Online journal (www.statoechiese.it)
Online from january 2007
Menu

Una proposta di legge, frutto della collaborazione della scienza canonistica, sulla sede romana totalmente impedita e la rinuncia del papa - ​ Geraldina Boni

SOMMARIO: 1. La necessità e l’impellenza di una legislazione - 2. Due lacune da colmare - 3. Un primo draft per un appello alla scienza canonistica - 4. L’intervento del legislatore supremo - 5. La sede apostolica totalmente impedita. Impedimento temporaneo - 5.1. Cause fisiche di ordine esterno - 5.2. Cause di ordine personale: inabilità fisica o psichica provvisoria - 6. Inhabilitas totale, certa e perpetua - 7. Brevissima appendice sulla crux teologica e giuridica sottostante - 8. La rinuncia predisposta dal papa per il caso di sua inhabilitas - 9. Il papa che ha rinunciato - 10. Norme conclusive e postfazione sull’impedimento per ‘causa giuridica’.

A proposal for a law on the entirely impeded Roman See and the Pope’s resignation as a result of the collaboration of canon law scholarship

In the first place, the contribution highlights the reasons for the need and urgency of an intervention from the supreme legislator of the Church in order to fill two legal gaps. One of them concerns the regulation of the impeded Apostolic See, both temporarily and - notably - because of a permanent and irreversible impediment of the Roman Pontiff. The second one regards the legal status of a Roman Pontiff who resigned from his office. The potentially problematic matters that would have to be faced and the aspects about which a law should be issued are therefore presented. The ultimate purpose is that of urging and involving the universal canon law scholarship towards an open and constructive discussion in order to develop a carefully examined and considered legislative proposal to be offered to the ecclesiastical authority.

Download in PDF format

Il crocifisso davanti alle Sezioni Unite della Cassazione: difesa di diritti o accanimento iconoclasta? - ​ Paolo Cavana

1 - Con ordinanza n. 19618 del 18 settembre 2020 una sezione della Cassazione ha rimesso alle Sezioni Unite la decisione di un ricorso contro la sentenza della Corte d’appello di Perugia, che ha respinto l’appello proposto da un docente contro la sentenza del Tribunale della stessa sede che aveva ritenuto legittima la sanzione disciplinare della temporanea sospensione dall’insegnamento comminatagli dall’Ufficio Scolastico Provinciale. Alla base di tale provvedimento vi era stato il comportamento del docente, il quale - secondo quanto esposto nell’ordinanza in oggetto - (segue)

The Crucifix controversy before the Supreme Court’s United Sections: protection of rights or iconoclast fury?

ABSTRACT: This short paper critically examines, in the light of Italian and European case-law, the contents and juridical arguments of an order issued by a Section of the Italian Court of Cassation, which remits to the United Sections – the highest level of the Court – the decision on the Crucifix controversy arisen in a State school. Differently from previuos cases, in the presento one the teacher, and not the students or their families, removed the crucifix, hanging on the wall of the classroom as required by an old regulation, against student’s will. This repeated behaviour stirred a controversy between the teacher and the school director, which is now under judgment. Under the Italian law, secularism is not in contrast with the display of religious symbols in a State school, whose mission is that of fostering and promoting the development of children’s and student’s personality also through the free exchange of different ideas and points of view.

Download in PDF format

Un sogno che affonda le radici nel mito: l’immortalità.Nota a RE JS (Disposal of Body) [2016] EWHC 2859 (FAM), [10] - ​ Camilla Della Giustina

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. La decisione dell’High Court of Family Division - 3. La crioconservazione: una nuova sfida per il diritto? - 4. Aspetti bioetici della crionica - 5. La soluzione si trova dove il sogno trova la propria origine: conclusioni.

A Dream rooted in Myth: Immortality. Note a RE JS (Disposal of Body) [2016] EWHC 2859 (FAM), [10]

ABSTRACT: This paper addresses the problem of cryonics through the analysis of a pronunciation of the High Court of Family Division. A first part is dedicated to the examination of the decision taken and then proceed to the analysis of the bioethical and biolaw issues that cryopreservation and neuropreservation pose. The aim is to introduce the biolaw debate in relation to the emergence of this new practice by highlighting the criticality of the same, such as, for example, that of not having adequate scientific basis. Given that the pursuit of immortality has its roots in Greek mythology, a possible solution could be to recall the warning that the same mythological narratives handed down.

Download in PDF format

L’andamento statistico del ‘processus matrimonialis brevior’: motivi di soddisfazione e di qualche preoccupazione - ​ Massimo del Pozzo

SOMMARIO: 1. Il rilievo “esemplare” (ma contenuto) di un istituto nuovo e peculiare - 2. Un bilancio ancora parziale e limitato - 3. Uno sguardo generale sulla situazione mondiale: motivi di soddisfazione - 4. Un uso ragionevole del rito breviore - 5. La “non scontata” soluzione del giudizio episcopale - 6. La “relativa” controtendenza statunitense - 7. La focalizzazione su alcune situazioni particolari: motivi di preoccupazione - 8. Un’adozione territorialmente molto sbilanciata - 9. La renitenza di alcuni episcopati - 10. L’anomalia sudamericana e africana - 11. L’impressione di un’applicazione troppo diversificata e disomogenea - 12. Il riscontro estensivo o applicativo - 13. Il riscontro intensivo o procedimentale - 14. Trend e prospettive di sviluppo.

The Course of the Statistical Data regarding the ‘Processus Matrimonialis Brevior coram Episcopo’: Motives for Contentment and Some Preoccupations

ABSTRACT: The article analyzes the course of the statistical data on the abbreviated matrimonial process before the bishop. Although the data is still uncertain and limited (since it covers the period 2016-2019 and only certain targeted statistical points), it is possible to generally acknowledge that the practice is fairly restrained and reasonable. Regardless of the fact that the appeals were very rare, the admission to the processus brevior does not seem to denote a definitive institutional solution (the emergence of a number of cases in which the matter was referred to the ordinary method). Even in the United States, a representative country regarding the ecclesiastic judicial activity and problems with regard to said activity, the number of the briefer processes seems to be fairly moderate. Since the briefer process represents a special type of process, the cautious and thought-out reception of this institute points to a certain maturity of the system. The data show some reserves regarding the adoption of this institute in some territories, as well as the resistance of certain bishops, together with certain anomalies in its development in South America and Africa. The impression upon analyzing the data is that the enforcement of the institute is still too diversified and that it lacks homogeneity, either in its territorial extension or with regard to the intensity of the enforcement of the institute. The author then perceives the need for a greater extent of directive interventions and authoritative instructions, while he outlines certain trends and prospects for development.

Download in PDF format

Ordine pubblico “internazionale” e ordine pubblico così detto “concordatario”: il contenuto del limite alla luce della recente giurisprudenza di legittimità - ​ Natascia Marchei

SOMMARIO: 1. La clausola generale di ordine pubblico nei rapporti con l’ordinamento matrimoniale canonico: luci e ombre di un percorso tortuoso e accidentato - 2. Il contenuto del limite nella recente giurisprudenza di legittimità in materia di riconoscimento di sentenze e provvedimenti stranieri - 3. Brevi considerazioni conclusive: ordine pubblico e principi confessionali.

‘International’ public order and so-called ‘concordatarian’ public order: the content of the limit in the light of the recent jurisprudence of legitimacy

ABSTRACT: The limit of public order at the entry of judgments and provisions of external legal orders is interpreted by the jurisprudence of legitimacy with an increasingly attentive meaning to the subjective interests of the people involved. Thus, the clause is regressively oriented towards the protection of the internal harmony of the legal order, whilst it is progressively oriented towards guaranteeing the rights of individuals, recognized by the Constitutional Charter and the European Charters. This orientation leads to a subjectivized public order, the operation of which is often left to the availability of the parties.

Download in PDF format

Diversità e diritto internazionale privato: il ripudio islamico e la sua rilevanza nell’ordinamento giuridico italiano alla luce di due recenti pronunce della Corte di Cassazione - ​ Daniela Milani

SOMMARIO: 1. Dal riconoscimento degli effetti civili delle sentenze ecclesiastiche di nullità matrimoniale alla trascrizione del ripudio islamico - 2. Le specificità dell’istituto del ripudio - 3. I dubbi di compatibilità sollevati dal ripudio alla prova della recente giurisprudenza di legittimità - 4. La sentenza n. 16804 del 7 agosto 2020 e l’intrascrivibilità di un ripudio sciaraitico pronunciato in Palestina - 5. L’ordinanza n. 17170 del 14 agosto 2020 sulla trascrivibilità di un divorzio unilaterale pronunciato in Iran - 6. Annotazioni conclusive: ordine pubblico e diversità religiosa alla prova degli effetti generati dalla trascrizione.

Diversity and Private International Law: Islamic repudiation and its relevance into the Italian legal system in the light of two recent judgments of the Court of Cassation

ABSTRACT: Two recent judgments of the Court of Cassation lead to the center of attention the issue of recognition in Italy of repudiation orders issued abroad by Sharia courts. The general clause of international public order becomes thus the filter to measure the degree of openness of our legal system to other values, clearly foreign to the Italian and European legal horizon.

Download in PDF format

La dimensione giuridico-ecclesiologica degli altari delle chiese dismesse: questioni divise tra diritto canonico, diritto liturgico e diritto dello Stato - ​ Francesco Passaseo

SOMMARIO: 1. Considerazioni preliminari - 2. La speciale natura rei sacrae degli altari - 3. Gli altari secondari - 4. La celebrazione eucaristica e la deposizione delle sacre reliquie nel rito della dedicazione o della benedizione dell'altare - 5. Il rapporto tra norme canoniche e norme liturgiche nella regolamentazione degli altari - 6. L'applicabilità agli altari delle norme canoniche che regolano i luoghi sacri - 7. Il rapporto tra le Linee guida emanate dalla Congregazione per il Clero e le norme codiciali - 8. Cenni alla disciplina prevista dal Codice del 1917 per la riduzione a uso profano degli altari - 9. Ulteriori e precedenti tipologie di altare - 10. La conservazione delle sacre reliquie - 11. La distinzione tra altari fissi e altari mobili - 12. La destinazione degli altari mobili delle chiese dismesse - 13. La destinazione degli altari fissi delle chiese dismesse - 14. L'altare della Vergine nella chiesa di Santa Maria di Cerrate - 15. L'altare bene comune.

The juridical-ecclesiological dimension of the altars of decommissioned churches: questions divided between canon law, liturgical law and civil law

ABSTRACT: The article analyzes the condition and the destination of the altars of the churches that have lost their dedication or blessing due to the decommissioning processes regulated by the canon law. The main purposes of this analysis are to understand whether it is possible to reduce altars to profane uses and to identify a new proper use for them. In order to achieve these objectives, it is essential to consider the special sacred nature of the altars, but also their cultural value.

Download in PDF format

“A chiare lettere - Editoriali” • La Santa Sede e il d.d.l. Zan sulla tutela di LGBTQ - ​ Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Una “nota verbale” non senza precedenti - 2. Le garanzie offerte dal diritto interno - 3. La preferenza ecclesiastica per la via diplomatica - 4. L’ingerenza secondo il trattato lateranense - 5. L’art. 4 del d.d.l. - 6. L’art. 7 del d.d.l. - 7. Il self-restraint sulle criticità della tutela dell’identità di genere - 8. Cause ed effetti della “nota verbale” - Appendice.

The Holy See and the Zan Bill on the subject of LGBTQ Defence

ABSTRACT: The diplomatic “parol note” by which the Holy See participated on the Zan bill is a formally incorrect deed but substantially reduced the protest only to the freedom interests of the Church, without interfering more in the full legislative power of the State in order to give also penal importance to the LGBTQ antidiscriminatory defence.

Download in PDF format

Le minoranze religiose escluse. Il pluralismo religioso in Italia tra politica e diritto - ​ Cristiana Cianitto, Silvio Ferrari

Il convegno, di cui la Rivista Stato, Chiese e pluralismo confessionale oggi pubblica le relazioni, prende le mosse da una riflessione nata all’interno dei contesti di ricerca specifici dei curatori. A vario titolo, abbiamo da anni seguito con attenzione il tema delle minoranze sotto molteplici aspetti: minoranze e diritti religiosi, conflitti tra libertà di espressione e libertà di religione, la tutela delle minoranze in Italia e negli ordinamenti giuridici degli stati europei. A partire da queste premesse, ci è parso opportuno organizzare un incontro che fosse dedicato a esaminare la situazione di alcuni gruppi religiosi di minoranza che sono giuridicamente e socialmente emarginati nella società italiana. Lo scopo del convegno è stato quello di valutare –attraverso un’analisi che prendesse in considerazione anche i profili storici, politici e sociologici del problema - la capacità del sistema giuridico italiano di includere i gruppi religiosi minoritari più piccoli e controversi e di discutere quali possano essere le migliori strategie per raggiungere questo obiettivo.

Religious minorities in Italy at the margins. Religious diversity in Italy between Law and Politics

ABSTRACT: The meeting aims at examining the situation of belief and religious minorities, which are at the margins of the Italian society and its legal system. Through an analysis, that also covers the historical, political and sociological profiles of the issue, speakers and participants will discuss how well the Italian legal system is able to respect and promote the rights of religious and belief organizations, including the smallest and newest ones. The debate will also put under scrutiny the capacity of the Italian legal system to include the smallest and most controversial religious minorities and the best strategies to achieve this goal.

Download in PDF format

Le minoranze religiose escluse. Introduzione al tema - ​ Silvio Ferrari

Questo incontro nasce da un dato di fatto che è sotto i nostri occhi: in Italia non tutte le minoranze religiose sono uguali o, meglio, sono trattate nello stesso modo dall’ordinamento giuridico. Nel 1978 Giorgio Peyrot poteva definire le minoranze religiose in Italia un “coacervo anonimo degli indistinti”. Aveva ragione perché allora vi era una divisione netta tra la Chiesa cattolica da un lato, i cui rapporti con lo Stato italiano erano regolati dai Patti lateranensi, e tutte le altre comunità religiose dall’altro, che ricadevano sotto la disciplina della legge sui culti ammessi del 1929. Ora non è più così e continuare a parlare di maggioranza e minoranze religiose, come se esse fossero due blocchi monolitici, sarebbe fuorviante. All’interno di quello che era “il coacervo anonimo degli indistinti”, è necessario distinguere almeno due grandi gruppi di minoranze religiose, quelle incluse nel sistema giuridico italiano e quelle che invece ne restano ai margini e che nel titolo di questo incontro sono definite “le minoranze religiose escluse”.

Religious minorities escluded. A thematic introduction

ABSTRACT: In the contest of a wider pluralism of the Italian and of the European society at large, it is more and more necessary to try to guarantee an equal treatment to all religious minorities. But how to identify what a religious minority is? This paper points three possible ways and finally proposes a new possible tool to analyse the legal status of religious minorities in Europe.

Download in PDF format