Rivista telematica (www.statoechiese.it)
Online dal gennaio 2007
Menu

Articoli in Concordati, intese e altri accordi

Il Giudice italiano e le Università Pontificie: un “rapporto” controverso - di Settimio Carmignani Caridi

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Significatio verborum - 3. Dove ha la propria sede la PUL? - 4. Che rapporto c’è tra la PUL e la Santa Sede? - 5. La docenza universitaria ecclesiastica è funzione ecclesiale? - 6. La Santa Sede si è vista riconoscere in sede internazionale la sua competenza sulle università ecclesiastiche e pontificie? - 7. Inquadramento della materia così ricostruita nella normativa pattizia - 8. Conclusioni.

The Italian judge and the Pontifical Universities: a controversial relationship

ABSTRACT: The article examines the juridical status of the Roman Pontifical Universities and the jurisprudence of the Supreme Court of Cassation regarding employment relationships with institutions dependent on the Holy See.

Scarica il testo completo in PDF

La Bielorussia alla ricerca della propria identità e il processo di confessionalizzazione dello Stato - di Giovanni Cimbalo

SOMMARIO: 1. Dal socialismo di Stato allo Stato confessionale - 2. L’Accordo di collaborazione con l’Esarcato della Chiesa ortodossa Russa in Bielorussia - 3. Le materie oggetto di accordo e la confessionalizzazione delle istituzioni e dello Stato - 4. Gli accordi con gli altri culti tradizionali - 5. Il prezzo dell’alleanza: la lotta alle nuove confessioni religiose attraverso la legge sulla libertà religiosa - 6. Alcune considerazioni finali.

Belarus in search of its identity and the process of confessionalisation of the State

ABSTRACT: The current piece analyzes the stages characterizing the transition from State socialism to State Confessionalism through the Collaboration Agreement between the Belorussian Government and the Exarcate of the Russian Orthodox Church in Belarus. The main subjects of the agreement and the confessionalisation process of the institutions are taken into account. The essay deals with the alteration of the basic functions of the Belorussian State, namely education, health services and assistancy to the segregating foundations, etc. Furthermore, the agreements with other traditional religious groups are relevant. In this regard, the law on religious freedom is mainly used to resist the spread of such new cults. The study is then finalized to highlight the existing link between the Russian Orthodox Church traditions and cultural heritage with the estabilishment of a national identity. This symbolic bond is then used to build the basis of a new State with strong religious features in sensitive matters such as the control over births, bridal affairs, cultural and social valuesin a nationalist and sovereignist key.

Scarica il testo completo in PDF

Ordinamento statuale e confessioni religiose. La politica delle fonti di diritto in Italia - di Roberto Mazzola

SOMMARIO: 1. Primo quadro: magazzino normativo – 2. - Secondo quadro: analisi storico-giuridica – 3. Terzo quadro: il futuro.

State and religious organisations. The Politics of the sources of law

ABSTRACT: The paper intends to verify if religious freedom in the Italian legal system is undergoing a crisis. In particular, is the concept of religious freedom of the Constituent Assembly still good? Is it necessary to reform the regulation of religious freedom? Similar questions are posed with regard to the current relationship between State and religions.

Scarica il testo completo in PDF

L’iter delle intese sui rapporti Stato-confessioni ristretto fra discrezionalità politica e insicurezza presunta - di Fortunato Freni

SOMMARIO: 1. Il ruolo di Parlamento e Governo nella modifica del Concordato lateranense e nell’elaborazione delle intese con le confessioni acattoliche - 2. La prassi instaurata per l’iter di stipulazione delle intese - 3. La discrezionalità del Governo all’avvio delle trattative e il caso dell’UAAR - 4. Il concetto di confessione religiosa parte di un’intesa - 5. I limiti e le garanzie costituzionali nell’uso delle intese - 6. Anomalie tra normativa bilaterale e normativa unilaterale: intese-fotocopia e diritto comune “para-pattizio” - 7. La differenza fra le trattative per un’intesa e la negoziazione normativa - 8. La presunta minaccia del fondamentalismo religioso e il senso d’insicurezza instillato a fini politici.

The proceding of agreements on relations between State and religious denominations is restricted between political discretion and alleged insecurity

ABSTRACT: The present essay analyzes the procedure aimed at stipulating agreements on relations between the state and religious denominations considering the new elements introduced by the UAAR case. The Italian Union of Atheists and Agnostics is the protagonist of a long-standing case law case, because the Government has rejected the request for access to negotiations that allow to verify in concrete whether the conditions exist for concluding an agreement pursuant to in the third paragraph of the article 8 of the Constitution

Scarica il testo completo in PDF

Le dinamiche concordatarie tra Santa Sede e Stati islamici - di Raffaele Santoro

SOMMARIO: 1. Il concordato nelle dinamiche delle relazioni tra Chiesa cattolica e Stati islamici - 2. Concordato e libertà religiosa nei Paesi islamici - 3. Gli accordi bilaterali sottoscritti dalla Santa Sede in questi speciali “territori di missione” - 4. La tutela delle minoranze religiose nella Dichiarazione di Al-Azhar e la possibile apertura di nuove frontiere delle dinamiche concordatarie.

The concordat dynamics between Holy See and Islamic State

ABSTRACT: The article analyzes the concordat dynamics between Holy See and Islamic States developed after the Second Vatican Council. The concordat, in its various forms, is the main instrument through which is regulated the system of relations between States and Catholic Church. Its use has been tested successfully in various Islamic States, and sometimes even with heterogeneous formulas, because of differences that distinguish the individual systems, trying to translate the concepts of autonomous of Church and collaboration with States in forms legal acceptable to Muslim tradition countries. The exhortations in the Al-Azhar Declaration are directly connected with the possible development of bilateral activities between Holy See and other Islamic countries and this can also strengthen the peace among peoples and the interfaith dialogue.

Scarica il testo completo in PDF

Il decennio 1958-1968: un decennio importante per la storia dei rapporti tra Stato e chiese in Italia - di Sergio Lariccia

SOMMARIO: 1. Premessa: fatti privati ed eventi storici di un decennio importante nella storia italiana - 2. Una tavola rotonda sul decennio 1958-1968 - 3. La disciplina costituzionale sui rapporti tra Stato e confessioni religiose. Un saggio recente sull’art. 7 della costituzione - 4. Nuova attenzione al tema dei rapporti tra Stato e Chiesa cattolica alla fine degli anni Cinquanta - 5. Il processo al Vescovo di Prato - 6. Il concilio Vaticano II e le trasformazioni della società italiana negli anni sessanta - 7. La morte di Togliatti. Le tendenze della giurisprudenza - 8. Il dibattito culturale e politico sulla riforma della legislazione ecclesiastica.

1958-1968: an important decade in the history of the relationship between “Stato e chiese” in Italy

ABSTRACT: Individuals and experiences that, in the years between 1958 and 1968, had an important influence on the civic and political growth of the author. The experience of the participation in a conference on the historical period of the decade from 1958 to 1968. The constitutional provision on relations between the State and the Catholic Church in second post-war Italy, seen in the evaluation of a book published in 2017: critical considerations. New focus was given to the issue of relations between the State and the Catholic Church in the late fifties. The trial of the Bishop of Prato in 1958. The Second Vatican Council from 1962 to 1965 and the transformation of Italian society in the 1960s. The death of Togliatti on 21st August 1964 and the political consequences for Italy. Tendencies in the jurisprudence on the theme of relations between the state and religious confessions. The cultural and political debate on the reform of ecclesiastical legislation. After 1968, in Italy as in other countries, the phenomenon of extraneousness between the legal state and the real state is highlighted.

Scarica il testo completo in PDF

Sulla natura giuridica del concordato - di Domenico Schiappoli

SOMMARIO: 1. Le varie opinioni sulla natura giuridica dei concordati – 2. Osservazioni su alcune delle dette opinioni – 3. Le opinioni degli scrittori ecclesiastici – 4. Le opinioni di alcuni scrittori laici e i loro contrasti con i principii del diritto pubblico dello Stato italiano – 5. Lo scopo del concordato 11 febbraio 1929 e natura dei concordati dell’epoca moderna – 6. Efficacia giuridica del concordato – 7. In che consiste il carattere convenzionale del concordato – 8. L’esecuzione del concordato 11 febbraio 1929 e della convenzione 13 giugno 1939. La legge statale di approvazione e di esecuzione. La revoca del concordato da parte dello Stato – 9. Ancora dell’ordinamento superstatale e l’opinione di un terzo ordinamento che sarebbe creato dal concordato – 10. I principali difetti della teoria dominante sull’indole giuridica del concordato – 11. Definizione del concordato secondo il diritto positivo italiano – 12. La tradizione giuridica italiana. Il concordato del 1741 tra Ferdinando I di Borbone e papa Benedetto XIV – 13. Il concordato del 1741 regolava materie di diritto pubblico interno – 14. Il concordato 18 febbraio 1818 e le materie da esso regolate – 15. La convenzione 16 aprile 1834 e le conseguenze che da essa si deducono – 16. Il concordato austriaco del 18 agosto 1855 – 17. Il concordato 11 febbraio 1929 tra l’Italia e la Santa Sede – 18. Il concordato e la riforma della legislazione ecclesiastica. I principi confessionalistici accolti – 19. I principi giurisdizionalisti accolti dal concordato – 20. Se nel concordato si possano contenere disposizioni di carattere patrimoniale – 21. Conclusioni circa l’indole e l’efficacia giuridica del concordato – 22. La teoria legale sull’indole ed efficacia giuridica dei concordati seguita in Italia quando furono abrogati i concordati precedenti – 23. In che senso deve intendersi che il concordato è una legge ecclesiastica e civile – 24. Valore del concordato come legge speciale. Il can. 3 del codex iuris canonici – 25. Interpretazione e abrogazione del concordato.

On the juridical nature of concordats

ABSTRACT: Domenico Schiappoli wrote this essay in 1941 for the Italian scientific journal Archivio di Diritto ecclesiastico, but it never appeared in that or other issues of the review. In the essay, Schiappoli explains his ultimate thought on Church and State relations and, by considering the Concordato as an exclusive matter of national law, he marks a strong difference of perspective between his own understanding of the issue and the mainstream theories about the legal nature of agreements between Church and State.

Scarica il testo completo in PDF

Domenico Schiappoli e la questione della natura giuridica dei concordati. Premessa a un saggio ritrovato - di Alessandro Tira

SOMMARIO: 1. Un ritrovamento fortuito - 2. L’ultima stagione scientifica di Domenico Schiappoli - 3. Le tappe di una riflessione complessiva sui rapporti tra lo Stato e la Chiesa - 3.1. Dai Rapporti dello Stato con la Chiesa in Italia (1926) alla Qualificazione delle relazioni fra lo Stato e la Chiesa (1939) - 3.2. La critica di Schiappoli alla costruzione dogmatica del concordato (1934) - 3.3. Le concezioni dell’istituto concordatario prevalenti a cavallo degli anni Trenta e Quaranta - 3.4. Il saggio Sulla natura giuridica del concordato (1941) - 4. Qualche considerazione finale.

The debate on the juridical nature of agreements between Church and State. A foreword to an (almost) unpublished essay of Domenico Schiappoli

ABSTRACT: Domenico Schiappoli (1870-1945) was a prominent scholar of Ecclesiastical law in Italy; he played an outstanding role in the renewal of the discipline during the late 19th Century and early 20th. In his late age, he also took interest in Church and State relations, supporting theories, which marked a strong difference of perspective between his own understanding of the issue and the mainstream theories about the legal configuration of agreements between Church and State (“concordati”).

Scarica il testo completo in PDF

Oltre il confine stabilito. Teoria e funzionamento dei “controlimiti” - di Simone Risoli

SOMMARIO: 1. I controlimiti: osservazioni introduttive - 2. Controlimiti nella giurisprudenza della Corte costituzionale italiana: le norme europee - 3. (segue): controlimiti e norme concordatarie - 4. (segue): controlimiti e norme internazionali pattizie ex art. 11 Cost. - 5. Norme internazionali generalmente riconosciute: adattamento automatico al diritto internazionale e funzionamento dei controlimiti - 6. La giurisprudenza dei controlimiti internazionali - 7. La sentenza n. 238 del 2014 e la tutela dei diritti inalienabili della persona contro i crimini di guerra: motivi di una decisione - 8. Profili processuali delle pronunce del 2014-2015. Chi applica i controlimiti e su che cosa si svolge il giudizio? - 9. L’inesistenza delle norme contrarie a principii supremi e l’applicazione dei controlimiti - 10. Conclusioni: dalle pronunce del 2014-2015 a un ripensamento del funzionamento dei controlimiti in generale?

ABSTRACT: The essay analyses the doctrine of “controlimiti”, theorized by the Italian Constitutional Court in order to garantee the infringed fundamental rights and principles. Firstly, they will be recalled the main decisions concerning the limits to the European, concordatory and international law. Secondly, they will be analysed the decisions adopted in 2014 and in 2015, relating to the customary international law. According to these last decisions, the Constitutional Court seems to stress a different modus operandi of the controlimiti doctrine. In fact, when the Italian Court declares the contrast between corcordotary or European law and constitutional fundamental principles, the external rules are “eliminated” by declaring the invalidity of the internal rules, which reproduces the European or concordatory law. Instead, in 2014-2015 the Constitutional Court decides to declare the inexistence of the rules, which infringe the fundamental principles. Therefore, the essay will propose another possible way to reconstruct the controlimiti modus operandi, which is to consider that the Constitutional Court disapplies the rules, as they conflict with fundamental principles.

Scarica il testo completo in PDF

Diritto concordatario versus diritto eurounitario: a chi spetta la primauté? (a margine della pronunzia della Corte di Giustizia del 27 giugno 2017, C-74/16, in tema di agevolazioni fiscali per le “attività economiche” della Chiesa) - di Angelo Licastro Antonio Ruggeri

SOMMARIO: 1. La riproposizione da parte della Corte di Giustizia dello schema collaudato dell’“assorbimento” delle forme di rilevanza del fenomeno religioso nelle regole (e nelle logiche) del libero mercato - 2. La vicenda oggetto del rinvio pregiudiziale - 3. Le valutazioni di merito operate dalla Corte - 4. Le analogie con la vicenda italiana riguardante l’esenzione ICI/IMU degli immobili degli enti ecclesiastici cattolici non esclusivamente destinati a fini di culto - 5. I riflessi della sentenza sulla fiscalità agevolata degli enti ecclesiastici prevista dall’ordinamento italiano - 6. La questione dell’incidenza di tale tipo di controversie sulla clausola di salvaguardia dello status riconosciuto dal diritto nazionale alle Confessioni religiose (art. 17 TFUE) - 7. La “copertura” costituzionale della normativa di derivazione concordataria e il principio del primato del diritto dell’Unione - 8. Struttura internamente composita dell’identità dell’Unione, in seno alla quale si dà il principio del primato del diritto eurounitario come pure quello della salvaguardia dei principi fondamentali degli ordinamenti nazionali, e necessità che, caso per caso (e con la tecnica del bilanciamento), si raggiunga e tenga fermo l’equilibrio tra gli stessi - 9. Struttura parimenti composita dell’identità costituzionale dello Stato e modi di farla valere al momento (e per effetto) dell’ingresso in ambito interno di norme di origine esterna, alla luce del bisogno di affermazione di tutti i principi fondamentali (in ispecie, di quelli espressivi della coppia assiologica fondamentale di libertà e uguaglianza) - 10. Diritto concordatario versus diritto eurounitario: conflitto reale o apparente? - 11. Il significato della decisione qui annotata al piano delle relazioni istituzionali: verso una rimessa a punto del rinvio pregiudiziale e dell’equilibrio per il suo tramite raggiungibile tra la Corte dell’Unione e il giudice nazionale?

Scarica il testo completo in PDF

Prime osservazioni sul Protocollo d’intesa tra la Regione Calabria e la Conferenza Episcopale Calabra per la disciplina dell’assistenza religiosa cattolica nelle strutture sanitarie - di Luigi Mariano Guzzo

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Cenni sulla disciplina dell’assistenza religiosa nelle strutture sanitarie - 3. La regionalizzazione del sistema sanitario - 4. Il processo di federalismo ecclesiastico - 5. Il Protocollo d’intesa tra la Regione Calabria e la Conferenza Episcopale Calabra: a) il personale dell’assistenza religiosa; b) l’ambito di applicazione del Protocollo e la finalità dell’assistenza religiosa; c) l’oggetto della prestazione, i locali e le attrezzature del servizio di assistenza religiosa; d) la Commissione paritetica regionale per la risoluzione delle controversie - 6. Conclusioni.

ABSTRACT: The aim of this article is to analyse the Memorandum of Understanding between Calabrian Region and Calabrian Bishops’ Conference about religious assistance in the healthcare facilities. Thanks to this Memorandum of Understanding Calabria fills a gap regarding to the area of religious assistance in the healthcare facilities.

Scarica il testo completo in PDF

I rapporti internazionali dello Stato Città del Vaticano alla luce degli interventi normativi in materia finanziaria - di David Durisotto

SOMMARIO: 1. Stato Città del Vaticano e Unione europea. La Convenzione monetaria - 2. Lo sviluppo della SCV del Vaticano. Il dilatamento della giurisdizione vaticana e i rapporti di giurisdizione con l’Italia - 3. La normativa vaticana e il processo di valutazione MONEYVAL. Approccio collaborativo delle autorità vaticane e rapporti internazionali - 4. Gli sviluppi più recenti.

International Relations of Vatican City State and measures in financial law

ABSTRACT: After having outlined the peculiarities of Vatican City State's nature, this paper examines the development of its financial law, starting with the Monetary Convention with European Union. The Holy See from 2009 makes a serious effort to adjust its law to the current needs of an increasingly globalised market. This results in a profound change in the Vatican international relations, which were previously mainly addressing Italy, in order to satisfy the territorial and material needs of a small State. Today Vatican City State has agreed to be subject to periodic controls on its financial system by international bodies. It has developed a system of international relations and it integrates into the global financial market transparency system.

Scarica il testo completo in PDF

Pluralismo, laicità e crisi della rappresentanza politica - di Claudio Luzzati

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Post-confessionismo e laicità - 3. Religioni, morale e istituzioni - 4. La situazione odierna. La sentenza della Corte costituzionale n. 52 del 2016 - 5. Pluralismo buono (o, forse, anche cattivo) e frammentazione sociale. È la fine della politica?

Pluralism, Secular Society and the Crisis of Political Representation

ABSTRACT: How can the value pluralism deal with the problems rising from a split society where many comprehensive doctrines, belongings and religious identities can no more find something in common? This paper tries to focus such a question taking a closer look at Italy.

Scarica il testo completo in PDF

Sovranità e feudi nelle trattative con Roma fra XVI e XVIII secolo: note sul ruolo dell’interpretazione dottrinale - di Federico Alessandro Goria

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Una rapida sintesi delle posizioni settecentesche – 3. Le allegazioni giuridiche di parte sabauda del XVI e XVII secolo – 4. Le opposizioni romane alla concessione del vicariato: la difesa diventa impiccio – 5. Considerazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Islam e costituzionalismo - di Nicola Fiorita Donatella Loprieno

SOMMARIO: 1. Una breve premessa - 2. La “strategia” del Giudice delle leggi - 3. La strategia del “binario speciale” - 4. La strategia leghista del “razzismo istituzionale” - 5. Il ritorno alle Intese (ovvero la strategia dalemiana) - 6. Le questioni aperte - 6.1. Intesa no, però … - 6.2. Intesa si, però… - 6.3. Quali i possibili contenuti di una Intesa? - 6.4. E in attesa dell’Intesa? - 7. Meno Regioni più Stato, meno cooperazione più partecipazione?

Scarica il testo completo in PDF

Principio pattizio e garanzia dell’eguaglianza tra le confessioni religiose: il punto di vista della Consulta nella sentenza n. 52 del 2016 - di Marco Parisi

Sommario: 1. Introduzione - 2. L’attuazione del principio pattizio tra esigenze politiche del Governo e tutela giurisdizionale dei diritti - 3. Diniego di avvio delle trattative, qualificazione religiosa dei soggetti istanti e uguale libertà: i nodi problematici e le soluzioni.

ABSTRACT: The judgment no. 52/16 of the Constitutional Court has related to a conflict of powers between branches of State, in particular between the Council of Ministers and the Supreme Court, canceling the judgment of the Supreme Court (judgment no. 16305, June 28, 2013) with which it was established the syndicatability to the courts of the government resolution which had been denied to the Union of Atheists and Rationalist Agnostics the opening of negotiations for the signing of the agreement, in accordance with Article 8, third paragraph, of the Constitution. In reaching that conclusion, the Constitutional Court considered necessary some considerations relating to the nature and the meaning that, in our constitutional system, assume the agreement for the regulation of relations between the state and the non-Catholic religious denominations. At the same time, the Judge of the Laws has also been called upon to interpret the first paragraph of Article 8, which, in stating that all religions are equally free before the law, exclude that the State can foster the expansion of a religious group compared to the others.

Scarica il testo completo in PDF

La garanzia dell’«intesa» nell’art. 8 Cost., terzo comma - di Vincenzo Cocozza

SOMMARIO: 1. Alcuni significativi interventi dei Giudici sul procedimento previsto dall'art. 8, terzo comma, Cost. - 2. La sentenza della Corte costituzionale 10 marzo 2016, n. 52 - 3. Le motivazioni a sostegno di differenti conclusioni - 4. Intesa, libertà, eguaglianza fra confessioni.

Scarica il testo completo in PDF

Carta bianca al Governo sulle intese con le confessioni religiose (ma qualcosa non torna) - di Giovanni Di Cosimo

SOMMARIO: 1. Prassi – 2. Intese, eguale libertà, diritto di autorganizzazione – 3. Responsabilità politica – 4. Limiti legislativi e costituzionali – 5. Rapporti politici – 6. Zona franca.

Scarica il testo completo in PDF

Libera scelta del Governo l’avvio di trattative finalizzate alla stipulazione di intesa con confessione religiosa ai sensi dell’art. 8, terzo comma, Cost. - di Marco Canonico

Sommario : 1. Le vicende precedenti - 2. La sentenza della Corte costituzionale 10 marzo 2016 n. 52 - 3. Considerazioni a margine della decisione.

Scarica il testo completo in PDF

La decadenza del “metodo della bilateralità” per mano (involontaria) degli infedeli - di Nicola Colaianni

Sommario : 1. Lo strano caso di una non-confessione religiosa che fa domanda di un’intesa con lo Stato. – 2. L’obbligo, comunque, di avviare le trattative … – 3. … e la semplice facoltà di concluderle – 4. La discrezionalità politica anche nell’avvio delle trattative – 5. Il riequilibrio del rapporto tra legge comune e intese – 6. La causa delle intese – 7. Il diritto comune unilaterale come garanzia dell’eguale libertà – 8. Il “metodo della bilateralità” confinato nell’angolo della produzione giuridica.

Scarica il testo completo in PDF

Le intese tra conferme e ritocchi della Consulta e prospettive per il futuro - di Pierangela Floris

SOMMARIO: 1. Introduzione – 2. Uguale libertà e intese – 3. Il riconoscimento di una confessione tra accertamento in via incidentale e in via principale – 4. L’avvio del procedimento d’intesa e la discrezionalità politica.

Scarica il testo completo in PDF

L’insegnamento religioso nella scuola pubblica italiana: una tradizione da rinnovare - di Paolo Cavana

SOMMARIO. – 1. L’insegnamento religioso nella scuola pubblica italiana: un elemento di continuità nell’evoluzione storica – 2. Insegnamento religioso e modelli di scuola pubblica – 3. L’attuale disciplina dell’insegnamento religioso nella scuola pubblica italiana - 4. Lo stato giuridico dei docenti di religione - 5. La normativa delle Intese - 6. Le sfide attuali, tra motivi di continuità ed esigenze di rinnovamento – 7. Prospettive di riforma e spunti ricostruttivi – 8. La proposta di un insegnamento aconfessionale di religione - 9. Due piccole proposte: l’“education about religion” e il superamento dello “stato di non obbligo” – 10. Osservazioni conclusive.

Religious education in State schools in Italy: a national heritage to innovate

ABSTRACT: This paper examines, in the context of the country’s increasing religious diversity and the growing presence of religion in the public sphere, the regulation of religious education in public and State schools according to the Italian system of law. The latter actually provides an opt-in state-funded Catholic religious education together with the possibility of organizing optional religious education for all recognised denominations holding an agreement with the State. After some preliminary remarks on the origins and current contents of this legal framework, which reflects a difference of treatment among religions due to the cultural and historical background of the country, the paper focuses on some reform schemes that have been recently put forward. In particular, it examines in some detail the one concerning the introduction of a compulsory non-denominational course on religions, taking into consideration the pros and cons of each one. In the end it makes some conclusive remarks on the line of decisions of Italian courts on the issue and the impact of religious education as a whole upon the state schools’ system in Italy.

Scarica il testo completo in PDF

Conscientious Objection and the Treaty with the Holy See and other registered Churches - di David Durisotto


I would like to focus on two connected points on the legal framework for conscientious objection. First, the peculiarity which concerns the effective exercise of that right, and second, the particular instrument regulating the relations between churches and State, concerning the system of agreements with the various denominations present in the State.
1 - Religious objection can lead to a refusal to comply with obligations imposed by State laws, which are deemed conflicting with higher
imperatives that the objector cannot waive. Such refusal may be based on religious grounds, but also ethical or ideological. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Il nuovo ordine pubblico concordatario - di Anna Sammassimo

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Ordine pubblico e delibazione delle sentenze ecclesiastiche di nullità matrimoniale – 3. La sentenza n. 16379 del 2014: a) il concetto di convivenza coniugale triennale; b) le contraddizioni della Corte – 4. Un’impostazione giuridicamente logica e metodologicamente corretta - 5. Le “sottintese” esigenze di tutela: a) del coniuge c.d. economicamente debole; b) del coniuge ateo - 6. Conclusioni.

ABSTRACT: In the decision n. 16379/2014, the Italian Supreme Court states that three years of conjugal life is an obstacle to the exequatur procedure of the ecclesiastical sentences of nullity of marriage. This statement has already been supported by other decisions taken by the Court during 2015 and has de facto determined a new public policy, valid only for ecclesiastical sentences but not, for example, applicable to judgments made abroad. This new public policy is more restrictive than both the international public policy and the Italian public policy.

Scarica il testo completo in PDF

I cattolici italiani e la riforma concordataria del 1984 - di Giuseppe Dalla Torre

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Un momento storico tormentato - 3. Tra conservatorismo e aperture - 4. L’orientamento delle istituzioni cattoliche - 5. Il dissenso cattolico - 5. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Costituzione e fenomeno religioso - di Sergio Lariccia

SOMMARIO: Premessa - 1. I primi anni dell’Italia democratica - 2. La costituzione italiana del 1948. Attuazione/inattuazione della carta costituzionale - 3. Poteri e libertà della chiesa cattolica in Italia: dal riconoscimento dei poteri alla garanzia delle libertà. Principio di relatività delle valutazioni giuridiche. Indipendenza e sovranità dello stato nell’ordine civile - 4. La revisione concordataria del 1984 – 5. Potere civile e potere religioso nel secolo XXI. Il perseguimento dell’obiettivo di una più compiuta democrazia negli ordinamenti statali. Per il superamento del concordato in Italia - 6. Una proposta di revisione della costituzione.

ABSTRACT: The Author evaluates the consequences resulting from the confirmation, at the assembly of 1946-7, of the intangibility of the Lateran Pacts of 1929; specifies the reasons that, after the constitution of 1948 came into effects, have caused the failure of the reform of the legislation concerning the relations between the state and religious confessions; proposes the approval of a law of constitutional revision composed of four articles.

Scarica il testo completo in PDF

A trent’anni dagli Accordi di Villa Madama: edifici di culto e legislazione civile - di Salvatore Berlingò

SOMMARIO: 1. Come “mostrare alla mosca di uscire dalla bottiglia” – 2. Alcune emblematiche sperimentazioni di architettura religiosa – 3. L’evoluzione problematica della normativa: a) in generale – 4. Segue : b) alla ricerca di un equilibrio fra esigenze religiose e governo del territorio – 5. Il caso paradigmatico della Regione lombarda – 6. Le ambiguità ricorrenti nell’interpretazione e attuazione dei dettati normativi – 7. Le incertezze giurisprudenziali – 8. Gli enti istituzionalmente competenti in materia di edilizia di culto – 9. L’esigenza di un’approfondita rivisitazione dell’intero sistema – 10. L’apertura verso un cambio di rotta in chiave di partecipazione responsabile.

ABSTRACT: The evolution of the legislation on religious buildings feels the effect of the lively increase of artistic and legal experimentations, looking for a balance the emerging needs of cults and religious practices and the parallel developments of the orientations of administration and management of land areas increasingly marked by the phenomenon of ethic, cultural and fideistic pluralism.

Scarica il testo completo in PDF

Associazionismo ateista e accesso all’Intesa con lo Stato. Riflessioni a margine della sentenza n. 7068 del 2014 del Tar Lazio - di Marco Parisi

Sommario : 1. Introduzione - 2. L’UAAR e il lungo percorso giudiziario verso la richiesta d’Intesa: l’approdo della sentenza n. 7068 del 2014 del Tar Lazio - 3. Associazionismo ateistico e confessioni religiose: la difficoltà dell’inserimento in una categoria inflazionata - 4. Conclusioni.

ABSTRACT: The attention given by the constituent Assembly to the individual and associated way of enjoying the religious freedom, in the logic of protection of the spiritual interests of the human person, should be such as to promote, as a natural consequence of this basic structure of the Constitution, a balanced system in relation to the official contacts between the State and the religious denominations. However, there is the fact of public policies excessively benevolent towards some religious denominations, which causes damage to the affirmation of equal freedom for all individuals, regardless of their cultural orientation, religious or non-religious it is. With the visible manifestation of the atheism (in a public and associated way), doctrine and jurisprudence are called to identify the most appropriate forms of legal protection for some specific group experiences, related, in any case, in the broadest sense, to the religious and spiritual dimension of human life. pdf

Scarica il testo completo in PDF

Delibazione e ordine pubblico: le violazioni dell’Accordo “che apporta modificazioni al Concordato lateranense” - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. Le novità in ordine all’inderogabile tutela dell’ordine pubblico nell’attribuzione dell’efficacia civile alle sentenze ecclesiastiche di nullità matrimoniale – 2. Il contrasto giurisprudenziale e la difficile ricerca di un punto d’equilibrio – 3. I principi costituzionali coinvolti e la necessità del loro bilanciamento – 4. L’asserito vulnus all’Accordo del 1984 – 5. Inadempimenti e violazioni dell’Accordo del 1984 “per commissione” – 6. La metamorfosi delle nullità matrimoniali canoniche e il magistero pontificio – 7. Il controllo della Segnatura Apostolica e delle Corti d’Appello sui presupposti delle distinte competenze – 8. La fragilità della conservazione a oltranza della cittadella concordataria.

Scarica il testo completo in PDF

Concordati e intese, diritto pattizio e diritto comune: le diverse possibili declinazioni dinanzi alle trasformazioni delle confessioni religiose e della società civile - di Giovanni B. Varnier

SOMMARIO: 1. Una riflessione introduttiva – 2. La crisi della sovranità e dello Stato nazionale – 3. Lo sbandamento della Chiesa cattolica – 4. La finalità più sociale che cultuale del fenomeno religioso – 5. L’antinomia tra enunciato e comportamenti – 6. I paradossi della contemporaneità e il conseguente superamento delle sistematiche tradizionali – 7. Il contributo della dottrina ecclesiasticistica – 8. La necessità di fare il punto, con la speranza di ripartire – 9. Per un diverso regolamento della normativa relativa al fenomeno religioso.

Scarica il testo completo in PDF

Lo sfondamento dell’orizzonte tradizionale: dalla prospettiva nazionale a quella globale. Stati e confessioni religiose alla prova. Religione e confessioni nell’Unione europea tra speranze ... - di Romeo Astorri

SOMMARIO: 1. Osservazioni introduttive - 2. Il fenomeno religioso nelle costituzioni europee del XXI secolo - 3. La bilateralità con particolare riferimento alla Germania - 4. Osservazioni conclusive.

ABSTRACT: This essay examines the legal condition of religious denominations in the European States’ new Constitutions. It focuses upon the legal provisions concerning the principle of cooperation and its application contained both in these Constitutions and in the German Länder ’s agreements signed with religious denominations after the Reunification. The inconsistencies thereby originated are also taken into account as regards both European legal rules and the condition of religious denominations within national States .

Scarica il testo completo in PDF

L’affaire dell’U.A.A.R.: da mera querelle politica ad oggetto di tutela giudiziaria - di Salvatore Berlingò

SOMMARIO: 1. Il contesto socio-culturale – 2. Questioni di metodo - 3. I prodromi della controversia sull’ “atto politico” - 4. La prospettazione del “fatto” nelle ultime istanze di giudizio. Il Consiglio di Stato: dalla delimitazione dell’insindacabilità dell’atto… - 5. Segue :… alla prefigurazione della piena ed effettiva tutela dell’interesse ad agire - 6. Le Sezioni Unite della Cassazione e l’inquadramento della fattispecie nella cornice della laicità dello Stato - 7. Il principio dell’eguale libertà delle Confessioni assunto a canone di legalità costituzionale - 8. I possibili esiti giudiziari ulteriori della questione - 9. Il procedimento di formazione e conclusione delle Intese - 10. Nuovi indirizzi di politica legislativa in materia ecclesiastica?

The U.A.A.R. affaire: from a political querelle to a case law

ABSTRACT : Even if in view of an academic act, the author believes to have to insist on the practical function of the Law that, as in the case of the U.A.A.R., develops most frequently in the case law. The role played by the judicial courts in the case examined, as well as in more and more recurring hypothesis in the current socio-cultural context, should not be taken by the doctrine and policy as an excuse to abdicate their responsibilities as much essential in order to provide an adequate protection for fundamental human rights related to the exercise of the freedom of religion.

Scarica il testo completo in PDF

Lo Stato italiano e la Chiesa cattolica: indipendenza, sovranità e reciproca collaborazione (a proposito dell’art. 1 Accordo di revisione concordataria) - di Ombretta Fumagalli Carulli

SOMMARIO : Premessa - 1. Alle radici della duplice sovranità: il dualismo cristiano - 2. La questione della sovranità della Chiesa - 3. La sana cooperatio nell’Accordo di revisione concordataria - 4. Dialettica con gli Episcopati e Ecclesia Communio - 5. Sana cooperatio e res mixtae : in particolare 8 per mille e matrimonio - 6. Nuove sfide alla sovranità della Chiesa?

ABSTRACT: In the article the Author takes stock of the situation regarding the sana cooperatio between State and Catholic Church 30 years after revision of the Italian Concordat. After dealing with the concept of Christian dualism and its historical development, the essay pays attention to the sovereignty of Catholic Church and highlights how in last years the CEI (Italian Conference of Catholic Bishops) - in conjunction with the Holy See - has taken on particular importance in the relationship between State and Catholic Church. Then there is a comparison between two issues which have had unexpected results: the Eight per thousand and the marriage. With regard to the Eight per thousand, in consideration of the economic crisis, the Author proposes that Catholic Church may accept a temporary reduction of the sums devolved to her or may use such sums in order to strengthen the projects in favor of the common good. With regard to the marriage, in consideration of the violation of religious marriage freedom, the Author hopes for a clarification by the State or, otherwise, the adoption of the personal statutes .

Scarica il testo completo in PDF

Note preliminari sui protocolli concordatari - di Pasquale Lillo

SOMMARIO: 1 . Chiesa cattolica e ordinamento internazionale – 2 Forme di stipulazione concordataria – 3. I protocolli concordatari – 4. Natura giuridica dei protocolli – 5. Nessi esistenziali dei protocolli ecclesiastici ‒ 6. Casi particolari di protocolli concordatari ‒ 7. Il Protocollo italiano del 1984.

Scarica il testo completo in PDF

Un referendum sull’otto per mille? Riflessioni sulle fonti - di Francesco Alicino

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Il referendum abrogativo e la legge n. 222 del 1985 - 3. L’art. 47 della legge n. 222 del 1985 nel sistema delle fonti … - 4. (segue) … nella “costituzione materiale” e nel diritto internazionale generalmente riconosciuto - 5. La natura “atipica” della legge n. 222 del 1985 - 6. Il meccanismo dell’otto per mille e il limite delle leggi tributarie ex art. 75 (comma 2) Cost. - 7. L’otto per mille e i principî costituzionali in materia di contribuzione fiscale e spesa pubblica - 8. Brevi note comparative fra otto per mille e cinque per mille - 9. Conclusioni. Il “diritto comune” dell’otto per mille e l’eguale libertà delle confessioni.

ABSTRACT: In April 2013 an Italian political party proposed a referendum (as stated in the article 75 of Italian Constitution) to abolish part of the article 47 of the 222/1985 Act concerning the public funding to religious denominations with the 0.008 of the income tax (called IRPEF ). According to this law all Italian taxpayers can participate to a sort of ‘poll’ to allocate 0.008 of their income tax ( IRPEF ) to the either the Catholic Church or the State by signing under one of the other in the tax form. The entire fund (i.e. the overall amount of 0,008 of the IRPEF ) will then be divided proportionally amongst the choices selected by the tax payer who signed to give 0.008 of their taxes to specific institutions (e.g. the Catholic Church, the State, etc). In doing so, even the tax payers who did not choose any denomination will end up funding one according to the selection made by those who did sign to give their taxes to a religious group or to the State. In this essay the Author analyses some juridical aspects of that particular funding system which represents an important feature of the discipline regulating the relationship between State and Churches, including religious denominations other than Catholicism.

Scarica il testo completo in PDF

Accesso alle intese e pluralismo religioso: convergenze apicali di giurisprudenza sulla “uguale libertà” di avviare trattative ex art. 8 Cost., terzo comma - di Jlia Pasquali Cerioli

SOMMARIO: 1. La sentenza n. 16305 del 2013 delle Sezioni Unite: un caso di “eccezionale novità” – 2. Atto politico e materia religiosa – 3. Accesso agli status promozionali e giurisprudenza di Strasburgo – 4. Apertura delle trattative e assenza di legislazione “specifica” – 5. Laicità, pluralismo e bilateralità pattizia: le intese come strumenti di “attuazione” dell’uguale libertà – 6. I limiti alla discrezionalità governativa nell’individuazione delle confessioni religiose e la ”pretesa” della trattativa – 7. Lo svolgimento della bilateralità: apertura delle trattative, loro (eventuale) conclusione e (eventuale) approvazione delle intese – 8. Note di chiusura (in attesa del giudizio merito …) - 9. Appendice.

Scarica il testo completo in PDF

Arturo Carlo Jemolo: una voce di “coscienza laica” nella società italiana del Novecento - di Sergio Lariccia

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La vita e l'opera di Jemolo negli anni 1905-1943 - 3. Oltre il 1944. Il contributo di Jemolo allo sviluppo della vita democratica in Italia - 4. Il principio di separazione tra stato e chiese. Il "dominio" delle chiese sulle coscienze - 5. La voce della coscienza: la "coscienza laica". Rassegna sulla laicità in Italia - 6. La partecipazione di Jemolo al "tentativo di revisione del concordato". Un motto spesso evocato: "Fa quel che devi, avvenga quel che può" - 7. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Il diritto pubblico ecclesiastico nell’attuale magistero pontificio - di Giorgio Feliciani

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La libertà religiosa - 3. La laicità dello Stato - 4. La questione dei concordati - 5. Osservazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

La legge n. 126 del 2012 relativa ai rapporti tra Italia e Sacra Arcidiocesi Ortodossa d’Italia e Malta - di Vittorio Parlato

SOMMARIO: 1. Istituzione della Sacra Arcidiocesi Ortodossa d’Italia e Malta – 2. La laicità italiana - 3. L’intesa del 2007 e la legge di approvazione n. 126 del 30 luglio 2012 – 4. I contenuti, rilevanza del diritto canonico ortodosso – 5. I diritti individuali di libertà religiosa - 6. I diritti collettivi di libertà religiosa - 7. Il potere di certificazione attribuito all’Arcidiocesi - 8. Il riconoscimento degli enti ortodossi - 9. Le attività culturali e scolastiche – 10. Gli aiuti economici - 11. La collaborazione tra le due istituzioni: A. tutela del patrimonio artistico; B. rilevanza dei matrimoni celebrati con rito cristiano ortodosso; C. ulteriori fattispecie – 12. I controlli statali.

SOMMARIO: The essay illustrates some qualifying points of the law 126/2012, which approved the agreement with the Orthodox Archdiocese of Italy. The legislation for the protection of individual and collective rights of religious freedom is framed within the principle of secularism typical of the Italian State that wants to be pluralistic, multi-religious and neutral. It does not aim at the complete secularization of public institutions, but intends to protect religious sensibility as an independent value; hence more forms of collaboration between the State and the Archdiocese are introduced. The legislation in many respects is similar to that of the previous Italian agreements; the few differences are due to the existence in many Italian cities of ancient Orthodox confraternities and institutions, as well as being the Archdiocese an organic structure of an autocephalous church such as the Ecumenical Patriarchate of Constantinople.

Scarica il testo completo in PDF

I beni culturali di interesse religioso tra Intesa nazionale e accordi regionali (“vecchi” e “nuovi”) - di Isabella Bolgiani

SOMMARIO: 1. Il principio di collaborazione tra autorità civili e religiose - 2. Lo sviluppo delle intese sul piano regionale - 3. Gli accordi regionali vigenti – 4. L’attuale quadro normativo: il doppio livello centro-periferia – 5. Il coinvolgimento degli organi periferici del Ministero - 6. Le ulteriori prospettive di un sistema complesso - 7. Conclusioni.

The cultural goods of religious interest between national agreement and ("old" and "new") regional agreements

ABSTRACT: The Agreement of 1984 deals with the relations between Catholic Church and State regarding cultural heritage in Italy (Article 12). This law gives rise to a complex and articulated system, because essentially based on two-tier “center-periphery”. This dual implementation plan deserves some insights in the light of the reforms that have involved the field of cultural heritage in general and the organization of the Ministry (MiBAC). Also be studied some recent and significant changes in the applications of such laws that appear indicative of the process of collaboration in action.

Scarica il testo completo in PDF

L’educazione religiosa nella scuola pubblica. Il modello concordatario-pattizio nei paesi latini europei - di Rita Benigni

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. I Concordati del primo novecento: definizione dei tratti tipici del modello – 3. La revisione concordataria del secondo dopoguerra: libertà di scelta educativa e pluralismo religioso - 4. L’istruzione religiosa “nell’ambito delle finalità della scuola”. Il caso Italia - 5. (segue) … l’esperienza di Spagna e Portogallo.

Scarica il testo completo in PDF

Nuove leggi per vecchie intese - di Marco Canonico

SOMMARIO: 1. L’insperato recupero di alcune intese - 2. Le novità degne di nota - 3. Osservazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Le intese fantasma (a metà) - di Alessandro Albisetti

SOMMARIO: 1. La questione - 2. Qualche riflessione in materia matrimoniale – 3. La conferma di una proposta.

Scarica il testo completo in PDF

La tutela dei beni culturali di interesse religioso tra Costituzione e convenzioni con le confessioni religiose - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. La Costituzione culturale – 2. L’Accordo culturale - 3. Dalle esigenze di culto alle esigenze religiose – 4. L’armonizzazione della tutela – 5. La legificazione delle disposizioni armonizzate – 6. Il modulo procedimentale dell’accordo – 7. La differenza con gli accordi della p.a. con altri soggetti – 8. Implicazioni e limiti: a) delle esigenze religiose – 9. (Segue): b) delle esigenze di conservazione del patrimonio artistico – 10. Il principio di laicità come criterio di ripartizione delle competenze.

The preservation of the cultural goods of religious interest according to the Italian Constitution and the Conventions with a few religious denominations

ABSTRACT: According to the Italian Constitution the preservation of the cultural goods falls within the authority of the State. Yet, when these goods assume a religious importance, according to the conventions with a few religious denominations – among witch mainly the Catholic Church –, the competence is also of those Organizations. This paper aims to demonstrate that the notion of “religious reasons” is broader than “cult reasons” and therefore the authority of the State is more limited than in the past time. The Author maintains that the constitutional principle of laicity must act as guide-line about the competence disposition and illustrates this theory with particular reference to a leading case of liturgical modification of a cathedral.

Scarica il testo completo in PDF

L’attività concordataria di Giovanni Paolo II - di Giuseppe Dalla Torre

SOMMARIO: 1. Una tematica che ha suscitato interesse- 2. Novità formali e sostanziali dell’attività concordataria di Giovanni Paolo II - 3. Ragioni storiche di un fenomeno in espansione - 4. Un Papa giurista o un Papa pastore? - 5. Alcune considerazioni finali.

Scarica il testo completo in PDF

Le intese nella società multireligiosa: verso nuove disuguaglianze? - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. Il contributo di Giorgio Peyrot alla definizione delle intese – 2. Il suo impegno per l’attuazione delle intese – 3. La crisi dell’istituto … – 4. … e le sue ragioni: a) il passaggio alla società multi religiosa – 5. (Segue): b) la noncuranza della Costituzione – 6. Limiti e attualità del pensiero di Giorgio Peyrot sulle intese.

ABSTRAC: Giorgio Peyrot, one of the most eminent scholars of law and religions in Italy, was very committed, also as representative of the waldensian Church – therefore they called him “the jurist of the minorities” -, in the long struggle for the implementation of the “intese”, i.e. of the conventions between the state and the various religious fellowships different from the catholic Church. Yet, after the aim was acheaved at least in respect of a few communities, then the crisis of this legal institution began: first of all, for the transition to a multicultural and multireligious society, that faces the West with new and not traditional communities, and moreover for the disregard for the Constitution and its institutions, that especially, but not only, the italian Center-Right is spreading throughout Italy. This paper shows the limits and nevertheless the topicality of the legal thought of Peyrot about the “intese” in the context of these times.

Scarica il testo completo in PDF

Ripartizione delle competenze e limiti costituzionali della previsione delle intese fra confessioni religiose diverse dalla cattolica e Stato italiano - di Valerio Tozzi

SOMMARIO: 1. Il fatto – 2. La categoria giuridica delle confessioni religiose non è definita normativamente – 3. Il discutibile sillogismo del Consiglio di Stato – 4. L'ambito della disciplina de ...i loro rapporti con lo Stato – 5. Sulla normazione contrattata fra le confessioni religiose e lo Stato – 6. Legittimità, necessità e urgenza della legge generale sulle libertà religiose.

Scarica il testo completo in PDF

Le Sezioni Unite della Cassazione e l’art. 11 del Trattato lateranense - di Paolo Cavana

SOMMARIO: 1. Una fattispecie semplice - 2. La nozione di enti centrali della Chiesa cattolica - 3. Il contenuto della garanzia pattizia - 4. La teoria dell’immunità ristretta nella giurisprudenza (caso Cermis) - 5. I limiti alla teoria dell’immunità ristretta (caso Calipari e caso Ferrini) - 6. La teoria dell’immunità ristretta e la sua applicazione agli enti centrali della Chiesa - 7. Immunità ristretta e limiti all’efficacia civile dei provvedimenti confessionali - 8. La portata attuale della garanzia pattizia - 9. (segue) La recente Convenzione monetaria tra lo Stato della Città del Vaticano e l’Unione Europea.

ABSTRACT: This essay examines the more recent judgements of the United Sections of the italian Court of Cassation on Article 11 of the Lateran Treaty, in the context of the vibrant juridical debate on this matter. It highlights how the United Sections of the Court defines this legal guarantee, granted by lateran Treaty to the central entities of the Catholic Church, in terms of “functional or restricted immunity” according to international law, so that - the Court adds - its basic foundation in the Italian constitution lies both in Article 7 (State-Church relations) and in Art. 10, concerning the automatic effect of the general international norms in the Italian system of law. Furthermore, the paper makes some relevant remarks about the main aspects and actual evolution of the doctrine of sovereign “immunity” through some recent judgements of italian law Courts. Then it underlines some emerging differences in its application - through Art. 11, Lat. Treaty - to the central entities of the Catholic Church, deriving from the special recognition of the “sovereignty of the Holy See in international matters” (Art. 2, Lat. Treaty). Finally it makes some concluding remarks about the actual meaning of this legal guarantee, taking the 2009 Monetary Agreement between the European Union and the Vatican City State into consideration too.

Scarica il testo completo in PDF

La stipulazione di intese con lo Stato: diritto delle confessioni religiose o libera scelta del Governo? - di Marco Canonico

SOMMARIO: 1. Il ruolo delle intese nella disciplina dei rapporti tra Stato e confessioni religiose diverse dalla cattolica - 2. Le prerogative che competono alle confessioni religiose - 3. La sentenza del Consiglio di Stato, Sezione quarta, 18 novembre 2011 n. 6083 - 4. Riflessioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Il diritto all’avvio delle trattative per la stipulazione delle intese ex art. 8, 3° comma, Cost. (brevi note a Cons. Stato, sez. IV, sent. 18 novembre 2011, n. 6083) - di Jlia Pasquali Cerioli

SOMMARIO: 1. La vicenda – 2. La sentenza – 3. Una pronuncia di svolta – 4. Osservazioni critiche – 5. Cenni finali.

Scarica il testo completo in PDF

Le intese fantasma - di Alessandro Albisetti

SOMMARIO: Le intese del 2007: la disciplina matrimoniale - 2. Quali prospettive per il matrimonio religioso civilmente valido

Scarica il testo completo in PDF

L’insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche tra amministrazione ecclesiastica e pubblici poteri. Brevi note sullo status dei docenti - di Michele Madonna

SOMMARIO 1. Premessa – 2. Il Codice del 1983 e la recente prassi concordataria della Santa Sede in Europa - 3. La vicenda italiana - 4. Osservazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

L’Albania apre agli accordi di collaborazione con i “nuovi culti” - di Giovanni Cimbalo

SOMMARIO: 1. Gli evangelici albanesi a favore della lingua, della cultura, dell’identità e dell’indipendenza - 2. La nuova Costituzione albanese e il ripristino della libertà religiosa - 3. Le trattative per la stipula dell’accordo di cooperazione - 4. I contenuti dell’accordo e i suoi effetti nel rapporto con la legislazione ordinaria a tutela della libertà religiosa - 5. La proiezione dell’efficacia degli accordi nell’area dell’Albania etnica – 6. Gli accordi di cooperazione: un modello esportabile?

ABSTRACT : The present article deals with the Evangelical Federation in Albania and the contribution it gave to the modernization of the Albanian language. The merit acquired by this religious community makes it be included in the development of the legal relations between the State and cults, using the instrument of cooperation agreements. The agreement, which is the first with a “new cults”, is analyzed by comparing it with the other signed with the historic communities of the country and in the context of the Balkans. The analysis will therefore move towards the sort of Kosovo and Macedonia and the rules governing the relations with the cults. Finally, we develop a reflection on the patterns of relationship between the State and confessions, analyzing the characteristics of legal formants used.

Scarica il testo completo in PDF

Laicità e dimensione pubblica del fattore religioso. Stato attuale e prospettive. Relazione di sintesi - di Enrico Vitali

SOMMARIO: 1. Introduzione ai temi del Convegno (Giovanni Varnier) – 2. Profili costituzionali - 2.a) Il sistema di accordi con la Chiesa cattolica e l’incidenza delle fonti unilaterali statuali (Giuseppe Dalla Torre) - 2.b) Laicità e prevalenza delle fonti di diritto unilaterale sugli accordi con la Chiesa Cattolica (Nicola Colaianni) – 3. La situazione delle minoranze religiose tra autonomia e immobilismo del legislatore - 3.a) Le minoranze religiose tra autonomia e immobilismo del legislatore (Mario Tedeschi) - 3.b) Le minoranze religiose (Silvio Ferrari) - 4. – Il diritto regionale e il diritto locale - 4.a) Laicità e collaborazione a livello locale. Gli equilibri tra fonti centrali e periferiche nella disciplina del fenomeno religioso (Pierangela Floris) - 4.b) Laicità e spazi urbani. Il fenomeno religioso tra governo municipale e giustizia amministrativa (Roberto Mazzola) - 5. La giurisdizione - 5.a) Il diritto “vivente” nella giurisprudenza della Corte di Cassazione (Raffaele Botta) - 5.b) Le ultime tendenze giurisprudenziali del Consiglio di Stato (Paolo Moneta).

Scarica il testo completo in PDF

L’Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti (UAAR), membro associato della International Humanist and Ethical Union, come soggetto stipulante un’intesa con lo Stato, ex art. 8, III Cost. - di Domenico Bilotti

SOMMARIO: 1. I limiti dello strumento negoziale nell’esperienza giuridica italiana. una ricognizione sulle aporie evidenziatesi nella prassi politico-legislativa – 2. Verso uno statuto giuridico differenziato per le organizzazioni filosofiche non confessionali. meritevolezza degli interessi in gioco – 3. Il non-confessionismo organizzato come fenomeno associativo culturalmente orientato sul fattore religioso – 4. Permanente capacità attrattiva di una disciplina speciale e di favore: l’inevitabile ricerca di una legislazione generale in tema di libertà religiosa o l’armonizzazione dei trattamenti privilegiati?

Scarica il testo completo in PDF

La qualificazione canonica delle intese tra autorità ecclesiastica e autorità civili - di Giorgio Feliciani

SOMMARIO: 1. Premessa - I Parte. Le intese con le autorità dello Stato – 2. Le intese stipulate dal presidente della CEI con i ministri competenti per materia, previa autorizzazione della Segreteria di Stato - 3. Le intese stipulate dal presidente della CEI con il ministro della istruzione circa i programmi di insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche - 4. Altri accordi di carattere tecnico - II Parte. Le intese con le Regioni – 5. Intese dotate di efficacia vincolante per tutte le diocesi della regione - 6. La recognitio delle intese vincolanti - 7. Le intese prive di efficacia vincolante - 8. Obbligatorietà delle intese stipulate dalle CER per i vescovi che non ne fanno parte - 9. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Enti e beni - di Mauro Rivella

SOMMARIO: 1. Enti e beni delle confessioni religiose … – 2. (segue) e della Chiesa cattolica – 3. La disciplina pattizia dopo l’Accordo di revisione del 1984 – 4. La prassi e il ruolo della Commissione paritetica – 5. Il raffronto con la disciplina dell’Unione europea: gli asseriti “privilegi fiscali” – 6. L’esenzione dall’imposta comunale sull’immobili – 7. La qualifica di ente non commerciale – 8. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Il problema della scuola - di Carlo Cardia

SOMMARIO: 1. Premessa. Contenuti e tematiche della trattazione - 2. La libertà della scuola. Un segno della diversità europea. Trattati e Convenzioni - 3. Legislazione e Concordati nazionali - 4. Le scuole dell’Unione Europea - 5. Insegnamento religioso e scuole pubbliche. Conferme ed evoluzione - 6. Multiculturalità, innovazioni, incertezze. La Corte di Strasburgo.

Scarica il testo completo in PDF

Problemi di dinamica concordataria - di Salvatore Bordonali

SOMMARIO: 1. Rilievi preliminari - 2. Vecchio Concordato e nuova Costituzione - 3. Sul valore del richiamo dei Patti nella Costituzione - 4. La proposta di legge costituzionale per abolire l’art. 7 Cost - 5. Inscindibilità tra art. 7 e art. 8 Cost. - 6. La polemica anticoncordataria e i suoi effetti negativi - 7. La fase della revisione - 8. Sul significato dell’art. 3 Cost. - 9. Critica dell’accostamento dell’art. 3 alla categoria dei principi supremi - 10. Sul valore attuale di concordati e intese - 11. Considerazioni riassuntive.

Scarica il testo completo in PDF

Dialogo interreligioso e sistema italiano delle Intese: il principio di cooperazione al tempo della post-democrazia - di Maria Cristina Folliero

SOMMARIO: 1. Premessa: cooperazione e sussidiarietà come fattori di accelerazione dei processi nazionali e comunitari di integrazione tra ordinamenti politici e religioni - 2. Gli attori in campo in Italia - 2.1: le Chiese e le diverse valenze della ripresa del dialogo interreligioso - 2.2: Lo Stato tra go and stop nella nuova stagione delle Intese che non decolla - 2.2.1: delle nuove leggi sulla libertà religiosa, delle Carte dei Diritti e dell’Integrazione, delle Consulte e dei Comitati per l’Islam italiano e altri rimedi – 3. Conclusioni interrotte.

Scarica il testo completo in PDF

Matrimoni “religiosi” ed effetti civili - di Natascia Marchei

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La pluralità delle forme di celebrazione del matrimonio nella legislazione del 1929 - 3. Il matrimonio canonico trascritto nell’Accordo del 1984 - 4. La “disciplina comune” risultante dalle intese - 5. Brevi considerazioni conclusive: la legge sulla libertà religiosa.

Scarica il testo completo in PDF

Tra autonomia e sussidiarietà: contenuti e precedenti delle convenzioni a carattere locale tra Chiesa e Istituzioni pubbliche - di Andrea Bettetini

SOMMARIO: 1. Premessa. Autonomia delle confessioni religiose e relazioni istituzionali (apicali e di base) con il potere politico – 2. Da una concezione verticistica a una concezione plurale delle relazioni tra religione e Stato. Il principio di sussidiarietà – 3. La competenza delle regioni in materia religiosa. La riforma del tit. V Cost. e il soddisfacimento degli interessi locali – 4. Gli accordi tra Regioni amministrative e Regioni ecclesiastiche. Tentativi di dialogo e attuale legittimazione – 5. Autonomia delle confessioni e forme di legittimazione alla stipula di intese in materia di beni culturali e di assistenza spirituale – 6. Le “nuove” materie di accordo a livello regionale. Il protagonismo sussidiario della società civile – 7. Conclusioni. Rilievo pubblico dei soggetti sociali religiosi, nuove forme pattizie decentralizzate e principio di sussidiarietà.

Scarica il testo completo in PDF

I rapporti tra lo Stato e le Comunità religiose in Albania - di Giovanni Cimbalo

SOMMARIO: Premessa -- 1.1. - La nascita dello Stato albanese - 1.2. Il riconoscimento della libertà di organizzazione dei culti – 1.3. La monarchia Zoghista e la stabilizzazione delle Comunità religiose - 1.4. La politica di Zog verso la Chiesa Cattolica - 1.5. La legislazione della repubblica socialista d’Albania in materia di Comunità religiose- 1 6. La nuova legge sulle Comunità religiose: verso l’ateismo di Stato – 1-6.1. La Comunità Mussulmana - 1.6.2. La Comunità bektashi - 1.6.3. La Comunità ortodossa - 1.6.4. Lo Statuto della Comunità Cattolica 1.7. La rinascita della libertà religiosa, di coscienza e del pluralismo confessionale - 1.8. L’originalità del modello albanese - 1.9. La stagione degli Accordi: l’Albania torna alle origini.

Scarica il testo completo in PDF

Il Defectus Aetatis - di Alessandro d'Avack

SOMMARIO: 1. Diritto canonico – 2. Diritto civile – 3. Diritto concordatario.

Scarica il testo completo in PDF

Il regime giuridico delle opere d’arte negli edifici di culto in Italia - di Alberto Roccella

SOMMARIO: 1. Premessa. - 2. La disciplina canonica. - 3. La normativa civile e l’intesa del 26 gennaio 2005.

Scarica il testo completo in PDF

Il concordato come modello di analisi normativa nell’evoluzione degli ultimi trent’anni di relazioni Stato - Chiesa - di Germana Carobene

SOMMARIO: 1. Il concordato come strumento nomologico del diritto ecclesiastico - 2. Strutturazione normativa dell’istituto nella sua fase attuale - 3. Configurazione giuridica degli accordi concordatari e collegamento strutturale ai trattati internazionali - 4. L’Accordo con il Brasile del 14 novembre 2008. Considerazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Il progetto di legge parlamentare di approvazione delle intese con le confessioni diverse dalla cattolica: nuovi orientamenti e interessanti prospettive - di Jlia Pasquali Cerioli

SOMMARIO: 1. Premessa: l’orientamento consolidato che vuole l’iniziativa legislativa riservata al Governo – 2. La “svolta” della Giunta per il Regolamento della Camera dei Deputati: la delibera del febbraio 2007 - 3. Gli argomenti alla base dell’orientamento: brevi riflessioni critiche – 4. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Il sistema di accordi con la Chiesa cattolica e l’incidenza delle fonti unilaterali statuali - di Giuseppe Dalla Torre

SOMMARIO: 1. L’ordinamento giuridico come organismo vivente - 2. Fonti unilaterali statali integratrici del diritto pattizio - 3. Fonti unilaterali statali “praeter legem” - 4. Il superamento del diritto pattizio ad opera di fonti unilaterali statali - 5. Il contrasto tra fonti pattizie e fonti unilaterali statali - 6. L’incidenza “negativa” per non attuazione o per non ricorso all’art. 13 conc. - 7. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Laicità e collaborazione a livello locale. Gli equilibri tra fonti centrali e periferiche nella disciplina del fenomeno religioso - di Pierangela Floris

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Accordi di vertice e intese locali: vecchie e nuove questioni di fonti di disciplina - 3. Le altalene locali della laicità ed il bisogno di regole centrali uniformi - 4. Le tendenze del diritto locale in formazione.

Scarica il testo completo in PDF

L’idea di una legge generale sulla libertà religiosa: prospettiva pericolosa e di dubbia utilità - di Marco Canonico

SOMMARIO: 1. La ricorrente tentazione di confezionare una legge sulla libertà religiosa - 2. Le proposte di legge Boato e Spini della XV legislatura - 3. La proposta di legge Zaccaria ed altri n. 448 - 4. La proposta di legge Zaccaria ed altri n. 2186 in materia di edifici di culto - 5. Considerazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Fonti pattizie nella metamorfosi della sovranità - di Gaetano Lo Castro

La stipula dei Patti lateranensi fra lo Stato e la Santa Sede nel 1929 segna un momento assai importante nella vita e nella organizzazione della società civile italiana sotto molteplici aspetti; alcuni dei quali assai conosciuti e studiati; altri meno noti, o sui quali non è stata fermata una sufficiente attenzione da parte della scienza giuridica, pur presentando un significato di grande rilievo per l’assetto istituzionale del nostro ordinamento giuridico.
È ben noto che i Patti del Laterano posero fine a un lungo e doloroso capitolo della storia politica e civile della nostra nazione; un capitolo che si era aperto nel periodo risorgimentale per un verso con l’aspirazione dei politici sardo piemontesi a costituire un unico Stato, sotto la guida del regno sabaudo, al posto dei molteplici Stati (fra i quali il più antico di tutti era appunto lo Stato pontificio) presenti in quell’unità geografica che da secoli era denominata Italia; (Continua)

Scarica il testo completo in PDF

Intesa ebraica e pluralismo religioso in Italia - di Carlo Cardia

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Elementi originali dell’Intesa, suo contributo allo sviluppo del pluralismo religioso in Italia - 3. Limiti da superare nella diffusione della cultura religiosa, ebraica in particolare - 4. Pluralismo e multiculturalità. Aspettative, delusioni, scelte da compiere - 5. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Rilievo delle norme confessionali nel territorio italiano - di Valerio Tozzi

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. L’abuso del richiamo alla categoria delle confessioni religiose - 3. I limiti del metodo concordatario - 4. Principi costituzionali e comportamenti religiosi - 5. Il concetto di norme derivanti dalle culture religiose.

Scarica il testo completo in PDF

Soft law e sistema delle fonti del diritto ecclesiastico italiano - di Fortunato Freni

SOMMARIO: 1. La globalizzazione ed i conflitti di identità - 2. La unilateralità confessionale - 3. La unilateralità statale - 4. La bilateralità necessaria - 5. La definitività provvisoria di una specifica transazione - 6. La parlamentarizzazione - 7. Gli accordi derivati - 8. L’obiezione di coscienza - 9. La rilevanza ultranazionale dei diritti umani - 10. La giurisprudenza costituzionale - 11. I recenti contributi ad una moderna nozione di positività del diritto - 12. Il diritto ecclesiastico come strumento per l’intercultura.

Scarica il testo completo in PDF

Il Concordato lateranense: libertà della Chiesa e dei cattolici - di Ombretta Fumagalli Carulli

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Il Concordato lateranense nel quadro della politica concordataria di Pio XI - 3. Lo Stato-etico - 4. I contrasti tra concezione cristiana e concezione fascista - 5. Il conflitto con l’Azione Cattolica - 6. Bilancio finale.

Scarica il testo completo in PDF

Religione e diritti umani nelle società in transizione dell’Est Europa - di Giovanni Cimbalo

SOMMARIO: 1 Alcuni problemi di metodo - 2. I contenuti della separazione e i problemi aperti nei rapporti degli Stati con le Chiese ortodosse - 3. Le ragioni di un Islam europeo, la libertà di proselitismo e quella di mutare religione - 4. I nuovi culti nell'Est Europa - 5. Gli accordi ecclesiastici para concordatari: un nuovo modello di relazione delle confessioni con lo Stato.

Scarica il testo completo in PDF

Il Basic Agreement tra la Santa Sede e la Bosnia- Erzegovina nel quadro delle dinamiche concordatarie ‘post-comuniste’ - di Germana Carobene

SOMMARIO: 1. Considerazioni introduttive. Configurazione giuridica delle attuali dinamiche concordatarie nei Paesi di recente strutturazione politico-giuridica - 2. L’Accordo del 2006 ed il suo contenuto normativo - 3. Evoluzione storica della Bosnia-Erzgovina fino all’attuale strutturazione politica - 4. Confronto con le regolamentazioni concordatarie degli altri Paesi dell’area balcanica e socialista. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Il progetto di accordo tra la Santa Sede e la Slovacchia per l’esercizio dell’obiezione di coscienza e le valutazioni della E.U. Network of Indipendent Experts On Fundamental Rights - di David Durisotto

SOMMARIO: 1. Il Progetto di Accordo tra la Repubblica slovacca e la Santa Sede in materia di obiezione di coscienza - 2. Le valutazioni della E.U. Network of Indipendent Experts on Fundamental Rights in ordine all’esercizio dell’obiezione di coscienza - 3. Osservazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

La nuova intesa con l’Unione Buddhista Italiana: una doppia conforme per il Sangha italiano - di Silvia Angeletti

SOMMARIO: 1. Nuovi accordi e aggiornamenti nel quadro delle intese - 2. Le novità in tema di obbligatorietà del servizio militare - 3. L’insegnamento religioso nella scuola pubblica - 4. Il diritto di istituire scuole e istituti di educazione - 5. L’interesse all’intesa, tra tempi della politica ed esigenze confessionali.

Scarica il testo completo in PDF

Sulla proposta di legge per la libertà religiosa - di Guido Fubini

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Premessa – 3. E qui affrontiamo l’epoca contemporanea e la nuova proposta di legge – 4. Mi avvio qui alla conclusione.

Scarica il testo completo in PDF

Sui contenuti di una possibile Intesa con la Chiesa Ortodossa Romena in Italia - di Federica Botti

SOMMARIO: Premessa - 1. 1. La presenza organizzata della Chiesa Ortodossa Romena in Italia - 1. 2. Sui requisiti e le procedure per la stipula delle Intese - 1.3. Lo status giuridico del clero della COR in Italia e le altre norme di garanzia - 1.3.1. Le parrocchie e gli edifici di culto.

Scarica il testo completo in PDF

Dal pluralismo confessionale alla multireligiosità: il diritto ecclesiastico e le sue fonti nel guado del post-confessionismo - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. Premesse – 2. Pluralismo e multireligiosità: un tema che viene da lontano - 3. La reazione giuridica e i segni premonitori. - 4. Le fonti e i paradossi del diritto ecclesiastico – 5. Il concorso libero delle fonti e il loro camuffamento. - 6. Una “reazione” conforme a Costituzione è possibile? – 7. Il ruolo dei principi di settore.

Scarica il testo completo in PDF

Concordato: ancora un privilegio per la Chiesa dopo la revisione del 1984? Premesse per una laicità “relativa” e “funzionale” - di Daniele Trabucco

Sommario: 1. I privilegi della Ecclesia Christi – 2. Il “nuovo spirito” della pattuizione del 1984: la natura delle fonti interne attuative dei Patti e delle “intese” e la riequilibrazione della giurisprudenza costituzionale. I rischi di una laicità “illuministica” – 3. La proposta di una laicità “relativa” e “funzionale”.

Scarica il testo completo in PDF

Multiculturalismo e aconfessionalità. Le forme odierne del pluralismo e della laicità - di Maria Cristina Folliero

SOMMARIO: 1. Esigenza di una ridefinizione giuridica della laicità - 2. Fonti del principio di laicità: la giurisprudenza costituzionale - 3. Laicità di contesto: i “principi supremi” e legalità delle norme concordatarie - 4. Il principio di laicità e i suoi significati - 5. Laicità di progetto e laicità cooperativa: il Concordato e le Intese – 6. Laicità di programma: il contributo della Corte Costituzionale alla differenziazione tra Confessioni religiose - 7. Laicità di risultato: la neutralizzazione del principio di non identificazione e il contributo della giurisprudenza costituzionale e di legittimità - 7.1 La decostruzione del principio di laicità e il ruolo della giustizia amministrativa - 7.2 La decostruzione del principio di laicità e gli attori sociali in campo - 8. Le conseguenze della crisi della laicità cooperativa – 9. Ridefinire la laicità: compiti dell’ecclesiasticista e prove di svolgimento.

Scarica il testo completo in PDF

C’è una politica ecclesiastica dei Governi. E la dottrina? - di Valerio Tozzi

SOMMARIO: 1. - La recente politica ecclesiastica. 2. – Democrazia politica e rigidità normativa. 3. – La politica ecclesiastica attuale. Assunzione del metodo concordatario come modello culturale ed istituzionale prevalente. 4. – Il nuovo contesto socioculturale ed i ritardi della politica. 5. – Politica e scienza. Quale relazione fra loro?

La rappresentanza e l’intesa (tra astrattismo dottrinale e concretezza politica) - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. Premesse - 2. La selezione delle fonti - 3. La materia dei rapporti tra la Repubblica e le confessioni religiose - 4. Intese ed uguale libertà - 5. Governi ed indirizzo politico - 6. Inceppamento del sistema o assenza di volontà politica? - 7. La rappresentanza - 8. Qualche succinta indicazione - 9. A mo’ di conclusione.

Laicità e concordato - di Salvatore Berlingò

L’istituto concordatario ha una propria storia che, caratterizzata da lunghe traversie, contraddizioni e contrasti («historia concordatorum, historia dolorum»), si è iscritta nell’ambito del c.d. «diritto pubblico ecclesiastico esterno», ossia in un settore del diritto canonico della Chiesa latina, per sua stessa denominazione, situato alla frontiera di quest’ordinamento. Le frontiere  – com’è ovvio –  possono essere chiuse o aperte; e le linee di demarcazione o i presidi di confine possono spesso tramutarsi  – lo annotò Arturo Carlo Jemolo, traendo ispirazione da un’immagine poetica a Lui cara –  in linee di comunione, oltre che in realtà e metafore della distinzione.  (continua)

L’Unione europea ed i diritti fondamentali: l’accordo tra la Santa Sede e la Slovacchia sull’obiezione di coscienza al vaglio del Parlamento europeo - di Natascia Marchei

SOMMARIO: 1. La bozza di accordo tra la Santa Sede e la Slovacchia in materia di obiezione di coscienza e l’intervento del Parlamento europeo - 2. La “competenza” dell’Unione europea in materia di diritti fondamentali: brevi cenni - 3. Il parere redatto dal gruppo di esperti: il diritto di accesso effettivo all’aborto - 4. Segue. L’indicazione di dettaglio dei limiti a cui deve essere sottoposto il diritto all’obiezione di coscienza - 5. La posizione privilegiata della Chiesa cattolica e la protezione del diritto fondamentale di libertà religiosa.