Rivista telematica (www.statoechiese.it)
Online dal gennaio 2007
Menu

Articoli in

Libertà di scelta della terapia e violenza medica. Brevi considerazioni sul rifiuto delle trasfusioni di sangue dei Testimoni di Geova - di Pierluigi Consorti

SOMMARIO: 1. - Il “caso Oneda” - 2. -Evoluzione successiva e stato attuale - 3. - La violenza medica - 4. Conclusioni - Appendice.

Freedom of choice of therapy and medical violence. Brief Considerations on the Refusal of Blood Transfusions by Jehovah's Witnesses

ABSTRACT: This short essay considers the change in the jurisprudential orientation on the matter in the light of the recent regulatory and healthcare evolution. In Italy the debate began with the Oneda case, which saw the conviction of two parents who opposed the transfusions of their daughter - at the time the only known therapy to combat a severe form of anemia. Nowadays, this question must be contextualized in the light both of the principle of health self-determination and the possibility of the "bloodless" treatment. Therefore, the Court of Tivoli (the sentence is attached in appendix) recently convicted a doctor who transfused a dissenting patient for “private violence”.

Scarica il testo completo in PDF

Il problema della vulnerabilità nelle Raccomandazioni SIAARTI e nelle linee guida SIAARTI-SIMLA - di Camilla Della Giustina

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. La tutela della salute nell’emergenza sanitaria: le raccomandazioni e linee guida delle società scientifiche quali sintomi della crisi delle fonti del diritto - 3. Il concetto di vulnerabilità - 4. Le Raccomandazioni di etica clinica della SIAARTI del 6 marzo 2020: criticità - 5. Le linee guida SIAARTI-SIMLA: nulla di nuovo nelle scelte di triage – 6. Conclusioni.

The problem of vulnerability in the SIAARTI Recommendations and in the SIAARTI-SIMLA guidelines

ABSTRACT: During the health emergency from Covid-19 a situation of scarcity of health resources has been realized that has induced the SIAARTI to elaborate of the recommendations of clinical ethics. The latter are subject to multiple criticism because of the choice of criteria for allocation of resources because one of the criteria used is the chronological criteria. From this it was decided to analyze the condition of a category of vulnerable people, namely the elderly, during the health emergency. Subsequently, the position these subjects possess within the recommendations of clinical ethics of SIAARTI and the guidelines elaborated by SIAARTI and SIMLA was analyzed.

Scarica il testo completo in PDF

“La sfera e la croce”, ovvero i feti abortiti come rifiuto da distruggere o come resti mortali da onorare - di Abramo Dentilli

SOMMARIO: 1. L’art. 7 del d.p.r. n. 285 del 1990 - 2. Parti anatomiche amputate e rifiuti infettivi - 3. Riflessioni sul trattamento dei feti abortiti - 4. Qualche precisazione su temi connessi - 5. A mo’ di conclusione.

“The Ball and the Cross”: the fetuses aborted as medical waste to be destroyed or as mortal remains to be honoured

ABSTRACT: Is there an obligation for Italian hospitals to destroy aborted fetuses as infectious waste? Yes, for a recently published paper. On the contrary, we’ll se that, even without an explicit application of the mother, the hospital has the right not to destroy the aborted fetus, proceeding to its burial or cremation. In fact, it is necessary to interpret correctly the article 7 of the Decree of the President of the Republic n. 285 of 1990, also applying the rules on the treatment of medical waste. So it will be clear that the same regulations for the treatment of recognizable body parts must be applied to the treatment of aborted fetuses.

Scarica il testo completo in PDF

On the legal, bioethical, and moral assessment of commercial “surrogacy” - di Igor V. Ponkin Alexandra A. Ponkina

SUMMARY: 1. Problem description - 2. Business based on commercial “surrogacy” is immoral and inhuman in nature, can be defined as the organisation and implementation of hidden child trafficking and mediation in such trade - 3. Illegal presumption and positioning of a child (whose birth “surrogacy” is aimed at) as an object of a commercial transaction, which is endowed with the characteristics of a product and consumer commodity properties, in “surrogacy” transactions - 4. Ideologically motivated, manipulative substitution of the concepts of the mother of the child and a woman-donor of an ovum, claiming to have a child born as a result of the “surrogacy” technologies use - 5. The practice of “surrogacy” is a gross violation of the child's rights, first of all, the child's right to his/her natural mother - 6. Legal and actual inconsistency and defectiveness of classifying commercially motivated “surrogacy” as an assisted reproductive technology and a form of high-tech or other medical care - 7. Reduction of the value and role of a woman as the mother to the value and role of a paid, commercially exploited living “human incubator”, a means of production by technology and the industry of “surrogacy” - 8. Risks of using children “obtained” as a result of “surrogacy” for criminal purposes - 9. Conclusions.

ABSTRACT: This article presents a critical legal and bioethical analysis of the legal framework and practice of using the technology of commercial surrogacy («surrogate motherhood») - as a paid service provided in the interests of a third party (customers, third parties) with the subsequent transfer ("alienation") of this child to the customer of such a service. In conclusion a moral assessment of such actions is given.

Scarica il testo completo in PDF

Il fondamento etico del diritto - di Carlo Cardia

SOMMARIO: 1. Premessa. I confini del diritto - 2. La dimensione etica, prima base dell’Ordinamento - 3. Il rapporto pubblico-privato, la stagione delle Riforme. Le nuove relazioni ecclesiastiche - 4. La laicità, fonte delle leggi, coerente con la dignità della persona.

Scarica il testo completo in PDF

A come aborto: la “lettera scarlatta” del XXI secolo nel Giardino degli angeli - di Silvia Baldassarre

SOMMARIO: 1. Il caso - 2. La normativa di riferimento - 3. Interruzione di gravidanza e diritto alla privacy - 4. Nel nome della madre e del figlio mai nato - 5. I cimiteri dei feti - 6. Osservazioni conclusive.

A for abortion: The Scarlet Letter in XXI century in the “Garden of angels”.

ABSTRACT: The work analyzes in a juridical key the story of the burial of an abortive product, in the "garden of the angels" (Flaminio cemetery in Rome). The burial, which took place without the mother's consent, is marked by a cross with the woman's personal data. This circumstance raises several critical profiles, examined in the article, regarding the right to privacy, the right to self-determination and freedom of conscience.

Scarica il testo completo in PDF

Svizzera e Italia: soluzioni di triage e medicina intensiva a confronto - di Federica Botti

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La strategia elvetica per fare fronte alla pandemia e le osservazioni da parte della Conferenza Episcopale Svizzera - 3. La situazione italiana di fronte alla pandemia e le scelte in campo medico. I limiti all’autodeterminazione attraverso la proposta di introdurre l’obiezione di coscienza - 4. Conclusioni.

Switzerland and Italy: triage and intensive medicine solutions in comparison

ABSTRACT: Italy and Switzerland are two very different countries. This diversity is particularly evident in the health sector, not only in terms of its organization and management, but above all in the different approach that each country has with regard to the health of its members. The exaltation of therapeutic self-determination by Switzerland clashes with the medical paternalism to which Italy remains nostalgically linked, despite the fact that the needs of Italian society have changed profoundly. However, the dramatic choices to which the spread of Covid-19 has led have created the conditions for an inevitable reversal of the trend on the part of Italy and its approach to Swiss policies in terms of defending the freedom of choice of the individual.

Scarica il testo completo in PDF

Scienza e coscienza ai tempi dell’emergenza sanitaria da Covid-19 - di Maria d'Arienzo

SOMMARIO: 1. Il dilemma etico ai tempi della pandemia da Covid-19 -2. Le Raccomandazioni di etica clinica della SIIARTI del 6 marzo 2020 - 3. I criteri selettivi di accesso ai reparti di terapia intensiva in Svizzera, Quebec (Canada) e Alabama (USA) - 4. Triage in emergenza pandemica. Possibile contrasto di alcuni criteri selettivi con i valori religiosi ed etici del personale sanitario -5. Emergenza sanitaria e “clausola di coscienza” in Italia.

Science and conscience at the time of the Covid-19 health emergency

ABASTRACT: The Covid-19 pandemic crisis and the saturation of the intensive care wards have made it necessary to prepare patient selection criteria in case of lack of available places. The spread of various "selective criteria", in different regulatory realities, starting in Italy from the Ethical Recommendations of the SIIARTI (Italian Society of Anaesthesia, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care) of March 6, 2020, as well as for reasons of distributive justice and appropriate allocation of limited health resources, was also necessary to relieve medical staff from part of the responsibility in the choices to be made, sometimes particularly onerous. The rationale behind the "medicine of catastrophes" documents, however, may conflict with the ethical values of medical personnel, undoubtedly capable of influencing their professional choices. The present contribution aims to verify the configurability of a space within which to give prominence, even in emergency conditions, to the ethical-religious beliefs of health personnel, in accordance with the rules of medical and nursing ethics that allow the individual operator to invoke the "conscience clause" to justify the refusal of services considered contrary to their conscience or their technical-scientific beliefs, even in cases not recognized by laws that expressly provide for "conscientious objection".

Scarica il testo completo in PDF

Le colpe dei padri. Commento all’ordinanza della Corte di Cassazione n. 8325 del 29 aprile 2020 - di Francesca Poggi

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. La genitorialità intenzionale nell’attuale giurisprudenza italiana - 3. Profili critici - 4. La questione di illegittimità costituzionale - 5. Scenari possibili.

The Sins of the Fathers. Comment to Corte di Cassazione, judg. n. 8325 April 29th 2020.

ABSTRACT: This essay examines the Italian judgement (Ordinanza) n. 8325, issued on April 2020, that has raised a question of constitutionality against the jurisprudential address which, appealing to the limit of the public order, excludes the Italian recognition of foreign jurisdictional decisions that ascertain the right to be inserted - as an intentional parent - in the birth certificate of a child born through the so-called “surrogate motherhood”. In particular, after a survey of the current Italian case law (§ 2) and the problems that it raises (§ 3), the essay examines the arguments advanced by the judgement (§ 4), wondering about its possible outcomes (§ 5).

Scarica il testo completo in PDF

La “leale collaborazione tra i poteri” ha ultimato la sua parabola. Brevi considerazioni a margine della sentenza della Corte costituzionale n. 242 del 2019 - di Maria Elena Ruggiano

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Il principio di leale collaborazione tra i poteri in Italia - 3. I significati del principio di leale collaborazione all'interno di un ordinamento - 4. Tipologia di pronuncia della sentenza n. 242 del 2019 - 5. Metodo decisorio della Corte - 6. Considerazioni conclusive.

The "loyal collaboration between the powers" has completed its parable. Brief considerations on the sidelines of the Sentence n. 242/2019.

ABSTRACT: The Italian Constitutional Court in sentence no. 242 of November 2019 founded its decision to rewrite the contested rule by claiming its power to "manage the constitutional process". The author's aim is to solicit a reflection on the work of the Court which cannot and must not legislate in place of Parliament since only the latter has had the popular mandate in order to implement the laws necessary for the nation.

Scarica il testo completo in PDF

L’esperienza del dolore e le ragioni della speranza. Riflessioni sulla recente evoluzione del dibattito giurisprudenziale in tema di dignità umana e fine vita - di Jessica Mazzuca

SOMMARIO: 1. Una premessa di metodo - 2. Giustizia limiti e sacralità del “fine vita” - 3. Tra indisponibilità della vita e diritto di autodeterminazione individuale. La prospettiva della Corte EDU … - 4. … e le prudenti soluzioni del diritto italiano tra leggi e prassi giurisprudenziale - 5. Considerazioni conclusive: esiste la libertà di congedarsi dal mondo?

The experience of pain and the reasons for hope. Reflections on the end of life of postmodern man

ABSTRACT: The surprising development of biotechnology, new knowledge and unprecedented possibilities of intervention on human beings, have strongly affected the natural events of being born and dying, bringing out new rights and new instances of protection, aimed at ensuring respect for individual self-determination and human dignity in the face of the increasingly pressing intrusiveness of science and technology. Nonetheless, these possibilities offered by science may, for some, not coincide with the ideal conception of life and human dignity, since these are interventions capable of prolonging survival in often very critical conditions, not always adequate to guarantee a life worth living. At this point, the question is whether there is a way to pursue a harmonious composition between the concepts of life and human dignity, in the extreme variety of cases where there is a question of their protection, especially with regard to end-of-life issues.

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere - Editoriali” • L’aiuto al suicidio tra Corte costituzionale 242/2019 e BundesVerfassungsGericht 26 febbraio 2020 - di Nicola Colaianni

Il carattere eccezionale della “circoscritta area”, in cui la Corte costituzionale ha affermato la non punibilità di chi aiuta al suicidio o, meglio, assiste una persona nel morire, risalta nitidamente al cospetto dell’assenza di limiti dell’area individuata allo stesso fine dal BundesVerfassungsGericht (BVG) con una sentenza pubblicata molto di recente. Benché perciò non sia possibile in questa sede il commento approfondito che la decisione meriterebbe, si possono prendere, tuttavia, almeno alcuni appunti comparativi. (segue)

Scarica il testo completo in PDF

La rettifica anagrafica del genere in una pronuncia del Tribunale di Tunisi: il rispetto della vita privata, tra comparazione giuridica, diritto internazionale e fiqh - di Wisam Zreg

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. I precedenti giurisprudenziali - 3. Un nuovo ruolo per i giudici tunisini? - 4. La tutela dei diritti e delle libertà: tra comparazione e fiqh - 5. Profili comparatistici. Il processo di rettifica del genere in una pronuncia della Corte d’appello di Beirut - 6. Considerazioni conclusive.

A landmark decision concerning gender rectification in Tunisia: the right to a private life between comparative law, international law and fiqh

ABSTRACT: The decision of the Tribunal of Tunis, concerning gender rectification in public registries of a transgender FtM person who underwent sex reassignment treatment, is an example of innovative case law. The judgment, changing the previous case law, is characterized by the use of the comparative method, so that, in the grounds for ruling, legal principles from different foreign jurisdictions and the fiqh coexist. Specifically, the Tribunal of Tunis, showing an open and dialogical approach to other jurisdictions and legislations of the globe, has consecrated the fundamental human right of gender rectification in public registries, rarely recognized in other Arab countries.

Scarica il testo completo in PDF

Incostituzionalità prospettata e causa di giustificazione dell’aiuto al suicidio: novità nella continuità - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La procedura costituzionale - 3. Il diritto penale - 4. I principî: a) la dignità … - 5. (segue) b) la coscienza … - 6. (segue) c) la separazione (ovvero la laicità).

Presented uncostitutionality and justifiable assisted suicide: innovations in continuity

ABSTRACT: For the first time the Italian Constitutional Court adopted a double ruling (anticipatory the one, deciding the other) in the same judicial review. And for the first time also elaborated the circumstances of a justifiable (doctor-) assisted suicide, that so far was in any case a crime. They are two outstanding jurisprudential innovations, however the aim of the Author is to demonstrate that they are not in break but in continuity with the decision techniques of the Court, on one hand, and the leading cases on the topic of criminal justifications, on the other hand. Particularly the concept of subjective dignity, that according to the Court is the reason behind the decision of the patient, is recurring in the precedents of the Court of Cassation. Generally, moreover, the concepts of conscience, life and death prevail on this matter, neverthless are differently interpreted according to an ethic, specially religious, perspective or a secular, specially state, perspective. The merit of the decision consists precisely of the separatist, secular planning between ethics and law.

Scarica il testo completo in PDF

The Alabama Human Life Protection Act: criticità giuridiche, contraddizioni assiologiche e dinamiche politiche evolutive - di Tommaso Scandroglio

SOMMARIO: 1. Oggetto del presente contributo e metodologia di ricerca - 2. Analisi giuridica e rilievi critici - 3. Il paradigma morale interno - 4. La dinamica evolutiva - 5. Conclusioni.

The Alabama Human Life Protection Act: juridical criticisms, moral contradictions and policy implications

ABSTRACT: The paper aims at analyzing and highlighting potential juridical criticism of the recent abortion law referred to as The Alabama Human Life Protection Act and verifying if the positive judgments, expressed by the international pro-life movement, and the potential legal, social and policy developments, triggered by this legislation, are consistent with the moral principles of the movement itself.

Scarica il testo completo in PDF

Trattamenti sanitari, diritto all’autodeterminazione ed etiche di fine vita dopo l’ordinanza n. 207 del 2018 della Corte costituzionale - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. Considerazioni introduttive - 2. L’ordinanza n. 207 del 2018 della Consulta e la rilevanza costituzionale del “bene vita” - 3. L’„assolutezza” del diritto all’autodeterminazione terapeutica e la sua prevalenza sulla “indisponibilità” del diritto alla vita - 4. Il necessario riconoscimento del diritto all’aiuto al suicidio a tutela della visione personale della “dignità” nel morire ... - 5. ... e del divieto di discriminazioni nel darsi la morte attraverso il distacco delle macchine di sostegno vitale - 6. La “laicità” del biodiritto e il governo delle questioni “eticamente sensibili” - 7. L’apparente “neutralità” dell’opzione pro choice e la disciplina giuridica delle scelte di fine vita.

Health Treatments, Right to Self-determination and End-of-life Choices after Constitutional Court Ordinance No. 207/2018

ABSTRACT: The present essay deals with the issue regarding end-of-life choices after Italian Constitutional Court ruling No. 207/2018, which has prefigured, in certain exceptional situations, the partial unconstitutionality of the provision prohibiting aid to suicide (Article 580 of the Italian Criminal Code). The Author stresses that the patient’s right to refuse or interrupt life-saving treatment can be deemed to be protected by the Constitution, while the enactment of a right to assisted suicide into Italian law would require an ethical choice, which should instead be left to the discretionary assessment of the lawmakers.

Scarica il testo completo in PDF

Alcuni spunti di comparazione tra diritto italiano e diritto ebraico in tema di maternità surrogata - di Enrica Martinelli

SOMMARIO: 1. Il divieto di maternità surrogata nell’ordinamento italiano - 2. Diritto ebraico e bioetica - 3. “Crescete e moltiplicatevi”. Il precetto divino di procreare e la maternità surrogata nel diritto ebraico - 4. Conclusioni.

Some starting points for comparison between Italian law and Jewish law on surrogate motherhood

ABSTRACT: Recent scientific progress in reproductive biotechnologies implies significant transformations in terms of the value and culture of the concept of maternity, which is no longer attributable to the legal definition of “mother” offered by Italian civil legislation. Assisted reproductive technologies separate the reproductive aspect and sexual union of the couple, finally leading to the metamorphosis of the relational dynamics underlying the “family identity” and the birth of new types of biolegal contracts. The study sets out to compare the approach that the Italian legal system reserves for the phenomenon of surrogacy with that which has developed at the heart of Jewish law. The interesting variety of opinions of the rabbinical authorities, which express both the Orthodox positions and the more progressive ones, show how Jewish speculation around bioethical reproductive issues has led to a respectful comparison of knowledge and judgements of the minority opinions that enter, with equal dignity, into the legal debate and are enhanced by the absence of a superior interpretation.

Scarica il testo completo in PDF

Il diritto alla identità di genere: preoccupazioni per la decisione della Corte costituzionale nella sentenza n. 180 del 2017 - di Maria Elena Ruggiano

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Identità di genere ovvero la cultura che sovrasta la natura - 3. Presupposti antropologici in tema di sessualità - 4. Il potere decisionale del giudice 5. Il diritto alla identità di genere così inteso esiste davvero? 6. Considerazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Responsabilità giuridica e scienze sperimentali sul vivente - di Patrick Nerhot

SOMMARIO: 1. Il "vivente": inoperosità dei concetti della filosofia profana dei Lumi - 2. La ricerca-costruzione di una infinita-fine - 3. Le scienze "sperimentali" come la non distinzione tra "causa" e "effetto" - 4. La nuova questione di metodo posta al "vivente" - 5. La sfida di una etica come adeguazione tra etica e metodo.

ABSTRACT: "Living beings". Irrelevancy of the concept by philosophers of Enlightenment. Research-creation as endless end of living beings. "Experimental" sciences constraint to elaborate an adequacy between ethics and methodological approach.

Scarica il testo completo in PDF

Aperture eutanasiche e aporie nel documento del Cortile dei Gentili “Linee propositive per un diritto della relazione di cura e delle decisioni di fine vita” - di Tommaso Scandroglio

SOMMARIO: 1. L’oggetto del presente contributo - 2. Bene vita e ordinamento giuridico - 3. Il Cortile dei Gentili apre all’eutanasia - 4. Pianificazione condivisa di cure e Dichiarazioni anticipate - 5. Profili di criticità delle D.a.t.

Scarica il testo completo in PDF

Intellectual property rights and public health: an impediment to access to medicines and health technology innovation? - di Nerina Boschiero

Summary: 1. Pharmaceutical patents, the access to essential medicines and the question of innovation - 2. The actual and/or potential between the rights of inventors, international human rights law, trade rules and public health. The everlasting controversy on the allegedly adverse impact of intellectual property protection on access to medicines and health technologies - 3. Are human rights and intellectual property law really in conflict? A relation of interpretation, not of conflict - 4. Conclusions.

Scarica il testo completo in PDF

Ideologia del gender? Alcuni profili di ordine giuridico-canonico - di Ciro Punzo

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Concetto di identità sessuata – 3. Riverberi sul piano teologico e canonico – 4. Conclusioni.

Gender ideology? Some legal-canonical order profiles

ABSTRACT: Today we are facing the threat of a new modus pensandi, which has already achieved its objectives in Europe and in Italy: the gender theories. The latter are intended to assert the superiority of culture over nature, aiming for the recognition of the third kind. In Europe they have already succeeded in their aim, while in Italy we need to reflect more on the term person, focusing on the fact that culture must lie in the nature, only certainty of our existence. Hopefully, starting from Italy, also Europe returns 'his steps'.

Scarica il testo completo in PDF

On the issue of the content of notion of “Human Being” from the Perspective of Medical Law and Bioethics - di Igor V. Ponkin Alexandra A. Ponkina

SUMMARY: 1. Problem description – 2. Practical Importance of the issue of the content of “Human Being” Concept – 3. Conceptual Approaches to Interpretation of the Concept of “Human Being” – 4. Conclusion.

ABSTRACT: The article covers the concept of “human being”. It describes the existing conceptual approaches to the concept interpretation and to the development of the concept legal definition. It studies the practical importance of the issue of the content of “Human being” concept. It touches upon the concept of “Chimera” – as a result of fusion of genetic material of a human being and inhuman life forms. It shows danger of such scientific experiments. It presents foreign practices of legal bans on production of chimeras. The authors also use international documents regarding the problem.

Scarica il testo completo in PDF

Bioetica, biodiritto e il contributo scientificamente legittimato, en juriste, dell’ecclesiasticista - di Salvatore Berlingò

SOMMARIO : 1. Il giurista e la bioetica – 2. Le antinomie della bioetica odierna e la funzione del diritto - 3. Le peculiari competenze ed esperienze dell’ecclesiasticista al confine col non-diritto - 4. Oltre gli schemi del diritto " razionale-formale " - 5. I modelli procedurali della "complementarità/distinzione" e la loro apertura al valore della dignità di ogni singola umana esistenza.

The contribution of an ecclesiastical law scholar scientifically justified, en juriste, to the elaboration of bio-law

ABSTRACT : The contribution of an ecclesiastical law scholar to the elaboration of bio-law is legitimated by his study and experiences at the border with not-law and in relations with the laws-other ( religious and cultural ) distinct from that of the polis. The pattern of complementarity/distinction , that the scholar of ecclesiastical law draws from this kind of experience, can contribute at the articulation of bio-law according to procedural-justice , which facilitate the substantial concretization of the fundamental value of the dignity of every human reality .

Scarica il testo completo in PDF

Technologies of child production from genetic material of three “parents”: legal and bioethical aspects - di Igor V. Ponkin Alexandra A. Ponkina

ABSTRACT: The construction of human embryo using “mitochondrial donation” technologies is unacceptable, in terms of bioethics, and illegal and clearly and materially contradicts with a number of international instruments on human rights, human health protection, and bioethics.

Scarica il testo completo in PDF

La laicità della cura (a margine della sentenza del Consiglio di Stato n. 4460 del 2014 sulle direttive anticipate di trattamento) - di Simona Attollino

SOMMARIO: 1. L’assenza di una disciplina legislativa - 2. Un servizio pubblico laico. Il dictum del Consiglio di Stato - 3. Definire la “cura” in un contesto multireligioso - 4. Una soluzione eticamente sostenibile - 5. Riflessioni conclusive.

ABSTRACT : This paper examines a recent decision of the Italian State Council relating to the life-sustaining treatment and advance directives. This decision - which is notable for having shared a secular notion of "health care" - does not fail to emphasize the need for an incisive intervention of the national law that aims at regulating the so-called "good death".

Scarica il testo completo in PDF

Legal guarantees for the protection of the rights to life and to health care of the child extracted alive as a result of abortion - di Alexandra A. Ponkina Igor V. Ponkin

SUMMARY: 1. Problem description - 2. State of Russian Legislation regulating of the legal status of the child extracted alive as a result of abortion - 3. Legal basis for the recognition of human dignity and the right to life of the child extracted alive as a result of abortion - 4. Legal guarantees of recognition of the right to life and human dignity of the child extracted alive as a result of abortion and emergency medical care in foreign legislation - 5. Conclusions.

Scarica il testo completo in PDF

Sul dibattito scientifico e religioso in tema di “fine vita”: accanimento terapeutico, stato vegetativo ed eutanasia - di Germana Carobene

SOMMARIO: 1. Il problema dell'eutanasia e il diritto alla salute - 2. Profilo medico-scientifico: definizione di morte, stato vegetativo; 3. Posizioni dottrinarie della Chiesa Cattolica - 4. Etica protestante - 5. Considerazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Brevi riflessioni in tema di procreazione medicalmente assistita a partire dalla sentenza n. 162 del 2014 della Corte costituzionale - di Cristina Dalla Villa

SOMMARIO: 1. La fine del divieto di fecondazione eterologa in Italia – 2. Dignità umana e tradizione dottrinale in ordine alla procreazione – 3. La logica della donazione nel Magistero della Chiesa – 4. Duttilità disciplinare e opportune cautele: le tematiche aperte dalla Consulta.

Scarica il testo completo in PDF

Cosa intendo per “Disciplina democratica della libertà di pensiero e di religione” - di Valerio Tozzi

SOMMARIO: 1- Esigenza di nuova lettura del “progetto costituzionale” in materia di diritti di libertà di pensiero e di religione - 2. Gli articoli 8 e 7 della Costituzione, disciplinando il fenomeno delle confessioni religiose, sono un sotto-sistema nel Progetto generale di disciplina dei fenomeni religiosi - 3. Il ri-pensamento del Progetto costituzionale nella nostra materia postula l’emanazione di una legge di sua attuazione qui e oggi, alla luce dell’evoluzione dei tempi e della formulazione aperta dei principi costituzionali - 4. Anche i contenuti della disciplina contrattata fra confessioni religiose e Stato devono rientrare nei margini della “legalità costituzionale” -5. Garanzie minime per le organizzazioni delle collettività religiose e di pensiero. La legge generale auspicata deve eliminare ogni forma di discrezionalità politica nella tutela delle forme organizzate della religiosità - 6. Il ri-pensamento che proponiamo dovrà anche riguardare il rapporto che deve intercorrere fra tutela delle libertà di tutte le forme associative filosofiche o della religiosità e la tutela delle libertà individuali, ripensando anche il rilievo giuridico civile dell’appartenenza soggettiva all'organizzazione della collettività - 7. Il metodo democratico richiede una rivisitazione di molte delle principali discipline di merito vigenti nella ns. materia, da operarsi ove possibile, operando con modalità consentite al legislatore ordinario, che non inciampino nella incostituzionalità per violazione delle norme di derivazione pattizia, ma fungendo anche da parametro della corretta applicazione del "progetto costituzionale", per evidenziare gli effetti distorsivi di alcune parti della normazione contrattata con le confessioni religiose; a) Celebrazione di matrimonio religioso con effetti civili; b) La disciplina giuridica delle organizzazioni della religiosità collettiva; c) Il finanziamento pubblico del fenomeno religioso; d) la bioetica.

Scarica il testo completo in PDF

Quando il legislatore predilige un punto di vista etico/religioso: il caso del divieto di donazione dei gameti - di Giovanni Di Cosimo

SOMMARIO: 1. Laicità – 2. Eguaglianza e pluralismo – 3. La questione – 4. Strategie: riformulazione – 5. Parallelo – 6. Strategie: minimizzazione – 7. Controvertibilità – 8. Norme – 9. Paternalismo.
 

Scarica il testo completo in PDF

Multiculturalità, “diritti” e differenziazioni giuridiche: il caso dei trattamenti sanitari - di Giancarlo Anello

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Multiculturalità, “diritti” e trattamenti sanitari - 3. Alcune problematiche del cd. testamento biologico in una prospettiva interculturale - 4. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

La procreazione artificiale nei recenti documenti della Chiesa Cattolica - di Laura Scopel

SOMMARIO: 1. Introduzione – 2. I criteri etici dell’Istruzione Donum Vitae – 3. Le risposte dell’Istruzione Donum Vitae agli interrogativi morali posti dalle tecniche di procreazione artificiale – 4. Contributi allo studio di quanto l’Istruzione Donum Vitae propone – 5. Il documento “Famiglia e procreazione umana” – 6. L’aggiornamento dell’Istruzione Donum Vitae approntato dall’Istruzione Dignitas Personae – 7. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Le prospettive della dottrina e dello studio del regime giuridico civile della religione - di Valerio Tozzi

SOMMARIO: 1. Il compito della dottrina – 2. Necessità di un’evoluzione nel metodo di approccio ai problemi della religiosità sociale – 3. Esempi di sussistenza del metodo criticato nella dottrina e nella legislazione: a) l’otto per mille; b) il riconoscimento degli effetti civili al matrimonio religioso; c) l’insegnamento scolastico della religione – 4. Le materie eticamente sensibili: a) l’interruzione volontaria della gravidanza; b) la procreazione assistita; c) accanimento terapeutico ed eutanasia - il testamento biologico – 5. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Rivendicazione dell’autonomia del malato: l’esercizio del diritto alla libera disposizione - di María José Parejo Guzmán

SOMMARIO: 1. Introduzione – 2. Regime giuridico generale dell’eutanasia – 3. Natura giuridica dell’eutanasia – 4. Il fondamento giuridico dell’eutanasia – 5. Concetto e contenuto dell’eutanasia – 6. Proposte de lege ferenda.

Scarica il testo completo in PDF

Nuove forme di obiezione di coscienza - di Vincenzo Turchi

SOMMARIO: 1. Nuove forme di obiezione di coscienza e nuove modalità di obiezioni di coscienza “tradizionali”. Casi dubbi di obiezione di coscienza - 2. Nuove prospettive dell’obiezione di coscienza al servizio militare - 3. L’obiezione di coscienza all’aborto farmacologico - 4. L’obiezione di coscienza in materia bioetica: procreazione medicalmente assistita; eutanasia; interventi di modificazione del sesso; codici di deontologia medica, infermieristica e ostetrica; sperimentazione su animali; leggi regionali in materia di metodiche diagnostiche e terapeutiche; “voto di coscienza” e questioni di bioetica - 5. Multiculturalismo e obiezione di coscienza. - 6. Unioni omosessuali e obiezione di coscienza - 7. Casi dubbi di obiezione di coscienza: astensione dal voto e obiezione di coscienza; “obiezione ecologica” e “obiezione ai consumi”; simboli religiosi e obiezione di coscienza; mendicità, stili di vita e obiezione di coscienza; delibazione delle sentenze canoniche di nullità matrimoniale versus divorzio come ipotesi di obiezione di coscienza - 8. Riflessioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Competenze regionali e sviluppo della legislazione in materia di amministrazione di sostegno - di Federica Botti

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La legge regionale n. 11 del 24 luglio 2009 in materia di "Norme per la promozione e valorizzazione dell'amministrazione di sostegno" - 3. Gli altri interventi regionali - 4. Il ruolo di "apripista" nel settore dei diritti delle persone sul territorio.

Scarica il testo completo in PDF

Fecondazione assistita e velo di ignoranza laicista - di Mario Jori

Il libro di Emilio Dolcini, Fecondazione assistita e diritto penale, di cui oggi discutiamo, è composto da quattro capitoli di analisi della vigente legge italiana sulla fecondazione assistita, esaminata, come dice il titolo, da un punto di vista giuridico e penalistico; più un’appendice dove si esaminano le Linee guida “Turco” alla legge stessa. Il libro ha una introduzione scritta da Carlo Flamigni. La combinazione non potrebbe essere più felice, la introduzione di Flamigni è parte integrante del libro. Essa contiene non solo le informazioni mediche di base sulla fecondazione assistita e sui  problemi scientifici (medici e biologici) cui va incontro la legge, ma alcune considerazioni filosofiche di base, molto sintetiche ma tutte finemente poste e a mio parere tutte pienamente condivisibili. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Il valore del dissenso al trattamento sanitario nell’ordinamento giuridico. Un difficile bilanciamento di principi - di David Durisotto

SOMMARIO: 1. Il ruolo del consenso del paziente per l’esecuzione di un trattamento sanitario - 2. Il consenso informato: contenuto dell’obbligo informativo - 3. Titolarità del consenso. Il ruolo del minorenne - 4. Attualità del consenso e incoscienza del paziente: lo stato di necessità - 5. Revocabilità del consenso. La revoca del consenso per l’accesso alle tecniche di fecondazione medicalmente assistita - 6. Il principio di autodeterminazione e le direttive anticipate sulle cure mediche - 7. Amministrazione di sostegno e testamento biologico -  8. Il rifiuto delle cure nelle vicende di fine vita. Il caso Welby - 9. segue: lo stato vegetativo cd. persistente e la vicenda Englaro. Un difficile bilanciamento di principi.:

Scarica il testo completo in PDF

Tra il diritto e la morale. Obiezione di coscienza e legge - di Carlo Cardia

SOMMARIO: 1. Premessa. La moltiplicazione delle obiezioni di coscienza. Criteri ricostruttivi - 2. La questione del “valore” legittimante l’obiezione di coscienza - 3. Dai conflitti di valore ai contrasti di opinioni, e di orientamenti. Le obiezioni di coscienza “minori” - 4. La “prova di coerenza” richiesta dall’ordinamento - 5. Etica e diritto. Un rapporto dialettico - 6. Il ruolo dinamico e sociale dell’obiezione di coscienza, con particolare riguardo alla materia bioetica - 7. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Eutanasia e testamento biologico nel magistero della Chiesa cattolica - di Marco Canonico

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Il fondamento naturale del diritto canonico e l’indisponibilità dei relativi contenuti - 3. La concezione cristiana della vita - 4. Il precetto di non uccidere - 5. L’eutanasia come violazione del divieto di uccidere - 6. La posizione della Chiesa cattolica riguardo all’accanimento terapeutico ed alle cure palliative - 7. L’applicabilità dei principi in tema di eutanasia alla prospettiva del cd. testamento biologico - 8. Riflessioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

La Cassazione fra coscienza e incoscienza - di Giovanni Di Cosimo

Come si stabilisce quali sono le convinzioni di coscienza di una persona in stato di incoscienza? Lo spinoso interrogativo accomuna due recenti decisioni della Corte di Cassazione relative a persone in stato di incoscienza che, prima di cadere in tale condizione, hanno manifestato contrarietà per motivi di coscienza al trattamento medico cui sono attualmente sottoposte. L’opposizione assume forme diverse: precedenti dichiarazioni orali nel caso di una persona in stato vegetativo permanente che viene sottoposta a idratazione e alimentazione artificiali; possesso di un cartellino con la scritta “niente sangue” nel caso di una persona in stato di incoscienza che viene sottoposta a trasfusione sanguigna. In entrambi i casi il trattamento medico consente di evitare la morte della persona; tuttavia, nel primo serve più precisamente a tenerla «in vita biologica non cognitiva»; nell’altro serve «a salvare la vita del paziente». (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Indisponibilità o sacralità della vita? Dubbi sulla ricerca (o sulla scomparsa) di una disciplina laica in materia di testamento biologico - di Lucia Risicato

SOMMARIO: 1. Laicità, dignità della vita e dignità della morte - 2. Scelte di fine vita ed “eutanasia”: un pericoloso equivoco – 3. La piena libertà di rifiutare le cure dei soggetti autoresponsabili: il caso Welby – 4. Lacune normative e stato vegetativo permanente: il caso Englaro – 5. Segue: a) il ruolo della Suprema Corte e la valorizzazione del principio di autodeterminazione responsabile- 6. Segue: b) le reazioni ai principi di diritto affermati dalla Cassazione, dalla “guerra delle circolari” al decreto sul “divieto di lasciar morire”: invadenza della magistratura o renitenza alla magistratura? – 7. La normativa in itinere sul testamento biologico: indisponibilità o sacralità della vita? Lo snodo della qualificazione giuridica delle terapie di sostegno vitale e le sue possibili conseguenze – 8. Considerazioni conclusive: il diritto penale post-secolare ed il tabù dei “cadaveri vivi”.

Scarica il testo completo in PDF

La legge sulla fecondazione assistita, un esempio di ‘sana laicità’ - di Emilio Dolcini

SOMMARIO: 1. Gli effetti della legge n. 40 del 2004 alla luce della Relazione ministeriale 2007 – 2. Come valutare quei risultati? – 3. Riflessioni in tema di ‘turismo procreativo’ – 4. C’è chi auspica il divieto assoluto di ogni forma procreazione assistita… – 5. Finalità dichiarate e finalità reali della legge: la posizione della Chiesa cattolica sulla fecondazione assistita – 6. Due punti nodali della legge: a) il divieto di produrre più di tre embrioni per ciclo di trattamento (e l’obbligo di trasferire contemporaneamente tutti gli embrioni prodotti) – 7. (Segue): b) il divieto di donazione di gameti – 8. La legge n. 40 viola il principio costituzionale di laicità dello Stato… – 9. (Segue):… ma soddisfa i canoni di una ‘sana laicità’.

Scarica il testo completo in PDF

Responsabilità del medico e reati in materia di procreazione assistita. Ambiguità e rigori della legge italiana n. 40 del 2004 - di Emilio Dolcini

SOMMARIO: 1. Attività medico-chirurgica, responsabilità penale per colpa o per dolo – 2. Legge penale e procreazione assistita – 3. Alcuni problemi posti dalla disciplina italiana della pma – 4. La diagnosi preimpianto sull’embrione in vitro: a) l’art. 13 l. 40/2004 e le Linee guida del 2004 – 5. (Segue): b) la giurisprudenza più recente e le Linee guida del 2008: non è vietata la diagnosi preimpianto – 6. (Segue): c) il problema nella legislazione di alcuni Paesi europei – 7. (Segue): d) ricerca del figlio perfetto? – 8. Il divieto di produrre più di tre embrioni ex art. 14 l. 40/2004: una disciplina di dubbia legittimità costituzionale - 9. Limiti numerici alla produzione di embrioni? La risposta delle legislazioni tedesca, spagnola e portoghese – 10. Il divieto di donazione di gameti ex art. 4 l. 40/2004, il diverso orientamento degli altri legislatori europei e il ruolo della dottrina cattolica nella scelta del legislatore italiano – 11. Le sanzioni nella legge n. 40/2004 – 12. Le scelte di politica sanzionatoria dei legislatori tedesco, portoghese e spagnolo – 13. La legge n. 40/2004: ‘diritto penale del nemico’ all’italiana? – 14. (Segue): O, piuttosto, un esempio di legislazione simbolica? – 15. L’impatto sulla prassi della legge n. 40/2004 – 16. ‘Viaggi dei diritti’ e ruolo del medico italiano – 17. (Segue): A) Casi in cui può sorgere una responsabilità del medico italiano - 18. (Segue): B) Casi in cui non sorge alcuna responsabilità del medico italiano – 19. Una ‘legge di lotta contro’ la procreazione assistita.

Scarica il testo completo in PDF

Il rifiuto di prescrivere la c.d. “pillola del giorno dopo” tra obiezione di coscienza e responsabilità penale - di Emanuele La Rosa

SOMMARIO: 1. Definizione del tema – 2. Il rifiuto del medico di prescrivere la c.d. “pillola del giorno dopo” come omissione tipica ex art. 328 c.p. – 2.1. Il carattere “indebito” del rifiuto – 3. L’obiezione di coscienza del medico: presupposti, limiti e riflessi penali – 3.1. Segue: applicazione diretta dell’art. 9 l. 194/1978? – 3.2. Segue: applicazione analogica dell’art. 9 l. 194/1978? – 4. L’efficacia “attenuante” dell’obiezione di coscienza – 5. Prospettive de iure condendo.

Scarica il testo completo in PDF

Laicità e principi costituzionali - di Lucia Risicato

SOMMARIO: 1. La deriva della laicità nella società post-secolare e le sue possibili conseguenze - 2. La definizione di “laicità” ed i suoi livelli di rilevanza. Suo radicamento costituzionale. La storica ambiguità dell’art. 7 Cost. - 3. Segue: le norme costituzionali fondanti il carattere laico del diritto penale moderno. Ricostruzione dei confini della tutela costituzionale della vita: primi profili di illegittimità della legge n. 40 del 2004.

Scarica il testo completo in PDF

La laicità dello Stato e le nuove interrelazioni tra etica e diritto - di Valentina Valentini

SOMMARIO: 1. Il principio di laicità dello Stato. Cenni storico-comparatistici - 2. Segue: dallo Stato liberale allo Stato laico sociale - 3. La laicità dello Stato e l’indipendenza delle Chiese - 4. Le istituzioni democratiche e la pluralità delle scelte etiche - 5. Il ruolo della riflessione etica nel diritto - 6. Laicità e biodiritto - 7. Le questioni bioetiche ed il principio di laicità.

Scarica il testo completo in PDF

Laicità e diritto privato - di Guido Alpa

SOMMARIO: 1. Laicità: definizioni - 2. Il problema della laicità nel diritto privato – 3. Laicità e rapporti di diritto privato – 4. Giurisprudenza recente – 4.1. Procreazione artificiale – 4.2. Esposizione dei simboli religiosi – 4.3. Licenziamento del dipendente per contrasto con la tendenza dell’impresa datoriale - 5. Congedo - 6. Appendice – 6.1. Lo statuto dell’embrione tra libertà, responsabilità, divieti – 6.1.1. Spetta al giurista definire lo statuto dell’embrione? – 6.1.2. La risposta del giurista è condizionata dal metodo? – 6.1.3. Il dibattito apertosi in Europa tra studiosi di diverse discipline ha segnato percorsi fruibili dal legislatore? – 6.1.4. Quali proposte si erano formulate nell’esperienza italiana? – 6.1.5. Il diritto europeo e il diritto comunitario possono soccorrere il giurista italiano? – 6.1.6. Il modello inglese può costituire un’alternativa possibile? – 6.1.7. Si può costruire lo statuto dell’embrione soltanto su regole che impongano divieti? – 6.1.8. Da dove ripartire per definire un modello accettabile? – 6.2. Il danno da procreazione e il diritto a nascere sani – 6.3. Il principio di autodeterminazione e le direttive anticipate sulle cure mediche – 6.3.1. Premessa – 6.3.2. La prima fase del dibattito. Accanimento terapeutico e diritti dei malati e dei morenti – 6.3.3. La seconda fase del dibattito. Il “testamento biologico” – 6.3.4. La terza fase del dibattito. La dignità del morente – 6.3.5. La situazione attuale. Utilità dell’intervento legislativo – 6.3.6. Conclusione.

Scarica il testo completo in PDF

I vincoli etici nell’esperienza giuridica contemporanea. Alcune riflessioni introduttive - di Salvatore Berlingò

1. - Esattamente dieci anni fa, sempre in un Convegno nazionale dei giuristi cattolici, nello svolgere una relazione dal titolo: “Ordine etico e legge civile: complementarità e distinzione”, avanzavo un’ipotesi ricostruttiva, che ritenevo potesse risultare utile, in coincidenza con l’impetuoso ritorno all’etica e delle etiche sulla ribalta dello spazio pubblico, socialmente e giuridicamente rilevante. Proposi, in quell’assise, il ricorso all’uso di alcuni paradigmi canonico-ecclesiasticisti  - come il principio della distinzione degli ordini e dell’eguale libertà di tutte le convinzioni etico-religiose –  desumibili da una rappresentazione aggiornata, inclusiva e pluriversa del dualismo giurisdizionale (proto)cristiano, laicamente intesa a propiziare il convergere nella polis di credenti, non credenti, diversamente credenti e dei loro apporti allo sviluppo di una positività dinamica dell’etica sociale. (continua)