Rivista telematica (www.statoechiese.it)
Online dal gennaio 2007
Menu

Articoli in Confessioni e associazioni religiose

La Bielorussia alla ricerca della propria identità e il processo di confessionalizzazione dello Stato - di Giovanni Cimbalo

SOMMARIO: 1. Dal socialismo di Stato allo Stato confessionale - 2. L’Accordo di collaborazione con l’Esarcato della Chiesa ortodossa Russa in Bielorussia - 3. Le materie oggetto di accordo e la confessionalizzazione delle istituzioni e dello Stato - 4. Gli accordi con gli altri culti tradizionali - 5. Il prezzo dell’alleanza: la lotta alle nuove confessioni religiose attraverso la legge sulla libertà religiosa - 6. Alcune considerazioni finali.

Belarus in search of its identity and the process of confessionalisation of the State

ABSTRACT: The current piece analyzes the stages characterizing the transition from State socialism to State Confessionalism through the Collaboration Agreement between the Belorussian Government and the Exarcate of the Russian Orthodox Church in Belarus. The main subjects of the agreement and the confessionalisation process of the institutions are taken into account. The essay deals with the alteration of the basic functions of the Belorussian State, namely education, health services and assistancy to the segregating foundations, etc. Furthermore, the agreements with other traditional religious groups are relevant. In this regard, the law on religious freedom is mainly used to resist the spread of such new cults. The study is then finalized to highlight the existing link between the Russian Orthodox Church traditions and cultural heritage with the estabilishment of a national identity. This symbolic bond is then used to build the basis of a new State with strong religious features in sensitive matters such as the control over births, bridal affairs, cultural and social valuesin a nationalist and sovereignist key.

Scarica il testo completo in PDF

Rilevanza pubblica delle comunità religiose nella dimensione giuridica europea - di Pasquale Lillo

SOMMARIO: 1. La presenza religiosa nella sfera pubblica - 2. La libertà religiosa collettiva nella CEDU - 3. La condizione giuridica delle confessioni religiose nel diritto della UE - 4. Identità confessionali e identità nazionali europee - 5. Il ruolo “pubblico” delle istituzioni religiose negli Stati europei - 6. In particolare: a) la rilevanza costituzionale dei soggetti confessionali in Germania - 7. Segue: b) la condizione giuridica delle confessioni religiose in Italia.

Public relevance of religious communities in the European legal dimension

The religious phenomenon appears relevant both on an individual level and on a social level. In many cases religious experience, on the one hand, helps to draw the personal identity of the subject; on the other, it is an element that characterizes various aspects of civil society, up to the influence of the political and institutional dynamics of many contemporary state systems. This paper intends to demonstrate that the religious phenomenon does not appear confined only in the strictly private sphere, but lives and manifests itself also in the public dimension. This approach seems to be confirmed, among other things, by the new public role that religious communities are progressively taking on in the European legal sphere, as well as within individual state systems in Europe. From the analysis of the rules in force both at the European and national level, this work therefore derives a significant legal recognition of the public relevance of religions and religious communities that are direct institutional expression, paying particular attention to the experience gained in the German law and in the Italian legal system.

Scarica il testo completo in PDF

L’accesso dei ministri di culto islamici negli istituti di detenzione, tra antichi problemi e prospettive di riforma. L’esperienza del Protocollo tra Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria e UCOII - di Silvia Angeletti

SOMMARIO: 1. L’Islam tra le mura del carcere: le ragioni di un intervento, gli obiettivi del Protocollo - 2. Uno spiraglio di libertà: la fede in regime di detenzione, le garanzie normative e le risposte alla diversità religiosa - 3. Mediatori o ministri di culto? Un ruolo ‘sospeso’ tra definizioni giuridiche e prassi - 4. Visitate i detenuti: La questione dell’ingresso negli istituti detentivi, criticità applicative e novità del Protocollo - 5. Conclusioni.

Granting Islamic religious ministers admission to prisons, amid long-lasting issues and reformation perspectives. The Agreement between the Prison Administration Department and the Islamic Communities Union.

ABSTRACT: As religious diversity in Italian prisons grows, accommodating prisoners’ religious needs tries legal paradigms and instruments out. In 2015 the Prison Administration Department signed an agreement with UCOII, one of the largest Islamic associations in Italy, in order to grant admission in prisons to intercultural mediators and religious ministers. This article seeks to situate the covenant in the wider context of the Italian legal protection of religious freedom in prison, highlighting three main purposes of the agreement: providing Islamic prisoners with religious assistance, enforcing rehabilitative programs and combating violent radicalization in jail. After two years the experience has shown good evidences. Nonetheless, contended issues still remain unsettled. While evaluating feasible solutions, the article advocates a legislative intervention that could assess criteria and procedures for religious ministers’ access to prisons fulfilling the principle of equality and non-discrimination.

Scarica il testo completo in PDF

Osservazioni sulla proposta di legge “Norme in materia di libertà di coscienza e di religione” elaborata dal gruppo di lavoro coordinato dalla Fondazione ASTRID - di Gianfranco Macrì

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Crisi e persistenza del modello pattizio. Riscrivere la trama della libertà religiosa in Italia - 3. Una proposta “flessibile” orientata alle differenze e all’interazione - 4. I nuovi confini della libertà religiosa della persona - 5. La libertà di coscienze e di religione del minore - 6. Scuola pubblica, libertà religiosa e “nuovi spazi” di confronto per tutti: quello che serve e quello che la proposta non dice - 7. L’integrazione attraverso il lavoro - 8. Assistenza spirituale e libertà di manifestazione del pensiero - 9. Gli spazi della libertà religiosa e i “luoghi della memoria” - 10. Ministri di culto e non solo - 11. Per una libertà religiosa collettiva veramente democratica: rilievi critici - 12. La società cambia, la legge dello Stato arranca, il matrimonio “canonico” resta - 13. Intese per tutti? - 14. Quello che manca nella proposta di legge – 15. Conclusioni.

Remarks on the Bill Proposal "Norms on Freedom of Conscience and Religion" Made by the Working Group Coordinated by the Astrid Association

ABSTRACT: This contribution is a comment on the draft law on religious freedom proposed by some scholars of the ASTRID Foundation. The law is proposed in the context of a national and European political environment, which is constantly changing and evolving. This analysis is focused on some specific aspects of the proposal, by assessing their limits and their potential offers some theoretical reflections with the aim of contributing to a scholarly and intellectual debate, which should offer arguments, aimed at promoting and protecting fundamental freedoms and rights as envisaged by the Constitution.

Scarica il testo completo in PDF

La libertà religiosa, i diritti delle comunità islamiche. Alcune considerazioni critiche su due progetti di legge in materia di moschee e imam - di Gianfranco Macrì

SOMMARIO: 1. Introduzione: per un pluralismo “ragionevole” di fronte ai mutamenti sociali - 2. Dalla teoria alla pratica: alcuni aspetti della “questione” islamica nelle contraddizioni politiche e giuridiche del presente - 3. Una premessa di metodo: la libertà religiosa nel modello democratico costituzionale. Aporie persistenti e spunti di riforma (ma siamo ancora agli inizi) - 4. Diritto fondamentale alla moschea vs “Registro pubblico delle moschee” - 5. Un Albo per gli imam (e altre cose) - 6. Conclusioni.

Religious Freedom and the right of Muslim communities. Some critical remarks on two recent draft laws on mosques and imams

ABSTRACT: This contribution starts from the proposal of two draft laws on Islam in Italy (one on the legal status of mosques and the other on imams), which deal with concrete issues that the country faces, taking into consideration the multicultural context of Italy. So far, the approach of the Italian political class has been quite conservative and not willing to take into account possible solutions offered by the Constitution, such as the protection of basic human rights. The solutions have been more focused on the potential lack of trust towards Muslim communities and on legal solutions not fully integrated within a wider European approach. The proposed solutions appear therefore to be more the result of ad hoc approaches, influenced by considerations of real politik, than tools fully in line with the requirements of the Constitutional protection of human rights.

Scarica il testo completo in PDF

Challenges of Pluralistic Societies with Dissimilar Cultural Identities and Religious Legal Traditions: ADR and the Role of Religious Mediation and Arbitration - di Gloria M. Morán García

Summary: 1. The Challenges of Pluralistic Societies with Dissimilar Cultural Identities and Religious Traditions: from a Melting Pot to a Cultural Mosaic - 2. European Catholic Tradition of Dual Legislation and Jurisdiction: 2.1. The Development of the Religious Jurisdiction: from the Episcopalis Audientia under the Christian Roman Empire to the Homologation of Religious Decisions by a Civil Judge – 2.2. The Development of Secular and Religious Jurisdictions: from the Leges Barbarorum et Romanorum under the Principle of Personality to the Medieval Dual Jurisdiction in Europe – 2.3. Religious Minorities under Christian Rulers – 3. Muslim Legal Tradition of Plural Jurisdictions: 3.1. Muslim Empires and the Dhimma System – 3.2. Islamic Communities in Transition: from the Pre-colonial Era to the Colonial Rule – 3.3. The Exceptionality of Palestine and Israel- 4. Toward a Global World: Legal Pluralism and the Development of ADR. The Role of Religious Mediation and Arbitration: 4.1. The American Experience in Religious Arbitration: the Jewish Beth Din Courts and the Challenge of Islamic Arbitration – 4.2. Confronting the Fear of Islamic Arbitration Tribunals in the UK, Canada, and Australia - 5. Conclusions.

Abstract: Most of juridical systems are historically developed from the interaction of two main legal principles: the principle of personality and the principle of territoriality. Roman Law is one of the best examples of it; its legacy channeled the growth and coexistence of religious and secular jurisdictions in the Germanic kingdoms of Western Europe. Under the principle of personality of laws, bonding individuals to their cultural or religious communities, legal pluralism was the common grounds from the Antiquity to the pre-Modern era. However, as a result of the religious wars in the Holy Roman Empire between Catholics and Protestants in the 16th and the 17th centuries, the Westphalian state model reinforced a territorial religious jurisdiction under the principle cuius regio eius religio, allowing the ruler to impose his religion on his subjects. The Muslim legal tradition developed, as well, plural juridical systems from the Dhimma System. One of them was the Ottoman Millet system that was adapted from the colonial era to the most of Middle East nation-states as a bonding personal religious law applied to non-Muslim communities. The secular paradigm of the Rule of Law, centralizing and reinforcing state and federal legislative powers, is implemented in Europe and her former colonies in the 19th century under the nation-state constitutional model, expanding worldwide the principles of territoriality and citizenship. As a result, religious legal systems are progressively confined to the private sphere. However, the secular paradigm is confronted gradually by a new development of legal pluralism, mainly as an effect of an extensive increment of global migrations; Halakha or Jewish Law, Canon Law or Catholic Law, Sharia or Islamic Law, are gaining strength as formal or informal religious ADR under the principle of Religious Freedom. Religious legal systems are becoming an innovative tool of mediation, conciliation, and arbitration accepted by some secular jurisdictions around the world, although there is a polarized debate about it. In today´s global world, which are the lessons to be learned from legal traditions and contemporary models of legal pluralism? Can religious legal systems become a tool of mediation for restorative justice preventing and exiting from violence? This article addresses this juridical and social challenge from an interdisciplinary comparative analysis.

Scarica il testo completo in PDF

La libertà di religione in Italia dieci anni dopo - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Indivisibilità delle libertà – 2. Imprescindibilità della giurisdizione – 3. Libertà negativa: a) legislazione – 4. (segue:) b) giurisdizione – 5. Libertà positiva – 6. Pluralismo – 7. Diritto ecclesiastico futuro.

Scarica il testo completo in PDF

La libertad de enseñanza de las confesiones religiosas entre libertad de expresión y discurso del odio - di Adoración Castro Jover

SUMARIO: 1. Introducción - 2. Libertad de enseñanza de las confesiones religiosas, autonomía y límites - 3. Aproximación general a los delitos de odio. Particular referencia al artículo 510 del Código penal español - 4. Libertad de enseñanza de las confesiones religiosas y delitos de odio. Algunos ejemplos -5. Libertad de expresión y discurso del odio en el Consejo de Europa - 6. Libertad de expresión y discurso del odio. Una perspectiva constitucional -7. Conclusiones.

Scarica il testo completo in PDF

Pluralismo, laicità e crisi della rappresentanza politica - di Claudio Luzzati

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Post-confessionismo e laicità - 3. Religioni, morale e istituzioni - 4. La situazione odierna. La sentenza della Corte costituzionale n. 52 del 2016 - 5. Pluralismo buono (o, forse, anche cattivo) e frammentazione sociale. È la fine della politica?

Pluralism, Secular Society and the Crisis of Political Representation

ABSTRACT: How can the value pluralism deal with the problems rising from a split society where many comprehensive doctrines, belongings and religious identities can no more find something in common? This paper tries to focus such a question taking a closer look at Italy.

Scarica il testo completo in PDF

“A chiare lettere” - Transizioni • Nel primo anniversario della “Dichiarazione sui diritti delle minoranze religiose nei Paesi a maggioranza musulmana” (g. c.)* - di Giuseppe Casuscelli

Tra pochi giorni sarà trascorso un anno da quel 27 gennaio 2016 in cui 250 eminenti studiosi islamici , riuniti a Marrakech e provenienti da oltre 120 nazioni, hanno sottoscritto una “ Dichiarazione sui diritti delle minoranze religiose nei Paesi a maggioranza musulmana” rivolgendo l’appello a sviluppare una giurisprudenza islamica sul concetto di cittadinanza inclusiva di tutti i gruppi religiosi. L’incontro si era tenuto su invito del Ministero della Promozione e degli Affari Islamici del Regno del Marocco e del Forum per la Promozione della Pace nelle società islamiche , con sede negli Emirati Arabi Uniti. All’evento avevano partecipato cinquanta leader di altre religioni e rappresentanti delle organizzazioni islamiche e internazionali. L’incontro proseguiva lungo il cammino tracciato ad Abu Dhabi nel 2014 con la nascita del Forum for peace , inteso a mostrare al mondo che l’Islam “is a religion of peace and justice”, cui aveva fatto seguito nel 2015 un secondo Forum inteso a ristabilire “ the priorities of Muslim societies by rehabilitating hearts and intellects to a more thorough understanding of the salience of peace in Islam, the shariah, and our tradition”.

Scarica il testo completo in PDF

Pubblica sicurezza e tutela dell’autonomia confessionale. Riflessioni a partire dalla negazione delle pubbliche esequie per i mafiosi - di Fabio Balsamo

Sommario : 1. La costante applicazione degli artt. 26-27 T.U.L.P.S. alle ipotesi di funerali di mafiosi – 2. Il caso dei funerali pubblici negati al boss Giuseppe Barbaro e la “protesta” del Parroco di Platì. Un’ipotesi di lesione dell’autonomia confessionale? – 3. L’imposizione di funerali in forma privata e la dimensione essenzialmente comunitaria del rito delle esequie nel diritto canonico – 4. La privazione delle esequie ecclesiastiche tra tutela dell’autonomia confessionale e potere di intervento dell’autorità di pubblica sicurezza – 5. La rilettura del dovere di reciproca collaborazione tra Stato e Chiesa alla luce del comune impegno contro le mafie. Alcune attuali criticità – 6. Verso nuovi confini del dovere di collaborazione: l’assunzione di un impegno comune di Stato e confessioni religiose contro il crimine organizzato.

Public safety and protection of confessional autonomy. Reflections from the denial of public funerals for mobsters.

ABSTRACT: Measures taken by Italian Quaestors in order to prohibit public funerals for mobsters have an impact also on decision-making autonomy recognized at the ecclesiastical authority by canon 1184 C.i.c. on the same field. The recent Catholic Church’s commitment against mafias requires that what is decided by public authorities to ensure the public policy and public safety must be observed together to the measures laid down by Canon Law, with the aim to avoid the risk of a conflict between Italian and Canon Law. That’s why it’s necessary to give new meaning to the cooperation principle that State and Catholic Church have decided to carry on since 1984. Lastly, it would be appreciated if a similar principle could be extended to all religious faiths in Italy, in order to improve the potential contribution of all religions in combating and preventing organized crime.

Scarica il testo completo in PDF

Pluralismo giuridico e libertà confessionali - di Pasquale Lillo

Sommario : 1. Il fattore religioso nell’art. 2 della Costituzione italiana – 2. Pluralismo partecipativo e principio di bilateralità – 3. Le libertà costituzionali delle confessioni religiose – 4. Le restrizioni dell’art. 2 della Costituzione alle libertà confessionali.

Scarica il testo completo in PDF

Religions and Ethno-Religious Differences in Bosnia and Herzegovina. From Laboratories of Hate to Peaceful Reconciliation - di Francesco Alicino

SUMMARY : 1. Introduction - 2. The Politicization of Religion and the Nationalization of Confessions - 3. The Place of Religion and Religious Confession - 4. The Constituent (Chosen) People and Religious Power-Sharing Mechanism - 5. The Education System and Religious Education - 6. The Legal Status of Churches and the State-Religions Relationship - 7. Conclusion.

Scarica il testo completo in PDF

La Corte Costituzionale e la legge regionale lombarda: cronaca di una morte annunciata o di un’opportunità mancata? - di Francesca Oliosi

SOMMARIO: 1. Ora come allora: “ Le leggi son, ma chi pon mano ad esse? ” - 2. L’oggetto del giudizio: la "legge antimoschea" - 3. Le doglianze del Governo e la difesa della Regione: l'eterno conflitto tra libertà e sicurezza - 3.1. “Confessione è chi la confessione fa ” . I destinatari della norma, tra illegittima discriminazione e necessaria distinzione - 3.2. Esiste il principio di leale collaborazione tra gli enti (in Lombardia)? - 3.3. Contro la discrezionalità: del popolo (referendum), della norma (“il paesaggio lombardo”) e dei comuni (facoltà e non obbligo di prevedere attrezzature religiose) - 4. La parola alla Corte - 4.1 I prolegomena della sentenza: le premesse che, purtroppo, ancora occorrono - 4.2 La ratio oltre la littera : sull’incostituzionalità dei requisiti aggiuntivi per il “coacervo degli indistinti”, la richiesta di pareri “riguardanti la pubblica sicurezza” e l'impianto di videosorveglianza - 4.3 Convenzioni, referendum e congruità architettonica lombarda: quella pericolosa (ma costituzionale) attenzione per il particolare ( rectius locale) sul generale - 5. Profili critici: tirannia del diritto di libertà religiosa o pericoloso bilanciamento? - 6. Errare è umano, perseverare è … politico.

Scarica il testo completo in PDF

Passato e futuro della minoranza musulmana in Italia, tra islamofobia e pluralismo pragmatico-giuridico - di Giancarlo Anello

SOMMARIO: 1. La condizione giuridica dell’Islam italiano, note introduttive - 2. Le “ortoprassi” islamiche nell’area di sovrapposizione col diritto comune - 3. Critica della prospettiva d’intesa unitaria, vista ex partibus infidelium e ipotesi giuridica per una “concertazione diffusa d’intese”.

Past and Future of the Muslim Minority in Italy, between Islamophobia, and Legal (Pragmatist) Pluralism.

ABSTRACT: This article addresses the legal condition of the Muslim minority in Italy, considering the progressive development of the sociological situation of various Muslim communities, approaching to Italy from different Islamic countries (from Morocco to Somalia, from Tunisia to Egypt) in the last 20 years. More in detail, the paper analyzes the current limits in the application of the constitutional norms concerning the agreements of cooperation (called “intese”) and Islam, and proposes an alternative and diffuse system of local agreements more fitting with the Islamic political tradition as well as with the fundamental rights of the faithfuls, in an even more parochial and multifaceted society.

Scarica il testo completo in PDF

L’impatto culturale dell’immigrazione islamica sull’ordinamento giudiziario italiano: alcune riflessioni - di Elena Falletti

Sommario : 1. Introduzione - 2. Libertà di religione ed espressione dell'identità culturale - 3. La costruzione delle moschee - 4. La vestizione del velo - 5. La pratica sommersa delle mutilazioni genitali femminili - 6. Il diritto di famiglia - 7. Il matrimonio - 8. I matrimoni poligamici - 9. I matrimoni forzati - 10. I diritti successori - 11. Ripudio e divorzio - 12. Kafalah e adozione - 13. Conclusioni. La necessaria unitarietà dell'ordinamento giuridico contro la discriminazione. Il caso delle giurisdizioni speciali shariaitiche: un’esperienza da non imitare.

The Cultural Impact of Islamic Mass Immigration on the Italian Legal System

ABSTRACT: Although Italy has been a country with a strong tradition of emigration, only in the last twenty-five years Italians have had to face the social, juridical and cultural problems related to high immigration hosted by this country. The majority of immigrants come from areas with Islamic religious tradition such as Northern and Central Africa and the Middle East. The cultural impact between the Italian Catholic tradition and the newcomers' faith and customs has been very strong, often problematic. The aim of this paper is to investigate the most relevant issues between the cultural and legal aspects of Islamic culture pertaining to immigrants living in Italy with the Italian legal system. The legal areas proposed for the investigation are related to self-determination, personal integrity and family law, especially for analyzing the impact of cultural differences on public policies and social behavior. The methodology used regards a comparative and a multidisciplinary approach.

Scarica il testo completo in PDF

Libera scelta del Governo l’avvio di trattative finalizzate alla stipulazione di intesa con confessione religiosa ai sensi dell’art. 8, terzo comma, Cost. - di Marco Canonico

Sommario : 1. Le vicende precedenti - 2. La sentenza della Corte costituzionale 10 marzo 2016 n. 52 - 3. Considerazioni a margine della decisione.

Scarica il testo completo in PDF

Le intese tra conferme e ritocchi della Consulta e prospettive per il futuro - di Pierangela Floris

SOMMARIO: 1. Introduzione – 2. Uguale libertà e intese – 3. Il riconoscimento di una confessione tra accertamento in via incidentale e in via principale – 4. L’avvio del procedimento d’intesa e la discrezionalità politica.

Scarica il testo completo in PDF

La Corte costituzionale torna protagonista dei processi di transizione della politica ecclesiastica italiana? - di Angelo Licastro

SOMMARIO: 1. Due sentenze che rompono un silenzio durato un decennio – 2. La portata del principio affermato dalla sentenza n. 52 del 2016: dal riconoscimento del “diritto a negoziare” l’intesa alla (ribadita) insindacabilità dell’atto di avvio delle trattative – 3. Le ragioni poste a base della decisione della Corte – 4. La libertà di culto di fronte alla rinnovata attenzione per le esigenze di “sicurezza” della collettività nella sentenza 63 del 2016 – 5. “Eguale libertà” vs “libertà diversamente graduata” – 6. I riflessi della pronunzia n. 52 del 2016 sul problema della qualificazione del gruppo come “confessione religiosa” – 7. Le oscillazioni della Corte in tema di “laicità” e le criticità emergenti del diritto ecclesiastico italiano.

The Constitutional Court once again the leading character of the transition processes of the Italian ecclesiastical politics?

ABSTRACT: The present essay analyses the impact of the 2016 Constitutional Court judgements n. 52 and n. 63 on the very “identity”of Italian Ecclesiastical Law, which is characterized by the principles of secularism, equal freedom of religious denominations and by a system of agreements aimed at regulating the specifities of the different religious groups. According to the Author, because of the inactivity of the Legislator, the Constitutional Court is compelled to play a substitute role in searching a satisfactory balance between all these elements and the very settlement of some basic trends in Ecclesiastical Law, as such a subject has to face increasingly new challenges and emerging problems in the management of the religious factor.

Scarica il testo completo in PDF

Prospettive di un’intesa con le comunità islamiche in Italia - di Paolo Cavana

Sommario : 1. Premessa - 2. L’Islam in Italia: una confessione religiosa non riconosciuta. - 3. La preliminare questione dei diritti - 4. Islam e questione immigratoria - 5. Natura delle comunità islamiche e laicità dello Stato - 6. Alcuni problemi sui contenuti di un’eventuale intesa - 7. Il pericolo di fughe in avanti - 8. Ostacoli da superare. Il problema dei luoghi di culto - 9. Una piccola proposta: le associazioni con finalità (o oggetto) mista - 10. La questione della rappresentatività. La proposta di una consulta dell’Islam italiano - 11. Il dialogo e la collaborazione a livello locale - 12. Osservazioni conclusive.

Muslim Organisations in Italy: perspectives on an Agreement with the State

ABSTRACT: This paper examines the legal framework of Muslim communities in Italy in order to check the requirements needed to reach an agreement with the State, as envisaged by the Italian Constitution for denominations other than Catholicism, whose relations with the State “are regulated by law, based on agreements with their respective representatives” (Art. 8, co. 3, Const.). Nowadays the problem is a key issue in current political debates both in Italy and in most European countries. This type of agreement could not only promote the social and cultural integration of Muslim communities into society, but also help isolate Islamic terrorists and their supporters in immigrate communities and fight them better. Given that in Italy Muslim communities and their members, including foreign ones, already enjoy all the civil and social rights that are granted by the Constitution to citizens and social groups, the analysis maintains that reaching such an agreement would be for the moment premature, on the basis of a number of reasons. Among these are the following: the deep divisions existing both within and among these communities, due to different ethnic and religious origins and settlement periods in Italy; the difficulty on behalf of the State to identify a reliable negotiating partner (or more than one) who really represents such communities and does not depend from foreign States. Last but not least the very nature of such an agreement appears to be questionable. In fact, on one hand it would bring relevant advantages and public funding but on the other it would also need an unconditional acceptance of human rights and of the fundamental principles of the Italian law system - among which the equality between men and women and State secularism - which still has to be fully acknowledged within these communities.

Scarica il testo completo in PDF

Unione europea, chiese e organizzazioni filosofiche non confessionali (art. 17 TFUE) - di David Durisotto

SOMMARIO: 1. Evoluzione del diritto dell’Unione europea. La tutela dei diritti fondamentali – 2. Il fenomeno religioso – 3. I rapporti delle organizzazioni religiose, filosofiche e non confessionali con l’Unione europea nell’art. 17 TFUE – 4. Il dialogo tra teoria, prassi e limiti di competenza dell’Unione.

Scarica il testo completo in PDF

Un passo indietro sul fronte dei diritti di libertà e di eguaglianza in materia religiosa [?] - di Sergio Lariccia

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. La corte ritiene ammissibile l’intervento, nel giudizio costituzionale, dell’associazione privata degli atei e degli agnostici razionalisti. Funzione e importanza dei gruppi sociali organizzati per l’affermazione dei diritti verso e contro le religioni – 3. L’uaar può essere considerata una confessione religiosa? – 4. Non è ammesso un controllo giurisdizionale sulle decisioni del consiglio dei ministri riguardanti l’avvio delle trattative per la stipulazione di eventuali intese tra una confessione religiosa e lo Stato. Ma “ci sarà pure un giudice a Berlino!” – 5. Potere politico, potere amministrativo e potere giurisdizionale in tema di diritti dei gruppi religiosi in Italia – 6. Ragioni della politica e ragioni del diritto: una scelta metodologica . Dubbi, nella fattispecie, sul ruolo del parlamento come organo di garanzia che esercita il controllo sul governo – 7. 2 aprile 1966: il ricordo di una giornata particolare di cinquant’anni fa.

Scarica il testo completo in PDF

Appartenenza confessionale e ostracismo: qualcosa di nuovo, anzi d’antico, nelle dinamiche dell’affiliazione religiosa - di Laura Sabrina Martucci

SOMMARIO: 1. Le dimissioni da “socio aderente non da fedele”: il caso della sentenza della Corte di Appello di Bari, 28 ottobre 2014 - 2. Rilevanza ed effetti dell’“annuncio” alla comunità - 3. La regola dell’ostracismo - 4. La preminenza dell’autonomia confessionale nella giurisprudenza CEDU: osservazioni critiche - 5. Il bilanciamento tra persona e comunità nella post-modernità.

Religious Belonging and Ostracism: something new, or rather old, in the dynamics of the religious affiliation

ABSTRACT: The case relating to the resignation as “adherent”, and not as “believer”, to the Christian Congregation of Jehovah's Witnesses (App. Bari, October 28, 2014), brings out again the problem of the relationship between individual and authorities in the religious confessions. Indeed the procedures followed in order to limit the intra-confessional dissent can bring about an ostracism, biasing the dynamics of the religious affiliation. This paper indicates the novelties of the problem, as pointed out by the sociological studies, in order to accommodate the always necessary balance between the rights of the person and the power to inflict banishments, recognized to the community (autonomy).

Scarica il testo completo in PDF

I ministri di culto delle confessioni religiose di minoranza: problematiche attuali - di Matteo Carnì

SOMMARIO : 1. I ministri di culto nell’ordinamento giuridico italiano - 2. I ministri di culto delle confessioni religiose dotate di intesa - 2.1. (segue) L’individuazione dei ministri di culto - 2.2. (segue) L’assistenza spirituale nelle strutture segreganti - 2.3. (segue) Il matrimonio celebrato dai ministri di culto - 2.4 (segue) Problematiche attinenti ai ministri di culto buddhisti – 3. I ministri di culto delle confessioni prive di intesa - 3.1. (segue) In attesa della legge di approvazione: i ministri di culto della Congregazione cristiana dei Testimoni di Geova - 3.2. (segue) Islam e ministri di culto - 4. Osservazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Le comunità albanesi in Italia: libertà di lingua e di religione - di Maria Gabriella Belgiorno de Stefano

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Le minoranze storico-linguistiche - 3. Le minoranze storico-linguistiche in Italia - 4. La nascita delle comunità italo-albanesi - 5. La libertà di culto e di religione per le minoranze arbëresche in Italia - 6. Le Eparchie di Lungro e di Piana degli Albanesi – 7. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Imams and other Religious Authorities in Italy - di Francesco Alicino

SUMMARY: 1. Introduction – 2. The Relationship State-Confessions and Religious Ministers – 2.1. The “Common” Legislation of intese and the 1929 Act – 2.2. State’s Law and Religious Ministers – 3 . Imam in Italy. Is that a Religious Minister? – 3.1. The Connection State-Islamic Organizations – 3 .2. Islamic Groups as Religious Denominations – 3.3. The Bilateral Legislation – 3.4. A Possible Collaboration – 4. Conclusion.

ABSTRACT: In Italy imams are more than 800 members. As imams, they are almost all self-taught people. As citizens, most of the times they have a precarious job. During the week, they normally take care of things other than religion. They perform religious functions in their spare time. Moreover, to see them working as imams, you have to go down in some underground parking or in apartments converted into mosques, where sometimes you see minaret and other Islamic symbols, but only in either the picture or in the paintings hanging on the wall. In the end of the day, we know little or almost nothing about imams. Besides, the Italian law normally do not recognise them as religious authorities. Nevertheless, as imams they play a very important role in local Muslim communities that, under the pressing process of immigration, hold nowadays more than two millions persons. The paper will analyse the status of Islamic imams in Italy, comparing them with the status of other religious authorities (priests, rabbis, pastors ecc.). In particular, this comparative perspective will be focused on both angles: on the one hand, the research will compare the role of imams with those of religious authorities within their respective community; on the other, we will compare imams with considered the different way through which Italian law treats both imams and other religious authority . This perspective will give us a possibility to underline how both the social context and the Italian legal framework (regulating the State-religions connexions) manage religious claims.

Scarica il testo completo in PDF

Associazionismo ateista e accesso all’Intesa con lo Stato. Riflessioni a margine della sentenza n. 7068 del 2014 del Tar Lazio - di Marco Parisi

Sommario : 1. Introduzione - 2. L’UAAR e il lungo percorso giudiziario verso la richiesta d’Intesa: l’approdo della sentenza n. 7068 del 2014 del Tar Lazio - 3. Associazionismo ateistico e confessioni religiose: la difficoltà dell’inserimento in una categoria inflazionata - 4. Conclusioni.

ABSTRACT: The attention given by the constituent Assembly to the individual and associated way of enjoying the religious freedom, in the logic of protection of the spiritual interests of the human person, should be such as to promote, as a natural consequence of this basic structure of the Constitution, a balanced system in relation to the official contacts between the State and the religious denominations. However, there is the fact of public policies excessively benevolent towards some religious denominations, which causes damage to the affirmation of equal freedom for all individuals, regardless of their cultural orientation, religious or non-religious it is. With the visible manifestation of the atheism (in a public and associated way), doctrine and jurisprudence are called to identify the most appropriate forms of legal protection for some specific group experiences, related, in any case, in the broadest sense, to the religious and spiritual dimension of human life. pdf

Scarica il testo completo in PDF

L’assetto patrimoniale della Chiesa d’Inghilterra: un esempio di pragmatismo - di Cristiana Cianitto

Sommario : 1. Il finanziamento delle confessioni in Europa: un’ipotesi - 2. La Chiesa di Inghilterra: un laboratorio di indagine - 3. L’ipotesi e la verifica in laboratorio: a) Autosufficienza; b) Affidabilità e trasparenza; c) Uguaglianza - 4. L’indagine: conclusioni.

ABSTRACT: The Church of England has been chosen has one of the privileged observatory to test the even-handedness model proposed by the RELIGARE project to govern the public funding of religious denominations. The key concepts of accountability, equality and self-support seems to be an appreciable way to manage the financial support of religious groups in a multifaith society.

Scarica il testo completo in PDF

Le “confessioni religiose” possono essere atee? Alcune considerazioni su un tema antico alla luce di vicende nuove - di Emanuele Rossi

1 - Il tema del rapporto tra Costituzione e fenomeno religioso può essere analizzato e sviluppato in almeno due direzioni fondamentali: la Costituzione e la libertà religiosa da un lato; la Costituzione e le confessioni religiose dall’altro. In questa sede mi limiterò a ragionare sulle difficoltà di definire cosa sia una “confessione religiosa”, ribadendo peraltro preliminarmente quanto questo apparentemente limitato tema - relativo alla dimensione collettiva della libertà religiosa - sia strettamente connesso al profilo della libertà individuale. (segue)

Scarica il testo completo in PDF

Problems on the legal status of the Church of Scientology - di Germana Carobene

SUMMARY: 1. Preliminary observations. The recent English case law about Scientology - 2. The long Italian process - 3. The condemnation of the religious movement in France - 4. Conclusion.

Scarica il testo completo in PDF

Il ruolo degli arbëreshë nella messa a punto del modello albanese di rapporti tra le comunità religiose e lo Stato - di Giovanni Cimbalo

SOMMARIO: 1. Caratteristiche dell’insediamento delle popolazioni arbëreshë in Italia - 2. Il contributo del pluralismo religioso nella fondazione dello Stato albanese - 3. L’uso degli arbëreshë per l’espansione della Chiesa cattolica a Oriente: un progetto abortito - 4. Considerazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Lo sfondamento dell’orizzonte tradizionale: dalla prospettiva nazionale a quella globale. Stati e confessioni religiose alla prova. Religione e confessioni nell’Unione europea tra speranze ... - di Romeo Astorri

SOMMARIO: 1. Osservazioni introduttive - 2. Il fenomeno religioso nelle costituzioni europee del XXI secolo - 3. La bilateralità con particolare riferimento alla Germania - 4. Osservazioni conclusive.

ABSTRACT: This essay examines the legal condition of religious denominations in the European States’ new Constitutions. It focuses upon the legal provisions concerning the principle of cooperation and its application contained both in these Constitutions and in the German Länder ’s agreements signed with religious denominations after the Reunification. The inconsistencies thereby originated are also taken into account as regards both European legal rules and the condition of religious denominations within national States .

Scarica il testo completo in PDF

L’Islam plurale in Albania: modelli di relazione con lo Stato e pace religiosa. Il ruolo del diritto statale e di quello religioso - di Giovanni Cimbalo


SOMMARIO: 1. Dall’Impero ottomano all’Albania indipendente 2. Le caratteristiche endogene dell’ordinamento albanese e le sue specificità - 3. Il “colonialismo giuridico” dell’Occidente e il rispetto dell’autonomia degli ordinamenti - 4. La rivisitazione delle relazioni tra Stato e Comunità religiose - 5. Estendere l’esperienza albanese agli altri Stati balcanici o quella dei Balcani all’Albania?

Plural Islam in Albania: patterns of relationship with the state and religious peace

ABASTRACT: The protection of individual and collective freedom of religion and freedom of conscience, the regulation of state relations with religious communities in Albania, have found a solution in peculiar legal rules and traditions that in the history of the Albanian people have guaranteed the religious peace. Of great significance was the Albanian legal system resistance to accept the advice of the Venice Commission, Council of Europe and the EU that would rather prefer and have sought to impose the adoption of a single political-legal model for the Balkans, focused on a general law for the protection of religious freedom. Albanian model dates back to 1923, recognizes the cultural and religious pluralism of society and the opportunity for all religious communities to obtain
civil legal personality, now allows cooperation agreements with the various religious communities. The rules put as guarantees of religious freedom those of the general law without any recourse to special rules. What happened was possible because of the plural nature of Balkan Islam which has allowed mutual respect and tolerance, and thanks to the secular and separatist nature of the
Albanian state since its origins. State law likewise religious rules, determined by the Statutes that communities have been given themselves and their progressive transformation have played a role in education for coexistence which has allowed, in contrast to
what happened in many Balkan countries, religious peace. The smaller denominations and cults have found, and find now, legal
protection, and at present are five the creeds that have concluded agreements with the state and others may do so in the future. The success of the Albanian model warns against standardization policies, substantially octroyé, supported by international bodies end one size fits all legal model/pattern.

Scarica il testo completo in PDF

L’affaire dell’U.A.A.R.: da mera querelle politica ad oggetto di tutela giudiziaria - di Salvatore Berlingò

SOMMARIO: 1. Il contesto socio-culturale – 2. Questioni di metodo - 3. I prodromi della controversia sull’ “atto politico” - 4. La prospettazione del “fatto” nelle ultime istanze di giudizio. Il Consiglio di Stato: dalla delimitazione dell’insindacabilità dell’atto… - 5. Segue :… alla prefigurazione della piena ed effettiva tutela dell’interesse ad agire - 6. Le Sezioni Unite della Cassazione e l’inquadramento della fattispecie nella cornice della laicità dello Stato - 7. Il principio dell’eguale libertà delle Confessioni assunto a canone di legalità costituzionale - 8. I possibili esiti giudiziari ulteriori della questione - 9. Il procedimento di formazione e conclusione delle Intese - 10. Nuovi indirizzi di politica legislativa in materia ecclesiastica?

The U.A.A.R. affaire: from a political querelle to a case law

ABSTRACT : Even if in view of an academic act, the author believes to have to insist on the practical function of the Law that, as in the case of the U.A.A.R., develops most frequently in the case law. The role played by the judicial courts in the case examined, as well as in more and more recurring hypothesis in the current socio-cultural context, should not be taken by the doctrine and policy as an excuse to abdicate their responsibilities as much essential in order to provide an adequate protection for fundamental human rights related to the exercise of the freedom of religion.

Scarica il testo completo in PDF

Confessioni, organizzazioni filosofiche e associazioni religiose nell’Unione Europea tra speranze disilluse e problemi emergenti - di Roberto Mazzola

SOMMARIO: 1. L’Europa bifronte. Libertà religiosa in Europa tra federalismo e nazionalismi –2. Ambiguità e contraddizioni del dialogo fra istituzioni europee, confessioni, organizzazioni filosofiche e associazioni religiose - 3. Le potenzialità insite nel Trattato di Lisbona sotto il profilo delle politiche in materia di libertà religiosa e di coscienza.

Scarica il testo completo in PDF

La transizione dell’Est Europa verso la libertà religiosa - di Federica Botti

SOMMARIO: 1. Stati a democrazia socialista, ateismo di Stato e libertà religiosa - 2. Dalla pentarchia patriarcale all’evoluzione della nozione di territorio canonico - 3. Sulla restituzione dei beni confiscati: vecchi conflitti e nuove prospettive - 4. Le Conferenze ecumeniche e la pacificazione tra le Chiese cristiane - 5. I problemi aperti: il rapporto della Chiesa cattolica con la Chiesa ortodossa del patriarcato di Mosca - 6. Le prospettive di azione comune delle Chiese nella difesa dei valori etici.

Scarica il testo completo in PDF

Affidamento condiviso, multi religiosità ed educazione (religiosa) dei minori - di Germana Carobene

SOMMARIO: 1. Affidamento ed educazione (religiosa) dei minori - 2. Evoluzione legislativa in tema di educazione dei minori - 3. Analisi giurisprudenziale con particolare attenzione ai Testimoni di Geova.

Scarica il testo completo in PDF

Eresie, povertà e potere nel monachesimo russo alla fine del XV secolo e all’inizio del XVI - di Giovanni Codevilla

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Il contrasto delle eresie: Iosif di Volok e Nil della Sora – 3. Le proprietà dei monasteri e della Chiesa – 4. Il Concilio del 1503: il clero vedovato, i diritti di stola e lo scontro tra non possessori e iosifljane – 5. Gli eredi spirituali di Nil della Sora – 6. Il fondamento divino del potere nel pensiero di Iosif di Volok – 7. Le conseguenze della vittoria dei seguaci di Iosif - 8. L’assolutismo autocratico - 9. Nota conclusiva.

The attitude of 15th and 16th century’s Muscovite monasticism towards heresy, poverty and power

ABSTRACT: The article analyzes the position of two rival monastic trends, the first represented by Nil from Sora and the latter by Iosif from Volok. The decision taken by the 1503 Moscow Church Council in favour of Iosif had important consequences for the future of Muscovy and Russia. Most important was strengthening the power of the czar vis a vis the metropolitan, hence the submission of the Church to the state, which was generated by an incorrect interpretation of Iosif’s thought.

Scarica il testo completo in PDF

Il ruolo delle organizzazioni religiose in Italia e in Europa tra rappresentanza degli interessi e attività di lobbying - di Gianfranco Macrì

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Il ruolo peculiare delle “confessioni” religiose – 3. Modalità distorsive di rilevazione degli interessi religiosi – 4. Particolarismo confessionale vs pluralismo religioso – 5. Il carattere “lobbistico” dello strumento pattizio – 6. Europa, governance e fattore religioso: il lobbying delle chiese e delle altre comunità di fede – 7. Il caso Lautsi c. Italia – 8. Conclusioni.

ABSTRACT: This article analyzes the role of religious groups in the national and European public spaces with a particular focus on their contribution to the new transformation taking place in the field of individual and collective participation to the common good. The main focus of the article deals with the legal and political condition under which religious groups try to advance their lobbying activities in Italy and in Europe.

Scarica il testo completo in PDF

Confessionismo e “libertad de cultos” nell’ordinamento della Repubblica Dominicana - di Antonio Ingoglia

SOMMARIO: 1. Il sistema costituzionale e concordatario – 2. Brevi cenni sulle radici storiche del confessionismo dominicano - 3. Il sindacato di costituzionalità sulle norme concordatarie, alla luce della sentenza della “Suprema Corte de Justicia” n. 6 del 2008 – 4. Verso una soluzione della questione matrimoniale: la legge n. 198 del 2011 sui matrimoni religiosi civilmente trascritti.

Scarica il testo completo in PDF

Alcune note sulla Chiesa Greco-Cattolica Romena - di Giovanni Codevilla

SOMMARIO: 1. L’unione con Roma degli ortodossi della Transilvania – 2. La Chiesa cattolica di rito greco nel Regno di Romania - 3. Le direttive sovietiche sulla soppressione della Chiesa cattolica di rito greco - 4. Il ruolo dell’Ortodossia romena nella soppressione della Chiesa greco-cattolica - 5. L’arresto dei vescovi greco-cattolici - 6. Il decreto sulla liquidazione della Chiesa Greco-Cattolica Romena - 7. La fine del regime comunista e il riconoscimento della Chiesa Greco-Cattolica Romena - 8. Il problema della restituzione dei beni ecclesiastici. L’evoluzione della normativa - 9. La giurisprudenza in materia - 10. La resistenza dell’Ortodossia romena - 11. La situazione attuale.

ABSTRACT: This paper deals with the birth of the Greek Catholic Church of Transylvania at the end of the 17th century, its full legal recognition in the Kingdom of Romania and its suppression implemented by the Communist regime in 1948. The process of the Greek Catholic Church liquidation, decreed by Moscow, has been implemented through the collaboration between the Romanian Government authorities and the leaders of the Romanian and Russian Orthodox Churches. With the fall of the Romanian Communist regime and the recognition of religious freedom, the Greek Catholic Church regains the right to exist and operate. The main problem which remains non resolved concerns the restitution of the ecclesiastical properties expropriated in 1948 and then assigned to the State and above all to the Orthodox Church: the latter, in the great majority of cases, rejects the requests put forward by the Greek Catholic Church, which thus is forced to seek justice through the courts. For many years the refusal of the Orthodox Church to return the property once belonging to the Greek Catholic Church was supported by an ambiguous legislation and by the influence wielded by the Orthodox Church. At present, following international pressure, the Courts of Romania seem determined to render the Greek Catholic Church justice, but they meet with resistance from local authorities linked with the Orthodox Church.
 

Scarica il testo completo in PDF

La religione nell’ordinamento algerino tra previsioni costituzionali e normativa ordinaria in materia di esercizio dei culti diversi dal musulmano - di Maria Cristina Ivaldi


SOMMARIO: 1. Rilievi introduttivi – 2. Il trattamento riservato alla religione nelle costituzioni algerine postcoloniali – 3. La disciplina in materia di esercizio dei culti diversi dal musulmano varata nel 2006 – 4. I decreti di esecuzione della normativa de qua – 5. Tendenze evolutive.
 

Scarica il testo completo in PDF

La presenza islamica in Italia: forme di organizzazione, profili problematici e rapporti con le Istituzioni - di Sveva Anna Mancuso

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. L’immigrazione islamica in Italia - 3. L’Islam come religione e le sue peculiarità - 4. I tentativi di intesa con lo Stato italiano e le iniziative dello Stato per conoscere l’Islam italiano - 5. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Nuove leggi per vecchie intese - di Marco Canonico

SOMMARIO: 1. L’insperato recupero di alcune intese - 2. Le novità degne di nota - 3. Osservazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Freedom of religion, freedom of expression and the United Nations: recognizing values and rights in the “defamation of religions” discourse - di Silvia Angeletti

SOMMARIO: 1. Limits to free speech, incitement to hatred and a “third case” - 2. UN Resolutions on Defamation of Religions (1999 – 2010). The role of the Organization of Islamic Cooperation - 3. Recognizing values and rights in the defamation of religions discourse - 4. The interplay between racial and religious offences and its effect on limitations to free speech - 5. Balancing freedom of expression and freedom of religion in the work of the UN Human Rights Committee - 6. Concluding Remarks.

Freedom of religion, freedom of expression and the United Nations: recognizing values and rights in the “defamation of religions” discourse

ABSTRACT: The article focuses on the issue of religious freedom and freedom of expression from the point of view of the United Nations. In particular, it examines the so called Defamation of religions, which has been the topic of a series of Resolutions voted by the Human Rights Commission, the Human Rights Council and the Assembly General, from 1999 to 2010. In the Defamation of religions debate, the UN institutions appear to tend to highlight the conflict between rights rather than the positive interrelation between them. Nonetheless, it has been repeatedly argued that it should be possible for political institutions and religious majorities to use anti-defamatory legislation in order to stem the activities of religious minorities. Applying penal anti-defamation laws might not be the best way to deal with the potential conflict between two fundamental rights. The more recent trends show a shift toward what seems to be a more suitable accommodation of the interests at stake. In this regard, the article will consider the Human Rights Council’s Resolution about discrimination on religious grounds (2011), the Ad Hoc Committee on Complementary Standards to the ICERD and the new General Comment on article 19 of the ICCPR.

Scarica il testo completo in PDF

Alcune considerazioni sulla regolamentazione dei movimenti a carattere settario nell’ordinamento francese - di Maria Cristina Ivaldi

SOMMARIO: 1. Considerazioni introduttive – 2. I precedenti – 3. Le previsioni della legge 12 giugno 2001, n. 2001-504 – 4. Cenni alle reazioni sovranazionali e internazionali – 5. La successiva attività governativa e parlamentare – 6. Conclusioni interlocutorie guardando all’apporto giurisprudenziale.

Scarica il testo completo in PDF

Le intese fantasma (a metà) - di Alessandro Albisetti

SOMMARIO: 1. La questione - 2. Qualche riflessione in materia matrimoniale – 3. La conferma di una proposta.

Scarica il testo completo in PDF

Le modalità di erogazione delle liberalità agli enti religiosi in relazione alla normativa antiriciclaggio ed al decreto cd. “salva Italia” - di Antonio Fuccillo

SOMMARIO: 1. Il finanziamento privato alle organizzazioni religiose alla luce della recente normativa antiriciclaggio – 2. Le operazioni “sospette” ed il rischio di selettività delle confessioni destinatarie delle attribuzioni liberali – 3. Gli interventi positivi della Chiesa cattolica in materia di antiriciclaggio – 4. La trasparenza gestionale delle confessioni come contributo allo sviluppo finanziario della società.

Scarica il testo completo in PDF

Ripartizione delle competenze e limiti costituzionali della previsione delle intese fra confessioni religiose diverse dalla cattolica e Stato italiano - di Valerio Tozzi

SOMMARIO: 1. Il fatto – 2. La categoria giuridica delle confessioni religiose non è definita normativamente – 3. Il discutibile sillogismo del Consiglio di Stato – 4. L'ambito della disciplina de ...i loro rapporti con lo Stato – 5. Sulla normazione contrattata fra le confessioni religiose e lo Stato – 6. Legittimità, necessità e urgenza della legge generale sulle libertà religiose.

Scarica il testo completo in PDF

La stipulazione di intese con lo Stato: diritto delle confessioni religiose o libera scelta del Governo? - di Marco Canonico

SOMMARIO: 1. Il ruolo delle intese nella disciplina dei rapporti tra Stato e confessioni religiose diverse dalla cattolica - 2. Le prerogative che competono alle confessioni religiose - 3. La sentenza del Consiglio di Stato, Sezione quarta, 18 novembre 2011 n. 6083 - 4. Riflessioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Laicità e dimensione pubblica del fattore religioso. Stato attuale e prospettive. Relazione di sintesi - di Enrico Vitali

SOMMARIO: 1. Introduzione ai temi del Convegno (Giovanni Varnier) – 2. Profili costituzionali - 2.a) Il sistema di accordi con la Chiesa cattolica e l’incidenza delle fonti unilaterali statuali (Giuseppe Dalla Torre) - 2.b) Laicità e prevalenza delle fonti di diritto unilaterale sugli accordi con la Chiesa Cattolica (Nicola Colaianni) – 3. La situazione delle minoranze religiose tra autonomia e immobilismo del legislatore - 3.a) Le minoranze religiose tra autonomia e immobilismo del legislatore (Mario Tedeschi) - 3.b) Le minoranze religiose (Silvio Ferrari) - 4. – Il diritto regionale e il diritto locale - 4.a) Laicità e collaborazione a livello locale. Gli equilibri tra fonti centrali e periferiche nella disciplina del fenomeno religioso (Pierangela Floris) - 4.b) Laicità e spazi urbani. Il fenomeno religioso tra governo municipale e giustizia amministrativa (Roberto Mazzola) - 5. La giurisdizione - 5.a) Il diritto “vivente” nella giurisprudenza della Corte di Cassazione (Raffaele Botta) - 5.b) Le ultime tendenze giurisprudenziali del Consiglio di Stato (Paolo Moneta).

Scarica il testo completo in PDF

L’appartenenza religiosa tra apostasia, divieto di proselitismo e ricerca d’identità - di Giovanni Cimbalo

SOMMARIO: 1. Globalizzazione e difesa dell’identità religiosa - 2. L’apostasia in Italia da atto individuale a comportamento  collettivo - 3. Proselitismo aggressivo e apostasia - 4. La “difesa dello spazio territoriale” nell’ortodossia e il proselitismo tra le confessioni cristiane. Il “modello greco” - 5. La CEDU di fronte al divieto di proselitismo e a tutela della libertà di coscienza - 6. La libertà di non credere nello spazio giuridico dell’Unione Europea.
 

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e nuove presenze confessionali (ortodossi e islamici): tra cieca deregulation e super-specialità, ovvero del difficile spazio per la differenza religiosa - di Alessandro Ferrari

SOMMARIO: 1. Preambolo: una (inevitabile) questione di termini – 2. Le minoranze religiose in Italia nell’età federalista – 3. L’associazionismo religioso: il forzato della sussidiarietà orizzontale? – 4. Mimetismo a cascata e processi di istituzionalizzazione - 5 Alcune osservazioni conclusive: riacquistare la vista.

Scarica il testo completo in PDF

La difficile posizione giuridica dei Testimoni di Geova in Russia di fronte alla Corte di Strasburgo - di Chiara Lapi

SOMMARIO: 1. Il fatto - 2. Il ruolo dei Testimoni di Geova e delle altre religioni in Russia dal 1891 a oggi - 3. Il merito - 4. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Religioni e ateismi: una complexio oppositorum alla base del neo-separatismo europeo - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Il dialogo dell’Unione europea con le organizzazioni confessionali e non – 2. Il separatismo statunitense – 3. Il neo-separatismo europeo – 4. La complexio oppositorum nell’elaborazione cattolica … - 5 … e in quella secolare – 6. Il separatismo pluralistico europeo (e americano).

Religions and Atheisms: a Complexio Oppositorum at hearth of the European New-Separatism

ABSTRACT: The European Union is not interested in religious phenomenon. It’s a form of separatism between State and Church. Yet the last Treaty about the Union functioning stated an “open, transparent and regular dialogue” between the Union and the Churches and the philosophical or non-confessional organizations alike. So religions and atheisms, the exact opposites, are not only recognized but also linked as complexio oppositorum. That originates a pluralistic separatism. By means of constitutional law research this paper demonstrates that this new-separatism is new for the Europe but usual for the U.S. and therefore it contributes a long way towards a rapprochement between Europe and America from the constitutional point of wiew.

Scarica il testo completo in PDF

A cinque anni dalla riforma dei reati in materia di religione: un commento teorico-pratico degli artt. 403, 404 e 405 c.p. - di Fabio Basile

SOMMARIO: Parte prima: considerazioni generali sugli artt. 403, 404 e 405 c.p. - 1.1. L'evoluzione dei reati in materia di religione. - 1.2. Le "confessioni religiose": il problema della loro individuazione. - 1.3. La problematica individuazione del bene giuridico tutelato dai ‘nuovi’ delitti contro le confessioni religiose. - Parte seconda: il ‘nuovo’ art. 403 c.p. - 2.1. La dimensione plurioffensiva del delitto di “offese a una confessione religiosa mediante vilipendio di persone”. - 2.2. Elemento oggettivo. - 2.3. (Segue) in particolare, la persona-oggetto materiale. - 2.4. Elemento soggettivo. - 2.5. Questioni di legittimità costituzionale. - 2.6. Rapporti con altre figure di reato. - 2.7. Questioni di diritto intertemporale. - 2.8. Casistica. - Parte terza: il ‘nuovo’ art. 404 c.p. - 3.1. La riforma del 2006: il delitto di “offese a una confessione religiosa mediante vilipendio o danneggiamento di cose”. - 3.2. Il bene giuridico. - 3.3. Elemento oggettivo. - 3.4. (Segue) le cose-oggetto materiale. - 3.5. (Segue) le connotazioni spazio-temporali - 3.6. Elemento soggettivo. - 3.7. Questioni di legittimità costituzionale. - 3.8. Rapporti con altre figure di reato. - 3.9. Casistica. - Parte quarta: il ‘nuovo’ art. 405 c.p. - 4.1. Il bene giuridico tutelato dal delitto di “turbamento di funzioni religiose del culto di una confessione religiosa”. - 4.2. Elemento oggettivo. - 4.3. Elemento soggettivo. - 4.4. Consumazione e tentativo - 4.5. Circostanza aggravante e rapporti con altre figure di reato. - 4.6. Questioni di legittimità costituzionale. - 4.7. Sanzioni. - 4.8. Casistica.

Scarica il testo completo in PDF

Principio di cooperazione, rapporti con le confessioni minoritarie e problemi di rappresentanza. Uno sguardo all’esperienza latinoamericana - di Antonio Ingoglia

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La condizione dei culti minoritari in America Latina: cambiamenti in corso - 3. I rapporti con le confessioni religiose non registrate o non ammesse alla concertazione. Normative nazionali a confronto – 4. Il problema dei culti “ancestrali” – 5. Alcune conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

La Conferenza delle chiese europee (KEK) e l’attuazione del Trattato di Lisbona - di Gianni Long

SOMMARIO: 1. La Conferenza delle chiese europee – 2. La KEK in dialogo con gli organismi cattolici e le istituzioni europee – 3. La KEK in dialogo con gli organismi cattolici e le istituzioni europee- 4- Il documento comune KEK-COMECE sull’attuazione dell’art. 17 – 5. La proposta della KEK per un dialogo aperto, trasparente e regolare.

Scarica il testo completo in PDF

Le confessioni religiose e il principio di sussidiarietà nell’Unione europea: un nuovo giurisdizionalismo attraverso il mercato - di Federica Botti

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Il Trattato di Lisbona: un nuovo ruolo per le Confessioni religiose - 3. La gestione dei servizi alla persona come opportunità di investimento attraverso il ricorso alla sussidiarietà orizzontale - 4. Il ruolo delle Confessioni religiose nella costruzione di posizioni dominanti sul mercato dei servizi alla persona: il caso della Romania - 5. Il divieto di aiuti statali alle attività economiche e la costruzione di posizioni di vantaggio: il caso della Chiesa Cattolica in Italia - 6. Invarianze e aporie del Diritto comunitario.

Scarica il testo completo in PDF

Le confessioni prive di intesa non esistono - di Valerio Tozzi

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Confessioni religiose e culti ammessi - 3. Confessioni religiose e culti non sono la stessa categoria di soggettività religiose collettive - 4. Istituti dei culti ammessi, istituti ecclesiastici ed enti di culto - 5. Oltre alle confessioni religiose la Costituzione ha previsto e ampiamente garantito le … istituzioni o associazioni a carattere ecclesiastico e con fine di religione e di culto - 6. Se non c’è l’intesa con lo Stato italiano, non c’è confessione religiosa

Scarica il testo completo in PDF

“Diritto della Unione Europea e status delle confessioni religiose”. Apertura dei lavori - di Giorgio Feliciani

Il presente incontro costituisce la continuazione e lo sviluppo della riflessione iniziata con il Convegno, svoltosi in Università Cattolica nel maggio 1999, su “Chiese, associazioni, comunità religiose e organizzazioni non confessionali nell’Unione Europea”. Su tale problematica si confrontarono allora non solo qualificati esperti e autorevoli esponenti della Commissione europea, ma anche rappresentanti di organismi confessionali e ideologici accreditati presso la stessa. Tra le tante significative acquisizioni dei lavori merita ricordare quanto ebbe ad avvertire Thomas Jansen, presidente della “Cellule de prospective” allora incaricata di assicurare il dialogo dell’Unione con le “communautés de foi et de conviction”. Egli ebbe infatti a rilevare che l’interesse della Commissione nei confronti di questi “partenaires” non derivava tanto dal loro pur rilevante ruolo quali attori della società civile, ma soprattutto dall’apporto che essi potevano offrire sotto il profilo etico alla identificazione e definizione dell’identità e del significato della Unione. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

L’evoluzione del diritto comune in materia religiosa nella legislazione nazionale - di Paolo Moneta

Sommario: 1. Premessa – 2. La legislazione sulle confessioni religiose – 3. I beni culturali – 4. Gli enti ecclesiastici e gli enti di utilità sociale – 5. La tutela penale – 6. La bioetica – 7. Gli insegnanti di religione e la tutela della riservatezza – 8. Osservazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Dialogo interreligioso e sistema italiano delle Intese: il principio di cooperazione al tempo della post-democrazia - di Maria Cristina Folliero

SOMMARIO: 1. Premessa: cooperazione e sussidiarietà come fattori di accelerazione dei processi nazionali e comunitari di integrazione tra ordinamenti politici e religioni - 2. Gli attori in campo in Italia - 2.1: le Chiese e le diverse valenze della ripresa del dialogo interreligioso - 2.2: Lo Stato tra go and stop nella nuova stagione delle Intese che non decolla - 2.2.1: delle nuove leggi sulla libertà religiosa, delle Carte dei Diritti e dell’Integrazione, delle Consulte e dei Comitati per l’Islam italiano e altri rimedi – 3. Conclusioni interrotte.

Scarica il testo completo in PDF

Il concetto e il contenuto dell’istituto della libertà di coscienza e di religione nella tradizione giuridica russa - di Ekaterina Lagoda

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. I prerequisiti per la regolamentazione legale della religione come realtà sociale – 3. "Professione di fede" come categoria della legislazione ed elemento obbligatorio dello status personale durante la monarchia – 4. La libertà di coscienza come risultato positivo nei primi anni dell’istituzione del potere sovietico – 5. Il modello autoritario della regolamentazione dei rapporti con le confessioni negli anni ‘60 – 6. La Legge RSFSR "Della libertà delle confessioni religiose" (25 dicembre 1990): un passo verso la disciplina legislativa dell'istituto della libertà di coscienza e di religione – 7. La Costituzione del 1993 come base giuridica per la regolamentazione della libertà di coscienza e di religione nella Federazione Russa – 8. La violazione del principio costituzionale di laicità dello Stato nel tentativo di trovare una nuova ideologia per rafforzare e unire il paese.

Scarica il testo completo in PDF

Le minoranze religiose tra normativa penale e diritti di libertà: rilievi a margine di una recente sentenza su Scientology - di Germana Carobene

SOMMARIO: 1. Una recente condanna dell’Associazione di Scientology in Francia - 2. Problematiche sollevate dalla decisione - 3. Il reato di escroquerie/truffa e le persone giuridiche - 4. Il principio di laicità e il diritto penale - 5. Modello liberale e normative penali.

Scarica il testo completo in PDF

I rapporti tra lo Stato e le Comunità religiose in Albania - di Giovanni Cimbalo

SOMMARIO: Premessa -- 1.1. - La nascita dello Stato albanese - 1.2. Il riconoscimento della libertà di organizzazione dei culti – 1.3. La monarchia Zoghista e la stabilizzazione delle Comunità religiose - 1.4. La politica di Zog verso la Chiesa Cattolica - 1.5. La legislazione della repubblica socialista d’Albania in materia di Comunità religiose- 1 6. La nuova legge sulle Comunità religiose: verso l’ateismo di Stato – 1-6.1. La Comunità Mussulmana - 1.6.2. La Comunità bektashi - 1.6.3. La Comunità ortodossa - 1.6.4. Lo Statuto della Comunità Cattolica 1.7. La rinascita della libertà religiosa, di coscienza e del pluralismo confessionale - 1.8. L’originalità del modello albanese - 1.9. La stagione degli Accordi: l’Albania torna alle origini.

Scarica il testo completo in PDF

Le minoranze religiose tra autonomia e immobilismo del legislatore - di Mario Tedeschi

Nel ringraziare il direttivo dell’Associazione, della quale sono stato uno dei fondatori, per il cortese invito, non privo di coraggio, mi sia consentito ricordare con nostalgia il suo primo presidente, prof. Luigi De Luca, il cui tratto e la cui intelligenza e competenza non sono facilmente eguagliabili. Debbo rilevare altresì che il tema affidato alla mia attenzione e a quella del prof. Ferrari, può prestarsi, così come formulato, a una lettura classica non particolarmente in linea con l’argomento generale del Convegno, che riguarda la laicità e la dimensione pubblica del fattore religioso, e nemmeno attuale, anche alla luce della negoziazione bilaterale aperta instauratasi dopo il 1984 che, fortunatamente, è stata trattata dai professori Colaianni e Dalla Torre. Cosa non mi piace di questo titolo? Innanzi tutto l’inciso “minoranze religiose”, che presuppone una maggioranza diversamente riguardata, come di fatto è; in secondo luogo, il riferimento al concetto di autonomia in una dimensione pubblica, dal momento che per me l’autonomia nasce come concetto privatistico, come insegnavano Pugliatti e Cesarini Sforza, e come autonomia negoziale ... (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Associazioni religiose e “nuovi movimenti” religiosi alla prova del diritto comune in Italia e del diritto comunitario - di Antonino Mantineo

SOMMARIO: 1. La difficile nozione di Confessione religiosa - 2. L’espansione del fenomeno religioso e i nodi problematici emergenti - 3. Qualche spunto e prospettiva per un diritto comunitario sulla libertà religiosa.

Scarica il testo completo in PDF

Rapporto sui movimenti religiosi nella Repubblica Moldavia - di Viorel Cojocaru

SOMMARIO: Premessa - 1. 1. Lo sviluppo delle nuove confessioni religiose nella Repubblica di Moldova dopo il 1992 - 2.1. Biserica Evanghelist-Baptistă (la Chiesa Evangelica Battista) della Repubblica moldava - 2.2. Bisererica Creştin Adventistă (la Chiesa Cristiana Avventista) - 2.3. I Testimoni di Geova - 2.4. I Pentecostali – Uniunea Bisericilor Creştinilor Credinţei Evanghelice (l’Unione delle Chiese dei Cristiani di Credo Evangelico) - 2.5. Neo-apostolicii - 2.6. Prezbiterienii (i Presbiteriani) – la Comunità “Biserica Păcii” (la Chiesa della Pace) - 2.7. I Biblici – Biserica Biblică (la Chiesa Biblica) - 2.8. I “Molocani” - 2.9. I “Visarionisti” – Biserica Ultimului Testament (La Chiesa dell’Ultimo Testamento) - 2.10. Armata Salvării (L’esercito della Salvezza) - 2.11. Movimenti orientali e neopaganesimo: Societatea Conştiinţei Crişna ( la Società della Coscienza Crişna) della Repubblica Moldavia - 2.12. Biserica Unificării (la Chiesa dell’Unificazione) della Repubblica Moldavia - 2.13. Biserica lui Isus Hristos a Sfintelor din Zilele din urmă (la Chiesa di Gesù Cristo e dei Santi dell'ultimo giorno) della Repubblica Moldavia (i mormoni) - 2.14. Il culto Bahai - 2.15. Movimenti esoterici e neognostici, o culto-magici e satanismi - 3. Alcune considerazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Dimensione pubblica del fenomeno religioso e collaborazione delle confessioni religiose con lo Stato - di Valerio Tozzi

SOMMARIO – 1. Il concetto di pubblico e la collaborazione – 2. Il rilievo pubblico della religione – 3. L’enfatizzazione delle confessioni religiose come strumento di attuazione di una dimensione pubblica del fenomeno religioso – 4. Le confessioni religiose non sono l’espressione della dimensione pubblica del fenomeno religioso – 5. Collaborazione con le istituzioni pubbliche o competizione delle confessioni nell’occupazione dello spazio pubblico?

Scarica il testo completo in PDF

Stato e religione nel processo di democratizzazione dei Paesi europei post-comunisti - di Giovanni Barberini

SOMMARIO: 1. Il processo di democratizzazione – 2. La religione e le confessioni religiose nella rinascita degli Stati – 3. Il quadro giuridico – 4. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Note critiche sulla Storia della Chiesa Ortodossa Russa di Angelica Carpifave - di Giovanni Codevilla

Il volume, scritto dall’ex direttrice dell’Istituto italiano di cultura a Mosca, sembrerebbe voler dare una autorevole risposta ad una esigenza fortemente sentita nell’ambito delle ricerche sul mondo russo, giacché l’ultimo studio apparso in Italia sull’argomento risale alla metà del secolo scorso con la pubblicazione dell’ampio e documentato saggio di A. M. Ammann, Storia della Chiesa Russa e dei Paesi limitrofi. Nondimeno, già dalle lettura delle prime pagine, il lettore si pone dei dubbi sulla profondità e il carattere scientifico dell’indagine della Carpifave, che contiene non pochi errori ed omissioni, sia sostanziali che formali. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

La «supremazia» del principio di laicità nei percorsi giurisprudenziali: il giudice ordinario - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. I «perché» della ricerca – 2. I «come» della ricerca – 3. I «dati» della ricerca – 4. Il principio di laicità, l’interpretazione adeguatrice ed il diritto ecclesiastico positivo – 5. I rischi dell’interpretazione adeguatrice – 6. L’interpretazione adeguatrice e la discrezionalità del giudice – 7. I vincoli nell’attuazione del principio – 8. Le linee generali degli interventi della Corte di cassazione civile e dei giudici di merito – 9. L’ossequio formale al principio – 10. L’applicazione giurisprudenziale fatta dalle sezioni unite civili della Corte di cassazione … – 10.a) Il divieto di ingerenza nell’organizzazione delle confessioni religiose - 10.b) Libertà fondamentali, diritti assoluti e riparto della giurisdizione - 10.c) Pubblico, religioso e profili etici - 10.d) La potestà organizzatoria non conformata della Pubblica Amministrazione - 10.e) Ordine pubblico e delibazione - 11. (segue) … e dalle sezioni semplici – 11.a) La personalità giuridica privata degli enti di culto - 11.b) L’insegnamento della religione nella scuola pubblica e gli insegnanti - 11.c) Il lavoro dei religiosi presso l’associazione di appartenenza - 11.d) I diritti delle scuole confessionali e i diritti degli insegnanti - 11.e) Il riconoscimento del figlio naturale - 11.f) Il giuramento - 12. Uno sguardo riassuntivo.

Scarica il testo completo in PDF

Religione e diritti umani nelle società in transizione dell’Est Europa - di Giovanni Cimbalo

SOMMARIO: 1 Alcuni problemi di metodo - 2. I contenuti della separazione e i problemi aperti nei rapporti degli Stati con le Chiese ortodosse - 3. Le ragioni di un Islam europeo, la libertà di proselitismo e quella di mutare religione - 4. I nuovi culti nell'Est Europa - 5. Gli accordi ecclesiastici para concordatari: un nuovo modello di relazione delle confessioni con lo Stato.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e autonomia confessionale - di Carlo Cardia

SOMMARIO: 1. Normativa internazionale, libertà religiosa, autonomia istituzionale delle confessioni religiose - 2. Modernità e libertà religiosa. Crollo del totalitarismo e tramonto del giurisdizionalismo nei rapporti con le Chiese - 3. Forme residue di giurisdizionalismo benevolo. Organismi confessionali creati per legge statale e condizionamento delle Chiese - 4. Segue. Finanziamento pubblico delle Chiese, incidenza sulla libertà dei fedeli e sulla autonomia confessionale - 5. Conclusioni. Prospettive riformatrici, diritti dello Stato, diritti delle Chiese.

Scarica il testo completo in PDF

Il consociativismo olandese alla prova della globalizzazione - di Giovanni Cimbalo

SOMMARIO: 1. Nascita e sviluppo del sistema consociativo - 2. La società olandese e la presenza organizzata del culto mussulmano nel Paese - 3. Alcune considerazioni generali sul sistema di relazioni tra Confessioni religiose e Stato in Olanda: il nuovo consociativismo olandese.

Scarica il testo completo in PDF

Prime note sulla tutela penale dei culti nei Paesi dell’Est Europa - di Giovanni Cimbalo

SOMMARIO: 1. Alcune considerazioni preliminari sullo status delle Confessioni religiose nei paesi dell’Est Europa - 2. I nuovi orientamenti del diritto penale nell’Est Europa - 3. Le norme statali in materia di tutela penale dei culti e del sentimento religioso. 3. Le norme penali relative ai culti e a al sentimento religioso prima del 1992 nei Paesi dell’Est Europa - 4. Tipologie e tecniche legislative di tutela penale dei culti dopo il 1992 nei Paesi dell’Est Europa - 5. Alcune sommarie considerazioni.

Scarica il testo completo in PDF

La “Dichiarazione di intenti per la federazione dell’Islam italiano”: un primo commento - di Paola Fantelli

A circa un anno dalla approvazione della Carta dei valori della cittadinanza e dell’integrazione, alcuni esponenti musulmani hanno presentato ufficialmente un documento redatto a Roma, il 13 marzo 2008, intitolato Dichiarazione di intenti per la federazione dell’islam italiano, prospettando il proposito di  costituire una federazione islamica in Italia che si riconosca nei principi della Costituzione edella stessa Carta dei valori. Quest’ultima, adottata, come è noto, nel 2007 dall’allora ministro dell’Interno, Giuliano Amato, e tradotta in otto lingue per essere più facilmente accessibile a tutte le comunità di immigrati, prospetta “una mappa” di orientamento in materia di multiculturalità e pluralismo etnico e religioso, proponendo con un linguaggio semplice e lineare un percorso costituzionale per tutte le realtà confessionali italiane e dunque non esclusivamente destinato all’Islam. Anche se, indubbiamente, essa assume un ruolo determinante nella prospettiva di una possibile negoziazione bilaterale tra l’Islam e i pubblici poteri. (Continua)
 

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa e società multiculturali: la risposta italiana - di Maria Cristina Folliero

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. L’Europa e il caso italiano. Percorsi comuni: accostamenti e distanze - 3. Società multiculturali, secolarizzazione e riconoscimento del ruolo pubblico delle Chiese - 4. Elementi della situazione interna su cui riflettere – 5. Conclusioni molto provvisorie.

Scarica il testo completo in PDF

Chiese e organizzazioni religiose nel Trattato di Lisbona - di Gianfranco Macrì

SOMMARIO: 1. I diritti fondamentali come radici della nuova Europa. 2. Europa, società civile e religioni. 3. Le organizzazioni religiose nel Trattato di Lisbona: problemi e prospettive.

Scarica il testo completo in PDF

La nuova intesa con l’Unione Buddhista Italiana: una doppia conforme per il Sangha italiano - di Silvia Angeletti

SOMMARIO: 1. Nuovi accordi e aggiornamenti nel quadro delle intese - 2. Le novità in tema di obbligatorietà del servizio militare - 3. L’insegnamento religioso nella scuola pubblica - 4. Il diritto di istituire scuole e istituti di educazione - 5. L’interesse all’intesa, tra tempi della politica ed esigenze confessionali.

Scarica il testo completo in PDF

Questioni semantiche e disegno costituzionale di disciplina del fenomeno religioso - di Valerio Tozzi

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Il ricorso generalizzato alla categoria delle … confessioni religiose - 3. Individuazione della categoria costituzionale delle … confessioni religiose - 4. Le … istituzioni o associazioni a carattere ecclesiastico o con fine di religione o di culto - 5. La categoria delle … formazioni sociali … a carattere religioso - 6. I rapporti Stato-confessioni religiose come sotto-sistema normativo nel più vasto ambito della tutela delle libertà delle formazioni sociali a carattere religioso - 7. Strumentalità del richiamo indifferenziato alle confessioni religiose per attuare un continuismo politico col sistema dei diritti riflessi.

Scarica il testo completo in PDF

Le confessioni religiose a Trieste: un confronto tra esperienze diverse - di Valentina Frezza

SOMMARIO: 1. Osservazioni in merito ad un recente convegno - 2. Il contesto culturale e religioso nella città di Trieste - 3. La testimonianza della Chiesa Cristiana Avventista del Settimo Giorno - 4. La Comunità Evangelica Luterana triestina - 5. La Comunità Ebraica nell’esperienza delle città di Trieste e Lubiana - 6. Il Centro Buddhista tibetano “Sakya” - 7. L’Islam a Trieste – 8. La realtà cattolica - 9. Le Chiese ortodosse nella realtà locale.

Scarica il testo completo in PDF

L’affaire di Scientology. La qualificazione in via giudiziaria di una confessione nel contesto ‘europeo’ della libertà di religione - di Germana Carobene

SOMMARIO: 1. Il caso della Chiesa di Scientology davanti alla Corte Europea dei diritti dell’uomo - 2. La particolare evoluzione dei rapporti potere politico - fenomeno religioso nella storia russa - 3. Scientology e le problematiche di identificazione di una ‘confessione religiosa’ - 4. I rilievi dei giudici europei: violazione della libertà religiosa e necessità di intervento nella domestic jurisdiction.

Scarica il testo completo in PDF

La libertà religiosa “organizzata” nella giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo: prime linee di lettura - di Marcello Toscano

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Le decisioni della Commissione - 3. L’approccio sostanzialistico della Corte - 4. Qualche osservazione conclusiva.

Scarica il testo completo in PDF

Religiosità umana, fenomeno religioso collettivo e Costituzione italiana - di Valerio Tozzi

SOMMARIO: 1. Introduzione – 2. Il fenomeno religioso nella Assemblea costituente e nella applicazione pratica dei principi costituzionali – 3. I rapporti Stato-confessioni religiose come sotto-sistema normativo nel più vasto ambito delle libertà delle formazioni sociali a carattere religioso – 4. Politicità dell’attribuzione della qualifica di confessione religiosa – 5. Le … associazioni o istituzioni, a carattere ecclesiastico o con fine di religione e di culto … - 6. La categoria delle … formazioni sociali … a carattere religioso – 7. Erroneità del richiamo indifferenziato alla categoria delle confessioni religiose per riferirsi a generi diversi e più vasti di soggetti collettivi a carattere religioso – 8. La legge quadro sulle libertà religiose.

Scarica il testo completo in PDF

Sui contenuti di una possibile Intesa con la Chiesa Ortodossa Romena in Italia - di Federica Botti

SOMMARIO: Premessa - 1. 1. La presenza organizzata della Chiesa Ortodossa Romena in Italia - 1. 2. Sui requisiti e le procedure per la stipula delle Intese - 1.3. Lo status giuridico del clero della COR in Italia e le altre norme di garanzia - 1.3.1. Le parrocchie e gli edifici di culto.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà di coscienza e di religione - di Giuseppe Dalla Torre

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Il quadro costituzionale di riferimento - 3. Libertà religiosa o libertà di coscienza? - 4. La questione dell’obiezione di coscienza - 5. La libertà religiosa individuale, collettiva e istituzionale - 6. Contenuti del diritto di libertà religiosa - 7. L’autonomia delle confessioni religiose - 8. Limiti costituzionali al diritto di libertà religiosa - 9. Conclusioni: ragione ed ambiti di una legge ordinaria sulla libertà religiosa.

Scarica il testo completo in PDF

Libertà religiosa collettiva, e nuove intese con le minoranze confessionali - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. Una volta ancora – 2. Una cronaca impietosa – 3. Un pluralismo confessionale “a mezzo busto” – 4. L’uguale diritto alla laicità “positiva” – 5. Un’impostazione “riduzionistica” – 6. I problemi irrisolti, i problemi nuovi, il caos delle fonti, le regole della collaborazione – 7. Il quadro dei valori: dalla Costituzione al Trattato di Lisbona – 8. Uguali libertà e “clausola delle religioni più favorite” – 9. “Provare e riprovare”: non basta confidare nella Corte - 10. Effettività delle tutele e ricorso diretto alla Corte delle confessioni religiose – 11. Costituzione materiale e pace religiosa – 12. Principio di equivalenza, di effettività, di adeguatezza e proporzionalità.

Scarica il testo completo in PDF

La inscripción en el Registro de entidades religiosas. Comentario a la sentencia de la Audiencia Nacional (sala de lo contencioso-administrativo, sección 3), de 11 octubre 2007 - di Maria del Mar Moreno Mozos

La sentencia de la Audiencia Nacional (sala de lo contencioso-administrativo, sección 3), de 11 octubre 2007, resuelve el recurso número 352/2005 interpuesto por la Iglesia de Scientology de España contra la Administración general del Estado, impugnando la resolución del Ministerio de Justicia de 11 de febrero de 2005, confirmada en reposición por otra de 17 de mayo del mismo año, por la que se deniega la solicitud de la recurrente para ser inscrita en el Registro de entidades religiosas [RER] dependiente de la Dirección general de asuntos religiosos del mencionado departamento ministerial. La entidad recurrente solicita que se declaren nulas las decisiones impugnadas y se ordene la práctica del asiento. La Dirección de asuntos religiosos, ante la solicitud de inscripción por parte de los representantes de la iglesia en octubre de 2004, y existiendo previamente resoluciones en idéntico sentido, solicitó informe a la Abogacía general del Estado, que se pronunció a favor del examen de la nueva petición por el órgano encargado, y proceder a su inscripción en el supuesto de constatar la presentación de estatutos diferenciados por parte de la recurrente ... (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Perché temere una disciplina della libertà religiosa conforme a Costituzione? - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. Premessa: l’utilità di due riletture – 2. Le proposte di legge del 2006 (On. Boato e On. Spini) ed il testo unificato (On. Zaccaria) – 3. I rilievi del Segretario generale della Conferenza Episcopale Italiana – 4. Lo “status paritario” delle confessioni e la loro diversità secondo “natura” – 5. L’uguale godimento dei diritti di libertà – 6. Il principio di laicità ed il diritto di libertà religiosa – 7. La disciplina del matrimonio religioso e la specificità del riconoscimento – 8. Il luogo comune della laicità “francese” – 9. Il sistema pubblico radiotelevisivo e l’edilizia di culto – 10. Per una laicità e una libertà religiosa “conformi a Costituzione”: libertà dalla intransigenza, non libertà della intransigenza.

Scarica il testo completo in PDF

Disciplinarità confessionale e stato di diritto - di Piero Bellini

È “dato reale di esperienza” che – nel vivo della fenomenologia comunitaria – le Confessioni religiose [quali prendono corpo e si consolidano dintorno a un Credo unificante] vengono in campo con una «entità effettuale loro propria». Esse – nella loro puntuale concretezza – presentano il carattere oggettivo (diremmo “morfologico”) di «formazioni sociali auto-sufficienti»: qualificate – per come ci si parano dinanzi – dall’essere «espressione di forze aggregative ingenite». È dato reale di esperienza che – nella ordinarietà dei casi – in questa o in quella Confessione [in questa o in quella Religione] non «si entra» per atto associativo di propria autonoma elezione: in grazia d’una qualche “determinazione di tipo negoziale”. Piuttosto «ci si nasce»: «ci si trova incardinati ». E se ne avverte il non eludibile richiamo. Se ne avverte il fascino, come d’un che di arcano, di «assoluto»: ricco di tanta suggestione numinosa (di tanta forza d’attrazione) da trascendere la nostra capacità dispositiva. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Il progetto di Legge Tjul’kin per modificare la legislazione sulle associazioni religiose - di Giovanni Codevilla

In data 19 marzo 2007 Viktor Arkad’evič Tjul’kin, vice presidente del Comitato della Duma di Stato della Federazione Russa per il lavoro e la politica sociale, ha presentato il progetto di legge “Dell’introduzione di modifiche ed integrazioni alla Legge Federale Della libertà di coscienza e delle associazioni religiose”. Tjul’kin, che si professa marxista ortodosso, è un esponente di spicco del Partito comunista operaio russo – Partito russo dei comunisti, essendo Primo segretario del Comitato Centrale. Come si può agevolmente desumere dalla denominazione, questa formazione politica non fa mistero della propria concezione della democrazia parlamentare, rifacendosi senza imbarazzo alcuno all’affermazione di Lenin: “Il soviet dei deputati dei lavoratori non è un parlamento operaio e non é un organo di autogestione proletaria: in generale esso non è un organo di autogestione, ma una  organizzazione combattente per il conseguimento di determinati fini”. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Enti ecclesiastici – Enti delle Confessioni religiose - di Salvatore Berlingò

SOMMARIO: 1. L’ente ecclesiastico – 2. L’ente ecclesiastico civilmente riconosciuto - 3. Gli enti confessionali - 4. Normativa unilaterale comune e normativa di derivazione bilaterale sugli enti confessionali - 5. Enti riconosciuti dalle Confessioni - 6. Figure soggettive ‘border-line’ di enti confessionali - 7. Le attività non cultuali - 8. Il fine di religione o di culto - 9. La coerenza istituzionale dell’ente confessionale – 10. Autonomia confessionale e fine-struttura degli enti - 11. ‘Ecclesiasticità’ o ‘confessionalità’ e regime del no-profit e delle ‘imprese sociali’ - 12. Esenzioni e agevolazioni fiscali per gli enti confessionali - 13. Rapporti di lavoro e imprese di tendenza presso gli enti delle Confessioni – 14. Evoluzione della disciplina degli enti ecclesiastici e confessionali.

Scarica il testo completo in PDF

Il difficile percorso verso una legge organica sui culti in Venezuela - di Antonio Ingoglia

SOMMARIO: 1. Presupposti storico-giuridici - 2. Contenuti generali del progetto di Legge Organica “De Religiòn y Culto” all’esame dell’Assemblea Nazionale - 3. Il dibattito politico e i rilievi dei culti minoritari - 4. La posizione dell’episcopato cattolico e la questione relativa all’estensione della legislazione organica alla Chiesa Cattolica - 5. Perdurante tendenza giurisdizionalista del diritto ecclesiastico venezuelano. Due esempi: le disposizioni della “Ley Organica de Immigraciòn” e del disegno di “Ley Organica de Educaciòn” circa le funzioni ispettive e di controllo dello Stato sull’attività dei culti.

Scarica il testo completo in PDF

Fasi e mezzi per l’attuazione del disegno costituzionale di disciplina giuridica del fenomeno religioso - di Valerio Tozzi

SOMMARIO: 1. La nuova fase politica di iniziativa parlamentare sul fenomeno religioso – 2. Necessità di ripensare la politica ecclesiastica rileggendo il disegno costituzionale in materia – 3. Quale è il progetto di politica ecclesiastica della Costituzione? – 4. L’effettiva politica ecclesiastica dei Governi italiani: a) Il potenziamento degli Uffici della Presidenza del Consiglio dei Ministri con competenze in materia ecclesiastica; b) Confusione terminologica ed abuso della denominazione di confessione religiosa; c) L’utilizzo della categoria legale di “confessioni con intesa” per la partecipazione ai benefici dell’interventismo statale in materia religiosa; d) Utilizzazione della categoria giuridiche dei “ministri di culto”, empiricamente modulata dal diritto statale sull’esperienza del cristianesimo, applicandola a fenomeni che non vi si adattano – 5. Permanenza della gerarchia discriminante fra gruppi religiosi riconosciuti o misconosciuti dall’ordinamento; a) L’impiego di concetti e categorie propri di alcune esperienze religiose, non trasferibili ad altri - Impossibilità di qualificare “confessione religiosa” alcuni gruppi religiosi privi di apparati gerarchici; b) Mantenimento della discriminazione fra religioni più favorite e altri gruppi religiosi – 6. Il rapporto fra legge generale sulla libertà religiosa e normazioni contrattate con le confessioni.

Scarica il testo completo in PDF

Dalla tutela della religione di Stato alla difesa della libertà dei culti: la svolta liberale del codice Zanardelli - di Loredana Garlati

Non è semplice disegnare con pochi tratti di penna il lungo cammino intrapreso dal diritto verso la laicità. Non lo è neppure se si voglia assumere quale momento specifico di riflessione il solo ambito penale, come mi propongo di fare in questo mio intervento. Tramontata l’ossessione medievale della reductio ad unum, l’età moderna, con la definitiva frantumazione dell’universalismo, politico e religioso, avvia un processo di separazione tra sfera morale e giuridica, che troverà i suoi momenti di massima teorizzazione dottrinale nel giusnaturalismo, prima, e nell’illuminismo poi. Di fronte alla rottura dell’unità cristiana, all’emersione, sul proscenio di un mondo dai confini allargati, di civiltà fino ad allora sconosciute, si afferma una visione antropocentrica che solleva questioni nodali, interessanti al tempo stesso etica e diritto. E se le dottrine della Seconda scolastica, come è stato osservato, “con le loro aperture poterono delineare spazi che la secolarizzazione avrebbe poi occupato”, la desacralizzazione vera e propria si avvia con il giusnaturalismo “moderno”, laico, perché incentrato sull’uomo e rivolto esclusivamente a configurare le norme per la società civile. (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Immigrazione e presenze islamiche in Italia: la Consulta per l’Islam - di Gianfranco Macrì

SOMMARIO: 1. Lo scenario italiano – 2. Immigrazione e Costituzione europea – 3. Visibilità e rappresentanza dell’Islam in Italia – 4. La Consulta per l’Islam italiano – 4.1. Composizione della Consulta – 4.2. Il Manifesto dell’Islam italiano – 4.3. La Carta dei valori e dei principi – 5. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Multiculturalismo e aconfessionalità. Le forme odierne del pluralismo e della laicità - di Maria Cristina Folliero

SOMMARIO: 1. Esigenza di una ridefinizione giuridica della laicità - 2. Fonti del principio di laicità: la giurisprudenza costituzionale - 3. Laicità di contesto: i “principi supremi” e legalità delle norme concordatarie - 4. Il principio di laicità e i suoi significati - 5. Laicità di progetto e laicità cooperativa: il Concordato e le Intese – 6. Laicità di programma: il contributo della Corte Costituzionale alla differenziazione tra Confessioni religiose - 7. Laicità di risultato: la neutralizzazione del principio di non identificazione e il contributo della giurisprudenza costituzionale e di legittimità - 7.1 La decostruzione del principio di laicità e il ruolo della giustizia amministrativa - 7.2 La decostruzione del principio di laicità e gli attori sociali in campo - 8. Le conseguenze della crisi della laicità cooperativa – 9. Ridefinire la laicità: compiti dell’ecclesiasticista e prove di svolgimento.

Scarica il testo completo in PDF

Per un diritto di libertà di religione costituzionalmente orientato - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Premessa: legge e intese - 2. Insufficienze della p.d.l. – 3. L’obiettivo da perseguire - 4. La libertà di religione e i suoi limiti – 5. La laicità – 6. La libertà di religione negativa: ateismo e agnosticismo – 7. Le organizzazioni filosofiche e non confessionali – 8. Norme finanziarie (deduzioni offerte ed otto per mille) – 9. Confessioni con intesa e senza intesa: illegittimità della distinzione – 10. La personalità giuridica – 11. Il matrimonio - 12. Le classi religiosamente omogenee - 13. Simboli religiosi - 14. L’architettura della p.d.l.- 15. Conclusione.

Scarica il testo completo in PDF