaria vaticana: ruolo e funzione dell’art. 17 del Trattato di Lisbona - 4. Chiese e processo di integrazione valoriale europeo - 5. Chiese e processo mercatista di integrazione economica europea - 6. Il processo di integrazione al modello europeo della legislazione finanziaria vaticana - 7. Un processo che continua.

Scarica il testo completo in PDF

Delicta reservata seu delicta graviora: la disciplina dei crimini rimessi alla competenza della Congregazione per la Dottrina della Fede - di Daniela Milani

SOMMARIO: 1. La disciplina dei delicta graviora : una riforma mossa dall'esigenza di contrastare la piaga della pedofilia – 2. Delicta graviora o delicta reservata ? Una bussola per orientarsi tra entità del vulnus e competenza – 3. Introduzione alle fattispecie – 4. I delitti contro la fede – 5. (segue) contro la celebrazione dei sacramenti – 6. (segue) contro i costumi – 7. La procedura – 8. Qualche considerazione di sistema.

Scarica il testo completo in PDF

Una legge eguale per tutti in Vaticano: segnali di innesto di moderni principii di civiltà giuridica in un sistema a statuto feudale? - di Francesco Zanchini

L’ordinamento giudiziario dello Stato della Città del Vaticano, nelle incarnazioni seguite alla prima legge sulle fonti del diritto del 1929, ha sempre, sostanzialmente, lasciata impregiudicata la questione se gli illeciti commessi dagli addetti ai dicasteri di Curia potessero essere perseguiti dagli organi della giustizia penale vaticana. Non è un caso che la corte di Cassazione abbia affrontato talora questo tema delicato (senza per altro risolverlo con la dovuta chiarezza) nei termini di un discrimine supremo tra la giurisdizione del minuscolo Stato e il sistema parallelo della giustizia canonica in spiritualibus; cioè delle magistrature istituite a norma dei cann. 1404 ss. CJC (cfr. cann. 1556 ss. del vecchio codice Gasparri) e regolate dai cann. 1717 ss. CJC (cfr. cann. 1933 ss. del vecchio codice). (Continua)


 

Scarica il testo completo in PDF

La responsabilità della gerarchia ecclesiastica nel caso degli abusi sessuali commessi dai chierici, fra diritto canonico e diritti statuali - di Pierluigi Consorti

SOMMARIO: 1. Connessioni e distinzioni tra responsabilità morale e responsabilità giuridica negli ordinamenti religiosi - 2. Responsabilità morale e responsabilità giuridica della gerarchia ecclesiastica - 3. La responsabilità giuridica della gerarchia nell’ordinamento canonico e sue conseguenze negli ordinamenti statuali - 4. La riparazione del danno ingiusto nel diritto canonico. Responsabilità della gerarchia - 5. La responsabilità penale della gerarchia nel caso di abusi sessuali commessi dai chierici - 6. Responsabilità morale, pastorale e comunionale della gerarchia nel caso di abusi sessuali commessi dai chierici.

Catholic Hierarchy Responsibility in Clerical Sexual Abuse: Between Canon Law and Civil Law

This essay aims to demonstrate moral and legal catholic hierarchy responsibility in clerical sexual abuses. Stories about child maltreatment in catholic Church dominated media worldwide. There is no longer any doubt about the need to punish the guilty, both in canon and civil law. It means that they must be punished under criminal law and they must refund victims. However there are divisions about hierarchy responsibility. Some civil courts (eg. in the USA, Canada or Spain) attributed to the diocese the obligation to pay damages. These statements are very criticized by the canonists, who contest the equivalence relationship priest-diocese as a business one. So they claim the legal irresponsibility of hierarchy. At the moment this is the position of the Italian courts.
The present essay defends the opposite view. The hierarchy has a primary moral responsibility, which obliges both to defend the  victims of the abuses committed by the clergy, both the ecclesial community from abusive priests. This moral responsibility translates into a legal one, which requires the hierarchy to refund the victims on the basis of canon law. Therefore, the civil courts may impose diocesan bishops the obligation to refund victims.

Scarica il testo completo in PDF

La legislazione antiriciclaggio dello Stato della Città del Vaticano: una comparazione con il sistema italiano - di Filippo Sgubbi Désirée Fondaroli Annamaria Astrologo Giuseppe Silvestri

SOMMARIO: 1. Il peso del diritto penale nel “fardello temporale” – 2. La Legge 24 aprile 2012, N. CLXVI dello Stato della Città del Vaticano nel sistema delle fonti del diritto - 3. (segue) “Persona giuridica” e “Autorità pubblica” ai sensi della Legge N. CLXVI – 4. Le misure di prevenzione e contrasto introdotte dalla Legge N. CLXVI del 2012, con particolare riferimento al delitto di riciclaggio – 5. L’art. 42 bis Legge N. CLXVI. Analogie e differenze rispetto al nucleo della disciplina italiana in materia di responsabilità degli enti.

ABSTRACT: This research is focused on anti-money laundering regulations in Vatican City State (Legge 24 aprile 2012 N. CLXVI). In particular, one compare it with italian set of rules and one analyze the system of vatican legal sources.

Scarica il testo completo in PDF

Il diritto penale canonico: tra potere coercitivo e carità pastorale - di Paola Fantelli

SOMMARIO: 1. Il diritto penale canonico: una disciplina oggetto di contestazioni - 2. La dimensione pastorale del sistema penale canonico - 3. Principio di legalità ed aequitas canonica - 4. Il delitto: profili generali - 5. Le recenti riforme in materia di delicta graviora - 6. I delicta graviora contro la fede - 7. I delicta graviora contro i sacramenti - 8. Il delitto di tentata ordinazione di una donna – 9. I delicta graviora contro la morale: il delitto di abuso di minore e il delitto di pedopornografia - 10. Considerazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Diritto alla tutela giurisdizionale - di Andrea Bettetini

SOMMARIO: 1. Il diritto di azione e il diritto a un giusto processo: la garanzia generale ex can. 1476 e quella specifica di cui al can. 221 - 2 . La distinzione di funzioni nella Chiesa e l'azione riconosciuta ad un fedele leso da un atto dell'amministrazione ecclesiastica - 3. Il diritto ad un giusto processo e la protezione degli interessi violati da una sentenza passata in giudicato - 4. Il ricorso avverso atti di normazione subordinati alla legislazione universale. L'art. 158 della cost. ap. Pastor Bonus - 5. Il procedimento per i “delicta graviora” presso la Congregazione per la Dottrina della Fede. Il m.p. Sacramentorum sanctitatis tutela e le sue modifiche.

Scarica il testo completo in PDF

La formazione dell’istituto giuridico dell’usura nella Chiesa latina nel XIII secolo - di Alessandro Bucci

SOMMARIO: 1. Il nuovo clima socio–economico – 2. Gli interventi papali, fino alla svolta di Bonifacio VII e le decretali fino a Clemente V – 3. Usura ecclesiastica e usura commerciale – 4. L’usura nei decretisti: la connessione tra usura e mutuo – 5. Alcune eccezioni proposte dal Teutonico – 6. Alcuni contratti parausurari – 7. L’obbligo della restituzione della sors – 8. “Si quis usuram acceperit, rapinam facit vitam non vivit” (C. XIV, Q. IV, can. 10 Decretum Gratiani) – 9. Contrasto tra norme civili e canoniche in tema d’usura – 10. La condanna di Gregorio IX, Bonifacio VIII e Clemente V: Premessa – 10.1. L’obbligo di restituzione – 10.2. Norme penali e processuali – 10.3. I particolari rapporti con gli ebrei – 10.4. La presa di posizione del Liber Sextus – 10.5. L’istituto dell’usura nelle Clementinae.

Scarica il testo completo in PDF

Alle radici della laicità civile e della libertà confessionale - di Sara Domianello Alessandro Morelli

Il libro di Luciano Zannotti affronta tematiche fra le più dibattute, non da oggi e meno che mai dai soli studi del diritto canonico o del diritto ecclesiastico civile, accettando il rischio di proporre ai lettori un’analisi inevitabilmente quanto forse intenzionalmente predestinata essa stessa a quella imperfezione ed incompiutezza di cui l’A. mira senza infingimenti a tessere l’elogio, persuaso com’è del valore positivo da attribuire al fatto che tali caratteristiche consentono ad ogni discorso di restare perennemente aperto ed imprimono un moto di perpetua tensione ad ogni sforzo ordinatore volto a ridurre ad unità globale le infinite possibilità e l’inesauribile varietà di sfumature dell’esperienza umana.  L’operazione azzardata dall’A. è quella di applicare al campo della politipìa dei sistemi normativi l’idea del musiliano anello di Clarisse, ossia di una ricerca continua svolta sull’orlo della bocca di un vulcano, stimolata dalla consapevolezza, acquisita con l’esperienza, che lo scarto di un intero “mondo delle possibilità” operato dall’agire necessitato dell’uomo non può avanzare alcuna realistica pretesa di rendere “quel” mondo eternamente impossibile, potendo vantare al più la forza di relegarlo provvisoriamente al di là dell’orizzonte visibile di “questo” mondo ... (Continua)

Scarica il testo completo in PDF