Rivista telematica (www.statoechiese.it)
Online dal gennaio 2007
Menu

Articoli in Stato della Città del Vaticano

Il Giudice italiano e le Università Pontificie: un “rapporto” controverso - di Settimio Carmignani Caridi

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Significatio verborum - 3. Dove ha la propria sede la PUL? - 4. Che rapporto c’è tra la PUL e la Santa Sede? - 5. La docenza universitaria ecclesiastica è funzione ecclesiale? - 6. La Santa Sede si è vista riconoscere in sede internazionale la sua competenza sulle università ecclesiastiche e pontificie? - 7. Inquadramento della materia così ricostruita nella normativa pattizia - 8. Conclusioni.

The Italian judge and the Pontifical Universities: a controversial relationship

ABSTRACT: The article examines the juridical status of the Roman Pontifical Universities and the jurisprudence of the Supreme Court of Cassation regarding employment relationships with institutions dependent on the Holy See.

Scarica il testo completo in PDF

Successioni e donazioni nel diritto vaticano. Profili sostanziali e processuali - di Matteo Carnì

Sommario: 1. Introduzione - Parte prima (Profili di diritto canonico) • 2. Successioni e donazioni nel diritto della Chiesa. Note storiche - 3. Il canone 1299 del Codex Iuris Canonici del 1983. Gli atti mortis causa - 4. Il testamento dei religiosi e dei presbiteri - 5. Le formalità del diritto civile - 6. Il canone 1299 del Codex Iuris Canonici del 1983. Gli atti inter vivos - 7. Il rinvio al diritto civile previsto dal canone 1290 in materia contrattuale - Parte seconda (Profili di diritto vaticano) • 8. Successioni e donazioni nelle fonti del diritto vaticano - 9. Aspetti di diritto processuale vaticano in materia successoria - 10. Giurisprudenza vaticana in materia successoria.

Vatican inheritance and gifts law. Substantive and procedural aspects

ABSTRACT: This paper aims to clarify Vatican (substantive and procedural) inheritance and gifts law. A special attention is given to canon law, first source of the Vatican legal system. The article specially considers the leading cases of Vatican Courts (first, second and third instance) regarding to succession.

Scarica il testo completo in PDF

I rapporti internazionali dello Stato Città del Vaticano alla luce degli interventi normativi in materia finanziaria - di David Durisotto

SOMMARIO: 1. Stato Città del Vaticano e Unione europea. La Convenzione monetaria - 2. Lo sviluppo della SCV del Vaticano. Il dilatamento della giurisdizione vaticana e i rapporti di giurisdizione con l’Italia - 3. La normativa vaticana e il processo di valutazione MONEYVAL. Approccio collaborativo delle autorità vaticane e rapporti internazionali - 4. Gli sviluppi più recenti.

International Relations of Vatican City State and measures in financial law

ABSTRACT: After having outlined the peculiarities of Vatican City State's nature, this paper examines the development of its financial law, starting with the Monetary Convention with European Union. The Holy See from 2009 makes a serious effort to adjust its law to the current needs of an increasingly globalised market. This results in a profound change in the Vatican international relations, which were previously mainly addressing Italy, in order to satisfy the territorial and material needs of a small State. Today Vatican City State has agreed to be subject to periodic controls on its financial system by international bodies. It has developed a system of international relations and it integrates into the global financial market transparency system.

Scarica il testo completo in PDF

The Institute for Religious Works: key features of financial intermediation - di Francesca Arnaboldi Bruno Rossignoli

SUMMARY: 1. Introduction – 2. Background to anti-money laundering – 3. Financial intermediation, 2011–2014 – 4. Conclusion.

Scarica il testo completo in PDF

Il ruolo dei Cardinali nella Costituzione Apostolica Pastor Bonus sulla Curia Romana - di Fabio Blasigh

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. I Cardinali nelle Congregazioni Romane – 3. Le “Riunioni di Cardinali” nella Curia Romana – 3.1 Il rapporto tra i Concistori e la Curia Romana – 3.2 Le Riunioni Interdicasteriali – 3.3 Il Consiglio di Cardinali per lo studio dei problemi organizzativi ed economici della Santa Sede – 4. Il Cardinale Segretario di Stato – 5. I Cardinali nei Pontifici Consigli e negli Uffici della Curia Romana – 6. I Cardinali nei Tribunali – 7. Conclusione.

The role of the Cardinals in the Apostolic Constitution Pastor Bonus on the Roman Curia

ABSTRACT : The Cardinals are the main collaborators of the Roman Pontiff in governing the universal Church. This collaboration takes place both at the collegiate level in consistories and individually within the Roman Curia. The Apostolic Constitution Pastor Bonus promulgated in 1988 by St. John Paul II devotes ample space to the service offered by the Cardinals in the departments. The author of this article will attempt to analyze the tasks entrusted to the Cardinals in the various Dicasteri, in particular at Congregations and the Secretariat of State, and pointing out the differences with the previous discipline of Regimini Ecclesiae Universae . Special attention will be devoted to the activity of coordination curial left to the Meeting of Cardinals and finally the relationship and discipline posed by Pastor Bonus to the relationship between the Roman Curia and the Consistories.

Scarica il testo completo in PDF

Spazio pubblico e coscienza individuale: l’espansione del penalmente rilevante nel diritto canonico e nel diritto ecclesiastico - di Salvatore Berlingò

Sommario : 1. Privata libertà di coscienza ed ethos sociale collettivo - 2. La libertà di formazione della coscienza - 3. Gli indirizzi giurisprudenziali a sostegno del pluralismo culturale e religioso. - 4. Il penalmente rilevante nel diritto canonico - 5. Salus animarum e sanzioni penali canoniche - 6. La normativa penale vaticana e i suoi riflessi nell’ordinamento della Chiesa - 7. Il processo di riforma del diritto penale canonico - 8. Il principio di legalità e la tutela dell’umana dignità di tutti i fedeli - 9. Per una lettura il più possibile sostanziale e dinamica della legalità in ambito canonico e in ambito civile.

Public space and the individual conscience: the expansion of the act criminally considerable in canon and ecclesiastical law

ABSTRACT : The autonomous existence of religious groups is an essential and constitutive element of public space as an irreplaceable sustenance for the pluralism in a democratic society and for the empowerment of a synthesis of values shared by all and continually in progress. It is necessary, however, that all groups use a legal language or, like this one rationally understandable; and therein the Catholic Church can take advantage of the tools offered by the canonistic tradition. Therefore, the comparison between the most recent developments of the canonical law in criminal matters and those recorded in parallel by the criminal law of the State, may be useful, especially in respect of a reading of the principle of legality as much as possible significant and dynamic.

Scarica il testo completo in PDF

Convergenze “parallele”, nonostante Pio IX, nel nuovo diritto penale vaticano - di Francesco Zanchini


SOMMARIO: 1. Preambolo - 2. (segue) L’impatto sulla visione cattolica dell’ermeneutica moderna - 3. Diritto naturale ed ermeneutica dei valori - 3. La questione dell’ordinamento vaticano - 4. Verso un adeguamento a principii internazionalistici generali dell’ordinamento vaticano?
 

Scarica il testo completo in PDF

La legislazione vaticana in materia finanziaria: un banco di prova dell’art. 17 del TUE e dei principi di collaborazione e cooperazione tra Chiese, Stato e Unione Europea - di Maria Cristina Folliero

SOMMARIO : 1. Premessa – 2. Antefatti e pre-condizioni della legislazione finanziaria vaticana più recente - 3. Il nuovo corso della legislazione finanziaria vaticana: ruolo e funzione dell’art. 17 del Trattato di Lisbona - 4. Chiese e processo di integrazione valoriale europeo - 5. Chiese e processo mercatista di integrazione economica europea - 6. Il processo di integrazione al modello europeo della legislazione finanziaria vaticana - 7. Un processo che continua.

Scarica il testo completo in PDF

Una legge eguale per tutti in Vaticano: segnali di innesto di moderni principii di civiltà giuridica in un sistema a statuto feudale? - di Francesco Zanchini

L’ordinamento giudiziario dello Stato della Città del Vaticano, nelle incarnazioni seguite alla prima legge sulle fonti del diritto del 1929, ha sempre, sostanzialmente, lasciata impregiudicata la questione se gli illeciti commessi dagli addetti ai dicasteri di Curia potessero essere perseguiti dagli organi della giustizia penale vaticana. Non è un caso che la corte di Cassazione abbia affrontato talora questo tema delicato (senza per altro risolverlo con la dovuta chiarezza) nei termini di un discrimine supremo tra la giurisdizione del minuscolo Stato e il sistema parallelo della giustizia canonica in spiritualibus; cioè delle magistrature istituite a norma dei cann. 1404 ss. CJC (cfr. cann. 1556 ss. del vecchio codice Gasparri) e regolate dai cann. 1717 ss. CJC (cfr. cann. 1933 ss. del vecchio codice). (Continua)
 

Scarica il testo completo in PDF

Stato Città del Vaticano, Santa Sede e normativa antiriciclaggio. Produzione legislativa tra specificità funzionali e complessità strutturali - di Giuseppe Rivetti

SOMMARIO: 1. Interventi legislativi fondati sulle applicazioni giuridiche dei moderni principi dell’etica sociale. Lo Stato della Città del Vaticano da “enclave” dell’Italia a “enclave” dell’Unione europea - 2. Fonti. Rapporti tra ordinamento vaticano e ordinamento canonico - 3. Normativa antiriciclaggio: quadro legislativo di riferimento in continua evoluzione, in ragione di specificità strutturali. Analogie e differenze con la disciplina italiana - 4. Rapporto Moneyval: revisioni normative, in relazione alle Raccomandazioni Gafi (2012).

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” - Editoriali • Lo IOR e le occasioni sprecate (di g.c.) - di Giuseppe Casuscelli

I rapporti tra lo Stato italiano e la Chiesa cattolica sono stati segnati in passato, e lo sono ancora, a uno sguardo d’insieme, da occasioni mancate e interventi manchevoli. Le vicende dell'Istituto per le Opere di Religione (IOR), in particolare, sono state segnate da occasioni sprecate - da ambedue le parti - fin da quando era apparso incontrovertibile che l'Istituto, a dispetto della denominazione e diversamente da quanto previsto dallo Statuto, era dedito all'esercizio improprio di attività bancaria.
La disinvolta gestione dello IOR (protrattasi anche dopo gli anni della “gestione Marcinkus”), ostacolando volontà e tentativi di riforma, ha alimentato anch'essa quelle “divisioni nel corpo ecclesiale” che - almeno a fare data dagli avvenimenti che hanno condotto al fallimento del Banco Ambrosiano - hanno contribuito a deturpare il volto della Chiesa (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Aspetti della Giustizia Vaticana - di Giuseppe Dalla Torre

SOMMARIO: 1. Un nuovo interesse per la Giustizia Vaticana – 2. Ordinamento vaticano e ordinamento canonico – 3. Peculiarità dell’ordinamento giudiziario – 4. La questione dell’interpretazione – 5. Un caso particolare nel diritto penale – 6. La nuova normativa in materia di antiriciclaggio e lotta al terrorismo – 7. Cenni di conclusione.

Scarica il testo completo in PDF

La legislazione antiriciclaggio dello Stato della Città del Vaticano: una comparazione con il sistema italiano - di Filippo Sgubbi Désirée Fondaroli Annamaria Astrologo Giuseppe Silvestri

SOMMARIO: 1. Il peso del diritto penale nel “fardello temporale” – 2. La Legge 24 aprile 2012, N. CLXVI dello Stato della Città del Vaticano nel sistema delle fonti del diritto - 3. (segue) “Persona giuridica” e “Autorità pubblica” ai sensi della Legge N. CLXVI – 4. Le misure di prevenzione e contrasto introdotte dalla Legge N. CLXVI del 2012, con particolare riferimento al delitto di riciclaggio – 5. L’art. 42 bis Legge N. CLXVI. Analogie e differenze rispetto al nucleo della disciplina italiana in materia di responsabilità degli enti.

ABSTRACT: This research is focused on anti-money laundering regulations in Vatican City State (Legge 24 aprile 2012 N. CLXVI). In particular, one compare it with italian set of rules and one analyze the system of vatican legal sources.

Scarica il testo completo in PDF

I “bancomat” vaticani e la nuova “questione romana” in materia finanziaria - di Antonio Fuccillo

SOMMARIO: 1. La recente vicenda dei “bancomat” vaticani bloccati dalla Procura della Repubblica di Roma - 2. Trasparenza finanziaria Vs. indipendenza della Santa Sede - 3. La normativa in materia di misure per il contrasto al riciclaggio e i riflessi sulla libertà religiosa dei fedeli nello Stato Città del Vaticano.

Scarica il testo completo in PDF

Personal data protection in the Vatican City State: Views on the applicability and enforceability of Italian data protection legislation - di Dario Morelli

SUMMARY: 1. General framework of the applicability of Italian legislation within the Vatican City State - 2. The right to privacy under European and canon law - 3. Applicability and enforceability of the Italian Data Protection Code within the Vatican City State.

ABSTRACT: In the Vatican City State no specific laws have been adopted either by the Supreme Pontiff, the Pontifical Commission, or other legitimate Vatican City State authorities in relation to the fundamental right to privacy of natural and legal persons. Canon 220 of the Code of Canon Law refers to the protection of a good reputation and of intimitas, but does not provide for specific or self-contained rules related to personal data protection; it contains only general principles that can (and should) be articulated in more specific regulations. Therefore, it seems feasible that the provisions of the Italian Data Protection Code concerning the processing of personal data and the protection of privacy in the telecommunications sector - as well as any other provision concerning the sector of telecommunications and relevant services, both of landline and mobile networks, in their entirety - should be automatically applicable within the Vatican City State, pursuant to Article 12.1.a.5 of Law no. LXXI on the sources of law of the Vatican City State.

Scarica il testo completo in PDF

Le Sezioni Unite della Cassazione e l’art. 11 del Trattato lateranense - di Paolo Cavana

SOMMARIO: 1. Una fattispecie semplice - 2. La nozione di enti centrali della Chiesa cattolica - 3. Il contenuto della garanzia pattizia - 4. La teoria dell’immunità ristretta nella giurisprudenza (caso Cermis) - 5. I limiti alla teoria dell’immunità ristretta (caso Calipari e caso Ferrini) - 6. La teoria dell’immunità ristretta e la sua applicazione agli enti centrali della Chiesa - 7. Immunità ristretta e limiti all’efficacia civile dei provvedimenti confessionali - 8. La portata attuale della garanzia pattizia - 9. (segue) La recente Convenzione monetaria tra lo Stato della Città del Vaticano e l’Unione Europea.

ABSTRACT: This essay examines the more recent judgements of the United Sections of the italian Court of Cassation on Article 11 of the Lateran Treaty, in the context of the vibrant juridical debate on this matter. It highlights how the United Sections of the Court defines this legal guarantee, granted by lateran Treaty to the central entities of the Catholic Church, in terms of “functional or restricted immunity” according to international law, so that - the Court adds - its basic foundation in the Italian constitution lies both in Article 7 (State-Church relations) and in Art. 10, concerning the automatic effect of the general international norms in the Italian system of law. Furthermore, the paper makes some relevant remarks about the main aspects and actual evolution of the doctrine of sovereign “immunity” through some recent judgements of italian law Courts. Then it underlines some emerging differences in its application - through Art. 11, Lat. Treaty - to the central entities of the Catholic Church, deriving from the special recognition of the “sovereignty of the Holy See in international matters” (Art. 2, Lat. Treaty). Finally it makes some concluding remarks about the actual meaning of this legal guarantee, taking the 2009 Monetary Agreement between the European Union and the Vatican City State into consideration too.

Scarica il testo completo in PDF

Riflessioni sull’origine e sul significato dell’art. 24 del trattato lateranense - di Giovanni Barberini

SOMMARIO: 1. I negoziati – 2. Il significato dell’art. 24 – 3. La neutralità e l’inviolabilità del territorio vaticano – 4. La partecipazione della Santa Sede alla Conferenza di Helsinki – 5. La Santa Sede, Potenza non politica, svolge attività politica nella comunità internazionale.

Scarica il testo completo in PDF

Profili problematici della legge vaticana n. LXXI/2008 sulle fonti del diritto - di Simona Attollino

SOMMARIO: 1. Considerazioni introduttive - 2. L’analisi del provvedimento - 3. Lo strumento del rinvio - 4. Riflessioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Brevi note in tema di vigenza delle leggi italiane nello Stato della Città del Vaticano - di Pasquale Colella

La creazione dello Stato della Città del Vaticano, come organismo autonomo, indipendente e sovrano e come tale distinto dalla Santa Sede, non subentrato al vecchio Stato della Chiesa, estinto per “debellatio” dopo l’occupazione di Roma avvenuta nel 1870; esso nasce in conseguenza dei Patti del Laterano dell’11 febbraio 1929 e costituisce uno stato “unicum” nel suo genere per garantire, anche territorialmente, l’indipendenza e la sovranità della Chiesa cattolica. Tale Stato è regolato dal 7 giugno 1929 da sei leggi organiche emanate dal Governatorato della Città del Vaticano, di cui la seconda legge riguarda le fonti del diritto di questo nuovo Stato; infatti la II legge organica dispone che le fonti del diritto dello Stato della Città del Vaticano siano “in primis” “leggi fondamentali” costituite da una “costituzione” pubblicata negli Acta Apostolicae Sedis (e successivamente modificata dal “motu-proprio” di Giovanni Paolo II del 26 novembre 2000), dal Codex juris canonici e, in via suppletiva per le materie non disciplinate dalle leggi vaticane, dalle leggi e dai codici vigenti in Italia l’8 giugno 1929 ed anche dalle consuetudini vigenti alla stessa data recepite come oggetto di rinvio materiale o recettizio dal legislatore Vaticano. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Lo Stato della Città del Vaticano rifiuta le leggi italiane - di Valerio Tozzi

La stampa quotidiana ci informa di un provvedimento vaticano, esecutivo dal 1° gennaio del 2009, per cui le leggi italiane non avrebbero più un’applicazione all’interno del territorio di quello Stato. Si tratterebbe della rinuncia ad un “rinvio di produzione normativa” per cui, quel soggetto sovrano rinuncia ad esercitare nel merito la funzione nomopoietica, esercitandola solo sul piano formale con l’assumere come regola propria la regola creata da altro ordinamento. Se si è bene inteso, ciò dipenderebbe dall’eccessiva distanza fra i contenuti della legislazione italiana ed i valori non negoziabili  della fede cattolica. Presa astrattamente, cioè senza riferimenti al contesto specifico di riferimento, la notizia non dovrebbe destare sorpresa e si manifesterebbe come perfettamente logica. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF