Online journal (www.statoechiese.it)
Online from january 2007
Menu

Il Ministro di culto nella giurisprudenza penale

Un parroco viene imputato di favoreggiamento personale (art. 378 cod. pen.) aggravato ex art. 61 n. 9 cod. pen., con l’accusa di avere cercato di dissuadere una madre dallo sporgere denuncia per un abuso sessuale in danno della figlia infradecenne,  commesso da un terzo. “Devi dire a tua figlia che la denuncia è contro la Chiesa”, è la frase attribuita all’imputato in cui si riassume la pressione morale ritenuta dall’accusa. Il GUP dichiara non luogo a procedere, escludendo la configurabilità del reato contestato (Continua)
 

Download in PDF format