Rivista telematica (www.statoechiese.it)
Online dal gennaio 2007
Menu

Articoli in Giurisdizioni e tribunali ecclesiastici

La questione della riconoscibilità civile del divorzio islamico al vaglio della Corte di giustizia dell’Unione europea (a margine della pronunzia del 20 dicembre 2017, C-372/16) - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. Notazioni introduttive - 2. I termini della vicenda da cui origina il rinvio pregiudiziale e la competenza della Corte di giustizia a pronunziarsi sulla questione controversa - 3. La portata applicativa del regolamento n. 1259 del 2010 e le sentenze dei tribunali religiosi - 4. Le implicazioni di carattere sistematico della pronunzia in rapporto al principio di incompetenza dell’Unione nella materia ecclesiastica o religiosa - 5. I dubbi sostanziali circa la riconoscibilità in Europa del ripudio islamico - 6. Conclusioni.

The issue of the civil recognizability of the Islamic divorce by the EU Court of Justice (considerations on the ruling of December 20th 2017, C-372/16)

ABSTRACT: The present paper takes as a starting point a recent ruling by the EU Court of Justice concerning the issue of recognizability of Islamic repudiation under the EU Regulation No. 1259/2010. After assessing the conditions underlying the jurisdiction of the Court of Justice to rule on such a controversial matter, the Author excludes that the religious judgments fall within the scope of the aforementioned regulation (and within the purpose of Regulation No. 2201/2013), also in light of the so-called principle of the Union’s incompetence in ecclesiastical or religious matters. Moreover, although the unilateral repudiation is to be considered contrary to the principle of public order of the moral and legal equality of the spouses, the Author concludes that, consistently with the current trend of many legal systems to give increasing broader space to the “negotiating” management of the marriage bond, effective protection of the principle of equality should involve letting women, in some particular situations, have the choice of concretely enforcing that principle.

Scarica il testo completo in PDF

La fatale attrazione tra diritto sacro e diritto secolare nel modello israeliano: la giurisdizione dei tribunali rabbinici in materia di matrimonio e divorzio - di Livia Saporito

SOMMARIO: 1. La giurisdizione dei tribunali rabbinici in materia di status personale: il matrimonio e il divorzio nel diritto halachico e nei più recenti orientamenti giurisprudenziali - 2. Diritto, stato e religione nel modello giuridico israeliano: religious law vs. secular law? - 3. L’incorporazione diretta del diritto ebraico nel modello israeliano: law as religion, religion as law - 4. Beis Din, identità religiosa e risoluzione alternativa delle controversie.

The fatal attraction between religious law and secular law in the Israeli legal system: the jurisdiction of the rabbinical courts in matters of marriage and divorce

ABSTRACT: This article explores a unique case study of privatized family law in a liberal democratic state in the Western world: Israel. The complex relationship among law, religion and state presents characters quite peculiar in the Israeli experience. Due to historical and cultural reasons, among the systems belonging to western legal tradition, there is no other country that experiences more intensely the problem of religion’s place. In matters of marriage and right to divorce, the Israeli system nominally adheres to exclusive religious law and jurisdiction, by means of rabbinical courts, but religious and civil systems interact profoundly, shaping its family law as a hybrid creature of civil and religious legal elements. Unlike what happens in other countries, such as Canada, United Kingdom or United States, the Supreme Court of Israel has not yet undertaken a detailed policy analysis of the balance between the rights and obligations of the husband and wife in the process of enforcing divorce judgments, but sanctions against recalcitrant spouses in Rabbinical courts in Israel have been addressed in light of the principles of Jewish and constitutional law. The implementation of fundamental rights in family law matters, specifically the one of equality between spouses, is a prerogative of the jurisprudence of secular courts.

Scarica il testo completo in PDF

La riforma del processo canonico di nullità matrimoniale: il complicarsi progressivo del quadro delle fonti normative (parte terza) - di Geraldina Boni

SOMMARIO: PARTE I: DAI SINODI DEI VESCOVI SU MATRIMONIO E FAMIGLIA AI DUE ‘MOTU PROPRIO’ DI PAPA FRANCESCO - 1. I Sinodi dei Vescovi del 2014 e del 2015 quali ‘contesti interpretativi’ delle leggi pontificie. Alcune riflessioni sull’ermeneutica delle norme relative alle procedure di nullità matrimoniale - 2. Le Litterae Apostolicae Motu Proprio datae Mitis iudex dominus Iesus e il diritto processuale codiciale - 3. La scelta dello strumento formale - 4. ‘Singolarità’ della pubblicazione/promulgazione … - 5. (segue) … e della stessa fase preparatoria - 6. Il proemio e la Ratio procedendi - PARTE II: IL COMPLICARSI PROGRESSIVO DEL QUADRO DELLE FONTI - 1. Il dilemma interpretativo circa l’abrogazione ovvero la deroga del Motu Proprio Qua cura e circa la ‘sopravvivenza’ dei tribunali regionali italiani. Le Risposte particolari del Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi e le ‘indicazioni’ del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica - 2. (segue) La dichiarazione della mens legislatoris del 4 novembre 2015 - 3. (segue) Il Rescritto pontificio (ex audientia SS.mi?) del 7 dicembre 2015 - 4. (segue) Il ‘tavolo di lavoro’ Santa Sede-Conferenza Episcopale Italiana istituito da Papa Francesco il 1° giugno 2016. La mens legislatoris del 12 marzo 2016 - 5. Vademecum applicativi (?) - 5.1. L’Istruzione Dignitas connubii - 5.2. Il «Sussidio applicativo del Motu pr. Mitis Iudex Dominus Iesus» della Rota Romana del gennaio 2016 (e il Rescriptum ex audientia SS.mi del 22 gennaio 2016) - 5.3. Un’appendice: la Lettera Circolare della Segnatura Apostolica Inter munera del 30 luglio 2016 - PARTE III: PROSPETTIVE DI RAZIONALIZZAZIONE - 1. Verso una soluzione quanto più possibile rapida delle questioni interpretative aperte: l’approdo a una tendenzialmente stabile ‘conclusione’ della riforma del processo e dell’ordinamento giudiziario ecclesiale - 2. La produzione di norme nella Chiesa: una ponderata ars legiferandi e una garantista distinzione delle funzioni quali essenziali esigenze di legalità e non di mero legalismo. Pubblicazione, promulgazione e divulgazione: una necessaria revisione.

The reform of the process for the declaration of nullity of marriage: the progressive complication of the regulatory sources

ABSTRACT: The essay examines, first of all, the anomalous ways in which the Pope Francis’s reform about the process of declaration of nullity of marriage was prepared, published and finally promulgated in 2015. Even the legal configuration of the document issued is atypical. Inevitably, many interpretative doubts have arisen in these two years. Consequently, a number of regulatory measures have been issued to resolve this situation. The present work examines their very problematic qualification and the consequent uncertainties about their legal value. Currently the situation is chaotic: in reference, above all, to the framework of the normative sources and to the various application problems of the new reform. An incisive intervention of overall clarification is necessary, concludes the article.

Scarica il testo completo in PDF

Le Sharia Court in Gran Bretagna. Storia ed evoluzione dei tribunali islamici nel Regno Unito - di Alessandro Negri

SOMMARIO: 1. Le Sharia court: origini, attività e scopi - 2. Alcuni dati statistici - 3. Un’ulteriore evoluzione: l’Arbitration Act e il Muslim Arbitration Tribunal - 4. Il discorso dell’arcivescovo di Canterbury e reazioni - 5. Il Private Members’ Bill della baronessa Cox - 6. La risposta dell’Islamic Sharia Council - 7. Un dibattito ancora in corso: Friend or Foe?

Sharia Courts. History and evolution of Muslim courts in the United Kingdom

ABSTRACT: In the last thirty years the United Kingdom has experienced the formation and surge of so-called Sharia courts or councils, unrecognised Muslim tribunals with purpose of settling disputes using Islamic religious law. Their stated objectives include providing advice and assistance in the operation of Muslim family life, establishing a bench of scholars to operate as a council, making decisions on matters of Muslim family law, and promoting an enlightened practice of the Muslim faith by Muslims living in the UK.

This paper analyses the origins, evolution and functioning of these councils, with emphasis on the lively public debate initiated in 2008 following the Archbishop of Canterbury’s remarks and followed with the bill proposed by Baroness Cox. An overview of the relations between Sharia councils and the State is presented, while providing insight on future scenarios.

Scarica il testo completo in PDF

Challenges of Pluralistic Societies with Dissimilar Cultural Identities and Religious Legal Traditions: ADR and the Role of Religious Mediation and Arbitration - di Gloria M. Morán García

Summary: 1. The Challenges of Pluralistic Societies with Dissimilar Cultural Identities and Religious Traditions: from a Melting Pot to a Cultural Mosaic - 2. European Catholic Tradition of Dual Legislation and Jurisdiction: 2.1. The Development of the Religious Jurisdiction: from the Episcopalis Audientia under the Christian Roman Empire to the Homologation of Religious Decisions by a Civil Judge – 2.2. The Development of Secular and Religious Jurisdictions: from the Leges Barbarorum et Romanorum under the Principle of Personality to the Medieval Dual Jurisdiction in Europe – 2.3. Religious Minorities under Christian Rulers – 3. Muslim Legal Tradition of Plural Jurisdictions: 3.1. Muslim Empires and the Dhimma System – 3.2. Islamic Communities in Transition: from the Pre-colonial Era to the Colonial Rule – 3.3. The Exceptionality of Palestine and Israel- 4. Toward a Global World: Legal Pluralism and the Development of ADR. The Role of Religious Mediation and Arbitration: 4.1. The American Experience in Religious Arbitration: the Jewish Beth Din Courts and the Challenge of Islamic Arbitration – 4.2. Confronting the Fear of Islamic Arbitration Tribunals in the UK, Canada, and Australia - 5. Conclusions.

Abstract: Most of juridical systems are historically developed from the interaction of two main legal principles: the principle of personality and the principle of territoriality. Roman Law is one of the best examples of it; its legacy channeled the growth and coexistence of religious and secular jurisdictions in the Germanic kingdoms of Western Europe. Under the principle of personality of laws, bonding individuals to their cultural or religious communities, legal pluralism was the common grounds from the Antiquity to the pre-Modern era. However, as a result of the religious wars in the Holy Roman Empire between Catholics and Protestants in the 16th and the 17th centuries, the Westphalian state model reinforced a territorial religious jurisdiction under the principle cuius regio eius religio, allowing the ruler to impose his religion on his subjects. The Muslim legal tradition developed, as well, plural juridical systems from the Dhimma System. One of them was the Ottoman Millet system that was adapted from the colonial era to the most of Middle East nation-states as a bonding personal religious law applied to non-Muslim communities. The secular paradigm of the Rule of Law, centralizing and reinforcing state and federal legislative powers, is implemented in Europe and her former colonies in the 19th century under the nation-state constitutional model, expanding worldwide the principles of territoriality and citizenship. As a result, religious legal systems are progressively confined to the private sphere. However, the secular paradigm is confronted gradually by a new development of legal pluralism, mainly as an effect of an extensive increment of global migrations; Halakha or Jewish Law, Canon Law or Catholic Law, Sharia or Islamic Law, are gaining strength as formal or informal religious ADR under the principle of Religious Freedom. Religious legal systems are becoming an innovative tool of mediation, conciliation, and arbitration accepted by some secular jurisdictions around the world, although there is a polarized debate about it. In today´s global world, which are the lessons to be learned from legal traditions and contemporary models of legal pluralism? Can religious legal systems become a tool of mediation for restorative justice preventing and exiting from violence? This article addresses this juridical and social challenge from an interdisciplinary comparative analysis.

Scarica il testo completo in PDF

Successioni e donazioni nel diritto vaticano. Profili sostanziali e processuali - di Matteo Carnì

Sommario: 1. Introduzione - Parte prima (Profili di diritto canonico) • 2. Successioni e donazioni nel diritto della Chiesa. Note storiche - 3. Il canone 1299 del Codex Iuris Canonici del 1983. Gli atti mortis causa - 4. Il testamento dei religiosi e dei presbiteri - 5. Le formalità del diritto civile - 6. Il canone 1299 del Codex Iuris Canonici del 1983. Gli atti inter vivos - 7. Il rinvio al diritto civile previsto dal canone 1290 in materia contrattuale - Parte seconda (Profili di diritto vaticano) • 8. Successioni e donazioni nelle fonti del diritto vaticano - 9. Aspetti di diritto processuale vaticano in materia successoria - 10. Giurisprudenza vaticana in materia successoria.

Vatican inheritance and gifts law. Substantive and procedural aspects

ABSTRACT: This paper aims to clarify Vatican (substantive and procedural) inheritance and gifts law. A special attention is given to canon law, first source of the Vatican legal system. The article specially considers the leading cases of Vatican Courts (first, second and third instance) regarding to succession.

Scarica il testo completo in PDF

Forme di pluralismo nel settore matrimoniale: le nuove sfide delle “overlapping jurisdictions” - di Adelaide Madera

SOMMARIO: 1. Le sfide del nuovo multiculturalismo in materia matrimoniale - 2. La riforma del processo matrimoniale canonico e le sue potenziali ricadute sul giudizio di delibazione - 3. Il processus brevior - 4. La crisi della bilateralità - 5. Il “mite” pluralismo statunitense e le nuove “anti-sharia laws” - 6. L’esperienza del pluralismo “forte” israeliano e i suoi effetti sulle minoranze - 7. Modelli di pluralismo a confronto.

Pluralism in Marriage: the New Challenges of the “Overlapping Jurisdictions”

ABSTRACT: The challenges of the “new multiculturalism” in the field of marriage law regard not only which forms of marriage should be recognized by the State but also the forums in which marriage cases can be adjudicated and the role of faith-based laws and religious courts in democratic and secular legal systems. Religious groups increasingly ask for accommodation of their cultural identities; however, a growing skepticism concerning forms of religious jurisdiction is developing in regimes devoted to individual liberties, which employ public policy as grounds to vacate religious rulings. The present paper highlights the need for Western States to update and exploit the full potential of their legal instruments in order to prevent restrictions on collective and individual religious freedom in matters of marriage.

Scarica il testo completo in PDF

The courts and the code. Legal osmosis between religion and law in the cultural framework of civil law systems - di Antonio Fuccillo Ludovica Decimo Francesco Sorvillo

SUMMARY: 1. The value of religious law in modern (and secular) states - 2. Religious rules and individual choices in Europe - 3. Religious law and the fields in which it can operate effectively - 4. The rules of religious courts in civil legal systems - 4.1 ... The direct referral to religious laws - 4.2. The pronounces of religious courts and its importance for faithful - 5. The development of Religious Arbitration Courts in Italy - 6. Does religious jurisdiction another side of religious freedom?

Scarica il testo completo in PDF

Ipse Episcopus iudex: ritorno alla tradizione canonica? - di Gianluca Rabino

SOMMARIO. 1. Premessa - 2. L’episcopalis audientia. Riconoscimento, evoluzione e problematiche - 3. L’età medievale e la nascita degli officiali. I tribunali “guardiani del vincolo” - 4. Dal Concilio di Trento alla prima codificazione - 5. Dal Codex del 1983 all’Istruzione Dignitas connubii - 6. Conclusioni.

Ipse Episcopus iudex: return to the canonical tradition?

ABSTRACT: The new procedural norms for marriage nullity approved by Pope Francis invested the diocesan Bishop with a peculiar role, adding to his previous duties in the judicial sphere that to judge personally in the new processus brevior. Bishops have always been considered the “natural judges” in their dioceses, but this task was previously exercised by appointing the tribunal staff and supervising the judicial activity. Some Authors have affirmed - referring, for example, to the ancient episcopalis audientia - that with this reform a longtime practice of the Church was restored. However, a more accurate study of the evolution of the episcopal potestas iudicandi through the centuries reveals a progressive and conscious devolution of its daily exercise to specialized clerics and colleges, exclusively dedicated to their functions. This trend, transposed in the 1917 Code of Canon Law and confirmed in the present Code promulgated after the Second Vatican Council, has been lastly strengthened in the Instruction Dignitas connubii approved by John Paul II.

Scarica il testo completo in PDF

L’efficacia civile in Italia delle sentenze canoniche di nullità matrimoniale dopo il Motu Proprio Mitis iudex (parte seconda) - di Geraldina Boni

Sommario : 1. Nubi all’orizzonte - 2. La nuova ‘morfologia’ e ‘geografia’ dei tribunali - 3. Le modifiche al processo ordinario e le loro ‘ricadute’ sull’exequatur - 4. Il processo davanti alla Rota romana - 5. Compatibilità delle modalità procedurali caratteristiche del processus brevior coram episcopo con il diritto di difesa - 5.1. Celerità, lentezza, fase introduttoria - 5.2. Il consenso dei coniugi - 5.3. Dall’istruttoria alla decisione - 5.4. Impugnazione e difesa tecnica - 6. Segue : Sentenza o dispensa? - 7. Alcuni interrogativi in ordine allo svolgimento della investigatio praeiudicialis seu pastoralis - 8. Inediti casi di capita nullitatis ‘irricevibili’? - 9. Processi canonici e procedimento sommario di cognizione - 10. Il ruolo del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica - 11. Conservazione a oltranza dell’exequatur delle sentenze ecclesiastiche di nullità? La ‘visibilità’ del matrimonio canonico e della giustizia della Chiesa - 12. La speranza che, in occasione dell’auspicabile ridelineazione degli accordi concordatari italiani, il legislatore supremo della Chiesa emendi - secondo giustizia e misericordia - le norme claudicanti della novella - 13. Epilogo.

The exequatur of ecclesiastical judgments of nullity of marriage in Italy after the Motu Proprio Mitis iudex

ABSTRACT: The paper examines the many problems about the exequatur of ecclesiastical sentences in Italy after Pope Francis reform. The Pope profoundly changed the process for declaration of nullity of marriage . The recent law introduces uncertain profiles and raises complex issues. In the new procedures the right of defense doesn’t seems just guaranteed . For these reasons will arise issues related to the conflict with the Italian public order.

Scarica il testo completo in PDF

L’efficacia civile in Italia delle sentenze canoniche di nullità matrimoniale dopo il Motu Proprio Mitis iudex (parte prima) - di Geraldina Boni

Sommario : 1. Nubi all’orizzonte - 2. La nuova ‘morfologia’ e ‘geografia’ dei tribunali - 3. Le modifiche al processo ordinario e le loro ‘ricadute’ sull’exequatur - 4. Il processo davanti alla Rota romana - 5. Compatibilità delle modalità procedurali caratteristiche del processus brevior coram episcopo con il diritto di difesa - 5.1. Celerità, lentezza, fase introduttoria - 5.2. Il consenso dei coniugi - 5.3. Dall’istruttoria alla decisione - 5.4. Impugnazione e difesa tecnica - 6. Segue : Sentenza o dispensa? - 7. Alcuni interrogativi in ordine allo svolgimento della investigatio praeiudicialis seu pastoralis - 8. Inediti casi di capita nullitatis ‘irricevibili’? - 9. Processi canonici e procedimento sommario di cognizione - 10. Il ruolo del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica - 11. Conservazione a oltranza dell’exequatur delle sentenze ecclesiastiche di nullità? La ‘visibilità’ del matrimonio canonico e della giustizia della Chiesa - 12. La speranza che, in occasione dell’auspicabile ridelineazione degli accordi concordatari italiani, il legislatore supremo della Chiesa emendi - secondo giustizia e misericordia - le norme claudicanti della novella - 13. Epilogo.

The exequatur of ecclesiastical judgments of nullity of marriage in Italy after the Motu Proprio Mitis iudex

The paper examines the many problems about the exequatur of ecclesiastical sentences in Italy after Pope Francis reform. The Pope profoundly changed the process for declaration of nullity of marriage . The recent law introduces uncertain profiles and raises complex issues. In the new procedures the right of defense doesn’t seems just guaranteed . For these reasons will arise issues related to the conflict with the Italian public order.

Scarica il testo completo in PDF

Considerazioni sui ricorsi della fase introduttiva del giudizio matrimoniale nell’impianto del m. p. “Mitis iudex” - di Massimo del Pozzo

SOMMARIO: 1. La logica dell'istanza di reclamo introduttorio - 2. Il mutamento di prospettiva della riforma - 3. Il ricorso avverso la reiezione del libello - 4. Il ricorso relativo alla scelta della forma processuale - 5. Il ricorso contro la fissazione della formula del dubbio - 6. Una ricostruzione ancora "in itinere".

Scarica il testo completo in PDF

Giustizia religiosa e islam. Il caso degli Shariah Councils nel Regno Unito - di Federica Sona

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. La cornice del dibattito - 3. L’indagine ministeriale - 4. Il quadro descrittivo delle attività di ricerca - 5. Le difficoltà dell’indagine empirica - 6. Gruppi tematici e problematiche di ricerca - 7. Aspetti fondamentali ed elementi chiave - 8. Proposte di legge - 9. Riflessioni conclusive sulla giustizia religiosa sciaraitica. Faith-based justice and Islām . Sharī ʿ ah Councils in the UK.

ABSTRACT: In 2008, a vivid debate was stirred by the lecture delivered in the Royal Courts of Justice by the then Archbishop of Canterbury. Public discussion and social commentary began to question the role that sharī ʿ ah was playing in the British society and the Sharī ʿ ah Councils were immediately identified as proponents of a "parallel" legal system. Whilst media coverage was causing much anxiety, the narrative on "inherently discriminatory" legal orders operating in the shadow of state law exponentially grew.This social critique soon brought to light knowledge gaps concerning British Muslim communities as well as Islamic and Muslim laws, specifically regarding family issues. Thus, the Ministry of Justice promptly commissioned a research project on these matters. Having had the privilege of being named amongst the researchers responsible for mentioned ministerial project, this paper intends to build upon the collected material and analysed data in order to shed light upon some key-findings concerning the British Sharī ʿ ah Councils. The proposed discussion also pays attention not only to the latest products of the academic discourse on faith-based justice, but also to the political debate on sharī ʿ ah -related matters, addressing two recently launched enquiries and a pending Bill introduced in the Parliament. pdf

Scarica il testo completo in PDF

L’impatto culturale dell’immigrazione islamica sull’ordinamento giudiziario italiano: alcune riflessioni - di Elena Falletti

Sommario : 1. Introduzione - 2. Libertà di religione ed espressione dell'identità culturale - 3. La costruzione delle moschee - 4. La vestizione del velo - 5. La pratica sommersa delle mutilazioni genitali femminili - 6. Il diritto di famiglia - 7. Il matrimonio - 8. I matrimoni poligamici - 9. I matrimoni forzati - 10. I diritti successori - 11. Ripudio e divorzio - 12. Kafalah e adozione - 13. Conclusioni. La necessaria unitarietà dell'ordinamento giuridico contro la discriminazione. Il caso delle giurisdizioni speciali shariaitiche: un’esperienza da non imitare.

The Cultural Impact of Islamic Mass Immigration on the Italian Legal System

ABSTRACT: Although Italy has been a country with a strong tradition of emigration, only in the last twenty-five years Italians have had to face the social, juridical and cultural problems related to high immigration hosted by this country. The majority of immigrants come from areas with Islamic religious tradition such as Northern and Central Africa and the Middle East. The cultural impact between the Italian Catholic tradition and the newcomers' faith and customs has been very strong, often problematic. The aim of this paper is to investigate the most relevant issues between the cultural and legal aspects of Islamic culture pertaining to immigrants living in Italy with the Italian legal system. The legal areas proposed for the investigation are related to self-determination, personal integrity and family law, especially for analyzing the impact of cultural differences on public policies and social behavior. The methodology used regards a comparative and a multidisciplinary approach.

Scarica il testo completo in PDF

Ordine pubblico e azione giurisdizionale. Il modello di ordine pubblico proposto in sede giurisdizionale anche a proposito delle modalità di esercizio della libertà religiosa - di Alberto Fabbri

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. L’evoluzione storica di fonte costituzionale del concetto di ordine pubblico - 3. Il modello di ordine pubblico internazionale ed europeo - 4. … e nel diritto internazionale privato - 5. Composizione e settore di applicazione dell’ordine pubblico in relazione con l’ordinamento giuridico italiano - 6. L’ordine pubblico nel procedimento di delibazione - 7. L’ordine pubblico e il limite alle modalità di espressione della libertà religiosa.

Public Order and Legal Action. The Public Order model proposed at the jurisdictional level, including the ways in which religious freedom is exercise

ABSTRACT : In the Italian multicultural system in which religious practices are finding new channels of existence and expression the concept of public order represents the extreme limit within which the judicial system must continually and autonomously promote the carrying out of adjustments to the existing normative structure, values and constitutional principles, in order to guarantee the rights they attribute to individuals in its territory. A process of continuous, well-pondered monitoring of the very concept of public order – including the relevance that that value holds beyond the country ’ s national borders – permits the judicial system to place the right to religous freedom and its manifestations within their rightful context; in this logic the elements of ‘ space ’ and ‘ time ’ acquire an important role in an updated version of the right to religious freedom, i.e. individuals ’ ability to worship without any reference to State-determined religious institutions, or – inversely - to freely profess their atheist convictions.

Scarica il testo completo in PDF

I tribunali interdiocesani secondo il m.p. Mitis Iudex Dominus Iesus. Riflessioni circa la “sorte” del m.p. Qua cura di Papa Pio XI - di Manuel Ganarin

SOMMARIO: 1. Status quaestionis . La posizione giuridica dei tribunali interdiocesani eretti unilateralmente dalla Sede Apostolica nel contesto della riforma processuale di Papa Francesco. – 2. Il rapporto tra il m.p. Qua cura e la legislazione universale posteriore: dal Codice di Diritto Canonico del 1983 … – 3. … alla recente riforma del 2015 del processo di nullità matrimoniale. Il "bivio" fra l’auspicata vicinanza al Popolo di Dio e la realistica preservazione delle strutture giudiziarie. – 4. Il "colpo di scena" finale. La soppressione dei tribunali regionali italiani per tramite del rescriptum pontificio del 7 dicembre 2015. – 5. La proximitas decrescente quale principio informatore della graduatoria preferenziale dei fori ecclesiastici di prima istanza. – 6. La costituzione di nuovi tribunali interdiocesani secondo la dichiarazione della mens legislatoris resa nota dal Decano del Tribunale Apostolico della Rota Romana. – 7. Rilievi conclusivi. Le criticità di una traversia giuridico-istituzionale alquanto tormentata.

The interdiocesan tribunals according to the m.p. Mitis Iudex Dominus Iesus. Reflections about the "fate" of the m.p. Qua cura of Pope Pius XI

ABSTRACT: This work attempts to identify what is the fate of the tribunals established by the Apostolic See in the context of the m.p. Mitis Iudex Dominus Iesus of Pope Francis, who reformed the nullity of marriage process, with particular reference to the italian regional tribunals erected by Pope Pius XI with the m.p. Qua cura in 1938. These tribunals, after the different statements of the Decan of the Roman Rota and of the Pontifical Council for Legislative Texts, seem to have been suppressed by the rescript issued by Pope Bergoglio on December 7, 2015. A decision that still does not prevent the constitution of new interdiocesan tribunals, according to a declaration of the mens legislatoris of November 4, 2015, if it can not be guaranteed a greater proximity of the Church’s tribunals to the faithful.

Scarica il testo completo in PDF

La recente riforma del processo di nullità matrimoniale. Problemi, criticità, dubbi (parte terza) - di Geraldina Boni

SOMMARIO: 1. L’antefatto immediato: le lamentele sull’operato dei tribunali ecclesiastici e i Sinodi dei Vescovi del 2014 e del 2015 - 2. Problematiche prevalentemente (ma non solo) ‘formali’ suscitate dalle Litterae Apostolicae Motu Proprio datae Mitis iudex dominus Iesus - 2.1. La Ratio procedendi - 2.2. L’incerta ‘convivenza’ tra tribunali diocesani e tribunali interdiocesani/regionali. Il Motu Proprio Qua cura - 2.3. L’Istruzione Dignitas connubii . Il “Sussidio applicativo del Motu pr. Mitis Iudex Dominus Iesus ” del gennaio 2016 - 2.4. Promulgazione e altre ‘inezie’ - 3. Gravamina sostanziali in ordine alla normativa introdotta dal Motu Proprio Mitis iudex - 3.1. Dal diritto processuale al diritto sostanziale - 3.2. Vescovi e romano Pontefice, collegialità, sinodalità - 3.3. Preparazione, adeguatezza, consultazione dell’episcopato - 3.4. L’efficacia civile delle sentenze ecclesiastiche di nullità matrimoniale. Rinvio - 4. Il processus matrimonialis brevior coram episcopo - 4.1. Ritorno al passato? - 4.2. I requisiti: il primo (‘soggettivo’) - 4.3. Segue : il secondo (‘oggettivo’) - 4.4. La procedura: competenze e mansioni del vicario giudiziale, dell’istruttore, dell’assessore, del vescovo diocesano - 4.5. L’appello - 4.6. Via giudiziale e via amministrativa. Natura dichiarativa o costitutiva della decisione - 5. Un’‘accidentata gincana’ esegetica attraverso le nuove norme introdotte nel Codex Iuris Canonici - 5.1. Il foro - 5.2. Il tribunale diocesano e il dioecesanum vel interdioecesanum vicinius tribunal - 5.3. Giudici laici e giudice unico - 5.4. Fallimento e nullità del matrimonio. Alcune incoerenze disciplinari - 5.5. L’abolizione dell’obbligo della doppia conforme. Appello. Processo documentale - 6. Gli ‘inciampi’ nelle Regole procedurali - 6.1. L’ investigatio praeiudicialis seu pastoralis - 6.2. La gratuità - 6.3. Ulteriori dubbi interpretativi - 7. Pr eoccupati rilievi conclusivi.

Scarica il testo completo in PDF

La recente riforma del processo di nullità matrimoniale. Problemi, criticità, dubbi (parte seconda) - di Geraldina Boni

SOMMARIO: 1. L’antefatto immediato: le lamentele sull’operato dei tribunali ecclesiastici e i Sinodi dei Vescovi del 2014 e del 2015 - 2. Problematiche prevalentemente (ma non solo) ‘formali’ suscitate dalle Litterae Apostolicae Motu Proprio datae Mitis iudex dominus Iesus - 2.1. La Ratio procedendi - 2.2. L’incerta ‘convivenza’ tra tribunali diocesani e tribunali interdiocesani/regionali. Il Motu Proprio Qua cura - 2.3. L’Istruzione Dignitas connubii . Il “Sussidio applicativo del Motu pr. Mitis Iudex Dominus Iesus ” del gennaio 2016 - 2.4. Promulgazione e altre ‘inezie’ - 3. Gravamina sostanziali in ordine alla normativa introdotta dal Motu Proprio Mitis iudex - 3.1. Dal diritto processuale al diritto sostanziale - 3.2. Vescovi e romano Pontefice, collegialità, sinodalità - 3.3. Preparazione, adeguatezza, consultazione dell’episcopato - 3.4. L’efficacia civile delle sentenze ecclesiastiche di nullità matrimoniale. Rinvio - 4. Il processus matrimonialis brevior coram episcopo - 4.1. Ritorno al passato? - 4.2. I requisiti: il primo (‘soggettivo’) - 4.3. Segue : il secondo (‘oggettivo’) - 4.4. La procedura: competenze e mansioni del vicario giudiziale, dell’istruttore, dell’assessore, del vescovo diocesano - 4.5. L’appello - 4.6. Via giudiziale e via amministrativa. Natura dichiarativa o costitutiva della decisione - 5. Un’‘accidentata gincana’ esegetica attraverso le nuove norme introdotte nel Codex Iuris Canonici - 5.1. Il foro - 5.2. Il tribunale diocesano e il dioecesanum vel interdioecesanum vicinius tribunal - 5.3. Giudici laici e giudice unico - 5.4. Fallimento e nullità del matrimonio. Alcune incoerenze disciplinari - 5.5. L’abolizione dell’obbligo della doppia conforme. Appello. Processo documenatale - 6. Gli ‘inciampi’ nelle Regole procedurali - 6.1. L’ investigatio praeiudicialis seu pastoralis - 6.2. La gratuità - 6.3. Ulteriori dubbi interpretativi - 7. Preoccupati rilievi conclusivi.

Scarica il testo completo in PDF

La recente riforma del processo di nullità matrimoniale. Problemi, criticità, dubbi (parte prima) - di Geraldina Boni

SOMMARIO: 1. L’antefatto immediato: le lamentele sull’operato dei tribunali ecclesiastici e i Sinodi dei Vescovi del 2014 e del 2015 - 2. Problematiche prevalentemente (ma non solo) ‘formali’ suscitate dalle Litterae Apostolicae Motu Proprio datae Mitis iudex dominus Iesus - 2.1. La Ratio procedendi - 2.2. L’incerta ‘convivenza’ tra tribunali diocesani e tribunali interdiocesani/regionali. Il Motu Proprio Qua cura - 2.3. L’Istruzione Dignitas connubii . Il “Sussidio applicativo del Motu pr. Mitis Iudex Dominus Iesus ” del gennaio 2016 - 2.4. Promulgazione e altre ‘inezie’ - 3. Gravamina sostanziali in ordine alla normativa introdotta dal Motu Proprio Mitis iudex - 3.1. Dal diritto processuale al diritto sostanziale - 3.2. Vescovi e romano Pontefice, collegialità, sinodalità - 3.3. Preparazione, adeguatezza, consultazione dell’episcopato - 3.4. L’efficacia civile delle sentenze ecclesiastiche di nullità matrimoniale. Rinvio - 4. Il processus matrimonialis brevior coram episcopo - 4.1. Ritorno al passato? - 4.2. I requisiti: il primo (‘soggettivo’) - 4.3. Segue : il secondo (‘oggettivo’) - 4.4. La procedura: competenze e mansioni del vicario giudiziale, dell’istruttore, dell’assessore, del vescovo diocesano - 4.5. L’appello - 4.6. Via giudiziale e via amministrativa. Natura dichiarativa o costitutiva della decisione - 5. Un’‘accidentata gincana’ esegetica attraverso le nuove norme introdotte nel Codex Iuris Canonici - 5.1. Il foro - 5.2. Il tribunale diocesano e il dioecesanum vel interdioecesanum vicinius tribunal - 5.3. Giudici laici e giudice unico - 5.4. Fallimento e nullità del matrimonio. Alcune incoerenze disciplinari - 5.5. L'abolizione dell'obbligo della doppia conforme. Appello. Processo documentale - 6. Gli ‘inciampi’ nelle Regole procedurali - 6.1. L' investigatio praeiudicialis seu pastoralis - 6.2. La gratuità - 6.3. Ulteriori dubbi interpretativi - 7. Preoccupati rilievi conclusivi.

Scarica il testo completo in PDF

Il giusto processo di delibazione e le “nuove” sentenze ecclesiastiche di nullità matrimoniale - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: La riforma del processo canonico per le nullità matrimoniali – 2. Il matrimonio tra Codex e Concilio: stop and go sulla rilevanza della fede – 3. Le presunzioni legali in tempo di secolarizzazione – 4. I rimedi contro il fallimento del matrimonio – 5. La via stretta del riconoscimento dello stato libero causato dal divorzio civile – 6. La via larga della dichiarazione di nullità – 7. Il processus brevior come volontaria giurisdizione – 8. I riflessi sul procedimento di delibazione – 9. Nuove dimensioni del diritto di difesa e dell’ordine pubblico – 10. Prospettive del giusto processo di delibazione.

ABSTRACT: Pope Francis recently enacted a new trial according to abbreviated proceedings on the subject of the nullity of marriage cases. Yet this overhaul raises a variety of questions about the possibility of continuing to give civil force to judgements of new kind under the Concordat between the Holy See and Italy. Indeed they seem a sort of proceedings of voluntary jurisdiction, roughly alike e.g. to dispensation from valid but non consummated marriage. This paper analyses this new canonic law by the same standards as the ECHR and the Italian Constitution and emphasizes its criticalities in order to guarantee the right to a fair trial from the point of view of the right to act and resist in the proceedings.

Scarica il testo completo in PDF

L’organizzazione giudiziaria ecclesiastica alla luce del m. p. “Mitis iudex” - di Massimo del Pozzo

SOMMARIO: 1. I principi cardine della riforma - 2. Il "disegno legislativo" sulla modalità degli organi giudiziari - 3. Considerazioni sulle distinte tipologie di tribunali - 3.1. Il giudizio personale del Vescovo - 3.2. I tribunali diocesani - 3.3. I tribunali interdiocesani - 3.4 I tribunali viciniori - 3.5. I tribunali di seconda istanza - 4. Le integrazioni concernenti gli uffici e le mansioni - 5. Le facoltà concesse al Moderatore - 6. La centralità del Vescovo diocesano e l'attuazione della riforma.

Scarica il testo completo in PDF

Il nuovo ordine pubblico concordatario - di Anna Sammassimo

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Ordine pubblico e delibazione delle sentenze ecclesiastiche di nullità matrimoniale – 3. La sentenza n. 16379 del 2014: a) il concetto di convivenza coniugale triennale; b) le contraddizioni della Corte – 4. Un’impostazione giuridicamente logica e metodologicamente corretta - 5. Le “sottintese” esigenze di tutela: a) del coniuge c.d. economicamente debole; b) del coniuge ateo - 6. Conclusioni.

ABSTRACT: In the decision n. 16379/2014, the Italian Supreme Court states that three years of conjugal life is an obstacle to the exequatur procedure of the ecclesiastical sentences of nullity of marriage. This statement has already been supported by other decisions taken by the Court during 2015 and has de facto determined a new public policy, valid only for ecclesiastical sentences but not, for example, applicable to judgments made abroad. This new public policy is more restrictive than both the international public policy and the Italian public policy.

Scarica il testo completo in PDF

Delibazione di sentenze ecclesiastiche, ovvero il cammello per la cruna dell’ago - di Marco Canonico

Sommario : 1. L’introduzione del criterio della buona fede - 2. La distinzione tra incompatibilità assolute e relative - 3. La rilevanza attribuita alla prolungata convivenza coniugale – 4. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Delibazione e ordine pubblico: le violazioni dell’Accordo “che apporta modificazioni al Concordato lateranense” - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. Le novità in ordine all’inderogabile tutela dell’ordine pubblico nell’attribuzione dell’efficacia civile alle sentenze ecclesiastiche di nullità matrimoniale – 2. Il contrasto giurisprudenziale e la difficile ricerca di un punto d’equilibrio – 3. I principi costituzionali coinvolti e la necessità del loro bilanciamento – 4. L’asserito vulnus all’Accordo del 1984 – 5. Inadempimenti e violazioni dell’Accordo del 1984 “per commissione” – 6. La metamorfosi delle nullità matrimoniali canoniche e il magistero pontificio – 7. Il controllo della Segnatura Apostolica e delle Corti d’Appello sui presupposti delle distinte competenze – 8. La fragilità della conservazione a oltranza della cittadella concordataria.

Scarica il testo completo in PDF

Ordine pubblico e sovranità della Repubblica nel proprio ordine (matrimoniale): le Sezioni unite e la convivenza coniugale triennale come limite alla “delibazione” delle sentenze ecclesiastiche - di Jlia Pasquali Cerioli

SOMMARIO: 1. Premessa: prove di laicità nel diritto ecclesiastico vivente - 2. Ordine pubblico e sovranità laica della Repubblica nel suo ordine: dall’affermazione all’attuazione del principio (oltre trent’anni dopo) - 3. “Maggiore disponibilità” e “specificità” del diritto canonico matrimoniale: il definitivo tramonto di una formula “ellittica” - 4. Convivenza coniugale, matrimonio rapporto e identità aperta della “vita familiare” in re temporali - 5. Note critiche: il criterio temporale dei “tre anni” di convivenza quale limite di ordine pubblico - 6. (… segue) un’individuazione incompleta del principio: l’assenza di riferimenti alla tutela del coniuge debole – 7. (… segue) l’operatività “facoltativa” del limite - 8. Sintesi conclusiva

Scarica il testo completo in PDF

Delibazione delle sentenze ecclesiastiche di nullità matrimoniale: la (limitata) ostatività della convivenza coniugale - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. L’ordine pubblico interno – 2. La “specificità dell’ordinamento canonico” – 3. Il presunto avvicinamento tra i due ordinamenti – 4. Luci ed ombre delle Sezioni unite – 5. Il valore della convivenza coniugale nell’ordinamento civile e nella Chiesa.

ABSTRACT: Overturn of the Supreme Court about the living together as spouses for a long time as mandatory rule, but only if the litigants disagree about the enforceability of the ecclesiastical ruling on the nullity of their marriage. The aim of this paper is to demonstrate the contradiction of a binding regulation in the willingness of the litigants.

Scarica il testo completo in PDF

“Specificità dell’ordinamento canonico” e delibazione delle sentenze matrimoniali ecclesiastiche - di Giuseppe Dalla Torre

SOMMARIO: 1. Problemi interpretativi di una disposizione concordataria – 2. Tra diritto processuale e diritto sostanziale – 3. (segue) la invalidità matrimoniale in diritto canonico – 4. Disposizioni o effetti contrari all’ordine pubblico? – 5. (segue) sulla asserita rilevanza costituzionale del matrimonio-rapporto – 6. Osservazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Novità procedurali riguardanti la Rota Romana: le facoltà speciali - di Joaquín Llobell

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. La facoltà speciale n. I: «Le sentenze rotali che dichiarano la nullità del matrimonio siano esecutive, senza che occorra una seconda decisione conforme»: 2.1. La prima facoltà speciale vieta l’appello contro la sentenza rotale che dichiara per la prima volta la nullità del matrimonio?; 2.2. Il diritto di appello alla Rota Romana e le fattispecie in cui la Rota può emettere una prima sentenza “pro nullitate matrimonii”; 2.3. Cenni minimi sulle conseguenze della prima facoltà speciale sulla delibazione della prima sentenza a favore della nullità del matrimonio – 3. La facoltà speciale n. II: «Dinanzi alla Rota Romana non è possibile proporre ricorso per la N.C.P. [“nova causae propositio”], dopo che una delle parti ha contratto un nuovo matrimonio canonico» – 4. La facoltà speciale n. III: «Non si dà appello contro le decisioni rotali in materia di nullità di sentenze o di decreti» – 5. La facoltà speciale n. IV: «Il Decano della Rota Romana ha la potestà di dispensare per grave causa dalle Norme Rotali in materia processuale», con particolare riferimento alla modifica dei turni giudicanti per affidare le cause a collegi “videntibus septem iudicibus” – 6. La facoltà speciale n. V: «Siano avvertiti gli Avvocati Rotali circa il grave obbligo di curare con sollecitudine lo svolgimento delle cause loro affidate, sia di fiducia che d’ufficio, così che il processo davanti alla Rota Romana non ecceda la durata di un anno e mezzo» – 7. Brevissime conclusioni – Appendice (Testo delle facoltà speciali della Rota Romana, 11 febbraio 2013) –

Procedural Novelties concerning the Roman Rota: The Special Faculties

ABSTRACT: On 11 February 2013, Benedict XVI introduced important modifications to the marriage nullity process before the Roman Rota under the formal title of “special faculties” granted for a period of three years, for the purpose of substantially reducing the backlog of causes pending before the Apostolic Tribunal. The first faculty provides that the Rotal sentence that first declares the nullity of marriage is executable, also partially abrogating for three years the obligation of the double conforming sentence introduced by Benedict XIV in 1741. The author of the commentary, distancing himself from the interpretation of this faculty that has been adopted by the Rota, holds that this faculty does not prohibit the presentation of an appeal within the peremptory time limits foreseen by the proper norms of the Roman Rota. The second faculty impedes the presentation of a nova causae propositio before the Rota against a sentence declaring the nullity of marriage when one of the spouses has proceeded to contract a new canonical marriage. Very brief comments are made about the other three special faculties.

Scarica il testo completo in PDF

Aspetti della Giustizia Vaticana - di Giuseppe Dalla Torre

SOMMARIO: 1. Un nuovo interesse per la Giustizia Vaticana – 2. Ordinamento vaticano e ordinamento canonico – 3. Peculiarità dell’ordinamento giudiziario – 4. La questione dell’interpretazione – 5. Un caso particolare nel diritto penale – 6. La nuova normativa in materia di antiriciclaggio e lotta al terrorismo – 7. Cenni di conclusione.

Scarica il testo completo in PDF

In tema di responsabilità professionale dell’avvocato rotale - di Beatrice Serra

SOMMARIO: 1. Rilievo della pronuncia in esame - 2. La vicenda che ha condotto all’appello - 3. L’attività dell’avvocato rotale quale prestazione d’opera intellettuale - 4. L’esistenza di un’apposita normativa canonica quale indice dell’appartenenza della materia alla sfera di competenza esclusiva della Chiesa. Rilievi critici - 5. La peculiare natura dell’attività processuale dell’avvocato rotale quale elemento che esclude un sindacato del giudice statale. Rilievi critici - 6. (segue) Elementi funzionali all’esercizio della giurisdizione statale: il contenuto dell’incarico, la ragionevole probabilità, l’obbligo di informazione - 7. Considerazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

La convivenza coniugale quale elemento ostativo alla delibazione della sentenza ecclesiastica di nullità matrimoniale alla luce delle recenti evoluzioni giurisprudenziali - di Graziano Mioli

SOMMARIO: 1. La critica della (non) critica della ragion giuridica – 2. Il riesame del merito: un pericolo incombente – 3. La rilevabilità d'ufficio delle questioni di contrarietà all'ordine pubblico – 4. Le inquietanti derive delle corti di merito – 5. Il riproporsi di una vexata quaestio, ossia il divieto di attività istruttoria – 6. Per una soluzione definitiva di una storia infinita.

Conjugal life as an obstacle to the exequatur procedure of the ecclesiastical sentences of nullity of marriage in the light of the latest jurisprudence

The statement of the Supreme Court in the decision n. 1343/2011, according to which − contrary to what has been stated by the Supreme Court itself in the decision n. 4700/1988 and in all the subsequent rulings − conjugal life represents an obstacle to the exequatur procedure of the ecclesiastical sentences of nullity of marriage − otherwise this procedure would be inconsistent with the principles of public policy − seems destined to be supported in the future, despite the recent negative position expressed by the upreme Court in the decision n. 8926/2012. Even if some Authors consider what has been said above a breach of the prohibition of review of a judgment on the merits, the Supreme Court states that the only limit for the Court within the exequatur procedure is represented by the Canon res judicata, in which investigations on conjugal life are not included. Moreover, this issue would be raised ex officio by both the Court of Appeal and the Supreme Court, provided that, in the latter case, the facts related to the conjugal life have been established within the sentence under impugnment. In this perspective, many of the Courts recent judgments seem to be controversial. Besides, there are problems regarding limitations of the investigatory powers of the Judge of the exequatur procedure and the prohibition on obtaining the documents related to the ecclesiastical judgement. The final solution could come from a ruling of the Joint Committee set up within the Agreement signed by the State and the Catholic Church in 1984.

Scarica il testo completo in PDF

Il m.p. “Quaerit semper” sulla dispensa dal matrimonio non consumato e le cause di nullità della sacra ordinazione - di Joaquín Llobell

SOMMARIO: 1. Oggetto di queste considerazioni. – 2. La natura di mero sostegno logistico da parte del Tribunale Apostolico della Rota Romana rispetto all’“Ufficio Amministrativo presso la Rota Romana” (UARR) e l’affidamento “ope legis” della sua presidenza al Decano della Rota. – 3. Gli organi trasferiti dalla Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti (CCDDS) all’UARR. – 4. La competenza e la procedura dell’UARR per la dispensa “super quolibet matrimonio non consummato”: 4.1. La prevalenza dell’inconsumazione sulla natura sacramentale del matrimonio oggetto della dispensa come criterio della competenza materiale dell’UARR: la discrasia fra la terminologia “super rato” e la competenza sul matrimonio non consumato e non rato; 4.2. La natura sussidiaria dello scioglimento nei confronti della nullità del matrimonio e la competenza del Tribunale Apostolico della Rota Romana nella dispensa “super matrimonio non consummato”; 4.3. La procedura “super matrimonio non consummato” da parte dell’UARR: la natura graziosa e la tutela del diritto al rispetto della normativa stabilita; 4.4. Le condizioni per la validità della dispensa e la necessità della certezza morale. – 5. Le residue competenze procedurali della CCDDS in materia matrimoniale, fra cui le cause di separazione dei coniugi (retractatio). – 6. La doppia natura, giudiziale e amministrativa, della procedura per la dichiarazione della nullità della sacra ordinazione. L’Ufficio “amministrativo” presso la Rota Romana ha potestà giudiziale? La competenza della Congregazione per le Chiese Orientali e quella del Tribunale Apostolico della Rota Romana (aliae retractationes). – 7. Il “pellegrinaggio” dicasteriale della dispensa dagli obblighi clericali, in particolare da quello del celibato.

The Motu proprio “Quaerit semper” on the dispensation from unconsummated marriages and causes of nullity of ordination

The Motu proprio Quaerit semper (QS) has created an “Administrative Office at the Roman Rota” (UARR) enjoying a notable autonomy from the Apostolic Tribunal. In fact they are two different entities of which the second by law has the dean of the Rota as its moderator. The rest of the personnel is autonomous although the UARR uses the offices of the Rota. QS has abrogated articles 67-68 of the Apostolic Constitution Pastor bonus by putting their content into two new paragraphs added to the following art. 126. In this fashion the competence of the Congregation for Divine Worship and the Discipline of the Sacraments (CCDDS) for unconsummated marriages, even non-sacramental ones, and for the nullity of ordination has been transferred to UARR. Nonetheless, the CCDDS still retains competence for different marriage procedures: the separation of the spouses, presumption of the death, etc. The author proposes that the dissolution of unconsummated marriages should be subsidiary to the declaration of the nullity of marriage, as is the case at the Roman Rota.
 

Scarica il testo completo in PDF

Convivenza coniugale e nullità matrimoniali canoniche: la Cassazione torna sui suoi passi (nota a Cass. 4 giugno 2012 n. 8926) - di Marco Canonico

SOMMARIO: 1. Le decisioni precedenti - 2. I contenuti del provvedimento - 3. Osservazioni finali.

Scarica il testo completo in PDF

La convivenza coniugale come ostacolo al riconoscimento delle nullità matrimoniali canoniche: la Cassazione fornisce precisazioni ma le incertezze aumentano - di Marco Canonico

SOMMARIO: 1. Il precedente giurisprudenziale - 2. La sentenza della Corte di Cassazione 8 febbraio 2012 n. 1780 e la necessaria effettività della convivenza coniugale - 3. Una specificazione che accresce le incertezze.

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” - Editoriali • Un 11 febbraio particolare: Chiesa contro giudici? (di Nicola Colaianni) - di Nicola Colaianni

Che il recente riposizionamento della giurisprudenza in materia di delibazione delle sentenze ecclesiastiche di nullità matrimoniale non potesse incontrare il favore della Chiesa, e in particolare della Santa Sede, era del tutto scontato. Che però il dissenso venisse espresso in apicibus con un editoriale di spalla sull’Osservatore romano dell’11 febbraio, anniversario dei patti lateranensi, costituisce un atto di rottura della diplomazia dei rapporti di assoluta novità. Senza giri di frase, invero, l’editoriale non firmato (e perciò al massimo grado autorevole) formula senz’altro il capo d’accusa: “certi orientamenti della giurisprudenza (...) rischiano di svuotare di contenuto l’articolo 8 del Concordato”. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Delibazione delle sentenze ecclesiastiche e (prolungata) convivenza tra i coniugi - di Natascia Marchei

SOMMARIO: 1. Premessa: le questioni sostanziali sottostanti – 2. Le oscillanti (ma non troppo) posizioni della giurisprudenza di legittimità fino alla sentenza delle Sezioni Unite 18 luglio 2008, n. 19809 - 3. I recenti interventi della Corte di Cassazione (la sentenza delle Sezioni Unite 18 luglio 2008, n. 19809 e la sentenza della I sezione 20 gennaio 2011, n. 1343) - 4. Brevi considerazioni conclusive.


 

Scarica il testo completo in PDF

Sulla responsabilità civile del giudice canonico. Profili giurisdizionali - di Beatrice Serra

SOMMARIO: 1. Una nuova questione di giurisdizione – 2. La vicenda che ha condotto al ricorso - 3. Due opposte chiavi di lettura: a) La violazione delle norme canoniche da parte del giudice ecclesiastico quale causa di un danno ingiusto ex art. 2043 c.c. Le confessioni religiose come formazioni sociali ex art. 2 Cost. e la garanzia del diritto al giusto procedimento quale limite dell’autonomia confessionale - 4. La Chiesa cattolica quale ordinamento giuridico originario e primario. Insindacabilità dell’azione del giudice canonico quale svolgimento di un potere espressione della libertà ed autonomia riconosciuta alla Chiesa nel suo ordine- 5. I principi a fondamento della decisione delle Sezioni Unite: a) Il processo canonico sulla nullità di un matrimonio concordatario è una realtà esterna ed estranea all’ordinamento statale - 6. Non ogni soggetto che svolge la funzione giudiziale canonica è ministro di culto in senso civilistico. Il sindacato statale sull’applicazione delle norme confessionali quale atto fortemente invasivo dell’autonomia confessionale. Il profilo positivo e negativo del criterio della funzionalità e il controllo del rispetto della legge penale italiana quale causa di deroga al principio di non ingerenza nell’ordine confessionale. La risoluzione del problema della “competenza delle competenze” in prospettiva canonistica - 7. Rilievi conclusivi.

Scarica il testo completo in PDF

Laicità e dimensione pubblica del fattore religioso. Stato attuale e prospettive. Relazione di sintesi - di Enrico Vitali

SOMMARIO: 1. Introduzione ai temi del Convegno (Giovanni Varnier) – 2. Profili costituzionali - 2.a) Il sistema di accordi con la Chiesa cattolica e l’incidenza delle fonti unilaterali statuali (Giuseppe Dalla Torre) - 2.b) Laicità e prevalenza delle fonti di diritto unilaterale sugli accordi con la Chiesa Cattolica (Nicola Colaianni) – 3. La situazione delle minoranze religiose tra autonomia e immobilismo del legislatore - 3.a) Le minoranze religiose tra autonomia e immobilismo del legislatore (Mario Tedeschi) - 3.b) Le minoranze religiose (Silvio Ferrari) - 4. – Il diritto regionale e il diritto locale - 4.a) Laicità e collaborazione a livello locale. Gli equilibri tra fonti centrali e periferiche nella disciplina del fenomeno religioso (Pierangela Floris) - 4.b) Laicità e spazi urbani. Il fenomeno religioso tra governo municipale e giustizia amministrativa (Roberto Mazzola) - 5. La giurisdizione - 5.a) Il diritto “vivente” nella giurisprudenza della Corte di Cassazione (Raffaele Botta) - 5.b) Le ultime tendenze giurisprudenziali del Consiglio di Stato (Paolo Moneta).

Scarica il testo completo in PDF

Il riconoscimento delle sentenze ecclesiastiche di nullità matrimoniale - di Marco Canonico

SOMMARIO: 1. Il riconoscimento del matrimonio canonico nel Concordato lateranense - 2. Il processo di revisione concordataria e le innovazioni in tema di efficacia civile delle sentenze ecclesiastiche - 3. L’efficacia civile delle sentenze ecclesiastiche nell’Accordo di Villa Madama - 4. La questione dell’applicabilità della L. 218/95 alle sentenze ecclesiastiche - 5. Le previsioni degli artt. 796 e 797 c.p.c. - 6. Il requisito del mancato contrasto con l’ordine pubblico - 7. I provvedimenti economici provvisori - 8. Considerazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e riserva di giurisdizione della Chiesa sui matrimoni concordatari: sentenze canoniche e ordinamento civile - di Ombretta Fumagalli Carulli

INDICE: Premessa - 1. Giurisdizione ecclesiastica e sovranità dello Stato italiano: una storia di contrasti - 2. L’art. 34 del Concordato lateranense - 3. La discussione politica sul matrimonio concordatario in età democratica - 4. La controversia sul divorzio - 5. L’incidenza della giurisprudenza costituzionale - 6. L’art. 8 dell’Accordo di revisione ed il silenzio sulla riserva di giurisdizione - 7. Irrazionalità ed incoerenza di sistema dopo la riforma del diritto internazionale privato - 8. Osservazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Lineamenti del rinnovato processo contenzioso amministrativo ecclesiale. Commento al m.p. Antiqua ordinatione di Benedetto XVI (parte seconda) - di Manuel Ganarin

SOMMARIO: PARTE PRIMA: CONSIDERAZIONI PRELIMINARI – 1. “Signatura Apostolica lege propria regitur” (cost. ap. Pastor Bonus, art. 125). Il definitivo superamento delle Normae speciales e l’adeguata sistemazione della novella legislazione benedettina nell’articolato sistema delle fonti del diritto – 2. I tratti distintivi della Lex propria: in particolare, la sua ispirazione pragmatica e l’evoluzione della “nomenclatura” canonistica in materia di giustizia amministrativa – 3. La Segnatura Apostolica quale tribunal administrativum. Spunti per un’interpretazione sistematica del controverso c. 1400, § 2 CIC, conformemente all’indole definitoria della normativa codiciale ecclesiale – PARTE SECONDA: DISAMINA DELLA RATIO PROCEDENDI INTERNA AL SUPREMO FORO GIUDIZIARIO – 1. Prima fase – a) L’interposizione del ricorso entro i limiti di decadenza posti all’esercizio del diritto fondamentale al giudizio e l’eventuale concessione della remissio in terminos a favore del ricorrente – b) Contenuto, allegati e capita nullitatis dell’istanza introduttiva del giudizio – 2. La reiectio in limine dell’istanza irricevibile. Il controllo essenzialmente formale del Segretario del Supremo Tribunale della Segnatura – a) La non pertinenza dell’oggetto sostanziale della domanda – b) Presupposti e condizioni del ricorso di legittimità. In particolare, la capacitas standi in iudicio e la legitimatio activa della parte ricorrente – c) L’inesistenza dell’oggetto formale del ricorso – d) La decorrenza del termine per ricorrere: il c.d. ricorso tardivo – 3. Seconda fase: le attività del Segretario conseguenti all’accettazione preliminare del ricorso – a) Premessa: l’identificazione dei soggetti del giudizio e la vexata quaestio relativa al possibile conflitto interistituzionale fra l’autorità amministrativa ecclesiastica inferiore ed il competente Dicastero della Curia Romana – b) Ricorrente, resistente, controinteressato e terzi interventori. Parti principali e parti accessorie del processo amministrativo – c) Contenzioso amministrativo e collaborazione fra istituzioni ecclesiali. L’esibizione del provvedimento impugnato e degli acta causae da parte del Dicastero resistente – d) Il votum pro rei veritate e la peculiare “bidirezionalità” delle funzioni conferite al Promotore di giustizia – 4. L’attuazione del contraddittorio processuale nell’espletamento della c.d. istruttoria “documentale” – 5. Il giudizio di ammissibilità del Prefetto in Congresso – a) La divaricazione tra impostazioni dottrinali e prassi applicativa relativamente al concetto di “manifesta infondatezza” del ricorso – b) Segue. La riformulazione, de iure condendo, della diagnosi prefettizia e della struttura “trifasica” del processo contenzioso amministrativo canonico – 6. Terza fase: dalla contestazione della lite alla decisione del Collegium iudicans – a) La summaria delibatio oralis, il c.d. supplemento d’istruttoria ed il compimento della fase decisoria – b) Gli effetti tipici del giudicato amministrativo di rigetto. L’effetto “caducatorio” della sentenza di accoglimento e la sua incidenza nel sistema delle invalidità dell’atto giuridico canonico – c) Segue. L’effetto “ripristinatorio” e l’effetto “conformativo” conseguenti all’annullamento della decisione impugnata – 7. La crisi irreversibile del processo amministrativo. Le ipotesi di litis finitio previste dal Codex iuris canonici e dalla Lex propria – a) La morte del ricorrente e la c.d. ”sopravvenuta carenza di interesse” – b) La persistente inerzia delle parti: la perenzione – c) La rinuncia all’istanza giudiziale – d) La revoca del provvedimento amministrativo – e) La composizione pacifica della controversia – 8. La sospensione giudiziale dell’esecuzione dell’atto amministrativo singolare – a) Vincolatività ed automaticità della tutela cautelare: il ricorso tantum in devolutivo ed il ricorso etiam in suspensivo – b) I presupposti giuridici e sostanziali per la concessione della misura sospensiva – c) Il procedimento incidentale: dal giudizio preliminare del Segretario alla deliberazione del Cardinale Prefetto

Scarica il testo completo in PDF

Lineamenti del rinnovato processo contenzioso amministrativo ecclesiale. Commento al m.p. Antiqua ordinatione di Benedetto XVI - di Manuel Ganarin

SOMMARIO: PARTE PRIMA: CONSIDERAZIONI PRELIMINARI – 1. “Signatura Apostolica lege propria regitur” (cost. ap. Pastor Bonus, art. 125). Il definitivo superamento delle Normae speciales e l’adeguata sistemazione della novella legislazione benedettina nell’articolato sistema delle fonti del diritto – 2. I tratti distintivi della Lex propria: in particolare, la sua ispirazione pragmatica e l’evoluzione della “nomenclatura” canonistica in materia di giustizia amministrativa – 3. La Segnatura Apostolica quale tribunal administrativum. Spunti per un’interpretazione sistematica del controverso c. 1400, § 2 CIC, conformemente all’indole definitoria della normativa codiciale ecclesiale – PARTE SECONDA: DISAMINA DELLA RATIO PROCEDENDI INTERNA AL SUPREMO FORO GIUDIZIARIO – 1. Prima fase – a) L’interposizione del ricorso entro i limiti di decadenza posti all’esercizio del diritto fondamentale al giudizio e l’eventuale concessione della remissio in terminos a favore del ricorrente – b) Contenuto, allegati e capita nullitatis dell’istanza introduttiva del giudizio – 2. La reiectio in limine dell’istanza irricevibile. Il controllo essenzialmente formale del Segretario del Supremo Tribunale della Segnatura – a) La non pertinenza dell’oggetto sostanziale della domanda – b) Presupposti e condizioni del ricorso di legittimità. In particolare, la capacitas standi in iudicio e la legitimatio activa della parte ricorrente – c) L’inesistenza dell’oggetto formale del ricorso – d) La decorrenza del termine per ricorrere: il c.d. ricorso tardivo – 3. Seconda fase: le attività del Segretario conseguenti all’accettazione preliminare del ricorso – a) Premessa: l’identificazione dei soggetti del giudizio e la vexata quaestio relativa al possibile conflitto interistituzionale fra l’autorità amministrativa ecclesiastica inferiore ed il competente Dicastero della Curia Romana – b) Ricorrente, resistente, controinteressato e terzi interventori. Parti principali e parti accessorie del processo amministrativo – c) Contenzioso amministrativo e collaborazione fra istituzioni ecclesiali. L’esibizione del provvedimento impugnato e degli acta causae da parte del Dicastero resistente – d) Il votum pro rei veritate e la peculiare “bidirezionalità” delle funzioni conferite al Promotore di giustizia – 4. L’attuazione del contraddittorio processuale nell’espletamento della c.d. istruttoria “documentale” – 5. Il giudizio di ammissibilità del Prefetto in Congresso – a) La divaricazione tra impostazioni dottrinali e prassi applicativa relativamente al concetto di “manifesta infondatezza” del ricorso – b) Segue. La riformulazione, de iure condendo, della diagnosi prefettizia e della struttura “trifasica” del processo contenzioso amministrativo canonico – 6. Terza fase: dalla contestazione della lite alla decisione del Collegium iudicans – a) La summaria delibatio oralis, il c.d. supplemento d’istruttoria ed il compimento della fase decisoria – b) Gli effetti tipici del giudicato amministrativo di rigetto. L’effetto “caducatorio” della sentenza di accoglimento e la sua incidenza nel sistema delle invalidità dell’atto giuridico canonico – c) Segue. L’effetto “ripristinatorio” e l’effetto “conformativo” conseguenti all’annullamento della decisione impugnata – 7. La crisi irreversibile del processo amministrativo. Le ipotesi di litis finitio previste dal Codex iuris canonici e dalla Lex propria – a) La morte del ricorrente e la c.d. ”sopravvenuta carenza di interesse” – b) La persistente inerzia delle parti: la perenzione – c) La rinuncia all’istanza giudiziale – d) La revoca del provvedimento amministrativo – e) La composizione pacifica della controversia – 8. La sospensione giudiziale dell’esecuzione dell’atto amministrativo singolare – a) Vincolatività ed automaticità della tutela cautelare: il ricorso tantum in devolutivo ed il ricorso etiam in suspensivo – b) I presupposti giuridici e sostanziali per la concessione della misura sospensiva – c) Il procedimento incidentale: dal giudizio preliminare del Segretario alla deliberazione del Cardinale Prefetto

Scarica il testo completo in PDF

L’esperienza delle riviste di “diritto matrimoniale” in Italia (1934-1968) e la partecipazione degli ecclesiasticisti e canonisti - di Maria d'Arienzo

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. La “Rivista di diritto matrimoniale italiano e dei rapporti di famiglia” (1934-1954) – 3. La “Rivista del diritto matrimoniale e dello stato delle persone” (1958-1968) – 4. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

“Prolungata convivenza” oltre le nozze e mancata “delibazione” della sentenza ecclesiastica di nullità matrimoniale (brevi note a Cass. civ., sez. I, sent. 20 gennaio 2011, n. 1343) - di Jlia Pasquali Cerioli

SOMMARIO: 1. I fatti e il processo – 2. La sentenza – 3. Una decisa svolta giurisprudenziale – 4. Difficoltà applicative – 5. (segue…) incerti futuri scenari - 6. Brevi conclusioni: la rinnovata vitalità del limite di ordine pubblico.

Scarica il testo completo in PDF

Il matrimonio religioso nella Repubblica di San Marino - di Luca Iannaccone

SOMMARIO: 1. La secolarizzazione del matrimonio nella Serenissima Repubblica di San Marino - 2. La legge 26 aprile 1986, n. 49: un codice del matrimonio e della famiglia - 3. La trascrizione del matrimonio religioso - 4. La riserva di giurisdizione e la questione delle “gite sul Titano” - 5. L'exequatur delle sentenze di nullità matrimoniali pronunciate dai Tribunali ecclesiastici.

Scarica il testo completo in PDF

Il riformismo legislativo in diritto ecclesiastico e canonico: aspetti internazionalistici - di Luciano Musselli

SOMMARIO: 1. L’oggetto di indagine ed i suoi limiti. L’argomento ed i suoi problemi di fondo - 2. Il matrimonio canonico e concordatario nel quadro del diritto internazionale privato – 2.1. La rilevanza del matrimonio canonico – 2.2. Le decisioni ecclesiastiche di nullità, il Concordato ed il diritto internazionale privato – 2.3. Problematiche attinenti la dimensione giuridica europea - 3. Il problema delle sentenze straniere di divorzio a connotazione religiosa - 4. I beni culturali religiosi ed il diritto internazionale – 5. Organi ed enti della Santa Sede e della Chiesa cattolica e problematiche di diritto internazionale – 6. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Profili problematici della legge vaticana n. LXXI/2008 sulle fonti del diritto - di Simona Attollino

SOMMARIO: 1. Considerazioni introduttive - 2. L’analisi del provvedimento - 3. Lo strumento del rinvio - 4. Riflessioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Il diritto ecclesiastico “vivente” nella giurisprudenza della Corte di Cassazione - di Raffaele Botta

SOMMARIO: 1. Il ruolo della Corte di cassazione – 2. La giurisdizione ecclesiastica matrimoniale – 3. Le conseguenze economiche della dichiarazione di nullità di un matrimonio canonico trascritto – 4. Il filtro dell’ordine pubblico – 5. Un nuovo orientamento – 6. Le questioni processuali – 7. Trattamento tributario e rapporti di lavoro – 8. I diritti fondamentali – 9. Temi di minore impatto e bilanciamento tra diritto di libertà religiosa e diritti fondamentali.

Scarica il testo completo in PDF

I nuovi confini del diritto matrimoniale tra istanze religiose e secolarizzazione: la giurisdizione - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Matrimonio religioso e giurisdizione - 2. Giurisdizioni alternative nelle società multiculturali? – 3. Spazi aperti dalle giurisprudenze europeee – 4. Arbitrato e globalizzazione – 5. Secolarizzazione e interposizioni religiose – 6. Rischi per i diritti fondamentali – 7. Sul retroterra multiculturalista - 8. Incursus: Kelsen e la Corte costituzionale austriaca – 9. Esperienza italiana e prospettive – 10. Conclusione: per un globalismo ben temperato.

Scarica il testo completo in PDF

L’efficacia civile delle sentenze ecclesiastiche contumaciali in materia matrimoniale nell’ordinamento spagnolo: spunti microcomparativi - di Sonia Fiorentino

SOMMARIO: 1. I limiti posti dall’ordinamento spagnolo al riconoscimento delle pronunce straniere rese in contumacia di una delle parti – 2. Rilevanza della componente volontaristica della contumacia nel caso delle pronunce confessionali – 3. Contumacia volontaria e libertà di coscienza: la sentenza 24 ottobre 2007 del Tribunale Supremo spagnolo – 4. L’ordinamento italiano e il riconoscimento delle pronunce ecclesiastiche rese in contumacia di una delle parti: considerazioni comparative - 5. La giurisprudenza italiana sul tema – 6. La specificità dell’ordinamento canonico ostativa al riconoscimento delle sentenze ecclesiastiche contumaciali: possibili sviluppi a partire a) dalla sentenza n. 19809 del 2008 della Cassazione Sezioni Unite - 7. (segue): b) dalla giurisprudenza europea.

Scarica il testo completo in PDF

La «supremazia» del principio di laicità nei percorsi giurisprudenziali: il giudice ordinario - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. I «perché» della ricerca – 2. I «come» della ricerca – 3. I «dati» della ricerca – 4. Il principio di laicità, l’interpretazione adeguatrice ed il diritto ecclesiastico positivo – 5. I rischi dell’interpretazione adeguatrice – 6. L’interpretazione adeguatrice e la discrezionalità del giudice – 7. I vincoli nell’attuazione del principio – 8. Le linee generali degli interventi della Corte di cassazione civile e dei giudici di merito – 9. L’ossequio formale al principio – 10. L’applicazione giurisprudenziale fatta dalle sezioni unite civili della Corte di cassazione … – 10.a) Il divieto di ingerenza nell’organizzazione delle confessioni religiose - 10.b) Libertà fondamentali, diritti assoluti e riparto della giurisdizione - 10.c) Pubblico, religioso e profili etici - 10.d) La potestà organizzatoria non conformata della Pubblica Amministrazione - 10.e) Ordine pubblico e delibazione - 11. (segue) … e dalle sezioni semplici – 11.a) La personalità giuridica privata degli enti di culto - 11.b) L’insegnamento della religione nella scuola pubblica e gli insegnanti - 11.c) Il lavoro dei religiosi presso l’associazione di appartenenza - 11.d) I diritti delle scuole confessionali e i diritti degli insegnanti - 11.e) Il riconoscimento del figlio naturale - 11.f) Il giuramento - 12. Uno sguardo riassuntivo.

Scarica il testo completo in PDF

L’altra “faccia” della specificità del matrimonio canonico (A proposito di Cassazione, Sez. Un., 18 luglio 2008, n. 19809) - di Francesco Alicino

SOMMARIO: 1. – Prologo: i fatti. – 2. Incompatibilità assolute e relative ovvero ... – 3. ... l’altra “faccia” della specificità ossia ... – 4. ... l’irrimediabile iato tra il matrimonio civile e quello canonico. – 5. Epilogo: specificità del diritto canonico e il regime civilistico del consenso

Scarica il testo completo in PDF

Ossimori impliciti e tautologie esplicite nella disciplina della dispensa da disparitas cultus tra cattolici e islamici - di Francesco La Camera

SOMMARIO: 1. Considerazioni preliminari - 2. La concessione della dispensa: i poteri dell’Ordinario – 3. La natura dell’impedimento di disparitas cultus - 4. Le promissiones prestate dai nubendi - 4.1 La dichiarazione di evitare il pericolo di abbandono della fede cattolica - 4.2 La promessa del battesimo e dell’educazione cattolica dei figli - 4.3 L’istruzione sui fini e sulle proprietà essenziali del matrimonio - 4.4 L’informazione alla parte musulmana - 5. Conclusioni e prospettive future.

Scarica il testo completo in PDF

Pronunciato incostituzionale sulla (in)delibabilità ecclesiastica della Corte di Cassazione Sezioni Unite Civili - di Nicola Bartone

SOMMARIO: A) I cinque principi-pilastro enunciati dalle Sezioni Unite Civili della Corte Italiana di Cassazione per la delibabilità o melius per la non delibabilità delle sentenze ecclesiastiche di nullità matrimoniale - B) Il principio di diritto della delibabilità anche in caso di incompatibilità relativa e la sua apparente apertura alle sentenze ecclesiastiche rispetto a quelle dell’Unione Europea - C) Il caso specifico (dolo) e l’errore soggettivo non delibabile. Il vulnus all’art. 7 della Costituzione Italiana - D) Il potere dato alla Corte Italiana di Appello di dare una diversa qualificazione alla fattispecie di nullità matrimoniale secondo il contenuto della norma civile italiana e secondo il parametro di interpretazione della giurisprudenza civile. Tassativi e oggettivi i vizi del consenso contenuti nell’art. 122 codice civile italiano - E) Il distinguo tra incompatibilità assolute e incompatibilità relative con l’ordine pubblico interno italiano e l’apparente apertura per le sentenze ecclesiastiche rispetto a quelle statuali dell’UE - F) L’errore-vizio delibabile solo se su qualità oggettiva-permanente-tassativa secondo il parametro della coscienza sociale comune - G) Il principio di diritto originato dal principio del matrimoniosolidarietà e dalla supremazia di una indefinita coscienza sociale comune inficia il regime matrimoniale concordatario e il comune sentire del cittadino cattolico, positivizzato nell’ordinamento canonico. Il vulnus agli artt. 7 e 24 della Carta Costituzionale.

Scarica il testo completo in PDF

In utroque iure: i Tribunali ecclesiastici e l’esimente ex art. 598 c.p. - di Stefano Testa Bappenheim

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. La giurisdizione dei tribunali ecclesiastici. - 3. L’analogia. – 4. L’esercizio d’un diritto.

Scarica il testo completo in PDF

Considerazioni critiche sulla competenza del Tribunale ecclesiastico diocesano in tema di titoli nobiliari e di adozione - di Mario Ferrante

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Sulla competenza giudiziale del Tribunale diocesano perugino a decidere dell’acquisizione legittima di un titolo comitale - 2.1. Sulla pretesa origine di subcollazione pontificia del titolo - 3. Sugli effetti dell’adozione in diritto canonico - 4. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Giurisdizione matrimoniale ecclesiastica e poteri autoritativi della magistratura italiana - di Geraldina Boni

SOMMARIO: 1. La sentenza n. 22827 del 2004 della Cassazione penale italiana - 2. Il segreto “professionale” del ministro di culto/giudice ecclesiastico - 3. Indipendenza e sovranità della Chiesa nel suo ordine e attività dei tribunali ecclesiastici in materia matrimoniale. La libertà della giurisdizione della Chiesa e la repressione dei reati da parte dello Stato - 4. Il ricorso al giudice italiano in ambito giudiziario matrimoniale canonico. Fisionomia e caratteri del processo canonico di nullità del vincolo e illeciti penali in esso perpetrabili - 5. Quali i possibili effetti delle “interferenze” della giustizia italiana sul processo canonico? - 6. Giurisdizione della Chiesa e giurisdizione dello Stato nell’ottica della reciproca collaborazione tra Stato italiano e Chiesa cattolica per la promozione dell’uomo e il bene del paese.

Scarica il testo completo in PDF

La delibazione delle sentenze ecclesiastiche ed i poteri istruttori della Corte d’Appello - di Natascia Marchei

SOMMARIO: 1. Il caso – 2. Gli orientamenti della giurisprudenza di legittimità – 3. Il limite del riesame del merito ed i poteri della Corte d’Appello: brevi considerazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Le nullità matrimoniali nella prospettiva canonistica - di Antonio Ingoglia

SOMMARIO: 1. Il concetto di nullità del matrimonio. Cenni – 2. Le invalidità derivanti da incapacità naturale: l’insufficienza dell’usus rationis; il defectus discretionis iudicii; l’incapacitas adsumendi onera coniugalia – 3. (segue): e da difetto intenzionale di consenso. La tesi della simulazione unilaterale come mera “riserva mentale”. Critica – 4. L’azione di nullità e l’assenza di termini di decadenza - 5. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

La «maggiore disponibilità» nei confronti del diritto canonico matrimoniale: una formula «ellittica» al vaglio dell’evoluzione dell’ordine pubblico - di Jlia Pasquali Cerioli

SOMMARIO: 1. Premessa: mutamento, e non crisi, della sovranità - 2. I limiti alla circolazione di valori confessionali - 3. L’evoluzione dell’ordine pubblico - 4. La «maggiore disponibilità» verso il diritto canonico matrimoniale: le ombre di una formula (in quanto, e non solo) «ellittica» - 5. «Maggiore disponibilità» e salvaguardia della «specificità» dell’ordinamento canonico: due ipotesi distinte - 6. Critica al ricorso al concetto di ordine pubblico concordatario - 7. La tutela del coniuge più debole come principio di ordine pubblico - 8. Brevi considerazioni finali.