Rivista telematica (www.statoechiese.it)
Online dal gennaio 2007
Menu

Articoli in

Le minoranze religiose escluse. Introduzione al tema - di Silvio Ferrari

Questo incontro nasce da un dato di fatto che è sotto i nostri occhi: in Italia non tutte le minoranze religiose sono uguali o, meglio, sono trattate nello stesso modo dall’ordinamento giuridico. Nel 1978 Giorgio Peyrot poteva definire le minoranze religiose in Italia un “coacervo anonimo degli indistinti”. Aveva ragione perché allora vi era una divisione netta tra la Chiesa cattolica da un lato, i cui rapporti con lo Stato italiano erano regolati dai Patti lateranensi, e tutte le altre comunità religiose dall’altro, che ricadevano sotto la disciplina della legge sui culti ammessi del 1929. Ora non è più così e continuare a parlare di maggioranza e minoranze religiose, come se esse fossero due blocchi monolitici, sarebbe fuorviante. All’interno di quello che era “il coacervo anonimo degli indistinti”, è necessario distinguere almeno due grandi gruppi di minoranze religiose, quelle incluse nel sistema giuridico italiano e quelle che invece ne restano ai margini e che nel titolo di questo incontro sono definite “le minoranze religiose escluse”.

Religious minorities escluded. A thematic introduction

ABSTRACT: In the contest of a wider pluralism of the Italian and of the European society at large, it is more and more necessary to try to guarantee an equal treatment to all religious minorities. But how to identify what a religious minority is? This paper points three possible ways and finally proposes a new possible tool to analyse the legal status of religious minorities in Europe.

Scarica il testo completo in PDF

Dialogo interculturale e minoranze religiose in Europa al tempo del Covid-19. L’apporto degli ecclesiasticisti - di Salvatore Berlingò

SOMMARIO: 1. Il cambio di paradigma indotto dalla pandemia - 2. Complessità sociali e complessità giuridiche: le loro scansioni temporali - 3. L’obiettivo di “vivere insieme in una società democratica” - 4. L’esemplare negativo della pronunzia S.A.S. c. Francia - 5. La critica alla “cecità interculturale” del secolarismo - 6. La “laicità all’europea” e il principio del “dualismo giurisdizionale” - 7. L’apporto degli ecclesiasticisti: il contributo dell’ ‘accademia’ a una politica del diritto più inclusiva - 8. Il ritorno in auge dei paradigmi euro-mediterranei e gli sviluppi delle democrazie pluraliste.

Cross-cultural Dialogue and Religious Minority in Europe at the COVID-19's time. The Contribution of the Ecclesiasticists.

ABSTRACT: The spread of the pandemic COVID-19, together with the measures of social distance and lockdown, paradoxically have contributed to making the need to recognize what is in common between the most diverse realities increasingly felt. Europe has greater legal resources than other regions of the world to ensure genuine cross-cultural and pluralistic development of the democratic systems.

Scarica il testo completo in PDF

L’ospitalità del diritto o dell’impervio cammino della dignità umana - di Alessandro Ferrari

SOMMARIO: 1. Dai cittadini alle persone: la rivoluzione dell’ospitalità del diritto - 2. Le democrazie costituzionali e l’UE: il progetto di una sovranità ospitale - 3. L’ospite nel diritto cosmopolita: i confini del diritto di ospitalità - 4. Dall’ospitalità alla cittadinanza plurale: l’ospite musulmano e il diritto di libertà religiosa come ospitalità.

The hospitality of the right or the arduous journey of human dignity

ABSTRACT: The paper, starting from the idea of law as a producer and, at the same time, an expression of the hospitality of a political community investigates the progressive opening of state legal systems to the "stranger" in the age following the Universal Declaration of Human Rights. The paper highlights the difficulty in the implementation of an effective multi-level protection of fundamental rights and the resilience of the ancient paradigms of Westphalian sovereignty. In conclusion, the role of the right to religious freedom is underlined as the right to hospitality for the stable construction of multicultural and multireligious societies.

Scarica il testo completo in PDF

Il diritto dei minori alla libertà religiosa: tra norme e prassi internazionali - di Marcella Distefano

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Brevi cenni sul contesto normativo internazionale - 3. La valenza della prassi internazionale: in particolare, il ruolo degli organismi internazionali indipendenti - 4. La giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo e la rilevanza delle convinzioni religiose dei genitori - 5. Segue: il rispetto del diritto all’educazione dei minori - 6. Il limitato rilievo dei principi generali a tutela dei minori e la necessità di riconoscere loro un locus standi in sede processuale.

Children's right to religious freedom: between international norms and practice

ABSTRACT: Religious freedom is considered a cornerstone of democratic societies, a vital element that contributes to forming the identity of believers and, with reference to minors, the course of their education and upbringing, accompanying them to adulthood. In international law studies, the right of minors to religious freedom, understood as the set of international obligations imposed on States, in both the negative and positive senses inherent in its achievement, has been little explored. The paper aims to identify systematic elements to help reconstruct the “minimum” content of a child’s right to religious freedom, pursuing two main lines of investigation: one relating to the exercise of freedom of worship in the various social contexts in which minors grow up; the other inherent in the educational project that leads them to adulthood. Recognition of the child of a locus standi in the independent court of law compared to that of the family members in charge of his care will help to realize the subjectivity of the child even in such a sensitive subject matter as religious freedom.

Scarica il testo completo in PDF

Credo ateistico organizzato e libera comunicazione propagandistica degli orientamenti ideal-spirituali - di Marco Parisi

Sommario: 1. Introduzione - 2. La dimensione della ‘non credenza’ e le direttive costituzionali - 3. Fenomeno ateistico collettivo, eguale libertà e pluralismo ideale - 4. Il libero esercizio della propaganda come strumento irrinunciabile di realizzazione della dimensione comunitaria della miscredenza.

Organized atheistic belief and free propagandistic communication of the ideal-spiritual orientations

ABSTRACT: With an its recent intervention, the Court of Cassation has clearly affirmed that the freedom of conscience of non-believers falls within the broader freedom, in religious matters, ensured by the articles 19 and 21 of the Constitutional Charter. A freedom to be understood also in the negative sense, having to exclude, within our system, any form of differentiation for the protection of the free, individual and collective, explanation both of religious faith and of atheism. In this order of ideas, any limits and prohibitions to the exercise of the right to propaganda of atheistic associations integrate the extremes of discrimination that are incompatible with the constitutional and supranational norms to guarantee the freedom of expression of thought, the ideal and confessional pluralism, the dignity of the human person and the neutrality of public authorities.

Scarica il testo completo in PDF

Accomodamenti ragionevoli basati sulla religione tra diritto antidiscriminatorio e diversity management - di Barbara G. Bello

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Premessa teorica: la funzione di orientamento sociale del diritto - 2.1. Chiarezza dei messaggi normativi (a monte) - 2.2. Chiarezza dei messaggi normativi (a valle) - 3. Accomodamenti ragionevoli nel diritto antidiscriminatorio dell’Unione europea - 3.1. Perché manca una disposizione sugli accomodamenti ragionevoli basati su tutti i fattori? - 3.2. Perché ampliare la norma sugli accomodamenti ragionevoli? - 4. Dalla norma inderogabile al diversity management - 5. Ripensare il diritto antidiscriminatorio e il diversity management in una prospettiva interculturale - 6. Considerazioni conclusive.

Reasonable Accommodation Based on Religion in Law and Diversity Management

ABSTRACT: The ban on discrimination against workers grounded on religion is a fundamental principle enshrined in the European Union’s primary legislation and anti-discrimination law. However, currently, there is no binding provision at this level of legislation which imposes on employers to adopt reasonable accommodation based on this category. Many scholars promote the adoption of this measure based on religion. Still, the recent jurisprudence of the Court of Justice does not seem encouraging in this sense. In light of this situation, the article aims to investigate the reasons underlying the limitations of the hard law provisions and the implications of the shift from the level of the mandatory norm to that of policy and diversity management in accommodating religious diversity at work, with particular regard to Muslim women working in the private sector. European institutions seem to delegate the law-related function of social orientation to policy and diversity management. Various critical issues emerge from this process of de-juridification, although diversity management generates some good practices, also within the so-called Diversity Charters. With the aim to support the implementation of reasonable religion-based accommodation, this article suggests rethinking the anti-discrimination law and diversity management from an intercultural perspective.

Scarica il testo completo in PDF

Turkish secularism’s ordeal with lucifer at Strasbourg: reflexions inspired by the Işik v. Turkey case - di Emre Öktem


SUMMARY: 1. Preliminary remark - 2. The Işık v. Turkey case before the European Court of Human Rights and its background - 3. The previous case-law of the ECtHR in connection with the Işık case - 4. A new protagonist on the Strasbourg stage: The Religious Affairs Directorate - 5. Follow-up cases and subsequent developments – 5.1. ECtHR’s case law – 5.2. Domestic law - 6. Instead of a conclusion: trying to analyse an identity crisis.


 

Scarica il testo completo in PDF

Interpreting Article 17 TFEU: New Openings towards a European Law and Religion System - di Federico Colombo

SUMMARY: 1. Introduction: From the Traditional Interpretation towards New Openings - 2. Some interpretative difficulties - 3. The Necessary Balance with Other European Interests - 4. Conclusions.

Interpreting Article 17 TFEU: New Openings towards a European Law and Religion System

ABSTRACT: Article 17 TFEU has been mainly interpreted as a “safeguard clause” aimed at preventing the EU from affecting (even indirectly) national disciplines religiously connoted. Although this traditional interpretation seems to find confirmation in the letter of the provision, in the systematic reading with Article 4 TEU, second paragraph, as well as in the original will of the parties, some scholars started giving credit to a different interpretation: the Article could allow the development of a European Law and Religion System. This article aims to investigate the current possibility for the aforementioned change of prospective. It focuses on three key factors: the interpretative difficulties concerning the Article, the recent jurisprudential evolution of the Court of Justice of the European Union and the growing axiological-systematic relevance of the Charter of Fundamental Rights of the European Union. This work argues that Article 17 TFEU does not recognize a national competence ex ante in all religious matters; it only requires the EU to refrain from regulating cases that are concretely characterized by a high rate of denominational specificity.

Scarica il testo completo in PDF

Pour une agora politique partagée autour de la méditerranée - di Alessandro Ferrari

SOMMARIO : 1. Liminaire - 2. Les transformations du droit de liberté religieuse - 3. Transformations européennes, circulation de modelés et “universalisme modeste” - 4 Pour une “saine osmose” entre sphère séculière étatique et sphère religieuse.

For a shared political agora around the Mediterranean

ABSTRACT: The right to religious freedom is in profound transformation on both sides of the Mediterranean. While the Muslim presence shows European difficulties in the treatment of the collective dimensions of this right, the southern shore is confronted with the demands connected to the individualization of beliefs. On both sides, the challenge of freedom of conscience and religion and of the construction of pluralist constitutional democracies proposes ancient questions in renewed terms, soliciting a new rediscovery of the answers given by the universalistic constitutionalism of the second post-war period.

Scarica il testo completo in PDF

La libertà religiosa nella giurisprudenza delle Corti europee - di Natascia Marchei

SOMMARIO: 1. - La fisionomia del diritto di libertà religiosa nello spazio europeo: due sistemi a confronto - 2. La giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo in materia di libertà religiosa individuale: le nuove prospettive sul divieto di porto di simboli religiosi - 3. La Corte di giustizia e la libertà religiosa: l’(apparente) risvegliato interesse - 4. Brevi considerazioni conclusive.

Freedom of religion before European Courts

ABSTRACT: This essay aims to investigate the content of the right to religious freedom in the European Court of Human Rights’ and the EU Court of Justice’s case law. As a matter of fact, the approach of these courts appears to be very different. While in the Strasbourg Court’s case law this right is gradually recognized more and more clearly and the legitimate restrictions foreseen in the Convention are interpreted with increasing restraint, the Court of Luxembourg rarely applies the right recognized by art. 10 of the EU Charter of Fundamental Rights in a direct way and often decides the cases through the lenses of an extensive interpretation of the EU anti-discrimination law.

Scarica il testo completo in PDF

Sulla libertà di manifestare le proprie opinioni religiose nel luogo di lavoro: brevi note in merito ai casi Achbita e Bougnaoui - di Alex Borghi

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La pregiudiziale belga: causa C-157/15, G4S Secure Solution - 3. La pregiudiziale francese: causa C-188/15, Bougnaoui e ADDH - 4. Le pronunce “gemelle” della Grande Sezione della Corte di giustizia: la sentenza 14 marzo 2017, Achbita, EU:C:2017:203 e la sentenza 14 marzo 2017, Bougnaoui, EU:C:2017:204 - 5. Uno sguardo alla più recente dottrina ecclesiasticistica - 6. La giurisprudenza della Corte Edu: la sentenza Eweida e altri c. Regno Unito del 15 gennaio 2013 (ricorsi nn. 48420/10, 59842/10, 51671/10 e 36516/10) - 7. Osservazioni conclusive.

Freedom to express religious beliefs in the workplace: brief notes on the Achbita and Bougnaoui cases

ABSTRACT: This paper seek to address the delicate issue of religious freedom, from a juridical perspective, analyzing the Achbita and Bougnaoui cases and comparing it with the Eweida one. It intends to elaborate some of the key question of the doctrinal debate on the links between the expression of one's religious beliefs and the workplace. Can neutrality be a valid defense against discriminations? To what extent can the religious freedom of the worker be sacrificed in favor of the business freedom? These are just some of the questions that are posed to the interpreter and to the scholar of ecclesiastical law. They require a careful evaluation of the values involved and the search for solutions of high balance and responsibility.

Scarica il testo completo in PDF

Dalle tradizioni costituzionali comuni all’identità costituzionale il passo è breve? Riflessioni introduttive - di Stefania Ninatti

SOMMARIO: 1. L’identità costituzionale: un crocevia nel rapporto fra ordinamenti - 2. Un’istantanea del dibattito - 3. Visto da Lussemburgo: la prospettiva della Corte di giustizia.

From common constitutional traditions to constitutional identity: is it a short road? A critical introduction

ABSTRACT: Constitutional identity has lately emerged as the most relevant argument underlying the dialogue between the national constitutional courts and the European Court of Justice nowadays. As a matter of fact, this new identitarian seam of the constitutional discourse represents the real battlefield between the national constitutional dimension and the European one. In order to analyse the main features of the EU legal landscape upon which this discussion takes place, this essay investigates the gradual development of the use of the common constitutional traditions as well as the progressive emergence of the concept of constitutional identity as a fundamental element of the whole EU integration process up to including in the Lisbon Treaty a specific provision on this matter, i.e. Art. 4, 2 TEU.

Scarica il testo completo in PDF

Martini di fronte all’immigrazione e agli stranieri: prospettive per le istituzioni e la convivenza di tutti - di Paolo Bonetti

SOMMARIO: 1. Il contesto socio-politico-ecclesiale del magistero del cardinale Martini circa l’immigrazione e gli stranieri: allargamento dell’UE, caduta delle divisioni in Europa, costruzione della nuova UE, crescente immigrazione extraUE - 2. La prospettiva ideale: il personalismo cristiano e il processo di unificazione europea - 3. La presenza degli stranieri privi di sicurezza giuridica e in cerca di lavoro e di ospitalità interpella i cittadini e i cristiani nel sostegno e nell’accoglienza: l’immigrazione come forma di povertà - 4. Non ignorare, né reprimere il fenomeno migratorio, ma accogliere ogni persona come tale: l’esigenza di norme condivise improntate all’eguaglianza nella tutela dei diritti fondamentali per regolare in modo ordinario l’immigrazione e la convivenza. Risolvere i problemi degli stranieri contribuisce a risolvere anche i problemi degli italiani - 5. Non generalizzare, ma discernere i diversi tipi di migrazione in base agli effetti positivi per la persona migrante e nell’ambito di un nuovo ordine economico globale: gli Stati di origine e quelli di immigrazione contengano le cause economiche e politiche che rendono insostenibile vivere e costringono a emigrare e favoriscano l’emigrazione come libera scelta derivante da interdipendenza e da desiderio di miglioramento culturale ed economico - 6. I diritti fondamentali di ogni persona umana da riconoscere a tutti, cittadini e stranieri: occorre prevedere un cammino graduale e progressivo verso la concreta realizzazione di una “carta dei diritti del migrante” - 7. L’immigrazione non come minaccia, ma come occasione profetica di rigenerazione e cambiamento per ogni società e per ogni Stato: nei rapporti tra nord e sud del mondo superare ogni forma di razzismo e imparare a convivere pacificamente in una società multiculturale, a superare le frontiere, ad accogliere, a educare al rispetto delle differenze e a rispettare norme comuni improntate all’eguaglianza e al rispetto dei diritti fondamentali della persona - 8. Condizione per una integrabilità che non introduca germi di scontri razziali e sociali è assicurare l’accettazione e l’assimilazione da parte di tutti di un nucleo minimo di valori: il principio di eguaglianza senza discriminazioni e la dichiarazione universale dei diritti dell’uomo. Conseguenze di tali principi: l’impossibilità di importare istituti giuridici fondati su discriminazioni o contrarie alla laicità dello Stato e di adottare politiche migratorie disumane o liberticide - 9. Occorrono atteggiamenti più solidi e maturi di fronte all’immigrazione: con azioni culturali ed educative aiutare a formare la società multiculturale; evitare chiusure e ripiegamenti su sé stessi e disciplinare con leggi il processo migratorio - 10. Imparare a conoscersi e a accettarsi reciprocamente e a convivere tra diversi in una società multiculturale e multireligiosa e di immigrazione: prospettive e dilemmi del pluralismo nei rapporti interpersonali e sociali, nella comunicazione, nell’educazione interculturale e nell’integrazione sociale - 11. Le prospettive del dialogo islamo-cristiano nella vita quotidiana: educare bambini e ragazzi a conoscere e rispettare le diversità religiose e convivere pacificamente rispettando le leggi senza chiedere trattamenti speciali e senza rinnegare la propria identità - 12. Una Chiesa da genti diverse, accogliente, aperta agli stranieri, un esempio per tutti di fraternità che favorisce la convivenza: il sogno della Chiesa di Ambrogio e il sogno della Chiesa di Martini - 13. A fondamento di tutto la visione dello straniero e delle migrazioni nella Bibbia: l’uomo migrante e i tre motivi (carismatico, cristologico, escatologico) per l’accoglienza dello straniero - 14. L’eredità del magistero di Martini su immigrazione e stranieri.

ABSTRACT: The paper analyses the relevance of the thought of Carlo Maria Martini, Cardinal and Archbishop of Milano from 1979 to 2003, with regard to the legal and political choices that national and European institutions must make in order to regulate both immigration and a multicultural and multireligious coexistence. After recalling the background of Christian personalism and of European unification, the paper focuses on the institutional and legal aspects of Martini’s thinking which is founded on the biblical message as well as on a true commitment to constitutional, international and European provisions. According to Martini, migration is an ordinary phenomenon and it should be managed in an ordinary way, also as a chance to improve everyone’s conditions and to renew all States. We must therefore both prepare ourselves and educate to coexistence among people of different cultures and religions: such a coexistence will be peaceful only if everyone respects the principle of equality, the secularity of the State and the fundamental rights of each person.

Scarica il testo completo in PDF

Il recupero dell’ICI non versata dagli enti non commerciali (anche religiosi). Presupposti ed esiti di una recente pronuncia della Corte di giustizia dell’Unione europea - di Alessandro Perego

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. L’esenzione ICI concessa agli immobili degli enti non commerciali: tratti salienti di una vicenda giuridica lunga e complessa – 3. La decisione della Commissione e la conferma del Tribunale UE: l’esenzione dall’ICI era un aiuto di Stato che non può essere recuperato - 4. Il recupero degli aiuti illegittimi: il contesto normativo e giurisprudenziale di riferimento – 5. Il merito della sentenza: la mancata leale collaborazione nella ricerca di modalità alternative per il recupero dell’aiuto - 6. Possibili esiti della sentenza – 7. Ipotesi di “modalità alternative” per il recupero dell’aiuto – 8. Il legittimo affidamento degli enti non commerciali – 9. L’incidenza del tempo sulla possibilità di recupero: la prescrizione – 10. Il valore dell’imposta da recuperare e la deroga prevista per gli aiuti de minimis.

Recovery of the ICI from non-commercial entities (including religious entities) in a recent Court of Justice EU ruling

ABSTRACT. On 6 November 2018, the Court of Justice ruled on the recover of ICI from non-commercial entities (including religious entities) carry out economic activities. The essay analys the judgment (C-622/16, Scuola elementare Maria Montessori/Commissione, EU:C:2018:873) and its practical significance.

Scarica il testo completo in PDF

Religione e guarigione: libertà religiosa e principio di autodeterminazione in materia di salute mentale (salus aegroti suprema lex o voluntas aegroti suprema lex) - di Cristiana Maria Pettinato

SOMMARIO: 1. Linee di lettura - 2. La guarigione forzata: i fatti di Vilnius - 3. Il percorso giudiziario che conduce alla decisione di Strasburgo - 4. La dissenting opinion: brevi appunti sul metodo -5. Il sofferto cammino della libertà religiosa tra fede, stregoneria e follia - 6. La forza terapeutica della libertà religiosa: “capacità-libertà” di credere e diritto di guarire - 7. La funzione politica della religione in terra lituana: semi di neo-confessionismo - 8. La sfida dell’inclusione dell’altro da sé: scelte etero-spirituali e prudentia iuris.

Religion and healing: religious freedom and the principle of self-determination in matters of mental health (Salus aegroti suprema lex o voluntas aegroti suprema

ABSTRACT: The case before the Court of Strasbourg, projects us into the most sacred and private dimension of the life of the human being: that of religious options. In the present case, a young woman with behavioral disorders, manifested even before joining the group close to the Movement founded by the Indian Master Osho, following undergoes a series of medical treatments obligatory that force her to the suspension of the religious practices to which she usually devotes for her own psychophysical well-being. But according to the opinion of the doctors these practices compromised the applicant's mental health status, representing a serious and ascertained danger. The doctor becoming the promoter of his patient's health, ends up interfering in the personal sphere of the girl's religious sentiment, trying to modify the choices deemed to be non-conforming to tradition and prejudicial to health, without scientific evidence and, exclusively, on basis of presumptions and religious prejudices. The facts give rise to some considerations on the methods and criteria for balancing the protection of the right to health, and self-determination in therapeutic choices, and the exercise of religious freedom in conditions of compromised mental health, and the risk of a reviving confessional in Lithuania.

Scarica il testo completo in PDF

Organizzazioni di tendenza religiosa tra Direttiva europea, diritti nazionali e Corte di giustizia UE - di Pierangela Floris

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La Direttiva 2000/78 CE e i casi Egenberger e IR arrivati a Lussemburgo - 3. Autonomia delle chiese e tutela giurisdizionale dei diritti all’interno delle organizzazioni religiosamente orientate. I contenuti criptici delle pronunce di Lussemburgo - 4. Il requisito ideologico nelle organizzazioni di tendenza. Le integrazioni della Corte UE e le riletture in corso da parte confessionale - 5. L’art. 17 TFUE e l’attesa di chiarimenti.

Religious-Ethos Employers between European Directive, national laws and Court of Justice EU

ABSTRACT: This article examines two recent rulings of the Court of Justice of the European Union (cases Egenberger and IR). These are the first rulings on art. 4, par. 2, Directive 2000/78/EC on “occupational activities within churches and other public or private organisations the ethos of which is based on religion or belief“. On the one hand the author focuses on the passages concerning religious autonomy and jurisdictional protection of rights; on the other hand she highlights the links between the jurisprudence of the two European courts (CJEU and ECHR) and tries to reconcile the statements of the Court of Justice and those of the German constitutional Court on the limits to the autonomy of churches. However, the article highlights how the Court of Justice has not adequately addressed neither the art. 10 of the European Charter of Fundamental Rights EU, nor the art. 17 of the TFEU. As regards the ideological requirement set by art. 4, par. 2 of the European Directive, the study focuses on the additions made by the Court of Justice and recalls the reinterpretations of the ideological requirement recently adopted by the Catholic and Evangelical Churches in Germany.

Scarica il testo completo in PDF

Identità negate. Mutilazioni genitali femminili: la lotta dell’Europa contro una silenziosa violenza - di Tiziana Di Iorio

SOMMARIO: 1. Le pratiche di manipolazioni degli organi genitali femminili - 2. Procedura esercutiva e conseguenze degli atti di alterazione dei caratteri sessuali delle donne - 3. Radici socio-culturali delle pratiche di MGF - 4. Fattore religioso e atti modificativi dei genitali femminili - 5. Le strategie di prevenzione e di contrasto delle MGF nell’Unione europea - 6. Politiche legislative nella lotta contro le MGF - 7. Conclusioni.

Denied identities. Female genital mutilation: the fight of Europe against a silent violence

ABSTRACT: FGM refers to rituals of manipulation female genitalia and other procedures against female genital organs for non-medical reasons. Usually the practice is carried out on young girls, from childhood to teenagers. These rituals are carried out for cultural, religious and social reasons in the mistaken belief that they will produce a benefit to the girl (to safeguard her virginity, to prepare for marriage, etc.). No religious text prescribes the practice, but is rooted in the culture and beliefs of the communities that practice it. However some religious communities practice the FGM. Rituals do not help the health of the girl subjected, but they can lead to serious health complications or even to death of victim. So FGM is recognised a form of child abuse and a violation of women’s human rights. The EU is committed to eliminating FGM through strategic actions and legislative measures, but mainly changes in attitudes and beliefs among relevant communities are important to ensure FGM is abandoned. It is also important to fight FGM with direct involvement of the religious and political leaders of the communities where the rituals are diffuse. European States are called to cooperate with each other with strategic internal and external actions.

Scarica il testo completo in PDF

Confessioni e comunità religiose nell’Europa dell’Est, pluralismo religioso e politiche legislative degli Stati - di Giovanni Cimbalo

SOMMARIO: Sistemi di classificazione dei rapporti e individuazione degli interlocutori istituzionali delle confessioni religiose - 2. Il “laboratorio” dell’Europa dell’Est come luogo di sperimentazione del pluralismo intra confessionale - 3. La gestione delle relazioni tra Stato e confessioni religiose attraverso gli uffici - 4. I problemi nuovi posti dal moltiplicarsi delle confessioni nei diversi paesi europei - 4.1. L’area baltica - 4.2. (segue) Le Repubbliche russofone - 4.3. (segue) Le Repubbliche dell’Europa Centrale - 4.4. (segue) I Balcani Orientali - 4.5. (segue) I territori della ex Repubblica Jugoslava - 4.6. (segue) Le scelte differenziate delle Repubbliche ex jugoslave in materia di Rapporti tra Stato e confessioni religiose - 5. La felice anomalia albanese - 6. Un contributo all’elaborazione di linee guida ai rapporti tra Stato e confessioni religiose in Europa.

Confessions and religious communities in Eastern Europe, religious pluralism and legislative policies of the States

ABSTRACT: The intervention reconstructs the supporting lines of the activity of the national office of each legal system in charge with the maintenance of the relations between the State and the confessions and religious communities in the Eastern European countries. Through this perspective, the ecclesiastical politics of 19 countries is reconstructed, highlighting the genesis and the peculiar characteristics of their legislations and highlighting the underlying lines that are at the root of the choices of their systems. Particular attention is dedicated to the definition of the different models to which the States refer in relation to their effectiveness in maintaining religious peace while respecting the principle of equality and freedom among the various religious confessions. The article aims to be a contribution to the development of guidelines for relations between the state and religious confessions in Europe.
 

Scarica il testo completo in PDF

L’Europa di chi non crede - di Nicola Colaianni

Son passati quasi trent’anni dacché tra le varie dichiarazioni apposte in calce al trattato di Maastricht comparve abbastanza inaspettatamente quella che impegna l’Unione Europea al “dialogo trasparente, costante e regolare” con “le chiese e le associazioni o comunità religiose” non più e non meno, tuttavia, che con le “organizzazioni filosofiche e non confessionali”. Dichiarazione apparentemente innocua, giacché espressamente si esclude che da essa possa essere pregiudicato lo status a quelle organizzazioni assegnato dai diritti nazionali, ma politicamente impegnativa per l’Unione, tanto che fece strada e si riversò nell’art. 17 del TFUE, assumendo così un carattere anche giuridicamente impegnativo. (segue)

Non-believer’s Europe

ABSTRACT: In spite of the Treaty on the Functioning of the European Union, which puts on the same footing the status of the churches and of the humanist organizations, the status  of believers and non-believers is not the same in each state, regardless its model (the paper quotes briefly the features of United Kingdom, France, Belgium, Italy, Germany  and Malta). The reason lies in a kind of mass religious tradition, which at present is even more hard to defeat because of the rampant populism, which takes advantage also of the religion. The antidote stays in the pluralistic – not monist and excluding the differences -  secularism in order to grant the same dignity of believers also to both differently believers and non-believers.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa collettiva e principio di non discriminazione nel sistema ‘costituzionale’ dell’Unione europea - di Maria Elena Gennusa

SOMMARIO: 1. Autonomia delle organizzazioni religiose e diritti dei singoli: il problema ‘classico’ del contemperamento - 2. Il problema del contemperamento dinanzi alla Corte di giustizia. I casi Vera Egenberger e JQ: stessa narrativa per due gemelli (in parte) diversi? - 3. Il profilo sostanziale delle decisioni: le dimensioni della libertà religiosa e il principio di non discriminazione - 4. Il profilo ordinamentale: Carta dei diritti e principi generali del diritto dell’Unione europea nel rapporto fra sistemi.

Collective religious freedom and principle of non-discrimination in the ‘constitutional’ system of the European Union

ABSTRACT: In the two recently handed down Judgments in the cases Vera Egenberger and JQ, the Court of Justice of the European Union for the first time interpreted Article 4, par. 2 of the Anti-discrimination Framework Directive (Directive 2000/78/EC) admitting a ‘religious exemption’ in favour of Churches and other religious organisation, and ruled on the horizontal application of the right not to be discriminated against in situations coming within the scope of EU law. The paper explores the substantive implications of those Judgments for the collective religious freedom and their contribution in clarifying the horizontal direct effect of the fundamental rights and principles enshrined in the Charter of Fundamental Rights of the European Union.

Scarica il testo completo in PDF

Pluralismo religioso e integrazione europea: le nuove sfide - di AA. VV. (Angelucci e altri) Antonio Angelucci Maria Ilia Bianco Wojciech Brozowski Marco Croce Lucia Giannuzzo Sina Haydn-Quindeau Corinne Maioni Francesca Mauri Joshua Moir Stefano Montesano Costanza Nardocci Alessandro Negri Marcello Toscano Alessia Tranfo Julia Wagner Giovanni Zaccaroni Marco Parisi Filippo Croci Rosa Geraci

Il 28 settembre 2018, presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca, si è tenuto un convegno internazionale co-finanziato dall’Unione Europea, che ha visto la partecipazione di giovani studiosi delle più diverse discipline giuridiche, italiani e stranieri. I relatori, selezionati in seguito ad una “call for papers”, cui è stata data ampia pubblicità in Italia e all’estero, si sono confrontati sul tema del pluralismo religioso nel sistema europeo e, soprattutto, nella recente giurisprudenza delle Corti sovranazionali. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Neutralidad, diversidad y celebración de las festividades religiosas en la escuela pública - di Silvia Meseguer Velasco

SUMARIO: 1. Introducción - 2. Libertad religiosa y celebración de las festividades religiosas - 3. La neutralidad ideológico-religiosa de los centros educativos públicos - 4. Celebración de festividades religiosas en la escuela de titularidad pública - 4.1. Celebración de festividades que presentan un significado religioso y una tradición cultural - 4.2. La respuesta de los Tribunales de Justicia en materia de celebraciones religiosas - 4.3. Algunas claves para la solución de estos conflictos - 5. Celebración de las festividades religiosas en el horario escolar - 5.1. Marco jurídico de las festividades en el ámbito escolar - 5.2.  Discriminación de los grupos religiosos minoritarios - 6. Consideraciones finales: la acomodación razonable de las creencias religiosas.

Neutrality, diversity and celebration of religious festivities in public schools

Abstract: This paper analyzes some legal conflicts derived from the celebration of religious festivities in ​​the public school. On the one hand, the celebration of certain festivals that, while showing a cultural tradition, at the same time, present a religious meaning, mainly of Christian inspiration. On the other, when permission is requested to celebrate and commemorate such festivities during school hours. Beyond the concrete problem, it is important to start from the position of inclusive neutrality that public authorities must adopt to manage the religious diversity that manifests itself in this specific area and which, in turn, is the best way to guarantee the right of parents to choose the education they wish for their children.

Scarica il testo completo in PDF

Toccare con mano i nodi dell’integrazione (a proposito di saluti “proibiti” e divieto di discriminazione) - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. Le possibili implicazioni religiose di una “stretta di mano” - 2. Il caso sottoposto all’esame dei giudici svedesi - 3. La pronunzia del 15 agosto 2018, n. 51, del Tribunale del lavoro svedese e la questione della ricorrenza di una “pratica religiosa” meritevole di tutela - 4. (segue) La verifica dei presupposti di una “discriminazione indiretta” - 5. L’esperienza d’Oltreoceano - 6. Identità religiosa e (dis)uguaglianza di genere - 7. La diversa incidenza, nella fattispecie esaminata, del divieto di discriminazione per motivi religiosi e del principio della parità di genere - 8. Conclusioni: la libertà religiosa della lavoratrice e i margini lasciati alle scelte di politica aziendale della società.

Dealing with the contentious points of the integration (about “forbidden” greetings and principle of non-discrimination)

ABSTRACT: Some Islamic believers adhere to a rule of behavior coming from a particular reading of the traditions concerning the life of Muhammad, so they do not shake hands with people of the other sex outside their own restricted family circle. The present paper analyzes the potential impact of such a choice, if it is carried out in the work context and it infringes specific internal company rules, which require employees to not discriminate against customers on the basis of sex. The Author, in accordance with a recent decision of the Swedish Labor Court, affirms that the limitation of the freedom of the worker can be considered a case of indirect discrimination for religious reasons. However, demanding that the woman abstains from shaking hands with persons of her own sex, as suggested by the Court, is not required by the principle of gender equality, and is not coherent with the very personal nature of the act, according to the Author.

Scarica il testo completo in PDF

La controvertida prohibición de la blasfemia en la Constitución de la República de Irlanda - di José Ramón Polo Sabau

SUMARIO: 1. Introducción - 2. La prohibición de la blasfemia en el marco de una Constitución de clara inspiración católica - 3. El cuestionamiento de una norma de tan dudoso encaje en el sistema constitucional de derechos y libertades - 3.1. Las críticas en general al régimen constitucional de las confesiones religiosas - 3.2. La controversia específica en torno a la prohibición de la blasfemia en la Constitución irlandesa - 4. Algunas conclusiones y una razonable expectativa.

The controversial offence of blasphemy in the Irish Constitution

ABSTRACT: As recently as June 2018 the Irish Government has approved a referendum to remove the offence of blasphemy from the Constitution; the referendum will be held in October this year. This paper briefly examines the historical and legal backgrounds of this controversial prohibition that survived the 1972 reform of the constitutional provisions in the field of Church and State that, among other aspects, conferred a special position to the Catholic Church, and it does so in order to underline the importance and the potential consequences of the proposed reform in case of an affirmative vote in the upcoming referendum. For this analysis the author gives prior consideration to the fundamental meaning and scope of the constitutional provisions currently in force in the area of Law and Religion and, once this framework is summarized, the paper turns to reflect primarily on the legal and judicial developments that have taken place in the last decades relating the offence of blasphemy in Irish Law.

Scarica il testo completo in PDF

Rilevanza pubblica delle comunità religiose nella dimensione giuridica europea - di Pasquale Lillo

SOMMARIO: 1. La presenza religiosa nella sfera pubblica - 2. La libertà religiosa collettiva nella CEDU - 3. La condizione giuridica delle confessioni religiose nel diritto della UE - 4. Identità confessionali e identità nazionali europee - 5. Il ruolo “pubblico” delle istituzioni religiose negli Stati europei - 6. In particolare: a) la rilevanza costituzionale dei soggetti confessionali in Germania - 7. Segue: b) la condizione giuridica delle confessioni religiose in Italia.

Public relevance of religious communities in the European legal dimension

The religious phenomenon appears relevant both on an individual level and on a social level. In many cases religious experience, on the one hand, helps to draw the personal identity of the subject; on the other, it is an element that characterizes various aspects of civil society, up to the influence of the political and institutional dynamics of many contemporary state systems. This paper intends to demonstrate that the religious phenomenon does not appear confined only in the strictly private sphere, but lives and manifests itself also in the public dimension. This approach seems to be confirmed, among other things, by the new public role that religious communities are progressively taking on in the European legal sphere, as well as within individual state systems in Europe. From the analysis of the rules in force both at the European and national level, this work therefore derives a significant legal recognition of the public relevance of religions and religious communities that are direct institutional expression, paying particular attention to the experience gained in the German law and in the Italian legal system.

Scarica il testo completo in PDF

Divieto di discriminazione religiosa sul lavoro e organizzazioni religiose - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. La direttiva europea 2000/78/CE e le organizzazioni di tendenza - 2. Il caso Egenberger c. Evangelisches Werk dinanzi alla Corte di giustizia - 3. La sindacabilità dei provvedimenti confessionali in materia di lavoro - 4. I controlimiti alla disapplicazione della direttiva - 5. L’obbligo giudiziario di conformazione del diritto nazionale a quello europeo - 6. Il divieto di discriminazione sul lavoro alla stregua della Carta dei diritti del cittadino europeo.

No difference of treatment on grounds of religion or belief and religious organizations

ABSTRACT: It’s the first time that the Court of Justice E.U. deals with the limits of the exemption from ban on discrimination on grounds of religion or belief in favour of organisations the ethos of which is based on religion or belief. The German law implemented softly the directive 2000/78/CE favouring that ethos, as interpreted by those organizations, and consequently limiting the judicial review merely to its plausibility. Viceversa according to the European Court the religion or belief must constitute a genuine, legitimate and justified occupational requirement, having regard to the organisation’s ethos and the proportionality principle (even though not explicitly recalled by the directive). So an exhaustive judgement allows an objective, not spiritualistic, evaluation of the occupational activities and therefore a stronger legal protection of workers under articles 10, 21 and 47 of the Charter of Fundamental Rights of the European Union.

Scarica il testo completo in PDF

Salvaguardia dei dati sensibili di natura religiosa e autonomia confessionale. Spunti per un’interpretazione secundum Constitutionem del regolamento europeo n. 2016/679 - di Manuel Ganarin

SOMMARIO: 1. Esigenze di uniformazione delle fonti europee di diritto derivato e protezione del principio di favor religionis nella Carta costituzionale italiana. Alla ricerca di un punto di equilibrio - 2. Possibilità e limiti di esenzione dalla normativa europea circa il trattamento dei dati personali intraconfessionali - 3. Ammissibilità di soluzioni normative confessionali ‘complete’ e ‘conformi’ al regolamento europeo ... - 4. … e di un intervento dello Stato volto al ripristino della legalità costituzionale - 5. Gli strumenti di tutela: il ruolo dell’autorità di controllo nazionale e di un’ipotetica authority confessionale nella prospettiva di un coordinamento interordinamentale necessitato.

Protection of sensitive religious data and confessional autonomy. Reflections for an interpretation secundum Constitutionem of the European regulation n. 2016/679

ABSTRACT: The contribution proposes an interpretation in conformity with the Italian Constitution of the European regulation n. 2016/679 on the protection of individuals with regard to the processing of personal data, which will be applied in the Member States from 25 May 2018. An interpretation that protects the constitutional principle of confessional autonomy and the fundamental rights and freedoms of the person, reconciling them when necessary.

Scarica il testo completo in PDF

Laicità europea. Riflessioni sull’identità politica dell’Europa nel pluralismo ideale contemporaneo - di Marco Parisi

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Europa dei cittadini e identità politica del processo di integrazione continentale - 3. Spazio politico europeo, libertà religiosa e laicità - 4. Conclusioni.

ABSTRACT: The evolution of the European Union law and of the right to religious freedom lies in the global process of internationalization of fundamental rights, the transformation of relations between States, the modification of the idea of ​​sovereignty, the emergence of new conventional instruments. With reference to the European social and legal space, the transformation of the European Economic Community into a real political union has allowed the inalienable human rights of the people to become central in the process of integration. Because of that, the political and legal system of the European Union, characterized by the transition of the State monopoly of sovereignty to its sharing among different subjects, has affected the reality of relations between public powers and religious phenomenon. A particular configuration of the concept of secularism in the European continent has been established, by virtue, which the values of democracy, pluralism, human dignity and non-identification between public functions and religious experience would allow for peaceful coexistence between religion, institutional activity of the European Union and fundamental freedoms.

Scarica il testo completo in PDF

Security and Religious Radicalization. Securitization of Islam in Europe - di Agustín Motilla

SUMMARY: 1. Introduction - 2. General measures of the anti-terrorist laws; social surveillance and immigration control - 3. Antiterrorist laws and Islam: the securitization of Muslims in western countries - 4. The enforcement of measures affecting Muslim population not directly related to security: the vague criminalization of Islam - 5. Effects of the measures direct or indirectly justified on security reasons in religious freedom; specially related to Muslim population - 6. Closing remarks; positive statements in the construction of the European Union framework.

Scarica il testo completo in PDF

“A ognuno la sua croce”. Notazioni sparse in tema di ostensione istituzionale dei simboli cristiani nella sfera pubblica europea (con particolare riferimento all’art. 28 della legge francese di separazione) - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. Delimitazione del tema d’indagine - 2. Gli epigoni giurisprudenziali del caso Lautsi in una recente sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale per la Sardegna - 3. L’art. 28 della legge francese di separazione del 9 dicembre 1905 - 4. Il banco di prova dei monumenti ai caduti edificati dopo la legge del 1905 - 5. Le oscillazioni interpretative della giurisprudenza amministrativa in materia di esposizione dei presepi - 6. I dubbi sulla “riscrittura” dell’art. 28 operata dal Conseil d’État - 7. Le sorti della statua “fuorilegge” di papa Giovanni Paolo II - 8. La “prova di forza” della Slovacchia nella vicenda della moneta commemorativa dei Santi Cirillo e Metodio - 9. Conclusioni: trasfigurazione dei simboli o della laicità?

To each his own cross”. Disparate remarks concerning the public display of Christian symbols in the European public sphere (with specific regard to Article 28 of the French Separation Law)

ABSTRACT: The present essay takes as a starting point some recent case law on the so-called “institutional” display of religious symbols (and in particular Christian symbols), in Italy and other European countries. The analysis focuses on both the French legal system and some recent rulings of the administrative jurisprudence, which seems to mark a shift from the more consolidated and traditional reading keys of the “secularism”.

Scarica il testo completo in PDF

L’Europa e i migranti: per una dignitosa libertà (non solo religiosa) - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. La preminenza della dignità sulla libertà - 2. La dignità di chi non conta niente: i migranti - 3. Ci può essere libertà senza dignità? - 4. La luterana libertà del cristiano e la sua secolarizzazione - 5. Un’Europa infedele alla sua ispirazione - 6. Analogia dei conflitti politici odierni con quelli religiosi passati - 7. I migranti, banco di prova per l’Europa e per le Chiese - 8. L’attuale condizione dei migranti - 9. La libertà dignitosa come fonte dell’unità politica europea.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e cittadinanza integrativa. Alcune note sul ‘vivere assieme’ in una società plurale - di Antonio Angelucci

SOMMARIO: 1. Cittadinanza e identità religiosa - 2. Cittadinanza e pluralismo religioso - 3. “Cittadinanza integrativa” e libertà religiosa - 4. La Risoluzione 2076 (2015) e la Raccomandazione 2080 (2015).

Religious Freedom and Integrative Citizenship. Some Notes on 'Living Together' in a Plural Society

ABSTRACT: Circumcision concerns the religious identity of Jews and Muslims. In addition to these circumcisions which can be defined as "confessional-religious" there are also those related to local customs. These types deserve renewed attention after Resolution 1952 (2013) and Recommendation 2023 (2013) of the Parliamentary Assembly of the Council of Europe, both concerning "the right of children to physical integrity", and subsequent resolutions 2076 (2015) and Recommendation 2080 (2015) devoted to "(R) Religion and Living together in a Democratic Society". Citizenship is, in fact, the much broader horizon to be found behind circumcision. While the first two documents tend to consider non-therapeutic circumcision as a possible assault to the physical integrity of children without, therefore, focusing on the profiles inherent the right to religious freedom and the possible inclusive value of its "recognition" for the purposes of universal citizenship, the latter two, focusing on the freedom of 'living together' according to the practices of each religion, seem to be more aware of the need to move towards the realization of a European, inclusive and plural citizenship. However, the category of 'living together', evanescent and ambiguous for its correlation with the principle of majority (as is evident from the most recent case law of the ECHR), requires a new approach that gives it greater objectivity. Concepts such as those of pluralism and plural citizenship, in which civic belonging and religious affiliation can live together, help to go in that direction, renewing, in the end, the membership of a Europe of peoples and not just of economies.

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere - Transizioni” • Il divieto di indossare il niqab del codice penale belga all’esame della Corte europea dei diritti dell’uomo: un passo in avanti per la formazione del “precedente“ che mette a rischio il pluralismo religioso - di Giuseppe Casuscelli

Pochi giorni or sono la Corte europea dei diritti dell’uomo, con la pronuncia relativa al caso Belcacemi et Oussar c. Belgique, ha ritenuto che l’art. 653bis del codice penale belga, introdotto dalla legge 1° giugno 2011 - punendo quanti "sauf dispositions légales contraires, se présentent dans les lieux accessibles au public le visage masqué ou dissimulé en tout ou en partie, de manière telle qu’ils ne soient pas identifiables" con la pena "d’une amende de quinze euros à vingt-cinq euros (lire: de 120 à 200 euros) et d’un emprisonnement d’un jour à sept jours ou d’une de ces peines seulement" – non viola gli artt. 8, 9 e 14 della Convenzione. La Corte ha ritenuto di mettere l’accento in special modo sull’art. 9, poiché il divieto di indossare nello spazio pubblico un capo d’abbigliamento destinato a nascondere, in tutto o in parte, il viso pone degli interrogativi sia in ordine al rispetto della vita privata delle donne che desiderano portare il velo integrale per motivi legati ai loro convincimenti, sia in ordine alla loro libertà di manifestare questi convincimenti. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Diritto concordatario versus diritto eurounitario: a chi spetta la primauté? (a margine della pronunzia della Corte di Giustizia del 27 giugno 2017, C-74/16, in tema di agevolazioni fiscali per le “attività economiche” della Chiesa) - di Angelo Licastro Antonio Ruggeri

SOMMARIO: 1. La riproposizione da parte della Corte di Giustizia dello schema collaudato dell’“assorbimento” delle forme di rilevanza del fenomeno religioso nelle regole (e nelle logiche) del libero mercato - 2. La vicenda oggetto del rinvio pregiudiziale - 3. Le valutazioni di merito operate dalla Corte - 4. Le analogie con la vicenda italiana riguardante l’esenzione ICI/IMU degli immobili degli enti ecclesiastici cattolici non esclusivamente destinati a fini di culto - 5. I riflessi della sentenza sulla fiscalità agevolata degli enti ecclesiastici prevista dall’ordinamento italiano - 6. La questione dell’incidenza di tale tipo di controversie sulla clausola di salvaguardia dello status riconosciuto dal diritto nazionale alle Confessioni religiose (art. 17 TFUE) - 7. La “copertura” costituzionale della normativa di derivazione concordataria e il principio del primato del diritto dell’Unione - 8. Struttura internamente composita dell’identità dell’Unione, in seno alla quale si dà il principio del primato del diritto eurounitario come pure quello della salvaguardia dei principi fondamentali degli ordinamenti nazionali, e necessità che, caso per caso (e con la tecnica del bilanciamento), si raggiunga e tenga fermo l’equilibrio tra gli stessi - 9. Struttura parimenti composita dell’identità costituzionale dello Stato e modi di farla valere al momento (e per effetto) dell’ingresso in ambito interno di norme di origine esterna, alla luce del bisogno di affermazione di tutti i principi fondamentali (in ispecie, di quelli espressivi della coppia assiologica fondamentale di libertà e uguaglianza) - 10. Diritto concordatario versus diritto eurounitario: conflitto reale o apparente? - 11. Il significato della decisione qui annotata al piano delle relazioni istituzionali: verso una rimessa a punto del rinvio pregiudiziale e dell’equilibrio per il suo tramite raggiungibile tra la Corte dell’Unione e il giudice nazionale?

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere – Transizioni” • Esenzioni fiscali a favore delle confessioni e aiuti di stato: le quattro condizioni ex art. 107, paragrafo 1, TFUE e il tetto massimo di 200.00 euro - di Giuseppe Casuscelli

Il trattamento fiscale preferenziale previsto in molti Paesi dell’Unione Europea per le confessioni religiose e per gli enti religiosi e, più in generale, il finanziamento pubblico, diretto o indiretto, di cui essi possono godere – in forza di speciali discipline concordatarie o di diritto comune - deve misurarsi con la previsione del primo comma dell’art. 107 TFUE che dispone essere “incompatibili con il mercato interno, nella misura in cui incidano sugli scambi tra Stati membri, gli aiuti concessi dagli Stati, ovvero mediante risorse statali, sotto qualsiasi forma che, favorendo talune imprese o talune produzioni, falsino o minaccino di falsare la concorrenza”. L’Italia ha già sperimentato quanto spinoso sia il problema sollevato dall’interpretazione della norma con specifico riferimento al (mancato) pagamento dell’imposta comunale sugli immobili (ICI) da parte di enti ecclesiastici che svolgevano (anche) attività imprenditoriale nel settore alberghiero e in quello scolastico.

Scarica il testo completo in PDF

Le droit européen de liberté religieuse au temps de l’islam - di Alessandro Ferrari

SOMMARIO: 1. Introduction - 2. Une nouvelle modernité: le chameau musulman et le trou Westphalien - 3. Tensions contemporaines: ce que la "question musulmane" révèle - 4. Vers un ordre westphalien-méditerranéen - 5. Le rouleau compresseur de la contemporanéité: vers un nouveau paradigme.

Scarica il testo completo in PDF

Islam e costituzionalismo - di Nicola Fiorita Donatella Loprieno

SOMMARIO: 1. Una breve premessa - 2. La “strategia” del Giudice delle leggi - 3. La strategia del “binario speciale” - 4. La strategia leghista del “razzismo istituzionale” - 5. Il ritorno alle Intese (ovvero la strategia dalemiana) - 6. Le questioni aperte - 6.1. Intesa no, però … - 6.2. Intesa si, però… - 6.3. Quali i possibili contenuti di una Intesa? - 6.4. E in attesa dell’Intesa? - 7. Meno Regioni più Stato, meno cooperazione più partecipazione?

Scarica il testo completo in PDF

Imu, enti ecclesiastici e aiuti di Stato: riflessioni a margine delle sentenze del Tribunale UE di primo grado, in attesa della decisione della Corte di Giustizia - di Marco Allena

Sommario: 1. Introduzione – 2. Il contesto delle decisioni del Tribunale – 3. Le sentenze del Tribunale UE – 4. Problemi giuridici non risolti a livello interno e prospettive de iure condendo.

Scarica il testo completo in PDF

Protezione internazionale e persecuzione per motivi religiosi: la giurisprudenza più recente - di Miriam Abu Salem Nicola Fiorita

SOMMARIO: 1. Prime considerazioni su diritto di asilo e protezione internazionale – 2. La giurisprudenza italiana - 3. La nozione di persecuzione religiosa secondo la Corte di Giustizia – 4. La Corte europea dei diritti dell’uomo torna sul diritto di asilo: conversione, apostasia, rischio di persecuzione.

Scarica il testo completo in PDF

Il dubbio di una “velata” discriminazione: il diritto di indossare l’hijab sul luogo di lavoro privato nei pareri resi dall’Avvocato generale alla Corte di giustizia dell’Unione europea - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. La novità e la rilevanza della questione pregiudiziale relativa all’uso del velo islamico in azienda sollevata davanti alla Corte di giustizia – 2. I termini della vicenda esaminata dalla Cassazione belga – 3. Il rinvio operato dalla pronunzia “gemella” della Cassazione francese – 4. Il profilarsi della questione pregiudiziale in controversie riguardanti lavoratori del settore pubblico – 5. Le conclusioni dell’Avvocato generale nella causa C-157/15: a ) l’approccio “onnicomprensivo” nell’analisi della fattispecie – 6. (segue): b ) discriminazione diretta o indiretta? – 7. (segue): c ) la giustificazione del trattamento differenziato – 8. (segue): d ) la salvaguardia dell’”identità nazionale” degli Stati – 9. Le conclusioni dell’Avvocato generale nella causa C-188/15 – 10. La querelle sulla mise da spiaggia per le donne islamiche (breve divagazione, in attesa della decisione della Corte di giustizia).

The doubt on a “veiled” discrimination: the right to wear an Islamic headscarf at work in the opinions given by the Advocate General to the European Court of Justice

Scarica il testo completo in PDF

Il Comitato europeo dei diritti sociali, lo stato di attuazione della legge italiana sulla tutela sociale della maternità e sull’interruzione volontaria della gravidanza e la sostenibilità pubblica dell’obiezione di coscienza - di Fabio Cembriani

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. I diritti sociali in Europa e il Comitato europeo sui diritti sociali (CEDS) - 3. Le decisioni di merito del Comitato europeo dei diritti sociali sull’attuazione nel nostro Paese della legge n. 194 del 1978 - 4. L’obiezione di coscienza e l’interruzione volontaria della gravidanza in Italia - 5. Le strade possibili per dare una sostenibilità pubblica all’obiezione di coscienza - 6. Alcune brevi considerazioni di sintesi.

ABSTRACT : The Author examines the decision of the European Committee of Social Rights (CEDS), which once again condemned Italy had not taken our country, compared to the large number of doctors objectors, no organizational measures to ensure the reproductive rights of women and the right to work of non-objectors. He thus addresses the issue of social rights in Europe and the role of guarantor of the CEDS to focus eventually on conscientious objection, which considers a fundamental right, which must, however, know how to give, not interfere collectability of other rights. Moreover, it indicates, finally, what are the possible ways to give concrete and practical sustainability of conscientious objection.

Scarica il testo completo in PDF

Unione europea, chiese e organizzazioni filosofiche non confessionali (art. 17 TFUE) - di David Durisotto

SOMMARIO: 1. Evoluzione del diritto dell’Unione europea. La tutela dei diritti fondamentali – 2. Il fenomeno religioso – 3. I rapporti delle organizzazioni religiose, filosofiche e non confessionali con l’Unione europea nell’art. 17 TFUE – 4. Il dialogo tra teoria, prassi e limiti di competenza dell’Unione.

Scarica il testo completo in PDF

The Institute for Religious Works: key features of financial intermediation - di Francesca Arnaboldi Bruno Rossignoli

SUMMARY: 1. Introduction – 2. Background to anti-money laundering – 3. Financial intermediation, 2011–2014 – 4. Conclusion.

Scarica il testo completo in PDF

Religious Values and Conflict of Laws - di Sara Tonolo

Summary : 1. Preliminary Remarks - 2. Religious values and nationality - 3. Electio iuris and religious values - 4. Public policy and religious values - 5. The Conventional approach - 6. Conclusive Remarks.

ABSTRACT: The wide evolution of private international law is currently recalling attention to the general aspects of the discipline. Europeanization and globalisation of sources of private international law do not preclude the chance that conflict of laws should also deal with individual identities. To the extent that the European systems have hitherto offered to the application of foreign laws, we are faced with the problem of survival in Europe of an idea of the personality of laws. In fact it’s generally accepted that conflict of laws faces the individual identities of people involved in international relations. Cultural identity may be considered collective and individual at the same time, because each member of the group has an identity of its own. Religious values contribute to defining the cultural identity of individuals: be it in Europe or other countries, cultures, values, civilization, religion, are never absent from the solutions of personal status. Stepping back from the analysis of some cases where religious values are relevant, this Article aims at a theoretical analysis of the subject, involving the contrast between value pluralism, conflict of laws and fundamental rights.

Scarica il testo completo in PDF

Quando è l’abito a fare il lavoratore. La questione del velo islamico, tra libertà di manifestazione della religione ed esigenze dell’impresa - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. Simboli religiosi e competenze dell’Unione europea – 2. Il divieto di discriminazione del lavoratore e l’ammissibilità di regimi derogatori – 3. La problematica delimitazione della portata dell’art. 4, par. 1, della direttiva 2000/78/CE – 4. Il rinvio pregiudiziale davanti alla Corte di giustizia della questione del velo islamico – 5. ( segue ) I dubbi sull’eccessiva concretezza del quesito – 6. Gli orientamenti della giurisprudenza francese – 7. La libertà religiosa nell’impresa privata e le deroghe al diritto antidiscriminatorio: tre notazioni generali – 8. ( segue ) Il problema della rilevanza del requisito professionale “negativo” – 9. ( segue ) Gli spazi di operatività della discriminazione indiretta – 10. Divieto di discriminazione ed esigenze dell’impresa. Una conclusione provvisoria in attesa della pronunzia della Corte di giustizia.

ABSTRACT: An employer refusing to hire an applicant (or discharging an employee) wearing an Islamic headscarf, because of the individual’s religious practice, could be seen as a case of discrimination based on religion and therefore contrary to Council Directive 78/2000/EC of 27 November 2000, establishing a general framework for equal treatment in employment and occupation . However, Article 4(1) of this Directive provides that a difference in treatment based on a characteristic related to the listed grounds of discrimination may not be discriminatory if a particular religion or belief is a genuine occupational requirements for the post. The article examines the question referred at the Court of Justice of the European Union from the Cour de cassation (France) on 24 April 2015: “Must Article 4(1) … be interpreted as meaning that the wish of a customer of an information technology consulting company no longer to have the information technology services of that company provided by an employee, a design engineer, wearing an Islamic headscarf, is a genuine and determining occupational requirement, by reason of the nature of the particular occupational activities concerned or of the context in which they are carried out?”

Scarica il testo completo in PDF

La Santa Sede e la Conferenza di Helsinki per la sicurezza e la cooperazione in Europa - di Giovanni Barberini

“La Conferenza di Helsinki sulla Sicurezza e la Cooperazione in Europa" - è stato autorevolmente affermato dal card. Achille Silvestrini – "ha rappresentato un’esperienza unica nel suo valore. Era la prima volta, dopo il Congresso di Vienna del 1825, che la S. Sede partecipava come full member in un Consesso di Stati (… ). La presenza della S. Sede ad Helsinki ha rappresentato un segno concreto della concezione della pace fra le nazioni come valore morale prima ancora che come questione politica, e una occasione per rivendicare la libertà religiosa come una delle libertà fondamentali di ogni persona e come valore di correlazione nei rapporti fra i popoli”. La Conferenza di Helsinki, che vide ovest ed est uniti sulla via della distensione, costituisce l’esito di una serie di fattori - storici, politici e diplomatici – che hanno infine condotto i soggetti interessati a incontrarsi per discutere di temi di comune interesse, nonostante la forte contrapposizione all’epoca esistente fra i diversi schieramenti a livello mondiale ed europeo. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Persecuzioni religiose e diritto d’asilo nella giurisprudenza delle Corti sovranazionali europee - di Pasquale Annicchino

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Divieto di tortura e persecuzioni religiose nella giurisprudenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo – 3. La nozione di persecuzione religiosa nella giurisprudenza della Corte di Giustizia dell’Unione europea e divergenza rispetto alla Corte di Strasburgo – 4. Conclusioni.

Religious Persecutions and Asylum Law in the case law of European Supranational Courts

ABSTRACT: The rise of restrictions on religious freedom, resulting in the denial of fundamental rights in many parts of the world, has caused an increase in asylum requests in many European countries. This article compares and contrasts the approaches of the European Court of Human Rights and the Court of Justice of the European Union, highlighting common approaches and divergences. Part I introduces the topic. Part II discusses the case law of the European Court of Human Rights. Part III compares and contrasts the approach of the Strasbourg Courts with a recent decision of the Court of Justice of the European Union. Part V concludes arguing for the need of further development of the case law of the European Court of Human Rights in line with the recent developments in EU law.

Scarica il testo completo in PDF

La libertà religiosa in Italia e nella prospettiva europea - di Valerio Tozzi

SOMMARIO : 1. Introduzione - 2. Cenni storici: 2.a) L’unità d’Italia; 2.b) Il fascismo e la Conciliazione del 1929 fra Chiesa e Stato; 2.c) La Repubblica democratica e la Costituzione italiana del 1948 - 3. La disciplina costituzionale dei fenomeni religiosi in Italia nei primi sessanta anni di democrazia repubblicana - 4. La libertà religiosa nella prospettiva europea: 4.a) La costruzione dell’Unione Europea; 4.b) Il fenomeno religioso nelle istituzioni europee. Le chiese dominanti negli Stati nazionali; 4.c) Le libertà religiose individuali e collettive; 4.d) I temi controversi - 5. L’immigrazione e i fenomeni religiosi.

Scarica il testo completo in PDF

I mille splendidi volti della giurisprudenza della Corte di Strasburgo: “guardarsi in faccia” è condizione minima del “vivere insieme” - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. Introduzione – 2. Il velo integrale davanti alla Corte di Strasburgo – 3. I profili procedurali e la sussidiarietà – 4. La ratio della legge francese sul divieto di occultamento del viso – 5. La questione del margine di apprezzamento – 6. Il limite alla libertà di manifestare la religione derivante dalla “protezione dei diritti e delle libertà altrui” – 7. La Corte di Strasburgo “dietro” il velo: la “laïcité” e il suo riverberarsi sulla tutela del diritto di libertà di religione.

ABSTRACT: The French Law no. 2010-1192 of 11 October 2010, introduced the ban on wearing clothing designed to conceal one’s face in public places. Muslim women do not have the possibility of wearing the full-face veil ( burqa / niqab ) in public. The present article explores the question concerning whether the burqa ban is compatible with the democratic society in Europe and particularly with Article 9 of the European Convention of Human Rights, which guarantees the exercise of freedom of thought, conscience and religion. To do so, the paper critically analyzes a recent decision of the Strasbourg Court, S.A.S. v. France of July, the 1 st 2014. The Court held that the barrier raised against others by a veil concealing the face can be perceived as breaching the right of others to live in a space of socialisation which makes living together easier. The Author examines the issue considering various features of secularism and their effects on the different points of view regarding religious freedom.

Scarica il testo completo in PDF

La decisione del Mediatore europeo del 25 gennaio 2013: un passo avanti verso un’applicazione efficace dell’art. 17 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea? - di Marcello Toscano

SOMMARIO: 1. I fatti e il contenzioso – 2. La decisione del Mediatore – 3. Profili di criticità di una pronuncia (utile ma) non risolutiva – 4. (segue) Una valutazione d’insieme – 5. Conclusioni: il futuro del dialogo ex art. 17 TFUE (e le nuove linee-guida della Commissione).

ABSTRACT : The essay analyzes the decision of the European Ombudsman of 25 January 2013, in a case where it was found maladministration by the European Commission, which has made a mistake in interpreting Article 17 of the Treaty on the Functioning of the European Union. Based on this ruling, the author performs some thoughts on the meaning and scope of Article 17 TFEU and reconstructs a reading of this provision that is quite different from that which the European institutions often seem to accept.

Scarica il testo completo in PDF

Islamic Symbols in Europe: the European Court of Human Rights and the European Institutions - di Sara Tonolo

SUMMARY: 1. Preliminary Remarks - 2. The veil before the European Court of Human Rights – 3. Religious Symbols in Article 9 ECHR case law and women’s religious freedom in Europe – 4. Islamic Symbols and European Institutions. Indirect Discrimination? – 5. Conclusive Remarks.

ABSTRACT: Religious freedom within Europe and the place of Islam within Europe are of particular contemporary interest. The focus of recent case law developed by the European Court of Human Rights (ECtHR) has been on national laws which proscribe the wearing of religious symbols in certain aspects of the public sphere, and on the claims more generally to religious and cultural freedom of Muslim minorities in European states. Stepping back from these cases, this Article aims at a theoretical analysis of the subject, involving the contrast between value pluralism as a basis for religious freedom in international law, and other fundamental rights, i.e. women’s or children’s rights. By recognizing the intrinsic connection between individual rights and communal goods, value pluralism opens new pathways for enforcing human rights.

Scarica il testo completo in PDF

La legislazione vaticana in materia finanziaria: un banco di prova dell’art. 17 del TUE e dei principi di collaborazione e cooperazione tra Chiese, Stato e Unione Europea - di Maria Cristina Folliero

SOMMARIO : 1. Premessa – 2. Antefatti e pre-condizioni della legislazione finanziaria vaticana più recente - 3. Il nuovo corso della legislazione finanziaria vaticana: ruolo e funzione dell’art. 17 del Trattato di Lisbona - 4. Chiese e processo di integrazione valoriale europeo - 5. Chiese e processo mercatista di integrazione economica europea - 6. Il processo di integrazione al modello europeo della legislazione finanziaria vaticana - 7. Un processo che continua.

Scarica il testo completo in PDF

Un nouvel équilibre européen dans l’appréhension des convictions religieuses au travail - di Nicolas Hervieu

SOMMAIRE: 1. Introduction – 2. Une évolution conceptuelle favorable aux employés: d’une logique d’exclusion à une logique de mise en balance – 3. Se vêtir au travail conformément à ses convictions religieuses: Un renforcement du droit des employés de manifester leur religion – 4. Agir au travail conformément à ses convictions religieux: Les oscillations européennes face à l’objection de conscience – 5. Conclusion – 6. Appendice. Jurisprudence liée.

ABSTRACT: In a landmark decision impatiently awaited across the Channel, the European Court of Human Rights provided clarifications on the employee right to manifest religious beliefs at work. The balance between employee rights and requirements of employers is not completely upset. But there has been an important new trend in the european reasoning, in regard to the free expression of religious belief. This will not be without consequence, especially in France where many contemporary debate echo the european solution.

Scarica il testo completo in PDF

Flussi migratori, religione e diritto nella polis euro-mediterranea - di Fortunato Freni

SOMMARIO: 1. L’incremento dell’immigrazione in Europa nell’attuale contesto politico e religioso - 2. La “Primavera araba” e le tensioni afferenti alla libertà religiosa nei nuovi equilibri geopolitici - 3. Gli odierni fermenti culturali e giuridici nell’Islam mediterraneo - 4. La prospettiva di una laicità inclusiva euro-mediterranea avverso gli esclusivi schemi “mondialatinizzanti” - 5. Il ruolo dell’Europa nel bacino del Mediterraneo - 6. Alcuni strumenti per estendere la libertà di coscienza a tutte le tendenze culturali: a) il dialogo interreligioso - 7. Segue: b) le normative concordate - 8. Il decentramento comunitario e l’esigenza di una duttile (ma anche non discriminatoria) governance europea.

Migrations and laicity of the law in the polis euro-Mediterranean

ABSTRACT:
The recent increase in migration flows to Europe and the tumultuous popular uprisings in North Africa and the Middle East (so-called Arab Spring) are creating significant problems of coexistence between different cultures and religions throughout the euro-Mediterranean area. Leveraging on new cultural and legal turmoil of the moderate part of the Islam and on the revaluation of the plural open and inclusive identity of the Old Continent, it is hoped the use of a procedural laicity at the entire polis euro-Mediterranean, for bring near both sides of the Mare Nostrum with intercultural dialogue and prevent the worsening of the clash of civilizations: the North Christian and the Muslim South. We propose, therefore, are some tips to overcome the tensions on religious freedom in the new geopolitical balance and for make collaborate with institutions, in a democratic and transparent mode, communities and religious and ethical groups in an attempt to reach a wider area of integration euro-Mediterranean, whose legal system, spreading better peace and social justice, would create more adequate conditions for the protection of inalienable human dignity.
 

Scarica il testo completo in PDF

Droit d’asile (Directive 2011/95/UE dite “qualification”): L’atteinte à la liberté de religion comme persécution - di Luc Leboeuf

SOMMAIRE: 1. Introduction – 2. Le contexte factuel et les questions préjudicielles – 3. La réponse apportée par la Cour de justice – 4. La Convention de Genève cède la place à la Convention européenne des droits de l’homme.

Scarica il testo completo in PDF

L’esercizio dell’attività sindacale dei ministri di culto nella Chiesa ortodossa romena - di Federica Botti

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. La costituzione di organizzazioni sindacali di ministri di culto e laici appartenenti alla BOR - 3. Il riconoscimento della personalità giuridica civile al “Sindicatul Pǎstorul cel Bun”- 4. La questione davanti alla Corte EDU: la preminenza del diritto alla tutela attraverso l’azione sindacale - 5. La Corte EDU e l’esistenza di un “besoin social impérieux” - 6. La risposta della Chiesa ortodossa romena alla sentenza CEDU e l’appello alla Grand Chambre - 7. Alcune considerazioni conclusive.


The exercise of trade-union activity of ministers of religion in the Ortodox Rumenian Church

ABSTRACT: The paper analyses the decision of the EDU Court on lack of recognition of the civil corporate status to the “Sindicatul Pǎstorul cel Bun” formed by ministers of religion and laics of the BOR. This decision was appealed before the Grand Chambre of the Romenian State. In this perspective the debate around the development of the situation within the BOR in relation to what is established by the Romanian law is studied, posing the accent on ecclesiological as well as juridical aspects of the problem. Though without omitting to analyse the labor law aspect of the dispute, the A. offers elements of consideration on the connection between the decision of the EDU Court and art. 8 of the Convention on Human Rights, in relation to the protection of religious denominations autonomy and their right to auto-organization. The paper ends up with considerations on the possibility of juridical systems to impose religious denominations organizations elements of democracy, without violating the principles of autonomy, separation and secularity.

 

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e libertà di educazione di fronte alla Corte di Strasburgo - di Vincenzo Turchi

SOMMARIO: 1. Libertà religiosa e libertà di educazione: note preliminari – 2. Consiglio d’Europa ed Unione Europea: la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali – 3. La Corte europea dei diritti dell’uomo – 4. La funzione interpretativa della Corte nel diritto interno. In particolare, quale fonte integratrice del parametro interposto di costituzionalità ex art. 117, comma 1° Cost. – 5. Educazione e religione nella giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo. I rapporti familiari – 6. Libertà religiosa e libertà di educazione nel prisma della struttura scolastica. Le scuole confessionalmente orientate – 7. Gli insegnamenti obbligatori di religione – 8. I simboli religiosi – 9. In particolare, la “questione” del crocifisso (caso Lautsi c. Italia) – 10. Sintesi conclusiva.

ABSTRACT: The purpose of the paper consists in examining the cases submitted to the European Court of Human Rights in which religious freedom (art. 9 of European Convention of Human Rights) is, in a specific way, related to the right to education (art. 1 of Protocol 1). The fields where arise most important problems are as follows: family relationship, denominational Schools, compulsory denominational (confessional) instruction in Schools, religious symbols in State Schools. From the latest judgments at Strasbourg Court, it seems to emerge a new perspective of the principle of laicità, clearly open to social pluralism. As the Court stated concerning educative pluralism: “the possibility of pluralism in education […] is essential for the preservation of the “democratic society” as conceived by the Convention”.

Scarica il testo completo in PDF

I simboli religiosi nello spazio pubblico nella recente esperienza europea - di Paolo Cavana

SOMMARIO: 1. Premessa: alle origini del dibattito attuale - 2. La giurisprudenza della CEDU sui simboli religiosi - 3. La sentenza Lautsi e la sua ratio decidendi: a) Il crocifisso come simbolo passivo - 4. (segue) b) Il margine di apprezzamento dello Stato e le tradizioni nazionali - 5. (segue) c) La garanzia di un contesto pluralista e l’evoluzione del principio di laicità - 6. Gli effetti della  sentenza Lautsi sulla giurisprudenza della CEDU - 7. Gli effetti della sentenza Lautsi in Europa. a) Francia. b) Turchia. c) Germania. d) Paesi di tradizione ortodossa. e) Spagna - 8. Il caso italiano e il ruolo dello Stato nel sostegno ai simboli religiosi della tradizione - 9. La soluzione legislativa: pro e contro - 10. Osservazioni conclusive.

ABSTRACT: This paper examines the issue of religious symbols in the public spaces in the recent European experience. After some preliminary remarks about the origins of the present debate, comparing the American and European religious models, it focuses on the line of decisions of the ECHR in matters of religious symbols. In particular it takes the contents of the Lautsi judgement (2011) into consideration and evaluates its possible effects on the future decisions of the ECHR and of national courts of European countries like France, Turkey, Germany, countries of Orthodox tradition and Spain. In the end it makes some conclusive remarks about the Italian case and the role of the State in supporting the religious symbols of the tradition, examining the advantages and disadvantages of the legislative solution.

Scarica il testo completo in PDF

Interculturalità, libertà religiosa, abbigliamento. La questione del burqa - di Giulia Bassetti

SOMMARIO. 1. Multiculturalità e compatibilità ordinamentali. - 2. Abbigliamento e prescrizioni religiose: i simboli dei Sikh.- 3. La questione del velo islamico. - 4. La giurisprudenza europea e il velo islamico. - 5. Il burqa e la specificità del problema. - 6. Le normative nazionali e il burqa. - 7. Orientamenti delle istituzioni europee. - 8. Normativa applicabile e prospettive future in Italia.

Scarica il testo completo in PDF

Liberté de Religion dans le contexte établi selon le Traité de Lisbonne - di Giorgio Feliciani

Pour affronter le thème proposé à l’attention de cette table ronde, il nous faut partir de l’Article 10, n° 1 de la Charte des droits fondamentaux de l’Union européenne, qui, on le sait, reconnaît à toute personne, sous le titre "Liberté de pensée, de conscience et de religion", le droit à telle liberté, en précisant que celui-ci "implique la liberté de changer de religion ou de conviction, ainsi que la liberté de manifester sa religion ou sa conviction individuellement ou collectivement, en public ou en privé, par le culte, l'enseignement, les pratiques et l'accomplissement des rites". (continua)
 

Scarica il testo completo in PDF

Liberté syndicale (art. 11 CEDH): conflit entre le droit de fonder un syndicat et le principe d’autonomie des communautés religieuses - di Nicolas Hervieu

SOMMAIRE: 1. Introduction. L’enjeu du droit les employés cléricaux et laïcs d’une communauté religieuse de se constituer en syndicat – 2. L’applicabilité à une communauté religieuse des principes conventionnels dérivés de l’article 11 CEDH – 3. L’intensité de la protection offerte par l’article 11 dans le contexte religieux – 4. L’interdiction d’un syndicat au sein d’une communauté religieuse: une violation conventionnelle per se – 5. Conclusion.

Scarica il testo completo in PDF

Note su religione e sfera pubblica tra Costituzione italiana e Convenzione europea “dei diritti dell’uomo” - di Filippo Vari

Il tema del ruolo della religione nella società e del rapporto tra potere pubblico e religione o, per riprendere una terminologia antica, tra imperium e sacerdotium, oggetto di una poderosa riflessione scientifica, è stato riproposto con forza dalla decisione della seconda sezione della Corte europea dei diritti dell’uomo nel caso Lautsi v. Italia. (Continua)
 

Scarica il testo completo in PDF

La sentenza Lautsi e altri c. Italia della Corte europea dei Diritti dell’Uomo - di Marcello Toscano

SOMMARIO: 1. Premessa: uno strano silenzio – 2. Il ricorso governativo e il suo seguito – 3. La sentenza della Grande Camera – 4. La “fuga“ dalla laicità e la regressione del principio di neutralità – 5. Simboli “forti” e simboli “passivi” – 6. Considerazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

La pronuncia della Grande Chambre della Corte di Strasburgo sul caso Lautsi C. Italia: post nubila Phoebus - di Vincenzo Turchi

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La giurisdizione domestica sul caso Lautsi - 3. La sentenza della Seconda Sezione della Corte - 4. La sentenza della Grande Chambre - 5. Laicità al plurale - 6. Metagiuridica del crocifisso.

Scarica il testo completo in PDF

L’appartenenza religiosa tra apostasia, divieto di proselitismo e ricerca d’identità - di Giovanni Cimbalo

SOMMARIO: 1. Globalizzazione e difesa dell’identità religiosa - 2. L’apostasia in Italia da atto individuale a comportamento  collettivo - 3. Proselitismo aggressivo e apostasia - 4. La “difesa dello spazio territoriale” nell’ortodossia e il proselitismo tra le confessioni cristiane. Il “modello greco” - 5. La CEDU di fronte al divieto di proselitismo e a tutela della libertà di coscienza - 6. La libertà di non credere nello spazio giuridico dell’Unione Europea.
 

Scarica il testo completo in PDF

Convenzione europea, giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’Uomo e sua incidenza sul diritto ecclesiastico italiano. Un’opportunità per la ripresa del pluralismo confessionale? - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. Un primo interrogativo: il nostro pluralismo confessionale è “vivo o morto”? - 2 – Il raffronto tra il pluralismo confessionale in Italia e quello dell’Europa – 3. La supervisione internazionale nella tutela dei diritti fondamentali e l’art. 9 della CEDU – 4. Il tema delle relazioni tra gli stati-membri e le chiese e le vicende del “margine di apprezzamento” - 5. Le difficoltà italiane nell’adeguamento ai principi della Convenzione europea – 6. L’elaborazione dei principi ad opera delle Corti e la loro applicazione – 7. Verso uno standard minimo convenzionale? – 8. Le norme della CEDU quali fonti interposte nel sistema gerarchico delle fonti - 9 - L’interpretazione convenzionalmente orientata del diritto interno – 10. (segue) e il contesto dei fini-valori della CEDU - 11. Il sistema integrato delle fonti – 12. L’esecuzione delle decisioni della Cedu - 13. Per un pluralismo di “sana e robusta costituzione”, con qualche considerazione sul pragmatismo.

Scarica il testo completo in PDF

Liberté de religion (Art. 9 CEDH) : Reconnaissance conventionnelle du droit à l’objection de conscience - di Nicolas Hervieu

SOMMAIRE: 1. Introduction. Sur l’existence d’un droit à l’objection de conscience – 2. La consécration du droit à l’objection de conscience: entre revirement de jurisprudence et correction tardive d’une interprétation passée – 3. Les implications du droit à l’objection de conscience: entre souhait d’effectivité et souci d’encadrement – 4. Conclusion.

ABSTRACT: In the Bayatyan v. Armenia case, the Grand Chamber of the European Court of Human Rights has decided to reverse the solution previously adopted by the Chamber and devote a right to conscientious objection. Obviously, this result is remarkable because totally new and against the grain of earlier decisions, particularly the decisions of the former European Commission of Human Rights. To find a breach of Article 9 (Freedom of thought, conscience and religion), the Grand Chamber has used – again – a dynamic and evolutive approach, and has “reiterated (…) that the Convention is a living instrument which must be interpreted in the light of present-day conditions and of the ideas prevailing in democratic States today” (§ 102).

Scarica il testo completo in PDF

Le fonti CSCE/OSCE sulle minoranze nazionali - di Giovanni Barberini

1 - La protezione delle minoranze nazionali è stato certamente un tema caro alla Conferenza sulla Sicurezza e la Cooperazione in Europa (CSCE) e ora all'Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE); e i dibattiti, i negoziati, i documenti, gli interventi che si sono registrati dall'avvio dei lavori della Conferenza di Helsinki costituiscono un elemento particolarmente significativo della sua storia. (continua)

ABSTRACT: The problem of the protection of national minorities was considered in the Helsinki Final Act of the Conference on Security and Co-operation in Europe (CSCE) in the 1975 from point of view of the individual rights; the VII principle of the decalogue that enacted the respect for human rights and fundamental freedoms for all the persons, including those belonging to national minorities, had to be read in the logic of the principles of the inviolability of frontiers and the territorial integrity of States. The difficulties met by the doctrine to give a definition of national minorities also explain him with the history, with the tradition and with the political and war stories that Europe has crossed making to record so many deeply different situations among them and also potential cause of conflicts. In 1989 the problem of the protection of the minorities started to earn in the sensibility of the international community and they resulted a great deal meaningful the contained forecasts in the conclusive documents of three CSCE Meetings: Copenhagen, 1990; Geneva, 1991 and Helsinki 2 in the 1992. The international community takings action that the matter of the national minorities was connected with the security system and of stability in the European continent. Also for this reason the participating States to the CSCE decided to found the office of the High Commissioner on national minorities which a great discretionary competence is recognized for assuring the early warning and a early action and political interventions regarding tensions involving the national minorities that can degenerate in conflicts. The CSCE and now the OSCE, has intended to give life to a pacific system of “internationalization” of the problems concerning the national minorities.

Scarica il testo completo in PDF

Defamation of Religions: A Vague and Overbroad Theory that Threatens Basic Human Rights - di Allison G. Belnap

SUMMARY: 1. Introduction - 2. History of and Motivations for the OIC Defamation of Religions Resolutions - 2.a - The OIC Exerts a Concerted Effort to Protect Islam - 2.b - Terrorist Attacks and Danish Cartoons Raise the Stakes - 3. Defamation of Religions: A Permissible Restraint on Freedom of Speech and Expression? - 3.a - History, Basic Elements, and Contemporary Usage of Defamation - 3.b - Interaction Between Defamation of Religions and the Basic Human Rights Enumerated in Major International Instruments - 4. The Evolution of a Resolution - 4.a. 1999-2000: Beginnings - 4.b. 2001: A Pre-9/11 World - 4.c. 2002: Reactions to the Violent Backlash Against Muslims - 4.d. 2003-2004: Fluctuations in Support - 4.e. 2005: Intensification of a Campaign - 4.f. 2006-2007: The Move to the General Assembly - 4.g. 2008: Decreasing Margins of Support - 4.h. 2009: Current Resolution and Recommendations for Application - 5. Consequences of Accepting the Resolutions and Subsequent Enactment of Statutes Designed to Prevent Defamation of Religions - 5.a. Human Rights Committee - 5.b. The European Court of Human Rights - 5.c. Blasphemy, Incitement, and Hate Speech Laws and Their Enforcement - 5.d. Possible Future Statutes and Enforcement Under Defamation of Religions Theory - 6. Alternatives to Defamation of Religions in the U.N. Resolutions - 7. Conclusion.

Scarica il testo completo in PDF

Liberté de religion (art. 9 CEDH): droit de ne pas être contraint de révéler ses convictions religieuses et prélèvement à la source de l’impôt cultuel. L’affaire Wasmuth c. Allemagne - di Nicolas Hervieu

Avec une certaine obstination contentieuse, un salarié a régulièrement cherché, depuis 1996, à remettre en cause le système de prélèvement à la source de l’impôt cultuel tel qu’il existe en Allemagne. Dans cet Etat, en effet, les employés doivent remettre à leur employeur respectif “une carte d’impôt sur le salaire" sur  laquelle, entre autres informations, figure  “l’appartenance à une Eglise ou une société religieuse habilitée à lever l’impôt cultuel”. Si le salarié use de son droit de refuser le paiement d’un tel impôt, la mention «--» sera portée dans la case dédiée à l’appartenance religieuse. Dès lors, l’employeur ne retiendra pas sur le salaire la fraction correspondant à cet impôt et ne la transmettra pas au Trésor Public. (Continua)
 

Scarica il testo completo in PDF

Matrimonio e famiglia. Limiti di competenza e profili di rilevanza dell’ordinamento comunitario - di Venerando Marano

SOMMARIO: 1. Unione europea e famiglia, ovvero la suggestione di un paradosso – 2. Gli interventi dell’Unione: a) strumenti a carattere normativo – 3. … b) interventi giuridicamente non vincolanti – 4. … c) indici giurisprudenziali – 5. Limiti di competenza e profili di rilevanza dell’ordinamento comunitario. Il contributo delle Chiese.

Scarica il testo completo in PDF

The European Convention on Human Rights and Church-State Relations. Pluralism vs. Pluralism - di Françoise Tulkens

SUMMARY: INTRODUCTION: Key Provision – An Indirect Regulation - The Court is Not a Constitutional Court - Judicial Restraint - A Vision of Religious Freedom - Institutional Dimension of Religious Freedom - I. MODELS: No Arbitrary State Interference - State Neutrality and Impartiality - II. COUNTER-MODELS: Islam – Sects.

Scarica il testo completo in PDF

La Conferenza delle chiese europee (KEK) e l’attuazione del Trattato di Lisbona - di Gianni Long

SOMMARIO: 1. La Conferenza delle chiese europee – 2. La KEK in dialogo con gli organismi cattolici e le istituzioni europee – 3. La KEK in dialogo con gli organismi cattolici e le istituzioni europee- 4- Il documento comune KEK-COMECE sull’attuazione dell’art. 17 – 5. La proposta della KEK per un dialogo aperto, trasparente e regolare.

Scarica il testo completo in PDF

I “nuovi” diritti - di Marta Cartabia

SOMMARIO: 1. L’età dei “nuovi” diritti in Europa - 2. Nuovi assetti istituzionali dell’Europa dei diritti – 3. Due casi esemplari: il diritto al figlio e il diritto al matrimonio omosessuale - 4. I “nuovi” diritti come espressione della privacy e del principio di non discriminazione - 5. “Nuovi” diritti senza limiti - 6. A conclusione: alcuni spunti problematici.

Scarica il testo completo in PDF

Le confessioni religiose e il principio di sussidiarietà nell’Unione europea: un nuovo giurisdizionalismo attraverso il mercato - di Federica Botti

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Il Trattato di Lisbona: un nuovo ruolo per le Confessioni religiose - 3. La gestione dei servizi alla persona come opportunità di investimento attraverso il ricorso alla sussidiarietà orizzontale - 4. Il ruolo delle Confessioni religiose nella costruzione di posizioni dominanti sul mercato dei servizi alla persona: il caso della Romania - 5. Il divieto di aiuti statali alle attività economiche e la costruzione di posizioni di vantaggio: il caso della Chiesa Cattolica in Italia - 6. Invarianze e aporie del Diritto comunitario.

Scarica il testo completo in PDF

Beni culturali e diritto dell’Unione europea - di Manlio Frigo

SOMMARIO: 1. Il ruolo di cultura, valori di coscienza e religione nei trattati dell’Unione europea – 2. Il rilievo dei beni culturali nelle disposizioni dei trattati – 3. La nozione di bene culturale e la disciplina dei beni culturali nelle fonti secondarie del diritto dell’Unione europea – 4. La disciplina italiana, la questione dei beni culturali di interesse religioso e la compatibilità con le norme europee

Scarica il testo completo in PDF

“Diritto della Unione Europea e status delle confessioni religiose”. Apertura dei lavori - di Giorgio Feliciani

Il presente incontro costituisce la continuazione e lo sviluppo della riflessione iniziata con il Convegno, svoltosi in Università Cattolica nel maggio 1999, su “Chiese, associazioni, comunità religiose e organizzazioni non confessionali nell’Unione Europea”. Su tale problematica si confrontarono allora non solo qualificati esperti e autorevoli esponenti della Commissione europea, ma anche rappresentanti di organismi confessionali e ideologici accreditati presso la stessa. Tra le tante significative acquisizioni dei lavori merita ricordare quanto ebbe ad avvertire Thomas Jansen, presidente della “Cellule de prospective” allora incaricata di assicurare il dialogo dell’Unione con le “communautés de foi et de conviction”. Egli ebbe infatti a rilevare che l’interesse della Commissione nei confronti di questi “partenaires” non derivava tanto dal loro pur rilevante ruolo quali attori della società civile, ma soprattutto dall’apporto che essi potevano offrire sotto il profilo etico alla identificazione e definizione dell’identità e del significato della Unione. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Post-democrazia europea e principio di cooperazione Unione Europea-Religioni - di Maria Cristina Folliero

SOMMARIO: 1. Premessa: cooperazione e sussidiarietà come principi-motore degli attuali processi di integrazione tra ordinamenti politici e religioni - 2. Percorso ed esiti del principio di cooperazione tra ordinamenti politici europei e chiese - 3. Dalla Carta di Nizza all’art. 17 del Trattato di Lisbona - 4. Reazioni, conseguenze e modifiche delle relazioni tra Comunità Europea e Chiese a seguito dell’entrata in vigore dell’art. 17 del Trattato di Lisbona - 5. Incidenza dell’art. 7 del Trattato in materia di interventi legislativi statali a carattere finanziario in favore delle Chiese - 6. L’art. 17 del Trattato, la ripartenza del principio di cooperazione nel diritto dell’Unione e le modifiche indotte nel sistema di relazioni interne tra le Chiese.

Scarica il testo completo in PDF

Le scuole europee. Un modello di educazione multilingue e multiculturale - di Rita Benigni

SOMMARIO 1. Nascita ed evoluzione del sistema di Scuole europee - 2. L’organizzazione istituzionale tra decentralizzazione e conservazione dell’unità del sistema - 3. Il programma di studi europeo: una educazione multilingue e multiculturale. Il corso di morale non confessionale - 4. (segue) L’insegnamento della religione.

Scarica il testo completo in PDF

Kosteski v. FYRM: spunti di riflessione sulla religiosità individuale nella giurisprudenza della Corte europea dei diritti umani - di Silvia Angeletti

SOMMARIO: 1. La dimensione individuale e collettiva della religione e l’intervento dello Stato - 2. Il caso Kosteski c. FYRM: l’onere della «prova pubblica» sugli orientamenti confessionali – 3. Religiosità individuale e appartenenza confessionale, tra manifestazioni legittime e riservatezza del forum internum - 3.1. Gli «atti motivati da ragioni religiose» nell’interpretazione della Corte europea. Effetti restrittivi nell’applicazione dell’art. 9 - 3.2. Recenti tendenze nella giurisprudenza dei giudici di Strasburgo: individual approach o state-oriented approach?

Scarica il testo completo in PDF

Is the glass half empty or half full? Lautsi v Italy before the European Court of Human Rights - di Pasquale Annicchino

SUMMARY: 1. PART I. Introduction – 2. National proceedings – 3. The case before the ECtHR – 4. The decision of the court – 5. The reaction to the decision – Part II. A BRIEF ANALYSIS OF THE JUDGMENT. - 6. The composition of the court – 7. The meaning of the crucifix – 8. The holding of the case: did the court reach the right decision? – 9. The concept of neutrality – 10. Conclusion.

Scarica il testo completo in PDF

Nuovi segnali di crisi: i casi Lombardi Vallauri e Lautsi davanti alla Corte europea dei diritti dell’uomo - di Marcello Toscano

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Il caso Lombardi Vallauri c. Italia: la vicenda - 3. L’analisi della Corte: diritto alla libertà d’espressione e diritto a un processo equo - 4. Università confessionali, procès équitable e principio supremo di tutela giurisdizionale-– 5. Tutela giurisdizionale, principio supremo di laicità e distinzione degli ordini - 6. La sentenza Lautsi c. Italia: i fatti - 7. La decisione della Corte - 8. Alcune osservazioni - 9. L’epilogo europeo di una vicenda tutta italiana - 10. Conclusioni … - 11. … e qualche (disillusa) previsione di breve periodo.

Scarica il testo completo in PDF

Associazioni religiose e “nuovi movimenti” religiosi alla prova del diritto comune in Italia e del diritto comunitario - di Antonino Mantineo

SOMMARIO: 1. La difficile nozione di Confessione religiosa - 2. L’espansione del fenomeno religioso e i nodi problematici emergenti - 3. Qualche spunto e prospettiva per un diritto comunitario sulla libertà religiosa.

Scarica il testo completo in PDF

Stati e religioni in Europa: problemi e prospettive - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: A. Una premessa sulle complessità dell’Europa – B. Le evidenze del presente – C. I cambiamenti in corso – D. I problemi del futuro.

Scarica il testo completo in PDF

Identità culturale e regolazione dei rapporti di famiglia tra applicazioni giurisprudenziali e dettami normativi - di Rita Benigni

SOMMARIO: Premessa - 1. Identità culturale, diritti umani e principi costitutivi delle democrazie occidentali. Gli interventi europei e la Carta dei valori e della cittadinanza italiana - 2. La regolazione della famiglia tra diritto all’identità e modello socio-giuridico europeo. La poligamia, il ripudio, la dote - 3. Il motivo culturale nell’interesse della prole e del minore. I rapporti di filiazione e la kafalah - 4. (Segue) Il ricongiungimento familiare. L’abbandono ed i maltrattamenti del minore - 5. Cultural defenses e reati culturali: la tendenza all’esclusione nella giurisprudenza europea - 6. (Segue) Linee evolutive: l’accoglienza del motivo culturale nel sistema penale italiano e l’impegno internazionale contro i “crimini d’onore”.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e società multiculturali: la risposta italiana - di Maria Cristina Folliero

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. L’Europa e il caso italiano. Percorsi comuni: accostamenti e distanze - 3. Società multiculturali, secolarizzazione e riconoscimento del ruolo pubblico delle Chiese - 4. Elementi della situazione interna su cui riflettere – 5. Conclusioni molto provvisorie.

Scarica il testo completo in PDF

Chiese e organizzazioni religiose nel Trattato di Lisbona - di Gianfranco Macrì

SOMMARIO: 1. I diritti fondamentali come radici della nuova Europa. 2. Europa, società civile e religioni. 3. Le organizzazioni religiose nel Trattato di Lisbona: problemi e prospettive.

Scarica il testo completo in PDF

Laicità, radici cristiane e regolamentazione del fenomeno religioso nella dimensione dell’U.E. - di Giovanni B. Varnier

SOMMARIO: 1. L’Europa tra laicità e laicismo – 2. Distinzione e collaborazione tra Stato e confessioni religiose – 3. La disciplina del fenomeno religioso a livello europeo – 4. Il fronte islamico – 5. La dimensione universale della Chiesa cattolica – 6. Considerazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

L’affaire di Scientology. La qualificazione in via giudiziaria di una confessione nel contesto ‘europeo’ della libertà di religione - di Germana Carobene

SOMMARIO: 1. Il caso della Chiesa di Scientology davanti alla Corte Europea dei diritti dell’uomo - 2. La particolare evoluzione dei rapporti potere politico - fenomeno religioso nella storia russa - 3. Scientology e le problematiche di identificazione di una ‘confessione religiosa’ - 4. I rilievi dei giudici europei: violazione della libertà religiosa e necessità di intervento nella domestic jurisdiction.

Scarica il testo completo in PDF

La libertà religiosa “organizzata” nella giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo: prime linee di lettura - di Marcello Toscano

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Le decisioni della Commissione - 3. L’approccio sostanzialistico della Corte - 4. Qualche osservazione conclusiva.

Scarica il testo completo in PDF

De la libertad religiosa a la promoción de las religiones - di Iván C. Ibán

Hubo una época, muy remota en el tiempo, en la que la opinión de los juristas teóricos tenía un valor normativo. El Derecho romano clásico, la Ley de citas, el Ius commune, Ulpiano, Baldo, etc., son expresiones que tienen mucho que ver con aquellos gloriosos tiempos en los que la actividad que yo intento realizar desde hace más de tres décadas tenía alguna utilidad. Esos tiempos han pasado. Desde que la afirmación del Estado en el plano político y del racionalismo en el filosófico son una realidad incontrovertible. Desde que hemos asumido sin asomo de crítica alguna, que corresponde al Estado hacer la lex, y que con esta es suficiente para conformar el ordenamiento, con los apoyos de la Administración, que de hecho coincide con el legislativo (mayoría parlamentaria), y con la sumisión a la ley por parte de los jueces (y ello sin entrar en el proceloso terreno del control político de la judicatura), lo que podríamos llamar doctrina científica no pasa de ser un entretenimiento para diletantes. (Continua)
 

Scarica il testo completo in PDF

Islam, rappresentanza degli interessi religiosi e diritto comune europeo - di Gianfranco Macrì

SOMMARIO: Premessa - 1. La società «reticolare» europea: sistema di governance e valori unificanti - 2. Europa e fenomeno religioso - 3. La sostanza del Trattato di Lisbona e il ruolo delle organizzazioni religiose - 4. Il dibattito interno all’Islam europeo - 5. La Carta dei musulmani d’Europa - 6. La rappresentanza degli interessi religiosi dell’Islam in Europa - Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

La rilevanza civile dei matrimoni religiosi in Italia in una prospettiva comparatistica - di Adelaide Madera

SOMMARIO: 1. L’evoluzione del matrimonio in senso secolaristico – 2. Le riforme legislative in materia matrimoniale in Spagna – 3. La disciplina matrimoniale adottata in Italia – 4. La tutela delle esigenze confessionali: a) in Italia – 5. …b) in Spagna – 6. Le peculiarità della rilevanza civile accordata al matrimonio islamico in Spagna – 7. L’esigenza di una legge aggiornata in materia di libertà religiosa in Italia – 8. Il riconoscimento di forme di autonomia in materia matrimoniale – 9. Possibili forme di riconoscimento delle esigenze confessionali mediante il diritto comune – 10. Il covenant marriage negli U.S.A. – 11. Ammissibilità (o no) del covenant marriage negli ordinamenti di tipo concordatario – 12. Problematiche relative all’assenza di una normativa di attuazione in materia matrimoniale in Italia – 13. Verso la realizzazione di un sistema matrimoniale europeo? – 14. Gli orientamenti rinvenibili nel Regolamento n. 2201 del 2003.

Scarica il testo completo in PDF

Laicità come strumento di educazione alla convivenza - di Giovanni Cimbalo

SOMMARIO: 1. Nozione - 1.1. La laicità come valore - 1.2 Le radici non religiose della laicità - 2. La laicità come strumento di governo - 2.1. Dei gruppi - 2.2. Delle persone - 3. Lo status di cittadino - 3.1. La transizione verso lo status di cittadino - 3.2. L’acquisizione della cittadinanza - 3.3. Verso il superamento dello status di cittadino - 4. Le relazioni con i gruppi - 4. 1. Il pluralismo confessionale - 4.2. Le organizzazioni filosofiche non confessionali - 5. La libertà di pensiero come valore - 6. Dialettica della tolleranza e pluralismo etico - 6.1. Consociativismo e laicità - 7. La laicità come strumento di circolazione e omogeneizzazione del diritto: a) nell’Unione Europea; b) nel diritto internazionale - 8. La laicità nell’ordinamento giuridico italiano: un caso di subordinazione a formanti esterni - 8.1. L’apporto dell’elaborazione culturale - 8.2. Degli ordinamenti esterni - 8.3. Il condizionamento della legislazione a carattere consociativo - 9. Esigenze e prospettive di libertà.

Scarica il testo completo in PDF

Le radici europee della laicità dello Stato - di Maria Gabriella Belgiorno de Stefano

SOMMARIO: 1. Premesse – 2. La carta della laicità dello Stato scritta nel secondo comma dell’art. 9 della Convenzione europea dei Diritti dell’Uomo – 3. Gli Stati Europei e la Carta di Laicità per l’Europa.

Scarica il testo completo in PDF

L’Unione europea ed i diritti fondamentali: l’accordo tra la Santa Sede e la Slovacchia sull’obiezione di coscienza al vaglio del Parlamento europeo - di Natascia Marchei

SOMMARIO: 1. La bozza di accordo tra la Santa Sede e la Slovacchia in materia di obiezione di coscienza e l’intervento del Parlamento europeo - 2. La “competenza” dell’Unione europea in materia di diritti fondamentali: brevi cenni - 3. Il parere redatto dal gruppo di esperti: il diritto di accesso effettivo all’aborto - 4. Segue. L’indicazione di dettaglio dei limiti a cui deve essere sottoposto il diritto all’obiezione di coscienza - 5. La posizione privilegiata della Chiesa cattolica e la protezione del diritto fondamentale di libertà religiosa.