Rivista telematica (www.statoechiese.it)
Online dal gennaio 2007
Menu

Articoli in Diritto interculturale

Law and religion as a strategy in favor of profitable cultural osmosis: a wide look to civil law systems - di Antonio Fuccillo Francesco Sorvillo Ludovica Decimo

SUMMARY: 1. Together in diversity: law and religion in modern civil law systems - 2. The religious traditions in law and religion - 3. The religion and law osmosis in law-making processes - 4. The religion and law osmosis in jurisdiction - 5. As a strategy: the nomopoietic function of religions in the legal koinè.

Scarica il testo completo in PDF

Toccare con mano i nodi dell’integrazione (a proposito di saluti “proibiti” e divieto di discriminazione) - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. Le possibili implicazioni religiose di una “stretta di mano” - 2. Il caso sottoposto all’esame dei giudici svedesi - 3. La pronunzia del 15 agosto 2018, n. 51, del Tribunale del lavoro svedese e la questione della ricorrenza di una “pratica religiosa” meritevole di tutela - 4. (segue) La verifica dei presupposti di una “discriminazione indiretta” - 5. L’esperienza d’Oltreoceano - 6. Identità religiosa e (dis)uguaglianza di genere - 7. La diversa incidenza, nella fattispecie esaminata, del divieto di discriminazione per motivi religiosi e del principio della parità di genere - 8. Conclusioni: la libertà religiosa della lavoratrice e i margini lasciati alle scelte di politica aziendale della società.

Dealing with the contentious points of the integration (about “forbidden” greetings and principle of non-discrimination)

ABSTRACT: Some Islamic believers adhere to a rule of behavior coming from a particular reading of the traditions concerning the life of Muhammad, so they do not shake hands with people of the other sex outside their own restricted family circle. The present paper analyzes the potential impact of such a choice, if it is carried out in the work context and it infringes specific internal company rules, which require employees to not discriminate against customers on the basis of sex. The Author, in accordance with a recent decision of the Swedish Labor Court, affirms that the limitation of the freedom of the worker can be considered a case of indirect discrimination for religious reasons. However, demanding that the woman abstains from shaking hands with persons of her own sex, as suggested by the Court, is not required by the principle of gender equality, and is not coherent with the very personal nature of the act, according to the Author.

Scarica il testo completo in PDF

Violenza organizzata e appartenenza religiosa. Il caso dell’Isis - di Roberto Cornelli

SOMMARIO: 1. La religione c’entra? Una premessa culturalista - 2. La violenza organizzata nel mondo e la centralità della guerra siriana - 3. L’ISIS: dall’Iraq alla Siria e recenti sviluppi - 4. Potere o religione? - 5. Chi sono i militanti jihadisti occidentali - 6. Attratti dall’ISIS - 7. Conclusioni.

Organized violence and religious affiliation: the case of Isis

ABSTRACT: This paper seeks to address the crucial issue of organized violence from a cultural perspective analyzing the case of ISIS, tipically considered as religious group. It intends to elaborate some of the key questions of the debate on the links between religion and violence. The religious nature of ISIS will be disputed throughout its birth and expansion during the U.S. invasion of Iraq and the Syrian conflict: more specifically, the paper aims to shed some lights on the grounds underlying the decision of western foreign fighters and Jihadists to join with or refer to a group of fanatics fighting in the faraway land of Syria. The research methodology is based on an interactionist approach on violence in order to avoid focusing on psychopathological (‘they are violent because they are mad’) or ethical-religious aspects (‘they are violent because they are driven by a bad religion’): on the contrary this paper aims to investigate Jihadist violence in its relational and symbolic aspects, as part of a socio-cultural way of life. In the end, the impact of this approach on possible prevention programs will be touched on briefly.

Scarica il testo completo in PDF

Le mutilazioni genitali femminili come reato di genere? Un’analisi delle norme europee alla luce del concetto di violenza - di Lucia Bellucci

SOMMARIO: 1. Introduzione – 2. Le mutilazioni genitali femminili come atto di violenza nelle norme e nei documenti europei degli anni 2000 – 3. Escissione e abuso/brutalità/violenza: binomi appropriati e inevitabili? – 4. L’escissione, il dolore e la sua reinterpretazione – 5. Il rapporto dell’escissione con la comunità, la famiglia e il matrimonio – 6. La Convenzione di Istanbul, le norme francesi e i rischi per la libertà religiosa – 7. Considerazioni conclusive.

Female Genital Mutilation as a Gender-Based Crime? (An Analysis of the European Norms in Light of the Concepts of Violence and Religious Freedom)

ABSTRACT: Female genital mutilations (FGM) are ancient practices, which are widespread in several geographical areas, and particularly in Africa. The conflict between customary norms and state legal systems, which arises because FGM violate fundamental rights like the right to physical integrity, health, and non-discrimination based on gender/ethnicity/culture, discloses the dialectic between two normative universes; these universes are conceptually distant with regard to the priority given to the individual and the group. Focusing on the reasons related to female genital cutting (FGC), which consists of the ablation, to differing degrees, of female genital organs, this article, argues that the link that European norms establish between FGM and violence, abuse or brutality comes into conflict with the reasons why migrants perpetuate FGC. Therefore, the way gender is mainstreamed into European norms on FGM can have negative effects, which concern courts’ implementation of these norms and migrants’ social inclusion. Furthermore, this article claims that focusing on health instead of gender equality may prove more effective for the eradication of FGM. Through an analysis of French law, it also suggests that the way the national law is adapted to conform to the Istanbul Convention, may represent a danger to religious freedom.

Scarica il testo completo in PDF

Quando la religione si interseca con la tutela di genere: quale impatto sulle dinamiche dell’accoglienza? (prime osservazioni a margine di Cass., sez. I, 24 novembre 2017, n. 28152) - di Adelaide Madera

SOMMARIO: 1. Fenomeno migratorio, istanze di protezione internazionale e risposte degli ordinamenti europei - 2. Riconoscimento dello status di rifugiato e fattore religioso - 3. La recente pronunzia n. 28152 del 2017 della Corte di Cassazione - 4. La valorizzazione della prospettiva di genere nel sistema di protezione internazionale - 5. L’intersezione religione/genere quale pivot di una protezione rafforzata di soggetti particolarmente deboli.

The Intersection between Religion and Gender Protection: Which Impact on the Dynamics of Hospitality? (Preliminary Remarks to Court of Cassation, Section I, 24 November 2017, No. 28152)

ABSTRACT: The intersection between immigration, citizenship, integration in the EU countries is a challenging topic for scholars and religion is becoming a crucial factor. Transnational space allows the development of new meanings, negotiation of identities, interaction of religious actors and practices and integration/participation has an impact on the identity of migrants. The increase of migrations from non-European countries, and the impact of new religious needs underlines the question of whether religious belonging is a factor of either empowerment or disempowerment in the host society. At the same time, migrations in an era of economic crisis emphasize skepticism and hostility towards Islamic groups; refugees and asylum seekers, and the questions connected with international protection have become other controversial issues, contributing to the development of a growing anti-immigrant attitude. Modern democracies are expected to offer answers to increasing demands of international protection; at the same time international protection is becoming a strategic tool to obtain hospitality in European countries, and to avoid the limits connected  to access for economic reasons. Recent Italian case law witnesses the development of a gender-sensitive perspective and focuses on the increasing link between religion, gender and international protection.

Scarica il testo completo in PDF

Riflessioni su diritto e religione a margine del Martin Luther King Day - di Giancarlo Anello

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Advocate of the social Gospel: Martin Luther King e il percorso americano di riforma della legislazione sui diritti civili - 3. Post-colonialismo e terzomondismo: Martin Luther King e i percorsi di liberazione su scala globale - 4. Martin Luther King e Gandhi, Cesar Chavez e Sayyed Qutb - 5. Conclusioni: diritti religiosi, giustizia globale e stato di diritto.

Remarks about Law & Religion for the Martin Luther King Day

ABSTRACT: April 4, 2018 commemorates the fiftieth anniversary of the death of Martin Luther King jr., in Memphis-Tennessee. The importance of Martin Luther King’s personality goes far beyond the borders of United States and spreads on the global scale. The present paper concerns the universality and the present impact of Martin Luther King’s legacy, considering also the European context. The paper analyses in brief the history of Martin Luther King, taking into account both his activism in the US and his international criticism against global issues such as post-colonialism and third-worldism; a second part is dedicated to the so called religious “global left” of the 50s and 70s. Conclusions show how and why the global religions have still to be considered a critical background for the rule of law, its inequalities and its injustices.

Scarica il testo completo in PDF

La questione della riconoscibilità civile del divorzio islamico al vaglio della Corte di giustizia dell’Unione europea (a margine della pronunzia del 20 dicembre 2017, C-372/16) - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. Notazioni introduttive - 2. I termini della vicenda da cui origina il rinvio pregiudiziale e la competenza della Corte di giustizia a pronunziarsi sulla questione controversa - 3. La portata applicativa del regolamento n. 1259 del 2010 e le sentenze dei tribunali religiosi - 4. Le implicazioni di carattere sistematico della pronunzia in rapporto al principio di incompetenza dell’Unione nella materia ecclesiastica o religiosa - 5. I dubbi sostanziali circa la riconoscibilità in Europa del ripudio islamico - 6. Conclusioni.

The issue of the civil recognizability of the Islamic divorce by the EU Court of Justice (considerations on the ruling of December 20th 2017, C-372/16)

ABSTRACT: The present paper takes as a starting point a recent ruling by the EU Court of Justice concerning the issue of recognizability of Islamic repudiation under the EU Regulation No. 1259/2010. After assessing the conditions underlying the jurisdiction of the Court of Justice to rule on such a controversial matter, the Author excludes that the religious judgments fall within the scope of the aforementioned regulation (and within the purpose of Regulation No. 2201/2013), also in light of the so-called principle of the Union’s incompetence in ecclesiastical or religious matters. Moreover, although the unilateral repudiation is to be considered contrary to the principle of public order of the moral and legal equality of the spouses, the Author concludes that, consistently with the current trend of many legal systems to give increasing broader space to the “negotiating” management of the marriage bond, effective protection of the principle of equality should involve letting women, in some particular situations, have the choice of concretely enforcing that principle.

Scarica il testo completo in PDF

Diritto, religione, cultura: verso una laicità inclusiva - di Mario Ferrante

SOMMARIO: 1. Comunicazione interculturale e relazioni interetniche nella società globale - 2. Il precedente storico della Sicilia normanna di Ruggero II - 3. Identità religiosa e convivenza multiculturale - 4. L'esigenza socio-culturale di una legge generale sulla libertà religiosa - 5. Laicità e principio di uguaglianza.

Scarica il testo completo in PDF

Codificazione etica e deontologia nei settori del lavoro, del mercato e della finanza. La libertà di coscienza e la transizione dall’oeconomicus corporativismo professionale alla democratica cooperazione interculturale - di Fortunato Freni

SOMMARIO: 1. I gruppi etico-deontologici e il diritto della polis democratica alla luce dei recenti cambiamenti sociali vissuti dalle identità collettive - 2. I codici di autoregolamentazione nel settore del lavoro - 3. Il mercato tra codificazione etica ed eteroregolamentazione - 4. Le recenti opportunità di lavoro socialmente utile offerte dalle tecnologie social alle smart communities - 5. La nuova sensibilità deontologica nel mondo finanziario: le banche etiche e la finanza islamica - 6. La rilevanza nell’ordine della polis dei vari tipi di norme contenute nei codici deontologici: attualità e prospettive inter- e/o trans-culturali.

Codes of ethics and Deontology in the fields of Labor, Market and Finance. Freedom of Conscience and the Transition from Oeconomicus Corporatism to Democratic Intercultural Cooperation

ABSTRACT: The paper analyzes the recent relevance of deontological codes, from which a process of enriching the concept of deontology seems to emerge. This is increasingly understood not only in a corporatist way as an ethics of conduct within the category of reference, but also in a democratic way as the ethics of service made to the polis by professional communities, which now, in the overall world of work, appear ethically inspired in the most varied ways. Following the development that freedom of conscience has experienced in its various forms of collective exercise, we are positively experiencing new patterns of work organization where deontology represents a synthesis between moral and law. Similarly, to churches, even some professional communities have useful, non-utilitarian relationships, and open to democratic intercultural cooperation, with their multiform and typical ways of working in the service of the human person, elected to lifestyles or spiritual missions. In order to encourage and extend this phenomenon of greater ethical accountability of free professions, some legal channels will be analyzed to better harmonize the use of those new deontological standards with legal rules in order to ensure balance and order at a general level, and to avoid the social dissociation in neo-corporatist groups.

Scarica il testo completo in PDF

Forme di pluralismo nel settore matrimoniale: le nuove sfide delle “overlapping jurisdictions” - di Adelaide Madera

SOMMARIO: 1. Le sfide del nuovo multiculturalismo in materia matrimoniale - 2. La riforma del processo matrimoniale canonico e le sue potenziali ricadute sul giudizio di delibazione - 3. Il processus brevior - 4. La crisi della bilateralità - 5. Il “mite” pluralismo statunitense e le nuove “anti-sharia laws” - 6. L’esperienza del pluralismo “forte” israeliano e i suoi effetti sulle minoranze - 7. Modelli di pluralismo a confronto.

Pluralism in Marriage: the New Challenges of the “Overlapping Jurisdictions”

ABSTRACT: The challenges of the “new multiculturalism” in the field of marriage law regard not only which forms of marriage should be recognized by the State but also the forums in which marriage cases can be adjudicated and the role of faith-based laws and religious courts in democratic and secular legal systems. Religious groups increasingly ask for accommodation of their cultural identities; however, a growing skepticism concerning forms of religious jurisdiction is developing in regimes devoted to individual liberties, which employ public policy as grounds to vacate religious rulings. The present paper highlights the need for Western States to update and exploit the full potential of their legal instruments in order to prevent restrictions on collective and individual religious freedom in matters of marriage.

Scarica il testo completo in PDF

The courts and the code. Legal osmosis between religion and law in the cultural framework of civil law systems - di Antonio Fuccillo Ludovica Decimo Francesco Sorvillo

SUMMARY: 1. The value of religious law in modern (and secular) states - 2. Religious rules and individual choices in Europe - 3. Religious law and the fields in which it can operate effectively - 4. The rules of religious courts in civil legal systems - 4.1 ... The direct referral to religious laws - 4.2. The pronounces of religious courts and its importance for faithful - 5. The development of Religious Arbitration Courts in Italy - 6. Does religious jurisdiction another side of religious freedom?

Scarica il testo completo in PDF

Quale tutela delle libertà fondamentali per i simboli religiosi? Considerazioni sulla decisione del Consiglio di Stato francese sul caso burkini - di Lavinia Anello

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Luoghi pubblici e simboli religiosi - 3. Rispetto del dialogo e delle diversità interculturali - 4. L’evoluzione della laicità in Europa - 5. Osservazioni conclusive.

Which protection for the fundamental freedom of religious symbols?

Abstract: Starting from the analysis of the French Council of State’s decision on the case “burkini” (August 26th 2016), this paper examines the issues on the interaction between the acceptance of the religious minority’s symbols by the majority and the acceptance of the dialogue and cultural diversity. Taken into account is the process of secularism-neutrality of public space and the interference of the civil judiciary in the religious sphere declined in different models of secularism of the French, Italian and European jurisdictions.

Scarica il testo completo in PDF

Edifici di culto e inter-culturalità (il caso spagnolo della Moschea-Cattedrale di Cordova) - di Antonino Spadaro

SOMMARIO: 1. Premessa: un percorso in terra infidelium, ossia un’indagine su un campo, per chi scrive, pressoché inesplorato - 2. Profili teologici: la “relativizzazione” degli edifici di culto - 3. Profili giuridico-canonistici: la “valorizzazione” degli edifici di culto - 4. Cenni sulla situazione dei beni ecclesiastici, e segnatamente degli edifici di culto, in Italia - 5. Il singolare caso spagnolo della Cattedrale di Cordova - 6. Profili ecclesiasticistico-costituzionali: la “doppia natura” della Mezquita, come “Cattedrale cattolica” e come bene “inter-culturale”, dunque, potenzialmente, inter-confessionale … - 7. (segue): “resistenze” nel dialogo inter-religioso. Casi simili o analoghi - 8. Conclusioni: necessità di soluzioni consensuali, forse “imperfette”, ma costituzionalmente ragionevoli.

Worship Buildings And Interculturality (The Spanish case of the Mosque-Cathedral of Cordoba)

ABSTRACT:After a brief exposition of theological and legal aspects (canon law) of worship buildings, also with reference to Italy, the paper focuses on Spanish system and the peculiar case of Cordoba Cathedral. From an ecclesiastical-constitutional law perspective, the Mosque has a “double essence”: “catholic cathedral” and “intercultural good”, with a potential interfaith meaning. Thus, none of the following solutions can be accepted: 1) expropriate and change the temple in a public lay museum (irritating both Christian and Islamic communities); 2) qualifying again the temple as a Mosque (after 8 centuries of Christian worship); 3) leaving it solely as a Cathedral (despite its original architecture as a Mosque); 4) make of it an interfaith temple (with the risk of syncretism). The paper suggests that a solution by an agreement between the two groups, however imperfect, is possible (and reasonable from a constitutional perspective): a partial “sharing” of the building, in a brotherhood spirit of high symbolic meaning.

Scarica il testo completo in PDF

Per un’equa mondializzazione delle periferie nelle società plurali: un ‘nuovo’ Corso di laurea sull’interculturalità - di Salvatore Berlingò

SOMMARIO: 1. Il vortice iperbolico del bacino euromediterraneo e il ‘bergamotto dell’interculturalità’ - 2. Il ‘made in Italy’ dantesco e il doppio registro delle Università per stranieri nel “bel paese là dove ‘l sì suona“ - 3. Il ‘bisogno di mondo’ e la rifrazione in alto dell’identità plurale della Calabria - 4. L’imperativo del ‘Mare Amoroso’ e gli ‘ottativi categorici’ mirati a una sostanziale e concreta giustizia - 5. Dante prima e oltre Kant: dalla ‘giustizia della carità’ alla ‘carità della giustizia’ - 6. Ancora: di un’inedita sperimentazione accademica e civile.

For a fair globalization of the suburbs in plural societies: a 'new' Bachelor's Degree in Interculturality .

ABSTRACT: With this essay the author, actually Rector of the University for Foreigners "Dante Alighieri" of Reggio Calabria, is to illustrate the steps that have led to the activation of a Bachelor's Degree (in some respects) innovative, induced by contemporary issues of migration flows and by the dynamics of international mobility, become remarkably more rapid and pressing in conjunction with the related phenomena of globalization. They impose, even to the higher education institutes, a timely and in-depth rethinking and an accurate taking of responsibility, with the respect to their relevant areas of teaching and training program. The trial that is intended to give through the above-mentioned Degree was modeled on the basis of some previous initiatives, taken by the University for Foreigners of Reggio Calabria, even if the model now proposed benefits from the innovative results induced by synergies with other Universities for Foreigners, in particular that of Siena, as well as the consultation put in place with the Ministry of Education, the Interior Ministry and the EU, and the cooperation with civil society organizations, primarily the Community of Sant'Egidio.

Scarica il testo completo in PDF

Il delitto di onore e l’aggravante dei “futili motivi” culturalmente (e religiosamente) motivata - di Germana Carobene

SOMMARIO: 1. I reati culturalmente motivati e il tentato omicidio per causa di “onore” - 2. Il concetto di onore nella cultura e nella tradizione giuridica dei Paesi mussulmani - 3. L'aggravante dei futili motivi nel nostro sistema penale - 4. Considerazioni conclusive.

The crime of honor and the aggravating factor of the trivial reasons' culturally (and religiously) motivated

ABSTRACT: A recent case law of the Italian Court of Cassation, on 2013, ruled that, in the case of the attempted murder of a daughter, trivial reasons cannot be considered based on the honor of the family and the violation of a fundamental religious precept. The evaluation of these cases then relates to that, of a much broader scope, linked to the concept of 'cultural crimes' or cultural defence. It is necessary, however, to perform a careful balancing between guilt and offensiveness proportion on the one hand and, on the other hand, to consider the extent to which the author of a culturally motivated crime can enjoy a punitive treatment, though attenuated compared to those who commit the same crime without a cultural motivation. A judgment intrinsically linked to a cultural and ethical relativism, cannot be accepted that though respecting the multiculturalism of the western society in general, and of the Italian one in particular, must always find its legitimacy by submitting to the principles and values on which the Italian Constitution is founded.

Scarica il testo completo in PDF

Divergenze teoriche e difficoltà pratiche in sede di applicazione dell’aggravante dei “futili motivi”, in particolare in caso di reati c.d. culturalmente motivati - di Fabio Basile

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. I futili motivi: dalla definizione di “futilità” ... alla ricerca del parametro di valutazione della “futilità” - 3. I c.d. elementi normativi della fattispecie penale - 4. L’orientamento tradizionale “generalizzante”. - 5. Il più recente orientamento “individualizzante” - 6. Perché preferire l’orientamento “individualizzante” - 7. La soluzione adottata nel caso di specie - 8. Futili motivi e reati culturalmente motivati - Appendice.

ABSTRACT : La sentenza in esame – pur valutando la futilità dei motivi sulla scorta di un parametro vago e indeterminato quale il “comune modo di sentire”, di ben difficile individuazione in una società culturalmente non (più) omogenea – giunge a una conclusione nella sostanza condivisibile: motivi ad agire connessi all’onore familiare e alla fede religiosa, per quanto nient’affatto condivisibili, non possono essere ritenuti a tal punto lievi, banali e sproporzionati rispetto al fatto commesso da meritare l’aumento di pena previsto dall’art. 61 n. 1 c.p.

Scarica il testo completo in PDF

Multiculturalità, “diritti” e differenziazioni giuridiche: il caso dei trattamenti sanitari - di Giancarlo Anello

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Multiculturalità, “diritti” e trattamenti sanitari - 3. Alcune problematiche del cd. testamento biologico in una prospettiva interculturale - 4. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Religious freedom and objectives for economic intercultural development - di Antonio Fuccillo Francesco Sorvillo

SUMMARY: 1. The theory of public goods: religious freedom as a public good – 2. Economics and religion: the reasons for the need of intercultural relationship – 3. Religious factors and asymmetric information in economics – 4. Ethical development, religion and the cross-cultural domain – 5. Financial choices and religious factors – 6. Concluding remarks.

Scarica il testo completo in PDF

Interculturalità, libertà religiosa, abbigliamento. La questione del burqa - di Giulia Bassetti

SOMMARIO. 1. Multiculturalità e compatibilità ordinamentali. - 2. Abbigliamento e prescrizioni religiose: i simboli dei Sikh.- 3. La questione del velo islamico. - 4. La giurisprudenza europea e il velo islamico. - 5. Il burqa e la specificità del problema. - 6. Le normative nazionali e il burqa. - 7. Orientamenti delle istituzioni europee. - 8. Normativa applicabile e prospettive future in Italia.

Scarica il testo completo in PDF

Il simbolo religioso e culturale - di Carlo Cardia

SOMMARIO. 1. Semantica delle controversie sui simboli religiosi. Linguaggio di guerra ed esclusivismo - 2. Linguaggio plurale dei diritti umani che legittima ogni simbologia religiosa - 3. Coerenze e incoerenze. Religione, cultura, deserto delle identità - 4. Pluralità e differenze nella visione globale e positiva dei simboli - 5. Simbologia religiosa e multiculturalità. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Giudici e legislatori di fronte alla multiculturalità - di Elisa Olivito

SOMMARIO: 1. A mo' di introduzione: diritto giudiziario e diritto legislativo - 2. Legislazione e giurisdizione nelle società pluraliste - 3. Giudici e legislatori alla prova della multiculturalità - 4. Segue: il caso dei simboli religiosi - 5. Giudici-antropologi e legislatori paternalisti: cultural defense, leggi manifesto, eguaglianza di genere - 6. Chi decide delle culture?

Scarica il testo completo in PDF

Il problema della scuola - di Carlo Cardia

SOMMARIO: 1. Premessa. Contenuti e tematiche della trattazione - 2. La libertà della scuola. Un segno della diversità europea. Trattati e Convenzioni - 3. Legislazione e Concordati nazionali - 4. Le scuole dell’Unione Europea - 5. Insegnamento religioso e scuole pubbliche. Conferme ed evoluzione - 6. Multiculturalità, innovazioni, incertezze. La Corte di Strasburgo.

Scarica il testo completo in PDF

Le scuole europee. Un modello di educazione multilingue e multiculturale - di Rita Benigni

SOMMARIO 1. Nascita ed evoluzione del sistema di Scuole europee - 2. L’organizzazione istituzionale tra decentralizzazione e conservazione dell’unità del sistema - 3. Il programma di studi europeo: una educazione multilingue e multiculturale. Il corso di morale non confessionale - 4. (segue) L’insegnamento della religione.

Scarica il testo completo in PDF

Immigrazione e reati culturalmente motivati. Il diritto penale nelle società multiculturali - di Fabio Basile

SOMMARIO: Premessa. – 1. Immigrazione e pluralità di culture: nuove sfide per il diritto penale. – 2. Localismo e non-neutralità culturale del diritto penale ‘sotto tensione’ per effetto dell’immigrazione. – 3. Panorama di giurisprudenza europea sui reati culturalmente motivati. – 4. Teoria e prassi della c.d. cultural defense nell’ordinamento statunitense. – 5. Quale rilevanza penale per la ‘motivazione culturale’?

Scarica il testo completo in PDF

Laicità, diritti umani, cultura relativista - di Carlo Cardia

SOMMARIO: 1. Laicità amica e laicità nemica della religione. Realtà e memoria storica - 2. La sintesi dello Stato laico sociale nell’era dei diritti umani. I nuovi conflitti religiosi - 3. Cultura relativista, svilimento della universalità dei diritti umani - 4. Relativismo, crisi antropologica, uso strumentale della laicità - 5. Multiculturalità e doppia verità relativista - 6. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Colonialismo giuridico italiano. Archeologia della subalternità legale nei contesti multiculturali - di Giancarlo Anello

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. La libertà religiosa nel diritto coloniale - 3. La norma altrove. Sintassi dell’ «esclusione» della giuscolonialistica italiana - 4. Il principio di “civiltà”, cardine di una differenza duale - 5. Differenza duale e ambiguità del sistema coloniale: sovranità, giurisdizione, cittadinanza - 6. L’esperienza coloniale e il retaggio della concettualizzazione delle differenze.

Scarica il testo completo in PDF

«Fratture culturali» e «terapie giuridiche». Un percorso giurisprudenziale tra multiculturalità e soluzioni interculturali - di Giancarlo Anello

SOMMARIO: 1. Diritto alla cultura e “differenziazioni” giuridiche nei contesti multiculturali - 2. Il progetto multiculturale in Canada e l’emersione del diritto musulmano: l’evoluzione della disciplina di arbitrato in Ontario - 3. L’incrocio tra disciplina di arbitrato e diritto “non-ufficiale” in Gran Bretagna - 4. Intersezione tra diritti religiosi, disciplina di arbitrato e giurisdizione statale: casistica - 5. Critica del multiculturalismo, differenziazioni giuridiche e diritti umani - 6. Le “conseguenze” della cultura e il diritto. 7. Il diritto come prodotto culturale - 8. Conclusioni: richiamo ad una prospettiva giuridica interculturale.

Scarica il testo completo in PDF

Nuovi razzismi e diritto interculturale. Dei principi generali e dei regolamenti condominiali nella società multiculturale - di Pierluigi Consorti

SOMMARIO: 1. Identità e multicultura - 2. Differenza tra multiculturalità e multiculturalismo - 3. L’ipotesi interculturale - 4. Diritto multiculturalista e diritto interculturale - 5. a) La legislazione sull’immigrazione; b) Le limitazioni al soggiorno dei cittadini comunitari; c) La Consulta per l’islam italiano; d) La «Carta dei valori della cittadinanza e dell’integrazione» e la «Dichiarazione d’intenti per la federazione dell’Islam italiano»; e) Il disegno di legge sulla libertà religiosa; f) Il divieto di mutilazioni dei genitali, solo femminili; g) delibere comunali e regolamenti condominiali - 6. Brevissima conclusione.

Scarica il testo completo in PDF

Soft law e sistema delle fonti del diritto ecclesiastico italiano - di Fortunato Freni

SOMMARIO: 1. La globalizzazione ed i conflitti di identità - 2. La unilateralità confessionale - 3. La unilateralità statale - 4. La bilateralità necessaria - 5. La definitività provvisoria di una specifica transazione - 6. La parlamentarizzazione - 7. Gli accordi derivati - 8. L’obiezione di coscienza - 9. La rilevanza ultranazionale dei diritti umani - 10. La giurisprudenza costituzionale - 11. I recenti contributi ad una moderna nozione di positività del diritto - 12. Il diritto ecclesiastico come strumento per l’intercultura.

Scarica il testo completo in PDF

I nuovi confini del diritto matrimoniale tra istanze religiose e secolarizzazione: la giurisdizione - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Matrimonio religioso e giurisdizione - 2. Giurisdizioni alternative nelle società multiculturali? – 3. Spazi aperti dalle giurisprudenze europeee – 4. Arbitrato e globalizzazione – 5. Secolarizzazione e interposizioni religiose – 6. Rischi per i diritti fondamentali – 7. Sul retroterra multiculturalista - 8. Incursus: Kelsen e la Corte costituzionale austriaca – 9. Esperienza italiana e prospettive – 10. Conclusione: per un globalismo ben temperato.

Scarica il testo completo in PDF

Diritto penale e multiculturalismo: teoria e prassi della c.d. cultural defense nell’ordinamento statunitense - di Fabio Basile

SOMMARIO: PARTE PRIMA: CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE - 1. Premessa. - 2. La società multiculturale degli Stati Uniti. - 3. La cultural defense. - 3.1. Una definizione ‘di massima’ di cultural defense. - 3.2. La funzione della cultural defense: la spiegazione della motivazione culturale della condotta dell’imputato. - 3.3. Cultural defense e reati culturalmente motivati. - 3.4. L’esistenza di alcuni risalenti casi giurisprudenziali coinvolgenti una cultural defense “ante litteram”. - 3.5. La cultural defense dal 1985 ad oggi, nella giurisprudenza e nella dottrina. - PARTE SECONDA: RASSEGNA DI GIURISPRUDENZA - 4. Premessa: riconduzione dei reati rispetto ai quali è stata invocata una cultural defense a (poche) categorie tipologiche. - 4.1. Omicidio dei figli e tentativo di suicidio da parte del coniuge tradito. - 4.2. Reati di sangue a difesa dell’onore. - 4.2.1. Uxoricidi per causa d’onore sessuale. - 4.2.2. Altri omicidi per causa d’onore sessuale. - 4.2.3. Omicidi a difesa dell’onore personale (autostima/reputazione). - 4.3. Altri fatti di sangue culturalmente motivati. - 4.4. Reati contro la libertà sessuale. - 4.4.1. Abusi sessuali a danno di minori. - 4.4.1.1. Rapporti sessuali con spose-bambine. - 4.4.1.2. Baci, carezze e toccamenti alle parti intime di fanciulli. - 4.4.2. Altre violenze sessuali. - 4.5. Reati in materia di sostanze stupefacenti. - 4.6. Reato di porto abusivo di armi.- 4.7. Altro. - PARTE TERZA: UN BILANCIO DELLA PRASSI E DELLA DOTTRINA AMERICANA - 5. I vari canali attraverso i quali può assumere rilievo la motivazione culturale. - 5.1. Rilevanza della motivazione culturale in sede di plea bargaining. - 5.2. Rilevanza della motivazione culturale in sede dibattimentale al fine del riconoscimento di una criminal defense tradizionale. - 5.3. Rilevanza della motivazione culturale in sede di sentencing. - 6. La prova culturale. - 6.1. Le modalità con le quali può essere fornita la prova culturale. - 6.2. Ammissibilità e rilevanza della prova culturale. - 6.2.1. I requisiti di ammissibilità e di rilevanza della prova culturale concernenti la persona dell’imputato. - 6.2.2. I requisiti di ammissibilità e di rilevanza della prova culturale concernenti la relazione tra cultura d’origine e fatto commesso. - 7. Il dibattito dottrinale sulla opportunità di riconoscere rilevanza alla cultural defense. - 7.1. Argomenti della dottrina a sostegno della cultural defense. - 7.1.1. Colpevolezza e individualized justice. - 7.1.2. Pluralismo culturale e diritto alla cultura. - 7.1.3. Mancanza di esigenze preventive. - 7.2. Argomenti della dottrina contraria alla cultural defense. - 7.2.1. Violazione del principio di uguaglianza a vantaggio degli autori e a discapito delle vittime dei reati culturalmente motivati. - 7.2.2. Rischio di pregiudizi per le donne appartenenti ai gruppi culturali di minoranza. - 7.2.3. Difficoltà concettuali ed applicative poste dal concetto di “cultura”. - 7.2.4. Rafforzamento e diffusione di stereotipi culturali negativi sui gruppi di minoranza. - 7.2.5. Pregiudizio per la funzione di prevenzione generale del diritto penale. - 7.2.6. Effetti negativi sul processo di integrazione degli immigrati. - 8. Il dibattito dottrinale sulla opportunità di formalizzare la cultural defense come nuova ed autonoma defense. - 8.1. Argomenti a sostegno della formalizzazione della cultural defense. - 8.2. Argomenti contrari alla formalizzazione della cultural defense. - 9. Conclusioni. Alcune indicazioni per l’osservatore italiano.

Scarica il testo completo in PDF

Carta dei valori e multiculturalità alla prova della Costituzione - di Carlo Cardia

SOMMARIO: 1. Carta dei valori e multiculturalità, l’attualizzazione della Costituzione - 2. I fondamenti della Carta dei valori. Concezione antirelativistica dei valori etico-sociali e dei diritti della persona - 3. Segue. Solidarietà verso gli altri, parità di diritti e doveri per tutti - 4. Universalità dei principi di laicità e libertà religiosa, integrazione dell’Islam - 5. Conclusioni: il dialogo interreligioso.

Scarica il testo completo in PDF

Identità culturale e regolazione dei rapporti di famiglia tra applicazioni giurisprudenziali e dettami normativi - di Rita Benigni

SOMMARIO: Premessa - 1. Identità culturale, diritti umani e principi costitutivi delle democrazie occidentali. Gli interventi europei e la Carta dei valori e della cittadinanza italiana - 2. La regolazione della famiglia tra diritto all’identità e modello socio-giuridico europeo. La poligamia, il ripudio, la dote - 3. Il motivo culturale nell’interesse della prole e del minore. I rapporti di filiazione e la kafalah - 4. (Segue) Il ricongiungimento familiare. L’abbandono ed i maltrattamenti del minore - 5. Cultural defenses e reati culturali: la tendenza all’esclusione nella giurisprudenza europea - 6. (Segue) Linee evolutive: l’accoglienza del motivo culturale nel sistema penale italiano e l’impegno internazionale contro i “crimini d’onore”.

Scarica il testo completo in PDF

Localismo e non-neutralità culturale del diritto penale ‘sotto tensione’ per effetto dell’immigrazione - di Fabio Basile

SOMMARIO: Considerazioni introduttive. La definizione di reato ‘culturalmente motivato’. - 1. Il ‘localismo’ del diritto penale. - 1.1. Vérité au deçà des Pyrénées, erreur au delà. - 1.2. Origine e sviluppo storico del ‘localismo’ del diritto penale. - 1.3. La recente tendenza, a livello europeo, ad uno stemperamento dell’originario ‘localismo’ del diritto penale. - 1.4. Riepilogo sul ‘localismo’ del diritto penale: “paese che vai, reato che trovi”. - 2. La ‘non-neutralità culturale’ del diritto penale. - 2.1. Precisazioni preliminari. L’omogeneità culturale italiana secondo Alfredo Rocco. - 2.2. Recht ist Kulturerscheinung. Primi rilievi sui nessi tra cultura e diritto, e in particolare tra cultura e diritto penale. - 2.3. Le tre teorie formulate per illustrare i nessi tra cultura e diritto penale. - 2.3.1. La teoria della coincidenza, o dei cerchi concentrici: esposizione e critica. - 2.3.1.1. Una variante della teoria della coincidenza: la teoria del minimo etico: esposizione e critica. - 2.3.2. La teoria della separazione, o dei cerchi distinti: esposizione e critica. - 2.3.3. La teoria del rapporto di implicazione, o dei cerchi intersecantisi: esposizione e dimostrazione del suo fondamento. - 2.4. I “punti di vista” dai quali emerge che le intersecazioni tra norme penali e norme culturali contribuiscono ad un maggior ‘successo’ del diritto penale. - 2.4.1. La prevenzione generale c.d. positiva. - 2.4.2. La prevenzione speciale intesa come rieducazione. - 2.4.3. La possibilità di conoscere la norma penale violata. - 2.4.4. Cenni su alcune esperienze di ‘insuccesso’ di codici penali che non presentavano alcuna significativa intersecazione con le norme culturali dei soggetti cui erano destinati. - 2.5. I “settori” all’interno dei quali le norme penali si intersecano con le norme culturali. - 2.5.1. Le norme penali all’interno delle quali compaiono elementi normativi c.d. culturali. - 2.5.2. Altre norme penali ‘impregnate’ di cultura. - 2.6. Riepilogo sulla ‘non-neutralità culturale’ del diritto penale: “il diritto penale è fortemente impregnato di cultura”. - 3. Conclusioni: le implicazioni di ‘localismo’ e ‘non-neutralità culturale’ del diritto penale in ordine al fenomeno dei reati ‘culturalmente motivati’ commessi dagli immigrati.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e società multiculturali: la risposta italiana - di Maria Cristina Folliero

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. L’Europa e il caso italiano. Percorsi comuni: accostamenti e distanze - 3. Società multiculturali, secolarizzazione e riconoscimento del ruolo pubblico delle Chiese - 4. Elementi della situazione interna su cui riflettere – 5. Conclusioni molto provvisorie.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e multiculturalismo - di Carlo Cardia

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Identità e simboli religiosi – 3. Eguaglianza di diritti e di doveri – 4. Evoluzione e ottimismo antropologico – 5. Evoluzione e religione.

Scarica il testo completo in PDF

Società multiculturali, immigrazione e reati culturalmente motivati (comprese le mutilazioni genitali femminili) - di Fabio Basile

SOMMARIO: 1. Precisazioni terminologiche e delimitazione del campo d’indagine - 1.1. I nuovi concetti di “società multiculturale”, “cultural defense” e “reato culturalmente motivato” - 1.2. La definizione etnicamente qualificata di cultura. Prima delimitazione di campo della nostra indagine - 1.3. La distinzione tra società multiculturale di tipo multinazionale e società multiculturale di tipo polietnico. Seconda delimitazione di campo della nostra indagine - 2. Come gli Stati europei gestiscono la diversità culturale ‘importata’ dagli immigrati - 2.1. Modello “assimilazionista” versus modello “multiculturalista” - 2.2. Il modello “assimilazionista” alla francese - 2.3. Il modello “multiculturalista” all’inglese. - 2.4. Quale modello preferire? - 2.5. La tolleranza ed i suoi limiti (all’interno del modello multiculturalista). - 2.6. Ancora sui limiti alla tolleranza: la distinzione tra “restrizioni interne” e “tutele esterne” - 3. I reati culturalmente motivati commessi dagli immigrati. - 3.1. La nozione di reato culturalmente motivato - 3.2. La reazione ai reati culturalmente motivati nel diritto penale dei Paesi europei (con cenni alle cultural defenses nell’esperienza statunitense) - 3.2.1. In particolare, nel diritto penale dei Paesi europei “assimilazionisti” - 3.2.2. In particolare, nel diritto penale dei Paesi europei “multiculturalisti” - 3.2.3. In particolare, nel diritto penale italiano - 4. Le mutilazioni genitali femminili quale reato culturalmente motivato - 5. La reazione del diritto penale alle mutilazioni genitali femminili - 5.1. Nei Paesi europei - 5.2. In Italia - 6. Alcune conclusioni provvisorie.

Scarica il testo completo in PDF

Riflessioni sparse su “CUS”, “DICO”, e fenomeno religioso - di Antonio Fuccillo

SOMMARIO: 1. Società multietnica e multireligiosa, libertà fondamentali ed evoluzione della “famiglia” – 2. Unioni di fatto, crisi sociale della famiglia “tradizionale” e pluralismo sociale e religioso. Ipotesi di soluzione giuridica? – 2a. Profili “generali” – 2b. Profili “pubblicistici” – 2c. Riflessioni sulle più recenti proposte di legge (XV legislatura) in materia – 3. Libertà individuali e rapporti patrimoniali nell’ambito della famiglia naturale e multiculturale: in particolare gli accordi di convivenza – 4. I possibili profili successori nella famiglia naturale e di fatto e la loro rilevanza nella gestione dei rapporti personali (alcuni cenni) – 5. La “concorrenza tra ordinamenti” in materia di convivenza (alcune riflessioni operative).

Scarica il testo completo in PDF

Globalizzazione della democrazia, laicità e religioni - di Pierluigi Consorti

SOMMARIO: 1. Globalizzazione della democrazia e delocalizzazione delle identità - 2. Globalizzazione: valori universali e identità particolari - 3. Identità democratica v. identità democratiche - 4. Globalizzazione ed esportazione della democrazia - 5. Globalizzazione e secolarizzazione - 6. Globalizzazione e riconoscimento delle identità particolari - 7. Democrazie e religioni - 8. Legge morale, legge civile, laicità - 9. Valori v. “valori laici” e “valori religiosi” - 10. Globalizzazione della democrazia e laicità dello Stato.

Scarica il testo completo in PDF

Inter-religious dialogue: a secular challenge - di Pierluigi Consorti

I am glad to share the experience of the Master Programme on “Intercultural and interreligious conflicts management” that runs in Pisa University. The topic we have to study this afternoon is very wide. I would say a lot, but to respect the time I have chosen only few points. For Catholic Church inter-religious (and inter-cultural) dialogue is a recent challenge. The officially beginning dates back to 1965, when – at the end of the Second Vatican Council – was approved Nostra Aetate Declaration, concerning the relation of the Church to non-christian religions. Ecumenical (id est Inter-christian) dialogue was already weak: rather than dialogue, ecumenical goal was unity. Better: reach unity of all Christians confessions with Rome (Catholic church) as common head. But this is another topic. (Continua)
 

Scarica il testo completo in PDF

Pluralismo religioso: reazione giuridica multiculturalista e proposta interculturale - di Pierluigi Consorti

Il pluralismo religioso e culturale non si presenta come una novità assoluta. La molteplicità di popoli, razze, stati, nazioni, religioni eccetera costituisce un dato storico permanente. La convivenza e coesistenza fra diversi è un tratto comune alla storia dell’umanità tanto quanto quello relativo ai conflitti che l’hanno attraversata e continuano a contrassegnarla. Eppure oggi questo dato antico si mostra come una questione nuova, problematica, che interroga il diritto sotto diversi punti di vista: il più stringente dei quali richiama la necessità di trovare regole idonee ad assicurare non solo una coesistenza, ma una convivenza giusta e pacifica. La novità di questo tema non sta quindi nel dato di fatto, ma nella sua percezione come un problema. In termini giuridici emerge in modo particolare la preoccupazione per l’accettazione di condotte diverse, e magari stravaganti, che possono mettere in dubbio i principi fondativi di un ordinamento, che a sua volta si è strutturato su radici culturali e religiose ben determinate. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF