Rivista telematica (www.statoechiese.it)
Online dal gennaio 2007
Menu

Articoli in Secolarizzazione

Multiculturalism, multireligiosity and relations between the State and religious organizations - di Marco Parisi

Summary: 1. Introduction - 2. Constitutional project of ecclesiastical politics and cultural resistance to a correct interpretation of the fundamental provisions of freedom - 3. Secularity of the legal system, religious pluralism and human freedoms.

ABSTRACT: The problems that derive from the growing multicultural and multi-religious characterization of our society raise a number of questions regarding the difficulties encountered in identifying rules of coexistence that could be genuinely respectful of the ideal and spiritual dimension of the human person. In particular, it is in question the ability of the system of bilateral agreements between the State and the religious organizations to really enhance the individual religiosity, which is constitutionally protected in its instrumentality for the promotion and growth of the human being. Several doubts also concern the discretionary and political selection, exercised by public authorities, of religious organizations deserving an access to bilateral regulation of relationships. In a more and more plural and heterogeneous social reality, the exclusion from the special legislation of the newly established spiritual groups in the country does not seem to be respectful of a neutral and correct interpretation of the constitutional dictate.

Scarica il testo completo in PDF

Matrimonio e famiglia tra laicità e libertà religiosa - di Giuseppe Dalla Torre

SOMMARIO: 1. Premessa: la necessaria precedenza della libertà religiosa sulla laicità - 2. Radici etico-religiose del matrimonio, libertà religiosa e origini del matrimonio civile - 3. Il matrimonio civile: tra neutralità e ideologia - 4. Ritorno del fenomeno religioso nell’età della secolarizzazione: ricadute in materia matrimoniale - 5. La restituzione di matrimonio e famiglia alla società civile e alla religione - 6. La (ri)conquista di spazi di “diritto personale” e ritorno alla disciplina religiosa del matrimonio - 7. Diritto alla tutela dell’identità e “princìpi non negoziabili” dello Stato democratico. Conclusioni.

Marriage and family between secularism and religious freedom

Abstract: Given that between secularism and religious freedom there is a relationship of instrumentality of the first compared to the second, in the essay there’s a recall to the ethical-religious roots of the marriage’s legislation, which, starting from the Protestant Reformation and then from the French Revolution has undergone a process of secularization and secularism with the birth of the civil marriage. It is a process that has been motivated (also) by reasons of religious freedom, but which has led, by the State, to the subtraction of the marriage’s subject from the society. Today there is a substantial return from the state to the society of the discipline about the various forms of life and family communions, and this, in a religiously pluralistic society, involves (also) the return of the marriage to the religion.

Scarica il testo completo in PDF

I delitti contro il sentimento religioso: tra incriminazione dell’opinione e tutela della libertà di manifestazione del pensiero - di Fabio Basile

SOMMARIO: 1. Premessa: il vilipendio quale “reato d’opinione” - 2. L’evoluzione dei delitti contro il sentimento religioso - 3. (segue): la riforma del 2006 - 4. La sentenza della Corte costituzionale n. 188 del 1975 - 5. L’esercizio del diritto di libera manifestazione del pensiero quale causa di giustificazione (art. 51 c.p.) - 6. Le più recenti applicazioni della giurisprudenza di legittimità - 7. Chiusa.

Are the crimes against religious sentiment compatible with the exercise of freedom of expression?

ABSTRACT: The crimes against religious sentiment, provided by the Italian Criminal Code, are mainly framed as “crimes of opinion”. Therefore, it should be ascertained whether and how those crimes are compatible with the exercise of freedom of expression, guaranteed as a fundamental right by Art. 21 of the Italian Constitution. The paper provides an overview of the jurisprudence – of ordinary courts and the Constitutional Court – and of the legislative evolution since 1930s about the crimes against religious sentiment.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà di coscienza e religione alla prova della post-modernità: la prospettiva giusfilosofica di Martha C. Nussbaum - di Andrea Romeo

SOMMARIO: 1. “A tradition under threat”. Antropologia della paura e tendenze esclusiviste delle comunità dominanti - 2. La tradizione filosofica del pensiero costituzionale: Williams, Madison e i princìpi cardine della tradizione di “religious fairnes” - 3. Forme di Benign Establishment: critica alla tesi della “presunta innocuità” e interpretazione autentica del principio di separazione - 4. Neutralità statale e speciale considerazione del fenomeno religioso: un rapporto problematico.

Liberty of conscience and liberty of religion on the challenge of the post-modernity: the Martha C. Nussbaum's philosophical jurisprudence

ABSTRACT: Nussbaum is one of the prominent defenders of the North American liberal tradition, threatened by the post-modern tendency to the exaltation of elements from the mainstream religion and the creation of in-groups between citizens. In his writings, the philosopher reproposes the value of liberal tradition by trying to show the impossibility to justify even the most venial forms of the benign establishment, as in the case of state-sponsored-religious-displays. The article focuses on Nussbaum'arguments, in a critical perspective.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e secolarismo - di Giuseppe Dalla Torre

SOMMARIO: 1. Una premessa - 2. Libertà religiosa e secolarizzazione - 3. L’odierna crisi della libertà religiosa - 4. Secolarismo e libertà religiosa - 5. Conclusione.

Religious freedom and secularism

ABSTRACT: The essay questions about the singular phenomenon for which, in front of the numerous and serious violations that are daily perpetrated in the world, towards the right of religious freedom, the West appears so detached and generally reluctant to political and diplomatic intervention. The fact is even more singular, if one compares this phenomenon with the general commitment that the West demonstrates for the planetary affirmation of the human rights, in a spirit almost of proselytism. In the opinion of the Author, the inactivity must be connected to the dominant secularist culture that has removed the sacred from the horizon of human meaning, with the consequence of the insignificance of the religious sentiment, of the irrelevance of the religious practice and, therefore, of the unreasonableness of fighting for their survival.

Scarica il testo completo in PDF

Le unioni civili fra Giudice e Legislatore - di Vincenzo Cocozza

SOMMARIO: 1. La posizione del giudice ordinario. – 2. Le decisioni della Corte costituzionale. – 3. Il "pregresso vissuto" e le sollecitazioni al legislatore del giudice costituzionale e della Corte di Cassazione. – 4. L'intervento del legislatore "messo in mora".

The civil unions between judicial and legislative power

The essay traces the stages of the dialogue between judges and legislator that led to the approval of the law n. 76/2016. In particular, the essay emphasizes the relevance of the role of the ordinary judges who, understanding the importance of the right to a steady union for homosexual couples, have then appointed the Constitutional Court to solve this delicate problem. With two decisive rulings, the Court has laid out the way for the intervention of the legislator.

Scarica il testo completo in PDF

Moyens modernes, buts traditionnels: le discours constitutionnel de l’Église de Grèce - di Kaidatzis Akritas

SOMMAIRE: 1 - Introduction - 2. L’État et l’Église en Grèce. Le cadre constitutionnel - 3 - L’Église de Grèce comme institution de l’État grec - 4. Le discours constitutionnel de l’Église. Des éléments de constitutionnalisme populiste - Pluralisme constitutionnel et droits de la majorité - 6. Les droits en tant qu’identité - 7. Conclusion - Bibliographie.

ABSTRACT: The invocation of the people, the constitution and the rights occupies an important place in the public discourse of the Church of Greece. Its constitutional discourse exhibits two main characteristics. Firstly, it is a populist discourse. The church talks in the name of “its” people, which it identifies with the Greek nation, and as the voice of the people’s will against its rulers. Moreover, it is a rights-laden discourse. The church talks as the protector of the rights of the majority, which it identifies with the rights of its believers. Its constitutional discourse and practice shows that the church manages to exploit the institutions, achievements and discourses of modernity, if only for the promotion of apparently pre-modern ends: the preservation of its privileges against the other religions; the prolongation of its role in the public sphere; its reproduction as an ideological mechanism of the nation-state.

Scarica il testo completo in PDF

Secularism e post-modernità: qualche eco da oltreoceano - di Alessandro Ferrari

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Considerazioni preliminari - 3. La fine del ‘vecchio mondo’ - 4. Universalità e identità - 5. Un nuovo protagonismo per i diritti religiosi? - 6. Per concludere.

Secularism and post-modernity: some American echos

ABSTRACT: The paper focuses on the works of six North American authors stemming from the conviction that the end of the ‘modern world’ is nigh and we are locked into the irreversible entropy of a secularism understood as a wall of separation between politics and religion. These convictions, together with a strong criticism towards legal positivism, imply the idea of the porousness of the borders between the sacred and profane, and a resulting reciprocal adjustment, an osmosis between the political and the religious spheres. In this paper, I would like to concentrate on the new approaches proposed by these authors and on the historical end epistemological connotations of the posited osmosis between the political and religious spheres.

Scarica il testo completo in PDF

“Un giogo salutare per l’intelligenza”: dogma religioso e libertà politica nella Democrazia in America di Tocqueville - di Carlo Sabbatini

SOMMARIO: 1. In forma di premessa - 2. L’immensa maggioranza degli spiriti -  3. Una forma particolare della speranza: religione e libertà tra dispotismo e repubblica - 4. Dal dogma teologico al dogma della maggioranza -  5. Quale religione? - 6. Contro la patologia del dubbio - 7. Polvere intellettuale: il metodo filosofico tra America ed Europa - 8. Chiesa e Stato tra America e Francia - 9. Democrazia e Cattolicesimo americano - 10. Una democrazia cristiana: Stato e Chiesa nell’ ‘ultimo’ Tocqueville.

“A salutary yoke on the intellect”: Religious Dogma and Political Freedom in Tocqueville’s Democracy in America.

ABSTRACT: The essay examines the relationship between religion and politics in Tocqueville's thinking, with particular attention to the synergy between Christianity and the development of democratic institutions, studied by the author in the United States. In the two volumes of Democracy in America, he observes that the doctrine of Christianity, subject to a process of popularization characteristic of American social dynamism, constitutes an essential connective tissue, through which the principle of equality permeates custom, law and institutions. This stabilization function finds a fundamental premise in the separation between spiritual and temporal sphere, which allows the former not to be bent to the conveniences of the second and, above all, not to be subjected to attacks which, as in the French Revolution, have confused and condemned it with its institutional form under the ancien régime. Such a circumstance, according to Tocqueville, has deprived society of the fundamental ethical background that unites it, neglecting above all the powerful egalitarian message that he identifies as a general character of Christianity and in particular of Catholicism, which he thinks even more appropriate to the democracy as the Protestant faith and which, by acting on custom, would enable the establishment and development of an indigenous democratic model also in France.

Scarica il testo completo in PDF

Laicità europea. Riflessioni sull’identità politica dell’Europa nel pluralismo ideale contemporaneo - di Marco Parisi

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Europa dei cittadini e identità politica del processo di integrazione continentale - 3. Spazio politico europeo, libertà religiosa e laicità - 4. Conclusioni.

ABSTRACT: The evolution of the European Union law and of the right to religious freedom lies in the global process of internationalization of fundamental rights, the transformation of relations between States, the modification of the idea of ​​sovereignty, the emergence of new conventional instruments. With reference to the European social and legal space, the transformation of the European Economic Community into a real political union has allowed the inalienable human rights of the people to become central in the process of integration. Because of that, the political and legal system of the European Union, characterized by the transition of the State monopoly of sovereignty to its sharing among different subjects, has affected the reality of relations between public powers and religious phenomenon. A particular configuration of the concept of secularism in the European continent has been established, by virtue, which the values of democracy, pluralism, human dignity and non-identification between public functions and religious experience would allow for peaceful coexistence between religion, institutional activity of the European Union and fundamental freedoms.

Scarica il testo completo in PDF

“A ognuno la sua croce”. Notazioni sparse in tema di ostensione istituzionale dei simboli cristiani nella sfera pubblica europea (con particolare riferimento all’art. 28 della legge francese di separazione) - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. Delimitazione del tema d’indagine - 2. Gli epigoni giurisprudenziali del caso Lautsi in una recente sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale per la Sardegna - 3. L’art. 28 della legge francese di separazione del 9 dicembre 1905 - 4. Il banco di prova dei monumenti ai caduti edificati dopo la legge del 1905 - 5. Le oscillazioni interpretative della giurisprudenza amministrativa in materia di esposizione dei presepi - 6. I dubbi sulla “riscrittura” dell’art. 28 operata dal Conseil d’État - 7. Le sorti della statua “fuorilegge” di papa Giovanni Paolo II - 8. La “prova di forza” della Slovacchia nella vicenda della moneta commemorativa dei Santi Cirillo e Metodio - 9. Conclusioni: trasfigurazione dei simboli o della laicità?

To each his own cross”. Disparate remarks concerning the public display of Christian symbols in the European public sphere (with specific regard to Article 28 of the French Separation Law)

ABSTRACT: The present essay takes as a starting point some recent case law on the so-called “institutional” display of religious symbols (and in particular Christian symbols), in Italy and other European countries. The analysis focuses on both the French legal system and some recent rulings of the administrative jurisprudence, which seems to mark a shift from the more consolidated and traditional reading keys of the “secularism”.

Scarica il testo completo in PDF

L’esercizio del governo ecclesiastico in un contesto secolarizzato - di Carlo Cardia

SOMMARIO: 1. Premessa. Quesiti antichi, apocalisse futura - 2. Secolarizzazione post-moderna, critica del vittimismo - 3. Tramonto della ‘pluralità degli ordinamenti giuridici’. Crisi dei diritti umani - 4. Secolarizzazione dei valori. Il diritto procedurale, la fine dell’etica - 5. La legge senza etica. Il Diritto canonico realtà aliena - 6. Oltre liberalismo e marxismo. Il nichilismo antropologico - 7. Matrimonio e secolarizzazione globale - 8. La dimenticanza del diritto, in utroque iure. Riduzione al diritto comune, neo-corporativismo - 9. Evoluzione e impegni disattesi in ambito canonistico - 10. Decadenza scientifica e accademica del Diritto canonico - 11. Conclusioni, reciprocità inevitabile.

Scarica il testo completo in PDF

Laïcité en marche. L’Hexagone à l’épreuve - di Sara Domianello

La lecture de l’ouvrage de Philippe Portier, L’État et les religions en France. Une sociologie historique de la laïcité, est particulièrement stimulante pour ceux qui s’intéressent à la recherche des facteurs favorisant l’évolution des formes et des techniques juridiques élaborées par un Etat face au phénomène religieux.

De ce point de vue spécifique, j’apprécie l’effort accompli par Portier pour exposer et argumenter la thèse selon laquelle, à l’intérieur des lignes brisées qui délimitent le polygone correspondant à l’espace géopolitique occupé par la France continentale - et qui ont conduit à calquer la figure géométrique définie dans son emploi originel de “laïcité hexagonale” comme synonyme de laïcité à la française -, se serait en fait inscrit peu à peu, à partir d’un certain moment historique et pour l’avenir, un modèle vivant de laïcité tout autre que dur et rigide, qui aurait progressivement amené la France à s’adoucir par rapport aux religions et mériterait donc d’être représenté par un dessin plus conforme à la réalité actuelle. (continue)

Scarica il testo completo in PDF

Medicina di frontiera nel Mediterraneo multietnico, tra pluralismo etico, culturale e normativo - di Alberto Marchese

SOMMARIO: 1. Premessa: flussi migratori e problematiche sanitarie, una nuova sfida per la pacifica convivenza nel Mare nostrum - 2. Tutela della salute e normativa di riferimento: profili etico-giuridici - 3. Stranieri regolari e irregolari - 4. L’assistenza sanitaria per i “richiedenti asilo” - 5. Gli stranieri temporaneamente presenti (S.T.P.) - 6. Gli apolidi e i rifugiati per motivi politici - 7. Alcune notazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

La formazione dei ministri di culto di recente insediamento in Italia - di Federica Botti

SOMMARIO: 1. Nuovi compiti del Diritto ecclesiastico - 2. L’attività dei ministri di culto stranieri in Italia - 3. Un nuovo orientamento nelle politiche governative - 4. Un Corso di formazione e di educazione al rispetto dei valori costituzionali – 5. Caratteristiche e limiti dell’attività di formazione.

ABSTRACT: The article addresses the issue of the formation of religious ministers and members of religious communities as stakeholders and at the same time opinion leaders of migrant communities, placing this activity among the new tasks of Ecclesiastical Law. Considering the rules governing the activity of the foreign religious ministers in Italy, the government policies adopted to promote the inclusion of migrants are re-established, highlighting the new strategies adopted by the Italian Ministry of Interior to educate to an active citizenship the population of the new settlements on national territory. The article explains in detail the didactic methodologies adopted, motivates the use of interdisciplinary and a dialogic didactic to deal with the value themes subject to a training course aimed at education and respect for constitutional values. The article ends with a critical reflection on the characteristics and limits of this training activity.

Scarica il testo completo in PDF

Edifici di culto e inter-culturalità (il caso spagnolo della Moschea-Cattedrale di Cordova) - di Antonino Spadaro

SOMMARIO: 1. Premessa: un percorso in terra infidelium, ossia un’indagine su un campo, per chi scrive, pressoché inesplorato - 2. Profili teologici: la “relativizzazione” degli edifici di culto - 3. Profili giuridico-canonistici: la “valorizzazione” degli edifici di culto - 4. Cenni sulla situazione dei beni ecclesiastici, e segnatamente degli edifici di culto, in Italia - 5. Il singolare caso spagnolo della Cattedrale di Cordova - 6. Profili ecclesiasticistico-costituzionali: la “doppia natura” della Mezquita, come “Cattedrale cattolica” e come bene “inter-culturale”, dunque, potenzialmente, inter-confessionale … - 7. (segue): “resistenze” nel dialogo inter-religioso. Casi simili o analoghi - 8. Conclusioni: necessità di soluzioni consensuali, forse “imperfette”, ma costituzionalmente ragionevoli.

Worship Buildings And Interculturality (The Spanish case of the Mosque-Cathedral of Cordoba)

ABSTRACT:After a brief exposition of theological and legal aspects (canon law) of worship buildings, also with reference to Italy, the paper focuses on Spanish system and the peculiar case of Cordoba Cathedral. From an ecclesiastical-constitutional law perspective, the Mosque has a “double essence”: “catholic cathedral” and “intercultural good”, with a potential interfaith meaning. Thus, none of the following solutions can be accepted: 1) expropriate and change the temple in a public lay museum (irritating both Christian and Islamic communities); 2) qualifying again the temple as a Mosque (after 8 centuries of Christian worship); 3) leaving it solely as a Cathedral (despite its original architecture as a Mosque); 4) make of it an interfaith temple (with the risk of syncretism). The paper suggests that a solution by an agreement between the two groups, however imperfect, is possible (and reasonable from a constitutional perspective): a partial “sharing” of the building, in a brotherhood spirit of high symbolic meaning.

Scarica il testo completo in PDF

La libertà religiosa tra ascesa e crisi dei diritti umani - di Carlo Cardia

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Il cammino verso la laicità dello Stato – 3. La rivoluzione della laicità, i totalitarismi, la terra promessa dei diritti umani – 4. Le nuove sfide. il secolarismo senza etica – 5. Altri segni di regresso: antisemitismo, guerra ai simboli religiosi – 6. Il mischiarsi della storia, il confondersi di religioni, popoli, culture – 7. La bestemmia della violenza religiosa.

Scarica il testo completo in PDF

Brevi riflessioni sull’art. 17 TFUE e sul progetto di Direttiva del Consiglio recante disposizioni in materia di divieto di discriminazione - di Stefano Montesano

SOMMARIO: 1. L’Europa e la prospettiva religiosa. Dai fatti di Parigi un messaggio all’Unione – 2. L’art. 17 del Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea. Un breve profilo critico – 3. La (presunta) incompetenza comunitaria in materia di status . L’interpretazione sistematica e i limiti operativi – 4. Il "dialogo". Alcune valutazioni di principio – 5. La (nuova) normativa comunitaria in materia di divieto di discriminazione nel contesto ideologico dell’art. 17 TFUE: il progetto direttiva COM 426/2008. Brevi considerazioni elaborative – 6. Il nuovo corso dell’Unione tra crisi di affermazione e rinnovata identità (laica).

Brief reflections on art. 17 TFEU and on the draft Directive laying down rules for the application of the principle of equal treatment three persons irrespective of religion or belief, disability, age, sexual orientation

ABSTRACT: The essay is to analyze the recent developments affecting the relationship between the European Union , religious denominations and religious perspective in general in the light of what is stated in art. 17 TFEU and in a renewed ideological Community regulatory framework resulting after the changes introduced by the Lisbon Treaty . In the final part of the paper, it focuses on the new draft Directive COM 426/2008 laying down rules against discrimination (including religious), and on the general secular identity dimension of the European Union in matters religious.

Scarica il testo completo in PDF

L’insegnamento religioso nella scuola pubblica è compatibile con un modello politico liberale? Uno sguardo alla legislazione italiana - di Salvatore Taranto

SOMMARIO: 1. Il problema dell’insegnamento religioso negli Stati liberaldemocratici – 2. I connotati essenziali e distintivi delle teorie liberali – 3. Neutralismo esclusivo e inclusivo. La configurabilità di una sfera sociale – 4. Sulla compatibilità dell’insegnamento religioso con i principi liberali – 5. Uno sguardo alla normativa italiana di settore

Scarica il testo completo in PDF

Il rapporto tra laicità e neutralità: una questione concettuale? - di Corrado Del Bò

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Su alcuni equivoci nel dibattito italiano sulla laicità - 3. Laicità e neutralità: un rapporto complicato - 4. La laicità della Corte costituzionale - 5. Conclusioni.

ABSTRACT: This article, which is the chapter five of the book La neutralità necessaria. Liberalismo e religione nell’età del pluralismo (ETS, 2014), tries to identify what is the link between the idea of neutrality and secularism, suggesting that this link depends on the various possible interpretations of neutrality. Moreover, it is argued that we should avoid to reduce the issue to a nominal disputation about the meaning of the words and move our attention to the more fundamental problem about the relationship between politics and religion in a secular State.

Scarica il testo completo in PDF

Il matrimonio same sex nella Repubblica di San Marino? - di Luca Iannaccone

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. La questione del matrimonio tra persone dello stesso sesso in Italia: brevi cenni circa lo stato del dibattito nella giurisprudenza - 3. Il matrimonio same sex nella Repubblica di San Marino?

The same sex marriage in the Republic of San Marino?

ABSTRACT: The issue of the recognition of same sex marriages is extremely relevant again in Italy after the April 3, 2014 ruling in which the Court of Grosseto ordered to transcribe, in the registry office, a marriage contracted in New York (USA) by two Italian citizens of the same sex. The Author, after a brief synthesis that summarizes the main topics of the jurisprudential debate in Italy, turns his gaze to the neighboring Republic of San Marino, where the same issue was risen as a result of an initiative (Istanza d'Arengo) with which a San Marino citizen, having contracted a civil marriage abroad with the partner, sought its recognition in the Republic. The contribution deals with the topic in the light of the legislation in force in San Marino presenting the hypothesis that, de iure condendo, are looming on the horizon.
 

Scarica il testo completo in PDF

La coesistenza delle religioni in Albania. Le religioni in Albania prima e dopo la caduta del comunismo - di Maria Gabriella Belgiorno de Stefano

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Le origini del Kanun albanese - 3. La fratellanza religiosa albanese - 4. Il primo comunismo albanese e la libertà religiosa - 5. L’ateocrazia albanese - 6. La fratellanza albanese e la Costituzione del 1998.

Scarica il testo completo in PDF

Los valores religiosos y la laicidad de la esfera pùblica - di Fabio Macioce

SOMMARIO: 1. La laicidad es un problema cultural, no politico - 2. La esfera pública y su neutralidad - 3. La razón religiosa y la razón secular en la esfera pública - 4. La esfera pública y los valores públicos.

ABSTRACT: The concept of secularism can be understood in a political perspective or in a legal one. However, secularism is frequently identified with the concept of neutrality, so committing an epistemological error. In this essay, I try to demonstrate that the religious logos is indistinguishable from secular reason, and they both have the same dignity in the public debate. Finally, the article seeks to demonstrate that secularism in pluralistic societies, requires the cooperative research of the values ​​ inherent in social practices, in a perspective that is neither relativistic nor ideological.

Scarica il testo completo in PDF

I progetti per l’introduzione del divorzio in Italia in epoca post-unitaria - di Fabio Franceschi

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Cenni sulla legislazione matrimoniale nell’Italia preunitaria – 3. L’introduzione del matrimonio civile nella codificazione unitaria del 1865 e la questione del divorzio – 4. I primi fermenti divorzisti: i progetti Morelli (1878-1880) – 5. Il progetto Villa del 1881 – 6. Il progetto Zanardelli del 1883 – 7. Il divorzio sul finire del XIX secolo: un problema aperto – 8. Il secondo progetto Villa (1892) – 9. Il terzo progetto Villa (1892-1893) – 10. L’inizio del nuovo secolo e il rinnovato entusiasmo divorzista. Il progetto Berenini-Borciani (1901) – 11. Il progetto Zanardelli-Cocco Ortu (1902) – 12. Il divorzio nel periodo giolittiano e il progetto Comandini (1914) – 13. Il progetto Marangoni-Lazzari (1920): fine di un’epoca – 14. Considerazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Religione e costituzionalismo occidentale. Osmosi e reciproche influenze - di Francesco Alicino

SOMMARIO: 1. Introduzione. – 2. I presupposti teologici. – 3. Tendenza teocratica, ma visione profana dei fenomeni normativi. – 4. La doppia faccia della secolarizzazione. – 5. Il costituzionalismo (medievale) cristiano. – 6. Le origini del costituzionalismo occidentale. Fra apolitismo radicale … – 7. (segue) … e messianismo temporale e rivoluzione scientifica. – 8. Westfalia (1648): la territorializzazione del diritto religioso. – 9. La nuova religione della perfetta ragione. – 10. Dalla fine della sovranità westfaliana, al secondo dopoguerra … – 11. … (segue) e alla questione islamica di questo secolo.

ABSTRACT: During the long history of the Western Legal System, Christian religion has been playing a key role in defining some of the pillars of modern constitutionalism. This is evident in respect to important constitutional principles like, for example, the notion of “person”, as established in the article 6 of the 1948 Universal Declaration of Human Rights (“Everyone has the right to recognition everywhere as a person before the law”). At the same time, some theological notions of medieval constitutional thought represented the political pedestal of the absolute sovereignty of the State, which is antithetical to the logic of constitutional legal system. With this article, the Author analyses the way some theological notions of Christianity have been “secularized” – and then “codified” – in the Western constitutional States, influencing the pillars of contemporary democracies. This could explain, for example, why the legal instruments carrying out the relationship State-Churches in certain Western democracies do not work very well as they did in the past. In fact, from time to time, these instruments have been able to create the conditions for a proper interaction – an  “overlapping consensus”  – between religious groups and public authorities as well as an acceptable balance between universal principles of Western constitutionalism and ethnic-cultural-religious differences. Nowadays, however, these same instruments seem to fail. Precisely because immigration and today’s multicultural societies see masses of people that come to Western Countries with their religious identities and, sometimes, with a global perspective which complicates the century old tension  between universal principles – launched by the history of the Western constitutionalism – and the current cultural-religious belongings.

Scarica il testo completo in PDF

Quattro notazioni sulla laicità - di Raffaele Coppola

SOMMARIO: 1. Laicità e dualità del potere – 2. Geopolitica della laicità, suoi significati – 3. L'elemento popolare – 4. Il ruolo del civis-fidelis della tradizione classica nei regimi democratici - 5. Distinzione degli ordini e neutralità religiosa.

Four Annotations Concerning the Principle of Secularism (laicità): General Conclusions

Both at national and international level, the lowest common denominator of various principles of secularization (in French laïcité) is the separation - distinction between State law and religious law, which includes the distinction between different assignments of  these two spheres. That is in reality the central-essential aspect of the principle of secularization, which also represents the solid ground for every normative models as well as geographic horizon in what is called the Western legal system. One could identify the historical roots of that principle in a specific period – that lasted form the I to IV centuries – from which the “sinfonia” (symphony) between sacerdotium and imperium developed (especially until the 1054 a.C.). Given these roots, from time to time the concrete life of nations and their laws have been able to affirm the famous conceptions – we all know – identifying the crucial characteristics of  secularization. And this also gives us the solid basis for understanding the future conceptions of secularization. Nowadays, in the context of European Union the religious nomoi groups, the philosophical organizations as well as all human categories (like women) – that in the past era were subjected to gender and racial discriminations – hold the right to freedom of thought, conscience and  religion; which includes freedom to change religion or belief . In this sense, we may identify an “European principle of  secularization”, also understanding its evolution.
 

Scarica il testo completo in PDF

Le prospettive della dottrina e dello studio del regime giuridico civile della religione - di Valerio Tozzi

SOMMARIO: 1. Il compito della dottrina – 2. Necessità di un’evoluzione nel metodo di approccio ai problemi della religiosità sociale – 3. Esempi di sussistenza del metodo criticato nella dottrina e nella legislazione: a) l’otto per mille; b) il riconoscimento degli effetti civili al matrimonio religioso; c) l’insegnamento scolastico della religione – 4. Le materie eticamente sensibili: a) l’interruzione volontaria della gravidanza; b) la procreazione assistita; c) accanimento terapeutico ed eutanasia - il testamento biologico – 5. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

La partecipazione dei fedeli laici alla vita pubblica. Testimonianza cristiana, etica pubblica e bene comune nell’insegnamento di Benedetto XVI - di Fabio Franceschi

SOMMARIO: 1. Considerazioni introduttive. Natura essenzialmente laicale della responsabilità politica - 2. L’intervento della Chiesa nel dibattito pubblico su questioni inerenti alla vita sociale e politica. I principi c.d. non negoziabili - 3. Fondamentale libertà dei fedeli rispetto alle indicazioni della gerarchia in materia temporale – 4. La funzione di orientamento dei pastori della comunità ecclesiale e i confini dell’intervento della stessa – 5. I limiti alla libertà dei fedeli in materia temporale: il rapporto tra libertà e verità e la salvaguardia delle esigenze etiche fondamentali e irrinunciabili per il bene comune e della società – 6. Benedetto XVI e l’invito a una nuova generazione di cattolici impegnati in politica. La difesa della centralità della persona umana come compito primario dei credenti impegnati nel governo della città terrena – 7. (segue) L’impegno a favore della promozione di un concetto positivo di laicità, aperto alla Trascendenza − 8. (segue) La politica come forma singolare di realizzazione della carità – 9. (segue) La dottrina sociale della Chiesa come strumento di formazione essenziale e guida sicura per i fedeli laici impegnati nell’ambito socio-politico – 10. Considerazioni conclusive. Doveri, rispettivi, dello Stato e della Chiesa affinché si conservino, o se necessario si creino le condizioni esterne idonee e necessarie allo svolgimento dei compiti dei christifideles laici nella polis.

Scarica il testo completo in PDF

L’objection de conscience dans la post-modernité - di Fabio Macioce

SOMMARIO: 1. Avant propos – 2. Le concept de l’objection de conscience – 3. L’objection de conscience dans la modernité – 4. L’objection comme témoignage.

ABSTRACT – In pluralistic societies there’s a very strong conflict between legal universalism and moral particularism. In this context, the conscientious objection tends to change its meaning: it is no longer the opposition to a specific rule, but it becomes a form of a radical opposition to the law. This paper, with an analysis of the objection, its forms and its meaning, tries to show how it should be again a chance to witness the truth. This possibility, which is essential for religious people, should be pursued regardless of any legal recognition.

Scarica il testo completo in PDF

I prodromi della questione cattolica in Italia. Note intorno al difficile dialogo tra la Chiesa cattolica e lo Stato unitario in Italia . - di Antonino Mantineo

SOMMARIO: 1. Il punto sulla storiografia - 2. Vocazione anti-unitaria del Papato e della Chiesa - 3. I cattolici e il lento cammino verso la democrazia.

Scarica il testo completo in PDF

L’insostenibile leggerezza della laicità italiana - di Nicola Fiorita

Se si volesse riavvolgere il filo che lega i più recenti e numerosi contributi alle primissime riflessioni teoriche sulla laicità dello Stato bisognerebbe risalire e risalire nel tempo, perdendo di vista quello che è lo scopo principale di questo intervento, ovvero una  valutazione aggiornata della cagionevole salute di questo principio nell’ordinamento italiano. Risulta, quindi, indispensabile fissare per il nostro ragionamento una data di partenza più vicina ai giorni nostri, e alle esigenze dei giuristi, peraltro facilmente individuabile in quell’11 aprile del 1989 a partire dal quale il dibattito sulla laicità è cambiato per sempre di segno, dovendosi da quel preciso momento in poi delimitare l’oggetto di ogni discussione sul contenuto del principio e non più sulla sua esistenza, necessità o impossibilità nel nostro ordinamento. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

La “struttura ecclesiastica” dello Scottish Enlightenment. Le origini dell’illuminismo scozzese fra religione naturale e teologia razionale - di Francesco Alicino

SOMMARIO: 1. Prologo. Le origini della Secular Age – 2. I princìpi fondamentali della Chiesa di Scozia: la Professione di Fede e i Catechisms – 3. Il legame fra il mondo accademico e quello ecclesiastico – 4. La macchina processuale (ecclesiastica) e il Right of Patronage – 5. L’influenza del giusnaturalismo razionalista sulla dottrina teologica cristiana - 6. Lo sguardo scettico del bon David – 7. Epilogo. La progressiva secolarizzazione dello Scottish Enlightenment.

ABSTRACT: Between the late XVII century and the second half of the XVIII century Scotland faced very important constitutional changes, involving the relationships between the State and the Churches. In this context, the "religious question" continued to play a crucial role, finding its place – as so often in the past – at the top of the political agenda. However, this agenda was also influenced by the intellectual movement called Scottish Enlightenment, which gave an important contribution to the evolution of the Scottish Established Church that was Calvinist in its official documents, but Presbyterian in the ecclesiastical order. After general considerations about the process of secularization (which spread out in Europe at that time) the author analyses the peculiar evolution of relationships between the Scottish Established Church and the Scottish Enlightenment, which also affected the constitutional system in this country.

Scarica il testo completo in PDF

The Universal Constitutionalism in an Age of Religious Diversity. Western Secularism Tested by “New” Cultural Conflicts - di Francesco Alicino

SUMMARY: 1. Introduction – 2. Relation-Collaboration between the State and Churches in Constitutional Democracies – 3. The laicité à la française Tested by a Deprivatised Religious Process – 3.1. The French Rigid Secularism. Freedom (of Religion) through the State – 4. Canada’s Open Secularism. The Question of Religious-Based Family Law Disputes – 4.1 Reasonable Accommodation and “New” Religious Nomoi Groups – 5. Collaboration-Relation between the State and Churches in Italy – 5.1. The Italian Secularism Tested by the New “Religious Geography” – 6. Conclusion.

ABSTRACT: Under the pressing process of immigration and globalisation many Western constitutional democracies have moved from a number of religions, sharing a common culture, to today's age of diversity. As opposed to the past, the current democracies are facing the lack of overlapping consensus over the basic constitutional laws: namely, the meaning and the scope of freedom of religion, secularism, the separation Church-State, equal treatment and the rule of law. This is because individuals often come to adopt their basic values by very different ways. The nature, scope and force of such values are likely to be affected by competing and, sometimes, contested fundamental values and worldviews. From here stems the pressing tension – or dilemma – between “unity” and “diversity”. This essay starts with general considerations about the freedom of religion principle, strictly related with the “separation” as well as “collaboration” between secular States and Churches; then the author analyses three case-studies (France, Canada and Italy), pointing out some specific legal approaches. In particular he focuses the analyses over the French “droit commun”, the Italian ecclesiastic law and the Canadian arbitral tribunals that, especially in family law, allow disputes to be arbitrated using religious jurisdictions.

Scarica il testo completo in PDF

Le istituzioni ecclesiastiche nel Settecento in Italia tra potere spirituale e potere secolare - di Fabio Franceschi

SOMMARIO: 1. Le istituzioni ecclesiastiche in Italia nei primi decenni del XVIII secolo: uno sguardo d’assieme - 2. L’avvio di una politica riformista da parte dei principi della penisola e l’affermarsi del giurisdizionalismo di matrice confessionista quale sistema di rapporto tra gli Stati italiani e la Chiesa - 3. La svolta di metà secolo. Aumento dell’ingerenza delle autorità civili nell’organizzazione e nell’attività delle Chiese locali. Assunzione da parte delle stesse di autonome competenze normative in materia di istituzioni e di patrimonio della Chiesa. Parziale inquadramento delle istituzioni ecclesiastiche in seno alle organizzazioni statuali - 4. I principali provvedimenti adottati negli Stati della penisola nel campo delle istituzioni e del patrimonio ecclesiastico - 5. Provvedimenti soppressivi di istituzioni esistenti - 6. (segue) Misure dirette a cancellare i privilegi e le immunità delle istituzioni ecclesiastiche ed a contrastare il fenomeno della manomorta - 7. (segue) Misure dirette a riformare l’organizzazione e l’attività della Chiesa in sede locale e a sottoporre le istituzioni ecclesiastiche al controllo dell’autorità civile - 8. (segue) Misure dirette a secolarizzare le funzioni assistenziali ed educative. Sottrazione dei relativi ambiti di attività alla Chiesa ed alle sue istituzioni - 9. (segue) Rivendicazioni statali in tema di creazione delle istituzioni ecclesiastiche. Tentativi volti ad affermare la necessità e il carattere essenziale del riconoscimento o della confirmatio imperantis dei corpi morali in genere, e delle istituzioni ecclesiastiche in particolare - 10. Istituzioni secolari ed istituzioni regolari. Incidenza dell’azione degli Stati sull’assetto della ripartizione fra le due componenti dell’organizzazione ecclesiastica. L’ostilità dei sovrani riformatori nei confronti dell’organizzazione regolare e della Compagnia di Gesù in particolare. Soppressione di conventi e monasteri - 11. Le istituzioni del clero secolare. Rafforzamento degli episcopati locali e delle strutture organizzative diocesane come effetto della politica ecclesiastica riformista degli Stati italiani. Parziale riorganizzazione, territoriale e funzionale, delle parrocchie e dei seminari - 12. Considerazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Laicità, diritti umani, cultura relativista - di Carlo Cardia

SOMMARIO: 1. Laicità amica e laicità nemica della religione. Realtà e memoria storica - 2. La sintesi dello Stato laico sociale nell’era dei diritti umani. I nuovi conflitti religiosi - 3. Cultura relativista, svilimento della universalità dei diritti umani - 4. Relativismo, crisi antropologica, uso strumentale della laicità - 5. Multiculturalità e doppia verità relativista - 6. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

La Chiesa e la politica - di Piero Bellini

È dato di esperienza – del quale ci tocca prender atto – che la nostra vicenda nazionale si mostra segnata come da un curioso paradosso. È un fatto che [pur essendo l’italiana una società largamente “secolarizzata”] essa al contempo ben poco si presenta “laica”. È un fatto che l’Italia [quanto si voglia sorda ai richiami d’una sentita religiosità: quanto che sia ridotta, s’è sin detto, a «terra di missione»] è Paese in cui la Gerarchia cattolica romana tuttavia mantiene una sua pregnante egemonia: la quale va ben oltre ciò che si riscontra nella generalità delle altre comunità politiche di professione religiosa cattolica. Sicché – di faccia a questa singolare situazione – non ci si può non domandare come mai ciò accada: come mai una «società secolarizzata» non sappia «essere laica», ma seguiti a concedersi all’alta manus della Chiesa. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

I nuovi confini del diritto matrimoniale tra istanze religiose e secolarizzazione: la giurisdizione - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Matrimonio religioso e giurisdizione - 2. Giurisdizioni alternative nelle società multiculturali? – 3. Spazi aperti dalle giurisprudenze europeee – 4. Arbitrato e globalizzazione – 5. Secolarizzazione e interposizioni religiose – 6. Rischi per i diritti fondamentali – 7. Sul retroterra multiculturalista - 8. Incursus: Kelsen e la Corte costituzionale austriaca – 9. Esperienza italiana e prospettive – 10. Conclusione: per un globalismo ben temperato.

Scarica il testo completo in PDF

Stati e religioni in Europa: problemi e prospettive - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: A. Una premessa sulle complessità dell’Europa – B. Le evidenze del presente – C. I cambiamenti in corso – D. I problemi del futuro.

Scarica il testo completo in PDF

La laicità al tempo della globalizzazione - di Nicola Colaianni

Dei tre sostantivi che compongono il titolo solo uno rappresenta, a colpo d’occhio, una “parola di giustizia” ed è paradossalmente quello di cui non devo occuparmi: il tempo. Il decorso del tempo è fondamentale nella vita del diritto, per esempio per avanzare o per bloccare una pretesa, civile o punitiva. Se ciò basti a farne una parola anche di giustizia, a tenere conto cioè del tempo come struttura essenziale della persona e ragione perciò della sua imperfezione e dei suoi bisogni, è discutibile. Non è detto, infatti, che ci sia coincidenza fra legge e giustizia perché la legge può essere anche ingiusta o comunque non assicurare pienamente quei valori universali che finiscono per comporre la dignità di ogni persona. A rendere valide le leggi – scriveva Tertulliano, al quale si deve “il concetto innovativo della storicità della legge” (Canfora) – non sono “né il numero degli anni, né l’autorità dei loro promulgatori, ma unicamente la giustizia”. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Fecondazione assistita e velo di ignoranza laicista - di Mario Jori

Il libro di Emilio Dolcini, Fecondazione assistita e diritto penale, di cui oggi discutiamo, è composto da quattro capitoli di analisi della vigente legge italiana sulla fecondazione assistita, esaminata, come dice il titolo, da un punto di vista giuridico e penalistico; più un’appendice dove si esaminano le Linee guida “Turco” alla legge stessa. Il libro ha una introduzione scritta da Carlo Flamigni. La combinazione non potrebbe essere più felice, la introduzione di Flamigni è parte integrante del libro. Essa contiene non solo le informazioni mediche di base sulla fecondazione assistita e sui  problemi scientifici (medici e biologici) cui va incontro la legge, ma alcune considerazioni filosofiche di base, molto sintetiche ma tutte finemente poste e a mio parere tutte pienamente condivisibili. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Sui rapporti tra diritto penale e laicità dello Stato - di Giorgio Marinucci

Parlare della inseminazione artificiale nella cornice dei rapporti tra “diritto penale e laicità dello Stato” significa evocare le radici stesse del diritto penale liberale, laico per definizione, così come lo forgiò nel suo ‘libriccino’ il grande milanese Cesare Beccaria. La quintessenza di quelle radici l’ha colta Franco Venturi, il massimo studioso dell’illuminismo non solo italiano, quando ha scritto sul ‘diritto di punire’ secondo Beccaria: “Il nodo che da millenni si era formato unendo con mille fili peccato e delitto, veniva tagliato da Beccaria d’un colpo netto. Che la Chiesa, se voleva, si occupasse pure dei peccati. Allo Stato spettava soltanto il compito di valutare il danno che l’infrazione della legge aveva portato all’individuo e alla società.” In breve: “Il diritto penale veniva completamente desacralizzato”. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Constitutionalism as Peaceful “Site” of Religious Struggles - di Francesco Alicino

SOMMARIO: 1. Introduction – 2. Part I: Theological and Historical Roots of Western Constitutionalism – 2.1. King-Servant of God vs. Tyrant-Servant of the Devil – 2.2. Hobbes and la religion de l’État – 2.3. John Locke’s Principle of Tolerance. The Modern Constitutionalism – 2.4. Roger Williams: The Apostle of Religious Liberty. The Roots of American Secularism – 3. Part II: The secularismlaïcité – 3.1. The Double Separation (Emancipation): State from Religion, Religion from the State – 3.2. Islam and la laïcité à la française – 3.3. Individual Rights vs Group Rights – 4. Conclusion. Secularism and Supranational Constitutionalism

Scarica il testo completo in PDF

Tra il diritto e la morale. Obiezione di coscienza e legge - di Carlo Cardia

SOMMARIO: 1. Premessa. La moltiplicazione delle obiezioni di coscienza. Criteri ricostruttivi - 2. La questione del “valore” legittimante l’obiezione di coscienza - 3. Dai conflitti di valore ai contrasti di opinioni, e di orientamenti. Le obiezioni di coscienza “minori” - 4. La “prova di coerenza” richiesta dall’ordinamento - 5. Etica e diritto. Un rapporto dialettico - 6. Il ruolo dinamico e sociale dell’obiezione di coscienza, con particolare riguardo alla materia bioetica - 7. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Eutanasia e testamento biologico nel magistero della Chiesa cattolica - di Marco Canonico

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Il fondamento naturale del diritto canonico e l’indisponibilità dei relativi contenuti - 3. La concezione cristiana della vita - 4. Il precetto di non uccidere - 5. L’eutanasia come violazione del divieto di uccidere - 6. La posizione della Chiesa cattolica riguardo all’accanimento terapeutico ed alle cure palliative - 7. L’applicabilità dei principi in tema di eutanasia alla prospettiva del cd. testamento biologico - 8. Riflessioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Liberté et tolérance religieuse dans la pensée de Voltaire - di Germana Carobene

“Il faut séparer toute espèce de religion de toute espèce de gouvernement, la religion ne doit pas plus être une affaire d’État que la manière de faire la cuisine. Il doit être permis de prier Dieu à sa mode comme de manger suivant son goût; et pourvu qu’on soit soumis aux lois, l’estomac et la conscience doivent avoir une liberté entière. Cela viendra un jour, mais je mourrai avec la douleur de n’avoir pas vu cet heureux temps”. Dans cette lettre, écrite par Voltaire à un ami cher à l’âge de la maturité, au temps de ses interventions directes au service de la tolérance, se profilent les thèmes clés des polémiques de l’auteur: en partant de la nécessité d'une réduction dans de plus justes proportions du facteur religieux au domaine privés, il  propose trois principes fondamentaux de l'État moderne: tolérance et liberté; séparation du pouvoir politique et du religieux; gouvernement des lois. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Indisponibilità o sacralità della vita? Dubbi sulla ricerca (o sulla scomparsa) di una disciplina laica in materia di testamento biologico - di Lucia Risicato

SOMMARIO: 1. Laicità, dignità della vita e dignità della morte - 2. Scelte di fine vita ed “eutanasia”: un pericoloso equivoco – 3. La piena libertà di rifiutare le cure dei soggetti autoresponsabili: il caso Welby – 4. Lacune normative e stato vegetativo permanente: il caso Englaro – 5. Segue: a) il ruolo della Suprema Corte e la valorizzazione del principio di autodeterminazione responsabile- 6. Segue: b) le reazioni ai principi di diritto affermati dalla Cassazione, dalla “guerra delle circolari” al decreto sul “divieto di lasciar morire”: invadenza della magistratura o renitenza alla magistratura? – 7. La normativa in itinere sul testamento biologico: indisponibilità o sacralità della vita? Lo snodo della qualificazione giuridica delle terapie di sostegno vitale e le sue possibili conseguenze – 8. Considerazioni conclusive: il diritto penale post-secolare ed il tabù dei “cadaveri vivi”.

Scarica il testo completo in PDF

Alla ricerca di una nozione giuridica di “identità culturale”: riflessioni di un ecclesiasticista - di Nicola Fiorita

SOMMARIO: 1. Identità e diritto – 2. Identità, religione e diritto - 3. Identità come veicolo di eguaglianza o identità come superamento dell’uguaglianza? - 4. Vecchie e nuove questioni in tema di identità - 5. L’ordinamento giuridico italiano tra tentazione assimilazionista e timide aperture identitarie - 6. Dall’identità dei gruppi all’identità dei singoli: le convinzioni personali nel diritto anti-discriminatorio.

Scarica il testo completo in PDF

La giurisprudenza ordinaria in materia penale: le contraddittorie anime del principio di laicità - di Natascia Marchei

SOMMARIO: 1. La laicità come mera “non confessionalità”: lo svuotamento delle norme penali che tutelavano la “religione dello Stato” - 2. Il paradosso della “laicità democratica”: la protezione della religione della maggioranza dei cittadini - 3. La “laicità positiva” come garanzia di pluralismo (confessionale e culturale): i corollari della laicità - 4. Il “diritto alla laicità” del singolo nei confronti dello Stato inadempiente: le oscillazioni della giurisprudenza - 5. Brevi considerazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

La sacra laicità - di Paolo Heritier

SOMMARIO: 1. Due figure di laicità – 2. Laicità e secolarizzazione – 3. La distinzione tra chierici e laici come struttura di governo – 4. Oltre le due culture?

Scarica il testo completo in PDF

Laicità del diritto e pari dignità delle persone - di Donato Carusi

Laicità è nel linguaggio corrente atteggiamento neutrale nei confronti del sacro. Giacché quest’ultimo è … per definizione tra i più sfuggenti ed infìdi dei concetti, siamo con ciò ben lungi dall’aver risolto la questione definitoria. Laico può essere quanto esula dall’associazionismo magico, dalle metafisiche rivelate e dalle religioni; ma anche – qualunque cosa ciò voglia dire - dagli atteggiamenti sentimentali e romantici; laico può diventare sinonimo di tecnico, autoreferenziale, al limite avalutativo e perfettamente amorale. Ammettiamo intuitivamente che gradi diversi di laicità possano dirsi storicamente realizzati nei diversi sistemi politico-giuridici: la modernità rappresenta se stessa, per l’appunto, come un complessivo movimento  d’innalzamento di quel grado. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Appartenenze/credenze di fede e diritto penale: percorsi di laicità - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. Laicità e diritto penale nella prospettiva dell’ecclesiasticista - 2. Laicità “neutrale” e laicità “religiosa”: un dilemma irrisolto – 3. Tutela penale del sentimento religioso e libertà di religione – 4. I risvolti promozionali della tutela penale di “un” sentimento - 5. Tutela penale del sentimento religioso e diritto giurisprudenziale - 6. L’esigenza di una riforma organica e profonda del diritto penale “di religione”.

Scarica il testo completo in PDF

Direito Eclesiástico no Brasil? Uma sugestão - di Lidyane Maria Ferreira de Souza

SOMMARIO: 1. Laicidade, secularização e dessecularização - 2. Religiões de matriz africana: liberdade religiosa ou patrimônio cultural brasileiro? - 3. Direito Eclesiástico no Brasil? - 4.Considerações finais.

Scarica il testo completo in PDF

Laicità dello Stato: da concetto ideologico a principio giuridico - di Paolo Cavana

SOMMARIO: 1. Le origini. Laicità dello Stato e cristianesimo - 2. L’ideologia dello Stato laico nella crisi dello spirito europeo - 3. L’affermazione del regime di laicità in Francia - 4. L’evoluzione del principio di laicità nell’esperienza francese - 5. La laicità dello Stato nell’esperienza italiana. I dibattiti in Assemblea costituente - 6. Il principio di laicità dello Stato nella giurisprudenza costituzionale - 7. Le nuove sfide alla laicità dello Stato.

Scarica il testo completo in PDF

Liberté d’expression et religion en France. Les démarches de la laïcité à la française - di Francesco Alicino

SOMMAIRE: 1. Les coordonnées (constitutionnelles) de la liberté d’expression – 2. La liberté d’expression en matière religieuse – 3. La religion? Un objet susceptible d’être commenté, critiqué, discuté … – 3.1. … ou bien la «sacro-sainte» liberté d’expression ne doit pas céder devant la religion – 3.2. Le pluralisme comme distinction entre critique (anti)religieuse et diffamation – 4. La religion? Un objet susceptible d’être caricaturé – 4.1. Droit de satire, liberté d’expression et laïcité: un lien réciproque de cause à effet – 5. Les limites – 5.1. L’ordre public comme limite à la liberté d’expression – 5.2. La liberté d’autrui comme limite à la liberté d’expression – 6. Religion, liberté d’expression et ethnicité. «Ils» étaient Arabes, ils deviennent musulmans – 6.1. L’école laïque et laïcité de l’État – 6.2. Le rôle du Conseil d’État – 7. Universalisme des droits fondamentaux et dimension collective de la religion – 7.1. Conclusion: de la tolérance au pluralisme.

Scarica il testo completo in PDF

Simbolismo religioso e nuove prospettive per lo studio del diritto ecclesiastico dello Stato - di Raffaele Coppola

SOMMARIO: 1. L'occasione – 2. I suggerimenti – 3. Le prospettive in senso proprio.

Scarica il testo completo in PDF

La laicità francese secondo Nicolas Sarkozy - di Maria d'Arienzo

SOMMARIO: 1. Premesse sul concetto di laicità – 2. Le radici della laicità in Francia – 3. Laicità e sentimento religioso nel discorso di Sarkozy – 4. La laicità positiva di Sarkozy. Un modello nuovo per la Francia?

Scarica il testo completo in PDF

La fine del confessionismo e la laicità dello Stato. Il ruolo della Corte costituzionale e della dottrina - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Il ruolo della Corte costituzionale – 2. Il ruolo della dottrina – 3. La lettura sistematica della giurisprudenza costituzionale – 4. La sentenza n. 203/89: la facoltatività soggettiva dell’insegnamento di religione cattolica – 5. Ascesa e declino del richiamo ad un principio supremo – 6. Il risarcimento della rottura costituzionale operata dall’art. 7 – 7. La laicità come valore e come principio – 8. Principî e regole: una digressione – 9. La laicità come principio di diritto positivo – 10. La sentenza da manuale sulla laicità: la n. 334/96 – 11. Il divieto di strumentalizzazione statale della religione – 12. Il divieto di strumentalizzazione ecclesiastica del diritto statale – 13. Principio di laicità e “principî non negoziabili” – 14. La laicità pluralista implementata dalla giurisprudenza costituzionale.

Scarica il testo completo in PDF

Laicità e principi costituzionali - di Lucia Risicato

SOMMARIO: 1. La deriva della laicità nella società post-secolare e le sue possibili conseguenze - 2. La definizione di “laicità” ed i suoi livelli di rilevanza. Suo radicamento costituzionale. La storica ambiguità dell’art. 7 Cost. - 3. Segue: le norme costituzionali fondanti il carattere laico del diritto penale moderno. Ricostruzione dei confini della tutela costituzionale della vita: primi profili di illegittimità della legge n. 40 del 2004.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà di coscienza e di religione - di Giuseppe Dalla Torre

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Il quadro costituzionale di riferimento - 3. Libertà religiosa o libertà di coscienza? - 4. La questione dell’obiezione di coscienza - 5. La libertà religiosa individuale, collettiva e istituzionale - 6. Contenuti del diritto di libertà religiosa - 7. L’autonomia delle confessioni religiose - 8. Limiti costituzionali al diritto di libertà religiosa - 9. Conclusioni: ragione ed ambiti di una legge ordinaria sulla libertà religiosa.

Scarica il testo completo in PDF

Le “relazioni pericolose” tra libertà di espressione e libertà di religione: riflessioni alla luce del principio di laicità - di Carmela Salazar

SOMMARIO: 1. Premessa -2. Libertà di espressione, libertà di religione, principio di laicità: un rapporto complesso - 3. Il conflitto tra le due libertà ed il diritto penale: la normativa sul c.d. hate speech - 4. ll vilipendio “smantellato”: l’evoluzione della giurisprudenza costituzionale sugli artt. 402 ss., c.p. - 5. Segue: le sentenze sul vilipendio della religione a raffronto con le decisioni sulla “laicizzazione” del giuramento e con le pronunce sull’obiezione di coscienza - 6. Segue: i delitti contro le confessioni religiose nella l. n. 85 del 2006: una riforma “laica”? - 7. Tra conflitti e sinergie: la libertà di espressione religiosa del lavoratore, il nuovo diritto antidiscriminatorio e la disciplina delle “organizzazioni di tendenza” - 8. Segue: le eccezioni alla regola. La libertà di espressione degli insegnanti di religione nella scuola pubblica e la libertà di insegnamento dei docenti dell’Università cattolica - 9. La libertà di esprimere la propria appartenenza religiosa negli ordinamenti multiculturali: il porto dei simboli religiosi (ancora sull’affaire du foulard) - 10. Libertà di espressione e libertà di religione tra sfera della libertà e sfera dell’autorità: le “esternazioni” delle confessioni (con particolare riguardo alla Chiesa cattolica).

Scarica il testo completo in PDF

I diritti “contesi” fra laicità e fondamentalismi - di Marilisa D'Amico

Nel mio intervento vorrei svolgere un ragionamento partendo da una constatazione. In Italia, ormai quotidianamente, siamo vittime di quello che si può definire un “fondamentalismo” interno – fenomeno connotato dall’ingresso pesante delle gerarchie ecclesiastiche nelle questioni non morali, né sociali, ma politiche -; ingresso sostenuto e incoraggiato da forze politiche che saldano la propria identità (debole) a quella del Vaticano e, di fatto, tollerato da altre forze politiche che non reagiscono, o lo fanno in modo molto debole, in nome della tolleranza, della mediazione, del pluralismo. Tutti si appellano ai valori, ma in modo profondamente diverso. Non è chiaro di chi sia la responsabilità: se è stata la politica, debole sui valori, ad aver sollecitato l’intervento e il sostegno di una parte  della Chiesa cattolica, o se, viceversa, è stata la Chiesa stessa ad aver occupato la scena, di fronte all’indifferenza generale. Forse non è così importante, o forse sono vere entrambe le cose. (Continua).
.
 

Scarica il testo completo in PDF

Esercizi di laicità. Ovvero de-finire (giuridicamente) lo Stato laico - di Francesco Alicino

SOMMARIO: 1. Il perché dello Stato laico: la matrice liberal-democratica – 2. Le “definizioni” giuridiche – 2.1. È lingua artificiale il diritto – 3. Il mos italicus dello Stato laico – 3.1. Genesi della laicità all’italiana – 3.2. 1929: conciliati in nome della SS.MA Trinità ... – 3.3. ... ovvero il ritorno a “un’antica espressione medioevale” – 4. De-finire (giuridicamente) la laicità nell’ordinamento repubblicano – 5. Il ruolo della giurisprudenza costituzionale – 5.1 L’operazione definitoria della Corte – 5.2. Una lettura laica dell’art. 3 Cost. – 5.3. Laicità = aconfessionalità – 5.4. Il côté “neutrale” dello Stato laico – 6. Laicità fluida e modellabile ad oggetto disponibile –7. Le “autentiche” e “sane” laicità ... – 8. ... e l’idioma laico della Corte.

Scarica il testo completo in PDF

La condizione della donna nel diritto delle religioni - di Gaetano Dammacco

SOMMARIO: 1. Necessità di nuove categorie oltre i luoghi comuni – 2. Diversa flessibilità e permeabilità del diritto delle religioni. La secolarizzazione e la globalizzazione – 3. Lo statuto della donna nei diritti religiosi mediterranei: ebraismo, islam, cristianesimo – 4. La tutela della donna come espressione di una cultura della laicità. L’attuale debolezza degli interventi legislativi. Il ruolo degli ordinamenti civili – 5. Il progresso della condizione femminile e le religioni. L’importanza del dialogo tra le religioni – 6. L’importanza delle relazioni tra gli stati e le confessioni religiose.

Scarica il testo completo in PDF

Date a Dio anche quello che è di Cesare - di Luciano Zannotti

Sconsigliano i Maestri di intitolare gli scritti in modo che esplicitamente dichiarino le intenzioni dell’autore. Contravvengo alla regola per chiarire subito ciò che voglio dire, escludendo con consapevolezza quell’effetto sorpresa che sembra utile per mantenere desta l’attenzione. Spero di recuperarlo cercando di limitare al minimo i tempi del mio intervento. 1 - Il senso della mia relazione è dunque già espresso nel titolo. Quello che vorrei infatti dimostrare è che la famosa frase evangelica, da cui prende spunto anche il nostro convegno, date a Cesare ciò che è di Cesare e a Dio ciò che è di Dio (Mt. 22, 15-22; Mc. 12, 13-17; Lc. 20, 20-26), finisce per avere nel pensiero della Chiesa un significato del tutto diverso rispetto a quanto comunemente attribuito e addirittura opposto a quello assegnato da certa letteratura di carattere apologetico, trasformandosi, in realtà, da enunciazione del principio di separazione della Chiesa dallo Stato, che troverebbe origine nel patrimonio culturale cristiano, ad affermazione del principio di dipendenza dello Stato dalla legislazione religiosa e dalla volontà della gerarchia ecclesiastica (con tutto ciò che ne consegue sul piano della democrazia laica): la distinzione tra ciò che è di Cesare e ciò che è di Dio appartiene alla struttura fondamentale del cristianesimo, politica e fede sono ordini distinti ma sempre in reciproca relazione ... (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Riflessioni sparse su “CUS”, “DICO”, e fenomeno religioso - di Antonio Fuccillo

SOMMARIO: 1. Società multietnica e multireligiosa, libertà fondamentali ed evoluzione della “famiglia” – 2. Unioni di fatto, crisi sociale della famiglia “tradizionale” e pluralismo sociale e religioso. Ipotesi di soluzione giuridica? – 2a. Profili “generali” – 2b. Profili “pubblicistici” – 2c. Riflessioni sulle più recenti proposte di legge (XV legislatura) in materia – 3. Libertà individuali e rapporti patrimoniali nell’ambito della famiglia naturale e multiculturale: in particolare gli accordi di convivenza – 4. I possibili profili successori nella famiglia naturale e di fatto e la loro rilevanza nella gestione dei rapporti personali (alcuni cenni) – 5. La “concorrenza tra ordinamenti” in materia di convivenza (alcune riflessioni operative).

Scarica il testo completo in PDF

Quale laicità - di Nicola Colaianni

Con questo libro Carlo Cardia si affaccia sul versante polemistico della letteratura giuridica con la maestria affinata attraverso una copiosa produzione saggistica e con la non comune versatilità che negli ultimi anni lo ha portato ad occuparsi dei problemi di tutela non solo delle confessioni religiose ma anche dei diritti umani. I bersagli della polemica sono indicati nel sottotitolo: etica, multiculturalismo, islam, non in sé naturalmente ma in quanto declinati in maniera rispettivamente relativistica, separatistica, fondamentalistica. Capaci cioè di esaltare le identità oltre ogni limite e di attentare, quindi, a quello “stato laico sociale” che, dopo secoli di storia travagliata e i totalitarismi del secolo breve, a cavallo del nuovo millennio ha trionfato un po’ dovunque in Europa e in tutto l’occidente. Questo carattere ben si coglie secondo l’autore nella “rivincita dei concordati”. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” - Editoriali • “Una lotta religiosa è da evitare ad ogni costo”: ”equilibrio e prudenza” o “fermezza, prudenza e coraggio”? (di g.c.) - di Giuseppe Casuscelli

Finalmente sembrano stemperarsi le voci che negli ultimi mesi, in vista della presentazione alle Camere del disegno di legge per la regolamentazione delle convivenze di fatto, hanno acceso e alimentato il dibattito politico e mediatico sul problema “pregiudiziale” dei rapporti tra religione e politica, fede e diritto, valori religiosi e libertà civili, Chiesa cattolica e Stato italiano. I sostenitori del carattere laico della Repubblica democratica e i sostenitori del carattere irrinunciabile della famiglia fondata sul matrimonio hanno trovato compagni di viaggio di cui si immagina che avrebbero fatto volentieri a meno. Sul primo versante si sono levate voci scomposte di ritorsioni d’ordine economico o addirittura di denuncia dell’Accordo “craxiano” del 1984, come se la Costituzione nulla prevedesse in materia di rapporti dello Stato con la Chiesa cattolica. Sul secondo versante, un’insolita manifestazione di piazza ha reso palese la tentazione mal repressa di quest’ultima di entrare apertamente nell’agone della politica, anch’essa poco attenta a quel che la Costituzione dice in materia di distinzione degli ordini.

Scarica il testo completo in PDF

La carta dei “di.co.”: un sesquipedale bluff - di Arturo Maniaci

SOMMARIO: 1. Premessa. – 2. Ambito di applicazione e presupposti. – 3. I diritti contemplati. a) Visita ed assistenza sanitaria; decisioni in materia di salute; b) Successione nel contratto di locazione ed assegnazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica; c) Lavoro; d) Permesso di soggiorno; e) Diritti successori; f) Trattamenti previdenziali e pensionistici. – 4. I diritti espressamente riconosciuti in favore del convivente dall’ordinamento giuridico. – 5. I contratti fra conviventi. – 6. La libertà di convivere e la posizione della Chiesa cattolica. – 7. Le coppie omosessuali. – 8. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

La famiglia secondo lo Stato non è quella del diritto canonico - di Valerio Tozzi

SOMMARIO: 1. Necessità di riforme – 2. La diversità delle situazioni considerate. a) La domanda degli omosessuali di costituire la famiglia; b) Le unioni di fatto – 3. Notazione ecclesiasticistica - 4. La politica e la dottrina.

Scarica il testo completo in PDF

Il sentimento religioso come fattore di realizzazione personale e sociale nelle democrazie contemporanee - di Laura Mai

SOMMARIO: 1.1 - Sentimento religioso e secolarizzazione – 1.2 Pluralismo costituzionale e tutela del sentimento religioso: profili di un’indagine postpositivistica e multiculturalista – 1.3 Il Pluralismo ragionevole come paradigma giuspubblicistico del sentimento religioso – 1.3.1 Segue: Conferme normative e giurisprudenziali dell’intrinseca razionalità del pluralismo religioso – 1.4 Il sentimento religioso come fattore democratico di realizzazione personale e sociale. Una rilettura della teoria dell’ «integrazione» di Rudolf Smend – 1.5 Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Le garanzie della laicità civile e della libertà religiosa nella tensione fra globalismo e federalismo - di Sara Domianello

SOMMARIO: 1. Il tipo di «bene» in gioco e la dose di intervento pubblico che serve a correggerne e sostenerne il «mercato» - 2. Supporti teorici, obiettivi reali e costi delle riforme che nell’ultimo ventennio ne hanno condizionato la «fornitura» in Italia - 3. Quali «materie prime» occorrono per produrre laicità civile e libertà religiosa, dove se ne trovano i giacimenti e quale ampiezza ha il mercato interessato a procurarsele.

Scarica il testo completo in PDF

Le laicità e le democrazie: la laicità della “Repubblica democratica” secondo la Costituzione italiana - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Laicità e democrazia nell’Unione europea (nella giurisprudenza della Corte europea dei Diritti dell’Uomo) - 3. La laicità della Repubblica italiana e le sue specificità (nella giurisprudenza della Corte costituzionale) - 4. Gli interventi per la promozione della libertà religiosa - 5. La distinzione degli ordini - 6. La laicità nella Costituzione tra “bilancio” e “progetto” - 7. Tra passato e presente: ratione peccati … - 8. Il “pieno rispetto” dell’indipendenza di Stato e Chiesa, ciascuno nel proprio ordine - 9. La “reciproca collaborazione” - 10. Il divieto di ingerenza e lo Stato - 11. Il divieto di ingerenza e la Chiesa cattolica - 12. L’esecuzione dell’Accordo del 1984 - 13. L’Unione Europea ed il timore di ingerenze - 14. La tutela della coscienza ed il “relativismo etico” - 15. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Le attuali prospettive del diritto ecclesiastico italiano - di Valerio Tozzi

SOMMARIO: 1. Ai miei tempi … - 2. Le innovazioni istituzionali dopo gli anni settanta – 3. I problemi di oggi – 4. Immigrazione, pluralismo culturale e confessionismo strisciante – 5. Verso quali assetti futuri andrà il diritto ecclesiastico? – 6. La Dottrina e la società.

Scarica il testo completo in PDF