Rivista telematica (www.statoechiese.it)
Online dal gennaio 2007
Menu

Articoli in Laicità e pluralismo

I rapporti con l’Islam italiano: dalle proposte d’intesa al Patto nazionale - di Claudia Morucci

SOMMARIO: 1. Breve premessa - 2. L’ininterrotto dialogo tra il Governo e le comunità islamiche italiane - 3. Il “Patto di condivisione” della Città di Torino e il “Patto nazionale per un Islam italiano” - 4. L’Italia e le misure di contrasto al terrorismo - 5. Conclusione.

The relationship with Italian Islam: from the proposals of ‘Intesa’ to the ‘Patto nazionale

ABSTRACT: According to statistics, Muslims living in Italy are currently just over 1.6 million. However, despite this significant presence of Muslims on the national territory, the vast world of Islamic associations has not yet managed to sign an Intesa, an agreement that religious minorities can establish to regulate their relations with the Italian state. The reasons why Islam does not have an agreement are mainly two: the absence of an authoritative subject, representative of Italian Islam, able to act as an interlocutor with state institutions and the incompatibility between Islamic cultural values and those of a secular state. Nevertheless, covering all the stages of dialogue between the Italian government and the Islamic associations from the nineties until the conclusion of the Patto nazionale (2017), this work aims to show that the condition of legal vacuum depends on unfounded prejudices towards Islamic culture and on the lack of political will to come to terms with Islam.

Scarica il testo completo in PDF

Símbolos religiosos y paradojas del franquismo a la luz de la Ley de Memoria Histórica - di Manuel Alenda Salinas Matilde Pineda Marcos

SUMARIO: 1. Planteamiento de la cuestión - 2. El catolicismo-nacionalista de ciertos símbolos evocadores de lo religioso - 3. ¿Los símbolos religioso-franquistas pueden permanecer en ámbitos públicos? - 3.1. Supuesto en que el símbolo religioso no ha de tenerse por vestigio franquista - 3.2. Supuesto en que el símbolo ha de tenerse por vestigio franquista - 4. Consideraciones conclusivas.

ABSTRACT: The present article argues if, under the interpretation and application of the so-called Historical Memory Law, Franco’s regimen would have set the basis to divest itself as part of the Catholicism that characterized it, in terms of having some symbols that originally would have been considered religious and now they cease to be so, historically and inevitably, at least in a retrospective point of view. In other terms, for the current time to impose a type of victim, although final of Franco’s regimen in the manner of, as a paradox, for some religious symbols to cease to be, without any other possibility for its political use as far as ‘semel francoist semper francoist’ can no longer recover that religious value. This matter, whether it refers, principally to the “Cruces de los Caídos” it can also be argued for it to attain the crucifix and the Virgin Mary located in public places by order of the dictatorial regimen.

Scarica il testo completo in PDF

Toccare con mano i nodi dell’integrazione (a proposito di saluti “proibiti” e divieto di discriminazione) - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. Le possibili implicazioni religiose di una “stretta di mano” - 2. Il caso sottoposto all’esame dei giudici svedesi - 3. La pronunzia del 15 agosto 2018, n. 51, del Tribunale del lavoro svedese e la questione della ricorrenza di una “pratica religiosa” meritevole di tutela - 4. (segue) La verifica dei presupposti di una “discriminazione indiretta” - 5. L’esperienza d’Oltreoceano - 6. Identità religiosa e (dis)uguaglianza di genere - 7. La diversa incidenza, nella fattispecie esaminata, del divieto di discriminazione per motivi religiosi e del principio della parità di genere - 8. Conclusioni: la libertà religiosa della lavoratrice e i margini lasciati alle scelte di politica aziendale della società.

Dealing with the contentious points of the integration (about “forbidden” greetings and principle of non-discrimination)

ABSTRACT: Some Islamic believers adhere to a rule of behavior coming from a particular reading of the traditions concerning the life of Muhammad, so they do not shake hands with people of the other sex outside their own restricted family circle. The present paper analyzes the potential impact of such a choice, if it is carried out in the work context and it infringes specific internal company rules, which require employees to not discriminate against customers on the basis of sex. The Author, in accordance with a recent decision of the Swedish Labor Court, affirms that the limitation of the freedom of the worker can be considered a case of indirect discrimination for religious reasons. However, demanding that the woman abstains from shaking hands with persons of her own sex, as suggested by the Court, is not required by the principle of gender equality, and is not coherent with the very personal nature of the act, according to the Author.

Scarica il testo completo in PDF

Atheism and the Principle of Laïcité in France. A Shifting Process of Mutual Adaptation - di Francesco Alicino

SUMMARY: 1. Introduction - 2. The Vertical and Horizontal Influences - 3. Atheism, laïcité and Church - 4. Atheism, laïcité and Islam - 5. Today’s Popular Sources of Atheism - 6. Conclusion.

ABSTRACT: With this article, the Author outlines the legal issues involving the atheism in France, analysing them in the light of the principle of laïcité. France has a long history of criticism of religion. Many philosophes of the Enlightenment, for example, have provided the classical writings in this field. In this sense, they were able to aliment two major streams of thought of the magmatic French atheism: one is based on the horizontal influences arising from the effect of increasing worldwide travel with the discovery that people do not necessary share the same views and beliefs about the nature of human being; the other is centred on vertical arguments bubbling up from the past in a very form of scepticism and realism. With its multi-faceted and articulated view, the French atheism has also been promoted by a number of movements devoted to arguing the case for non-belief and for its political expression in laïcité. In this manner, the Author tries to demonstrate that, since the Great Revolution and during the long history of the French constitutional system, laïcité de combat and atheism has been influencing each other in a constantly shifting process of mutual adaptation.

Scarica il testo completo in PDF

Multiculturalism, multireligiosity and relations between the State and religious organizations - di Marco Parisi

Summary: 1. Introduction - 2. Constitutional project of ecclesiastical politics and cultural resistance to a correct interpretation of the fundamental provisions of freedom - 3. Secularity of the legal system, religious pluralism and human freedoms.

ABSTRACT: The problems that derive from the growing multicultural and multi-religious characterization of our society raise a number of questions regarding the difficulties encountered in identifying rules of coexistence that could be genuinely respectful of the ideal and spiritual dimension of the human person. In particular, it is in question the ability of the system of bilateral agreements between the State and the religious organizations to really enhance the individual religiosity, which is constitutionally protected in its instrumentality for the promotion and growth of the human being. Several doubts also concern the discretionary and political selection, exercised by public authorities, of religious organizations deserving an access to bilateral regulation of relationships. In a more and more plural and heterogeneous social reality, the exclusion from the special legislation of the newly established spiritual groups in the country does not seem to be respectful of a neutral and correct interpretation of the constitutional dictate.

Scarica il testo completo in PDF

Modes of neutrality in the ECtHR jurisprudence related to religious matters: some critical remarks - di Alice Ollino

SUMMARY: 1. Introduction - 2. The meaning of State neutrality: some conceptual clarifications - 3. State’s neutrality vis-à-vis religious organizations: neutrality as absence of interference - 4. State’s neutrality vis-à-vis public education: neutrality as objectivity - 5. State neutrality vis-à-vis religious symbols in the public sphere: neutrality as exclusion of religion - 6. ‘Reversed’ patters of neutrality: the disruptive effect of Lautsi v. Italy - 7. Concluding remarks: decoding the patterns of State neutrality in the jurisprudence of the ECtHR.

ABSTRACT: This contribution discusses the notion of State neutrality in the jurisprudence of the European Court of Human Rights. State neutrality has become increasingly relevant in the rulings of the ECtHR concerning religious freedom, with the Court explicitly resorting to the idea that States should act as neutral and impartial organizers of religious life within their community. Yet, the conception of State neutrality developed by the Court is inconsistent and often gives rise to criticism. By exploring the Court’s main jurisprudence in the context of religious disputes, religious education in public education, and the display of religious symbols in public spaces, this contribution seeks to disentangle the different understandings of neutrality employed by the Court and to critically engage with them.

Scarica il testo completo in PDF

La controvertida prohibición de la blasfemia en la Constitución de la República de Irlanda - di José Ramón Polo Sabau

SUMARIO: 1. Introducción - 2. La prohibición de la blasfemia en el marco de una Constitución de clara inspiración católica - 3. El cuestionamiento de una norma de tan dudoso encaje en el sistema constitucional de derechos y libertades - 3.1. Las críticas en general al régimen constitucional de las confesiones religiosas - 3.2. La controversia específica en torno a la prohibición de la blasfemia en la Constitución irlandesa - 4. Algunas conclusiones y una razonable expectativa.

The controversial offence of blasphemy in the Irish Constitution

ABSTRACT: As recently as June 2018 the Irish Government has approved a referendum to remove the offence of blasphemy from the Constitution; the referendum will be held in October this year. This paper briefly examines the historical and legal backgrounds of this controversial prohibition that survived the 1972 reform of the constitutional provisions in the field of Church and State that, among other aspects, conferred a special position to the Catholic Church, and it does so in order to underline the importance and the potential consequences of the proposed reform in case of an affirmative vote in the upcoming referendum. For this analysis the author gives prior consideration to the fundamental meaning and scope of the constitutional provisions currently in force in the area of Law and Religion and, once this framework is summarized, the paper turns to reflect primarily on the legal and judicial developments that have taken place in the last decades relating the offence of blasphemy in Irish Law.

Scarica il testo completo in PDF

Ultimissime dalla giurisprudenza in materia di reati culturalmente motivati - di Fabio Basile

SOMMARIO 1. Considerazioni introduttive - 2. La definizione dottrinale di “reato culturalmente motivato”, e le sue “sotto-categorie” prasseologiche - 3. La giurisprudenza relativa a reati a elevata offensività - 4. La giurisprudenza relativa a reati a bassa offensività - 5. La sentenza Cass. n. 29613 del 2018. - 6. Verso un test culturale come architrave motivazionale? - 7. Considerazioni finali.

Latest News from Jurisprudence on Culturally Motivated Crimes

ABSTRACT:  The author, after having clarified the notion of culturally motivated crime consolidated in doctrine, analyzes the recent Italian jurisprudence on the topic, representing the general coordinates provided by the Court of Cassation to the interpreter in the presence of this type of crimes.

Scarica il testo completo in PDF

L’iter delle intese sui rapporti Stato-confessioni ristretto fra discrezionalità politica e insicurezza presunta - di Fortunato Freni

SOMMARIO: 1. Il ruolo di Parlamento e Governo nella modifica del Concordato lateranense e nell’elaborazione delle intese con le confessioni acattoliche - 2. La prassi instaurata per l’iter di stipulazione delle intese - 3. La discrezionalità del Governo all’avvio delle trattative e il caso dell’UAAR - 4. Il concetto di confessione religiosa parte di un’intesa - 5. I limiti e le garanzie costituzionali nell’uso delle intese - 6. Anomalie tra normativa bilaterale e normativa unilaterale: intese-fotocopia e diritto comune “para-pattizio” - 7. La differenza fra le trattative per un’intesa e la negoziazione normativa - 8. La presunta minaccia del fondamentalismo religioso e il senso d’insicurezza instillato a fini politici.

The proceding of agreements on relations between State and religious denominations is restricted between political discretion and alleged insecurity

ABSTRACT: The present essay analyzes the procedure aimed at stipulating agreements on relations between the state and religious denominations considering the new elements introduced by the UAAR case. The Italian Union of Atheists and Agnostics is the protagonist of a long-standing case law case, because the Government has rejected the request for access to negotiations that allow to verify in concrete whether the conditions exist for concluding an agreement pursuant to in the third paragraph of the article 8 of the Constitution

Scarica il testo completo in PDF

Le dinamiche concordatarie tra Santa Sede e Stati islamici - di Raffaele Santoro

SOMMARIO: 1. Il concordato nelle dinamiche delle relazioni tra Chiesa cattolica e Stati islamici - 2. Concordato e libertà religiosa nei Paesi islamici - 3. Gli accordi bilaterali sottoscritti dalla Santa Sede in questi speciali “territori di missione” - 4. La tutela delle minoranze religiose nella Dichiarazione di Al-Azhar e la possibile apertura di nuove frontiere delle dinamiche concordatarie.

The concordat dynamics between Holy See and Islamic State

ABSTRACT: The article analyzes the concordat dynamics between Holy See and Islamic States developed after the Second Vatican Council. The concordat, in its various forms, is the main instrument through which is regulated the system of relations between States and Catholic Church. Its use has been tested successfully in various Islamic States, and sometimes even with heterogeneous formulas, because of differences that distinguish the individual systems, trying to translate the concepts of autonomous of Church and collaboration with States in forms legal acceptable to Muslim tradition countries. The exhortations in the Al-Azhar Declaration are directly connected with the possible development of bilateral activities between Holy See and other Islamic countries and this can also strengthen the peace among peoples and the interfaith dialogue.

Scarica il testo completo in PDF

Postfazione alla seconda edizione del volume di Piero Bellini, Principi di diritto ecclesiastico - di Sergio Lariccia

SOMMARIO: 1. Un piccolo volume destinato a uso degli studenti universitari e dei candidati ai concorsi pubblici (carriera direttiva) - 2. Il diritto ecclesiastico negli anni settanta - 3. Sette capitoli, inseriti in due parti e un’Appendice, sulla Natura dei Patti lateranensi.

Scarica il testo completo in PDF

Il Codice del terzo settore: punto di arrivo o di partenza per la palingenesi degli enti religiosi? - di Antonino Mantineo

SOMMARIO: 1. Riordino o riforma del Terzo Settore? - 2. Il contributo che possono offrire gli ecclesiasticisti e i canonisti alla riflessione - 3. La traiettoria: dalla legislazione bilaterale sugli enti cattolici al diritto comune sugli enti religiosi - 4. L’art. 20 Cost.: una lettura rinnovata in una prospettiva sistemica - 5. La legge n. 222 del 1985 rimane apripista della legislazione statale in ottica promozionale e pluralista - 6. Intese dello Stato con le confessioni e collegamento/coincidenza tra le attività di religione o di culto e le attività “diverse” - 7. Superamento “di fatto” della specialità della legislazione bilaterale sugli enti religiosi - 8. Alcune osservazioni critiche sul Codice del Terzo Settore - 9. Un diritto comune sugli enti religiosi nell’ottica dell’interesse generale? - 10. Una nuova mission per gli enti cattolici sollecitata dalla Chiesa di Papa Francesco.

The Third Sector Code: arrival point or starting point for the religious bodies’ palingenesis?

ABSTRACT: Adopted on July 2017, the Third Sector Code promotes social groups to guarantee the constitutional principles of pluralism, participation, social solidarity, substantial equality. The essay analyses what are the most important innovations and the critical issues of Third Sector’s reform, in the law and religion’s perspective and in the canon law’s perspective. Indeed, this legal reform raises fundamental questions, involving Third Sector bodies, that are, at the same time, religious bodies, such as the importance to have in our legal system a general law for religious bodies. Furthermore, Pope Francis’ teaching recalls an ethic dimension in the economic activities for the Catholic bodies.

Scarica il testo completo in PDF

Mediazione e Religioni: la sfida in una società complessa - di Salvatore Berlingò

SOMMARIO: 1. Annotazioni preliminari - 2. Complessità sociale e complessità giuridica - 3. Modalità alternative di composizione delle controversie - 4. Dal diritto imposto (Ge-setz) al diritto mediato e/o partecipativo - 5. Complementarità fra sostegno politico dei diritti e mediazione dialogica delle fedi - 6. Le (non facili) condizioni di praticabilità del modello di complementarità/distinzione - 7. L’irriducibilità della sfera religioso-fideistica alla sfera politica - 8. Alcune clausole di salvaguardia per le prospettive avvenire.

Mediation and Religions: the challenge in a complex society

ABSTRACT: Globalization makes social relations increasingly complex, because it favors the introduction and the spread in the same sphere of a plurality of cultures that are often difficult to combine. The proper task of law, that is the one of regulating the cohabitation of people in an equitable manner, is harder in this context, but it can be enhanced with the help of the mediation carried out by religious communities, though the criterion of complementarity/distinction between the order of political conventions and the order of religious convictions is respected.

Scarica il testo completo in PDF

La tutela dell’identità delle minoranze religiose deve potersi avvalere di “un giudice e un giudizio” (ancora sulla sentenza della Corte costituzionale n. 52 del 2016) - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1- La qualificazione giuridica è attribuzione costituzionale esclusiva del potere giudiziario - 2. La qualificazione giuridica delle confessioni religiose … - 3. (segue) e il loro diritto all’identità - 4. L’espediente del “doppio binario” - 5. L’insopprimibile garanzia della tutela giurisdizionale dei diritti è (ancora) principio supremo dell’ordinamento costituzionale - 6. Il petitum del ricorso per conflitto di attribuzioni tra poteri dello Stato, e l’obbligo di attenersi al thema decidendum - 7. I poteri del Governo nell’esame dell’istanza di accesso all’intesa - 8. Le improvvide conseguenze dell’avere ritenuto il diniego governativo “atto politico”: dal “pluralismo aperto” al “pluralismo discrezionalmente regolamentato”.

For the protection of their identity, religious minorities should have “a judge and a judgment” at their disposal (again on the judgment of the Constitutional Court no. 52 of 2016)

ABSTRACT: The article links the theme of the legal qualification of an association that calls itself a “religious confession” in order to have relationships with the State, according to the provisions laid down in the third paragraph of art. 8 of the Constitution, with the theme of the right of religious minorities to have an identity. It intends to prove that the document that the government issues in order to deny such a qualification is not a “political action” exempt from the control of the judicial authority, contrary to ruling no. 52 of 2016 of the Constitutional Court. The identity of religious minorities is protected by the guarantees offered by art. 24 of the Constitution, from which the Constitutional Court draws the supreme principle of jurisdictional protection of rights, the foundation of any democratic system, that guarantees to all, for any dispute, “a judge and a judgment”.

Scarica il testo completo in PDF

I delitti contro il sentimento religioso: tra incriminazione dell’opinione e tutela della libertà di manifestazione del pensiero - di Fabio Basile

SOMMARIO: 1. Premessa: il vilipendio quale “reato d’opinione” - 2. L’evoluzione dei delitti contro il sentimento religioso - 3. (segue): la riforma del 2006 - 4. La sentenza della Corte costituzionale n. 188 del 1975 - 5. L’esercizio del diritto di libera manifestazione del pensiero quale causa di giustificazione (art. 51 c.p.) - 6. Le più recenti applicazioni della giurisprudenza di legittimità - 7. Chiusa.

Are the crimes against religious sentiment compatible with the exercise of freedom of expression?

ABSTRACT: The crimes against religious sentiment, provided by the Italian Criminal Code, are mainly framed as “crimes of opinion”. Therefore, it should be ascertained whether and how those crimes are compatible with the exercise of freedom of expression, guaranteed as a fundamental right by Art. 21 of the Italian Constitution. The paper provides an overview of the jurisprudence – of ordinary courts and the Constitutional Court – and of the legislative evolution since 1930s about the crimes against religious sentiment.

Scarica il testo completo in PDF

Uguaglianza nella diversità. Identità religiose e democrazia costituzionale - di Marco Parisi

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Disegno costituzionale e rigidità politico-normative: quale strada per una equilibrata disciplina del fenomeno religioso? - 3. Conclusioni.

Equality in diversity. Religious identities and constitutional democracy

ABSTRACT: The entry into force of the new system after the fall of fascism did not constitute the resolutive element to mark a decisive turning point in the Italian ecclesiastical politics, with the implementation of a system of reforms in religious matters consistent with the innovative will of the institutional change that occurred in the Country. The consequence is that, seventy years after the adoption of the Republican Constitutional Charter, many normative provisions still conform to the inspiring principles of the fascist system, and there are many impediments to the concrete realization of the principles of freedom and democracy, with serious damage for the enjoyment of constitutional guarantees by spiritual minorities. With the approval of a general legislation on religious interests, the equal enjoyment of the fundamental rights could be achieved, both for individuals and for groups, within a framework of definitive overcoming of the fascist penalizing legislation and of fixation of the regulatory law criteria of the various treatments to protect spiritual specificities.

Scarica il testo completo in PDF

Enti ecclesiastici e Terzo settore. Annotazioni prospettiche - di Giuseppe Dalla Torre

SOMMARIO: 1. 1. Nuovi orizzonti - 2. Un caso positivo di secolarizzazione - 3. Codice del Terzo settore e iniziative caritative della comunità ecclesiale - 4. Opportunità aperte da un’alternativa - 5. L’azione caritativa tra diritto speciale e diritto comune.

ABSTRACT: Except for the matter of the clergy sustenance, the current discipline of the Concordat on ecclesiastical institutions is still affected, in spite of everything, by the conditioning deriving from juridical schemes dating back in time, which sacrifice and make precarious their solidarity activities. The fall of the diffidence of the Italian legal system towards the initiatives between the State and the Market, and therefore the recent reform of the Third sector with the enhancement of the non-profit organization’s activities, represent a precious opportunity for the charitable initiatives of the ecclesial communities.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà di coscienza e religione alla prova della post-modernità: la prospettiva giusfilosofica di Martha C. Nussbaum - di Andrea Romeo

SOMMARIO: 1. “A tradition under threat”. Antropologia della paura e tendenze esclusiviste delle comunità dominanti - 2. La tradizione filosofica del pensiero costituzionale: Williams, Madison e i princìpi cardine della tradizione di “religious fairnes” - 3. Forme di Benign Establishment: critica alla tesi della “presunta innocuità” e interpretazione autentica del principio di separazione - 4. Neutralità statale e speciale considerazione del fenomeno religioso: un rapporto problematico.

Liberty of conscience and liberty of religion on the challenge of the post-modernity: the Martha C. Nussbaum's philosophical jurisprudence

ABSTRACT: Nussbaum is one of the prominent defenders of the North American liberal tradition, threatened by the post-modern tendency to the exaltation of elements from the mainstream religion and the creation of in-groups between citizens. In his writings, the philosopher reproposes the value of liberal tradition by trying to show the impossibility to justify even the most venial forms of the benign establishment, as in the case of state-sponsored-religious-displays. The article focuses on Nussbaum'arguments, in a critical perspective.

Scarica il testo completo in PDF

Enti della Chiesa e diritto secolare - di Paolo Cavana

SOMMARIO – I. Parte descrittiva: 1. Gli enti della Chiesa: varietà e distinzioni - 2. Enti ecclesiastici e ordinamenti secolari tra dimensione istituzionale e associativa - 3. La disciplina degli enti nelle due codificazioni canoniche - 4. Gli enti della Chiesa tra concordati e diritto comune - 4.1. Sistemi concordatari o di collaborazione - 4.1.1. Area tedesca - 4.1.2. Area latina - 4.2. Sistemi separatisti - 4.2.1. Area francofona - 4.2.2. Paesi di tradizione anglosassone - 4.2.3. Modelli a confronto - II. Parte ricostruttiva: - 5. Elementi di novità nel regime degli enti nel diritto secolare - 5.1. Pluralismo, libertà religiosa e laicità dello Stato - 5.2. Gruppi religiosi e appartenenza confessionale - 5.3. Crisi del sistema delle fonti - 5.4. Evoluzione del concetto di persona giuridica - 5.5. Crisi della distinzione tra enti pubblici ed enti privati - 5.6. Sviluppo del Terzo settore - 5.7. Effetti ulteriori della globalizzazione - 6. Fattori evolutivi nell’ordinamento ecclesiale ed enti ecclesiastici - 6.1. Forme organizzative e modello codificatorio - 6.2. Persone giuridiche ed enti nella Chiesa - 6.3. Modelli di amministrazione interna - 6.4. Istituti religiosi - 6.5. Riforma delle strutture ecclesiali: le diocesi e le parrocchie - 6.6. Riforma delle strutture ecclesiali e autonomia statutaria - 6.7. Attività svolte in forma commerciale e finanziarie - 7. Osservazioni conclusive.

Entities of the Church and Secular Law

ABSTRACT: This paper deals with the complex relationship between Catholic Church entities and secular law, which has always had great relevance and impact on the canonical discipline of such institutions. After some preliminary remarks about the juridical status of Church institutions in canon law across the centuries, from the ius vetus to the 1917 Codex and the current Code of Canon Law (1983), the paper compares their current regulation in secular law within the most important legal traditions in the West, emphasizing pros and cons of each legal system. In the second part, it focuses on the impact of some recent trends that emerge from the evolution of both secular and canonical legal systems and concern the regulation of Church institutions and of Church-related institutions. It then draws some conclusive remarks on the need to update their inner structure and administrative rules.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e secolarismo - di Giuseppe Dalla Torre

SOMMARIO: 1. Una premessa - 2. Libertà religiosa e secolarizzazione - 3. L’odierna crisi della libertà religiosa - 4. Secolarismo e libertà religiosa - 5. Conclusione.

Religious freedom and secularism

ABSTRACT: The essay questions about the singular phenomenon for which, in front of the numerous and serious violations that are daily perpetrated in the world, towards the right of religious freedom, the West appears so detached and generally reluctant to political and diplomatic intervention. The fact is even more singular, if one compares this phenomenon with the general commitment that the West demonstrates for the planetary affirmation of the human rights, in a spirit almost of proselytism. In the opinion of the Author, the inactivity must be connected to the dominant secularist culture that has removed the sacred from the horizon of human meaning, with the consequence of the insignificance of the religious sentiment, of the irrelevance of the religious practice and, therefore, of the unreasonableness of fighting for their survival.

Scarica il testo completo in PDF

Osservazioni sulla proposta di legge “Norme in materia di libertà di coscienza e di religione” elaborata dal gruppo di lavoro coordinato dalla Fondazione ASTRID - di Gianfranco Macrì

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Crisi e persistenza del modello pattizio. Riscrivere la trama della libertà religiosa in Italia - 3. Una proposta “flessibile” orientata alle differenze e all’interazione - 4. I nuovi confini della libertà religiosa della persona - 5. La libertà di coscienze e di religione del minore - 6. Scuola pubblica, libertà religiosa e “nuovi spazi” di confronto per tutti: quello che serve e quello che la proposta non dice - 7. L’integrazione attraverso il lavoro - 8. Assistenza spirituale e libertà di manifestazione del pensiero - 9. Gli spazi della libertà religiosa e i “luoghi della memoria” - 10. Ministri di culto e non solo - 11. Per una libertà religiosa collettiva veramente democratica: rilievi critici - 12. La società cambia, la legge dello Stato arranca, il matrimonio “canonico” resta - 13. Intese per tutti? - 14. Quello che manca nella proposta di legge – 15. Conclusioni.

Remarks on the Bill Proposal "Norms on Freedom of Conscience and Religion" Made by the Working Group Coordinated by the Astrid Association

ABSTRACT: This contribution is a comment on the draft law on religious freedom proposed by some scholars of the ASTRID Foundation. The law is proposed in the context of a national and European political environment, which is constantly changing and evolving. This analysis is focused on some specific aspects of the proposal, by assessing their limits and their potential offers some theoretical reflections with the aim of contributing to a scholarly and intellectual debate, which should offer arguments, aimed at promoting and protecting fundamental freedoms and rights as envisaged by the Constitution.

Scarica il testo completo in PDF

Quando la libertà prevale sulla morale: la pubblicità - di Nicola Colaianni

1 - La questione, cruciale nelle società multiculturali, dell’uso della simbologia religiosa è tornata sotto la supervisione della Corte europea dei diritti umani, che già se n’era occupata più volte per i segni portati attraverso o per complemento dell’abbigliamento personale e una volta anche per quelli esposti nei luoghi pubblici. Stavolta si trattava di citazioni, o meglio allusioni, evangeliche utilizzate a scopo di marketing da un'azienda lituana che produce vestiti: tre manifesti, diffusi anche sul web, con la foto di un uomo e una donna con l'aureola, lui tatuato in jeans, lei con un vestito bianco e una collana di perline, che sembra una corona di rosario. L'allusione a Gesù e Maria si trae dalle frasi esclamative: "Gesù, che pantaloni!", "Gesù, Maria! Cosa indossate!", "Cara Maria, che vestito!" (segue).

Sometimes freedom of expression overrides public morals: the case of advertising

ABSTRACT: This article examines the case Sekmadienis v. Lithuania, where the European Court of human rights found that the advertisements by a clothing company, despite using models and captions referring to “Jesus” and “Mary”, did not offend public morals. Nevertheless the balancing in favour, for once, of freedom of expression is due not to a revirement but, essentially, to two factors: the advertisements neither were gratuitously offensive nor incited hatred and, on the other hand, domestic authorities did not provide sufficient justifications for why such use of religious symbols would had been contrary to public morals. Therefore, it’s an assertion not of secularism in front of religion but – the author says quoting Pier Paolo Pasolini - a new laicity, that does not compete with religion: the advertising laicity, born in middle-class entropy.

I

Scarica il testo completo in PDF

Il secolarismo all’ombra dei minareti: il principio costituzionale di laicità nella Turchia moderna e contemporanea - di Marco Galimberti

SOMMARIO: 1. Premessa introduttiva - 2. La Türkiye Cumhuriyeti tra eredità islamica e legittimazione internazionale - 3. La laicità dello Stato: il fondamento della nuova identità nazionale - 4. Le forze armate e la Corte costituzionale: i ‘custodi’ della laiklik - 5. La parabola dell’AKP: dall’impulso riformista alla recente involuzione autoritaria - 6. Le implicazioni giuridiche del fallito golpe del 2016.

Secularism in the shadow of the minarets: the constitutional principle of secularism in modern and contemporary Turkey

ABSTRACT: The present essay deals with the so-called ‘laiklik’, namely the Kemalist understanding of the constitutional principle of secularism implemented in the Turkish legal framework over the last century. The analysis takes as a starting point the establishment of the modern Republic of Turkey and focuses firstly on the staunch protection of secularism by its traditional ‘guardians’ (i.e. the army and the Constitutional Court). In particular, it is argued that the rhetoric of secularism has been exploited by the ruling élites with the aim to curb religious, cultural and political pluralism. Subsequently, the paper investigates the controversial policies adopted by the AKP - the moderate pro-Islamic party in power uninterruptedly since 2002 - and the rule of law crisis recently occurred in the country. In this regard, the author eventually seeks to assess the aftermath of the coup attempt failed in July 2016, by giving special attention to its short and long-term implications in the light of Turkish secularism.

Scarica il testo completo in PDF

La libertà religiosa, i diritti delle comunità islamiche. Alcune considerazioni critiche su due progetti di legge in materia di moschee e imam - di Gianfranco Macrì

SOMMARIO: 1. Introduzione: per un pluralismo “ragionevole” di fronte ai mutamenti sociali - 2. Dalla teoria alla pratica: alcuni aspetti della “questione” islamica nelle contraddizioni politiche e giuridiche del presente - 3. Una premessa di metodo: la libertà religiosa nel modello democratico costituzionale. Aporie persistenti e spunti di riforma (ma siamo ancora agli inizi) - 4. Diritto fondamentale alla moschea vs “Registro pubblico delle moschee” - 5. Un Albo per gli imam (e altre cose) - 6. Conclusioni.

Religious Freedom and the right of Muslim communities. Some critical remarks on two recent draft laws on mosques and imams

ABSTRACT: This contribution starts from the proposal of two draft laws on Islam in Italy (one on the legal status of mosques and the other on imams), which deal with concrete issues that the country faces, taking into consideration the multicultural context of Italy. So far, the approach of the Italian political class has been quite conservative and not willing to take into account possible solutions offered by the Constitution, such as the protection of basic human rights. The solutions have been more focused on the potential lack of trust towards Muslim communities and on legal solutions not fully integrated within a wider European approach. The proposed solutions appear therefore to be more the result of ad hoc approaches, influenced by considerations of real politik, than tools fully in line with the requirements of the Constitutional protection of human rights.

Scarica il testo completo in PDF

Intendersi sulle intese - di Fulvia Abbondante Salvatore Prisco

SOMMARIO: 1. Premessa: la richiesta di intesa con lo Stato dell’Unione degli Atei, Agnostici e Razionalisti - 2. Le tappe successive di una emblematica vicenda giudiziaria - 3. L’eticizzazione del diritto tra riconoscimento costituzionale dei “valori”, sviluppi della tecnologia, circolazione transnazionale dei diritti e ruolo supplente della giurisprudenza - 4. Dalle religioni tradizionali ai “nuovi culti”: un breve panorama socio-culturale del fenomeno e dei suoi riflessi giuridici - 5. Le confessioni religiose tra politica e diritto: un approccio problematico al caso italiano - 6. Politica e giurisdizione nelle intese di cui all’art. 8, terzo comma, e in quelle di cui all’art. 116, terzo comma, della Carta costituzionale.

The agreements with State of organized religious groups as juridical problem

The paper, starting from the recent decision of Italian Constitutional Court no 52/2016 which denies the obligation of the Government to begin a negotiation with an atheistic group which wanted to reach an agreement with state according to art. 8, 3, of the Italian Constitution, examines the Italian Constitutional jurisprudence and doctrinal debate about the definition of organized religious group and about the political nature of the governmental power in starting agreement with the State.

Scarica il testo completo in PDF

Moyens modernes, buts traditionnels: le discours constitutionnel de l’Église de Grèce - di Kaidatzis Akritas

SOMMAIRE: 1 - Introduction - 2. L’État et l’Église en Grèce. Le cadre constitutionnel - 3 - L’Église de Grèce comme institution de l’État grec - 4. Le discours constitutionnel de l’Église. Des éléments de constitutionnalisme populiste - Pluralisme constitutionnel et droits de la majorité - 6. Les droits en tant qu’identité - 7. Conclusion - Bibliographie.

ABSTRACT: The invocation of the people, the constitution and the rights occupies an important place in the public discourse of the Church of Greece. Its constitutional discourse exhibits two main characteristics. Firstly, it is a populist discourse. The church talks in the name of “its” people, which it identifies with the Greek nation, and as the voice of the people’s will against its rulers. Moreover, it is a rights-laden discourse. The church talks as the protector of the rights of the majority, which it identifies with the rights of its believers. Its constitutional discourse and practice shows that the church manages to exploit the institutions, achievements and discourses of modernity, if only for the promotion of apparently pre-modern ends: the preservation of its privileges against the other religions; the prolongation of its role in the public sphere; its reproduction as an ideological mechanism of the nation-state.

Scarica il testo completo in PDF

Lo Stato laico costituzionale di diritto di fronte all’emergenza del terrorismo islamista - di Francesco Alicino

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. La lunga tradizione del diritto islamico - 2.1. La norma religiosa nelle impostazioni radicalizzanti - 3. La reazione dei legislatori e il ruolo dei giusdicenti. Brevi considerazioni sul caso degli USA - 3.1. Brevi considerazioni sul caso della Francia - 4. La reazione dei legislatori e il ruolo dei giusdicenti in Italia - 5. Conclusioni.

ABSTRACT: What is the real relationship between the existing forms of (religious) terrorism and Islam? And how do the Western constitutional democracies react in times of emergency and threats of so-called Islamic terrorism? The article tries to answer these questions, focusing the attention on specific issues, such as those referring to the Islamic tradition - and the relative legal system - and some national legal orders, like the USA, France and Italy.

Scarica il testo completo in PDF

Laicità europea. Riflessioni sull’identità politica dell’Europa nel pluralismo ideale contemporaneo - di Marco Parisi

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Europa dei cittadini e identità politica del processo di integrazione continentale - 3. Spazio politico europeo, libertà religiosa e laicità - 4. Conclusioni.

ABSTRACT: The evolution of the European Union law and of the right to religious freedom lies in the global process of internationalization of fundamental rights, the transformation of relations between States, the modification of the idea of ​​sovereignty, the emergence of new conventional instruments. With reference to the European social and legal space, the transformation of the European Economic Community into a real political union has allowed the inalienable human rights of the people to become central in the process of integration. Because of that, the political and legal system of the European Union, characterized by the transition of the State monopoly of sovereignty to its sharing among different subjects, has affected the reality of relations between public powers and religious phenomenon. A particular configuration of the concept of secularism in the European continent has been established, by virtue, which the values of democracy, pluralism, human dignity and non-identification between public functions and religious experience would allow for peaceful coexistence between religion, institutional activity of the European Union and fundamental freedoms.

Scarica il testo completo in PDF

Security and Religious Radicalization. Securitization of Islam in Europe - di Agustín Motilla

SUMMARY: 1. Introduction - 2. General measures of the anti-terrorist laws; social surveillance and immigration control - 3. Antiterrorist laws and Islam: the securitization of Muslims in western countries - 4. The enforcement of measures affecting Muslim population not directly related to security: the vague criminalization of Islam - 5. Effects of the measures direct or indirectly justified on security reasons in religious freedom; specially related to Muslim population - 6. Closing remarks; positive statements in the construction of the European Union framework.

Scarica il testo completo in PDF

“A ognuno la sua croce”. Notazioni sparse in tema di ostensione istituzionale dei simboli cristiani nella sfera pubblica europea (con particolare riferimento all’art. 28 della legge francese di separazione) - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. Delimitazione del tema d’indagine - 2. Gli epigoni giurisprudenziali del caso Lautsi in una recente sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale per la Sardegna - 3. L’art. 28 della legge francese di separazione del 9 dicembre 1905 - 4. Il banco di prova dei monumenti ai caduti edificati dopo la legge del 1905 - 5. Le oscillazioni interpretative della giurisprudenza amministrativa in materia di esposizione dei presepi - 6. I dubbi sulla “riscrittura” dell’art. 28 operata dal Conseil d’État - 7. Le sorti della statua “fuorilegge” di papa Giovanni Paolo II - 8. La “prova di forza” della Slovacchia nella vicenda della moneta commemorativa dei Santi Cirillo e Metodio - 9. Conclusioni: trasfigurazione dei simboli o della laicità?

To each his own cross”. Disparate remarks concerning the public display of Christian symbols in the European public sphere (with specific regard to Article 28 of the French Separation Law)

ABSTRACT: The present essay takes as a starting point some recent case law on the so-called “institutional” display of religious symbols (and in particular Christian symbols), in Italy and other European countries. The analysis focuses on both the French legal system and some recent rulings of the administrative jurisprudence, which seems to mark a shift from the more consolidated and traditional reading keys of the “secularism”.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e proposte di riforma della legislazione ecclesiastica in Italia - di Paolo Cavana

SOMMARIO: 1. Attualità del diritto di libertà religiosa - 2. La libertà religiosa e la sfida del pluralismo confessionale - 3. L’affermazione del diritto di libertà religiosa in Europa -  4. Evoluzione espansiva del diritto di libertà religiosa. Tradizione anglosassone e approccio europeo ai diritti - 5. Dimensione negativa o di garanzia e dimensione positiva o promozionale del diritto di libertà religiosa - 6. Dimensione positiva dei diritti e obblighi di solidarietà: la logica del sistema pattizio - 7. Il sistema italiano di tutela del diritto di libertà religiosa - 8. Legislazione ecclesiastica e proposte di riforma - 9. Il progetto di legge generale sulla libertà religiosa - 10.  Evoluzione del quadro normativo e progetti di riforma - 11. Organizzazioni agnostiche e strutture confessionali: un’assimilazione controversa - 12. Il sistema pattizio come garanzia di pluralismo confessionale e di piena integrazione.

Religious freedom and proposals of reform of the Italian law concerning religious denominations

ABSTRACT: This paper, after briefly recalling the importance of religious freedom in Western civilization and its progressive identification as a fundamental right all over the world, examines the legal framework of religious freedom in the Italian law system. In doing so, it underlines the distinction between the negative and positive aspects of the right, calling for a different attitude on behalf of the State according to the different common law and civil law systems. In the end, taking into account the principles of the Constitution and the Italian Constitutional Court’s case law, it critically addresses the current debate on the proposal of a State statute concerning the exercise of the right of religious freedom for individuals and, above all, for denominational groups without an agreement with the State.

Scarica il testo completo in PDF

La “Carta dei valori” della Repubblica italiana - di Pasquale Lillo

SOMMARIO: 1. La “Carta dei valori”: origine - 2. Caratteristiche e struttura - 3. Natura giuridica - 4. Dimensione costituzionale della “Carta dei valori”?

Scarica il testo completo in PDF

The Meaning of ‘Religion’ in Multicultural Societies Law - di Pierluigi Consorti Giancarlo Anello Mohamed A. Arafa Federica Botti Rossella Bottoni Cristina Dalla Villa Maria d'Arienzo Luigi Mariano Guzzo Maria Luisa Lo Giacco Adelaide Madera Enrica Martinelli Cristiana Maria Pettinato Germana Carobene Maria Cristina Ivaldi Chiara Lapi AA. VV. (Consorti e altri)

SUMMARY: 1. Introduction. 2. Religion in Law. 3. Is there a difference between religion and other kinds of faith? 4. Preliminary pieces of advice on this research.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e cittadinanza integrativa. Alcune note sul ‘vivere assieme’ in una società plurale - di Antonio Angelucci

SOMMARIO: 1. Cittadinanza e identità religiosa - 2. Cittadinanza e pluralismo religioso - 3. “Cittadinanza integrativa” e libertà religiosa - 4. La Risoluzione 2076 (2015) e la Raccomandazione 2080 (2015).

Religious Freedom and Integrative Citizenship. Some Notes on 'Living Together' in a Plural Society

ABSTRACT: Circumcision concerns the religious identity of Jews and Muslims. In addition to these circumcisions which can be defined as "confessional-religious" there are also those related to local customs. These types deserve renewed attention after Resolution 1952 (2013) and Recommendation 2023 (2013) of the Parliamentary Assembly of the Council of Europe, both concerning "the right of children to physical integrity", and subsequent resolutions 2076 (2015) and Recommendation 2080 (2015) devoted to "(R) Religion and Living together in a Democratic Society". Citizenship is, in fact, the much broader horizon to be found behind circumcision. While the first two documents tend to consider non-therapeutic circumcision as a possible assault to the physical integrity of children without, therefore, focusing on the profiles inherent the right to religious freedom and the possible inclusive value of its "recognition" for the purposes of universal citizenship, the latter two, focusing on the freedom of 'living together' according to the practices of each religion, seem to be more aware of the need to move towards the realization of a European, inclusive and plural citizenship. However, the category of 'living together', evanescent and ambiguous for its correlation with the principle of majority (as is evident from the most recent case law of the ECHR), requires a new approach that gives it greater objectivity. Concepts such as those of pluralism and plural citizenship, in which civic belonging and religious affiliation can live together, help to go in that direction, renewing, in the end, the membership of a Europe of peoples and not just of economies.

Scarica il testo completo in PDF

Misure di prevenzione e de-radicalizzazione religiosa alla prova della laicità (a margine di taluni provvedimenti del Tribunale di Bari) - di Vera Valente

SOMMARIO: 1. Terrorismo e fenomeno religioso - 2. Politiche della sicurezza e diritti fondamentali - 3. La legislazione italiana contro il terrorismo nell’interpretazione giurisprudenziale - 4. Misure di prevenzione. Ampliamento delle categorie di pericolosità qualificata e prescrizioni atipiche - 5. Misure di prevenzione e libertà religiosa - 6. Best practice. Il provvedimento del Tribunale di Bari, Misure di Prevenzione, n. 71 del 2017 - 7. Il percorso di de-radicalizzazione.

Religious prevention and de-radicalization measures to the test of secularity (at the margin of some of the Court’s measures of Bari).

The article examines how the terrorist emergence of Islamic matrix has reproached the issue of reconciliation between the need for security and the protection of the rights of liberty, in particular religious freedom. It highlights the need to accompany, to purely punitive nature rules, the spread of a novel paradigm, covering preventive interventions, educational and formative, in order to promote intercultural and inter-religious integration. The decree of the court, which, in accordance with the principle of secularism, has prescribed, in view of the social recovery of the subject proposed for the application of the prevention measure, a process of de-radicalization, through the involvement of an intercultural mediator, on the basis of Guide-lines developed by the University of Bari.

Scarica il testo completo in PDF

Dalla laicità dello Stato alla laicità per lo Stato. Il paradigma laico tra principio e valore - di Stefano Montesano

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Valori e principi: une necessaria distinzione - 3. La “supremazia” del metodo laico. Il problema del valore - 4. La laicità come mezzo e come fine: alcune considerazioni - 5. Dalla laicità dello Stato alla laicità per lo Stato - Segue: il caso dell’obiezione di coscienza nell’IVG. Le assolutezze dei fini alla prova dell’indipendenza etica - 6. Il valore della laicità come principio per la libertà.

From the secular State to secularism for the State. The lay paradigm between principle and value.

ABSTRACT: In the essay, the concept of secularity is examined both as a legal paradigm and as a value. The identified legal and philosophical perspectives represent potential reading keys that can guide the interpretative and implementing paradigm of laicity in a more coherent way with its historical-value reason.

Scarica il testo completo in PDF

Diritto, religione, cultura: verso una laicità inclusiva - di Mario Ferrante

SOMMARIO: 1. Comunicazione interculturale e relazioni interetniche nella società globale - 2. Il precedente storico della Sicilia normanna di Ruggero II - 3. Identità religiosa e convivenza multiculturale - 4. L'esigenza socio-culturale di una legge generale sulla libertà religiosa - 5. Laicità e principio di uguaglianza.

Scarica il testo completo in PDF

Challenges of Pluralistic Societies with Dissimilar Cultural Identities and Religious Legal Traditions: ADR and the Role of Religious Mediation and Arbitration - di Gloria M. Morán García

Summary: 1. The Challenges of Pluralistic Societies with Dissimilar Cultural Identities and Religious Traditions: from a Melting Pot to a Cultural Mosaic - 2. European Catholic Tradition of Dual Legislation and Jurisdiction: 2.1. The Development of the Religious Jurisdiction: from the Episcopalis Audientia under the Christian Roman Empire to the Homologation of Religious Decisions by a Civil Judge – 2.2. The Development of Secular and Religious Jurisdictions: from the Leges Barbarorum et Romanorum under the Principle of Personality to the Medieval Dual Jurisdiction in Europe – 2.3. Religious Minorities under Christian Rulers – 3. Muslim Legal Tradition of Plural Jurisdictions: 3.1. Muslim Empires and the Dhimma System – 3.2. Islamic Communities in Transition: from the Pre-colonial Era to the Colonial Rule – 3.3. The Exceptionality of Palestine and Israel- 4. Toward a Global World: Legal Pluralism and the Development of ADR. The Role of Religious Mediation and Arbitration: 4.1. The American Experience in Religious Arbitration: the Jewish Beth Din Courts and the Challenge of Islamic Arbitration – 4.2. Confronting the Fear of Islamic Arbitration Tribunals in the UK, Canada, and Australia - 5. Conclusions.

Abstract: Most of juridical systems are historically developed from the interaction of two main legal principles: the principle of personality and the principle of territoriality. Roman Law is one of the best examples of it; its legacy channeled the growth and coexistence of religious and secular jurisdictions in the Germanic kingdoms of Western Europe. Under the principle of personality of laws, bonding individuals to their cultural or religious communities, legal pluralism was the common grounds from the Antiquity to the pre-Modern era. However, as a result of the religious wars in the Holy Roman Empire between Catholics and Protestants in the 16th and the 17th centuries, the Westphalian state model reinforced a territorial religious jurisdiction under the principle cuius regio eius religio, allowing the ruler to impose his religion on his subjects. The Muslim legal tradition developed, as well, plural juridical systems from the Dhimma System. One of them was the Ottoman Millet system that was adapted from the colonial era to the most of Middle East nation-states as a bonding personal religious law applied to non-Muslim communities. The secular paradigm of the Rule of Law, centralizing and reinforcing state and federal legislative powers, is implemented in Europe and her former colonies in the 19th century under the nation-state constitutional model, expanding worldwide the principles of territoriality and citizenship. As a result, religious legal systems are progressively confined to the private sphere. However, the secular paradigm is confronted gradually by a new development of legal pluralism, mainly as an effect of an extensive increment of global migrations; Halakha or Jewish Law, Canon Law or Catholic Law, Sharia or Islamic Law, are gaining strength as formal or informal religious ADR under the principle of Religious Freedom. Religious legal systems are becoming an innovative tool of mediation, conciliation, and arbitration accepted by some secular jurisdictions around the world, although there is a polarized debate about it. In today´s global world, which are the lessons to be learned from legal traditions and contemporary models of legal pluralism? Can religious legal systems become a tool of mediation for restorative justice preventing and exiting from violence? This article addresses this juridical and social challenge from an interdisciplinary comparative analysis.

Scarica il testo completo in PDF

L’odio proibito: la repressione giuridica dello hate speech - di Gianmarco Gometz

SOMMARIO: 1. Discorsi odiosi - 2. La repressione giuridica delle idee odiose: vecchie difese, nuovi difesi - 3. Le ragioni del contrasto giuridico ai discorsi d’odio - 4. Due direttrici nella giustificazione della repressione giuridica del discorso d’odio.

Forbidden hate: the legal repression of hate speech

ABSTRACT: The aim of this article is two-folded. First, it offers a general overview of the legal repression of various categories of expressive behaviours ascribed to the notion of hate speech. Especially in Europe, such repression often passes through criminalization, long since used by law to suppress thoughts or points of view for some reason considered harmful. The social groups nowadays protected by such repressive measures, however, are different from the past: weak and/or minoritarian groups rather than strong and/or majoritarian ones. The second aim of this work is to identify the reasons for the legal repression of expressions, beliefs or doctrines certainly in many cases morally deplorable, yet protected by other high-ranking legal reasons: the principles of freedom of thought and speech. It will be noted that especially for untargeted hate speech not connected to a clear and present danger of unlawful actions, there is no general agreement about those reasons. Furthermore, they tend to be structured in justifications showing some typical flaws of, respectively, deontological and teleological reasoning: the former tend to be superficial as apodictic, generic and vacuous; the latter tend to evade the argumentative burdens of factual order from which their validity depends.

Scarica il testo completo in PDF

Il governo locale del pluralismo religioso - di Letizia Mancini

Sono molto grata all’amico Giuseppe Casuscelli per avermi invitato a partecipare a questo incontro. Stato, Chiese e pluralismo confessionale è una rivista che seguo con grandissimo interesse fin dalla sua fondazione. È uno strumento prezioso, del quale ho sempre apprezzato in particolare la vocazione trasversale e interdisciplinare. Questa qualità non deriva solo dal fatto che il pluralismo è questione che si presta appunto ad analisi trasversali e interdisciplinari, ma è frutto di una precisa scelta editoriale, quella cioè di accogliere punti di vista differenti, approfondimenti e riflessioni di studiosi di discipline e di generazioni diverse. Come sociologa del diritto mi sono occupata di pluralismo culturale e religioso soprattutto in riferimento ai movimenti migratori che di tale pluralismo costituiscono il principale fattore nella società italiana. A partire dal titolo di questo incontro, mi sono allora chiesta se in questi dieci anni abbiamo assistito a un progressivo riconoscimento del pluralismo religioso e, di conseguenza, del godimento di diritti legati alla libertà religiosa e al suo esercizio.

Scarica il testo completo in PDF

Forme di pluralismo nel settore matrimoniale: le nuove sfide delle “overlapping jurisdictions” - di Adelaide Madera

SOMMARIO: 1. Le sfide del nuovo multiculturalismo in materia matrimoniale - 2. La riforma del processo matrimoniale canonico e le sue potenziali ricadute sul giudizio di delibazione - 3. Il processus brevior - 4. La crisi della bilateralità - 5. Il “mite” pluralismo statunitense e le nuove “anti-sharia laws” - 6. L’esperienza del pluralismo “forte” israeliano e i suoi effetti sulle minoranze - 7. Modelli di pluralismo a confronto.

Pluralism in Marriage: the New Challenges of the “Overlapping Jurisdictions”

ABSTRACT: The challenges of the “new multiculturalism” in the field of marriage law regard not only which forms of marriage should be recognized by the State but also the forums in which marriage cases can be adjudicated and the role of faith-based laws and religious courts in democratic and secular legal systems. Religious groups increasingly ask for accommodation of their cultural identities; however, a growing skepticism concerning forms of religious jurisdiction is developing in regimes devoted to individual liberties, which employ public policy as grounds to vacate religious rulings. The present paper highlights the need for Western States to update and exploit the full potential of their legal instruments in order to prevent restrictions on collective and individual religious freedom in matters of marriage.

Scarica il testo completo in PDF

Laïcité en marche. L’Hexagone à l’épreuve - di Sara Domianello

La lecture de l’ouvrage de Philippe Portier, L’État et les religions en France. Une sociologie historique de la laïcité, est particulièrement stimulante pour ceux qui s’intéressent à la recherche des facteurs favorisant l’évolution des formes et des techniques juridiques élaborées par un Etat face au phénomène religieux.

De ce point de vue spécifique, j’apprécie l’effort accompli par Portier pour exposer et argumenter la thèse selon laquelle, à l’intérieur des lignes brisées qui délimitent le polygone correspondant à l’espace géopolitique occupé par la France continentale - et qui ont conduit à calquer la figure géométrique définie dans son emploi originel de “laïcité hexagonale” comme synonyme de laïcité à la française -, se serait en fait inscrit peu à peu, à partir d’un certain moment historique et pour l’avenir, un modèle vivant de laïcité tout autre que dur et rigide, qui aurait progressivement amené la France à s’adoucir par rapport aux religions et mériterait donc d’être représenté par un dessin plus conforme à la réalité actuelle. (continue)

Scarica il testo completo in PDF

Intese: il caso dei Testimoni di Geova - di Corinne Maioni

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Le due mancate intese e la discussione parlamentare – 3. L’art. 8 cpv. Cost. e il limite del non contrasto con l’ordinamento giuridico – 4. Alcune riflessioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Il futuro (ancora incerto) della libertà religiosa in Italia: alla ricerca di un nuovo bilanciamento tra interessi collettivi (frazionati) e bisogni (flessibili) delle persone - di Gianfranco Macrì

SOMMARIO: 1. Il primato della persona umana: le radici del costituzionalismo - 2. Interessi collettivi, “lottizzazione” dello spazio pubblico e libertà individuali - 3. Alla ricerca del giusto bilanciamento tra interessi collettivi (di parte) e aspirazioni libertarie individuali - 4. Spazi di libertà, flessibilità e autonomia dei soggetti organizzati - 5. Rappresentanza degli interessi collettivi, anche di natura religiosa, e compiti dello Stato a garanzia dei diritti costituzionali - 6. Il diritto pattizio, la sua contraddittoria specialità e le nuove prospettive del diritto pubblico in materia religiosa - 7. Il futuro delle libertà religiose: i vantaggi di una legge generale e le proposte avanzate di recente.

Scarica il testo completo in PDF

Medicina di frontiera nel Mediterraneo multietnico, tra pluralismo etico, culturale e normativo - di Alberto Marchese

SOMMARIO: 1. Premessa: flussi migratori e problematiche sanitarie, una nuova sfida per la pacifica convivenza nel Mare nostrum - 2. Tutela della salute e normativa di riferimento: profili etico-giuridici - 3. Stranieri regolari e irregolari - 4. L’assistenza sanitaria per i “richiedenti asilo” - 5. Gli stranieri temporaneamente presenti (S.T.P.) - 6. Gli apolidi e i rifugiati per motivi politici - 7. Alcune notazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

La libertà di religione in Italia dieci anni dopo - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Indivisibilità delle libertà – 2. Imprescindibilità della giurisdizione – 3. Libertà negativa: a) legislazione – 4. (segue:) b) giurisdizione – 5. Libertà positiva – 6. Pluralismo – 7. Diritto ecclesiastico futuro.

Scarica il testo completo in PDF

La formazione dei ministri di culto di recente insediamento in Italia - di Federica Botti

SOMMARIO: 1. Nuovi compiti del Diritto ecclesiastico - 2. L’attività dei ministri di culto stranieri in Italia - 3. Un nuovo orientamento nelle politiche governative - 4. Un Corso di formazione e di educazione al rispetto dei valori costituzionali – 5. Caratteristiche e limiti dell’attività di formazione.

ABSTRACT: The article addresses the issue of the formation of religious ministers and members of religious communities as stakeholders and at the same time opinion leaders of migrant communities, placing this activity among the new tasks of Ecclesiastical Law. Considering the rules governing the activity of the foreign religious ministers in Italy, the government policies adopted to promote the inclusion of migrants are re-established, highlighting the new strategies adopted by the Italian Ministry of Interior to educate to an active citizenship the population of the new settlements on national territory. The article explains in detail the didactic methodologies adopted, motivates the use of interdisciplinary and a dialogic didactic to deal with the value themes subject to a training course aimed at education and respect for constitutional values. The article ends with a critical reflection on the characteristics and limits of this training activity.

Scarica il testo completo in PDF

Una disciplina-quadro delle libertà di religione: perché, oggi più di prima, urge “provare e riprovare” a mettere al sicuro la pace religiosa - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. “Provare e riprovare” - 2. Le ragioni dell’odierna urgenza. I quattro macro fenomeni: sicurezza, crisi economica, migrazioni e populismi - 3. Di alcuni effetti dei macro fenomeni - 4. Avanzando verso la disuguaglianza graduata. Selezione degli interlocutori, margine d’apprezzamento, e limiti della “democrazia costituzionale” - 5. Le scelte di Astrid, e alcuni punti fermi - 6. Una considerazione ancora.

A Framework of Freedom of Religion: for today, it urges "to try and try again" to secure religious peace
ABSTRACT: This article analyzes the theme of the continuing lack of a law on religious freedom in Italy, despite the fact that seventy years have passed since the Republican Constitution was approved. According to the Author, the combination of four macro-phenomena (security, economic crisis, immigration, populism) nowadays urges the Italian Parliament to start debating how to implement the rights guaranteed under art. 19 Cost. - irrespective of the nationality of the person - and to regulate the procedures for reaching the agreements provided for in the third paragraph of art. 8 Cost. using the well-articulated bill proposed by the Astrid study group. The Author, finally, identifies a number of firm points necessary in his view to ensure respect for religious pluralism, secularism of the state and “religious peace”.

Scarica il testo completo in PDF

Le nuove leggi regionali ‘antimoschee’ - di Natascia Marchei

SOMMARIO: 1. L’edilizia di culto nella giurisprudenza costituzionale: i principi ispiratori della materia in assenza di una ‘legge quadro’ del legislatore statale - 2. Le leggi regionali ‘antimoschee’ davanti alla Corte costituzionale: l’applicazione dei principi - 3. Il cambio di destinazione d’uso e la definizione di ‘luogo di culto’ - 4. Brevi cenni sulla vicenda della ‘moschea’ a Milano.

Scarica il testo completo in PDF

La libertad de enseñanza de las confesiones religiosas entre libertad de expresión y discurso del odio - di Adoración Castro Jover

SUMARIO: 1. Introducción - 2. Libertad de enseñanza de las confesiones religiosas, autonomía y límites - 3. Aproximación general a los delitos de odio. Particular referencia al artículo 510 del Código penal español - 4. Libertad de enseñanza de las confesiones religiosas y delitos de odio. Algunos ejemplos -5. Libertad de expresión y discurso del odio en el Consejo de Europa - 6. Libertad de expresión y discurso del odio. Una perspectiva constitucional -7. Conclusiones.

Scarica il testo completo in PDF

Quale tutela delle libertà fondamentali per i simboli religiosi? Considerazioni sulla decisione del Consiglio di Stato francese sul caso burkini - di Lavinia Anello

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Luoghi pubblici e simboli religiosi - 3. Rispetto del dialogo e delle diversità interculturali - 4. L’evoluzione della laicità in Europa - 5. Osservazioni conclusive.

Which protection for the fundamental freedom of religious symbols?

Abstract: Starting from the analysis of the French Council of State’s decision on the case “burkini” (August 26th 2016), this paper examines the issues on the interaction between the acceptance of the religious minority’s symbols by the majority and the acceptance of the dialogue and cultural diversity. Taken into account is the process of secularism-neutrality of public space and the interference of the civil judiciary in the religious sphere declined in different models of secularism of the French, Italian and European jurisdictions.

Scarica il testo completo in PDF

La libertà dell’educazione religiosa davanti ai giudici canadesi (prendendo spunto dalla sentenza Loyola High School vs. Québec) - di Cristiana Maria Pettinato

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. L’educazione religiosamente orientata nelle scuole del Canada: brevi cenni storici - 3. Il percorso giurisprudenziale del caso Loyola High School: i primi due gradi di giudizio, l’analisi della Corte Suprema e le conclusioni della maggioranza dei suoi componenti sulla violazione dell’art. 2(a) della Charter of Rights and Freedoms del Québec del 1982 - 4. Le osservazioni dei giudici di minoranza sulla dimensione collettiva della libertà religiosa - 5. La verifica sulla sincerity of belief: tra foro esterno e foro interno - 6. Qualche chiarimento sul diritto fondamentale di libertà religiosa in Canada - 7. Alcune considerazioni a margine della sentenza: l’accomodamento ragionevole come strumento di applicazione caso per caso del “diritto alla differenza” - 8. Note conclusive.

ABSTRACT: The judgment Loyola v. Canada sees protagonist a confessional school who refuses to submit to the neutral government educational program, advancing pretension of guardianship of her own religious liberty as group and her liberty to teach from a religious and not neutral perspective. The examined case also allows to develop some reflections about the peculiarities of the Canadian constitutional system, and the relationship between the public institutions and the religious phenomenon, in a contest of strong pluralism.

Scarica il testo completo in PDF

Perché è necessaria una legge sulla libertà religiosa? Profili e prospettive di un progetto di legge in Italia - di Silvio Ferrari

In apertura del mio intervento enuncerò subito i tre temi che ne costituiscono la sostanza. Al termine di queste rapide e necessariamente imprecise enunciazioni ritornerò su ciascuno di essi per definirne meglio il senso e i contenuti. Vorrei innanzitutto collocare il progetto di legge di cui stiamo discutendo nel suo contesto europeo. Dei 27 paesi che sono membri dell’Unione europea, 16 hanno leggi che - pur variamente denominate - sono comparabili per struttura, temi e funzioni a quella che è oggetto del nostro esame. Tra questi 16 Stati, 9 regolano i rapporti con le comunità religiose sulla base di un concordato con la Chiesa cattolica e di intese con le altre confessioni religiose, il cosiddetto modello italiano di rapporti tra Stati e religioni. Vi è un solo Stato che ha adottato il modello italiano ed è privo di una legge sulla libertà di religione e questo Stato è l’Italia. A giudicare dal panorama europeo, una legge sulla libertà religiosa sembra quindi essere un complemento strutturalmente necessario di ogni sistema fondato sulla stipulazione di concordati e intese. Dovremmo chiederci perché.

Scarica il testo completo in PDF

La proposta di legge in materia di libertà religiosa nei lavori del gruppo di studio Astrid. Le scelte operate in materia matrimoniale e per la stipulazione delle intese - di Sara Domianello

Tenterò di rispondere a due interrogativi: Perché un intervento legislativo in materia di matrimonio e di intese? E quale intervento potrebbe offrire garanzie costituzionalmente adeguate alle istanze di tutela registrate oggi in tali particolari materie? La risposta alla prima domanda coincide, in parte, con le ragioni per le quali ho accettato l’invito a partecipare al gruppo di lavoro che la Fondazione Astrid ha costituito, sotto il coordinamento del prof. Zaccaria, in vista della promozione di un completo, ossia più esaustivo adeguamento a Costituzione della disciplina nazionale in materia di libertà di coscienza e religione. A giudizio largamente condiviso, infatti, la normativa vigente registra criticità costituzionalmente rilevanti almeno su due fronti. Uno è quello dell’applicazione, pur residuale, della legge sui culti ammessi, vecchia, prima e oltre che anagraficamente, nei suoi contenuti normativi e nel suo DNA, incompatibili con la forma costituzionale dell’Italia repubblicana. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

La proposta di legge in materia di libertà religiosa nei lavori del gruppo di studio Astrid. Le scelte di fondo - di Alessandro Ferrari

La proposta di legge che oggi viene presentata non vuole soltanto colmare un ritardo da troppo tempo accumulato e concretizzare, finalmente, uno dei diritti maggiormente esplicitati dalla Costituzione repubblicana. Questa proposta risponde anche - e forse soprattutto - alla necessità di non dimenticare la fondamentale politicità del diritto di libertà religiosa in un tempo di pluralismo. Essa ambisce a riaffermare la capacità della politica di “vedere” il fenomeno religioso e di riconoscere la centralità del diritto di libertà di coscienza e di religione per la costruzione di una cittadinanza inclusiva e attiva. Dettando “Norme in materia di libertà di coscienza e di religione” la proposta oggi in discussione si pone come attuazione degli articoli 2-3, 19-20 e 7-8 della Costituzione, rappresentando, di conseguenza, lo svolgimento di un principio supremo di laicità costituzionale condiviso e armonico sia rispetto alla normativa già contrattata dallo Stato con le confessioni religiose sia rispetto alla normativa pattizia concordata con gli altri Stati nei vari spazi giuridici sovranazionali. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

La proposta di legge in materia di libertà religiosa nei lavori del gruppo di studio Astrid. Le scelte operate nel campo della libertà collettiva - di Pierangela Floris

Nelle parti dedicate alla dimensione collettiva della libertà religiosa, la Proposta dà spazio a tre figure: due oggetto di espliciti riferimenti costituzionali, l’associazione con fine di religione o di culto e la confessione religiosa; una terza nuova, l’associazione filosofica e non confessionale, di chiara derivazione europea già nella denominazione. Inizio dalle associazioni con finalità di religione o di culto, che nella Proposta hanno un risalto senz’altro significativo. Esso però non è teso a oscurare o attenuare il rilievo di altre figure, in particolare della confessione religiosa, alla quale la Costituzione riserva un’attenzione tutta speciale e che nel progetto ha prerogative esclusive. Quel risalto ha altre ragioni, già esplicitate anche da chi ha parlato prima di me. Il progetto prova ad affrontare i problemi emersi in tempi recenti con lo sviluppo dell’associazionismo religioso, che ha interessato, in particolare, le comunità di nuova formazione o insediamento e che ha trovato un po’ tutti impreparati. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

La proposta di legge in materia di libertà religiosa nei lavori del gruppo di studio Astrid. Le scelte operate nel campo della libertà individuale - di Roberto Mazzola

Dei 10 articoli che compongono il Capo II della Proposta di legge in esame, gli artt. 3, 4 e 5 costituiscono l’asse portante della disciplina del diritto di libertà religiosa individuale. Le norme ricomprese fra gli artt. 6 e 13 ruotano, infatti, intorno a questo blocco normativo che racchiude e custodisce la ratio dell’intero Capo, attenta, lo ha appena ricordato nella sua relazione Alessandro Ferrari, a porre al centro delle dinamiche del religioso la ‘coscienza’ individuale intesa quale luogo deputato allo sviluppo della personalità individuale, tanto in una dimensione teista quanto ateista, benché quest’ultima presenti “peculiarità e identità non confondibili con quelle religiose”. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Autonomia scolastica e diritti fondamentali - di Anna Romeo

SOMMARIO: 1. L’autonomia scolastica e il modello italiano - 2. Gli ostacoli alla realizzazione di tale modello e le premesse per un suo rilancio - 3. L’autonomia scolastica in una nuova prospettiva delle autonomie locali.

ABSTRACT: The paper examines school autonomy with specific reference to the organizational profile that is considered in the light of the recent reform introduced with L. 13 July 2015 n.107. In particular, premised a brief explanation of the school system as outlined in the Italian law, it is examined the model currently in force and its compatibility with the guidelines resulting from the Constitutional Charter, i.e. with artt.33 and 34 Cost., as rules protecting the right to education, to qualify as a fundamental right, as well as with artt. 2, 117 and 118 of the Constitution. Considering this legal basis, the paper proposes a redefinition of the division of powers between the State and Regions in the field of school autonomy, in the aim to draw a new organizational model that looks at a development of local autonomy which venues where you can better identify the needs of the communities.

Scarica il testo completo in PDF

Sport, religione e pluralismo culturale: le molteplici forme di lotta alla discriminazione etnico-confessionale - di Antonello De Oto

SOMMARIO: 1. Identità e alterità nello sport. Religioni, etiche e culture a confronto - 2. L’avvento della pluralità nel diritto sportivo e la (quasi) finita stagione della neutralità - 3. La discriminazione etnico-confessionale nella pratica sportiva. Gli strumenti normativi e istituzionali europei di contrasto alla condotta discriminatoria - 4. Quando il mondo dello sport arriva prima: la nascita del c.d. ius soli sportivo (legge 20 gennaio 2016 n. 12).

Sport, religion and cultural pluralism: the multiple forms of contrast to the ethnic-confessional discrimination

ABSTRACT: The article deals with the theme of recognizing and regulating identity and diversity in sport with a focus on religious element and the recent and gradual change of attitude of sports federations with respect to it, moving slowly from the time of secularity-neutrality in sport to the recognition of the athlete's religious identity. The second part of the paper examines the theme of ethnic-confessional discrimination in sporting practice and analyzes the European normative and institutional instruments for contrasting discriminatory behavior and the prospects for this action coordination, also taking into account the birth of the “c.d. Ius soli sportivo” (Law 20 January 2016 No. 12) in Italy, a great innovation for a Country as ours still argues, at the level of citizenship, in a logic of “ius sanguinis”

Scarica il testo completo in PDF

Natività e laicità: i presepi in Francia tra religione e secolarizzazione - di Daniele Ferrari

SOMMARIO: 1. La legge del 1905 e la sua applicazione: osservazioni introduttive - 2. Edifici pubblici e presepi: l’argomento religioso - 3. Edifici pubblici e presepi: l’argomento culturale-secolarizzato - 4. Simboli religiosi e laicità: l’imporsi di un proselitismo civile?

ABSTRACT: In France, the principle of separation between State and religious denominations, established in reference to public buildings by Article 28 of Law 1905, does not prohibit the presence of a Christmas crib within a municipal building. The Nativity scene is authorized provided that, in general, this facility does not express any form of religious proselytism or recognition of a cult, but a cultural, artistic or festive event forming part of the celebrations planned for Christmas; if the building in question is the headquarters of a territorial organization or a public service, representation, in order to be authorized, must meet particular requirements, for example, in local historical traditions.

Scarica il testo completo in PDF

Pluralismo, laicità e crisi della rappresentanza politica - di Claudio Luzzati

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Post-confessionismo e laicità - 3. Religioni, morale e istituzioni - 4. La situazione odierna. La sentenza della Corte costituzionale n. 52 del 2016 - 5. Pluralismo buono (o, forse, anche cattivo) e frammentazione sociale. È la fine della politica?

Pluralism, Secular Society and the Crisis of Political Representation

ABSTRACT: How can the value pluralism deal with the problems rising from a split society where many comprehensive doctrines, belongings and religious identities can no more find something in common? This paper tries to focus such a question taking a closer look at Italy.

Scarica il testo completo in PDF

Le droit européen de liberté religieuse au temps de l’islam - di Alessandro Ferrari

SOMMARIO: 1. Introduction - 2. Une nouvelle modernité: le chameau musulman et le trou Westphalien - 3. Tensions contemporaines: ce que la "question musulmane" révèle - 4. Vers un ordre westphalien-méditerranéen - 5. Le rouleau compresseur de la contemporanéité: vers un nouveau paradigme.

Scarica il testo completo in PDF

Nuove forme di obiezione di coscienza fra oneri a carico della libertà religiosa e third-party burdens. Un’analisi comparativa della giurisprudenza della Corte Suprema U.S.A. e della Corte di Strasburgo - di Adelaide Madera

SOMMARIO: 1. Nuove rivendicazioni di differenze negli U.S.A. e in Europa: un tentativo di comparazione - 2. I conflitti generati dal Contraception Mandate negli U.S.A. – 3. Il caso Zubik v. Burwell – 4. La difficile definizione del concetto di substantial burden – 5. La soluzione di compromesso adottata dalla Corte Suprema - 6. Accomodazionismo religioso e nuove “battaglie culturali” - 7. Prerogative dei soggetti confessionalmente connotati e “costi sociali” del loro riconoscimento - 8. Il fenomeno delle nuove conscience claims - 9. La valutazione dei third-party burdens - 10. Il diritto all’obiezione di coscienza dinanzi alla Corte di Strasburgo - 11. La decisione Eweida and others v. United Kingdom e l’ampliamento della portata dell’art. 9 CEDU - 12. Il rilievo attribuito al principio di non discriminazione - 13. La valorizzazione del margine di apprezzamento - 14. Annotazioni riepilogative.

New forms of Conscientious Objection between Burdens on Religious Freedom and Third-Party Burdens. A Comparative Analysis of the Supreme Court USA and of the Court of Strasbourg Case Law

Abstract: This paper analyzes the emerging tension between new complicity-based conscience claims of accommodation and the costs associated with them, in the ambit of the current national constitutional and international law frameworks. In a comparative perspective, recent decisions of the U.S. Supreme Court and of the European Court of Human Rights will be examined. The U.S. Supreme Court is moving towards a greater recognition of religious freedom in its collective dimension in the ambit of a common law framework; the European Court of Human Rights is entrusted with the delicate balance between unity and diversity, without unduly interfering with the national identities and legal regimes recognized to the Churches.

Scarica il testo completo in PDF

Convivenza delle diversità, pluralismo religioso e universalità dei diritti. Modelli di approccio. Indicazioni metodologiche - di Vincenzo Turchi

SOMMARIO: 1. Esperienze storiche e modelli di approccio alle diversità culturali - 2. Elementi caratterizzanti l’esperienza italiana - 3. Convivenza delle diversità: indicazioni per una metodologia. In particolare, l’eredità della lezione maritainiana - 4. L’ambito scolastico come luogo specificamente vocato all’educazione alla convivenza interreligiosa.

Abstract. The paper highlights the limits of the most well-known models of approach to cultural diversities, the assimilationist one and the communitarian one, which are typical, respectively, of France and England and of their colonial history. Italy has not remarkable colonial traditions and so it can be more free from the weight of the past in developing strategies able to face up to the problems of the multi-ethnic and multi-religious societies. Starting from the basic principles of pluralism and secularism (principio supremo di laicità, according to the words of Italian Constitutional Court), are examined the “Carta dei valori della cittadinanza e dell’integrazione” (15th June 2007) and the recent “Patto nazionale per un Islam italiano” (1st of February 2017). From a more general point of view, the paper describes and supports the thesis of Jacques Maritain about the foundation of human rights, the basis of a peaceful coexistence in a pluralistic society. Finally, it deals with the issue of teaching about religion and history of religions in Italian public schools. These kinds of courses should help students to get to know the religions present in our country - both the historical ones and the “new” ones, coming from the recent processes of immigration - in order to promote and increase the mutual respect and the inter-cultural dialogue.

Scarica il testo completo in PDF

Il cammino delle libertà e del pluralismo, dieci anni dopo - di Natascia Marchei

Il titolo di questo incontro mi riporta, per un verso, e in prima battuta, al momento in cui, dieci anni fa, il Professore Giuseppe Casuscelli comunicò a tutti i suoi allievi l’idea (che forse nutriva già da qualche tempo) di realizzare una rivista telematica sui temi della libertà religiosa e del pluralismo confessionale. A quel tempo, benché non così lontano in termini cronologici, le riviste telematiche - nell’ambiente accademico e forse non solo in questo - erano ancora considerate una ‘bizzarria’ e, certamente, ritenute dai più una soluzione editoriale di rilievo scientifico quantomeno non primario.
La carta era ancora la carta, insomma, e le cose serie, scientificamente serie intendo, non si scrivevano sul web ma sulla carta, anche se i tempi di pubblicazione erano sempre più lunghi, i costi dell’editoria molto elevati e la divulgazione degli scritti difficile in quanto limitata a un piccolo circolo di persone. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Il velo delle donne musulmane tra libertà di religione e libertà d’impresa. Prime osservazioni alla sentenza della Corte di giustizia sul divieto di indossare il velo sul luogo di lavoro - di Nicola Colaianni

Si può essere uguali e diversi? Il porto del velo da parte delle donne musulmane è da anni, nel comune sentire, l’emblema di tale questione, decisiva per le democrazie occidentali sempre più tentate d’interpretare l’uguaglianza come indifferenziazione, che spoglia le persone delle loro qualità peculiari per ridurle a unità numeriche. Eppure, non c’è dubbio che la libertà di abbigliamento sia un tratto caratteristico, e anzi il più evidente, dell’identità personale, che si configura quale “diritto ad essere se stesso (…) con le convinzioni ideologiche, religiose, morali e sociali che differenziano, e al tempo stesso qualificano, l’individuo“. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

La garanzia dell’«intesa» nell’art. 8 Cost., terzo comma - di Vincenzo Cocozza

SOMMARIO: 1. Alcuni significativi interventi dei Giudici sul procedimento previsto dall'art. 8, terzo comma, Cost. - 2. La sentenza della Corte costituzionale 10 marzo 2016, n. 52 - 3. Le motivazioni a sostegno di differenti conclusioni - 4. Intesa, libertà, eguaglianza fra confessioni.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e scuola pubblica. La piccola querelle delle benedizioni pasquali - di Paolo Cavana

SOMMARIO: 1. Un problema pratico di libertà religiosa: le benedizioni pasquali nella scuola pubblica - 2. Le benedizioni pasquali a scuola nella recente giurisprudenza - 3. La laicità inclusiva della scuola pubblica italiana - 4. La benedizione pasquale in orario extrascolastico e la funzione della scuola come centro di promozione culturale, sociale e civile - 5. Fattore religioso e scuola pubblica nella legislazione scolastica - 6. La garanzia della libertà religiosa nelle comunità segreganti.

Religious freedom in public schools. The little querelle over Easter Blessings

ABSTRACT : This paper examines the current issue concerning the Easter Blessings imparted by a catholic priest in public schools in Italy. According to an old tradition dating back to the past but still followed by many parents, in some schools, especially primary ones, this brief rite usually takes place before Eastern. The majority of parents must agree on having it and it must be scheduled out of lessons time. Moreover, participation is very free for pupils, parents and teachers. A recent case law has challenged this practice, claiming that it would infringe the principle of secularism proper to public schools. This paper deals with the issue in the light of constitutional principles and the Italian legal framework. It focuses on the importance to keep a balance between secularism and religious freedom in public schools, where nowadays an increasing number of children stay for the whole day when both parents are at work.

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” - Transizioni • Nel primo anniversario della “Dichiarazione sui diritti delle minoranze religiose nei Paesi a maggioranza musulmana” (g. c.)* - di Giuseppe Casuscelli

Tra pochi giorni sarà trascorso un anno da quel 27 gennaio 2016 in cui 250 eminenti studiosi islamici , riuniti a Marrakech e provenienti da oltre 120 nazioni, hanno sottoscritto una “ Dichiarazione sui diritti delle minoranze religiose nei Paesi a maggioranza musulmana” rivolgendo l’appello a sviluppare una giurisprudenza islamica sul concetto di cittadinanza inclusiva di tutti i gruppi religiosi. L’incontro si era tenuto su invito del Ministero della Promozione e degli Affari Islamici del Regno del Marocco e del Forum per la Promozione della Pace nelle società islamiche , con sede negli Emirati Arabi Uniti. All’evento avevano partecipato cinquanta leader di altre religioni e rappresentanti delle organizzazioni islamiche e internazionali. L’incontro proseguiva lungo il cammino tracciato ad Abu Dhabi nel 2014 con la nascita del Forum for peace , inteso a mostrare al mondo che l’Islam “is a religion of peace and justice”, cui aveva fatto seguito nel 2015 un secondo Forum inteso a ristabilire “ the priorities of Muslim societies by rehabilitating hearts and intellects to a more thorough understanding of the salience of peace in Islam, the shariah, and our tradition”.

Scarica il testo completo in PDF

Pluralismo giuridico e libertà confessionali - di Pasquale Lillo

Sommario : 1. Il fattore religioso nell’art. 2 della Costituzione italiana – 2. Pluralismo partecipativo e principio di bilateralità – 3. Le libertà costituzionali delle confessioni religiose – 4. Le restrizioni dell’art. 2 della Costituzione alle libertà confessionali.

Scarica il testo completo in PDF

Le attività di culto nella scuola pubblica, tra laicità, «libertas Ecclesiae» e libertà religiosa collettiva - di Fabiano Di Prima Marco Dell'Oglio

SOMMARIO: - 1. Premessa. Il "ritorno" della religione e la riaffermazione degli Stati nazionali nell'ultimo quarto di secolo; l'"accerchiamento" della laïcité - 2. Il mancato sviluppo di una metodica giurisprudenziale focalizzante la "specificità" della laicità italiana; l'emersione di un trend individuante solo i (relativi) profili comuni alla laïcité - 3. Un caso paradigmatico: la sentenza n. 166 del 2016 del T.A.R. Emilia Romagna sul tema dello svolgimento di attività cultuali nella scuola pubblica - 4. Il quadro normativo e giurisprudenziale del ventennio scorso: le ignorate direttrici speciali (implicitamente) favorevoli; l'interpretazione "stretta" (d'indole separatista) della normativa generale scolastica negli anni '90 e quella successiva "pragmaticamente ampia" (a fronte delle concorrenti novità socio-culturali e di sistema) - 5. Gli ultimi anni: il mancato intervento del Legislatore atto a orientare in senso costituzionale le scelte della P.A.; l'incrementale difficoltà di quest'ultima a prevenire/gestire le potenziali insorgenti "micro-conflittualità"; la conseguente adozione d'un registro prudenziale "minimalista" – 6. La non condivisibile soluzione accolta dal T.A.R. (sentenza n. 166 del 2016) di contrarietà netta allo svolgimento di atti di culto a scuola. L'incidenza del trend "intrinsecamente separatista"; il cono d'ombra sulle specificità della laicità italiana; la perdita di vista delle direttrici con esse congruenti e delle garanzie ivi offerte alla " Libertas Ecclesiae " e alla libertà religiosa collettiva - 7. Conclusioni: l'urgenza di un intervento legislativo statuale, e di un'iniziativa chiarificatrice a livello bilaterale, a presidio delle libertà fondamentali in discussione.

Scarica il testo completo in PDF

Religions and Ethno-Religious Differences in Bosnia and Herzegovina. From Laboratories of Hate to Peaceful Reconciliation - di Francesco Alicino

SUMMARY : 1. Introduction - 2. The Politicization of Religion and the Nationalization of Confessions - 3. The Place of Religion and Religious Confession - 4. The Constituent (Chosen) People and Religious Power-Sharing Mechanism - 5. The Education System and Religious Education - 6. The Legal Status of Churches and the State-Religions Relationship - 7. Conclusion.

Scarica il testo completo in PDF

L’istruzione religiosa in Turchia: gli Aleviti e la Corte Europea dei Diritti Umani - di Anna Parrilli

SOMMARIO : 1. Breve premessa sull’insegnamento della religione in Europa - 2. La Corte Europea dei Diritti Umani e l’istruzione religiosa - 3. Scuola e religione in Turchia - 4. Alevismo e istruzione religiosa: il caso “Hasan e Eylem Zengin c. Turchia” - 5. La reazione alle sentenze in Turchia e in Europa - 6. Conclusione.

Scarica il testo completo in PDF

La Corte Costituzionale e la legge regionale lombarda: cronaca di una morte annunciata o di un’opportunità mancata? - di Francesca Oliosi

SOMMARIO: 1. Ora come allora: “ Le leggi son, ma chi pon mano ad esse? ” - 2. L’oggetto del giudizio: la "legge antimoschea" - 3. Le doglianze del Governo e la difesa della Regione: l'eterno conflitto tra libertà e sicurezza - 3.1. “Confessione è chi la confessione fa ” . I destinatari della norma, tra illegittima discriminazione e necessaria distinzione - 3.2. Esiste il principio di leale collaborazione tra gli enti (in Lombardia)? - 3.3. Contro la discrezionalità: del popolo (referendum), della norma (“il paesaggio lombardo”) e dei comuni (facoltà e non obbligo di prevedere attrezzature religiose) - 4. La parola alla Corte - 4.1 I prolegomena della sentenza: le premesse che, purtroppo, ancora occorrono - 4.2 La ratio oltre la littera : sull’incostituzionalità dei requisiti aggiuntivi per il “coacervo degli indistinti”, la richiesta di pareri “riguardanti la pubblica sicurezza” e l'impianto di videosorveglianza - 4.3 Convenzioni, referendum e congruità architettonica lombarda: quella pericolosa (ma costituzionale) attenzione per il particolare ( rectius locale) sul generale - 5. Profili critici: tirannia del diritto di libertà religiosa o pericoloso bilanciamento? - 6. Errare è umano, perseverare è … politico.

Scarica il testo completo in PDF

Spunti filosofico-giuridici sull’amore. A proposito delle unioni civili - di Gianluca Tracuzzi

SOMMARIO: 1. Posizione del problema: alla ricerca di una comune matrice metodologica – 2. Una possibile giustificazione: il mito dell’androgino – 3. L’amore è (anche) un diritto? – 4. Conclusioni.


ABSTRACT: The debate concerning the rights and the duties of the same-sex couples is at the centre of the public discourse. It is, in fact, no longer confined to the life situations of the persons involved in homosexual relations. According with a classical perspective, which is in particular based on the Francesco Carnelutti’s thought, this essay tries to demonstrate that the link between the feeling of love and a juridical system – which seems now to be taken for granted
– could be dangerous. As matter of fact, the Author thinks that the distinctionbetween those two spheres (love and juridical systems) is necessary, if not a prerequisite, for the right affirmation of the principle of equality.
 

Scarica il testo completo in PDF

I sindaci francesi contro il “burkini”: la laicità a ferragosto? A prima lettura di alcuni recenti orientamenti giurisprudenziali - di Daniele Ferrari

SOMMARIO: 1. Introduzione – 2. I codici vestimentari sulla spiaggia: il caso del “burkini”: a) La condotta punita; b) La nozione di ordine pubblico; c) La “laicità di emergenza”; d) Il service public balnéaire – 3. Le ordinanze “anti-burkini” davanti al Tribunale amministrativo di Nizza: l’affermarsi di una “laicità di emergenza” – 4. Il Consiglio di Stato riforma l’ordinanza del Tribunale di Nizza – 5. Conclusioni: laicità liberale vs . laicità di emergenza.

ABSTRACT: The paper proposes a reflection on the relationship between religious freedom, laicity and terrorism. The reflection regards France, a country where, after the tragic attacks of Islamist matrix, some mayors have banned the use of burkinis on beaches. Starting from an examination of these measures and some rulings that have concerned them, the analysis focuses on the relationship between laicity, religious freedom and terrorism.

Scarica il testo completo in PDF

Libera scelta del Governo l’avvio di trattative finalizzate alla stipulazione di intesa con confessione religiosa ai sensi dell’art. 8, terzo comma, Cost. - di Marco Canonico

Sommario : 1. Le vicende precedenti - 2. La sentenza della Corte costituzionale 10 marzo 2016 n. 52 - 3. Considerazioni a margine della decisione.

Scarica il testo completo in PDF

Gli enti locali e le limitazioni del diritto alla libertà religiosa: il divieto di indossare il velo integrale - di Giovanni Cavaggion

SOMMARIO: 1. Introduzione: il velo nello Stato multiculturale - 2. La “prima ondata” di ordinanze anti-velo e la sentenza n. 3076 del 2008 del Consiglio di Stato - 3. I casi di compressione legittima del diritto alla libertà religiosa individuati dalla sentenza n. 3076 del 2008 - 4. La “seconda ondata” di ordinanze anti-velo e la proposta di modifica della legge n. 152 del 1975 – 5. La “terza ondata” di provvedimenti anti-velo in seguito agli attentati di Parigi del novembre 2015 - 6. Conclusioni: quale margine per un divieto di indossare il velo integrale nell’ordinamento italiano?

Local government bodies and the compression of freedom of religion: the ban on the face veil.

ABSTRACT: During the last decade several Italian local government bodies (and especially Municipalities) attempted to introduce a general ban on the so called “face veil” ( niqab or burqa ) through secondary law, in the absence of a national comprehensive policy on the matter. The aforementioned attempts were, without fail, found illegal by the Council of State and the Constitutional Court. Nonetheless, following the rekindling of the anti-Islamic sentiment in Europe in the aftermath of the 2015 terrorist attacks in Paris, we are currently witnessing a “new wave” of local regulation trying to impose a ban on the face veil, based on the claim that, in order to answer the exacerbation of the so called “clash of cultures”, a different balancing of the fundamental rights involved is needed. The author challenges the legality of the new local bans, as well as the compatibility of a general ban on the face veil with the Italian constitutional system.

Scarica il testo completo in PDF

La decadenza del “metodo della bilateralità” per mano (involontaria) degli infedeli - di Nicola Colaianni

Sommario : 1. Lo strano caso di una non-confessione religiosa che fa domanda di un’intesa con lo Stato. – 2. L’obbligo, comunque, di avviare le trattative … – 3. … e la semplice facoltà di concluderle – 4. La discrezionalità politica anche nell’avvio delle trattative – 5. Il riequilibrio del rapporto tra legge comune e intese – 6. La causa delle intese – 7. Il diritto comune unilaterale come garanzia dell’eguale libertà – 8. Il “metodo della bilateralità” confinato nell’angolo della produzione giuridica.

Scarica il testo completo in PDF

Per un’equa mondializzazione delle periferie nelle società plurali: un ‘nuovo’ Corso di laurea sull’interculturalità - di Salvatore Berlingò

SOMMARIO: 1. Il vortice iperbolico del bacino euromediterraneo e il ‘bergamotto dell’interculturalità’ - 2. Il ‘made in Italy’ dantesco e il doppio registro delle Università per stranieri nel “bel paese là dove ‘l sì suona“ - 3. Il ‘bisogno di mondo’ e la rifrazione in alto dell’identità plurale della Calabria - 4. L’imperativo del ‘Mare Amoroso’ e gli ‘ottativi categorici’ mirati a una sostanziale e concreta giustizia - 5. Dante prima e oltre Kant: dalla ‘giustizia della carità’ alla ‘carità della giustizia’ - 6. Ancora: di un’inedita sperimentazione accademica e civile.

For a fair globalization of the suburbs in plural societies: a 'new' Bachelor's Degree in Interculturality .

ABSTRACT: With this essay the author, actually Rector of the University for Foreigners "Dante Alighieri" of Reggio Calabria, is to illustrate the steps that have led to the activation of a Bachelor's Degree (in some respects) innovative, induced by contemporary issues of migration flows and by the dynamics of international mobility, become remarkably more rapid and pressing in conjunction with the related phenomena of globalization. They impose, even to the higher education institutes, a timely and in-depth rethinking and an accurate taking of responsibility, with the respect to their relevant areas of teaching and training program. The trial that is intended to give through the above-mentioned Degree was modeled on the basis of some previous initiatives, taken by the University for Foreigners of Reggio Calabria, even if the model now proposed benefits from the innovative results induced by synergies with other Universities for Foreigners, in particular that of Siena, as well as the consultation put in place with the Ministry of Education, the Interior Ministry and the EU, and the cooperation with civil society organizations, primarily the Community of Sant'Egidio.

Scarica il testo completo in PDF

La laicità e l’integrazione sociale: un rapporto ambiguo - di Fabio Macioce

SOMMARIO: 1. Introduzione – 2. L’orizzonte sociale di riferimento: a) la presenza pubblica delle religioni e la super-diversità sociale – 3. L’orizzonte sociale di riferimento: b) le identità religiose e l’integrazione sociale – 4. La laicità alla prova dell’integrazione sociale – 5. La laicità tra pluralismo religioso e pluralismo culturale – 6. L’integrazione sociale, e le ambigue conseguenze del principio di laicità .

Scarica il testo completo in PDF

La Corte costituzionale torna protagonista dei processi di transizione della politica ecclesiastica italiana? - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. Due sentenze che rompono un silenzio durato un decennio – 2. La portata del principio affermato dalla sentenza n. 52 del 2016: dal riconoscimento del “diritto a negoziare” l’intesa alla (ribadita) insindacabilità dell’atto di avvio delle trattative – 3. Le ragioni poste a base della decisione della Corte – 4. La libertà di culto di fronte alla rinnovata attenzione per le esigenze di “sicurezza” della collettività nella sentenza 63 del 2016 – 5. “Eguale libertà” vs “libertà diversamente graduata” – 6. I riflessi della pronunzia n. 52 del 2016 sul problema della qualificazione del gruppo come “confessione religiosa” – 7. Le oscillazioni della Corte in tema di “laicità” e le criticità emergenti del diritto ecclesiastico italiano.

The Constitutional Court once again the leading character of the transition processes of the Italian ecclesiastical politics?

ABSTRACT: The present essay analyses the impact of the 2016 Constitutional Court judgements n. 52 and n. 63 on the very “identity”of Italian Ecclesiastical Law, which is characterized by the principles of secularism, equal freedom of religious denominations and by a system of agreements aimed at regulating the specifities of the different religious groups. According to the Author, because of the inactivity of the Legislator, the Constitutional Court is compelled to play a substitute role in searching a satisfactory balance between all these elements and the very settlement of some basic trends in Ecclesiastical Law, as such a subject has to face increasingly new challenges and emerging problems in the management of the religious factor.

Scarica il testo completo in PDF

Interpretazione assiologica, principio di bilateralità pattizia e (in)eguale libertà di accedere alle intese ex art. 8, terzo comma, Cost. - di Jlia Pasquali Cerioli

SOMMARIO: 1. La sentenza n. 52 del 2016 della Corte costituzionale – 2. La portata assiologica (e non meramente procedimentale) del principio di bilateralità pattizia – 3. Valenza assiologica e profili attuativi nell’esercizio della bilateralità pattizia – 4. L’isolamento della dinamica bilaterale dalla promozione di un effettivo pluralismo confessionale – 5. Brevi annotazioni finali- 6. Appendice.

Scarica il testo completo in PDF

L’insegnamento religioso nella scuola pubblica italiana: una tradizione da rinnovare - di Paolo Cavana

SOMMARIO. – 1. L’insegnamento religioso nella scuola pubblica italiana: un elemento di continuità nell’evoluzione storica – 2. Insegnamento religioso e modelli di scuola pubblica – 3. L’attuale disciplina dell’insegnamento religioso nella scuola pubblica italiana - 4. Lo stato giuridico dei docenti di religione - 5. La normativa delle Intese - 6. Le sfide attuali, tra motivi di continuità ed esigenze di rinnovamento – 7. Prospettive di riforma e spunti ricostruttivi – 8. La proposta di un insegnamento aconfessionale di religione - 9. Due piccole proposte: l’“education about religion” e il superamento dello “stato di non obbligo” – 10. Osservazioni conclusive.

Religious education in State schools in Italy: a national heritage to innovate

ABSTRACT: This paper examines, in the context of the country’s increasing religious diversity and the growing presence of religion in the public sphere, the regulation of religious education in public and State schools according to the Italian system of law. The latter actually provides an opt-in state-funded Catholic religious education together with the possibility of organizing optional religious education for all recognised denominations holding an agreement with the State. After some preliminary remarks on the origins and current contents of this legal framework, which reflects a difference of treatment among religions due to the cultural and historical background of the country, the paper focuses on some reform schemes that have been recently put forward. In particular, it examines in some detail the one concerning the introduction of a compulsory non-denominational course on religions, taking into consideration the pros and cons of each one. In the end it makes some conclusive remarks on the line of decisions of Italian courts on the issue and the impact of religious education as a whole upon the state schools’ system in Italy.

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” - Transizioni • Adozione in casi particolari, coppie omogenitoriali, “preminente interesse del minore”: l’interpretazione del giudice della legittimità (di g. c.) - di Giuseppe Casuscelli

Il giudice della legittimità, svolgendo il suo normale, doveroso compito ermeneutico nell’esame delle fonti normative, ha circoscritto, con la sentenza che di seguito si riporta per esteso, “l’ampia latitudine” del contenuto normativo che è possibile attribuire alla disposizione, dettata dall’art. 44, comma 1, lett. d ), della legge n. 184 del 1983, sulla “constatata impossibilità di affidamento preadottivo”. A chi potrà ritenere che la decisione sia frutto di un’indebita supplenza in una materia affidata alla discrezionalità del Parlamento si dovrà replicare che spetta al giudice, e alla Corte di Cassazione in particolare, osservare sia il canone della totalità ermeneutica sia il divieto di denegare giustizia ( non liquet ), per concorrere all’attuazione del valore costituzionale dell’uniforme applicazione della legge, Un impegno, questo, tanto più doveroso e vincolante qualora il legislatore si sottragga di proposito al compito di dettare discipline per l’adeguata tutela degli interessi emersi nella società e consolidatisi nel tempo. Discipline che siano al passo con l’evoluzione dell’ordinamento democratico; che sviluppino i principi costituzionali di tutela delle formazioni sociali, di uguaglianza, di solidarietà, ecc.; che assistano e promuovano tutte le situazioni giuridiche soggettive implicate dalla mala sorte di appartenere alla categoria dei diritti “inattuati”.

Scarica il testo completo in PDF

Prospettive di un’intesa con le comunità islamiche in Italia - di Paolo Cavana

Sommario : 1. Premessa - 2. L’Islam in Italia: una confessione religiosa non riconosciuta. - 3. La preliminare questione dei diritti - 4. Islam e questione immigratoria - 5. Natura delle comunità islamiche e laicità dello Stato - 6. Alcuni problemi sui contenuti di un’eventuale intesa - 7. Il pericolo di fughe in avanti - 8. Ostacoli da superare. Il problema dei luoghi di culto - 9. Una piccola proposta: le associazioni con finalità (o oggetto) mista - 10. La questione della rappresentatività. La proposta di una consulta dell’Islam italiano - 11. Il dialogo e la collaborazione a livello locale - 12. Osservazioni conclusive.

Muslim Organisations in Italy: perspectives on an Agreement with the State

ABSTRACT: This paper examines the legal framework of Muslim communities in Italy in order to check the requirements needed to reach an agreement with the State, as envisaged by the Italian Constitution for denominations other than Catholicism, whose relations with the State “are regulated by law, based on agreements with their respective representatives” (Art. 8, co. 3, Const.). Nowadays the problem is a key issue in current political debates both in Italy and in most European countries. This type of agreement could not only promote the social and cultural integration of Muslim communities into society, but also help isolate Islamic terrorists and their supporters in immigrate communities and fight them better. Given that in Italy Muslim communities and their members, including foreign ones, already enjoy all the civil and social rights that are granted by the Constitution to citizens and social groups, the analysis maintains that reaching such an agreement would be for the moment premature, on the basis of a number of reasons. Among these are the following: the deep divisions existing both within and among these communities, due to different ethnic and religious origins and settlement periods in Italy; the difficulty on behalf of the State to identify a reliable negotiating partner (or more than one) who really represents such communities and does not depend from foreign States. Last but not least the very nature of such an agreement appears to be questionable. In fact, on one hand it would bring relevant advantages and public funding but on the other it would also need an unconditional acceptance of human rights and of the fundamental principles of the Italian law system - among which the equality between men and women and State secularism - which still has to be fully acknowledged within these communities.

Scarica il testo completo in PDF

Unione europea, chiese e organizzazioni filosofiche non confessionali (art. 17 TFUE) - di David Durisotto

SOMMARIO: 1. Evoluzione del diritto dell’Unione europea. La tutela dei diritti fondamentali – 2. Il fenomeno religioso – 3. I rapporti delle organizzazioni religiose, filosofiche e non confessionali con l’Unione europea nell’art. 17 TFUE – 4. Il dialogo tra teoria, prassi e limiti di competenza dell’Unione.

Scarica il testo completo in PDF

La libertà religiosa tra ascesa e crisi dei diritti umani - di Carlo Cardia

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Il cammino verso la laicità dello Stato – 3. La rivoluzione della laicità, i totalitarismi, la terra promessa dei diritti umani – 4. Le nuove sfide. il secolarismo senza etica – 5. Altri segni di regresso: antisemitismo, guerra ai simboli religiosi – 6. Il mischiarsi della storia, il confondersi di religioni, popoli, culture – 7. La bestemmia della violenza religiosa.

Scarica il testo completo in PDF

Un passo indietro sul fronte dei diritti di libertà e di eguaglianza in materia religiosa [?] - di Sergio Lariccia

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. La corte ritiene ammissibile l’intervento, nel giudizio costituzionale, dell’associazione privata degli atei e degli agnostici razionalisti. Funzione e importanza dei gruppi sociali organizzati per l’affermazione dei diritti verso e contro le religioni – 3. L’uaar può essere considerata una confessione religiosa? – 4. Non è ammesso un controllo giurisdizionale sulle decisioni del consiglio dei ministri riguardanti l’avvio delle trattative per la stipulazione di eventuali intese tra una confessione religiosa e lo Stato. Ma “ci sarà pure un giudice a Berlino!” – 5. Potere politico, potere amministrativo e potere giurisdizionale in tema di diritti dei gruppi religiosi in Italia – 6. Ragioni della politica e ragioni del diritto: una scelta metodologica . Dubbi, nella fattispecie, sul ruolo del parlamento come organo di garanzia che esercita il controllo sul governo – 7. 2 aprile 1966: il ricordo di una giornata particolare di cinquant’anni fa.

Scarica il testo completo in PDF

La tutela della libertà religiosa nelle carceri - di Sara Igina Capasso

SOMMARIO: 1. L'assistenza spirituale negli istituti di detenzione – 2. Segue: ministri di culto, simbolismo religioso e testi sacri – 3. Il diritto a un’alimentazione “religiosamente orientata” – 4. Uno sguardo all’Europa – 5. Brevi conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Cibo, diritto, religione. Problemi di libertà religiosa in una società plurale - di Alessandro Ferrari

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Cibo e trasformazioni del religioso – 3. “Cibo religioso” e mercato – 4. “Cibo religioso” e diritti statuali – 5. Alcune osservazioni conclusive.

Food, Law, Religion. Religious Freedom Issues in a Global Society

ABSTRACT: The paper focuses on the contemporary relevance acquired by “religious food” and, in particular, on the relationship of this latter with freedom to religion. An overview of the topic of “religious food” highlights transformations of both religious communities and state legal orders and reveals the different role played and methods followed by different rights – the right to a free market and to religious freedom – in the protection of “religious practices”. The tension between a “neutral” commercial approach and a more institutional and religiously-oriented one seems to be a historical constant and still the main characteristic of this question.

Scarica il testo completo in PDF

Cappellani militari e prospettive di riforma - di Paolo Cavana

Sommario: 1. Riforma dell’assistenza spirituale nelle Forze armate e impegni pattizi - 2. L’evoluzione dei sistemi di difesa in Europa e la sua incidenza sull’assistenza spirituale: il passaggio dalla coscrizione obbligatoria a un servizio di tipo professionale - 3. L’assistenza spirituale tra modello confessionista e modello pluralista. Le ragioni del ritardo legislativo - 4. L’inquadramento dei cappellani militari all’interno delle Forze armate, tra esigenze di ammodernamento e tendenze alla smilitarizzazione - 5. Inquadramento gerarchico dei cappellani militari e tradizione storica - 6. Inquadramento militare dei cappellani, principio di laicità ed esigenze funzionali - 7. Compiti delle Forze armate, principi costituzionali e nuovo ruolo dei cappellani militari - 8. La recente valorizzazione del ruolo dei cappellani militari nel sistema di difesa NATO. Osservazioni conclusive.

Military Chaplaincy in the process of reform

ABSTRACT: This paper examines the service of spiritual assistance in the State military forces according to the Italian system of law, in the context of their current evolution given to the principles of the Constitution and the changing international situation and policy. After some preliminary remarks about the origins of the present debate, it compares the models of other countries concerning the service of military chaplains and focuses on the issue of their juridic status as commissioned officers in the Army, taking into consideration the advantages and disadvantages of this legal framework. In the end it makes some conclusive remarks about the new role of chaplains in military organizations, not only religious support but also advisor to the command on issue of religion and ethics and liaison with local religious leaders in an effort to understand the role of religion as both a factor in hostility and war and as a force for reconciliation and peace.

Scarica il testo completo in PDF

“A CHIARE LETTERE” - CONFRONTI” • Unioni civili e stepchild adoption. A proposito del dibattito in corso, ricordando la lezione di Norberto Bobbio (di Vincenzo Turchi) - di Vincenzo Turchi

È una semplificazione ricorrente quella che riconduce alla contrapposizione tra “laici” e “cattolici” il confronto – serrato, talora aspro – che nel Paese e nel Parlamento si sta svolgendo a proposito della regolamentazione delle unioni civili, segnatamente per quanto concerne la stepchild adoption estesa alle coppie di omosessuali. Lo stesso avviene, non di rado, rispetto alle più importanti questioni di bioetica. Sul tema è intervenuto di recente Massimo Salvadori in un articolo comparso su la Repubblica del 18 febbraio 2016 (“ Unioni civili, non parliamo di laici contro cattolici ”), che offre interessanti spunti di riflessione. ..

Scarica il testo completo in PDF

Col sorriso sulle labbra. La satira tra libertà di espressione e dovere di rispetto - di Corrado Del Bò

SOMMARIO 1. Introduzione - 2. La satira e il diritto alla libertà di espressione - 3. Satira, umorismo e rispetto - 4. Deridere la religione - 5. Le basi morali della libertà di satira - 6. Conclusioni.

With a smile on the lips. The satire between freedom of expression and duty of respect

ABSTRACT: T his paper argues for a liberal perspective about satire, rejecting the idea that satire should not have constraints, and trying to ground this perspective on a more articulate argument than the mere reference to the relevance of freedom of expression in Western societies. I will proceed in this way. In Section 2, I will clarify what satire is, and how it is connected to freedom of expression. Section 3 will be devoted to analyze the relationship between humour and respect, and to explain why satire is morally more problematic than liberals usually think. In Section 4 I will suggest that satire against religion can be sometimes considered a lack of respect for people who believe in that religion. In Section 5 I will argue against restricting satire, even if it is seriously disrespectful, producing two different arguments for two different situations: when the victim can be considered “a powerful person”, and when he/she can be considered “a disadvantaged person”.

Scarica il testo completo in PDF

La legge regionale lombarda e la libertà di religione: storia di un culto (non) ammesso e di uno (non?) ammissibile - di Francesca Oliosi

Sommario : 1. Il sonno della Costituzione genera mostri. Una piccola premessa - 2. Libertà religiosa e luoghi di culto nelle fonti: dalla Costituzione al mosaico regionale, un bipolarismo imperfetto - 3. Il tassello lombardo: perseveranza o amnesia del legislatore? Il contesto: risultanze di una ricerca sul campo - 4. La legge n. 12 del 2005 della Regione Lombardia: il problema, aggirato ma non risolto, della destinazione d'uso degli edifici - 5. La nuova legge regionale: profili di palese incostituzionalità – 6. Le confessioni religiose (non) sono egualmente libere davanti alla legge: art. 1, comma 1°, lettera a), l.r. n. 2 del 2015 – 7. La “supercompetenza” lombarda: art. 1 comma 1°, lettera b), della l.r. n. 2 del 2015 - 8 . La derubricazione del diritto di libertà religiosa a interesse legittimo: dall'obbligo alla facoltà dei Comuni secondo l’art. 1, comma 1°, lett. c), della l.r. n. 2 del 2015 - 9. Quando la “sicurezza” vince sulla “libertà”: ancora sull'art. 1, comma 1°, lett. c) - 10. Il nuovo tempio di Scientology a Milano: l’imponente luogo di culto per going clear - 11. Per non concludere: uno spettro si aggira per l’Europa.

Scarica il testo completo in PDF

Denominazione della persona e appartenenza religiosa. Il nome arabo dei credenti musulmani - di Giovanni Cimbalo

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La scelta del nome nella religione e nella tradizione islamica - 3. L’assunzione di un nome in lingua araba da parte dei convertiti - 4. Il divieto di nome islamico e il suo abbandono forzoso come strumento di “integrazione-assimilazione” - 5. L’assunzione del nome nel diritto civile italiano e la possibilità di mutarlo - 6. Diritto internazionale privato e diritto al nome.

Name of the person and religious affiliation . The Arabic name of Muslims

ABSTRACT: The structure of the name is a set of an element of identity and religious need for the people converted to different religion, who taking in touch with a new religious belief feel the need to reborn in the new faith. Furthermore, for Muslims, possession of Arabic name is prerequisite in order that Allah can recognize them as faithful. Author reconstructs Islamic traditions related to the choice of the name and makes a reference to the obstacles placed between some States for possession of an Arabic name by Muslims to destroy its identity. Finally reports the rules of the Italian civil law on the subject and in those concerned with private international law.

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” – Confronti * Osservazioni per il Progetto di legge sulla libertà religiosa (di Francesco Onida) - di Francesco Onida

Ringrazio Roberto Zaccaria per avere avuto la buona idea di riunire intorno a un tavolo studiosi e politici nella speranza di riuscire a preparare al meglio una legge politicamente difficile e di grande impatto ideologico. In effetti credo che riunioni di questo tipo possano dare buoni frutti, se ognuno farà la sua parte con buona volontà senza cercare d’invadere il campo dell’altro. Come ammoniva l’avvocato Azzeccagarbugli “All’avvocato bisogna raccontar le cose chiare: tocca a lui poi a imbrogliarle”; ovvero nel nostro caso “Compito della dottrina è di illustrare un problema nei suoi termini più chiari ed estremi; tocca poi al politico mediare con le altre componenti, selezionando tra le argomentazioni proposte quelle più utili al raggiungimento di un accettabile compromesso”. Dirò dunque il mio pensiero per intero, senza adattamenti tendenti a renderlo più accettabile. pdf

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” – Editoriali • Una Prefazione nel contesto del 13 novembre (di Nicola Colaianni) - di Nicola Colaianni

Come regolarsi verso le minoranze, ordinarsi coesi nelle società multiculturali e multireligiose dei giorni nostri? Domanda angosciosa e drammatica al cospetto dell’orrenda strage di Parigi, che ho negli occhi mentre scrivo. Come gli altri di cui continua la scia sanguinosa, da Charlie Hebdo fino all’11 settembre di New York, quest’ultimo atto terroristico mira a distruggere i valori fondamentali delle nostre società: la dignità della vita, la libertà, la solidarietà, la pace. Guerra, infatti, è la parola che si sente risuonare. “Siamo in guerra”, s’ode da ogni angolo dell’Occidente. “Guerra!”, allora, dev’essere la risposta, innanzitutto nei territori dominati dalle organizzazioni terroristiche: come se dopo la seconda guerra mondiale con la Carta delle Nazioni Unite non avessimo attributo al Consiglio di sicurezza l’azione di polizia internazionale proprio per evitare il “flagello della guerra”. E un atteggiamento bellico anche sul piano interno: tolleranza zero, chiusura dei confini, legislazione dell’emergenza e misure estreme di polizia nei nostri paesi, dove attraverso le comunità d'immigrati, magari ormai di seconda o terza generazione, s'infiltrano i terroristi. La casa brucia: e allora basta con l’accoglienza e il diritto promozionale delle minoranze! (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Bioetica, biodiritto e il contributo scientificamente legittimato, en juriste, dell’ecclesiasticista - di Salvatore Berlingò

SOMMARIO : 1. Il giurista e la bioetica – 2. Le antinomie della bioetica odierna e la funzione del diritto - 3. Le peculiari competenze ed esperienze dell’ecclesiasticista al confine col non-diritto - 4. Oltre gli schemi del diritto " razionale-formale " - 5. I modelli procedurali della "complementarità/distinzione" e la loro apertura al valore della dignità di ogni singola umana esistenza.

The contribution of an ecclesiastical law scholar scientifically justified, en juriste, to the elaboration of bio-law

ABSTRACT : The contribution of an ecclesiastical law scholar to the elaboration of bio-law is legitimated by his study and experiences at the border with not-law and in relations with the laws-other ( religious and cultural ) distinct from that of the polis. The pattern of complementarity/distinction , that the scholar of ecclesiastical law draws from this kind of experience, can contribute at the articulation of bio-law according to procedural-justice , which facilitate the substantial concretization of the fundamental value of the dignity of every human reality .

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” - Transizioni • Libertà di religione e libertà d’opinione a confronto: bilanciamento e obbligazioni positive degli Stati membri dell’UE (di g.c.) - di Giuseppe Casuscelli

La sentenza della Corte EDU nel caso Karaahmed v. Bulgaria , divenuta definitiva da pochi giorni e di seguito riportata per esteso, affronta il problema del bilanciamento tra la libertà di coscienza e di religione, garantita dell’art. 9 della Convenzione EDU, e le libertà di manifestazione del pensiero e di espressione riunione e associazione, garantite dagli artt. 10 e 11. Si tratta, è noto, di una questione aperta e fortemente dibattuta in molti Paesi dell’Unione Europea; nel nostro, che ci riguarda più da vicino, le forze politiche ne hanno fatto l’oggetto di aspri contrasti di vedute, che assumono spesso gli aspetti (non solo teorici) dell’estremismo ideologico, dell’iperbole e dell’esasperazione linguistica, dell’indifferenza ai principi costituzionali del pluralismo confessionale e della libertà di religione indistintamente garantita a “tutti” dalla nostra Carta (art. 8, primo comma, e 19 Cost.). (continua)

Scarica il testo completo in PDF