Rivista telematica (www.statoechiese.it)
Online dal gennaio 2007
Menu

Articoli in Diritti delle religioni

Toccare con mano i nodi dell’integrazione (a proposito di saluti “proibiti” e divieto di discriminazione) - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. Le possibili implicazioni religiose di una “stretta di mano” - 2. Il caso sottoposto all’esame dei giudici svedesi - 3. La pronunzia del 15 agosto 2018, n. 51, del Tribunale del lavoro svedese e la questione della ricorrenza di una “pratica religiosa” meritevole di tutela - 4. (segue) La verifica dei presupposti di una “discriminazione indiretta” - 5. L’esperienza d’Oltreoceano - 6. Identità religiosa e (dis)uguaglianza di genere - 7. La diversa incidenza, nella fattispecie esaminata, del divieto di discriminazione per motivi religiosi e del principio della parità di genere - 8. Conclusioni: la libertà religiosa della lavoratrice e i margini lasciati alle scelte di politica aziendale della società.

Dealing with the contentious points of the integration (about “forbidden” greetings and principle of non-discrimination)

ABSTRACT: Some Islamic believers adhere to a rule of behavior coming from a particular reading of the traditions concerning the life of Muhammad, so they do not shake hands with people of the other sex outside their own restricted family circle. The present paper analyzes the potential impact of such a choice, if it is carried out in the work context and it infringes specific internal company rules, which require employees to not discriminate against customers on the basis of sex. The Author, in accordance with a recent decision of the Swedish Labor Court, affirms that the limitation of the freedom of the worker can be considered a case of indirect discrimination for religious reasons. However, demanding that the woman abstains from shaking hands with persons of her own sex, as suggested by the Court, is not required by the principle of gender equality, and is not coherent with the very personal nature of the act, according to the Author.

Scarica il testo completo in PDF

The legal status of Jerusalem in the State of Israel - di Myriam Lucia Di Marco

SUMMARY: 1. Introduction - 2. Background and Laws - 3. Legal Issues - 4. Future outlook.

Abstract: Jerusalem is the most important city in the world, the Centre of the three greatest religions. It is the Capital of the State of Israel for some, the capital of the State of Palestine for others and for others still a corpus separatum under international control. Everyone wants Jerusalem, and so they contest it, creating political and legislative unrest. These disturbances give rise to violence from both groups of people that live there. In this brief dissertation, we retrace the key historical points and problems associated with the legal status of this city, from the first decades of the twentieth century, to understand that the problem lies in the claim of ownership of this City.

Scarica il testo completo in PDF

Salvaguardia dei dati sensibili di natura religiosa e autonomia confessionale. Spunti per un’interpretazione secundum Constitutionem del regolamento europeo n. 2016/679 - di Manuel Ganarin

SOMMARIO: 1. Esigenze di uniformazione delle fonti europee di diritto derivato e protezione del principio di favor religionis nella Carta costituzionale italiana. Alla ricerca di un punto di equilibrio - 2. Possibilità e limiti di esenzione dalla normativa europea circa il trattamento dei dati personali intraconfessionali - 3. Ammissibilità di soluzioni normative confessionali ‘complete’ e ‘conformi’ al regolamento europeo ... - 4. … e di un intervento dello Stato volto al ripristino della legalità costituzionale - 5. Gli strumenti di tutela: il ruolo dell’autorità di controllo nazionale e di un’ipotetica authority confessionale nella prospettiva di un coordinamento interordinamentale necessitato.

Protection of sensitive religious data and confessional autonomy. Reflections for an interpretation secundum Constitutionem of the European regulation n. 2016/679

ABSTRACT: The contribution proposes an interpretation in conformity with the Italian Constitution of the European regulation n. 2016/679 on the protection of individuals with regard to the processing of personal data, which will be applied in the Member States from 25 May 2018. An interpretation that protects the constitutional principle of confessional autonomy and the fundamental rights and freedoms of the person, reconciling them when necessary.

Scarica il testo completo in PDF

Alcuni spunti di comparazione tra diritto italiano e diritto ebraico in tema di maternità surrogata - di Enrica Martinelli

SOMMARIO: 1. Il divieto di maternità surrogata nell’ordinamento italiano - 2. Diritto ebraico e bioetica - 3. “Crescete e moltiplicatevi”. Il precetto divino di procreare e la maternità surrogata nel diritto ebraico - 4. Conclusioni.

Some starting points for comparison between Italian law and Jewish law on surrogate motherhood

ABSTRACT: Recent scientific progress in reproductive biotechnologies implies significant transformations in terms of the value and culture of the concept of maternity, which is no longer attributable to the legal definition of “mother” offered by Italian civil legislation. Assisted reproductive technologies separate the reproductive aspect and sexual union of the couple, finally leading to the metamorphosis of the relational dynamics underlying the “family identity” and the birth of new types of biolegal contracts. The study sets out to compare the approach that the Italian legal system reserves for the phenomenon of surrogacy with that which has developed at the heart of Jewish law. The interesting variety of opinions of the rabbinical authorities, which express both the Orthodox positions and the more progressive ones, show how Jewish speculation around bioethical reproductive issues has led to a respectful comparison of knowledge and judgements of the minority opinions that enter, with equal dignity, into the legal debate and are enhanced by the absence of a superior interpretation.

Scarica il testo completo in PDF

La fatale attrazione tra diritto sacro e diritto secolare nel modello israeliano: la giurisdizione dei tribunali rabbinici in materia di matrimonio e divorzio - di Livia Saporito

SOMMARIO: 1. La giurisdizione dei tribunali rabbinici in materia di status personale: il matrimonio e il divorzio nel diritto halachico e nei più recenti orientamenti giurisprudenziali - 2. Diritto, stato e religione nel modello giuridico israeliano: religious law vs. secular law? - 3. L’incorporazione diretta del diritto ebraico nel modello israeliano: law as religion, religion as law - 4. Beis Din, identità religiosa e risoluzione alternativa delle controversie.

The fatal attraction between religious law and secular law in the Israeli legal system: the jurisdiction of the rabbinical courts in matters of marriage and divorce

ABSTRACT: This article explores a unique case study of privatized family law in a liberal democratic state in the Western world: Israel. The complex relationship among law, religion and state presents characters quite peculiar in the Israeli experience. Due to historical and cultural reasons, among the systems belonging to western legal tradition, there is no other country that experiences more intensely the problem of religion’s place. In matters of marriage and right to divorce, the Israeli system nominally adheres to exclusive religious law and jurisdiction, by means of rabbinical courts, but religious and civil systems interact profoundly, shaping its family law as a hybrid creature of civil and religious legal elements. Unlike what happens in other countries, such as Canada, United Kingdom or United States, the Supreme Court of Israel has not yet undertaken a detailed policy analysis of the balance between the rights and obligations of the husband and wife in the process of enforcing divorce judgments, but sanctions against recalcitrant spouses in Rabbinical courts in Israel have been addressed in light of the principles of Jewish and constitutional law. The implementation of fundamental rights in family law matters, specifically the one of equality between spouses, is a prerogative of the jurisprudence of secular courts.

Scarica il testo completo in PDF

Secularism e post-modernità: qualche eco da oltreoceano - di Alessandro Ferrari

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Considerazioni preliminari - 3. La fine del ‘vecchio mondo’ - 4. Universalità e identità - 5. Un nuovo protagonismo per i diritti religiosi? - 6. Per concludere.

Secularism and post-modernity: some American echos

ABSTRACT: The paper focuses on the works of six North American authors stemming from the conviction that the end of the ‘modern world’ is nigh and we are locked into the irreversible entropy of a secularism understood as a wall of separation between politics and religion. These convictions, together with a strong criticism towards legal positivism, imply the idea of the porousness of the borders between the sacred and profane, and a resulting reciprocal adjustment, an osmosis between the political and the religious spheres. In this paper, I would like to concentrate on the new approaches proposed by these authors and on the historical end epistemological connotations of the posited osmosis between the political and religious spheres.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà di religione e libertà dalla religione in Marocco: la revisione interpretativa sull’apostasia - di Fabio Franceschi

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Diritto e religione in Marocco: la libertà religiosa nella Costituzione del 2011 - 3. L’apostasia nel diritto islamico: cenni - 4. Il codice penale marocchino e la fatwā del 2013 - 5. Il Consiglio Superiore degli Ulema: prerogative e valenza dei suoi interventi - 6. “La via degli Ulema” (Sabīl al-‘ulamā’) e la rinnovata interpretazione sull’apostasia - 7. Il Marocco e la “via di Marrakech”: un segnale per il futuro?

Freedom of Religion and Freedom from Religion in Morocco: The Interpretative Revision on Apostasy

ABSTRACT: The essay analyzes a recent step taken by the Kingdom’s Ulama that distances from the traditional meaning of apostasy and of the penalty given for this offense. According to this document, Murtadd would not be the one who leaves Islam for another religion, but the one who betrays the group he belongs to. Apostasy was therefore political, not doctrinal. In this sense, the document represents an essential progress for the qualification of religious freedom in Morocco (on the same way already indicated by the Marrakesh Declaration).

Scarica il testo completo in PDF

The courts and the code. Legal osmosis between religion and law in the cultural framework of civil law systems - di Antonio Fuccillo Ludovica Decimo Francesco Sorvillo

SUMMARY: 1. The value of religious law in modern (and secular) states - 2. Religious rules and individual choices in Europe - 3. Religious law and the fields in which it can operate effectively - 4. The rules of religious courts in civil legal systems - 4.1 ... The direct referral to religious laws - 4.2. The pronounces of religious courts and its importance for faithful - 5. The development of Religious Arbitration Courts in Italy - 6. Does religious jurisdiction another side of religious freedom?

Scarica il testo completo in PDF

La codificazione del diritto compromette la sua flessibilità? Il diritto canonico comparato con altri diritti religiosi - di Burkhard J. Berkmann

SOMMARIO: 1. Cento anni di codificazione - 2. Il bisogno di flessibilità - 3. Varietà degli strumenti di flessibilizzazione - 4. I motivi della flessibilità - 5. Necessità - 6. Utilità - 7. Motivi teologici - 8. Flessibilità e codificazione - 9. La codificazione porta all’irrigidimento? - 10. La codificazione agevola i cambiamenti? - 11. Varie funzioni della flessibilizzazione - 12. Piano interpretativo, applicativo o legislativo?

Does the Codification of Law affect its Flexibility? The Catholic Canon Law compared to other Religious Laws

ABSTRACT: Epieikeia in Greek philosophy and aequitas in Roman law are ethical principles, which are open to a religious as well as a secular justification. They are part of the instruments of flexibility that make any legal tradition smooth and adaptable. Jewish and Islamic law as well as Catholic and Orthodox Canon Law apply different kinds of such instruments. A comparison of these legal systems leads to multiple observations: Some scholars, such as Max Weber, considered religious laws to be immutable. In fact, however, they ascribe great significance to flexibility, since they give priority to the spiritual development of individuals. Since many religions are unfamiliar with changes of law by means of legislation, they depend on methods of flexibility to adapt to new social situations. Even those religions, which do have legislation and even codifications, put particular emphasis on instruments of flexibility in order to apply general and abstract norms to individual cases in an appropriate manner.

Scarica il testo completo in PDF

Dalla carità alle Caritas: un itinerario giuridico - di Nicola Fiorita

SOMMARIO: 1. Nozione di carità - 2. Un breve intermezzo: economia, giustizia e carità nell’Islam - 3. La carità come dovere e come servizio universale - 4. Dalla carità alle attività caritative - 5. L’azione del singolo fedele - 6. L’azione comunitaria: nascita delle Caritas .

Scarica il testo completo in PDF

L’impatto culturale dell’immigrazione islamica sull’ordinamento giudiziario italiano: alcune riflessioni - di Elena Falletti

Sommario : 1. Introduzione - 2. Libertà di religione ed espressione dell'identità culturale - 3. La costruzione delle moschee - 4. La vestizione del velo - 5. La pratica sommersa delle mutilazioni genitali femminili - 6. Il diritto di famiglia - 7. Il matrimonio - 8. I matrimoni poligamici - 9. I matrimoni forzati - 10. I diritti successori - 11. Ripudio e divorzio - 12. Kafalah e adozione - 13. Conclusioni. La necessaria unitarietà dell'ordinamento giuridico contro la discriminazione. Il caso delle giurisdizioni speciali shariaitiche: un’esperienza da non imitare.

The Cultural Impact of Islamic Mass Immigration on the Italian Legal System

ABSTRACT: Although Italy has been a country with a strong tradition of emigration, only in the last twenty-five years Italians have had to face the social, juridical and cultural problems related to high immigration hosted by this country. The majority of immigrants come from areas with Islamic religious tradition such as Northern and Central Africa and the Middle East. The cultural impact between the Italian Catholic tradition and the newcomers' faith and customs has been very strong, often problematic. The aim of this paper is to investigate the most relevant issues between the cultural and legal aspects of Islamic culture pertaining to immigrants living in Italy with the Italian legal system. The legal areas proposed for the investigation are related to self-determination, personal integrity and family law, especially for analyzing the impact of cultural differences on public policies and social behavior. The methodology used regards a comparative and a multidisciplinary approach.

Scarica il testo completo in PDF

La Lettera dei 138 (2006). Bilancio di un tentativo di dialogo non (del tutto) riuscito - di Antonio Guerrieri

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La nascita della Lettera - 3. Contenuto della Lettera e commenti - 4. La (flebile) risposta della Santa Sede - 5. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Pene canoniche, sanzioni islamiche e modelli economico-speculativi: i diritti religiosi a sostegno della finanza etica - di Francesco Sorvillo

SOMMARIO: 1. Elementi distorsivi caratterizzanti ed effetti collaterali dei modelli economico-speculativi – 2. Il ruolo delle religioni nell’ammortamento delle devianze dei sistemi di mercato – 3. Pene canoniche e sanzioni islamiche: i diritti religiosi a sostegno della finanza etica.

Scarica il testo completo in PDF

Rigor iuris e misericordia nel matrimonio delle Chiese ortodosse - di Vittorio Parlato

SOMMARIO: 1 . L’incidenza dei M.P. Mitis iudex Dominus Iesus e Mitis et misericors Jesus sul diritto matrimoniale sostanziale, con un avvicinamento implicito al diritto matrimoniale delle Chiese ortodosse - 2. Il matrimonio come sacramento, per l’Ortodossia – 3. La normativa – 4. I requisiti: unità e indissolubilità – 5. La solubilità cum damno, in specie – 6. Applicazione del principio di oikonomia – 7. Gli impedimenti matrimoniali dirimenti – 8. La forma di celebrazione – 9. Procedure di divorzio – 10. Il matrimonio civile.

Scarica il testo completo in PDF

Les droits de la femme dans la jurisprudence de la Cour Constitutionnelle égyptienne après les “Printemps Arabes” - di Roberta Cupertino

SOMMAIRE: 1. Préface - 2. Religion et État dans la ʺ théocratie constitutionnelle ʺ égyptienne – 3. La jurisprudence constitutionnelle entre l’article 2 et l’affirmation des droits des femmes – 4. La Cour constitutionnelle égyptienne en tant que garante de la primauté du droit et des principes de la charia.

ABSTRACT: This work addresses the issue of women's rights in Islamic society. Particularly, attention is focused on a legal system, the Egyptian, who is heavily innervated by the principles of Islamic law. On the relationship between the principles of the Sharia and Women's Rights has repeatedly ruled the Constitutional Court that, with its peculiar interpretative reasoning on scriptural texts, has enabled the survival of the rules protecting women in the legal system of the State .

Scarica il testo completo in PDF

Etica cattolica, debito e giustizia sociale in vista di un nuovo assetto internazionale - di Raffaele Coppola

SOMMARIO: 1. Preambolo – 2. Valore teologico e valore giuridico dei pronunciati del Magistero ecclesiastico – 3. La lectio magistralis del 12 maggio 2003 di Giovanni Paolo II – 4. La Carta di Sant’Agata de’ Goti del 29 settembre 1997 e la legge italiana 25 luglio 2000 n. 209 – 5. La sfida dei Pontificati di Benedetto XVI e di Francesco – 6. Autorità politica mondiale e giustizia sociale – 7. L’umanesimo cristiano oggi – 8. Sintesi conclusiva.

Catholic Ethics, Debt and Social Justice in the Light of a New International Order

ABSTRACT: Since twenty years a group of scholars, including the Author of this essay, has been fighting for the reconstruction of the legal framework of the international debt. The Charter of Sant’Agata de’Goti (September 29, 1997), which is the result of the passionate work by a Commission on usury and international debt, has virtually been travelling around the world, including the Latin American Parliament and the Vatican City, finally landed in the Italian Parliament with the 25 July 2009 Italian Act (n. 209). Besides the legal relevance, this essay is the testimony of a significant part of the service that the Author has carried out in the interest of the Holy See and the Catholic Church; this is in fact a summary of his twenty-year commitment on the (public-private-international) debt, in view of the forthcoming visit of the Holy Father Francis in the United States (September 2015), on the eve of the 2015-2016 Extraordinary Jubilee Year (called the “Holy Year of Mercy”), which again will underline the principle of natural order for all the goods on earth. This papal journey assumes considerable importance, especially when related to the Pope’s speech, which will be held at the Congress and at the General Assembly of the United Nations in New York. The Author of this essay hopes that, in the context of those venerable international institutions, together with the Italian government, the Holy Father – under his personal commitment which is recognized in the world – will propose to the UN Assembly the start of the procedures for requesting the opinion of the AIA Court of Justice about the consistency between the rules governing the developing Countries’ foreign debt (but today you might be referring to the international debt tout court ) and the framework of human rights principles, which includes the rights of peoples. We must also keep in mind that, in order to better understand the frame of reference, a deputy of the Italian Chamber, Salvatore Cherchi, together with other proponents of the mentioned 2000 Act (n. 209) – whose Article 7 remained unfulfilled – have been directly inspired by the mentioned Charter of Sant’Agata de’Goti on usury and international debt.

Scarica il testo completo in PDF

I ministri di culto delle confessioni religiose di minoranza: problematiche attuali - di Matteo Carnì

SOMMARIO : 1. I ministri di culto nell’ordinamento giuridico italiano - 2. I ministri di culto delle confessioni religiose dotate di intesa - 2.1. (segue) L’individuazione dei ministri di culto - 2.2. (segue) L’assistenza spirituale nelle strutture segreganti - 2.3. (segue) Il matrimonio celebrato dai ministri di culto - 2.4 (segue) Problematiche attinenti ai ministri di culto buddhisti – 3. I ministri di culto delle confessioni prive di intesa - 3.1. (segue) In attesa della legge di approvazione: i ministri di culto della Congregazione cristiana dei Testimoni di Geova - 3.2. (segue) Islam e ministri di culto - 4. Osservazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

I fondamenti religiosi della finanza islamica - di Maria d'Arienzo

SOMMARIO: 1. Religione ed economia nella visione occidentale e in quella musulmana – 2. Principi religiosi del sistema economico islamico – 3. Connotazione specificamente religiosa della finanza islamica – 4. Finanza “etica”, finanza “islamica” e “etica economica”.

Scarica il testo completo in PDF

Pace interreligiosa: alcuni spunti di riflessione a margine della Worldinterfaith harmony week ed il possibile ruolo del diritto - di Antonio Fuccillo

SOMMARIO: 1. Diversità interreligiosa e pace sociale: la speranza del dialogo - 2. Conoscersi e comunicare: la via segnata verso la ricerca di un lessico giuridico “laico” condiviso - 3. La ricerca di una vera eguaglianza giuridica tra le fedi religiose.

Scarica il testo completo in PDF

Dialogo interreligioso e sistema italiano delle Intese: il principio di cooperazione al tempo della post-democrazia - di Maria Cristina Folliero

SOMMARIO: 1. Premessa: cooperazione e sussidiarietà come fattori di accelerazione dei processi nazionali e comunitari di integrazione tra ordinamenti politici e religioni - 2. Gli attori in campo in Italia - 2.1: le Chiese e le diverse valenze della ripresa del dialogo interreligioso - 2.2: Lo Stato tra go and stop nella nuova stagione delle Intese che non decolla - 2.2.1: delle nuove leggi sulla libertà religiosa, delle Carte dei Diritti e dell’Integrazione, delle Consulte e dei Comitati per l’Islam italiano e altri rimedi – 3. Conclusioni interrotte.

Scarica il testo completo in PDF

La Chiesa e gli altri culti - di Mario Tedeschi

Inutilmente un cultore di diritto canonico cercherebbe nel Codex una qualche disposizione che affronti l’argomento, e ciò nonostante la sua attualità ed importanza e il fatto che sia stato promulgato dopo il Concilio Vaticano II, dal momento che tale corpo di norme riguarda la vita interna della Chiesa, la sua costituzione ed organizzazione, i mezzi di cui si avvale.
Qualcosa di più si rinviene nei Documenti del Concilio Vaticano II, in particolare nella “Lumen Gentium” ove - dopo avere accennato al patto istituito da Cristo con Israele e Giuda, dal momento che tutti i credenti in Cristo costituiscono il nuovo Popolo di Dio, una stirpe eletta, che “ha per condizione la dignità e libertà dei figli di Dio […] per legge il nuovo precetto di amare come lo stesso Cristo ci ha amati […] e per fine il Regno di Dio” (L. G. n. 9) – parla dei rapporti con i cristiani non cattolici, ai quali la Chiesa si sente congiunta sotto un solo Pastore (L. G. n. 15), e di quelli con i non cristiani che, pur non avendo ancora ricevuto il Vangelo, fanno parte del Popolo di Dio, in particolare i musulmani che professano la fede in Abramo, adorano un solo Dio e che “senza colpa ignorano il Vangelo di Cristo” (L. G. n. 16). (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

«Fratture culturali» e «terapie giuridiche». Un percorso giurisprudenziale tra multiculturalità e soluzioni interculturali - di Giancarlo Anello

SOMMARIO: 1. Diritto alla cultura e “differenziazioni” giuridiche nei contesti multiculturali - 2. Il progetto multiculturale in Canada e l’emersione del diritto musulmano: l’evoluzione della disciplina di arbitrato in Ontario - 3. L’incrocio tra disciplina di arbitrato e diritto “non-ufficiale” in Gran Bretagna - 4. Intersezione tra diritti religiosi, disciplina di arbitrato e giurisdizione statale: casistica - 5. Critica del multiculturalismo, differenziazioni giuridiche e diritti umani - 6. Le “conseguenze” della cultura e il diritto. 7. Il diritto come prodotto culturale - 8. Conclusioni: richiamo ad una prospettiva giuridica interculturale.

Scarica il testo completo in PDF

L’incidenza professionale del diritto ecclesiastico - di Antonio Fuccillo

SOMMARIO: 1. La positività giuridica del diritto ecclesiastico civile - 2. Il diritto ecclesiastico nell’esperienza professionale ed il diritto ecclesiastico civile vivente - 3. La rilevanza per il diritto positivo statale dei diritti religiosi – 4. Il diritto ecclesiastico e le professioni legali: è ancora attuale ritenere la materia come professionalizzante?

Scarica il testo completo in PDF

Ebraismo e Contratto - di Guido Fubini

SOMMARIO: Elementi comuni e differenze fra la codificazione ebraica e quella romana nei primi cinque secoli specie con riferimento alla normativa sui contratti, sulle obbligazioni, sul consenso.

Scarica il testo completo in PDF

Qualche considerazione metodologica in fatto di storiografia ecclesiastica - di Piero Bellini

SOMMARIO: 1. Considerazioni propedeutiche circa il dinamismo storico delle Religioni Positive – 2. Conseguenti condizionamenti del relativo approccio storiografico – 3. Concorso nel primo Cristianesimo di molteplici fattori mistici – 4. Conseguenti varietà espressive del primo Cristianesimo – 5. Concomitante complessa varietà di attestazioni scritturistiche – 6. Ricerche storiografiche di orientamento fideistico – 7. Tesi di riguardosa ortodossia – 8. Contrapporsi di tesi storiografiche di diverso orientamento fideistico – 9. Ricostruzioni storiografiche fondate sul primato del “movimento cristiano principale” o sul rapporto dialettico “ortodossia-eterodossia” – 10. Note caratterizzatrici d’un approccio storiografico di tipo “curialistico” – 11. Critica d’un tal approccio storiografico – 12. Approccio storiografico fondato sul “vissuto storico” – 13. Valore del Messaggio cristico siccome inteso dai suoi destinatari – 14. Vantaggi d’una tal impostazione storiografica.

Scarica il testo completo in PDF

La condizione della donna nel diritto delle religioni - di Gaetano Dammacco

SOMMARIO: 1. Necessità di nuove categorie oltre i luoghi comuni – 2. Diversa flessibilità e permeabilità del diritto delle religioni. La secolarizzazione e la globalizzazione – 3. Lo statuto della donna nei diritti religiosi mediterranei: ebraismo, islam, cristianesimo – 4. La tutela della donna come espressione di una cultura della laicità. L’attuale debolezza degli interventi legislativi. Il ruolo degli ordinamenti civili – 5. Il progresso della condizione femminile e le religioni. L’importanza del dialogo tra le religioni – 6. L’importanza delle relazioni tra gli stati e le confessioni religiose.

Scarica il testo completo in PDF

Inter-religious dialogue: a secular challenge - di Pierluigi Consorti

I am glad to share the experience of the Master Programme on “Intercultural and interreligious conflicts management” that runs in Pisa University. The topic we have to study this afternoon is very wide. I would say a lot, but to respect the time I have chosen only few points. For Catholic Church inter-religious (and inter-cultural) dialogue is a recent challenge. The officially beginning dates back to 1965, when – at the end of the Second Vatican Council – was approved Nostra Aetate Declaration, concerning the relation of the Church to non-christian religions. Ecumenical (id est Inter-christian) dialogue was already weak: rather than dialogue, ecumenical goal was unity. Better: reach unity of all Christians confessions with Rome (Catholic church) as common head. But this is another topic. (Continua)
 

Scarica il testo completo in PDF