Rivista telematica (www.statoechiese.it)
Online dal gennaio 2007
Menu

Articoli in Libertà di coscienza e di religione, individuale e collettiva

La Bielorussia alla ricerca della propria identità e il processo di confessionalizzazione dello Stato - di Giovanni Cimbalo

SOMMARIO: 1. Dal socialismo di Stato allo Stato confessionale - 2. L’Accordo di collaborazione con l’Esarcato della Chiesa ortodossa Russa in Bielorussia - 3. Le materie oggetto di accordo e la confessionalizzazione delle istituzioni e dello Stato - 4. Gli accordi con gli altri culti tradizionali - 5. Il prezzo dell’alleanza: la lotta alle nuove confessioni religiose attraverso la legge sulla libertà religiosa - 6. Alcune considerazioni finali.

Belarus in search of its identity and the process of confessionalisation of the State

ABSTRACT: The current piece analyzes the stages characterizing the transition from State socialism to State Confessionalism through the Collaboration Agreement between the Belorussian Government and the Exarcate of the Russian Orthodox Church in Belarus. The main subjects of the agreement and the confessionalisation process of the institutions are taken into account. The essay deals with the alteration of the basic functions of the Belorussian State, namely education, health services and assistancy to the segregating foundations, etc. Furthermore, the agreements with other traditional religious groups are relevant. In this regard, the law on religious freedom is mainly used to resist the spread of such new cults. The study is then finalized to highlight the existing link between the Russian Orthodox Church traditions and cultural heritage with the estabilishment of a national identity. This symbolic bond is then used to build the basis of a new State with strong religious features in sensitive matters such as the control over births, bridal affairs, cultural and social valuesin a nationalist and sovereignist key.

Scarica il testo completo in PDF

UNESCO, Religious Freedoms and World Cultural Heritage in the Old City of Jerusalem: the line of fire between challenges, comparisons and new perspectives - di Clizia Franceschini

SUMMARY: 1. Introduction to the role of UNESCO in defining, respecting and implementing Human Rights and Fundamental Freedoms: a general analysis - 2. The right to participate freely in cultural life: the specific UNESCO's involvement in the field of religious rights - 3. IHL Dimension linked to UNESCO's Legislative Powers to Protect the Cultural Heritage in the Event of Armed Conflict or Occupation - 4. UNESCO's Actions to Preserve the Cultural Heritage in Syria and Iraq: A comparative framework - 5. The Legal Status of Jerusalem and the management of the Holy Places: Jerusalem in a Nutshell - 6. UNESCO's past interventions in Jerusalem: a legal basis for future interventions - 7. The Mughrabi Gate Ascent - 8. The 2008 Action Plan for the Safeguarding of the Cultural Heritage of the Old City of Jerusalem - 9. UNESCO, Resolution 200 EX/PX/DR.25.2:“Occupied Palestine” - 10. Conclusions.

ABSTRACT: The current dissertation is mainly going to analyse the original contribution of UNESCO to the development of the concept of cultural rights through the proclamation and elaboration of normative instruments and strategies concerning the right to the protection of and access to the cultural (religious) heritage in contested areas. Since 1967, UNESCO has increasingly played a dominant role in the Old city of Jerusalem: it exercised its power in the field of the preservation of cultural heritage in a contested area, not only through practical plans, but also through legislative instruments and Resolutions. A peculiar political contest is still challenging the full exercise of its powers and the applicability of the main human rights treaty dealing with the preservation of cultural heritage in a contest of competing sovereignty. The essay, drawing on UNESCO's past restoration experiences in ancient (Aleppo, 1992) and post-conflict (Iraq, 2003) areas, focuses on the conciliation role that the Agency may potentially play in the Israeli-Palestinian conflict.

Scarica il testo completo in PDF

Símbolos religiosos y paradojas del franquismo a la luz de la Ley de Memoria Histórica - di Manuel Alenda Salinas Matilde Pineda Marcos

SUMARIO: 1. Planteamiento de la cuestión - 2. El catolicismo-nacionalista de ciertos símbolos evocadores de lo religioso - 3. ¿Los símbolos religioso-franquistas pueden permanecer en ámbitos públicos? - 3.1. Supuesto en que el símbolo religioso no ha de tenerse por vestigio franquista - 3.2. Supuesto en que el símbolo ha de tenerse por vestigio franquista - 4. Consideraciones conclusivas.

ABSTRACT: The present article argues if, under the interpretation and application of the so-called Historical Memory Law, Franco’s regimen would have set the basis to divest itself as part of the Catholicism that characterized it, in terms of having some symbols that originally would have been considered religious and now they cease to be so, historically and inevitably, at least in a retrospective point of view. In other terms, for the current time to impose a type of victim, although final of Franco’s regimen in the manner of, as a paradox, for some religious symbols to cease to be, without any other possibility for its political use as far as ‘semel francoist semper francoist’ can no longer recover that religious value. This matter, whether it refers, principally to the “Cruces de los Caídos” it can also be argued for it to attain the crucifix and the Virgin Mary located in public places by order of the dictatorial regimen.

Scarica il testo completo in PDF

Toccare con mano i nodi dell’integrazione (a proposito di saluti “proibiti” e divieto di discriminazione) - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. Le possibili implicazioni religiose di una “stretta di mano” - 2. Il caso sottoposto all’esame dei giudici svedesi - 3. La pronunzia del 15 agosto 2018, n. 51, del Tribunale del lavoro svedese e la questione della ricorrenza di una “pratica religiosa” meritevole di tutela - 4. (segue) La verifica dei presupposti di una “discriminazione indiretta” - 5. L’esperienza d’Oltreoceano - 6. Identità religiosa e (dis)uguaglianza di genere - 7. La diversa incidenza, nella fattispecie esaminata, del divieto di discriminazione per motivi religiosi e del principio della parità di genere - 8. Conclusioni: la libertà religiosa della lavoratrice e i margini lasciati alle scelte di politica aziendale della società.

Dealing with the contentious points of the integration (about “forbidden” greetings and principle of non-discrimination)

ABSTRACT: Some Islamic believers adhere to a rule of behavior coming from a particular reading of the traditions concerning the life of Muhammad, so they do not shake hands with people of the other sex outside their own restricted family circle. The present paper analyzes the potential impact of such a choice, if it is carried out in the work context and it infringes specific internal company rules, which require employees to not discriminate against customers on the basis of sex. The Author, in accordance with a recent decision of the Swedish Labor Court, affirms that the limitation of the freedom of the worker can be considered a case of indirect discrimination for religious reasons. However, demanding that the woman abstains from shaking hands with persons of her own sex, as suggested by the Court, is not required by the principle of gender equality, and is not coherent with the very personal nature of the act, according to the Author.

Scarica il testo completo in PDF

Multiculturalism, multireligiosity and relations between the State and religious organizations - di Marco Parisi

Summary: 1. Introduction - 2. Constitutional project of ecclesiastical politics and cultural resistance to a correct interpretation of the fundamental provisions of freedom - 3. Secularity of the legal system, religious pluralism and human freedoms.

ABSTRACT: The problems that derive from the growing multicultural and multi-religious characterization of our society raise a number of questions regarding the difficulties encountered in identifying rules of coexistence that could be genuinely respectful of the ideal and spiritual dimension of the human person. In particular, it is in question the ability of the system of bilateral agreements between the State and the religious organizations to really enhance the individual religiosity, which is constitutionally protected in its instrumentality for the promotion and growth of the human being. Several doubts also concern the discretionary and political selection, exercised by public authorities, of religious organizations deserving an access to bilateral regulation of relationships. In a more and more plural and heterogeneous social reality, the exclusion from the special legislation of the newly established spiritual groups in the country does not seem to be respectful of a neutral and correct interpretation of the constitutional dictate.

Scarica il testo completo in PDF

Ultimissime dalla giurisprudenza in materia di reati culturalmente motivati - di Fabio Basile

SOMMARIO 1. Considerazioni introduttive - 2. La definizione dottrinale di “reato culturalmente motivato”, e le sue “sotto-categorie” prasseologiche - 3. La giurisprudenza relativa a reati a elevata offensività - 4. La giurisprudenza relativa a reati a bassa offensività - 5. La sentenza Cass. n. 29613 del 2018. - 6. Verso un test culturale come architrave motivazionale? - 7. Considerazioni finali.

Latest News from Jurisprudence on Culturally Motivated Crimes

ABSTRACT:  The author, after having clarified the notion of culturally motivated crime consolidated in doctrine, analyzes the recent Italian jurisprudence on the topic, representing the general coordinates provided by the Court of Cassation to the interpreter in the presence of this type of crimes.

Scarica il testo completo in PDF

L’iter delle intese sui rapporti Stato-confessioni ristretto fra discrezionalità politica e insicurezza presunta - di Fortunato Freni

SOMMARIO: 1. Il ruolo di Parlamento e Governo nella modifica del Concordato lateranense e nell’elaborazione delle intese con le confessioni acattoliche - 2. La prassi instaurata per l’iter di stipulazione delle intese - 3. La discrezionalità del Governo all’avvio delle trattative e il caso dell’UAAR - 4. Il concetto di confessione religiosa parte di un’intesa - 5. I limiti e le garanzie costituzionali nell’uso delle intese - 6. Anomalie tra normativa bilaterale e normativa unilaterale: intese-fotocopia e diritto comune “para-pattizio” - 7. La differenza fra le trattative per un’intesa e la negoziazione normativa - 8. La presunta minaccia del fondamentalismo religioso e il senso d’insicurezza instillato a fini politici.

The proceding of agreements on relations between State and religious denominations is restricted between political discretion and alleged insecurity

ABSTRACT: The present essay analyzes the procedure aimed at stipulating agreements on relations between the state and religious denominations considering the new elements introduced by the UAAR case. The Italian Union of Atheists and Agnostics is the protagonist of a long-standing case law case, because the Government has rejected the request for access to negotiations that allow to verify in concrete whether the conditions exist for concluding an agreement pursuant to in the third paragraph of the article 8 of the Constitution

Scarica il testo completo in PDF

Le dinamiche concordatarie tra Santa Sede e Stati islamici - di Raffaele Santoro

SOMMARIO: 1. Il concordato nelle dinamiche delle relazioni tra Chiesa cattolica e Stati islamici - 2. Concordato e libertà religiosa nei Paesi islamici - 3. Gli accordi bilaterali sottoscritti dalla Santa Sede in questi speciali “territori di missione” - 4. La tutela delle minoranze religiose nella Dichiarazione di Al-Azhar e la possibile apertura di nuove frontiere delle dinamiche concordatarie.

The concordat dynamics between Holy See and Islamic State

ABSTRACT: The article analyzes the concordat dynamics between Holy See and Islamic States developed after the Second Vatican Council. The concordat, in its various forms, is the main instrument through which is regulated the system of relations between States and Catholic Church. Its use has been tested successfully in various Islamic States, and sometimes even with heterogeneous formulas, because of differences that distinguish the individual systems, trying to translate the concepts of autonomous of Church and collaboration with States in forms legal acceptable to Muslim tradition countries. The exhortations in the Al-Azhar Declaration are directly connected with the possible development of bilateral activities between Holy See and other Islamic countries and this can also strengthen the peace among peoples and the interfaith dialogue.

Scarica il testo completo in PDF

“It is (not) a piece of cake”: libertà di espressione e politiche antidiscriminatorie in America. Note a margine del caso Masterpiece Cakeshop, Ltd. v. Colorado Civil Rights Commission - di Luca P. Vanoni

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Tra free speech e free exercise clauses: la libertà di coscienza nella giurisprudenza della Corte suprema (cenni) - 3. Una discriminazione nella discriminazione? Una decisione che non risolve il dilemma - 4. Kicking the can down the road: l’arte di non decidere e le dissenting/concurring opinions del caso Masterpiece Cakeshop - 5. (segue) a) l’opinion del giudice Thomas - 6. (segue) b) uno sguardo sul futuro: due (ipotetici) orientamenti prevalenti - 7. Dal saluto alla bandiera alle torte nuziali: libertà e tolleranza nella società plurale contemporanea.

ABSTRACT: The paper examines the clash between public accommodations laws and freedoms of speech and religion in America at the light of the recent decision of the U.S. Supreme Court Masterpiece Cakeshop Ltd., v. Colorado Civil Rights Commission. The case deals with the refusal of a Colorado’s bakery to provide a wedding cake to a gay couple based on the owner's religious beliefs. After explaining the decision of the Court and the position of the U.S. Supreme Court Justices in their dissenting and concurring opinions, the paper addresses the claim of freedom of speech and of the tolerance principle in the pluralistic age.

Scarica il testo completo in PDF

Postfazione alla seconda edizione del volume di Piero Bellini, Principi di diritto ecclesiastico - di Sergio Lariccia

SOMMARIO: 1. Un piccolo volume destinato a uso degli studenti universitari e dei candidati ai concorsi pubblici (carriera direttiva) - 2. Il diritto ecclesiastico negli anni settanta - 3. Sette capitoli, inseriti in due parti e un’Appendice, sulla Natura dei Patti lateranensi.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà di culto e diversità religiosa nelle carceri inglesi - di Jacopo Paffarini

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La disciplina dell’esercizio della fede nei penitenziari inglesi - 3. La diversità delle fedi in carcere e il ruolo delle community chaplaincies - 4. Il carcere come spazio multi-religioso e i nodi irrisolti dall’Equality Act del 2010 - 5. La discriminazione per motivi religiosi nella giurisprudenza inglese e gli obblighi di prestazione a carico della pubblica amministrazione.

Freedom of worship and Religious Diversity in English Prisons

ABSTRACT: This article aims to highlight different aspects of the practice of faith in the British prison system. While the 1952 Prison Act gave a preeminent position to the chaplains of the Church of England, in the last decades multi-faith spaces of worship and spiritual-care groups have multiplied. Furthermore, ‘community chaplaincies’ and volunteers are active players in rehabilitation programs, especially in preventing recidivism, which is higher among ethnic and religious minorities. Both the Human Rights Act of 1998 and the Equality Act of 2010 have contributed to promote an ‘inclusive’ approach to religion pluralism, granting access to spiritual assistance and equal treatment among prison inmates. However, it is worth to consider if a State-centred management of religious diversity is a sustainable choice before the growing judicial litigation related to prisoners’ freedom of worship.

Scarica il testo completo in PDF

L’accesso dei ministri di culto islamici negli istituti di detenzione, tra antichi problemi e prospettive di riforma. L’esperienza del Protocollo tra Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria e UCOII - di Silvia Angeletti

SOMMARIO: 1. L’Islam tra le mura del carcere: le ragioni di un intervento, gli obiettivi del Protocollo - 2. Uno spiraglio di libertà: la fede in regime di detenzione, le garanzie normative e le risposte alla diversità religiosa - 3. Mediatori o ministri di culto? Un ruolo ‘sospeso’ tra definizioni giuridiche e prassi - 4. Visitate i detenuti: La questione dell’ingresso negli istituti detentivi, criticità applicative e novità del Protocollo - 5. Conclusioni.

Granting Islamic religious ministers admission to prisons, amid long-lasting issues and reformation perspectives. The Agreement between the Prison Administration Department and the Islamic Communities Union.

ABSTRACT: As religious diversity in Italian prisons grows, accommodating prisoners’ religious needs tries legal paradigms and instruments out. In 2015 the Prison Administration Department signed an agreement with UCOII, one of the largest Islamic associations in Italy, in order to grant admission in prisons to intercultural mediators and religious ministers. This article seeks to situate the covenant in the wider context of the Italian legal protection of religious freedom in prison, highlighting three main purposes of the agreement: providing Islamic prisoners with religious assistance, enforcing rehabilitative programs and combating violent radicalization in jail. After two years the experience has shown good evidences. Nonetheless, contended issues still remain unsettled. While evaluating feasible solutions, the article advocates a legislative intervention that could assess criteria and procedures for religious ministers’ access to prisons fulfilling the principle of equality and non-discrimination.

Scarica il testo completo in PDF

Poteri disciplinari della gerarchia ecclesiastica e diritto penale dello Stato (a proposito del rinvio a giudizio del Vescovo di Prato) - di Piero Bellini

SOMMARIO: I. Premessa. - 2, 3, 4, 5. Concorrenza del diritto dello Stato e della Chiesa a qualificare i medesimi comportamenti: possibili conflitti. - 6, 7, 8, 9. Valutazione canonistica del problema. Illiceità del matrimonio civile fra cattolici. Questione dei limiti concordatari ai poteri punitivi dei superiori ecclesiastici in Italia. Valutazione della questione sotto il profilo dell’opportunità canonica. - 10, 11, 12, 13. Sua valutazione statualistica. Posizione del diritto della Chiesa rispetto a quello dello Stato. Natura del rapporto fra fedele e superiore ecclesiastico pel nostro ordinamento. Conseguenze. - 14, 15, 16, 17. Delimitazione del jus libertatis Ecclesiae. Limiti funzionali. - 18. Limiti obiettivi. - 19. Conclusione.

Scarica il testo completo in PDF

Tra libertà di religione e istanze di sicurezza: la prevenzione della radicalizzazione jihadista in fase di esecuzione della pena - di Daniela Milani Alessandro Negri

SOMMARIO: 1. Carcere e religione - 2. Pluralismo religioso e istanze di sicurezza - 3. Strategie di contrasto al proselitismo e alla radicalizzazione jihadista - 4. Gli ‘indicatori sulla radicalizzazione’ - 5. Le questioni aperte: prevenzione e de-radicalizzazione - 6. Cosa fare.

Between religious freedom and security issues: the prevention of jihadist radicalisation in prison

ABSTRACT: Faith constitutes an essential aspect of prison life. Its relevance has been emphasised in recent times because of the religious pluralism that characterises the current prison population. In this scenario, the rise of jihadist terrorism has shed light on the problem of radicalisation in prison, already known and studied by the experts, which poses new challenges for policymakers, prison staff, and detainees. Prison Administration has been focused on religious freedom, its boundaries and its relationship with religious extremism and has already adopted some measures to combat and monitor jihadist proselitism in Italian prisons. This paper provides an overview of these anti-radicalisation strategies in prisons, highlighting unresolved issues. These include the lack of an integrated plan with regards to prevention of radicalisation and de-radicalisation, not limited by the prison context. This paper further highlights the challenges in devising policies that address security concerns without sacrificing religious freedom and diversity, as provided for by the Constitution.

Scarica il testo completo in PDF

Un “modello Unesco” per la gestione, in chiave economica, dei beni culturali di interesse religioso? - di Marta Tigano

SOMMARIO: 1. Considerazioni introduttive - 2. Premesse a una ricostruzione dello statuto dei beni culturali - 3. Il passaggio da una tutela “statica” a una valorizzazione “in chiave dinamica” - 4. Inquadramento dell’attività di valorizzazione nell’ambito dei “servizi pubblici” - 5. La possibile estensione dei processi di gestione (e di valorizzazione) ideati per i beni culturali “laici” - e ispirati a criteri economici - anche ai beni culturali di interesse religioso: la necessità dell’accordo - 6. L’organizzazione di un “servizio alla cultura” ispirato a criteri di natura economica - 7. Tentativo di individuazione dei beni culturali di interesse religioso e possibile compatibilità della gestione secondo criteri economici con la natura di questi ultimi - 8. Beni culturali religiosi e “mistero” di salvezza - 9. La programmazione e la pianificazione delle attività relative ai beni culturali (di appartenenza pubblica e non) ed esempi di modelli “condivisi”.

An "UNESCO model" for the economic management of cultural heritage of religious interest?

ABSTRACT: The article is intended to verify if the "UNESCO" management model is applicable to the management of cultural heritage of religious interest, tout court, or if, otherwise, special arrangement are required. Indeed, the UNESCO one is a model not only of dualistic management, (which implies a bilateral agreement), but moreover is inspired by purely economic management criteria. The question is whether a model created for secular cultural heritage can be assumed as a management model also for cultural heritage of religious interest, whose purpose would seem to be incompatible with the characteristics of purely economic management. The author tries to give an answer identifying the common features between the two categories of heritage.

Scarica il testo completo in PDF

Matrimonio e famiglia tra laicità e libertà religiosa - di Giuseppe Dalla Torre

SOMMARIO: 1. Premessa: la necessaria precedenza della libertà religiosa sulla laicità - 2. Radici etico-religiose del matrimonio, libertà religiosa e origini del matrimonio civile - 3. Il matrimonio civile: tra neutralità e ideologia - 4. Ritorno del fenomeno religioso nell’età della secolarizzazione: ricadute in materia matrimoniale - 5. La restituzione di matrimonio e famiglia alla società civile e alla religione - 6. La (ri)conquista di spazi di “diritto personale” e ritorno alla disciplina religiosa del matrimonio - 7. Diritto alla tutela dell’identità e “princìpi non negoziabili” dello Stato democratico. Conclusioni.

Marriage and family between secularism and religious freedom

Abstract: Given that between secularism and religious freedom there is a relationship of instrumentality of the first compared to the second, in the essay there’s a recall to the ethical-religious roots of the marriage’s legislation, which, starting from the Protestant Reformation and then from the French Revolution has undergone a process of secularization and secularism with the birth of the civil marriage. It is a process that has been motivated (also) by reasons of religious freedom, but which has led, by the State, to the subtraction of the marriage’s subject from the society. Today there is a substantial return from the state to the society of the discipline about the various forms of life and family communions, and this, in a religiously pluralistic society, involves (also) the return of the marriage to the religion.

Scarica il testo completo in PDF

I delitti contro il sentimento religioso: tra incriminazione dell’opinione e tutela della libertà di manifestazione del pensiero - di Fabio Basile

SOMMARIO: 1. Premessa: il vilipendio quale “reato d’opinione” - 2. L’evoluzione dei delitti contro il sentimento religioso - 3. (segue): la riforma del 2006 - 4. La sentenza della Corte costituzionale n. 188 del 1975 - 5. L’esercizio del diritto di libera manifestazione del pensiero quale causa di giustificazione (art. 51 c.p.) - 6. Le più recenti applicazioni della giurisprudenza di legittimità - 7. Chiusa.

Are the crimes against religious sentiment compatible with the exercise of freedom of expression?

ABSTRACT: The crimes against religious sentiment, provided by the Italian Criminal Code, are mainly framed as “crimes of opinion”. Therefore, it should be ascertained whether and how those crimes are compatible with the exercise of freedom of expression, guaranteed as a fundamental right by Art. 21 of the Italian Constitution. The paper provides an overview of the jurisprudence – of ordinary courts and the Constitutional Court – and of the legislative evolution since 1930s about the crimes against religious sentiment.

Scarica il testo completo in PDF

Uguaglianza nella diversità. Identità religiose e democrazia costituzionale - di Marco Parisi

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Disegno costituzionale e rigidità politico-normative: quale strada per una equilibrata disciplina del fenomeno religioso? - 3. Conclusioni.

Equality in diversity. Religious identities and constitutional democracy

ABSTRACT: The entry into force of the new system after the fall of fascism did not constitute the resolutive element to mark a decisive turning point in the Italian ecclesiastical politics, with the implementation of a system of reforms in religious matters consistent with the innovative will of the institutional change that occurred in the Country. The consequence is that, seventy years after the adoption of the Republican Constitutional Charter, many normative provisions still conform to the inspiring principles of the fascist system, and there are many impediments to the concrete realization of the principles of freedom and democracy, with serious damage for the enjoyment of constitutional guarantees by spiritual minorities. With the approval of a general legislation on religious interests, the equal enjoyment of the fundamental rights could be achieved, both for individuals and for groups, within a framework of definitive overcoming of the fascist penalizing legislation and of fixation of the regulatory law criteria of the various treatments to protect spiritual specificities.

Scarica il testo completo in PDF

Il decennio 1958-1968: un decennio importante per la storia dei rapporti tra Stato e chiese in Italia - di Sergio Lariccia

SOMMARIO: 1. Premessa: fatti privati ed eventi storici di un decennio importante nella storia italiana - 2. Una tavola rotonda sul decennio 1958-1968 - 3. La disciplina costituzionale sui rapporti tra Stato e confessioni religiose. Un saggio recente sull’art. 7 della costituzione - 4. Nuova attenzione al tema dei rapporti tra Stato e Chiesa cattolica alla fine degli anni Cinquanta - 5. Il processo al Vescovo di Prato - 6. Il concilio Vaticano II e le trasformazioni della società italiana negli anni sessanta - 7. La morte di Togliatti. Le tendenze della giurisprudenza - 8. Il dibattito culturale e politico sulla riforma della legislazione ecclesiastica.

1958-1968: an important decade in the history of the relationship between “Stato e chiese” in Italy

ABSTRACT: Individuals and experiences that, in the years between 1958 and 1968, had an important influence on the civic and political growth of the author. The experience of the participation in a conference on the historical period of the decade from 1958 to 1968. The constitutional provision on relations between the State and the Catholic Church in second post-war Italy, seen in the evaluation of a book published in 2017: critical considerations. New focus was given to the issue of relations between the State and the Catholic Church in the late fifties. The trial of the Bishop of Prato in 1958. The Second Vatican Council from 1962 to 1965 and the transformation of Italian society in the 1960s. The death of Togliatti on 21st August 1964 and the political consequences for Italy. Tendencies in the jurisprudence on the theme of relations between the state and religious confessions. The cultural and political debate on the reform of ecclesiastical legislation. After 1968, in Italy as in other countries, the phenomenon of extraneousness between the legal state and the real state is highlighted.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà di coscienza e religione alla prova della post-modernità: la prospettiva giusfilosofica di Martha C. Nussbaum - di Andrea Romeo

SOMMARIO: 1. “A tradition under threat”. Antropologia della paura e tendenze esclusiviste delle comunità dominanti - 2. La tradizione filosofica del pensiero costituzionale: Williams, Madison e i princìpi cardine della tradizione di “religious fairnes” - 3. Forme di Benign Establishment: critica alla tesi della “presunta innocuità” e interpretazione autentica del principio di separazione - 4. Neutralità statale e speciale considerazione del fenomeno religioso: un rapporto problematico.

Liberty of conscience and liberty of religion on the challenge of the post-modernity: the Martha C. Nussbaum's philosophical jurisprudence

ABSTRACT: Nussbaum is one of the prominent defenders of the North American liberal tradition, threatened by the post-modern tendency to the exaltation of elements from the mainstream religion and the creation of in-groups between citizens. In his writings, the philosopher reproposes the value of liberal tradition by trying to show the impossibility to justify even the most venial forms of the benign establishment, as in the case of state-sponsored-religious-displays. The article focuses on Nussbaum'arguments, in a critical perspective.

Scarica il testo completo in PDF

Enti della Chiesa e diritto secolare - di Paolo Cavana

SOMMARIO – I. Parte descrittiva: 1. Gli enti della Chiesa: varietà e distinzioni - 2. Enti ecclesiastici e ordinamenti secolari tra dimensione istituzionale e associativa - 3. La disciplina degli enti nelle due codificazioni canoniche - 4. Gli enti della Chiesa tra concordati e diritto comune - 4.1. Sistemi concordatari o di collaborazione - 4.1.1. Area tedesca - 4.1.2. Area latina - 4.2. Sistemi separatisti - 4.2.1. Area francofona - 4.2.2. Paesi di tradizione anglosassone - 4.2.3. Modelli a confronto - II. Parte ricostruttiva: - 5. Elementi di novità nel regime degli enti nel diritto secolare - 5.1. Pluralismo, libertà religiosa e laicità dello Stato - 5.2. Gruppi religiosi e appartenenza confessionale - 5.3. Crisi del sistema delle fonti - 5.4. Evoluzione del concetto di persona giuridica - 5.5. Crisi della distinzione tra enti pubblici ed enti privati - 5.6. Sviluppo del Terzo settore - 5.7. Effetti ulteriori della globalizzazione - 6. Fattori evolutivi nell’ordinamento ecclesiale ed enti ecclesiastici - 6.1. Forme organizzative e modello codificatorio - 6.2. Persone giuridiche ed enti nella Chiesa - 6.3. Modelli di amministrazione interna - 6.4. Istituti religiosi - 6.5. Riforma delle strutture ecclesiali: le diocesi e le parrocchie - 6.6. Riforma delle strutture ecclesiali e autonomia statutaria - 6.7. Attività svolte in forma commerciale e finanziarie - 7. Osservazioni conclusive.

Entities of the Church and Secular Law

ABSTRACT: This paper deals with the complex relationship between Catholic Church entities and secular law, which has always had great relevance and impact on the canonical discipline of such institutions. After some preliminary remarks about the juridical status of Church institutions in canon law across the centuries, from the ius vetus to the 1917 Codex and the current Code of Canon Law (1983), the paper compares their current regulation in secular law within the most important legal traditions in the West, emphasizing pros and cons of each legal system. In the second part, it focuses on the impact of some recent trends that emerge from the evolution of both secular and canonical legal systems and concern the regulation of Church institutions and of Church-related institutions. It then draws some conclusive remarks on the need to update their inner structure and administrative rules.

Scarica il testo completo in PDF

Salvaguardia dei dati sensibili di natura religiosa e autonomia confessionale. Spunti per un’interpretazione secundum Constitutionem del regolamento europeo n. 2016/679 - di Manuel Ganarin

SOMMARIO: 1. Esigenze di uniformazione delle fonti europee di diritto derivato e protezione del principio di favor religionis nella Carta costituzionale italiana. Alla ricerca di un punto di equilibrio - 2. Possibilità e limiti di esenzione dalla normativa europea circa il trattamento dei dati personali intraconfessionali - 3. Ammissibilità di soluzioni normative confessionali ‘complete’ e ‘conformi’ al regolamento europeo ... - 4. … e di un intervento dello Stato volto al ripristino della legalità costituzionale - 5. Gli strumenti di tutela: il ruolo dell’autorità di controllo nazionale e di un’ipotetica authority confessionale nella prospettiva di un coordinamento interordinamentale necessitato.

Protection of sensitive religious data and confessional autonomy. Reflections for an interpretation secundum Constitutionem of the European regulation n. 2016/679

ABSTRACT: The contribution proposes an interpretation in conformity with the Italian Constitution of the European regulation n. 2016/679 on the protection of individuals with regard to the processing of personal data, which will be applied in the Member States from 25 May 2018. An interpretation that protects the constitutional principle of confessional autonomy and the fundamental rights and freedoms of the person, reconciling them when necessary.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e secolarismo - di Giuseppe Dalla Torre

SOMMARIO: 1. Una premessa - 2. Libertà religiosa e secolarizzazione - 3. L’odierna crisi della libertà religiosa - 4. Secolarismo e libertà religiosa - 5. Conclusione.

Religious freedom and secularism

ABSTRACT: The essay questions about the singular phenomenon for which, in front of the numerous and serious violations that are daily perpetrated in the world, towards the right of religious freedom, the West appears so detached and generally reluctant to political and diplomatic intervention. The fact is even more singular, if one compares this phenomenon with the general commitment that the West demonstrates for the planetary affirmation of the human rights, in a spirit almost of proselytism. In the opinion of the Author, the inactivity must be connected to the dominant secularist culture that has removed the sacred from the horizon of human meaning, with the consequence of the insignificance of the religious sentiment, of the irrelevance of the religious practice and, therefore, of the unreasonableness of fighting for their survival.

Scarica il testo completo in PDF

Osservazioni sulla proposta di legge “Norme in materia di libertà di coscienza e di religione” elaborata dal gruppo di lavoro coordinato dalla Fondazione ASTRID - di Gianfranco Macrì

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Crisi e persistenza del modello pattizio. Riscrivere la trama della libertà religiosa in Italia - 3. Una proposta “flessibile” orientata alle differenze e all’interazione - 4. I nuovi confini della libertà religiosa della persona - 5. La libertà di coscienze e di religione del minore - 6. Scuola pubblica, libertà religiosa e “nuovi spazi” di confronto per tutti: quello che serve e quello che la proposta non dice - 7. L’integrazione attraverso il lavoro - 8. Assistenza spirituale e libertà di manifestazione del pensiero - 9. Gli spazi della libertà religiosa e i “luoghi della memoria” - 10. Ministri di culto e non solo - 11. Per una libertà religiosa collettiva veramente democratica: rilievi critici - 12. La società cambia, la legge dello Stato arranca, il matrimonio “canonico” resta - 13. Intese per tutti? - 14. Quello che manca nella proposta di legge – 15. Conclusioni.

Remarks on the Bill Proposal "Norms on Freedom of Conscience and Religion" Made by the Working Group Coordinated by the Astrid Association

ABSTRACT: This contribution is a comment on the draft law on religious freedom proposed by some scholars of the ASTRID Foundation. The law is proposed in the context of a national and European political environment, which is constantly changing and evolving. This analysis is focused on some specific aspects of the proposal, by assessing their limits and their potential offers some theoretical reflections with the aim of contributing to a scholarly and intellectual debate, which should offer arguments, aimed at promoting and protecting fundamental freedoms and rights as envisaged by the Constitution.

Scarica il testo completo in PDF

Quando la libertà prevale sulla morale: la pubblicità - di Nicola Colaianni

1 - La questione, cruciale nelle società multiculturali, dell’uso della simbologia religiosa è tornata sotto la supervisione della Corte europea dei diritti umani, che già se n’era occupata più volte per i segni portati attraverso o per complemento dell’abbigliamento personale e una volta anche per quelli esposti nei luoghi pubblici. Stavolta si trattava di citazioni, o meglio allusioni, evangeliche utilizzate a scopo di marketing da un'azienda lituana che produce vestiti: tre manifesti, diffusi anche sul web, con la foto di un uomo e una donna con l'aureola, lui tatuato in jeans, lei con un vestito bianco e una collana di perline, che sembra una corona di rosario. L'allusione a Gesù e Maria si trae dalle frasi esclamative: "Gesù, che pantaloni!", "Gesù, Maria! Cosa indossate!", "Cara Maria, che vestito!" (segue).

Sometimes freedom of expression overrides public morals: the case of advertising

ABSTRACT: This article examines the case Sekmadienis v. Lithuania, where the European Court of human rights found that the advertisements by a clothing company, despite using models and captions referring to “Jesus” and “Mary”, did not offend public morals. Nevertheless the balancing in favour, for once, of freedom of expression is due not to a revirement but, essentially, to two factors: the advertisements neither were gratuitously offensive nor incited hatred and, on the other hand, domestic authorities did not provide sufficient justifications for why such use of religious symbols would had been contrary to public morals. Therefore, it’s an assertion not of secularism in front of religion but – the author says quoting Pier Paolo Pasolini - a new laicity, that does not compete with religion: the advertising laicity, born in middle-class entropy.

I

Scarica il testo completo in PDF

La libertà religiosa, i diritti delle comunità islamiche. Alcune considerazioni critiche su due progetti di legge in materia di moschee e imam - di Gianfranco Macrì

SOMMARIO: 1. Introduzione: per un pluralismo “ragionevole” di fronte ai mutamenti sociali - 2. Dalla teoria alla pratica: alcuni aspetti della “questione” islamica nelle contraddizioni politiche e giuridiche del presente - 3. Una premessa di metodo: la libertà religiosa nel modello democratico costituzionale. Aporie persistenti e spunti di riforma (ma siamo ancora agli inizi) - 4. Diritto fondamentale alla moschea vs “Registro pubblico delle moschee” - 5. Un Albo per gli imam (e altre cose) - 6. Conclusioni.

Religious Freedom and the right of Muslim communities. Some critical remarks on two recent draft laws on mosques and imams

ABSTRACT: This contribution starts from the proposal of two draft laws on Islam in Italy (one on the legal status of mosques and the other on imams), which deal with concrete issues that the country faces, taking into consideration the multicultural context of Italy. So far, the approach of the Italian political class has been quite conservative and not willing to take into account possible solutions offered by the Constitution, such as the protection of basic human rights. The solutions have been more focused on the potential lack of trust towards Muslim communities and on legal solutions not fully integrated within a wider European approach. The proposed solutions appear therefore to be more the result of ad hoc approaches, influenced by considerations of real politik, than tools fully in line with the requirements of the Constitutional protection of human rights.

Scarica il testo completo in PDF

Le proposte di legge Santanchè-Palmizio sul registro delle moschee e l’albo degli imam: un tentativo di refurbishment della legge n. 1159/1929? - di Antonello De Oto

SOMMARIO: 1. Il contenuto delle proposte di legge c. 2976 e c. 3421 (Garnero Santanchè e Palmizio) e i profili di incostituzionalità - 2. La necessità politico-normativa di un altro approccio agli Islam. Rivitalizzazione dello strumento delle Intese e legge generale sulla libertà religiosa come antidoti alla lenta deriva del riassetto normativo della legge sui culti ammessi - 3. Allegati.

The law Santanchè-Palmizio proposals about the Mosques and Imams register: a refurbishment attempt of the law n.1159 / 1929?

ABSTRACT: The article examines and comments the contents of the legislative proposals c. 2976 and c. 3421 (Garnero-Santanchè and Palmizio) and their unconstitutionality profiles . At the end of this parliamentary term, this examination is also the basis for thinking about political and normative necessity of another approach to Islam and, at the same time, revitalizing the Agreements instrument and the general law of religious freedom, so that they can constitute a concrete antidote to the slow and creeping drift of the normative reorganization of the law on the admitted cults.

Scarica il testo completo in PDF

Intendersi sulle intese - di Fulvia Abbondante Salvatore Prisco

SOMMARIO: 1. Premessa: la richiesta di intesa con lo Stato dell’Unione degli Atei, Agnostici e Razionalisti - 2. Le tappe successive di una emblematica vicenda giudiziaria - 3. L’eticizzazione del diritto tra riconoscimento costituzionale dei “valori”, sviluppi della tecnologia, circolazione transnazionale dei diritti e ruolo supplente della giurisprudenza - 4. Dalle religioni tradizionali ai “nuovi culti”: un breve panorama socio-culturale del fenomeno e dei suoi riflessi giuridici - 5. Le confessioni religiose tra politica e diritto: un approccio problematico al caso italiano - 6. Politica e giurisdizione nelle intese di cui all’art. 8, terzo comma, e in quelle di cui all’art. 116, terzo comma, della Carta costituzionale.

The agreements with State of organized religious groups as juridical problem

The paper, starting from the recent decision of Italian Constitutional Court no 52/2016 which denies the obligation of the Government to begin a negotiation with an atheistic group which wanted to reach an agreement with state according to art. 8, 3, of the Italian Constitution, examines the Italian Constitutional jurisprudence and doctrinal debate about the definition of organized religious group and about the political nature of the governmental power in starting agreement with the State.

Scarica il testo completo in PDF

Lo ‘sbattezzo’, tra libertà religiosa e norme implicite. Spunti di diritto comparato - di Maria Chiara Ruscazio

SOMMARIO: 1. Considerazioni introduttive - 2. Il quadro normativo - 3. Le soluzioni giurisprudenziali - 4. Riflessioni conclusive.

The ‘debaptism’, between religious freedom and implicit rules. Hints of comparative law

ABSTRACT: The problem of cancellation from baptismal registers seems to have come to a final solution, thus being no more interesting. Nonetheless, it can still be useful to analyse it from a comparative point of view. The study of the various solutions proposed by the different legal systems allows finding out ‘implicit’ juridical principles, which condition the interpretation and the implementation of positive rules. It can be especially remarked a convergence of arguments and results between legal systems formally inspired to distinct models of State-religions’ relationship - such as the French and the Italian legal systems. This convergence highlights the existence, at a latent level, of common cultural conceptions of the religious experience, fashioned by the Christian religious paradigm; these conceptions tend to shape the concrete contents of both the right to religious freedom, and the right to personal identity, protected by personal data laws.

Scarica il testo completo in PDF

Laicità europea. Riflessioni sull’identità politica dell’Europa nel pluralismo ideale contemporaneo - di Marco Parisi

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Europa dei cittadini e identità politica del processo di integrazione continentale - 3. Spazio politico europeo, libertà religiosa e laicità - 4. Conclusioni.

ABSTRACT: The evolution of the European Union law and of the right to religious freedom lies in the global process of internationalization of fundamental rights, the transformation of relations between States, the modification of the idea of ​​sovereignty, the emergence of new conventional instruments. With reference to the European social and legal space, the transformation of the European Economic Community into a real political union has allowed the inalienable human rights of the people to become central in the process of integration. Because of that, the political and legal system of the European Union, characterized by the transition of the State monopoly of sovereignty to its sharing among different subjects, has affected the reality of relations between public powers and religious phenomenon. A particular configuration of the concept of secularism in the European continent has been established, by virtue, which the values of democracy, pluralism, human dignity and non-identification between public functions and religious experience would allow for peaceful coexistence between religion, institutional activity of the European Union and fundamental freedoms.

Scarica il testo completo in PDF

La protección de los bienes culturales de la Iglesia católica: la experiencia italiana - di Beatrice Serra

SUMARIO: 1. El concepto de bien cultural de interés religioso en el ordenamiento intaliano y el peculiar relieve cuantitativo y cualitativo de los bienes culturales de interés religioso referibles a la Iglesia católica - 2. El recorrido, paralelo y autónomo, del Estado y de la Iglesia hacia una disciplina concordada de los bienes culturales de interés religioso - 3. El art. 12 delAcuerdo de Villa Madama: el principio de cooperación entre el Estado y la Iglesia en su respectivo ordenamiento para la tutela del patrimonio histórico y artístico - 4. La armonización de la aplicacón de la ley italiana en materia de bienes culturales con las exigencias de carácter religioso: el interés nacional - 5. (continuación) Los acuerdos a nivel regional - 6. Breves consideraciones conclusivas.

ABSTRACT: The article reconstructs the evolution of the protection of the historical-artistic heritage of the Catholic Church in Italy as a revealing index of ways of understanding the relationship between temporal dimension and spiritual dimension.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e proposte di riforma della legislazione ecclesiastica in Italia - di Paolo Cavana

SOMMARIO: 1. Attualità del diritto di libertà religiosa - 2. La libertà religiosa e la sfida del pluralismo confessionale - 3. L’affermazione del diritto di libertà religiosa in Europa -  4. Evoluzione espansiva del diritto di libertà religiosa. Tradizione anglosassone e approccio europeo ai diritti - 5. Dimensione negativa o di garanzia e dimensione positiva o promozionale del diritto di libertà religiosa - 6. Dimensione positiva dei diritti e obblighi di solidarietà: la logica del sistema pattizio - 7. Il sistema italiano di tutela del diritto di libertà religiosa - 8. Legislazione ecclesiastica e proposte di riforma - 9. Il progetto di legge generale sulla libertà religiosa - 10.  Evoluzione del quadro normativo e progetti di riforma - 11. Organizzazioni agnostiche e strutture confessionali: un’assimilazione controversa - 12. Il sistema pattizio come garanzia di pluralismo confessionale e di piena integrazione.

Religious freedom and proposals of reform of the Italian law concerning religious denominations

ABSTRACT: This paper, after briefly recalling the importance of religious freedom in Western civilization and its progressive identification as a fundamental right all over the world, examines the legal framework of religious freedom in the Italian law system. In doing so, it underlines the distinction between the negative and positive aspects of the right, calling for a different attitude on behalf of the State according to the different common law and civil law systems. In the end, taking into account the principles of the Constitution and the Italian Constitutional Court’s case law, it critically addresses the current debate on the proposal of a State statute concerning the exercise of the right of religious freedom for individuals and, above all, for denominational groups without an agreement with the State.

Scarica il testo completo in PDF

La “Carta dei valori” della Repubblica italiana - di Pasquale Lillo

SOMMARIO: 1. La “Carta dei valori”: origine - 2. Caratteristiche e struttura - 3. Natura giuridica - 4. Dimensione costituzionale della “Carta dei valori”?

Scarica il testo completo in PDF

L’Europa e i migranti: per una dignitosa libertà (non solo religiosa) - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. La preminenza della dignità sulla libertà - 2. La dignità di chi non conta niente: i migranti - 3. Ci può essere libertà senza dignità? - 4. La luterana libertà del cristiano e la sua secolarizzazione - 5. Un’Europa infedele alla sua ispirazione - 6. Analogia dei conflitti politici odierni con quelli religiosi passati - 7. I migranti, banco di prova per l’Europa e per le Chiese - 8. L’attuale condizione dei migranti - 9. La libertà dignitosa come fonte dell’unità politica europea.

Scarica il testo completo in PDF

The Meaning of ‘Religion’ in Multicultural Societies Law - di Pierluigi Consorti Giancarlo Anello Mohamed A. Arafa Federica Botti Rossella Bottoni Cristina Dalla Villa Maria d'Arienzo Luigi Mariano Guzzo Maria Luisa Lo Giacco Adelaide Madera Enrica Martinelli Cristiana Maria Pettinato Germana Carobene Maria Cristina Ivaldi Chiara Lapi AA. VV. (Consorti e altri)

SUMMARY: 1. Introduction. 2. Religion in Law. 3. Is there a difference between religion and other kinds of faith? 4. Preliminary pieces of advice on this research.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e cittadinanza integrativa. Alcune note sul ‘vivere assieme’ in una società plurale - di Antonio Angelucci

SOMMARIO: 1. Cittadinanza e identità religiosa - 2. Cittadinanza e pluralismo religioso - 3. “Cittadinanza integrativa” e libertà religiosa - 4. La Risoluzione 2076 (2015) e la Raccomandazione 2080 (2015).

Religious Freedom and Integrative Citizenship. Some Notes on 'Living Together' in a Plural Society

ABSTRACT: Circumcision concerns the religious identity of Jews and Muslims. In addition to these circumcisions which can be defined as "confessional-religious" there are also those related to local customs. These types deserve renewed attention after Resolution 1952 (2013) and Recommendation 2023 (2013) of the Parliamentary Assembly of the Council of Europe, both concerning "the right of children to physical integrity", and subsequent resolutions 2076 (2015) and Recommendation 2080 (2015) devoted to "(R) Religion and Living together in a Democratic Society". Citizenship is, in fact, the much broader horizon to be found behind circumcision. While the first two documents tend to consider non-therapeutic circumcision as a possible assault to the physical integrity of children without, therefore, focusing on the profiles inherent the right to religious freedom and the possible inclusive value of its "recognition" for the purposes of universal citizenship, the latter two, focusing on the freedom of 'living together' according to the practices of each religion, seem to be more aware of the need to move towards the realization of a European, inclusive and plural citizenship. However, the category of 'living together', evanescent and ambiguous for its correlation with the principle of majority (as is evident from the most recent case law of the ECHR), requires a new approach that gives it greater objectivity. Concepts such as those of pluralism and plural citizenship, in which civic belonging and religious affiliation can live together, help to go in that direction, renewing, in the end, the membership of a Europe of peoples and not just of economies.

Scarica il testo completo in PDF

Lo status di rifugiato religioso nelle fonti del diritto internazionale: le nuove frontiere delle libertà dello spirito - di Daniele Ferrari

SOMMARIO: 1. Libertà religiosa e protezione internazionale: note introduttive e di metodo - 2. La nozione di religione perseguitata - 3. I contenuti di tutela della libertà religiosa dei perseguitati - 4. Le condizioni di riconoscimento dello status di rifugiato religioso - 5. La procedura di valutazione delle domande - 6. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà di religione e libertà dalla religione in Marocco: la revisione interpretativa sull’apostasia - di Fabio Franceschi

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Diritto e religione in Marocco: la libertà religiosa nella Costituzione del 2011 - 3. L’apostasia nel diritto islamico: cenni - 4. Il codice penale marocchino e la fatwā del 2013 - 5. Il Consiglio Superiore degli Ulema: prerogative e valenza dei suoi interventi - 6. “La via degli Ulema” (Sabīl al-‘ulamā’) e la rinnovata interpretazione sull’apostasia - 7. Il Marocco e la “via di Marrakech”: un segnale per il futuro?

Freedom of Religion and Freedom from Religion in Morocco: The Interpretative Revision on Apostasy

ABSTRACT: The essay analyzes a recent step taken by the Kingdom’s Ulama that distances from the traditional meaning of apostasy and of the penalty given for this offense. According to this document, Murtadd would not be the one who leaves Islam for another religion, but the one who betrays the group he belongs to. Apostasy was therefore political, not doctrinal. In this sense, the document represents an essential progress for the qualification of religious freedom in Morocco (on the same way already indicated by the Marrakesh Declaration).

Scarica il testo completo in PDF

Misure di prevenzione e de-radicalizzazione religiosa alla prova della laicità (a margine di taluni provvedimenti del Tribunale di Bari) - di Vera Valente

SOMMARIO: 1. Terrorismo e fenomeno religioso - 2. Politiche della sicurezza e diritti fondamentali - 3. La legislazione italiana contro il terrorismo nell’interpretazione giurisprudenziale - 4. Misure di prevenzione. Ampliamento delle categorie di pericolosità qualificata e prescrizioni atipiche - 5. Misure di prevenzione e libertà religiosa - 6. Best practice. Il provvedimento del Tribunale di Bari, Misure di Prevenzione, n. 71 del 2017 - 7. Il percorso di de-radicalizzazione.

Religious prevention and de-radicalization measures to the test of secularity (at the margin of some of the Court’s measures of Bari).

The article examines how the terrorist emergence of Islamic matrix has reproached the issue of reconciliation between the need for security and the protection of the rights of liberty, in particular religious freedom. It highlights the need to accompany, to purely punitive nature rules, the spread of a novel paradigm, covering preventive interventions, educational and formative, in order to promote intercultural and inter-religious integration. The decree of the court, which, in accordance with the principle of secularism, has prescribed, in view of the social recovery of the subject proposed for the application of the prevention measure, a process of de-radicalization, through the involvement of an intercultural mediator, on the basis of Guide-lines developed by the University of Bari.

Scarica il testo completo in PDF

Dalla laicità dello Stato alla laicità per lo Stato. Il paradigma laico tra principio e valore - di Stefano Montesano

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Valori e principi: une necessaria distinzione - 3. La “supremazia” del metodo laico. Il problema del valore - 4. La laicità come mezzo e come fine: alcune considerazioni - 5. Dalla laicità dello Stato alla laicità per lo Stato - Segue: il caso dell’obiezione di coscienza nell’IVG. Le assolutezze dei fini alla prova dell’indipendenza etica - 6. Il valore della laicità come principio per la libertà.

From the secular State to secularism for the State. The lay paradigm between principle and value.

ABSTRACT: In the essay, the concept of secularity is examined both as a legal paradigm and as a value. The identified legal and philosophical perspectives represent potential reading keys that can guide the interpretative and implementing paradigm of laicity in a more coherent way with its historical-value reason.

Scarica il testo completo in PDF

Jean Bodin: dalla tolleranza alla libertà religiosa - di Leone Melillo

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Dalla tolleranza alla possibilità di “riconoscere nel cuore un Dio incorporeo e altissimo” - 3. La libertà religiosa aconfessionale nella definizione della sovranità assoluta - 4. La potestà aconfessionale della sovranità statale e il separatismo - 5. Dalla ragion di Stato della “suprema potestà statale” alla libertà religiosa nell’esercizio della giurisdizione - 6. Conclusione.

Jean Bodin from Tolerance to Religious Freedom

ABSTRACT: Absolutism, in France, rises also in order to resolve religious conflicts, affirming the national community and the interests of the State. This is an evaluation that leads to thinking, above all, about J. Bodin and Les le livres de la Republique and to “read” the relationship between "tolerance" and "religious liberty". Bodin indicates the limits of religious tolerance - that is based on the dogma of the exclusive confessional salvation - that reveals to religious freedom in the theorization of the absolute State. The freedom to manifest own religious conviction does not undergo to any presumption of exclusive salvation because it intends to proclaim publicly, but also privately, what the individual perceives in consciousness. A dimension of secularism really particular, that reveals the difficult political condition of the wars of religion. The coexistence of the only God, which divine laws sanction in the definition of sovereignty, suggests an overcoming of the confessionism. The civil legal significance of religious confessions lives the confessional dimension of interreligious dialogue for an understanding of the "incorporeal and supreme" God of the "Colloquium Heptaplomeres".

Scarica il testo completo in PDF

Codificazione etica e deontologia nei settori del lavoro, del mercato e della finanza. La libertà di coscienza e la transizione dall’oeconomicus corporativismo professionale alla democratica cooperazione interculturale - di Fortunato Freni

SOMMARIO: 1. I gruppi etico-deontologici e il diritto della polis democratica alla luce dei recenti cambiamenti sociali vissuti dalle identità collettive - 2. I codici di autoregolamentazione nel settore del lavoro - 3. Il mercato tra codificazione etica ed eteroregolamentazione - 4. Le recenti opportunità di lavoro socialmente utile offerte dalle tecnologie social alle smart communities - 5. La nuova sensibilità deontologica nel mondo finanziario: le banche etiche e la finanza islamica - 6. La rilevanza nell’ordine della polis dei vari tipi di norme contenute nei codici deontologici: attualità e prospettive inter- e/o trans-culturali.

Codes of ethics and Deontology in the fields of Labor, Market and Finance. Freedom of Conscience and the Transition from Oeconomicus Corporatism to Democratic Intercultural Cooperation

ABSTRACT: The paper analyzes the recent relevance of deontological codes, from which a process of enriching the concept of deontology seems to emerge. This is increasingly understood not only in a corporatist way as an ethics of conduct within the category of reference, but also in a democratic way as the ethics of service made to the polis by professional communities, which now, in the overall world of work, appear ethically inspired in the most varied ways. Following the development that freedom of conscience has experienced in its various forms of collective exercise, we are positively experiencing new patterns of work organization where deontology represents a synthesis between moral and law. Similarly, to churches, even some professional communities have useful, non-utilitarian relationships, and open to democratic intercultural cooperation, with their multiform and typical ways of working in the service of the human person, elected to lifestyles or spiritual missions. In order to encourage and extend this phenomenon of greater ethical accountability of free professions, some legal channels will be analyzed to better harmonize the use of those new deontological standards with legal rules in order to ensure balance and order at a general level, and to avoid the social dissociation in neo-corporatist groups.

Scarica il testo completo in PDF

L’odio proibito: la repressione giuridica dello hate speech - di Gianmarco Gometz

SOMMARIO: 1. Discorsi odiosi - 2. La repressione giuridica delle idee odiose: vecchie difese, nuovi difesi - 3. Le ragioni del contrasto giuridico ai discorsi d’odio - 4. Due direttrici nella giustificazione della repressione giuridica del discorso d’odio.

Forbidden hate: the legal repression of hate speech

ABSTRACT: The aim of this article is two-folded. First, it offers a general overview of the legal repression of various categories of expressive behaviours ascribed to the notion of hate speech. Especially in Europe, such repression often passes through criminalization, long since used by law to suppress thoughts or points of view for some reason considered harmful. The social groups nowadays protected by such repressive measures, however, are different from the past: weak and/or minoritarian groups rather than strong and/or majoritarian ones. The second aim of this work is to identify the reasons for the legal repression of expressions, beliefs or doctrines certainly in many cases morally deplorable, yet protected by other high-ranking legal reasons: the principles of freedom of thought and speech. It will be noted that especially for untargeted hate speech not connected to a clear and present danger of unlawful actions, there is no general agreement about those reasons. Furthermore, they tend to be structured in justifications showing some typical flaws of, respectively, deontological and teleological reasoning: the former tend to be superficial as apodictic, generic and vacuous; the latter tend to evade the argumentative burdens of factual order from which their validity depends.

Scarica il testo completo in PDF

Religious education in Italian public schools: what room for Islam? - di Stella Coglievina

SOMMARIO: 1. Introduction - 2. Religious education in Italian public schools: general framework - 3. Religious education in public schools: the situation of Islam - 3.1. Some data about the Islamic presence in Italy - 3.2. Religious education and Islam - 4. The religious education in plural Italy: challenges and gaps - 5 - Muslims at school and Religious Education: which solutions? - 5.1 Alternative 1: private schools - 5.2 Alternative 1-bis: Homeschooling - 5.3 Alternative 2: introduction of lessons about religion - 5.4 Alternative 3: Muslim pupils and their participation in the Catholic religion lessons - 6. Conclusions: challenges, problems and future perspectives.

Scarica il testo completo in PDF

Il futuro (ancora incerto) della libertà religiosa in Italia: alla ricerca di un nuovo bilanciamento tra interessi collettivi (frazionati) e bisogni (flessibili) delle persone - di Gianfranco Macrì

SOMMARIO: 1. Il primato della persona umana: le radici del costituzionalismo - 2. Interessi collettivi, “lottizzazione” dello spazio pubblico e libertà individuali - 3. Alla ricerca del giusto bilanciamento tra interessi collettivi (di parte) e aspirazioni libertarie individuali - 4. Spazi di libertà, flessibilità e autonomia dei soggetti organizzati - 5. Rappresentanza degli interessi collettivi, anche di natura religiosa, e compiti dello Stato a garanzia dei diritti costituzionali - 6. Il diritto pattizio, la sua contraddittoria specialità e le nuove prospettive del diritto pubblico in materia religiosa - 7. Il futuro delle libertà religiose: i vantaggi di una legge generale e le proposte avanzate di recente.

Scarica il testo completo in PDF

Medicina di frontiera nel Mediterraneo multietnico, tra pluralismo etico, culturale e normativo - di Alberto Marchese

SOMMARIO: 1. Premessa: flussi migratori e problematiche sanitarie, una nuova sfida per la pacifica convivenza nel Mare nostrum - 2. Tutela della salute e normativa di riferimento: profili etico-giuridici - 3. Stranieri regolari e irregolari - 4. L’assistenza sanitaria per i “richiedenti asilo” - 5. Gli stranieri temporaneamente presenti (S.T.P.) - 6. Gli apolidi e i rifugiati per motivi politici - 7. Alcune notazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

L’educazione religiosa dei figli nei matrimoni misti: l’ordinamento canonico tra diritto e pastorale - di Roberta Colombo

SOMMARIO: 1. L’educazione religiosa dei figli nell’ordinamento civile: diritto dei genitori e libertà dei minori - 2. L'educazione religiosa della prole nell’ordinamento canonico: un diritto-dovere dei genitori - 3. Educare religiosamente nei matrimoni misti nel codice di diritto canonico - 4. Diritto canonico particolare e orientamenti pastorali - 5. Riflessioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

La libertà di religione in Italia dieci anni dopo - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Indivisibilità delle libertà – 2. Imprescindibilità della giurisdizione – 3. Libertà negativa: a) legislazione – 4. (segue:) b) giurisdizione – 5. Libertà positiva – 6. Pluralismo – 7. Diritto ecclesiastico futuro.

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere - Transizioni” • Il divieto di indossare il niqab del codice penale belga all’esame della Corte europea dei diritti dell’uomo: un passo in avanti per la formazione del “precedente“ che mette a rischio il pluralismo religioso - di Giuseppe Casuscelli

Pochi giorni or sono la Corte europea dei diritti dell’uomo, con la pronuncia relativa al caso Belcacemi et Oussar c. Belgique, ha ritenuto che l’art. 653bis del codice penale belga, introdotto dalla legge 1° giugno 2011 - punendo quanti "sauf dispositions légales contraires, se présentent dans les lieux accessibles au public le visage masqué ou dissimulé en tout ou en partie, de manière telle qu’ils ne soient pas identifiables" con la pena "d’une amende de quinze euros à vingt-cinq euros (lire: de 120 à 200 euros) et d’un emprisonnement d’un jour à sept jours ou d’une de ces peines seulement" – non viola gli artt. 8, 9 e 14 della Convenzione. La Corte ha ritenuto di mettere l’accento in special modo sull’art. 9, poiché il divieto di indossare nello spazio pubblico un capo d’abbigliamento destinato a nascondere, in tutto o in parte, il viso pone degli interrogativi sia in ordine al rispetto della vita privata delle donne che desiderano portare il velo integrale per motivi legati ai loro convincimenti, sia in ordine alla loro libertà di manifestare questi convincimenti. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Una disciplina-quadro delle libertà di religione: perché, oggi più di prima, urge “provare e riprovare” a mettere al sicuro la pace religiosa - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. “Provare e riprovare” - 2. Le ragioni dell’odierna urgenza. I quattro macro fenomeni: sicurezza, crisi economica, migrazioni e populismi - 3. Di alcuni effetti dei macro fenomeni - 4. Avanzando verso la disuguaglianza graduata. Selezione degli interlocutori, margine d’apprezzamento, e limiti della “democrazia costituzionale” - 5. Le scelte di Astrid, e alcuni punti fermi - 6. Una considerazione ancora.

A Framework of Freedom of Religion: for today, it urges "to try and try again" to secure religious peace
ABSTRACT: This article analyzes the theme of the continuing lack of a law on religious freedom in Italy, despite the fact that seventy years have passed since the Republican Constitution was approved. According to the Author, the combination of four macro-phenomena (security, economic crisis, immigration, populism) nowadays urges the Italian Parliament to start debating how to implement the rights guaranteed under art. 19 Cost. - irrespective of the nationality of the person - and to regulate the procedures for reaching the agreements provided for in the third paragraph of art. 8 Cost. using the well-articulated bill proposed by the Astrid study group. The Author, finally, identifies a number of firm points necessary in his view to ensure respect for religious pluralism, secularism of the state and “religious peace”.

Scarica il testo completo in PDF

Prime osservazioni sul Protocollo d’intesa tra la Regione Calabria e la Conferenza Episcopale Calabra per la disciplina dell’assistenza religiosa cattolica nelle strutture sanitarie - di Luigi Mariano Guzzo

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Cenni sulla disciplina dell’assistenza religiosa nelle strutture sanitarie - 3. La regionalizzazione del sistema sanitario - 4. Il processo di federalismo ecclesiastico - 5. Il Protocollo d’intesa tra la Regione Calabria e la Conferenza Episcopale Calabra: a) il personale dell’assistenza religiosa; b) l’ambito di applicazione del Protocollo e la finalità dell’assistenza religiosa; c) l’oggetto della prestazione, i locali e le attrezzature del servizio di assistenza religiosa; d) la Commissione paritetica regionale per la risoluzione delle controversie - 6. Conclusioni.

ABSTRACT: The aim of this article is to analyse the Memorandum of Understanding between Calabrian Region and Calabrian Bishops’ Conference about religious assistance in the healthcare facilities. Thanks to this Memorandum of Understanding Calabria fills a gap regarding to the area of religious assistance in the healthcare facilities.

Scarica il testo completo in PDF

Le nuove leggi regionali ‘antimoschee’ - di Natascia Marchei

SOMMARIO: 1. L’edilizia di culto nella giurisprudenza costituzionale: i principi ispiratori della materia in assenza di una ‘legge quadro’ del legislatore statale - 2. Le leggi regionali ‘antimoschee’ davanti alla Corte costituzionale: l’applicazione dei principi - 3. Il cambio di destinazione d’uso e la definizione di ‘luogo di culto’ - 4. Brevi cenni sulla vicenda della ‘moschea’ a Milano.

Scarica il testo completo in PDF

Oltre il muro dell’intolleranza. Luci e ombre della benedizione nella scuola tra libertà religiosa e laicità dello Stato - di Tiziana Di Iorio

SOMMARIO: - 1. La libertà religiosa: brevi cenni - 2. Libertà di coscienza e libera formazione delle coscienze - 3. Istanze identitarie, libertà religiosa e principio di uguaglianza - 4. Fattore religioso e semantiche radici della laicità dello Stato - 5. Attività religiose e pratiche di culto nella scuola pubblica: il quadro normativo - 6. Il rito di benedizione nella scuola pubblica: revirement giurisprudenziale - 7. La recente sentenza del Consiglio di Stato, 27 marzo 2017, n. 1388 - 8. Atti di culto nello spazio pubblico e finalità formativa della scuola - 9. Conclusioni.

Breaking through the wall of intolerance. Lights and shadows of Easter blessing in State schools between religious freedom and laical nature of the State

ABSTRACT: Religious freedom is a fundamental human right protected by Italian Constitution. Which are the limits to be respected in case of religious practices inside Italian State schools? This paper examines the meaning of “religious freedom” and the essence of State “secular” nature; then focuses on a recent case, which caused a debate on the boundaries between Church and State, about Easter blessing rite in State schools. The Court of first instance argued that blessing is a religious rite and it cannot be held in State schools; the Supreme Administrative Court rejected this ruling, claiming that Easter blessing in State schools is to be permitted, it being an exercise of religious freedom not violating State secular nature. Religious symbols and rites in public places are not to be considered a violation of the State secular nature. The Italian State does not hold any religious belief of any religion, but can create conditions conducive to religions.

Scarica il testo completo in PDF

La libertad de enseñanza de las confesiones religiosas entre libertad de expresión y discurso del odio - di Adoración Castro Jover

SUMARIO: 1. Introducción - 2. Libertad de enseñanza de las confesiones religiosas, autonomía y límites - 3. Aproximación general a los delitos de odio. Particular referencia al artículo 510 del Código penal español - 4. Libertad de enseñanza de las confesiones religiosas y delitos de odio. Algunos ejemplos -5. Libertad de expresión y discurso del odio en el Consejo de Europa - 6. Libertad de expresión y discurso del odio. Una perspectiva constitucional -7. Conclusiones.

Scarica il testo completo in PDF

Quale tutela delle libertà fondamentali per i simboli religiosi? Considerazioni sulla decisione del Consiglio di Stato francese sul caso burkini - di Lavinia Anello

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Luoghi pubblici e simboli religiosi - 3. Rispetto del dialogo e delle diversità interculturali - 4. L’evoluzione della laicità in Europa - 5. Osservazioni conclusive.

Which protection for the fundamental freedom of religious symbols?

Abstract: Starting from the analysis of the French Council of State’s decision on the case “burkini” (August 26th 2016), this paper examines the issues on the interaction between the acceptance of the religious minority’s symbols by the majority and the acceptance of the dialogue and cultural diversity. Taken into account is the process of secularism-neutrality of public space and the interference of the civil judiciary in the religious sphere declined in different models of secularism of the French, Italian and European jurisdictions.

Scarica il testo completo in PDF

La libertà dell’educazione religiosa davanti ai giudici canadesi (prendendo spunto dalla sentenza Loyola High School vs. Québec) - di Cristiana Maria Pettinato

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. L’educazione religiosamente orientata nelle scuole del Canada: brevi cenni storici - 3. Il percorso giurisprudenziale del caso Loyola High School: i primi due gradi di giudizio, l’analisi della Corte Suprema e le conclusioni della maggioranza dei suoi componenti sulla violazione dell’art. 2(a) della Charter of Rights and Freedoms del Québec del 1982 - 4. Le osservazioni dei giudici di minoranza sulla dimensione collettiva della libertà religiosa - 5. La verifica sulla sincerity of belief: tra foro esterno e foro interno - 6. Qualche chiarimento sul diritto fondamentale di libertà religiosa in Canada - 7. Alcune considerazioni a margine della sentenza: l’accomodamento ragionevole come strumento di applicazione caso per caso del “diritto alla differenza” - 8. Note conclusive.

ABSTRACT: The judgment Loyola v. Canada sees protagonist a confessional school who refuses to submit to the neutral government educational program, advancing pretension of guardianship of her own religious liberty as group and her liberty to teach from a religious and not neutral perspective. The examined case also allows to develop some reflections about the peculiarities of the Canadian constitutional system, and the relationship between the public institutions and the religious phenomenon, in a contest of strong pluralism.

Scarica il testo completo in PDF

Perché è necessaria una legge sulla libertà religiosa? Profili e prospettive di un progetto di legge in Italia - di Silvio Ferrari

In apertura del mio intervento enuncerò subito i tre temi che ne costituiscono la sostanza. Al termine di queste rapide e necessariamente imprecise enunciazioni ritornerò su ciascuno di essi per definirne meglio il senso e i contenuti. Vorrei innanzitutto collocare il progetto di legge di cui stiamo discutendo nel suo contesto europeo. Dei 27 paesi che sono membri dell’Unione europea, 16 hanno leggi che - pur variamente denominate - sono comparabili per struttura, temi e funzioni a quella che è oggetto del nostro esame. Tra questi 16 Stati, 9 regolano i rapporti con le comunità religiose sulla base di un concordato con la Chiesa cattolica e di intese con le altre confessioni religiose, il cosiddetto modello italiano di rapporti tra Stati e religioni. Vi è un solo Stato che ha adottato il modello italiano ed è privo di una legge sulla libertà di religione e questo Stato è l’Italia. A giudicare dal panorama europeo, una legge sulla libertà religiosa sembra quindi essere un complemento strutturalmente necessario di ogni sistema fondato sulla stipulazione di concordati e intese. Dovremmo chiederci perché.

Scarica il testo completo in PDF

La proposta di legge in materia di libertà religiosa nei lavori del gruppo di studio Astrid. Le scelte operate in materia matrimoniale e per la stipulazione delle intese - di Sara Domianello

Tenterò di rispondere a due interrogativi: Perché un intervento legislativo in materia di matrimonio e di intese? E quale intervento potrebbe offrire garanzie costituzionalmente adeguate alle istanze di tutela registrate oggi in tali particolari materie? La risposta alla prima domanda coincide, in parte, con le ragioni per le quali ho accettato l’invito a partecipare al gruppo di lavoro che la Fondazione Astrid ha costituito, sotto il coordinamento del prof. Zaccaria, in vista della promozione di un completo, ossia più esaustivo adeguamento a Costituzione della disciplina nazionale in materia di libertà di coscienza e religione. A giudizio largamente condiviso, infatti, la normativa vigente registra criticità costituzionalmente rilevanti almeno su due fronti. Uno è quello dell’applicazione, pur residuale, della legge sui culti ammessi, vecchia, prima e oltre che anagraficamente, nei suoi contenuti normativi e nel suo DNA, incompatibili con la forma costituzionale dell’Italia repubblicana. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

La proposta di legge in materia di libertà religiosa nei lavori del gruppo di studio Astrid. Le scelte di fondo - di Alessandro Ferrari

La proposta di legge che oggi viene presentata non vuole soltanto colmare un ritardo da troppo tempo accumulato e concretizzare, finalmente, uno dei diritti maggiormente esplicitati dalla Costituzione repubblicana. Questa proposta risponde anche - e forse soprattutto - alla necessità di non dimenticare la fondamentale politicità del diritto di libertà religiosa in un tempo di pluralismo. Essa ambisce a riaffermare la capacità della politica di “vedere” il fenomeno religioso e di riconoscere la centralità del diritto di libertà di coscienza e di religione per la costruzione di una cittadinanza inclusiva e attiva. Dettando “Norme in materia di libertà di coscienza e di religione” la proposta oggi in discussione si pone come attuazione degli articoli 2-3, 19-20 e 7-8 della Costituzione, rappresentando, di conseguenza, lo svolgimento di un principio supremo di laicità costituzionale condiviso e armonico sia rispetto alla normativa già contrattata dallo Stato con le confessioni religiose sia rispetto alla normativa pattizia concordata con gli altri Stati nei vari spazi giuridici sovranazionali. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

La proposta di legge in materia di libertà religiosa nei lavori del gruppo di studio Astrid. Le scelte operate nel campo della libertà collettiva - di Pierangela Floris

Nelle parti dedicate alla dimensione collettiva della libertà religiosa, la Proposta dà spazio a tre figure: due oggetto di espliciti riferimenti costituzionali, l’associazione con fine di religione o di culto e la confessione religiosa; una terza nuova, l’associazione filosofica e non confessionale, di chiara derivazione europea già nella denominazione. Inizio dalle associazioni con finalità di religione o di culto, che nella Proposta hanno un risalto senz’altro significativo. Esso però non è teso a oscurare o attenuare il rilievo di altre figure, in particolare della confessione religiosa, alla quale la Costituzione riserva un’attenzione tutta speciale e che nel progetto ha prerogative esclusive. Quel risalto ha altre ragioni, già esplicitate anche da chi ha parlato prima di me. Il progetto prova ad affrontare i problemi emersi in tempi recenti con lo sviluppo dell’associazionismo religioso, che ha interessato, in particolare, le comunità di nuova formazione o insediamento e che ha trovato un po’ tutti impreparati. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

La proposta di legge in materia di libertà religiosa nei lavori del gruppo di studio Astrid. Le scelte operate nel campo della libertà individuale - di Roberto Mazzola

Dei 10 articoli che compongono il Capo II della Proposta di legge in esame, gli artt. 3, 4 e 5 costituiscono l’asse portante della disciplina del diritto di libertà religiosa individuale. Le norme ricomprese fra gli artt. 6 e 13 ruotano, infatti, intorno a questo blocco normativo che racchiude e custodisce la ratio dell’intero Capo, attenta, lo ha appena ricordato nella sua relazione Alessandro Ferrari, a porre al centro delle dinamiche del religioso la ‘coscienza’ individuale intesa quale luogo deputato allo sviluppo della personalità individuale, tanto in una dimensione teista quanto ateista, benché quest’ultima presenti “peculiarità e identità non confondibili con quelle religiose”. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Lavoro, discriminazioni religiose e politiche d’integrazione - di Livia Saporito Francesco Sorvillo Ludovica Decimo

SOMMARIO: 1. La forza sociale delle religioni negli attuali scenari geopolitici - 2. Libertà religiosa, selezione lavorativa e integrazione nel mondo del lavoro - 3. La tutela della libertà religiosa nel rapporto di lavoro -3.1 Le discriminazioni religiose nei rapporti di lavoro nel quadro del diritto primario dell’Unione europea - 3.2 La giurisprudenza comunitaria - 3.3 L’incidenza del precetto religioso sul rapporto di lavoro - 3.4 La “presenza” delle religioni nei luoghi di lavoro: profili simbologici - 4. Istanze religiose e diritto negoziato nelle politiche d’integrazione - 5. Diritto, religione e sfide dell’integrazione.

Scarica il testo completo in PDF

Per una riflessione critica sul “Vero” e sul “vissuto storico” - di Piero Bellini

1 - Vi sono tematiche impegnanti [così quelle che investono “valori d’ordine sacrale” nei quali si ripone per davvero fede: «toto corde»: «toto pectore»: «toto animo»] che - segnatamente coinvolgenti - vanno affrontate perché «meritano d’esser affrontate», e vanno meditate perché «meritano d’esser meditate»: anche se poi [in un ambiente umano viepiù venuto accomodandosi, nel tempo, a una grigia secolarizzazione dei propri moduli di vita] a presentarsi - in pro d’un così attento impegno fideistico - non siano fondate aspettative di buon esito. Si tratta [per quanti se ne sentano presi nel profondo] di fare - in quel composito contesto - ciascuno la sua parte: quella che gli si riveli spiritualmente doverosa: cercando - così - di assicurare alle grandezze mistiche [in cui ripone fede: e in cui nutre speranza] lo spazio vitale che loro si compete: e questo quale il Credo cui ciascuno senta nell’intimo d’esser tenuto a conformare [nella vivente concretezza dell’«hic mundus»] la propria vicenda esistenziale.

Scarica il testo completo in PDF

Sport, religione e pluralismo culturale: le molteplici forme di lotta alla discriminazione etnico-confessionale - di Antonello De Oto

SOMMARIO: 1. Identità e alterità nello sport. Religioni, etiche e culture a confronto - 2. L’avvento della pluralità nel diritto sportivo e la (quasi) finita stagione della neutralità - 3. La discriminazione etnico-confessionale nella pratica sportiva. Gli strumenti normativi e istituzionali europei di contrasto alla condotta discriminatoria - 4. Quando il mondo dello sport arriva prima: la nascita del c.d. ius soli sportivo (legge 20 gennaio 2016 n. 12).

Sport, religion and cultural pluralism: the multiple forms of contrast to the ethnic-confessional discrimination

ABSTRACT: The article deals with the theme of recognizing and regulating identity and diversity in sport with a focus on religious element and the recent and gradual change of attitude of sports federations with respect to it, moving slowly from the time of secularity-neutrality in sport to the recognition of the athlete's religious identity. The second part of the paper examines the theme of ethnic-confessional discrimination in sporting practice and analyzes the European normative and institutional instruments for contrasting discriminatory behavior and the prospects for this action coordination, also taking into account the birth of the “c.d. Ius soli sportivo” (Law 20 January 2016 No. 12) in Italy, a great innovation for a Country as ours still argues, at the level of citizenship, in a logic of “ius sanguinis”

Scarica il testo completo in PDF

Natività e laicità: i presepi in Francia tra religione e secolarizzazione - di Daniele Ferrari

SOMMARIO: 1. La legge del 1905 e la sua applicazione: osservazioni introduttive - 2. Edifici pubblici e presepi: l’argomento religioso - 3. Edifici pubblici e presepi: l’argomento culturale-secolarizzato - 4. Simboli religiosi e laicità: l’imporsi di un proselitismo civile?

ABSTRACT: In France, the principle of separation between State and religious denominations, established in reference to public buildings by Article 28 of Law 1905, does not prohibit the presence of a Christmas crib within a municipal building. The Nativity scene is authorized provided that, in general, this facility does not express any form of religious proselytism or recognition of a cult, but a cultural, artistic or festive event forming part of the celebrations planned for Christmas; if the building in question is the headquarters of a territorial organization or a public service, representation, in order to be authorized, must meet particular requirements, for example, in local historical traditions.

Scarica il testo completo in PDF

Le droit européen de liberté religieuse au temps de l’islam - di Alessandro Ferrari

SOMMARIO: 1. Introduction - 2. Une nouvelle modernité: le chameau musulman et le trou Westphalien - 3. Tensions contemporaines: ce que la "question musulmane" révèle - 4. Vers un ordre westphalien-méditerranéen - 5. Le rouleau compresseur de la contemporanéité: vers un nouveau paradigme.

Scarica il testo completo in PDF

Nuove forme di obiezione di coscienza fra oneri a carico della libertà religiosa e third-party burdens. Un’analisi comparativa della giurisprudenza della Corte Suprema U.S.A. e della Corte di Strasburgo - di Adelaide Madera

SOMMARIO: 1. Nuove rivendicazioni di differenze negli U.S.A. e in Europa: un tentativo di comparazione - 2. I conflitti generati dal Contraception Mandate negli U.S.A. – 3. Il caso Zubik v. Burwell – 4. La difficile definizione del concetto di substantial burden – 5. La soluzione di compromesso adottata dalla Corte Suprema - 6. Accomodazionismo religioso e nuove “battaglie culturali” - 7. Prerogative dei soggetti confessionalmente connotati e “costi sociali” del loro riconoscimento - 8. Il fenomeno delle nuove conscience claims - 9. La valutazione dei third-party burdens - 10. Il diritto all’obiezione di coscienza dinanzi alla Corte di Strasburgo - 11. La decisione Eweida and others v. United Kingdom e l’ampliamento della portata dell’art. 9 CEDU - 12. Il rilievo attribuito al principio di non discriminazione - 13. La valorizzazione del margine di apprezzamento - 14. Annotazioni riepilogative.

New forms of Conscientious Objection between Burdens on Religious Freedom and Third-Party Burdens. A Comparative Analysis of the Supreme Court USA and of the Court of Strasbourg Case Law

Abstract: This paper analyzes the emerging tension between new complicity-based conscience claims of accommodation and the costs associated with them, in the ambit of the current national constitutional and international law frameworks. In a comparative perspective, recent decisions of the U.S. Supreme Court and of the European Court of Human Rights will be examined. The U.S. Supreme Court is moving towards a greater recognition of religious freedom in its collective dimension in the ambit of a common law framework; the European Court of Human Rights is entrusted with the delicate balance between unity and diversity, without unduly interfering with the national identities and legal regimes recognized to the Churches.

Scarica il testo completo in PDF

Il cammino delle libertà e del pluralismo, dieci anni dopo - di Natascia Marchei

Il titolo di questo incontro mi riporta, per un verso, e in prima battuta, al momento in cui, dieci anni fa, il Professore Giuseppe Casuscelli comunicò a tutti i suoi allievi l’idea (che forse nutriva già da qualche tempo) di realizzare una rivista telematica sui temi della libertà religiosa e del pluralismo confessionale. A quel tempo, benché non così lontano in termini cronologici, le riviste telematiche - nell’ambiente accademico e forse non solo in questo - erano ancora considerate una ‘bizzarria’ e, certamente, ritenute dai più una soluzione editoriale di rilievo scientifico quantomeno non primario.
La carta era ancora la carta, insomma, e le cose serie, scientificamente serie intendo, non si scrivevano sul web ma sulla carta, anche se i tempi di pubblicazione erano sempre più lunghi, i costi dell’editoria molto elevati e la divulgazione degli scritti difficile in quanto limitata a un piccolo circolo di persone. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” - Editoriali • Il concorso per medici non obiettori all’IVG e il signor Traps (di Nicola Colaianni) - di Nicola Colaianni

1 - Un concorso “scomodo” quello bandito dall’ospedale “San Camillo” di Roma per l’assunzione di due medici da dedicare specificamente alle prestazioni assistenziali di interruzione volontaria della gravidanza (hinc: IVG) rese in attuazione della legge n. 194 del 1978. Di quelli che suscitano immediate reazioni emotive e ideologiche, ma spesso perciò giuridicamente banali e superficiali, tra favorevoli e contrari. Non è una patologia italiana, beninteso: in America essere pregiudizialmente pro life o pro choise, a prescindere da ogni valutazione di contesto, può determinare l’esito delle elezioni presidenziali. Le conseguenze dell’analoga contrapposizione, emersa dalla gran messe di interventi sulla stampa italiana nei giorni scorsi, sono molto meno preoccupanti ma nondimeno da non trascurare per la tenuta del principio di laicità dello Stato. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Sicurezza nazionale e diritto di libertà religiosa. Alcune considerazioni alla luce della recente esperienza statunitense - di Pasquale Annicchino

Sommario : 1. Introduzione – 2. La sorveglianza di massa alla luce del caso “Snowden” – 3. Il caso del New York Police Department – 4. Primo emendamento costituzionale e nuove tecnologie – 5. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e scuola pubblica. La piccola querelle delle benedizioni pasquali - di Paolo Cavana

SOMMARIO: 1. Un problema pratico di libertà religiosa: le benedizioni pasquali nella scuola pubblica - 2. Le benedizioni pasquali a scuola nella recente giurisprudenza - 3. La laicità inclusiva della scuola pubblica italiana - 4. La benedizione pasquale in orario extrascolastico e la funzione della scuola come centro di promozione culturale, sociale e civile - 5. Fattore religioso e scuola pubblica nella legislazione scolastica - 6. La garanzia della libertà religiosa nelle comunità segreganti.

Religious freedom in public schools. The little querelle over Easter Blessings

ABSTRACT : This paper examines the current issue concerning the Easter Blessings imparted by a catholic priest in public schools in Italy. According to an old tradition dating back to the past but still followed by many parents, in some schools, especially primary ones, this brief rite usually takes place before Eastern. The majority of parents must agree on having it and it must be scheduled out of lessons time. Moreover, participation is very free for pupils, parents and teachers. A recent case law has challenged this practice, claiming that it would infringe the principle of secularism proper to public schools. This paper deals with the issue in the light of constitutional principles and the Italian legal framework. It focuses on the importance to keep a balance between secularism and religious freedom in public schools, where nowadays an increasing number of children stay for the whole day when both parents are at work.

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” - Transizioni • Nel primo anniversario della “Dichiarazione sui diritti delle minoranze religiose nei Paesi a maggioranza musulmana” (g. c.)* - di Giuseppe Casuscelli

Tra pochi giorni sarà trascorso un anno da quel 27 gennaio 2016 in cui 250 eminenti studiosi islamici , riuniti a Marrakech e provenienti da oltre 120 nazioni, hanno sottoscritto una “ Dichiarazione sui diritti delle minoranze religiose nei Paesi a maggioranza musulmana” rivolgendo l’appello a sviluppare una giurisprudenza islamica sul concetto di cittadinanza inclusiva di tutti i gruppi religiosi. L’incontro si era tenuto su invito del Ministero della Promozione e degli Affari Islamici del Regno del Marocco e del Forum per la Promozione della Pace nelle società islamiche , con sede negli Emirati Arabi Uniti. All’evento avevano partecipato cinquanta leader di altre religioni e rappresentanti delle organizzazioni islamiche e internazionali. L’incontro proseguiva lungo il cammino tracciato ad Abu Dhabi nel 2014 con la nascita del Forum for peace , inteso a mostrare al mondo che l’Islam “is a religion of peace and justice”, cui aveva fatto seguito nel 2015 un secondo Forum inteso a ristabilire “ the priorities of Muslim societies by rehabilitating hearts and intellects to a more thorough understanding of the salience of peace in Islam, the shariah, and our tradition”.

Scarica il testo completo in PDF

Il motivo religioso non giustifica il porto fuori dell’abitazione del kirpan da parte del fedele sikh (considerazioni in margine alle sentenze n. 24739 e n. 25163 del 2016 della Cassazione penale) - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. Il principio di diritto affermato dalla Cassazione – 2. Cenni sulla problematica generale del conflitto tra libertà religiosa e norme penali – 3. Il “giustificato motivo” quale elemento della fattispecie di cui all’articolo 4, secondo comma, legge n. 110 del 1975 – 4. I limiti della libertà religiosa derivanti dalle esigenze di salvaguardia della “pacifica convivenza” e della “sicurezza pubblica” – 5. Gli spazi di operatività dell’efficacia “scriminante” della libertà religiosa – 6. Gli “accomodamenti” possibili e le prospettive future di soluzione del problema – 7. Appendice.

Scarica il testo completo in PDF

Le attività di culto nella scuola pubblica, tra laicità, «libertas Ecclesiae» e libertà religiosa collettiva - di Fabiano Di Prima Marco Dell'Oglio

SOMMARIO: - 1. Premessa. Il "ritorno" della religione e la riaffermazione degli Stati nazionali nell'ultimo quarto di secolo; l'"accerchiamento" della laïcité - 2. Il mancato sviluppo di una metodica giurisprudenziale focalizzante la "specificità" della laicità italiana; l'emersione di un trend individuante solo i (relativi) profili comuni alla laïcité - 3. Un caso paradigmatico: la sentenza n. 166 del 2016 del T.A.R. Emilia Romagna sul tema dello svolgimento di attività cultuali nella scuola pubblica - 4. Il quadro normativo e giurisprudenziale del ventennio scorso: le ignorate direttrici speciali (implicitamente) favorevoli; l'interpretazione "stretta" (d'indole separatista) della normativa generale scolastica negli anni '90 e quella successiva "pragmaticamente ampia" (a fronte delle concorrenti novità socio-culturali e di sistema) - 5. Gli ultimi anni: il mancato intervento del Legislatore atto a orientare in senso costituzionale le scelte della P.A.; l'incrementale difficoltà di quest'ultima a prevenire/gestire le potenziali insorgenti "micro-conflittualità"; la conseguente adozione d'un registro prudenziale "minimalista" – 6. La non condivisibile soluzione accolta dal T.A.R. (sentenza n. 166 del 2016) di contrarietà netta allo svolgimento di atti di culto a scuola. L'incidenza del trend "intrinsecamente separatista"; il cono d'ombra sulle specificità della laicità italiana; la perdita di vista delle direttrici con esse congruenti e delle garanzie ivi offerte alla " Libertas Ecclesiae " e alla libertà religiosa collettiva - 7. Conclusioni: l'urgenza di un intervento legislativo statuale, e di un'iniziativa chiarificatrice a livello bilaterale, a presidio delle libertà fondamentali in discussione.

Scarica il testo completo in PDF

La decisione Holt v. Hobbs: una svolta nelle politiche di religious accommodation con riguardo agli istituti di detenzione nell’ordinamento statunitense? - di Adelaide Madera

SOMMARIO: 1. La libertà religiosa negli istituti di detenzione negli U.S.A. e il caso Holt v. Hobbs – 2. Le esigenze di bilanciamento fra libertà religiosa ed esigenze di ordine e sicurezza nelle istituzioni penitenziarie – 3. La diluizione delle forme di tutela della libertà religiosa nel contesto degli istituti di detenzione – 4. L’impatto del R.F.R.A . sulla tutela della libertà religiosa negli istituti di detenzione – 5. L’adozione del R.L.U.I.P.A. – 6. Il riconoscimento di legittimità del R.L.U.I.P.A . alla luce dell’ Establishment Clause – 7. I nodi irrisolti del caso Cutter v. Wilkinson – 8. Le interferenze del Prison Litigation Reform Act sulla tutela dell’esercizio della libertà religiosa dei detenuti – 9. La frammentazione dei parametri adoperati dai diversi circuiti d’appello – 10. La decisione Holt v. Hobbs – 11. Le motivazioni della Corte – 12. Il (parziale) ridimensionamento del parametro della due deference – 13. La tutela estensiva della libertà religiosa promossa dalla Corte Roberts – 14. Holt e Hobby Lobby a confronto – 15. Il crescente rilievo assunto dall’elemento dei third-party burdens nella giurisprudenza della Corte – 16. Annotazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e circoncisione in Italia: una questione di specialità confessionale - di Antonio Angelucci

SOMMARIO: 1. Note introduttive - 2. La rilevanza sociale del fenomeno - 3. I principi costituzionali di riferimento - 4. La tutela pattizia ( segue ) - 5. ( segue ) e giurisprudenziale - 6. Circoncisione e sanità pubblica - 7. Riflessioni conclusive e prospettive.

Scarica il testo completo in PDF

L’istruzione religiosa in Turchia: gli Aleviti e la Corte Europea dei Diritti Umani - di Anna Parrilli

SOMMARIO : 1. Breve premessa sull’insegnamento della religione in Europa - 2. La Corte Europea dei Diritti Umani e l’istruzione religiosa - 3. Scuola e religione in Turchia - 4. Alevismo e istruzione religiosa: il caso “Hasan e Eylem Zengin c. Turchia” - 5. La reazione alle sentenze in Turchia e in Europa - 6. Conclusione.

Scarica il testo completo in PDF

La Corte Costituzionale e la legge regionale lombarda: cronaca di una morte annunciata o di un’opportunità mancata? - di Francesca Oliosi

SOMMARIO: 1. Ora come allora: “ Le leggi son, ma chi pon mano ad esse? ” - 2. L’oggetto del giudizio: la "legge antimoschea" - 3. Le doglianze del Governo e la difesa della Regione: l'eterno conflitto tra libertà e sicurezza - 3.1. “Confessione è chi la confessione fa ” . I destinatari della norma, tra illegittima discriminazione e necessaria distinzione - 3.2. Esiste il principio di leale collaborazione tra gli enti (in Lombardia)? - 3.3. Contro la discrezionalità: del popolo (referendum), della norma (“il paesaggio lombardo”) e dei comuni (facoltà e non obbligo di prevedere attrezzature religiose) - 4. La parola alla Corte - 4.1 I prolegomena della sentenza: le premesse che, purtroppo, ancora occorrono - 4.2 La ratio oltre la littera : sull’incostituzionalità dei requisiti aggiuntivi per il “coacervo degli indistinti”, la richiesta di pareri “riguardanti la pubblica sicurezza” e l'impianto di videosorveglianza - 4.3 Convenzioni, referendum e congruità architettonica lombarda: quella pericolosa (ma costituzionale) attenzione per il particolare ( rectius locale) sul generale - 5. Profili critici: tirannia del diritto di libertà religiosa o pericoloso bilanciamento? - 6. Errare è umano, perseverare è … politico.

Scarica il testo completo in PDF

I sindaci francesi contro il “burkini”: la laicità a ferragosto? A prima lettura di alcuni recenti orientamenti giurisprudenziali - di Daniele Ferrari

SOMMARIO: 1. Introduzione – 2. I codici vestimentari sulla spiaggia: il caso del “burkini”: a) La condotta punita; b) La nozione di ordine pubblico; c) La “laicità di emergenza”; d) Il service public balnéaire – 3. Le ordinanze “anti-burkini” davanti al Tribunale amministrativo di Nizza: l’affermarsi di una “laicità di emergenza” – 4. Il Consiglio di Stato riforma l’ordinanza del Tribunale di Nizza – 5. Conclusioni: laicità liberale vs . laicità di emergenza.

ABSTRACT: The paper proposes a reflection on the relationship between religious freedom, laicity and terrorism. The reflection regards France, a country where, after the tragic attacks of Islamist matrix, some mayors have banned the use of burkinis on beaches. Starting from an examination of these measures and some rulings that have concerned them, the analysis focuses on the relationship between laicity, religious freedom and terrorism.

Scarica il testo completo in PDF

Sanità, religione, immigrazione. Appunti per una realizzazione equa e sostenibile del diritto alla salute - di Beatrice Serra

SOMMARIO: 1. Considerazioni introduttive - 2. Incidenza delle categorie religiose e culturali sulla performance dei servizi sanitari: a) barriere comunicative e inefficacia delle prestazioni erogate - 3. ( segue ): b) un possibile esito: l’incremento della “medicina difensiva” - 4. ( segue ): c) consenso informato, distanza culturale e responsabilità medica - 5. ( segue ): d) diritto all’autodeterminazione terapeutica, cure non convenzionali e trattamenti sanitari culturalmente qualificati - 6. Per un’attuazione differenziata del diritto alla salute.

ABSTRACT: The paper analyzes the impact of religious and cultural factor in the therapeutic relationship and the performance of health services, highlighting the need for management policies of religious and cultural diversity to achieve strategies and approaches to fair and efficient health care.
 

Scarica il testo completo in PDF

Ordine pubblico e azione giurisdizionale. Il modello di ordine pubblico proposto in sede giurisdizionale anche a proposito delle modalità di esercizio della libertà religiosa - di Alberto Fabbri

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. L’evoluzione storica di fonte costituzionale del concetto di ordine pubblico - 3. Il modello di ordine pubblico internazionale ed europeo - 4. … e nel diritto internazionale privato - 5. Composizione e settore di applicazione dell’ordine pubblico in relazione con l’ordinamento giuridico italiano - 6. L’ordine pubblico nel procedimento di delibazione - 7. L’ordine pubblico e il limite alle modalità di espressione della libertà religiosa.

Public Order and Legal Action. The Public Order model proposed at the jurisdictional level, including the ways in which religious freedom is exercise

ABSTRACT : In the Italian multicultural system in which religious practices are finding new channels of existence and expression the concept of public order represents the extreme limit within which the judicial system must continually and autonomously promote the carrying out of adjustments to the existing normative structure, values and constitutional principles, in order to guarantee the rights they attribute to individuals in its territory. A process of continuous, well-pondered monitoring of the very concept of public order – including the relevance that that value holds beyond the country ’ s national borders – permits the judicial system to place the right to religous freedom and its manifestations within their rightful context; in this logic the elements of ‘ space ’ and ‘ time ’ acquire an important role in an updated version of the right to religious freedom, i.e. individuals ’ ability to worship without any reference to State-determined religious institutions, or – inversely - to freely profess their atheist convictions.

Scarica il testo completo in PDF

Free to become martyrs? The right to refuse medical treatment on religious grounds in a comparative perspective - di Vincenzo Pacillo

SUMMARY: 1. Aim of the study - 2. Defining medical treatment- 3. Treatment, consent and “religious grounds” - 4. The right to express one’s religion and medical consent - 5. The legitimate limitations on the right to refuse a treatment on religious grounds - 6. Capacity to refuse a treatment - 7. The genuineness of consent - 8. Refusal and children’s best interest – 9. Conclusive remarks.


ABSTRACT: This study focuses on the right of patients to refuse medical treatments on religious grounds and on the (supposed) right to the parents to refuse medical treatments on behalf of their children, emphasizing the links and connections between the freedom of religion, the right to self - determination and the right to refuse medical treatment based on religious motivations. After a comparison between the norms devoted to rule the exercise of these rights in the English (and Welsh) and Italian legal systems, the article suggests that the approach of medical staff towards a Refusal of Medical Treatment on Religious Grounds ought to start an intercultural process. This process ought to be a cross - cultural dialogue devoted not only to translate medical language in a language which can be fully
understood by the patient, but also to create a reciprocal comprehension between the (mainstream) ethnocultural communication codes and instances of the staff and the (nondominant) ethnocultural (and religious) communication codes and instances of the patient (or of his/her parents).
 

Scarica il testo completo in PDF

Il dubbio di una “velata” discriminazione: il diritto di indossare l’hijab sul luogo di lavoro privato nei pareri resi dall’Avvocato generale alla Corte di giustizia dell’Unione europea - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. La novità e la rilevanza della questione pregiudiziale relativa all’uso del velo islamico in azienda sollevata davanti alla Corte di giustizia – 2. I termini della vicenda esaminata dalla Cassazione belga – 3. Il rinvio operato dalla pronunzia “gemella” della Cassazione francese – 4. Il profilarsi della questione pregiudiziale in controversie riguardanti lavoratori del settore pubblico – 5. Le conclusioni dell’Avvocato generale nella causa C-157/15: a ) l’approccio “onnicomprensivo” nell’analisi della fattispecie – 6. (segue): b ) discriminazione diretta o indiretta? – 7. (segue): c ) la giustificazione del trattamento differenziato – 8. (segue): d ) la salvaguardia dell’”identità nazionale” degli Stati – 9. Le conclusioni dell’Avvocato generale nella causa C-188/15 – 10. La querelle sulla mise da spiaggia per le donne islamiche (breve divagazione, in attesa della decisione della Corte di giustizia).

The doubt on a “veiled” discrimination: the right to wear an Islamic headscarf at work in the opinions given by the Advocate General to the European Court of Justice

Scarica il testo completo in PDF

Gli enti locali e le limitazioni del diritto alla libertà religiosa: il divieto di indossare il velo integrale - di Giovanni Cavaggion

SOMMARIO: 1. Introduzione: il velo nello Stato multiculturale - 2. La “prima ondata” di ordinanze anti-velo e la sentenza n. 3076 del 2008 del Consiglio di Stato - 3. I casi di compressione legittima del diritto alla libertà religiosa individuati dalla sentenza n. 3076 del 2008 - 4. La “seconda ondata” di ordinanze anti-velo e la proposta di modifica della legge n. 152 del 1975 – 5. La “terza ondata” di provvedimenti anti-velo in seguito agli attentati di Parigi del novembre 2015 - 6. Conclusioni: quale margine per un divieto di indossare il velo integrale nell’ordinamento italiano?

Local government bodies and the compression of freedom of religion: the ban on the face veil.

ABSTRACT: During the last decade several Italian local government bodies (and especially Municipalities) attempted to introduce a general ban on the so called “face veil” ( niqab or burqa ) through secondary law, in the absence of a national comprehensive policy on the matter. The aforementioned attempts were, without fail, found illegal by the Council of State and the Constitutional Court. Nonetheless, following the rekindling of the anti-Islamic sentiment in Europe in the aftermath of the 2015 terrorist attacks in Paris, we are currently witnessing a “new wave” of local regulation trying to impose a ban on the face veil, based on the claim that, in order to answer the exacerbation of the so called “clash of cultures”, a different balancing of the fundamental rights involved is needed. The author challenges the legality of the new local bans, as well as the compatibility of a general ban on the face veil with the Italian constitutional system.

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” – Transizioni • La farsa del burqini: ma c’è un giudice a Parigi! (di g.c.) - di Giuseppe Casuscelli

Nei giorni dello sgomento, del lutto per le atrocità degli attentati terroristici, le ordinanze sindacali sul divieto d’indossare il burqini sulle spiagge francesi hanno avuto il sapore penoso di una farsa fuori luogo, che ha alimentato un “dibattito surrealista” sulla laicità “balneare”. Quei divieti di carattere assoluto sono parsi una ripicca inappropriata, inutile se non dannosa: in questi casi, certo, non era in gioco la necessità di salvaguardare le esigenze fondamentali del “vivre ensemble”, regola derogatoria della libertà di abbigliamento individuata dalla Corte europea dei diritti dell’uomo nella decisione della Grande Chambre nel caso S.A.S. c. France del 1° luglio 2014 con riferimento all’uso nello spazio pubblico del burqa, che copre l’intero volto. Quei divieti, si legge in un comunicato dell’Onu, “non rafforzano la sicurezza ma, al contrario, alimentano intolleranza religiosa e discriminazione dei musulmani in Francia, in particolare le donne. La parità di genere non si ottiene regolamentando i vestiti che le donne decidono di portare”.

Scarica il testo completo in PDF

Il Comitato europeo dei diritti sociali, lo stato di attuazione della legge italiana sulla tutela sociale della maternità e sull’interruzione volontaria della gravidanza e la sostenibilità pubblica dell’obiezione di coscienza - di Fabio Cembriani

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. I diritti sociali in Europa e il Comitato europeo sui diritti sociali (CEDS) - 3. Le decisioni di merito del Comitato europeo dei diritti sociali sull’attuazione nel nostro Paese della legge n. 194 del 1978 - 4. L’obiezione di coscienza e l’interruzione volontaria della gravidanza in Italia - 5. Le strade possibili per dare una sostenibilità pubblica all’obiezione di coscienza - 6. Alcune brevi considerazioni di sintesi.

ABSTRACT : The Author examines the decision of the European Committee of Social Rights (CEDS), which once again condemned Italy had not taken our country, compared to the large number of doctors objectors, no organizational measures to ensure the reproductive rights of women and the right to work of non-objectors. He thus addresses the issue of social rights in Europe and the role of guarantor of the CEDS to focus eventually on conscientious objection, which considers a fundamental right, which must, however, know how to give, not interfere collectability of other rights. Moreover, it indicates, finally, what are the possible ways to give concrete and practical sustainability of conscientious objection.

Scarica il testo completo in PDF

Segni sul corpo e ferite nell’anima. Manipolazione degli organi genitali dei minori e diritti violati - di Tiziana Di Iorio

SOMMARIO: 1. Le pratiche di manipolazioni degli organi genitali femminili – 2. L’art. 583 bis c.p. nella prassi applicativa – 3. La lotta alle mutilazioni e/o lesioni degli organi genitali femminili: strumenti adeguati o perfettibili? – 4. La circoncisione rituale maschile nell’ordinamento italiano – 5. Il differente trattamento giuridico della circoncisione maschile e femminile - 6. La circoncisione rituale maschile tra modalità di esecuzione e aspetti sanitari - 7. Funzione genitoriale, scelte educative e prassi circoncisoria maschile - 8. Conclusioni.

Marks on the body and wounds in the soul. The manipulation of the children's genital organs and violated rights

ABSTRACT : Females’ genital mutilation (FGM) comprises any alteration of the external female genitalia , for non-medical reasons. The practice has negative effects on the health and is a violation of human rights of girls and women. In Italy, according to the art. 583 bis Penal Code, any form of FGM is forbidden, including clitoridectomy, excision, infibulation and any other practice causing similar effects, or causing physical or mental disease. Conversely, male ritual circumcision is allowed. According to the author of this paper, genital manipulation practices on both sexes should be explicitly fought and they should be replaced with symbolic actions, in order to protect the minor’s body and soul.

Scarica il testo completo in PDF

Mense scolastiche e diversità religiosa. Il caso di Milano - di Maria Chiara Giorda

SOMMARIO: 1. Una doppia premessa: pluralismo religioso, cibo e scuola – 2. L’Italia, un paese “diverso” – 3. Milano: una città plurale? – 4. Mense scolastiche a Milano – 5. Descrizione della ricerca – 6. I risultati della ricerca nelle scuole statali – 7. Il caso della scuola ebraica – 8. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Vie d’inclusione dei musulmani in Europa: marketing halal e banca islamica - di Michele Gradoli Maria del Carmen de la Orden de la Cruz Pilar Sánchez González

SOMMARIO: 1. Introduzione – 2. La presenza islamica in Europa – 2.1. Il livello di integrazione dei musulmani nelle città europee – 3. Marketing halal: analisi della religione come "nuova/vecchia" variabile della microsegmentazione – 3.1. Introduzione al marketing halal – 3.2. Interculturalità vs. Religione – 3.3. La religione come "nuovavecchia" variabile della microsegmentazione – 3.4. Marketing halal, un approccio europeo al mercato globale – 4. La banca islamica, strumento per l'inclusione finanziaria dei musulmani – 4.1. Il concetto di esclusione/inclusione finanziaria – 4.2. Misurare il livello di esclusione finanziaria. Un'analisi della situazione attuale – 4.3. Le iniziative per l'inclusione finanziaria a livello mondiale – 4.4. La banca islamica come strumento d’inclusione per i musulmani – 4.4.1. I principi etici della banca islamica – 4.4.2. Le potenziali della banca islamica come strumenti di inclusione sociale – 5. Conclusioni.

ABSTRACT: This work aims to highlight the obstacles of the social, political, economic and financial exclusion of the European Muslims in order to present eventual inclusive solutions. In Europe the Islamic presence is growing because of two main reasons: the immigration fluxes from Asia and from the Islamic Mediterranean countries and the high birth rates of the European Muslim families. Even if part of the European culture presents several features deriving from the Islamic heritage and even if the national and EU legislations present anti-discrimination laws and specific protections for religious freedom, the Muslims have been socially excluded. Furthermore, Islamophobia has been increasing since 9/11 and especially in the recent months after the jihadist attacks in Paris and Brussels. This feeling increased the exception of Muslims from the public and private life in the European countries. Because of these reasons nowadays it is necessary to improve the available normative tools and, at the same time, it seems crucial to adopt a multidisciplinary method that should involve the Islamic banking, that is fundamental for the development of the Islamic European entrepreneurs, or the halal marketing which considers religion as a new/old variable for the microsegmentation of the European market.

Scarica il testo completo in PDF

Tutela della coscienza, tra freedom to resign e indeclinabilità delle funzioni pubbliche - di Vera Valente

SOMMARIO: 1. Freedom to act. Ammissibilità e limiti all’esercizio dell’obiezione di coscienza - 2. Convincimenti religiosi e prestazioni lavorative - 3. Il principio di laicità nella ponderazione tra valori. Note a margine dell’affaire Ebrahimian c. France - 4. La giurisprudenza di Strasburgo: freedom to resign e limiti all’obiezione di coscienza a partire dalla sentenza Eweida - 5. I labili confini dell’agere licere, tra indeclinabilità delle funzioni pubbliche e tutela dei diritti altrui - 6. Un’osservazione conclusiva.

Scarica il testo completo in PDF

Unione europea, chiese e organizzazioni filosofiche non confessionali (art. 17 TFUE) - di David Durisotto

SOMMARIO: 1. Evoluzione del diritto dell’Unione europea. La tutela dei diritti fondamentali – 2. Il fenomeno religioso – 3. I rapporti delle organizzazioni religiose, filosofiche e non confessionali con l’Unione europea nell’art. 17 TFUE – 4. Il dialogo tra teoria, prassi e limiti di competenza dell’Unione.

Scarica il testo completo in PDF

La libertà religiosa tra ascesa e crisi dei diritti umani - di Carlo Cardia

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Il cammino verso la laicità dello Stato – 3. La rivoluzione della laicità, i totalitarismi, la terra promessa dei diritti umani – 4. Le nuove sfide. il secolarismo senza etica – 5. Altri segni di regresso: antisemitismo, guerra ai simboli religiosi – 6. Il mischiarsi della storia, il confondersi di religioni, popoli, culture – 7. La bestemmia della violenza religiosa.

Scarica il testo completo in PDF

La Lettera dei 138 (2006). Bilancio di un tentativo di dialogo non (del tutto) riuscito - di Antonio Guerrieri

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La nascita della Lettera - 3. Contenuto della Lettera e commenti - 4. La (flebile) risposta della Santa Sede - 5. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

La tutela della libertà religiosa nelle carceri - di Sara Igina Capasso

SOMMARIO: 1. L'assistenza spirituale negli istituti di detenzione – 2. Segue: ministri di culto, simbolismo religioso e testi sacri – 3. Il diritto a un’alimentazione “religiosamente orientata” – 4. Uno sguardo all’Europa – 5. Brevi conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Diritto e religioni nelle scelte alimentari - di Antonio Fuccillo Ludovica Decimo Francesco Sorvillo

SOMMARIO: 1 . Diritto, religioni, economie del cibo – 2. La libertà religiosa alimentare nelle “comunità separate”: 2.1 La situazione nelle mense degli istituti di detenzione. 2.2 Nelle mense ospedaliere. 2.3 Nelle mense scolastiche – 3. La libertà religiosa alimentare nello spazio privato: 3.1 Il caso del trasporto aereo. 3.2 Il caso del trasporto marittimo: la Convenzione internazionale sul lavoro marittimo (Maritime Labour Convention) - MLC 2006, e la Legge 2 agosto 1952, n. 1035 di Ratifica ed esecuzione della Convenzione I.L.O. n. 68 sul servizio di alimentazione a bordo della navi. 3.3 Il caso dell’offerta alberghiera – 4. Il commercio equo e solidale come “mercato etico” alimentare – 5. Appartenenza religiosa e regole alimentari: le influenze sulla produzione e sui consumi – 6. Diritto e religione nelle sfide della libertà alimentare.

Scarica il testo completo in PDF

Cibo, diritto, religione. Problemi di libertà religiosa in una società plurale - di Alessandro Ferrari

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Cibo e trasformazioni del religioso – 3. “Cibo religioso” e mercato – 4. “Cibo religioso” e diritti statuali – 5. Alcune osservazioni conclusive.

Food, Law, Religion. Religious Freedom Issues in a Global Society

ABSTRACT: The paper focuses on the contemporary relevance acquired by “religious food” and, in particular, on the relationship of this latter with freedom to religion. An overview of the topic of “religious food” highlights transformations of both religious communities and state legal orders and reveals the different role played and methods followed by different rights – the right to a free market and to religious freedom – in the protection of “religious practices”. The tension between a “neutral” commercial approach and a more institutional and religiously-oriented one seems to be a historical constant and still the main characteristic of this question.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e principi costituzionali. Un breve itinerario di lettura nella dottrina di Arturo Carlo Jemolo - di Michele Madonna

SOMMARIO : 1. Premessa - 2. La libertà religiosa: definizione e profili storico-giuridici - 3. I “problemi pratici” della libertà - 4. La libertà religiosa nell’ordinamento italiano e gli articoli 19 e 8 della Carta costituzionale del 1948 - 5. Dalla mancata attuazione dei principi costituzionali nei primi anni del dopoguerra alla loro prima applicazione a opera della Corte Costituzionale - 6. Osservazioni conclusive.

Religious freedom and constitutional principles. Brief remarks on the doctrine of Arturo Carlo Jemolo

ABSTRACT: The first part of the article reconstructs the thought of Jemolo on religious freedom from a historical perspective . The second part is devoted to the doctrine of Jemolo on the religious freedom into Italian legal system with particular reference to the principles of the Constitution of 1948.

Scarica il testo completo in PDF

Col sorriso sulle labbra. La satira tra libertà di espressione e dovere di rispetto - di Corrado Del Bò

SOMMARIO 1. Introduzione - 2. La satira e il diritto alla libertà di espressione - 3. Satira, umorismo e rispetto - 4. Deridere la religione - 5. Le basi morali della libertà di satira - 6. Conclusioni.

With a smile on the lips. The satire between freedom of expression and duty of respect

ABSTRACT: T his paper argues for a liberal perspective about satire, rejecting the idea that satire should not have constraints, and trying to ground this perspective on a more articulate argument than the mere reference to the relevance of freedom of expression in Western societies. I will proceed in this way. In Section 2, I will clarify what satire is, and how it is connected to freedom of expression. Section 3 will be devoted to analyze the relationship between humour and respect, and to explain why satire is morally more problematic than liberals usually think. In Section 4 I will suggest that satire against religion can be sometimes considered a lack of respect for people who believe in that religion. In Section 5 I will argue against restricting satire, even if it is seriously disrespectful, producing two different arguments for two different situations: when the victim can be considered “a powerful person”, and when he/she can be considered “a disadvantaged person”.

Scarica il testo completo in PDF

The “Essential Practice of Religion” Doctrine in India and its application in Pakistan and Malaysia - di Valentina Rita Scotti

SUMMARY: 1. Introduction – 2. Understanding the complexity: the role of religions in the Indian, Pakistani and Malaysian contexts – 3. The discipline of the religious phenomenon in India: which influences from foreign models in the Constitution? – 4. The Supreme Court and the “essential elements of religion” doctrine – 5.The migration of the Indian essential practice doctrine in Pakistan and Malaysia – 5.1 Interpreting the essential practice doctrine in Pakistan: the long-lasting history of the Ahmadis (non)recognition – 5.2 Cloths and Words always matter. The essential doctrine in Malaysia – 6. Concluding Remarks

ABSTRACT: The Supreme Court of India elaborated the “essential elements doctrine” to ascertain which elements are fundamental for a religious practice and which may be purged, as mere superstition, by the intervention of the State without infringing the principle of State neutrality in religious affairs. The doctrine has been discussed and in some cases applied also by constitutional interpreters in Pakistan and Malaysia, whose Constitutions echo the provisions on freedom of religion of the Union of India but also establish Islam as the religion of the State. Therefore, the present essay discusses the interpretation of constitutional provisions by the Supreme Court of India in order to introduce the essential elements doctrine as well as its application by the Pakistani and Malaysian Courts with the aim to asses, relying on the theory of cross-fertilization, whether they merely imported the doctrine or adapted it to the national contexts

Scarica il testo completo in PDF

La legge regionale lombarda e la libertà di religione: storia di un culto (non) ammesso e di uno (non?) ammissibile - di Francesca Oliosi

Sommario : 1. Il sonno della Costituzione genera mostri. Una piccola premessa - 2. Libertà religiosa e luoghi di culto nelle fonti: dalla Costituzione al mosaico regionale, un bipolarismo imperfetto - 3. Il tassello lombardo: perseveranza o amnesia del legislatore? Il contesto: risultanze di una ricerca sul campo - 4. La legge n. 12 del 2005 della Regione Lombardia: il problema, aggirato ma non risolto, della destinazione d'uso degli edifici - 5. La nuova legge regionale: profili di palese incostituzionalità – 6. Le confessioni religiose (non) sono egualmente libere davanti alla legge: art. 1, comma 1°, lettera a), l.r. n. 2 del 2015 – 7. La “supercompetenza” lombarda: art. 1 comma 1°, lettera b), della l.r. n. 2 del 2015 - 8 . La derubricazione del diritto di libertà religiosa a interesse legittimo: dall'obbligo alla facoltà dei Comuni secondo l’art. 1, comma 1°, lett. c), della l.r. n. 2 del 2015 - 9. Quando la “sicurezza” vince sulla “libertà”: ancora sull'art. 1, comma 1°, lett. c) - 10. Il nuovo tempio di Scientology a Milano: l’imponente luogo di culto per going clear - 11. Per non concludere: uno spettro si aggira per l’Europa.

Scarica il testo completo in PDF