Rivista telematica (www.statoechiese.it)
Online dal gennaio 2007
Menu

Articoli in Istruzione pubblica e IRC

Modes of neutrality in the ECtHR jurisprudence related to religious matters: some critical remarks - di Alice Ollino

SUMMARY: 1. Introduction - 2. The meaning of State neutrality: some conceptual clarifications - 3. State’s neutrality vis-à-vis religious organizations: neutrality as absence of interference - 4. State’s neutrality vis-à-vis public education: neutrality as objectivity - 5. State neutrality vis-à-vis religious symbols in the public sphere: neutrality as exclusion of religion - 6. ‘Reversed’ patters of neutrality: the disruptive effect of Lautsi v. Italy - 7. Concluding remarks: decoding the patterns of State neutrality in the jurisprudence of the ECtHR.

ABSTRACT: This contribution discusses the notion of State neutrality in the jurisprudence of the European Court of Human Rights. State neutrality has become increasingly relevant in the rulings of the ECtHR concerning religious freedom, with the Court explicitly resorting to the idea that States should act as neutral and impartial organizers of religious life within their community. Yet, the conception of State neutrality developed by the Court is inconsistent and often gives rise to criticism. By exploring the Court’s main jurisprudence in the context of religious disputes, religious education in public education, and the display of religious symbols in public spaces, this contribution seeks to disentangle the different understandings of neutrality employed by the Court and to critically engage with them.

Scarica il testo completo in PDF

Religious education in Italian public schools: what room for Islam? - di Stella Coglievina

SOMMARIO: 1. Introduction - 2. Religious education in Italian public schools: general framework - 3. Religious education in public schools: the situation of Islam - 3.1. Some data about the Islamic presence in Italy - 3.2. Religious education and Islam - 4. The religious education in plural Italy: challenges and gaps - 5 - Muslims at school and Religious Education: which solutions? - 5.1 Alternative 1: private schools - 5.2 Alternative 1-bis: Homeschooling - 5.3 Alternative 2: introduction of lessons about religion - 5.4 Alternative 3: Muslim pupils and their participation in the Catholic religion lessons - 6. Conclusions: challenges, problems and future perspectives.

Scarica il testo completo in PDF

Oltre il muro dell’intolleranza. Luci e ombre della benedizione nella scuola tra libertà religiosa e laicità dello Stato - di Tiziana Di Iorio

SOMMARIO: - 1. La libertà religiosa: brevi cenni - 2. Libertà di coscienza e libera formazione delle coscienze - 3. Istanze identitarie, libertà religiosa e principio di uguaglianza - 4. Fattore religioso e semantiche radici della laicità dello Stato - 5. Attività religiose e pratiche di culto nella scuola pubblica: il quadro normativo - 6. Il rito di benedizione nella scuola pubblica: revirement giurisprudenziale - 7. La recente sentenza del Consiglio di Stato, 27 marzo 2017, n. 1388 - 8. Atti di culto nello spazio pubblico e finalità formativa della scuola - 9. Conclusioni.

Breaking through the wall of intolerance. Lights and shadows of Easter blessing in State schools between religious freedom and laical nature of the State

ABSTRACT: Religious freedom is a fundamental human right protected by Italian Constitution. Which are the limits to be respected in case of religious practices inside Italian State schools? This paper examines the meaning of “religious freedom” and the essence of State “secular” nature; then focuses on a recent case, which caused a debate on the boundaries between Church and State, about Easter blessing rite in State schools. The Court of first instance argued that blessing is a religious rite and it cannot be held in State schools; the Supreme Administrative Court rejected this ruling, claiming that Easter blessing in State schools is to be permitted, it being an exercise of religious freedom not violating State secular nature. Religious symbols and rites in public places are not to be considered a violation of the State secular nature. The Italian State does not hold any religious belief of any religion, but can create conditions conducive to religions.

Scarica il testo completo in PDF

La libertà dell’educazione religiosa davanti ai giudici canadesi (prendendo spunto dalla sentenza Loyola High School vs. Québec) - di Cristiana Maria Pettinato

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. L’educazione religiosamente orientata nelle scuole del Canada: brevi cenni storici - 3. Il percorso giurisprudenziale del caso Loyola High School: i primi due gradi di giudizio, l’analisi della Corte Suprema e le conclusioni della maggioranza dei suoi componenti sulla violazione dell’art. 2(a) della Charter of Rights and Freedoms del Québec del 1982 - 4. Le osservazioni dei giudici di minoranza sulla dimensione collettiva della libertà religiosa - 5. La verifica sulla sincerity of belief: tra foro esterno e foro interno - 6. Qualche chiarimento sul diritto fondamentale di libertà religiosa in Canada - 7. Alcune considerazioni a margine della sentenza: l’accomodamento ragionevole come strumento di applicazione caso per caso del “diritto alla differenza” - 8. Note conclusive.

ABSTRACT: The judgment Loyola v. Canada sees protagonist a confessional school who refuses to submit to the neutral government educational program, advancing pretension of guardianship of her own religious liberty as group and her liberty to teach from a religious and not neutral perspective. The examined case also allows to develop some reflections about the peculiarities of the Canadian constitutional system, and the relationship between the public institutions and the religious phenomenon, in a contest of strong pluralism.

Scarica il testo completo in PDF

Autonomia scolastica e diritti fondamentali - di Anna Romeo

SOMMARIO: 1. L’autonomia scolastica e il modello italiano - 2. Gli ostacoli alla realizzazione di tale modello e le premesse per un suo rilancio - 3. L’autonomia scolastica in una nuova prospettiva delle autonomie locali.

ABSTRACT: The paper examines school autonomy with specific reference to the organizational profile that is considered in the light of the recent reform introduced with L. 13 July 2015 n.107. In particular, premised a brief explanation of the school system as outlined in the Italian law, it is examined the model currently in force and its compatibility with the guidelines resulting from the Constitutional Charter, i.e. with artt.33 and 34 Cost., as rules protecting the right to education, to qualify as a fundamental right, as well as with artt. 2, 117 and 118 of the Constitution. Considering this legal basis, the paper proposes a redefinition of the division of powers between the State and Regions in the field of school autonomy, in the aim to draw a new organizational model that looks at a development of local autonomy which venues where you can better identify the needs of the communities.

Scarica il testo completo in PDF

Convivenza delle diversità, pluralismo religioso e universalità dei diritti. Modelli di approccio. Indicazioni metodologiche - di Vincenzo Turchi

SOMMARIO: 1. Esperienze storiche e modelli di approccio alle diversità culturali - 2. Elementi caratterizzanti l’esperienza italiana - 3. Convivenza delle diversità: indicazioni per una metodologia. In particolare, l’eredità della lezione maritainiana - 4. L’ambito scolastico come luogo specificamente vocato all’educazione alla convivenza interreligiosa.

Abstract. The paper highlights the limits of the most well-known models of approach to cultural diversities, the assimilationist one and the communitarian one, which are typical, respectively, of France and England and of their colonial history. Italy has not remarkable colonial traditions and so it can be more free from the weight of the past in developing strategies able to face up to the problems of the multi-ethnic and multi-religious societies. Starting from the basic principles of pluralism and secularism (principio supremo di laicità, according to the words of Italian Constitutional Court), are examined the “Carta dei valori della cittadinanza e dell’integrazione” (15th June 2007) and the recent “Patto nazionale per un Islam italiano” (1st of February 2017). From a more general point of view, the paper describes and supports the thesis of Jacques Maritain about the foundation of human rights, the basis of a peaceful coexistence in a pluralistic society. Finally, it deals with the issue of teaching about religion and history of religions in Italian public schools. These kinds of courses should help students to get to know the religions present in our country - both the historical ones and the “new” ones, coming from the recent processes of immigration - in order to promote and increase the mutual respect and the inter-cultural dialogue.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e scuola pubblica. La piccola querelle delle benedizioni pasquali - di Paolo Cavana

SOMMARIO: 1. Un problema pratico di libertà religiosa: le benedizioni pasquali nella scuola pubblica - 2. Le benedizioni pasquali a scuola nella recente giurisprudenza - 3. La laicità inclusiva della scuola pubblica italiana - 4. La benedizione pasquale in orario extrascolastico e la funzione della scuola come centro di promozione culturale, sociale e civile - 5. Fattore religioso e scuola pubblica nella legislazione scolastica - 6. La garanzia della libertà religiosa nelle comunità segreganti.

Religious freedom in public schools. The little querelle over Easter Blessings

ABSTRACT : This paper examines the current issue concerning the Easter Blessings imparted by a catholic priest in public schools in Italy. According to an old tradition dating back to the past but still followed by many parents, in some schools, especially primary ones, this brief rite usually takes place before Eastern. The majority of parents must agree on having it and it must be scheduled out of lessons time. Moreover, participation is very free for pupils, parents and teachers. A recent case law has challenged this practice, claiming that it would infringe the principle of secularism proper to public schools. This paper deals with the issue in the light of constitutional principles and the Italian legal framework. It focuses on the importance to keep a balance between secularism and religious freedom in public schools, where nowadays an increasing number of children stay for the whole day when both parents are at work.

Scarica il testo completo in PDF

Le attività di culto nella scuola pubblica, tra laicità, «libertas Ecclesiae» e libertà religiosa collettiva - di Fabiano Di Prima Marco Dell'Oglio

SOMMARIO: - 1. Premessa. Il "ritorno" della religione e la riaffermazione degli Stati nazionali nell'ultimo quarto di secolo; l'"accerchiamento" della laïcité - 2. Il mancato sviluppo di una metodica giurisprudenziale focalizzante la "specificità" della laicità italiana; l'emersione di un trend individuante solo i (relativi) profili comuni alla laïcité - 3. Un caso paradigmatico: la sentenza n. 166 del 2016 del T.A.R. Emilia Romagna sul tema dello svolgimento di attività cultuali nella scuola pubblica - 4. Il quadro normativo e giurisprudenziale del ventennio scorso: le ignorate direttrici speciali (implicitamente) favorevoli; l'interpretazione "stretta" (d'indole separatista) della normativa generale scolastica negli anni '90 e quella successiva "pragmaticamente ampia" (a fronte delle concorrenti novità socio-culturali e di sistema) - 5. Gli ultimi anni: il mancato intervento del Legislatore atto a orientare in senso costituzionale le scelte della P.A.; l'incrementale difficoltà di quest'ultima a prevenire/gestire le potenziali insorgenti "micro-conflittualità"; la conseguente adozione d'un registro prudenziale "minimalista" – 6. La non condivisibile soluzione accolta dal T.A.R. (sentenza n. 166 del 2016) di contrarietà netta allo svolgimento di atti di culto a scuola. L'incidenza del trend "intrinsecamente separatista"; il cono d'ombra sulle specificità della laicità italiana; la perdita di vista delle direttrici con esse congruenti e delle garanzie ivi offerte alla " Libertas Ecclesiae " e alla libertà religiosa collettiva - 7. Conclusioni: l'urgenza di un intervento legislativo statuale, e di un'iniziativa chiarificatrice a livello bilaterale, a presidio delle libertà fondamentali in discussione.

Scarica il testo completo in PDF

Religions and Ethno-Religious Differences in Bosnia and Herzegovina. From Laboratories of Hate to Peaceful Reconciliation - di Francesco Alicino

SUMMARY : 1. Introduction - 2. The Politicization of Religion and the Nationalization of Confessions - 3. The Place of Religion and Religious Confession - 4. The Constituent (Chosen) People and Religious Power-Sharing Mechanism - 5. The Education System and Religious Education - 6. The Legal Status of Churches and the State-Religions Relationship - 7. Conclusion.

Scarica il testo completo in PDF

L’istruzione religiosa in Turchia: gli Aleviti e la Corte Europea dei Diritti Umani - di Anna Parrilli

SOMMARIO : 1. Breve premessa sull’insegnamento della religione in Europa - 2. La Corte Europea dei Diritti Umani e l’istruzione religiosa - 3. Scuola e religione in Turchia - 4. Alevismo e istruzione religiosa: il caso “Hasan e Eylem Zengin c. Turchia” - 5. La reazione alle sentenze in Turchia e in Europa - 6. Conclusione.

Scarica il testo completo in PDF

L’insegnamento religioso nella scuola pubblica italiana: una tradizione da rinnovare - di Paolo Cavana

SOMMARIO. – 1. L’insegnamento religioso nella scuola pubblica italiana: un elemento di continuità nell’evoluzione storica – 2. Insegnamento religioso e modelli di scuola pubblica – 3. L’attuale disciplina dell’insegnamento religioso nella scuola pubblica italiana - 4. Lo stato giuridico dei docenti di religione - 5. La normativa delle Intese - 6. Le sfide attuali, tra motivi di continuità ed esigenze di rinnovamento – 7. Prospettive di riforma e spunti ricostruttivi – 8. La proposta di un insegnamento aconfessionale di religione - 9. Due piccole proposte: l’“education about religion” e il superamento dello “stato di non obbligo” – 10. Osservazioni conclusive.

Religious education in State schools in Italy: a national heritage to innovate

ABSTRACT: This paper examines, in the context of the country’s increasing religious diversity and the growing presence of religion in the public sphere, the regulation of religious education in public and State schools according to the Italian system of law. The latter actually provides an opt-in state-funded Catholic religious education together with the possibility of organizing optional religious education for all recognised denominations holding an agreement with the State. After some preliminary remarks on the origins and current contents of this legal framework, which reflects a difference of treatment among religions due to the cultural and historical background of the country, the paper focuses on some reform schemes that have been recently put forward. In particular, it examines in some detail the one concerning the introduction of a compulsory non-denominational course on religions, taking into consideration the pros and cons of each one. In the end it makes some conclusive remarks on the line of decisions of Italian courts on the issue and the impact of religious education as a whole upon the state schools’ system in Italy.

Scarica il testo completo in PDF

Mense scolastiche e diversità religiosa. Il caso di Milano - di Maria Chiara Giorda

SOMMARIO: 1. Una doppia premessa: pluralismo religioso, cibo e scuola – 2. L’Italia, un paese “diverso” – 3. Milano: una città plurale? – 4. Mense scolastiche a Milano – 5. Descrizione della ricerca – 6. I risultati della ricerca nelle scuole statali – 7. Il caso della scuola ebraica – 8. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” - Transizioni • La fine della sublimazione del lucro (scuole paritarie ed enti ecclesiastici), di Nicola Colaianni - di Nicola Colaianni

La giustizia amministrativa in materia scolastica ha una storia ultradecennale d'interpretazioni, talvolta anche acrobatiche, pro domo ecclesiae: dalle sentenze di fine anni ottanta – per cassare le quali bisognò scomodare la Corte Costituzionale – sulla trasformazione del diritto degli studenti di non avvalersi dell’insegnamento di religione cattolica in obbligo di svolgimento di un’attività alternativa a quelle più recenti sull’ammissibilità di un credito scolastico riservato ai soli avvalentisi e sul carattere culturale delle visite pastorali dei vescovi alle scuole. In questi, e in altri, casi il senso “fatto palese dal significato proprio delle parole secondo la connessione di esse” (diritto non può essere un obbligo, la scelta di non avvalersi non può avere effetti discriminanti, pastorale è la cura dei fedeli e quindi attiene alla religione e al culto non alla cultura) non ha orientato l’interpretazione della legge nuova. A orientarla è stato il, sempre più mitico a uno sguardo spassionato della più recente legislazione, criterio di specialità, ... (continua).

Scarica il testo completo in PDF

L’insegnamento religioso nella scuola pubblica è compatibile con un modello politico liberale? Uno sguardo alla legislazione italiana - di Salvatore Taranto

SOMMARIO: 1. Il problema dell’insegnamento religioso negli Stati liberaldemocratici – 2. I connotati essenziali e distintivi delle teorie liberali – 3. Neutralismo esclusivo e inclusivo. La configurabilità di una sfera sociale – 4. Sulla compatibilità dell’insegnamento religioso con i principi liberali – 5. Uno sguardo alla normativa italiana di settore

Scarica il testo completo in PDF

Islam y educación religiosa en Europa. Análisis macro-comparado - di Gloria M. Morán García

SUMARIO: A. Presupuestos: 1. El fracaso de las repúblicas árabes del siglo XX, emigración y expansión de la cultura musulmana en Occidente - 2. Islam, diversidad geográfico-cultural, emergencia del islamismo político e identidad musulmana en Occidente – B. Islam y educación pública en algunos países europeos. La experiencia macro-comparada desde su particular legado religioso y político: 1. Austria, Alemania y Suiza – 2. Dinamarca, Noruega, Suecia, Holanda y Reino Unido – 3. España e Italia – C. Conclusión: Laicidad estatal y educación religiosa islámica: ¿valores incompatibles?

ABSTRACT: Introduction: Failure of Arab republics in XX Century, migration and expansion of Muslim culture in the West. Islam, cultural-geographical diversity, emergence of political Islam and Muslim identity in the West. Islam and public education in European countries: Macro-comparative experience from its particular religious and political legacy. Austria, Germany and Switzerland. Denmark, Norway, Sweden, Holland and United Kingdom. Spain and Italy. Conclusion: Secular state and Muslim religious education: Incompatible values?

Scarica il testo completo in PDF

L’ora di religione tra diritti fondamentali ed esigenze organizzative. Annotazioni a trent’anni dall’Accordo di Villa Madama - di Beatrice Serra

Sommario: 1. Introduzione - 2. Un’ipotesi di violazione dell’art. 9, n. 2, legge n. 121 del 1985 - 3. Il diritto di scelta quale cardine del sistema d’istruzione religiosa delineato dall’Accordo del 1984 e il problema della sua effettività - 4. Il quadro normativo d'immediato riferimento - 5. Un’interpretazione costituzionalmente orientata dell’art. 9, nn. 2 e 3, legge n. 121 del 1985: il risultato dell’esercizio del diritto di scelta è sempre revocabile - 6. Lo stemperamento del principio d’autodeterminazione nelle disposizioni attuative dell’Accordo - 7. La richiesta di esonero quale forma di obiezione di coscienza. Il valore della cultura religiosa e i suoi riflessi sull’oggetto del diritto di scelta - 8 . Una ragionevole definizione del diritto di scelta - 9. Osservazioni conclusive.

Religious education between fundamental rights and organizational needs. Notes thirty years later the “Accordo di Villa Madama”

ABSTRACT: The paper analyzes the contents and the various possible applications and interpretations of the right to choose whether or not to take religious teachings in Italian public school system .

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” - Editoriali • Prove d’idoneità all’insegnamento universitario (di Francesco Onida) - di Francesco Onida

Gentile direttore, chiedo ospitalità alla tua rivista in quanto punto di riferimento comune per i cultori del diritto ecclesiastico, specialmente in questo momento di polemiche e discussioni che hanno fatto seguito alla pubblicazione dei giudizi relativi alle recenti prove d’idoneità all’insegnamento per le nostre materie. Per quanto controvoglia, ritengo di dover intervenire perché comunque dove c’è un dibattito anche i silenzi parlano, e non vorrei domani vedere il mio silenzio interpretato in chissà quale modo lontano dal mio pensiero. Comunque mi bastano poche righe, grazie. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” - Editoriali • La pretesa del silenzio (di Giuseppe Dalla Torre) - di Giuseppe Dalla Torre

Incredibile: sull’ultimo numero di questa rivista appare l’articolo di un collega docente universitario che insinua la tesi per cui i docenti dell’Università Cattolica del Sacro Cuore non dovrebbero far parte, come invece previsto dalla legge, delle commissioni di concorso pubblico per il reclutamento della docenza universitaria. La ragione è presto detta: la loro appartenenza religiosa e l’obbligo di mantenerla, che qualifica il loro inserimento in un Ateneo cattolico, farebbe dubitare della loro imparzialità, principio essenziale nell’esercizio di pubblici uffici, in particolare in uno Stato laico. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Initium sapientiae timor Domini: la problematica presenza dei docenti dell’Università Cattolica del Sacro Cuore nelle commissioni di concorso pubblico per l’insegnamento del Diritto ecclesiastico ... - di Luciano Zannotti

SOMMARIO: 1. Come introduzione – 2. Lo status dei docenti dell’Università Cattolica del Sacro Cuore – 3. I docenti dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e l’accettazione del suo orientamento religioso – 4. L’Università Cattolica del Sacro Cuore nel sistema universitario e la partecipazione dei suoi professori alle commissioni di concorso per l’idoneità alla docenza nelle pubbliche Università – 5. L’oggettività della ricerca scientifica e l’ideologia cattolica.

Scarica il testo completo in PDF

La nuova qualificazione dei docenti di religione: note a margine del D.P.R. n. 175 del 2012 - di Simona Attollino

SOMMARIO: 1. Il piano dei diritti: incompiute acquisizioni giurisprudenziali - 2. La qualificazione professionale dei docenti alla luce del D.P.R. n. 175 del 20 agosto 2012 - 3. Verso l’accentuazione del carattere culturale dell’I.R.C. - 4. L’ermeneutica del pluralismo sociale: un’offerta formativa aperta.

ABSTRACT: This essay regards the new professional status of teacher's religion in public school, in the light of juridical discipline approved in 2012. It analyses the rules as well as the abundant case-law in this field, underling the trend that considers the cultural value of catholicism teaching in public school in respect to the context of religious and social pluralism.

Scarica il testo completo in PDF

Brevi note in tema di IRC: perplessità applicative e sottese questioni di inquadramento giuridico - di Domenico Bilotti

SOMMARIO: 1. Profili problematici emersi in recente giurisprudenza amministrativa - 2. La difficile qualificazione dei contenuti dell’attività alternativa - 3. Un valore insito nel sistema: il pluralismo delle agenzie formative.

ABSTRACT : Teaching about Roman Catholic religion is a well-known issue for Italian scholars. The aim of these brief thoughts and reflections is to underline how many aspects still seem unclear or even misunderstood, because the administrative jurisprudence has not yet shown precise considerations and decisions about it and new Agreements between Church and State contain some interesting positions, but the accepted principles need to find a formally correct and rational discipline to be completely realised. Many juridical problems get deeper, when the attention is focused on other religious traditions and on the idea of providing alternative subjects. The main question still consists in defining this kind of alternatives and reaching a high level of pluralism, without forgetting the typical status of religious teachings in the Italian system.

Scarica il testo completo in PDF

Lo status giuridico degli insegnanti di religione cattolica - di Andrea Bettetini

SOMMARIO: 1. Uguaglianza sostanziale e parità di trattamento nell’insegnamento della religione – 2. Il regime giuridico dei docenti di religione nella scuola pubblica statale. L’idoneità canonica all’insegnamento della religione cattolica – 3. Rilevanza civile del provvedimento canonico di idoneità e controlli dello Stato – 4. Analogia (identità e diversità) del docente di religione cattolica con i docenti della materie curriculari – 5. La mobilità degli insegnanti di religione (art. 4, 3° comma l. 186 del 2003) – 6. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

L’educazione religiosa nella scuola pubblica. Il modello concordatario-pattizio nei paesi latini europei - di Rita Benigni

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. I Concordati del primo novecento: definizione dei tratti tipici del modello – 3. La revisione concordataria del secondo dopoguerra: libertà di scelta educativa e pluralismo religioso - 4. L’istruzione religiosa “nell’ambito delle finalità della scuola”. Il caso Italia - 5. (segue) … l’esperienza di Spagna e Portogallo.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e libertà di educazione di fronte alla Corte di Strasburgo - di Vincenzo Turchi

SOMMARIO: 1. Libertà religiosa e libertà di educazione: note preliminari – 2. Consiglio d’Europa ed Unione Europea: la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali – 3. La Corte europea dei diritti dell’uomo – 4. La funzione interpretativa della Corte nel diritto interno. In particolare, quale fonte integratrice del parametro interposto di costituzionalità ex art. 117, comma 1° Cost. – 5. Educazione e religione nella giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo. I rapporti familiari – 6. Libertà religiosa e libertà di educazione nel prisma della struttura scolastica. Le scuole confessionalmente orientate – 7. Gli insegnamenti obbligatori di religione – 8. I simboli religiosi – 9. In particolare, la “questione” del crocifisso (caso Lautsi c. Italia) – 10. Sintesi conclusiva.

ABSTRACT: The purpose of the paper consists in examining the cases submitted to the European Court of Human Rights in which religious freedom (art. 9 of European Convention of Human Rights) is, in a specific way, related to the right to education (art. 1 of Protocol 1). The fields where arise most important problems are as follows: family relationship, denominational Schools, compulsory denominational (confessional) instruction in Schools, religious symbols in State Schools. From the latest judgments at Strasbourg Court, it seems to emerge a new perspective of the principle of laicità, clearly open to social pluralism. As the Court stated concerning educative pluralism: “the possibility of pluralism in education […] is essential for the preservation of the “democratic society” as conceived by the Convention”.

Scarica il testo completo in PDF

La scuola confessionale nei sistemi anglosassoni. Tra incorporazione inglese e separatismo americano - di Rita Benigni

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. L’istruzione popolare in Inghilterra: dal sostegno alle scuole confessionali alla riforma Gladstone - 3. La scuola confessionale nel sistema di pubblica istruzione: dalla riforma Gladstone ai nostri giorni. - 4. Il separatismo americano: le ragioni di una scelta e la sua incidenza sul sistema scolastico. - 5. Scuola confessionale ed establishment clause. La fase di strict separation. – 6. (segue) L’affermazione di un separatismo attenuato. I voucher e le charter schools.

Scarica il testo completo in PDF

Insegnamento della religione cattolica, attività alternative e credito scolastico: note a margine di lungo contenzioso amministrativo - di Beatrice Serra

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. La normativa legislativa e regolamentare sul credito scolastico e l’ordinanza ministeriale n. 128/1999 - 3. I ricorsi amministrativi e le ragioni poste a fondamento degli stessi. In particolare: la (presunta) violazione della clausola di non discriminazione e della libertà di coscienza degli studenti- 4. La sentenza in rito del TAR Lazio n. 7101/2000 e le sue motivazioni - 5. L’ondivaga posizione del Ministero della Pubblica istruzione nelle ordinanze successive al 1999. In particolare: l’ordinanza n. 26/2007 – 6. L’impugnazione delle ordinanze ministeriali n. 26/2007 e n. 20/2008 e la sentenza di accoglimento del TAR Lazio n. 7076/2009 – 7. Analisi critica della sentenza del TAR Lazio n. 7076/2009 – 8. La sentenza del Consiglio di Stato n. 2749/2010. Luci e ombre di tale pronuncia. La natura soggettivamente facoltativa e oggettivamente obbligatoria delle attività alternative all’insegnamento della religione cattolica – 9. Le sentenze del TAR Lazio n. 33433/2010 e n. 00924/2011. La piena equiparazione del docente delle attività alternative al docente di religione nelle valutazioni periodiche e finali degli alunni compiute dal consiglio di classe. Precisazioni sull’incidenza del giudizio degli insegnanti di religione cattolica - 10. Rilievi conclusivi. Il diritto soggettivo alla frequenza di corsi alternativi all’insegnamento cattolico e il significato simbolico del contenzioso sulla formazione del credito scolastico.

Scarica il testo completo in PDF

L’insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche tra amministrazione ecclesiastica e pubblici poteri. Brevi note sullo status dei docenti - di Michele Madonna

SOMMARIO 1. Premessa – 2. Il Codice del 1983 e la recente prassi concordataria della Santa Sede in Europa - 3. La vicenda italiana - 4. Osservazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Neutralità della scuola e ruolo dei genitori nelle attività extra-scolastiche - di Daniele Ferrari

SOMMARIO: 1. Introduzione – 2. Ordine pubblico, laicità, principio di non discriminazione, libertà di coscienza, libertà di religione e istruzione pubblica: un complesso quadro costituzionale – 3. Il genitore-accompagnatore può essere considerato un funzionario pubblico di fatto? – 4. Le fonti internazionali ed europee.

Scarica il testo completo in PDF

Droit à l’instruction et liberté de religion (art. 2 du Protocole n° 1 etart. 9 CEDH): Conventionalité de la présence des crucifix dans les salles de classe d’écoles publiques. - di Nicolas Hervieu

SOMMAIRE: 1. Introduction – 2. Les contraintes de conventionalité et la liberté étatique dans l’organisation de l’environnement scolaire: une articulation délicate pour les symboles religieux – 2.1. La soumission de l’aménagement de l’environnement scolaire à un minimum de contraintes de conventionalité – 2.2. La diversité européenne, source d’une large marge d’appréciation au profit des États – 3. Le principe conventionnel de neutralité: entre acrobaties jurisprudentielles et affaiblissement substantiel – 3.1. La minoration contestable de l’impact des crucifix exposés dans les salles de classe – 3.2. Que reste-t-il du principe de neutralité religieuse en matière scolaire? – 4. La portée du revirement.

ABSTRACT: In a particularly sensitive context, the Grand Chamber of the European Court of Human Rights has finally decided to reverse the solution adopted by the Chamber about the famous case Lautsi v. Italy (ECtHR, 2nd Sect. November 3, 2009, Lautsi v. Italy , Appl. No. 30814/06 – ADL’s November 3, 2009). By a majority of fifteen votes against two, the Grand Chamber refuses to condemn Italy for the presence of crucifixes in classrooms of its schools. Receptive to criticism of the solution in 2009, the Court decided to grant broad freedom to States regarding the presence of religious symbols in the school environment. But doing so, she carries out some acrobatics reasoning and reduces principle of neutrality. Lautsi v. Italy , Appl. No. 30814/06 – ADL’s November 3, 2009). By a majority of fifteen votes against two, the Grand Chamber refuses to condemn Italy for the presence of crucifixes in classrooms of its schools. Receptive to criticism of the solution in 2009, the Court decided to grant broad freedom to States regarding the presence of religious symbols in the school environment. But doing so, she carries out some acrobatics reasoning and reduces principle of neutrality.

Scarica il testo completo in PDF

Il problema della scuola - di Carlo Cardia

SOMMARIO: 1. Premessa. Contenuti e tematiche della trattazione - 2. La libertà della scuola. Un segno della diversità europea. Trattati e Convenzioni - 3. Legislazione e Concordati nazionali - 4. Le scuole dell’Unione Europea - 5. Insegnamento religioso e scuole pubbliche. Conferme ed evoluzione - 6. Multiculturalità, innovazioni, incertezze. La Corte di Strasburgo.

Scarica il testo completo in PDF

Il “Caso Lombardi Vallauri” dinanzi alla C.e.d.u.: una riscossa della libertà nella scuola? - di Marco Croce

La decisione della II sez. della Corte europea dei diritti dell’uomo del 20 ottobre 2009 sul “Caso Lombardi Vallauri”, pur manifestando un formale ossequio rispetto all’orientamento dell’unico precedente costituzionale in materia, introduce dei forti elementi di novità in rapporto alla dialettica libertà della scuola vs. libertà nella scuola.
Il quadro interno di riferimento entro cui si colloca tale vicenda è noto: con la s.n. 195/1972, emanata a seguito del “Caso Cordero”, la Corte costituzionale sancì, forse senza ponderare adeguatamente i termini delle sue affermazioni, che “non contrasta con l’art. 33 la creazione di università libere, che possono essere confessionali o comunque ideologicamente caratterizzate” e che dall’inquadramento fra le persone giuridiche di diritto pubblico “non consegue che dell’Università Cattolica siano state attenuate l’originaria destinazione finalistica e la connessa caratterizzazione confessionale”, per poi concludere che “negandosi ad una libera università ideologicamente qualificata il potere di scegliere i suoi docenti in base ad una valutazione della loro personalità ... (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Le ultime tendenze giurisprudenziali del Consiglio di Stato in materia ecclesiastica - di Paolo Moneta

SOMMARIO: 1. Gli insegnanti di religione nella scuola pubblica – 2. I docenti dell’Università cattolica – 3. Cerimonie ed attività di ispirazione religiosa nelle scuole – 4. Il crocifisso nelle aule scolastiche – 5. L’edilizia di culto – 6. Gli enti ecclesiastici – 7. L’accesso a documenti sanitari nelle cause di nullità di matrimonio – 8. Altri interventi del Consiglio di Stato: cappellani militari, velo islamico, finanziamento alle scuole non statali – 9. Osservazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Le scuole europee. Un modello di educazione multilingue e multiculturale - di Rita Benigni

SOMMARIO 1. Nascita ed evoluzione del sistema di Scuole europee - 2. L’organizzazione istituzionale tra decentralizzazione e conservazione dell’unità del sistema - 3. Il programma di studi europeo: una educazione multilingue e multiculturale. Il corso di morale non confessionale - 4. (segue) L’insegnamento della religione.

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” (a proposito di un intervento) - di Mario Tedeschi

L’intervento di Massimo Jasonni sul degrado del diritto ecclesiastico e sulla crisi della disciplina evidenziata da Giuseppe Casuscelli, mi sembra meriti particolare attenzione. Secondo Jasonni la crisi è indiscutibile ma non riguarda solo la disciplina quanto una “larga parte dell’Università italiana”, anche in seguito alle “sciagurate riforme legislative in atto” che hanno umiliato la scuola pubblica a vantaggio di quella confessionale. Quanto all’altra osservazione di Casuscelli che la disciplina non sia intervenuta “su temi pratici e attuali del rapporto tra Stato e Chiese”, attestandosi su “tematiche lontane dalla vita e dallo scontro sociale”, quali la libertà di religione e di coscienza, Jasonni non ritiene che ciò risponda al vero e che l’appello della ricerca, id est della materia, si sia impoverito. (Continua)
 

Scarica il testo completo in PDF

Il crocifisso nelle aule scolastiche in Italia. Una condanna annunciata della Corte Europea dei Diritti Umani - di Maria Gabriella Belgiorno de Stefano

SOMMARIO: 1. I simboli di appartenenza religiosa – 2. La sentenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo del 3 novembre 2009, sul caso Lautsi c. Italia (ricorso n° 30814/06) – 3. Conclusioni sul caso Lautsi c. Italia – 4. Le reazioni in Italia dopo la sentenza della Corte di Strasburgo – 5. Le conseguenze in Italia dell’eventuale definitività della sentenza della Corte europea del 3 novembre 2009 – 6. Dopo l’entrata in vigore del Trattato di Lisbona, nell’ambito dell’Unione Europea.

Scarica il testo completo in PDF

Qu’est ce que la liberté de conscience? Réflexions d’un publiciste à travers l’exemple du service public de l’Éducation nationale - di Stéphane Guérard

SOMMAIRE: 1. Qu’est-ce que la liberté de conscience? – 2. La définition étroite – 3. La définition large – 4. La variabilité de la liberté de conscience – 5. Un mariage de «raisons» (ou les raisons d’un mariage) – 5.a. L’affirmation du statut des enseignés - 5.b. Le devoir de réserves des enseignants - 6. Les déraisons d’un mariage – 6.a. La question du port du foulard islamique – 6.b. Le caractère propre des établissements privés sous contrats.

Scarica il testo completo in PDF

La via italiana all’incertezza costituzionale: il caso dell’ora di religione - di Nicola Colaianni

La sentenza del Tar del Lazio è figlia legittima della giurisprudenza costituzionale sulla natura dell’ora di religione cattolica (in seguito: i.r.c.) nelle scuole pubbliche: la sentenza 203/89, famosa perché affermò la laicità come principio supremo dell’ordinamento costituzionale, e il suo supplemento n. 13/1991. Qualche obiter dictum, qualche incauto (e contraddittorio) svolazzo, che pur vi si rinviene, come poi si vedrà, si deve solo ad un eccesso di parafrasi, non del tutto riuscita, delle sentenze della Corte. Ma il decisum non ne è che un’applicazione pratica, quasi sillogistica, ad ordinanze ministeriali che, incuranti e in violazione del diritto costituzionale vivente, si riagganciano impudentemente alla prassi e alla giurisprudenza amministrative, travolte appunto da quelle sentenze. Le ordinanze ministeriali in questione sono quelle che, anno per anno, disciplinano l’attribuzione dei crediti scolastici per gli esami di Stato. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Il Tar Lazio e i docenti della religione cattolica. Osservazioni a prima lettura - di Salvatore Prisco

SOMMARIO: 1. Il dispositivo della sentenza Tar Lazio, sezione III, n. 7076/2009 - 2. Il profilo essenziale della motivazione - 3. La decisione nei primi commenti emerodottrinali. Osservazioni critiche sul dibattito in corso.

Scarica il testo completo in PDF

La Corte Costituzionale della Repubblica Macedone dichiara illegittimo l’insegnamento della religione nella scuola pubblica - di Kristina Petrova Ivanova

SOMMARIO: 1. Caratteristiche delle leggi macedoni sullo status giuridico delle Chiese, delle comunità religiose e dei gruppi religiosi, e loro diritto di disporre di edifici di culto - 2. La legge sull’istruzione primaria e l’insegnamento religioso nella scuola pubblica primaria - 3. Ragioni del provvedimento - 4. La sentenza della Corte Costituzionale macedone.

Scarica il testo completo in PDF

Sul nuovo stato giuridico degli insegnanti di religione cattolica, con particolare riferimento alla loro mobilità - di Pierluigi Consorti

SOMMARIO: 1. Premessa generale: il quadro normativo di base - 2. I prerequisiti della idoneità e l’intesa con l’Ordinario diocesano - 2.1. Il riconoscimento dell’idoneità - 2.2. L’intesa con l’ordinario diocesano - 3. La mobilità nel quadro della normativa scolastica - 4. Uno sguardo alla giurisprudenza - 5. Conclusione.

Scarica il testo completo in PDF

La «supremazia» del principio di laicità nei percorsi giurisprudenziali: il giudice ordinario - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. I «perché» della ricerca – 2. I «come» della ricerca – 3. I «dati» della ricerca – 4. Il principio di laicità, l’interpretazione adeguatrice ed il diritto ecclesiastico positivo – 5. I rischi dell’interpretazione adeguatrice – 6. L’interpretazione adeguatrice e la discrezionalità del giudice – 7. I vincoli nell’attuazione del principio – 8. Le linee generali degli interventi della Corte di cassazione civile e dei giudici di merito – 9. L’ossequio formale al principio – 10. L’applicazione giurisprudenziale fatta dalle sezioni unite civili della Corte di cassazione … – 10.a) Il divieto di ingerenza nell’organizzazione delle confessioni religiose - 10.b) Libertà fondamentali, diritti assoluti e riparto della giurisdizione - 10.c) Pubblico, religioso e profili etici - 10.d) La potestà organizzatoria non conformata della Pubblica Amministrazione - 10.e) Ordine pubblico e delibazione - 11. (segue) … e dalle sezioni semplici – 11.a) La personalità giuridica privata degli enti di culto - 11.b) L’insegnamento della religione nella scuola pubblica e gli insegnanti - 11.c) Il lavoro dei religiosi presso l’associazione di appartenenza - 11.d) I diritti delle scuole confessionali e i diritti degli insegnanti - 11.e) Il riconoscimento del figlio naturale - 11.f) Il giuramento - 12. Uno sguardo riassuntivo.

Scarica il testo completo in PDF

Osservazioni a margine dell’IRC: la la valutabilità dell’insegnamento di“attività alternativa” al vaglio dei giudici amministrativi - di Matteo Gattaponi

SOMMARIO: 1. La fattispecie - 2. La valutabilità a fini concorsuali dell’ IRC e della ”attività alternativa”, nella giurisprudenza del Consiglio di Stato e della Corte costituzionale - 3. ”Attività alternativa” e dintorni, tra silenzi del legislatore, disciplina amministrativa e orientamenti del giudice - 4. Le conclusioni del TAR Lazio e del Consiglio di Stato sul caso di specie - 5. Alcune considerazioni finali.

Scarica il testo completo in PDF

La fine del confessionismo e la laicità dello Stato. Il ruolo della Corte costituzionale e della dottrina - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Il ruolo della Corte costituzionale – 2. Il ruolo della dottrina – 3. La lettura sistematica della giurisprudenza costituzionale – 4. La sentenza n. 203/89: la facoltatività soggettiva dell’insegnamento di religione cattolica – 5. Ascesa e declino del richiamo ad un principio supremo – 6. Il risarcimento della rottura costituzionale operata dall’art. 7 – 7. La laicità come valore e come principio – 8. Principî e regole: una digressione – 9. La laicità come principio di diritto positivo – 10. La sentenza da manuale sulla laicità: la n. 334/96 – 11. Il divieto di strumentalizzazione statale della religione – 12. Il divieto di strumentalizzazione ecclesiastica del diritto statale – 13. Principio di laicità e “principî non negoziabili” – 14. La laicità pluralista implementata dalla giurisprudenza costituzionale.

Scarica il testo completo in PDF

L’insegnamento della religione sotto il controllo della Corte Europea dei Diritti umani - di Maria Gabriella Belgiorno de Stefano

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. La Corte Europea, il diritto all’istruzione ed il confessionismo statale - 3. Il Caso “Folgero” contro Norvegia – 4. La Norvegia e la clausola di vocazione cristiana – 5. Il Caso “Hasan e Eylem Zengin contro Turchia” – 6. La Sentenze della Corte europea e la laicità degli Stati membri – 7. L’Italia e “la ex religione dello Stato”.

Scarica il testo completo in PDF

La nuova intesa con l’Unione Buddhista Italiana: una doppia conforme per il Sangha italiano - di Silvia Angeletti

SOMMARIO: 1. Nuovi accordi e aggiornamenti nel quadro delle intese - 2. Le novità in tema di obbligatorietà del servizio militare - 3. L’insegnamento religioso nella scuola pubblica - 4. Il diritto di istituire scuole e istituti di educazione - 5. L’interesse all’intesa, tra tempi della politica ed esigenze confessionali.

Scarica il testo completo in PDF

Formazione civile e formazione religiosa: la questione delle “scuole di tendenza” e l’Islam - di Marco Parisi

SOMMARIO: 1. Dalla “scuola dello Stato” alla “scuola delle autonomie” - 2. La “difficile” parità scolastica nel sistema nazionale d’istruzione e la liceità di scuole islamiche parificate - 3. Il soddisfacimento delle esigenze dei gruppi etnico-sociali di recente insediamento nelle nuove modalità istituzionali di organizzazione dell’istruzione.

Scarica il testo completo in PDF

Consideraciones en torno al status jurídico de los profesores de religión católica (comentario de la STC 38/2007) - di Agustín Motilla

SOMMARIO: 1. Antecedentes: el largo y tortuoso camino hacia la delimitación del status profesional - 2. Planteamiento del recurso de inconstitucionalidad - 3. Algunas cuestiones previas a la resolución del fondo - 4. La compatibilidad del régimen del profesorado de religión católica con la aconfesionalidad del Estado. -5. La revisión judicial del procedimiento de designación de los profesores de religión católica - 6. Limitaciones al derecho de libertad religiosa de las personas que trabajan como profesores de religión - 7. Consideraciones finales.

Scarica il testo completo in PDF

Parità scolastica, educazione religiosa e scuole islamiche: problemi e prospettive - di Marco Parisi

SOMMARIO: 1. Introduzione -2. Decentramento amministrativo e funzionale, autonomia degli istituti scolastici e tutela del pluralismo culturale - 3. Il pluralismo culturale nei nuovi strumenti istituzionali - 4. Parità scolastica, scuole confessionali islamiche e rispetto degli standards statali: compatibilità ed aporie.

Per un diritto di libertà di religione costituzionalmente orientato - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Premessa: legge e intese - 2. Insufficienze della p.d.l. – 3. L’obiettivo da perseguire - 4. La libertà di religione e i suoi limiti – 5. La laicità – 6. La libertà di religione negativa: ateismo e agnosticismo – 7. Le organizzazioni filosofiche e non confessionali – 8. Norme finanziarie (deduzioni offerte ed otto per mille) – 9. Confessioni con intesa e senza intesa: illegittimità della distinzione – 10. La personalità giuridica – 11. Il matrimonio - 12. Le classi religiosamente omogenee - 13. Simboli religiosi - 14. L’architettura della p.d.l.- 15. Conclusione.

Scarica il testo completo in PDF