Rivista telematica (www.statoechiese.it)
Online dal gennaio 2007
Menu

Articoli in Sport e religione

Sport, religione e pluralismo culturale: le molteplici forme di lotta alla discriminazione etnico-confessionale - di Antonello De Oto

SOMMARIO: 1. Identità e alterità nello sport. Religioni, etiche e culture a confronto - 2. L’avvento della pluralità nel diritto sportivo e la (quasi) finita stagione della neutralità - 3. La discriminazione etnico-confessionale nella pratica sportiva. Gli strumenti normativi e istituzionali europei di contrasto alla condotta discriminatoria - 4. Quando il mondo dello sport arriva prima: la nascita del c.d. ius soli sportivo (legge 20 gennaio 2016 n. 12).

Sport, religion and cultural pluralism: the multiple forms of contrast to the ethnic-confessional discrimination

ABSTRACT: The article deals with the theme of recognizing and regulating identity and diversity in sport with a focus on religious element and the recent and gradual change of attitude of sports federations with respect to it, moving slowly from the time of secularity-neutrality in sport to the recognition of the athlete's religious identity. The second part of the paper examines the theme of ethnic-confessional discrimination in sporting practice and analyzes the European normative and institutional instruments for contrasting discriminatory behavior and the prospects for this action coordination, also taking into account the birth of the “c.d. Ius soli sportivo” (Law 20 January 2016 No. 12) in Italy, a great innovation for a Country as ours still argues, at the level of citizenship, in a logic of “ius sanguinis”

Scarica il testo completo in PDF

Non solo per gioco: la religione nell’ordinamento sportivo - di Nicola Fiorita

SOMMARIO: 1. Considerazioni introduttive - 2. Dalla neutralità alla pluralità: come cambiano le regole del gioco - 3. Divisa da gioco, abbigliamento e simboli religiosi - 4. Il digiuno - 5. L’autonomia contrattuale - 6. Come un time-out: qualche indicazione provvisoria.

Scarica il testo completo in PDF

Discriminazione e propaganda religiosa nel diritto calcistico - di Maria Cristina Ivaldi

SOMMARIO: 1. Cenni introduttivi a proposito degli ordinamenti sportivi – 2. La rilevanza del fattore religioso nel diritto sportivo – 3. La FIFA tra divieto di discriminazione e assenza di ulteriori norme specifiche di rilevanza religiosa – 4. La neutralità UEFA. La previsione congiunta dei divieti di discriminazione e propaganda anche religiosa – 5. La FIGC e le statuizioni nella materia de qua . La punizione della blasfemia – 6. Conclusioni interlocutorie. La regola 4 delle Laws of the Game tra divieto di propaganda e permesso di indosso di copricapi religiosi.

Discrimination and religious propaganda in football law

ABSTRACT : After a brief review over sport legal system, the paper deals with the relationship between religion and sport, in a juridical perspective. First in general and then with regards of football at international, supranational and national level (FIFA; UEFA and FIGC), focusing on the ban of religious discrimination and the most recently interdiction of religious propaganda. Before concluding with some regards on the almost changed rules 4 of the “Laws of the Game” – that concurrently on the one hand allows head covers (hijab and turban) and on the other prohibits to reveal undergarments that show also religious slogans, statements or images, or advertising other than the manufacturer logo – the essay focuses on the peculiarity FIGC prescription to punish the use of blasphemy since 2010.

Scarica il testo completo in PDF