Rivista telematica (www.statoechiese.it)
Online dal gennaio 2007
Menu

Articoli in Unione europea e Consiglio d’Europa

Modes of neutrality in the ECtHR jurisprudence related to religious matters: some critical remarks - di Alice Ollino

SUMMARY: 1. Introduction - 2. The meaning of State neutrality: some conceptual clarifications - 3. State’s neutrality vis-à-vis religious organizations: neutrality as absence of interference - 4. State’s neutrality vis-à-vis public education: neutrality as objectivity - 5. State neutrality vis-à-vis religious symbols in the public sphere: neutrality as exclusion of religion - 6. ‘Reversed’ patters of neutrality: the disruptive effect of Lautsi v. Italy - 7. Concluding remarks: decoding the patterns of State neutrality in the jurisprudence of the ECtHR.

ABSTRACT: This contribution discusses the notion of State neutrality in the jurisprudence of the European Court of Human Rights. State neutrality has become increasingly relevant in the rulings of the ECtHR concerning religious freedom, with the Court explicitly resorting to the idea that States should act as neutral and impartial organizers of religious life within their community. Yet, the conception of State neutrality developed by the Court is inconsistent and often gives rise to criticism. By exploring the Court’s main jurisprudence in the context of religious disputes, religious education in public education, and the display of religious symbols in public spaces, this contribution seeks to disentangle the different understandings of neutrality employed by the Court and to critically engage with them.

Scarica il testo completo in PDF

Rilevanza pubblica delle comunità religiose nella dimensione giuridica europea - di Pasquale Lillo

SOMMARIO: 1. La presenza religiosa nella sfera pubblica - 2. La libertà religiosa collettiva nella CEDU - 3. La condizione giuridica delle confessioni religiose nel diritto della UE - 4. Identità confessionali e identità nazionali europee - 5. Il ruolo “pubblico” delle istituzioni religiose negli Stati europei - 6. In particolare: a) la rilevanza costituzionale dei soggetti confessionali in Germania - 7. Segue: b) la condizione giuridica delle confessioni religiose in Italia.

Public relevance of religious communities in the European legal dimension

The religious phenomenon appears relevant both on an individual level and on a social level. In many cases religious experience, on the one hand, helps to draw the personal identity of the subject; on the other, it is an element that characterizes various aspects of civil society, up to the influence of the political and institutional dynamics of many contemporary state systems. This paper intends to demonstrate that the religious phenomenon does not appear confined only in the strictly private sphere, but lives and manifests itself also in the public dimension. This approach seems to be confirmed, among other things, by the new public role that religious communities are progressively taking on in the European legal sphere, as well as within individual state systems in Europe. From the analysis of the rules in force both at the European and national level, this work therefore derives a significant legal recognition of the public relevance of religions and religious communities that are direct institutional expression, paying particular attention to the experience gained in the German law and in the Italian legal system.

Scarica il testo completo in PDF

Salvaguardia dei dati sensibili di natura religiosa e autonomia confessionale. Spunti per un’interpretazione secundum Constitutionem del regolamento europeo n. 2016/679 - di Manuel Ganarin

SOMMARIO: 1. Esigenze di uniformazione delle fonti europee di diritto derivato e protezione del principio di favor religionis nella Carta costituzionale italiana. Alla ricerca di un punto di equilibrio - 2. Possibilità e limiti di esenzione dalla normativa europea circa il trattamento dei dati personali intraconfessionali - 3. Ammissibilità di soluzioni normative confessionali ‘complete’ e ‘conformi’ al regolamento europeo ... - 4. … e di un intervento dello Stato volto al ripristino della legalità costituzionale - 5. Gli strumenti di tutela: il ruolo dell’autorità di controllo nazionale e di un’ipotetica authority confessionale nella prospettiva di un coordinamento interordinamentale necessitato.

Protection of sensitive religious data and confessional autonomy. Reflections for an interpretation secundum Constitutionem of the European regulation n. 2016/679

ABSTRACT: The contribution proposes an interpretation in conformity with the Italian Constitution of the European regulation n. 2016/679 on the protection of individuals with regard to the processing of personal data, which will be applied in the Member States from 25 May 2018. An interpretation that protects the constitutional principle of confessional autonomy and the fundamental rights and freedoms of the person, reconciling them when necessary.

Scarica il testo completo in PDF

Quando la libertà prevale sulla morale: la pubblicità - di Nicola Colaianni

1 - La questione, cruciale nelle società multiculturali, dell’uso della simbologia religiosa è tornata sotto la supervisione della Corte europea dei diritti umani, che già se n’era occupata più volte per i segni portati attraverso o per complemento dell’abbigliamento personale e una volta anche per quelli esposti nei luoghi pubblici. Stavolta si trattava di citazioni, o meglio allusioni, evangeliche utilizzate a scopo di marketing da un'azienda lituana che produce vestiti: tre manifesti, diffusi anche sul web, con la foto di un uomo e una donna con l'aureola, lui tatuato in jeans, lei con un vestito bianco e una collana di perline, che sembra una corona di rosario. L'allusione a Gesù e Maria si trae dalle frasi esclamative: "Gesù, che pantaloni!", "Gesù, Maria! Cosa indossate!", "Cara Maria, che vestito!" (segue).

Sometimes freedom of expression overrides public morals: the case of advertising

ABSTRACT: This article examines the case Sekmadienis v. Lithuania, where the European Court of human rights found that the advertisements by a clothing company, despite using models and captions referring to “Jesus” and “Mary”, did not offend public morals. Nevertheless the balancing in favour, for once, of freedom of expression is due not to a revirement but, essentially, to two factors: the advertisements neither were gratuitously offensive nor incited hatred and, on the other hand, domestic authorities did not provide sufficient justifications for why such use of religious symbols would had been contrary to public morals. Therefore, it’s an assertion not of secularism in front of religion but – the author says quoting Pier Paolo Pasolini - a new laicity, that does not compete with religion: the advertising laicity, born in middle-class entropy.

I

Scarica il testo completo in PDF

Laicità europea. Riflessioni sull’identità politica dell’Europa nel pluralismo ideale contemporaneo - di Marco Parisi

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Europa dei cittadini e identità politica del processo di integrazione continentale - 3. Spazio politico europeo, libertà religiosa e laicità - 4. Conclusioni.

ABSTRACT: The evolution of the European Union law and of the right to religious freedom lies in the global process of internationalization of fundamental rights, the transformation of relations between States, the modification of the idea of ​​sovereignty, the emergence of new conventional instruments. With reference to the European social and legal space, the transformation of the European Economic Community into a real political union has allowed the inalienable human rights of the people to become central in the process of integration. Because of that, the political and legal system of the European Union, characterized by the transition of the State monopoly of sovereignty to its sharing among different subjects, has affected the reality of relations between public powers and religious phenomenon. A particular configuration of the concept of secularism in the European continent has been established, by virtue, which the values of democracy, pluralism, human dignity and non-identification between public functions and religious experience would allow for peaceful coexistence between religion, institutional activity of the European Union and fundamental freedoms.

Scarica il testo completo in PDF

Security and Religious Radicalization. Securitization of Islam in Europe - di Agustín Motilla

SUMMARY: 1. Introduction - 2. General measures of the anti-terrorist laws; social surveillance and immigration control - 3. Antiterrorist laws and Islam: the securitization of Muslims in western countries - 4. The enforcement of measures affecting Muslim population not directly related to security: the vague criminalization of Islam - 5. Effects of the measures direct or indirectly justified on security reasons in religious freedom; specially related to Muslim population - 6. Closing remarks; positive statements in the construction of the European Union framework.

Scarica il testo completo in PDF

“A ognuno la sua croce”. Notazioni sparse in tema di ostensione istituzionale dei simboli cristiani nella sfera pubblica europea (con particolare riferimento all’art. 28 della legge francese di separazione) - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. Delimitazione del tema d’indagine - 2. Gli epigoni giurisprudenziali del caso Lautsi in una recente sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale per la Sardegna - 3. L’art. 28 della legge francese di separazione del 9 dicembre 1905 - 4. Il banco di prova dei monumenti ai caduti edificati dopo la legge del 1905 - 5. Le oscillazioni interpretative della giurisprudenza amministrativa in materia di esposizione dei presepi - 6. I dubbi sulla “riscrittura” dell’art. 28 operata dal Conseil d’État - 7. Le sorti della statua “fuorilegge” di papa Giovanni Paolo II - 8. La “prova di forza” della Slovacchia nella vicenda della moneta commemorativa dei Santi Cirillo e Metodio - 9. Conclusioni: trasfigurazione dei simboli o della laicità?

To each his own cross”. Disparate remarks concerning the public display of Christian symbols in the European public sphere (with specific regard to Article 28 of the French Separation Law)

ABSTRACT: The present essay takes as a starting point some recent case law on the so-called “institutional” display of religious symbols (and in particular Christian symbols), in Italy and other European countries. The analysis focuses on both the French legal system and some recent rulings of the administrative jurisprudence, which seems to mark a shift from the more consolidated and traditional reading keys of the “secularism”.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e proposte di riforma della legislazione ecclesiastica in Italia - di Paolo Cavana

SOMMARIO: 1. Attualità del diritto di libertà religiosa - 2. La libertà religiosa e la sfida del pluralismo confessionale - 3. L’affermazione del diritto di libertà religiosa in Europa -  4. Evoluzione espansiva del diritto di libertà religiosa. Tradizione anglosassone e approccio europeo ai diritti - 5. Dimensione negativa o di garanzia e dimensione positiva o promozionale del diritto di libertà religiosa - 6. Dimensione positiva dei diritti e obblighi di solidarietà: la logica del sistema pattizio - 7. Il sistema italiano di tutela del diritto di libertà religiosa - 8. Legislazione ecclesiastica e proposte di riforma - 9. Il progetto di legge generale sulla libertà religiosa - 10.  Evoluzione del quadro normativo e progetti di riforma - 11. Organizzazioni agnostiche e strutture confessionali: un’assimilazione controversa - 12. Il sistema pattizio come garanzia di pluralismo confessionale e di piena integrazione.

Religious freedom and proposals of reform of the Italian law concerning religious denominations

ABSTRACT: This paper, after briefly recalling the importance of religious freedom in Western civilization and its progressive identification as a fundamental right all over the world, examines the legal framework of religious freedom in the Italian law system. In doing so, it underlines the distinction between the negative and positive aspects of the right, calling for a different attitude on behalf of the State according to the different common law and civil law systems. In the end, taking into account the principles of the Constitution and the Italian Constitutional Court’s case law, it critically addresses the current debate on the proposal of a State statute concerning the exercise of the right of religious freedom for individuals and, above all, for denominational groups without an agreement with the State.

Scarica il testo completo in PDF

L’Europa e i migranti: per una dignitosa libertà (non solo religiosa) - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. La preminenza della dignità sulla libertà - 2. La dignità di chi non conta niente: i migranti - 3. Ci può essere libertà senza dignità? - 4. La luterana libertà del cristiano e la sua secolarizzazione - 5. Un’Europa infedele alla sua ispirazione - 6. Analogia dei conflitti politici odierni con quelli religiosi passati - 7. I migranti, banco di prova per l’Europa e per le Chiese - 8. L’attuale condizione dei migranti - 9. La libertà dignitosa come fonte dell’unità politica europea.

Scarica il testo completo in PDF

The Meaning of ‘Religion’ in Multicultural Societies Law - di Pierluigi Consorti Giancarlo Anello Mohamed A. Arafa Federica Botti Rossella Bottoni Cristina Dalla Villa Maria d'Arienzo Luigi Mariano Guzzo Maria Luisa Lo Giacco Adelaide Madera Enrica Martinelli Cristiana Maria Pettinato Germana Carobene Maria Cristina Ivaldi Chiara Lapi AA. VV. (Consorti e altri)

SUMMARY: 1. Introduction. 2. Religion in Law. 3. Is there a difference between religion and other kinds of faith? 4. Preliminary pieces of advice on this research.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e cittadinanza integrativa. Alcune note sul ‘vivere assieme’ in una società plurale - di Antonio Angelucci

SOMMARIO: 1. Cittadinanza e identità religiosa - 2. Cittadinanza e pluralismo religioso - 3. “Cittadinanza integrativa” e libertà religiosa - 4. La Risoluzione 2076 (2015) e la Raccomandazione 2080 (2015).

Religious Freedom and Integrative Citizenship. Some Notes on 'Living Together' in a Plural Society

ABSTRACT: Circumcision concerns the religious identity of Jews and Muslims. In addition to these circumcisions which can be defined as "confessional-religious" there are also those related to local customs. These types deserve renewed attention after Resolution 1952 (2013) and Recommendation 2023 (2013) of the Parliamentary Assembly of the Council of Europe, both concerning "the right of children to physical integrity", and subsequent resolutions 2076 (2015) and Recommendation 2080 (2015) devoted to "(R) Religion and Living together in a Democratic Society". Citizenship is, in fact, the much broader horizon to be found behind circumcision. While the first two documents tend to consider non-therapeutic circumcision as a possible assault to the physical integrity of children without, therefore, focusing on the profiles inherent the right to religious freedom and the possible inclusive value of its "recognition" for the purposes of universal citizenship, the latter two, focusing on the freedom of 'living together' according to the practices of each religion, seem to be more aware of the need to move towards the realization of a European, inclusive and plural citizenship. However, the category of 'living together', evanescent and ambiguous for its correlation with the principle of majority (as is evident from the most recent case law of the ECHR), requires a new approach that gives it greater objectivity. Concepts such as those of pluralism and plural citizenship, in which civic belonging and religious affiliation can live together, help to go in that direction, renewing, in the end, the membership of a Europe of peoples and not just of economies.

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere - Transizioni” • Il divieto di indossare il niqab del codice penale belga all’esame della Corte europea dei diritti dell’uomo: un passo in avanti per la formazione del “precedente“ che mette a rischio il pluralismo religioso - di Giuseppe Casuscelli

Pochi giorni or sono la Corte europea dei diritti dell’uomo, con la pronuncia relativa al caso Belcacemi et Oussar c. Belgique, ha ritenuto che l’art. 653bis del codice penale belga, introdotto dalla legge 1° giugno 2011 - punendo quanti "sauf dispositions légales contraires, se présentent dans les lieux accessibles au public le visage masqué ou dissimulé en tout ou en partie, de manière telle qu’ils ne soient pas identifiables" con la pena "d’une amende de quinze euros à vingt-cinq euros (lire: de 120 à 200 euros) et d’un emprisonnement d’un jour à sept jours ou d’une de ces peines seulement" – non viola gli artt. 8, 9 e 14 della Convenzione. La Corte ha ritenuto di mettere l’accento in special modo sull’art. 9, poiché il divieto di indossare nello spazio pubblico un capo d’abbigliamento destinato a nascondere, in tutto o in parte, il viso pone degli interrogativi sia in ordine al rispetto della vita privata delle donne che desiderano portare il velo integrale per motivi legati ai loro convincimenti, sia in ordine alla loro libertà di manifestare questi convincimenti. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Una disciplina-quadro delle libertà di religione: perché, oggi più di prima, urge “provare e riprovare” a mettere al sicuro la pace religiosa - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. “Provare e riprovare” - 2. Le ragioni dell’odierna urgenza. I quattro macro fenomeni: sicurezza, crisi economica, migrazioni e populismi - 3. Di alcuni effetti dei macro fenomeni - 4. Avanzando verso la disuguaglianza graduata. Selezione degli interlocutori, margine d’apprezzamento, e limiti della “democrazia costituzionale” - 5. Le scelte di Astrid, e alcuni punti fermi - 6. Una considerazione ancora.

A Framework of Freedom of Religion: for today, it urges "to try and try again" to secure religious peace
ABSTRACT: This article analyzes the theme of the continuing lack of a law on religious freedom in Italy, despite the fact that seventy years have passed since the Republican Constitution was approved. According to the Author, the combination of four macro-phenomena (security, economic crisis, immigration, populism) nowadays urges the Italian Parliament to start debating how to implement the rights guaranteed under art. 19 Cost. - irrespective of the nationality of the person - and to regulate the procedures for reaching the agreements provided for in the third paragraph of art. 8 Cost. using the well-articulated bill proposed by the Astrid study group. The Author, finally, identifies a number of firm points necessary in his view to ensure respect for religious pluralism, secularism of the state and “religious peace”.

Scarica il testo completo in PDF

Diritto concordatario versus diritto eurounitario: a chi spetta la primauté? (a margine della pronunzia della Corte di Giustizia del 27 giugno 2017, C-74/16, in tema di agevolazioni fiscali per le “attività economiche” della Chiesa) - di Angelo Licastro Antonio Ruggeri

SOMMARIO: 1. La riproposizione da parte della Corte di Giustizia dello schema collaudato dell’“assorbimento” delle forme di rilevanza del fenomeno religioso nelle regole (e nelle logiche) del libero mercato - 2. La vicenda oggetto del rinvio pregiudiziale - 3. Le valutazioni di merito operate dalla Corte - 4. Le analogie con la vicenda italiana riguardante l’esenzione ICI/IMU degli immobili degli enti ecclesiastici cattolici non esclusivamente destinati a fini di culto - 5. I riflessi della sentenza sulla fiscalità agevolata degli enti ecclesiastici prevista dall’ordinamento italiano - 6. La questione dell’incidenza di tale tipo di controversie sulla clausola di salvaguardia dello status riconosciuto dal diritto nazionale alle Confessioni religiose (art. 17 TFUE) - 7. La “copertura” costituzionale della normativa di derivazione concordataria e il principio del primato del diritto dell’Unione - 8. Struttura internamente composita dell’identità dell’Unione, in seno alla quale si dà il principio del primato del diritto eurounitario come pure quello della salvaguardia dei principi fondamentali degli ordinamenti nazionali, e necessità che, caso per caso (e con la tecnica del bilanciamento), si raggiunga e tenga fermo l’equilibrio tra gli stessi - 9. Struttura parimenti composita dell’identità costituzionale dello Stato e modi di farla valere al momento (e per effetto) dell’ingresso in ambito interno di norme di origine esterna, alla luce del bisogno di affermazione di tutti i principi fondamentali (in ispecie, di quelli espressivi della coppia assiologica fondamentale di libertà e uguaglianza) - 10. Diritto concordatario versus diritto eurounitario: conflitto reale o apparente? - 11. Il significato della decisione qui annotata al piano delle relazioni istituzionali: verso una rimessa a punto del rinvio pregiudiziale e dell’equilibrio per il suo tramite raggiungibile tra la Corte dell’Unione e il giudice nazionale?

Scarica il testo completo in PDF

I rapporti internazionali dello Stato Città del Vaticano alla luce degli interventi normativi in materia finanziaria - di David Durisotto

SOMMARIO: 1. Stato Città del Vaticano e Unione europea. La Convenzione monetaria - 2. Lo sviluppo della SCV del Vaticano. Il dilatamento della giurisdizione vaticana e i rapporti di giurisdizione con l’Italia - 3. La normativa vaticana e il processo di valutazione MONEYVAL. Approccio collaborativo delle autorità vaticane e rapporti internazionali - 4. Gli sviluppi più recenti.

International Relations of Vatican City State and measures in financial law

ABSTRACT: After having outlined the peculiarities of Vatican City State's nature, this paper examines the development of its financial law, starting with the Monetary Convention with European Union. The Holy See from 2009 makes a serious effort to adjust its law to the current needs of an increasingly globalised market. This results in a profound change in the Vatican international relations, which were previously mainly addressing Italy, in order to satisfy the territorial and material needs of a small State. Today Vatican City State has agreed to be subject to periodic controls on its financial system by international bodies. It has developed a system of international relations and it integrates into the global financial market transparency system.

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere – Transizioni” • Esenzioni fiscali a favore delle confessioni e aiuti di stato: le quattro condizioni ex art. 107, paragrafo 1, TFUE e il tetto massimo di 200.00 euro - di Giuseppe Casuscelli

Il trattamento fiscale preferenziale previsto in molti Paesi dell’Unione Europea per le confessioni religiose e per gli enti religiosi e, più in generale, il finanziamento pubblico, diretto o indiretto, di cui essi possono godere – in forza di speciali discipline concordatarie o di diritto comune - deve misurarsi con la previsione del primo comma dell’art. 107 TFUE che dispone essere “incompatibili con il mercato interno, nella misura in cui incidano sugli scambi tra Stati membri, gli aiuti concessi dagli Stati, ovvero mediante risorse statali, sotto qualsiasi forma che, favorendo talune imprese o talune produzioni, falsino o minaccino di falsare la concorrenza”. L’Italia ha già sperimentato quanto spinoso sia il problema sollevato dall’interpretazione della norma con specifico riferimento al (mancato) pagamento dell’imposta comunale sugli immobili (ICI) da parte di enti ecclesiastici che svolgevano (anche) attività imprenditoriale nel settore alberghiero e in quello scolastico.

Scarica il testo completo in PDF

Perché è necessaria una legge sulla libertà religiosa? Profili e prospettive di un progetto di legge in Italia - di Silvio Ferrari

In apertura del mio intervento enuncerò subito i tre temi che ne costituiscono la sostanza. Al termine di queste rapide e necessariamente imprecise enunciazioni ritornerò su ciascuno di essi per definirne meglio il senso e i contenuti. Vorrei innanzitutto collocare il progetto di legge di cui stiamo discutendo nel suo contesto europeo. Dei 27 paesi che sono membri dell’Unione europea, 16 hanno leggi che - pur variamente denominate - sono comparabili per struttura, temi e funzioni a quella che è oggetto del nostro esame. Tra questi 16 Stati, 9 regolano i rapporti con le comunità religiose sulla base di un concordato con la Chiesa cattolica e di intese con le altre confessioni religiose, il cosiddetto modello italiano di rapporti tra Stati e religioni. Vi è un solo Stato che ha adottato il modello italiano ed è privo di una legge sulla libertà di religione e questo Stato è l’Italia. A giudicare dal panorama europeo, una legge sulla libertà religiosa sembra quindi essere un complemento strutturalmente necessario di ogni sistema fondato sulla stipulazione di concordati e intese. Dovremmo chiederci perché.

Scarica il testo completo in PDF

Le droit européen de liberté religieuse au temps de l’islam - di Alessandro Ferrari

SOMMARIO: 1. Introduction - 2. Une nouvelle modernité: le chameau musulman et le trou Westphalien - 3. Tensions contemporaines: ce que la "question musulmane" révèle - 4. Vers un ordre westphalien-méditerranéen - 5. Le rouleau compresseur de la contemporanéité: vers un nouveau paradigme.

Scarica il testo completo in PDF

Griglie di lettura e analisi dell’islam europeo. Diritto interculturale e relazioni sciaraitiche - di Federica Sona

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Tassonomie di appartenenza alla Ummah - 3. Modelli di innesto dell’ islām in Europa - 4. Atteggiamenti culturalizzati, assimilati, cosmopoliti e in protesta - 5. Approcci geopoliticizzati e transnazionali - 6. Orientamenti esternalizzati, dualizzati e islamizzati - 7. Considerazioni conclusive.

Decoding European islām. Intercultural law and sharī ʿ ah -compliant relations.

ABSTRACT: Since the beginning of the XXI century, Islām became a key-topic in the national and international discourse. In the contemporary pluralist and fluid scenario, the public visibility of Euro- Islām increases also as expression of Muslim communities’ demands and pressing needs. In light of recent tragic events and the exponentially growing European Muslim community, developing appropriate tools for effective and fruitful dialogue is thus of pivotal importance. Adopting a pluralist perspective, the paper investigates the multi-folded accommodation, adaptation and mutual adjustment techniques enacted amongst different legal cultures, orders and systems. Specifically, attention is paid to the reciprocally (non) adjustments of Islamic/Muslim laws to European domestic legal systems, and the implications of the interaction between sharī ʿ ah -compliant relations and intercultural law. The proposed analysis aims to decode the various forms of sharī ʿ ah -compliant modus vivendi enacted by European Muslims by shedding light upon the peculiarities of European Islām and the polychrome taxonomies of belonging to al-Ummah Islamiyyah . Relying upon field-collected data, the transplantation models of Islām in national legal systems are disentangled, whilst the discussion reveals new prototypes of state and social co-existence, constantly developed and reinvented at the crossroads amongst states, religions and traditions.

Scarica il testo completo in PDF

Protezione internazionale e persecuzione per motivi religiosi: la giurisprudenza più recente - di Miriam Abu Salem Nicola Fiorita

SOMMARIO: 1. Prime considerazioni su diritto di asilo e protezione internazionale – 2. La giurisprudenza italiana - 3. La nozione di persecuzione religiosa secondo la Corte di Giustizia – 4. La Corte europea dei diritti dell’uomo torna sul diritto di asilo: conversione, apostasia, rischio di persecuzione.

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” – Transizioni • La farsa del burqini: ma c’è un giudice a Parigi! (di g.c.) - di Giuseppe Casuscelli

Nei giorni dello sgomento, del lutto per le atrocità degli attentati terroristici, le ordinanze sindacali sul divieto d’indossare il burqini sulle spiagge francesi hanno avuto il sapore penoso di una farsa fuori luogo, che ha alimentato un “dibattito surrealista” sulla laicità “balneare”. Quei divieti di carattere assoluto sono parsi una ripicca inappropriata, inutile se non dannosa: in questi casi, certo, non era in gioco la necessità di salvaguardare le esigenze fondamentali del “vivre ensemble”, regola derogatoria della libertà di abbigliamento individuata dalla Corte europea dei diritti dell’uomo nella decisione della Grande Chambre nel caso S.A.S. c. France del 1° luglio 2014 con riferimento all’uso nello spazio pubblico del burqa, che copre l’intero volto. Quei divieti, si legge in un comunicato dell’Onu, “non rafforzano la sicurezza ma, al contrario, alimentano intolleranza religiosa e discriminazione dei musulmani in Francia, in particolare le donne. La parità di genere non si ottiene regolamentando i vestiti che le donne decidono di portare”.

Scarica il testo completo in PDF

Tutela della coscienza, tra freedom to resign e indeclinabilità delle funzioni pubbliche - di Vera Valente

SOMMARIO: 1. Freedom to act. Ammissibilità e limiti all’esercizio dell’obiezione di coscienza - 2. Convincimenti religiosi e prestazioni lavorative - 3. Il principio di laicità nella ponderazione tra valori. Note a margine dell’affaire Ebrahimian c. France - 4. La giurisprudenza di Strasburgo: freedom to resign e limiti all’obiezione di coscienza a partire dalla sentenza Eweida - 5. I labili confini dell’agere licere, tra indeclinabilità delle funzioni pubbliche e tutela dei diritti altrui - 6. Un’osservazione conclusiva.

Scarica il testo completo in PDF

Unione europea, chiese e organizzazioni filosofiche non confessionali (art. 17 TFUE) - di David Durisotto

SOMMARIO: 1. Evoluzione del diritto dell’Unione europea. La tutela dei diritti fondamentali – 2. Il fenomeno religioso – 3. I rapporti delle organizzazioni religiose, filosofiche e non confessionali con l’Unione europea nell’art. 17 TFUE – 4. Il dialogo tra teoria, prassi e limiti di competenza dell’Unione.

Scarica il testo completo in PDF

La tutela della libertà religiosa nelle carceri - di Sara Igina Capasso

SOMMARIO: 1. L'assistenza spirituale negli istituti di detenzione – 2. Segue: ministri di culto, simbolismo religioso e testi sacri – 3. Il diritto a un’alimentazione “religiosamente orientata” – 4. Uno sguardo all’Europa – 5. Brevi conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Le radici culturali e religiose della identità europea - di Piero Bellini

Vi sono temi tanto variamente articolati da porre in condizione chi sia chiamato a discorrerne in linea generale (e in termini sintetici) di non poter sottrarsi a una catena di audaci semplicizzazioni (e forzature) delle quali non gli resta che scusarsi anticipatamente con i suoi interlocutori. Difficile sfuggire a questo rischio quando s’ha che fare con un argomento come il nostro: specie se poco disposti a condiscendere al consueto privilegiamento [spesso di stampo apologetico] d’un singolo fattore ideale (quanto che sia significante) della «identità europea»: laddove è forza tener conto – nel parlarne – della convergenza operativa di una pluralità di co-fattori, i quali [svolgendo ciascuno un proprio ruolo] hanno concorso («in termini dialettici») a fare della nostra Europa ciò che l’Europa è adesso: ciò che ha saputo faticosamente diventare – lungo i secoli – in fatto di cultura, di sensibilità, di civiltà. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Cappellani militari e prospettive di riforma - di Paolo Cavana

Sommario: 1. Riforma dell’assistenza spirituale nelle Forze armate e impegni pattizi - 2. L’evoluzione dei sistemi di difesa in Europa e la sua incidenza sull’assistenza spirituale: il passaggio dalla coscrizione obbligatoria a un servizio di tipo professionale - 3. L’assistenza spirituale tra modello confessionista e modello pluralista. Le ragioni del ritardo legislativo - 4. L’inquadramento dei cappellani militari all’interno delle Forze armate, tra esigenze di ammodernamento e tendenze alla smilitarizzazione - 5. Inquadramento gerarchico dei cappellani militari e tradizione storica - 6. Inquadramento militare dei cappellani, principio di laicità ed esigenze funzionali - 7. Compiti delle Forze armate, principi costituzionali e nuovo ruolo dei cappellani militari - 8. La recente valorizzazione del ruolo dei cappellani militari nel sistema di difesa NATO. Osservazioni conclusive.

Military Chaplaincy in the process of reform

ABSTRACT: This paper examines the service of spiritual assistance in the State military forces according to the Italian system of law, in the context of their current evolution given to the principles of the Constitution and the changing international situation and policy. After some preliminary remarks about the origins of the present debate, it compares the models of other countries concerning the service of military chaplains and focuses on the issue of their juridic status as commissioned officers in the Army, taking into consideration the advantages and disadvantages of this legal framework. In the end it makes some conclusive remarks about the new role of chaplains in military organizations, not only religious support but also advisor to the command on issue of religion and ethics and liaison with local religious leaders in an effort to understand the role of religion as both a factor in hostility and war and as a force for reconciliation and peace.

Scarica il testo completo in PDF

Quando è l’abito a fare il lavoratore. La questione del velo islamico, tra libertà di manifestazione della religione ed esigenze dell’impresa - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. Simboli religiosi e competenze dell’Unione europea – 2. Il divieto di discriminazione del lavoratore e l’ammissibilità di regimi derogatori – 3. La problematica delimitazione della portata dell’art. 4, par. 1, della direttiva 2000/78/CE – 4. Il rinvio pregiudiziale davanti alla Corte di giustizia della questione del velo islamico – 5. ( segue ) I dubbi sull’eccessiva concretezza del quesito – 6. Gli orientamenti della giurisprudenza francese – 7. La libertà religiosa nell’impresa privata e le deroghe al diritto antidiscriminatorio: tre notazioni generali – 8. ( segue ) Il problema della rilevanza del requisito professionale “negativo” – 9. ( segue ) Gli spazi di operatività della discriminazione indiretta – 10. Divieto di discriminazione ed esigenze dell’impresa. Una conclusione provvisoria in attesa della pronunzia della Corte di giustizia.

ABSTRACT: An employer refusing to hire an applicant (or discharging an employee) wearing an Islamic headscarf, because of the individual’s religious practice, could be seen as a case of discrimination based on religion and therefore contrary to Council Directive 78/2000/EC of 27 November 2000, establishing a general framework for equal treatment in employment and occupation . However, Article 4(1) of this Directive provides that a difference in treatment based on a characteristic related to the listed grounds of discrimination may not be discriminatory if a particular religion or belief is a genuine occupational requirements for the post. The article examines the question referred at the Court of Justice of the European Union from the Cour de cassation (France) on 24 April 2015: “Must Article 4(1) … be interpreted as meaning that the wish of a customer of an information technology consulting company no longer to have the information technology services of that company provided by an employee, a design engineer, wearing an Islamic headscarf, is a genuine and determining occupational requirement, by reason of the nature of the particular occupational activities concerned or of the context in which they are carried out?”

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” - Transizioni • Libertà di religione e libertà d’opinione a confronto: bilanciamento e obbligazioni positive degli Stati membri dell’UE (di g.c.) - di Giuseppe Casuscelli

La sentenza della Corte EDU nel caso Karaahmed v. Bulgaria , divenuta definitiva da pochi giorni e di seguito riportata per esteso, affronta il problema del bilanciamento tra la libertà di coscienza e di religione, garantita dell’art. 9 della Convenzione EDU, e le libertà di manifestazione del pensiero e di espressione riunione e associazione, garantite dagli artt. 10 e 11. Si tratta, è noto, di una questione aperta e fortemente dibattuta in molti Paesi dell’Unione Europea; nel nostro, che ci riguarda più da vicino, le forze politiche ne hanno fatto l’oggetto di aspri contrasti di vedute, che assumono spesso gli aspetti (non solo teorici) dell’estremismo ideologico, dell’iperbole e dell’esasperazione linguistica, dell’indifferenza ai principi costituzionali del pluralismo confessionale e della libertà di religione indistintamente garantita a “tutti” dalla nostra Carta (art. 8, primo comma, e 19 Cost.). (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Brevi riflessioni sull’art. 17 TFUE e sul progetto di Direttiva del Consiglio recante disposizioni in materia di divieto di discriminazione - di Stefano Montesano

SOMMARIO: 1. L’Europa e la prospettiva religiosa. Dai fatti di Parigi un messaggio all’Unione – 2. L’art. 17 del Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea. Un breve profilo critico – 3. La (presunta) incompetenza comunitaria in materia di status . L’interpretazione sistematica e i limiti operativi – 4. Il "dialogo". Alcune valutazioni di principio – 5. La (nuova) normativa comunitaria in materia di divieto di discriminazione nel contesto ideologico dell’art. 17 TFUE: il progetto direttiva COM 426/2008. Brevi considerazioni elaborative – 6. Il nuovo corso dell’Unione tra crisi di affermazione e rinnovata identità (laica).

Brief reflections on art. 17 TFEU and on the draft Directive laying down rules for the application of the principle of equal treatment three persons irrespective of religion or belief, disability, age, sexual orientation

ABSTRACT: The essay is to analyze the recent developments affecting the relationship between the European Union , religious denominations and religious perspective in general in the light of what is stated in art. 17 TFEU and in a renewed ideological Community regulatory framework resulting after the changes introduced by the Lisbon Treaty . In the final part of the paper, it focuses on the new draft Directive COM 426/2008 laying down rules against discrimination (including religious), and on the general secular identity dimension of the European Union in matters religious.

Scarica il testo completo in PDF

La Santa Sede e la Conferenza di Helsinki per la sicurezza e la cooperazione in Europa - di Giovanni Barberini

“La Conferenza di Helsinki sulla Sicurezza e la Cooperazione in Europa" - è stato autorevolmente affermato dal card. Achille Silvestrini – "ha rappresentato un’esperienza unica nel suo valore. Era la prima volta, dopo il Congresso di Vienna del 1825, che la S. Sede partecipava come full member in un Consesso di Stati (… ). La presenza della S. Sede ad Helsinki ha rappresentato un segno concreto della concezione della pace fra le nazioni come valore morale prima ancora che come questione politica, e una occasione per rivendicare la libertà religiosa come una delle libertà fondamentali di ogni persona e come valore di correlazione nei rapporti fra i popoli”. La Conferenza di Helsinki, che vide ovest ed est uniti sulla via della distensione, costituisce l’esito di una serie di fattori - storici, politici e diplomatici – che hanno infine condotto i soggetti interessati a incontrarsi per discutere di temi di comune interesse, nonostante la forte contrapposizione all’epoca esistente fra i diversi schieramenti a livello mondiale ed europeo. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

La libertà religiosa in Italia e nella prospettiva europea - di Valerio Tozzi

Sommario : 1. Introduzione - 2. Cenni storici: 2.a) L’unità d’Italia; 2.b) Il fascismo e la Conciliazione del 1929 fra Chiesa e Stato; 2.c) La Repubblica democratica e la Costituzione italiana del 1948 – 3. La disciplina costituzionale dei fenomeni religiosi in Italia nei primi sessanta anni di democrazia repubblicana – 4. La libertà religiosa nella prospettiva europea: 4.a) La costruzione dell’Unione Europea; 4.b) Il fenomeno religioso nelle istituzioni europee. Le chiese dominanti negli Stati nazionali; 4.c) Le libertà religiose individuali e collettive; 4.d) I temi controversi – 5. L’immigrazione e i fenomeni religiosi.

Scarica il testo completo in PDF

La grande Europa di Giovanni Paolo II - di Giovanni Barberini

SOMMARIO: 1. I confini dell’Europa nel pensiero di Karol Wojtyła - 2. Il Cristianesimo e l’ Europa - 3. La comune origine religiosa del continente europeo - 4. Un obiettivo caro a Giovanni Paolo II.

Scarica il testo completo in PDF

Islam y educación religiosa en Europa. Análisis macro-comparado - di Gloria M. Morán García

SUMARIO: A. Presupuestos: 1. El fracaso de las repúblicas árabes del siglo XX, emigración y expansión de la cultura musulmana en Occidente - 2. Islam, diversidad geográfico-cultural, emergencia del islamismo político e identidad musulmana en Occidente – B. Islam y educación pública en algunos países europeos. La experiencia macro-comparada desde su particular legado religioso y político: 1. Austria, Alemania y Suiza – 2. Dinamarca, Noruega, Suecia, Holanda y Reino Unido – 3. España e Italia – C. Conclusión: Laicidad estatal y educación religiosa islámica: ¿valores incompatibles?

ABSTRACT: Introduction: Failure of Arab republics in XX Century, migration and expansion of Muslim culture in the West. Islam, cultural-geographical diversity, emergence of political Islam and Muslim identity in the West. Islam and public education in European countries: Macro-comparative experience from its particular religious and political legacy. Austria, Germany and Switzerland. Denmark, Norway, Sweden, Holland and United Kingdom. Spain and Italy. Conclusion: Secular state and Muslim religious education: Incompatible values?

Scarica il testo completo in PDF

Lo sfondamento dell’orizzonte tradizionale: dalla prospettiva nazionale a quella globale. Stati e confessioni religiose alla prova. Religione e confessioni nell’Unione europea tra speranze ... - di Romeo Astorri

SOMMARIO: 1. Osservazioni introduttive - 2. Il fenomeno religioso nelle costituzioni europee del XXI secolo - 3. La bilateralità con particolare riferimento alla Germania - 4. Osservazioni conclusive.

ABSTRACT: This essay examines the legal condition of religious denominations in the European States’ new Constitutions. It focuses upon the legal provisions concerning the principle of cooperation and its application contained both in these Constitutions and in the German Länder ’s agreements signed with religious denominations after the Reunification. The inconsistencies thereby originated are also taken into account as regards both European legal rules and the condition of religious denominations within national States .

Scarica il testo completo in PDF

La decisione del Mediatore europeo del 25 gennaio 2013: un passo avanti verso un’applicazione efficace dell’art. 17 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea? - di Marcello Toscano

SOMMARIO: 1. I fatti e il contenzioso – 2. La decisione del Mediatore – 3. Profili di criticità di una pronuncia (utile ma) non risolutiva – 4. (segue) Una valutazione d’insieme – 5. Conclusioni: il futuro del dialogo ex art. 17 TFUE (e le nuove linee-guida della Commissione).

Abstract : The essay analyzes the decision of the European Ombudsman of 25 January 2013, in a case where it was found maladministration by the European Commission, which has made a mistake in interpreting Article 17 of the Treaty on the Functioning of the European Union. Based on this ruling, the author performs some thoughts on the meaning and scope of Article 17 TFEU and reconstructs a reading of this provision that is quite different from that which the European institutions often seem to accept.

Scarica il testo completo in PDF

Confessioni, organizzazioni filosofiche e associazioni religiose nell’Unione Europea tra speranze disilluse e problemi emergenti - di Roberto Mazzola

SOMMARIO: 1. L’Europa bifronte. Libertà religiosa in Europa tra federalismo e nazionalismi –2. Ambiguità e contraddizioni del dialogo fra istituzioni europee, confessioni, organizzazioni filosofiche e associazioni religiose - 3. Le potenzialità insite nel Trattato di Lisbona sotto il profilo delle politiche in materia di libertà religiosa e di coscienza.

Scarica il testo completo in PDF

Brevi note sul tema della territorializzazione dei diritti di libertà religiosa - di Francesco Dimichina

SOMMARIO: 1. Territorializzazione o de-territorializzazione? - 2. Origini del fenomeno - 3. Attualità del problema - 4. Eguaglianza e territorializzazione - 5. Riforma del Titolo V, Parte II della Costituzione e valorizzazione del pluralismo religioso a livello locale - 6. Federalismo e principio di uguaglianza - 7. Il ‘900, la tutela internazionale dei diritti e l’affaire Lautsi - 8. La concezione della laicità “relativa” o “storico ponderata” (rinvio) - 9. Il ricorso alla Corte europea dei diritti dell’uomo - 10. La decisione della Grande Camera e il principio di laicità - 11. Margine di apprezzamento e territorializzazione - 12. La libertà religiosa come diritto umano universale e il “dilemma del pluralismo”.

Short paper about the territorialization of religious freedom rights

ABSTRACT: Can we talk about the territorialization of religious freedom rights in an era called “the era of the de-territorialization”? This is the question that this short paper tries to resolve. In the opinion of the author, these dual phenomena of territorialization and de-territorialization of religious freedom rights may coexist as it is in the affaire Lautsi. Religious freedom can be assumed as a human right, although its protection varies all over the world. The affaire Lautsi seems to demonstrate that human rights can be considered universal, even though the crucifix can stay in Italian classrooms.
 

Scarica il testo completo in PDF

La legislazione vaticana in materia finanziaria: un banco di prova dell’art. 17 del TUE e dei principi di collaborazione e cooperazione tra Chiese, Stato e Unione Europea - di Maria Cristina Folliero

SOMMARIO : 1. Premessa – 2. Antefatti e pre-condizioni della legislazione finanziaria vaticana più recente - 3. Il nuovo corso della legislazione finanziaria vaticana: ruolo e funzione dell’art. 17 del Trattato di Lisbona - 4. Chiese e processo di integrazione valoriale europeo - 5. Chiese e processo mercatista di integrazione economica europea - 6. Il processo di integrazione al modello europeo della legislazione finanziaria vaticana - 7. Un processo che continua.

Scarica il testo completo in PDF

Vita democratica e processi politici nella sfera pubblica europea. Sul nuovo ruolo istituzionale delle organizzazioni confessionali dopo il Trattato di Lisbona - di Marco Parisi

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Costruzione della vita democratica nello spazio pubblico europeo e dimensione religiosa: works in progress - 3. Diritti ecclesiastici nazionali, scelte politiche e protagonismo dei gruppi religiosi organizzati: le criticità del modello europeo.

Scarica il testo completo in PDF

Une progression sans révolution dans l’appréhension européenne des persécutions religieuses - di Nicolas Hervieu

SOMMAIRE: 1. Introduction - 2. Une issue retentissante: la concrétisation d’une protection conventionnelle contre les persécutions religieuses - 3. Un raisonnement parcellaire: les apories de l’analyse européenne à l’aune de la liberté de religion - 4. Conclusion - 5. Jurisprudence liée - 6. Appendice .

ABSTRACT : By banning deporting of a coptic christian by France to Egypt, where he might suffer persecution, European court of human rights has made an important contribution to the protection of foreigners against measures involving expulsion. The European solution is important because it deals with a complex, but crucial, concept: religious persecution. Unfortunatly, the opportunity offered by this case hase not been fully exploited. Freedom of religion was at the heart of this case, but European court did’nt use it enough.

Scarica il testo completo in PDF

La legislazione antiriciclaggio dello Stato della Città del Vaticano: una comparazione con il sistema italiano - di Filippo Sgubbi Désirée Fondaroli Annamaria Astrologo Giuseppe Silvestri

SOMMARIO: 1. Il peso del diritto penale nel “fardello temporale” – 2. La Legge 24 aprile 2012, N. CLXVI dello Stato della Città del Vaticano nel sistema delle fonti del diritto - 3. (segue) “Persona giuridica” e “Autorità pubblica” ai sensi della Legge N. CLXVI – 4. Le misure di prevenzione e contrasto introdotte dalla Legge N. CLXVI del 2012, con particolare riferimento al delitto di riciclaggio – 5. L’art. 42 bis Legge N. CLXVI. Analogie e differenze rispetto al nucleo della disciplina italiana in materia di responsabilità degli enti.

ABSTRACT: This research is focused on anti-money laundering regulations in Vatican City State (Legge 24 aprile 2012 N. CLXVI). In particular, one compare it with italian set of rules and one analyze the system of vatican legal sources.

Scarica il testo completo in PDF

Il ruolo delle organizzazioni religiose in Italia e in Europa tra rappresentanza degli interessi e attività di lobbying - di Gianfranco Macrì

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Il ruolo peculiare delle “confessioni” religiose – 3. Modalità distorsive di rilevazione degli interessi religiosi – 4. Particolarismo confessionale vs pluralismo religioso – 5. Il carattere “lobbistico” dello strumento pattizio – 6. Europa, governance e fattore religioso: il lobbying delle chiese e delle altre comunità di fede – 7. Il caso Lautsi c. Italia – 8. Conclusioni.

ABSTRACT: This article analyzes the role of religious groups in the national and European public spaces with a particular focus on their contribution to the new transformation taking place in the field of individual and collective participation to the common good. The main focus of the article deals with the legal and political condition under which religious groups try to advance their lobbying activities in Italy and in Europe.

Scarica il testo completo in PDF

La “ricerca dell’effettività”: dalla lotta per l’attuazione dei principi costituzionali all’obiettivo della “massima espansione delle tutele” - di Luisa Cassetti

SOMMARIO: Premessa – 1. La CEDU e l’integrazione del parametro costituzionale (art. 117, co. 1 Cost.): i confini del vincolo derivante dalla interpretazione della Corte europea di Strasburgo – 2. Il bilanciamento tra l’interpretazione vincolante della Corte europea ed il “sistema “ dei diritti e dei principi costituzionali: la lotta per l’effettività della Costituzione e l’equilibrio tra i poteri – 2.1. Il sistema dei diritti e gli spazi del legislatore: la soluzione (inammissibilità) che lascia al Parlamento la piena responsabilità di dare forma al “diritto di vivere la coppia omosessuale” – 2.2. Il sindacato sulle scelte legislative alla luce dell’evoluzione dei principi fondamentali dell’ordinamento maturati in ambito CEDU – 3. Il bilanciamento alla luce del sistema costituzionale dei diritti: le trasformazioni dei principi e la ricerca del massimo livello di tutela nel sistema del processo penale. La variegata forza delle additive di principio – 4. L’effettività dei diritti nelle dinamiche tra il livello statale ed il livello regionale dell’intervento legislativo. Il ruolo degli standard omogenei di tutela a livello nazionale ed il potenziamento a livello locale delle garanzie fondato sulla illegittima discriminazione tra i destinatari dei benefici – 5. Un occhio a Strasburgo e un occhio alla storia della Corte costituzionale.

The “Research of Effectiveness” : from the Struggle for the Implementation of the Constitution to the Objective of the Best Protection of Rights

ABSTRACT: The paper reflects on the Case-Law of the Italian Constitutional Court, through which the recent Judgments (beginning with the leading cases nn. 348 and 349 of 2007) that have contributed to the clarification of the status of conventional rules (ECHR), as developed and interpreted by Strasbourg Judges, can be understood in the context of the domestic constitutional system. The author sees in the Jurisprudence of the Constitutional Court dating back to the “struggle” for the effectiveness of the Constitution (including the norms concerning programs and objectives), in the interpretative decisions that have limited the impact of unconstitutionality, according to the budgetary needs in the light of the gradualism of social rights guarantees, and in the  significance of the effectiveness of fundamental rights in the context of the reformed Italian regionalism, interpretative rules which would allow the Constitutional Judge to identify the “best level of protection” of fundamental rights (Judgments 311 and 317 of 2009),
so as to be able to enforce checks and balances among constitutional powers, id est with respect to the responsibility of the legislature and the role of the judiciary.
 

Scarica il testo completo in PDF

Flussi migratori, religione e diritto nella polis euro-mediterranea - di Fortunato Freni

SOMMARIO: 1. L’incremento dell’immigrazione in Europa nell’attuale contesto politico e religioso - 2. La “Primavera araba” e le tensioni afferenti alla libertà religiosa nei nuovi equilibri geopolitici - 3. Gli odierni fermenti culturali e giuridici nell’Islam mediterraneo - 4. La prospettiva di una laicità inclusiva euro-mediterranea avverso gli esclusivi schemi “mondialatinizzanti” - 5. Il ruolo dell’Europa nel bacino del Mediterraneo - 6. Alcuni strumenti per estendere la libertà di coscienza a tutte le tendenze culturali: a) il dialogo interreligioso - 7. Segue: b) le normative concordate - 8. Il decentramento comunitario e l’esigenza di una duttile (ma anche non discriminatoria) governance europea.

Migrations and laicity of the law in the polis euro-Mediterranean

ABSTRACT:
The recent increase in migration flows to Europe and the tumultuous popular uprisings in North Africa and the Middle East (so-called Arab Spring) are creating significant problems of coexistence between different cultures and religions throughout the euro-Mediterranean area. Leveraging on new cultural and legal turmoil of the moderate part of the Islam and on the revaluation of the plural open and inclusive identity of the Old Continent, it is hoped the use of a procedural laicity at the entire polis euro-Mediterranean, for bring near both sides of the Mare Nostrum with intercultural dialogue and prevent the worsening of the clash of civilizations: the North Christian and the Muslim South. We propose, therefore, are some tips to overcome the tensions on religious freedom in the new geopolitical balance and for make collaborate with institutions, in a democratic and transparent mode, communities and religious and ethical groups in an attempt to reach a wider area of integration euro-Mediterranean, whose legal system, spreading better peace and social justice, would create more adequate conditions for the protection of inalienable human dignity.
 

Scarica il testo completo in PDF

The wearing of Christian baptismal crosses - di Philip Ryabykh Igor V. Ponkin

SUMMARY: 1. On the religious significance of baptismal crosses and grounds for the need for Orthodox Christian believers to wear them – 2. On the illegitimate nature of the ban imposed by the state on the wearing of baptismal symbols of Christian religious affiliation – 3. Absence of any grounds for assessing the religious rite of wearing Christian baptismal crosses as a threat to public safety, public order, health or morals or the rights and freedoms of others – 4. The groundless emasculation, denial and reduction of the religious meaning and importance of Christian baptismal crosses.

Scarica il testo completo in PDF

Droit d’asile (Directive 2011/95/UE dite “qualification”): L’atteinte à la liberté de religion comme persécution - di Luc Leboeuf

SOMMAIRE: 1. Introduction – 2. Le contexte factuel et les questions préjudicielles – 3. La réponse apportée par la Cour de justice – 4. La Convention de Genève cède la place à la Convention européenne des droits de l’homme.

Scarica il testo completo in PDF

L’esercizio dell’attività sindacale dei ministri di culto nella Chiesa ortodossa romena - di Federica Botti

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. La costituzione di organizzazioni sindacali di ministri di culto e laici appartenenti alla BOR - 3. Il riconoscimento della personalità giuridica civile al “Sindicatul Pǎstorul cel Bun”- 4. La questione davanti alla Corte EDU: la preminenza del diritto alla tutela attraverso l’azione sindacale - 5. La Corte EDU e l’esistenza di un “besoin social impérieux” - 6. La risposta della Chiesa ortodossa romena alla sentenza CEDU e l’appello alla Grand Chambre - 7. Alcune considerazioni conclusive.


The exercise of trade-union activity of ministers of religion in the Ortodox Rumenian Church

ABSTRACT: The paper analyses the decision of the EDU Court on lack of recognition of the civil corporate status to the “Sindicatul Pǎstorul cel Bun” formed by ministers of religion and laics of the BOR. This decision was appealed before the Grand Chambre of the Romenian State. In this perspective the debate around the development of the situation within the BOR in relation to what is established by the Romanian law is studied, posing the accent on ecclesiological as well as juridical aspects of the problem. Though without omitting to analyse the labor law aspect of the dispute, the A. offers elements of consideration on the connection between the decision of the EDU Court and art. 8 of the Convention on Human Rights, in relation to the protection of religious denominations autonomy and their right to auto-organization. The paper ends up with considerations on the possibility of juridical systems to impose religious denominations organizations elements of democracy, without violating the principles of autonomy, separation and secularity.

 

Scarica il testo completo in PDF

Conclusions présentées le 19 avril 2012 [Affaires jointes C-71/11 et C-99/11 Bundesrepublik Deutschland contre Y (C-71/11), Z (C-99/11) - di Yves Bot

SOMMARIO: Directive 2004/83/CE – Normes minimales relatives aux conditions que doivent remplir les ressortissants des pays tiers ou les apatrides pour pouvoir prétendre au statut de réfugié – Conditions de l’octroi du statut de réfugié – Article 9 – Notion d’ «actes de persécution» – Existence d’une crainte fondée d’être persécuté – Atteinte grave à la liberté de religion – Ressortissants pakistanais membres de la communauté religieuse Ahmadiyya – Actes des autorités pakistanaises visant à limiter le droit de manifester sa religion en public.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e libertà di educazione di fronte alla Corte di Strasburgo - di Vincenzo Turchi

SOMMARIO: 1. Libertà religiosa e libertà di educazione: note preliminari – 2. Consiglio d’Europa ed Unione Europea: la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali – 3. La Corte europea dei diritti dell’uomo – 4. La funzione interpretativa della Corte nel diritto interno. In particolare, quale fonte integratrice del parametro interposto di costituzionalità ex art. 117, comma 1° Cost. – 5. Educazione e religione nella giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo. I rapporti familiari – 6. Libertà religiosa e libertà di educazione nel prisma della struttura scolastica. Le scuole confessionalmente orientate – 7. Gli insegnamenti obbligatori di religione – 8. I simboli religiosi – 9. In particolare, la “questione” del crocifisso (caso Lautsi c. Italia) – 10. Sintesi conclusiva.

ABSTRACT: The purpose of the paper consists in examining the cases submitted to the European Court of Human Rights in which religious freedom (art. 9 of European Convention of Human Rights) is, in a specific way, related to the right to education (art. 1 of Protocol 1). The fields where arise most important problems are as follows: family relationship, denominational Schools, compulsory denominational (confessional) instruction in Schools, religious symbols in State Schools. From the latest judgments at Strasbourg Court, it seems to emerge a new perspective of the principle of laicità, clearly open to social pluralism. As the Court stated concerning educative pluralism: “the possibility of pluralism in education […] is essential for the preservation of the “democratic society” as conceived by the Convention”.

Scarica il testo completo in PDF

I simboli religiosi nello spazio pubblico nella recente esperienza europea - di Paolo Cavana

SOMMARIO: 1. Premessa: alle origini del dibattito attuale - 2. La giurisprudenza della CEDU sui simboli religiosi - 3. La sentenza Lautsi e la sua ratio decidendi: a) Il crocifisso come simbolo passivo - 4. (segue) b) Il margine di apprezzamento dello Stato e le tradizioni nazionali - 5. (segue) c) La garanzia di un contesto pluralista e l’evoluzione del principio di laicità - 6. Gli effetti della  sentenza Lautsi sulla giurisprudenza della CEDU - 7. Gli effetti della sentenza Lautsi in Europa. a) Francia. b) Turchia. c) Germania. d) Paesi di tradizione ortodossa. e) Spagna - 8. Il caso italiano e il ruolo dello Stato nel sostegno ai simboli religiosi della tradizione - 9. La soluzione legislativa: pro e contro - 10. Osservazioni conclusive.

ABSTRACT: This paper examines the issue of religious symbols in the public spaces in the recent European experience. After some preliminary remarks about the origins of the present debate, comparing the American and European religious models, it focuses on the line of decisions of the ECHR in matters of religious symbols. In particular it takes the contents of the Lautsi judgement (2011) into consideration and evaluates its possible effects on the future decisions of the ECHR and of national courts of European countries like France, Turkey, Germany, countries of Orthodox tradition and Spain. In the end it makes some conclusive remarks about the Italian case and the role of the State in supporting the religious symbols of the tradition, examining the advantages and disadvantages of the legislative solution.

Scarica il testo completo in PDF

Le Sezioni Unite della Cassazione e l’art. 11 del Trattato lateranense - di Paolo Cavana

SOMMARIO: 1. Una fattispecie semplice - 2. La nozione di enti centrali della Chiesa cattolica - 3. Il contenuto della garanzia pattizia - 4. La teoria dell’immunità ristretta nella giurisprudenza (caso Cermis) - 5. I limiti alla teoria dell’immunità ristretta (caso Calipari e caso Ferrini) - 6. La teoria dell’immunità ristretta e la sua applicazione agli enti centrali della Chiesa - 7. Immunità ristretta e limiti all’efficacia civile dei provvedimenti confessionali - 8. La portata attuale della garanzia pattizia - 9. (segue) La recente Convenzione monetaria tra lo Stato della Città del Vaticano e l’Unione Europea.

ABSTRACT: This essay examines the more recent judgements of the United Sections of the italian Court of Cassation on Article 11 of the Lateran Treaty, in the context of the vibrant juridical debate on this matter. It highlights how the United Sections of the Court defines this legal guarantee, granted by lateran Treaty to the central entities of the Catholic Church, in terms of “functional or restricted immunity” according to international law, so that - the Court adds - its basic foundation in the Italian constitution lies both in Article 7 (State-Church relations) and in Art. 10, concerning the automatic effect of the general international norms in the Italian system of law. Furthermore, the paper makes some relevant remarks about the main aspects and actual evolution of the doctrine of sovereign “immunity” through some recent judgements of italian law Courts. Then it underlines some emerging differences in its application - through Art. 11, Lat. Treaty - to the central entities of the Catholic Church, deriving from the special recognition of the “sovereignty of the Holy See in international matters” (Art. 2, Lat. Treaty). Finally it makes some concluding remarks about the actual meaning of this legal guarantee, taking the 2009 Monetary Agreement between the European Union and the Vatican City State into consideration too.

Scarica il testo completo in PDF

Liberté de Religion dans le contexte établi selon le Traité de Lisbonne - di Giorgio Feliciani

Pour affronter le thème proposé à l’attention de cette table ronde, il nous faut partir de l’Article 10, n° 1 de la Charte des droits fondamentaux de l’Union européenne, qui, on le sait, reconnaît à toute personne, sous le titre "Liberté de pensée, de conscience et de religion", le droit à telle liberté, en précisant que celui-ci "implique la liberté de changer de religion ou de conviction, ainsi que la liberté de manifester sa religion ou sa conviction individuellement ou collectivement, en public ou en privé, par le culte, l'enseignement, les pratiques et l'accomplissement des rites". (continua)
 

Scarica il testo completo in PDF

Liberté syndicale (art. 11 CEDH): conflit entre le droit de fonder un syndicat et le principe d’autonomie des communautés religieuses - di Nicolas Hervieu

SOMMAIRE: 1. Introduction. L’enjeu du droit les employés cléricaux et laïcs d’une communauté religieuse de se constituer en syndicat – 2. L’applicabilité à une communauté religieuse des principes conventionnels dérivés de l’article 11 CEDH – 3. L’intensité de la protection offerte par l’article 11 dans le contexte religieux – 4. L’interdiction d’un syndicat au sein d’une communauté religieuse: une violation conventionnelle per se – 5. Conclusion.

Scarica il testo completo in PDF

Note su religione e sfera pubblica tra Costituzione italiana e Convenzione europea “dei diritti dell’uomo” - di Filippo Vari

Il tema del ruolo della religione nella società e del rapporto tra potere pubblico e religione o, per riprendere una terminologia antica, tra imperium e sacerdotium, oggetto di una poderosa riflessione scientifica, è stato riproposto con forza dalla decisione della seconda sezione della Corte europea dei diritti dell’uomo nel caso Lautsi v. Italia. (Continua)
 

Scarica il testo completo in PDF

Anti-Semitism and Islamofobia in Bulgaria. Actual legal and sociological aspects - di Irena Ilieva

SOMMARIO: 1. Introduction – 2. Statistical data – 3. The Muslim community – 4. The Jewish community – 5. General overview of the relevant law provisions in Bulgaria – 6. Anti-Semitism and Islamophobia and the political rights according to the domestic legislation – 7. The Law on Protection against Discrimination, the concept of “positive” discrimination and some new case-laws - 8. Religious Rights and Freedoms – 9. Criminal Law – 10. Some conclusions.

ABSTRACT: The article is aimed at presenting briefly the actual legal regulation of protection of the religious rights of the individuals belonging to the Muslim and the Jewish communities in Bulgaria. The author has tried to combine the legal issues with some recent sociological studies on Anti-Semitism and Islamophobia and the related violence and crimes. The phenomena Anti-Semitism and Islamophobia are based on the presence of Muslim and Jewish communities in Bulgaria. The article gives some recent statistical data on Turks (Muslims) and Jews in the country according to the last census in 2011. The focus of the study is on the domestic legislation, especially the political rights, the protection against discrimination, the notion of “positive discrimination”, the religious rights and freedoms and the relevant Bulgarian criminal law. This legal regulation is analyzed in the light of Art. 5, Para. 4 of the Bulgarian Constitution which stipulates the primacy of the obligations under the International Public Law. Some relevant case-law is quoted. The legal analysis demonstrates the fact that there are no legal definitions of “Anti-Semitism” and “Islamophobia”. A general conclusion is drawn about the compatibility of the Bulgarian system for protection of individuals that belong to minorities with the international obligations.

Scarica il testo completo in PDF

La sentenza Lautsi e altri c. Italia della Corte europea dei Diritti dell’Uomo - di Marcello Toscano

SOMMARIO: 1. Premessa: uno strano silenzio – 2. Il ricorso governativo e il suo seguito – 3. La sentenza della Grande Camera – 4. La “fuga“ dalla laicità e la regressione del principio di neutralità – 5. Simboli “forti” e simboli “passivi” – 6. Considerazioni conclusive

Scarica il testo completo in PDF

La pronuncia della Grande Chambre della Corte di Strasburgo sul caso Lautsi C. Italia: post nubila Phoebus - di Vincenzo Turchi

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La giurisdizione domestica sul caso Lautsi - 3. La sentenza della Seconda Sezione della Corte - 4. La sentenza della Grande Chambre - 5. Laicità al plurale - 6. Metagiuridica del crocifisso.

Scarica il testo completo in PDF

L’appartenenza religiosa tra apostasia, divieto di proselitismo e ricerca d’identità - di Giovanni Cimbalo

SOMMARIO: 1. Globalizzazione e difesa dell’identità religiosa - 2. L’apostasia in Italia da atto individuale a comportamento  collettivo - 3. Proselitismo aggressivo e apostasia - 4. La “difesa dello spazio territoriale” nell’ortodossia e il proselitismo tra le confessioni cristiane. Il “modello greco” - 5. La CEDU di fronte al divieto di proselitismo e a tutela della libertà di coscienza - 6. La libertà di non credere nello spazio giuridico dell’Unione Europea.
 

Scarica il testo completo in PDF

Convenzione europea, giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’Uomo e sua incidenza sul diritto ecclesiastico italiano. Un’opportunità per la ripresa del pluralismo confessionale? - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. Un primo interrogativo: il nostro pluralismo confessionale è “vivo o morto”? - 2 – Il raffronto tra il pluralismo confessionale in Italia e quello dell’Europa – 3. La supervisione internazionale nella tutela dei diritti fondamentali e l’art. 9 della CEDU – 4. Il tema delle relazioni tra gli stati-membri e le chiese e le vicende del “margine di apprezzamento” - 5. Le difficoltà italiane nell’adeguamento ai principi della Convenzione europea – 6. L’elaborazione dei principi ad opera delle Corti e la loro applicazione – 7. Verso uno standard minimo convenzionale? – 8. Le norme della CEDU quali fonti interposte nel sistema gerarchico delle fonti - 9 - L’interpretazione convenzionalmente orientata del diritto interno – 10. (segue) e il contesto dei fini-valori della CEDU - 11. Il sistema integrato delle fonti – 12. L’esecuzione delle decisioni della Cedu - 13. Per un pluralismo di “sana e robusta costituzione”, con qualche considerazione sul pragmatismo.

Scarica il testo completo in PDF

Liberté de religion (Art. 9 CEDH) : Reconnaissance conventionnelle du droit à l’objection de conscience - di Nicolas Hervieu

SOMMAIRE: 1. Introduction. Sur l’existence d’un droit à l’objection de conscience – 2. La consécration du droit à l’objection de conscience: entre revirement de jurisprudence et correction tardive d’une interprétation passée – 3. Les implications du droit à l’objection de conscience: entre souhait d’effectivité et souci d’encadrement – 4. Conclusion.

ABSTRACT: In the Bayatyan v. Armenia case, the Grand Chamber of the European Court of Human Rights has decided to reverse the solution previously adopted by the Chamber and devote a right to conscientious objection. Obviously, this result is remarkable because totally new and against the grain of earlier decisions, particularly the decisions of the former European Commission of Human Rights. To find a breach of Article 9 (Freedom of thought, conscience and religion), the Grand Chamber has used – again – a dynamic and evolutive approach, and has “reiterated (…) that the Convention is a living instrument which must be interpreted in the light of present-day conditions and of the ideas prevailing in democratic States today” (§ 102).

Scarica il testo completo in PDF

Le fonti CSCE/OSCE sulle minoranze nazionali - di Giovanni Barberini

1 - La protezione delle minoranze nazionali è stato certamente un tema caro alla Conferenza sulla Sicurezza e la Cooperazione in Europa (CSCE) e ora all'Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE); e i dibattiti, i negoziati, i documenti, gli interventi che si sono registrati dall'avvio dei lavori della Conferenza di Helsinki costituiscono un elemento particolarmente significativo della sua storia. (continua)

ABSTRACT: The problem of the protection of national minorities was considered in the Helsinki Final Act of the Conference on Security and Co-operation in Europe (CSCE) in the 1975 from point of view of the individual rights; the VII principle of the decalogue that enacted the respect for human rights and fundamental freedoms for all the persons, including those belonging to national minorities, had to be read in the logic of the principles of the inviolability of frontiers and the territorial integrity of States. The difficulties met by the doctrine to give a definition of national minorities also explain him with the history, with the tradition and with the political and war stories that Europe has crossed making to record so many deeply different situations among them and also potential cause of conflicts. In 1989 the problem of the protection of the minorities started to earn in the sensibility of the international community and they resulted a great deal meaningful the contained forecasts in the conclusive documents of three CSCE Meetings: Copenhagen, 1990; Geneva, 1991 and Helsinki 2 in the 1992. The international community takings action that the matter of the national minorities was connected with the security system and of stability in the European continent. Also for this reason the participating States to the CSCE decided to found the office of the High Commissioner on national minorities which a great discretionary competence is recognized for assuring the early warning and a early action and political interventions regarding tensions involving the national minorities that can degenerate in conflicts. The CSCE and now the OSCE, has intended to give life to a pacific system of “internationalization” of the problems concerning the national minorities.

Scarica il testo completo in PDF

Religioni e ateismi: una complexio oppositorum alla base del neo-separatismo europeo - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Il dialogo dell’Unione europea con le organizzazioni confessionali e non – 2. Il separatismo statunitense – 3. Il neo-separatismo europeo – 4. La complexio oppositorum nell’elaborazione cattolica … - 5 … e in quella secolare – 6. Il separatismo pluralistico europeo (e americano).

Religions and Atheisms: a Complexio Oppositorum at hearth of the European New-Separatism

ABSTRACT: The European Union is not interested in religious phenomenon. It’s a form of separatism between State and Church. Yet the last Treaty about the Union functioning stated an “open, transparent and regular dialogue” between the Union and the Churches and the philosophical or non-confessional organizations alike. So religions and atheisms, the exact opposites, are not only recognized but also linked as complexio oppositorum. That originates a pluralistic separatism. By means of constitutional law research this paper demonstrates that this new-separatism is new for the Europe but usual for the U.S. and therefore it contributes a long way towards a rapprochement between Europe and America from the constitutional point of wiew.

Scarica il testo completo in PDF

Il ripensamento e la ridistribuzione suggeriti ai sistemi giuridici liberaldemocratici dalla naturale metamorfosi della domanda di libertà in materia religiosa - di Sara Domianello

SOMMARIO: 1. La retromarcia da ingranare (ovvero: il ripensamento circa l’opportunità di trasferire interamente la tutela dei diritti di libertà fondamentali dall’attività parlamentare a quella giurisprudenziale in senso lato) – 2. La ristrutturazione da avviare (ovvero: la ridistribuzione delle competenze in materia di pubblico intervento a garanzia dei diritti di libertà in materia religiosa) – 3. Il dato da cui muovere (ovvero: la metamorfosi della domanda di libertà in materia religiosa nei sistemi liberaldemocratici).

Scarica il testo completo in PDF

Droit à l’instruction et liberté de religion (art. 2 du Protocole n° 1 etart. 9 CEDH): Conventionalité de la présence des crucifix dans les salles de classe d’écoles publiques. - di Nicolas Hervieu

SOMMAIRE: 1. Introduction – 2. Les contraintes de conventionalité et la liberté étatique dans l’organisation de l’environnement scolaire: une articulation délicate pour les symboles religieux – 2.1. La soumission de l’aménagement de l’environnement scolaire à un minimum de contraintes de conventionalité – 2.2. La diversité européenne, source d’une large marge d’appréciation au profit des États – 3. Le principe conventionnel de neutralité: entre acrobaties jurisprudentielles et affaiblissement substantiel – 3.1. La minoration contestable de l’impact des crucifix exposés dans les salles de classe – 3.2. Que reste-t-il du principe de neutralité religieuse en matière scolaire? – 4. La portée du revirement.

ABSTRACT: In a particularly sensitive context, the Grand Chamber of the European Court of Human Rights has finally decided to reverse the solution adopted by the Chamber about the famous case Lautsi v. Italy (ECtHR, 2nd Sect. November 3, 2009, Lautsi v. Italy , Appl. No. 30814/06 – ADL’s November 3, 2009). By a majority of fifteen votes against two, the Grand Chamber refuses to condemn Italy for the presence of crucifixes in classrooms of its schools. Receptive to criticism of the solution in 2009, the Court decided to grant broad freedom to States regarding the presence of religious symbols in the school environment. But doing so, she carries out some acrobatics reasoning and reduces principle of neutrality. Lautsi v. Italy , Appl. No. 30814/06 – ADL’s November 3, 2009). By a majority of fifteen votes against two, the Grand Chamber refuses to condemn Italy for the presence of crucifixes in classrooms of its schools. Receptive to criticism of the solution in 2009, the Court decided to grant broad freedom to States regarding the presence of religious symbols in the school environment. But doing so, she carries out some acrobatics reasoning and reduces principle of neutrality.

Scarica il testo completo in PDF

Liberté de religion (art. 9 CEDH): droit de ne pas être contraint de révéler ses convictions religieuses et prélèvement à la source de l’impôt cultuel. L’affaire Wasmuth c. Allemagne - di Nicolas Hervieu

Avec une certaine obstination contentieuse, un salarié a régulièrement cherché, depuis 1996, à remettre en cause le système de prélèvement à la source de l’impôt cultuel tel qu’il existe en Allemagne. Dans cet Etat, en effet, les employés doivent remettre à leur employeur respectif “une carte d’impôt sur le salaire" sur  laquelle, entre autres informations, figure  “l’appartenance à une Eglise ou une société religieuse habilitée à lever l’impôt cultuel”. Si le salarié use de son droit de refuser le paiement d’un tel impôt, la mention «--» sera portée dans la case dédiée à l’appartenance religieuse. Dès lors, l’employeur ne retiendra pas sur le salaire la fraction correspondant à cet impôt et ne la transmettra pas au Trésor Public. (Continua)
 

Scarica il testo completo in PDF

Matrimonio e famiglia. Limiti di competenza e profili di rilevanza dell’ordinamento comunitario - di Venerando Marano

SOMMARIO: 1. Unione europea e famiglia, ovvero la suggestione di un paradosso – 2. Gli interventi dell’Unione: a) strumenti a carattere normativo – 3. … b) interventi giuridicamente non vincolanti – 4. … c) indici giurisprudenziali – 5. Limiti di competenza e profili di rilevanza dell’ordinamento comunitario. Il contributo delle Chiese.

Scarica il testo completo in PDF

The European Convention on Human Rights and Church-State Relations. Pluralism vs. Pluralism - di Françoise Tulkens

SUMMARY: INTRODUCTION: Key Provision – An Indirect Regulation - The Court is Not a Constitutional Court - Judicial Restraint - A Vision of Religious Freedom - Institutional Dimension of Religious Freedom - I. MODELS: No Arbitrary State Interference - State Neutrality and Impartiality - II. COUNTER-MODELS: Islam – Sects.

Scarica il testo completo in PDF

I modelli istituzionali di integrazione musulmana in Europa - di Salvatore Prisco

Nell’ambito di un intervento di carattere volutamente descrittivo e “di quadro”, che intende porsi - trovando in questa circoscritta ambizione il proprio limite, confessato in anticipo - soltanto quale base per le successive e particolari riflessioni degli altri partecipanti al convegno (il che giustifica anche il rinvio implicito degli approfondimenti ai contributi dei colleghi di “settore”, per così dire, giacché si cerca in tal modo di ridurre al minimo le pur inevitabili sovrapposizioni con le relazioni altrui, mentre la destinazione del lavoro ad un pubblico che non era soltanto di “addetti ai lavori” spiega la scelta di conferire ad esso un “taglio” non unicamente tecnico - giuridico in senso stretto), il punto di partenza obbligato sta - com’è appena il caso di sottolineare - nella constatazione dell’ormai ineliminabile fenomeno delle macro-migrazioni su scala planetaria. (Continua)
 

Scarica il testo completo in PDF

Diritto dell’Unione europea e status delle confessioni religiose. Profili lavoristici - di Matteo Corti

SOMMARIO: 1. Introduzione – 2. La rilevanza del fenomeno religioso nei rapporti di lavoro nel diritto dell’Unione europea: dal Trattato di Amsterdam a quello di Lisbona – 3. Religione e rapporto di lavoro prima del Trattato di Amsterdam: tendenza espansiva del principio di eguaglianza e limiti ai diritti di circolazione – 4. La direttiva 2000/78/CE e il divieto di discriminazione per motivi religiosi: conseguenze per le legislazioni statali e per i poteri organizzativi dei datori di lavoro (in particolare, la questione del riposo domenicale e delle festività) – 5. L’art. 4, dir. 2000/78/CE: la deroga in favore delle cd. organizzazioni di tendenza – 6. L’importanza della giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo a fini interpretativi dell’ampiezza della deroga: i casi Vallauri, Obst e Schüths – 7. La garanzia delle libertà collettive (di religione e sindacale) come precondizione indispensabile per l’esercizio dei diritti di libertà individuale: l’“individualismo” esasperato della giurisprudenza europea.

Scarica il testo completo in PDF

La Conferenza delle chiese europee (KEK) e l’attuazione del Trattato di Lisbona - di Gianni Long

SOMMARIO: 1. La Conferenza delle chiese europee – 2. La KEK in dialogo con gli organismi cattolici e le istituzioni europee – 3. La KEK in dialogo con gli organismi cattolici e le istituzioni europee- 4- Il documento comune KEK-COMECE sull’attuazione dell’art. 17 – 5. La proposta della KEK per un dialogo aperto, trasparente e regolare.

Scarica il testo completo in PDF

I “nuovi” diritti - di Marta Cartabia

SOMMARIO: 1. L’età dei “nuovi” diritti in Europa - 2. Nuovi assetti istituzionali dell’Europa dei diritti – 3. Due casi esemplari: il diritto al figlio e il diritto al matrimonio omosessuale - 4. I “nuovi” diritti come espressione della privacy e del principio di non discriminazione - 5. “Nuovi” diritti senza limiti - 6. A conclusione: alcuni spunti problematici.

Scarica il testo completo in PDF

Enti non profit e diritto dell’Unione Europea - di Andrea Perrone

SOMMARIO: 1. Diritto dell’Unione Europea e disciplina degli enti non profit - 2. Principio di non discriminazione, libera circolazione dei capitali e disposizioni nazionali in materia di fiscalità degli enti non profit - 2.1. Alcune implicazioni sistematiche della recente giurisprudenza della Corte di Giustizia - 2.2. Le ricadute operative e le conseguenze per le confessioni religiose - 3. Agevolazioni fiscali per gli enti non profit come aiuti di Stato? - 3.1. Le conseguenze della giurisprudenza della Corte di Giustizia su una dibattuta questione italiana - 3.2. Uno spunto finale di riflessione.

Scarica il testo completo in PDF

La tutela della libertà religiosa nella Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo - di Jlia Pasquali Cerioli

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. CEDU e sistema delle fonti (brevissimi cenni in prospettiva di diritto interno e di diritto dell’Unione europea) – 3. L’interpretazione “per valori” della Convenzione e il margine di apprezzamento statuale – 4. Lo sviluppo degli indirizzi giurisprudenziali della Corte europea in materia di libertà di religione e di convinzione individuale – 5. (segue…) e nella dimensione “organizzata” – 6. Laicità a presidio della libertà religiosa: pluralismo educativo e società democratica v. obbligo del crocifisso nelle aule (Lautsi c. Italia) – 7. Laicità a sacrificio della libertà religiosa: eccessi di difesa dell’ordine interno v. manifestazione dell’appartenenza confessionale nella pubblica via (Ahmet Arslan c. Turchia) – 8. Conclusioni: identità personale v. identità nazionale.

Scarica il testo completo in PDF

Le confessioni religiose e il principio di sussidiarietà nell’Unione europea: un nuovo giurisdizionalismo attraverso il mercato - di Federica Botti

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Il Trattato di Lisbona: un nuovo ruolo per le Confessioni religiose - 3. La gestione dei servizi alla persona come opportunità di investimento attraverso il ricorso alla sussidiarietà orizzontale - 4. Il ruolo delle Confessioni religiose nella costruzione di posizioni dominanti sul mercato dei servizi alla persona: il caso della Romania - 5. Il divieto di aiuti statali alle attività economiche e la costruzione di posizioni di vantaggio: il caso della Chiesa Cattolica in Italia - 6. Invarianze e aporie del Diritto comunitario.

Scarica il testo completo in PDF

Beni culturali e diritto dell’Unione europea - di Manlio Frigo

SOMMARIO: 1. Il ruolo di cultura, valori di coscienza e religione nei trattati dell’Unione europea – 2. Il rilievo dei beni culturali nelle disposizioni dei trattati – 3. La nozione di bene culturale e la disciplina dei beni culturali nelle fonti secondarie del diritto dell’Unione europea – 4. La disciplina italiana, la questione dei beni culturali di interesse religioso e la compatibilità con le norme europee

Scarica il testo completo in PDF

L’incidenza del diritto comunitario sulla fiscalità degli enti e delle confessioni religiose - di Marco Miccinesi

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Agevolazioni fiscali e divieto comunitario di aiuti di Stato – 2.1. I singoli presupposti applicativi della disciplina sugli aiuti: impresa e mercato, selettività, potenziale anticoncorrenzialità - 2.2. I presupposti degli aiuti nella dimensione delle agevolazioni fiscali agli enti religiosi. - 3. Le singole agevolazioni previste dal diritto tributario italiano - 3.1. L’esenzione ICI. - 3.2. Le altre misure agevolative a favore degli enti ecclesiastici - 4. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Il problema della scuola - di Carlo Cardia

SOMMARIO: 1. Premessa. Contenuti e tematiche della trattazione - 2. La libertà della scuola. Un segno della diversità europea. Trattati e Convenzioni - 3. Legislazione e Concordati nazionali - 4. Le scuole dell’Unione Europea - 5. Insegnamento religioso e scuole pubbliche. Conferme ed evoluzione - 6. Multiculturalità, innovazioni, incertezze. La Corte di Strasburgo.

Scarica il testo completo in PDF

“Diritto della Unione Europea e status delle confessioni religiose”. Apertura dei lavori - di Giorgio Feliciani

Il presente incontro costituisce la continuazione e lo sviluppo della riflessione iniziata con il Convegno, svoltosi in Università Cattolica nel maggio 1999, su “Chiese, associazioni, comunità religiose e organizzazioni non confessionali nell’Unione Europea”. Su tale problematica si confrontarono allora non solo qualificati esperti e autorevoli esponenti della Commissione europea, ma anche rappresentanti di organismi confessionali e ideologici accreditati presso la stessa. Tra le tante significative acquisizioni dei lavori merita ricordare quanto ebbe ad avvertire Thomas Jansen, presidente della “Cellule de prospective” allora incaricata di assicurare il dialogo dell’Unione con le “communautés de foi et de conviction”. Egli ebbe infatti a rilevare che l’interesse della Commissione nei confronti di questi “partenaires” non derivava tanto dal loro pur rilevante ruolo quali attori della società civile, ma soprattutto dall’apporto che essi potevano offrire sotto il profilo etico alla identificazione e definizione dell’identità e del significato della Unione. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Salarié d’une Église, Tu pourras commettre l’adultère … Enfin pas systématiquement (CEDH 23 septembre 2010, Obst et Schüth c. Allemagne). Licenciement pour cause d’adultère et obligations spécifiques - di Nicolas Hervieu

Dans des affaires distinctes, deux salariés ont été licenciés pour avoir entretenu des relations qualifiées d’adultères par leurs employeurs, des organisations religieuses situées en Allemagne. L’un, «directeur pour l’Europe au département des relations publiques» de l’Eglise mormone, avait confié à sa hiérarchie avoir eu des relations extraconjugales ce qui entraîna d’ailleurs, outre la rupture de son contrat de travail, son excommunication. L’autre, «organiste et […] chef de choeur» d’une paroisse catholique en Allemagne, avait rendu publique sa séparation d’avec son épouse – le divorce ne fut prononcé que plusieurs années après – et vécu ensuite avec sa nouvelle compagne dont il eu un enfant. Le contrat de travail fut rompu pour adultère et bigamie. Si les juridictions allemandes de première instance et d’appel ont accueilli les contestations de ces licenciements, la Cour fédérale du travail a pour sa part refusé d’y faire droit. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Il “Caso Lombardi Vallauri” dinanzi alla C.e.d.u.: una riscossa della libertà nella scuola? - di Marco Croce

La decisione della II sez. della Corte europea dei diritti dell’uomo del 20 ottobre 2009 sul “Caso Lombardi Vallauri”, pur manifestando un formale ossequio rispetto all’orientamento dell’unico precedente costituzionale in materia, introduce dei forti elementi di novità in rapporto alla dialettica libertà della scuola vs. libertà nella scuola.
Il quadro interno di riferimento entro cui si colloca tale vicenda è noto: con la s.n. 195/1972, emanata a seguito del “Caso Cordero”, la Corte costituzionale sancì, forse senza ponderare adeguatamente i termini delle sue affermazioni, che “non contrasta con l’art. 33 la creazione di università libere, che possono essere confessionali o comunque ideologicamente caratterizzate” e che dall’inquadramento fra le persone giuridiche di diritto pubblico “non consegue che dell’Università Cattolica siano state attenuate l’originaria destinazione finalistica e la connessa caratterizzazione confessionale”, per poi concludere che “negandosi ad una libera università ideologicamente qualificata il potere di scegliere i suoi docenti in base ad una valutazione della loro personalità ... (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Le tematiche trattate dal Consiglio delle Conferenze Episcopali d’Europa. I settori di interesse - di Alberto Fabbri

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Le novità introdotte nello Statuto del 1995 - 2. Gli avvenimenti storici incidenti; i fatti del 1989 - 3. La struttura organica del CCEE e gli ambiti di lavoro - 4. Relazione tra le finalità del CCEE e i campi di interesse – 5. Considerazioni e valutazioni.

Scarica il testo completo in PDF

Post-democrazia europea e principio di cooperazione Unione Europea-Religioni - di Maria Cristina Folliero

SOMMARIO: 1. Premessa: cooperazione e sussidiarietà come principi-motore degli attuali processi di integrazione tra ordinamenti politici e religioni - 2. Percorso ed esiti del principio di cooperazione tra ordinamenti politici europei e chiese - 3. Dalla Carta di Nizza all’art. 17 del Trattato di Lisbona - 4. Reazioni, conseguenze e modifiche delle relazioni tra Comunità Europea e Chiese a seguito dell’entrata in vigore dell’art. 17 del Trattato di Lisbona - 5. Incidenza dell’art. 7 del Trattato in materia di interventi legislativi statali a carattere finanziario in favore delle Chiese - 6. L’art. 17 del Trattato, la ripartenza del principio di cooperazione nel diritto dell’Unione e le modifiche indotte nel sistema di relazioni interne tra le Chiese.

Scarica il testo completo in PDF

Le scuole europee. Un modello di educazione multilingue e multiculturale - di Rita Benigni

SOMMARIO 1. Nascita ed evoluzione del sistema di Scuole europee - 2. L’organizzazione istituzionale tra decentralizzazione e conservazione dell’unità del sistema - 3. Il programma di studi europeo: una educazione multilingue e multiculturale. Il corso di morale non confessionale - 4. (segue) L’insegnamento della religione.

Scarica il testo completo in PDF

Kosteski v. FYRM: spunti di riflessione sulla religiosità individuale nella giurisprudenza della Corte europea dei diritti umani - di Silvia Angeletti

SOMMARIO: 1. La dimensione individuale e collettiva della religione e l’intervento dello Stato - 2. Il caso Kosteski c. FYRM: l’onere della «prova pubblica» sugli orientamenti confessionali – 3. Religiosità individuale e appartenenza confessionale, tra manifestazioni legittime e riservatezza del forum internum - 3.1. Gli «atti motivati da ragioni religiose» nell’interpretazione della Corte europea. Effetti restrittivi nell’applicazione dell’art. 9 - 3.2. Recenti tendenze nella giurisprudenza dei giudici di Strasburgo: individual approach o state-oriented approach?

Scarica il testo completo in PDF

Nuovi segnali di crisi: i casi Lombardi Vallauri e Lautsi davanti alla Corte europea dei diritti dell’uomo - di Marcello Toscano

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Il caso Lombardi Vallauri c. Italia: la vicenda - 3. L’analisi della Corte: diritto alla libertà d’espressione e diritto a un processo equo – 4. Università confessionali, procès équitable e principio supremo di tutela giurisdizionale – 5. Tutela giurisdizionale, principio supremo di laicità e distinzione degli ordini – 6. La sentenza Lautsi c. Italia: i fatti – 7. La decisione della Corte – 8. Alcune osservazioni – 9. L’epilogo europeo di una vicenda tutta italiana – 10. Conclusioni … – 11. … e qualche (disillusa) previsione di breve periodo.

Scarica il testo completo in PDF

Il crocifisso nelle aule scolastiche in Italia. Una condanna annunciata della Corte Europea dei Diritti Umani - di Maria Gabriella Belgiorno de Stefano

SOMMARIO: 1. I simboli di appartenenza religiosa – 2. La sentenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo del 3 novembre 2009, sul caso Lautsi c. Italia (ricorso n° 30814/06) – 3. Conclusioni sul caso Lautsi c. Italia – 4. Le reazioni in Italia dopo la sentenza della Corte di Strasburgo – 5. Le conseguenze in Italia dell’eventuale definitività della sentenza della Corte europea del 3 novembre 2009 – 6. Dopo l’entrata in vigore del Trattato di Lisbona, nell’ambito dell’Unione Europea.

Scarica il testo completo in PDF

Robert Schuman padre della riconciliazione e della costruzione europea - di Maria Cristina Ivaldi

SOMMARIO: 1. Rilievi introduttivi – 2. Notizie biografiche – 3. La questione dell’armonizzazione del diritto alsaziano-mosellano – 4. Il Piano Schuman – 5. Europa e cristianesimo nel pensiero dello statista – 6. La causa di beatificazione – 7. Lo stato dell’integrazione europea.

Scarica il testo completo in PDF

Associazioni religiose e “nuovi movimenti” religiosi alla prova del diritto comune in Italia e del diritto comunitario - di Antonino Mantineo

SOMMARIO: 1. La difficile nozione di Confessione religiosa - 2. L’espansione del fenomeno religioso e i nodi problematici emergenti - 3. Qualche spunto e prospettiva per un diritto comunitario sulla libertà religiosa.

Scarica il testo completo in PDF

Stati e religioni in Europa: problemi e prospettive - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: A. Una premessa sulle complessità dell’Europa – B. Le evidenze del presente – C. I cambiamenti in corso – D. I problemi del futuro.

Scarica il testo completo in PDF

Problemi e modelli di libertà religiosa individuale e collettiva nell’Est Europa: contributo a un nuovo diritto ecclesiastico per l’Unione Europea - di Giovanni Cimbalo

SOMMARIO: 1. Le nuove prospettive del diritto ecclesiastico - 2. Dall’Est il recupero dell’integrità della memoria - 3. Problemi specifici delle grandi famiglie religiose dell’Est nei rapporti con lo Stato - 4. La tutela individuale della libertà religiosa e di coscienza.

Scarica il testo completo in PDF

Le laicità - di Barbara Randazzo

SOMMARIO: Sezione I. LE PREMESSE: 1. Limiti e condizioni di un discorso sulla laicità: un concetto da declinare al plurale - 2. La “rivincita di Dio” e le sue ragioni. - 3. Il patrimonio comune dei diritti umani - 4. La distinzione essenziale tra istituzioni religiose e religione - 5. La consanguineità tra laicità e religione: il paradosso giuridico del crocifisso simbolo di laicità - Sezione II. I CONTENUTI: 1. Dalla laicità liberale alla laicità positiva e oltre - 2. La laicità all’italiana: un principio supremo - 2.1 Le applicazioni del principio nella giurisprudenza costituzionale - 2.2 Il nucleo essenziale del principio di laicità e i suoi riflessi sul rapporto tra gli artt. 7 e 8 della Costituzione - 3. La laicità europea - 3.1 Laicità e Unione Europea - 3.2 Laicità e Convenzione europea dei diritti dell’uomo - 4. Uno sguardo oltre oceano: le Religions clauses.

Scarica il testo completo in PDF

Il progetto di accordo tra la Santa Sede e la Slovacchia per l’esercizio dell’obiezione di coscienza e le valutazioni della E.U. Network of Indipendent Experts On Fundamental Rights - di David Durisotto

SOMMARIO: 1. Il Progetto di Accordo tra la Repubblica slovacca e la Santa Sede in materia di obiezione di coscienza - 2. Le valutazioni della E.U. Network of Indipendent Experts on Fundamental Rights in ordine all’esercizio dell’obiezione di coscienza - 3. Osservazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e società multiculturali: la risposta italiana - di Maria Cristina Folliero

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. L’Europa e il caso italiano. Percorsi comuni: accostamenti e distanze - 3. Società multiculturali, secolarizzazione e riconoscimento del ruolo pubblico delle Chiese - 4. Elementi della situazione interna su cui riflettere – 5. Conclusioni molto provvisorie.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e società multiculturali: il caso del velo islamico - di Nicola Fiorita

SOMMARIO: 1. Il velo islamico: un simbolo religioso? – 2. Il velo islamico e gli ordinamenti giuridici europei – 3. Il velo islamico e l’ordinamento giuridico italiano – 4. Oltre il velo: appunti e suggerimenti per società plurali in cerca di percorsi praticabili.

Scarica il testo completo in PDF

Chiese e organizzazioni religiose nel Trattato di Lisbona - di Gianfranco Macrì

SOMMARIO: 1. I diritti fondamentali come radici della nuova Europa. 2. Europa, società civile e religioni. 3. Le organizzazioni religiose nel Trattato di Lisbona: problemi e prospettive.

Scarica il testo completo in PDF

Laicità, radici cristiane e regolamentazione del fenomeno religioso nella dimensione dell’U.E. - di Giovanni B. Varnier

SOMMARIO: 1. L’Europa tra laicità e laicismo – 2. Distinzione e collaborazione tra Stato e confessioni religiose – 3. La disciplina del fenomeno religioso a livello europeo – 4. Il fronte islamico – 5. La dimensione universale della Chiesa cattolica – 6. Considerazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

L’insegnamento della religione sotto il controllo della Corte Europea dei Diritti umani - di Maria Gabriella Belgiorno de Stefano

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. La Corte Europea, il diritto all’istruzione ed il confessionismo statale - 3. Il Caso “Folgero” contro Norvegia – 4. La Norvegia e la clausola di vocazione cristiana – 5. Il Caso “Hasan e Eylem Zengin contro Turchia” – 6. La Sentenze della Corte europea e la laicità degli Stati membri – 7. L’Italia e “la ex religione dello Stato”.

Scarica il testo completo in PDF

L’affaire di Scientology. La qualificazione in via giudiziaria di una confessione nel contesto ‘europeo’ della libertà di religione - di Germana Carobene

SOMMARIO: 1. Il caso della Chiesa di Scientology davanti alla Corte Europea dei diritti dell’uomo - 2. La particolare evoluzione dei rapporti potere politico - fenomeno religioso nella storia russa - 3. Scientology e le problematiche di identificazione di una ‘confessione religiosa’ - 4. I rilievi dei giudici europei: violazione della libertà religiosa e necessità di intervento nella domestic jurisdiction.

Scarica il testo completo in PDF

La libertà religiosa “organizzata” nella giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo: prime linee di lettura - di Marcello Toscano

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Le decisioni della Commissione - 3. L’approccio sostanzialistico della Corte - 4. Qualche osservazione conclusiva.

Scarica il testo completo in PDF

Islam, rappresentanza degli interessi religiosi e diritto comune europeo - di Gianfranco Macrì

SOMMARIO: Premessa - 1. La società «reticolare» europea: sistema di governance e valori unificanti - 2. Europa e fenomeno religioso - 3. La sostanza del Trattato di Lisbona e il ruolo delle organizzazioni religiose - 4. Il dibattito interno all’Islam europeo - 5. La Carta dei musulmani d’Europa - 6. La rappresentanza degli interessi religiosi dell’Islam in Europa - Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF