Rivista telematica (www.statoechiese.it)
Online dal gennaio 2007
Menu

Articoli in Delibazione sentenze ecclesiastiche

La questione della riconoscibilità civile del divorzio islamico al vaglio della Corte di giustizia dell’Unione europea (a margine della pronunzia del 20 dicembre 2017, C-372/16) - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. Notazioni introduttive - 2. I termini della vicenda da cui origina il rinvio pregiudiziale e la competenza della Corte di giustizia a pronunziarsi sulla questione controversa - 3. La portata applicativa del regolamento n. 1259 del 2010 e le sentenze dei tribunali religiosi - 4. Le implicazioni di carattere sistematico della pronunzia in rapporto al principio di incompetenza dell’Unione nella materia ecclesiastica o religiosa - 5. I dubbi sostanziali circa la riconoscibilità in Europa del ripudio islamico - 6. Conclusioni.

The issue of the civil recognizability of the Islamic divorce by the EU Court of Justice (considerations on the ruling of December 20th 2017, C-372/16)

ABSTRACT: The present paper takes as a starting point a recent ruling by the EU Court of Justice concerning the issue of recognizability of Islamic repudiation under the EU Regulation No. 1259/2010. After assessing the conditions underlying the jurisdiction of the Court of Justice to rule on such a controversial matter, the Author excludes that the religious judgments fall within the scope of the aforementioned regulation (and within the purpose of Regulation No. 2201/2013), also in light of the so-called principle of the Union’s incompetence in ecclesiastical or religious matters. Moreover, although the unilateral repudiation is to be considered contrary to the principle of public order of the moral and legal equality of the spouses, the Author concludes that, consistently with the current trend of many legal systems to give increasing broader space to the “negotiating” management of the marriage bond, effective protection of the principle of equality should involve letting women, in some particular situations, have the choice of concretely enforcing that principle.

Scarica il testo completo in PDF

Forme di pluralismo nel settore matrimoniale: le nuove sfide delle “overlapping jurisdictions” - di Adelaide Madera

SOMMARIO: 1. Le sfide del nuovo multiculturalismo in materia matrimoniale - 2. La riforma del processo matrimoniale canonico e le sue potenziali ricadute sul giudizio di delibazione - 3. Il processus brevior - 4. La crisi della bilateralità - 5. Il “mite” pluralismo statunitense e le nuove “anti-sharia laws” - 6. L’esperienza del pluralismo “forte” israeliano e i suoi effetti sulle minoranze - 7. Modelli di pluralismo a confronto.

Pluralism in Marriage: the New Challenges of the “Overlapping Jurisdictions”

ABSTRACT: The challenges of the “new multiculturalism” in the field of marriage law regard not only which forms of marriage should be recognized by the State but also the forums in which marriage cases can be adjudicated and the role of faith-based laws and religious courts in democratic and secular legal systems. Religious groups increasingly ask for accommodation of their cultural identities; however, a growing skepticism concerning forms of religious jurisdiction is developing in regimes devoted to individual liberties, which employ public policy as grounds to vacate religious rulings. The present paper highlights the need for Western States to update and exploit the full potential of their legal instruments in order to prevent restrictions on collective and individual religious freedom in matters of marriage.

Scarica il testo completo in PDF

The courts and the code. Legal osmosis between religion and law in the cultural framework of civil law systems - di Antonio Fuccillo Ludovica Decimo Francesco Sorvillo

SUMMARY: 1. The value of religious law in modern (and secular) states - 2. Religious rules and individual choices in Europe - 3. Religious law and the fields in which it can operate effectively - 4. The rules of religious courts in civil legal systems - 4.1 ... The direct referral to religious laws - 4.2. The pronounces of religious courts and its importance for faithful - 5. The development of Religious Arbitration Courts in Italy - 6. Does religious jurisdiction another side of religious freedom?

Scarica il testo completo in PDF

L’efficacia civile in Italia delle sentenze canoniche di nullità matrimoniale dopo il Motu Proprio Mitis iudex (parte seconda) - di Geraldina Boni

Sommario : 1. Nubi all’orizzonte - 2. La nuova ‘morfologia’ e ‘geografia’ dei tribunali - 3. Le modifiche al processo ordinario e le loro ‘ricadute’ sull’exequatur - 4. Il processo davanti alla Rota romana - 5. Compatibilità delle modalità procedurali caratteristiche del processus brevior coram episcopo con il diritto di difesa - 5.1. Celerità, lentezza, fase introduttoria - 5.2. Il consenso dei coniugi - 5.3. Dall’istruttoria alla decisione - 5.4. Impugnazione e difesa tecnica - 6. Segue : Sentenza o dispensa? - 7. Alcuni interrogativi in ordine allo svolgimento della investigatio praeiudicialis seu pastoralis - 8. Inediti casi di capita nullitatis ‘irricevibili’? - 9. Processi canonici e procedimento sommario di cognizione - 10. Il ruolo del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica - 11. Conservazione a oltranza dell’exequatur delle sentenze ecclesiastiche di nullità? La ‘visibilità’ del matrimonio canonico e della giustizia della Chiesa - 12. La speranza che, in occasione dell’auspicabile ridelineazione degli accordi concordatari italiani, il legislatore supremo della Chiesa emendi - secondo giustizia e misericordia - le norme claudicanti della novella - 13. Epilogo.

The exequatur of ecclesiastical judgments of nullity of marriage in Italy after the Motu Proprio Mitis iudex

ABSTRACT: The paper examines the many problems about the exequatur of ecclesiastical sentences in Italy after Pope Francis reform. The Pope profoundly changed the process for declaration of nullity of marriage . The recent law introduces uncertain profiles and raises complex issues. In the new procedures the right of defense doesn’t seems just guaranteed . For these reasons will arise issues related to the conflict with the Italian public order.

Scarica il testo completo in PDF

L’efficacia civile in Italia delle sentenze canoniche di nullità matrimoniale dopo il Motu Proprio Mitis iudex (parte prima) - di Geraldina Boni

Sommario : 1. Nubi all’orizzonte - 2. La nuova ‘morfologia’ e ‘geografia’ dei tribunali - 3. Le modifiche al processo ordinario e le loro ‘ricadute’ sull’exequatur - 4. Il processo davanti alla Rota romana - 5. Compatibilità delle modalità procedurali caratteristiche del processus brevior coram episcopo con il diritto di difesa - 5.1. Celerità, lentezza, fase introduttoria - 5.2. Il consenso dei coniugi - 5.3. Dall’istruttoria alla decisione - 5.4. Impugnazione e difesa tecnica - 6. Segue : Sentenza o dispensa? - 7. Alcuni interrogativi in ordine allo svolgimento della investigatio praeiudicialis seu pastoralis - 8. Inediti casi di capita nullitatis ‘irricevibili’? - 9. Processi canonici e procedimento sommario di cognizione - 10. Il ruolo del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica - 11. Conservazione a oltranza dell’exequatur delle sentenze ecclesiastiche di nullità? La ‘visibilità’ del matrimonio canonico e della giustizia della Chiesa - 12. La speranza che, in occasione dell’auspicabile ridelineazione degli accordi concordatari italiani, il legislatore supremo della Chiesa emendi - secondo giustizia e misericordia - le norme claudicanti della novella - 13. Epilogo.

The exequatur of ecclesiastical judgments of nullity of marriage in Italy after the Motu Proprio Mitis iudex

The paper examines the many problems about the exequatur of ecclesiastical sentences in Italy after Pope Francis reform. The Pope profoundly changed the process for declaration of nullity of marriage . The recent law introduces uncertain profiles and raises complex issues. In the new procedures the right of defense doesn’t seems just guaranteed . For these reasons will arise issues related to the conflict with the Italian public order.

Scarica il testo completo in PDF

Giustizia religiosa e islam. Il caso degli Shariah Councils nel Regno Unito - di Federica Sona

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. La cornice del dibattito - 3. L’indagine ministeriale - 4. Il quadro descrittivo delle attività di ricerca - 5. Le difficoltà dell’indagine empirica - 6. Gruppi tematici e problematiche di ricerca - 7. Aspetti fondamentali ed elementi chiave - 8. Proposte di legge - 9. Riflessioni conclusive sulla giustizia religiosa sciaraitica. Faith-based justice and Islām . Sharī ʿ ah Councils in the UK.

ABSTRACT: In 2008, a vivid debate was stirred by the lecture delivered in the Royal Courts of Justice by the then Archbishop of Canterbury. Public discussion and social commentary began to question the role that sharī ʿ ah was playing in the British society and the Sharī ʿ ah Councils were immediately identified as proponents of a "parallel" legal system. Whilst media coverage was causing much anxiety, the narrative on "inherently discriminatory" legal orders operating in the shadow of state law exponentially grew.This social critique soon brought to light knowledge gaps concerning British Muslim communities as well as Islamic and Muslim laws, specifically regarding family issues. Thus, the Ministry of Justice promptly commissioned a research project on these matters. Having had the privilege of being named amongst the researchers responsible for mentioned ministerial project, this paper intends to build upon the collected material and analysed data in order to shed light upon some key-findings concerning the British Sharī ʿ ah Councils. The proposed discussion also pays attention not only to the latest products of the academic discourse on faith-based justice, but also to the political debate on sharī ʿ ah -related matters, addressing two recently launched enquiries and a pending Bill introduced in the Parliament. pdf

Scarica il testo completo in PDF

Ordine pubblico e azione giurisdizionale. Il modello di ordine pubblico proposto in sede giurisdizionale anche a proposito delle modalità di esercizio della libertà religiosa - di Alberto Fabbri

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. L’evoluzione storica di fonte costituzionale del concetto di ordine pubblico - 3. Il modello di ordine pubblico internazionale ed europeo - 4. … e nel diritto internazionale privato - 5. Composizione e settore di applicazione dell’ordine pubblico in relazione con l’ordinamento giuridico italiano - 6. L’ordine pubblico nel procedimento di delibazione - 7. L’ordine pubblico e il limite alle modalità di espressione della libertà religiosa.

Public Order and Legal Action. The Public Order model proposed at the jurisdictional level, including the ways in which religious freedom is exercise

ABSTRACT : In the Italian multicultural system in which religious practices are finding new channels of existence and expression the concept of public order represents the extreme limit within which the judicial system must continually and autonomously promote the carrying out of adjustments to the existing normative structure, values and constitutional principles, in order to guarantee the rights they attribute to individuals in its territory. A process of continuous, well-pondered monitoring of the very concept of public order – including the relevance that that value holds beyond the country ’ s national borders – permits the judicial system to place the right to religous freedom and its manifestations within their rightful context; in this logic the elements of ‘ space ’ and ‘ time ’ acquire an important role in an updated version of the right to religious freedom, i.e. individuals ’ ability to worship without any reference to State-determined religious institutions, or – inversely - to freely profess their atheist convictions.

Scarica il testo completo in PDF

La recente riforma del processo di nullità matrimoniale. Problemi, criticità, dubbi (parte terza) - di Geraldina Boni

SOMMARIO: 1. L’antefatto immediato: le lamentele sull’operato dei tribunali ecclesiastici e i Sinodi dei Vescovi del 2014 e del 2015 - 2. Problematiche prevalentemente (ma non solo) ‘formali’ suscitate dalle Litterae Apostolicae Motu Proprio datae Mitis iudex dominus Iesus - 2.1. La Ratio procedendi - 2.2. L’incerta ‘convivenza’ tra tribunali diocesani e tribunali interdiocesani/regionali. Il Motu Proprio Qua cura - 2.3. L’Istruzione Dignitas connubii . Il “Sussidio applicativo del Motu pr. Mitis Iudex Dominus Iesus ” del gennaio 2016 - 2.4. Promulgazione e altre ‘inezie’ - 3. Gravamina sostanziali in ordine alla normativa introdotta dal Motu Proprio Mitis iudex - 3.1. Dal diritto processuale al diritto sostanziale - 3.2. Vescovi e romano Pontefice, collegialità, sinodalità - 3.3. Preparazione, adeguatezza, consultazione dell’episcopato - 3.4. L’efficacia civile delle sentenze ecclesiastiche di nullità matrimoniale. Rinvio - 4. Il processus matrimonialis brevior coram episcopo - 4.1. Ritorno al passato? - 4.2. I requisiti: il primo (‘soggettivo’) - 4.3. Segue : il secondo (‘oggettivo’) - 4.4. La procedura: competenze e mansioni del vicario giudiziale, dell’istruttore, dell’assessore, del vescovo diocesano - 4.5. L’appello - 4.6. Via giudiziale e via amministrativa. Natura dichiarativa o costitutiva della decisione - 5. Un’‘accidentata gincana’ esegetica attraverso le nuove norme introdotte nel Codex Iuris Canonici - 5.1. Il foro - 5.2. Il tribunale diocesano e il dioecesanum vel interdioecesanum vicinius tribunal - 5.3. Giudici laici e giudice unico - 5.4. Fallimento e nullità del matrimonio. Alcune incoerenze disciplinari - 5.5. L’abolizione dell’obbligo della doppia conforme. Appello. Processo documentale - 6. Gli ‘inciampi’ nelle Regole procedurali - 6.1. L’ investigatio praeiudicialis seu pastoralis - 6.2. La gratuità - 6.3. Ulteriori dubbi interpretativi - 7. Pr eoccupati rilievi conclusivi.

Scarica il testo completo in PDF

La recente riforma del processo di nullità matrimoniale. Problemi, criticità, dubbi (parte seconda) - di Geraldina Boni

SOMMARIO: 1. L’antefatto immediato: le lamentele sull’operato dei tribunali ecclesiastici e i Sinodi dei Vescovi del 2014 e del 2015 - 2. Problematiche prevalentemente (ma non solo) ‘formali’ suscitate dalle Litterae Apostolicae Motu Proprio datae Mitis iudex dominus Iesus - 2.1. La Ratio procedendi - 2.2. L’incerta ‘convivenza’ tra tribunali diocesani e tribunali interdiocesani/regionali. Il Motu Proprio Qua cura - 2.3. L’Istruzione Dignitas connubii . Il “Sussidio applicativo del Motu pr. Mitis Iudex Dominus Iesus ” del gennaio 2016 - 2.4. Promulgazione e altre ‘inezie’ - 3. Gravamina sostanziali in ordine alla normativa introdotta dal Motu Proprio Mitis iudex - 3.1. Dal diritto processuale al diritto sostanziale - 3.2. Vescovi e romano Pontefice, collegialità, sinodalità - 3.3. Preparazione, adeguatezza, consultazione dell’episcopato - 3.4. L’efficacia civile delle sentenze ecclesiastiche di nullità matrimoniale. Rinvio - 4. Il processus matrimonialis brevior coram episcopo - 4.1. Ritorno al passato? - 4.2. I requisiti: il primo (‘soggettivo’) - 4.3. Segue : il secondo (‘oggettivo’) - 4.4. La procedura: competenze e mansioni del vicario giudiziale, dell’istruttore, dell’assessore, del vescovo diocesano - 4.5. L’appello - 4.6. Via giudiziale e via amministrativa. Natura dichiarativa o costitutiva della decisione - 5. Un’‘accidentata gincana’ esegetica attraverso le nuove norme introdotte nel Codex Iuris Canonici - 5.1. Il foro - 5.2. Il tribunale diocesano e il dioecesanum vel interdioecesanum vicinius tribunal - 5.3. Giudici laici e giudice unico - 5.4. Fallimento e nullità del matrimonio. Alcune incoerenze disciplinari - 5.5. L’abolizione dell’obbligo della doppia conforme. Appello. Processo documenatale - 6. Gli ‘inciampi’ nelle Regole procedurali - 6.1. L’ investigatio praeiudicialis seu pastoralis - 6.2. La gratuità - 6.3. Ulteriori dubbi interpretativi - 7. Preoccupati rilievi conclusivi.

Scarica il testo completo in PDF

La recente riforma del processo di nullità matrimoniale. Problemi, criticità, dubbi (parte prima) - di Geraldina Boni

SOMMARIO: 1. L’antefatto immediato: le lamentele sull’operato dei tribunali ecclesiastici e i Sinodi dei Vescovi del 2014 e del 2015 - 2. Problematiche prevalentemente (ma non solo) ‘formali’ suscitate dalle Litterae Apostolicae Motu Proprio datae Mitis iudex dominus Iesus - 2.1. La Ratio procedendi - 2.2. L’incerta ‘convivenza’ tra tribunali diocesani e tribunali interdiocesani/regionali. Il Motu Proprio Qua cura - 2.3. L’Istruzione Dignitas connubii . Il “Sussidio applicativo del Motu pr. Mitis Iudex Dominus Iesus ” del gennaio 2016 - 2.4. Promulgazione e altre ‘inezie’ - 3. Gravamina sostanziali in ordine alla normativa introdotta dal Motu Proprio Mitis iudex - 3.1. Dal diritto processuale al diritto sostanziale - 3.2. Vescovi e romano Pontefice, collegialità, sinodalità - 3.3. Preparazione, adeguatezza, consultazione dell’episcopato - 3.4. L’efficacia civile delle sentenze ecclesiastiche di nullità matrimoniale. Rinvio - 4. Il processus matrimonialis brevior coram episcopo - 4.1. Ritorno al passato? - 4.2. I requisiti: il primo (‘soggettivo’) - 4.3. Segue : il secondo (‘oggettivo’) - 4.4. La procedura: competenze e mansioni del vicario giudiziale, dell’istruttore, dell’assessore, del vescovo diocesano - 4.5. L’appello - 4.6. Via giudiziale e via amministrativa. Natura dichiarativa o costitutiva della decisione - 5. Un’‘accidentata gincana’ esegetica attraverso le nuove norme introdotte nel Codex Iuris Canonici - 5.1. Il foro - 5.2. Il tribunale diocesano e il dioecesanum vel interdioecesanum vicinius tribunal - 5.3. Giudici laici e giudice unico - 5.4. Fallimento e nullità del matrimonio. Alcune incoerenze disciplinari - 5.5. L'abolizione dell'obbligo della doppia conforme. Appello. Processo documentale - 6. Gli ‘inciampi’ nelle Regole procedurali - 6.1. L' investigatio praeiudicialis seu pastoralis - 6.2. La gratuità - 6.3. Ulteriori dubbi interpretativi - 7. Preoccupati rilievi conclusivi.

Scarica il testo completo in PDF

Il giusto processo di delibazione e le “nuove” sentenze ecclesiastiche di nullità matrimoniale - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: La riforma del processo canonico per le nullità matrimoniali – 2. Il matrimonio tra Codex e Concilio: stop and go sulla rilevanza della fede – 3. Le presunzioni legali in tempo di secolarizzazione – 4. I rimedi contro il fallimento del matrimonio – 5. La via stretta del riconoscimento dello stato libero causato dal divorzio civile – 6. La via larga della dichiarazione di nullità – 7. Il processus brevior come volontaria giurisdizione – 8. I riflessi sul procedimento di delibazione – 9. Nuove dimensioni del diritto di difesa e dell’ordine pubblico – 10. Prospettive del giusto processo di delibazione.

ABSTRACT: Pope Francis recently enacted a new trial according to abbreviated proceedings on the subject of the nullity of marriage cases. Yet this overhaul raises a variety of questions about the possibility of continuing to give civil force to judgements of new kind under the Concordat between the Holy See and Italy. Indeed they seem a sort of proceedings of voluntary jurisdiction, roughly alike e.g. to dispensation from valid but non consummated marriage. This paper analyses this new canonic law by the same standards as the ECHR and the Italian Constitution and emphasizes its criticalities in order to guarantee the right to a fair trial from the point of view of the right to act and resist in the proceedings.

Scarica il testo completo in PDF

Il nuovo ordine pubblico concordatario - di Anna Sammassimo

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Ordine pubblico e delibazione delle sentenze ecclesiastiche di nullità matrimoniale – 3. La sentenza n. 16379 del 2014: a) il concetto di convivenza coniugale triennale; b) le contraddizioni della Corte – 4. Un’impostazione giuridicamente logica e metodologicamente corretta - 5. Le “sottintese” esigenze di tutela: a) del coniuge c.d. economicamente debole; b) del coniuge ateo - 6. Conclusioni.

ABSTRACT: In the decision n. 16379/2014, the Italian Supreme Court states that three years of conjugal life is an obstacle to the exequatur procedure of the ecclesiastical sentences of nullity of marriage. This statement has already been supported by other decisions taken by the Court during 2015 and has de facto determined a new public policy, valid only for ecclesiastical sentences but not, for example, applicable to judgments made abroad. This new public policy is more restrictive than both the international public policy and the Italian public policy.

Scarica il testo completo in PDF

Delibazione di sentenze ecclesiastiche, ovvero il cammello per la cruna dell’ago - di Marco Canonico

Sommario : 1. L’introduzione del criterio della buona fede - 2. La distinzione tra incompatibilità assolute e relative - 3. La rilevanza attribuita alla prolungata convivenza coniugale – 4. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Delibazione e ordine pubblico: le violazioni dell’Accordo “che apporta modificazioni al Concordato lateranense” - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. Le novità in ordine all’inderogabile tutela dell’ordine pubblico nell’attribuzione dell’efficacia civile alle sentenze ecclesiastiche di nullità matrimoniale – 2. Il contrasto giurisprudenziale e la difficile ricerca di un punto d’equilibrio – 3. I principi costituzionali coinvolti e la necessità del loro bilanciamento – 4. L’asserito vulnus all’Accordo del 1984 – 5. Inadempimenti e violazioni dell’Accordo del 1984 “per commissione” – 6. La metamorfosi delle nullità matrimoniali canoniche e il magistero pontificio – 7. Il controllo della Segnatura Apostolica e delle Corti d’Appello sui presupposti delle distinte competenze – 8. La fragilità della conservazione a oltranza della cittadella concordataria.

Scarica il testo completo in PDF

Ordine pubblico e sovranità della Repubblica nel proprio ordine (matrimoniale): le Sezioni unite e la convivenza coniugale triennale come limite alla “delibazione” delle sentenze ecclesiastiche - di Jlia Pasquali Cerioli

SOMMARIO: 1. Premessa: prove di laicità nel diritto ecclesiastico vivente - 2. Ordine pubblico e sovranità laica della Repubblica nel suo ordine: dall’affermazione all’attuazione del principio (oltre trent’anni dopo) - 3. “Maggiore disponibilità” e “specificità” del diritto canonico matrimoniale: il definitivo tramonto di una formula “ellittica” - 4. Convivenza coniugale, matrimonio rapporto e identità aperta della “vita familiare” in re temporali - 5. Note critiche: il criterio temporale dei “tre anni” di convivenza quale limite di ordine pubblico - 6. (… segue) un’individuazione incompleta del principio: l’assenza di riferimenti alla tutela del coniuge debole – 7. (… segue) l’operatività “facoltativa” del limite - 8. Sintesi conclusiva

Scarica il testo completo in PDF

Delibazione delle sentenze ecclesiastiche di nullità matrimoniale: la (limitata) ostatività della convivenza coniugale - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. L’ordine pubblico interno – 2. La “specificità dell’ordinamento canonico” – 3. Il presunto avvicinamento tra i due ordinamenti – 4. Luci ed ombre delle Sezioni unite – 5. Il valore della convivenza coniugale nell’ordinamento civile e nella Chiesa.

ABSTRACT: Overturn of the Supreme Court about the living together as spouses for a long time as mandatory rule, but only if the litigants disagree about the enforceability of the ecclesiastical ruling on the nullity of their marriage. The aim of this paper is to demonstrate the contradiction of a binding regulation in the willingness of the litigants.

Scarica il testo completo in PDF

“Specificità dell’ordinamento canonico” e delibazione delle sentenze matrimoniali ecclesiastiche - di Giuseppe Dalla Torre

SOMMARIO: 1. Problemi interpretativi di una disposizione concordataria – 2. Tra diritto processuale e diritto sostanziale – 3. (segue) la invalidità matrimoniale in diritto canonico – 4. Disposizioni o effetti contrari all’ordine pubblico? – 5. (segue) sulla asserita rilevanza costituzionale del matrimonio-rapporto – 6. Osservazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

La convivenza coniugale quale elemento ostativo alla delibazione della sentenza ecclesiastica di nullità matrimoniale alla luce delle recenti evoluzioni giurisprudenziali - di Graziano Mioli

SOMMARIO: 1. La critica della (non) critica della ragion giuridica – 2. Il riesame del merito: un pericolo incombente – 3. La rilevabilità d'ufficio delle questioni di contrarietà all'ordine pubblico – 4. Le inquietanti derive delle corti di merito – 5. Il riproporsi di una vexata quaestio, ossia il divieto di attività istruttoria – 6. Per una soluzione definitiva di una storia infinita.

Conjugal life as an obstacle to the exequatur procedure of the ecclesiastical sentences of nullity of marriage in the light of the latest jurisprudence

The statement of the Supreme Court in the decision n. 1343/2011, according to which − contrary to what has been stated by the Supreme Court itself in the decision n. 4700/1988 and in all the subsequent rulings − conjugal life represents an obstacle to the exequatur procedure of the ecclesiastical sentences of nullity of marriage − otherwise this procedure would be inconsistent with the principles of public policy − seems destined to be supported in the future, despite the recent negative position expressed by the upreme Court in the decision n. 8926/2012. Even if some Authors consider what has been said above a breach of the prohibition of review of a judgment on the merits, the Supreme Court states that the only limit for the Court within the exequatur procedure is represented by the Canon res judicata, in which investigations on conjugal life are not included. Moreover, this issue would be raised ex officio by both the Court of Appeal and the Supreme Court, provided that, in the latter case, the facts related to the conjugal life have been established within the sentence under impugnment. In this perspective, many of the Courts recent judgments seem to be controversial. Besides, there are problems regarding limitations of the investigatory powers of the Judge of the exequatur procedure and the prohibition on obtaining the documents related to the ecclesiastical judgement. The final solution could come from a ruling of the Joint Committee set up within the Agreement signed by the State and the Catholic Church in 1984.

Scarica il testo completo in PDF

Convivenza coniugale e nullità matrimoniali canoniche: la Cassazione torna sui suoi passi (nota a Cass. 4 giugno 2012 n. 8926) - di Marco Canonico

SOMMARIO: 1. Le decisioni precedenti - 2. I contenuti del provvedimento - 3. Osservazioni finali.

Scarica il testo completo in PDF

La convivenza coniugale come ostacolo al riconoscimento delle nullità matrimoniali canoniche: la Cassazione fornisce precisazioni ma le incertezze aumentano - di Marco Canonico

SOMMARIO: 1. Il precedente giurisprudenziale - 2. La sentenza della Corte di Cassazione 8 febbraio 2012 n. 1780 e la necessaria effettività della convivenza coniugale - 3. Una specificazione che accresce le incertezze.

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” - Editoriali • Un 11 febbraio particolare: Chiesa contro giudici? (di Nicola Colaianni) - di Nicola Colaianni

Che il recente riposizionamento della giurisprudenza in materia di delibazione delle sentenze ecclesiastiche di nullità matrimoniale non potesse incontrare il favore della Chiesa, e in particolare della Santa Sede, era del tutto scontato. Che però il dissenso venisse espresso in apicibus con un editoriale di spalla sull’Osservatore romano dell’11 febbraio, anniversario dei patti lateranensi, costituisce un atto di rottura della diplomazia dei rapporti di assoluta novità. Senza giri di frase, invero, l’editoriale non firmato (e perciò al massimo grado autorevole) formula senz’altro il capo d’accusa: “certi orientamenti della giurisprudenza (...) rischiano di svuotare di contenuto l’articolo 8 del Concordato”. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Delibazione delle sentenze ecclesiastiche e (prolungata) convivenza tra i coniugi - di Natascia Marchei

SOMMARIO: 1. Premessa: le questioni sostanziali sottostanti – 2. Le oscillanti (ma non troppo) posizioni della giurisprudenza di legittimità fino alla sentenza delle Sezioni Unite 18 luglio 2008, n. 19809 - 3. I recenti interventi della Corte di Cassazione (la sentenza delle Sezioni Unite 18 luglio 2008, n. 19809 e la sentenza della I sezione 20 gennaio 2011, n. 1343) - 4. Brevi considerazioni conclusive.


 

Scarica il testo completo in PDF

Sulla responsabilità civile del giudice canonico. Profili giurisdizionali - di Beatrice Serra

SOMMARIO: 1. Una nuova questione di giurisdizione – 2. La vicenda che ha condotto al ricorso - 3. Due opposte chiavi di lettura: a) La violazione delle norme canoniche da parte del giudice ecclesiastico quale causa di un danno ingiusto ex art. 2043 c.c. Le confessioni religiose come formazioni sociali ex art. 2 Cost. e la garanzia del diritto al giusto procedimento quale limite dell’autonomia confessionale - 4. La Chiesa cattolica quale ordinamento giuridico originario e primario. Insindacabilità dell’azione del giudice canonico quale svolgimento di un potere espressione della libertà ed autonomia riconosciuta alla Chiesa nel suo ordine- 5. I principi a fondamento della decisione delle Sezioni Unite: a) Il processo canonico sulla nullità di un matrimonio concordatario è una realtà esterna ed estranea all’ordinamento statale - 6. Non ogni soggetto che svolge la funzione giudiziale canonica è ministro di culto in senso civilistico. Il sindacato statale sull’applicazione delle norme confessionali quale atto fortemente invasivo dell’autonomia confessionale. Il profilo positivo e negativo del criterio della funzionalità e il controllo del rispetto della legge penale italiana quale causa di deroga al principio di non ingerenza nell’ordine confessionale. La risoluzione del problema della “competenza delle competenze” in prospettiva canonistica - 7. Rilievi conclusivi.

Scarica il testo completo in PDF

Il riconoscimento delle sentenze ecclesiastiche di nullità matrimoniale - di Marco Canonico

SOMMARIO: 1. Il riconoscimento del matrimonio canonico nel Concordato lateranense - 2. Il processo di revisione concordataria e le innovazioni in tema di efficacia civile delle sentenze ecclesiastiche - 3. L’efficacia civile delle sentenze ecclesiastiche nell’Accordo di Villa Madama - 4. La questione dell’applicabilità della L. 218/95 alle sentenze ecclesiastiche - 5. Le previsioni degli artt. 796 e 797 c.p.c. - 6. Il requisito del mancato contrasto con l’ordine pubblico - 7. I provvedimenti economici provvisori - 8. Considerazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e riserva di giurisdizione della Chiesa sui matrimoni concordatari: sentenze canoniche e ordinamento civile - di Ombretta Fumagalli Carulli

INDICE: Premessa - 1. Giurisdizione ecclesiastica e sovranità dello Stato italiano: una storia di contrasti - 2. L’art. 34 del Concordato lateranense - 3. La discussione politica sul matrimonio concordatario in età democratica - 4. La controversia sul divorzio - 5. L’incidenza della giurisprudenza costituzionale - 6. L’art. 8 dell’Accordo di revisione ed il silenzio sulla riserva di giurisdizione - 7. Irrazionalità ed incoerenza di sistema dopo la riforma del diritto internazionale privato - 8. Osservazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

“Prolungata convivenza” oltre le nozze e mancata “delibazione” della sentenza ecclesiastica di nullità matrimoniale (brevi note a Cass. civ., sez. I, sent. 20 gennaio 2011, n. 1343) - di Jlia Pasquali Cerioli

SOMMARIO: 1. I fatti e il processo – 2. La sentenza – 3. Una decisa svolta giurisprudenziale – 4. Difficoltà applicative – 5. (segue…) incerti futuri scenari - 6. Brevi conclusioni: la rinnovata vitalità del limite di ordine pubblico.

Scarica il testo completo in PDF

Il matrimonio religioso nella Repubblica di San Marino - di Luca Iannaccone

SOMMARIO: 1. La secolarizzazione del matrimonio nella Serenissima Repubblica di San Marino - 2. La legge 26 aprile 1986, n. 49: un codice del matrimonio e della famiglia - 3. La trascrizione del matrimonio religioso - 4. La riserva di giurisdizione e la questione delle “gite sul Titano” - 5. L'exequatur delle sentenze di nullità matrimoniali pronunciate dai Tribunali ecclesiastici.

Scarica il testo completo in PDF

Il riformismo legislativo in diritto ecclesiastico e canonico: aspetti internazionalistici - di Luciano Musselli

SOMMARIO: 1. L’oggetto di indagine ed i suoi limiti. L’argomento ed i suoi problemi di fondo - 2. Il matrimonio canonico e concordatario nel quadro del diritto internazionale privato – 2.1. La rilevanza del matrimonio canonico – 2.2. Le decisioni ecclesiastiche di nullità, il Concordato ed il diritto internazionale privato – 2.3. Problematiche attinenti la dimensione giuridica europea - 3. Il problema delle sentenze straniere di divorzio a connotazione religiosa - 4. I beni culturali religiosi ed il diritto internazionale – 5. Organi ed enti della Santa Sede e della Chiesa cattolica e problematiche di diritto internazionale – 6. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Il diritto ecclesiastico “vivente” nella giurisprudenza della Corte di Cassazione - di Raffaele Botta

SOMMARIO: 1. Il ruolo della Corte di cassazione – 2. La giurisdizione ecclesiastica matrimoniale – 3. Le conseguenze economiche della dichiarazione di nullità di un matrimonio canonico trascritto – 4. Il filtro dell’ordine pubblico – 5. Un nuovo orientamento – 6. Le questioni processuali – 7. Trattamento tributario e rapporti di lavoro – 8. I diritti fondamentali – 9. Temi di minore impatto e bilanciamento tra diritto di libertà religiosa e diritti fondamentali.

Scarica il testo completo in PDF

I nuovi confini del diritto matrimoniale tra istanze religiose e secolarizzazione: la giurisdizione - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Matrimonio religioso e giurisdizione - 2. Giurisdizioni alternative nelle società multiculturali? – 3. Spazi aperti dalle giurisprudenze europeee – 4. Arbitrato e globalizzazione – 5. Secolarizzazione e interposizioni religiose – 6. Rischi per i diritti fondamentali – 7. Sul retroterra multiculturalista - 8. Incursus: Kelsen e la Corte costituzionale austriaca – 9. Esperienza italiana e prospettive – 10. Conclusione: per un globalismo ben temperato.

Scarica il testo completo in PDF

L’efficacia civile delle sentenze ecclesiastiche contumaciali in materia matrimoniale nell’ordinamento spagnolo: spunti microcomparativi - di Sonia Fiorentino

SOMMARIO: 1. I limiti posti dall’ordinamento spagnolo al riconoscimento delle pronunce straniere rese in contumacia di una delle parti – 2. Rilevanza della componente volontaristica della contumacia nel caso delle pronunce confessionali – 3. Contumacia volontaria e libertà di coscienza: la sentenza 24 ottobre 2007 del Tribunale Supremo spagnolo – 4. L’ordinamento italiano e il riconoscimento delle pronunce ecclesiastiche rese in contumacia di una delle parti: considerazioni comparative - 5. La giurisprudenza italiana sul tema – 6. La specificità dell’ordinamento canonico ostativa al riconoscimento delle sentenze ecclesiastiche contumaciali: possibili sviluppi a partire a) dalla sentenza n. 19809 del 2008 della Cassazione Sezioni Unite - 7. (segue): b) dalla giurisprudenza europea.

Scarica il testo completo in PDF

La «supremazia» del principio di laicità nei percorsi giurisprudenziali: il giudice ordinario - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. I «perché» della ricerca – 2. I «come» della ricerca – 3. I «dati» della ricerca – 4. Il principio di laicità, l’interpretazione adeguatrice ed il diritto ecclesiastico positivo – 5. I rischi dell’interpretazione adeguatrice – 6. L’interpretazione adeguatrice e la discrezionalità del giudice – 7. I vincoli nell’attuazione del principio – 8. Le linee generali degli interventi della Corte di cassazione civile e dei giudici di merito – 9. L’ossequio formale al principio – 10. L’applicazione giurisprudenziale fatta dalle sezioni unite civili della Corte di cassazione … – 10.a) Il divieto di ingerenza nell’organizzazione delle confessioni religiose - 10.b) Libertà fondamentali, diritti assoluti e riparto della giurisdizione - 10.c) Pubblico, religioso e profili etici - 10.d) La potestà organizzatoria non conformata della Pubblica Amministrazione - 10.e) Ordine pubblico e delibazione - 11. (segue) … e dalle sezioni semplici – 11.a) La personalità giuridica privata degli enti di culto - 11.b) L’insegnamento della religione nella scuola pubblica e gli insegnanti - 11.c) Il lavoro dei religiosi presso l’associazione di appartenenza - 11.d) I diritti delle scuole confessionali e i diritti degli insegnanti - 11.e) Il riconoscimento del figlio naturale - 11.f) Il giuramento - 12. Uno sguardo riassuntivo.

Scarica il testo completo in PDF

L’altra “faccia” della specificità del matrimonio canonico (A proposito di Cassazione, Sez. Un., 18 luglio 2008, n. 19809) - di Francesco Alicino

SOMMARIO: 1. – Prologo: i fatti. – 2. Incompatibilità assolute e relative ovvero ... – 3. ... l’altra “faccia” della specificità ossia ... – 4. ... l’irrimediabile iato tra il matrimonio civile e quello canonico. – 5. Epilogo: specificità del diritto canonico e il regime civilistico del consenso

Scarica il testo completo in PDF

Pronunciato incostituzionale sulla (in)delibabilità ecclesiastica della Corte di Cassazione Sezioni Unite Civili - di Nicola Bartone

SOMMARIO: A) I cinque principi-pilastro enunciati dalle Sezioni Unite Civili della Corte Italiana di Cassazione per la delibabilità o melius per la non delibabilità delle sentenze ecclesiastiche di nullità matrimoniale - B) Il principio di diritto della delibabilità anche in caso di incompatibilità relativa e la sua apparente apertura alle sentenze ecclesiastiche rispetto a quelle dell’Unione Europea - C) Il caso specifico (dolo) e l’errore soggettivo non delibabile. Il vulnus all’art. 7 della Costituzione Italiana - D) Il potere dato alla Corte Italiana di Appello di dare una diversa qualificazione alla fattispecie di nullità matrimoniale secondo il contenuto della norma civile italiana e secondo il parametro di interpretazione della giurisprudenza civile. Tassativi e oggettivi i vizi del consenso contenuti nell’art. 122 codice civile italiano - E) Il distinguo tra incompatibilità assolute e incompatibilità relative con l’ordine pubblico interno italiano e l’apparente apertura per le sentenze ecclesiastiche rispetto a quelle statuali dell’UE - F) L’errore-vizio delibabile solo se su qualità oggettiva-permanente-tassativa secondo il parametro della coscienza sociale comune - G) Il principio di diritto originato dal principio del matrimoniosolidarietà e dalla supremazia di una indefinita coscienza sociale comune inficia il regime matrimoniale concordatario e il comune sentire del cittadino cattolico, positivizzato nell’ordinamento canonico. Il vulnus agli artt. 7 e 24 della Carta Costituzionale.

Scarica il testo completo in PDF

La delibazione delle sentenze ecclesiastiche ed i poteri istruttori della Corte d’Appello - di Natascia Marchei

SOMMARIO: 1. Il caso – 2. Gli orientamenti della giurisprudenza di legittimità – 3. Il limite del riesame del merito ed i poteri della Corte d’Appello: brevi considerazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

La «maggiore disponibilità» nei confronti del diritto canonico matrimoniale: una formula «ellittica» al vaglio dell’evoluzione dell’ordine pubblico - di Jlia Pasquali Cerioli

SOMMARIO: 1. Premessa: mutamento, e non crisi, della sovranità - 2. I limiti alla circolazione di valori confessionali - 3. L’evoluzione dell’ordine pubblico - 4. La «maggiore disponibilità» verso il diritto canonico matrimoniale: le ombre di una formula (in quanto, e non solo) «ellittica» - 5. «Maggiore disponibilità» e salvaguardia della «specificità» dell’ordinamento canonico: due ipotesi distinte - 6. Critica al ricorso al concetto di ordine pubblico concordatario - 7. La tutela del coniuge più debole come principio di ordine pubblico - 8. Brevi considerazioni finali.