Rivista telematica (www.statoechiese.it)
Online dal gennaio 2007
Menu

Articoli in Collaborazione (Principio di)

La protección de los bienes culturales de la Iglesia católica: la experiencia italiana - di Beatrice Serra

SUMARIO: 1. El concepto de bien cultural de interés religioso en el ordenamiento intaliano y el peculiar relieve cuantitativo y cualitativo de los bienes culturales de interés religioso referibles a la Iglesia católica - 2. El recorrido, paralelo y autónomo, del Estado y de la Iglesia hacia una disciplina concordada de los bienes culturales de interés religioso - 3. El art. 12 delAcuerdo de Villa Madama: el principio de cooperación entre el Estado y la Iglesia en su respectivo ordenamiento para la tutela del patrimonio histórico y artístico - 4. La armonización de la aplicacón de la ley italiana en materia de bienes culturales con las exigencias de carácter religioso: el interés nacional - 5. (continuación) Los acuerdos a nivel regional - 6. Breves consideraciones conclusivas.

ABSTRACT: The article reconstructs the evolution of the protection of the historical-artistic heritage of the Catholic Church in Italy as a revealing index of ways of understanding the relationship between temporal dimension and spiritual dimension.

Scarica il testo completo in PDF

Challenges of Pluralistic Societies with Dissimilar Cultural Identities and Religious Legal Traditions: ADR and the Role of Religious Mediation and Arbitration - di Gloria M. Morán García

Summary: 1. The Challenges of Pluralistic Societies with Dissimilar Cultural Identities and Religious Traditions: from a Melting Pot to a Cultural Mosaic - 2. European Catholic Tradition of Dual Legislation and Jurisdiction: 2.1. The Development of the Religious Jurisdiction: from the Episcopalis Audientia under the Christian Roman Empire to the Homologation of Religious Decisions by a Civil Judge – 2.2. The Development of Secular and Religious Jurisdictions: from the Leges Barbarorum et Romanorum under the Principle of Personality to the Medieval Dual Jurisdiction in Europe – 2.3. Religious Minorities under Christian Rulers – 3. Muslim Legal Tradition of Plural Jurisdictions: 3.1. Muslim Empires and the Dhimma System – 3.2. Islamic Communities in Transition: from the Pre-colonial Era to the Colonial Rule – 3.3. The Exceptionality of Palestine and Israel- 4. Toward a Global World: Legal Pluralism and the Development of ADR. The Role of Religious Mediation and Arbitration: 4.1. The American Experience in Religious Arbitration: the Jewish Beth Din Courts and the Challenge of Islamic Arbitration – 4.2. Confronting the Fear of Islamic Arbitration Tribunals in the UK, Canada, and Australia - 5. Conclusions.

Abstract: Most of juridical systems are historically developed from the interaction of two main legal principles: the principle of personality and the principle of territoriality. Roman Law is one of the best examples of it; its legacy channeled the growth and coexistence of religious and secular jurisdictions in the Germanic kingdoms of Western Europe. Under the principle of personality of laws, bonding individuals to their cultural or religious communities, legal pluralism was the common grounds from the Antiquity to the pre-Modern era. However, as a result of the religious wars in the Holy Roman Empire between Catholics and Protestants in the 16th and the 17th centuries, the Westphalian state model reinforced a territorial religious jurisdiction under the principle cuius regio eius religio, allowing the ruler to impose his religion on his subjects. The Muslim legal tradition developed, as well, plural juridical systems from the Dhimma System. One of them was the Ottoman Millet system that was adapted from the colonial era to the most of Middle East nation-states as a bonding personal religious law applied to non-Muslim communities. The secular paradigm of the Rule of Law, centralizing and reinforcing state and federal legislative powers, is implemented in Europe and her former colonies in the 19th century under the nation-state constitutional model, expanding worldwide the principles of territoriality and citizenship. As a result, religious legal systems are progressively confined to the private sphere. However, the secular paradigm is confronted gradually by a new development of legal pluralism, mainly as an effect of an extensive increment of global migrations; Halakha or Jewish Law, Canon Law or Catholic Law, Sharia or Islamic Law, are gaining strength as formal or informal religious ADR under the principle of Religious Freedom. Religious legal systems are becoming an innovative tool of mediation, conciliation, and arbitration accepted by some secular jurisdictions around the world, although there is a polarized debate about it. In today´s global world, which are the lessons to be learned from legal traditions and contemporary models of legal pluralism? Can religious legal systems become a tool of mediation for restorative justice preventing and exiting from violence? This article addresses this juridical and social challenge from an interdisciplinary comparative analysis.

Scarica il testo completo in PDF

Il governo locale del pluralismo religioso - di Letizia Mancini

Sono molto grata all’amico Giuseppe Casuscelli per avermi invitato a partecipare a questo incontro. Stato, Chiese e pluralismo confessionale è una rivista che seguo con grandissimo interesse fin dalla sua fondazione. È uno strumento prezioso, del quale ho sempre apprezzato in particolare la vocazione trasversale e interdisciplinare. Questa qualità non deriva solo dal fatto che il pluralismo è questione che si presta appunto ad analisi trasversali e interdisciplinari, ma è frutto di una precisa scelta editoriale, quella cioè di accogliere punti di vista differenti, approfondimenti e riflessioni di studiosi di discipline e di generazioni diverse. Come sociologa del diritto mi sono occupata di pluralismo culturale e religioso soprattutto in riferimento ai movimenti migratori che di tale pluralismo costituiscono il principale fattore nella società italiana. A partire dal titolo di questo incontro, mi sono allora chiesta se in questi dieci anni abbiamo assistito a un progressivo riconoscimento del pluralismo religioso e, di conseguenza, del godimento di diritti legati alla libertà religiosa e al suo esercizio.

Scarica il testo completo in PDF

Pubblica sicurezza e tutela dell’autonomia confessionale. Riflessioni a partire dalla negazione delle pubbliche esequie per i mafiosi - di Fabio Balsamo

Sommario : 1. La costante applicazione degli artt. 26-27 T.U.L.P.S. alle ipotesi di funerali di mafiosi – 2. Il caso dei funerali pubblici negati al boss Giuseppe Barbaro e la “protesta” del Parroco di Platì. Un’ipotesi di lesione dell’autonomia confessionale? – 3. L’imposizione di funerali in forma privata e la dimensione essenzialmente comunitaria del rito delle esequie nel diritto canonico – 4. La privazione delle esequie ecclesiastiche tra tutela dell’autonomia confessionale e potere di intervento dell’autorità di pubblica sicurezza – 5. La rilettura del dovere di reciproca collaborazione tra Stato e Chiesa alla luce del comune impegno contro le mafie. Alcune attuali criticità – 6. Verso nuovi confini del dovere di collaborazione: l’assunzione di un impegno comune di Stato e confessioni religiose contro il crimine organizzato.

Public safety and protection of confessional autonomy. Reflections from the denial of public funerals for mobsters.

ABSTRACT: Measures taken by Italian Quaestors in order to prohibit public funerals for mobsters have an impact also on decision-making autonomy recognized at the ecclesiastical authority by canon 1184 C.i.c. on the same field. The recent Catholic Church’s commitment against mafias requires that what is decided by public authorities to ensure the public policy and public safety must be observed together to the measures laid down by Canon Law, with the aim to avoid the risk of a conflict between Italian and Canon Law. That’s why it’s necessary to give new meaning to the cooperation principle that State and Catholic Church have decided to carry on since 1984. Lastly, it would be appreciated if a similar principle could be extended to all religious faiths in Italy, in order to improve the potential contribution of all religions in combating and preventing organized crime.

Scarica il testo completo in PDF

Enti religiosi e tutela dell’ambiente - di Fabio Balsamo

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Verso una concreta assunzione di responsabilità della Chiesa cattolica in materia ambientale – 3. L’impegno delle Diocesi in materia di tutela ambientale – 4. L’impegno della Chiesa cattolica nella tutela dell’ambiente come espressione del principio di collaborazione con lo Stato per il bene del Paese e per la promozione dell’uomo – 5. La partecipazione degli enti religiosi alla costruzione di una “democrazia ambientale” – 6. Enti religiosi e diritto di accesso alle informazioni ambientali – 7. Enti religiosi e tutela giurisdizionale degli interessi diffusi in materia ambientale – 8. Riflessioni conclusive. Confessioni religiose e accesso alla giustizia ambientale.

Religious institutions and environmental protection

ABSTRACT: The article underlines the importance of religions in the global ecological crisis. It also analyzes all the hidden potential of the religious institutions, that can represent an important and useful actor in the necessary ecological commitment. In fact their contribution for the protection of nature can become a really concrete action according to Aarhus Convention, ratified by Italy in 2001. It’s possible to observe that in Aarhus Convention there are no obstacles to the recognition of an active rule on these religiously inspired institutions. That’s why it becomes necessary to study all the consequences, in order to identify powers and limits of this contribution, according to Italian legal system.

Scarica il testo completo in PDF

Imams and other Religious Authorities in Italy - di Francesco Alicino

SUMMARY: 1. Introduction – 2. The Relationship State-Confessions and Religious Ministers – 2.1. The “Common” Legislation of intese and the 1929 Act – 2.2. State’s Law and Religious Ministers – 3 . Imam in Italy. Is that a Religious Minister? – 3.1. The Connection State-Islamic Organizations – 3 .2. Islamic Groups as Religious Denominations – 3.3. The Bilateral Legislation – 3.4. A Possible Collaboration – 4. Conclusion.

ABSTRACT: In Italy imams are more than 800 members. As imams, they are almost all self-taught people. As citizens, most of the times they have a precarious job. During the week, they normally take care of things other than religion. They perform religious functions in their spare time. Moreover, to see them working as imams, you have to go down in some underground parking or in apartments converted into mosques, where sometimes you see minaret and other Islamic symbols, but only in either the picture or in the paintings hanging on the wall. In the end of the day, we know little or almost nothing about imams. Besides, the Italian law normally do not recognise them as religious authorities. Nevertheless, as imams they play a very important role in local Muslim communities that, under the pressing process of immigration, hold nowadays more than two millions persons. The paper will analyse the status of Islamic imams in Italy, comparing them with the status of other religious authorities (priests, rabbis, pastors ecc.). In particular, this comparative perspective will be focused on both angles: on the one hand, the research will compare the role of imams with those of religious authorities within their respective community; on the other, we will compare imams with considered the different way through which Italian law treats both imams and other religious authority . This perspective will give us a possibility to underline how both the social context and the Italian legal framework (regulating the State-religions connexions) manage religious claims.

Scarica il testo completo in PDF

La Santa Sede e la Conferenza di Helsinki per la sicurezza e la cooperazione in Europa - di Giovanni Barberini

“La Conferenza di Helsinki sulla Sicurezza e la Cooperazione in Europa" - è stato autorevolmente affermato dal card. Achille Silvestrini – "ha rappresentato un’esperienza unica nel suo valore. Era la prima volta, dopo il Congresso di Vienna del 1825, che la S. Sede partecipava come full member in un Consesso di Stati (… ). La presenza della S. Sede ad Helsinki ha rappresentato un segno concreto della concezione della pace fra le nazioni come valore morale prima ancora che come questione politica, e una occasione per rivendicare la libertà religiosa come una delle libertà fondamentali di ogni persona e come valore di correlazione nei rapporti fra i popoli”. La Conferenza di Helsinki, che vide ovest ed est uniti sulla via della distensione, costituisce l’esito di una serie di fattori - storici, politici e diplomatici – che hanno infine condotto i soggetti interessati a incontrarsi per discutere di temi di comune interesse, nonostante la forte contrapposizione all’epoca esistente fra i diversi schieramenti a livello mondiale ed europeo. (continua)

Scarica il testo completo in PDF

Lo sfondamento dell’orizzonte tradizionale: dalla prospettiva nazionale a quella globale. Stati e confessioni religiose alla prova. Religione e confessioni nell’Unione europea tra speranze ... - di Romeo Astorri

SOMMARIO: 1. Osservazioni introduttive - 2. Il fenomeno religioso nelle costituzioni europee del XXI secolo - 3. La bilateralità con particolare riferimento alla Germania - 4. Osservazioni conclusive.

ABSTRACT: This essay examines the legal condition of religious denominations in the European States’ new Constitutions. It focuses upon the legal provisions concerning the principle of cooperation and its application contained both in these Constitutions and in the German Länder ’s agreements signed with religious denominations after the Reunification. The inconsistencies thereby originated are also taken into account as regards both European legal rules and the condition of religious denominations within national States .

Scarica il testo completo in PDF

Enti ecclesiastici e doveri di solidarietà - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. Come orientarsi - 2. Alcuni interrogativi sottesi al tema - 3. Il declino del carattere non lucrativo del "fine di culto e di religione", e l’emergente rilievo del "fine di profitto indiretto" - 4. Cenni sul patrimonio ecclesiastico e la koinonía materiale evangelica: pauperismo e/o solidarietà - 5. Il dovere inderogabile di solidarietà politica, economica e sociale: una categoria aperta - 6. Cenni sul bene comune nella Costituzione pastorale Gaudium et Spes - 7. I principi sanciti dalla Costituzione e le dichiarazioni del Concilio Ecumenico Vaticano II quali fondamento e fine-valore dell'Accordo del 1984 - 8. Una ri-lettura dell'impegno alla collaborazione reciproca per "il bene del Paese" – 9. Gli specifici doveri di solidarietà che gravano sulle Chiese e sui loro enti. I doveri "nominati" ... - 10. (segue) ...e i doveri "innominati"- 11. Il dovere di conformare i rapporti con i pubblici poteri al principio della buona fede oggettiva - 12. Solidarietà doverosa e solidarietà responsabile - 13. Indipendenza delle Chiese nel loro ordine e solidarietà: il bilanciamento dei principi - 14. Laicità, pluralismo e impegno alla collaborazione per la “promozione dell’uomo”: l’obbligo di facere quale aspetto del dovere di solidarietà - 15. Solidarietà in crisi o solidarietà inattuata? Verso una nuova "stagione" - 16. La necessità di disciplinare i doveri di solidarietà e il legislatore “reticente” - 17. La sfida di una "nuova progettazione" - 18. Un auspicio.

Scarica il testo completo in PDF

Lo Stato italiano e la Chiesa cattolica: indipendenza, sovranità e reciproca collaborazione (a proposito dell’art. 1 Accordo di revisione concordataria) - di Ombretta Fumagalli Carulli

SOMMARIO : Premessa - 1. Alle radici della duplice sovranità: il dualismo cristiano - 2. La questione della sovranità della Chiesa - 3. La sana cooperatio nell’Accordo di revisione concordataria - 4. Dialettica con gli Episcopati e Ecclesia Communio - 5. Sana cooperatio e res mixtae : in particolare 8 per mille e matrimonio - 6. Nuove sfide alla sovranità della Chiesa?

ABSTRACT: In the article the Author takes stock of the situation regarding the sana cooperatio between State and Catholic Church 30 years after revision of the Italian Concordat. After dealing with the concept of Christian dualism and its historical development, the essay pays attention to the sovereignty of Catholic Church and highlights how in last years the CEI (Italian Conference of Catholic Bishops) - in conjunction with the Holy See - has taken on particular importance in the relationship between State and Catholic Church. Then there is a comparison between two issues which have had unexpected results: the Eight per thousand and the marriage. With regard to the Eight per thousand, in consideration of the economic crisis, the Author proposes that Catholic Church may accept a temporary reduction of the sums devolved to her or may use such sums in order to strengthen the projects in favor of the common good. With regard to the marriage, in consideration of the violation of religious marriage freedom, the Author hopes for a clarification by the State or, otherwise, the adoption of the personal statutes .

Scarica il testo completo in PDF

La legislazione vaticana in materia finanziaria: un banco di prova dell’art. 17 del TUE e dei principi di collaborazione e cooperazione tra Chiese, Stato e Unione Europea - di Maria Cristina Folliero

SOMMARIO : 1. Premessa – 2. Antefatti e pre-condizioni della legislazione finanziaria vaticana più recente - 3. Il nuovo corso della legislazione finanziaria vaticana: ruolo e funzione dell’art. 17 del Trattato di Lisbona - 4. Chiese e processo di integrazione valoriale europeo - 5. Chiese e processo mercatista di integrazione economica europea - 6. Il processo di integrazione al modello europeo della legislazione finanziaria vaticana - 7. Un processo che continua.

Scarica il testo completo in PDF

La tutela delle esigenze religiose - di Isabella Bolgiani

SOMMARIO: 1. Gli interessi religiosi nella Costituzione - 2. La rappresentanza delle esigenze religiose tra centro e periferia - 3. Il principio di tutela della libertà religiosa nella tavola dei valori costituzionali - 4. La collaborazione tra pubblici poteri ed autorità religiose quale chiave di volta del sistema - 5. L’apporto offerto dal principio di sussidiarietà.

The protection of the religious needs

ABSTRACT: The study of ecclesiastical law is frequently focused on ecclesiastical and civil authorities and on their boundaries of action. In this way it is underestimated how many issues could be overcome simply by looking at the ultimate aim of these laws: the protection of the religious interests of the citizens. To offer an exact definition of those needs is undoubtedly not a simple matter. Therefore you should refer to the freedom of religion (Constitution, article 19) and to the correct declination of the complex
principles guaranteeing the religious right in our Constitution.
 

Scarica il testo completo in PDF

I beni culturali di interesse religioso tra Intesa nazionale e accordi regionali (“vecchi” e “nuovi”) - di Isabella Bolgiani

SOMMARIO: 1. Il principio di collaborazione tra autorità civili e religiose - 2. Lo sviluppo delle intese sul piano regionale - 3. Gli accordi regionali vigenti – 4. L’attuale quadro normativo: il doppio livello centro-periferia – 5. Il coinvolgimento degli organi periferici del Ministero - 6. Le ulteriori prospettive di un sistema complesso - 7. Conclusioni.

The cultural goods of religious interest between national agreement and ("old" and "new") regional agreements

ABSTRACT: The Agreement of 1984 deals with the relations between Catholic Church and State regarding cultural heritage in Italy (Article 12). This law gives rise to a complex and articulated system, because essentially based on two-tier “center-periphery”. This dual implementation plan deserves some insights in the light of the reforms that have involved the field of cultural heritage in general and the organization of the Ministry (MiBAC). Also be studied some recent and significant changes in the applications of such laws that appear indicative of the process of collaboration in action.

Scarica il testo completo in PDF

L’ospedale ecclesiastico: un’economia civile - di Simona Attollino

SOMMARIO: 1. Premessa: l’attualità del tema – 2. Il Welfare State e le “nuove” protezioni sociali – 3. La laicità alla prova: sussidiarietà e cooperazione – 4. L’ente ecclesiastico ospedale classificato – 5. Libertà religiosa e associazionismo.

ABSTRACT: With this essay the Author analyses the way hospitals, managed by religious organizations (from here stems the Italian notion of so-called “ecclesiastical hospitals”), act in respect to the health care system, which in Italy is informed by the principle stated in article 32 of the Constitution: this principle affirms that “the Republic safeguards health as a fundamental right of the individual as a collective interest”. In particular, the Author is able to demonstrate that the integration process concerning the ecclesiastical hospitals can be considered either a result of the principle of “Subsidiarity” (in the horizontal sense of the term) or a product of the important role that, in Italian legal system, has been traditionally recognised to the religious groups, in primis to the Catholic ones. Despite a legal context more and more secularised, in Italy religion still plays a crucial role, especially in fields related to the common wealth. In this manner, with their organizations, religious groups can help the State in affirming and protecting the constitutional “values”, including those values which were stemmed from to secular roots.

Scarica il testo completo in PDF

La crisi economica e la reciproca collaborazione tra le Chiese e lo Stato per “il bene del Paese” - di Giuseppe Casuscelli

SOMMARIO: 1. I principi in gioco – 2. I trattamenti preferenziali e le situazioni di vantaggio selettivo: ICI e otto per mille – 3. Per una lettura costituzionalmente orientata delle norme pattizie - 4. Il peculiare impegno della Chiesa cattolica e dello Stato alla reciproca collaborazione … – 5. (segue) … per “il bene del Paese” – 6. Il finanziamento pubblico delle Chiese nei nuovi accordi … - 7. (segue) e le “eventuali modifiche” dell’otto per mille – 8. Le vicende delle festività religiose "concordatarie" – 9. Il pluralismo confessionale, la laicità e l’uso controllato delle azioni positive – 10. Il magistero e la “profonda liberazione della Chiesa da forme di mondanità”.

Scarica il testo completo in PDF

L’Albania apre agli accordi di collaborazione con i “nuovi culti” - di Giovanni Cimbalo

SOMMARIO: 1. Gli evangelici albanesi a favore della lingua, della cultura, dell’identità e dell’indipendenza - 2. La nuova Costituzione albanese e il ripristino della libertà religiosa - 3. Le trattative per la stipula dell’accordo di cooperazione - 4. I contenuti dell’accordo e i suoi effetti nel rapporto con la legislazione ordinaria a tutela della libertà religiosa - 5. La proiezione dell’efficacia degli accordi nell’area dell’Albania etnica – 6. Gli accordi di cooperazione: un modello esportabile?

ABSTRACT : The present article deals with the Evangelical Federation in Albania and the contribution it gave to the modernization of the Albanian language. The merit acquired by this religious community makes it be included in the development of the legal relations between the State and cults, using the instrument of cooperation agreements. The agreement, which is the first with a “new cults”, is analyzed by comparing it with the other signed with the historic communities of the country and in the context of the Balkans. The analysis will therefore move towards the sort of Kosovo and Macedonia and the rules governing the relations with the cults. Finally, we develop a reflection on the patterns of relationship between the State and confessions, analyzing the characteristics of legal formants used.

Scarica il testo completo in PDF

Principio di cooperazione, rapporti con le confessioni minoritarie e problemi di rappresentanza. Uno sguardo all’esperienza latinoamericana - di Antonio Ingoglia

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La condizione dei culti minoritari in America Latina: cambiamenti in corso - 3. I rapporti con le confessioni religiose non registrate o non ammesse alla concertazione. Normative nazionali a confronto – 4. Il problema dei culti “ancestrali” – 5. Alcune conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Il principio di laicità in Spagna - di Miguel Rodríguez Blanco

SOMMARIO: 1. Il punto di partenza: la Costituzione del 1978 - 2. Aspetti di novità introdotti dalla Costituzione del 1978. Brevi osservazioni sui modelli storici di relazioni Stato-Chiesa nel costituzionalismo spagnolo - 3. Il principio di laicità nella giurisprudenza costituzionale. A. Dimensione negativa della laicità: la neutralità dei poteri pubblici di fronte al fenomeno religioso. B. Dimensione positiva della laicità: la cooperazione tra Stato e confessioni religiose - 4. A mo’ di conclusione: alcune sfide attuali del principio di laicità in Spagna.

Scarica il testo completo in PDF

Laicità e collaborazione alla prova: il livello locale. Introduzione alla sezione di lavoro - di Giovanni Cimbalo

SOMMARIO: 1. Introduzione – 2. La modifica degli Statuti regionali – 3. La gestione degli spazi urbani e la libertà religiosa.

Scarica il testo completo in PDF

Post-democrazia europea e principio di cooperazione Unione Europea-Religioni - di Maria Cristina Folliero

SOMMARIO: 1. Premessa: cooperazione e sussidiarietà come principi-motore degli attuali processi di integrazione tra ordinamenti politici e religioni - 2. Percorso ed esiti del principio di cooperazione tra ordinamenti politici europei e chiese - 3. Dalla Carta di Nizza all’art. 17 del Trattato di Lisbona - 4. Reazioni, conseguenze e modifiche delle relazioni tra Comunità Europea e Chiese a seguito dell’entrata in vigore dell’art. 17 del Trattato di Lisbona - 5. Incidenza dell’art. 7 del Trattato in materia di interventi legislativi statali a carattere finanziario in favore delle Chiese - 6. L’art. 17 del Trattato, la ripartenza del principio di cooperazione nel diritto dell’Unione e le modifiche indotte nel sistema di relazioni interne tra le Chiese.

Scarica il testo completo in PDF

Dialogo interreligioso e sistema italiano delle Intese: il principio di cooperazione al tempo della post-democrazia - di Maria Cristina Folliero

SOMMARIO: 1. Premessa: cooperazione e sussidiarietà come fattori di accelerazione dei processi nazionali e comunitari di integrazione tra ordinamenti politici e religioni - 2. Gli attori in campo in Italia - 2.1: le Chiese e le diverse valenze della ripresa del dialogo interreligioso - 2.2: Lo Stato tra go and stop nella nuova stagione delle Intese che non decolla - 2.2.1: delle nuove leggi sulla libertà religiosa, delle Carte dei Diritti e dell’Integrazione, delle Consulte e dei Comitati per l’Islam italiano e altri rimedi – 3. Conclusioni interrotte.

Scarica il testo completo in PDF

Laicità e collaborazione a livello locale. Gli equilibri tra fonti centrali e periferiche nella disciplina del fenomeno religioso - di Pierangela Floris

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Accordi di vertice e intese locali: vecchie e nuove questioni di fonti di disciplina - 3. Le altalene locali della laicità ed il bisogno di regole centrali uniformi - 4. Le tendenze del diritto locale in formazione.

Scarica il testo completo in PDF

Laicità e dimensione pubblica del fattore religioso. Stato attuale e prospettive. I temi del Convegno Nazionale di Studio - di Giovanni B. Varnier

SOMMARIO: 1. L’Ateneo di Bari e le discipline ecclesiasticistiche - 2. La laicità dello Stato e lo spazio delle religioni nella sfera pubblica – 3. L’ambito in cui collaborare – 4. La rotta da percorrere – 5. Le insidie del cammino da percorrere – 6. Uno sguardo alla nostra disciplina

Scarica il testo completo in PDF

Dimensione pubblica del fenomeno religioso e collaborazione delle confessioni religiose con lo Stato - di Valerio Tozzi

SOMMARIO – 1. Il concetto di pubblico e la collaborazione – 2. Il rilievo pubblico della religione – 3. L’enfatizzazione delle confessioni religiose come strumento di attuazione di una dimensione pubblica del fenomeno religioso – 4. Le confessioni religiose non sono l’espressione della dimensione pubblica del fenomeno religioso – 5. Collaborazione con le istituzioni pubbliche o competizione delle confessioni nell’occupazione dello spazio pubblico?

Scarica il testo completo in PDF

Le rôle international du Saint-Siège et la défense de la liberté religieuse et des droits humains - di Paolo Cavana

SOMMAIRE: 1. Le rôle international du Saint-Siège: objectifs et modalités d’action - 2. Les principes qui soutiennent l’action du Saint-Siège au niveau international: a) autonomie et laïcité; b) libertas Ecclesiae; c) principe de collaboration; d) renonce aux privilèges et principe d’egalité ; e) neutralité à l’égard des compétitions temporelles - 3. La défense du droit à la liberté religieuse - 4. La défense des droits fondamentaux de l’homme.

Scarica il testo completo in PDF

Giurisdizione matrimoniale ecclesiastica e poteri autoritativi della magistratura italiana - di Geraldina Boni

SOMMARIO: 1. La sentenza n. 22827 del 2004 della Cassazione penale italiana - 2. Il segreto “professionale” del ministro di culto/giudice ecclesiastico - 3. Indipendenza e sovranità della Chiesa nel suo ordine e attività dei tribunali ecclesiastici in materia matrimoniale. La libertà della giurisdizione della Chiesa e la repressione dei reati da parte dello Stato - 4. Il ricorso al giudice italiano in ambito giudiziario matrimoniale canonico. Fisionomia e caratteri del processo canonico di nullità del vincolo e illeciti penali in esso perpetrabili - 5. Quali i possibili effetti delle “interferenze” della giustizia italiana sul processo canonico? - 6. Giurisdizione della Chiesa e giurisdizione dello Stato nell’ottica della reciproca collaborazione tra Stato italiano e Chiesa cattolica per la promozione dell’uomo e il bene del paese.

Scarica il testo completo in PDF