Rivista telematica (www.statoechiese.it)
Online dal gennaio 2007
Menu

Articoli in Separatismo

Atheism and the Principle of Laïcité in France. A Shifting Process of Mutual Adaptation - di Francesco Alicino

SUMMARY: 1. Introduction - 2. The Vertical and Horizontal Influences - 3. Atheism, laïcité and Church - 4. Atheism, laïcité and Islam - 5. Today’s Popular Sources of Atheism - 6. Conclusion.

ABSTRACT: With this article, the Author outlines the legal issues involving the atheism in France, analysing them in the light of the principle of laïcité. France has a long history of criticism of religion. Many philosophes of the Enlightenment, for example, have provided the classical writings in this field. In this sense, they were able to aliment two major streams of thought of the magmatic French atheism: one is based on the horizontal influences arising from the effect of increasing worldwide travel with the discovery that people do not necessary share the same views and beliefs about the nature of human being; the other is centred on vertical arguments bubbling up from the past in a very form of scepticism and realism. With its multi-faceted and articulated view, the French atheism has also been promoted by a number of movements devoted to arguing the case for non-belief and for its political expression in laïcité. In this manner, the Author tries to demonstrate that, since the Great Revolution and during the long history of the French constitutional system, laïcité de combat and atheism has been influencing each other in a constantly shifting process of mutual adaptation.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà di coscienza e religione alla prova della post-modernità: la prospettiva giusfilosofica di Martha C. Nussbaum - di Andrea Romeo

SOMMARIO: 1. “A tradition under threat”. Antropologia della paura e tendenze esclusiviste delle comunità dominanti - 2. La tradizione filosofica del pensiero costituzionale: Williams, Madison e i princìpi cardine della tradizione di “religious fairnes” - 3. Forme di Benign Establishment: critica alla tesi della “presunta innocuità” e interpretazione autentica del principio di separazione - 4. Neutralità statale e speciale considerazione del fenomeno religioso: un rapporto problematico.

Liberty of conscience and liberty of religion on the challenge of the post-modernity: the Martha C. Nussbaum's philosophical jurisprudence

ABSTRACT: Nussbaum is one of the prominent defenders of the North American liberal tradition, threatened by the post-modern tendency to the exaltation of elements from the mainstream religion and the creation of in-groups between citizens. In his writings, the philosopher reproposes the value of liberal tradition by trying to show the impossibility to justify even the most venial forms of the benign establishment, as in the case of state-sponsored-religious-displays. The article focuses on Nussbaum'arguments, in a critical perspective.

Scarica il testo completo in PDF

Il secolarismo all’ombra dei minareti: il principio costituzionale di laicità nella Turchia moderna e contemporanea - di Marco Galimberti

SOMMARIO: 1. Premessa introduttiva - 2. La Türkiye Cumhuriyeti tra eredità islamica e legittimazione internazionale - 3. La laicità dello Stato: il fondamento della nuova identità nazionale - 4. Le forze armate e la Corte costituzionale: i ‘custodi’ della laiklik - 5. La parabola dell’AKP: dall’impulso riformista alla recente involuzione autoritaria - 6. Le implicazioni giuridiche del fallito golpe del 2016.

Secularism in the shadow of the minarets: the constitutional principle of secularism in modern and contemporary Turkey

ABSTRACT: The present essay deals with the so-called ‘laiklik’, namely the Kemalist understanding of the constitutional principle of secularism implemented in the Turkish legal framework over the last century. The analysis takes as a starting point the establishment of the modern Republic of Turkey and focuses firstly on the staunch protection of secularism by its traditional ‘guardians’ (i.e. the army and the Constitutional Court). In particular, it is argued that the rhetoric of secularism has been exploited by the ruling élites with the aim to curb religious, cultural and political pluralism. Subsequently, the paper investigates the controversial policies adopted by the AKP - the moderate pro-Islamic party in power uninterruptedly since 2002 - and the rule of law crisis recently occurred in the country. In this regard, the author eventually seeks to assess the aftermath of the coup attempt failed in July 2016, by giving special attention to its short and long-term implications in the light of Turkish secularism.

Scarica il testo completo in PDF

Vittorio Emanuele Orlando e la “questione romana” - di Leone Melillo

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Dalle “condizioni svariate e complesse della coscienza giuridica del popolo” alla “sovranità dello Stato” – 3. Il mancato accordo politico – 4. Conclusione.

Vittorio Emanuele Orlando and the "Roman question"

ABSTRACT: The motivation that leads Orlando to negotiate the solution of the “Roman Question” with Monsignor Bonaventura Cerretti, that he “met” in Paris, as “sent” by Benedict XV, focuses on the work of political agreement, on the “crisis” of the “Orlando ministry” and, therefore, on the Lateran Pacts of 11th February 1929, which mark the overcoming of a politics, founded on the “law of guarantees”, and give a “not very different text from that of Orlando - Cerretti’s one”.

Scarica il testo completo in PDF

Secularism e post-modernità: qualche eco da oltreoceano - di Alessandro Ferrari

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Considerazioni preliminari - 3. La fine del ‘vecchio mondo’ - 4. Universalità e identità - 5. Un nuovo protagonismo per i diritti religiosi? - 6. Per concludere.

Secularism and post-modernity: some American echos

ABSTRACT: The paper focuses on the works of six North American authors stemming from the conviction that the end of the ‘modern world’ is nigh and we are locked into the irreversible entropy of a secularism understood as a wall of separation between politics and religion. These convictions, together with a strong criticism towards legal positivism, imply the idea of the porousness of the borders between the sacred and profane, and a resulting reciprocal adjustment, an osmosis between the political and the religious spheres. In this paper, I would like to concentrate on the new approaches proposed by these authors and on the historical end epistemological connotations of the posited osmosis between the political and religious spheres.

Scarica il testo completo in PDF

“Un giogo salutare per l’intelligenza”: dogma religioso e libertà politica nella Democrazia in America di Tocqueville - di Carlo Sabbatini

SOMMARIO: 1. In forma di premessa - 2. L’immensa maggioranza degli spiriti -  3. Una forma particolare della speranza: religione e libertà tra dispotismo e repubblica - 4. Dal dogma teologico al dogma della maggioranza -  5. Quale religione? - 6. Contro la patologia del dubbio - 7. Polvere intellettuale: il metodo filosofico tra America ed Europa - 8. Chiesa e Stato tra America e Francia - 9. Democrazia e Cattolicesimo americano - 10. Una democrazia cristiana: Stato e Chiesa nell’ ‘ultimo’ Tocqueville.

“A salutary yoke on the intellect”: Religious Dogma and Political Freedom in Tocqueville’s Democracy in America.

ABSTRACT: The essay examines the relationship between religion and politics in Tocqueville's thinking, with particular attention to the synergy between Christianity and the development of democratic institutions, studied by the author in the United States. In the two volumes of Democracy in America, he observes that the doctrine of Christianity, subject to a process of popularization characteristic of American social dynamism, constitutes an essential connective tissue, through which the principle of equality permeates custom, law and institutions. This stabilization function finds a fundamental premise in the separation between spiritual and temporal sphere, which allows the former not to be bent to the conveniences of the second and, above all, not to be subjected to attacks which, as in the French Revolution, have confused and condemned it with its institutional form under the ancien régime. Such a circumstance, according to Tocqueville, has deprived society of the fundamental ethical background that unites it, neglecting above all the powerful egalitarian message that he identifies as a general character of Christianity and in particular of Catholicism, which he thinks even more appropriate to the democracy as the Protestant faith and which, by acting on custom, would enable the establishment and development of an indigenous democratic model also in France.

Scarica il testo completo in PDF

Jean Bodin: dalla tolleranza alla libertà religiosa - di Leone Melillo

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Dalla tolleranza alla possibilità di “riconoscere nel cuore un Dio incorporeo e altissimo” - 3. La libertà religiosa aconfessionale nella definizione della sovranità assoluta - 4. La potestà aconfessionale della sovranità statale e il separatismo - 5. Dalla ragion di Stato della “suprema potestà statale” alla libertà religiosa nell’esercizio della giurisdizione - 6. Conclusione.

Jean Bodin from Tolerance to Religious Freedom

ABSTRACT: Absolutism, in France, rises also in order to resolve religious conflicts, affirming the national community and the interests of the State. This is an evaluation that leads to thinking, above all, about J. Bodin and Les le livres de la Republique and to “read” the relationship between "tolerance" and "religious liberty". Bodin indicates the limits of religious tolerance - that is based on the dogma of the exclusive confessional salvation - that reveals to religious freedom in the theorization of the absolute State. The freedom to manifest own religious conviction does not undergo to any presumption of exclusive salvation because it intends to proclaim publicly, but also privately, what the individual perceives in consciousness. A dimension of secularism really particular, that reveals the difficult political condition of the wars of religion. The coexistence of the only God, which divine laws sanction in the definition of sovereignty, suggests an overcoming of the confessionism. The civil legal significance of religious confessions lives the confessional dimension of interreligious dialogue for an understanding of the "incorporeal and supreme" God of the "Colloquium Heptaplomeres".

Scarica il testo completo in PDF

Forme di pluralismo nel settore matrimoniale: le nuove sfide delle “overlapping jurisdictions” - di Adelaide Madera

SOMMARIO: 1. Le sfide del nuovo multiculturalismo in materia matrimoniale - 2. La riforma del processo matrimoniale canonico e le sue potenziali ricadute sul giudizio di delibazione - 3. Il processus brevior - 4. La crisi della bilateralità - 5. Il “mite” pluralismo statunitense e le nuove “anti-sharia laws” - 6. L’esperienza del pluralismo “forte” israeliano e i suoi effetti sulle minoranze - 7. Modelli di pluralismo a confronto.

Pluralism in Marriage: the New Challenges of the “Overlapping Jurisdictions”

ABSTRACT: The challenges of the “new multiculturalism” in the field of marriage law regard not only which forms of marriage should be recognized by the State but also the forums in which marriage cases can be adjudicated and the role of faith-based laws and religious courts in democratic and secular legal systems. Religious groups increasingly ask for accommodation of their cultural identities; however, a growing skepticism concerning forms of religious jurisdiction is developing in regimes devoted to individual liberties, which employ public policy as grounds to vacate religious rulings. The present paper highlights the need for Western States to update and exploit the full potential of their legal instruments in order to prevent restrictions on collective and individual religious freedom in matters of marriage.

Scarica il testo completo in PDF

La formazione dei ministri di culto di recente insediamento in Italia - di Federica Botti

SOMMARIO: 1. Nuovi compiti del Diritto ecclesiastico - 2. L’attività dei ministri di culto stranieri in Italia - 3. Un nuovo orientamento nelle politiche governative - 4. Un Corso di formazione e di educazione al rispetto dei valori costituzionali – 5. Caratteristiche e limiti dell’attività di formazione.

ABSTRACT: The article addresses the issue of the formation of religious ministers and members of religious communities as stakeholders and at the same time opinion leaders of migrant communities, placing this activity among the new tasks of Ecclesiastical Law. Considering the rules governing the activity of the foreign religious ministers in Italy, the government policies adopted to promote the inclusion of migrants are re-established, highlighting the new strategies adopted by the Italian Ministry of Interior to educate to an active citizenship the population of the new settlements on national territory. The article explains in detail the didactic methodologies adopted, motivates the use of interdisciplinary and a dialogic didactic to deal with the value themes subject to a training course aimed at education and respect for constitutional values. The article ends with a critical reflection on the characteristics and limits of this training activity.

Scarica il testo completo in PDF

Le attività di culto nella scuola pubblica, tra laicità, «libertas Ecclesiae» e libertà religiosa collettiva - di Fabiano Di Prima Marco Dell'Oglio

SOMMARIO: - 1. Premessa. Il "ritorno" della religione e la riaffermazione degli Stati nazionali nell'ultimo quarto di secolo; l'"accerchiamento" della laïcité - 2. Il mancato sviluppo di una metodica giurisprudenziale focalizzante la "specificità" della laicità italiana; l'emersione di un trend individuante solo i (relativi) profili comuni alla laïcité - 3. Un caso paradigmatico: la sentenza n. 166 del 2016 del T.A.R. Emilia Romagna sul tema dello svolgimento di attività cultuali nella scuola pubblica - 4. Il quadro normativo e giurisprudenziale del ventennio scorso: le ignorate direttrici speciali (implicitamente) favorevoli; l'interpretazione "stretta" (d'indole separatista) della normativa generale scolastica negli anni '90 e quella successiva "pragmaticamente ampia" (a fronte delle concorrenti novità socio-culturali e di sistema) - 5. Gli ultimi anni: il mancato intervento del Legislatore atto a orientare in senso costituzionale le scelte della P.A.; l'incrementale difficoltà di quest'ultima a prevenire/gestire le potenziali insorgenti "micro-conflittualità"; la conseguente adozione d'un registro prudenziale "minimalista" – 6. La non condivisibile soluzione accolta dal T.A.R. (sentenza n. 166 del 2016) di contrarietà netta allo svolgimento di atti di culto a scuola. L'incidenza del trend "intrinsecamente separatista"; il cono d'ombra sulle specificità della laicità italiana; la perdita di vista delle direttrici con esse congruenti e delle garanzie ivi offerte alla " Libertas Ecclesiae " e alla libertà religiosa collettiva - 7. Conclusioni: l'urgenza di un intervento legislativo statuale, e di un'iniziativa chiarificatrice a livello bilaterale, a presidio delle libertà fondamentali in discussione.

Scarica il testo completo in PDF

La decisione Holt v. Hobbs: una svolta nelle politiche di religious accommodation con riguardo agli istituti di detenzione nell’ordinamento statunitense? - di Adelaide Madera

SOMMARIO: 1. La libertà religiosa negli istituti di detenzione negli U.S.A. e il caso Holt v. Hobbs – 2. Le esigenze di bilanciamento fra libertà religiosa ed esigenze di ordine e sicurezza nelle istituzioni penitenziarie – 3. La diluizione delle forme di tutela della libertà religiosa nel contesto degli istituti di detenzione – 4. L’impatto del R.F.R.A . sulla tutela della libertà religiosa negli istituti di detenzione – 5. L’adozione del R.L.U.I.P.A. – 6. Il riconoscimento di legittimità del R.L.U.I.P.A . alla luce dell’ Establishment Clause – 7. I nodi irrisolti del caso Cutter v. Wilkinson – 8. Le interferenze del Prison Litigation Reform Act sulla tutela dell’esercizio della libertà religiosa dei detenuti – 9. La frammentazione dei parametri adoperati dai diversi circuiti d’appello – 10. La decisione Holt v. Hobbs – 11. Le motivazioni della Corte – 12. Il (parziale) ridimensionamento del parametro della due deference – 13. La tutela estensiva della libertà religiosa promossa dalla Corte Roberts – 14. Holt e Hobby Lobby a confronto – 15. Il crescente rilievo assunto dall’elemento dei third-party burdens nella giurisprudenza della Corte – 16. Annotazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

The Institute for Religious Works: key features of financial intermediation - di Francesca Arnaboldi Bruno Rossignoli

SUMMARY: 1. Introduction – 2. Background to anti-money laundering – 3. Financial intermediation, 2011–2014 – 4. Conclusion.

Scarica il testo completo in PDF

Risorse economiche pubbliche e Chiesa cattolica: due nodi al vaglio dei giudici - di Giovanni Di Cosimo

SOMMARIO: 1. Limiti – 2. Finanziamento diretto – 3. Finanziamento indiretto - 3.1 Esenzioni – 3.2 Interpretazioni – 3.3 Quote – 3.4 Rimborsi – 3.5 Contributi - 4. Finanziamento apparente – 5. Due nodi.

Scarica il testo completo in PDF

Gli enti ecclesiastici nell’Italia liberale: strategie politiche e normativa tra “escalation” e tentativi di “riconciliazione” - di Francesco Campobello

SOMMARIO: 1. Il tema – 2. Premesse storiche pre-risorgimentali: la politica sabauda tra ragion di Stato e devozione religiosa – 3. L’avvento di Cavour e dei liberali al governo – 4 La legislazione liberale nel Regno Sardo: la legge di espulsione dei Gesuiti e le leggi Siccardi – 5. La legge Rattazzi – 6. La “legislazione eversiva” dell’Italia unita: p rimi interventi – 7. Un biennio fondamentale: le leggi del 1866 - 1867 – 8. La riconciliazione mancata – 9. La “legislazione eversiva” di fine secolo: la legge Crispi sulle istituzioni pubbliche di beneficenza – 10. La fine del conflitto nell’Italia post-liberale: il Concordato del 1929.

Scarica il testo completo in PDF

Stefano Castagnola, giurista e politico dell’Italia liberale alla ricerca di un modello separatista di relazioni tra Stato e Chiesa - di Alessandro Tira

SOMMARIO: 1. Tra foro, tribuna e accademia nella Genova dei notabili – 2. Castagnola ecclesiasticista e il suo Delle relazioni giuridiche fra Chiesa e Stato – 3. La riprovazione ecclesiastica dell’opera di Castagnola. Lo Studio critico di monsignor Briganti – 4. Castagnola confutato: le Osservazioni critiche del canonico Bonino – 5. Considerazioni finali.

Scarica il testo completo in PDF

L’amministrazione dei culti in Francia - di Anna Sammassimo

Sommario : 1. Introduzione - 2. La Francia e l’amministrazione dei culti - 3. Le bureau central des cultes: 3.1 - Le origini: dal Consolato al periodo imperiale; 3.2 - dalla Prima alla Seconda Restaurazione; 3.3 - dalla Monarchia di luglio alla Legge sulla separazione; 3.4 - le competenze - 4. Le bureau des cultes des départements du Bas-Rhin, du Haut-Rhin et de la Moselle: 4.1 - la specificità dell’Alsazia-Mosella; 4.2 - le origini del bureau; 4.3 - le competenze - 5. Il conseiller pour les affaires religieuses: 5.1 - le origini; 5.2 - la posizione fuori dagli schemi; 5.3 - le competenze – 6. Conclusioni.

The administration of cults in France

ABSTRACT: The expression “Administration of cults” born in France in the 19th century, when the 1801 Conordat made the cults into a public service and the cult's clerics a corp of nominated functionaries. Thus administration referred precisely to that branch of the civil service which under the flourishing Concordat concerned itself with the problems of claims from and requirements of the religious cults in French territories. Our paper means to trace France's administration of cults from its beginnings to its precise modern competences and functions. We wish to show how this administrative structure has been and still is an important apparatus for interpretation and even for 'liberal administration' of the Law as regards the separation of State and Church and the very concept of laïcité.

Scarica il testo completo in PDF

Arturo Carlo Jemolo: una voce di “coscienza laica” nella società italiana del Novecento - di Sergio Lariccia

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La vita e l'opera di Jemolo negli anni 1905-1943 - 3. Oltre il 1944. Il contributo di Jemolo allo sviluppo della vita democratica in Italia - 4. Il principio di separazione tra stato e chiese. Il "dominio" delle chiese sulle coscienze - 5. La voce della coscienza: la "coscienza laica". Rassegna sulla laicità in Italia - 6. La partecipazione di Jemolo al "tentativo di revisione del concordato". Un motto spesso evocato: "Fa quel che devi, avvenga quel che può" - 7. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

La politica ecclesiastica dell’Italia post-unitaria: un modello post-Westphaliano - di Alessandro Ferrari

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La separazione … immaginata – 3. La separazione … possibile – 4. Un limite della politica liberale: lo scoglio del pluralismo giuridico – 5. Il lascito della politica ecclesiastica liberale: una mediocritas di ampio respiro

Scarica il testo completo in PDF

I progetti per l’introduzione del divorzio in Italia in epoca post-unitaria - di Fabio Franceschi

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Cenni sulla legislazione matrimoniale nell’Italia preunitaria – 3. L’introduzione del matrimonio civile nella codificazione unitaria del 1865 e la questione del divorzio – 4. I primi fermenti divorzisti: i progetti Morelli (1878-1880) – 5. Il progetto Villa del 1881 – 6. Il progetto Zanardelli del 1883 – 7. Il divorzio sul finire del XIX secolo: un problema aperto – 8. Il secondo progetto Villa (1892) – 9. Il terzo progetto Villa (1892-1893) – 10. L’inizio del nuovo secolo e il rinnovato entusiasmo divorzista. Il progetto Berenini-Borciani (1901) – 11. Il progetto Zanardelli-Cocco Ortu (1902) – 12. Il divorzio nel periodo giolittiano e il progetto Comandini (1914) – 13. Il progetto Marangoni-Lazzari (1920): fine di un’epoca – 14. Considerazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Quattro notazioni sulla laicità - di Raffaele Coppola

SOMMARIO: 1. Laicità e dualità del potere – 2. Geopolitica della laicità, suoi significati – 3. L'elemento popolare – 4. Il ruolo del civis-fidelis della tradizione classica nei regimi democratici - 5. Distinzione degli ordini e neutralità religiosa.

Four Annotations Concerning the Principle of Secularism (laicità): General Conclusions

Both at national and international level, the lowest common denominator of various principles of secularization (in French laïcité) is the separation - distinction between State law and religious law, which includes the distinction between different assignments of  these two spheres. That is in reality the central-essential aspect of the principle of secularization, which also represents the solid ground for every normative models as well as geographic horizon in what is called the Western legal system. One could identify the historical roots of that principle in a specific period – that lasted form the I to IV centuries – from which the “sinfonia” (symphony) between sacerdotium and imperium developed (especially until the 1054 a.C.). Given these roots, from time to time the concrete life of nations and their laws have been able to affirm the famous conceptions – we all know – identifying the crucial characteristics of  secularization. And this also gives us the solid basis for understanding the future conceptions of secularization. Nowadays, in the context of European Union the religious nomoi groups, the philosophical organizations as well as all human categories (like women) – that in the past era were subjected to gender and racial discriminations – hold the right to freedom of thought, conscience and  religion; which includes freedom to change religion or belief . In this sense, we may identify an “European principle of  secularization”, also understanding its evolution.
 

Scarica il testo completo in PDF

La scuola confessionale nei sistemi anglosassoni. Tra incorporazione inglese e separatismo americano - di Rita Benigni

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. L’istruzione popolare in Inghilterra: dal sostegno alle scuole confessionali alla riforma Gladstone - 3. La scuola confessionale nel sistema di pubblica istruzione: dalla riforma Gladstone ai nostri giorni. - 4. Il separatismo americano: le ragioni di una scelta e la sua incidenza sul sistema scolastico. - 5. Scuola confessionale ed establishment clause. La fase di strict separation. – 6. (segue) L’affermazione di un separatismo attenuato. I voucher e le charter schools.

Scarica il testo completo in PDF

La partecipazione dei fedeli laici alla vita pubblica. Testimonianza cristiana, etica pubblica e bene comune nell’insegnamento di Benedetto XVI - di Fabio Franceschi

SOMMARIO: 1. Considerazioni introduttive. Natura essenzialmente laicale della responsabilità politica - 2. L’intervento della Chiesa nel dibattito pubblico su questioni inerenti alla vita sociale e politica. I principi c.d. non negoziabili - 3. Fondamentale libertà dei fedeli rispetto alle indicazioni della gerarchia in materia temporale – 4. La funzione di orientamento dei pastori della comunità ecclesiale e i confini dell’intervento della stessa – 5. I limiti alla libertà dei fedeli in materia temporale: il rapporto tra libertà e verità e la salvaguardia delle esigenze etiche fondamentali e irrinunciabili per il bene comune e della società – 6. Benedetto XVI e l’invito a una nuova generazione di cattolici impegnati in politica. La difesa della centralità della persona umana come compito primario dei credenti impegnati nel governo della città terrena – 7. (segue) L’impegno a favore della promozione di un concetto positivo di laicità, aperto alla Trascendenza − 8. (segue) La politica come forma singolare di realizzazione della carità – 9. (segue) La dottrina sociale della Chiesa come strumento di formazione essenziale e guida sicura per i fedeli laici impegnati nell’ambito socio-politico – 10. Considerazioni conclusive. Doveri, rispettivi, dello Stato e della Chiesa affinché si conservino, o se necessario si creino le condizioni esterne idonee e necessarie allo svolgimento dei compiti dei christifideles laici nella polis.

Scarica il testo completo in PDF

La soppressione del corso autonomo di Diritto canonico delle Facoltà giuridiche disposta dal ministro Bonghi nel 1875 - di Francesco Falchi

SOMMARIO: 1. Le ragioni di questo scritto – 2. Norme legislative e regolamentari emanate tra il 1859 ed il 1865 – 3. Fonti normative e provvedimenti tendenti alla soppressione del corso autonomo di Diritto canonico riferibili al periodo 1867/1875 – 4. Gli anni 1867/1872: ... a) la vacanza della cattedra di Istituzioni di diritto canonico nelle università di Parma, di Modena e di Siena – 4.b) La riduzione della durata degli studi in giurisprudenza e la distribuzione degli insegnamenti del corso – 4.c) L'ulteriore normativa ministeriale e i suoi riflessi sulle Facoltà giuridiche di Bologna, Palermo e Pisa – 4.d) La vacanza di cattedre di Diritto canonico nelle università di Cagliari e di Sassari e il rispetto delle direttive ministeriali del 1869 e del 1870 – 5. Il periodo 1873/1874: ... a) atti ministeriali ed interventi del Consiglio Superiore della P. I. circa l’affidamento dell’incarico al prof. Pertile – 5.b) La soppressione della cattedra di Diritto canonico proposta dal Consiglio Superiore della P. I. nel 1874 – 6. Il regolamento predisposto dal ministro Bonghi che esclude il corso autonomo di Diritto canonico – 7. La vicenda della cattedra romana – 8. La soppressione del corso di Diritto canonico nel dibattito alla Camera dei Deputati nel 1875 e nel 1876 – 9. Decreti e provvedimenti del ministro Coppino – 10. Osservazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Religioni e ateismi: una complexio oppositorum alla base del neo-separatismo europeo - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Il dialogo dell’Unione europea con le organizzazioni confessionali e non – 2. Il separatismo statunitense – 3. Il neo-separatismo europeo – 4. La complexio oppositorum nell’elaborazione cattolica … - 5 … e in quella secolare – 6. Il separatismo pluralistico europeo (e americano).

Religions and Atheisms: a Complexio Oppositorum at hearth of the European New-Separatism

ABSTRACT: The European Union is not interested in religious phenomenon. It’s a form of separatism between State and Church. Yet the last Treaty about the Union functioning stated an “open, transparent and regular dialogue” between the Union and the Churches and the philosophical or non-confessional organizations alike. So religions and atheisms, the exact opposites, are not only recognized but also linked as complexio oppositorum. That originates a pluralistic separatism. By means of constitutional law research this paper demonstrates that this new-separatism is new for the Europe but usual for the U.S. and therefore it contributes a long way towards a rapprochement between Europe and America from the constitutional point of wiew.

Scarica il testo completo in PDF

Le confessioni religiose e il principio di sussidiarietà nell’Unione europea: un nuovo giurisdizionalismo attraverso il mercato - di Federica Botti

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Il Trattato di Lisbona: un nuovo ruolo per le Confessioni religiose - 3. La gestione dei servizi alla persona come opportunità di investimento attraverso il ricorso alla sussidiarietà orizzontale - 4. Il ruolo delle Confessioni religiose nella costruzione di posizioni dominanti sul mercato dei servizi alla persona: il caso della Romania - 5. Il divieto di aiuti statali alle attività economiche e la costruzione di posizioni di vantaggio: il caso della Chiesa Cattolica in Italia - 6. Invarianze e aporie del Diritto comunitario.

Scarica il testo completo in PDF

Le istituzioni ecclesiastiche nel Settecento in Italia tra potere spirituale e potere secolare - di Fabio Franceschi

SOMMARIO: 1. Le istituzioni ecclesiastiche in Italia nei primi decenni del XVIII secolo: uno sguardo d’assieme - 2. L’avvio di una politica riformista da parte dei principi della penisola e l’affermarsi del giurisdizionalismo di matrice confessionista quale sistema di rapporto tra gli Stati italiani e la Chiesa - 3. La svolta di metà secolo. Aumento dell’ingerenza delle autorità civili nell’organizzazione e nell’attività delle Chiese locali. Assunzione da parte delle stesse di autonome competenze normative in materia di istituzioni e di patrimonio della Chiesa. Parziale inquadramento delle istituzioni ecclesiastiche in seno alle organizzazioni statuali - 4. I principali provvedimenti adottati negli Stati della penisola nel campo delle istituzioni e del patrimonio ecclesiastico - 5. Provvedimenti soppressivi di istituzioni esistenti - 6. (segue) Misure dirette a cancellare i privilegi e le immunità delle istituzioni ecclesiastiche ed a contrastare il fenomeno della manomorta - 7. (segue) Misure dirette a riformare l’organizzazione e l’attività della Chiesa in sede locale e a sottoporre le istituzioni ecclesiastiche al controllo dell’autorità civile - 8. (segue) Misure dirette a secolarizzare le funzioni assistenziali ed educative. Sottrazione dei relativi ambiti di attività alla Chiesa ed alle sue istituzioni - 9. (segue) Rivendicazioni statali in tema di creazione delle istituzioni ecclesiastiche. Tentativi volti ad affermare la necessità e il carattere essenziale del riconoscimento o della confirmatio imperantis dei corpi morali in genere, e delle istituzioni ecclesiastiche in particolare - 10. Istituzioni secolari ed istituzioni regolari. Incidenza dell’azione degli Stati sull’assetto della ripartizione fra le due componenti dell’organizzazione ecclesiastica. L’ostilità dei sovrani riformatori nei confronti dell’organizzazione regolare e della Compagnia di Gesù in particolare. Soppressione di conventi e monasteri - 11. Le istituzioni del clero secolare. Rafforzamento degli episcopati locali e delle strutture organizzative diocesane come effetto della politica ecclesiastica riformista degli Stati italiani. Parziale riorganizzazione, territoriale e funzionale, delle parrocchie e dei seminari - 12. Considerazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Lotta alla sovversione comunista all’interno della Chiesa Cattolica: il piano del “Sint Unum”. Da un memorandum di Henry Kissinger al presidente Nixon - di Alice Arduini

Nei primi mesi del 1970 un dossier preparato dall’organizzazione clandestina “Sint Unum” fu tradotto dal francese all’inglese dalla Central Intelligence Agency (CIA) e venne inoltrato dal Consigliere per la sicurezza nazionale Henry Kissinger al presidente degli Stati Uniti, Richard Nixon, in allegato a un memorandum intitolato “Studio sulla sovversione nella Chiesa Cattolica”. Per meglio valutare l’importanza del documento, è opportuno fornire alcune coordinate indispensabili per comprendere le ragioni dell’arrivo del dossier ai vertici dell’amministrazione americana e le conseguenze che ne derivarono. Una prima coordinata è costituita dall’andamento delle relazioni tra gli Stati Uniti e la Santa Sede, che proprio all’inizio degli anni Settanta attraversarono un momento di svolta. L’intenzione del presidente di superare la tradizione, ormai consolidata, di non intrattenere relazioni diplomatiche con la Santa Sede era infatti divenuta sempre più chiara a partire dal suo primo viaggio in Europa, in particolare ai primi del marzo 1969, in occasione del primo incontro di Nixon con Paolo VI. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Stati e religioni in Europa: problemi e prospettive - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: A. Una premessa sulle complessità dell’Europa – B. Le evidenze del presente – C. I cambiamenti in corso – D. I problemi del futuro.

Scarica il testo completo in PDF

La Corte Costituzionale della Repubblica Macedone dichiara illegittimo l’insegnamento della religione nella scuola pubblica - di Kristina Petrova Ivanova

SOMMARIO: 1. Caratteristiche delle leggi macedoni sullo status giuridico delle Chiese, delle comunità religiose e dei gruppi religiosi, e loro diritto di disporre di edifici di culto - 2. La legge sull’istruzione primaria e l’insegnamento religioso nella scuola pubblica primaria - 3. Ragioni del provvedimento - 4. La sentenza della Corte Costituzionale macedone.

Scarica il testo completo in PDF

La laicità al tempo della globalizzazione - di Nicola Colaianni

Dei tre sostantivi che compongono il titolo solo uno rappresenta, a colpo d’occhio, una “parola di giustizia” ed è paradossalmente quello di cui non devo occuparmi: il tempo. Il decorso del tempo è fondamentale nella vita del diritto, per esempio per avanzare o per bloccare una pretesa, civile o punitiva. Se ciò basti a farne una parola anche di giustizia, a tenere conto cioè del tempo come struttura essenziale della persona e ragione perciò della sua imperfezione e dei suoi bisogni, è discutibile. Non è detto, infatti, che ci sia coincidenza fra legge e giustizia perché la legge può essere anche ingiusta o comunque non assicurare pienamente quei valori universali che finiscono per comporre la dignità di ogni persona. A rendere valide le leggi – scriveva Tertulliano, al quale si deve “il concetto innovativo della storicità della legge” (Canfora) – non sono “né il numero degli anni, né l’autorità dei loro promulgatori, ma unicamente la giustizia”. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Constitutionalism as Peaceful “Site” of Religious Struggles - di Francesco Alicino

SOMMARIO: 1. Introduction – 2. Part I: Theological and Historical Roots of Western Constitutionalism – 2.1. King-Servant of God vs. Tyrant-Servant of the Devil – 2.2. Hobbes and la religion de l’État – 2.3. John Locke’s Principle of Tolerance. The Modern Constitutionalism – 2.4. Roger Williams: The Apostle of Religious Liberty. The Roots of American Secularism – 3. Part II: The secularismlaïcité – 3.1. The Double Separation (Emancipation): State from Religion, Religion from the State – 3.2. Islam and la laïcité à la française – 3.3. Individual Rights vs Group Rights – 4. Conclusion. Secularism and Supranational Constitutionalism

Scarica il testo completo in PDF

Religione e diritti umani nelle società in transizione dell’Est Europa - di Giovanni Cimbalo

SOMMARIO: 1 Alcuni problemi di metodo - 2. I contenuti della separazione e i problemi aperti nei rapporti degli Stati con le Chiese ortodosse - 3. Le ragioni di un Islam europeo, la libertà di proselitismo e quella di mutare religione - 4. I nuovi culti nell'Est Europa - 5. Gli accordi ecclesiastici para concordatari: un nuovo modello di relazione delle confessioni con lo Stato.

Scarica il testo completo in PDF

Liberté d’expression et religion en France. Les démarches de la laïcité à la française - di Francesco Alicino

SOMMAIRE: 1. Les coordonnées (constitutionnelles) de la liberté d’expression – 2. La liberté d’expression en matière religieuse – 3. La religion? Un objet susceptible d’être commenté, critiqué, discuté … – 3.1. … ou bien la «sacro-sainte» liberté d’expression ne doit pas céder devant la religion – 3.2. Le pluralisme comme distinction entre critique (anti)religieuse et diffamation – 4. La religion? Un objet susceptible d’être caricaturé – 4.1. Droit de satire, liberté d’expression et laïcité: un lien réciproque de cause à effet – 5. Les limites – 5.1. L’ordre public comme limite à la liberté d’expression – 5.2. La liberté d’autrui comme limite à la liberté d’expression – 6. Religion, liberté d’expression et ethnicité. «Ils» étaient Arabes, ils deviennent musulmans – 6.1. L’école laïque et laïcité de l’État – 6.2. Le rôle du Conseil d’État – 7. Universalisme des droits fondamentaux et dimension collective de la religion – 7.1. Conclusion: de la tolérance au pluralisme.

Scarica il testo completo in PDF

La laicità francese secondo Nicolas Sarkozy - di Maria d'Arienzo

SOMMARIO: 1. Premesse sul concetto di laicità – 2. Le radici della laicità in Francia – 3. Laicità e sentimento religioso nel discorso di Sarkozy – 4. La laicità positiva di Sarkozy. Un modello nuovo per la Francia?

Scarica il testo completo in PDF

Musulmani d’Italia, unitevi? Islàm e democrazia pluralista nell’esperienza recente - di Paolo Sassi

SOMMARIO. 1. Post-secolarismo – 2. Il coacervo anonimo e indistinto dei musulmani – 3. Islàm e modernità – 4. Gestire la complessità – 5. Consulta islamica e pluralismo – 6. Ebrei separati – 7. Quali interlocutori? – 8. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Stato e chiese in Italia nel pensiero e nell’azione di Gaetano Salvemini - di Sergio Lariccia

SOMMARIO: 1. Premessa. – 2. La questione dei rapporti tra stato e chiese nella complessiva bibliografia degli scritti di Salvemini.. – 3. Gli anni dell’Italia liberale. – 4. Gli anni dell’Italia fascista. – 5. Gli anni dell’Italia democratica. Le libertà di religione e verso la religione. – 6. La partecipazione appassionata ai fatti del giorno. La figura di un cittadino di una società democratica libera e ugualitaria. 7. Fede, religione, anticlericalismo e laicità nel pensiero di Gaetano Salvemini.– 8. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Vicende interconfessionali e laicità civile - di Piero Bellini

SOMMARIO: 1. Caratterizzazione dogmatica puntuale delle Religioni positive – 2. Compresenza nella comunità nazionale d’una pluralità di “militanze religiose”: crescente presenza islamica – 3. Tendenza alla “razionalizzazione del fatto religioso”: sua capacità di risolversi a detrimento d’uno stabilimento societario laico – 4. Improbabile ridimensionamento dogmatico delle Religioni positive: conseguente riduzione della “religio” a “ethica” – 5. L’esperienza del Cristianesimo veduto come “religio naturalis” – 6. Conseguente allentamento della “identità del Cristianesimo”: conseguente suo indebolimento nel confronto dialettico con l’Islam – 7. Più probabile arroccarsi della esperienza fideistiche dei Monoteismi concorrenti – 8. Conseguenti risultanze d’ordine politico.

Scarica il testo completo in PDF

I diritti “contesi” fra laicità e fondamentalismi - di Marilisa D'Amico

Nel mio intervento vorrei svolgere un ragionamento partendo da una constatazione. In Italia, ormai quotidianamente, siamo vittime di quello che si può definire un “fondamentalismo” interno – fenomeno connotato dall’ingresso pesante delle gerarchie ecclesiastiche nelle questioni non morali, né sociali, ma politiche -; ingresso sostenuto e incoraggiato da forze politiche che saldano la propria identità (debole) a quella del Vaticano e, di fatto, tollerato da altre forze politiche che non reagiscono, o lo fanno in modo molto debole, in nome della tolleranza, della mediazione, del pluralismo. Tutti si appellano ai valori, ma in modo profondamente diverso. Non è chiaro di chi sia la responsabilità: se è stata la politica, debole sui valori, ad aver sollecitato l’intervento e il sostegno di una parte  della Chiesa cattolica, o se, viceversa, è stata la Chiesa stessa ad aver occupato la scena, di fronte all’indifferenza generale. Forse non è così importante, o forse sono vere entrambe le cose. (Continua).
.
 

Scarica il testo completo in PDF

Il diritto ecclesiastico e le stagioni della giurisprudenza costituzionale - di Silvio Ferrari

SOMMARIO: 1. Le stagioni del passato e del presente – 2. Quale stagione per il futuro? Le risposte nell’Unione europea - 3. La situazione italiana: l’inerzia legislativa e la funzione della Corte.

Scarica il testo completo in PDF

Date a Dio anche quello che è di Cesare - di Luciano Zannotti

Sconsigliano i Maestri di intitolare gli scritti in modo che esplicitamente dichiarino le intenzioni dell’autore. Contravvengo alla regola per chiarire subito ciò che voglio dire, escludendo con consapevolezza quell’effetto sorpresa che sembra utile per mantenere desta l’attenzione. Spero di recuperarlo cercando di limitare al minimo i tempi del mio intervento. 1 - Il senso della mia relazione è dunque già espresso nel titolo. Quello che vorrei infatti dimostrare è che la famosa frase evangelica, da cui prende spunto anche il nostro convegno, date a Cesare ciò che è di Cesare e a Dio ciò che è di Dio (Mt. 22, 15-22; Mc. 12, 13-17; Lc. 20, 20-26), finisce per avere nel pensiero della Chiesa un significato del tutto diverso rispetto a quanto comunemente attribuito e addirittura opposto a quello assegnato da certa letteratura di carattere apologetico, trasformandosi, in realtà, da enunciazione del principio di separazione della Chiesa dallo Stato, che troverebbe origine nel patrimonio culturale cristiano, ad affermazione del principio di dipendenza dello Stato dalla legislazione religiosa e dalla volontà della gerarchia ecclesiastica (con tutto ciò che ne consegue sul piano della democrazia laica): la distinzione tra ciò che è di Cesare e ciò che è di Dio appartiene alla struttura fondamentale del cristianesimo, politica e fede sono ordini distinti ma sempre in reciproca relazione ... (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Dopo la rivoluzione francese, non il diluvio, ma il contratto congreganista - di Stefano Testa Bappenheim

La situazione dei rapporti fra il diritto civile francese ed il diritto canonico è il risultato d’una lunga evoluzione: si può dire, senza dubbio, che, a partire dal Medio Evo, vi siano stati dapprima un sistema di Stato confessionale, prima ‘canonico’ e poi ‘gallicano’; con la Rivoluzione, il Concordato e gli Articoli Organici, si arriva al sistema della laicité, ma con vestigia di confessionalità e la persistenza d’uno spiccato gallicanismo; la legge di Separazione farà, in linea di principio, scomparire ogni confessionalità ed ogni gallicanismo; Stato confessionale canonico, poi gallicano, poi laico-gallicano, poi laico-liberale: ecco l’evoluzione storica, esposta con suprema concinnitas. Trattandosi dell’organizzazione interna delle Chiese, il principio essenziale cui si lega il diritto statale è quello della neutralità laica. L’articolo 2 della legge di Separazione afferma che la République non riconosce, sovvenziona o stipendia nessun culto. (Continua).

Scarica il testo completo in PDF

La laicità come neutralità - di Claudio Martinelli

Desidero proporvi qualche breve considerazione su un profilo che considero decisivo per un’interpretazione moderna ed efficace del principio di laicità.
E vorrei cominciare ricordando le parole che qualche anno fa ebbe a scrivere Claudio Magris: “La laicità non è un contenuto filosofico, bensì un abito mentale, la capacità di distinguere ciò che è dimostrabile razionalmente da ciò che invece è oggetto di fede – a prescindere dall’adesione o meno a tale fede – e di distinguere le sfere di ambiti delle diverse competenze, per esempio quelle della Chiesa e quelle dello Stato. […] Laicità significa tolleranza, dubbio rivolto pure alle proprie certezze, autoironia, demistificazione di tutti gli idoli, anche dei propri; capacità di credere fortemente in alcuni valori, sapendo che ne esistono altri, pur essi rispettabili. Laicità significa fare i conti con le scelte e con le rinunce implicite in ogni scelta, non confondere il pensiero e l’autentico sentimento – che è sempre rigoroso – con la convinzione fanatica e con le viscerali reazioni emotive ”. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Dalla tutela della religione di Stato alla difesa della libertà dei culti: la svolta liberale del codice Zanardelli - di Loredana Garlati

Non è semplice disegnare con pochi tratti di penna il lungo cammino intrapreso dal diritto verso la laicità. Non lo è neppure se si voglia assumere quale momento specifico di riflessione il solo ambito penale, come mi propongo di fare in questo mio intervento. Tramontata l’ossessione medievale della reductio ad unum, l’età moderna, con la definitiva frantumazione dell’universalismo, politico e religioso, avvia un processo di separazione tra sfera morale e giuridica, che troverà i suoi momenti di massima teorizzazione dottrinale nel giusnaturalismo, prima, e nell’illuminismo poi. Di fronte alla rottura dell’unità cristiana, all’emersione, sul proscenio di un mondo dai confini allargati, di civiltà fino ad allora sconosciute, si afferma una visione antropocentrica che solleva questioni nodali, interessanti al tempo stesso etica e diritto. E se le dottrine della Seconda scolastica, come è stato osservato, “con le loro aperture poterono delineare spazi che la secolarizzazione avrebbe poi occupato”, la desacralizzazione vera e propria si avvia con il giusnaturalismo “moderno”, laico, perché incentrato sull’uomo e rivolto esclusivamente a configurare le norme per la società civile. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Alle radici della laicità civile e della libertà confessionale - di Sara Domianello Alessandro Morelli

Il libro di Luciano Zannotti affronta tematiche fra le più dibattute, non da oggi e meno che mai dai soli studi del diritto canonico o del diritto ecclesiastico civile, accettando il rischio di proporre ai lettori un’analisi inevitabilmente quanto forse intenzionalmente predestinata essa stessa a quella imperfezione ed incompiutezza di cui l’A. mira senza infingimenti a tessere l’elogio, persuaso com’è del valore positivo da attribuire al fatto che tali caratteristiche consentono ad ogni discorso di restare perennemente aperto ed imprimono un moto di perpetua tensione ad ogni sforzo ordinatore volto a ridurre ad unità globale le infinite possibilità e l’inesauribile varietà di sfumature dell’esperienza umana.  L’operazione azzardata dall’A. è quella di applicare al campo della politipìa dei sistemi normativi l’idea del musiliano anello di Clarisse, ossia di una ricerca continua svolta sull’orlo della bocca di un vulcano, stimolata dalla consapevolezza, acquisita con l’esperienza, che lo scarto di un intero “mondo delle possibilità” operato dall’agire necessitato dell’uomo non può avanzare alcuna realistica pretesa di rendere “quel” mondo eternamente impossibile, potendo vantare al più la forza di relegarlo provvisoriamente al di là dell’orizzonte visibile di “questo” mondo ... (Continua)

Scarica il testo completo in PDF