Rivista telematica (www.statoechiese.it)
Online dal gennaio 2007
Menu

Articoli in Uguaglianza e non discriminazione

I rapporti con l’Islam italiano: dalle proposte d’intesa al Patto nazionale - di Claudia Morucci

SOMMARIO: 1. Breve premessa - 2. L’ininterrotto dialogo tra il Governo e le comunità islamiche italiane - 3. Il “Patto di condivisione” della Città di Torino e il “Patto nazionale per un Islam italiano” - 4. L’Italia e le misure di contrasto al terrorismo - 5. Conclusione.

The relationship with Italian Islam: from the proposals of ‘Intesa’ to the ‘Patto nazionale

ABSTRACT: According to statistics, Muslims living in Italy are currently just over 1.6 million. However, despite this significant presence of Muslims on the national territory, the vast world of Islamic associations has not yet managed to sign an Intesa, an agreement that religious minorities can establish to regulate their relations with the Italian state. The reasons why Islam does not have an agreement are mainly two: the absence of an authoritative subject, representative of Italian Islam, able to act as an interlocutor with state institutions and the incompatibility between Islamic cultural values and those of a secular state. Nevertheless, covering all the stages of dialogue between the Italian government and the Islamic associations from the nineties until the conclusion of the Patto nazionale (2017), this work aims to show that the condition of legal vacuum depends on unfounded prejudices towards Islamic culture and on the lack of political will to come to terms with Islam.

Scarica il testo completo in PDF

Ordinamento statuale e confessioni religiose. La politica delle fonti di diritto in Italia - di Roberto Mazzola

SOMMARIO: 1. Primo quadro: magazzino normativo – 2. - Secondo quadro: analisi storico-giuridica – 3. Terzo quadro: il futuro.

State and religious organisations. The Politics of the sources of law

ABSTRACT: The paper intends to verify if religious freedom in the Italian legal system is undergoing a crisis. In particular, is the concept of religious freedom of the Constituent Assembly still good? Is it necessary to reform the regulation of religious freedom? Similar questions are posed with regard to the current relationship between State and religions.

Scarica il testo completo in PDF

Toccare con mano i nodi dell’integrazione (a proposito di saluti “proibiti” e divieto di discriminazione) - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. Le possibili implicazioni religiose di una “stretta di mano” - 2. Il caso sottoposto all’esame dei giudici svedesi - 3. La pronunzia del 15 agosto 2018, n. 51, del Tribunale del lavoro svedese e la questione della ricorrenza di una “pratica religiosa” meritevole di tutela - 4. (segue) La verifica dei presupposti di una “discriminazione indiretta” - 5. L’esperienza d’Oltreoceano - 6. Identità religiosa e (dis)uguaglianza di genere - 7. La diversa incidenza, nella fattispecie esaminata, del divieto di discriminazione per motivi religiosi e del principio della parità di genere - 8. Conclusioni: la libertà religiosa della lavoratrice e i margini lasciati alle scelte di politica aziendale della società.

Dealing with the contentious points of the integration (about “forbidden” greetings and principle of non-discrimination)

ABSTRACT: Some Islamic believers adhere to a rule of behavior coming from a particular reading of the traditions concerning the life of Muhammad, so they do not shake hands with people of the other sex outside their own restricted family circle. The present paper analyzes the potential impact of such a choice, if it is carried out in the work context and it infringes specific internal company rules, which require employees to not discriminate against customers on the basis of sex. The Author, in accordance with a recent decision of the Swedish Labor Court, affirms that the limitation of the freedom of the worker can be considered a case of indirect discrimination for religious reasons. However, demanding that the woman abstains from shaking hands with persons of her own sex, as suggested by the Court, is not required by the principle of gender equality, and is not coherent with the very personal nature of the act, according to the Author.

Scarica il testo completo in PDF

Atheism and the Principle of Laïcité in France. A Shifting Process of Mutual Adaptation - di Francesco Alicino

SUMMARY: 1. Introduction - 2. The Vertical and Horizontal Influences - 3. Atheism, laïcité and Church - 4. Atheism, laïcité and Islam - 5. Today’s Popular Sources of Atheism - 6. Conclusion.

ABSTRACT: With this article, the Author outlines the legal issues involving the atheism in France, analysing them in the light of the principle of laïcité. France has a long history of criticism of religion. Many philosophes of the Enlightenment, for example, have provided the classical writings in this field. In this sense, they were able to aliment two major streams of thought of the magmatic French atheism: one is based on the horizontal influences arising from the effect of increasing worldwide travel with the discovery that people do not necessary share the same views and beliefs about the nature of human being; the other is centred on vertical arguments bubbling up from the past in a very form of scepticism and realism. With its multi-faceted and articulated view, the French atheism has also been promoted by a number of movements devoted to arguing the case for non-belief and for its political expression in laïcité. In this manner, the Author tries to demonstrate that, since the Great Revolution and during the long history of the French constitutional system, laïcité de combat and atheism has been influencing each other in a constantly shifting process of mutual adaptation.

Scarica il testo completo in PDF

Multiculturalism, multireligiosity and relations between the State and religious organizations - di Marco Parisi

Summary: 1. Introduction - 2. Constitutional project of ecclesiastical politics and cultural resistance to a correct interpretation of the fundamental provisions of freedom - 3. Secularity of the legal system, religious pluralism and human freedoms.

ABSTRACT: The problems that derive from the growing multicultural and multi-religious characterization of our society raise a number of questions regarding the difficulties encountered in identifying rules of coexistence that could be genuinely respectful of the ideal and spiritual dimension of the human person. In particular, it is in question the ability of the system of bilateral agreements between the State and the religious organizations to really enhance the individual religiosity, which is constitutionally protected in its instrumentality for the promotion and growth of the human being. Several doubts also concern the discretionary and political selection, exercised by public authorities, of religious organizations deserving an access to bilateral regulation of relationships. In a more and more plural and heterogeneous social reality, the exclusion from the special legislation of the newly established spiritual groups in the country does not seem to be respectful of a neutral and correct interpretation of the constitutional dictate.

Scarica il testo completo in PDF

Modes of neutrality in the ECtHR jurisprudence related to religious matters: some critical remarks - di Alice Ollino

SUMMARY: 1. Introduction - 2. The meaning of State neutrality: some conceptual clarifications - 3. State’s neutrality vis-à-vis religious organizations: neutrality as absence of interference - 4. State’s neutrality vis-à-vis public education: neutrality as objectivity - 5. State neutrality vis-à-vis religious symbols in the public sphere: neutrality as exclusion of religion - 6. ‘Reversed’ patters of neutrality: the disruptive effect of Lautsi v. Italy - 7. Concluding remarks: decoding the patterns of State neutrality in the jurisprudence of the ECtHR.

ABSTRACT: This contribution discusses the notion of State neutrality in the jurisprudence of the European Court of Human Rights. State neutrality has become increasingly relevant in the rulings of the ECtHR concerning religious freedom, with the Court explicitly resorting to the idea that States should act as neutral and impartial organizers of religious life within their community. Yet, the conception of State neutrality developed by the Court is inconsistent and often gives rise to criticism. By exploring the Court’s main jurisprudence in the context of religious disputes, religious education in public education, and the display of religious symbols in public spaces, this contribution seeks to disentangle the different understandings of neutrality employed by the Court and to critically engage with them.

Scarica il testo completo in PDF

Ultimissime dalla giurisprudenza in materia di reati culturalmente motivati - di Fabio Basile

SOMMARIO 1. Considerazioni introduttive - 2. La definizione dottrinale di “reato culturalmente motivato”, e le sue “sotto-categorie” prasseologiche - 3. La giurisprudenza relativa a reati a elevata offensività - 4. La giurisprudenza relativa a reati a bassa offensività - 5. La sentenza Cass. n. 29613 del 2018. - 6. Verso un test culturale come architrave motivazionale? - 7. Considerazioni finali.

Latest News from Jurisprudence on Culturally Motivated Crimes

ABSTRACT:  The author, after having clarified the notion of culturally motivated crime consolidated in doctrine, analyzes the recent Italian jurisprudence on the topic, representing the general coordinates provided by the Court of Cassation to the interpreter in the presence of this type of crimes.

Scarica il testo completo in PDF

L’iter delle intese sui rapporti Stato-confessioni ristretto fra discrezionalità politica e insicurezza presunta - di Fortunato Freni

SOMMARIO: 1. Il ruolo di Parlamento e Governo nella modifica del Concordato lateranense e nell’elaborazione delle intese con le confessioni acattoliche - 2. La prassi instaurata per l’iter di stipulazione delle intese - 3. La discrezionalità del Governo all’avvio delle trattative e il caso dell’UAAR - 4. Il concetto di confessione religiosa parte di un’intesa - 5. I limiti e le garanzie costituzionali nell’uso delle intese - 6. Anomalie tra normativa bilaterale e normativa unilaterale: intese-fotocopia e diritto comune “para-pattizio” - 7. La differenza fra le trattative per un’intesa e la negoziazione normativa - 8. La presunta minaccia del fondamentalismo religioso e il senso d’insicurezza instillato a fini politici.

The proceding of agreements on relations between State and religious denominations is restricted between political discretion and alleged insecurity

ABSTRACT: The present essay analyzes the procedure aimed at stipulating agreements on relations between the state and religious denominations considering the new elements introduced by the UAAR case. The Italian Union of Atheists and Agnostics is the protagonist of a long-standing case law case, because the Government has rejected the request for access to negotiations that allow to verify in concrete whether the conditions exist for concluding an agreement pursuant to in the third paragraph of the article 8 of the Constitution

Scarica il testo completo in PDF

Le dinamiche concordatarie tra Santa Sede e Stati islamici - di Raffaele Santoro

SOMMARIO: 1. Il concordato nelle dinamiche delle relazioni tra Chiesa cattolica e Stati islamici - 2. Concordato e libertà religiosa nei Paesi islamici - 3. Gli accordi bilaterali sottoscritti dalla Santa Sede in questi speciali “territori di missione” - 4. La tutela delle minoranze religiose nella Dichiarazione di Al-Azhar e la possibile apertura di nuove frontiere delle dinamiche concordatarie.

The concordat dynamics between Holy See and Islamic State

ABSTRACT: The article analyzes the concordat dynamics between Holy See and Islamic States developed after the Second Vatican Council. The concordat, in its various forms, is the main instrument through which is regulated the system of relations between States and Catholic Church. Its use has been tested successfully in various Islamic States, and sometimes even with heterogeneous formulas, because of differences that distinguish the individual systems, trying to translate the concepts of autonomous of Church and collaboration with States in forms legal acceptable to Muslim tradition countries. The exhortations in the Al-Azhar Declaration are directly connected with the possible development of bilateral activities between Holy See and other Islamic countries and this can also strengthen the peace among peoples and the interfaith dialogue.

Scarica il testo completo in PDF

“It is (not) a piece of cake”: libertà di espressione e politiche antidiscriminatorie in America. Note a margine del caso Masterpiece Cakeshop, Ltd. v. Colorado Civil Rights Commission - di Luca P. Vanoni

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Tra free speech e free exercise clauses: la libertà di coscienza nella giurisprudenza della Corte suprema (cenni) - 3. Una discriminazione nella discriminazione? Una decisione che non risolve il dilemma - 4. Kicking the can down the road: l’arte di non decidere e le dissenting/concurring opinions del caso Masterpiece Cakeshop - 5. (segue) a) l’opinion del giudice Thomas - 6. (segue) b) uno sguardo sul futuro: due (ipotetici) orientamenti prevalenti - 7. Dal saluto alla bandiera alle torte nuziali: libertà e tolleranza nella società plurale contemporanea.

ABSTRACT: The paper examines the clash between public accommodations laws and freedoms of speech and religion in America at the light of the recent decision of the U.S. Supreme Court Masterpiece Cakeshop Ltd., v. Colorado Civil Rights Commission. The case deals with the refusal of a Colorado’s bakery to provide a wedding cake to a gay couple based on the owner's religious beliefs. After explaining the decision of the Court and the position of the U.S. Supreme Court Justices in their dissenting and concurring opinions, the paper addresses the claim of freedom of speech and of the tolerance principle in the pluralistic age.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà di culto e diversità religiosa nelle carceri inglesi - di Jacopo Paffarini

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La disciplina dell’esercizio della fede nei penitenziari inglesi - 3. La diversità delle fedi in carcere e il ruolo delle community chaplaincies - 4. Il carcere come spazio multi-religioso e i nodi irrisolti dall’Equality Act del 2010 - 5. La discriminazione per motivi religiosi nella giurisprudenza inglese e gli obblighi di prestazione a carico della pubblica amministrazione.

Freedom of worship and Religious Diversity in English Prisons

ABSTRACT: This article aims to highlight different aspects of the practice of faith in the British prison system. While the 1952 Prison Act gave a preeminent position to the chaplains of the Church of England, in the last decades multi-faith spaces of worship and spiritual-care groups have multiplied. Furthermore, ‘community chaplaincies’ and volunteers are active players in rehabilitation programs, especially in preventing recidivism, which is higher among ethnic and religious minorities. Both the Human Rights Act of 1998 and the Equality Act of 2010 have contributed to promote an ‘inclusive’ approach to religion pluralism, granting access to spiritual assistance and equal treatment among prison inmates. However, it is worth to consider if a State-centred management of religious diversity is a sustainable choice before the growing judicial litigation related to prisoners’ freedom of worship.

Scarica il testo completo in PDF

La tutela dell’identità delle minoranze religiose deve potersi avvalere di “un giudice e un giudizio” (ancora sulla sentenza della Corte costituzionale n. 52 del 2016) - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1- La qualificazione giuridica è attribuzione costituzionale esclusiva del potere giudiziario - 2. La qualificazione giuridica delle confessioni religiose … - 3. (segue) e il loro diritto all’identità - 4. L’espediente del “doppio binario” - 5. L’insopprimibile garanzia della tutela giurisdizionale dei diritti è (ancora) principio supremo dell’ordinamento costituzionale - 6. Il petitum del ricorso per conflitto di attribuzioni tra poteri dello Stato, e l’obbligo di attenersi al thema decidendum - 7. I poteri del Governo nell’esame dell’istanza di accesso all’intesa - 8. Le improvvide conseguenze dell’avere ritenuto il diniego governativo “atto politico”: dal “pluralismo aperto” al “pluralismo discrezionalmente regolamentato”.

For the protection of their identity, religious minorities should have “a judge and a judgment” at their disposal (again on the judgment of the Constitutional Court no. 52 of 2016)

ABSTRACT: The article links the theme of the legal qualification of an association that calls itself a “religious confession” in order to have relationships with the State, according to the provisions laid down in the third paragraph of art. 8 of the Constitution, with the theme of the right of religious minorities to have an identity. It intends to prove that the document that the government issues in order to deny such a qualification is not a “political action” exempt from the control of the judicial authority, contrary to ruling no. 52 of 2016 of the Constitutional Court. The identity of religious minorities is protected by the guarantees offered by art. 24 of the Constitution, from which the Constitutional Court draws the supreme principle of jurisdictional protection of rights, the foundation of any democratic system, that guarantees to all, for any dispute, “a judge and a judgment”.

Scarica il testo completo in PDF

Uguaglianza nella diversità. Identità religiose e democrazia costituzionale - di Marco Parisi

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Disegno costituzionale e rigidità politico-normative: quale strada per una equilibrata disciplina del fenomeno religioso? - 3. Conclusioni.

Equality in diversity. Religious identities and constitutional democracy

ABSTRACT: The entry into force of the new system after the fall of fascism did not constitute the resolutive element to mark a decisive turning point in the Italian ecclesiastical politics, with the implementation of a system of reforms in religious matters consistent with the innovative will of the institutional change that occurred in the Country. The consequence is that, seventy years after the adoption of the Republican Constitutional Charter, many normative provisions still conform to the inspiring principles of the fascist system, and there are many impediments to the concrete realization of the principles of freedom and democracy, with serious damage for the enjoyment of constitutional guarantees by spiritual minorities. With the approval of a general legislation on religious interests, the equal enjoyment of the fundamental rights could be achieved, both for individuals and for groups, within a framework of definitive overcoming of the fascist penalizing legislation and of fixation of the regulatory law criteria of the various treatments to protect spiritual specificities.

Scarica il testo completo in PDF

Divieto di discriminazione religiosa sul lavoro e organizzazioni religiose - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. La direttiva europea 2000/78/CE e le organizzazioni di tendenza - 2. Il caso Egenberger c. Evangelisches Werk dinanzi alla Corte di giustizia - 3. La sindacabilità dei provvedimenti confessionali in materia di lavoro - 4. I controlimiti alla disapplicazione della direttiva - 5. L’obbligo giudiziario di conformazione del diritto nazionale a quello europeo - 6. Il divieto di discriminazione sul lavoro alla stregua della Carta dei diritti del cittadino europeo.

No difference of treatment on grounds of religion or belief and religious organizations

ABSTRACT: It’s the first time that the Court of Justice E.U. deals with the limits of the exemption from ban on discrimination on grounds of religion or belief in favour of organisations the ethos of which is based on religion or belief. The German law implemented softly the directive 2000/78/CE favouring that ethos, as interpreted by those organizations, and consequently limiting the judicial review merely to its plausibility. Viceversa according to the European Court the religion or belief must constitute a genuine, legitimate and justified occupational requirement, having regard to the organisation’s ethos and the proportionality principle (even though not explicitly recalled by the directive). So an exhaustive judgement allows an objective, not spiritualistic, evaluation of the occupational activities and therefore a stronger legal protection of workers under articles 10, 21 and 47 of the Charter of Fundamental Rights of the European Union.

Scarica il testo completo in PDF

Quando la religione si interseca con la tutela di genere: quale impatto sulle dinamiche dell’accoglienza? (prime osservazioni a margine di Cass., sez. I, 24 novembre 2017, n. 28152) - di Adelaide Madera

SOMMARIO: 1. Fenomeno migratorio, istanze di protezione internazionale e risposte degli ordinamenti europei - 2. Riconoscimento dello status di rifugiato e fattore religioso - 3. La recente pronunzia n. 28152 del 2017 della Corte di Cassazione - 4. La valorizzazione della prospettiva di genere nel sistema di protezione internazionale - 5. L’intersezione religione/genere quale pivot di una protezione rafforzata di soggetti particolarmente deboli.

The Intersection between Religion and Gender Protection: Which Impact on the Dynamics of Hospitality? (Preliminary Remarks to Court of Cassation, Section I, 24 November 2017, No. 28152)

ABSTRACT: The intersection between immigration, citizenship, integration in the EU countries is a challenging topic for scholars and religion is becoming a crucial factor. Transnational space allows the development of new meanings, negotiation of identities, interaction of religious actors and practices and integration/participation has an impact on the identity of migrants. The increase of migrations from non-European countries, and the impact of new religious needs underlines the question of whether religious belonging is a factor of either empowerment or disempowerment in the host society. At the same time, migrations in an era of economic crisis emphasize skepticism and hostility towards Islamic groups; refugees and asylum seekers, and the questions connected with international protection have become other controversial issues, contributing to the development of a growing anti-immigrant attitude. Modern democracies are expected to offer answers to increasing demands of international protection; at the same time international protection is becoming a strategic tool to obtain hospitality in European countries, and to avoid the limits connected  to access for economic reasons. Recent Italian case law witnesses the development of a gender-sensitive perspective and focuses on the increasing link between religion, gender and international protection.

Scarica il testo completo in PDF

Riflessioni su diritto e religione a margine del Martin Luther King Day - di Giancarlo Anello

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Advocate of the social Gospel: Martin Luther King e il percorso americano di riforma della legislazione sui diritti civili - 3. Post-colonialismo e terzomondismo: Martin Luther King e i percorsi di liberazione su scala globale - 4. Martin Luther King e Gandhi, Cesar Chavez e Sayyed Qutb - 5. Conclusioni: diritti religiosi, giustizia globale e stato di diritto.

Remarks about Law & Religion for the Martin Luther King Day

ABSTRACT: April 4, 2018 commemorates the fiftieth anniversary of the death of Martin Luther King jr., in Memphis-Tennessee. The importance of Martin Luther King’s personality goes far beyond the borders of United States and spreads on the global scale. The present paper concerns the universality and the present impact of Martin Luther King’s legacy, considering also the European context. The paper analyses in brief the history of Martin Luther King, taking into account both his activism in the US and his international criticism against global issues such as post-colonialism and third-worldism; a second part is dedicated to the so called religious “global left” of the 50s and 70s. Conclusions show how and why the global religions have still to be considered a critical background for the rule of law, its inequalities and its injustices.

Scarica il testo completo in PDF

La questione della riconoscibilità civile del divorzio islamico al vaglio della Corte di giustizia dell’Unione europea (a margine della pronunzia del 20 dicembre 2017, C-372/16) - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. Notazioni introduttive - 2. I termini della vicenda da cui origina il rinvio pregiudiziale e la competenza della Corte di giustizia a pronunziarsi sulla questione controversa - 3. La portata applicativa del regolamento n. 1259 del 2010 e le sentenze dei tribunali religiosi - 4. Le implicazioni di carattere sistematico della pronunzia in rapporto al principio di incompetenza dell’Unione nella materia ecclesiastica o religiosa - 5. I dubbi sostanziali circa la riconoscibilità in Europa del ripudio islamico - 6. Conclusioni.

The issue of the civil recognizability of the Islamic divorce by the EU Court of Justice (considerations on the ruling of December 20th 2017, C-372/16)

ABSTRACT: The present paper takes as a starting point a recent ruling by the EU Court of Justice concerning the issue of recognizability of Islamic repudiation under the EU Regulation No. 1259/2010. After assessing the conditions underlying the jurisdiction of the Court of Justice to rule on such a controversial matter, the Author excludes that the religious judgments fall within the scope of the aforementioned regulation (and within the purpose of Regulation No. 2201/2013), also in light of the so-called principle of the Union’s incompetence in ecclesiastical or religious matters. Moreover, although the unilateral repudiation is to be considered contrary to the principle of public order of the moral and legal equality of the spouses, the Author concludes that, consistently with the current trend of many legal systems to give increasing broader space to the “negotiating” management of the marriage bond, effective protection of the principle of equality should involve letting women, in some particular situations, have the choice of concretely enforcing that principle.

Scarica il testo completo in PDF

Una “nuova stagione” per l’atto politico? Alcune riflessioni tra teoria e prassi costituzionale - di Paolo Zicchittu

SOMMARIO: 1. Il “ritorno” dell’atto politico: la stipulazione delle intese con le confessioni religiose - 2. Le origini dell’atto politico tra acte de gouvernement, act of State, political question e acto de gobierno - 3. Gli sviluppi dell’istituto nell’Italia liberale - 4. L’atto politico alla prova della Costituzione - 5. Il ruolo del giudice delle leggi: alcuni casi paradigmatici - 6. Un consuntivo della giurisprudenza costituzionale in tema di atto politico: l’atto di governo come tecnica di giudizio.

Is there a “new era” for the act of State in Italy? Some remarks between constitutional theory and practice

ABSTRACT: The act of State in the Italian legal system seems now to be heading for a kind of “second drawing”. Starting from the recent judgment n. 52/2016, adopted by the Italian constitutional Court with reference to the agreement between Government and the so-called UAAR, the essay scrutinises the evolution of the act of State in Italy compared to the principles of the constitutional “rule of law”. The analysis deals with both theory and practice, focusing in particular on the approach adopted by the Italian constitutional jurisprudence in order to address political questions.

Scarica il testo completo in PDF

Osservazioni sulla proposta di legge “Norme in materia di libertà di coscienza e di religione” elaborata dal gruppo di lavoro coordinato dalla Fondazione ASTRID - di Gianfranco Macrì

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Crisi e persistenza del modello pattizio. Riscrivere la trama della libertà religiosa in Italia - 3. Una proposta “flessibile” orientata alle differenze e all’interazione - 4. I nuovi confini della libertà religiosa della persona - 5. La libertà di coscienze e di religione del minore - 6. Scuola pubblica, libertà religiosa e “nuovi spazi” di confronto per tutti: quello che serve e quello che la proposta non dice - 7. L’integrazione attraverso il lavoro - 8. Assistenza spirituale e libertà di manifestazione del pensiero - 9. Gli spazi della libertà religiosa e i “luoghi della memoria” - 10. Ministri di culto e non solo - 11. Per una libertà religiosa collettiva veramente democratica: rilievi critici - 12. La società cambia, la legge dello Stato arranca, il matrimonio “canonico” resta - 13. Intese per tutti? - 14. Quello che manca nella proposta di legge – 15. Conclusioni.

Remarks on the Bill Proposal "Norms on Freedom of Conscience and Religion" Made by the Working Group Coordinated by the Astrid Association

ABSTRACT: This contribution is a comment on the draft law on religious freedom proposed by some scholars of the ASTRID Foundation. The law is proposed in the context of a national and European political environment, which is constantly changing and evolving. This analysis is focused on some specific aspects of the proposal, by assessing their limits and their potential offers some theoretical reflections with the aim of contributing to a scholarly and intellectual debate, which should offer arguments, aimed at promoting and protecting fundamental freedoms and rights as envisaged by the Constitution.

Scarica il testo completo in PDF

Le unioni civili fra Giudice e Legislatore - di Vincenzo Cocozza

SOMMARIO: 1. La posizione del giudice ordinario. – 2. Le decisioni della Corte costituzionale. – 3. Il "pregresso vissuto" e le sollecitazioni al legislatore del giudice costituzionale e della Corte di Cassazione. – 4. L'intervento del legislatore "messo in mora".

The civil unions between judicial and legislative power

The essay traces the stages of the dialogue between judges and legislator that led to the approval of the law n. 76/2016. In particular, the essay emphasizes the relevance of the role of the ordinary judges who, understanding the importance of the right to a steady union for homosexual couples, have then appointed the Constitutional Court to solve this delicate problem. With two decisive rulings, the Court has laid out the way for the intervention of the legislator.

Scarica il testo completo in PDF

Il secolarismo all’ombra dei minareti: il principio costituzionale di laicità nella Turchia moderna e contemporanea - di Marco Galimberti

SOMMARIO: 1. Premessa introduttiva - 2. La Türkiye Cumhuriyeti tra eredità islamica e legittimazione internazionale - 3. La laicità dello Stato: il fondamento della nuova identità nazionale - 4. Le forze armate e la Corte costituzionale: i ‘custodi’ della laiklik - 5. La parabola dell’AKP: dall’impulso riformista alla recente involuzione autoritaria - 6. Le implicazioni giuridiche del fallito golpe del 2016.

Secularism in the shadow of the minarets: the constitutional principle of secularism in modern and contemporary Turkey

ABSTRACT: The present essay deals with the so-called ‘laiklik’, namely the Kemalist understanding of the constitutional principle of secularism implemented in the Turkish legal framework over the last century. The analysis takes as a starting point the establishment of the modern Republic of Turkey and focuses firstly on the staunch protection of secularism by its traditional ‘guardians’ (i.e. the army and the Constitutional Court). In particular, it is argued that the rhetoric of secularism has been exploited by the ruling élites with the aim to curb religious, cultural and political pluralism. Subsequently, the paper investigates the controversial policies adopted by the AKP - the moderate pro-Islamic party in power uninterruptedly since 2002 - and the rule of law crisis recently occurred in the country. In this regard, the author eventually seeks to assess the aftermath of the coup attempt failed in July 2016, by giving special attention to its short and long-term implications in the light of Turkish secularism.

Scarica il testo completo in PDF

La libertà religiosa, i diritti delle comunità islamiche. Alcune considerazioni critiche su due progetti di legge in materia di moschee e imam - di Gianfranco Macrì

SOMMARIO: 1. Introduzione: per un pluralismo “ragionevole” di fronte ai mutamenti sociali - 2. Dalla teoria alla pratica: alcuni aspetti della “questione” islamica nelle contraddizioni politiche e giuridiche del presente - 3. Una premessa di metodo: la libertà religiosa nel modello democratico costituzionale. Aporie persistenti e spunti di riforma (ma siamo ancora agli inizi) - 4. Diritto fondamentale alla moschea vs “Registro pubblico delle moschee” - 5. Un Albo per gli imam (e altre cose) - 6. Conclusioni.

Religious Freedom and the right of Muslim communities. Some critical remarks on two recent draft laws on mosques and imams

ABSTRACT: This contribution starts from the proposal of two draft laws on Islam in Italy (one on the legal status of mosques and the other on imams), which deal with concrete issues that the country faces, taking into consideration the multicultural context of Italy. So far, the approach of the Italian political class has been quite conservative and not willing to take into account possible solutions offered by the Constitution, such as the protection of basic human rights. The solutions have been more focused on the potential lack of trust towards Muslim communities and on legal solutions not fully integrated within a wider European approach. The proposed solutions appear therefore to be more the result of ad hoc approaches, influenced by considerations of real politik, than tools fully in line with the requirements of the Constitutional protection of human rights.

Scarica il testo completo in PDF

Le proposte di legge Santanchè-Palmizio sul registro delle moschee e l’albo degli imam: un tentativo di refurbishment della legge n. 1159/1929? - di Antonello De Oto

SOMMARIO: 1. Il contenuto delle proposte di legge c. 2976 e c. 3421 (Garnero Santanchè e Palmizio) e i profili di incostituzionalità - 2. La necessità politico-normativa di un altro approccio agli Islam. Rivitalizzazione dello strumento delle Intese e legge generale sulla libertà religiosa come antidoti alla lenta deriva del riassetto normativo della legge sui culti ammessi - 3. Allegati.

The law Santanchè-Palmizio proposals about the Mosques and Imams register: a refurbishment attempt of the law n.1159 / 1929?

ABSTRACT: The article examines and comments the contents of the legislative proposals c. 2976 and c. 3421 (Garnero-Santanchè and Palmizio) and their unconstitutionality profiles . At the end of this parliamentary term, this examination is also the basis for thinking about political and normative necessity of another approach to Islam and, at the same time, revitalizing the Agreements instrument and the general law of religious freedom, so that they can constitute a concrete antidote to the slow and creeping drift of the normative reorganization of the law on the admitted cults.

Scarica il testo completo in PDF

Le Sharia Court in Gran Bretagna. Storia ed evoluzione dei tribunali islamici nel Regno Unito - di Alessandro Negri

SOMMARIO: 1. Le Sharia court: origini, attività e scopi - 2. Alcuni dati statistici - 3. Un’ulteriore evoluzione: l’Arbitration Act e il Muslim Arbitration Tribunal - 4. Il discorso dell’arcivescovo di Canterbury e reazioni - 5. Il Private Members’ Bill della baronessa Cox - 6. La risposta dell’Islamic Sharia Council - 7. Un dibattito ancora in corso: Friend or Foe?

Sharia Courts. History and evolution of Muslim courts in the United Kingdom

ABSTRACT: In the last thirty years the United Kingdom has experienced the formation and surge of so-called Sharia courts or councils, unrecognised Muslim tribunals with purpose of settling disputes using Islamic religious law. Their stated objectives include providing advice and assistance in the operation of Muslim family life, establishing a bench of scholars to operate as a council, making decisions on matters of Muslim family law, and promoting an enlightened practice of the Muslim faith by Muslims living in the UK.

This paper analyses the origins, evolution and functioning of these councils, with emphasis on the lively public debate initiated in 2008 following the Archbishop of Canterbury’s remarks and followed with the bill proposed by Baroness Cox. An overview of the relations between Sharia councils and the State is presented, while providing insight on future scenarios.

Scarica il testo completo in PDF

Moyens modernes, buts traditionnels: le discours constitutionnel de l’Église de Grèce - di Kaidatzis Akritas

SOMMAIRE: 1 - Introduction - 2. L’État et l’Église en Grèce. Le cadre constitutionnel - 3 - L’Église de Grèce comme institution de l’État grec - 4. Le discours constitutionnel de l’Église. Des éléments de constitutionnalisme populiste - Pluralisme constitutionnel et droits de la majorité - 6. Les droits en tant qu’identité - 7. Conclusion - Bibliographie.

ABSTRACT: The invocation of the people, the constitution and the rights occupies an important place in the public discourse of the Church of Greece. Its constitutional discourse exhibits two main characteristics. Firstly, it is a populist discourse. The church talks in the name of “its” people, which it identifies with the Greek nation, and as the voice of the people’s will against its rulers. Moreover, it is a rights-laden discourse. The church talks as the protector of the rights of the majority, which it identifies with the rights of its believers. Its constitutional discourse and practice shows that the church manages to exploit the institutions, achievements and discourses of modernity, if only for the promotion of apparently pre-modern ends: the preservation of its privileges against the other religions; the prolongation of its role in the public sphere; its reproduction as an ideological mechanism of the nation-state.

Scarica il testo completo in PDF

Security and Religious Radicalization. Securitization of Islam in Europe - di Agustín Motilla

SUMMARY: 1. Introduction - 2. General measures of the anti-terrorist laws; social surveillance and immigration control - 3. Antiterrorist laws and Islam: the securitization of Muslims in western countries - 4. The enforcement of measures affecting Muslim population not directly related to security: the vague criminalization of Islam - 5. Effects of the measures direct or indirectly justified on security reasons in religious freedom; specially related to Muslim population - 6. Closing remarks; positive statements in the construction of the European Union framework.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e proposte di riforma della legislazione ecclesiastica in Italia - di Paolo Cavana

SOMMARIO: 1. Attualità del diritto di libertà religiosa - 2. La libertà religiosa e la sfida del pluralismo confessionale - 3. L’affermazione del diritto di libertà religiosa in Europa -  4. Evoluzione espansiva del diritto di libertà religiosa. Tradizione anglosassone e approccio europeo ai diritti - 5. Dimensione negativa o di garanzia e dimensione positiva o promozionale del diritto di libertà religiosa - 6. Dimensione positiva dei diritti e obblighi di solidarietà: la logica del sistema pattizio - 7. Il sistema italiano di tutela del diritto di libertà religiosa - 8. Legislazione ecclesiastica e proposte di riforma - 9. Il progetto di legge generale sulla libertà religiosa - 10.  Evoluzione del quadro normativo e progetti di riforma - 11. Organizzazioni agnostiche e strutture confessionali: un’assimilazione controversa - 12. Il sistema pattizio come garanzia di pluralismo confessionale e di piena integrazione.

Religious freedom and proposals of reform of the Italian law concerning religious denominations

ABSTRACT: This paper, after briefly recalling the importance of religious freedom in Western civilization and its progressive identification as a fundamental right all over the world, examines the legal framework of religious freedom in the Italian law system. In doing so, it underlines the distinction between the negative and positive aspects of the right, calling for a different attitude on behalf of the State according to the different common law and civil law systems. In the end, taking into account the principles of the Constitution and the Italian Constitutional Court’s case law, it critically addresses the current debate on the proposal of a State statute concerning the exercise of the right of religious freedom for individuals and, above all, for denominational groups without an agreement with the State.

Scarica il testo completo in PDF

La “Carta dei valori” della Repubblica italiana - di Pasquale Lillo

SOMMARIO: 1. La “Carta dei valori”: origine - 2. Caratteristiche e struttura - 3. Natura giuridica - 4. Dimensione costituzionale della “Carta dei valori”?

Scarica il testo completo in PDF

L’Europa e i migranti: per una dignitosa libertà (non solo religiosa) - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. La preminenza della dignità sulla libertà - 2. La dignità di chi non conta niente: i migranti - 3. Ci può essere libertà senza dignità? - 4. La luterana libertà del cristiano e la sua secolarizzazione - 5. Un’Europa infedele alla sua ispirazione - 6. Analogia dei conflitti politici odierni con quelli religiosi passati - 7. I migranti, banco di prova per l’Europa e per le Chiese - 8. L’attuale condizione dei migranti - 9. La libertà dignitosa come fonte dell’unità politica europea.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e cittadinanza integrativa. Alcune note sul ‘vivere assieme’ in una società plurale - di Antonio Angelucci

SOMMARIO: 1. Cittadinanza e identità religiosa - 2. Cittadinanza e pluralismo religioso - 3. “Cittadinanza integrativa” e libertà religiosa - 4. La Risoluzione 2076 (2015) e la Raccomandazione 2080 (2015).

Religious Freedom and Integrative Citizenship. Some Notes on 'Living Together' in a Plural Society

ABSTRACT: Circumcision concerns the religious identity of Jews and Muslims. In addition to these circumcisions which can be defined as "confessional-religious" there are also those related to local customs. These types deserve renewed attention after Resolution 1952 (2013) and Recommendation 2023 (2013) of the Parliamentary Assembly of the Council of Europe, both concerning "the right of children to physical integrity", and subsequent resolutions 2076 (2015) and Recommendation 2080 (2015) devoted to "(R) Religion and Living together in a Democratic Society". Citizenship is, in fact, the much broader horizon to be found behind circumcision. While the first two documents tend to consider non-therapeutic circumcision as a possible assault to the physical integrity of children without, therefore, focusing on the profiles inherent the right to religious freedom and the possible inclusive value of its "recognition" for the purposes of universal citizenship, the latter two, focusing on the freedom of 'living together' according to the practices of each religion, seem to be more aware of the need to move towards the realization of a European, inclusive and plural citizenship. However, the category of 'living together', evanescent and ambiguous for its correlation with the principle of majority (as is evident from the most recent case law of the ECHR), requires a new approach that gives it greater objectivity. Concepts such as those of pluralism and plural citizenship, in which civic belonging and religious affiliation can live together, help to go in that direction, renewing, in the end, the membership of a Europe of peoples and not just of economies.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà di religione e libertà dalla religione in Marocco: la revisione interpretativa sull’apostasia - di Fabio Franceschi

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Diritto e religione in Marocco: la libertà religiosa nella Costituzione del 2011 - 3. L’apostasia nel diritto islamico: cenni - 4. Il codice penale marocchino e la fatwā del 2013 - 5. Il Consiglio Superiore degli Ulema: prerogative e valenza dei suoi interventi - 6. “La via degli Ulema” (Sabīl al-‘ulamā’) e la rinnovata interpretazione sull’apostasia - 7. Il Marocco e la “via di Marrakech”: un segnale per il futuro?

Freedom of Religion and Freedom from Religion in Morocco: The Interpretative Revision on Apostasy

ABSTRACT: The essay analyzes a recent step taken by the Kingdom’s Ulama that distances from the traditional meaning of apostasy and of the penalty given for this offense. According to this document, Murtadd would not be the one who leaves Islam for another religion, but the one who betrays the group he belongs to. Apostasy was therefore political, not doctrinal. In this sense, the document represents an essential progress for the qualification of religious freedom in Morocco (on the same way already indicated by the Marrakesh Declaration).

Scarica il testo completo in PDF

Diritto, religione, cultura: verso una laicità inclusiva - di Mario Ferrante

SOMMARIO: 1. Comunicazione interculturale e relazioni interetniche nella società globale - 2. Il precedente storico della Sicilia normanna di Ruggero II - 3. Identità religiosa e convivenza multiculturale - 4. L'esigenza socio-culturale di una legge generale sulla libertà religiosa - 5. Laicità e principio di uguaglianza.

Scarica il testo completo in PDF

Il governo locale del pluralismo religioso - di Letizia Mancini

Sono molto grata all’amico Giuseppe Casuscelli per avermi invitato a partecipare a questo incontro. Stato, Chiese e pluralismo confessionale è una rivista che seguo con grandissimo interesse fin dalla sua fondazione. È uno strumento prezioso, del quale ho sempre apprezzato in particolare la vocazione trasversale e interdisciplinare. Questa qualità non deriva solo dal fatto che il pluralismo è questione che si presta appunto ad analisi trasversali e interdisciplinari, ma è frutto di una precisa scelta editoriale, quella cioè di accogliere punti di vista differenti, approfondimenti e riflessioni di studiosi di discipline e di generazioni diverse. Come sociologa del diritto mi sono occupata di pluralismo culturale e religioso soprattutto in riferimento ai movimenti migratori che di tale pluralismo costituiscono il principale fattore nella società italiana. A partire dal titolo di questo incontro, mi sono allora chiesta se in questi dieci anni abbiamo assistito a un progressivo riconoscimento del pluralismo religioso e, di conseguenza, del godimento di diritti legati alla libertà religiosa e al suo esercizio.

Scarica il testo completo in PDF

Intese: il caso dei Testimoni di Geova - di Corinne Maioni

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Le due mancate intese e la discussione parlamentare – 3. L’art. 8 cpv. Cost. e il limite del non contrasto con l’ordinamento giuridico – 4. Alcune riflessioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Religious education in Italian public schools: what room for Islam? - di Stella Coglievina

SOMMARIO: 1. Introduction - 2. Religious education in Italian public schools: general framework - 3. Religious education in public schools: the situation of Islam - 3.1. Some data about the Islamic presence in Italy - 3.2. Religious education and Islam - 4. The religious education in plural Italy: challenges and gaps - 5 - Muslims at school and Religious Education: which solutions? - 5.1 Alternative 1: private schools - 5.2 Alternative 1-bis: Homeschooling - 5.3 Alternative 2: introduction of lessons about religion - 5.4 Alternative 3: Muslim pupils and their participation in the Catholic religion lessons - 6. Conclusions: challenges, problems and future perspectives.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà di culto, uguaglianza e competenze regionali nuovamente al cospetto della Corte Costituzionale: la sentenza n. 67 del 2017 - di Francesca Oliosi

SOMMARIO: 1. “L'islam. Dal pregiudizio ai diritti”, ossia dove, come e perché il pregiudizio diventa diritto - 2. La nuova legge regionale del Veneto e il ricorso del Governo - 3. Ancora tu, ma non dovevamo vederci più? La sentenza n. 67 del 2017 della Corte costituzionale. Prime riflessioni su un guerra in corso.

Scarica il testo completo in PDF

El reconocimiento del llamado matrimonio de creencia en Irlanda del Norte: la revolucionaria sentencia de la High Court de 9 de junio de 2017 - di José Ramón Polo Sabau

SUMARIO: 1. Introducción - 2. Caracteres esenciales del sistema matrimonial en Irlanda del Norte - 3. La sentencia de la High Court de 9 de junio de 2017 en el caso In Re Laura Smyth - 4. Conclusiones: hacia el pleno reconocimiento de los matrimonios de creencia en las islas británicas.

The recognition of the so called belief marriages in Northern Ireland: a revolutionary High Court decision (9 June 2017)

ABSTRACT: In a context in which most other countries in the British Islands have allready recognised the validity of the so called belief marriages, very recently the Northern Ireland High Court has delivered its decision in the case In Re Laura Smyth, concerning the autorisation of humanist celebrants to perform a legally valid and binding humanist wedding ceremony in Northern Ireland, as it had been requested by the applicant in this case. In this extremely important decision, Mr Justice Colton declares that the initial denial by the General Register Office of the applicant’s request was in breach of section 6 of the Human Rights Act 1998 as contrary to the applicant’s rights under Article 9 and Article 14 ECHR, and consequently makes a declaration against the General Register Office in order to grant the application for the requested temporary authorisation to humanist celebrants. This paper summarizes and conducts a preliminary analysis of this decision’s content.

Scarica il testo completo in PDF

Medicina di frontiera nel Mediterraneo multietnico, tra pluralismo etico, culturale e normativo - di Alberto Marchese

SOMMARIO: 1. Premessa: flussi migratori e problematiche sanitarie, una nuova sfida per la pacifica convivenza nel Mare nostrum - 2. Tutela della salute e normativa di riferimento: profili etico-giuridici - 3. Stranieri regolari e irregolari - 4. L’assistenza sanitaria per i “richiedenti asilo” - 5. Gli stranieri temporaneamente presenti (S.T.P.) - 6. Gli apolidi e i rifugiati per motivi politici - 7. Alcune notazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

La libertà di religione in Italia dieci anni dopo - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Indivisibilità delle libertà – 2. Imprescindibilità della giurisdizione – 3. Libertà negativa: a) legislazione – 4. (segue:) b) giurisdizione – 5. Libertà positiva – 6. Pluralismo – 7. Diritto ecclesiastico futuro.

Scarica il testo completo in PDF

Una disciplina-quadro delle libertà di religione: perché, oggi più di prima, urge “provare e riprovare” a mettere al sicuro la pace religiosa - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. “Provare e riprovare” - 2. Le ragioni dell’odierna urgenza. I quattro macro fenomeni: sicurezza, crisi economica, migrazioni e populismi - 3. Di alcuni effetti dei macro fenomeni - 4. Avanzando verso la disuguaglianza graduata. Selezione degli interlocutori, margine d’apprezzamento, e limiti della “democrazia costituzionale” - 5. Le scelte di Astrid, e alcuni punti fermi - 6. Una considerazione ancora.

A Framework of Freedom of Religion: for today, it urges "to try and try again" to secure religious peace
ABSTRACT: This article analyzes the theme of the continuing lack of a law on religious freedom in Italy, despite the fact that seventy years have passed since the Republican Constitution was approved. According to the Author, the combination of four macro-phenomena (security, economic crisis, immigration, populism) nowadays urges the Italian Parliament to start debating how to implement the rights guaranteed under art. 19 Cost. - irrespective of the nationality of the person - and to regulate the procedures for reaching the agreements provided for in the third paragraph of art. 8 Cost. using the well-articulated bill proposed by the Astrid study group. The Author, finally, identifies a number of firm points necessary in his view to ensure respect for religious pluralism, secularism of the state and “religious peace”.

Scarica il testo completo in PDF

Le nuove leggi regionali ‘antimoschee’ - di Natascia Marchei

SOMMARIO: 1. L’edilizia di culto nella giurisprudenza costituzionale: i principi ispiratori della materia in assenza di una ‘legge quadro’ del legislatore statale - 2. Le leggi regionali ‘antimoschee’ davanti alla Corte costituzionale: l’applicazione dei principi - 3. Il cambio di destinazione d’uso e la definizione di ‘luogo di culto’ - 4. Brevi cenni sulla vicenda della ‘moschea’ a Milano.

Scarica il testo completo in PDF

Oltre il muro dell’intolleranza. Luci e ombre della benedizione nella scuola tra libertà religiosa e laicità dello Stato - di Tiziana Di Iorio

SOMMARIO: - 1. La libertà religiosa: brevi cenni - 2. Libertà di coscienza e libera formazione delle coscienze - 3. Istanze identitarie, libertà religiosa e principio di uguaglianza - 4. Fattore religioso e semantiche radici della laicità dello Stato - 5. Attività religiose e pratiche di culto nella scuola pubblica: il quadro normativo - 6. Il rito di benedizione nella scuola pubblica: revirement giurisprudenziale - 7. La recente sentenza del Consiglio di Stato, 27 marzo 2017, n. 1388 - 8. Atti di culto nello spazio pubblico e finalità formativa della scuola - 9. Conclusioni.

Breaking through the wall of intolerance. Lights and shadows of Easter blessing in State schools between religious freedom and laical nature of the State

ABSTRACT: Religious freedom is a fundamental human right protected by Italian Constitution. Which are the limits to be respected in case of religious practices inside Italian State schools? This paper examines the meaning of “religious freedom” and the essence of State “secular” nature; then focuses on a recent case, which caused a debate on the boundaries between Church and State, about Easter blessing rite in State schools. The Court of first instance argued that blessing is a religious rite and it cannot be held in State schools; the Supreme Administrative Court rejected this ruling, claiming that Easter blessing in State schools is to be permitted, it being an exercise of religious freedom not violating State secular nature. Religious symbols and rites in public places are not to be considered a violation of the State secular nature. The Italian State does not hold any religious belief of any religion, but can create conditions conducive to religions.

Scarica il testo completo in PDF

La libertad de enseñanza de las confesiones religiosas entre libertad de expresión y discurso del odio - di Adoración Castro Jover

SUMARIO: 1. Introducción - 2. Libertad de enseñanza de las confesiones religiosas, autonomía y límites - 3. Aproximación general a los delitos de odio. Particular referencia al artículo 510 del Código penal español - 4. Libertad de enseñanza de las confesiones religiosas y delitos de odio. Algunos ejemplos -5. Libertad de expresión y discurso del odio en el Consejo de Europa - 6. Libertad de expresión y discurso del odio. Una perspectiva constitucional -7. Conclusiones.

Scarica il testo completo in PDF

Perché è necessaria una legge sulla libertà religiosa? Profili e prospettive di un progetto di legge in Italia - di Silvio Ferrari

In apertura del mio intervento enuncerò subito i tre temi che ne costituiscono la sostanza. Al termine di queste rapide e necessariamente imprecise enunciazioni ritornerò su ciascuno di essi per definirne meglio il senso e i contenuti. Vorrei innanzitutto collocare il progetto di legge di cui stiamo discutendo nel suo contesto europeo. Dei 27 paesi che sono membri dell’Unione europea, 16 hanno leggi che - pur variamente denominate - sono comparabili per struttura, temi e funzioni a quella che è oggetto del nostro esame. Tra questi 16 Stati, 9 regolano i rapporti con le comunità religiose sulla base di un concordato con la Chiesa cattolica e di intese con le altre confessioni religiose, il cosiddetto modello italiano di rapporti tra Stati e religioni. Vi è un solo Stato che ha adottato il modello italiano ed è privo di una legge sulla libertà di religione e questo Stato è l’Italia. A giudicare dal panorama europeo, una legge sulla libertà religiosa sembra quindi essere un complemento strutturalmente necessario di ogni sistema fondato sulla stipulazione di concordati e intese. Dovremmo chiederci perché.

Scarica il testo completo in PDF

La proposta di legge in materia di libertà religiosa nei lavori del gruppo di studio Astrid. Le scelte operate in materia matrimoniale e per la stipulazione delle intese - di Sara Domianello

Tenterò di rispondere a due interrogativi: Perché un intervento legislativo in materia di matrimonio e di intese? E quale intervento potrebbe offrire garanzie costituzionalmente adeguate alle istanze di tutela registrate oggi in tali particolari materie? La risposta alla prima domanda coincide, in parte, con le ragioni per le quali ho accettato l’invito a partecipare al gruppo di lavoro che la Fondazione Astrid ha costituito, sotto il coordinamento del prof. Zaccaria, in vista della promozione di un completo, ossia più esaustivo adeguamento a Costituzione della disciplina nazionale in materia di libertà di coscienza e religione. A giudizio largamente condiviso, infatti, la normativa vigente registra criticità costituzionalmente rilevanti almeno su due fronti. Uno è quello dell’applicazione, pur residuale, della legge sui culti ammessi, vecchia, prima e oltre che anagraficamente, nei suoi contenuti normativi e nel suo DNA, incompatibili con la forma costituzionale dell’Italia repubblicana. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

La proposta di legge in materia di libertà religiosa nei lavori del gruppo di studio Astrid. Le scelte di fondo - di Alessandro Ferrari

La proposta di legge che oggi viene presentata non vuole soltanto colmare un ritardo da troppo tempo accumulato e concretizzare, finalmente, uno dei diritti maggiormente esplicitati dalla Costituzione repubblicana. Questa proposta risponde anche - e forse soprattutto - alla necessità di non dimenticare la fondamentale politicità del diritto di libertà religiosa in un tempo di pluralismo. Essa ambisce a riaffermare la capacità della politica di “vedere” il fenomeno religioso e di riconoscere la centralità del diritto di libertà di coscienza e di religione per la costruzione di una cittadinanza inclusiva e attiva. Dettando “Norme in materia di libertà di coscienza e di religione” la proposta oggi in discussione si pone come attuazione degli articoli 2-3, 19-20 e 7-8 della Costituzione, rappresentando, di conseguenza, lo svolgimento di un principio supremo di laicità costituzionale condiviso e armonico sia rispetto alla normativa già contrattata dallo Stato con le confessioni religiose sia rispetto alla normativa pattizia concordata con gli altri Stati nei vari spazi giuridici sovranazionali. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

La proposta di legge in materia di libertà religiosa nei lavori del gruppo di studio Astrid. Le scelte operate nel campo della libertà collettiva - di Pierangela Floris

Nelle parti dedicate alla dimensione collettiva della libertà religiosa, la Proposta dà spazio a tre figure: due oggetto di espliciti riferimenti costituzionali, l’associazione con fine di religione o di culto e la confessione religiosa; una terza nuova, l’associazione filosofica e non confessionale, di chiara derivazione europea già nella denominazione. Inizio dalle associazioni con finalità di religione o di culto, che nella Proposta hanno un risalto senz’altro significativo. Esso però non è teso a oscurare o attenuare il rilievo di altre figure, in particolare della confessione religiosa, alla quale la Costituzione riserva un’attenzione tutta speciale e che nel progetto ha prerogative esclusive. Quel risalto ha altre ragioni, già esplicitate anche da chi ha parlato prima di me. Il progetto prova ad affrontare i problemi emersi in tempi recenti con lo sviluppo dell’associazionismo religioso, che ha interessato, in particolare, le comunità di nuova formazione o insediamento e che ha trovato un po’ tutti impreparati. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

La proposta di legge in materia di libertà religiosa nei lavori del gruppo di studio Astrid. Le scelte operate nel campo della libertà individuale - di Roberto Mazzola

Dei 10 articoli che compongono il Capo II della Proposta di legge in esame, gli artt. 3, 4 e 5 costituiscono l’asse portante della disciplina del diritto di libertà religiosa individuale. Le norme ricomprese fra gli artt. 6 e 13 ruotano, infatti, intorno a questo blocco normativo che racchiude e custodisce la ratio dell’intero Capo, attenta, lo ha appena ricordato nella sua relazione Alessandro Ferrari, a porre al centro delle dinamiche del religioso la ‘coscienza’ individuale intesa quale luogo deputato allo sviluppo della personalità individuale, tanto in una dimensione teista quanto ateista, benché quest’ultima presenti “peculiarità e identità non confondibili con quelle religiose”. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Lavoro, discriminazioni religiose e politiche d’integrazione - di Livia Saporito Francesco Sorvillo Ludovica Decimo

SOMMARIO: 1. La forza sociale delle religioni negli attuali scenari geopolitici - 2. Libertà religiosa, selezione lavorativa e integrazione nel mondo del lavoro - 3. La tutela della libertà religiosa nel rapporto di lavoro -3.1 Le discriminazioni religiose nei rapporti di lavoro nel quadro del diritto primario dell’Unione europea - 3.2 La giurisprudenza comunitaria - 3.3 L’incidenza del precetto religioso sul rapporto di lavoro - 3.4 La “presenza” delle religioni nei luoghi di lavoro: profili simbologici - 4. Istanze religiose e diritto negoziato nelle politiche d’integrazione - 5. Diritto, religione e sfide dell’integrazione.

Scarica il testo completo in PDF

Sport, religione e pluralismo culturale: le molteplici forme di lotta alla discriminazione etnico-confessionale - di Antonello De Oto

SOMMARIO: 1. Identità e alterità nello sport. Religioni, etiche e culture a confronto - 2. L’avvento della pluralità nel diritto sportivo e la (quasi) finita stagione della neutralità - 3. La discriminazione etnico-confessionale nella pratica sportiva. Gli strumenti normativi e istituzionali europei di contrasto alla condotta discriminatoria - 4. Quando il mondo dello sport arriva prima: la nascita del c.d. ius soli sportivo (legge 20 gennaio 2016 n. 12).

Sport, religion and cultural pluralism: the multiple forms of contrast to the ethnic-confessional discrimination

ABSTRACT: The article deals with the theme of recognizing and regulating identity and diversity in sport with a focus on religious element and the recent and gradual change of attitude of sports federations with respect to it, moving slowly from the time of secularity-neutrality in sport to the recognition of the athlete's religious identity. The second part of the paper examines the theme of ethnic-confessional discrimination in sporting practice and analyzes the European normative and institutional instruments for contrasting discriminatory behavior and the prospects for this action coordination, also taking into account the birth of the “c.d. Ius soli sportivo” (Law 20 January 2016 No. 12) in Italy, a great innovation for a Country as ours still argues, at the level of citizenship, in a logic of “ius sanguinis”

Scarica il testo completo in PDF

Natività e laicità: i presepi in Francia tra religione e secolarizzazione - di Daniele Ferrari

SOMMARIO: 1. La legge del 1905 e la sua applicazione: osservazioni introduttive - 2. Edifici pubblici e presepi: l’argomento religioso - 3. Edifici pubblici e presepi: l’argomento culturale-secolarizzato - 4. Simboli religiosi e laicità: l’imporsi di un proselitismo civile?

ABSTRACT: In France, the principle of separation between State and religious denominations, established in reference to public buildings by Article 28 of Law 1905, does not prohibit the presence of a Christmas crib within a municipal building. The Nativity scene is authorized provided that, in general, this facility does not express any form of religious proselytism or recognition of a cult, but a cultural, artistic or festive event forming part of the celebrations planned for Christmas; if the building in question is the headquarters of a territorial organization or a public service, representation, in order to be authorized, must meet particular requirements, for example, in local historical traditions.

Scarica il testo completo in PDF

Islam e costituzionalismo - di Nicola Fiorita Donatella Loprieno

SOMMARIO: 1. Una breve premessa - 2. La “strategia” del Giudice delle leggi - 3. La strategia del “binario speciale” - 4. La strategia leghista del “razzismo istituzionale” - 5. Il ritorno alle Intese (ovvero la strategia dalemiana) - 6. Le questioni aperte - 6.1. Intesa no, però … - 6.2. Intesa si, però… - 6.3. Quali i possibili contenuti di una Intesa? - 6.4. E in attesa dell’Intesa? - 7. Meno Regioni più Stato, meno cooperazione più partecipazione?

Scarica il testo completo in PDF

Principio pattizio e garanzia dell’eguaglianza tra le confessioni religiose: il punto di vista della Consulta nella sentenza n. 52 del 2016 - di Marco Parisi

Sommario: 1. Introduzione - 2. L’attuazione del principio pattizio tra esigenze politiche del Governo e tutela giurisdizionale dei diritti - 3. Diniego di avvio delle trattative, qualificazione religiosa dei soggetti istanti e uguale libertà: i nodi problematici e le soluzioni.

ABSTRACT: The judgment no. 52/16 of the Constitutional Court has related to a conflict of powers between branches of State, in particular between the Council of Ministers and the Supreme Court, canceling the judgment of the Supreme Court (judgment no. 16305, June 28, 2013) with which it was established the syndicatability to the courts of the government resolution which had been denied to the Union of Atheists and Rationalist Agnostics the opening of negotiations for the signing of the agreement, in accordance with Article 8, third paragraph, of the Constitution. In reaching that conclusion, the Constitutional Court considered necessary some considerations relating to the nature and the meaning that, in our constitutional system, assume the agreement for the regulation of relations between the state and the non-Catholic religious denominations. At the same time, the Judge of the Laws has also been called upon to interpret the first paragraph of Article 8, which, in stating that all religions are equally free before the law, exclude that the State can foster the expansion of a religious group compared to the others.

Scarica il testo completo in PDF

La garanzia dell’«intesa» nell’art. 8 Cost., terzo comma - di Vincenzo Cocozza

SOMMARIO: 1. Alcuni significativi interventi dei Giudici sul procedimento previsto dall'art. 8, terzo comma, Cost. - 2. La sentenza della Corte costituzionale 10 marzo 2016, n. 52 - 3. Le motivazioni a sostegno di differenti conclusioni - 4. Intesa, libertà, eguaglianza fra confessioni.

Scarica il testo completo in PDF

Imu, enti ecclesiastici e aiuti di Stato: riflessioni a margine delle sentenze del Tribunale UE di primo grado, in attesa della decisione della Corte di Giustizia - di Marco Allena

Sommario: 1. Introduzione – 2. Il contesto delle decisioni del Tribunale – 3. Le sentenze del Tribunale UE – 4. Problemi giuridici non risolti a livello interno e prospettive de iure condendo.

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” - Editoriali • Il concorso per medici non obiettori all’IVG e il signor Traps (di Nicola Colaianni) - di Nicola Colaianni

1 - Un concorso “scomodo” quello bandito dall’ospedale “San Camillo” di Roma per l’assunzione di due medici da dedicare specificamente alle prestazioni assistenziali di interruzione volontaria della gravidanza (hinc: IVG) rese in attuazione della legge n. 194 del 1978. Di quelli che suscitano immediate reazioni emotive e ideologiche, ma spesso perciò giuridicamente banali e superficiali, tra favorevoli e contrari. Non è una patologia italiana, beninteso: in America essere pregiudizialmente pro life o pro choise, a prescindere da ogni valutazione di contesto, può determinare l’esito delle elezioni presidenziali. Le conseguenze dell’analoga contrapposizione, emersa dalla gran messe di interventi sulla stampa italiana nei giorni scorsi, sono molto meno preoccupanti ma nondimeno da non trascurare per la tenuta del principio di laicità dello Stato. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Sicurezza nazionale e diritto di libertà religiosa. Alcune considerazioni alla luce della recente esperienza statunitense - di Pasquale Annicchino

Sommario : 1. Introduzione – 2. La sorveglianza di massa alla luce del caso “Snowden” – 3. Il caso del New York Police Department – 4. Primo emendamento costituzionale e nuove tecnologie – 5. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

La Corte Roberts e la questione della “preghiera municipale” - di Adelaide Madera

Sommario : 1. Il paradigma dello Stato secolare e la legislative prayer – 2. Il precedente Marsh v. Chambers – 3. La frammentazione degli orientamenti delle Corti d’Appello – 4. La decisione Town of Greece v. Galloway – 5 . Il coercion test e le sue diverse interpretazioni a opera dei giudici della Corte Suprema – 6. La “ soft dissenting opinion del giudice Elena Kagan – 7. Il parametro della “discriminazione intenzionale” introdotto dal giudice Alito – 8. Le opinions dei giudici Kennedy e Kagan: due approcci alla religious accommodation a confronto – 9. La civil religion nell’accezione statunitense – 10. La legislative prayer al crocevia fra Free Speech Clause ed Establishment Clause – 11. La legislative prayer come forma di private speech ? – 12. La continuità con la giurisprudenza in materia di religious displays – 13 . La paventata contrazione del campo di operatività dell’ Establishment Clause – 14. Annotazioni (provvisoriamente) riepilogative. The Roberts Court and the “municipal prayer” Abstract : In the USA, few topics are more divisive than the government’s use of religious expressions and symbols. The Supreme Court has tried to find a balance between the Establishment Clause of the U.S. Constitution and the inclusion of religious expressions in government activities. In Town of Greece v. Galloway, the Roberts Court upheld a town’s practice of opening board meetings with prayers from invited speakers. The essay critically examines the various opinions in the case, and looks at where this decision suggests the Establishment Clause doctrine is moving award.

The Roberts Court and the “municipal prayer”

ABSTRACT: In the USA, few topics are more divisive than the government’s use of religious expressions and symbols. The Supreme Court has tried to find a balance between the Establishment Clause of the U.S. Constitution and the inclusion of religious expressions in government activities. In Town of Greece v. Galloway, the Roberts Court upheld a town’s practice of opening board meetings with prayers from invited speakers. The essay critically examines the various opinions in the case, and looks at where this decision suggests the Establishment Clause doctrine is moving award.

Scarica il testo completo in PDF

Carta bianca al Governo sulle intese con le confessioni religiose (ma qualcosa non torna) - di Giovanni Di Cosimo

SOMMARIO: 1. Prassi – 2. Intese, eguale libertà, diritto di autorganizzazione – 3. Responsabilità politica – 4. Limiti legislativi e costituzionali – 5. Rapporti politici – 6. Zona franca.

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” - Transizioni • Nel primo anniversario della “Dichiarazione sui diritti delle minoranze religiose nei Paesi a maggioranza musulmana” (g. c.)* - di Giuseppe Casuscelli

Tra pochi giorni sarà trascorso un anno da quel 27 gennaio 2016 in cui 250 eminenti studiosi islamici , riuniti a Marrakech e provenienti da oltre 120 nazioni, hanno sottoscritto una “ Dichiarazione sui diritti delle minoranze religiose nei Paesi a maggioranza musulmana” rivolgendo l’appello a sviluppare una giurisprudenza islamica sul concetto di cittadinanza inclusiva di tutti i gruppi religiosi. L’incontro si era tenuto su invito del Ministero della Promozione e degli Affari Islamici del Regno del Marocco e del Forum per la Promozione della Pace nelle società islamiche , con sede negli Emirati Arabi Uniti. All’evento avevano partecipato cinquanta leader di altre religioni e rappresentanti delle organizzazioni islamiche e internazionali. L’incontro proseguiva lungo il cammino tracciato ad Abu Dhabi nel 2014 con la nascita del Forum for peace , inteso a mostrare al mondo che l’Islam “is a religion of peace and justice”, cui aveva fatto seguito nel 2015 un secondo Forum inteso a ristabilire “ the priorities of Muslim societies by rehabilitating hearts and intellects to a more thorough understanding of the salience of peace in Islam, the shariah, and our tradition”.

Scarica il testo completo in PDF

Pluralismo giuridico e libertà confessionali - di Pasquale Lillo

Sommario : 1. Il fattore religioso nell’art. 2 della Costituzione italiana – 2. Pluralismo partecipativo e principio di bilateralità – 3. Le libertà costituzionali delle confessioni religiose – 4. Le restrizioni dell’art. 2 della Costituzione alle libertà confessionali.

Scarica il testo completo in PDF

Passato e futuro della minoranza musulmana in Italia, tra islamofobia e pluralismo pragmatico-giuridico - di Giancarlo Anello

SOMMARIO: 1. La condizione giuridica dell’Islam italiano, note introduttive - 2. Le “ortoprassi” islamiche nell’area di sovrapposizione col diritto comune - 3. Critica della prospettiva d’intesa unitaria, vista ex partibus infidelium e ipotesi giuridica per una “concertazione diffusa d’intese”.

Past and Future of the Muslim Minority in Italy, between Islamophobia, and Legal (Pragmatist) Pluralism.

ABSTRACT: This article addresses the legal condition of the Muslim minority in Italy, considering the progressive development of the sociological situation of various Muslim communities, approaching to Italy from different Islamic countries (from Morocco to Somalia, from Tunisia to Egypt) in the last 20 years. More in detail, the paper analyzes the current limits in the application of the constitutional norms concerning the agreements of cooperation (called “intese”) and Islam, and proposes an alternative and diffuse system of local agreements more fitting with the Islamic political tradition as well as with the fundamental rights of the faithfuls, in an even more parochial and multifaceted society.

Scarica il testo completo in PDF

L’impatto culturale dell’immigrazione islamica sull’ordinamento giudiziario italiano: alcune riflessioni - di Elena Falletti

Sommario : 1. Introduzione - 2. Libertà di religione ed espressione dell'identità culturale - 3. La costruzione delle moschee - 4. La vestizione del velo - 5. La pratica sommersa delle mutilazioni genitali femminili - 6. Il diritto di famiglia - 7. Il matrimonio - 8. I matrimoni poligamici - 9. I matrimoni forzati - 10. I diritti successori - 11. Ripudio e divorzio - 12. Kafalah e adozione - 13. Conclusioni. La necessaria unitarietà dell'ordinamento giuridico contro la discriminazione. Il caso delle giurisdizioni speciali shariaitiche: un’esperienza da non imitare.

The Cultural Impact of Islamic Mass Immigration on the Italian Legal System

ABSTRACT: Although Italy has been a country with a strong tradition of emigration, only in the last twenty-five years Italians have had to face the social, juridical and cultural problems related to high immigration hosted by this country. The majority of immigrants come from areas with Islamic religious tradition such as Northern and Central Africa and the Middle East. The cultural impact between the Italian Catholic tradition and the newcomers' faith and customs has been very strong, often problematic. The aim of this paper is to investigate the most relevant issues between the cultural and legal aspects of Islamic culture pertaining to immigrants living in Italy with the Italian legal system. The legal areas proposed for the investigation are related to self-determination, personal integrity and family law, especially for analyzing the impact of cultural differences on public policies and social behavior. The methodology used regards a comparative and a multidisciplinary approach.

Scarica il testo completo in PDF

Il dubbio di una “velata” discriminazione: il diritto di indossare l’hijab sul luogo di lavoro privato nei pareri resi dall’Avvocato generale alla Corte di giustizia dell’Unione europea - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. La novità e la rilevanza della questione pregiudiziale relativa all’uso del velo islamico in azienda sollevata davanti alla Corte di giustizia – 2. I termini della vicenda esaminata dalla Cassazione belga – 3. Il rinvio operato dalla pronunzia “gemella” della Cassazione francese – 4. Il profilarsi della questione pregiudiziale in controversie riguardanti lavoratori del settore pubblico – 5. Le conclusioni dell’Avvocato generale nella causa C-157/15: a ) l’approccio “onnicomprensivo” nell’analisi della fattispecie – 6. (segue): b ) discriminazione diretta o indiretta? – 7. (segue): c ) la giustificazione del trattamento differenziato – 8. (segue): d ) la salvaguardia dell’”identità nazionale” degli Stati – 9. Le conclusioni dell’Avvocato generale nella causa C-188/15 – 10. La querelle sulla mise da spiaggia per le donne islamiche (breve divagazione, in attesa della decisione della Corte di giustizia).

The doubt on a “veiled” discrimination: the right to wear an Islamic headscarf at work in the opinions given by the Advocate General to the European Court of Justice

Scarica il testo completo in PDF

Libera scelta del Governo l’avvio di trattative finalizzate alla stipulazione di intesa con confessione religiosa ai sensi dell’art. 8, terzo comma, Cost. - di Marco Canonico

Sommario : 1. Le vicende precedenti - 2. La sentenza della Corte costituzionale 10 marzo 2016 n. 52 - 3. Considerazioni a margine della decisione.

Scarica il testo completo in PDF

Gli enti locali e le limitazioni del diritto alla libertà religiosa: il divieto di indossare il velo integrale - di Giovanni Cavaggion

SOMMARIO: 1. Introduzione: il velo nello Stato multiculturale - 2. La “prima ondata” di ordinanze anti-velo e la sentenza n. 3076 del 2008 del Consiglio di Stato - 3. I casi di compressione legittima del diritto alla libertà religiosa individuati dalla sentenza n. 3076 del 2008 - 4. La “seconda ondata” di ordinanze anti-velo e la proposta di modifica della legge n. 152 del 1975 – 5. La “terza ondata” di provvedimenti anti-velo in seguito agli attentati di Parigi del novembre 2015 - 6. Conclusioni: quale margine per un divieto di indossare il velo integrale nell’ordinamento italiano?

Local government bodies and the compression of freedom of religion: the ban on the face veil.

ABSTRACT: During the last decade several Italian local government bodies (and especially Municipalities) attempted to introduce a general ban on the so called “face veil” ( niqab or burqa ) through secondary law, in the absence of a national comprehensive policy on the matter. The aforementioned attempts were, without fail, found illegal by the Council of State and the Constitutional Court. Nonetheless, following the rekindling of the anti-Islamic sentiment in Europe in the aftermath of the 2015 terrorist attacks in Paris, we are currently witnessing a “new wave” of local regulation trying to impose a ban on the face veil, based on the claim that, in order to answer the exacerbation of the so called “clash of cultures”, a different balancing of the fundamental rights involved is needed. The author challenges the legality of the new local bans, as well as the compatibility of a general ban on the face veil with the Italian constitutional system.

Scarica il testo completo in PDF

La decadenza del “metodo della bilateralità” per mano (involontaria) degli infedeli - di Nicola Colaianni

Sommario : 1. Lo strano caso di una non-confessione religiosa che fa domanda di un’intesa con lo Stato. – 2. L’obbligo, comunque, di avviare le trattative … – 3. … e la semplice facoltà di concluderle – 4. La discrezionalità politica anche nell’avvio delle trattative – 5. Il riequilibrio del rapporto tra legge comune e intese – 6. La causa delle intese – 7. Il diritto comune unilaterale come garanzia dell’eguale libertà – 8. Il “metodo della bilateralità” confinato nell’angolo della produzione giuridica.

Scarica il testo completo in PDF

Le intese tra conferme e ritocchi della Consulta e prospettive per il futuro - di Pierangela Floris

SOMMARIO: 1. Introduzione – 2. Uguale libertà e intese – 3. Il riconoscimento di una confessione tra accertamento in via incidentale e in via principale – 4. L’avvio del procedimento d’intesa e la discrezionalità politica.

Scarica il testo completo in PDF

Il Comitato europeo dei diritti sociali, lo stato di attuazione della legge italiana sulla tutela sociale della maternità e sull’interruzione volontaria della gravidanza e la sostenibilità pubblica dell’obiezione di coscienza - di Fabio Cembriani

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. I diritti sociali in Europa e il Comitato europeo sui diritti sociali (CEDS) - 3. Le decisioni di merito del Comitato europeo dei diritti sociali sull’attuazione nel nostro Paese della legge n. 194 del 1978 - 4. L’obiezione di coscienza e l’interruzione volontaria della gravidanza in Italia - 5. Le strade possibili per dare una sostenibilità pubblica all’obiezione di coscienza - 6. Alcune brevi considerazioni di sintesi.

ABSTRACT : The Author examines the decision of the European Committee of Social Rights (CEDS), which once again condemned Italy had not taken our country, compared to the large number of doctors objectors, no organizational measures to ensure the reproductive rights of women and the right to work of non-objectors. He thus addresses the issue of social rights in Europe and the role of guarantor of the CEDS to focus eventually on conscientious objection, which considers a fundamental right, which must, however, know how to give, not interfere collectability of other rights. Moreover, it indicates, finally, what are the possible ways to give concrete and practical sustainability of conscientious objection.

Scarica il testo completo in PDF

La Corte costituzionale torna protagonista dei processi di transizione della politica ecclesiastica italiana? - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. Due sentenze che rompono un silenzio durato un decennio – 2. La portata del principio affermato dalla sentenza n. 52 del 2016: dal riconoscimento del “diritto a negoziare” l’intesa alla (ribadita) insindacabilità dell’atto di avvio delle trattative – 3. Le ragioni poste a base della decisione della Corte – 4. La libertà di culto di fronte alla rinnovata attenzione per le esigenze di “sicurezza” della collettività nella sentenza 63 del 2016 – 5. “Eguale libertà” vs “libertà diversamente graduata” – 6. I riflessi della pronunzia n. 52 del 2016 sul problema della qualificazione del gruppo come “confessione religiosa” – 7. Le oscillazioni della Corte in tema di “laicità” e le criticità emergenti del diritto ecclesiastico italiano.

The Constitutional Court once again the leading character of the transition processes of the Italian ecclesiastical politics?

ABSTRACT: The present essay analyses the impact of the 2016 Constitutional Court judgements n. 52 and n. 63 on the very “identity”of Italian Ecclesiastical Law, which is characterized by the principles of secularism, equal freedom of religious denominations and by a system of agreements aimed at regulating the specifities of the different religious groups. According to the Author, because of the inactivity of the Legislator, the Constitutional Court is compelled to play a substitute role in searching a satisfactory balance between all these elements and the very settlement of some basic trends in Ecclesiastical Law, as such a subject has to face increasingly new challenges and emerging problems in the management of the religious factor.

Scarica il testo completo in PDF

Interpretazione assiologica, principio di bilateralità pattizia e (in)eguale libertà di accedere alle intese ex art. 8, terzo comma, Cost. - di Jlia Pasquali Cerioli

SOMMARIO: 1. La sentenza n. 52 del 2016 della Corte costituzionale – 2. La portata assiologica (e non meramente procedimentale) del principio di bilateralità pattizia – 3. Valenza assiologica e profili attuativi nell’esercizio della bilateralità pattizia – 4. L’isolamento della dinamica bilaterale dalla promozione di un effettivo pluralismo confessionale – 5. Brevi annotazioni finali- 6. Appendice.

Scarica il testo completo in PDF

L’insegnamento religioso nella scuola pubblica italiana: una tradizione da rinnovare - di Paolo Cavana

SOMMARIO. – 1. L’insegnamento religioso nella scuola pubblica italiana: un elemento di continuità nell’evoluzione storica – 2. Insegnamento religioso e modelli di scuola pubblica – 3. L’attuale disciplina dell’insegnamento religioso nella scuola pubblica italiana - 4. Lo stato giuridico dei docenti di religione - 5. La normativa delle Intese - 6. Le sfide attuali, tra motivi di continuità ed esigenze di rinnovamento – 7. Prospettive di riforma e spunti ricostruttivi – 8. La proposta di un insegnamento aconfessionale di religione - 9. Due piccole proposte: l’“education about religion” e il superamento dello “stato di non obbligo” – 10. Osservazioni conclusive.

Religious education in State schools in Italy: a national heritage to innovate

ABSTRACT: This paper examines, in the context of the country’s increasing religious diversity and the growing presence of religion in the public sphere, the regulation of religious education in public and State schools according to the Italian system of law. The latter actually provides an opt-in state-funded Catholic religious education together with the possibility of organizing optional religious education for all recognised denominations holding an agreement with the State. After some preliminary remarks on the origins and current contents of this legal framework, which reflects a difference of treatment among religions due to the cultural and historical background of the country, the paper focuses on some reform schemes that have been recently put forward. In particular, it examines in some detail the one concerning the introduction of a compulsory non-denominational course on religions, taking into consideration the pros and cons of each one. In the end it makes some conclusive remarks on the line of decisions of Italian courts on the issue and the impact of religious education as a whole upon the state schools’ system in Italy.

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” - Transizioni • Adozione in casi particolari, coppie omogenitoriali, “preminente interesse del minore”: l’interpretazione del giudice della legittimità (di g. c.) - di Giuseppe Casuscelli

Il giudice della legittimità, svolgendo il suo normale, doveroso compito ermeneutico nell’esame delle fonti normative, ha circoscritto, con la sentenza che di seguito si riporta per esteso, “l’ampia latitudine” del contenuto normativo che è possibile attribuire alla disposizione, dettata dall’art. 44, comma 1, lett. d ), della legge n. 184 del 1983, sulla “constatata impossibilità di affidamento preadottivo”. A chi potrà ritenere che la decisione sia frutto di un’indebita supplenza in una materia affidata alla discrezionalità del Parlamento si dovrà replicare che spetta al giudice, e alla Corte di Cassazione in particolare, osservare sia il canone della totalità ermeneutica sia il divieto di denegare giustizia ( non liquet ), per concorrere all’attuazione del valore costituzionale dell’uniforme applicazione della legge, Un impegno, questo, tanto più doveroso e vincolante qualora il legislatore si sottragga di proposito al compito di dettare discipline per l’adeguata tutela degli interessi emersi nella società e consolidatisi nel tempo. Discipline che siano al passo con l’evoluzione dell’ordinamento democratico; che sviluppino i principi costituzionali di tutela delle formazioni sociali, di uguaglianza, di solidarietà, ecc.; che assistano e promuovano tutte le situazioni giuridiche soggettive implicate dalla mala sorte di appartenere alla categoria dei diritti “inattuati”.

Scarica il testo completo in PDF

Prospettive di un’intesa con le comunità islamiche in Italia - di Paolo Cavana

Sommario : 1. Premessa - 2. L’Islam in Italia: una confessione religiosa non riconosciuta. - 3. La preliminare questione dei diritti - 4. Islam e questione immigratoria - 5. Natura delle comunità islamiche e laicità dello Stato - 6. Alcuni problemi sui contenuti di un’eventuale intesa - 7. Il pericolo di fughe in avanti - 8. Ostacoli da superare. Il problema dei luoghi di culto - 9. Una piccola proposta: le associazioni con finalità (o oggetto) mista - 10. La questione della rappresentatività. La proposta di una consulta dell’Islam italiano - 11. Il dialogo e la collaborazione a livello locale - 12. Osservazioni conclusive.

Muslim Organisations in Italy: perspectives on an Agreement with the State

ABSTRACT: This paper examines the legal framework of Muslim communities in Italy in order to check the requirements needed to reach an agreement with the State, as envisaged by the Italian Constitution for denominations other than Catholicism, whose relations with the State “are regulated by law, based on agreements with their respective representatives” (Art. 8, co. 3, Const.). Nowadays the problem is a key issue in current political debates both in Italy and in most European countries. This type of agreement could not only promote the social and cultural integration of Muslim communities into society, but also help isolate Islamic terrorists and their supporters in immigrate communities and fight them better. Given that in Italy Muslim communities and their members, including foreign ones, already enjoy all the civil and social rights that are granted by the Constitution to citizens and social groups, the analysis maintains that reaching such an agreement would be for the moment premature, on the basis of a number of reasons. Among these are the following: the deep divisions existing both within and among these communities, due to different ethnic and religious origins and settlement periods in Italy; the difficulty on behalf of the State to identify a reliable negotiating partner (or more than one) who really represents such communities and does not depend from foreign States. Last but not least the very nature of such an agreement appears to be questionable. In fact, on one hand it would bring relevant advantages and public funding but on the other it would also need an unconditional acceptance of human rights and of the fundamental principles of the Italian law system - among which the equality between men and women and State secularism - which still has to be fully acknowledged within these communities.

Scarica il testo completo in PDF

La libertà religiosa tra ascesa e crisi dei diritti umani - di Carlo Cardia

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Il cammino verso la laicità dello Stato – 3. La rivoluzione della laicità, i totalitarismi, la terra promessa dei diritti umani – 4. Le nuove sfide. il secolarismo senza etica – 5. Altri segni di regresso: antisemitismo, guerra ai simboli religiosi – 6. Il mischiarsi della storia, il confondersi di religioni, popoli, culture – 7. La bestemmia della violenza religiosa.

Scarica il testo completo in PDF

Un passo indietro sul fronte dei diritti di libertà e di eguaglianza in materia religiosa [?] - di Sergio Lariccia

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. La corte ritiene ammissibile l’intervento, nel giudizio costituzionale, dell’associazione privata degli atei e degli agnostici razionalisti. Funzione e importanza dei gruppi sociali organizzati per l’affermazione dei diritti verso e contro le religioni – 3. L’uaar può essere considerata una confessione religiosa? – 4. Non è ammesso un controllo giurisdizionale sulle decisioni del consiglio dei ministri riguardanti l’avvio delle trattative per la stipulazione di eventuali intese tra una confessione religiosa e lo Stato. Ma “ci sarà pure un giudice a Berlino!” – 5. Potere politico, potere amministrativo e potere giurisdizionale in tema di diritti dei gruppi religiosi in Italia – 6. Ragioni della politica e ragioni del diritto: una scelta metodologica . Dubbi, nella fattispecie, sul ruolo del parlamento come organo di garanzia che esercita il controllo sul governo – 7. 2 aprile 1966: il ricordo di una giornata particolare di cinquant’anni fa.

Scarica il testo completo in PDF

La tutela della libertà religiosa nelle carceri - di Sara Igina Capasso

SOMMARIO: 1. L'assistenza spirituale negli istituti di detenzione – 2. Segue: ministri di culto, simbolismo religioso e testi sacri – 3. Il diritto a un’alimentazione “religiosamente orientata” – 4. Uno sguardo all’Europa – 5. Brevi conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Nuovi modelli familiari. Considerazioni in ordine a Consiglio di Stato n. 4899 del 2015 sulla trascrivibilità del matrimonio omosessuale - di Simona Attollino

SOMMARIO: 1. Primi argomenti sulle unioni same-sex - 2. Lo stato dell’arte nazionale ed europeo fino alla pronuncia dei Giudici amministrativi - 3. La sentenza del Consiglio di Stato n. 4899 del 2015. Il fatto - 4. Il sistema regolatorio di riferimento e il riferimento all’ordine naturale - 5. Matrimonio omosex e ufficiale dello stato civile: il rapporto di supremazia gerarchica - 6. “L’infrangibile ostacolo dell’articolo 29 della Costituzione” - 7. Conclusioni e prospettive.

ABSTRACT: This article analyses the debate concerning the legal status of same-sex unions, also considering what the Italian State Council has affirmed in relation to the possibility of recognising a same-sax couples (who have got married abroad) in Italy. In this respect, the author investigates the national and European jurisprudence, which has in fact influenced the decision of administrative Courts, including that of the said State Council. The attention is particularly focused on the most interesting passages of the State Council’s judgment, from both the legal point of view and the methodological approach.

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” - Editoriali • Le unioni civili e il “passo del gambero” del Presidente della CEI (di g. c.) - di Giuseppe Casuscelli

Fare “il passo del gambero” è un detto che può avere un significato alto, di cui è un esempio il libro (dal medesimo titolo) di Günter Grass, autore che va “diritto al cuore delle cose, procedendo … di sghembo attraverso la storia, fra passato e presente” per potere guardare al futuro con la consapevolezza delle vicende vissute da ogni popolo, da ogni persona con fatica, errori, dolore. Ha poi un significato meno nobile, diffuso al punto d’essere assurto a luogo comune, che richiama l'agire di quanti, nell’affrontare le scelte richieste dalla vita, collettive o personali che siano, usino fare (figurativamente) un passo avanti per farne poi alcuni all’indietro. Ora, la vicenda delle unioni civili – e in particolare il tema dell’adozione del figlio del compagno nella coppia di persone dello stesso sesso – avrebbe consentito alla Chiesa italiana di parlare ai fedeli e all’intero paese prescegliendo l’uno o l’altro dei significati . (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Diritti degli individui e diritti delle coppie in materia familiare - di Sergio Lariccia

SOMMARIO: 1. La nozione del matrimonio come coniunctio maris et foeminae e i diritti di ogni individuo di essere se stesso e di vivere e di morire, senza ingiustificate pressioni ed oppressioni da parte dei poteri politico e religioso - 2. Sentimenti, culture e tradizioni in tema di diritto di famiglia - 3. Diritti che piacciono e diritti che non piacciono - 4. I diritti degli individui e delle coppie omosessuali come diritti da prendere sul serio.

Scarica il testo completo in PDF

La legge regionale lombarda e la libertà di religione: storia di un culto (non) ammesso e di uno (non?) ammissibile - di Francesca Oliosi

Sommario : 1. Il sonno della Costituzione genera mostri. Una piccola premessa - 2. Libertà religiosa e luoghi di culto nelle fonti: dalla Costituzione al mosaico regionale, un bipolarismo imperfetto - 3. Il tassello lombardo: perseveranza o amnesia del legislatore? Il contesto: risultanze di una ricerca sul campo - 4. La legge n. 12 del 2005 della Regione Lombardia: il problema, aggirato ma non risolto, della destinazione d'uso degli edifici - 5. La nuova legge regionale: profili di palese incostituzionalità – 6. Le confessioni religiose (non) sono egualmente libere davanti alla legge: art. 1, comma 1°, lettera a), l.r. n. 2 del 2015 – 7. La “supercompetenza” lombarda: art. 1 comma 1°, lettera b), della l.r. n. 2 del 2015 - 8 . La derubricazione del diritto di libertà religiosa a interesse legittimo: dall'obbligo alla facoltà dei Comuni secondo l’art. 1, comma 1°, lett. c), della l.r. n. 2 del 2015 - 9. Quando la “sicurezza” vince sulla “libertà”: ancora sull'art. 1, comma 1°, lett. c) - 10. Il nuovo tempio di Scientology a Milano: l’imponente luogo di culto per going clear - 11. Per non concludere: uno spettro si aggira per l’Europa.

Scarica il testo completo in PDF

A chiare lettere: Transizioni • L’otto per mille nella nuova relazione della Corte dei Conti: spunti per una riforma (di g.c.) - di Giuseppe Casuscelli

La Corte dei Conti - organo neutrale, autonomo e indipendente sia dal Governo sia dal Parlamento, con il compito istituzionale di sottoporre a controllo la gestione delle risorse pubbliche allo scopo di “perseguire l’utilizzo appropriato ed efficace dei fondi pubblici, la ricerca di una gestione finanziaria rigorosa, la regolarità dell’azione amministrativa e l’informazione dei poteri pubblici e della popolazione tramite la pubblicazione di relazioni obiettive” -, per la seconda volta ha reso pubblica, di agevole accesso e di piana comprensione la «Relazione concernente la “ Destinazione e gestione dell'8 per mille: le misure consequenziali finalizzate alla rimozione delle disfunzioni rilevate ”» . Così facendo, la Corte ha osservato in concreto la regola dell’efficienza e della trasparenza amministrativa, e ha proseguito nell'intento informativo avviato con la pubblicazione della relazione dello scorso anno, confermandolo e rafforzandolo ... (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Il giusto processo di delibazione e le “nuove” sentenze ecclesiastiche di nullità matrimoniale - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: La riforma del processo canonico per le nullità matrimoniali – 2. Il matrimonio tra Codex e Concilio: stop and go sulla rilevanza della fede – 3. Le presunzioni legali in tempo di secolarizzazione – 4. I rimedi contro il fallimento del matrimonio – 5. La via stretta del riconoscimento dello stato libero causato dal divorzio civile – 6. La via larga della dichiarazione di nullità – 7. Il processus brevior come volontaria giurisdizione – 8. I riflessi sul procedimento di delibazione – 9. Nuove dimensioni del diritto di difesa e dell’ordine pubblico – 10. Prospettive del giusto processo di delibazione.

ABSTRACT: Pope Francis recently enacted a new trial according to abbreviated proceedings on the subject of the nullity of marriage cases. Yet this overhaul raises a variety of questions about the possibility of continuing to give civil force to judgements of new kind under the Concordat between the Holy See and Italy. Indeed they seem a sort of proceedings of voluntary jurisdiction, roughly alike e.g. to dispensation from valid but non consummated marriage. This paper analyses this new canonic law by the same standards as the ECHR and the Italian Constitution and emphasizes its criticalities in order to guarantee the right to a fair trial from the point of view of the right to act and resist in the proceedings.

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” – Editoriali • Una Prefazione nel contesto del 13 novembre (di Nicola Colaianni) - di Nicola Colaianni

Come regolarsi verso le minoranze, ordinarsi coesi nelle società multiculturali e multireligiose dei giorni nostri? Domanda angosciosa e drammatica al cospetto dell’orrenda strage di Parigi, che ho negli occhi mentre scrivo. Come gli altri di cui continua la scia sanguinosa, da Charlie Hebdo fino all’11 settembre di New York, quest’ultimo atto terroristico mira a distruggere i valori fondamentali delle nostre società: la dignità della vita, la libertà, la solidarietà, la pace. Guerra, infatti, è la parola che si sente risuonare. “Siamo in guerra”, s’ode da ogni angolo dell’Occidente. “Guerra!”, allora, dev’essere la risposta, innanzitutto nei territori dominati dalle organizzazioni terroristiche: come se dopo la seconda guerra mondiale con la Carta delle Nazioni Unite non avessimo attributo al Consiglio di sicurezza l’azione di polizia internazionale proprio per evitare il “flagello della guerra”. E un atteggiamento bellico anche sul piano interno: tolleranza zero, chiusura dei confini, legislazione dell’emergenza e misure estreme di polizia nei nostri paesi, dove attraverso le comunità d'immigrati, magari ormai di seconda o terza generazione, s'infiltrano i terroristi. La casa brucia: e allora basta con l’accoglienza e il diritto promozionale delle minoranze! (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Conscientious Objection and the Treaty with the Holy See and other registered Churches - di David Durisotto


I would like to focus on two connected points on the legal framework for conscientious objection. First, the peculiarity which concerns the effective exercise of that right, and second, the particular instrument regulating the relations between churches and State, concerning the system of agreements with the various denominations present in the State.
1 - Religious objection can lead to a refusal to comply with obligations imposed by State laws, which are deemed conflicting with higher
imperatives that the objector cannot waive. Such refusal may be based on religious grounds, but also ethical or ideological. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Non solo per gioco: la religione nell’ordinamento sportivo - di Nicola Fiorita

SOMMARIO: 1. Considerazioni introduttive - 2. Dalla neutralità alla pluralità: come cambiano le regole del gioco - 3. Divisa da gioco, abbigliamento e simboli religiosi - 4. Il digiuno - 5. L’autonomia contrattuale - 6. Come un time-out: qualche indicazione provvisoria.

Scarica il testo completo in PDF

Introduzione a “Cibo, diritto e religione in una prospettiva comparata” - di Salvatore Berlingò

Il contesto in cui si svolge il nostro Convegno ("Le Università per EXPO 2015") m'induce nella tentazione di introdurre il dibattito con un interrogativo provocatorio e, forse, in qualche modo impertinente: Una dieta mediterranea per la mensa delle religioni e delle credenze?" (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Risorse economiche pubbliche e Chiesa cattolica: due nodi al vaglio dei giudici - di Giovanni Di Cosimo

SOMMARIO: 1. Limiti – 2. Finanziamento diretto – 3. Finanziamento indiretto - 3.1 Esenzioni – 3.2 Interpretazioni – 3.3 Quote – 3.4 Rimborsi – 3.5 Contributi - 4. Finanziamento apparente – 5. Due nodi.

Scarica il testo completo in PDF

Quando è l’abito a fare il lavoratore. La questione del velo islamico, tra libertà di manifestazione della religione ed esigenze dell’impresa - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. Simboli religiosi e competenze dell’Unione europea – 2. Il divieto di discriminazione del lavoratore e l’ammissibilità di regimi derogatori – 3. La problematica delimitazione della portata dell’art. 4, par. 1, della direttiva 2000/78/CE – 4. Il rinvio pregiudiziale davanti alla Corte di giustizia della questione del velo islamico – 5. ( segue ) I dubbi sull’eccessiva concretezza del quesito – 6. Gli orientamenti della giurisprudenza francese – 7. La libertà religiosa nell’impresa privata e le deroghe al diritto antidiscriminatorio: tre notazioni generali – 8. ( segue ) Il problema della rilevanza del requisito professionale “negativo” – 9. ( segue ) Gli spazi di operatività della discriminazione indiretta – 10. Divieto di discriminazione ed esigenze dell’impresa. Una conclusione provvisoria in attesa della pronunzia della Corte di giustizia.

ABSTRACT: An employer refusing to hire an applicant (or discharging an employee) wearing an Islamic headscarf, because of the individual’s religious practice, could be seen as a case of discrimination based on religion and therefore contrary to Council Directive 78/2000/EC of 27 November 2000, establishing a general framework for equal treatment in employment and occupation . However, Article 4(1) of this Directive provides that a difference in treatment based on a characteristic related to the listed grounds of discrimination may not be discriminatory if a particular religion or belief is a genuine occupational requirements for the post. The article examines the question referred at the Court of Justice of the European Union from the Cour de cassation (France) on 24 April 2015: “Must Article 4(1) … be interpreted as meaning that the wish of a customer of an information technology consulting company no longer to have the information technology services of that company provided by an employee, a design engineer, wearing an Islamic headscarf, is a genuine and determining occupational requirement, by reason of the nature of the particular occupational activities concerned or of the context in which they are carried out?”

Scarica il testo completo in PDF

Les droits de la femme dans la jurisprudence de la Cour Constitutionnelle égyptienne après les “Printemps Arabes” - di Roberta Cupertino

SOMMAIRE: 1. Préface - 2. Religion et État dans la ʺ théocratie constitutionnelle ʺ égyptienne – 3. La jurisprudence constitutionnelle entre l’article 2 et l’affirmation des droits des femmes – 4. La Cour constitutionnelle égyptienne en tant que garante de la primauté du droit et des principes de la charia.

ABSTRACT: This work addresses the issue of women's rights in Islamic society. Particularly, attention is focused on a legal system, the Egyptian, who is heavily innervated by the principles of Islamic law. On the relationship between the principles of the Sharia and Women's Rights has repeatedly ruled the Constitutional Court that, with its peculiar interpretative reasoning on scriptural texts, has enabled the survival of the rules protecting women in the legal system of the State .

Scarica il testo completo in PDF

“A CHIARE LETTERE” - TRANSIZIONI * Obewrgfell v. Hodges: il diritto al matrimonio tra persone dello stesso sesso nella pronuncia della Corte Suprema degli Stati Uniti - di Giuseppe Casuscelli

Il passaggio da “l’età dei diritti” alla “età del nuovi diritti” ha ricevuto forza propulsiva da “il riconoscimento della dignità della singola persona umana come centro dell’ordine sociale”. L’apertura delle frontiere nazionali, il fenomeno della globalizzazione dei mercati, i cambiamenti dei costumi, per non dire d’altro, hanno indotto ad aggiungere l’aggettivo “nuovo” a molteplici forme di tutela degli interessi emergenti, divenuti col passare del tempo giuridicamente rilevanti: nuovi contratti, nuove forme proprietarie, nuove strutture associative, nuovi delitti, nuove pene, nuove economie, nuovi strumenti finanziari, etc., etc. Il riconoscimento giuridico delle innovazioni che si affermano nella società avviene con maggiori resistenze, invece, in materia di matrimonio e di famiglia, negli Stati-membri dell’UE e specie nel nostro Paese.

Scarica il testo completo in PDF

Le osservazioni di Slavoj Žižek sulla condizione femminile nel diritto islamico - di Domenico Bilotti

SOMMARIO: 1. Il divieto del velo islamico come “proibizione delle proibizioni”. Elementi parzialmente convalidabili nell’interpretazione giuridica – 2. Agar e Khadīja. Due espressioni fondative non strettamente equiparabili – 3. La condizione femminile come criterio guida nell’interpretazione delle diverse consuetudini islamiche – 4. I possibili riflessi della questione di genere sulla comunità politica. Critiche alle impostazioni fondamentalistiche.

Slavoj Žižek’s reliefs about female conditions in Islamic legal systems

ABSTRACT: This essay tries to analyze a recent Slavoj Žižek’s pamphlet about Islamic law and culture. The Slovenian philosopher intentionally uses an ironical and sardonic style, mixing elements from sociology, literature and psychology. His thoughts still seem not always agreeable, but Slavoj Žižek’s perspective can share some points helpful and useful for a first look at Islamic minorities in Western societies. pdf

Scarica il testo completo in PDF

I ministri di culto delle confessioni religiose di minoranza: problematiche attuali - di Matteo Carnì

SOMMARIO : 1. I ministri di culto nell’ordinamento giuridico italiano - 2. I ministri di culto delle confessioni religiose dotate di intesa - 2.1. (segue) L’individuazione dei ministri di culto - 2.2. (segue) L’assistenza spirituale nelle strutture segreganti - 2.3. (segue) Il matrimonio celebrato dai ministri di culto - 2.4 (segue) Problematiche attinenti ai ministri di culto buddhisti – 3. I ministri di culto delle confessioni prive di intesa - 3.1. (segue) In attesa della legge di approvazione: i ministri di culto della Congregazione cristiana dei Testimoni di Geova - 3.2. (segue) Islam e ministri di culto - 4. Osservazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

La nuova legge regionale lombarda sull’edilizia di culto: di male in peggio - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. Alla Corte! – 2. L’orientamento di politica ecclesiastica della Regione Lombardia nella più recente legislazione - 3. Un caso di abuso dell’autonomia regionale – 4. Le disposizioni della legge n. 20 del 1992 in materia di edifici di culto e il vaglio della Corte costituzionale - 5. Il fattore religioso nello Statuto regionale lombardo del 2008 - 6. Le molteplici violazioni della Carta costituzionale - 7. La necessità di sospendere la legge regionale.

Scarica il testo completo in PDF

Valori religiosi vs. valori laici nel diritto di famiglia (rileggendo il saggio di Walter Bigiavi su “Ateismo e affidamento della prole”) - di Antonio Fuccillo

SOMMARIO: 1. Ateismo del genitore e affidamento della prole nel dibattito giuridico di inizio anni ’50 – 2. Religione e diritto: la contemporaneità delle riflessioni di allora – 3. Procedimento educativo dei minori e cultura religiosa – 4. La determinazione dell’interesse del minore nella recente prassi giurisprudenziale – 5. L’attualità di un dibattito antico.

Scarica il testo completo in PDF

La igualdad religiosa y la mujer en las iglesias cristianas: su incorporación jurídica a las órdenes sagradas - di Gloria M. Morán García

ABSTRACT: This article is focused on the review of religious equality and the role of women in some Christian churches since the 70´s. The author examines the incorporation of women into the Holy Orders, priesthood and episcopate, and the challenges and crisis faced by those churches, mostly the Episcopalian, the Anglican and the Lutheran. In some cases such incorporation of women into priesthood and episcopate has provoked conflicts and even schisms in the most conservative communities, like in some branches of the Anglican Church. This article also explores the official position of the Catholic Church authorities, mainly Pope Paul VI, Pope John Paul II, Pope Benedict XVI, and Congregation for the Doctrine of the Faith, and their documents issued on this matter. At the same time it analyzes the Canon Law legislation restricting to baptized males alone the valid sacred ordination, and its consequences. Specifically the canonical crime of attempted ordination of a woman to Holy Orders, which was introduced by the General Decree promulgated by the Congregation for the Doctrine of the Faith on 19 December 2007. Pope Benedict XVI decided to include this canonical offense, among the delicta graviora reserved to the competence of the Congregation. Finally the author suggests feasible perspectives and possibilities during the present Papacy of Francis regarding to the access of women to the permanent diaconate.

Scarica il testo completo in PDF

L’8 per mille e il suo “inventore” - di Valerio Tozzi

Ci voleva l’intelligenza e la sagacia di Silvio Ferrari per godere un incontro stimolante come quello del 24 febbraio, organizzato presso la casa editrice il Mulino a Bologna dai Quaderni di Diritto e Politica Ecclesiastica. Il tema era “l’8 per mille”, di cui al fatidico art. 47, comma 2° e seguenti, del secondo accordo di revisione concordataria del 15 novembre 1984 (legge n. 222 del 1985). Dopo trent'anni di vigenza di quell’istituto, Ferrari ha invitato a discuterne chi ne è considerato l’inventore (ma lui, modestamente, si dichiara semplice co-artefice, chiamando in causa gli altri Plenipotenziari governativi della Commissione paritetica incaricata della revisione concordataria). Il professor Tremonti ha accettato, ed è venuto a discuterne in un consesso accademico e culturale, ma non propriamente di carattere politico. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Discriminazione e propaganda religiosa nel diritto calcistico - di Maria Cristina Ivaldi

SOMMARIO: 1. Cenni introduttivi a proposito degli ordinamenti sportivi – 2. La rilevanza del fattore religioso nel diritto sportivo – 3. La FIFA tra divieto di discriminazione e assenza di ulteriori norme specifiche di rilevanza religiosa – 4. La neutralità UEFA. La previsione congiunta dei divieti di discriminazione e propaganda anche religiosa – 5. La FIGC e le statuizioni nella materia de qua . La punizione della blasfemia – 6. Conclusioni interlocutorie. La regola 4 delle Laws of the Game tra divieto di propaganda e permesso di indosso di copricapi religiosi.

Discrimination and religious propaganda in football law

ABSTRACT : After a brief review over sport legal system, the paper deals with the relationship between religion and sport, in a juridical perspective. First in general and then with regards of football at international, supranational and national level (FIFA; UEFA and FIGC), focusing on the ban of religious discrimination and the most recently interdiction of religious propaganda. Before concluding with some regards on the almost changed rules 4 of the “Laws of the Game” – that concurrently on the one hand allows head covers (hijab and turban) and on the other prohibits to reveal undergarments that show also religious slogans, statements or images, or advertising other than the manufacturer logo – the essay focuses on the peculiarity FIGC prescription to punish the use of blasphemy since 2010.

Scarica il testo completo in PDF

Costituzione e fenomeno religioso - di Sergio Lariccia

SOMMARIO: Premessa - 1. I primi anni dell’Italia democratica - 2. La costituzione italiana del 1948. Attuazione/inattuazione della carta costituzionale - 3. Poteri e libertà della chiesa cattolica in Italia: dal riconoscimento dei poteri alla garanzia delle libertà. Principio di relatività delle valutazioni giuridiche. Indipendenza e sovranità dello stato nell’ordine civile - 4. La revisione concordataria del 1984 – 5. Potere civile e potere religioso nel secolo XXI. Il perseguimento dell’obiettivo di una più compiuta democrazia negli ordinamenti statali. Per il superamento del concordato in Italia - 6. Una proposta di revisione della costituzione.

ABSTRACT: The Author evaluates the consequences resulting from the confirmation, at the assembly of 1946-7, of the intangibility of the Lateran Pacts of 1929; specifies the reasons that, after the constitution of 1948 came into effects, have caused the failure of the reform of the legislation concerning the relations between the state and religious confessions; proposes the approval of a law of constitutional revision composed of four articles.

Scarica il testo completo in PDF

Tre scritti su laicità, pluralismo, sentimento religioso - di Piero Bellini

1 - Tutti più o meno conveniamo nel riporre le radici più profonde del lai­cismo liberale nell’«anti-dogmatismo» che gli è consustanziale. Risulta – l’«idea di laicità» – dalla attitudine critica (e polemica) della fi­losofia razionalistica [quella del «Secolo dei Lumi»] verso qualunque asseverazione categorica che intenda riferire ai «sommi valori dello spirito» –  o all’«intima essenza delle cose» – o questo o quel «giudizio di certezza». Impugnano – invero – i Philosophes la perentorietà assiomatica delle grandi Confessioni storiche. Con­testano la presunzione di coloro che se ne sentono partecipi: di poter rifarsi a «verità assolute» [«oggettive», «universali»] del tutto indubitabili. Con l’incentrare la propria riflessione sul principio della «soggettività della coscienza» e del «sapere», i Philosophes vogliono invece risvegliare una reazione della umana in­telligenza avverso la categoricità di tali assiomi: i quali [per il loro medesimo accamparsi siccome «non controvertibili»] tolgono spazio alla creatività libera e piena che – per diritto nativo – s’appartiene alla inventiva vigile degli uomini. (continua)

Scarica il testo completo in PDF