Rivista telematica (www.statoechiese.it)
Online dal gennaio 2007
Menu

Articoli in Intese e altri accordi

I rapporti con l’Islam italiano: dalle proposte d’intesa al Patto nazionale - di Claudia Morucci

SOMMARIO: 1. Breve premessa - 2. L’ininterrotto dialogo tra il Governo e le comunità islamiche italiane - 3. Il “Patto di condivisione” della Città di Torino e il “Patto nazionale per un Islam italiano” - 4. L’Italia e le misure di contrasto al terrorismo - 5. Conclusione.

The relationship with Italian Islam: from the proposals of ‘Intesa’ to the ‘Patto nazionale

ABSTRACT: According to statistics, Muslims living in Italy are currently just over 1.6 million. However, despite this significant presence of Muslims on the national territory, the vast world of Islamic associations has not yet managed to sign an Intesa, an agreement that religious minorities can establish to regulate their relations with the Italian state. The reasons why Islam does not have an agreement are mainly two: the absence of an authoritative subject, representative of Italian Islam, able to act as an interlocutor with state institutions and the incompatibility between Islamic cultural values and those of a secular state. Nevertheless, covering all the stages of dialogue between the Italian government and the Islamic associations from the nineties until the conclusion of the Patto nazionale (2017), this work aims to show that the condition of legal vacuum depends on unfounded prejudices towards Islamic culture and on the lack of political will to come to terms with Islam.

Scarica il testo completo in PDF

L’iter delle intese sui rapporti Stato-confessioni ristretto fra discrezionalità politica e insicurezza presunta - di Fortunato Freni

SOMMARIO: 1. Il ruolo di Parlamento e Governo nella modifica del Concordato lateranense e nell’elaborazione delle intese con le confessioni acattoliche - 2. La prassi instaurata per l’iter di stipulazione delle intese - 3. La discrezionalità del Governo all’avvio delle trattative e il caso dell’UAAR - 4. Il concetto di confessione religiosa parte di un’intesa - 5. I limiti e le garanzie costituzionali nell’uso delle intese - 6. Anomalie tra normativa bilaterale e normativa unilaterale: intese-fotocopia e diritto comune “para-pattizio” - 7. La differenza fra le trattative per un’intesa e la negoziazione normativa - 8. La presunta minaccia del fondamentalismo religioso e il senso d’insicurezza instillato a fini politici.

The proceding of agreements on relations between State and religious denominations is restricted between political discretion and alleged insecurity

ABSTRACT: The present essay analyzes the procedure aimed at stipulating agreements on relations between the state and religious denominations considering the new elements introduced by the UAAR case. The Italian Union of Atheists and Agnostics is the protagonist of a long-standing case law case, because the Government has rejected the request for access to negotiations that allow to verify in concrete whether the conditions exist for concluding an agreement pursuant to in the third paragraph of the article 8 of the Constitution

Scarica il testo completo in PDF

L’accesso dei ministri di culto islamici negli istituti di detenzione, tra antichi problemi e prospettive di riforma. L’esperienza del Protocollo tra Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria e UCOII - di Silvia Angeletti

SOMMARIO: 1. L’Islam tra le mura del carcere: le ragioni di un intervento, gli obiettivi del Protocollo - 2. Uno spiraglio di libertà: la fede in regime di detenzione, le garanzie normative e le risposte alla diversità religiosa - 3. Mediatori o ministri di culto? Un ruolo ‘sospeso’ tra definizioni giuridiche e prassi - 4. Visitate i detenuti: La questione dell’ingresso negli istituti detentivi, criticità applicative e novità del Protocollo - 5. Conclusioni.

Granting Islamic religious ministers admission to prisons, amid long-lasting issues and reformation perspectives. The Agreement between the Prison Administration Department and the Islamic Communities Union.

ABSTRACT: As religious diversity in Italian prisons grows, accommodating prisoners’ religious needs tries legal paradigms and instruments out. In 2015 the Prison Administration Department signed an agreement with UCOII, one of the largest Islamic associations in Italy, in order to grant admission in prisons to intercultural mediators and religious ministers. This article seeks to situate the covenant in the wider context of the Italian legal protection of religious freedom in prison, highlighting three main purposes of the agreement: providing Islamic prisoners with religious assistance, enforcing rehabilitative programs and combating violent radicalization in jail. After two years the experience has shown good evidences. Nonetheless, contended issues still remain unsettled. While evaluating feasible solutions, the article advocates a legislative intervention that could assess criteria and procedures for religious ministers’ access to prisons fulfilling the principle of equality and non-discrimination.

Scarica il testo completo in PDF

La tutela dell’identità delle minoranze religiose deve potersi avvalere di “un giudice e un giudizio” (ancora sulla sentenza della Corte costituzionale n. 52 del 2016) - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1- La qualificazione giuridica è attribuzione costituzionale esclusiva del potere giudiziario - 2. La qualificazione giuridica delle confessioni religiose … - 3. (segue) e il loro diritto all’identità - 4. L’espediente del “doppio binario” - 5. L’insopprimibile garanzia della tutela giurisdizionale dei diritti è (ancora) principio supremo dell’ordinamento costituzionale - 6. Il petitum del ricorso per conflitto di attribuzioni tra poteri dello Stato, e l’obbligo di attenersi al thema decidendum - 7. I poteri del Governo nell’esame dell’istanza di accesso all’intesa - 8. Le improvvide conseguenze dell’avere ritenuto il diniego governativo “atto politico”: dal “pluralismo aperto” al “pluralismo discrezionalmente regolamentato”.

For the protection of their identity, religious minorities should have “a judge and a judgment” at their disposal (again on the judgment of the Constitutional Court no. 52 of 2016)

ABSTRACT: The article links the theme of the legal qualification of an association that calls itself a “religious confession” in order to have relationships with the State, according to the provisions laid down in the third paragraph of art. 8 of the Constitution, with the theme of the right of religious minorities to have an identity. It intends to prove that the document that the government issues in order to deny such a qualification is not a “political action” exempt from the control of the judicial authority, contrary to ruling no. 52 of 2016 of the Constitutional Court. The identity of religious minorities is protected by the guarantees offered by art. 24 of the Constitution, from which the Constitutional Court draws the supreme principle of jurisdictional protection of rights, the foundation of any democratic system, that guarantees to all, for any dispute, “a judge and a judgment”.

Scarica il testo completo in PDF

Una “nuova stagione” per l’atto politico? Alcune riflessioni tra teoria e prassi costituzionale - di Paolo Zicchittu

SOMMARIO: 1. Il “ritorno” dell’atto politico: la stipulazione delle intese con le confessioni religiose - 2. Le origini dell’atto politico tra acte de gouvernement, act of State, political question e acto de gobierno - 3. Gli sviluppi dell’istituto nell’Italia liberale - 4. L’atto politico alla prova della Costituzione - 5. Il ruolo del giudice delle leggi: alcuni casi paradigmatici - 6. Un consuntivo della giurisprudenza costituzionale in tema di atto politico: l’atto di governo come tecnica di giudizio.

Is there a “new era” for the act of State in Italy? Some remarks between constitutional theory and practice

ABSTRACT: The act of State in the Italian legal system seems now to be heading for a kind of “second drawing”. Starting from the recent judgment n. 52/2016, adopted by the Italian constitutional Court with reference to the agreement between Government and the so-called UAAR, the essay scrutinises the evolution of the act of State in Italy compared to the principles of the constitutional “rule of law”. The analysis deals with both theory and practice, focusing in particular on the approach adopted by the Italian constitutional jurisprudence in order to address political questions.

Scarica il testo completo in PDF

Osservazioni sulla proposta di legge “Norme in materia di libertà di coscienza e di religione” elaborata dal gruppo di lavoro coordinato dalla Fondazione ASTRID - di Gianfranco Macrì

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Crisi e persistenza del modello pattizio. Riscrivere la trama della libertà religiosa in Italia - 3. Una proposta “flessibile” orientata alle differenze e all’interazione - 4. I nuovi confini della libertà religiosa della persona - 5. La libertà di coscienze e di religione del minore - 6. Scuola pubblica, libertà religiosa e “nuovi spazi” di confronto per tutti: quello che serve e quello che la proposta non dice - 7. L’integrazione attraverso il lavoro - 8. Assistenza spirituale e libertà di manifestazione del pensiero - 9. Gli spazi della libertà religiosa e i “luoghi della memoria” - 10. Ministri di culto e non solo - 11. Per una libertà religiosa collettiva veramente democratica: rilievi critici - 12. La società cambia, la legge dello Stato arranca, il matrimonio “canonico” resta - 13. Intese per tutti? - 14. Quello che manca nella proposta di legge – 15. Conclusioni.

Remarks on the Bill Proposal "Norms on Freedom of Conscience and Religion" Made by the Working Group Coordinated by the Astrid Association

ABSTRACT: This contribution is a comment on the draft law on religious freedom proposed by some scholars of the ASTRID Foundation. The law is proposed in the context of a national and European political environment, which is constantly changing and evolving. This analysis is focused on some specific aspects of the proposal, by assessing their limits and their potential offers some theoretical reflections with the aim of contributing to a scholarly and intellectual debate, which should offer arguments, aimed at promoting and protecting fundamental freedoms and rights as envisaged by the Constitution.

Scarica il testo completo in PDF

Le proposte di legge Santanchè-Palmizio sul registro delle moschee e l’albo degli imam: un tentativo di refurbishment della legge n. 1159/1929? - di Antonello De Oto

SOMMARIO: 1. Il contenuto delle proposte di legge c. 2976 e c. 3421 (Garnero Santanchè e Palmizio) e i profili di incostituzionalità - 2. La necessità politico-normativa di un altro approccio agli Islam. Rivitalizzazione dello strumento delle Intese e legge generale sulla libertà religiosa come antidoti alla lenta deriva del riassetto normativo della legge sui culti ammessi - 3. Allegati.

The law Santanchè-Palmizio proposals about the Mosques and Imams register: a refurbishment attempt of the law n.1159 / 1929?

ABSTRACT: The article examines and comments the contents of the legislative proposals c. 2976 and c. 3421 (Garnero-Santanchè and Palmizio) and their unconstitutionality profiles . At the end of this parliamentary term, this examination is also the basis for thinking about political and normative necessity of another approach to Islam and, at the same time, revitalizing the Agreements instrument and the general law of religious freedom, so that they can constitute a concrete antidote to the slow and creeping drift of the normative reorganization of the law on the admitted cults.

Scarica il testo completo in PDF

Intendersi sulle intese - di Fulvia Abbondante Salvatore Prisco

SOMMARIO: 1. Premessa: la richiesta di intesa con lo Stato dell’Unione degli Atei, Agnostici e Razionalisti - 2. Le tappe successive di una emblematica vicenda giudiziaria - 3. L’eticizzazione del diritto tra riconoscimento costituzionale dei “valori”, sviluppi della tecnologia, circolazione transnazionale dei diritti e ruolo supplente della giurisprudenza - 4. Dalle religioni tradizionali ai “nuovi culti”: un breve panorama socio-culturale del fenomeno e dei suoi riflessi giuridici - 5. Le confessioni religiose tra politica e diritto: un approccio problematico al caso italiano - 6. Politica e giurisdizione nelle intese di cui all’art. 8, terzo comma, e in quelle di cui all’art. 116, terzo comma, della Carta costituzionale.

The agreements with State of organized religious groups as juridical problem

The paper, starting from the recent decision of Italian Constitutional Court no 52/2016 which denies the obligation of the Government to begin a negotiation with an atheistic group which wanted to reach an agreement with state according to art. 8, 3, of the Italian Constitution, examines the Italian Constitutional jurisprudence and doctrinal debate about the definition of organized religious group and about the political nature of the governmental power in starting agreement with the State.

Scarica il testo completo in PDF

Intese: il caso dei Testimoni di Geova - di Corinne Maioni

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Le due mancate intese e la discussione parlamentare – 3. L’art. 8 cpv. Cost. e il limite del non contrasto con l’ordinamento giuridico – 4. Alcune riflessioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

La libertà di religione in Italia dieci anni dopo - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Indivisibilità delle libertà – 2. Imprescindibilità della giurisdizione – 3. Libertà negativa: a) legislazione – 4. (segue:) b) giurisdizione – 5. Libertà positiva – 6. Pluralismo – 7. Diritto ecclesiastico futuro.

Scarica il testo completo in PDF

La proposta di legge in materia di libertà religiosa nei lavori del gruppo di studio Astrid. Le scelte operate in materia matrimoniale e per la stipulazione delle intese - di Sara Domianello

Tenterò di rispondere a due interrogativi: Perché un intervento legislativo in materia di matrimonio e di intese? E quale intervento potrebbe offrire garanzie costituzionalmente adeguate alle istanze di tutela registrate oggi in tali particolari materie? La risposta alla prima domanda coincide, in parte, con le ragioni per le quali ho accettato l’invito a partecipare al gruppo di lavoro che la Fondazione Astrid ha costituito, sotto il coordinamento del prof. Zaccaria, in vista della promozione di un completo, ossia più esaustivo adeguamento a Costituzione della disciplina nazionale in materia di libertà di coscienza e religione. A giudizio largamente condiviso, infatti, la normativa vigente registra criticità costituzionalmente rilevanti almeno su due fronti. Uno è quello dell’applicazione, pur residuale, della legge sui culti ammessi, vecchia, prima e oltre che anagraficamente, nei suoi contenuti normativi e nel suo DNA, incompatibili con la forma costituzionale dell’Italia repubblicana. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Islam e costituzionalismo - di Nicola Fiorita Donatella Loprieno

SOMMARIO: 1. Una breve premessa - 2. La “strategia” del Giudice delle leggi - 3. La strategia del “binario speciale” - 4. La strategia leghista del “razzismo istituzionale” - 5. Il ritorno alle Intese (ovvero la strategia dalemiana) - 6. Le questioni aperte - 6.1. Intesa no, però … - 6.2. Intesa si, però… - 6.3. Quali i possibili contenuti di una Intesa? - 6.4. E in attesa dell’Intesa? - 7. Meno Regioni più Stato, meno cooperazione più partecipazione?

Scarica il testo completo in PDF

Principio pattizio e garanzia dell’eguaglianza tra le confessioni religiose: il punto di vista della Consulta nella sentenza n. 52 del 2016 - di Marco Parisi

Sommario: 1. Introduzione - 2. L’attuazione del principio pattizio tra esigenze politiche del Governo e tutela giurisdizionale dei diritti - 3. Diniego di avvio delle trattative, qualificazione religiosa dei soggetti istanti e uguale libertà: i nodi problematici e le soluzioni.

ABSTRACT: The judgment no. 52/16 of the Constitutional Court has related to a conflict of powers between branches of State, in particular between the Council of Ministers and the Supreme Court, canceling the judgment of the Supreme Court (judgment no. 16305, June 28, 2013) with which it was established the syndicatability to the courts of the government resolution which had been denied to the Union of Atheists and Rationalist Agnostics the opening of negotiations for the signing of the agreement, in accordance with Article 8, third paragraph, of the Constitution. In reaching that conclusion, the Constitutional Court considered necessary some considerations relating to the nature and the meaning that, in our constitutional system, assume the agreement for the regulation of relations between the state and the non-Catholic religious denominations. At the same time, the Judge of the Laws has also been called upon to interpret the first paragraph of Article 8, which, in stating that all religions are equally free before the law, exclude that the State can foster the expansion of a religious group compared to the others.

Scarica il testo completo in PDF

La garanzia dell’«intesa» nell’art. 8 Cost., terzo comma - di Vincenzo Cocozza

SOMMARIO: 1. Alcuni significativi interventi dei Giudici sul procedimento previsto dall'art. 8, terzo comma, Cost. - 2. La sentenza della Corte costituzionale 10 marzo 2016, n. 52 - 3. Le motivazioni a sostegno di differenti conclusioni - 4. Intesa, libertà, eguaglianza fra confessioni.

Scarica il testo completo in PDF

Carta bianca al Governo sulle intese con le confessioni religiose (ma qualcosa non torna) - di Giovanni Di Cosimo

SOMMARIO: 1. Prassi – 2. Intese, eguale libertà, diritto di autorganizzazione – 3. Responsabilità politica – 4. Limiti legislativi e costituzionali – 5. Rapporti politici – 6. Zona franca.

Scarica il testo completo in PDF

Pluralismo giuridico e libertà confessionali - di Pasquale Lillo

Sommario : 1. Il fattore religioso nell’art. 2 della Costituzione italiana – 2. Pluralismo partecipativo e principio di bilateralità – 3. Le libertà costituzionali delle confessioni religiose – 4. Le restrizioni dell’art. 2 della Costituzione alle libertà confessionali.

Scarica il testo completo in PDF

Passato e futuro della minoranza musulmana in Italia, tra islamofobia e pluralismo pragmatico-giuridico - di Giancarlo Anello

SOMMARIO: 1. La condizione giuridica dell’Islam italiano, note introduttive - 2. Le “ortoprassi” islamiche nell’area di sovrapposizione col diritto comune - 3. Critica della prospettiva d’intesa unitaria, vista ex partibus infidelium e ipotesi giuridica per una “concertazione diffusa d’intese”.

Past and Future of the Muslim Minority in Italy, between Islamophobia, and Legal (Pragmatist) Pluralism.

ABSTRACT: This article addresses the legal condition of the Muslim minority in Italy, considering the progressive development of the sociological situation of various Muslim communities, approaching to Italy from different Islamic countries (from Morocco to Somalia, from Tunisia to Egypt) in the last 20 years. More in detail, the paper analyzes the current limits in the application of the constitutional norms concerning the agreements of cooperation (called “intese”) and Islam, and proposes an alternative and diffuse system of local agreements more fitting with the Islamic political tradition as well as with the fundamental rights of the faithfuls, in an even more parochial and multifaceted society.

Scarica il testo completo in PDF

Libera scelta del Governo l’avvio di trattative finalizzate alla stipulazione di intesa con confessione religiosa ai sensi dell’art. 8, terzo comma, Cost. - di Marco Canonico

Sommario : 1. Le vicende precedenti - 2. La sentenza della Corte costituzionale 10 marzo 2016 n. 52 - 3. Considerazioni a margine della decisione.

Scarica il testo completo in PDF

La decadenza del “metodo della bilateralità” per mano (involontaria) degli infedeli - di Nicola Colaianni

Sommario : 1. Lo strano caso di una non-confessione religiosa che fa domanda di un’intesa con lo Stato. – 2. L’obbligo, comunque, di avviare le trattative … – 3. … e la semplice facoltà di concluderle – 4. La discrezionalità politica anche nell’avvio delle trattative – 5. Il riequilibrio del rapporto tra legge comune e intese – 6. La causa delle intese – 7. Il diritto comune unilaterale come garanzia dell’eguale libertà – 8. Il “metodo della bilateralità” confinato nell’angolo della produzione giuridica.

Scarica il testo completo in PDF

Le intese tra conferme e ritocchi della Consulta e prospettive per il futuro - di Pierangela Floris

SOMMARIO: 1. Introduzione – 2. Uguale libertà e intese – 3. Il riconoscimento di una confessione tra accertamento in via incidentale e in via principale – 4. L’avvio del procedimento d’intesa e la discrezionalità politica.

Scarica il testo completo in PDF

La Corte costituzionale torna protagonista dei processi di transizione della politica ecclesiastica italiana? - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. Due sentenze che rompono un silenzio durato un decennio – 2. La portata del principio affermato dalla sentenza n. 52 del 2016: dal riconoscimento del “diritto a negoziare” l’intesa alla (ribadita) insindacabilità dell’atto di avvio delle trattative – 3. Le ragioni poste a base della decisione della Corte – 4. La libertà di culto di fronte alla rinnovata attenzione per le esigenze di “sicurezza” della collettività nella sentenza 63 del 2016 – 5. “Eguale libertà” vs “libertà diversamente graduata” – 6. I riflessi della pronunzia n. 52 del 2016 sul problema della qualificazione del gruppo come “confessione religiosa” – 7. Le oscillazioni della Corte in tema di “laicità” e le criticità emergenti del diritto ecclesiastico italiano.

The Constitutional Court once again the leading character of the transition processes of the Italian ecclesiastical politics?

ABSTRACT: The present essay analyses the impact of the 2016 Constitutional Court judgements n. 52 and n. 63 on the very “identity”of Italian Ecclesiastical Law, which is characterized by the principles of secularism, equal freedom of religious denominations and by a system of agreements aimed at regulating the specifities of the different religious groups. According to the Author, because of the inactivity of the Legislator, the Constitutional Court is compelled to play a substitute role in searching a satisfactory balance between all these elements and the very settlement of some basic trends in Ecclesiastical Law, as such a subject has to face increasingly new challenges and emerging problems in the management of the religious factor.

Scarica il testo completo in PDF

Interpretazione assiologica, principio di bilateralità pattizia e (in)eguale libertà di accedere alle intese ex art. 8, terzo comma, Cost. - di Jlia Pasquali Cerioli

SOMMARIO: 1. La sentenza n. 52 del 2016 della Corte costituzionale – 2. La portata assiologica (e non meramente procedimentale) del principio di bilateralità pattizia – 3. Valenza assiologica e profili attuativi nell’esercizio della bilateralità pattizia – 4. L’isolamento della dinamica bilaterale dalla promozione di un effettivo pluralismo confessionale – 5. Brevi annotazioni finali- 6. Appendice.

Scarica il testo completo in PDF

L’insegnamento religioso nella scuola pubblica italiana: una tradizione da rinnovare - di Paolo Cavana

SOMMARIO. – 1. L’insegnamento religioso nella scuola pubblica italiana: un elemento di continuità nell’evoluzione storica – 2. Insegnamento religioso e modelli di scuola pubblica – 3. L’attuale disciplina dell’insegnamento religioso nella scuola pubblica italiana - 4. Lo stato giuridico dei docenti di religione - 5. La normativa delle Intese - 6. Le sfide attuali, tra motivi di continuità ed esigenze di rinnovamento – 7. Prospettive di riforma e spunti ricostruttivi – 8. La proposta di un insegnamento aconfessionale di religione - 9. Due piccole proposte: l’“education about religion” e il superamento dello “stato di non obbligo” – 10. Osservazioni conclusive.

Religious education in State schools in Italy: a national heritage to innovate

ABSTRACT: This paper examines, in the context of the country’s increasing religious diversity and the growing presence of religion in the public sphere, the regulation of religious education in public and State schools according to the Italian system of law. The latter actually provides an opt-in state-funded Catholic religious education together with the possibility of organizing optional religious education for all recognised denominations holding an agreement with the State. After some preliminary remarks on the origins and current contents of this legal framework, which reflects a difference of treatment among religions due to the cultural and historical background of the country, the paper focuses on some reform schemes that have been recently put forward. In particular, it examines in some detail the one concerning the introduction of a compulsory non-denominational course on religions, taking into consideration the pros and cons of each one. In the end it makes some conclusive remarks on the line of decisions of Italian courts on the issue and the impact of religious education as a whole upon the state schools’ system in Italy.

Scarica il testo completo in PDF

Prospettive di un’intesa con le comunità islamiche in Italia - di Paolo Cavana

Sommario : 1. Premessa - 2. L’Islam in Italia: una confessione religiosa non riconosciuta. - 3. La preliminare questione dei diritti - 4. Islam e questione immigratoria - 5. Natura delle comunità islamiche e laicità dello Stato - 6. Alcuni problemi sui contenuti di un’eventuale intesa - 7. Il pericolo di fughe in avanti - 8. Ostacoli da superare. Il problema dei luoghi di culto - 9. Una piccola proposta: le associazioni con finalità (o oggetto) mista - 10. La questione della rappresentatività. La proposta di una consulta dell’Islam italiano - 11. Il dialogo e la collaborazione a livello locale - 12. Osservazioni conclusive.

Muslim Organisations in Italy: perspectives on an Agreement with the State

ABSTRACT: This paper examines the legal framework of Muslim communities in Italy in order to check the requirements needed to reach an agreement with the State, as envisaged by the Italian Constitution for denominations other than Catholicism, whose relations with the State “are regulated by law, based on agreements with their respective representatives” (Art. 8, co. 3, Const.). Nowadays the problem is a key issue in current political debates both in Italy and in most European countries. This type of agreement could not only promote the social and cultural integration of Muslim communities into society, but also help isolate Islamic terrorists and their supporters in immigrate communities and fight them better. Given that in Italy Muslim communities and their members, including foreign ones, already enjoy all the civil and social rights that are granted by the Constitution to citizens and social groups, the analysis maintains that reaching such an agreement would be for the moment premature, on the basis of a number of reasons. Among these are the following: the deep divisions existing both within and among these communities, due to different ethnic and religious origins and settlement periods in Italy; the difficulty on behalf of the State to identify a reliable negotiating partner (or more than one) who really represents such communities and does not depend from foreign States. Last but not least the very nature of such an agreement appears to be questionable. In fact, on one hand it would bring relevant advantages and public funding but on the other it would also need an unconditional acceptance of human rights and of the fundamental principles of the Italian law system - among which the equality between men and women and State secularism - which still has to be fully acknowledged within these communities.

Scarica il testo completo in PDF

Un passo indietro sul fronte dei diritti di libertà e di eguaglianza in materia religiosa [?] - di Sergio Lariccia

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. La corte ritiene ammissibile l’intervento, nel giudizio costituzionale, dell’associazione privata degli atei e degli agnostici razionalisti. Funzione e importanza dei gruppi sociali organizzati per l’affermazione dei diritti verso e contro le religioni – 3. L’uaar può essere considerata una confessione religiosa? – 4. Non è ammesso un controllo giurisdizionale sulle decisioni del consiglio dei ministri riguardanti l’avvio delle trattative per la stipulazione di eventuali intese tra una confessione religiosa e lo Stato. Ma “ci sarà pure un giudice a Berlino!” – 5. Potere politico, potere amministrativo e potere giurisdizionale in tema di diritti dei gruppi religiosi in Italia – 6. Ragioni della politica e ragioni del diritto: una scelta metodologica . Dubbi, nella fattispecie, sul ruolo del parlamento come organo di garanzia che esercita il controllo sul governo – 7. 2 aprile 1966: il ricordo di una giornata particolare di cinquant’anni fa.

Scarica il testo completo in PDF

Conscientious Objection and the Treaty with the Holy See and other registered Churches - di David Durisotto


I would like to focus on two connected points on the legal framework for conscientious objection. First, the peculiarity which concerns the effective exercise of that right, and second, the particular instrument regulating the relations between churches and State, concerning the system of agreements with the various denominations present in the State.
1 - Religious objection can lead to a refusal to comply with obligations imposed by State laws, which are deemed conflicting with higher
imperatives that the objector cannot waive. Such refusal may be based on religious grounds, but also ethical or ideological. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

I ministri di culto delle confessioni religiose di minoranza: problematiche attuali - di Matteo Carnì

SOMMARIO : 1. I ministri di culto nell’ordinamento giuridico italiano - 2. I ministri di culto delle confessioni religiose dotate di intesa - 2.1. (segue) L’individuazione dei ministri di culto - 2.2. (segue) L’assistenza spirituale nelle strutture segreganti - 2.3. (segue) Il matrimonio celebrato dai ministri di culto - 2.4 (segue) Problematiche attinenti ai ministri di culto buddhisti – 3. I ministri di culto delle confessioni prive di intesa - 3.1. (segue) In attesa della legge di approvazione: i ministri di culto della Congregazione cristiana dei Testimoni di Geova - 3.2. (segue) Islam e ministri di culto - 4. Osservazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Imams and other Religious Authorities in Italy - di Francesco Alicino

SUMMARY: 1. Introduction – 2. The Relationship State-Confessions and Religious Ministers – 2.1. The “Common” Legislation of intese and the 1929 Act – 2.2. State’s Law and Religious Ministers – 3 . Imam in Italy. Is that a Religious Minister? – 3.1. The Connection State-Islamic Organizations – 3 .2. Islamic Groups as Religious Denominations – 3.3. The Bilateral Legislation – 3.4. A Possible Collaboration – 4. Conclusion.

ABSTRACT: In Italy imams are more than 800 members. As imams, they are almost all self-taught people. As citizens, most of the times they have a precarious job. During the week, they normally take care of things other than religion. They perform religious functions in their spare time. Moreover, to see them working as imams, you have to go down in some underground parking or in apartments converted into mosques, where sometimes you see minaret and other Islamic symbols, but only in either the picture or in the paintings hanging on the wall. In the end of the day, we know little or almost nothing about imams. Besides, the Italian law normally do not recognise them as religious authorities. Nevertheless, as imams they play a very important role in local Muslim communities that, under the pressing process of immigration, hold nowadays more than two millions persons. The paper will analyse the status of Islamic imams in Italy, comparing them with the status of other religious authorities (priests, rabbis, pastors ecc.). In particular, this comparative perspective will be focused on both angles: on the one hand, the research will compare the role of imams with those of religious authorities within their respective community; on the other, we will compare imams with considered the different way through which Italian law treats both imams and other religious authority . This perspective will give us a possibility to underline how both the social context and the Italian legal framework (regulating the State-religions connexions) manage religious claims.

Scarica il testo completo in PDF

Associazionismo ateista e accesso all’Intesa con lo Stato. Riflessioni a margine della sentenza n. 7068 del 2014 del Tar Lazio - di Marco Parisi

Sommario : 1. Introduzione - 2. L’UAAR e il lungo percorso giudiziario verso la richiesta d’Intesa: l’approdo della sentenza n. 7068 del 2014 del Tar Lazio - 3. Associazionismo ateistico e confessioni religiose: la difficoltà dell’inserimento in una categoria inflazionata - 4. Conclusioni.

ABSTRACT: The attention given by the constituent Assembly to the individual and associated way of enjoying the religious freedom, in the logic of protection of the spiritual interests of the human person, should be such as to promote, as a natural consequence of this basic structure of the Constitution, a balanced system in relation to the official contacts between the State and the religious denominations. However, there is the fact of public policies excessively benevolent towards some religious denominations, which causes damage to the affirmation of equal freedom for all individuals, regardless of their cultural orientation, religious or non-religious it is. With the visible manifestation of the atheism (in a public and associated way), doctrine and jurisprudence are called to identify the most appropriate forms of legal protection for some specific group experiences, related, in any case, in the broadest sense, to the religious and spiritual dimension of human life. pdf

Scarica il testo completo in PDF

Le “confessioni religiose” possono essere atee? Alcune considerazioni su un tema antico alla luce di vicende nuove - di Emanuele Rossi

1 - Il tema del rapporto tra Costituzione e fenomeno religioso può essere analizzato e sviluppato in almeno due direzioni fondamentali: la Costituzione e la libertà religiosa da un lato; la Costituzione e le confessioni religiose dall’altro. In questa sede mi limiterò a ragionare sulle difficoltà di definire cosa sia una “confessione religiosa”, ribadendo peraltro preliminarmente quanto questo apparentemente limitato tema - relativo alla dimensione collettiva della libertà religiosa - sia strettamente connesso al profilo della libertà individuale. (segue)

Scarica il testo completo in PDF

Concordati e intese, diritto pattizio e diritto comune: le diverse possibili declinazioni dinanzi alle trasformazioni delle confessioni religiose e della società civile - di Giovanni B. Varnier

SOMMARIO: 1. Una riflessione introduttiva – 2. La crisi della sovranità e dello Stato nazionale – 3. Lo sbandamento della Chiesa cattolica – 4. La finalità più sociale che cultuale del fenomeno religioso – 5. L’antinomia tra enunciato e comportamenti – 6. I paradossi della contemporaneità e il conseguente superamento delle sistematiche tradizionali – 7. Il contributo della dottrina ecclesiasticistica – 8. La necessità di fare il punto, con la speranza di ripartire – 9. Per un diverso regolamento della normativa relativa al fenomeno religioso.

Scarica il testo completo in PDF

L’affaire dell’U.A.A.R.: da mera querelle politica ad oggetto di tutela giudiziaria - di Salvatore Berlingò

SOMMARIO: 1. Il contesto socio-culturale – 2. Questioni di metodo - 3. I prodromi della controversia sull’ “atto politico” - 4. La prospettazione del “fatto” nelle ultime istanze di giudizio. Il Consiglio di Stato: dalla delimitazione dell’insindacabilità dell’atto… - 5. Segue :… alla prefigurazione della piena ed effettiva tutela dell’interesse ad agire - 6. Le Sezioni Unite della Cassazione e l’inquadramento della fattispecie nella cornice della laicità dello Stato - 7. Il principio dell’eguale libertà delle Confessioni assunto a canone di legalità costituzionale - 8. I possibili esiti giudiziari ulteriori della questione - 9. Il procedimento di formazione e conclusione delle Intese - 10. Nuovi indirizzi di politica legislativa in materia ecclesiastica?

The U.A.A.R. affaire: from a political querelle to a case law

ABSTRACT : Even if in view of an academic act, the author believes to have to insist on the practical function of the Law that, as in the case of the U.A.A.R., develops most frequently in the case law. The role played by the judicial courts in the case examined, as well as in more and more recurring hypothesis in the current socio-cultural context, should not be taken by the doctrine and policy as an excuse to abdicate their responsibilities as much essential in order to provide an adequate protection for fundamental human rights related to the exercise of the freedom of religion.

Scarica il testo completo in PDF

Accesso alle intese e pluralismo religioso: convergenze apicali di giurisprudenza sulla “uguale libertà” di avviare trattative ex art. 8 Cost., terzo comma - di Jlia Pasquali Cerioli

SOMMARIO: 1. La sentenza n. 16305 del 2013 delle Sezioni Unite: un caso di “eccezionale novità” – 2. Atto politico e materia religiosa – 3. Accesso agli status promozionali e giurisprudenza di Strasburgo – 4. Apertura delle trattative e assenza di legislazione “specifica” – 5. Laicità, pluralismo e bilateralità pattizia: le intese come strumenti di “attuazione” dell’uguale libertà – 6. I limiti alla discrezionalità governativa nell’individuazione delle confessioni religiose e la ”pretesa” della trattativa – 7. Lo svolgimento della bilateralità: apertura delle trattative, loro (eventuale) conclusione e (eventuale) approvazione delle intese – 8. Note di chiusura (in attesa del giudizio merito …) - 9. Appendice.

Scarica il testo completo in PDF

La legge n. 126 del 2012 relativa ai rapporti tra Italia e Sacra Arcidiocesi Ortodossa d’Italia e Malta - di Vittorio Parlato

SOMMARIO: 1. Istituzione della Sacra Arcidiocesi Ortodossa d’Italia e Malta – 2. La laicità italiana - 3. L’intesa del 2007 e la legge di approvazione n. 126 del 30 luglio 2012 – 4. I contenuti, rilevanza del diritto canonico ortodosso – 5. I diritti individuali di libertà religiosa - 6. I diritti collettivi di libertà religiosa - 7. Il potere di certificazione attribuito all’Arcidiocesi - 8. Il riconoscimento degli enti ortodossi - 9. Le attività culturali e scolastiche – 10. Gli aiuti economici - 11. La collaborazione tra le due istituzioni: A. tutela del patrimonio artistico; B. rilevanza dei matrimoni celebrati con rito cristiano ortodosso; C. ulteriori fattispecie – 12. I controlli statali.

SOMMARIO: The essay illustrates some qualifying points of the law 126/2012, which approved the agreement with the Orthodox Archdiocese of Italy. The legislation for the protection of individual and collective rights of religious freedom is framed within the principle of secularism typical of the Italian State that wants to be pluralistic, multi-religious and neutral. It does not aim at the complete secularization of public institutions, but intends to protect religious sensibility as an independent value; hence more forms of collaboration between the State and the Archdiocese are introduced. The legislation in many respects is similar to that of the previous Italian agreements; the few differences are due to the existence in many Italian cities of ancient Orthodox confraternities and institutions, as well as being the Archdiocese an organic structure of an autocephalous church such as the Ecumenical Patriarchate of Constantinople.

Scarica il testo completo in PDF

L’inopportunità di provvedimenti mirati e per singoli temi in prospettiva di riforma dei limiti della legislazione vigente in materia di libertà religiose - di Valerio Tozzi

SOMMARIO: 1. L'approvazione parziale delle intese già sottoscritte con i precedenti Governi e la proposta politica di Alessandro Albisetti – 2. Le perplessità sulla proposta di una legge di settore – 3. Specifica assenza di giustificazioni giuridiche al mantenimento di regimi differenziati dei matrimoni religiosi – 4. Necessità di perseguire un metodo generale e unitario di disciplina dei fenomeni religiosi da applicare a ogni settore – 5. La impraticabilità di una politica legislativa costituzionalmente adeguata e le sue cause.

Scarica il testo completo in PDF

Flussi migratori, religione e diritto nella polis euro-mediterranea - di Fortunato Freni

SOMMARIO: 1. L’incremento dell’immigrazione in Europa nell’attuale contesto politico e religioso - 2. La “Primavera araba” e le tensioni afferenti alla libertà religiosa nei nuovi equilibri geopolitici - 3. Gli odierni fermenti culturali e giuridici nell’Islam mediterraneo - 4. La prospettiva di una laicità inclusiva euro-mediterranea avverso gli esclusivi schemi “mondialatinizzanti” - 5. Il ruolo dell’Europa nel bacino del Mediterraneo - 6. Alcuni strumenti per estendere la libertà di coscienza a tutte le tendenze culturali: a) il dialogo interreligioso - 7. Segue: b) le normative concordate - 8. Il decentramento comunitario e l’esigenza di una duttile (ma anche non discriminatoria) governance europea.

Migrations and laicity of the law in the polis euro-Mediterranean

ABSTRACT:
The recent increase in migration flows to Europe and the tumultuous popular uprisings in North Africa and the Middle East (so-called Arab Spring) are creating significant problems of coexistence between different cultures and religions throughout the euro-Mediterranean area. Leveraging on new cultural and legal turmoil of the moderate part of the Islam and on the revaluation of the plural open and inclusive identity of the Old Continent, it is hoped the use of a procedural laicity at the entire polis euro-Mediterranean, for bring near both sides of the Mare Nostrum with intercultural dialogue and prevent the worsening of the clash of civilizations: the North Christian and the Muslim South. We propose, therefore, are some tips to overcome the tensions on religious freedom in the new geopolitical balance and for make collaborate with institutions, in a democratic and transparent mode, communities and religious and ethical groups in an attempt to reach a wider area of integration euro-Mediterranean, whose legal system, spreading better peace and social justice, would create more adequate conditions for the protection of inalienable human dignity.
 

Scarica il testo completo in PDF

I beni culturali di interesse religioso tra Intesa nazionale e accordi regionali (“vecchi” e “nuovi”) - di Isabella Bolgiani

SOMMARIO: 1. Il principio di collaborazione tra autorità civili e religiose - 2. Lo sviluppo delle intese sul piano regionale - 3. Gli accordi regionali vigenti – 4. L’attuale quadro normativo: il doppio livello centro-periferia – 5. Il coinvolgimento degli organi periferici del Ministero - 6. Le ulteriori prospettive di un sistema complesso - 7. Conclusioni.

The cultural goods of religious interest between national agreement and ("old" and "new") regional agreements

ABSTRACT: The Agreement of 1984 deals with the relations between Catholic Church and State regarding cultural heritage in Italy (Article 12). This law gives rise to a complex and articulated system, because essentially based on two-tier “center-periphery”. This dual implementation plan deserves some insights in the light of the reforms that have involved the field of cultural heritage in general and the organization of the Ministry (MiBAC). Also be studied some recent and significant changes in the applications of such laws that appear indicative of the process of collaboration in action.

Scarica il testo completo in PDF

La presenza islamica in Italia: forme di organizzazione, profili problematici e rapporti con le Istituzioni - di Sveva Anna Mancuso

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. L’immigrazione islamica in Italia - 3. L’Islam come religione e le sue peculiarità - 4. I tentativi di intesa con lo Stato italiano e le iniziative dello Stato per conoscere l’Islam italiano - 5. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Nuove leggi per vecchie intese - di Marco Canonico

SOMMARIO: 1. L’insperato recupero di alcune intese - 2. Le novità degne di nota - 3. Osservazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Le intese fantasma (a metà) - di Alessandro Albisetti

SOMMARIO: 1. La questione - 2. Qualche riflessione in materia matrimoniale – 3. La conferma di una proposta.

Scarica il testo completo in PDF

La tutela dei beni culturali di interesse religioso tra Costituzione e convenzioni con le confessioni religiose - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. La Costituzione culturale – 2. L’Accordo culturale - 3. Dalle esigenze di culto alle esigenze religiose – 4. L’armonizzazione della tutela – 5. La legificazione delle disposizioni armonizzate – 6. Il modulo procedimentale dell’accordo – 7. La differenza con gli accordi della p.a. con altri soggetti – 8. Implicazioni e limiti: a) delle esigenze religiose – 9. (Segue): b) delle esigenze di conservazione del patrimonio artistico – 10. Il principio di laicità come criterio di ripartizione delle competenze.

The preservation of the cultural goods of religious interest according to the Italian Constitution and the Conventions with a few religious denominations

ABSTRACT: According to the Italian Constitution the preservation of the cultural goods falls within the authority of the State. Yet, when these goods assume a religious importance, according to the conventions with a few religious denominations – among witch mainly the Catholic Church –, the competence is also of those Organizations. This paper aims to demonstrate that the notion of “religious reasons” is broader than “cult reasons” and therefore the authority of the State is more limited than in the past time. The Author maintains that the constitutional principle of laicity must act as guide-line about the competence disposition and illustrates this theory with particular reference to a leading case of liturgical modification of a cathedral.

Scarica il testo completo in PDF

Le intese nella società multireligiosa: verso nuove disuguaglianze? - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Il contributo di Giorgio Peyrot alla definizione delle intese – 2. Il suo impegno per l’attuazione delle intese – 3. La crisi dell’istituto … – 4. … e le sue ragioni: a) il passaggio alla società multi religiosa – 5. (Segue): b) la noncuranza della Costituzione – 6. Limiti e attualità del pensiero di Giorgio Peyrot sulle intese.

ABSTRAC: Giorgio Peyrot, one of the most eminent scholars of law and religions in Italy, was very committed, also as representative of the waldensian Church – therefore they called him “the jurist of the minorities” -, in the long struggle for the implementation of the “intese”, i.e. of the conventions between the state and the various religious fellowships different from the catholic Church. Yet, after the aim was acheaved at least in respect of a few communities, then the crisis of this legal institution began: first of all, for the transition to a multicultural and multireligious society, that faces the West with new and not traditional communities, and moreover for the disregard for the Constitution and its institutions, that especially, but not only, the italian Center-Right is spreading throughout Italy. This paper shows the limits and nevertheless the topicality of the legal thought of Peyrot about the “intese” in the context of these times.

Scarica il testo completo in PDF

Ripartizione delle competenze e limiti costituzionali della previsione delle intese fra confessioni religiose diverse dalla cattolica e Stato italiano - di Valerio Tozzi

SOMMARIO: 1. Il fatto – 2. La categoria giuridica delle confessioni religiose non è definita normativamente – 3. Il discutibile sillogismo del Consiglio di Stato – 4. L'ambito della disciplina de ...i loro rapporti con lo Stato – 5. Sulla normazione contrattata fra le confessioni religiose e lo Stato – 6. Legittimità, necessità e urgenza della legge generale sulle libertà religiose.

Scarica il testo completo in PDF

La stipulazione di intese con lo Stato: diritto delle confessioni religiose o libera scelta del Governo? - di Marco Canonico

SOMMARIO: 1. Il ruolo delle intese nella disciplina dei rapporti tra Stato e confessioni religiose diverse dalla cattolica - 2. Le prerogative che competono alle confessioni religiose - 3. La sentenza del Consiglio di Stato, Sezione quarta, 18 novembre 2011 n. 6083 - 4. Riflessioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Il diritto all’avvio delle trattative per la stipulazione delle intese ex art. 8, 3° comma, Cost. (brevi note a Cons. Stato, sez. IV, sent. 18 novembre 2011, n. 6083) - di Jlia Pasquali Cerioli

SOMMARIO: 1. La vicenda – 2. La sentenza – 3. Una pronuncia di svolta – 4. Osservazioni critiche – 5. Cenni finali.

Scarica il testo completo in PDF

Le intese fantasma - di Alessandro Albisetti

SOMMARIO: Le intese del 2007: la disciplina matrimoniale - 2. Quali prospettive per il matrimonio religioso civilmente valido

Scarica il testo completo in PDF

L’Albania apre agli accordi di collaborazione con i “nuovi culti” - di Giovanni Cimbalo

SOMMARIO: 1. Gli evangelici albanesi a favore della lingua, della cultura, dell’identità e dell’indipendenza - 2. La nuova Costituzione albanese e il ripristino della libertà religiosa - 3. Le trattative per la stipula dell’accordo di cooperazione - 4. I contenuti dell’accordo e i suoi effetti nel rapporto con la legislazione ordinaria a tutela della libertà religiosa - 5. La proiezione dell’efficacia degli accordi nell’area dell’Albania etnica – 6. Gli accordi di cooperazione: un modello esportabile?

ABSTRACT : The present article deals with the Evangelical Federation in Albania and the contribution it gave to the modernization of the Albanian language. The merit acquired by this religious community makes it be included in the development of the legal relations between the State and cults, using the instrument of cooperation agreements. The agreement, which is the first with a “new cults”, is analyzed by comparing it with the other signed with the historic communities of the country and in the context of the Balkans. The analysis will therefore move towards the sort of Kosovo and Macedonia and the rules governing the relations with the cults. Finally, we develop a reflection on the patterns of relationship between the State and confessions, analyzing the characteristics of legal formants used.

Scarica il testo completo in PDF

L’immigrazione islamica ed i conflitti con l’ordinamento giuridico spagnolo - di José Antonio Rodriguez Garcia

SOMMARIO: 1. Premessa: il sistema spagnolo di relazioni tra Stato e confessioni religiose - 1.1. La libertà di coscienza - 2. Uguaglianza nella libertà - 3. Laicità - 4. La cooperazione dello Stato con le confessioni religiose- 5. Gli accordi con la Chiesa cattolica - 6. Gli accordi con le minoranze religiose - 7. L’immigrazione islamica ed i conflitti con l’ordinamento giuridico spagnolo - 8. Educazione e immigrati islamici - 9. Diritto di famiglia e gli immigrati islamici - 10. Altri conflitti: libertà religiosa e l’immigrazione islamica - 11. Proposta di soluzioni.

Scarica il testo completo in PDF

L’Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti (UAAR), membro associato della International Humanist and Ethical Union, come soggetto stipulante un’intesa con lo Stato, ex art. 8, III Cost. - di Domenico Bilotti

SOMMARIO: 1. I limiti dello strumento negoziale nell’esperienza giuridica italiana. una ricognizione sulle aporie evidenziatesi nella prassi politico-legislativa – 2. Verso uno statuto giuridico differenziato per le organizzazioni filosofiche non confessionali. meritevolezza degli interessi in gioco – 3. Il non-confessionismo organizzato come fenomeno associativo culturalmente orientato sul fattore religioso – 4. Permanente capacità attrattiva di una disciplina speciale e di favore: l’inevitabile ricerca di una legislazione generale in tema di libertà religiosa o l’armonizzazione dei trattamenti privilegiati?

Scarica il testo completo in PDF

Churches and Federal State in Europe: the paradigm of Germany and Switzerland - di Vincenzo Pacillo

SUMMARY: 1. What do we mean about “Federalism”? – 2. Federalism and religions in Germany – 3. Federalism and religions in Switzerland.

Scarica il testo completo in PDF

La qualificazione canonica delle intese tra autorità ecclesiastica e autorità civili - di Giorgio Feliciani

SOMMARIO: 1. Premessa - I Parte. Le intese con le autorità dello Stato – 2. Le intese stipulate dal presidente della CEI con i ministri competenti per materia, previa autorizzazione della Segreteria di Stato - 3. Le intese stipulate dal presidente della CEI con il ministro della istruzione circa i programmi di insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche - 4. Altri accordi di carattere tecnico - II Parte. Le intese con le Regioni – 5. Intese dotate di efficacia vincolante per tutte le diocesi della regione - 6. La recognitio delle intese vincolanti - 7. Le intese prive di efficacia vincolante - 8. Obbligatorietà delle intese stipulate dalle CER per i vescovi che non ne fanno parte - 9. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Problemi di dinamica concordataria - di Salvatore Bordonali

SOMMARIO: 1. Rilievi preliminari - 2. Vecchio Concordato e nuova Costituzione - 3. Sul valore del richiamo dei Patti nella Costituzione - 4. La proposta di legge costituzionale per abolire l’art. 7 Cost - 5. Inscindibilità tra art. 7 e art. 8 Cost. - 6. La polemica anticoncordataria e i suoi effetti negativi - 7. La fase della revisione - 8. Sul significato dell’art. 3 Cost. - 9. Critica dell’accostamento dell’art. 3 alla categoria dei principi supremi - 10. Sul valore attuale di concordati e intese - 11. Considerazioni riassuntive.

Scarica il testo completo in PDF

Dialogo interreligioso e sistema italiano delle Intese: il principio di cooperazione al tempo della post-democrazia - di Maria Cristina Folliero

SOMMARIO: 1. Premessa: cooperazione e sussidiarietà come fattori di accelerazione dei processi nazionali e comunitari di integrazione tra ordinamenti politici e religioni - 2. Gli attori in campo in Italia - 2.1: le Chiese e le diverse valenze della ripresa del dialogo interreligioso - 2.2: Lo Stato tra go and stop nella nuova stagione delle Intese che non decolla - 2.2.1: delle nuove leggi sulla libertà religiosa, delle Carte dei Diritti e dell’Integrazione, delle Consulte e dei Comitati per l’Islam italiano e altri rimedi – 3. Conclusioni interrotte.

Scarica il testo completo in PDF

Matrimoni “religiosi” ed effetti civili - di Natascia Marchei

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La pluralità delle forme di celebrazione del matrimonio nella legislazione del 1929 - 3. Il matrimonio canonico trascritto nell’Accordo del 1984 - 4. La “disciplina comune” risultante dalle intese - 5. Brevi considerazioni conclusive: la legge sulla libertà religiosa.

Scarica il testo completo in PDF

I rapporti tra lo Stato e le Comunità religiose in Albania - di Giovanni Cimbalo

SOMMARIO: Premessa -- 1.1. - La nascita dello Stato albanese - 1.2. Il riconoscimento della libertà di organizzazione dei culti – 1.3. La monarchia Zoghista e la stabilizzazione delle Comunità religiose - 1.4. La politica di Zog verso la Chiesa Cattolica - 1.5. La legislazione della repubblica socialista d’Albania in materia di Comunità religiose- 1 6. La nuova legge sulle Comunità religiose: verso l’ateismo di Stato – 1-6.1. La Comunità Mussulmana - 1.6.2. La Comunità bektashi - 1.6.3. La Comunità ortodossa - 1.6.4. Lo Statuto della Comunità Cattolica 1.7. La rinascita della libertà religiosa, di coscienza e del pluralismo confessionale - 1.8. L’originalità del modello albanese - 1.9. La stagione degli Accordi: l’Albania torna alle origini.

Scarica il testo completo in PDF

Il progetto di legge parlamentare di approvazione delle intese con le confessioni diverse dalla cattolica: nuovi orientamenti e interessanti prospettive - di Jlia Pasquali Cerioli

SOMMARIO: 1. Premessa: l’orientamento consolidato che vuole l’iniziativa legislativa riservata al Governo – 2. La “svolta” della Giunta per il Regolamento della Camera dei Deputati: la delibera del febbraio 2007 - 3. Gli argomenti alla base dell’orientamento: brevi riflessioni critiche – 4. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

L’attuazione dell’art. 8.3 della Costituzione. Un bilancio dei risultati raggiunti e alcune osservazioni critiche - di Sveva Anna Mancuso

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Le sei intese concluse dal 1984 al 1995 - 3. La politica ecclesiastica italiana nei confronti delle confessioni di minoranza dal 1995 al 2006 - 4. Le intese del 2007 - 5. I problemi suscitati dalla mancata approvazione delle intese - 6. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Laicità e collaborazione a livello locale. Gli equilibri tra fonti centrali e periferiche nella disciplina del fenomeno religioso - di Pierangela Floris

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Accordi di vertice e intese locali: vecchie e nuove questioni di fonti di disciplina - 3. Le altalene locali della laicità ed il bisogno di regole centrali uniformi - 4. Le tendenze del diritto locale in formazione.

Scarica il testo completo in PDF

L’idea di una legge generale sulla libertà religiosa: prospettiva pericolosa e di dubbia utilità - di Marco Canonico

SOMMARIO: 1. La ricorrente tentazione di confezionare una legge sulla libertà religiosa - 2. Le proposte di legge Boato e Spini della XV legislatura - 3. La proposta di legge Zaccaria ed altri n. 448 - 4. La proposta di legge Zaccaria ed altri n. 2186 in materia di edifici di culto - 5. Considerazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Intesa ebraica e pluralismo religioso in Italia - di Carlo Cardia

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Elementi originali dell’Intesa, suo contributo allo sviluppo del pluralismo religioso in Italia - 3. Limiti da superare nella diffusione della cultura religiosa, ebraica in particolare - 4. Pluralismo e multiculturalità. Aspettative, delusioni, scelte da compiere - 5. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Rilievo delle norme confessionali nel territorio italiano - di Valerio Tozzi

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. L’abuso del richiamo alla categoria delle confessioni religiose - 3. I limiti del metodo concordatario - 4. Principi costituzionali e comportamenti religiosi - 5. Il concetto di norme derivanti dalle culture religiose.

Scarica il testo completo in PDF

Soft law e sistema delle fonti del diritto ecclesiastico italiano - di Fortunato Freni

SOMMARIO: 1. La globalizzazione ed i conflitti di identità - 2. La unilateralità confessionale - 3. La unilateralità statale - 4. La bilateralità necessaria - 5. La definitività provvisoria di una specifica transazione - 6. La parlamentarizzazione - 7. Gli accordi derivati - 8. L’obiezione di coscienza - 9. La rilevanza ultranazionale dei diritti umani - 10. La giurisprudenza costituzionale - 11. I recenti contributi ad una moderna nozione di positività del diritto - 12. Il diritto ecclesiastico come strumento per l’intercultura.

Scarica il testo completo in PDF

Religione e diritti umani nelle società in transizione dell’Est Europa - di Giovanni Cimbalo

SOMMARIO: 1 Alcuni problemi di metodo - 2. I contenuti della separazione e i problemi aperti nei rapporti degli Stati con le Chiese ortodosse - 3. Le ragioni di un Islam europeo, la libertà di proselitismo e quella di mutare religione - 4. I nuovi culti nell'Est Europa - 5. Gli accordi ecclesiastici para concordatari: un nuovo modello di relazione delle confessioni con lo Stato.

Scarica il testo completo in PDF

Alla ricerca di una politica del diritto sui rapporti con l’Islam (Carta dei valori e Dichiarazione di intenti) - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Inizio dei rapporti tra Stato e Islam italiano – 2. Costituzione e Carta dei valori – 3. Carta dei valori e dichiarazione di intenti – 4. Dichiarazione di intenti e intese (nonché legge sulla libertà di religione).

Scarica il testo completo in PDF

La nuova intesa con l’Unione Buddhista Italiana: una doppia conforme per il Sangha italiano - di Silvia Angeletti

SOMMARIO: 1. Nuovi accordi e aggiornamenti nel quadro delle intese - 2. Le novità in tema di obbligatorietà del servizio militare - 3. L’insegnamento religioso nella scuola pubblica - 4. Il diritto di istituire scuole e istituti di educazione - 5. L’interesse all’intesa, tra tempi della politica ed esigenze confessionali.

Scarica il testo completo in PDF

Sui contenuti di una possibile Intesa con la Chiesa Ortodossa Romena in Italia - di Federica Botti

SOMMARIO: Premessa - 1. 1. La presenza organizzata della Chiesa Ortodossa Romena in Italia - 1. 2. Sui requisiti e le procedure per la stipula delle Intese - 1.3. Lo status giuridico del clero della COR in Italia e le altre norme di garanzia - 1.3.1. Le parrocchie e gli edifici di culto.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa collettiva, e nuove intese con le minoranze confessionali - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. Una volta ancora – 2. Una cronaca impietosa – 3. Un pluralismo confessionale “a mezzo busto” – 4. L’uguale diritto alla laicità “positiva” – 5. Un’impostazione “riduzionistica” – 6. I problemi irrisolti, i problemi nuovi, il caos delle fonti, le regole della collaborazione – 7. Il quadro dei valori: dalla Costituzione al Trattato di Lisbona – 8. Uguali libertà e “clausola delle religioni più favorite” – 9. “Provare e riprovare”: non basta confidare nella Corte - 10. Effettività delle tutele e ricorso diretto alla Corte delle confessioni religiose – 11. Costituzione materiale e pace religiosa – 12. Principio di equivalenza, di effettività, di adeguatezza e proporzionalità.

Scarica il testo completo in PDF

Dal pluralismo confessionale alla multireligiosità: il diritto ecclesiastico e le sue fonti nel guado del post-confessionismo - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. Premesse – 2. Pluralismo e multireligiosità: un tema che viene da lontano - 3. La reazione giuridica e i segni premonitori. - 4. Le fonti e i paradossi del diritto ecclesiastico – 5. Il concorso libero delle fonti e il loro camuffamento. - 6. Una “reazione” conforme a Costituzione è possibile? – 7. Il ruolo dei principi di settore.

Scarica il testo completo in PDF

Concordato: ancora un privilegio per la Chiesa dopo la revisione del 1984? Premesse per una laicità “relativa” e “funzionale” - di Daniele Trabucco

Sommario: 1. I privilegi della Ecclesia Christi – 2. Il “nuovo spirito” della pattuizione del 1984: la natura delle fonti interne attuative dei Patti e delle “intese” e la riequilibrazione della giurisprudenza costituzionale. I rischi di una laicità “illuministica” – 3. La proposta di una laicità “relativa” e “funzionale”.

Scarica il testo completo in PDF

Il diritto civile di libertà religiosa e l’immigrazione - di Valerio Tozzi

SOMMARIO: 1. L’interesse al confronto Italia Spagna – 2. Schizofrenia italiana fra centralismo ed autonomie in materia di fenomeno religioso - 3. La centralizzazione dell’intera “politica ecclesiastica” -4. Il fenomeno dell’immigrazione e della articolazione pluralistica delle culture nel Paese – 5. La disciplina dell’emigrazione – 6. La concessione della cittadinanza – 7. Provvedimenti riferibili all’ordine pubblico: a) la legge Bossi-Fini; b) la Consulta dei musulmani d’Italia – 8. Immigrazione e discipline del fenomeno religioso: a) immigrati islamici e regimi convenzionali; b) l’applicazione della politica concordataria ai rapporti con i musulmani; c) i contenuti delle proposte di intesa – 9. Conclusioni.

Per un diritto di libertà di religione costituzionalmente orientato - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Premessa: legge e intese - 2. Insufficienze della p.d.l. – 3. L’obiettivo da perseguire - 4. La libertà di religione e i suoi limiti – 5. La laicità – 6. La libertà di religione negativa: ateismo e agnosticismo – 7. Le organizzazioni filosofiche e non confessionali – 8. Norme finanziarie (deduzioni offerte ed otto per mille) – 9. Confessioni con intesa e senza intesa: illegittimità della distinzione – 10. La personalità giuridica – 11. Il matrimonio - 12. Le classi religiosamente omogenee - 13. Simboli religiosi - 14. L’architettura della p.d.l.- 15. Conclusione.

Scarica il testo completo in PDF

La rappresentanza e l’intesa (tra astrattismo dottrinale e concretezza politica) - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. Premesse - 2. La selezione delle fonti - 3. La materia dei rapporti tra la Repubblica e le confessioni religiose - 4. Intese ed uguale libertà - 5. Governi ed indirizzo politico - 6. Inceppamento del sistema o assenza di volontà politica? - 7. La rappresentanza - 8. Qualche succinta indicazione - 9. A mo’ di conclusione.