Rivista telematica (www.statoechiese.it)
Online dal gennaio 2007
Menu

Parere sulla applicabilità della normativa anticorruzione alle Fabbricerie

1 - Si chiede un Parere sulla applicabilità alle Fabbricerie della normativa anticorruzione. La questione nasce da deliberazione dell’Autorità Nazionale Anticorruzione volta a orientare gli enti di diritto privato controllati e partecipati, direttamente e indirettamente, da pubbliche amministrazioni, e gli enti pubblici economici, nella applicazione della normativa in materia di prevenzione della corruzione e trasparenza di cui alla legge n. 190 del 2012. In particolare l’Autorità in questione ritiene che le Fabbricerie, come tipologia di ente giuridico, possano essere considerate come “ente di diritto privato in controllo pubblico” ai sensi dell’art. 24 bis, del D.L. 24 giugno 2014, convertito in Legge 11 agosto 2014, n. 114 (continua).

Opinion upon the applicability of the anti-corruption legislation at the “Fabbricerie”

ABSTRACT: The “Fabbricerie” do not fall into the category of “private-law entities under public control” pursuant to art. 24 bis of the D.L. n. 114 of 2014, and consequently they are not required to comply with the obligations set out in the legislation on the prevention of corruption and transparency. And this because: they are neither public entities nor private entities, but ecclesiastical entities sui generis, governed by a legal regime negotiated between Italy and Holy See, therefore unalterably unilaterally; their purpose is mainly and directly aimed to guarantee the serving the church and the cult, and therefore it is for purposes other than the public interest as per art. 24 bis of the D.L. n. 114 of 2014; the provision for the appointment of the administrators is not an expression of the supremacy of the public administration.

Scarica il testo completo in PDF