Rivista telematica (www.statoechiese.it)
Online dal gennaio 2007
Menu

Articoli in Tutela penale e fattore religioso

La controvertida prohibición de la blasfemia en la Constitución de la República de Irlanda - di José Ramón Polo Sabau

SUMARIO: 1. Introducción - 2. La prohibición de la blasfemia en el marco de una Constitución de clara inspiración católica - 3. El cuestionamiento de una norma de tan dudoso encaje en el sistema constitucional de derechos y libertades - 3.1. Las críticas en general al régimen constitucional de las confesiones religiosas - 3.2. La controversia específica en torno a la prohibición de la blasfemia en la Constitución irlandesa - 4. Algunas conclusiones y una razonable expectativa.

The controversial offence of blasphemy in the Irish Constitution

ABSTRACT: As recently as June 2018 the Irish Government has approved a referendum to remove the offence of blasphemy from the Constitution; the referendum will be held in October this year. This paper briefly examines the historical and legal backgrounds of this controversial prohibition that survived the 1972 reform of the constitutional provisions in the field of Church and State that, among other aspects, conferred a special position to the Catholic Church, and it does so in order to underline the importance and the potential consequences of the proposed reform in case of an affirmative vote in the upcoming referendum. For this analysis the author gives prior consideration to the fundamental meaning and scope of the constitutional provisions currently in force in the area of Law and Religion and, once this framework is summarized, the paper turns to reflect primarily on the legal and judicial developments that have taken place in the last decades relating the offence of blasphemy in Irish Law.

Scarica il testo completo in PDF

Ultimissime dalla giurisprudenza in materia di reati culturalmente motivati - di Fabio Basile

SOMMARIO 1. Considerazioni introduttive - 2. La definizione dottrinale di “reato culturalmente motivato”, e le sue “sotto-categorie” prasseologiche - 3. La giurisprudenza relativa a reati a elevata offensività - 4. La giurisprudenza relativa a reati a bassa offensività - 5. La sentenza Cass. n. 29613 del 2018. - 6. Verso un test culturale come architrave motivazionale? - 7. Considerazioni finali.

Latest News from Jurisprudence on Culturally Motivated Crimes

ABSTRACT:  The author, after having clarified the notion of culturally motivated crime consolidated in doctrine, analyzes the recent Italian jurisprudence on the topic, representing the general coordinates provided by the Court of Cassation to the interpreter in the presence of this type of crimes.

Scarica il testo completo in PDF

Le mutilazioni genitali femminili come reato di genere? Un’analisi delle norme europee alla luce del concetto di violenza - di Lucia Bellucci

SOMMARIO: 1. Introduzione – 2. Le mutilazioni genitali femminili come atto di violenza nelle norme e nei documenti europei degli anni 2000 – 3. Escissione e abuso/brutalità/violenza: binomi appropriati e inevitabili? – 4. L’escissione, il dolore e la sua reinterpretazione – 5. Il rapporto dell’escissione con la comunità, la famiglia e il matrimonio – 6. La Convenzione di Istanbul, le norme francesi e i rischi per la libertà religiosa – 7. Considerazioni conclusive.

Female Genital Mutilation as a Gender-Based Crime? (An Analysis of the European Norms in Light of the Concepts of Violence and Religious Freedom)

ABSTRACT: Female genital mutilations (FGM) are ancient practices, which are widespread in several geographical areas, and particularly in Africa. The conflict between customary norms and state legal systems, which arises because FGM violate fundamental rights like the right to physical integrity, health, and non-discrimination based on gender/ethnicity/culture, discloses the dialectic between two normative universes; these universes are conceptually distant with regard to the priority given to the individual and the group. Focusing on the reasons related to female genital cutting (FGC), which consists of the ablation, to differing degrees, of female genital organs, this article, argues that the link that European norms establish between FGM and violence, abuse or brutality comes into conflict with the reasons why migrants perpetuate FGC. Therefore, the way gender is mainstreamed into European norms on FGM can have negative effects, which concern courts’ implementation of these norms and migrants’ social inclusion. Furthermore, this article claims that focusing on health instead of gender equality may prove more effective for the eradication of FGM. Through an analysis of French law, it also suggests that the way the national law is adapted to conform to the Istanbul Convention, may represent a danger to religious freedom.

Scarica il testo completo in PDF

L’accesso dei ministri di culto islamici negli istituti di detenzione, tra antichi problemi e prospettive di riforma. L’esperienza del Protocollo tra Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria e UCOII - di Silvia Angeletti

SOMMARIO: 1. L’Islam tra le mura del carcere: le ragioni di un intervento, gli obiettivi del Protocollo - 2. Uno spiraglio di libertà: la fede in regime di detenzione, le garanzie normative e le risposte alla diversità religiosa - 3. Mediatori o ministri di culto? Un ruolo ‘sospeso’ tra definizioni giuridiche e prassi - 4. Visitate i detenuti: La questione dell’ingresso negli istituti detentivi, criticità applicative e novità del Protocollo - 5. Conclusioni.

Granting Islamic religious ministers admission to prisons, amid long-lasting issues and reformation perspectives. The Agreement between the Prison Administration Department and the Islamic Communities Union.

ABSTRACT: As religious diversity in Italian prisons grows, accommodating prisoners’ religious needs tries legal paradigms and instruments out. In 2015 the Prison Administration Department signed an agreement with UCOII, one of the largest Islamic associations in Italy, in order to grant admission in prisons to intercultural mediators and religious ministers. This article seeks to situate the covenant in the wider context of the Italian legal protection of religious freedom in prison, highlighting three main purposes of the agreement: providing Islamic prisoners with religious assistance, enforcing rehabilitative programs and combating violent radicalization in jail. After two years the experience has shown good evidences. Nonetheless, contended issues still remain unsettled. While evaluating feasible solutions, the article advocates a legislative intervention that could assess criteria and procedures for religious ministers’ access to prisons fulfilling the principle of equality and non-discrimination.

Scarica il testo completo in PDF

Poteri disciplinari della gerarchia ecclesiastica e diritto penale dello Stato (a proposito del rinvio a giudizio del Vescovo di Prato) - di Piero Bellini

SOMMARIO: I. Premessa. - 2, 3, 4, 5. Concorrenza del diritto dello Stato e della Chiesa a qualificare i medesimi comportamenti: possibili conflitti. - 6, 7, 8, 9. Valutazione canonistica del problema. Illiceità del matrimonio civile fra cattolici. Questione dei limiti concordatari ai poteri punitivi dei superiori ecclesiastici in Italia. Valutazione della questione sotto il profilo dell’opportunità canonica. - 10, 11, 12, 13. Sua valutazione statualistica. Posizione del diritto della Chiesa rispetto a quello dello Stato. Natura del rapporto fra fedele e superiore ecclesiastico pel nostro ordinamento. Conseguenze. - 14, 15, 16, 17. Delimitazione del jus libertatis Ecclesiae. Limiti funzionali. - 18. Limiti obiettivi. - 19. Conclusione.

Scarica il testo completo in PDF

I delitti contro il sentimento religioso: tra incriminazione dell’opinione e tutela della libertà di manifestazione del pensiero - di Fabio Basile

SOMMARIO: 1. Premessa: il vilipendio quale “reato d’opinione” - 2. L’evoluzione dei delitti contro il sentimento religioso - 3. (segue): la riforma del 2006 - 4. La sentenza della Corte costituzionale n. 188 del 1975 - 5. L’esercizio del diritto di libera manifestazione del pensiero quale causa di giustificazione (art. 51 c.p.) - 6. Le più recenti applicazioni della giurisprudenza di legittimità - 7. Chiusa.

Are the crimes against religious sentiment compatible with the exercise of freedom of expression?

ABSTRACT: The crimes against religious sentiment, provided by the Italian Criminal Code, are mainly framed as “crimes of opinion”. Therefore, it should be ascertained whether and how those crimes are compatible with the exercise of freedom of expression, guaranteed as a fundamental right by Art. 21 of the Italian Constitution. The paper provides an overview of the jurisprudence – of ordinary courts and the Constitutional Court – and of the legislative evolution since 1930s about the crimes against religious sentiment.

Scarica il testo completo in PDF

Security and Religious Radicalization. Securitization of Islam in Europe - di Agustín Motilla

SUMMARY: 1. Introduction - 2. General measures of the anti-terrorist laws; social surveillance and immigration control - 3. Antiterrorist laws and Islam: the securitization of Muslims in western countries - 4. The enforcement of measures affecting Muslim population not directly related to security: the vague criminalization of Islam - 5. Effects of the measures direct or indirectly justified on security reasons in religious freedom; specially related to Muslim population - 6. Closing remarks; positive statements in the construction of the European Union framework.

Scarica il testo completo in PDF

Misure di prevenzione e de-radicalizzazione religiosa alla prova della laicità (a margine di taluni provvedimenti del Tribunale di Bari) - di Vera Valente

SOMMARIO: 1. Terrorismo e fenomeno religioso - 2. Politiche della sicurezza e diritti fondamentali - 3. La legislazione italiana contro il terrorismo nell’interpretazione giurisprudenziale - 4. Misure di prevenzione. Ampliamento delle categorie di pericolosità qualificata e prescrizioni atipiche - 5. Misure di prevenzione e libertà religiosa - 6. Best practice. Il provvedimento del Tribunale di Bari, Misure di Prevenzione, n. 71 del 2017 - 7. Il percorso di de-radicalizzazione.

Religious prevention and de-radicalization measures to the test of secularity (at the margin of some of the Court’s measures of Bari).

The article examines how the terrorist emergence of Islamic matrix has reproached the issue of reconciliation between the need for security and the protection of the rights of liberty, in particular religious freedom. It highlights the need to accompany, to purely punitive nature rules, the spread of a novel paradigm, covering preventive interventions, educational and formative, in order to promote intercultural and inter-religious integration. The decree of the court, which, in accordance with the principle of secularism, has prescribed, in view of the social recovery of the subject proposed for the application of the prevention measure, a process of de-radicalization, through the involvement of an intercultural mediator, on the basis of Guide-lines developed by the University of Bari.

Scarica il testo completo in PDF

L’odio proibito: la repressione giuridica dello hate speech - di Gianmarco Gometz

SOMMARIO: 1. Discorsi odiosi - 2. La repressione giuridica delle idee odiose: vecchie difese, nuovi difesi - 3. Le ragioni del contrasto giuridico ai discorsi d’odio - 4. Due direttrici nella giustificazione della repressione giuridica del discorso d’odio.

Forbidden hate: the legal repression of hate speech

ABSTRACT: The aim of this article is two-folded. First, it offers a general overview of the legal repression of various categories of expressive behaviours ascribed to the notion of hate speech. Especially in Europe, such repression often passes through criminalization, long since used by law to suppress thoughts or points of view for some reason considered harmful. The social groups nowadays protected by such repressive measures, however, are different from the past: weak and/or minoritarian groups rather than strong and/or majoritarian ones. The second aim of this work is to identify the reasons for the legal repression of expressions, beliefs or doctrines certainly in many cases morally deplorable, yet protected by other high-ranking legal reasons: the principles of freedom of thought and speech. It will be noted that especially for untargeted hate speech not connected to a clear and present danger of unlawful actions, there is no general agreement about those reasons. Furthermore, they tend to be structured in justifications showing some typical flaws of, respectively, deontological and teleological reasoning: the former tend to be superficial as apodictic, generic and vacuous; the latter tend to evade the argumentative burdens of factual order from which their validity depends.

Scarica il testo completo in PDF

La libertad de enseñanza de las confesiones religiosas entre libertad de expresión y discurso del odio - di Adoración Castro Jover

SUMARIO: 1. Introducción - 2. Libertad de enseñanza de las confesiones religiosas, autonomía y límites - 3. Aproximación general a los delitos de odio. Particular referencia al artículo 510 del Código penal español - 4. Libertad de enseñanza de las confesiones religiosas y delitos de odio. Algunos ejemplos -5. Libertad de expresión y discurso del odio en el Consejo de Europa - 6. Libertad de expresión y discurso del odio. Una perspectiva constitucional -7. Conclusiones.

Scarica il testo completo in PDF

Le mani sulle donne. Islam, culture religiose, violenza sessuale dopo il capodanno di Colonia - di Antonio Guerrieri

SOMMARIO. 1. La notte di san Silvestro - 2. Una finestra sulle banlieue - 3. Innovazioni giuridiche emergenziali: la modifica del codice penale tedesco - 4. Rotherham. Breve analisi della violenza sessuale interetnica e interculturale - 5. Dall’Egitto al resto del mondo. Il maschilismo come fenomeno globale. Cenni sull’attuale situazione dei paesi di cultura islamica - 6. Precisazioni sulla misoginia europea (e statunitense) - 7. Le violenze sessuali nelle piscine pubbliche - 8. Ritorno alla violenza “tribale”? - 9. Daoud e la “miseria sessuale” del mondo arabo - 10. Dinamiche di gruppo e cause socio-psicologiche della violenza sessuale. La sfida allo Stato - 11. Conclusioni.

Abstract: The study intends to propose an analysis of violence committed in Cologne during the New Year’s Eve by a group of about 2000 young men, of various nationalities but mainly of Arab origins (both from Middle East and Northern Africa). The goal is to shed light on the likely or at least possible causes of what happened through a comparison with similar events that took place elsewhere, in order to avoid interpreting such violence (only) by religious motives, rather than searching for more complex ones, such as the cultural, social and psychological forces that shape and direct the individual and group behaviour.

Scarica il testo completo in PDF

Il motivo religioso non giustifica il porto fuori dell’abitazione del kirpan da parte del fedele sikh (considerazioni in margine alle sentenze n. 24739 e n. 25163 del 2016 della Cassazione penale) - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. Il principio di diritto affermato dalla Cassazione – 2. Cenni sulla problematica generale del conflitto tra libertà religiosa e norme penali – 3. Il “giustificato motivo” quale elemento della fattispecie di cui all’articolo 4, secondo comma, legge n. 110 del 1975 – 4. I limiti della libertà religiosa derivanti dalle esigenze di salvaguardia della “pacifica convivenza” e della “sicurezza pubblica” – 5. Gli spazi di operatività dell’efficacia “scriminante” della libertà religiosa – 6. Gli “accomodamenti” possibili e le prospettive future di soluzione del problema – 7. Appendice.

Scarica il testo completo in PDF

I ministri di culto non possono essere puniti per avere rifiutato di rivelare informazioni di natura privata apprese durante lo svolgimento dei propri doveri spirituali - di Giovanni Cavallo Valerio Borghesani

La Corte ha stabilito che un ministro di culto Testimone di Geova non può essere punito per avere rifiutato di rivelare informazioni di natura privata apprese mentre esercitava il proprio ruolo di ministro di culto. L’imputato, un ministro di culto (“anziano”) appartenente alla Congregazione Cristiana dei Testimoni di Geova, viene incriminato per reticenza in quanto, citato in qualità di testimone all'udienza dibattimentale nell'ambito di un procedimento penale per maltrattamenti in famiglia che vedeva coinvolta una coppia di coniugi ai quali egli aveva prestato assistenza spirituale, si rifiuta di rispondere ex art. 200 c.p.p., invocando a tale fine la rivestita qualifica di ministro di culto della Congregazione Cristiana dei Testimoni di Geova e la stretta connessione funzionale tra l'esercizio del proprio mistero religioso e l'avvenuta conoscenza dei fatti oggetto dell'esame testimoniale. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Segni sul corpo e ferite nell’anima. Manipolazione degli organi genitali dei minori e diritti violati - di Tiziana Di Iorio

SOMMARIO: 1. Le pratiche di manipolazioni degli organi genitali femminili – 2. L’art. 583 bis c.p. nella prassi applicativa – 3. La lotta alle mutilazioni e/o lesioni degli organi genitali femminili: strumenti adeguati o perfettibili? – 4. La circoncisione rituale maschile nell’ordinamento italiano – 5. Il differente trattamento giuridico della circoncisione maschile e femminile - 6. La circoncisione rituale maschile tra modalità di esecuzione e aspetti sanitari - 7. Funzione genitoriale, scelte educative e prassi circoncisoria maschile - 8. Conclusioni.

Marks on the body and wounds in the soul. The manipulation of the children's genital organs and violated rights

ABSTRACT : Females’ genital mutilation (FGM) comprises any alteration of the external female genitalia , for non-medical reasons. The practice has negative effects on the health and is a violation of human rights of girls and women. In Italy, according to the art. 583 bis Penal Code, any form of FGM is forbidden, including clitoridectomy, excision, infibulation and any other practice causing similar effects, or causing physical or mental disease. Conversely, male ritual circumcision is allowed. According to the author of this paper, genital manipulation practices on both sexes should be explicitly fought and they should be replaced with symbolic actions, in order to protect the minor’s body and soul.

Scarica il testo completo in PDF

Col sorriso sulle labbra. La satira tra libertà di espressione e dovere di rispetto - di Corrado Del Bò

SOMMARIO 1. Introduzione - 2. La satira e il diritto alla libertà di espressione - 3. Satira, umorismo e rispetto - 4. Deridere la religione - 5. Le basi morali della libertà di satira - 6. Conclusioni.

With a smile on the lips. The satire between freedom of expression and duty of respect

ABSTRACT: T his paper argues for a liberal perspective about satire, rejecting the idea that satire should not have constraints, and trying to ground this perspective on a more articulate argument than the mere reference to the relevance of freedom of expression in Western societies. I will proceed in this way. In Section 2, I will clarify what satire is, and how it is connected to freedom of expression. Section 3 will be devoted to analyze the relationship between humour and respect, and to explain why satire is morally more problematic than liberals usually think. In Section 4 I will suggest that satire against religion can be sometimes considered a lack of respect for people who believe in that religion. In Section 5 I will argue against restricting satire, even if it is seriously disrespectful, producing two different arguments for two different situations: when the victim can be considered “a powerful person”, and when he/she can be considered “a disadvantaged person”.

Scarica il testo completo in PDF

Prevenire, punire, riparare: la responsabilità personale tra diritto dello Stato e diritto della Chiesa - di Maria Antonietta Foddai

SOMMARIO: 1. Introduzione – 2. Pluralismo della "responsabilità" – 3. Significati – 4. Williams e i materiali universali della responsabilità. – 5. "La responsabilità" e "le responsabilità". Una proposta di ridefinizione: "responsabilità-soggezione" e "responsabilità per ruolo" – 6. Responsabilità-soggezione – 7. Responsabilità per ruolo – 8. Significati di "ruolo" – 9. Il meccanismo "accettazione–riconoscimento" - 10. "Responsabilità per ruolo" e responsabilità giuridica – 11. La Chiesa “hierarchica communio” – 12. Ruoli e responsabilità tra diritto dello Stato … – 13. ... e diritto della Chiesa – 14. La responsabilità canonica tra diritto e morale – 15. Gli abusi: la giustizia che non ripara - 16. Giustizia riparativa: verso un nuovo diritto della responsabilità.

ABSTRACT: The scandal of sexual abuse of children by the Catholic clergy has focused attention on the theme of responsibility and its functions in our society. This paper explores two concepts of responsibility, distinguishing between a retrospective responsibility and a prospective responsibility. The first one corresponds to a punitive legal model adopted in our legal system. The second one is congruent to a restorative model of justice, which is emerging as a new paradigm within criminal law. This paper considers the particular conditions and forms of responsibility in canon law, in comparison with the secular legal model. The conclusion is that the responsibility in Church law is a retrospective one, focused on punishment of the offender rather than the needs of the victim.

Scarica il testo completo in PDF

Discriminazione e propaganda religiosa nel diritto calcistico - di Maria Cristina Ivaldi

SOMMARIO: 1. Cenni introduttivi a proposito degli ordinamenti sportivi – 2. La rilevanza del fattore religioso nel diritto sportivo – 3. La FIFA tra divieto di discriminazione e assenza di ulteriori norme specifiche di rilevanza religiosa – 4. La neutralità UEFA. La previsione congiunta dei divieti di discriminazione e propaganda anche religiosa – 5. La FIGC e le statuizioni nella materia de qua . La punizione della blasfemia – 6. Conclusioni interlocutorie. La regola 4 delle Laws of the Game tra divieto di propaganda e permesso di indosso di copricapi religiosi.

Discrimination and religious propaganda in football law

ABSTRACT : After a brief review over sport legal system, the paper deals with the relationship between religion and sport, in a juridical perspective. First in general and then with regards of football at international, supranational and national level (FIFA; UEFA and FIGC), focusing on the ban of religious discrimination and the most recently interdiction of religious propaganda. Before concluding with some regards on the almost changed rules 4 of the “Laws of the Game” – that concurrently on the one hand allows head covers (hijab and turban) and on the other prohibits to reveal undergarments that show also religious slogans, statements or images, or advertising other than the manufacturer logo – the essay focuses on the peculiarity FIGC prescription to punish the use of blasphemy since 2010.

Scarica il testo completo in PDF

La tutela del (coniuge) minore. Prospettive confessionali e prospettive civili - di Domenico Bilotti

SOMMARIO: 1. La progressiva residualità dell’ipotesi del matrimonio tra minori e i perduranti profili di interesse nella disciplina canonistica – 2. I diritti dei minori nel quadro delle relazioni di famiglia: un ambito più ampio da cui valutare il problema dell’osservanza dei precetti confessionali – 3. Due ipotesi dibattute alla prova dell’applicazione pratica: la tutela penale e i patti tra i coniugi nel procedimento di separazione.

ABSTRACT: The legal protection of specific subjective categories is a traditional issue for international scholars. This kind of argumentative strategy reached a particular relevance after the Second World War, but those normative instruments, considered in an International and Criminal Comparative Law’s point of view, seem probably out-of-date and especially not strictly relevant in the current national Private Law. Nowadays, in the European social system, many traditional cultures support the juridical relevance ( erga omnes ) of their own values and try to apply their constitutive rules to the statute of family and her members. Considering difficult conditions for a legislative response and limited possibilities for a new general discipline (even because these modifications, when eventually approved, created a certain discontent in their practical consequences), the most important solution should be to encourage more inclusive customs not based just on a radical idea of secularism and on a precarious pre-eminence of legislativ

Scarica il testo completo in PDF

Il delitto di onore e l’aggravante dei “futili motivi” culturalmente (e religiosamente) motivata - di Germana Carobene

SOMMARIO: 1. I reati culturalmente motivati e il tentato omicidio per causa di “onore” - 2. Il concetto di onore nella cultura e nella tradizione giuridica dei Paesi mussulmani - 3. L'aggravante dei futili motivi nel nostro sistema penale - 4. Considerazioni conclusive.

The crime of honor and the aggravating factor of the trivial reasons' culturally (and religiously) motivated

ABSTRACT: A recent case law of the Italian Court of Cassation, on 2013, ruled that, in the case of the attempted murder of a daughter, trivial reasons cannot be considered based on the honor of the family and the violation of a fundamental religious precept. The evaluation of these cases then relates to that, of a much broader scope, linked to the concept of 'cultural crimes' or cultural defence. It is necessary, however, to perform a careful balancing between guilt and offensiveness proportion on the one hand and, on the other hand, to consider the extent to which the author of a culturally motivated crime can enjoy a punitive treatment, though attenuated compared to those who commit the same crime without a cultural motivation. A judgment intrinsically linked to a cultural and ethical relativism, cannot be accepted that though respecting the multiculturalism of the western society in general, and of the Italian one in particular, must always find its legitimacy by submitting to the principles and values on which the Italian Constitution is founded.

Scarica il testo completo in PDF

Problems on the legal status of the Church of Scientology - di Germana Carobene

SUMMARY: 1. Preliminary observations. The recent English case law about Scientology - 2. The long Italian process - 3. The condemnation of the religious movement in France - 4. Conclusion.

Scarica il testo completo in PDF

Divergenze teoriche e difficoltà pratiche in sede di applicazione dell’aggravante dei “futili motivi”, in particolare in caso di reati c.d. culturalmente motivati - di Fabio Basile

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. I futili motivi: dalla definizione di “futilità” ... alla ricerca del parametro di valutazione della “futilità” - 3. I c.d. elementi normativi della fattispecie penale - 4. L’orientamento tradizionale “generalizzante”. - 5. Il più recente orientamento “individualizzante” - 6. Perché preferire l’orientamento “individualizzante” - 7. La soluzione adottata nel caso di specie - 8. Futili motivi e reati culturalmente motivati - Appendice.

ABSTRACT : La sentenza in esame – pur valutando la futilità dei motivi sulla scorta di un parametro vago e indeterminato quale il “comune modo di sentire”, di ben difficile individuazione in una società culturalmente non (più) omogenea – giunge a una conclusione nella sostanza condivisibile: motivi ad agire connessi all’onore familiare e alla fede religiosa, per quanto nient’affatto condivisibili, non possono essere ritenuti a tal punto lievi, banali e sproporzionati rispetto al fatto commesso da meritare l’aumento di pena previsto dall’art. 61 n. 1 c.p.

Scarica il testo completo in PDF

Spazio pubblico e coscienza individuale: l’espansione del penalmente rilevante nel diritto canonico e nel diritto ecclesiastico - di Salvatore Berlingò

Sommario : 1. Privata libertà di coscienza ed ethos sociale collettivo - 2. La libertà di formazione della coscienza - 3. Gli indirizzi giurisprudenziali a sostegno del pluralismo culturale e religioso. - 4. Il penalmente rilevante nel diritto canonico - 5. Salus animarum e sanzioni penali canoniche - 6. La normativa penale vaticana e i suoi riflessi nell’ordinamento della Chiesa - 7. Il processo di riforma del diritto penale canonico - 8. Il principio di legalità e la tutela dell’umana dignità di tutti i fedeli - 9. Per una lettura il più possibile sostanziale e dinamica della legalità in ambito canonico e in ambito civile.

Public space and the individual conscience: the expansion of the act criminally considerable in canon and ecclesiastical law

ABSTRACT : The autonomous existence of religious groups is an essential and constitutive element of public space as an irreplaceable sustenance for the pluralism in a democratic society and for the empowerment of a synthesis of values shared by all and continually in progress. It is necessary, however, that all groups use a legal language or, like this one rationally understandable; and therein the Catholic Church can take advantage of the tools offered by the canonistic tradition. Therefore, the comparison between the most recent developments of the canonical law in criminal matters and those recorded in parallel by the criminal law of the State, may be useful, especially in respect of a reading of the principle of legality as much as possible significant and dynamic.

Scarica il testo completo in PDF

Il Ministro di culto nella giurisprudenza penale - di Domenico Pulitanò

Un parroco viene imputato di favoreggiamento personale (art. 378 cod. pen.) aggravato ex art. 61 n. 9 cod. pen., con l’accusa di avere cercato di dissuadere una madre dallo sporgere denuncia per un abuso sessuale in danno della figlia infradecenne,  commesso da un terzo. “Devi dire a tua figlia che la denuncia è contro la Chiesa”, è la frase attribuita all’imputato in cui si riassume la pressione morale ritenuta dall’accusa. Il GUP dichiara non luogo a procedere, escludendo la configurabilità del reato contestato (Continua)
 

Scarica il testo completo in PDF

Il reato di “pratiche di mutilazione degli organi genitali femminili” alla prova della giurisprudenza: un commento alla prima (e finora unica) applicazione giurisprudenziale dell’art. 583 bis c.p. - di Fabio Basile

SOMMARIO: 1. I casi di specie e la sentenza di primo grado - 2. I motivi di appello proposti dagli imputati - 3. In particolare, i motivi di appello concernenti la “malattia” e il “tentativo” - 4. In particolare, il motivo di appello concernente il “dolo specifico” nelle sue implicazioni con le motivazioni culturali della aruè degli Edo-bini nigeriani - 5. In particolare, il motivo di appello concernente l’“ignorantia legis” - 6. Alcune considerazioni conclusive: quando punire non basta.

Scarica il testo completo in PDF

Une progression sans révolution dans l’appréhension européenne des persécutions religieuses - di Nicolas Hervieu

SOMMAIRE: 1. Introduction - 2. Une issue retentissante: la concrétisation d’une protection conventionnelle contre les persécutions religieuses - 3. Un raisonnement parcellaire: les apories de l’analyse européenne à l’aune de la liberté de religion - 4. Conclusion - 5. Jurisprudence liée - 6. Appendice .

ABSTRACT : By banning deporting of a coptic christian by France to Egypt, where he might suffer persecution, European court of human rights has made an important contribution to the protection of foreigners against measures involving expulsion. The European solution is important because it deals with a complex, but crucial, concept: religious persecution. Unfortunatly, the opportunity offered by this case hase not been fully exploited. Freedom of religion was at the heart of this case, but European court did’nt use it enough.

Scarica il testo completo in PDF

La responsabilità della gerarchia ecclesiastica nel caso degli abusi sessuali commessi dai chierici, fra diritto canonico e diritti statuali - di Pierluigi Consorti

SOMMARIO: 1. Connessioni e distinzioni tra responsabilità morale e responsabilità giuridica negli ordinamenti religiosi - 2. Responsabilità morale e responsabilità giuridica della gerarchia ecclesiastica - 3. La responsabilità giuridica della gerarchia nell’ordinamento canonico e sue conseguenze negli ordinamenti statuali - 4. La riparazione del danno ingiusto nel diritto canonico. Responsabilità della gerarchia - 5. La responsabilità penale della gerarchia nel caso di abusi sessuali commessi dai chierici - 6. Responsabilità morale, pastorale e comunionale della gerarchia nel caso di abusi sessuali commessi dai chierici.

Catholic Hierarchy Responsibility in Clerical Sexual Abuse: Between Canon Law and Civil Law

This essay aims to demonstrate moral and legal catholic hierarchy responsibility in clerical sexual abuses. Stories about child maltreatment in catholic Church dominated media worldwide. There is no longer any doubt about the need to punish the guilty, both in canon and civil law. It means that they must be punished under criminal law and they must refund victims. However there are divisions about hierarchy responsibility. Some civil courts (eg. in the USA, Canada or Spain) attributed to the diocese the obligation to pay damages. These statements are very criticized by the canonists, who contest the equivalence relationship priest-diocese as a business one. So they claim the legal irresponsibility of hierarchy. At the moment this is the position of the Italian courts.
The present essay defends the opposite view. The hierarchy has a primary moral responsibility, which obliges both to defend the  victims of the abuses committed by the clergy, both the ecclesial community from abusive priests. This moral responsibility translates into a legal one, which requires the hierarchy to refund the victims on the basis of canon law. Therefore, the civil courts may impose diocesan bishops the obligation to refund victims.

Scarica il testo completo in PDF

La legislazione antiriciclaggio dello Stato della Città del Vaticano: una comparazione con il sistema italiano - di Filippo Sgubbi Désirée Fondaroli Annamaria Astrologo Giuseppe Silvestri

SOMMARIO: 1. Il peso del diritto penale nel “fardello temporale” – 2. La Legge 24 aprile 2012, N. CLXVI dello Stato della Città del Vaticano nel sistema delle fonti del diritto - 3. (segue) “Persona giuridica” e “Autorità pubblica” ai sensi della Legge N. CLXVI – 4. Le misure di prevenzione e contrasto introdotte dalla Legge N. CLXVI del 2012, con particolare riferimento al delitto di riciclaggio – 5. L’art. 42 bis Legge N. CLXVI. Analogie e differenze rispetto al nucleo della disciplina italiana in materia di responsabilità degli enti.

ABSTRACT: This research is focused on anti-money laundering regulations in Vatican City State (Legge 24 aprile 2012 N. CLXVI). In particular, one compare it with italian set of rules and one analyze the system of vatican legal sources.

Scarica il testo completo in PDF

Haine religieuse: l’action “pank – Te Deum” du groupe “Pussy Riot” 21 Février 2012 dans les locaux de la Cathédrale du Christ-Sauveur de l’Église Chrétienne Orthodoxe Russe - di Igor V. Ponkin Vera V. Abramènkova Vsevolod Troytsky

SOMMAIRE: 1. Introduction – 2. Analyse des actions des participants au groupe “Pussy Riot” accomplies par ceux-ci pendant le temps de la réalisation de l’action – 3. Analyse du texte de la chansonnette interprétée par les participants au groupe “Pussy Riot” au cours de l’action – 4. Les actions des participants au groupe “Pussy Riot” réalisées par ceux-ci le 21 Février 2012 dans la Cathédrale du Christ-Sauveur peuvent être appréciées, à juste titre, comme réalisées en commun selon l’intention unifiée de l’action – 5. Tribunal Khamovniky de la ville de Moscou et Cour de cassation de la ville de Moscou.

Scarica il testo completo in PDF

La “ricerca dell’effettività”: dalla lotta per l’attuazione dei principi costituzionali all’obiettivo della “massima espansione delle tutele” - di Luisa Cassetti

SOMMARIO: Premessa – 1. La CEDU e l’integrazione del parametro costituzionale (art. 117, co. 1 Cost.): i confini del vincolo derivante dalla interpretazione della Corte europea di Strasburgo – 2. Il bilanciamento tra l’interpretazione vincolante della Corte europea ed il “sistema “ dei diritti e dei principi costituzionali: la lotta per l’effettività della Costituzione e l’equilibrio tra i poteri – 2.1. Il sistema dei diritti e gli spazi del legislatore: la soluzione (inammissibilità) che lascia al Parlamento la piena responsabilità di dare forma al “diritto di vivere la coppia omosessuale” – 2.2. Il sindacato sulle scelte legislative alla luce dell’evoluzione dei principi fondamentali dell’ordinamento maturati in ambito CEDU – 3. Il bilanciamento alla luce del sistema costituzionale dei diritti: le trasformazioni dei principi e la ricerca del massimo livello di tutela nel sistema del processo penale. La variegata forza delle additive di principio – 4. L’effettività dei diritti nelle dinamiche tra il livello statale ed il livello regionale dell’intervento legislativo. Il ruolo degli standard omogenei di tutela a livello nazionale ed il potenziamento a livello locale delle garanzie fondato sulla illegittima discriminazione tra i destinatari dei benefici – 5. Un occhio a Strasburgo e un occhio alla storia della Corte costituzionale.

The “Research of Effectiveness” : from the Struggle for the Implementation of the Constitution to the Objective of the Best Protection of Rights

ABSTRACT: The paper reflects on the Case-Law of the Italian Constitutional Court, through which the recent Judgments (beginning with the leading cases nn. 348 and 349 of 2007) that have contributed to the clarification of the status of conventional rules (ECHR), as developed and interpreted by Strasbourg Judges, can be understood in the context of the domestic constitutional system. The author sees in the Jurisprudence of the Constitutional Court dating back to the “struggle” for the effectiveness of the Constitution (including the norms concerning programs and objectives), in the interpretative decisions that have limited the impact of unconstitutionality, according to the budgetary needs in the light of the gradualism of social rights guarantees, and in the  significance of the effectiveness of fundamental rights in the context of the reformed Italian regionalism, interpretative rules which would allow the Constitutional Judge to identify the “best level of protection” of fundamental rights (Judgments 311 and 317 of 2009),
so as to be able to enforce checks and balances among constitutional powers, id est with respect to the responsibility of the legislature and the role of the judiciary.
 

Scarica il testo completo in PDF

Riappare un “déjà vu” nella giurisprudenza: la responsabilità oggettiva del vescovo per gli atti illeciti dei suoi sacerdoti - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. La “novità” dell’ordinanza del Tribunale di Lecce 8 ottobre 2012 – 2. Il precedente belga – 3. Uno sguardo sulla dottrina civilistica del respondeat superior nell’esperienza americana – 4. La fattispecie esaminata dai giudici salentini e la questione della soggettività della Curia arcivescovile – 5. (segue) Il riconoscimento della responsabilità indiretta ex art. 2049 c.c. – 6. Le ragioni della non configurabilità di una posizione di responsabilità del vescovo ex art. 2049 c.c. - Appendice.

It’s “Déjà vu” in Case Law: Vicarious Liability of the Diocesan Bishopfor the Intentional Torts committed by his Priests

ABSTRACT: This Article addresses the issue of a Diocesan Curia’s liability for the intentional torts (sexual assault) committed by his parish priest. The paper takes as a starting point a recent Italian ruling that found a master-servant relationship between the Diocesan Curia and parish priest. The Court also held that a parish priest who committed a intentional tort (sexual assault), causally connected to the relationship, is acting within the scope of employment, so that the Diocesan Curia is vicariously liable. The Author suggests a comparative approach to the guidelines of Belgian and American case law on the subject of sexual abuse committed by clergy and examines the legal aspects of the topic as they are ruled by Italian law, which should lead to reject the conclusion of imputing a vicarious liability upon the Diocesan Curia.

Scarica il testo completo in PDF

Responsabilità “amministrativa” ex d. lgs. n. 231 del 2001 ed enti ecclesiastici civilmente riconosciuti - di Désirée Fondaroli Annamaria Astrologo Giuseppe Silvestri

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Gli enti ecclesiastici civilmente riconosciuti - 3. (segue) Natura giuridica. Le attività di “religione o di culto” e le “attività diverse” – 4. (segue) L’ente ecclesiastico civilmente riconosciuto che svolge attività d’impresa – 5. Brevi riflessioni in ordine alla riconducibilità degli enti ecclesiastici al novero dei “soggetti” di cui all’art. 1 d.lgs. n. 231 del 2001 - 6. (segue) Gli enti ecclesiastici e la disciplina della responsabilità “amministrativa” dei soggetti collettivi: i reati-presupposto commessi all’estero.

ABSTRACT: This research is focused on bodies’ administrative liability ex d. lgs. n. 231 del 2001 and ecclesiastical boards which are civilly recognized. In particular we examine Italian regulations suitable for the mentioned boards. As a consequence we try to find the limits of d. lgs. n. 231 del 2001 application’s. This legislative decree regulates bodies’ liability for unlawful administrative (but substantial penal) acts relating to offences. The provisions set out therein apply to corporate entities and companies and associations including those which are not bodies corporate. However, the decree do not mention any ecclesiastical boards which are civilly recognized.

Scarica il testo completo in PDF

Freedom of religion, freedom of expression and the United Nations: recognizing values and rights in the “defamation of religions” discourse - di Silvia Angeletti

SOMMARIO: 1. Limits to free speech, incitement to hatred and a “third case” - 2. UN Resolutions on Defamation of Religions (1999 – 2010). The role of the Organization of Islamic Cooperation - 3. Recognizing values and rights in the defamation of religions discourse - 4. The interplay between racial and religious offences and its effect on limitations to free speech - 5. Balancing freedom of expression and freedom of religion in the work of the UN Human Rights Committee - 6. Concluding Remarks.

Freedom of religion, freedom of expression and the United Nations: recognizing values and rights in the “defamation of religions” discourse

ABSTRACT: The article focuses on the issue of religious freedom and freedom of expression from the point of view of the United Nations. In particular, it examines the so called Defamation of religions, which has been the topic of a series of Resolutions voted by the Human Rights Commission, the Human Rights Council and the Assembly General, from 1999 to 2010. In the Defamation of religions debate, the UN institutions appear to tend to highlight the conflict between rights rather than the positive interrelation between them. Nonetheless, it has been repeatedly argued that it should be possible for political institutions and religious majorities to use anti-defamatory legislation in order to stem the activities of religious minorities. Applying penal anti-defamation laws might not be the best way to deal with the potential conflict between two fundamental rights. The more recent trends show a shift toward what seems to be a more suitable accommodation of the interests at stake. In this regard, the article will consider the Human Rights Council’s Resolution about discrimination on religious grounds (2011), the Ad Hoc Committee on Complementary Standards to the ICERD and the new General Comment on article 19 of the ICCPR.

Scarica il testo completo in PDF

Alcune considerazioni sulla regolamentazione dei movimenti a carattere settario nell’ordinamento francese - di Maria Cristina Ivaldi

SOMMARIO: 1. Considerazioni introduttive – 2. I precedenti – 3. Le previsioni della legge 12 giugno 2001, n. 2001-504 – 4. Cenni alle reazioni sovranazionali e internazionali – 5. La successiva attività governativa e parlamentare – 6. Conclusioni interlocutorie guardando all’apporto giurisprudenziale.

Scarica il testo completo in PDF

Il processo di laicizzazione delle religious offences in Inghilterrae Galles: tra prospettiva storica e comparazione - di Anna Gianfreda

SOMMARIO. 1. Introduzione. I diversi modelli dell’attuale tutela penale della religione negli ordinamenti italiano e britannico – 2. Rapporti Stato-Chiesa e secolarizzazione delle fonti delle religious offences: l’età delle riforme religiose – 3. Il Settecento: tra laicizzazione del diritto penale ed “istituzionalizzazione” della religione dominante – 4. L’avvio di una laicizzazione dei contenuti delle religious offences nel XIX secolo – 5. Tutela penale, rapporti tra Stato e Chiese e pluralismo religioso nel XX secolo – 6. Osservazioni conclusive.

ABSTRACT: The path of secularization of religious Offences in England and Wales: between historical and comparative perspective In recent years in Italy and England some important reforms concerning the traditional criminal offences against religion have been introduced: in Italy, Law 85/2006 regarding crimes against religious denominations that has changed the offence of vilifying, without changing the blasphemy offence; in England and Wales, the Racial and Religious Hatred Act 2006, the repeal of the common law of blasphemy and blasphemous libel in 2008 and the offences of defamatory, seditious and obscene libel in 2009. The historical perspective allows us to contextualize the hallmarks by which the two nations deal with the problem of offences against religion. The historical path that led to the current British reforms, in fact, was characterized by the transition from the institutionalized model of protection under criminal law of the Church of England, as established Church, to the formal and substantive secularization of religious Offences, which finally led to their abolition, without questioning - at least formally - the general system of the Established Church of England. The differences between the two models of criminal protection of religion are rooted in that path and are reflected in the more general legal treatment of religion and in the state/churches/religions relations in the two countries

Scarica il testo completo in PDF

Omosessualità, omofobia, diritto penale. Riflessioni a margine del volume di M. Winkler e G. Strazio. L’abominevole diritto. Gay e lesbiche, giudici e legislatori, 2011, - di Emilio Dolcini

SOMMARIO: 1. Diritto penale e morale – 2. Comportamenti omosessuali e repressione – 3. L’abolizione del crimine di sodomia negli USA – 4. … in Europa – 5. … in Italia – 6. Il rifiuto della decriminalizzazione dei comportamenti omosessuali – 7. Gli atti di discriminazione motivati da omofobia – 8. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

A cinque anni dalla riforma dei reati in materia di religione: un commento teorico-pratico degli artt. 403, 404 e 405 c.p. - di Fabio Basile

SOMMARIO: Parte prima: considerazioni generali sugli artt. 403, 404 e 405 c.p. - 1.1. L'evoluzione dei reati in materia di religione. - 1.2. Le "confessioni religiose": il problema della loro individuazione. - 1.3. La problematica individuazione del bene giuridico tutelato dai ‘nuovi’ delitti contro le confessioni religiose. - Parte seconda: il ‘nuovo’ art. 403 c.p. - 2.1. La dimensione plurioffensiva del delitto di “offese a una confessione religiosa mediante vilipendio di persone”. - 2.2. Elemento oggettivo. - 2.3. (Segue) in particolare, la persona-oggetto materiale. - 2.4. Elemento soggettivo. - 2.5. Questioni di legittimità costituzionale. - 2.6. Rapporti con altre figure di reato. - 2.7. Questioni di diritto intertemporale. - 2.8. Casistica. - Parte terza: il ‘nuovo’ art. 404 c.p. - 3.1. La riforma del 2006: il delitto di “offese a una confessione religiosa mediante vilipendio o danneggiamento di cose”. - 3.2. Il bene giuridico. - 3.3. Elemento oggettivo. - 3.4. (Segue) le cose-oggetto materiale. - 3.5. (Segue) le connotazioni spazio-temporali - 3.6. Elemento soggettivo. - 3.7. Questioni di legittimità costituzionale. - 3.8. Rapporti con altre figure di reato. - 3.9. Casistica. - Parte quarta: il ‘nuovo’ art. 405 c.p. - 4.1. Il bene giuridico tutelato dal delitto di “turbamento di funzioni religiose del culto di una confessione religiosa”. - 4.2. Elemento oggettivo. - 4.3. Elemento soggettivo. - 4.4. Consumazione e tentativo - 4.5. Circostanza aggravante e rapporti con altre figure di reato. - 4.6. Questioni di legittimità costituzionale. - 4.7. Sanzioni. - 4.8. Casistica.

Scarica il testo completo in PDF

Giudici e legislatori di fronte alla multiculturalità - di Elisa Olivito

SOMMARIO: 1. A mo' di introduzione: diritto giudiziario e diritto legislativo - 2. Legislazione e giurisdizione nelle società pluraliste - 3. Giudici e legislatori alla prova della multiculturalità - 4. Segue: il caso dei simboli religiosi - 5. Giudici-antropologi e legislatori paternalisti: cultural defense, leggi manifesto, eguaglianza di genere - 6. Chi decide delle culture?

Scarica il testo completo in PDF

Defamation of Religions: A Vague and Overbroad Theory that Threatens Basic Human Rights - di Allison G. Belnap

SUMMARY: 1. Introduction - 2. History of and Motivations for the OIC Defamation of Religions Resolutions - 2.a - The OIC Exerts a Concerted Effort to Protect Islam - 2.b - Terrorist Attacks and Danish Cartoons Raise the Stakes - 3. Defamation of Religions: A Permissible Restraint on Freedom of Speech and Expression? - 3.a - History, Basic Elements, and Contemporary Usage of Defamation - 3.b - Interaction Between Defamation of Religions and the Basic Human Rights Enumerated in Major International Instruments - 4. The Evolution of a Resolution - 4.a. 1999-2000: Beginnings - 4.b. 2001: A Pre-9/11 World - 4.c. 2002: Reactions to the Violent Backlash Against Muslims - 4.d. 2003-2004: Fluctuations in Support - 4.e. 2005: Intensification of a Campaign - 4.f. 2006-2007: The Move to the General Assembly - 4.g. 2008: Decreasing Margins of Support - 4.h. 2009: Current Resolution and Recommendations for Application - 5. Consequences of Accepting the Resolutions and Subsequent Enactment of Statutes Designed to Prevent Defamation of Religions - 5.a. Human Rights Committee - 5.b. The European Court of Human Rights - 5.c. Blasphemy, Incitement, and Hate Speech Laws and Their Enforcement - 5.d. Possible Future Statutes and Enforcement Under Defamation of Religions Theory - 6. Alternatives to Defamation of Religions in the U.N. Resolutions - 7. Conclusion.

Scarica il testo completo in PDF

Imposizione di una fede religiosa e maltrattamenti familiari. Famiglia, libertà e religione nella società d’oggi - di Raffaella Losurdo

SOMMARIO: 1. La sentenza n. 64 del 2010 e la fattispecie giuridica oggetto della stessa - 2. Libertà religiosa e famiglia - 3. Libertà religiosa e nuovi modelli familiari.

Scarica il testo completo in PDF

L’evoluzione del diritto comune in materia religiosa nella legislazione nazionale - di Paolo Moneta

Sommario: 1. Premessa – 2. La legislazione sulle confessioni religiose – 3. I beni culturali – 4. Gli enti ecclesiastici e gli enti di utilità sociale – 5. La tutela penale – 6. La bioetica – 7. Gli insegnanti di religione e la tutela della riservatezza – 8. Osservazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Le minoranze religiose tra normativa penale e diritti di libertà: rilievi a margine di una recente sentenza su Scientology - di Germana Carobene

SOMMARIO: 1. Una recente condanna dell’Associazione di Scientology in Francia - 2. Problematiche sollevate dalla decisione - 3. Il reato di escroquerie/truffa e le persone giuridiche - 4. Il principio di laicità e il diritto penale - 5. Modello liberale e normative penali.

Scarica il testo completo in PDF

Danno e responsabilità da esercizio del ministero pastorale - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. L’interesse episodico degli studi tradizionali di diritto ecclesiastico per le tematiche legate all’istituto della responsabilità – 2. Il sistema della responsabilità civile e la tipica apertura interdisciplinare della moderna disciplina del diritto ecclesiastico – 3. L’avvio della riflessione dottrinale sul danno «esistenziale» da lesione del diritto di libertà religiosa – 4. La particolare «responsabilità» dell’agire per la Confessione religiosa e la definizione della sfera tipica delle funzioni ministeriali – 5. I caratteri della responsabilità da atti illeciti connessi con l’esercizio del ministero pastorale – 6. Il caso degli abusi sessuali su minori all’interno delle istituzioni ecclesiali – 7. Gli orientamenti della giurisprudenza statunitense – 8. Gli sviluppi più recenti in ordine alla questione della proponibilità di azioni legali direttamente nei confronti (della Santa Sede e) dello Stato della Città del Vaticano – 9. I peculiari doveri di vigilanza attribuiti al Vescovo dal diritto canonico e il problema della loro rilevanza civile nell’ordinamento italiano – 10. L’inesistenza di una «posizione di garanzia» del Vescovo nei confronti delle condotte abusive dei sacerdoti – 11. L’esclusione di una responsabilità (indiretta) del Vescovo per fatto altrui – 12. Le ipotesi di responsabilità per «fatto proprio» – 13. I limiti di estensione della responsabilità all’ente ecclesiastico – 14. La responsabilità civile da inesatto adempimento delle modalità estrinseche di esercizio delle funzioni ministeriali.

Scarica il testo completo in PDF

Il post-confessionismo nella tutela penale dei culti - di Fabrizio Minutoli

SOMMARIO: 1. Politica criminale e politica ecclesiastica: l’approssimativa ricerca di un “disegno” perduto – 2. Una tutela penale individuale, istituzionale o diffusa? Il problema della “selezione” tra tentazioni omologanti e integrazioni possibili - 3. Sulle deviazioni dal modello di laicità come tecnica di gestione arbitrale, assiologicamente ispirata, del pluralismo.

Scarica il testo completo in PDF

Immigrazione e reati culturalmente motivati. Il diritto penale nelle società multiculturali - di Fabio Basile

SOMMARIO: Premessa. – 1. Immigrazione e pluralità di culture: nuove sfide per il diritto penale. – 2. Localismo e non-neutralità culturale del diritto penale ‘sotto tensione’ per effetto dell’immigrazione. – 3. Panorama di giurisprudenza europea sui reati culturalmente motivati. – 4. Teoria e prassi della c.d. cultural defense nell’ordinamento statunitense. – 5. Quale rilevanza penale per la ‘motivazione culturale’?

Scarica il testo completo in PDF

La diffamazione delle religioni nella protezione ultranazionale dei diritti umani - di Silvia Angeletti

SOMMARIO: 1. Libertà religiosa vs. libertà d’espressione: un punto di osservazione - 2. La libertà di opinione e di espressione nel quadro delle disposizioni internazionali e regionali a garanzia dei diritti umani - 3. La libertà d’espressione quale elemento fondante di una società democratica - 4. Il regime giuridico di tutela contro l’hate speech: un’incerta definizione di confini - 5. Il concetto di diffamazione delle religioni, tra protezione della sensibilità religiosa ed esigenze della pace sociale - 5.1. Il primo obiettivo: la tutela delle religioni e delle convinzioni - 5.2. Il secondo obiettivo: sconfiggere una causa indiretta di violazione dei diritti umani - 6. Difficoltà e rischi nella definizione e interpretazione giuridica della diffamazione delle religioni. Alcune proposte di soluzione.

Scarica il testo completo in PDF

Vittime vulnerabili nell’Italia di oggi e ‘durata determinata’del processo penale - di Emilio Dolcini

SOMMARIO: 1. Vittime vulnerabili e Pacchetto sicurezza 2009 – 2. Morire di carcere – 3. Rischiamo di eccedere nella tutela degli omosessuali? – 4. Vittime da reato e ‘durata determinata’ del processo.

Scarica il testo completo in PDF

Nuovi razzismi e diritto interculturale. Dei principi generali e dei regolamenti condominiali nella società multiculturale - di Pierluigi Consorti

SOMMARIO: 1. Identità e multicultura - 2. Differenza tra multiculturalità e multiculturalismo - 3. L’ipotesi interculturale - 4. Diritto multiculturalista e diritto interculturale - 5. a) La legislazione sull’immigrazione; b) Le limitazioni al soggiorno dei cittadini comunitari; c) La Consulta per l’islam italiano; d) La «Carta dei valori della cittadinanza e dell’integrazione» e la «Dichiarazione d’intenti per la federazione dell’Islam italiano»; e) Il disegno di legge sulla libertà religiosa; f) Il divieto di mutilazioni dei genitali, solo femminili; g) delibere comunali e regolamenti condominiali - 6. Brevissima conclusione.

Scarica il testo completo in PDF

Diritto penale e multiculturalismo: teoria e prassi della c.d. cultural defense nell’ordinamento statunitense - di Fabio Basile

SOMMARIO: PARTE PRIMA: CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE - 1. Premessa. - 2. La società multiculturale degli Stati Uniti. - 3. La cultural defense. - 3.1. Una definizione ‘di massima’ di cultural defense. - 3.2. La funzione della cultural defense: la spiegazione della motivazione culturale della condotta dell’imputato. - 3.3. Cultural defense e reati culturalmente motivati. - 3.4. L’esistenza di alcuni risalenti casi giurisprudenziali coinvolgenti una cultural defense “ante litteram”. - 3.5. La cultural defense dal 1985 ad oggi, nella giurisprudenza e nella dottrina. - PARTE SECONDA: RASSEGNA DI GIURISPRUDENZA - 4. Premessa: riconduzione dei reati rispetto ai quali è stata invocata una cultural defense a (poche) categorie tipologiche. - 4.1. Omicidio dei figli e tentativo di suicidio da parte del coniuge tradito. - 4.2. Reati di sangue a difesa dell’onore. - 4.2.1. Uxoricidi per causa d’onore sessuale. - 4.2.2. Altri omicidi per causa d’onore sessuale. - 4.2.3. Omicidi a difesa dell’onore personale (autostima/reputazione). - 4.3. Altri fatti di sangue culturalmente motivati. - 4.4. Reati contro la libertà sessuale. - 4.4.1. Abusi sessuali a danno di minori. - 4.4.1.1. Rapporti sessuali con spose-bambine. - 4.4.1.2. Baci, carezze e toccamenti alle parti intime di fanciulli. - 4.4.2. Altre violenze sessuali. - 4.5. Reati in materia di sostanze stupefacenti. - 4.6. Reato di porto abusivo di armi.- 4.7. Altro. - PARTE TERZA: UN BILANCIO DELLA PRASSI E DELLA DOTTRINA AMERICANA - 5. I vari canali attraverso i quali può assumere rilievo la motivazione culturale. - 5.1. Rilevanza della motivazione culturale in sede di plea bargaining. - 5.2. Rilevanza della motivazione culturale in sede dibattimentale al fine del riconoscimento di una criminal defense tradizionale. - 5.3. Rilevanza della motivazione culturale in sede di sentencing. - 6. La prova culturale. - 6.1. Le modalità con le quali può essere fornita la prova culturale. - 6.2. Ammissibilità e rilevanza della prova culturale. - 6.2.1. I requisiti di ammissibilità e di rilevanza della prova culturale concernenti la persona dell’imputato. - 6.2.2. I requisiti di ammissibilità e di rilevanza della prova culturale concernenti la relazione tra cultura d’origine e fatto commesso. - 7. Il dibattito dottrinale sulla opportunità di riconoscere rilevanza alla cultural defense. - 7.1. Argomenti della dottrina a sostegno della cultural defense. - 7.1.1. Colpevolezza e individualized justice. - 7.1.2. Pluralismo culturale e diritto alla cultura. - 7.1.3. Mancanza di esigenze preventive. - 7.2. Argomenti della dottrina contraria alla cultural defense. - 7.2.1. Violazione del principio di uguaglianza a vantaggio degli autori e a discapito delle vittime dei reati culturalmente motivati. - 7.2.2. Rischio di pregiudizi per le donne appartenenti ai gruppi culturali di minoranza. - 7.2.3. Difficoltà concettuali ed applicative poste dal concetto di “cultura”. - 7.2.4. Rafforzamento e diffusione di stereotipi culturali negativi sui gruppi di minoranza. - 7.2.5. Pregiudizio per la funzione di prevenzione generale del diritto penale. - 7.2.6. Effetti negativi sul processo di integrazione degli immigrati. - 8. Il dibattito dottrinale sulla opportunità di formalizzare la cultural defense come nuova ed autonoma defense. - 8.1. Argomenti a sostegno della formalizzazione della cultural defense. - 8.2. Argomenti contrari alla formalizzazione della cultural defense. - 9. Conclusioni. Alcune indicazioni per l’osservatore italiano.

Scarica il testo completo in PDF

Islam, abbigliamento religioso, diritto e processo penale: brevi note a margine di due casi giurisprudenziali - di Gian Luigi Gatta

SOMMARIO: 1. La libertà di abbigliamento religioso tra diritto e processo penale: due casi giurisprudenziali - 2. Primo caso: una musulmana accede a un’aula di tribunale indossando il burqa, per assistere al processo penale a carico del marito. Denunciata per il reato di cui all’art. 5 l. 152/1975, viene assolta. – 3. Secondo caso: un musulmano accede a un’aula di tribunale, quale imputato in un processo penale, indossando un copricapo. Invitato dal giudice a toglierlo, rifiuta affermando che si tratta di un simbolo religioso e, per protesta, si allontana dall’aula.

Scarica il testo completo in PDF

Fecondazione assistita e velo di ignoranza laicista - di Mario Jori

Il libro di Emilio Dolcini, Fecondazione assistita e diritto penale, di cui oggi discutiamo, è composto da quattro capitoli di analisi della vigente legge italiana sulla fecondazione assistita, esaminata, come dice il titolo, da un punto di vista giuridico e penalistico; più un’appendice dove si esaminano le Linee guida “Turco” alla legge stessa. Il libro ha una introduzione scritta da Carlo Flamigni. La combinazione non potrebbe essere più felice, la introduzione di Flamigni è parte integrante del libro. Essa contiene non solo le informazioni mediche di base sulla fecondazione assistita e sui  problemi scientifici (medici e biologici) cui va incontro la legge, ma alcune considerazioni filosofiche di base, molto sintetiche ma tutte finemente poste e a mio parere tutte pienamente condivisibili. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Sui rapporti tra diritto penale e laicità dello Stato - di Giorgio Marinucci

Parlare della inseminazione artificiale nella cornice dei rapporti tra “diritto penale e laicità dello Stato” significa evocare le radici stesse del diritto penale liberale, laico per definizione, così come lo forgiò nel suo ‘libriccino’ il grande milanese Cesare Beccaria. La quintessenza di quelle radici l’ha colta Franco Venturi, il massimo studioso dell’illuminismo non solo italiano, quando ha scritto sul ‘diritto di punire’ secondo Beccaria: “Il nodo che da millenni si era formato unendo con mille fili peccato e delitto, veniva tagliato da Beccaria d’un colpo netto. Che la Chiesa, se voleva, si occupasse pure dei peccati. Allo Stato spettava soltanto il compito di valutare il danno che l’infrazione della legge aveva portato all’individuo e alla società.” In breve: “Il diritto penale veniva completamente desacralizzato”. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Indisponibilità o sacralità della vita? Dubbi sulla ricerca (o sulla scomparsa) di una disciplina laica in materia di testamento biologico - di Lucia Risicato

SOMMARIO: 1. Laicità, dignità della vita e dignità della morte - 2. Scelte di fine vita ed “eutanasia”: un pericoloso equivoco – 3. La piena libertà di rifiutare le cure dei soggetti autoresponsabili: il caso Welby – 4. Lacune normative e stato vegetativo permanente: il caso Englaro – 5. Segue: a) il ruolo della Suprema Corte e la valorizzazione del principio di autodeterminazione responsabile- 6. Segue: b) le reazioni ai principi di diritto affermati dalla Cassazione, dalla “guerra delle circolari” al decreto sul “divieto di lasciar morire”: invadenza della magistratura o renitenza alla magistratura? – 7. La normativa in itinere sul testamento biologico: indisponibilità o sacralità della vita? Lo snodo della qualificazione giuridica delle terapie di sostegno vitale e le sue possibili conseguenze – 8. Considerazioni conclusive: il diritto penale post-secolare ed il tabù dei “cadaveri vivi”.

Scarica il testo completo in PDF

La giurisprudenza ordinaria in materia penale: le contraddittorie anime del principio di laicità - di Natascia Marchei

SOMMARIO: 1. La laicità come mera “non confessionalità”: lo svuotamento delle norme penali che tutelavano la “religione dello Stato” - 2. Il paradosso della “laicità democratica”: la protezione della religione della maggioranza dei cittadini - 3. La “laicità positiva” come garanzia di pluralismo (confessionale e culturale): i corollari della laicità - 4. Il “diritto alla laicità” del singolo nei confronti dello Stato inadempiente: le oscillazioni della giurisprudenza - 5. Brevi considerazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Responsabilità del medico e reati in materia di procreazione assistita. Ambiguità e rigori della legge italiana n. 40 del 2004 - di Emilio Dolcini

SOMMARIO: 1. Attività medico-chirurgica, responsabilità penale per colpa o per dolo – 2. Legge penale e procreazione assistita – 3. Alcuni problemi posti dalla disciplina italiana della pma – 4. La diagnosi preimpianto sull’embrione in vitro: a) l’art. 13 l. 40/2004 e le Linee guida del 2004 – 5. (Segue): b) la giurisprudenza più recente e le Linee guida del 2008: non è vietata la diagnosi preimpianto – 6. (Segue): c) il problema nella legislazione di alcuni Paesi europei – 7. (Segue): d) ricerca del figlio perfetto? – 8. Il divieto di produrre più di tre embrioni ex art. 14 l. 40/2004: una disciplina di dubbia legittimità costituzionale - 9. Limiti numerici alla produzione di embrioni? La risposta delle legislazioni tedesca, spagnola e portoghese – 10. Il divieto di donazione di gameti ex art. 4 l. 40/2004, il diverso orientamento degli altri legislatori europei e il ruolo della dottrina cattolica nella scelta del legislatore italiano – 11. Le sanzioni nella legge n. 40/2004 – 12. Le scelte di politica sanzionatoria dei legislatori tedesco, portoghese e spagnolo – 13. La legge n. 40/2004: ‘diritto penale del nemico’ all’italiana? – 14. (Segue): O, piuttosto, un esempio di legislazione simbolica? – 15. L’impatto sulla prassi della legge n. 40/2004 – 16. ‘Viaggi dei diritti’ e ruolo del medico italiano – 17. (Segue): A) Casi in cui può sorgere una responsabilità del medico italiano - 18. (Segue): B) Casi in cui non sorge alcuna responsabilità del medico italiano – 19. Una ‘legge di lotta contro’ la procreazione assistita.

Scarica il testo completo in PDF

Appartenenze/credenze di fede e diritto penale: percorsi di laicità - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. Laicità e diritto penale nella prospettiva dell’ecclesiasticista - 2. Laicità “neutrale” e laicità “religiosa”: un dilemma irrisolto – 3. Tutela penale del sentimento religioso e libertà di religione – 4. I risvolti promozionali della tutela penale di “un” sentimento - 5. Tutela penale del sentimento religioso e diritto giurisprudenziale - 6. L’esigenza di una riforma organica e profonda del diritto penale “di religione”.

Scarica il testo completo in PDF

Identità culturale e regolazione dei rapporti di famiglia tra applicazioni giurisprudenziali e dettami normativi - di Rita Benigni

SOMMARIO: Premessa - 1. Identità culturale, diritti umani e principi costitutivi delle democrazie occidentali. Gli interventi europei e la Carta dei valori e della cittadinanza italiana - 2. La regolazione della famiglia tra diritto all’identità e modello socio-giuridico europeo. La poligamia, il ripudio, la dote - 3. Il motivo culturale nell’interesse della prole e del minore. I rapporti di filiazione e la kafalah - 4. (Segue) Il ricongiungimento familiare. L’abbandono ed i maltrattamenti del minore - 5. Cultural defenses e reati culturali: la tendenza all’esclusione nella giurisprudenza europea - 6. (Segue) Linee evolutive: l’accoglienza del motivo culturale nel sistema penale italiano e l’impegno internazionale contro i “crimini d’onore”.

Scarica il testo completo in PDF

I reati culturalmente motivati: la cultural defense in alcune sentenze statunitensi - di Carlo Sorio

SOMMARIO: 1. Cenni preliminari sulla c.d. cultural defense - 2. Sentenze in cui si dà rilievo alla cultural defense - 2.1. Assoluzione - 2.1.1. People v. Metallides (1974) - 2.1.2. State v. Kargar (1993) - 2.1.3. State v. Krasniqi (1989-1992) - 2.2. Derubricazione del reato e/o riduzione della pena - 2.2.1. People v. Kimura (1975) - 2.2.2. People v. Poddar (1969-1974) - 2.2.3. People v. Moua (1985) - 2.2.4. People v. Chen (1987) - 3. Sentenze in cui si nega rilievo alla cultural defense - 3.1. People v. Romero (1999) - 3.2. People v. Rhines (1982) - 3.3. People v. Aphaylath (1986) - 3.4. Siripongs v. Calderon (1994) - 4. Riflessioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Prime note sulla tutela penale dei culti nei Paesi dell’Est Europa - di Giovanni Cimbalo

SOMMARIO: 1. Alcune considerazioni preliminari sullo status delle Confessioni religiose nei paesi dell’Est Europa - 2. I nuovi orientamenti del diritto penale nell’Est Europa - 3. Le norme statali in materia di tutela penale dei culti e del sentimento religioso. 3. Le norme penali relative ai culti e a al sentimento religioso prima del 1992 nei Paesi dell’Est Europa - 4. Tipologie e tecniche legislative di tutela penale dei culti dopo il 1992 nei Paesi dell’Est Europa - 5. Alcune sommarie considerazioni.

Scarica il testo completo in PDF

Simbologia religiosa e crimine organizzato: uno storico equivoco - di Domenico Bilotti

Due diverse ed erronee visioni di studio si sono confrontate nell’analisi dei fenomeni mafiosi: quanti sostenevano lo stretto ancoraggio degli stessi alla simbologia religiosa sino a una piena identificazione tra detta simbologia e criminalità e quanti hanno colpevolmente deprezzato l’uno e l’altro profilo problematico. La multinazionalizzazione della delinquenza organizzata e la contemporanea ramificazione degli studi e delle tendenze in materia religiosa possono fungere da elementi chiarificatori per ricostruire rapporti così intricati.

Scarica il testo completo in PDF

Localismo e non-neutralità culturale del diritto penale ‘sotto tensione’ per effetto dell’immigrazione - di Fabio Basile

SOMMARIO: Considerazioni introduttive. La definizione di reato ‘culturalmente motivato’. - 1. Il ‘localismo’ del diritto penale. - 1.1. Vérité au deçà des Pyrénées, erreur au delà. - 1.2. Origine e sviluppo storico del ‘localismo’ del diritto penale. - 1.3. La recente tendenza, a livello europeo, ad uno stemperamento dell’originario ‘localismo’ del diritto penale. - 1.4. Riepilogo sul ‘localismo’ del diritto penale: “paese che vai, reato che trovi”. - 2. La ‘non-neutralità culturale’ del diritto penale. - 2.1. Precisazioni preliminari. L’omogeneità culturale italiana secondo Alfredo Rocco. - 2.2. Recht ist Kulturerscheinung. Primi rilievi sui nessi tra cultura e diritto, e in particolare tra cultura e diritto penale. - 2.3. Le tre teorie formulate per illustrare i nessi tra cultura e diritto penale. - 2.3.1. La teoria della coincidenza, o dei cerchi concentrici: esposizione e critica. - 2.3.1.1. Una variante della teoria della coincidenza: la teoria del minimo etico: esposizione e critica. - 2.3.2. La teoria della separazione, o dei cerchi distinti: esposizione e critica. - 2.3.3. La teoria del rapporto di implicazione, o dei cerchi intersecantisi: esposizione e dimostrazione del suo fondamento. - 2.4. I “punti di vista” dai quali emerge che le intersecazioni tra norme penali e norme culturali contribuiscono ad un maggior ‘successo’ del diritto penale. - 2.4.1. La prevenzione generale c.d. positiva. - 2.4.2. La prevenzione speciale intesa come rieducazione. - 2.4.3. La possibilità di conoscere la norma penale violata. - 2.4.4. Cenni su alcune esperienze di ‘insuccesso’ di codici penali che non presentavano alcuna significativa intersecazione con le norme culturali dei soggetti cui erano destinati. - 2.5. I “settori” all’interno dei quali le norme penali si intersecano con le norme culturali. - 2.5.1. Le norme penali all’interno delle quali compaiono elementi normativi c.d. culturali. - 2.5.2. Altre norme penali ‘impregnate’ di cultura. - 2.6. Riepilogo sulla ‘non-neutralità culturale’ del diritto penale: “il diritto penale è fortemente impregnato di cultura”. - 3. Conclusioni: le implicazioni di ‘localismo’ e ‘non-neutralità culturale’ del diritto penale in ordine al fenomeno dei reati ‘culturalmente motivati’ commessi dagli immigrati.

Scarica il testo completo in PDF

La fine del confessionismo e la laicità dello Stato. Il ruolo della Corte costituzionale e della dottrina - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Il ruolo della Corte costituzionale – 2. Il ruolo della dottrina – 3. La lettura sistematica della giurisprudenza costituzionale – 4. La sentenza n. 203/89: la facoltatività soggettiva dell’insegnamento di religione cattolica – 5. Ascesa e declino del richiamo ad un principio supremo – 6. Il risarcimento della rottura costituzionale operata dall’art. 7 – 7. La laicità come valore e come principio – 8. Principî e regole: una digressione – 9. La laicità come principio di diritto positivo – 10. La sentenza da manuale sulla laicità: la n. 334/96 – 11. Il divieto di strumentalizzazione statale della religione – 12. Il divieto di strumentalizzazione ecclesiastica del diritto statale – 13. Principio di laicità e “principî non negoziabili” – 14. La laicità pluralista implementata dalla giurisprudenza costituzionale.

Scarica il testo completo in PDF

Il rifiuto di prescrivere la c.d. “pillola del giorno dopo” tra obiezione di coscienza e responsabilità penale - di Emanuele La Rosa

SOMMARIO: 1. Definizione del tema – 2. Il rifiuto del medico di prescrivere la c.d. “pillola del giorno dopo” come omissione tipica ex art. 328 c.p. – 2.1. Il carattere “indebito” del rifiuto – 3. L’obiezione di coscienza del medico: presupposti, limiti e riflessi penali – 3.1. Segue: applicazione diretta dell’art. 9 l. 194/1978? – 3.2. Segue: applicazione analogica dell’art. 9 l. 194/1978? – 4. L’efficacia “attenuante” dell’obiezione di coscienza – 5. Prospettive de iure condendo.

Scarica il testo completo in PDF

In utroque iure: i Tribunali ecclesiastici e l’esimente ex art. 598 c.p. - di Stefano Testa Bappenheim

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. La giurisdizione dei tribunali ecclesiastici. - 3. L’analogia. – 4. L’esercizio d’un diritto.

Scarica il testo completo in PDF

Laicità e principi costituzionali - di Lucia Risicato

SOMMARIO: 1. La deriva della laicità nella società post-secolare e le sue possibili conseguenze - 2. La definizione di “laicità” ed i suoi livelli di rilevanza. Suo radicamento costituzionale. La storica ambiguità dell’art. 7 Cost. - 3. Segue: le norme costituzionali fondanti il carattere laico del diritto penale moderno. Ricostruzione dei confini della tutela costituzionale della vita: primi profili di illegittimità della legge n. 40 del 2004.

Scarica il testo completo in PDF

Diritto di satira e libertà di religione - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Il bilanciamento tra satira e religione - 2. L’autonomia della satira dalla cronaca e dalla critica - 3. L’art. 19 Cost. come (non limite, ma) fondamento della satira religiosa - 4. Satira e religioni nel nuovo assetto della tutela penale - 5. La satira religiosa nella recente giurisprudenza di merito - 6. Satira religiosa, diritto penale e globalizzazione - 7. Satira religiosa, diritto penale «minimo» e giurisprudenza.

Scarica il testo completo in PDF

Salus animarum e atti contra ius del sacerdote che impartisce un sacramento - di Paolo Pruneti

SOMMARIO: - 1. Premessa - 2. La salus animarum come fine della Chiesa e fondamento dell’ordinamento canonico: il munus sanctificandi, natura ed essenza dei sacramenti - 3. Rilevanza nell’ordinamento civile degli atti del ministro di culto cattolico in adempimento del dovere canonico di impartire i sacramenti - 4. Rilevanza delle scriminanti nella condotta del ministro di culto volta all’amministrazione del sacramento dell’unzione degli infermi: la sentenza n. 96/07 del giudice di pace di Foligno.

Scarica il testo completo in PDF

La tutela penale della religione fra la Carta e la Corte - di Giuseppe Leziroli

La disastrosa partecipazione dell'Italia alla seconda guerra mondiale, ha posto termine a due fatti istituzionali particolarmente importanti: la fine del fascismo e la fine della monarchia. Ovvero dei due capisaldi sui quali si fondava il rapporto fra Stato e Chiesa cattolica in Italia. Una ulteriore conseguenza fu costituita dalla abrogazione dello Statuto, nato con la monarchia sabauda e terminato con la sua fine allorquando, in seguito al referendum istituzionale, il popolo italiano, posto di fronte alla alternativa di scegliere fra monarchia e repubblica, scelse, come è noto, la forma repubblicana. E con la forma repubblicana prese vita anche una nuova Carta costituzionale destinata a porre le basi del nuovo stato democratico e a costruire un nuovo modello di convivenza civile. Il nuovo stato sorto sulle rovine del precedente, fondato come si è detto su una nuova forma istituzionale e su una nuova carta costituzionale, avrebbe dovuto, a completamento necessario, innovare profondamente anche in materia di codici e in materia di rapporti fra stato e fenomeno religioso. (Continua)
 

Scarica il testo completo in PDF

“Uso” ed “abuso” del simbolo religioso: profili di responsabilità penale - di Emanuele La Rosa

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Il rifiuto e l’omissione motivati dalla presenza del Crocifisso. La vicenda Montagnana – 2.1. Segue: il caso Tosti – 3. Il problema della presenza del crocifisso nei locali pubblici – 4. Il rifiuto motivato dalla presenza del crocifisso come ipotesi “peculiare” di “obiezione di coscienza” – 4.1. Il rifiuto per ragioni di coscienza come causa di esclusione della colpevolezza – 4.2. L’obiezione di coscienza come diritto scriminante: contenuto e limiti – 4.3. L’obiezione di coscienza come “motivo di particolare valore morale e sociale” ex art. 62 c.p. – 5. È ammissibile una tutela penale dell’obbligo di esposizione del simbolo religioso? – 6. Il simbolo sul corpo: il velo islamico tra istanze di libertà ed esigenze di sicurezza.

Scarica il testo completo in PDF

Panorama di giurisprudenza europea sui c.d. reati culturalmente motivati - di Fabio Basile

SOMMARIO: Introduzione: la rilevanza prasseologica dei reati culturalmente motivati in Europa - 1. Violenze in famiglia: a) maltrattamenti e sequestri di persona a danno di familiari - 2. Violenze in famiglia (segue): b) sequestri di giovani donne, finalizzati ad imporre un matrimonio combinato - 3. Violenze in famiglia (segue): c) ‘soppressione’ dei familiari che si ribellano alle regole e al codice etico della famiglia d’origine - 4. Reati a difesa dell’onore: a) la vendetta di sangue - 5. Reati a difesa dell’onore (segue): b) omicidi a difesa dell’onore sessuale - 6. Reati a difesa dell’onore (segue): c) reati a difesa dell’onore personale (autostima) - 7. Reati di riduzione in schiavitù. - 8. Reati contro la libertà sessuale: a) violenze sessuali su ragazze minorenni - 9. Reati contro la libertà sessuale (segue): b) violenze sessuali su donne maggiorenni - 10. Mutilazioni genitali e tatuaggi ornamentali ‘a cicatrici’ (c.d. scarificazioni) - 11. Reati in materia di sostanze stupefacenti - 12. Inadempimento dell’obbligo scolastico - 13. Reati di terrorismo internazionale - 14. Altri reati commessi dall’immigrato in una situazione di errore sul fatto che costituisce il reato ovvero di errore sulla legge che prevede il fatto come reato - 15. “Pane e cioccolata”: quando l’imputato è un immigrato italiano - Chiusa.

Scarica il testo completo in PDF

Le “relazioni pericolose” tra libertà di espressione e libertà di religione: riflessioni alla luce del principio di laicità - di Carmela Salazar

SOMMARIO: 1. Premessa -2. Libertà di espressione, libertà di religione, principio di laicità: un rapporto complesso - 3. Il conflitto tra le due libertà ed il diritto penale: la normativa sul c.d. hate speech - 4. ll vilipendio “smantellato”: l’evoluzione della giurisprudenza costituzionale sugli artt. 402 ss., c.p. - 5. Segue: le sentenze sul vilipendio della religione a raffronto con le decisioni sulla “laicizzazione” del giuramento e con le pronunce sull’obiezione di coscienza - 6. Segue: i delitti contro le confessioni religiose nella l. n. 85 del 2006: una riforma “laica”? - 7. Tra conflitti e sinergie: la libertà di espressione religiosa del lavoratore, il nuovo diritto antidiscriminatorio e la disciplina delle “organizzazioni di tendenza” - 8. Segue: le eccezioni alla regola. La libertà di espressione degli insegnanti di religione nella scuola pubblica e la libertà di insegnamento dei docenti dell’Università cattolica - 9. La libertà di esprimere la propria appartenenza religiosa negli ordinamenti multiculturali: il porto dei simboli religiosi (ancora sull’affaire du foulard) - 10. Libertà di espressione e libertà di religione tra sfera della libertà e sfera dell’autorità: le “esternazioni” delle confessioni (con particolare riguardo alla Chiesa cattolica).

Scarica il testo completo in PDF

Società multiculturali, immigrazione e reati culturalmente motivati (comprese le mutilazioni genitali femminili) - di Fabio Basile

SOMMARIO: 1. Precisazioni terminologiche e delimitazione del campo d’indagine - 1.1. I nuovi concetti di “società multiculturale”, “cultural defense” e “reato culturalmente motivato” - 1.2. La definizione etnicamente qualificata di cultura. Prima delimitazione di campo della nostra indagine - 1.3. La distinzione tra società multiculturale di tipo multinazionale e società multiculturale di tipo polietnico. Seconda delimitazione di campo della nostra indagine - 2. Come gli Stati europei gestiscono la diversità culturale ‘importata’ dagli immigrati - 2.1. Modello “assimilazionista” versus modello “multiculturalista” - 2.2. Il modello “assimilazionista” alla francese - 2.3. Il modello “multiculturalista” all’inglese. - 2.4. Quale modello preferire? - 2.5. La tolleranza ed i suoi limiti (all’interno del modello multiculturalista). - 2.6. Ancora sui limiti alla tolleranza: la distinzione tra “restrizioni interne” e “tutele esterne” - 3. I reati culturalmente motivati commessi dagli immigrati. - 3.1. La nozione di reato culturalmente motivato - 3.2. La reazione ai reati culturalmente motivati nel diritto penale dei Paesi europei (con cenni alle cultural defenses nell’esperienza statunitense) - 3.2.1. In particolare, nel diritto penale dei Paesi europei “assimilazionisti” - 3.2.2. In particolare, nel diritto penale dei Paesi europei “multiculturalisti” - 3.2.3. In particolare, nel diritto penale italiano - 4. Le mutilazioni genitali femminili quale reato culturalmente motivato - 5. La reazione del diritto penale alle mutilazioni genitali femminili - 5.1. Nei Paesi europei - 5.2. In Italia - 6. Alcune conclusioni provvisorie.

Scarica il testo completo in PDF

Onore, sentimento religioso e libertà di ricerca scientifica - di Emanuele La Rosa

SOMMARIO: 1. Considerazioni introduttive – 2. Libertà di manifestazione del pensiero e tutela dell’onore: un equilibrio difficile – 3. La critica scientifica: nozione – 4. segue: fondamento costituzionale – 5. La corretta ricostruzione dei fatti oggetto del giudizio come requisito di legittimità della critica scientifica – 6. Le questioni connesse alla pertinenza e alla continenza espressiva – 7. Sentimento religioso collettivo e tutela dell’onore – 8. Verso una limitazione della libertà di ricerca in materia religiosa o socio-religiosa?

Scarica il testo completo in PDF

Giurisdizione matrimoniale ecclesiastica e poteri autoritativi della magistratura italiana - di Geraldina Boni

SOMMARIO: 1. La sentenza n. 22827 del 2004 della Cassazione penale italiana - 2. Il segreto “professionale” del ministro di culto/giudice ecclesiastico - 3. Indipendenza e sovranità della Chiesa nel suo ordine e attività dei tribunali ecclesiastici in materia matrimoniale. La libertà della giurisdizione della Chiesa e la repressione dei reati da parte dello Stato - 4. Il ricorso al giudice italiano in ambito giudiziario matrimoniale canonico. Fisionomia e caratteri del processo canonico di nullità del vincolo e illeciti penali in esso perpetrabili - 5. Quali i possibili effetti delle “interferenze” della giustizia italiana sul processo canonico? - 6. Giurisdizione della Chiesa e giurisdizione dello Stato nell’ottica della reciproca collaborazione tra Stato italiano e Chiesa cattolica per la promozione dell’uomo e il bene del paese.

Scarica il testo completo in PDF

Vilipendio religioso e satira: “nuove” incriminazioni e “nuove” soluzioni giurisprudenziali - di Placido Siracusano

SOMMARIO: 1. Considerazioni introduttive – 2. Il vilipendio religioso nel prisma della libertà di manifestazione del pensiero – 3. Le nuove coordinate penalistiche del vilipendio di ministri di culto – 4. Segue: il bene giuridico tutelato tra variegate proposte dottrinarie ed una “sorprendente” Carta dei valori – 5. Il diritto di satira: fondamento, limiti, applicazioni – 6. Le - non interamente - condivisibili soluzioni della sentenza.

Scarica il testo completo in PDF

Mutilazioni genitali femminili. La risposta giudiziaria e le questioni connesse - di Andrea Gentilomo

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Il quadro normativo extra-europeo - 3. L’Europa - 4. L’Italia - 5. Qualche considerazione conclusiva.

Scarica il testo completo in PDF

Un prete colpevole di genocidio? - di Paolo Moneta

SOMMARIO: 1. La sentenza di condanna del Tribunale internazionale per il Ruanda - 2. Il conflitto etnico nel Ruanda ed il genocidio dei Tutsi. La costituzione del Tribunale internazionale - 3. L’eccidio nella chiesa di Nyange ed il comportamento del responsabile della parrocchia - 4. Inquadramento giuridico dei crimini commessi e commisurazione della pena - 5. Le perplessità suscitate dalla sentenza e l’originario impianto accusatorio contro il sacerdote - 6. La Chiesa cattolica, il Sinodo dei vescovi per l’Africa ed il cristianesimo nelle popolazioni africane.

Scarica il testo completo in PDF

Dalla tutela della religione di Stato alla difesa della libertà dei culti: la svolta liberale del codice Zanardelli - di Loredana Garlati

Non è semplice disegnare con pochi tratti di penna il lungo cammino intrapreso dal diritto verso la laicità. Non lo è neppure se si voglia assumere quale momento specifico di riflessione il solo ambito penale, come mi propongo di fare in questo mio intervento. Tramontata l’ossessione medievale della reductio ad unum, l’età moderna, con la definitiva frantumazione dell’universalismo, politico e religioso, avvia un processo di separazione tra sfera morale e giuridica, che troverà i suoi momenti di massima teorizzazione dottrinale nel giusnaturalismo, prima, e nell’illuminismo poi. Di fronte alla rottura dell’unità cristiana, all’emersione, sul proscenio di un mondo dai confini allargati, di civiltà fino ad allora sconosciute, si afferma una visione antropocentrica che solleva questioni nodali, interessanti al tempo stesso etica e diritto. E se le dottrine della Seconda scolastica, come è stato osservato, “con le loro aperture poterono delineare spazi che la secolarizzazione avrebbe poi occupato”, la desacralizzazione vera e propria si avvia con il giusnaturalismo “moderno”, laico, perché incentrato sull’uomo e rivolto esclusivamente a configurare le norme per la società civile. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Danno per l’anima e danno grave alla persona: una discutibile lettura dell’art. 54 c.p. - di Sara Turchetti

Secondo il Giudice di pace di Foligno esiste una categoria di persone che possono percorrere le strade italiane, alla guida di un’auto, a velocità superiore  – anche di molto superiore –  ai limiti imposti ai restanti utenti della strada. I titolari di tale “privilegio” sono, secondo il Giudice di pace, religiosi e ministri del culto cattolico, alla sola condizione che abbiano agito (o dichiarino di aver agito) per portare l’estrema unzione a un fedele in punto di morte.  Vediamo di far luce sugli snodi essenziali della sentenza, che accoglie il ricorso relativo ad una violazione dell’art. 142 comma 9 cod. strada e dispone l’archiviazione del procedimento. L’istituto sul quale il Giudice di pace fa leva per approdare all’accoglimento del ricorso è quello dello stato di necessità, ... (Continua).

Scarica il testo completo in PDF