Rivista telematica (www.statoechiese.it)
Online dal gennaio 2007
Menu

Articoli in Diritto ecclesiastico (Teoria generale del)

Law and religion as a strategy in favor of profitable cultural osmosis: a wide look to civil law systems - di Antonio Fuccillo Francesco Sorvillo Ludovica Decimo

SUMMARY: 1. Together in diversity: law and religion in modern civil law systems - 2. The religious traditions in law and religion - 3. The religion and law osmosis in law-making processes - 4. The religion and law osmosis in jurisdiction - 5. As a strategy: the nomopoietic function of religions in the legal koinè.

Scarica il testo completo in PDF

Multiculturalism, multireligiosity and relations between the State and religious organizations - di Marco Parisi

Summary: 1. Introduction - 2. Constitutional project of ecclesiastical politics and cultural resistance to a correct interpretation of the fundamental provisions of freedom - 3. Secularity of the legal system, religious pluralism and human freedoms.

ABSTRACT: The problems that derive from the growing multicultural and multi-religious characterization of our society raise a number of questions regarding the difficulties encountered in identifying rules of coexistence that could be genuinely respectful of the ideal and spiritual dimension of the human person. In particular, it is in question the ability of the system of bilateral agreements between the State and the religious organizations to really enhance the individual religiosity, which is constitutionally protected in its instrumentality for the promotion and growth of the human being. Several doubts also concern the discretionary and political selection, exercised by public authorities, of religious organizations deserving an access to bilateral regulation of relationships. In a more and more plural and heterogeneous social reality, the exclusion from the special legislation of the newly established spiritual groups in the country does not seem to be respectful of a neutral and correct interpretation of the constitutional dictate.

Scarica il testo completo in PDF

Mediazione e Religioni: la sfida in una società complessa - di Salvatore Berlingò

SOMMARIO: 1. Annotazioni preliminari - 2. Complessità sociale e complessità giuridica - 3. Modalità alternative di composizione delle controversie - 4. Dal diritto imposto (Ge-setz) al diritto mediato e/o partecipativo - 5. Complementarità fra sostegno politico dei diritti e mediazione dialogica delle fedi - 6. Le (non facili) condizioni di praticabilità del modello di complementarità/distinzione - 7. L’irriducibilità della sfera religioso-fideistica alla sfera politica - 8. Alcune clausole di salvaguardia per le prospettive avvenire.

Mediation and Religions: the challenge in a complex society

ABSTRACT: Globalization makes social relations increasingly complex, because it favors the introduction and the spread in the same sphere of a plurality of cultures that are often difficult to combine. The proper task of law, that is the one of regulating the cohabitation of people in an equitable manner, is harder in this context, but it can be enhanced with the help of the mediation carried out by religious communities, though the criterion of complementarity/distinction between the order of political conventions and the order of religious convictions is respected.

Scarica il testo completo in PDF

La tutela dell’identità delle minoranze religiose deve potersi avvalere di “un giudice e un giudizio” (ancora sulla sentenza della Corte costituzionale n. 52 del 2016) - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1- La qualificazione giuridica è attribuzione costituzionale esclusiva del potere giudiziario - 2. La qualificazione giuridica delle confessioni religiose … - 3. (segue) e il loro diritto all’identità - 4. L’espediente del “doppio binario” - 5. L’insopprimibile garanzia della tutela giurisdizionale dei diritti è (ancora) principio supremo dell’ordinamento costituzionale - 6. Il petitum del ricorso per conflitto di attribuzioni tra poteri dello Stato, e l’obbligo di attenersi al thema decidendum - 7. I poteri del Governo nell’esame dell’istanza di accesso all’intesa - 8. Le improvvide conseguenze dell’avere ritenuto il diniego governativo “atto politico”: dal “pluralismo aperto” al “pluralismo discrezionalmente regolamentato”.

For the protection of their identity, religious minorities should have “a judge and a judgment” at their disposal (again on the judgment of the Constitutional Court no. 52 of 2016)

ABSTRACT: The article links the theme of the legal qualification of an association that calls itself a “religious confession” in order to have relationships with the State, according to the provisions laid down in the third paragraph of art. 8 of the Constitution, with the theme of the right of religious minorities to have an identity. It intends to prove that the document that the government issues in order to deny such a qualification is not a “political action” exempt from the control of the judicial authority, contrary to ruling no. 52 of 2016 of the Constitutional Court. The identity of religious minorities is protected by the guarantees offered by art. 24 of the Constitution, from which the Constitutional Court draws the supreme principle of jurisdictional protection of rights, the foundation of any democratic system, that guarantees to all, for any dispute, “a judge and a judgment”.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà di coscienza e religione alla prova della post-modernità: la prospettiva giusfilosofica di Martha C. Nussbaum - di Andrea Romeo

SOMMARIO: 1. “A tradition under threat”. Antropologia della paura e tendenze esclusiviste delle comunità dominanti - 2. La tradizione filosofica del pensiero costituzionale: Williams, Madison e i princìpi cardine della tradizione di “religious fairnes” - 3. Forme di Benign Establishment: critica alla tesi della “presunta innocuità” e interpretazione autentica del principio di separazione - 4. Neutralità statale e speciale considerazione del fenomeno religioso: un rapporto problematico.

Liberty of conscience and liberty of religion on the challenge of the post-modernity: the Martha C. Nussbaum's philosophical jurisprudence

ABSTRACT: Nussbaum is one of the prominent defenders of the North American liberal tradition, threatened by the post-modern tendency to the exaltation of elements from the mainstream religion and the creation of in-groups between citizens. In his writings, the philosopher reproposes the value of liberal tradition by trying to show the impossibility to justify even the most venial forms of the benign establishment, as in the case of state-sponsored-religious-displays. The article focuses on Nussbaum'arguments, in a critical perspective.

Scarica il testo completo in PDF

La questione della riconoscibilità civile del divorzio islamico al vaglio della Corte di giustizia dell’Unione europea (a margine della pronunzia del 20 dicembre 2017, C-372/16) - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. Notazioni introduttive - 2. I termini della vicenda da cui origina il rinvio pregiudiziale e la competenza della Corte di giustizia a pronunziarsi sulla questione controversa - 3. La portata applicativa del regolamento n. 1259 del 2010 e le sentenze dei tribunali religiosi - 4. Le implicazioni di carattere sistematico della pronunzia in rapporto al principio di incompetenza dell’Unione nella materia ecclesiastica o religiosa - 5. I dubbi sostanziali circa la riconoscibilità in Europa del ripudio islamico - 6. Conclusioni.

The issue of the civil recognizability of the Islamic divorce by the EU Court of Justice (considerations on the ruling of December 20th 2017, C-372/16)

ABSTRACT: The present paper takes as a starting point a recent ruling by the EU Court of Justice concerning the issue of recognizability of Islamic repudiation under the EU Regulation No. 1259/2010. After assessing the conditions underlying the jurisdiction of the Court of Justice to rule on such a controversial matter, the Author excludes that the religious judgments fall within the scope of the aforementioned regulation (and within the purpose of Regulation No. 2201/2013), also in light of the so-called principle of the Union’s incompetence in ecclesiastical or religious matters. Moreover, although the unilateral repudiation is to be considered contrary to the principle of public order of the moral and legal equality of the spouses, the Author concludes that, consistently with the current trend of many legal systems to give increasing broader space to the “negotiating” management of the marriage bond, effective protection of the principle of equality should involve letting women, in some particular situations, have the choice of concretely enforcing that principle.

Scarica il testo completo in PDF

Una “nuova stagione” per l’atto politico? Alcune riflessioni tra teoria e prassi costituzionale - di Paolo Zicchittu

SOMMARIO: 1. Il “ritorno” dell’atto politico: la stipulazione delle intese con le confessioni religiose - 2. Le origini dell’atto politico tra acte de gouvernement, act of State, political question e acto de gobierno - 3. Gli sviluppi dell’istituto nell’Italia liberale - 4. L’atto politico alla prova della Costituzione - 5. Il ruolo del giudice delle leggi: alcuni casi paradigmatici - 6. Un consuntivo della giurisprudenza costituzionale in tema di atto politico: l’atto di governo come tecnica di giudizio.

Is there a “new era” for the act of State in Italy? Some remarks between constitutional theory and practice

ABSTRACT: The act of State in the Italian legal system seems now to be heading for a kind of “second drawing”. Starting from the recent judgment n. 52/2016, adopted by the Italian constitutional Court with reference to the agreement between Government and the so-called UAAR, the essay scrutinises the evolution of the act of State in Italy compared to the principles of the constitutional “rule of law”. The analysis deals with both theory and practice, focusing in particular on the approach adopted by the Italian constitutional jurisprudence in order to address political questions.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e secolarismo - di Giuseppe Dalla Torre

SOMMARIO: 1. Una premessa - 2. Libertà religiosa e secolarizzazione - 3. L’odierna crisi della libertà religiosa - 4. Secolarismo e libertà religiosa - 5. Conclusione.

Religious freedom and secularism

ABSTRACT: The essay questions about the singular phenomenon for which, in front of the numerous and serious violations that are daily perpetrated in the world, towards the right of religious freedom, the West appears so detached and generally reluctant to political and diplomatic intervention. The fact is even more singular, if one compares this phenomenon with the general commitment that the West demonstrates for the planetary affirmation of the human rights, in a spirit almost of proselytism. In the opinion of the Author, the inactivity must be connected to the dominant secularist culture that has removed the sacred from the horizon of human meaning, with the consequence of the insignificance of the religious sentiment, of the irrelevance of the religious practice and, therefore, of the unreasonableness of fighting for their survival.

Scarica il testo completo in PDF

Osservazioni sulla proposta di legge “Norme in materia di libertà di coscienza e di religione” elaborata dal gruppo di lavoro coordinato dalla Fondazione ASTRID - di Gianfranco Macrì

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Crisi e persistenza del modello pattizio. Riscrivere la trama della libertà religiosa in Italia - 3. Una proposta “flessibile” orientata alle differenze e all’interazione - 4. I nuovi confini della libertà religiosa della persona - 5. La libertà di coscienze e di religione del minore - 6. Scuola pubblica, libertà religiosa e “nuovi spazi” di confronto per tutti: quello che serve e quello che la proposta non dice - 7. L’integrazione attraverso il lavoro - 8. Assistenza spirituale e libertà di manifestazione del pensiero - 9. Gli spazi della libertà religiosa e i “luoghi della memoria” - 10. Ministri di culto e non solo - 11. Per una libertà religiosa collettiva veramente democratica: rilievi critici - 12. La società cambia, la legge dello Stato arranca, il matrimonio “canonico” resta - 13. Intese per tutti? - 14. Quello che manca nella proposta di legge – 15. Conclusioni.

Remarks on the Bill Proposal "Norms on Freedom of Conscience and Religion" Made by the Working Group Coordinated by the Astrid Association

ABSTRACT: This contribution is a comment on the draft law on religious freedom proposed by some scholars of the ASTRID Foundation. The law is proposed in the context of a national and European political environment, which is constantly changing and evolving. This analysis is focused on some specific aspects of the proposal, by assessing their limits and their potential offers some theoretical reflections with the aim of contributing to a scholarly and intellectual debate, which should offer arguments, aimed at promoting and protecting fundamental freedoms and rights as envisaged by the Constitution.

Scarica il testo completo in PDF

Sulla natura giuridica del concordato - di Domenico Schiappoli

SOMMARIO: 1. Le varie opinioni sulla natura giuridica dei concordati – 2. Osservazioni su alcune delle dette opinioni – 3. Le opinioni degli scrittori ecclesiastici – 4. Le opinioni di alcuni scrittori laici e i loro contrasti con i principii del diritto pubblico dello Stato italiano – 5. Lo scopo del concordato 11 febbraio 1929 e natura dei concordati dell’epoca moderna – 6. Efficacia giuridica del concordato – 7. In che consiste il carattere convenzionale del concordato – 8. L’esecuzione del concordato 11 febbraio 1929 e della convenzione 13 giugno 1939. La legge statale di approvazione e di esecuzione. La revoca del concordato da parte dello Stato – 9. Ancora dell’ordinamento superstatale e l’opinione di un terzo ordinamento che sarebbe creato dal concordato – 10. I principali difetti della teoria dominante sull’indole giuridica del concordato – 11. Definizione del concordato secondo il diritto positivo italiano – 12. La tradizione giuridica italiana. Il concordato del 1741 tra Ferdinando I di Borbone e papa Benedetto XIV – 13. Il concordato del 1741 regolava materie di diritto pubblico interno – 14. Il concordato 18 febbraio 1818 e le materie da esso regolate – 15. La convenzione 16 aprile 1834 e le conseguenze che da essa si deducono – 16. Il concordato austriaco del 18 agosto 1855 – 17. Il concordato 11 febbraio 1929 tra l’Italia e la Santa Sede – 18. Il concordato e la riforma della legislazione ecclesiastica. I principi confessionalistici accolti – 19. I principi giurisdizionalisti accolti dal concordato – 20. Se nel concordato si possano contenere disposizioni di carattere patrimoniale – 21. Conclusioni circa l’indole e l’efficacia giuridica del concordato – 22. La teoria legale sull’indole ed efficacia giuridica dei concordati seguita in Italia quando furono abrogati i concordati precedenti – 23. In che senso deve intendersi che il concordato è una legge ecclesiastica e civile – 24. Valore del concordato come legge speciale. Il can. 3 del codex iuris canonici – 25. Interpretazione e abrogazione del concordato.

On the juridical nature of concordats

ABSTRACT: Domenico Schiappoli wrote this essay in 1941 for the Italian scientific journal Archivio di Diritto ecclesiastico, but it never appeared in that or other issues of the review. In the essay, Schiappoli explains his ultimate thought on Church and State relations and, by considering the Concordato as an exclusive matter of national law, he marks a strong difference of perspective between his own understanding of the issue and the mainstream theories about the legal nature of agreements between Church and State.

Scarica il testo completo in PDF

Domenico Schiappoli e la questione della natura giuridica dei concordati. Premessa a un saggio ritrovato - di Alessandro Tira

SOMMARIO: 1. Un ritrovamento fortuito - 2. L’ultima stagione scientifica di Domenico Schiappoli - 3. Le tappe di una riflessione complessiva sui rapporti tra lo Stato e la Chiesa - 3.1. Dai Rapporti dello Stato con la Chiesa in Italia (1926) alla Qualificazione delle relazioni fra lo Stato e la Chiesa (1939) - 3.2. La critica di Schiappoli alla costruzione dogmatica del concordato (1934) - 3.3. Le concezioni dell’istituto concordatario prevalenti a cavallo degli anni Trenta e Quaranta - 3.4. Il saggio Sulla natura giuridica del concordato (1941) - 4. Qualche considerazione finale.

The debate on the juridical nature of agreements between Church and State. A foreword to an (almost) unpublished essay of Domenico Schiappoli

ABSTRACT: Domenico Schiappoli (1870-1945) was a prominent scholar of Ecclesiastical law in Italy; he played an outstanding role in the renewal of the discipline during the late 19th Century and early 20th. In his late age, he also took interest in Church and State relations, supporting theories, which marked a strong difference of perspective between his own understanding of the issue and the mainstream theories about the legal configuration of agreements between Church and State (“concordati”).

Scarica il testo completo in PDF

Lo Stato laico costituzionale di diritto di fronte all’emergenza del terrorismo islamista - di Francesco Alicino

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. La lunga tradizione del diritto islamico - 2.1. La norma religiosa nelle impostazioni radicalizzanti - 3. La reazione dei legislatori e il ruolo dei giusdicenti. Brevi considerazioni sul caso degli USA - 3.1. Brevi considerazioni sul caso della Francia - 4. La reazione dei legislatori e il ruolo dei giusdicenti in Italia - 5. Conclusioni.

ABSTRACT: What is the real relationship between the existing forms of (religious) terrorism and Islam? And how do the Western constitutional democracies react in times of emergency and threats of so-called Islamic terrorism? The article tries to answer these questions, focusing the attention on specific issues, such as those referring to the Islamic tradition - and the relative legal system - and some national legal orders, like the USA, France and Italy.

Scarica il testo completo in PDF

Secularism e post-modernità: qualche eco da oltreoceano - di Alessandro Ferrari

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Considerazioni preliminari - 3. La fine del ‘vecchio mondo’ - 4. Universalità e identità - 5. Un nuovo protagonismo per i diritti religiosi? - 6. Per concludere.

Secularism and post-modernity: some American echos

ABSTRACT: The paper focuses on the works of six North American authors stemming from the conviction that the end of the ‘modern world’ is nigh and we are locked into the irreversible entropy of a secularism understood as a wall of separation between politics and religion. These convictions, together with a strong criticism towards legal positivism, imply the idea of the porousness of the borders between the sacred and profane, and a resulting reciprocal adjustment, an osmosis between the political and the religious spheres. In this paper, I would like to concentrate on the new approaches proposed by these authors and on the historical end epistemological connotations of the posited osmosis between the political and religious spheres.

Scarica il testo completo in PDF

“Un giogo salutare per l’intelligenza”: dogma religioso e libertà politica nella Democrazia in America di Tocqueville - di Carlo Sabbatini

SOMMARIO: 1. In forma di premessa - 2. L’immensa maggioranza degli spiriti -  3. Una forma particolare della speranza: religione e libertà tra dispotismo e repubblica - 4. Dal dogma teologico al dogma della maggioranza -  5. Quale religione? - 6. Contro la patologia del dubbio - 7. Polvere intellettuale: il metodo filosofico tra America ed Europa - 8. Chiesa e Stato tra America e Francia - 9. Democrazia e Cattolicesimo americano - 10. Una democrazia cristiana: Stato e Chiesa nell’ ‘ultimo’ Tocqueville.

“A salutary yoke on the intellect”: Religious Dogma and Political Freedom in Tocqueville’s Democracy in America.

ABSTRACT: The essay examines the relationship between religion and politics in Tocqueville's thinking, with particular attention to the synergy between Christianity and the development of democratic institutions, studied by the author in the United States. In the two volumes of Democracy in America, he observes that the doctrine of Christianity, subject to a process of popularization characteristic of American social dynamism, constitutes an essential connective tissue, through which the principle of equality permeates custom, law and institutions. This stabilization function finds a fundamental premise in the separation between spiritual and temporal sphere, which allows the former not to be bent to the conveniences of the second and, above all, not to be subjected to attacks which, as in the French Revolution, have confused and condemned it with its institutional form under the ancien régime. Such a circumstance, according to Tocqueville, has deprived society of the fundamental ethical background that unites it, neglecting above all the powerful egalitarian message that he identifies as a general character of Christianity and in particular of Catholicism, which he thinks even more appropriate to the democracy as the Protestant faith and which, by acting on custom, would enable the establishment and development of an indigenous democratic model also in France.

Scarica il testo completo in PDF

L’esercizio del governo ecclesiastico in un contesto secolarizzato - di Carlo Cardia

SOMMARIO: 1. Premessa. Quesiti antichi, apocalisse futura - 2. Secolarizzazione post-moderna, critica del vittimismo - 3. Tramonto della ‘pluralità degli ordinamenti giuridici’. Crisi dei diritti umani - 4. Secolarizzazione dei valori. Il diritto procedurale, la fine dell’etica - 5. La legge senza etica. Il Diritto canonico realtà aliena - 6. Oltre liberalismo e marxismo. Il nichilismo antropologico - 7. Matrimonio e secolarizzazione globale - 8. La dimenticanza del diritto, in utroque iure. Riduzione al diritto comune, neo-corporativismo - 9. Evoluzione e impegni disattesi in ambito canonistico - 10. Decadenza scientifica e accademica del Diritto canonico - 11. Conclusioni, reciprocità inevitabile.

Scarica il testo completo in PDF

The Meaning of ‘Religion’ in Multicultural Societies Law - di Pierluigi Consorti Giancarlo Anello Mohamed A. Arafa Federica Botti Rossella Bottoni Cristina Dalla Villa Maria d'Arienzo Luigi Mariano Guzzo Maria Luisa Lo Giacco Adelaide Madera Enrica Martinelli Cristiana Maria Pettinato Germana Carobene Maria Cristina Ivaldi Chiara Lapi AA. VV. (Consorti e altri)

SUMMARY: 1. Introduction. 2. Religion in Law. 3. Is there a difference between religion and other kinds of faith? 4. Preliminary pieces of advice on this research.

Scarica il testo completo in PDF

Dalla laicità dello Stato alla laicità per lo Stato. Il paradigma laico tra principio e valore - di Stefano Montesano

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Valori e principi: une necessaria distinzione - 3. La “supremazia” del metodo laico. Il problema del valore - 4. La laicità come mezzo e come fine: alcune considerazioni - 5. Dalla laicità dello Stato alla laicità per lo Stato - Segue: il caso dell’obiezione di coscienza nell’IVG. Le assolutezze dei fini alla prova dell’indipendenza etica - 6. Il valore della laicità come principio per la libertà.

From the secular State to secularism for the State. The lay paradigm between principle and value.

ABSTRACT: In the essay, the concept of secularity is examined both as a legal paradigm and as a value. The identified legal and philosophical perspectives represent potential reading keys that can guide the interpretative and implementing paradigm of laicity in a more coherent way with its historical-value reason.

Scarica il testo completo in PDF

L’odio proibito: la repressione giuridica dello hate speech - di Gianmarco Gometz

SOMMARIO: 1. Discorsi odiosi - 2. La repressione giuridica delle idee odiose: vecchie difese, nuovi difesi - 3. Le ragioni del contrasto giuridico ai discorsi d’odio - 4. Due direttrici nella giustificazione della repressione giuridica del discorso d’odio.

Forbidden hate: the legal repression of hate speech

ABSTRACT: The aim of this article is two-folded. First, it offers a general overview of the legal repression of various categories of expressive behaviours ascribed to the notion of hate speech. Especially in Europe, such repression often passes through criminalization, long since used by law to suppress thoughts or points of view for some reason considered harmful. The social groups nowadays protected by such repressive measures, however, are different from the past: weak and/or minoritarian groups rather than strong and/or majoritarian ones. The second aim of this work is to identify the reasons for the legal repression of expressions, beliefs or doctrines certainly in many cases morally deplorable, yet protected by other high-ranking legal reasons: the principles of freedom of thought and speech. It will be noted that especially for untargeted hate speech not connected to a clear and present danger of unlawful actions, there is no general agreement about those reasons. Furthermore, they tend to be structured in justifications showing some typical flaws of, respectively, deontological and teleological reasoning: the former tend to be superficial as apodictic, generic and vacuous; the latter tend to evade the argumentative burdens of factual order from which their validity depends.

Scarica il testo completo in PDF

Laïcité en marche. L’Hexagone à l’épreuve - di Sara Domianello

La lecture de l’ouvrage de Philippe Portier, L’État et les religions en France. Une sociologie historique de la laïcité, est particulièrement stimulante pour ceux qui s’intéressent à la recherche des facteurs favorisant l’évolution des formes et des techniques juridiques élaborées par un Etat face au phénomène religieux.

De ce point de vue spécifique, j’apprécie l’effort accompli par Portier pour exposer et argumenter la thèse selon laquelle, à l’intérieur des lignes brisées qui délimitent le polygone correspondant à l’espace géopolitique occupé par la France continentale - et qui ont conduit à calquer la figure géométrique définie dans son emploi originel de “laïcité hexagonale” comme synonyme de laïcité à la française -, se serait en fait inscrit peu à peu, à partir d’un certain moment historique et pour l’avenir, un modèle vivant de laïcité tout autre que dur et rigide, qui aurait progressivement amené la France à s’adoucir par rapport aux religions et mériterait donc d’être représenté par un dessin plus conforme à la réalité actuelle. (continue)

Scarica il testo completo in PDF

Il futuro (ancora incerto) della libertà religiosa in Italia: alla ricerca di un nuovo bilanciamento tra interessi collettivi (frazionati) e bisogni (flessibili) delle persone - di Gianfranco Macrì

SOMMARIO: 1. Il primato della persona umana: le radici del costituzionalismo - 2. Interessi collettivi, “lottizzazione” dello spazio pubblico e libertà individuali - 3. Alla ricerca del giusto bilanciamento tra interessi collettivi (di parte) e aspirazioni libertarie individuali - 4. Spazi di libertà, flessibilità e autonomia dei soggetti organizzati - 5. Rappresentanza degli interessi collettivi, anche di natura religiosa, e compiti dello Stato a garanzia dei diritti costituzionali - 6. Il diritto pattizio, la sua contraddittoria specialità e le nuove prospettive del diritto pubblico in materia religiosa - 7. Il futuro delle libertà religiose: i vantaggi di una legge generale e le proposte avanzate di recente.

Scarica il testo completo in PDF

The courts and the code. Legal osmosis between religion and law in the cultural framework of civil law systems - di Antonio Fuccillo Ludovica Decimo Francesco Sorvillo

SUMMARY: 1. The value of religious law in modern (and secular) states - 2. Religious rules and individual choices in Europe - 3. Religious law and the fields in which it can operate effectively - 4. The rules of religious courts in civil legal systems - 4.1 ... The direct referral to religious laws - 4.2. The pronounces of religious courts and its importance for faithful - 5. The development of Religious Arbitration Courts in Italy - 6. Does religious jurisdiction another side of religious freedom?

Scarica il testo completo in PDF

Per una ri-generazione degli studi ecclesiasticisti: non dalla ‘fine’ ma da un ‘nuovo inizio’ - di Salvatore Berlingò

SOMMARIO: 1. “Qualcosa di nuovo … anzi d’antico” per vivere la transizione? - 2. La crisi del diritto ecclesiastico e la ri-generazione ideale del diritto - 3. L’impegnativa condivisione di una laboriosa exit-strategy.

Scarica il testo completo in PDF

La libertà di religione in Italia dieci anni dopo - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Indivisibilità delle libertà – 2. Imprescindibilità della giurisdizione – 3. Libertà negativa: a) legislazione – 4. (segue:) b) giurisdizione – 5. Libertà positiva – 6. Pluralismo – 7. Diritto ecclesiastico futuro.

Scarica il testo completo in PDF

La proposta di legge in materia di libertà religiosa nei lavori del gruppo di studio Astrid. Le scelte operate nel campo della libertà collettiva - di Pierangela Floris

Nelle parti dedicate alla dimensione collettiva della libertà religiosa, la Proposta dà spazio a tre figure: due oggetto di espliciti riferimenti costituzionali, l’associazione con fine di religione o di culto e la confessione religiosa; una terza nuova, l’associazione filosofica e non confessionale, di chiara derivazione europea già nella denominazione. Inizio dalle associazioni con finalità di religione o di culto, che nella Proposta hanno un risalto senz’altro significativo. Esso però non è teso a oscurare o attenuare il rilievo di altre figure, in particolare della confessione religiosa, alla quale la Costituzione riserva un’attenzione tutta speciale e che nel progetto ha prerogative esclusive. Quel risalto ha altre ragioni, già esplicitate anche da chi ha parlato prima di me. Il progetto prova ad affrontare i problemi emersi in tempi recenti con lo sviluppo dell’associazionismo religioso, che ha interessato, in particolare, le comunità di nuova formazione o insediamento e che ha trovato un po’ tutti impreparati. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Pluralismo, laicità e crisi della rappresentanza politica - di Claudio Luzzati

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Post-confessionismo e laicità - 3. Religioni, morale e istituzioni - 4. La situazione odierna. La sentenza della Corte costituzionale n. 52 del 2016 - 5. Pluralismo buono (o, forse, anche cattivo) e frammentazione sociale. È la fine della politica?

Pluralism, Secular Society and the Crisis of Political Representation

ABSTRACT: How can the value pluralism deal with the problems rising from a split society where many comprehensive doctrines, belongings and religious identities can no more find something in common? This paper tries to focus such a question taking a closer look at Italy.

Scarica il testo completo in PDF

Convivenza delle diversità, pluralismo religioso e universalità dei diritti. Modelli di approccio. Indicazioni metodologiche - di Vincenzo Turchi

SOMMARIO: 1. Esperienze storiche e modelli di approccio alle diversità culturali - 2. Elementi caratterizzanti l’esperienza italiana - 3. Convivenza delle diversità: indicazioni per una metodologia. In particolare, l’eredità della lezione maritainiana - 4. L’ambito scolastico come luogo specificamente vocato all’educazione alla convivenza interreligiosa.

Abstract. The paper highlights the limits of the most well-known models of approach to cultural diversities, the assimilationist one and the communitarian one, which are typical, respectively, of France and England and of their colonial history. Italy has not remarkable colonial traditions and so it can be more free from the weight of the past in developing strategies able to face up to the problems of the multi-ethnic and multi-religious societies. Starting from the basic principles of pluralism and secularism (principio supremo di laicità, according to the words of Italian Constitutional Court), are examined the “Carta dei valori della cittadinanza e dell’integrazione” (15th June 2007) and the recent “Patto nazionale per un Islam italiano” (1st of February 2017). From a more general point of view, the paper describes and supports the thesis of Jacques Maritain about the foundation of human rights, the basis of a peaceful coexistence in a pluralistic society. Finally, it deals with the issue of teaching about religion and history of religions in Italian public schools. These kinds of courses should help students to get to know the religions present in our country - both the historical ones and the “new” ones, coming from the recent processes of immigration - in order to promote and increase the mutual respect and the inter-cultural dialogue.

Scarica il testo completo in PDF

Principio pattizio e garanzia dell’eguaglianza tra le confessioni religiose: il punto di vista della Consulta nella sentenza n. 52 del 2016 - di Marco Parisi

Sommario: 1. Introduzione - 2. L’attuazione del principio pattizio tra esigenze politiche del Governo e tutela giurisdizionale dei diritti - 3. Diniego di avvio delle trattative, qualificazione religiosa dei soggetti istanti e uguale libertà: i nodi problematici e le soluzioni.

ABSTRACT: The judgment no. 52/16 of the Constitutional Court has related to a conflict of powers between branches of State, in particular between the Council of Ministers and the Supreme Court, canceling the judgment of the Supreme Court (judgment no. 16305, June 28, 2013) with which it was established the syndicatability to the courts of the government resolution which had been denied to the Union of Atheists and Rationalist Agnostics the opening of negotiations for the signing of the agreement, in accordance with Article 8, third paragraph, of the Constitution. In reaching that conclusion, the Constitutional Court considered necessary some considerations relating to the nature and the meaning that, in our constitutional system, assume the agreement for the regulation of relations between the state and the non-Catholic religious denominations. At the same time, the Judge of the Laws has also been called upon to interpret the first paragraph of Article 8, which, in stating that all religions are equally free before the law, exclude that the State can foster the expansion of a religious group compared to the others.

Scarica il testo completo in PDF

Ordine temporale e ordine spirituale nella riflessione di Aldo Moro: una lezione sottratta all’oblio - di Luigi Barbieri

SOMMARIO: 1. Le carte e la storia – 2. Frammenti di una lezione: schemi di rapporti tra Stato e Chiesa – 3. Influenze sturziane sulla costruzione giusfilosofica di Aldo Moro – 4. Storia e memoria per una ricerca in progress - Appendice.

Scarica il testo completo in PDF

Carta bianca al Governo sulle intese con le confessioni religiose (ma qualcosa non torna) - di Giovanni Di Cosimo

SOMMARIO: 1. Prassi – 2. Intese, eguale libertà, diritto di autorganizzazione – 3. Responsabilità politica – 4. Limiti legislativi e costituzionali – 5. Rapporti politici – 6. Zona franca.

Scarica il testo completo in PDF

Libera scelta del Governo l’avvio di trattative finalizzate alla stipulazione di intesa con confessione religiosa ai sensi dell’art. 8, terzo comma, Cost. - di Marco Canonico

Sommario : 1. Le vicende precedenti - 2. La sentenza della Corte costituzionale 10 marzo 2016 n. 52 - 3. Considerazioni a margine della decisione.

Scarica il testo completo in PDF

La decadenza del “metodo della bilateralità” per mano (involontaria) degli infedeli - di Nicola Colaianni

Sommario : 1. Lo strano caso di una non-confessione religiosa che fa domanda di un’intesa con lo Stato. – 2. L’obbligo, comunque, di avviare le trattative … – 3. … e la semplice facoltà di concluderle – 4. La discrezionalità politica anche nell’avvio delle trattative – 5. Il riequilibrio del rapporto tra legge comune e intese – 6. La causa delle intese – 7. Il diritto comune unilaterale come garanzia dell’eguale libertà – 8. Il “metodo della bilateralità” confinato nell’angolo della produzione giuridica.

Scarica il testo completo in PDF

Le intese tra conferme e ritocchi della Consulta e prospettive per il futuro - di Pierangela Floris

SOMMARIO: 1. Introduzione – 2. Uguale libertà e intese – 3. Il riconoscimento di una confessione tra accertamento in via incidentale e in via principale – 4. L’avvio del procedimento d’intesa e la discrezionalità politica.

Scarica il testo completo in PDF

La laicità e l’integrazione sociale: un rapporto ambiguo - di Fabio Macioce

SOMMARIO: 1. Introduzione – 2. L’orizzonte sociale di riferimento: a) la presenza pubblica delle religioni e la super-diversità sociale – 3. L’orizzonte sociale di riferimento: b) le identità religiose e l’integrazione sociale – 4. La laicità alla prova dell’integrazione sociale – 5. La laicità tra pluralismo religioso e pluralismo culturale – 6. L’integrazione sociale, e le ambigue conseguenze del principio di laicità .

Scarica il testo completo in PDF

La Corte costituzionale torna protagonista dei processi di transizione della politica ecclesiastica italiana? - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. Due sentenze che rompono un silenzio durato un decennio – 2. La portata del principio affermato dalla sentenza n. 52 del 2016: dal riconoscimento del “diritto a negoziare” l’intesa alla (ribadita) insindacabilità dell’atto di avvio delle trattative – 3. Le ragioni poste a base della decisione della Corte – 4. La libertà di culto di fronte alla rinnovata attenzione per le esigenze di “sicurezza” della collettività nella sentenza 63 del 2016 – 5. “Eguale libertà” vs “libertà diversamente graduata” – 6. I riflessi della pronunzia n. 52 del 2016 sul problema della qualificazione del gruppo come “confessione religiosa” – 7. Le oscillazioni della Corte in tema di “laicità” e le criticità emergenti del diritto ecclesiastico italiano.

The Constitutional Court once again the leading character of the transition processes of the Italian ecclesiastical politics?

ABSTRACT: The present essay analyses the impact of the 2016 Constitutional Court judgements n. 52 and n. 63 on the very “identity”of Italian Ecclesiastical Law, which is characterized by the principles of secularism, equal freedom of religious denominations and by a system of agreements aimed at regulating the specifities of the different religious groups. According to the Author, because of the inactivity of the Legislator, the Constitutional Court is compelled to play a substitute role in searching a satisfactory balance between all these elements and the very settlement of some basic trends in Ecclesiastical Law, as such a subject has to face increasingly new challenges and emerging problems in the management of the religious factor.

Scarica il testo completo in PDF

Un passo indietro sul fronte dei diritti di libertà e di eguaglianza in materia religiosa [?] - di Sergio Lariccia

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. La corte ritiene ammissibile l’intervento, nel giudizio costituzionale, dell’associazione privata degli atei e degli agnostici razionalisti. Funzione e importanza dei gruppi sociali organizzati per l’affermazione dei diritti verso e contro le religioni – 3. L’uaar può essere considerata una confessione religiosa? – 4. Non è ammesso un controllo giurisdizionale sulle decisioni del consiglio dei ministri riguardanti l’avvio delle trattative per la stipulazione di eventuali intese tra una confessione religiosa e lo Stato. Ma “ci sarà pure un giudice a Berlino!” – 5. Potere politico, potere amministrativo e potere giurisdizionale in tema di diritti dei gruppi religiosi in Italia – 6. Ragioni della politica e ragioni del diritto: una scelta metodologica . Dubbi, nella fattispecie, sul ruolo del parlamento come organo di garanzia che esercita il controllo sul governo – 7. 2 aprile 1966: il ricordo di una giornata particolare di cinquant’anni fa.

Scarica il testo completo in PDF

Bioetica, biodiritto e il contributo scientificamente legittimato, en juriste, dell’ecclesiasticista - di Salvatore Berlingò

SOMMARIO : 1. Il giurista e la bioetica – 2. Le antinomie della bioetica odierna e la funzione del diritto - 3. Le peculiari competenze ed esperienze dell’ecclesiasticista al confine col non-diritto - 4. Oltre gli schemi del diritto " razionale-formale " - 5. I modelli procedurali della "complementarità/distinzione" e la loro apertura al valore della dignità di ogni singola umana esistenza.

The contribution of an ecclesiastical law scholar scientifically justified, en juriste, to the elaboration of bio-law

ABSTRACT : The contribution of an ecclesiastical law scholar to the elaboration of bio-law is legitimated by his study and experiences at the border with not-law and in relations with the laws-other ( religious and cultural ) distinct from that of the polis. The pattern of complementarity/distinction , that the scholar of ecclesiastical law draws from this kind of experience, can contribute at the articulation of bio-law according to procedural-justice , which facilitate the substantial concretization of the fundamental value of the dignity of every human reality .

Scarica il testo completo in PDF

“To talk with a mockingbird”. I cittadini religiosi nel modello della convergenza di Gerald Gaus: alcuni aspetti critici - di Andrea Romeo

SOMMARIO: 1. Due forme di giustificazionismo: inclusivo ed esclusivo - 2. Il giustificazionismo moderato di Gerald Gaus - 3. Il principio di motivazione secolare e le problematiche operative - 4. Due modelli a confronto: convergenza vs. consensus - 5. Verso una formulazione minimal del proviso di giustificazione - 6. Alcune notazioni critiche: la sovrapposizione tra i concetti di motivo e ragione e il fraintendimento sull’overlapping consensus - 7. Giustificazionismo e accomodation : possibili implicazioni?


Abstract: According to the justificatory liberalism view, to respect each citizen as free and equal requires that no one simply be forced to submit to the judgments of others; then is necessary laws must be justified to those subject by reasons that everyone could share. There are two different perspectives: justificatory liberalism inclusive and justificatory liberalism exclusive; only for the second view is not binding to expunge religious-based reasoning from political justification. Gerald Gaus claims that the model of consensus is based on a misleading intepretation of the overlapping consensus conception: "because we cannot reasonably expect all members of the public to actually endorse religious reasons as good reasons, they are not justificatory reasons". Gaus define a conceptual political system inspired to the possibilities of convergence and also try to challenge the standard formulation of the liberal proviso by offering a miminalist reformulation of the translation clause. The paper analize and criticize this inclusive model of justificatory liberalism.
 

Scarica il testo completo in PDF

Religion contributions nella sfera pubblica: uno sguardo critico alla lettura di Jeremy Waldron - di Andrea Romeo

SOMMARIO: 1. Il dibattito sul ruolo delle voci religiose nella sfera pubblica – 2. La peculiare strategia di Jeremy Waldron: theoretical authorities e practical authorities - 3.- Implicazioni metaetiche e operative dell’appello alle theoretical authorities – 4. Il problema dell’inintelligibilità delle argomentazioni religiose – 5. Dall’inintelligibile all’universalizzabile. Le ragioni di un sostanziale fraintendimento.

Religion Contributions in the public sphere : a critical reading to the position of Jeremy Waldron

ABSTRACT: The article focuses on the Jeremy Waldron’s lecture of the relationship between religion and democracy . Waldron argues that in public deliberations religious citizens can refer directly to religious arguments making reference to the "theoretical authority” of religion. The religious commandments would be worth , in the field of morality, like Paul Krugman’s theories in the field of economy; so when, in the political public square, arguments based on religious beliefs are produced it sounds equivalent to make calling, exclusively, to the "theoretical authority" of religion, not certainly to his authority practice.

Scarica il testo completo in PDF

Costituzione e fenomeno religioso - di Sergio Lariccia

SOMMARIO: Premessa - 1. I primi anni dell’Italia democratica - 2. La costituzione italiana del 1948. Attuazione/inattuazione della carta costituzionale - 3. Poteri e libertà della chiesa cattolica in Italia: dal riconoscimento dei poteri alla garanzia delle libertà. Principio di relatività delle valutazioni giuridiche. Indipendenza e sovranità dello stato nell’ordine civile - 4. La revisione concordataria del 1984 – 5. Potere civile e potere religioso nel secolo XXI. Il perseguimento dell’obiettivo di una più compiuta democrazia negli ordinamenti statali. Per il superamento del concordato in Italia - 6. Una proposta di revisione della costituzione.

ABSTRACT: The Author evaluates the consequences resulting from the confirmation, at the assembly of 1946-7, of the intangibility of the Lateran Pacts of 1929; specifies the reasons that, after the constitution of 1948 came into effects, have caused the failure of the reform of the legislation concerning the relations between the state and religious confessions; proposes the approval of a law of constitutional revision composed of four articles.

Scarica il testo completo in PDF

Tre scritti su laicità, pluralismo, sentimento religioso - di Piero Bellini

1 - Tutti più o meno conveniamo nel riporre le radici più profonde del lai­cismo liberale nell’«anti-dogmatismo» che gli è consustanziale. Risulta – l’«idea di laicità» – dalla attitudine critica (e polemica) della fi­losofia razionalistica [quella del «Secolo dei Lumi»] verso qualunque asseverazione categorica che intenda riferire ai «sommi valori dello spirito» –  o all’«intima essenza delle cose» – o questo o quel «giudizio di certezza». Impugnano – invero – i Philosophes la perentorietà assiomatica delle grandi Confessioni storiche. Con­testano la presunzione di coloro che se ne sentono partecipi: di poter rifarsi a «verità assolute» [«oggettive», «universali»] del tutto indubitabili. Con l’incentrare la propria riflessione sul principio della «soggettività della coscienza» e del «sapere», i Philosophes vogliono invece risvegliare una reazione della umana in­telligenza avverso la categoricità di tali assiomi: i quali [per il loro medesimo accamparsi siccome «non controvertibili»] tolgono spazio alla creatività libera e piena che – per diritto nativo – s’appartiene alla inventiva vigile degli uomini. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Il rapporto tra laicità e neutralità: una questione concettuale? - di Corrado Del Bò

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Su alcuni equivoci nel dibattito italiano sulla laicità - 3. Laicità e neutralità: un rapporto complicato - 4. La laicità della Corte costituzionale - 5. Conclusioni.

ABSTRACT: This article, which is the chapter five of the book La neutralità necessaria. Liberalismo e religione nell’età del pluralismo (ETS, 2014), tries to identify what is the link between the idea of neutrality and secularism, suggesting that this link depends on the various possible interpretations of neutrality. Moreover, it is argued that we should avoid to reduce the issue to a nominal disputation about the meaning of the words and move our attention to the more fundamental problem about the relationship between politics and religion in a secular State.

Scarica il testo completo in PDF

Considerazioni sull’attuale problematica in materia di libertà religiosa - di Giuseppe Dalla Torre

SOMMARIO: 1. L’odierna situazione – 2. I nuovi volti delle violazioni della libertà religiosa – 3. Dimensione pubblica della religione – 4. Lo spettro di nuove “guerre di religione” – 5. Le sfide per la comunità internazionale.

Scarica il testo completo in PDF

The denial of religious freedom: a new approach to the system - di Antonio Fuccillo

SOMMARIO: 1. Introduction: the social power of religions and the need for dialogue - 2. Law as a required hurdle to the “disclaimers” of religious freedom - 3. The restrictions to the exercise of religious freedom: an overview - 4. Religious freedom and social welfare: an inseparable duo - 5. Brief conclusions.

Scarica il testo completo in PDF

Il fatto religioso e la nascita della biopolitica - di Domenico Bilotti

SOMMARIO: 1. Attualità e rilevanza della riflessione foucaultiana – 2. La disciplina del fatto religioso qualificante di un ordinamento giuridico costituzionale – 3. La dimensione globale dell’appartenenza religiosa e la crisi della sovranità statuale – 4. L’assenza e l’eccesso di legislazione: caratteristiche strutturali della biopolitica – 5. Prime conclusioni: laicità e confessionismo in quanto strumenti del governo.

ABSTRACT: Michel Foucault’s inner perspective about the relationships between the strength of power and common life still represents an interesting point of view to analyse the concepts of legitimacy and individual behaviour in our societies. This essay tries to underline how Foucault described a system of rules not only focused on economics and politics, but a complex theoretical construction to take a look at religious beliefs and their effects into a modern juridical order.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà della scienza come premessa della libertà di insegnamento - di Piero Bellini

1 - È dato per scontato – negli anni in cui viviamo – che la “libertà del sapere” costituisca il necessario presupposto perché si possa vivere una esperienza culturale edificante: e si possa poi trasmettere le nostre acquisizioni, ponendo coloro che ci leggono e ci ascoltano non solo in condizione di apprendere, e di far proprio ciò che è consegnato alla loro attenzione e comprensione, sí anche in condizione di ripensare criticamente quanto appreso e spingersi oltre verso orizzonti più spazianti. Ciò diamo per pacifico. C’è lo garantisce la Costituzione democratica: «L’arte e la scienza sono libere e libero ne è l’insegnamento». E di conforto [per chi riponga la sua fede nella religione dominante] è la Costituzione pastorale Gaudium et Spes là dove attesta essere «proprio della persona umana il non poter raggiungere un livello di vita veramente e pienamente umano se non mediante la cultura». (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Lo sfondamento dell’orizzonte tradizionale: dalla prospettiva nazionale a quella globale. Stati e confessioni religiose alla prova. Religione e confessioni nell’Unione europea tra speranze ... - di Romeo Astorri

SOMMARIO: 1. Osservazioni introduttive - 2. Il fenomeno religioso nelle costituzioni europee del XXI secolo - 3. La bilateralità con particolare riferimento alla Germania - 4. Osservazioni conclusive.

ABSTRACT: This essay examines the legal condition of religious denominations in the European States’ new Constitutions. It focuses upon the legal provisions concerning the principle of cooperation and its application contained both in these Constitutions and in the German Länder ’s agreements signed with religious denominations after the Reunification. The inconsistencies thereby originated are also taken into account as regards both European legal rules and the condition of religious denominations within national States .

Scarica il testo completo in PDF

Enti ecclesiastici e doveri di solidarietà - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. Come orientarsi - 2. Alcuni interrogativi sottesi al tema - 3. Il declino del carattere non lucrativo del "fine di culto e di religione", e l’emergente rilievo del "fine di profitto indiretto" - 4. Cenni sul patrimonio ecclesiastico e la koinonía materiale evangelica: pauperismo e/o solidarietà - 5. Il dovere inderogabile di solidarietà politica, economica e sociale: una categoria aperta - 6. Cenni sul bene comune nella Costituzione pastorale Gaudium et Spes - 7. I principi sanciti dalla Costituzione e le dichiarazioni del Concilio Ecumenico Vaticano II quali fondamento e fine-valore dell'Accordo del 1984 - 8. Una ri-lettura dell'impegno alla collaborazione reciproca per "il bene del Paese" – 9. Gli specifici doveri di solidarietà che gravano sulle Chiese e sui loro enti. I doveri "nominati" ... - 10. (segue) ...e i doveri "innominati"- 11. Il dovere di conformare i rapporti con i pubblici poteri al principio della buona fede oggettiva - 12. Solidarietà doverosa e solidarietà responsabile - 13. Indipendenza delle Chiese nel loro ordine e solidarietà: il bilanciamento dei principi - 14. Laicità, pluralismo e impegno alla collaborazione per la “promozione dell’uomo”: l’obbligo di facere quale aspetto del dovere di solidarietà - 15. Solidarietà in crisi o solidarietà inattuata? Verso una nuova "stagione" - 16. La necessità di disciplinare i doveri di solidarietà e il legislatore “reticente” - 17. La sfida di una "nuova progettazione" - 18. Un auspicio.

Scarica il testo completo in PDF

Ancora sulla laicità. Il contributo del diritto ecclesiastico e del diritto canonico - di Giuseppe Dalla Torre

SOMMARIO: 1. Una pagina autobiografica - 2. È mutato il quadro? - 3. E il diritto canonico? - 4. Annotazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Lo Stato italiano e la Chiesa cattolica: indipendenza, sovranità e reciproca collaborazione (a proposito dell’art. 1 Accordo di revisione concordataria) - di Ombretta Fumagalli Carulli

SOMMARIO : Premessa - 1. Alle radici della duplice sovranità: il dualismo cristiano - 2. La questione della sovranità della Chiesa - 3. La sana cooperatio nell’Accordo di revisione concordataria - 4. Dialettica con gli Episcopati e Ecclesia Communio - 5. Sana cooperatio e res mixtae : in particolare 8 per mille e matrimonio - 6. Nuove sfide alla sovranità della Chiesa?

ABSTRACT: In the article the Author takes stock of the situation regarding the sana cooperatio between State and Catholic Church 30 years after revision of the Italian Concordat. After dealing with the concept of Christian dualism and its historical development, the essay pays attention to the sovereignty of Catholic Church and highlights how in last years the CEI (Italian Conference of Catholic Bishops) - in conjunction with the Holy See - has taken on particular importance in the relationship between State and Catholic Church. Then there is a comparison between two issues which have had unexpected results: the Eight per thousand and the marriage. With regard to the Eight per thousand, in consideration of the economic crisis, the Author proposes that Catholic Church may accept a temporary reduction of the sums devolved to her or may use such sums in order to strengthen the projects in favor of the common good. With regard to the marriage, in consideration of the violation of religious marriage freedom, the Author hopes for a clarification by the State or, otherwise, the adoption of the personal statutes .

Scarica il testo completo in PDF

Problematiche normative della presenza islamica nello spazio sociale italiano ed europeo. Le difficoltà del pluralismo culturale nel modello di laicità contemporaneo - di Marco Parisi

SOMMARIO: 1. Introduzione. 2. Laicità dello Stato, libertà religiosa e comunità islamiche nella società italiana: tra diritto comune e legislazione pattizia. 3. I nodi giuridici di maggior rilievo in Italia e in Europa. 4. Conclusioni.

ABSTRACT: The constitution in the European legal space of a stable islamic community has given rise to a series of repercussions in the legal regulations of all countries of the European Union. Governments, Parliaments and civil society have been called to assess the requests made by the muslim associations, in order to give recognition to a specific set of rules and habits, which is variably understood by Muslims themselves as necessary to live in a manner consistent with religion. This, however, on the one hand, has imposed to the State institutions to reflect on the coexistence of concepts such as the universality of rights, the respect for cultural distinctiveness and the centrality of the principle of secularism in all the national legal orders, and, on the other side, has urged the muslim communities - considered as a complex and articulated whole - to put in place an attitude of moderation and adaptation towards the foundational principles of the Western legal world .
 

Scarica il testo completo in PDF

Laicità: finitezza degli ordini e governo delle differenze - di Nicola Colaianni

 SOMMARIO: 1. La laicità dei giudici – 2. La laicità dei giuristi – 3. Né regola né valore: un principio – 4. La finitezza degli ordini distinti: dalle materie miste alla sfera dell’indecidibile – 5. L’aconfessionalità sostanziale: a) ex parte ecclesiae – 6. (segue): b) ex parte status – 7. La laicità come governance delle differenze.

Scarica il testo completo in PDF

“Specificità dell’ordinamento canonico” e delibazione delle sentenze matrimoniali ecclesiastiche - di Giuseppe Dalla Torre

SOMMARIO: 1. Problemi interpretativi di una disposizione concordataria – 2. Tra diritto processuale e diritto sostanziale – 3. (segue) la invalidità matrimoniale in diritto canonico – 4. Disposizioni o effetti contrari all’ordine pubblico? – 5. (segue) sulla asserita rilevanza costituzionale del matrimonio-rapporto – 6. Osservazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Los valores religiosos y la laicidad de la esfera pùblica - di Fabio Macioce

SOMMARIO: 1. La laicidad es un problema cultural, no politico - 2. La esfera pública y su neutralidad - 3. La razón religiosa y la razón secular en la esfera pública - 4. La esfera pública y los valores públicos.

ABSTRACT: The concept of secularism can be understood in a political perspective or in a legal one. However, secularism is frequently identified with the concept of neutrality, so committing an epistemological error. In this essay, I try to demonstrate that the religious logos is indistinguishable from secular reason, and they both have the same dignity in the public debate. Finally, the article seeks to demonstrate that secularism in pluralistic societies, requires the cooperative research of the values ​​ inherent in social practices, in a perspective that is neither relativistic nor ideological.

Scarica il testo completo in PDF

La politica ecclesiastica dell’Italia post-unitaria: un modello post-Westphaliano - di Alessandro Ferrari

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La separazione … immaginata – 3. La separazione … possibile – 4. Un limite della politica liberale: lo scoglio del pluralismo giuridico – 5. Il lascito della politica ecclesiastica liberale: una mediocritas di ampio respiro

Scarica il testo completo in PDF

La tutela delle esigenze religiose - di Isabella Bolgiani

SOMMARIO: 1. Gli interessi religiosi nella Costituzione - 2. La rappresentanza delle esigenze religiose tra centro e periferia - 3. Il principio di tutela della libertà religiosa nella tavola dei valori costituzionali - 4. La collaborazione tra pubblici poteri ed autorità religiose quale chiave di volta del sistema - 5. L’apporto offerto dal principio di sussidiarietà.

The protection of the religious needs

ABSTRACT: The study of ecclesiastical law is frequently focused on ecclesiastical and civil authorities and on their boundaries of action. In this way it is underestimated how many issues could be overcome simply by looking at the ultimate aim of these laws: the protection of the religious interests of the citizens. To offer an exact definition of those needs is undoubtedly not a simple matter. Therefore you should refer to the freedom of religion (Constitution, article 19) and to the correct declination of the complex
principles guaranteeing the religious right in our Constitution.
 

Scarica il testo completo in PDF

Responsabilità “amministrativa” ex d. lgs. n. 231 del 2001 ed enti ecclesiastici civilmente riconosciuti - di Désirée Fondaroli Annamaria Astrologo Giuseppe Silvestri

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Gli enti ecclesiastici civilmente riconosciuti - 3. (segue) Natura giuridica. Le attività di “religione o di culto” e le “attività diverse” – 4. (segue) L’ente ecclesiastico civilmente riconosciuto che svolge attività d’impresa – 5. Brevi riflessioni in ordine alla riconducibilità degli enti ecclesiastici al novero dei “soggetti” di cui all’art. 1 d.lgs. n. 231 del 2001 - 6. (segue) Gli enti ecclesiastici e la disciplina della responsabilità “amministrativa” dei soggetti collettivi: i reati-presupposto commessi all’estero.

ABSTRACT: This research is focused on bodies’ administrative liability ex d. lgs. n. 231 del 2001 and ecclesiastical boards which are civilly recognized. In particular we examine Italian regulations suitable for the mentioned boards. As a consequence we try to find the limits of d. lgs. n. 231 del 2001 application’s. This legislative decree regulates bodies’ liability for unlawful administrative (but substantial penal) acts relating to offences. The provisions set out therein apply to corporate entities and companies and associations including those which are not bodies corporate. However, the decree do not mention any ecclesiastical boards which are civilly recognized.

Scarica il testo completo in PDF

Sana laicità o laicità positiva? - di Giuseppe Dalla Torre

SOMMARIO: 1. Per superare la polisemia del termine “laicità” - 2. Cenni sulla dottrina cattolica in tema di laicità - 3. Una aggettivazione risalente: la “sana” laicità - 4. Le più moderne espressioni della “laicità positiva” - 5. Note conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Religione e costituzionalismo occidentale. Osmosi e reciproche influenze - di Francesco Alicino

SOMMARIO: 1. Introduzione. – 2. I presupposti teologici. – 3. Tendenza teocratica, ma visione profana dei fenomeni normativi. – 4. La doppia faccia della secolarizzazione. – 5. Il costituzionalismo (medievale) cristiano. – 6. Le origini del costituzionalismo occidentale. Fra apolitismo radicale … – 7. (segue) … e messianismo temporale e rivoluzione scientifica. – 8. Westfalia (1648): la territorializzazione del diritto religioso. – 9. La nuova religione della perfetta ragione. – 10. Dalla fine della sovranità westfaliana, al secondo dopoguerra … – 11. … (segue) e alla questione islamica di questo secolo.

ABSTRACT: During the long history of the Western Legal System, Christian religion has been playing a key role in defining some of the pillars of modern constitutionalism. This is evident in respect to important constitutional principles like, for example, the notion of “person”, as established in the article 6 of the 1948 Universal Declaration of Human Rights (“Everyone has the right to recognition everywhere as a person before the law”). At the same time, some theological notions of medieval constitutional thought represented the political pedestal of the absolute sovereignty of the State, which is antithetical to the logic of constitutional legal system. With this article, the Author analyses the way some theological notions of Christianity have been “secularized” – and then “codified” – in the Western constitutional States, influencing the pillars of contemporary democracies. This could explain, for example, why the legal instruments carrying out the relationship State-Churches in certain Western democracies do not work very well as they did in the past. In fact, from time to time, these instruments have been able to create the conditions for a proper interaction – an  “overlapping consensus”  – between religious groups and public authorities as well as an acceptable balance between universal principles of Western constitutionalism and ethnic-cultural-religious differences. Nowadays, however, these same instruments seem to fail. Precisely because immigration and today’s multicultural societies see masses of people that come to Western Countries with their religious identities and, sometimes, with a global perspective which complicates the century old tension  between universal principles – launched by the history of the Western constitutionalism – and the current cultural-religious belongings.

Scarica il testo completo in PDF

Quattro notazioni sulla laicità - di Raffaele Coppola

SOMMARIO: 1. Laicità e dualità del potere – 2. Geopolitica della laicità, suoi significati – 3. L'elemento popolare – 4. Il ruolo del civis-fidelis della tradizione classica nei regimi democratici - 5. Distinzione degli ordini e neutralità religiosa.

Four Annotations Concerning the Principle of Secularism (laicità): General Conclusions

Both at national and international level, the lowest common denominator of various principles of secularization (in French laïcité) is the separation - distinction between State law and religious law, which includes the distinction between different assignments of  these two spheres. That is in reality the central-essential aspect of the principle of secularization, which also represents the solid ground for every normative models as well as geographic horizon in what is called the Western legal system. One could identify the historical roots of that principle in a specific period – that lasted form the I to IV centuries – from which the “sinfonia” (symphony) between sacerdotium and imperium developed (especially until the 1054 a.C.). Given these roots, from time to time the concrete life of nations and their laws have been able to affirm the famous conceptions – we all know – identifying the crucial characteristics of  secularization. And this also gives us the solid basis for understanding the future conceptions of secularization. Nowadays, in the context of European Union the religious nomoi groups, the philosophical organizations as well as all human categories (like women) – that in the past era were subjected to gender and racial discriminations – hold the right to freedom of thought, conscience and  religion; which includes freedom to change religion or belief . In this sense, we may identify an “European principle of  secularization”, also understanding its evolution.
 

Scarica il testo completo in PDF

Laicità in progress: conclusioni generali - di Raffaele Coppola

SOMMARIO: 1. Le diverse soglie della laicità – 2. Prevalenza della libertà sulla laicità: i presupposti sistematici – 3. I parametri della relatività – 4. Alcune prospettive per lo studio del diritto ecclesiastico.

The Principle of Secularism (laicità) “in Progress”. General Conclusion

ABSTRACT: Like the previous national meetings, from the sessions of this Conference one may appreciate the worthwhile link between the academic-scientific experience and the juridical-jurisprudential experience. The homogeneity of contents (as revealed by the academic doctrine) together with the relativity of substantial values (strictly related to the conceptions of liberty, secularism and equality) is not necessary due to be translated into different models of State-religions relationship. The concrete use of normative systems is a clear example of that. These are in fact results that emerge from both the public relevance of religious phenomena and the outcomes given by the overview of legislative works; as the main Italian scholars have already underlined at the national and international level, including the European area.

Scarica il testo completo in PDF

La stipulazione di intese con lo Stato: diritto delle confessioni religiose o libera scelta del Governo? - di Marco Canonico

SOMMARIO: 1. Il ruolo delle intese nella disciplina dei rapporti tra Stato e confessioni religiose diverse dalla cattolica - 2. Le prerogative che competono alle confessioni religiose - 3. La sentenza del Consiglio di Stato, Sezione quarta, 18 novembre 2011 n. 6083 - 4. Riflessioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Il paradigma della continuità come chiave di lettura dei rapporti tra Stato e Chiesa in Italia - di Giuseppe Dalla Torre

SOMMARIO: 1. Una premessa di metodo – 2. Un problema italiano; un problema non solo italiano - 3. I Patti Lateranensi come sviluppo della Legge delle Guarentigie – 4. La novazione costituzionale – 5. La revisione concordataria del 1984 – 6. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

La laicità francese: “aperta”, “positiva” o “im-positiva”? - di Maria d'Arienzo

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Dalla “laicità aperta” alla “laicità positiva” – 3. Laicità e libertà religiosa. Le ventisei proposizioni del Pacte Républicaine: laïcité pour mieux vivre ensemble dell’UMP – 4. Dalla “laicità positiva” alla “laicità im-positiva” – 5. La strumentalizzazione politica del dibattito sulla laicità.

Scarica il testo completo in PDF

L’objection de conscience dans la post-modernité - di Fabio Macioce

SOMMARIO: 1. Avant propos – 2. Le concept de l’objection de conscience – 3. L’objection de conscience dans la modernité – 4. L’objection comme témoignage.

ABSTRACT – In pluralistic societies there’s a very strong conflict between legal universalism and moral particularism. In this context, the conscientious objection tends to change its meaning: it is no longer the opposition to a specific rule, but it becomes a form of a radical opposition to the law. This paper, with an analysis of the objection, its forms and its meaning, tries to show how it should be again a chance to witness the truth. This possibility, which is essential for religious people, should be pursued regardless of any legal recognition.

Scarica il testo completo in PDF

La crisi economica e la reciproca collaborazione tra le Chiese e lo Stato per “il bene del Paese” - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. I principi in gioco – 2. I trattamenti preferenziali e le situazioni di vantaggio selettivo: ICI e otto per mille – 3. Per una lettura costituzionalmente orientata delle norme pattizie - 4. Il peculiare impegno della Chiesa cattolica e dello Stato alla reciproca collaborazione … – 5. (segue) … per “il bene del Paese” – 6. Il finanziamento pubblico delle Chiese nei nuovi accordi … - 7. (segue) e le “eventuali modifiche” dell’otto per mille – 8. Le vicende delle festività religiose "concordatarie" – 9. Il pluralismo confessionale, la laicità e l’uso controllato delle azioni positive – 10. Il magistero e la “profonda liberazione della Chiesa da forme di mondanità”.

Scarica il testo completo in PDF

Laicità e dimensione pubblica del fattore religioso. Stato attuale e prospettive. Relazione di sintesi - di Enrico Vitali

SOMMARIO: 1. Introduzione ai temi del Convegno (Giovanni Varnier) – 2. Profili costituzionali - 2.a) Il sistema di accordi con la Chiesa cattolica e l’incidenza delle fonti unilaterali statuali (Giuseppe Dalla Torre) - 2.b) Laicità e prevalenza delle fonti di diritto unilaterale sugli accordi con la Chiesa Cattolica (Nicola Colaianni) – 3. La situazione delle minoranze religiose tra autonomia e immobilismo del legislatore - 3.a) Le minoranze religiose tra autonomia e immobilismo del legislatore (Mario Tedeschi) - 3.b) Le minoranze religiose (Silvio Ferrari) - 4. – Il diritto regionale e il diritto locale - 4.a) Laicità e collaborazione a livello locale. Gli equilibri tra fonti centrali e periferiche nella disciplina del fenomeno religioso (Pierangela Floris) - 4.b) Laicità e spazi urbani. Il fenomeno religioso tra governo municipale e giustizia amministrativa (Roberto Mazzola) - 5. La giurisdizione - 5.a) Il diritto “vivente” nella giurisprudenza della Corte di Cassazione (Raffaele Botta) - 5.b) Le ultime tendenze giurisprudenziali del Consiglio di Stato (Paolo Moneta).

Scarica il testo completo in PDF

Convenzione europea, giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’Uomo e sua incidenza sul diritto ecclesiastico italiano. Un’opportunità per la ripresa del pluralismo confessionale? - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. Un primo interrogativo: il nostro pluralismo confessionale è “vivo o morto”? - 2 – Il raffronto tra il pluralismo confessionale in Italia e quello dell’Europa – 3. La supervisione internazionale nella tutela dei diritti fondamentali e l’art. 9 della CEDU – 4. Il tema delle relazioni tra gli stati-membri e le chiese e le vicende del “margine di apprezzamento” - 5. Le difficoltà italiane nell’adeguamento ai principi della Convenzione europea – 6. L’elaborazione dei principi ad opera delle Corti e la loro applicazione – 7. Verso uno standard minimo convenzionale? – 8. Le norme della CEDU quali fonti interposte nel sistema gerarchico delle fonti - 9 - L’interpretazione convenzionalmente orientata del diritto interno – 10. (segue) e il contesto dei fini-valori della CEDU - 11. Il sistema integrato delle fonti – 12. L’esecuzione delle decisioni della Cedu - 13. Per un pluralismo di “sana e robusta costituzione”, con qualche considerazione sul pragmatismo.

Scarica il testo completo in PDF

L’insostenibile leggerezza della laicità italiana - di Nicola Fiorita

Se si volesse riavvolgere il filo che lega i più recenti e numerosi contributi alle primissime riflessioni teoriche sulla laicità dello Stato bisognerebbe risalire e risalire nel tempo, perdendo di vista quello che è lo scopo principale di questo intervento, ovvero una  valutazione aggiornata della cagionevole salute di questo principio nell’ordinamento italiano. Risulta, quindi, indispensabile fissare per il nostro ragionamento una data di partenza più vicina ai giorni nostri, e alle esigenze dei giuristi, peraltro facilmente individuabile in quell’11 aprile del 1989 a partire dal quale il dibattito sulla laicità è cambiato per sempre di segno, dovendosi da quel preciso momento in poi delimitare l’oggetto di ogni discussione sul contenuto del principio e non più sulla sua esistenza, necessità o impossibilità nel nostro ordinamento. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Osservazioni sulla laicità quale tecnica metodologica di produzione del “diritto giurisprudenziale” - di Sara Domianello

SOMMARIO: 1. Dove siamo – 2. Chi ha interesse e perché a screditare: a) il valore dell’assunzione dell’impegno al rispetto di regole del gioco stabilite ed accettate ex ante – 3. Segue: b) il valore dell’affermazione ed attuazione dell’indipendenza reciproca di politica e religione – 4. Segue: c) il valore della rimessione della tutela sostanziale dei diritti all’esercizio, da parte dei titolari degli stessi, di un potere indiretto di controllo sulla corretta applicazione delle regole preliminari relative al come della produzione giuridica – 5. L’incidenza della crisi in atto sulla laicità del diritto italiano repubblicano – 6. Il “momento” della laicità giuridica: la fase giurisprudenziale, in senso lato, del processo di produzione del diritto – 7. Il “funzionamento” della laicità giuridica: a) le istruzioni per l’uso – 8. Segue: b) la tecnica di lavorazione da padroneggiare – 9. Il “bilancio” della laicità giuridica in Italia: un Rapporto nazionale che evidenzi sia gli effetti positivi della coincidenza sia le cause del divario registrabili tra laicità di partenza e laicità di risultato.

Scarica il testo completo in PDF

Il principio di laicità in Spagna - di Miguel Rodríguez Blanco

SOMMARIO: 1. Il punto di partenza: la Costituzione del 1978 - 2. Aspetti di novità introdotti dalla Costituzione del 1978. Brevi osservazioni sui modelli storici di relazioni Stato-Chiesa nel costituzionalismo spagnolo - 3. Il principio di laicità nella giurisprudenza costituzionale. A. Dimensione negativa della laicità: la neutralità dei poteri pubblici di fronte al fenomeno religioso. B. Dimensione positiva della laicità: la cooperazione tra Stato e confessioni religiose - 4. A mo’ di conclusione: alcune sfide attuali del principio di laicità in Spagna.

Scarica il testo completo in PDF

Il diritto ecclesiastico oggi: la territorializzazione dei diritti di libertà religiosa - di Giovanni Cimbalo

SOMMARIO: 1. La mutata presenza delle religioni sul territorio - 1.1. L’appartenenza a un’area cultural-religiosa come fattore identitario - 1.2. La nascita, il matrimonio, la sepoltura, le abitudini alimentari, l’etica e la bioetica come tematiche riconducibili all’area sociologica di afferenza religiosa - 1.3. Le feste religiose, la celebrazione del culto e l’edificio di culto come strumenti e luoghi di aggregazione della comunità - 1.4. Crocefisso e simboli religiosi come marcatori culturali del territorio - 2. I mutamenti nella composizione dei gruppi religiosi in Italia - 2.1. L’aumento della componente ortodossa e la presenza dei greco-cattolici - 2.2. I mussulmani dell’Est Europa - 2.3. I mussulmani di origine araba e quelli provenienti dall’oriente - 2.4. I culti d’oriente - 3. Pluralismo religioso: forme organizzate e condivise della laicità.

Scarica il testo completo in PDF

Laicità e collaborazione alla prova: il livello locale. Introduzione alla sezione di lavoro - di Giovanni Cimbalo

SOMMARIO: 1. Introduzione – 2. La modifica degli Statuti regionali – 3. La gestione degli spazi urbani e la libertà religiosa.

Scarica il testo completo in PDF

Post-democrazia europea e principio di cooperazione Unione Europea-Religioni - di Maria Cristina Folliero

SOMMARIO: 1. Premessa: cooperazione e sussidiarietà come principi-motore degli attuali processi di integrazione tra ordinamenti politici e religioni - 2. Percorso ed esiti del principio di cooperazione tra ordinamenti politici europei e chiese - 3. Dalla Carta di Nizza all’art. 17 del Trattato di Lisbona - 4. Reazioni, conseguenze e modifiche delle relazioni tra Comunità Europea e Chiese a seguito dell’entrata in vigore dell’art. 17 del Trattato di Lisbona - 5. Incidenza dell’art. 7 del Trattato in materia di interventi legislativi statali a carattere finanziario in favore delle Chiese - 6. L’art. 17 del Trattato, la ripartenza del principio di cooperazione nel diritto dell’Unione e le modifiche indotte nel sistema di relazioni interne tra le Chiese.

Scarica il testo completo in PDF

Problemi di dinamica concordataria - di Salvatore Bordonali

SOMMARIO: 1. Rilievi preliminari - 2. Vecchio Concordato e nuova Costituzione - 3. Sul valore del richiamo dei Patti nella Costituzione - 4. La proposta di legge costituzionale per abolire l’art. 7 Cost - 5. Inscindibilità tra art. 7 e art. 8 Cost. - 6. La polemica anticoncordataria e i suoi effetti negativi - 7. La fase della revisione - 8. Sul significato dell’art. 3 Cost. - 9. Critica dell’accostamento dell’art. 3 alla categoria dei principi supremi - 10. Sul valore attuale di concordati e intese - 11. Considerazioni riassuntive.

Scarica il testo completo in PDF

Il concordato come modello di analisi normativa nell’evoluzione degli ultimi trent’anni di relazioni Stato - Chiesa - di Germana Carobene

SOMMARIO: 1. Il concordato come strumento nomologico del diritto ecclesiastico - 2. Strutturazione normativa dell’istituto nella sua fase attuale - 3. Configurazione giuridica degli accordi concordatari e collegamento strutturale ai trattati internazionali - 4. L’Accordo con il Brasile del 14 novembre 2008. Considerazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Laicità e spazi urbani. Il fenomeno religioso tra governo municipale e giustizia amministrativa - di Roberto Mazzola

SOMMARIO: 1. Religioni e territorio urbano. L’espansione dei confini operativi della libertà religiosa – 2. Le dinamiche politico-sociali sottese alla trasformazione degli spazi fisici di laicità – 3. Spazi urbani e identità religiosa. Le “ordinanze sindacali” e le politiche di integrazione degli enti locali – 4. Il ruolo della giustizia amministrativa nella attuazione del principio di laicità a livello locale.

Scarica il testo completo in PDF

Alcuni problemi della laicità in versione italiana - di Stefano Sicardi

SOMMARIO: 1. Premessa: le molteplici accezioni e dimensioni della laicità - 2. La laicità in Italia: un difficile percorso - 3. L’affermarsi della laicità in versione italiana. La giurisprudenza della Corte Costituzionale - 4. Laicità e giudici comuni (ordinari e soprattutto amministrativi): un prevalente allontanarsi dalla giurisprudenza, pur molto articolata, della Corte Costituzionale - 5. Dal “principio supremo” alle scelte del legislatore: lo svaporare della laicità (insegnanti di religione, IRC, ICI, Otto per Mille e altro ancora) - 6. La laicità in versione italiana di fronte tanto a tradizionali interrogativi, quanto a questioni derivanti dalla nuova realtà multireligiosa e multiculturale - 7. La laicità oggi in Italia: verso dove?

Scarica il testo completo in PDF

Laicità e collaborazione a livello locale. Gli equilibri tra fonti centrali e periferiche nella disciplina del fenomeno religioso - di Pierangela Floris

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Accordi di vertice e intese locali: vecchie e nuove questioni di fonti di disciplina - 3. Le altalene locali della laicità ed il bisogno di regole centrali uniformi - 4. Le tendenze del diritto locale in formazione.

Scarica il testo completo in PDF

L’idea di una legge generale sulla libertà religiosa: prospettiva pericolosa e di dubbia utilità - di Marco Canonico

SOMMARIO: 1. La ricorrente tentazione di confezionare una legge sulla libertà religiosa - 2. Le proposte di legge Boato e Spini della XV legislatura - 3. La proposta di legge Zaccaria ed altri n. 448 - 4. La proposta di legge Zaccaria ed altri n. 2186 in materia di edifici di culto - 5. Considerazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Fonti pattizie nella metamorfosi della sovranità - di Gaetano Lo Castro

La stipula dei Patti lateranensi fra lo Stato e la Santa Sede nel 1929 segna un momento assai importante nella vita e nella organizzazione della società civile italiana sotto molteplici aspetti; alcuni dei quali assai conosciuti e studiati; altri meno noti, o sui quali non è stata fermata una sufficiente attenzione da parte della scienza giuridica, pur presentando un significato di grande rilievo per l’assetto istituzionale del nostro ordinamento giuridico.
È ben noto che i Patti del Laterano posero fine a un lungo e doloroso capitolo della storia politica e civile della nostra nazione; un capitolo che si era aperto nel periodo risorgimentale per un verso con l’aspirazione dei politici sardo piemontesi a costituire un unico Stato, sotto la guida del regno sabaudo, al posto dei molteplici Stati (fra i quali il più antico di tutti era appunto lo Stato pontificio) presenti in quell’unità geografica che da secoli era denominata Italia; (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Laicità, diritti umani, cultura relativista - di Carlo Cardia

SOMMARIO: 1. Laicità amica e laicità nemica della religione. Realtà e memoria storica - 2. La sintesi dello Stato laico sociale nell’era dei diritti umani. I nuovi conflitti religiosi - 3. Cultura relativista, svilimento della universalità dei diritti umani - 4. Relativismo, crisi antropologica, uso strumentale della laicità - 5. Multiculturalità e doppia verità relativista - 6. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

La Chiesa e la politica - di Piero Bellini

È dato di esperienza – del quale ci tocca prender atto – che la nostra vicenda nazionale si mostra segnata come da un curioso paradosso. È un fatto che [pur essendo l’italiana una società largamente “secolarizzata”] essa al contempo ben poco si presenta “laica”. È un fatto che l’Italia [quanto si voglia sorda ai richiami d’una sentita religiosità: quanto che sia ridotta, s’è sin detto, a «terra di missione»] è Paese in cui la Gerarchia cattolica romana tuttavia mantiene una sua pregnante egemonia: la quale va ben oltre ciò che si riscontra nella generalità delle altre comunità politiche di professione religiosa cattolica. Sicché – di faccia a questa singolare situazione – non ci si può non domandare come mai ciò accada: come mai una «società secolarizzata» non sappia «essere laica», ma seguiti a concedersi all’alta manus della Chiesa. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Laicità e dimensione pubblica del fattore religioso. Stato attuale e prospettive. I temi del Convegno Nazionale di Studio - di Giovanni B. Varnier

SOMMARIO: 1. L’Ateneo di Bari e le discipline ecclesiasticistiche - 2. La laicità dello Stato e lo spazio delle religioni nella sfera pubblica – 3. L’ambito in cui collaborare – 4. La rotta da percorrere – 5. Le insidie del cammino da percorrere – 6. Uno sguardo alla nostra disciplina

Scarica il testo completo in PDF

Brevi riflessioni sulla recente giurisprudenza “apicale” in ambito ecclesiasticistico - di Andrea Bettetini

SOMMARIO: 1. Premessa. Stasi normativa e diritto giurisprudenziale in ambito ecclesiasticistico - 2. Il valore pubblico e giuridicamente rilevante della religione. Per un corretto principio di laicità dello Stato – 3. Autoreferenzialità e principio di effettività nella giurisprudenza del Consiglio di Stato - 4. La giurisprudenza della Cassazione sul matrimonio canonico trascritto, tra consolidamento di principi elaborati in via giurisprudenziale e nuove letture di rottura del sistema.

Scarica il testo completo in PDF

Dimensione pubblica del fenomeno religioso e collaborazione delle confessioni religiose con lo Stato - di Valerio Tozzi

SOMMARIO – 1. Il concetto di pubblico e la collaborazione – 2. Il rilievo pubblico della religione – 3. L’enfatizzazione delle confessioni religiose come strumento di attuazione di una dimensione pubblica del fenomeno religioso – 4. Le confessioni religiose non sono l’espressione della dimensione pubblica del fenomeno religioso – 5. Collaborazione con le istituzioni pubbliche o competizione delle confessioni nell’occupazione dello spazio pubblico?

Scarica il testo completo in PDF

Ancora qualche riflessione sull’art. 7.1 della costituzione italiana per fare un po’ di chiarezza - di Giovanni Barberini

SOMMARIO: Premesse – 1. Stato, Chiesa cattolica e Santa Sede – 2. Significato generale della norma – 3. Indipendenza e sovranità della Chiesa cattolica – 4. Ordine dello Stato e ordine della Chiesa – 5. Interferenze e ingerenze – 6. Questioni con carattere etico e religioso – 7. Possibile ingerenza dello Stato e possibile ingerenza della Chiesa – 8. La Chiesa cattolica nell’art. 7.1 – 9. Per una corretta interpretazione e applicazione della norma costituzionale – 10. Chi negozia con lo Stato – 11. La prassi in altri Stati.

Scarica il testo completo in PDF

La laicità al tempo della globalizzazione - di Nicola Colaianni

Dei tre sostantivi che compongono il titolo solo uno rappresenta, a colpo d’occhio, una “parola di giustizia” ed è paradossalmente quello di cui non devo occuparmi: il tempo. Il decorso del tempo è fondamentale nella vita del diritto, per esempio per avanzare o per bloccare una pretesa, civile o punitiva. Se ciò basti a farne una parola anche di giustizia, a tenere conto cioè del tempo come struttura essenziale della persona e ragione perciò della sua imperfezione e dei suoi bisogni, è discutibile. Non è detto, infatti, che ci sia coincidenza fra legge e giustizia perché la legge può essere anche ingiusta o comunque non assicurare pienamente quei valori universali che finiscono per comporre la dignità di ogni persona. A rendere valide le leggi – scriveva Tertulliano, al quale si deve “il concetto innovativo della storicità della legge” (Canfora) – non sono “né il numero degli anni, né l’autorità dei loro promulgatori, ma unicamente la giustizia”. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Sui rapporti tra diritto penale e laicità dello Stato - di Giorgio Marinucci

Parlare della inseminazione artificiale nella cornice dei rapporti tra “diritto penale e laicità dello Stato” significa evocare le radici stesse del diritto penale liberale, laico per definizione, così come lo forgiò nel suo ‘libriccino’ il grande milanese Cesare Beccaria. La quintessenza di quelle radici l’ha colta Franco Venturi, il massimo studioso dell’illuminismo non solo italiano, quando ha scritto sul ‘diritto di punire’ secondo Beccaria: “Il nodo che da millenni si era formato unendo con mille fili peccato e delitto, veniva tagliato da Beccaria d’un colpo netto. Che la Chiesa, se voleva, si occupasse pure dei peccati. Allo Stato spettava soltanto il compito di valutare il danno che l’infrazione della legge aveva portato all’individuo e alla società.” In breve: “Il diritto penale veniva completamente desacralizzato”. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

La «supremazia» del principio di laicità nei percorsi giurisprudenziali: il giudice ordinario - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. I «perché» della ricerca – 2. I «come» della ricerca – 3. I «dati» della ricerca – 4. Il principio di laicità, l’interpretazione adeguatrice ed il diritto ecclesiastico positivo – 5. I rischi dell’interpretazione adeguatrice – 6. L’interpretazione adeguatrice e la discrezionalità del giudice – 7. I vincoli nell’attuazione del principio – 8. Le linee generali degli interventi della Corte di cassazione civile e dei giudici di merito – 9. L’ossequio formale al principio – 10. L’applicazione giurisprudenziale fatta dalle sezioni unite civili della Corte di cassazione … – 10.a) Il divieto di ingerenza nell’organizzazione delle confessioni religiose - 10.b) Libertà fondamentali, diritti assoluti e riparto della giurisdizione - 10.c) Pubblico, religioso e profili etici - 10.d) La potestà organizzatoria non conformata della Pubblica Amministrazione - 10.e) Ordine pubblico e delibazione - 11. (segue) … e dalle sezioni semplici – 11.a) La personalità giuridica privata degli enti di culto - 11.b) L’insegnamento della religione nella scuola pubblica e gli insegnanti - 11.c) Il lavoro dei religiosi presso l’associazione di appartenenza - 11.d) I diritti delle scuole confessionali e i diritti degli insegnanti - 11.e) Il riconoscimento del figlio naturale - 11.f) Il giuramento - 12. Uno sguardo riassuntivo.

Scarica il testo completo in PDF

Alla ricerca di una nozione giuridica di “identità culturale”: riflessioni di un ecclesiasticista - di Nicola Fiorita

SOMMARIO: 1. Identità e diritto – 2. Identità, religione e diritto - 3. Identità come veicolo di eguaglianza o identità come superamento dell’uguaglianza? - 4. Vecchie e nuove questioni in tema di identità - 5. L’ordinamento giuridico italiano tra tentazione assimilazionista e timide aperture identitarie - 6. Dall’identità dei gruppi all’identità dei singoli: le convinzioni personali nel diritto anti-discriminatorio.

Scarica il testo completo in PDF

La sacra laicità - di Paolo Heritier

SOMMARIO: 1. Due figure di laicità – 2. Laicità e secolarizzazione – 3. La distinzione tra chierici e laici come struttura di governo – 4. Oltre le due culture?

Scarica il testo completo in PDF

Il lessico della laicità - di Claudio Luzzati

SOMMARIO: 1 – Premessa – 2. Le origini della laicità dicotomica – 3. La svalutazione dei ‘laici’ nell’Età di Mezzo – 4. La ‘laicità’ cambia di segno – 5. La crisi del concetto – 6. Il veleno della tribalizzazione e il suo antidoto – 7. Il linguaggio ci viene in soccorso – 8. Alcune indispensabili precisazioni – 9. La laicità del futuro.

Scarica il testo completo in PDF

Pensare laico - di Franco Cordero

Sappiamo poco del mondo ma abbastanza da vederne i lati assurdi e iniqui: il viandante vi cade nascendo; la Geworfenheit è antico tema orfico, poi platonico. Dipende da lui dotare d'un senso l'avventura. Gli animali pensanti producono valori nel modo in cui i ragni secernono tela: che l'etica sia scoperta umana, lo dicono repellenti favole teologali; l'asserita creazione non è impresa della quale vantarsi, se l'Ingegnere cosmico preordina una commedia futile disseminando il male, convinto che cupi bagliori d'inferno gli portino gloria; e sotto la formidabile abilità tecnica, appare stupido. Poveri esserucoli professano una morale del lavoro intellettuale: non ingannano sé stessi né la platea; usano parole trasparenti anche se costa fatica  scovarle, mentre riescono comodi i fumi verbali; non muovono passo fuori della catena sintattica; costruiscono laboriose sequele induttive. Siccome poi venire al mondo implica obblighi solidali, combattono dolore e penuria. Altra massima capitale, che le anime meritino rispetto. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Laicità dello Stato: da concetto ideologico a principio giuridico - di Paolo Cavana

SOMMARIO: 1. Le origini. Laicità dello Stato e cristianesimo - 2. L’ideologia dello Stato laico nella crisi dello spirito europeo - 3. L’affermazione del regime di laicità in Francia - 4. L’evoluzione del principio di laicità nell’esperienza francese - 5. La laicità dello Stato nell’esperienza italiana. I dibattiti in Assemblea costituente - 6. Il principio di laicità dello Stato nella giurisprudenza costituzionale - 7. Le nuove sfide alla laicità dello Stato.

Scarica il testo completo in PDF

La laicità francese secondo Nicolas Sarkozy - di Maria d'Arienzo

SOMMARIO: 1. Premesse sul concetto di laicità – 2. Le radici della laicità in Francia – 3. Laicità e sentimento religioso nel discorso di Sarkozy – 4. La laicità positiva di Sarkozy. Un modello nuovo per la Francia?

Scarica il testo completo in PDF

La fine del confessionismo e la laicità dello Stato. Il ruolo della Corte costituzionale e della dottrina - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Il ruolo della Corte costituzionale – 2. Il ruolo della dottrina – 3. La lettura sistematica della giurisprudenza costituzionale – 4. La sentenza n. 203/89: la facoltatività soggettiva dell’insegnamento di religione cattolica – 5. Ascesa e declino del richiamo ad un principio supremo – 6. Il risarcimento della rottura costituzionale operata dall’art. 7 – 7. La laicità come valore e come principio – 8. Principî e regole: una digressione – 9. La laicità come principio di diritto positivo – 10. La sentenza da manuale sulla laicità: la n. 334/96 – 11. Il divieto di strumentalizzazione statale della religione – 12. Il divieto di strumentalizzazione ecclesiastica del diritto statale – 13. Principio di laicità e “principî non negoziabili” – 14. La laicità pluralista implementata dalla giurisprudenza costituzionale.

Scarica il testo completo in PDF

Diritto & Religione vs. “nuovi” paradigmi. Sondaggi per una teoria postclassica del Diritto Ecclesiastico civile. - di Edoardo Dieni

Scarica il testo completo in PDF

L’attualità dell’opera di Gaetano Catalano - di Salvatore Berlingò

Sono ben consapevole del rischio assunto col suggerire a Salvatore Bordonali il tema ed il titolo del mio intervento. Si è trattato di un rischio molto alto: quello di incorrere nella censura di Gaetano Catalano per avere disatteso una sua notazione, che suona, in realtà, come un severo monito. Si legge, infatti, nel testo della Relazione da Lui tenuta al Convegno di Napoli dell’ottobre 2001 – utilmente riprodotta in Appendice al volume riedito su «Il diritto di libertà religiosa» - che sarebbe opportuno lasciare irrisolto il dubbio su «quale sia il grado di attualità conservato o riacquisito dalle ... originarie impostazioni» dello studio appena richiamato sulla libertà religiosa, «per molteplici ragioni». Tra queste, soprattutto una l’Autore considera decisiva, e la esplica nel modo seguente: «... ogni valutazione in termini di attualità presuppo[ne] una nitida visione della realtà contemporanea; altrimenti nessun utile raffronto è possibile. Ma al giorno d’oggi l’indicato obbiettivo non appare raggiungibile, in quanto tale realtà appare di continuo rimodellata dal vento della storia, riaffacciatosi in tutta la sua potenza dopo il crollo del muro di Berlino [e] la guerra del Golfo ... la distruzione delle Due torri gemelle, che ha infranto il mito dell’isolazionistica invincibilità statunitense». (Continua)
 

Scarica il testo completo in PDF

De la libertad religiosa a la promoción de las religiones - di Iván C. Ibán

Hubo una época, muy remota en el tiempo, en la que la opinión de los juristas teóricos tenía un valor normativo. El Derecho romano clásico, la Ley de citas, el Ius commune, Ulpiano, Baldo, etc., son expresiones que tienen mucho que ver con aquellos gloriosos tiempos en los que la actividad que yo intento realizar desde hace más de tres décadas tenía alguna utilidad. Esos tiempos han pasado. Desde que la afirmación del Estado en el plano político y del racionalismo en el filosófico son una realidad incontrovertible. Desde que hemos asumido sin asomo de crítica alguna, que corresponde al Estado hacer la lex, y que con esta es suficiente para conformar el ordenamiento, con los apoyos de la Administración, que de hecho coincide con el legislativo (mayoría parlamentaria), y con la sumisión a la ley por parte de los jueces (y ello sin entrar en el proceloso terreno del control político de la judicatura), lo que podríamos llamar doctrina científica no pasa de ser un entretenimiento para diletantes. (Continua)
 

Scarica il testo completo in PDF

Libertà di coscienza e di religione - di Giuseppe Dalla Torre

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Il quadro costituzionale di riferimento - 3. Libertà religiosa o libertà di coscienza? - 4. La questione dell’obiezione di coscienza - 5. La libertà religiosa individuale, collettiva e istituzionale - 6. Contenuti del diritto di libertà religiosa - 7. L’autonomia delle confessioni religiose - 8. Limiti costituzionali al diritto di libertà religiosa - 9. Conclusioni: ragione ed ambiti di una legge ordinaria sulla libertà religiosa.

Scarica il testo completo in PDF