Rivista telematica (www.statoechiese.it)
Online dal gennaio 2007
Menu

Articoli in Beni culturali

UNESCO, Religious Freedoms and World Cultural Heritage in the Old City of Jerusalem: the line of fire between challenges, comparisons and new perspectives - di Clizia Franceschini

SUMMARY: 1. Introduction to the role of UNESCO in defining, respecting and implementing Human Rights and Fundamental Freedoms: a general analysis - 2. The right to participate freely in cultural life: the specific UNESCO's involvement in the field of religious rights - 3. IHL Dimension linked to UNESCO's Legislative Powers to Protect the Cultural Heritage in the Event of Armed Conflict or Occupation - 4. UNESCO's Actions to Preserve the Cultural Heritage in Syria and Iraq: A comparative framework - 5. The Legal Status of Jerusalem and the management of the Holy Places: Jerusalem in a Nutshell - 6. UNESCO's past interventions in Jerusalem: a legal basis for future interventions - 7. The Mughrabi Gate Ascent - 8. The 2008 Action Plan for the Safeguarding of the Cultural Heritage of the Old City of Jerusalem - 9. UNESCO, Resolution 200 EX/PX/DR.25.2:“Occupied Palestine” - 10. Conclusions.

ABSTRACT: The current dissertation is mainly going to analyse the original contribution of UNESCO to the development of the concept of cultural rights through the proclamation and elaboration of normative instruments and strategies concerning the right to the protection of and access to the cultural (religious) heritage in contested areas. Since 1967, UNESCO has increasingly played a dominant role in the Old city of Jerusalem: it exercised its power in the field of the preservation of cultural heritage in a contested area, not only through practical plans, but also through legislative instruments and Resolutions. A peculiar political contest is still challenging the full exercise of its powers and the applicability of the main human rights treaty dealing with the preservation of cultural heritage in a contest of competing sovereignty. The essay, drawing on UNESCO's past restoration experiences in ancient (Aleppo, 1992) and post-conflict (Iraq, 2003) areas, focuses on the conciliation role that the Agency may potentially play in the Israeli-Palestinian conflict.

Scarica il testo completo in PDF

Un “modello Unesco” per la gestione, in chiave economica, dei beni culturali di interesse religioso? - di Marta Tigano

SOMMARIO: 1. Considerazioni introduttive - 2. Premesse a una ricostruzione dello statuto dei beni culturali - 3. Il passaggio da una tutela “statica” a una valorizzazione “in chiave dinamica” - 4. Inquadramento dell’attività di valorizzazione nell’ambito dei “servizi pubblici” - 5. La possibile estensione dei processi di gestione (e di valorizzazione) ideati per i beni culturali “laici” - e ispirati a criteri economici - anche ai beni culturali di interesse religioso: la necessità dell’accordo - 6. L’organizzazione di un “servizio alla cultura” ispirato a criteri di natura economica - 7. Tentativo di individuazione dei beni culturali di interesse religioso e possibile compatibilità della gestione secondo criteri economici con la natura di questi ultimi - 8. Beni culturali religiosi e “mistero” di salvezza - 9. La programmazione e la pianificazione delle attività relative ai beni culturali (di appartenenza pubblica e non) ed esempi di modelli “condivisi”.

An "UNESCO model" for the economic management of cultural heritage of religious interest?

ABSTRACT: The article is intended to verify if the "UNESCO" management model is applicable to the management of cultural heritage of religious interest, tout court, or if, otherwise, special arrangement are required. Indeed, the UNESCO one is a model not only of dualistic management, (which implies a bilateral agreement), but moreover is inspired by purely economic management criteria. The question is whether a model created for secular cultural heritage can be assumed as a management model also for cultural heritage of religious interest, whose purpose would seem to be incompatible with the characteristics of purely economic management. The author tries to give an answer identifying the common features between the two categories of heritage.

Scarica il testo completo in PDF

La tutela dell’interesse religioso dei beni culturali. Riflessioni tra ius conditum e ius condendum - di Francesco Passaseo

SOMMARIO: 1. Introduzione. - 2. La qualificazione “religiosa” dei beni culturali. - 3. La legislazione vigente. - 4. Le pertinenze degli edifici di culto. - 5. Casi pratici di sacrificio dell'interesse religioso. In particolare, il caso della Madonna del parto di Piero della Francesca. - 6. Beni culturali e beni comuni.

The protection of religious interest of cultural heritage: reflections between ius conditum and ius condendum

ABSTRACT: The current perspective, with regard to cultural heritage of religious interest, needs a legislative adjustment on the new person's protection request. The exam of many practical cases shows, in this matter, that national and economic interests take precedence over religious interests. The reason for this is that many cultural goods of religious interest belong to the State, which claims his exclusive right to use and administer them. It is important to analyze the different interests of the State and the Church, but it is very difficult to find a balance between them. To solve this problem, we can connect the category of the cultural heritage of religious interest to the category of "common goods". The latter goods protect fundamental rights and consider person as the major user of these goods, without taking into account the public and private owners of them. In fact, the cultural heritage of religious interest affects different constitutional rights of the individual, such as the rights relating to the personality, the right to freedom of religion and the right to freedom of art. It is therefore important to consider the needs of the individual to design a correct protection of the cultural heritage of religious interest.

Scarica il testo completo in PDF

La protección de los bienes culturales de la Iglesia católica: la experiencia italiana - di Beatrice Serra

SUMARIO: 1. El concepto de bien cultural de interés religioso en el ordenamiento intaliano y el peculiar relieve cuantitativo y cualitativo de los bienes culturales de interés religioso referibles a la Iglesia católica - 2. El recorrido, paralelo y autónomo, del Estado y de la Iglesia hacia una disciplina concordada de los bienes culturales de interés religioso - 3. El art. 12 delAcuerdo de Villa Madama: el principio de cooperación entre el Estado y la Iglesia en su respectivo ordenamiento para la tutela del patrimonio histórico y artístico - 4. La armonización de la aplicacón de la ley italiana en materia de bienes culturales con las exigencias de carácter religioso: el interés nacional - 5. (continuación) Los acuerdos a nivel regional - 6. Breves consideraciones conclusivas.

ABSTRACT: The article reconstructs the evolution of the protection of the historical-artistic heritage of the Catholic Church in Italy as a revealing index of ways of understanding the relationship between temporal dimension and spiritual dimension.

Scarica il testo completo in PDF

Il riuso degli edifici di culto: profili problematici tra diritto canonico, civile e amministrativo - di Davide Dimodugno

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Problematiche di diritto canonico: la gravità della causa e l’uso non indecoroso tra normativa e giurisprudenza - 3. Problematiche tra diritto civile e diritto canonico: il vincolo di destinazione al culto - 4. Problematiche di diritto civile: la scelta dello strumento giuridico - 5. Problematiche di diritto amministrativo: il divieto di distruzione e di uso illecito e il cambiamento di destinazione d’uso compatibile con il carattere storico e artistico dell’edificio - 6. The future of churches: casi di studio e riflessioni a partire dal convegno di Bologna - 7. Conclusioni.

The reuse of places of worship: problematic aspects between canon law, civil law and administrative law

ABSTRACT: This article focuses on the juridical problematic aspects linked to the reuse of places of worship. It wants to examine the notion of “other grave causes” and “not sordid use” in canon law, the hypothecation as a place of worship and the choice of the more appropriate juridical instrument in the Italian civil law and the application of the Italian cultural heritage code, with the prohibition of destroying and of illegal use and the communication of the change in use, in administrative law. In conclusion, it is proposed a brief reference to the case studies and reflections from The future of churches, a conference that took place in Bologna, from 5th to 7th October 2016, and that was organized by the Department of Architecture at the University of Bologna and the Centro Studi Cherubino Ghirardacci.

Scarica il testo completo in PDF

Codici di autodisciplina e libertà di coscienza: per una democrazia più partecipativa e solidale - di Fortunato Freni

SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Un primo inventario dell’impegno sociale eticamente motivato: a) filantropia; b) ambientalismo, animalismo e veganismo; c) clubs service ; d) valorizzazione dei beni culturali; e) agricoltura sociale; f) oratori; g) finanza etica e sharing economy ; h) fondazioni familiari; i) social streets ; l) architettura sociale; m) orti urbani collettivi - 3. I codici di autodisciplina e la libertà di coscienza come trade union tra ordine giuridico e ordini spirituali - 4. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

L’accesso alle chiese aperte al culto: fruizione cultuale, fruizione turistica, questione del ticket - di Fabio Franceschi

SOMMARIO : 1. Premessa. Posizione del problema - 2. La duplice natura della chiesa-edificio: bene liturgico e bene culturale ecclesiale. Problematiche discendenti dal possibile interagire, in ordine alla fruibilità degli edifici di culto monumentali, della dimensione cultuale e di quella culturale - 3. Il ticket d’ingresso e la “gestione museale” delle chiese: alcuni dati sulla diffusione del fenomeno - 4. Le ragioni a favore del ticket d’ingresso. I benefici ricavabili dagli introiti della bigliettazione. Considerazioni critiche - 5. Le ragioni contrarie: a ) il necessario rispetto delle esigenze di natura religiosa e pastorale - 6. (segue) b ) le motivazioni giuridiche: elementi di contrasto con la normativa canonica e civile sulle chiese aperte al culto pubblico - 7. (segue) c ) le ragioni di opportunità: l’odiosità della prassi del ticket nella percezione dell’opinione pubblica - 8. I richiami della Commissione paritetica e le iniziative della Conferenza Episcopale Italiana - 9. La nota del Consiglio Episcopale Permanente della CEI: cosa cambia (ma qualcosa cambia davvero?) - 10. Riflessioni a margine della nota. Valore giuridico del documento e valenza del richiamo, in esso contenuto, all’osservanza del principio dell’accesso gratuito alle chiese aperte al culto. Il turismo religioso-culturale come opportunità pastorale (prima ancora che economica) - 11 (segue) Eliminazione della prassi del ticket e valorizzazione di altre possibili forme di introito legate al turismo religioso - 12. (segue) Offerte volontarie, fund raising , sfruttamento dell’indotto - 13. Fruizione differenziata degli edifici di culto monumentali in ragione dei diversi possibili utenti e ipotesi straordinarie di possibile mantenimento del ticket - 14. Promozione e valorizzazione, anche in senso economico, degli edifici di culto monumentali e ruolo delle comunità cristiane. Il volontariato come strumento per garantire il servizio di accoglienza nelle chiese storiche - 15. Riflessioni conclusive.

ABSTRACT Access to churches: worship fruition, tourist use, ticket issue. This essay examines different possible uses of monumental churches according to canon and civil law, focusing on issues arising when use is for cultural purposes. Special attention is devoted to the practice of setting admission fees for visiting historical and artistic churches. The paper examines controversy and criticism of this practice , and the solution adopted by the Episcopal Conference of Italy (CEI) with the publication of the document "Access to churches " (2012). The Italian bishops, precisely in order to dissuade and possibly eliminate such practice, have reaffirmed the principle of free access to churches, subject to certain exceptions , as these are places devoted primarily to communitarian and personal prayer, even if artistic value is also involved. Finally, the essay offers some concluding remarks on the future perspectives and possible solutions to some of the most serious aspects of the question.

Scarica il testo completo in PDF

L’ingresso dei musei ecclesiastici nel novero dei beni culturali: alcune riflessioni nella prospettiva del diritto costituzionale - di Antonello Denuzzo

SOMMARIO: 1. L’autonomia ex art. 33 della Costituzione quale carattere necessario dell’istituzione museale – 2. L’utilità sociale dei musei ecclesiastici – 3. Le fonti canonistiche – 4. L’introduzione della sussidiarietà orizzontale come traguardo culturale – 5. Volontariato culturale e micro-sussidiarietà.

The admission of ecclesiastic museums in cultural heritage: some reflection in constitutional law perspective

ABSTRACT: Since museum reached its public function, as the people museum, management problems have emerged for the difficult compatibility between works of art and mass visits, for the lack of resources, for the relative difficulties of conservation and preservation, for the typical characteristics of museums, that are structured as private building and not to be opened to a various public. So we have to outline appropriate and productive management forms, to state coordinating techniques with other cultural or not cultural institution, to solve interpretation problems that stress the current management. On the other hand it is important to improve the quality of personnel and to increase the appropriate service structures to make an analysis of users needs and to simplify, with marketing and communication methods and instruments too, the access of collectivity to museums. With these perspectives, individual contribution and the help of little voluntary associations, which are promoted and supported, can give in the field of museums a micro-subsidiarity perspective, that can be even tested.

Scarica il testo completo in PDF

I beni culturali di interesse religioso tra Intesa nazionale e accordi regionali (“vecchi” e “nuovi”) - di Isabella Bolgiani

SOMMARIO: 1. Il principio di collaborazione tra autorità civili e religiose - 2. Lo sviluppo delle intese sul piano regionale - 3. Gli accordi regionali vigenti – 4. L’attuale quadro normativo: il doppio livello centro-periferia – 5. Il coinvolgimento degli organi periferici del Ministero - 6. Le ulteriori prospettive di un sistema complesso - 7. Conclusioni.

The cultural goods of religious interest between national agreement and ("old" and "new") regional agreements

ABSTRACT: The Agreement of 1984 deals with the relations between Catholic Church and State regarding cultural heritage in Italy (Article 12). This law gives rise to a complex and articulated system, because essentially based on two-tier “center-periphery”. This dual implementation plan deserves some insights in the light of the reforms that have involved the field of cultural heritage in general and the organization of the Ministry (MiBAC). Also be studied some recent and significant changes in the applications of such laws that appear indicative of the process of collaboration in action.

Scarica il testo completo in PDF

La tutela dei beni culturali di interesse religioso tra Costituzione e convenzioni con le confessioni religiose - di Nicola Colaianni

SOMMARIO: 1. La Costituzione culturale – 2. L’Accordo culturale - 3. Dalle esigenze di culto alle esigenze religiose – 4. L’armonizzazione della tutela – 5. La legificazione delle disposizioni armonizzate – 6. Il modulo procedimentale dell’accordo – 7. La differenza con gli accordi della p.a. con altri soggetti – 8. Implicazioni e limiti: a) delle esigenze religiose – 9. (Segue): b) delle esigenze di conservazione del patrimonio artistico – 10. Il principio di laicità come criterio di ripartizione delle competenze.

The preservation of the cultural goods of religious interest according to the Italian Constitution and the Conventions with a few religious denominations

ABSTRACT: According to the Italian Constitution the preservation of the cultural goods falls within the authority of the State. Yet, when these goods assume a religious importance, according to the conventions with a few religious denominations – among witch mainly the Catholic Church –, the competence is also of those Organizations. This paper aims to demonstrate that the notion of “religious reasons” is broader than “cult reasons” and therefore the authority of the State is more limited than in the past time. The Author maintains that the constitutional principle of laicity must act as guide-line about the competence disposition and illustrates this theory with particular reference to a leading case of liturgical modification of a cathedral.

Scarica il testo completo in PDF

Beni culturali e diritto dell’Unione europea - di Manlio Frigo

SOMMARIO: 1. Il ruolo di cultura, valori di coscienza e religione nei trattati dell’Unione europea – 2. Il rilievo dei beni culturali nelle disposizioni dei trattati – 3. La nozione di bene culturale e la disciplina dei beni culturali nelle fonti secondarie del diritto dell’Unione europea – 4. La disciplina italiana, la questione dei beni culturali di interesse religioso e la compatibilità con le norme europee

Scarica il testo completo in PDF

L’evoluzione del diritto comune in materia religiosa nella legislazione nazionale - di Paolo Moneta

Sommario: 1. Premessa – 2. La legislazione sulle confessioni religiose – 3. I beni culturali – 4. Gli enti ecclesiastici e gli enti di utilità sociale – 5. La tutela penale – 6. La bioetica – 7. Gli insegnanti di religione e la tutela della riservatezza – 8. Osservazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

Il riformismo legislativo in diritto ecclesiastico e canonico: aspetti internazionalistici - di Luciano Musselli

SOMMARIO: 1. L’oggetto di indagine ed i suoi limiti. L’argomento ed i suoi problemi di fondo - 2. Il matrimonio canonico e concordatario nel quadro del diritto internazionale privato – 2.1. La rilevanza del matrimonio canonico – 2.2. Le decisioni ecclesiastiche di nullità, il Concordato ed il diritto internazionale privato – 2.3. Problematiche attinenti la dimensione giuridica europea - 3. Il problema delle sentenze straniere di divorzio a connotazione religiosa - 4. I beni culturali religiosi ed il diritto internazionale – 5. Organi ed enti della Santa Sede e della Chiesa cattolica e problematiche di diritto internazionale – 6. Conclusioni.

Scarica il testo completo in PDF

Tra autonomia e sussidiarietà: contenuti e precedenti delle convenzioni a carattere locale tra Chiesa e Istituzioni pubbliche - di Andrea Bettetini

SOMMARIO: 1. Premessa. Autonomia delle confessioni religiose e relazioni istituzionali (apicali e di base) con il potere politico – 2. Da una concezione verticistica a una concezione plurale delle relazioni tra religione e Stato. Il principio di sussidiarietà – 3. La competenza delle regioni in materia religiosa. La riforma del tit. V Cost. e il soddisfacimento degli interessi locali – 4. Gli accordi tra Regioni amministrative e Regioni ecclesiastiche. Tentativi di dialogo e attuale legittimazione – 5. Autonomia delle confessioni e forme di legittimazione alla stipula di intese in materia di beni culturali e di assistenza spirituale – 6. Le “nuove” materie di accordo a livello regionale. Il protagonismo sussidiario della società civile – 7. Conclusioni. Rilievo pubblico dei soggetti sociali religiosi, nuove forme pattizie decentralizzate e principio di sussidiarietà.

Scarica il testo completo in PDF

Il regime giuridico delle opere d’arte negli edifici di culto in Italia - di Alberto Roccella

SOMMARIO: 1. Premessa. - 2. La disciplina canonica. - 3. La normativa civile e l’intesa del 26 gennaio 2005.

Scarica il testo completo in PDF

Principi supremi dell’ordinamento e articolo 9 della Costituzione - di Alessandro Albisetti

Il problema degli edifici di culto dismessi - di Paolo Cavana

SOMMARIO: 1. Il problema degli edifici di culto dismessi in Europa – 2. Profili canonistici - 2.1. Le disposizioni del Codice di diritto canonico - 2.2. Criteri generali sul cambiamento d’uso delle chiese. Gli orientamenti della CEI su “I beni culturali della Chiesa in Italia” (1992) - 2.3. I documenti di altri episcopati (Germania, Svizzera) – 3. Il fenomeno della dismissione delle chiese in alcuni paesi - 3.1. Francia - 3.2. Québec (Canada) - 3.3. Stati Uniti – 4. La situazione in Italia - 4.1. La proprietà delle chiese - 4.2. Aspetti finanziari - 4.3. La tutela legale del vincolo di destinazione - 4.4. Le chiese come beni culturali - 4.5. Profili fiscali - 4.6. La recente Istruzione della CEI (2005) – 5. Osservazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF

I beni immobili culturali ecclesiastici tra principi costituzionali e neo dirigismo statale - di Antonio Fuccillo

SOMMARIO: 1. I beni immobili culturali “ecclesiastici” tra diritto statale e diritti confessionali - 2. La specialità di regime per i beni culturali di interesse religioso - 3. La concertazione tra autorità statali e confessionali per la gestione del patrimonio culturale ecclesiastico - 4. Le regole di circolazione dei beni immobili culturali ecclesiastici - 5. La procedura di autorizzazione ex art. 56 del codice tra procedimento amministrativo e rilievi di costituzionalità - 6. Prelazione artistica e prelazione ecclesiastica: profili di compatibilità - 7. Considerazioni conclusive.

Scarica il testo completo in PDF