Online journal (www.statoechiese.it)
Online from january 2007
Menu

Articoli in

Gli atei sono una minoranza religiosa? La condizione giuridica dell’ateismo in Italia e in alcuni Paesi dell’Unione europea - ​ Silvia Baldassarre

SOMMARIO: 1. Teismo/ateismo: l’eredità storica di una presunta dicotomia - 2. La polifonia “in crescendo” del nuovo panorama religioso - 3. Confessione religiosa, esser(lo) o non esser(lo): questo è il dilemma - 4. Associazioni ateiste: minoranze religiose escluse? Osservazioni conclusive.

Are atheists a religious minority? The legal status of atheism in Italy and in some countries of the European Union.

ABSTRACT: “Religion” and “confession” are terms without an established definition in sociology and the legal sciences. The absence of a definition allows us to consider the religious phenomenon in its complexity, including both belief and unbelief. The analysis tries to understand if a common legal discipline is possible for theistic and non-theistic phenomenon. The analysis focuses on the legal status of non-believers minority in Italy and in some countries of the European Union.

Download in PDF format

Laicità e bilateralità a trent’anni dalla sentenza madre. I test dell’Islam italiano e dell’ateismo militante - ​ Francesco Alicino

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. L’idioma della laicità - 3. Laicità e bilateralità - 4. La difficile convivenza con il favor religionis - 5. Gli Islam e l’ateismo - 6. Gli obblighi internazionali della laicità - 7. Conclusioni. Le potenzialità nascoste della laicità.

Secularism and Bilateralism Thirty Years after the 1989 Landmark Constitutional Decision. The Italian Secularism tested by Islam and atheism

ABSTRACT: In 1989 the Constitutional Court stated that secularism (laicità) is one of the supreme principles (principi supremi) of the Italian constitutional order. On the basis of articles 2, 3, 7, 8, 19 and 20 of the 1948 Constitution, the Court said that secularism does not affirm indifference of the State towards religions; rather, it sustains the protection of religious freedom in a context of cultural-confessional pluralism. With this essay the author examines the way the Italian supreme principle of secularism has developed in the last thirty years, especially in relation to the so-called bilateralism method (as stated in articles 7.2 and 8.3 of the Italian Constitution) and in the light of today’s pluralism, which is characterized by the presence of new collective organizations, such as those referring to Islam and atheism.

Download in PDF format

Lo specchio rotto del Liebeskonzil: un caso di blasfemia nell’Impero guglielmino - ​ Carlo Sabbatini

SOMMARIO: 1. Panizza, un suddito infedele - 2. Scalpori e processi - 3. La pietra dello scandalo - 4. Un “teologo [...] eretico pittore di immagini sacre” - 5. Una scelta [quasi] obbligata - 6. Una foresta di simboli performativi - 7. Ordine religioso e ordine politico: l’ecosistema del processo - 8. Un “martire” a processo - 9. Martedì 30 aprile 1895, ore 19: la condanna - 10. Panizza sulla censura - 11. Morale religiosa come morale sessuale - 12. Manicomio, prigione, fuga - 13. “Un uomo fuori dal mondo”: ontologia di un blasfemo - 14. Istituzioni che succhiano il sangue.

The broken mirror of Liebeskonzil: a case of blasphemy in the Wilhelminian Empire

ABSTRACT: In 1895, due to the publication of the play Liebeskonzil, the writer Oskar Panizza was sentenced to one year imprisonment for blasphemy. Starting with such exemplary conviction, the essay reconstructs some aspects of the writer's existential and creative path, treating his vitriolic satires of religion as an access key to the political and social situation during the Wilhelminian Empire, where press laws and targeted use of crimes such as lèse majesté, obscenity and profanity, highlight the tenacity of Government, right-wing parties and Catholic Centre Party in pursuing the common purpose of silencing the opponents of the status quo.

Download in PDF format

Credo ateistico organizzato e libera comunicazione propagandistica degli orientamenti ideal-spirituali - ​ Marco Parisi

Sommario: 1. Introduzione - 2. La dimensione della ‘non credenza’ e le direttive costituzionali - 3. Fenomeno ateistico collettivo, eguale libertà e pluralismo ideale - 4. Il libero esercizio della propaganda come strumento irrinunciabile di realizzazione della dimensione comunitaria della miscredenza.

Organized atheistic belief and free propagandistic communication of the ideal-spiritual orientations

ABSTRACT: With an its recent intervention, the Court of Cassation has clearly affirmed that the freedom of conscience of non-believers falls within the broader freedom, in religious matters, ensured by the articles 19 and 21 of the Constitutional Charter. A freedom to be understood also in the negative sense, having to exclude, within our system, any form of differentiation for the protection of the free, individual and collective, explanation both of religious faith and of atheism. In this order of ideas, any limits and prohibitions to the exercise of the right to propaganda of atheistic associations integrate the extremes of discrimination that are incompatible with the constitutional and supranational norms to guarantee the freedom of expression of thought, the ideal and confessional pluralism, the dignity of the human person and the neutrality of public authorities.

Download in PDF format

“A chiare lettere - Transizioni” • “Senza D”. La campagna Uaar tra libertà di propaganda e divieto di discriminazioni - ​ Jlia Pasquali Cerioli

1 - Nel tempo della pandemia l'attenzione di commentatori e studiosi si è concentrata sulle limitazioni al (diritto di riunirsi per finalità di) culto. Non sembra avere ricevuto lo stesso interesse un altro contagiato dal virus, ancor più a rischio perché malato cronico: l'esercizio della propaganda in contesto di effettivo pluralismo, sul quale grava il consueto silenzio. Il dramma che oggi tutti viviamo è favorevole a un racconto incline ad accentuare le componenti emotive dei messaggi veicolati, al fine di coinvolgere la platea più ampia di "spettatori". Trionfa così la rappresentazione, fortemente mediatizzata, delle immagini di maggior efficacia, da rendere iconiche per il loro impatto sinestetico: potenti strumenti di persuasione a svantaggio, in un circolo vizioso, delle fedi di minore "ascolto", più che mai senza voce. (segue)

Download in PDF format

La religione atea di Dworkin e la divinizzazione del valore - ​ Andrea Porciello

SOMMARIO: 1. Ateismo religioso e valori - 2. Ateismo moderato, neo-ateismo e ateismo religioso - 3. Alcune considerazioni su indipendenza e inevitabilità dei valori - 4. Conclusioni.

Dworkin’s Atheistic Religion and the Divinization of Value

ABSTRACT: This essay critically discusses some of the central ideas of Ronald Dworkin’s last book, Religion Without God. In particular, it will be argued that the idea of “religion without God” is not a form of atheism, as Dworkin claims, but a pure religious attitude in which the idea of “theistic entity” of traditional religion is replaced by a new and not less problematic entity, the idea of “value”.

Download in PDF format

L’Europa di chi non crede - ​ Nicola Colaianni

Son passati quasi trent’anni dacché tra le varie dichiarazioni apposte in calce al trattato di Maastricht comparve abbastanza inaspettatamente quella che impegna l’Unione Europea al “dialogo trasparente, costante e regolare” con “le chiese e le associazioni o comunità religiose” non più e non meno, tuttavia, che con le “organizzazioni filosofiche e non confessionali”. Dichiarazione apparentemente innocua, giacché espressamente si esclude che da essa possa essere pregiudicato lo status a quelle organizzazioni assegnato dai diritti nazionali, ma politicamente impegnativa per l’Unione, tanto che fece strada e si riversò nell’art. 17 del TFUE, assumendo così un carattere anche giuridicamente impegnativo. (segue)

Non-believer’s Europe

ABSTRACT: In spite of the Treaty on the Functioning of the European Union, which puts on the same footing the status of the churches and of the humanist organizations, the status  of believers and non-believers is not the same in each state, regardless its model (the paper quotes briefly the features of United Kingdom, France, Belgium, Italy, Germany  and Malta). The reason lies in a kind of mass religious tradition, which at present is even more hard to defeat because of the rampant populism, which takes advantage also of the religion. The antidote stays in the pluralistic – not monist and excluding the differences -  secularism in order to grant the same dignity of believers also to both differently believers and non-believers.

Download in PDF format

Atheism and the Principle of Laïcité in France. A Shifting Process of Mutual Adaptation - ​ Francesco Alicino

SUMMARY: 1. Introduction - 2. The Vertical and Horizontal Influences - 3. Atheism, laïcité and Church - 4. Atheism, laïcité and Islam - 5. Today’s Popular Sources of Atheism - 6. Conclusion.

ABSTRACT: With this article, the Author outlines the legal issues involving the atheism in France, analysing them in the light of the principle of laïcité. France has a long history of criticism of religion. Many philosophes of the Enlightenment, for example, have provided the classical writings in this field. In this sense, they were able to aliment two major streams of thought of the magmatic French atheism: one is based on the horizontal influences arising from the effect of increasing worldwide travel with the discovery that people do not necessary share the same views and beliefs about the nature of human being; the other is centred on vertical arguments bubbling up from the past in a very form of scepticism and realism. With its multi-faceted and articulated view, the French atheism has also been promoted by a number of movements devoted to arguing the case for non-belief and for its political expression in laïcité. In this manner, the Author tries to demonstrate that, since the Great Revolution and during the long history of the French constitutional system, laïcité de combat and atheism has been influencing each other in a constantly shifting process of mutual adaptation.

Download in PDF format

Intendersi sulle intese - ​ Fulvia Abbondante Salvatore Prisco

SOMMARIO: 1. Premessa: la richiesta di intesa con lo Stato dell’Unione degli Atei, Agnostici e Razionalisti - 2. Le tappe successive di una emblematica vicenda giudiziaria - 3. L’eticizzazione del diritto tra riconoscimento costituzionale dei “valori”, sviluppi della tecnologia, circolazione transnazionale dei diritti e ruolo supplente della giurisprudenza - 4. Dalle religioni tradizionali ai “nuovi culti”: un breve panorama socio-culturale del fenomeno e dei suoi riflessi giuridici - 5. Le confessioni religiose tra politica e diritto: un approccio problematico al caso italiano - 6. Politica e giurisdizione nelle intese di cui all’art. 8, terzo comma, e in quelle di cui all’art. 116, terzo comma, della Carta costituzionale.

The agreements with State of organized religious groups as juridical problem

The paper, starting from the recent decision of Italian Constitutional Court no 52/2016 which denies the obligation of the Government to begin a negotiation with an atheistic group which wanted to reach an agreement with state according to art. 8, 3, of the Italian Constitution, examines the Italian Constitutional jurisprudence and doctrinal debate about the definition of organized religious group and about the political nature of the governmental power in starting agreement with the State.

Download in PDF format

La proposta di legge in materia di libertà religiosa nei lavori del gruppo di studio Astrid. Le scelte operate nel campo della libertà collettiva - ​ Pierangela Floris

Nelle parti dedicate alla dimensione collettiva della libertà religiosa, la Proposta dà spazio a tre figure: due oggetto di espliciti riferimenti costituzionali, l’associazione con fine di religione o di culto e la confessione religiosa; una terza nuova, l’associazione filosofica e non confessionale, di chiara derivazione europea già nella denominazione. Inizio dalle associazioni con finalità di religione o di culto, che nella Proposta hanno un risalto senz’altro significativo. Esso però non è teso a oscurare o attenuare il rilievo di altre figure, in particolare della confessione religiosa, alla quale la Costituzione riserva un’attenzione tutta speciale e che nel progetto ha prerogative esclusive. Quel risalto ha altre ragioni, già esplicitate anche da chi ha parlato prima di me. Il progetto prova ad affrontare i problemi emersi in tempi recenti con lo sviluppo dell’associazionismo religioso, che ha interessato, in particolare, le comunità di nuova formazione o insediamento e che ha trovato un po’ tutti impreparati. (Continua)

Download in PDF format

La decadenza del “metodo della bilateralità” per mano (involontaria) degli infedeli - ​ Nicola Colaianni

Sommario : 1. Lo strano caso di una non-confessione religiosa che fa domanda di un’intesa con lo Stato. – 2. L’obbligo, comunque, di avviare le trattative … – 3. … e la semplice facoltà di concluderle – 4. La discrezionalità politica anche nell’avvio delle trattative – 5. Il riequilibrio del rapporto tra legge comune e intese – 6. La causa delle intese – 7. Il diritto comune unilaterale come garanzia dell’eguale libertà – 8. Il “metodo della bilateralità” confinato nell’angolo della produzione giuridica.

Download in PDF format

Valori religiosi vs. valori laici nel diritto di famiglia (rileggendo il saggio di Walter Bigiavi su “Ateismo e affidamento della prole”) - ​ Antonio Fuccillo

SOMMARIO: 1. Ateismo del genitore e affidamento della prole nel dibattito giuridico di inizio anni ’50 – 2. Religione e diritto: la contemporaneità delle riflessioni di allora – 3. Procedimento educativo dei minori e cultura religiosa – 4. La determinazione dell’interesse del minore nella recente prassi giurisprudenziale – 5. L’attualità di un dibattito antico.

Download in PDF format

Dallo scontro all’incontro. 1917-1997: ottanta anni di politica ecclesiastica russa - ​ Giovanni Codevilla

SOMMARIO: 1. L’inizio della lotta contro la Chiesa. Il Tribunale rivoluzionario e la nascita della ČK - 2. La profanazione delle reliquie - 3. La requisizione dei preziosi - 4. Il movimento degli innovatori - 5. I processi per opposizione alla requisizione dei preziosi - 6. La Dichiarazione del metropolita Sergij - 7. La Nep religiosa staliniana. L’elezione di Sergij a patriarca - 8. Il Concilio della Chiesa Ortodossa Russa del 1945 - 9. L’attività internazionale della Chiesa Ortodossa Russa. La nuova sinfonia tra bolscevismo e Ortodossia - 10. La campagna contro la Chiesa cattolica. L’idea di convocare un Concilio in funzione anticattolica - 11. La svolta antiecclesiastica del 1947 - 12. La ripresa della campagna ateistica e la politica antireligiosa chruščëviana - 13. Il Concilio del 1961 - 14 Il Concilio del 1971 e la politica ecclesiastica postchruščeviana - 15. Il Rapporto Furov e l’asservimento della Chiesa - 16. Michail Gorbačëv - 17. Il ritorno al passato della nuova Russia.

Download in PDF format

Associazionismo ateista e accesso all’Intesa con lo Stato. Riflessioni a margine della sentenza n. 7068 del 2014 del Tar Lazio - ​ Marco Parisi

Sommario : 1. Introduzione - 2. L’UAAR e il lungo percorso giudiziario verso la richiesta d’Intesa: l’approdo della sentenza n. 7068 del 2014 del Tar Lazio - 3. Associazionismo ateistico e confessioni religiose: la difficoltà dell’inserimento in una categoria inflazionata - 4. Conclusioni.

ABSTRACT: The attention given by the constituent Assembly to the individual and associated way of enjoying the religious freedom, in the logic of protection of the spiritual interests of the human person, should be such as to promote, as a natural consequence of this basic structure of the Constitution, a balanced system in relation to the official contacts between the State and the religious denominations. However, there is the fact of public policies excessively benevolent towards some religious denominations, which causes damage to the affirmation of equal freedom for all individuals, regardless of their cultural orientation, religious or non-religious it is. With the visible manifestation of the atheism (in a public and associated way), doctrine and jurisprudence are called to identify the most appropriate forms of legal protection for some specific group experiences, related, in any case, in the broadest sense, to the religious and spiritual dimension of human life. pdf

Download in PDF format

Le “confessioni religiose” possono essere atee? Alcune considerazioni su un tema antico alla luce di vicende nuove - ​ Emanuele Rossi

1 - Il tema del rapporto tra Costituzione e fenomeno religioso può essere analizzato e sviluppato in almeno due direzioni fondamentali: la Costituzione e la libertà religiosa da un lato; la Costituzione e le confessioni religiose dall’altro. In questa sede mi limiterò a ragionare sulle difficoltà di definire cosa sia una “confessione religiosa”, ribadendo peraltro preliminarmente quanto questo apparentemente limitato tema - relativo alla dimensione collettiva della libertà religiosa - sia strettamente connesso al profilo della libertà individuale. (segue)

Download in PDF format

L’affaire dell’U.A.A.R.: da mera querelle politica ad oggetto di tutela giudiziaria - ​ Salvatore Berlingò

SOMMARIO: 1. Il contesto socio-culturale – 2. Questioni di metodo - 3. I prodromi della controversia sull’ “atto politico” - 4. La prospettazione del “fatto” nelle ultime istanze di giudizio. Il Consiglio di Stato: dalla delimitazione dell’insindacabilità dell’atto… - 5. Segue :… alla prefigurazione della piena ed effettiva tutela dell’interesse ad agire - 6. Le Sezioni Unite della Cassazione e l’inquadramento della fattispecie nella cornice della laicità dello Stato - 7. Il principio dell’eguale libertà delle Confessioni assunto a canone di legalità costituzionale - 8. I possibili esiti giudiziari ulteriori della questione - 9. Il procedimento di formazione e conclusione delle Intese - 10. Nuovi indirizzi di politica legislativa in materia ecclesiastica?

The U.A.A.R. affaire: from a political querelle to a case law

ABSTRACT : Even if in view of an academic act, the author believes to have to insist on the practical function of the Law that, as in the case of the U.A.A.R., develops most frequently in the case law. The role played by the judicial courts in the case examined, as well as in more and more recurring hypothesis in the current socio-cultural context, should not be taken by the doctrine and policy as an excuse to abdicate their responsibilities as much essential in order to provide an adequate protection for fundamental human rights related to the exercise of the freedom of religion.

Download in PDF format

Simboli religiosi e processo di mediazione - ​ Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Le nuove “guerre di religione”: tra credenti e noncredenti – 2. Lo spazio pubblico urbano: a) la posizione di simboli religiosi – 3. (segue:) b) la rimozione di simboli preesistenti – 4. Lo spazio pubblico istituzionale: rimozione e posizione di simboli religiosi - 5. Dal processo conflittuale a quello mediatorio – 6. Riflessi del processo di mediazione sui simboli religiosi.

Religious Symbols and Alternative Proceedings

ABSTRACT: Religious symbols are becoming the object of a new forum of the ancient religious wars: those between believers and nonbelievers instead of between different organized religions like in the past. The Author describes the numerous judgements that were passed in the last years by U.S. and European Courts with particular reference to two kinds of public space: roads, parks, ecc. and public buildings. But he points out that the the ordinary trial is ineffective for resolution of cultural and religious conflicts and holds the utility of an alternative proceeding: the mediation between believers and nonbelievers, always in respect of liberty of conscience for everyone.

Download in PDF format

L’appartenenza religiosa tra apostasia, divieto di proselitismo e ricerca d’identità - ​ Giovanni Cimbalo

SOMMARIO: 1. Globalizzazione e difesa dell’identità religiosa - 2. L’apostasia in Italia da atto individuale a comportamento  collettivo - 3. Proselitismo aggressivo e apostasia - 4. La “difesa dello spazio territoriale” nell’ortodossia e il proselitismo tra le confessioni cristiane. Il “modello greco” - 5. La CEDU di fronte al divieto di proselitismo e a tutela della libertà di coscienza - 6. La libertà di non credere nello spazio giuridico dell’Unione Europea.
 

Download in PDF format

L’Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti (UAAR), membro associato della International Humanist and Ethical Union, come soggetto stipulante un’intesa con lo Stato, ex art. 8, III Cost. - ​ Domenico Bilotti

SOMMARIO: 1. I limiti dello strumento negoziale nell’esperienza giuridica italiana. una ricognizione sulle aporie evidenziatesi nella prassi politico-legislativa – 2. Verso uno statuto giuridico differenziato per le organizzazioni filosofiche non confessionali. meritevolezza degli interessi in gioco – 3. Il non-confessionismo organizzato come fenomeno associativo culturalmente orientato sul fattore religioso – 4. Permanente capacità attrattiva di una disciplina speciale e di favore: l’inevitabile ricerca di una legislazione generale in tema di libertà religiosa o l’armonizzazione dei trattamenti privilegiati?

Download in PDF format

Religioni e ateismi: una complexio oppositorum alla base del neo-separatismo europeo - ​ Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Il dialogo dell’Unione europea con le organizzazioni confessionali e non – 2. Il separatismo statunitense – 3. Il neo-separatismo europeo – 4. La complexio oppositorum nell’elaborazione cattolica … - 5 … e in quella secolare – 6. Il separatismo pluralistico europeo (e americano).

Religions and Atheisms: a Complexio Oppositorum at hearth of the European New-Separatism

ABSTRACT: The European Union is not interested in religious phenomenon. It’s a form of separatism between State and Church. Yet the last Treaty about the Union functioning stated an “open, transparent and regular dialogue” between the Union and the Churches and the philosophical or non-confessional organizations alike. So religions and atheisms, the exact opposites, are not only recognized but also linked as complexio oppositorum. That originates a pluralistic separatism. By means of constitutional law research this paper demonstrates that this new-separatism is new for the Europe but usual for the U.S. and therefore it contributes a long way towards a rapprochement between Europe and America from the constitutional point of wiew.

Download in PDF format

Per un diritto di libertà di religione costituzionalmente orientato - ​ Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Premessa: legge e intese - 2. Insufficienze della p.d.l. – 3. L’obiettivo da perseguire - 4. La libertà di religione e i suoi limiti – 5. La laicità – 6. La libertà di religione negativa: ateismo e agnosticismo – 7. Le organizzazioni filosofiche e non confessionali – 8. Norme finanziarie (deduzioni offerte ed otto per mille) – 9. Confessioni con intesa e senza intesa: illegittimità della distinzione – 10. La personalità giuridica – 11. Il matrimonio - 12. Le classi religiosamente omogenee - 13. Simboli religiosi - 14. L’architettura della p.d.l.- 15. Conclusione.

Download in PDF format